n marzo 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "n. 264 24 marzo 2014"

Transcript

1 n marzo 2014 Cambiano le regole in Moto Gp ma al contrario della F.1 i campioni in pista si esaltano offrendo spettacolo puro, e a contrastare Marc Marquez ci ha pensato un grande Vale ROSSI DI GIOIA

2 Registrazione al tribunale Civile di Bologna con il numero 4/06 del 30/04/2003 L editoriale VALORE AGGIUNTO Tutti gli articoli e le immagini contenuti nel Magazine Italiaracing sono da intendersi a riproduzione riservata ai sensi dell'art. 7 R.D. 18 maggio 1942 n.1369 Direttore responsabile: Massimo Costa Redazione: Stefano Semeraro Marco Minghetti Collaborano: Carlo Baffi Antonio Caruccio Marco Cortesi Alfredo Filippone Dario Lucchese Claudio Pilia Guido Rancati Dario Sala Silvano Taormina Filippo Zanier Tecnica: Paolo D Alessio Produzione: Marco Marelli Fotografie: Photo4 Actualfoto Photo Pellegrini MorAle Realizzazione: Inpagina srl Via Giambologna, Bologna Tel Fax Stefano Semeraro Per una settimana siamo stati a discutere e ancora discutiamo di Formula Noia, di regolamenti indecifrabili e avvilenti (per i piloti e per gli appassionati), di controllori del flusso, di motori-zanzara, di calcoli insipidi e via deprimendoci. Poi, Bang! È arrivata la MotoGp a siringarci in cuore adrenalina a litri. Eppure anche la vigilia del Mondiale a due ruote, come quella del Circus a quattro ruote, era stata tormentata da dubbi e polemiche, dalle discussioni su regolamenti astrusi, con quel minuetto imbarazzante fra specifiche 'factory' e 'open' e il voltafaccia finale della Ducati. Solo che la MotoGp è per sua natura selvaggia, individualista, incontrollabile. Ci eravamo preparati ad un dominio spagnolo, ad un duello Marquez- Lorenzo con Pedrosa terzo incognito, e invece ecco rispuntare il Dottore, che chiamato d'urgenza per curare un possibile attacco di torpore ha risposto alla sua maniera, come non gli vedevamo fare da anni, come molti pensavano non sarebbe più stato in grado di fare. Invece il suo regolamento di conti con il baby-fenomeno catalano è stato uno show folle e magnifico, che ha riportato alla mente i duelli antichi con Gibernau, le sportellate con Stoner, le faide con Lorenzo. E che ci ha fatto capire come in Moto Gp, a differenza di ciò che è accaduto in F.1, i regolamenti hanno sì livellato i valori, ma non annullato, umiliato il carattere dei campioni. E' vero, le moto non sono le macchine, il fattore umano, la fisicità estrema delle gare sono di per sé una garanzia contro gli eccessi tecnologici. Ma la rivincita di Vale, di Marc e degli altri, del fattore umano su quello tecnologico, va oltre l'ovvio, è una testimonianza di quello che erano, che sono, che dovrebbero continuare ad essere le corse: una sfida fra uomini, prima ancora che fra sensori e simulatori. Non è un obiettivo facile da ottenere, nel mondo virtualizzato che ci è cresciuto attorno. Ma forse, ci hanno spiegato Vale & Company in Qatar, è un traguardo ancora possibile. 2

3 Il graffio di Baffi

4 FORMULA 1 IL DUELLO BRACCIO DI FERRO Ecclestone ha sparato ad alzo zero sulla limitazione dei consumi e soprattutto suoi nuovi propulsori troppo educati. Una posizione condivisa da molti degli addetti ai lavori e dei fan, e che ha costretto Todt a dimostrarsi aperto ad un parziale ritorno al passato. Ma per questa stagione sarà difficile vedere veri cambiamenti 4

5 5

6 FORMULA 1 IL DUELLO Stefano Semeraro Ha ormai 83 anni, qualche non trascurabile carico pendente con la giustizia tedesca, e sua figlia Tamara gli ha appena dato un'erede, la piccola Sofia. Ma non riesce proprio a trattenersi. Nelle ultime settimane Bernie Ecclestone aveva fatto sapere che sì, il pensierino di ritirarsi gli aveva attraversato i pensieri, ma deve essere stata la malinconia di un pomeriggio, visto che all'indomani della gara di Melbourne il Supremo, imbeccato dalla squalifica di Daniel Ricciardo e dalle polemiche sul GP, ha ricominciato a sparare missili e granate sul quartier generale della Fia, all'indirizzo del suo (ex) amico Jean Todt «Se c'è un dispositivo che controlla il consumo di benzina ha detto al Daily Mirror non vedo che bisogno ci sia di stabilire quanta benzina bisogna avere all'inizio della gara. Se ne consumi troppa, la finisci: è molto semplice, e così dovrebbe essere». Quello che fa imbufalire il boss inglese è soprattutto il pericolo che la F.1 si snaturi, e non solo per colpa delle limitazioni al carburante. «La prima cosa da non fare era di cambiare i motori ha continuato - I vecchi V8 andavano benissimo, anche perché la maggior parte della gente, anche di quella che frequenta i Gran Premi, non ha la minima idea di quanti cilindri abbia un motore: se l'anno scorso fossi andato a chiederlo sulle tribune in pochi mi avrebbero saputo rispondere. Noi siamo una categoria di anti-endurance, per l'endurance c'è già una cosa che si chiama 24 Ore di Le Mans. Non dimentichiamoci che la F.1 fa parte dello show business, la gente vuole vedere una gara, non il raggiungimento di un obiettivo tecnico». A disturbare Bernie, e non è certo una novità vista la preventiva (e perdente) campagna che aveva condotto, è anche il poco rumore prodotto dai nuovi V6. «Mercedes, Ferrari, Renault hanno messo il silenziatore ai propulsori, ora ci devono restituire il rumore ha dichiarato alla Sport Bild - C'è una clausola che li obbliga a fornire un minimo di volume in F.1 (ma Klaus Klotnzer, presidente dell'adac, ha smentito). Fa parte del glamour della F.1, tutti iniziano ad eccitarsi quando si accendono i motori. Mi hanno chiamato molti organizzatori degli altri GP, dopo Melbourne sono tutti preoccupati di non vendere abbastanza biglietti». Conclusione: «Questi motori vanno cambiati, e lo si può fare nel giro di tre gare, agendo sui collettori». Ecclestone, contrariamente ai motori che critica, è bravissimo a sollevare molto rumore con le sue parole, a suonare costantemente la grancassa, ma stavolta ha toccato un punto veramente sensibile. Ron Walker, presidente dell'australian Grand Prix Corporation, ad esempio, ha fatto sapere di «Non essere disposto a pagare milioni di dollari per sentire una specie di ronzio in pista», e molti nell'ambiente la pensano come lui. Il risultato è che persino Jean Todt, che pure sul downsizing dei propulsori e dei costi ha giocato tutto il futuro della F.1 (e dell'automobilismo) ha ammesso che se davvero gli addetti ai lavori e i tifosi ritengono che si siano commessi degli errori, è possibile correggerli. «Non voglio una F.1 basata sull'economia dei consumi si è difeso il Presidente della FIA il limite di 100 kg è stato proposto dai team, per me non sarebbe un problema portarlo a 110 o comunque alzarlo. Inoltre a Melbourne c'è stato un problema legato all'aerodinamica del circuito, che non è mai stato favorevole ai sorpassi, sono convinto che nei prossimi GP ne vedremo molti più. Bisogna aspettare prima di giudicare». Anche sul rumore Todt si è mostrato possibilista: «Personalmente trovo il rumore dei nuovi propulsori affascinante, ma se i fan ritengono che c'è un problema e i team sono d'accordo, possiamo trovare un modo di aumentarlo». Un pentimento vero, o una astuta concessione dialettica dietro la quale si nasconde la ferma convinzione a lasciare tutto come sta? Modificare i motori in corsa, dopo essere stati costretti a progettarli in fretta e in furia, non deve essere davvero ai primi posti delle priorità dei team, alle prese con mille problemi di affidabilità. L'impressione è che, sempre che vada bene, questi motori-zanzara dovremo tenerceli almeno per una stagione. 6

7 7

8 FORMULA 1 IL PARERE Dal top al flop: questo secondo Briatore è il percorso compiuto dalla massima serie per colpa dei nuovi regolamenti. Che umiliano la classe dei piloti e rischiano di allontanare i fan. Se si trattasse di un reality-show, insomma, il Circus avrebbe rimediato già una sonora bocciatura. E Valentino Rossi gli dà ragione Stefano Semeraro Un giochino da ingegneri. Un economy run che limita i costi, ma distrugge le emozioni. Dopo la prima gara del Mondiale di F.1, il Circus si è beccato una mitragliata di critiche, in arrivo anche da celebrità come Valentino Rossi e Flavio Briatore. Per il Doctor, che a Doha ha ricominciato a divertirsi e a farci divertire alla vecchia maniera, la gara di Melbourne è stata una vera delusione. «Sì, mi aspettavo qualcosa di più dai nuovi regolamenti ha ammesso Valentino sono dell'idea che le macchine debbano correre con la benzina di cui hanno bisogno. Così come è adesso è solo un esercizio per gli ingegneri». Ancora più pesante c'è andato Briatore, l'uomo del crash-gate, che adesso seleziona apprendisti manager in tv l'ultima è stata una donna e non esiterebbe a puntare il dito contro il suo ex-ambiente sentenziando con accento piemontese: «Formula 1, sei fuori!». «La gente non capisce perché i piloti non attaccano, perché e come devono risparmiare benzina, o perché i campioni rinunciano addirittura a difendere la loro posizione», ha dichiarato l'ex boss della Renault alla Gazzetta dello Sport. E stavolta è davvero difficile dargli torto. «Quello di Melbourne è stato uno spettacolo strano a cui assistere, a rimetterci è stato lo sport più bello del mondo. E' incredibile come la F.1 abbia delegato la scrittura dei regolamenti a ingegneri che non si preoccupano dello spettacolo da offrire ai fan. E il risultato è terribile. Ovviamente i principi a cui si ispirano le nuove regole sono giuste, ma non bisogna mai dimenticare che il succo della F.1 sta nella competizione fra i piloti». E qui scatta il paragone con il calcio, l'altra grande passione sportiva di Briatore, che cade a pennello dopo lo straordinario show offerto da Real Madrid e Barcellona nel clàsico di domenica. «Obbligare i piloti a guidare piano è un controsenso attacca il manager è come introdurre una regola nel calcio che impedisce a Cristiano Ronaldo di toccare la palla più di dieci volte. I piloti più forti ora sono costretti a comportarsi in pista come contabili». Il pericolo vero, secondo Briatore, è quello di disamorare i fan: «Se in futuro le cose non cambieranno, l'audience se ne andrà. Basta guardare i commenti su Twitter e su Facebook, il GP di Australia non è piaciuto a nessuno. E' stato uno show indecifrabile e deprimente. A contribuire sono stati i pochi test che sono stati concessi dopo un cambio regolamentare del genere, il risultato è che Hamilton e Vettel si sono ritrovati subito fuori dalla gara: questo è inaccettabile, e ora dobbiamo fronteggiare il caos». Eh, sì, Briatore stavolta ha davvero ragione, a patto che per vivacizzare le gare non proponga... gli autoscontri pilotati dai box. Neppure il più melenso del talk-show televisivi annoia come questa Formula Confusione. «VOGLIO PILOTI, 8

9 NON CONTABILI» 9

10 FORMULA 1 MERCEDES FRECCIATA VINCENTE Rosberg incita il team a non risposare sugli allori, e Aldo Costa, progettista italiano silurato tre anni fa da Maranello e ora inserito perfettamente nel meccanismo anglo-tedesco è d accordo. Costa rivela che fra Malesia e Cina sono in arrivo nuovi sviluppi. E riserva un po' di veleno alla Rossa spiegando che in Germania ha trovato amici, prima ancora che colleghi 10

11 11

12 FORMULA 1 MERCEDES Stefano Semeraro Per Nico Rosberg, vincitore nemmeno troppo a sorpresa del GP d'australia, il peccato mortale della Mercedes ora sarebbe quello di riposarsi, anzi addormentarsi sugli allori. «Ci sono ancora tante cose da migliorare ha dichiarato il tedesco ora si tratta di sfruttare il momento e impedire che gli avversari recuperino terreno. La macchina è velocissima, siamo i migliori, ma non ha senso esaltarsi. Che figura ci faremmo se tutto fosse vanificato da problemi di affidabilità? Non dobbiamo addormentarci, ma continuare a spingere come pazzi». Una raccomandazione che, conoscendo la determinazione teutonica (anzi, anglo-teutonica, che è anche... peggio) del team, fa un po' sorridere. Fra i responsabili dello strepitoso avvio di stagione delle Frecce d'argento c'è però anche una dose di italianità doc, quella dell'ingegner Aldo Costa. Tecnico d'eccellenza a Maranello ai tempi di Schumacher e dei Mondiali a ripetizione, Costa è stato «tagliato» quando le cose in Ferrari hanno iniziato ad andare peggio. Colpa forse di un feeling mai scattato con Alonso, in parte del bisogno di trovare un capro espiatorio. Quel siluramento però al dottor Costa non è mai andato giù, e l'attuale momento di gloria della Mercedes, il team che lo accolse a braccia aperte, ha un sapore agro-dolce di rivincita. «Questa vittoria mi rende particolarmente orgoglioso perché è il frutto di tre anni di lavoro, della crescita costante della squadra», ha dichiarato il progettista parmense alla Gazzetta dello Sport. «La macchina è buona, ben bilanciata, dotata di sistemi molto sofisticati. Abbiamo fatto un buon lavoro». Anche Costa però è d'accordo con Rosberg: guai a schiacciare pisolini. «Dobbiamo tenere il piede pigiato sull'acceleratore. Abbiamo sviluppi aerodinamici già testati nelle prove libere e che tra due settimane introdurremo in gara, inoltre stiamo lavorando ad un ulteriore pacchetto per la Cina. E dobbiamo continuare a lavorare sull'affidabilità, una priorità assoluta». Secondo Costa la Mercedes è arrivata solo ora a pareggiare il livello della Ferrari, e resta nonostante tutto ancora inferiore a quello messo in campo dalla Red Bull. Anche se il team di Stoccarda un po' gli ricorda la Rossa dei tempi favolosi di Schumi, Brawn e Byrne. «E' un team speciale ha concluso Costa con uno spirito di unità notevole, e ciò fa particolarmente piacere nei momenti in cui sei sotto pressione, perché puoi contare su amici, più che su colleghi». Impossibile non notare una allusione amara al modo in cui la Ferrari, il team dove si sentiva a casa, lo ha scaricato in un momento di difficoltà. Una freccia, anzi una frecciatina al curaro che ha colto nel segno. 12

13 13

14 14 FORMULA 1 GASTALDI

15 «CHI HA VINTO IN PASSATO CI AIUTERÀ A TORNARE GRANDI» Federico Gastaldi, il nuovo vice-team principal della Lotus spiega come la squadra ha vissuto un weekend difficile come quello australiano, nel quale dopo un inverno privo di test si è ritrovata indietro nelle qualifiche e non è riuscita a portare al traguardo nessuna delle due vetture. Da Sepang, assicura il manager che fu parte della Benetton campione del mondo, inizierà la rimonta grazie ai vecchi del taem 15

16 FORMULA 1 GASTALDI Gastaldi, quello di Melbourne è stato un weekend interessante, nel suo nuovo ruolo di vice team principal della Lotus? «Penso che sarebbe giusto dire che l'inizio di stagione ha rappresentato una bella sveglia per tutti. Sapevo che in principio non sarebbe stato facile, sono in F.1 da abbastanza tempo per capire cosa stava per succedere. La cosa più frustrante è stato vedere il team lavorare così duramente; tutti hanno passato le notti in bianco, purtroppo senza che in pista arrivassero grandi risultati. Mentre seguivo la gara la domenica ho pensato che in realtà avevamo completato il nostro primo, vero test, considerato che quello di due settimane prima in Bahrain si era rivelato un'esperienza frustrante per tutti. A Melbourne in gara è stata la prima volta che siamo riusciti a completare un po' di giri con entrambe le vetture, considerato che nelle libere avevamo incontrato tante difficoltà. Insomma, è stata dura, considerata la mole di lavoro svolta da ciascuno». Quale crede sia l'apporto che può dare al team con la sua esperienza? «Sono stato in F.1 per tanti anni, con ruoli diversi. Ero con il Team Enstone ai tempi della Benetton, e nel team da allora sono rimaste tante persone, fatto che dimostra come fosse solido quello zoccolo duro. Mi sento davvero parte del team, e il mio compito è quello di fare in modo che il rendimento in pista sia quello che la squadra si merita. Quello è il mio vero obiettivo. Sono ancora coinvolto nello sviluppo commerciale e nella ricerca di partner e investitori. L'altro mio obiettivo è di far funzionare insieme tutti i talenti di questa squadra, di assicurami che arrivino i risultati. Ovviamente non dipende solo da noi, la Renault Sport F.1 gioca un ruolo di primo piano in questa struttura operativa, quindi alla fine si tratta di collaborare al meglio insieme per rendere al massimo. So che il nostro team è il migliore del paddock, non ho assolutamente alcun dubbio al riguardo. Abbiamo alcuni degli elementi più esperti e dedicati che ci siano in giro, e hanno tutti una mentalità vincente». Come vede Romain Grosjean quest'anno, e come sta reagendo a una situazione così difficile? «Romain è molto maturato negli ultimi anni. Il suo approccio al team è molto positivo. Capisce che stiamo tutti compiendo un grande sforzo, proprio come 16

17 lui fa il massimo dentro l'abitacolo. E' frustrato, come tutti noi, è ovvio. Ma nonostante ciò si sta dimostrando molto collaborativo e cerca di capire cosa è necessario fare da parte sua per andare nella giusta direzione. In Australia è stata dura per lui, con delle prove libere molto complicate e delle qualifiche disastrose. La gara è stata quel che è stata, essenzialmente un test, ma alla fine Romain è dimostrato molto positivo, perché sa di far parte di un grande team che produce ottime macchine ed è in grado di vincere delle gare». Come se la sta cavando invece Pastor Maldonado? «Per Pastor è tutto nuovo, e sta affrontando la situazione nel migliore dei modi. Possiede una grande etica del lavoro, è uno che si dà da fare con grande serietà. E' frustrato al pari di Romain, ma credo sia normale. Grosjean è qui da più tempo e Pastor lo sta molto ad ascoltare e osserva molto il metodo di lavoro durante il weekend. E' stato assai costruttivo, si merita un bravo per come ha saputo dare il massimo in una situazione temporaneamente molto difficile». Parliamo della Malesia: qual è realisticamente il vostro obiettivo? «Continuare a imparare. Farei il passo più lungo della gamba se dicessi qualcosa di diverso. Dobbiamo continuare a imparare e, se tutto andrà come prevediamo, in collaborazione con la Renault, saremo nella posizione di migliorare ancora in vista del Bahrain e poi quando il Circus si sposterà in Europa». Che cosa risponde a chi dubita di voi? «Di aspettare per vedere cosa davvero saremo in grado di combinare con la E22. Se si guarda razionalmente alla situazione, la Renault è il motorista campione del mondo in carica, quindi come è possibile che sia passata dal tutto al nulla? Alla fine forniranno il giusto pacchetto a tutti, e la Lotus sarà così in grado di tornare di nuovo in cima alla griglia. Siamo un piccolo team, non siamo la Mercedes o la Ferrari o la McLaren, ma possediamo un enorme spirito 'corsaiolo'. E' un team che esiste da molto tempo, di cui fa parte molto personale che ha vissuto i giorni più gloriosi e che ha trasmesso la filosofia e l'etica ad un team rinnovato nello spirito e nella passione. Siamo pronti a combattere!» 17

18 18 FORMULA 1 NICO HULKENBERG

19 LA PRIMA VOLTA CHE... Nella vita ci sono sempre tante prime volte, e Nico Hulkenberg ha rivelato un po' delle sue. Dal primo eroe al primo casco... 19

20 FORMULA 1 NICO HULKENBERG Chi è stato il tuo primo eroe da bambino? Ayrton Senna. Qual è stato il primo GP che ti ricordi di aver visto? Ero a Spa nel 1998, con il grande incidente al primo giro. Più tardi nella stessa gara Schumacher finì per tamponare Coulthard e alla fine vinse Damon Hill sulla Jordan. E' stata una gara divertente ed un'esperienza stupenda. Non me lo dimenticherò mai. Quanti anni avevi quando hai sognato per la prima volta di diventare un pilota di F1? Avevo sette anni, è stato dopo che ho scoperto il karting. Quando è stato il tuo primo grosso incidente? E' stato abbastanza presto, quando correvo in kart. Ma non mi sono mai fatto male seriamente. Di che colore è stato il tuo primo casco? Quello me lo ricordo bene. Era un giallo chiaro che da lontano dava l'impressione di essere troppo grande. Sembravo un marziano con la testa gialla! Quando hai vinto il tuo primo trofeo? Com'era fatto? Il primo trofeo arrivò con la mia seconda gara in kart. Era solo una piccola coppa, ma ne ero comunque super orgoglioso e felice. Qual è stata la prima macchina stradale che hai guidato? Sicuramente è stata la Volkswagen Golf di mia madre. Dove si trova la prima casa in cui hai vissuto? E' la casa della mia famiglia a Emmerich. Sono nato lì. Qual è stato il primo disco che hai comprato? Direi che l'ho comprato quando ho corso per la prima volta a livello internazionale coi kart in Italia. Ero a Corridonia. Ero solo un ospite, ma conquistai la pole position battendo gente come Robert Kubica e l'altro Nico, Rosberg. E stato molto divertente e ne valse la pena. Doveva essere qualcosa di italiano strappalacrime. Qual è stato il primo sport che hai praticato? Il calcio, ma mi sono dovuto arrendere per mancanza di talento. Non andavo molto bene Quando hai dato il tuo primo bacio? Da teenager, avevo 17 anni. Quand'è che ti hanno chiesto un autografo per la prima volta? Domanda difficile. Non sono sicuro ma dovrebbe essere successo all'inizio della carriera in monoposto. Direi nel Quando hai provato lo champagne per la prima volta? Non ho ricordi al riguardo perché non mi piace. Cosa mangeresti prima? Della frutta o del cioccolato? Il cioccolato, mi piacciono i dolci! Qual è stata la tua prima parola da bambino? Non ne ho idea, ma non penso sia stata auto"! Quanto eri nervoso il primo giorno di scuola? Non mi ricordo, ma ovviamente ero nervoso. Però sono andato a scuola per la prima volta insieme ad alcuni amici, e non è stato così male. Qual è stato il primo piatto che hai cucinato? Non ne ho idea, probabilmente schupfnudeln (spaghetti) in padella. Qualcosa di facile per un giovane e ambizioso chef! Qual è stata la prima cosa che hai fatto stamattina? Dato che sono tormentato dal jet-lag, è stato guardare il soffitto. Avevo finito le pecore da contare! Qual è stata la prima cosa che hai fatto dopo aver conquistato il primo posto in F1? Ho immediatamente chiamato i miei genitori per dirglielo. 20

21 21

22 MOTO GP LOSAIL Q È SPETTA 22

23 La stagione è iniziata alla grande: grande equilibrio, e vittoria di Marquez al termine di un duello fenomenale con un Rossi tornato a livelli assoluti. Merito dei campioni, ma anche di un regolamento magari complicato, ma che non ha stravolto i valori in campo limitandosi a livellare il rendimento delle moto Luigi Ansaloni UESTO COLO! 23 Se queste sono le premesse, signori, verrebbe da dire: tenetevi forte e rimanete incollati su questi canali, perché ne vedremo davvero delle belle. Marc Marquez e Valentino Rossi hanno inaugurato una delle stagioni sulla carta tra le più interessanti degli ultimi anni con una serie di duelli incredibili sul circuito di Losail. Il GP del Qatar è sembrato un affare privato tra il presente e il futuro del motociclismo e il passato che si candida fortemente ad essere qualcosa in più che solo presente. Ha vinto il piccolo Diavolo col numero 93 stampato sulla carena della sua Honda (a quanto pare mettere il numero 1 è fuori moda ), che proprio lo scorso anno in Qatar aveva iniziato a sfidare il grande rivale. Una vittoria, quella di Marquez, che fa sinceramente più spavento (per gli avversari) che altro: il campione del mondo si era fracassato una gamba durante l inverno e aveva per questo saltato più della metà dei test. Si aspettava dunque un po di sofferenza da parte sua, una breccia nel muro. Ma quando mai. Pole, giro veloce e vittoria come nulla fosse. Semplicemente mostruoso e oltre.

24 MOTO GP LOSAIL 15 % di share in tv per il duello fra Rossi e Marquez Grandi ascolti per la MotoGP su Sky e Cielo: il primo Gran Premio della stagione e' stato visto in media da spettatori (12,02% di share) e spettatori unici. Su Sky Sport MotoGP HD la gara e' stata seguita in media da spettatori: piu' di quelli che su Sky hanno assistito ai posticipi di Serie A Catania-Juventus ( ), Lazio-Milan ( ), e a Real Madrid-Barcellona ( ). Su Cielo gli spettatori medi sono stati , e alle 20.42, per il finale del duello Marquez-Rossi, su Sky Sport MotoGP HD e Cielo è stato toccato un picco di spettatori (15,1% di share) QUESTIONE DI GOMMA Valentino Rossi gli ha tenuto testa con una gara se vogliamo ancora più mostruosa, visto che il Dottore è risalito fino in cima dopo una qualifica pessima (decimo tempo). Gli ultimi giri contro tra i due sono stati un opera d arte. «Lo scorso anno era andata meglio a me - ha detto Rossi - ma stavolta mi sarebbe piaciuto vincere, ma non ci sono riuscito. È stata una bella gara comunque. Dovevo partire più avanti, per avvantaggiarmi di più. Certo che se le gare quest'anno saranno tutte così ci sarà da divertirsi davvero. Eravamo tutti davanti, abbiamo fatto degli errori, ma avevamo tutti lo stesso ritmo. Gare così sono veramente belle». La prima gara, dopo 19 anni di battaglie, restituisce un Valentino Rossi pronto a giocarsi di nuovo le sue chance, anche se l'uomo di Tavullia è ormai un atleta di 35 anni. Marquez ha giocato bene le sue carte, anche se non era scontato che fosse così competitivo. «Il punto di domanda più grande per me - ha detto il campione del mondo - non era sulle condizioni della mia gamba infortunata in allenamento, ma su quali gomme usare. Solo poco prima di entrare in pista per schierarmi ho chiesto ai miei meccanici di montare le gomme dure. Ho provato e credo di aver fatto la scelta giusta soprattutto per il duello finale con Valentino. Alla fine con Rossi ci siamo proprio divertiti, è stata una battaglia bellissima». LA RABBIA DI LORENZO Prossimo round negli Stati Uniti, ad Austin, pista che lo scorso anno ha visto la prima vittoria del campione del mondo e un sostanziale dominio Honda. Rossi e Marquez negli Usa ritroveranno anche un Jorge Lorenzo più inviperito che mai, vittima in Qatar della sfortuna e del suo nervosismo, visto che era primo quando è andato per terra per un suo (inspiegabile) errore. Il maiorchino vorrà rientrare nel campionato, anche perchè con un livello così alto, iniziare con uno zero in classifica non aiuta. L altro favorito per il titolo, Dani Pedrosa, è arrivato terzo nella sua (quasi) usuale gara senza infamia e senza lode. Forse la botta ricevuta da Marquez lo scorso anno lo ha messo definitivamente KO: questo è l ottavo anno di Motogp per Dani, e l età avanza. Bene ma non benissimo la Ducati, con Dovizioso quinto e Crutchlow sesto. Niente di eccezionale ma rispetto al 2013 è grasso che cola. Peccato Per Iannone: senza la caduta, poteva essere tra i protagonisti. ESPARGARO PRIMO DEGLI OPEN La prima gara della stagione 2014 consegna invece un verdetto chiaro. Le novità regolamentari fortemente volute dall'organizzatore non hanno cambiato gli equilibri in gara. I primi tre classificati sono piloti ufficiali, due con Honda, uno - Rossi - con Yamaha. Nulla cambia al vertice dunque, se non il ritmo, che 24

25 L'ORDINE DI ARRIVO DOMENICA 23 MARZO Marc Marquez (Honda) - Honda Team - 42'40" Valentino Rossi (Yamaha) - Yamaha Factory - 0" Dani Pedrosa (Honda) - Honda Team - 3" Aleix Espargaro (FTR Yamaha) - Forward - 11" Andrea Dovizioso (Ducati) - Ducati Team - 12" Cal Crutchlow (Ducati) - Ducati Team - 28" Scott Redding (Honda) - Gresini - 32" Nicky Hayden (Honda) - Aspar - 32" Colin Edwards (FTR Yamaha) - Forward - 39" Andrea Iannone (Ducati) - Pramac - 43" Hiroshi Aoyama (Honda) - Aspar - 46" Yonny Hernandez (Ducati) - Pramac - 46" Karel Abraham (Honda) - AB - 50" Danilo Petrucci (ART) - Iodaracing - 1'03" Broc Parkes (PBM) - Bird - 1'14" Michael Laverty (PBM) - Bird - 1'32" Mike Di Meglio (Avintia) - Avintia - 1'36"085 Giro più veloce: Alvaro Bautista 1'54"507 Ritirati Alvaro Bautista (Honda) - Gresini Bradley Smith (Yamaha) - Tech 3 Pol Espargaro (Yamaha) - Tech 3 Stefan Bradl (Honda) - LCR Hector Barbera (Avintia) - Avintia Jorge Lorenzo (Yamaha) - Yamaha Factory La classifica 1.Marquez 25; 2.Rossi 20; 3.Pedrosa 16; 4.A.Espargaro 13; 5.Dovizioso 11; 6.Crutchlow 10; 7.Redding 9; 8.Hayden 8; 9.Edwards 7; 10.Iannone 6. rispetto al passato è diventato molto più sostenuto. Il primo dei piloti in sella ad una Open è Alex Espargarò, lo stesso che era riuscito nelle prime libere del GP del Qatar a imporsi. Lo spagnolo, però, in gara è scomparso, così come ha fatto malissimo nelle prove ufficiali dove è addirittura caduto due volte. Espargarò ha chiuso la gara in quarta posizione a circa 12 secondi da Marquez, ma non è mai stato in grado di impensierire i primi. Lorenzo in testa alla gara pochi attimi prima della rovinosa caduta IL REBUS REGOLAMENNTI «Se l'organizzazione voleva avere gare più emozionanti con questo nuovo regolamento - ha detto Rossi - credo che ci siano riusciti. Sarà un anno molto interessante». Valentino, però si riferisce al ritmo in gara e in prova ufficiale, che ha visto tanti piloti vicino e in lotta tra loro fino alla fine. La questione regolamentare è molto sentita nel paddock e sta diventando un vero e proprio rebus per appassionati e addetti ai lavori. Il regolamento attuale prevede due categorie di MotoGP, le Factory e le Open. Le prime utilizzano la centralina unica introdotta quest'anno dalla Dorna, ma con software sviluppato dalle case e per questo subiscono limitazioni nella quantità di motori a disposizione e nei litri nel serbatoio. Le Open hanno centralina elettronica e software dell'organizzazione, 24 litri a disposizione per il carburante (20 le Factory) e 12 motori da usare nella stagione (5 per le Factory). A complicare le cose ha pensato una categoria di mezzo che viene introdotta nei casi una Open faccia dei risultati. In caso di una vittoria oppure due secondi posti o tre terzi posti nel biennio , le Open non diventano Factory, ma hanno a loro volta delle limitazioni: il serbatoio si restringe a 22 litri e i motori a disposizione diventano da 12, solo 9. Un vero e proprio rompicapo, che tra i piloti non ha però sconvolto le certezze dei piloti. 25

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015

NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015 NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015 ANNO 16. N. 10 (726), 14 marzo 2015. Poste Italiane

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Case Study Texas Motor Speedway Più potenza al brand

Case Study Texas Motor Speedway Più potenza al brand Case Study Texas Motor Speedway Più potenza al brand 80543940, Chris Graythen/Getty Images. Jimmie Johnson, driver of the #48 Lowe s Chevrolet, leads Kyle Busch, driver of the #18 Interstate Batteries

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Signor Vasiliev, quando ha imparato l arte marziale russa chiamata Systema?

Signor Vasiliev, quando ha imparato l arte marziale russa chiamata Systema? Il modo in cui l acqua scorre Intervista con Vladimir Vasiliev Articolo di Mark Hemels tratto da Meibukan Magazine n. 3 - Settembre 2004 Traduzione: Paolo Verrone Vladimir Vasiliev è direttore e capo istruttore

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 EDIZIONE IN ITALIANO LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 Indice Informazioni sul gioco... 1 1 2 3 Come Iniziare Per duellare hai bisogno delle seguenti cose... 2 Carte del Gioco Carte Mostro... 6

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli