19 Giugno Ripensiamo la scuola ripensando agli insegnanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "19 Giugno 2009. Ripensiamo la scuola ripensando agli insegnanti"

Transcript

1 19 Giugno 2009 Ripensiamo la scuola ripensando agli insegnanti Il rapporto OCSE presentato dal ministro dell istruzione Maria Stella Gelmini non lascia molti motivi di speranza e di ottimismo per la scuola italiana. A dire il vero più che un rapporto sulla scuola sembrava la descrizione di una grande impresa: monitoraggio, rendimento, valutazione, investimento, tutti termini che sembra non si riferiscano al mondo dell sitruzione. E il ministro ha preso a pretesto questa impietosa relazione per sostenere con forza le sue teorie su una scuola più rigida, più attenta al merito. Mentre si dispiace degli alunni bocciati in questo anno scolastico, saliti di molto rispetto agli anni passati, si augura che la scuola abbandoni quella strada del buonismo a tutti i costi che ha caratterizzato gli ultimi decenni. Evidentemente la posizione e le esternazioni del ministro hanno portato i suoi effetti: gli insegnanti forse si sono riscoperti più forti, hanno dato maggiore importanza al comportamento degli studenti, ma tutto questo ha provocato solo un aumento dei bocciati e non un aumento dei promossi! Una sconfitta quindi. E probabilmente la vera riforma deve coinvolgere anche chi è seduto dietro la cattedra. Di riforme ne sono state ipotizzate tante, sicuramente nessuno ha la formula giusta in tasca; credo che ognuna proponesse delle idee percorribili. Però nessuno ha mai effettivamente detto agli insegnanti dovete lavorare con più impegno, o meglio dovete lavorare diversamente!. Attenzione, chi vi scrive è un insegnante che fa un po di autocritica; anche insegnando religione che fa autocritica, sentendosi parte della grande categoria degli insegnanti. Nel rapporto OCSE si parla del fatto che molti insegnanti scelgono la professione per l alta probabilità di non perdere il posto. È giusto garantire una stabilità ad ogni lavoratore, però è pur vero che tanta incondizionata fiducia da parte dello Stato deve equivalere ad un ritorno anche in termini di rendimento. È giusto che si parli di un cambiamento, di un rinnovamento della professione; lo Stato però dovrà offrire anche agli insegnanti la possibilità di cambiare, aggiornandosi e soprattutto fornendoli di nuovi mezzi. Penso alla tecnologia: è scandaloso che alcuni insegnanti, sottovalutando quanto la tecnologia possa aiutare la didattica, ancora non sappiano usare il computer. Molti di essi addirittura lo dicono quasi fosse un vanto! Gente statica, pigra dentro, che non ha voluto cambiare mai pagina. E così in tanti altri ambiti della vita scolastica. Il rapporto OCSE purtroppo fa anche riferimento agli investimenti. Alla fine si parla sempre di soldi e la questione si svilisce nella polemica politica. Mi piacerebbe una scuola fuori dalla politica, dove non ci sia né destra né sinistra, ma qualcuno veramente capace che parli nell interesse della scuola stessa. È evidente che di soldi ce ne sono sempre meno e che molte scuole devono arrangiarsi come possono; anche qui lo Stato dovrebbe prendere maggiore consapevolezza dello stato disastrato in cui si trovano molti istituti scolastici. E se la tendenza sarà quella di tagliare sempre e comunque, non si andrà molto lontano. 3 Giugno 2009 Legati al filo di Internet Chi segue il mio sito si sarà probabilmente accorto che per diversi giorni non è stato aggiornato. Per dar retta a Mike Bongiorno e Fiorello ho deciso di cambiare il provider e così mi sono trovato senza Internet per diversi giorni. Inizialmente ho reagito molto male, mi sono arrabbiato, quasi non riuscivo a capacitarmi di cosa fosse successo; inoltre il disagio è stato amplificato dal fatto che ho incontrato due giorni lavorativi su cinque vista la festività del 2 giugno. Niente internet, niente sito, niente navigazione 1

2 Mi sono domandato inizialmente come si fa a stare senza Internet per 5-6 giorni?. Domanda profonda di senso nel terzo millennio!!! Poi ho pensato ad un mio amico che di Internet non ne vuole proprio sapere, e così ho pensato - a ragione - che mi avrebbe dato del pazzo. E così me ne sono fatto una ragione. Ho pensato che tutto sommato la tecnologia è utile ma non dobbiamo dipendere da essa. Però proprio nel momento dell assenza di collegamento mi sono accorto delle normali azioni quotidiane che faccio attaccato ad Internet e che mai avevo visto con tale considerazione: dalle cose più semplici come leggere le notizie, la posta, consultare le previsioni del tempo, navigare sui siti a me preferiti, leggere Facebook, a quelle più complesse come fare un bonifico o aggiornare il sito. E proprio quest ultima cosa è quella che mi ha messo più a disagio: mi è sembrato come se qualcuno avesse voluto tapparmi la bocca. Io che dico sempre che la vita merita di essere raccontata, mi sono trovato per un momento senza il mezzo per poterla raccontare. Terribile! Alla fine mi sono dovuto rassegnare. E in un momento in cui la tecnologia mi ha voltato le spalle dal momento che contemporaneamente ho avuto problemi all antenna della televisione e addirittura al citofono, mi sono ritrovato in salone a gustarmi un film, a leggere qualcosa di diverso e addirittura a trascorrere mezz ora in terrazzo a riveder le stelle! Sarà forse il caso di sperimentare ogni tanto questo digiuno obbligatorio dalla rete. Forse ne farei anche più facilmente a meno se non fosse per questa possibilità che ho di raccontare la vita attraverso il sito. Ma ora finalmente la luce del modem ha smesso di lampeggiare, sono tornato nella rete mondiale: una rete dalla quale non mi sento dipendente, ma sicuramente legato per tante di quelle piccole azioni quotidiane che hanno cambiato non solo il mio modo di vivere. 29 aprile giorni di Obama, tra speranze e incertezze Oggi Barak Obama celebrerà i suoi primi 100 giorni da Presidente degli Stati Uniti. Molti, compreso me, hanno accolto favorevolmente la sua elezione e ammetto che il Presidente Obama è un uomo che - a giudicare dall apparenza, dal modo di porsi e dalla sua determinazione - mi ispira fiducia. In questi 100 giorni Obama è stato più volte chiamato in causa soprattutto in relazione alla crisi economica che sta coinvolgendo l economia globale. Il mondo intero si aspetta da Obama un segnale, che sia lui a risollevare le sorti degli Stati Uniti e, di riflesso, anche il sistema economico di tanti paesi. Non posso rimpiangere Bush, anche se il perverso sistema dell informazione mi ha fatto tornare in mente un tema di cui ultimamente si è parlato poco. Infatti l ex presidente texano sembrava fosse un sanguinario uomo impassibile davanti alla pena di morte; sembrava che Bush - che non ha mai concesso la grazia a nessuno, neanche davanti a casi eclatanti - fosse il più grande sostenitore della pena di morte. Probabilmente lo era veramente, e a ragione tutto questo gli è stato contestato. Il Presidente Obama cosa ha fatto finora in questo senso? Il tema infatti sembra sparito dall interesse generale dei mezzi di informazione. Il neo Presidente non ha mai negato di essere favorevole all esecuzione capitale, e dal momento del suo insediamento sono già state eseguite alcune condanne a morte. Si spera che il Presidente Obama risponda con un gesto concreto alle pressioni che molti paesi del mondo fanno al fine di poter mettere fine a questa terribile serie di condanne. Però mentre la pena di morte colpisce solo alcuni condannati, alcuni dei quali hanno una visibilità, un altra piaga che negli USA dilaga è quella della pratica dell aborto. Qui i bambini non hanno voce e quindi non si può esattamente dire quanti siano i bambini non nati in America. Le legislazione non tutela la vita, e c è molta libertà per le donne che intendono abortire. Anche qui il Presidente Obama non ha 2

3 dato segnali, anzi in più di un occasione si è dimostrato favorevole all aborto senza fare nuove leggi provita. Probabilmente il tempo è stato poco, non possiamo pretendere che Obama risolvi tutto da un momento all altro, ma ciò che più mi preoccupa è che mentre questi due temi venivano usati contro Bush, adesso non ne parla più nessuno; Obama per il momento deve solo pensare a far rifiorire la crescita dell economia e a pensare ai conti degli Stati Uniti. Stranamente però ho fiducia; queste righe non serviranno a cambiare le cose, ma almeno vorrei sperare che non cali il sipario sul tema così profondo del diritto alla vita. 24 aprile 2008 Il negozio delle mattonelline Durante la pausa del pranzo, degustando un ottimo gelato, non ho potuto fare a meno di fare una passeggiata lungo un viale romano a me caro. È dai tempi della mia infanzia che percorro quella strada a piedi, come in macchina. Passeggiando ovviamente non posso fare a meno di osservare le vetrine e con grande dispiacere ho notato che un piccolo negozio di ceramiche, aperto da circa un paio d anni, ha chiuso e al suo posto c è un altra attività commerciale. Sono rimasto male perché in quel negozio avevamo comprato con mia moglie - appena acquistata la nuova casa - delle piccole mattonelle decorative, con l intenzione di acquistarne ogni tanto delle altre. Mentre camminavo poi vedevo come rapidamente negli anni si sono susseguiti i negozi. Alcuni cambiano piuttosto rapidamente, segno evidente della crisi, ma anche di scelte sbagliate, di poca propensione al commercio, di affari poco vantaggiosi e chissà quanti altri motivi. Dispiace, perché dietro a questo immagino anche la delusione di chi magari aveva investito denaro e speranze per avviare la propria attività commerciale. Allo stesso tempo però ho visto alcuni negozi storici, che stanno lì da quando io ero bambino: un piccolissimo bar, un negozio di ottica, una gelateria E guardandovi all interno è facile osservare come gli stessi proprietari si sono invecchiati negli anni, segno che loro le scelte le hanno fatte giuste, probabilmente l esperienza li ha formati e abituati a riprendere anche nei momenti poco rosei. Le attività commerciali diventano così parte della nostra vita. Perché ci abituiamo, ci affezioniamo sempre agli stessi negozi, quelli dove sappiamo di trovare il commesso simpatico, il proprietario con il quale è possibile scambiare quattro chiacchiere, prodotti e prezzi qualitativamente vantaggiosi. Dispiace vedere qualcuno chiudere, ma del resto è giusto ricordare che purtroppo molti di questi piccoli negozi sentono il fiato dei grandi centri commerciali, dove tutti noi ci rechiamo (chi più, chi meno) per trovare tutto, per fare prima, per risparmiare (sarà poi vero?) noi figli e figlie di questa società che deve correre, che deve risparmiare tempo per risparmiare denaro, che non guarda in faccia nessuno e preferisce un rapporto freddo con un grande ipermercato piuttosto che un rapporto di fiducia e di simpatia con il commerciante sotto casa. Tempi che cambiano. Intanto però, chiudendo il negozio delle mattonelline, dietro a quella saracinesca restano anche i sorrisi e le emozioni di una giovane famiglia che aveva trovato delle simpatiche mattonelle che ancora oggi arredano il nostro ingresso. Un breve ricordo, che tutto sommato era una consolazione. 16 aprile

4 La solidarietà fa male Un amico su Facebook mi invita a leggere un articolo dal titolo neanche troppo chiaramente provocatorio Ma io per il terremoto non do nemmeno un euro. Mentre in tutte le trasmissioni, all Ufficio Postale, in Banca, e tra un po anche dal barbiere ci dicono di versare qualcosa per i terremotati, ecco questo articolo di un cittadino di Marsala che sostiene l esatto contrario. A dire il vero, leggendo attentamente il testo ci sono molti spunti di riflessione. Questo signore, Giacomo di Girolamo, sostiene - in parole povere - che la solidarietà di cui gli italiani sono esempio è un modo per nascondere le magagne della politica. In un certo senso si parlava di questo anche in merito al volontariato: tanta buona gente che copre le mancanze dello stato sociale. In questi giorni stiamo sentendo che molti edifici, in primis l ospedale e la Protezione Civile, sono stati costruiti senza rispettare le norme antisismiche, che molte case, palazzi e anche edifici pubblici non erano in regola con le normative edilizie Insomma il solito papocchio all italiana che viene fuori solo quando succede qualcosa. Immense pratiche burocratiche nascoste e impolverate chissà dove che nascondono irregolarità, accomodamenti, condoni Ora arriva il terremoto, spazza via tutti senza guardare in faccia nessuno, e giù a domandarsi: ma l ospedale non doveva essere il luogo più sicuro? Il nostro cittadino di Marsala, scrivendo l articolo su Facebook, mi ha fatto riflettere sull inefficienza del governare all italiana; cattive abitudini radicate nel passato, dove la politica ha servito più se stessa che la gente. Non si poteva evitare il terremoto, ma che tanta gente rimanesse in quelle condizioni, questo sì, i danni forse potevano essere più contenuti. Non do un euro perché è la beneficienza che rovina questo Paese, lo stereotipo dell italiano generoso, del popolo pasticcione che ne combina di cotte e di crude, e poi però sa farsi perdonare tutto con questi slanci nei momenti delle tragedie. Ecco, io sono stanco di questa Italia. Non voglio che si perdoni più nulla. La generosità, purtroppo, la beneficienza, fa da pretesto. Siamo ancora lì, fermi sull orlo del pozzo di Alfredino, a vedere come va a finire, stringendoci l uno con l altro. Soffriamo (e offriamo) una compassione autentica. Ma non ci siamo mossi di un centimetro. È vero, quanti passi in avanti sono stati fatti dal pozzo di Alfredino ad oggi? Con questo ognuno faccia come vuole: il mio gesto l ho fatto, e non mi sento di condannare la beneficenza perché se i responsabili andranno in galera (e questo me lo auguro) la povera gente rimane povera gente e va aiutata lo stesso. Speriamo però non ritrovarci allo stesso punto in futuro. 9 aprile 2008 Le margherite del prato È primavera. E le prime a dirci che la primavera è finalmente arrivata sono le margherite. Quando vediamo i prati diventare improvvisamente colorati di bianco capiamo subito che l inverno è veramente finito e che si avvicina la primavera. Quanto sono belli quei prati che vediamo ovunque ricoperti di questi simpaticissimi fiorellini. Che spuntano ovunque: dove c è un po di erba ecco le margherite. L altro giorno mi trovavo al parco con i miei bambini. Ovviamente non hanno resistito alla tentazione di raccoglierne qualcuna, un gesto semplice e spontaneo che ogni bambino ha fatto nella sua infanzia; quasi a voler portare un po di quella bellezza nella propria casa. Ricordo benissimo che anch io da piccolo quando mia madre mi portava ai giardini tornavo sempre a casa con un mazzolino di margherite. Lei - per tenerle ferme - attorcigliava intorno intorno un gambo un po più lungo, che le teneva ferme. Una volta arrivati a casa, poi, prendeva un vasetto lungo e stretto e immergeva queste margherite nell acqua. Duravano a volte anche tre o quattro giorni: puntualmente si chiudevano la sera e si riaprivano al 4

5 mattino intelligenza della natura! Quando mio figlio piccolo mi ha portato alcune di queste margherite mi sono soffermato ad osservarle attentamente; il loro disegno è praticamente perfetto, i colori sono bellissimi (bianco, giallo e il verde del gambo) e il profumo è inconfondibile. Per un attimo hanno rallegrato la mia giornata e mi hanno fatto tornare in mente momenti spensierati della mia infanzia. 23 marzo 2008 Il dopo-africa di Benedetto XVI Suggestivo il viaggio in Camerun e Angola di Papa Benedetto XVI. Un viaggio che non è passato inosservato al mondo dell informazione. Il rientro in Italia del Pontefice lascia aperti molti punti di discussione e sicuramente ci vorrà molto tempo affinchè si possa metabolizzare il messaggio del Papa. Purtroppo tutto si è ridotto ad un solo marginale argomento; ancor prima di arrivare nel continente africano si ribadiva il pensiero del Papa sul legame Aids-preservativo. Sono state tratte molte considerazioni, molte polemiche in seguito alla posizione del Vaticano sul tema, addirittura una manifestazione dei gay ha accolto il Papa vicino P.zza S. Pietro. Come se il Papa fosse l untore e i gay i salvatori Non ci si può stupire della posizione del Papa sul tema, ma caso mai fare una profonda riflessione. È noto il pensiero del Vaticano in questo senso: il preservativo mai, né come mezzo di contraccezione, né come strumento per impedire la diffusione delle malattie sessualmente trasferibili. Non ci si poteva aspettare altro di quello che è stato detto. Una profonda riflessone - che non si fermi all aspetto superficiale del dibattito - però va fatta. Questo diniego è motivato dal fatto che la Chiesa preferisce educare piuttosto che trovare mezzi, apparentemente efficaci, ma che offendono la dignità dell uomo. E allora ecco che il Papa ha voluto affermare che per l Africa è prioritaria la cultura, formare le coscienze, interrogarle, fornire valori prioritari. Purtroppo però questo è un modello non sempre facilmente trasferibile: ciò che culturalmente e pastoralmente può essere detto e accettato in Italia non va bene per l Angola. Nella società come il numero di donne che un uomo ha conquistato può essere un fattore determinante per acquisire rispetto e considerazione; evidentemente questo discorso della formazione è difficilmente attuabile se poggiato su simili posizioni, e forse è più facile dire alla gente di usare il preservativo. Sicuramente può avere un effetto positivo immediato, ma quale cultura e quali speranze vuole offrire la società all Africa? È più facile dare al malato la medicina oppure spiegargli come può non ammalarsi più? Il mondo vuole continuare a trattarli da selvaggi perché tanto non capiscono, oppure offrire una possibilità per uscire con le proprie forze dalla miseria? Non a caso il Papa ha anche alzato la voce contro lo sfruttamento (come quello delle multinazionali), contro la guerra che devasta tutto ciò che incontra, contro il pericolo ancora vivo delle mine antiuomo, contro la pratica dell aborto, contro i conflitti razziali, contro la miseria e la povertà che ha provocato negli ultimi 10 anni ben di vittime! (di cui ovviamente non se ne parla), contro la politica di certi paesi che nulla investono nella scolarizzazione, contro la stregoneria che uccide forse più dell Aids, denunciando al mondo (che finge di non sapere) che milioni di persone non hanno accesso alle cure. In questo contesto possiamo anche capire perché il Papa ha dovuto ribadire il suo pensiero sul preservativo. Starà alla Chiesa Africana il difficile compito di cercare di tradurre in proposte pastorali percorribili quanto suggerito dal Papa e al mondo intero prenderne atto Mi dispiace che solo un aspetto sia quello che più ha colpito l opinione pubblica, indirizzata da una 5

6 informazione ormai in malafede; nessuno ha messo in risalto - e quindi preso posizione - le vignette blasfeme di Le Monde e del Times dove si vedeva il Papa con un preservativo in testa, e sempre Benedetto XVI sconsolato su una barca dove Gesù invece che moltiplicare i pani e i pesci moltiplicava i preservativi. Basta! Certa stampa non è onesta, non è credibile e soprattutto non mette un punto all oscenità e al blasfemo. 18 febbraio 2008 Gli 80 anni di mio papà Generalmente si ricordano gli anniversari di nascita delle persone importanti gli 80 anni, i cento anni e così via Se mio papà fosse ancora qui mercoledì 18 febbraio festeggerebbe con noi i suoi 80 anni. Colgo l occasione per ricordarlo dalle pagine di questo sito, anche se immagino non sarà facile. Per scrivere di lui ho bisogno di un sottofondo musicale idoneo; e così mentre vi scrivo ascolto Luciano Pavarotti. I due formavano un binomio davvero unico. Sentendo la sua musica rivivo il trasporto con il quale papà ascoltava la musica lirica. Ricordo con gioia quel giorno in cui Zucchero e Pavarotti duettarono insieme; era come se i nostri due spiriti si unissero per un attimo grazie alla musica. Sì, perché papà era un artista nel vero senso della parola. Artista perché aveva un animo da artista, fin troppo sensibile, a volte anche troppo idealista e sognatore. Artista è colui che non è insensibile all arte, a quella forma di comunicazione che coinvolge i sensi; la sua arte si esprimeva soprattutto attraverso il suo lavoro di falegname e decoratore. Spesso le cose fatte da lui superavano il valore dell oggetto stesso: un mobile non era solo un mobile, un presepio era più di un presepio e così via. Da lui ho ereditato la passione per la musica. Mi raccontava che da piccolo era un polistrumentista nella banda del paese, sempre pronto a sostituire ora il trombone, ora il tamburo, ora il flauto, ora le percussioni Gli piaceva sentirmi suonare e soprattutto sapere che la musica era mia compagna di vita. Papà mi ha lasciato troppo presto, quando avevo appena 21 anni, in un momento in cui tutto stava cambiando, quando stava per delinearsi un futuro professionale e sentimentale di cui sicuramente sarebbe stato fiero. Purtroppo non ho goduto con lui alcuni momenti belli della mia vita; mi manca il padre, mi manca la figura del nonno. Con i miei bambini sarebbe stato sicuramente un nonno vero, di quelli che giocano e si mettono a fare i bambini piccoli. Del resto non ama la vita chi non si commuove davanti ad un bambino. I miei ricordi più belli li ho legati alla mia infanzia quando la domenica mattina andavamo nella zona dell Acqua Acetosa a veder correre qualche cavallo. Ricordo le carezze a Rebecca una cavalla a cui in un certo qual modo ci eravamo affezionati. Ricordi di cocomeri freschi, di partite a dama, di pastarelle legate alle vittorie della nostra Lazio già, la Lazio quante partite vissute insieme allo stadio, quante gioie e quanti ricordi legati a quei colori e a quella bandiera che portavo nelle nostre domeniche allo stadio, partite di una Lazio un po spuntata, povera ma bella. Poche cose semplici ma che ricordo con gioia. Come anche qualche frase, qualche parola, qualche discorso che facevamo insieme. Mio padre era un padre forse pedagogicamente poco attrezzato, ma un padre semplice che sapeva amare la sua famiglia; un padre che ha insegnato anche attraverso i suoi errori e le sue debolezze cosa fosse giusto fare e cosa non fare. Ho un ricordo di un grande papà; non perché abbia fatto chissà quale cosa straordinaria, ma perché con lui 6

7 tutto assumeva un sapore diverso. Sarà perché ero un bambino, sarà perché lui sapeva rendere tutto speciale. Ricordo quando tornava a casa dal lavoro, quando stava con noi, quando sapeva sempre cosa dire, quando mangiava le mezze zite, quando parlava della sua Calabria, quando si arrabbiava e quando rideva, quando Papà ci lasciò all improvviso nell estate del Ricordo l ultimo momento vissuto con lui. Era sera, stavo partendo per le vacanze, sulla porta di casa prima di salutarmi mi disse Oh non fare il fesso. Sarà, ma quella frase la porto sempre con me, quasi come fosse un eredità spirituale da far fruttare. Ricordi che si perdono nella notte dei tempi. Tempi che non passeranno, perché nella vita di un figlio un genitore non muore mai. Ora papà è un papà in cielo. Anche lì starà facendo il padre magari cantando il Nessun dorma insieme a Big Luciano... 7 febbraio 2008 Il Paese è impazzito Temo proprio di sì. Credo che il Paese sia impazzito. Leggere il giornale in questi giorni vuol dire imbottigliarsi in un vorticoso tunnel di notizie capaci di far rabbrividire, stupire, arrabbiare, disperarsi. Non voglio fare il solito cattolico cieco, quello che deve per forza e ostinatamente credere a quanto dice la Cei. Ci credo perché ritengo giusto crederci, perché so che le verità della fede sono fondamento della mia vita e su di esse ho costruito negli anni una base di pensiero. Sono per la vita, questo è innegabile. Il caso Eluana sta veramente scuotendo le coscienze. Molti si schierano dalla parte dell eutanasia (perché questo è), molti vorrebbero far morire questa ragazza. Si scatenano dibattiti televisivi, consigli dei ministri che approvano decreti contro il parere del Capo dello Stato, chi ci dice che Eluana è un vegetale attaccato a tante macchine, chi invece come Avvenire racconta di una Eluana che non conosciamo, che vive, respira, addirittura capace di sostenere passeggiate primaverili come una normalissima disabile. Berlusconi ci dice che Eluana sarebbe addirittura capace di generare figli Non ci capisco più niente, il guaio è che qui qualcuno gioca sporco e non ci dice la verità. Certo è che lo Stato non può autorizzare qualcuno a togliere la vita a qualunque essere umano. Oggi c è Eluana, ieri Welby, domani arriverà un altro caso. Si ama la persona in quanto persona o si ama finchè sta bene? Poi leggo la notizia, a mio avviso più scandalosa, dei medici che dovrebbero denunciare i clandestini. Una legge pericolosissima. Un malato è un malato, va curato. I rischi sono di una diffusione di malattie tranquillamente curabili, di neonati gettati nei cassonetti, di madri che moriranno di aborto, di criminali che metteranno su una sanità parallela illegale. Roba da matti! Politica farneticante. Anche nella Chiesa qualcuno dà i numeri. Tornano i lefevriani: prima accolti con un gesto di misericordia, poi subito in polemica. Un vescovo lefevriano riattacca gli ebrei: e giù critiche, polemiche, accuse. Aiuto! Il Papa voleva solo accogliere la pecorella smarrita che forse nel frattempo ha smarrito anche il buonsenso. E poi gli stupri. Uomini impazziti in cerca di violenza. Quasi arriveremo a stupirci quando non leggeremo più di qualche stupro in un parco pubblico. E anche qui discussioni, ipotesi, critiche alla magistratura, ai giudici E ancora: ronde padane, mafia sul web, pedofilia online, incidenti stradali, il dilagare delle droghe, 7

8 accoltellamenti... Basta! Forse tutto insieme è troppo. Tornerò a leggere Topolino per scappare dalla realtà, trovare un po di infanzia, pulire la mente. Morte, distruzione, razzismo, violenze. Che la società di oggi possa trovare nuovamente un po di pace, magari tornando a credere in valori veri. Io i miei ce l ho e su questi provo ad affrontare nel mio piccolo le grandi questioni della vita. 29 gennaio 2008 Come fermare gli stupratori? In questi giorni il tema della sicurezza è di grande attualità; in realtà anche nella recente campagna elettorale si era dibattuto molto sul tema, e sicuramente si sono fatte molte promesse. Ha vinto il Popolo delle Libertà, Roma dopo tanti anni ha un sindaco di destra, ma le violenze e gli stupri purtroppo non sono terminati. Il guaio è che in Italia si trasforma tutto in questione politica: i violenti, gli assassini, gli stupratori così come gli scippatori esisteranno sempre e continueranno a fare reati indipendentemente dal governo! A Roma sono spuntati militari un po dappertutto, il sindaco ha provato a fare qualcosa, ma sarebbe impensabile controllare tutta la città, boschi e zone appartate comprese. Ha suscitato grande sdegno la vicenda della ragazza violentata alle 10 di sera vicino ad un capolinea dell autobus; è vero, purtroppo alcune zone sono veramente lasciate al degrado e spesso i luoghi dove ci sono i mezzi pubblici non sono controllati. Ancora vivo è il ricordo del modo violento in cui perse la vita la sig.ra Reggiani. Sono inutili anche le battute che il nostro Presidente del Consiglio ha fatto sul tema: non servono tanti militari quante sono le belle ragazze. Berlusconi ha sbagliato a parer mio a fare certe affermazioni. Il guaio è che viviamo in una società troppo sessocentrista, dove la pornografia è a disposizione di tutti in modo anche facilmente accessibile (pensiamo ai rischi che corrono i ragazzi che navigano in Internet), dove la dimensione della sessualità è stata sradicata dal legame con l affettività per diventare pura attività sessuale. Non so cosa passi nella perversa mente di uno stupratore. Probabilmente non si può provare piacere in un atto del genere; o forse il piacere sta proprio nell ottenere qualcosa con la violenza più estremizzata. Sicuramente è gente che vive in un contesto violento, che ha subito o pratica la violenza di qualsiasi genere con estrema facilità. Tutte chiavi di interpretazioni che non attenuano la colpa, per carità! Il fatto che ormai l identikit dello stupratore sia quello del maschio rumeno è davvero un grande pericolo per una serena convivenza tra i popoli. Gli stupratori non hanno nazionalità: chi fa questi reati sarebbe capaci di farli ovunque si trovi. Spaventa molto di più la tendenza razzista ad allontanare gli stranieri (anche quelli buoni) anch essa praticata con atti di intolleranza inqualificabili. Va bene controllare le piazze, le stazioni, i treni, i capolinea, le periferie. Ma andrà soprattutto meglio quando si faranno rispettare le leggi, si mostrerà fermezza nei confronti di chi commette reati e si daranno ai giovani nuovi valori su cui credere. La ragazza stuprata l ultimo dell anno era ad un rave frequentato da gente poco raccomandabile, chiede silenzio ma concede generose interviste in televisione e lo stupratore è agli arresti domiciliari. Un mix di fattori: scarsi valori, mancanza della famiglia che ora sa solo minacciare vendetta e poca sensibilità nel far rispettare le leggi. Ditemi voi 8

9 8 gennaio 2009 La mia esperienza su Facebook A quanto pare gli italiani hanno scoperto Facebook. Sto notando da qualche giorno che in quasi tutte le edizioni dei telegiornali entra in un modo o nell altro Facebook. Effettivamente tutto questo sembra proprio portare un cambiamento nella vita e nelle abitudini di tanta gente, anche tra coloro che possono definirsi meno internauti! Nel 2008 in Italia c è stato un vero e proprio boom di registrazioni, dato che deve far riflettere. Addirittura la mafia, così come la politica, non si stanno facendo scappare la possibilità di potersi esprimere ed esporre su questa grande piattaforma. Essendo un appassionato, e mettendo in un certo senso la mia presenza nel mondo del web attraverso il sito, ho voluto anche io provare e spingermi oltre le mie consuete abitudini, iscrivendomi a Facebook. Ammetto che ancora ho tanto da imparare, ma la mia breve esperienza mi permette almeno di trarre alcune considerazioni. Attraverso Facebook ho incontrato alcune persone di cui avevo perso le tracce; compagni di scuola, vecchie amicizie, cugini lontani, addirittura una cara amica di infanzia con la quale condividevo momenti di gioco. Proprio da quest ultima esperienza che mi ha scaldato il cuore ho capito quanto fosse forte e potente questo strumento. Ovviamente i trentenni e i quarantenni usano questo strumento in modo diverso dagli adolescenti; noi (ahimè!) abbiamo una storia da ricostruire, amici da ritrovare, percorsi da rivivere. I ragazzi di oggi usano Facebook come un ottimo strumento di contatto. Addirittura ieri sera al TG1 si parlava dello sbarco dei genitori su Facebook: ad alcuni ragazzi veniva posta la domanda se in questo modo si sentissero più controllati dagli adulti! Una cosa che non mi piace è il fatto che su Facebook tutti i contatti vengono raggruppati con la parola amici. Sarà, ma io per abitudine peso sempre le parole e per me gli amici non sono gli amici di Facebook; francamente con alcune persone con cui ho un amicizia virtuale nella vita reale raramente ci incontriamo, a malapena ci salutiamo o con altri addirittura non ci si vede neanche. Quindi non possono essere amici come sono amici i miei veri amici, quelli con cui condivido sentimenti ed emozioni da moltissimi anni. Ci sono poi i gruppi, che francamente trovo inutili o quasi; va bene lo scambio democratico di idee ma per questo c erano già molti forum, e quindi Facebook non ha inventato nulla. E vero però che da quando seguo Facebook ho scoperto qualche sfumatura sulla personalità delle persone con cui sono in contatto tanto da intuirne gusti, aspettative e desideri. Ho notato come alcuni formulino degli slogan, pensieri, altri addirittura cercano attraverso Facebook di proporre temi di riflessione, se non addirittura fare di Facebook uno strumento di evangelizzazione. Tutto fa brodo! Insomma, nel complesso non getterei giù dalla torre questo strumento. L unico timore è che si rischia di degenerare e così da strumento che dovrebbe favorire l incontro possa diventare un mezzo per dividere e suscitare contrasti. Del resto questo è il pazzo mondo di internet dove tutto è possibile, nel bene e nel male. 29 dicembre 2008 Riflessioni sulla famiglia 9

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:primaria@consolatricemilano.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PREMESSA: Il collegio docenti è composto da quattro insegnanti e la coordinatrice e si riunisce una volta al mese circa. Una cosa molto importante

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF

LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF Comitato Unicef Emilia Romagna Comitato Unicef Bologna LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF presso la Casa Circondariale di Bologna Le testimonianze delle detenute e delle volontarie Le detenute: B. O. (Romania)

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli