PIL Danimarca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIL Danimarca 1990-2010"

Transcript

1

2 Sommario 1. LA DANIMARCA IL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI FISSE IL CONTESTO NORMATIVO NAZIONALE IL CONTESTO NORMATIVO EUROPEO L AUTORITA NAZIONALE PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLE TELECOMUNICAZIONI GLI EFFETTI DELLE RIFORME INDICI DI RIFORMA OCSE GLI EFFETTI SUI PREZZI SODDISFAZIONE DEI CONSUMATORI CONCLUSIONI

3 1. LA DANIMARCA La Danimarca è un paese dell Unione Europea, situato a Nord del continente europeo e costituito da un arcipelago di circa 400 isole, delle quali solo 72 sono abitate, per una superficie totale di 42915,7 km 2, una popolazione di 5.2 milioni di cittadini e densità di 120 abitanti per km 2. 1 La lingua danese è parlata in tutta la nazione, nonostante vi sia una piccola minoranza tedesca nelle zone di confine. Dal 1 gennaio 1973 è entrata a far parte del sistema dell Unione Europea, rappresentando 1.1% della popolazione totale 2 ; dal 25 marzo 2001 fa parte dell area Schengen, e a livello di partecipazione nell UE ha detenuto la presidenza di turno del Consiglio sette volte tra il 1973 e il Non partecipa invece alla zona euro, in quanto permane la valuta nazionale: la corona danese. Lo standard di vita è relativamente alto in Danimarca, infatti ricopre una posizione elevata nella classifica redatta secondo gli United Nations Development Programme Human Development Index (HDI) 3. Questo è dovuto anche alla scelta nazionale di adottare il Nordic Model, ovvero (come in Svezia, Norvegia e Finlandia) viene applicato un sistema di welfare state equo ed efficiente, che accompagna il cittadino dalla culla alla tomba. Il Modello Nordico però ha un impatto economico molto importante sulla spesa pubblica, infatti questi aesi sono ben al di sopra della media europea, sia come livelli di spesa pubblica che come pressione fiscale; la Danimarca registra infatti i più alti livelli di tassazione europei. Il risultato però è un economia nazionale stabile, nonostante la crisi economica che sta attraversando l Europa negli ultimi anni, infatti il PIL del Paese è in crescita dal 1990 con lievi flessioni nel 2003 e nel 2009, come dimostrano i dati Eurostat riportati nella figura 1. 30'0'000 PIL Danimarca '0'000 20'0'000 15'0'000 10'0'000 5'0'000 '00 Figura 1 Fonte: Eurostat. Prezzi correnti, milioni di USD. I dati istituzionali europei indicano che i settori danesi più redditizi sono l amministrazione pubblica, la difesa, l istruzione, la sanità e l assistenza sociale, con un incidenza del 23,9% sul valore della produzione; 1 Dato aggiornato al 2012, in <http://europa.eu/about-eu/countries/member-countries/denmark/index_it.htm> 2 Dato aggiornato al 2012, in <http://europa.eu/about-eu/countries/member-countries/denmark/index_it.htm> 3 Human development reports, 2014, in < 3

4 mentre il commercio all ingrosso e al dettaglio, i trasporti, i servizi alberghieri e di ristorazione incidono per il 19,4% e l industria per il 17% IL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI FISSE Ad oggi il settore danese delle telecomunicazioni fisse si presenta come uno dei mercati più liberalizzati tra i Paesi dell Unione Europea, senza alcuna barriera all entrata per le aziende che offrono servizi di questo tipo, e completamente privatizzato. Questa scelta del governo di liberalizzare totalmente il settore delle Telecomunicazioni non ha avuto solo la conseguenza di aumentare notevolmente la concorrenza nel mercato, ma ha generato anche sensibili aspetti positivi sui prezzi al consumo per questo servizio. Nell analisi che segue verrà esaminato soprattutto il ramo della telefonia fissa, ed i cambiamenti che sono avvenuti a seguito delle riforme e delle decisioni assunte in merito. La percentuale del PIL danese generata dal settore delle telecomunicazioni è in sensibile aumento, come dimostrano i dati riportati dallo studio Communications Outlook, 2013 a cura dell OECD, si passa da un peso percentuale dell 1,49% sul totale del PIL nel 1985 a dati più significativi come il 1,77% nel 1990, 2,17% nel 1999, il 2,55 nel 2005 e il 2,31 nel Si nota comunque un trend con costanti oscillazioni, nonostante la tendenziale crescita generale tra il punto di partenza e di arrivo del periodo considerato. Questo andamento si rispecchia nel grafico illustrato in Figura 3, ovvero il numero di abbonati alla rete fissa; per tanto una prima osservazione possibile riguarda la correlazione tra questi due dati: il numero di abbonati e la percentuale di prodotto intero lordo derivante dalle telecomunicazioni. 2.7 Ricavi del settore della telefonia fissa come espressione percentuale del PIL Figura 2 Fonte: Communications Outlook Unità di misura: punti percentuali del PIL Non per tutti i punti dei due grafici è possibile trovare una corrispondenza, nel senso che soprattutto nel periodo seguente le riforme, la percentuale del PIL ha una crescita più rapida, ma questo verrà spiegato nei 4 dato aggiornato al 2012, in <http://europa.eu/about-eu/countries/member-countries/denmark/index_it.htm> 5 OECD, Communications Outlook,

5 prossimi paragrafi, introducendo anche altre variabili di domanda ed offerta, come i prezzi, la soddisfazione dei clienti e gli investimenti di rete. Possiamo qui invece subito dire che il volume degli abbonati, come si nota dal grafico in Figura 3, ha un andamento crescente fino a raggiungere un picco nel 2001, per iniziare poi una decrescita. Questa curva potrebbe trovare spiegazione non tanto nell aumento dei costi della telefonia fissa (che vedremo in seguito essere in diminuzione per effetto delle riforme), ma nello sviluppo di beni e servizi alternativi, come l affermazione della telefonia mobile e della rete internet, i quali hanno annullato l effetto crescita nei consumi, generato dalle riforme alla fine dello scorso secolo. 4'000'000 Volume abbonati rete fissa '500'000 3'000'000 2'500'000 2'000'000 1'500'000 1'000' '000 0 Figura 3 Fonte: Ufficio Statistico danese 2.1 IL CONTESTO NORMATIVO NAZIONALE Durante la gran parte dello scorso secolo la base legale per la gestione delle telecomunicazioni è stata l Act No 84 of 11 May 1897 on Telegraphs and Telephones, secondo il quale lo Stato deteneva il diritto esclusivo di creare e gestire le reti telegrafiche e telefoniche, e di concedere licenze a parti terze per svolgere questi servizi. Generalmente comunque queste licenze venivano garantite solamente all operatore a completa partecipazione statale, il quale di conseguenza operava in una situazione di monopolio legale nel network delle telecomunicazioni. Prima della costituzione del monopolio unico di Tele Denmark nel 1991, erano state concesse licenze a quattro operatori regionali (KTAS, Jutland Telephone Company, Funen Thelephone Company, South Juyland Company) e ad un operatore interregionale (Tele Denmark), il quale gestiva le connessioni tra le diverse aree geografiche e le chiamate internazionali. Il 22 giugno 1990 però fu raggiunto un accordo politico che stabilì la formazione di una holding company chiamata Tele Denmark, la quale incorporò tutte le aziende operanti a livello regionale, con lo scopo di dar vita ad un unico mercato nazionale più integrato e più efficiente. Inoltre a Tele Denmark fu accordata una licenza di 5 anni per fornire servizi di telecomunicazione, a partire dal 1 marzo A differenza degli altri Paesi europei, in Danimarca lo Stato non trattenne alcuna partecipazione nel monopolio formatosi, neppure tramite la c.d. Golden Share. Infatti Tele Denmark era stata inizialmente privatizzata al 49%, ma le sue azioni statali furono progressivamente 5

6 vendute in varie fasi. Nello stesso 1990 fu approvata la liberalizzazione nel mercato dei beni e servizi di supporto ai servizi di telecomunicazione. Un successivo accordo politico fu fondamentale nell evoluzione di questo mercato; l atto del 1990 fu modificato, con lo scopo di raggiungere più alti livelli di liberalizzazione del settore. I nuovi termini stabilirono che Tele Denmark potesse continuare a mantenere il suo monopolio sulla rete infrastrutturale delle telecomunicazioni, ma il servizio all utente finale vero e proprio doveva essere liberalizzato. Questa proposta fu approvata nel 1994, dando la possibilità ai competitors di Tele Denmark di offrire un servizio di telecomunicazione tramite le line fisse prese in affitto dall azienda leader. Ma la vera liberalizzazione e apertura del mercato danese iniziò il suo iter di formazione nel 1995, portando sempre più il settore delle telecomunicazioni verso la concorrenza di mercato, sia per quanto riguarda il network fisico, sia per il servizio vero e proprio. Questo obiettivo fu pensato come il risultato di due fasi diverse: 1. Fase 1: Rimozione dei diritti esclusivi di Tele Denmark; Mantenimento delle imposizioni USO (Universal Service Obligations) precedenti; Possibilità per ciascun operatore di dotarsi di una propria rete di telecomunicazione. 2. La fase 2 fu divisa in due ulteriori livelli: Nuove regole sulle Universal Service Obligations (USO); Liberalizzazione delle infrastrutture; Legislazione sulle interconnessioni; Creazione di un autorità regolatrice indipendente; Regolazione della concorrenza nel settore delle Telecomunicazioni. Regolazione dei prezzi; Legislazione sulla costruzione delle infrastrutture; Legislazione sui numeri. 3. Tutte queste previsioni normative furono approvate nel luglio 1996, con l Atto ministeriale No 712 on the provision of Telecommunications Network and Telecommunications Services, aprendo così il mercato delle telecomunicazioni a nuove aziende, alle quali venne permesso di costituirsi, entrare liberamente nel mercato con infrastrutture proprie e servizi di telecomunicazione in Danimarca. Queste prerogative vennero estese senza alcun limite anche ad operatori stranieri. Con un anticipo di 18 mesi sulle scadenze imposte dall Unione Europea, la Danimarca è diventata uno dei primi Paesi ad operare una realizzazione così marcata del paradigma delle riforme del settore delle Telecomunicazioni. 2.2 IL CONTESTO NORMATIVO EUROPEO Di telecomunicazioni fisse se n è occupata anche la Comunità Europea nel secolo scorso, in particolare durante gli anni 80 si è sviluppato un dibattito attorno alla proprietà dei servizi di questo settore, la quale era in quasi tutti i Paesi dell area europea un diritto esclusivo dello Stato. In breve tempo gli attori politici sovranazionali raggiunsero la certezza di voler determinare un cambio di rotta in questo scenario, dando vita ad un mercato più integrato e più competitivo. Lo strumento di cui le istituzioni CE si servirono furono i c.d. green papers, ovvero atti pubblicati dalla Commissione Europea e aperti al dibattito pubblico, sulla base dei quali il Consiglio per le Telecomunicazioni e il Parlamento Europeo adottavano decisioni. In particolar modo il primo green paper in 6

7 materia risale al 1987, Green paper on the development of the common market for telecommunications services and equipment 6, con il quale si introdussero obiettivi di mercato integrato europeo, armonizzazione delle politiche degli stati membri e apertura ad una piena competizione. Il passo successivo fu l adozione di un atto che imponeva agli stati l effettivo raggiungimento di questi obiettivi. Un ulteriore Direttiva del 1996 (Direttiva 96/19/EC: Implementation of full competition in telecommunications market) impose ai governi nazionali di attuare la completa liberalizzazione del mercato entro il 1 gennaio 1998, sempre in un ottica di un mercato europeo integrato delle telecomunicazioni. Questa apertura non si limitava al solo ingresso dunque di nuovi competitors nella fase finale di contratto con l utente, ma garantiva anche lo sviluppo di c.d. alternative infrastructures per la fornitura di servizi di telefonia. Le riforme che abbiamo precedentemente trattato nello specifico per il panorama danese si inseriscono pertanto perfettamente in questo contesto europeo, segnando anzi il pieno raggiungimento degli obiettivi imposti in un tempo anticipato di 18 mesi rispetto a quello fissato dalle istituzioni UE. 2.3 L AUTORITA NAZIONALE PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLE TELECOMUNICAZIONI In concomitanza con l avvicendarsi dei cambiamenti in questo settore durante gli anni 90 dello scorso secolo, fu creata anche un autorità indipendente con lo scopo di regolare le dinamiche della concorrenza di mercato e vigilare sul corretto funzionamento e rispetto delle politiche varate dal Governo. Infatti nel 1991 nacque la National Telecom Agency (NTA), un agenzia sotto controllo diretto del ministero dell informazione tecnologica e della ricerca. I compiti fondamentali che furono affidati a questo ente sono diversi, tra cui: fissare il tetto dei prezzi per i servizi offerti; vigilare sulla corretta applicazione delle leggi sulle telecomunicazioni; prendere decisioni nelle aree specifiche per le quali le era stata attribuita la facoltà di regolazione; informare il Ministero dal quale dipendeva sull andamento del settore; rappresentare gli interessi del settore danese delle telecomunicazioni nelle trattative internazionali. Tuttavia la NTA presentò fin da subito una debolezza intrinseca, con la conseguenza di non riuscire ad ottenere dall incumbent operator Tele Denmark i dati necessari per stabilire il price-cap e allo stesso tempo non riuscire neppure a condurre i sondaggi richiesti per un corretto svolgimento del suo ruolo. Perciò nel 2002 fu sostituita da una nuova autorità, la National IT and Telecom Agency (NITA), sotto controllo diretto del Ministero della scienza, tecnologia e innovazione. Nonostante vi siano sensibili differenze nella struttura e nel lavoro tra NTA e NITA, l obiettivo di fondo rimane immutato. Dopo le elezioni del settembre 2011 il nuovo governo ha deciso di sostituire l autorità NITA con una nuova agenzia: la Danish Business Autory (DBA), che attualmente si occupa della regolazione del settore delle telecomunicazioni. Lo scopo dell autorità di regolazione è quindi quello di promuovere la competizione tra le aziende che offrono il servizio, garantendo comunque standard adeguati e prezzi equilibrati in favore dell end-user. Lo strumento più efficace di cui si serve l agenzia è la fissazione di un price-cap sui costi di utilizzo della rete e sul costo dei servizi offerti. Quando infatti la concorrenza non riesce a imporre in modo naturale una 6 Commissione Europea, Green paper on the development of the common market for telecommunications services and equipment, 1987; in < common_market_com_87_290.pdf> 7

8 disciplina di mercato, la regolazione dei prezzi diviene uno strumento indispensabile. La forma di regolazione scelta dall autorità danese è quella cost-based, ovvero inizialmente il regolatore osserva l andamento dei ricavi dell impresa e dei costi da essa sostenuti. In un secondo momento fissa un prezzo massimo per i servizi offerti, in modo da garantire comunque dei guadagni ragionevoli all azienda stessa. Questo approccio tiene conto anche del cambiamento dei prezzi dovuto all inflazione, rivedendo periodicamente il price-cap imposto. Tuttavia l autorità che disciplina questo settore permette un aumento dei prezzi inferiore di un valore detto X factor rispetto al range di crescita dell inflazione. Questo modello cost-based garantisce comunque delle libertà all azienda, la quale può stabilire individualmente i prezzi per i singoli servizi offerti, a patto che nella media complessiva rientri nei limiti imposti; inoltre nonostante vi sia uno svantaggio dovuto dall X factor, questo viene regolato con scadenze abbastanza lunghe, lasciando all impresa i guadagni in eccesso o in difetto rispetto a quelli dichiarati al tempo t 0 per la valutazione del price-cap. Si ricorda comunque che il regolatore interviene solamente per gli operatori che gestiscono quote consistenti del mercato, e che quindi rovinano l equilibrio del mercato competitivo. In particolare l azienda Tele Denmark è soggetta a price-cap, e nel 2011 sono stati imposti tetti di prezzo massimo a 4 tra gli operatori di telefonia fissa, per i quali sono state valutate quote di mercato troppo significative GLI EFFETTI DELLE RIFORME Nonostante le riforme attuate in Danimarca, il vecchio monopolista di mercato Tele Danmark mantiene tuttora lo status di main operator, con un numero di linee fisse pari a unità 8, e nel 2000 si aggiudicava ancora il 95% del totale dei ricavi del mercato tra linee fisse e mobili 9. Questa situazione è resa possibile dall enorme sviluppo di rete che l azienda stessa ha costruito negli anni di assoluto monopolio. Altre società che hanno acquisito comunque una certa rilevanza nel mercato della telefonia fissa sono SONOFON, Telia, Mobilix, Tele2 e Debitel. Per raggiungere l obiettivo finale di questa analisi, ossia verificare quale effetto hanno avuto queste riforme sui consumatori, è utile prendere in considerazione individualmente gli indici OCSE di riforma, gli effetti sui prezzi e alcune variabili di domanda e offerta, come il PIL e gli investimenti nel settore. In particolare i riflessi sui prezzi sono utili per giudicare se i consumatori finali del servizio hanno beneficiato o meno da questi cambiamenti di mercato. 3.1 INDICI DI RIFORMA OCSE L organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) è un organizzazione internazionale che svolge degli studi economici sui i paesi membri aventi un sistema di governo democratico e un economia di mercato. Ai fini di questa analisi è importante mettere in evidenza gli indicatori ETCR analizzati da questa istituzione in relazione ai fatti sopra citati. Questi indici si occupano di misurare il grado di riforme di un paese nei settore di elettricità, telecomunicazioni, gas, poste, ferrovie, trasporto aereo di passeggeri e trasporto stradale. Nello specifico le telecomunicazioni sono valutate secondo: proprietà delle aziende eroganti il servizio (i=6 se vi è la completa nazionalizzazione, i=0 se vi è la completa privatizzazione) 7 David E. M. Sappington, Dennis L. Weisman, price cap regulation: what we have learned from 25 years of experience in the telecommunications industry?, OECD, Communications Outlook, OECD, Regulatory reform in Danmark,

9 accesso al mercato (i=6 se l accesso al mercato è rigidamente subordinato al rilascio di licenze, i=0 se l entrata nel mercato è totalmente libera) struttura del mercato (i=6 mercato in larga parte nelle mani dell ex monopolista, i=0 mercato con quote condivise con i nuovi competitors) Indicatori di riforma Telecom Entry Public Ownership Market Integration 0 Figura 4 Fonte: Rielaborazione di OECD reform indicators I dati riportati in questo grafico mostrano l andamento delle riforme nel settore delle telecomunicazioni danese, e risentono dei fatti descritti nei paragrafi precedenti. In un tempo t 0 =1990, dal quale è stata fatta partire questa serie storica, l indicatore generale Telecom e i suoi componenti aggregati Entry, Public Ownership e Market Integration presentano tutti un valore massimo pari a 6. Il significato di questo dato corrisponde al fatto che nessuna riforma era ancora stata fatta e che il settore era totalmente nazionalizzato, l entrata regolata dall emissione di licenze e vi era un unico monopolista. Continuando il confronto tra l iter normativo e l andamento di questo grafico si notano altre due corrispondenze importanti: i due punti di variazione dell andamento dei segmenti di riforma corrispondono proprio al periodo tra il 1992 e il 1995 e tra il 1998 e il 2000, i due momenti in cui si sono realizzate le diverse fasi che hanno portato alla liberalizzazione del mercato. Dall inizio del XXI secolo al 2010 gli indicatori si sono mantenuti costanti, e anche questo trova una fedele corrispondenza con la realtà dei fatti. Ad oggi infatti in Danimarca l entrata nel mercato delle telecomunicazioni è completamente liberalizzata (Entry=0) e lo Stato non detiene nessuna partecipazione nelle società di gestione del servizio offerto, per tanto vi è la completa privatizzazione (Public Ownership=0). Per quanto riguarda la struttura del mercato (o integrazione del mercato) questa si mantiene costante su un valore pari all 1,5 in quanto le quote detenute dagli operatori del mercato non sono distribuite in maniera uniforme, al contrario Tele Denmark, il vecchio monopolista nazionale, continua a mantenere un controllo rilevante sul mercato in questione. Si commenta di conseguenza anche l indicatore Telecom, il quale rappresenta un espressione sintetica delle tre variabili di riforma, e che quindi mantiene un valore intermedio tra le altre tre componenti, non raggiungendo lo zero. 3.2 GLI EFFETTI SUI PREZZI Come accennato poche righe sopra, l effetto sui prezzi è una chiave di lettura fondamentale per capire se i consumatori hanno beneficiato o meno da queste riforme di mercato, ma prima di arrivare a queste analisi è necessario fare delle premesse. Innanzitutto la market leadership di Tele Denmark ha reso la vita difficile ai nuovi competitors di mercato al momento del loro ingresso. Le spese sostenute da questi infatti erano di 9

10 gran lunga superiori in investimenti di rete e di marketing, con un riflesso importante quindi sui costi sostenuti e sui prezzi effettuati. Tutto questo si scontra comunque con la necessità di un offerta competitiva per far fronte alla nuova situazione di concorrenza. Nell area della telefonia fissa Eurostat riporta i prezzi al consumo a partire dal 1998, tuttavia uno studio curato dalla NTA nel 1998 ci permette un limitato confronto tra le tariffe nel periodo antecedente alla liberalizzazione e quelle appena successive a quella data, con dati riportati in valuta nazionale costante 10. Le tariffe registrate a seguito del 1998 hanno, in linea generale, subito una decrescita, sia per quanto riguarda il traffico domestico che internazionale, nonostante Tele Danmark fosse anche prima uno tra gli operatori europei con le tariffe più basse. Anche a questo fattore è dovuto il fatto che nel confronto tra le tariffe pre riforma e quelle post riforma, in un ottica di comparazione con altri stati geograficamente simili, si colloca agli ultimi posti come percentuale di decrescita dei prezzi a seguito della liberalizzazione, ma non per questo le riforme sono da considerare poco efficaci; al contrario, nelle analisi che seguono dimostreremo la rilevanza che hanno assunto, soprattutto dal punto di vista dei consumatori. A partire dal 1998 le tariffe sono diminuite in tutti i tipi di consumi: -9,4%/-22,7% per le chiamate locali, per le chiamate regionali -2,1% e -9,2% per le chiamate internazionali, calcolate su una media di paesi esteri. Ciò che abbiamo ipotizzato poco sopra trova quindi corrispondenza in questi dati, l effetto concorrenza ha obbligato l ex monopolista e i nuovi competitors a proporre tariffe minori, anche in seguito comunque alla cannibalizzazione di una quota di mercato, per quanto riguarda Tele Danmark, rispetto a prima. Un'altra importante osservazione che possiamo fare su questi prezzi è invece l aumento della quota di accesso alla rete per i consumatori, cioè il costo d avvio del servizio, che è aumentato del 23,9%. Questa scelta corrisponde alla necessità di coprire le perdite dovute ai più bassi prezzi del servizio. Inoltre l aumento del costo fisso degli abbonamenti è una scelta spesso operata dalle aziende, in quanto ha un effetto distributivo avverso, ovvero colpisce maggiormente chi fa un uso minore di questo servizio a rete, garantendo invece la possibilità a chi ne fa un uso maggiore (la c.d. fascia di consumatori ricchi) di ammortizzare questo incremento di costo su un volume più ampio di utilizzo del servizio stesso. PREZZI TELEFONIA FISSA PRIMA E DOPO LA RIFORMA DEL 1998 DKK Variazione % Accesso iniziale alla rete 1,039 1,039 1,039 1, ,9% Chiamate locali 0,32-0,35/min 0,32-0,35/min 0,32-0,35/min 0,29/min -9,4%-22,7% Chiamate regionali Chiamate a lunga distanza Chiamate internazionali Figura 5 Fonte: NTA; Unità di misura: Corone Danesi 0,47/min 0,47/min 0,47/min 0,46/min -2,1% 0,70/min 0,70/min 0,70/min 0,46/min -34,3% ,22/min 3,83/min -9,2% Inoltre Eurostat fornisce i dati per l osservazione dell andamento delle tariffe nel periodo post riforma, ed in particolare si riportano i dati dal 1998 al La decrescita (molto sensibile per le chiamate 10 NTA, Status report 98,

11 internazionali e più lieve per quelle nazionali) è concentrata nel periodo seguente alla liberalizzazione, assestandosi poi su livelli di prezzo più costanti Prezzi al consumo CHIAMATE VERSO USA CHIAMATE NAZIONALI A LUNGA DISTANZA CHIAMATE LOCALI Figura 6 Fonte: EUROSTAT; prezzi al consumo per 10 minuti di utilizzo del servizio; unità di misura: Euro/10min. Gli equilibri di mercato raggiunti nei primi anni 2000 sembrano perdurare nel tempo, per quanto riguarda il periodo considerato, anche se dal 2009 si osservano nuovi lievi cambiamenti. L ipotesi possibile per questo andamento riguarda una variazione dei prezzi dovuta alla combinazione tra crisi economica generale (con conseguente diminuzione generale dei consumi, come già evidenziato dall analisi del PIL), e allo svilupparsi di beni e servizi alternativi (come telefonia mobile e rete internet) a discapito dell utilizzo dei dispositivi fissi di comunicazione. Figura 7 Fonte: Eurostat; Unità di misura: Euro/10min. 11

12 Indicatori di riforma Finlandia Indicatori di riforma Svezia Entry Public Ownership Entry Public Ownership Market Structure Market Structure Figura 8 Fonte: rielaborazione ETCR indicators, OECD. E possibile inoltre confrontare la situazione danese con quella di altri due paesi geograficamente vicini e simili: Finlandia e Svezia. Questi non seguono lo stesso andamento decrescente dei prezzi come in Danimarca, infatti i costi delle chiamate nazionali in Finlandia sono aumentati dal 1998 al 2010, e in Svezia invece essi sono lievemente diminuiti per le lunghe distanze, mentre le chiamate locali registrano lo stesso livello di tariffe. Comparando però gli indicatori di riforma ETCR si nota che la differenza tra questi tre Paesi deriva principalmente dal grado di riforme attuate; sia in Svezia che in Finlandia lo Stato gioca ancora un ruolo importante nel mercato della telefonia fissa, a differenza invece della Danimarca, dove abbiamo detto che il settore è stato completamente privatizzato. La Danimarca dunque, sotto l aspetto dei prezzi al consumo, mostra risultati positivi anche contestualizzata in un più ampio scenario europeo. Tuttavia per accertare che questa diminuzione generale dei costi dei servizi offerti sia veramente legata alle riforme, dobbiamo analizzare anche alcune delle altre variabili che concorrono alla formazione delle curve di domanda ed offerta, ovvero la spesa negli investimenti di rete, il numero degli abbonati ed il PIL nazionale. Questi ultime due variabili sono state prese in considerazione all inizio di questo paper, per tanto si rimanda ai grafici sopra riportati 11. Al momento dell apertura totale del mercato, che come si è già detto è collocata nel periodo 1996/1998, abbiamo un numero n. di nuovi abbonati, ma questa quota è minore rispetto al grande aumento che si può notare nei ricavi generati dal settore totale delle telecomunicazioni. I prezzi inoltre abbiamo già verificato essere calati, sempre in riferimento a questo periodo post riforma, per tanto questo aumento percentuale della ricchezza generata dal settore della telefonia può essere ricondotto ad un aumento esponenziale degli investimenti nella rete, a seguito dell ingresso di nuovi operatori. Questo infatti viene riconfermato dal grafico in figura 8, il quale riporta i dati inerenti agli investimenti nella rete, e nel quale si nota chiaramente un impennata negli anni successivi alla liberalizzazione. Sempre lo scioglimento del monopolio di Tele Denamrk e l avvio dell effettiva concorrenza hanno portato la struttura del mercato danese ad un espansione, alla quale corrispondono notevoli investimenti soprattutto da parte delle principali società Tele Denmark, SONOFON, Telia e Mobilix. Uno degli obiettivi di interesse pubblico-generale sottostanti a questi steps di riforma è sicuramente realizzare una situazione di best and cheapest, ossia offrire al consumatore il servizio migliore a tariffe convenienti, e sicuramente l investimento nella rete (dovuto alla concorrenza di mercato) è una dimostrazione del buon raggiungimento di questi obiettivi di policy. 11 Vedi figura 3 e figura 1. 12

13 1'600 Investimenti di rete '400 1'200 1' Figura 9 Fonte: Eurostat; Unità di misura: milioni di euro. 4. SODDISFAZIONE DEI CONSUMATORI Secondo i sondaggi condotti da Eurobarometro nel 2007 la maggior parte della popolazione europea possedeva l accesso ad almeno una linea fissa del telefono, con una media del 75% delle famiglie degli stati EU-15 e del 51% per i 12 nuovi membri 12. La Danimarca si posiziona assolutamente nella media, dichiarando nel 2007 che 7,3 famiglie su 10 possedevano l accesso ad una linea fissa, in calo dall anno precedente di un punto percentuale 13. In un più recente sondaggio del 2014 invece solamente il 44% delle persone dichiara di avere l accesso a una linea telefonica fissa, anche qui in calo rispetto all anno precedente di un punto percentuale 14. Per quanto riguarda la soddisfazione dei clienti sulle tariffe dei servizi di telecomunicazione Eurobarometro ha svolto un interessante sondaggio intervistando un campione di cittadini danesi e cittadini europei; nella tabella sottostante viene riportata la parte relativa al mercato delle linee fisse Lei o qualcun altro in casa sua ha cambiato provider di servizi di rete fissa? Almeno una volta No, mai Non lo so EU 37% 62% 1% DK 38% 60% 2% 2. Lei riesce facilmente a comparare i servizi ed i prezzi offerti dal suo piano 12 La Croazia non rientra nei paesi esaminati da questo sondaggio. 13 Commissione Europea, e-communications and telecom single market household survey, Commissione Europea, e-communications and telecom single market household survey, Commissione Europea, Eurobarometro, E-Communications and Telecom Single Market Household Survey,

14 corrente con le altre offerte tariffarie? Si No Non lo so EU 69% 21% 10% DK 44% 45% 7% 3. Il suo provider Le fornisce regolarmente informazioni aggiornate riguardo le tariffe ed i piani tariffari? Si No Non lo so EU 53% 39% 8% DK 48% 42% 10% 4. Lei legge regolarmente le comparazioni tra piani tariffari? EU DK 32% 23% 62% 70% 6% 7% Si No Non lo so 5. Lei limita le chiamate verso un telefono mobile o fisso di un altro operatore di rete perché ha paura degli alti costi di comunicazione rispetto a quando fa delle telefonate ad un numero del suo stesso operatore telefonico? UE DK 44% 15% 49% 82% 7% 3% 6. Lei limita le chiamate verso un altro paese membro UE dal suo telefono Si No Non lo so Si No Non lo so fisso per paura dei costi di comunicazione? UE 43% 26% 31% Figura 10 Fonte: Eurobarometro 14 DK 37% 39% 24% Gli aspetti interessanti che si colgono dalle opinioni degli intervistati riguardano il fatto che tendenzialmente i consumatori danesi non sono affatto informati sui prezzi, sui piani tariffari dei contratti che sottoscrivono e sulle offerte alternative degli altri operatori, infatti alle domande 2, 3 e 4 la percentuali di coloro che si ritengono informati è inferiore a quella corrispondente alla media europea. Questo è dovuto nella maggior parte dei casi ad una mancanza di informazione da parte del consumatore, domanda 4, rispetto ad una scarsa trasparenza da parte degli operatori. Infatti alla domanda 3 i consumatori ritengono in maggioranza che gli vengano forniti dati aggiornati sulle tariffe dei suoi contratti telefonici, anche se la percentuale dei disinformati, qualsiasi sia la causa che la determina, rimane comunque alta. Possiamo invece osservare una grande soddisfazione sull ammontare delle tariffe; l 82% dei consumatori ritiene che non vi siano costi troppo elevati per telefonate tra operatori diversi, e questo dato è nettamente migliore rispetto alla media europea del 49%. Anche per quanto riguarda le telefonate internazionali, la maggioranza dei consumatori danesi dice di non limitare il consumo del servizio per paura dei costi elevati, nonostante comunque questa parte del campione ammonti al 39%, mentre la media UE soltanto al 26%.

15 5. CONCLUSIONI Le conclusioni che si possono trarre dalle analisi effettuate in questo paper, in relazione agli effetti delle riforme sui consumatori, riguardano sicuramente i prezzi dei servizi di telecomunicazione. Il prezzo tuttavia è considerato come una variabile aggregata, la cui variazione viene ricondotta a più di un aspetto. In questo caso le variabili che sono state prese in considerazione sono la qualità del servizio, il PIL nazionale, la concorrenza del mercato, la presenza di beni sostituti, gli investimenti di rete e il volume di abbonati. Negli anni successivi alla riforma si registra un aumento percentuale del PIL, nonché degli investimenti nel network fisico e del volume degli abbonati, tutto questo si riflette in una diminuzione dei prezzi, e in un riscontro qualitativo positivo secondo la percezione dei consumatori. Soprattutto la concorrenza ha determinato uno sviluppo di prezzi strategici, quindi più bassi, e questo ha attirato più clienti nel settore. Trend meno positivi sia nel numero di abbonati, sia nel prezzo delle chiamate internazionali si sono registrati verso la fine del periodo considerato, ma questo è dovuto ad un altro fattore che tipicamente determina la domanda e l offerta di un bene, ovvero lo sviluppo di prodotti/servizi sostituti. In generale comunque l intervento del legislatore nazionale e di quello europeo, l apertura completa del mercato, la fine del monopolio legale e la nascita della concorrenza di settore, nonché la sola presenza dello Stato in qualità di regolatore sono stati dunque fattori positivi alla luce degli andamenti delle variabili considerate. Si ribadisce inoltre che i prezzi al consumo dei servizi danesi di telecomunicazione dopo le riforme, in particolar modo del 1996/1998, si registrano tendenzialmente in calo in tutti i tipi di servizi offerti, con una decrescita davvero consistente nei primi anni di apertura del mercato e con un assestamento negli anni successivi su tariffe più costanti, ma comunque inferiori rispetto al periodo pre-riforme. La Danimarca comunque non figura come un caso a se stante in questo trend, ma si pone in linea con la media degli altri paesi europei, soggetti allo stesso legislatore sovrannazionale. In particolare però in questa sede il confronto è stato fatto con gli altri paesi scandinavi, i quali non in tutti i tipi di chiamate da rete fissa hanno andamenti decrescenti nel tempo, e dove le riforme attuate non hanno raggiunto livelli di privatizzazione e market integration pari a quelli danesi. Per tanto la Danimarca non solo registra dei record positivi per quanto riguarda le riforme ed i prezzi al consumo dal punto di vista interno, ma dimostra risultati positivi anche contestualizzata in un più ampio scenario europeo. C è comunque un altro aspetto che conduce alle medesime conclusioni: anche dai sondaggi di Eurobarometro le opinioni qualitative sul servizio indicano indirettamente una soddisfazione anche dal punto di vista quantitativo, dei prezzi. La maggior parte del campione di popolazione intervistato infatti non ritiene di dover limitare il suo traffico telefonico a causa di tariffe troppo alte; per altro questo dato si pone in assoluta superiorità rispetto alla media europea. Ancora una volta quindi la Danimarca dimostra dei dati positivi non solo a livello di comparazione storica, ma anche in una comparazione geografica sul territorio europeo. In generale quindi si può affermare che le riforme attuate nel settore della telefonia fissa in Danimarca, per il periodo qui analizzato, ossia fino al 2010, hanno avuto dei risvolti più che positivi sugli aspetti considerati dai consumatori, ed in particolar modo sui prezzi. Come abbiamo ricordato sopra, gli eventuali risvolti meno positivi degli ultimi anni considerati, e di quelli più recenti non presenti in queste analisi, sono in gran parte da considerarsi non dovuti alle riforme del settore, ma ad un sempre maggiore sviluppo di beni alternativi (telefonia mobile e rete internet), tali da mettere in crisi la telefonia fissa e il numero di utenti che se ne servono. 15

16 Bibliografia e sitografia Baker & McKenzie, Telecommunication laws in Europe, Commissione Europea, Eurobarometro, E-communications and telecom single market household survey, Commissione Europea, Eurobaromentro, E-communications and telecom single market household survey, Commissione Europea, Eurobarometro, E-Communications and Telecom Single Market Household Survey, Commissione Europea, Green paper on the development of the common market for telecommunications services and equipment, David E. M. Sappington, Dennis L. Weisman, Price cap regulation: what we have learned from 25 years of experience in the telecommunications industry?, Millward Robert, Private and public enterprises in Europe, NTA, Status report 98, OECD, Communications Outlook, OECD, Regulatory reform in Danmark, OECD, Regulatory Reform in Denmark, Olivier Boylaud and Giuseppe Nicoletti, Regulation market structure and performances in telecommunications, Economics working papers no, Eur-lex: < Eurobarometer: < Europa, scheda Danimarca: < Eurostat: < OECD statistics: < 16

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO 17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO PRESENTAZIONE CORSO DOCENTI CONTENUTI MODALITA DIDATTICHE SYLLABUS MATERIALE DI RIFERIMENTO MODALITA DI ESAME 1 MODALITA ESAME

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI I SERVIZI PUBBLICI PROF. FRANCESCO COSSU Indice 1 LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI ------------------------------------------------------------------- 3 2 IL REGIME TRADIZIONALE ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Chiara Saraceno Università di Torino Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo 1. Modelli

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. L AIR nell Autorità Garante nelle Comunicazioni S 9/2014

Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. L AIR nell Autorità Garante nelle Comunicazioni S 9/2014 Le schede Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione Miriam Giorgio L AIR nell Autorità Garante nelle Comunicazioni S 9/2014 marzo 2014 L AIR NELL AUTORITà GARANTE NELLE COMUNICAZIONI Variazioni

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla Delibera n. 696/09/CONS PROVVEDIMENTO RELATIVO A MISURE DI ARMONIZZAZIONE CON I PRINCIPI DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL ROAMING INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA ORDINARIA

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli