Uomini. de tenis. che vedono passare i treni. il mensile della strada. ventuno Chi tutela il Quinto Stato?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uomini. de tenis. che vedono passare i treni. il mensile della strada. ventuno Chi tutela il Quinto Stato?"

Transcript

1 numero 156 anno 16 novembre il mensile della strada de tenis ventuno Chi tutela il Quinto Stato? Spedizione in abbonamento postale 45% articolo 2, comma 20/B, legge 662/96, Milano Uomini che vedono passare i treni Il viaggio della loro vita ha un approdo precario: homeless sempre più numerosi nelle stazioni italiane. Cosa si fa per loro? Complessi i bisogni, diverse le risposte. E a Milano sta per nascere un Rifugio Milano E dopo di noi? Torino Lume di speranza Genova Incidenti e percorsi Vicenza Artigiani del sorriso Modena Notte coi volontari Rimini Per gli amici Scarp Firenze Vita da bipolare Napoli Claudio resta a casa Catania Giovanni ridotto a torcia Palermo Amore risveglia Psiche

2 editoriali L orgoglio che mobilita, in attesa di consegnare Bene i letti, ma la regia? Paolo Brivio Sta per aprire un nuovo Rifugio. Ed è un ottima notizia, anzitutto per coloro che potranno fruire dei suoi letti, del suo calore, della sua capacità di accoglienza. Perché è vero che in Italia nel 2010 sono stati erogate prestazioni in 2,6 milioni di casi (dato attestato dal primo censimento nazionale sulla realtà delle persone senza dimora, di cui parliamo in questo numero, e di cui parleremo più ampiamente nel prossimo) da parte delle strutture che si occupano di homeless. Ma è altrettanto vero che questa mole di lavoro non basta, a dare ogni notte un riparo, a chi un tetto proprio non ce l ha. E allora, prima di valutare politiche e servizi, bisogna pensare a salvaguardare vite. Cosa che l imminente Rifugio milanese farà, in modo generoso e intelligente. Però, come attestano altri, ramificati e preoccupanti dati della stessa ricerca, il nostro paese si caratterizza per l inesistenza di una strategia nazionale sulle politiche di contrasto della grave emarginazione. E per la corrispondente assenza non tanto di erogazioni economiche (comunque inadeguate), ma di forme di programmazione concertata degli interventi e dei servizi, a livello regionale e locale. Ne consegue che, per quanto si sforzino, i servizi (rifugi, e poi mense, unità di strada, centri diurni, sportelli di segretariato sociale, di ieri oggi e domani) finiscono per concentrarsi, come attività principale, sull erogazione di prestazioni materiali. Mentre le azioni di reinserimento abitativo, lavorativo e sociale rimangono defilate, sullo sfondo, tra loro scollegate: senza una regia politica consapevole, difficilmente si aprono spiragli (anzi, meglio, prospettive) di reinclusione effettiva. Insomma, un Rifugio serve. Ma bisogna evitare l assuefazione assistenziale. Il rischio, cioè, che tutti credano sufficiente l intervento materiale, quello che garantisce sopravvivenza. Le persone senza dimora chiedono di più. E noi con loro. Convinti che una società inclusiva sia certo più sicura. Ma soprattutto più umana.. Roberto Davanzo direttore Caritas Ambrosiana Consentitemi di far convivere in queste poche righe due sentimenti contrastanti, se non addirittura contraddittori. Già, perché la riapertura di quello che fu il rifugio di fratel Ettore scatena contemporaneamente orgoglio e rammarico, soddisfazione e mortificazione. Cerco di spiegarmi. Non ci sono dubbi che l essere stati chiamati a ridare vita a un luogo che ha segnato un punto di non ritorno nella storia della solidarietà di Milano sia motivo di gratitudine e di orgoglio. Il rifugio di fratel Ettore è stato la testimonianza di una dedizione straordinaria verso quanti la vita ha visto gradualmente precipitare ai margini. Avere l opportunità di ridire quella solidarietà, tenendo conto di quanto è cambiata la società e nel rispetto delle norme che in questi decenni il nostro paese si è dato, è una sfida intrigante. Rilanciare l accoglienza notturna per una cinquantina di senza dimora, cercando di mobilitare anzitutto forze volontarie e giovanili, è una scommessa che il sistema Caritas non poteva non accettare: proprio in una stagione di contrazione delle risorse destinate al sociale, non potevamo non esercitare uno sforzo di fantasia nel disegnare un modello operativo e organizzativo capace di far convivere poche, essenziali figure professionali, con ci auguriamo molte figure di volontari da formare, incoraggiare, dotare di un senso di appartenenza a un progetto insieme antico e moderno. Ma dicevo che a questo sentimento di orgoglio responsabile mi sento di dover affiancarne uno, quasi opposto, di rammarico e mortificazione. Per anni abbiamo interpretato la nostra operatività con l immagine della sentinella. Di fronte alla domanda «perché di certi problemi se ne deve occupare la chiesa?», la risposta che ripetutamente ci siamo dati è andata nel senso dell anticipazione che sperimenta per consegnare. Non ci siamo mai pensati come sostituti della pubblica amministrazione. Ci siamo sempre visti come anticipatori, capaci di intercettare le povertà e i bisogni e di sperimentare possibili soluzioni. Da consegnare : ecco invece quello che non ha funzionato. Il nostro anticipare e sperimentare aveva senso dentro la prospettiva di poter offrire alle istituzioni la nostra esperienza, perché la assumessero e la rendessero un modus operandi da attuare e replicare. Un consegnare tanto importante quanto decisivo, per potere liberare le nostre energie da impiegare per presidiare nuove povertà, nuovi bisogni. Ecco allora il motivo della frustrazione: dopo decenni di impegno nell ambito della grave emarginazione, ci troviamo a dover vivere il nostro protagonismo negli stessi servizi che ci illudevamo avrebbero potuto essere presi in gestione dalla pubblica amministrazione. Noi e le realtà che con i loro finanziamenti hanno reso possibile l operazione. È forse questa la tanto declamata sussidarietà? Lasciateci almeno la libertà di porre la questione, di avanzare qualche sospetto..

3

4 sommario cos è È un giornale di strada non profit. È un impresa sociale che vuole dar voce e opportunità di reinserimento a persone senza dimora o emarginate. È un occasione di lavoro e un progetto di comunicazione. È il primo passo per recuperare la dignità. In vendita agli inizi del mese. come leggerci Scarp de tenis è una tribuna per i pensieri e i racconti di chi vive sulla strada. È uno strumento di analisi delle questioni sociali e dei fenomeni di povertà. Nella prima parte, articoli e storie di portata nazionale. Nella sezione Scarp città, spazio alle redazioni locali. Ventuno si occupa di economia solidale, stili di vita e globalizzazione. Infine, caleidoscopio: vetrina di appuntamenti, recensioni e rubriche... di strada! dove vanno i vostri 3 euro Vendere il giornale significa lavorare, non fare accattonaggio. Il venditore trattiene una quota sul prezzo di copertina. Contributi e ritenute fiscali li prende in carico l editore. Quanto resta è destinato a progetti di solidarietà. Per contattarci e chiedere di vendere Redazione centrale - milano cooperativa Oltre, via Copernico 1, tel fax Redazione torino associazione Opportunanda via Sant Anselmo 21, tel Redazione Genova Fondazione Auxilium, via Bozzano 12, tel /544 Redazione Vicenza Caritas Vicenza, Contrà Torretti 38, tel Redazione rimini Settimanale Il Ponte, via Cairoli 69, tel Redazione Firenze Caritas Firenze, via De Pucci 2, tel Redazione napoli cooperativa sociale La Locomotiva largo Donnaregina 12, tel Redazione catania Help center Caritas Catania piazza Giovanni XXIII, tel Redazione Palermo Caritas Palermo, vicolo San Carlo 62, tel Fotoreportage Rifugio caritas, la notte dello spot p.6 scarp Italia L inchiesta Lungo i binari c è chi si ferma p.12 La ricerca Homeless: diamo un volto agli invisibili p.20 L approfondimento Curarsi ai tempi della crisi p.22 L intervista Ermanno Olmi: «Gli atti di carità, il bene comune» p.26 scarp città Milano Gallaratese, i disabili e il dopo di noi p.28 Rapporto Caritas, povertà in ascesa p.32 Torino Due Tuniche, un Lume di speranza p.42 Genova I disegni e la vespa, incidenti e percorsi p.44 Vicenza Otto e Giulia, artigiani del sorriso p.46 Modena Torna a casa soltanto chi può p.48 Rimini Mi chiamo Franco, per gli amici Scarp p.50 Firenze Vita da bipolare nel baratro dell alcol p.52 Napoli Nove su trenta, Claudio resta a casa p.56 Catania Giovanni la torcia, in strada si muore p.59 Palermo Amore accoglie, Psiche si risveglia p.62 scarp ventuno Dossier Noi, quinto stato qualificati e sfruttati p.66 Stili E puliamoli questi jeans p.70 caleidoscopio Rubriche e notizie in breve p.77 scarp de tenis Il mensile della strada Da un idea di Pietro Greppi e da un paio di scarpe - anno 16 n. 156 novembre costo di una copia: 3 euro Per abbonarsi a un anno di Scarp: versamento di 25 c/c postale (causale ABBonAmento ScArP de tenis) Redazione di strada e giornalistica via Copernico 1, Milano (lunedì-giovedì e , venerdì ), tel , fax Direttore responsabile Paolo Brivio Redazione Stefano Lampertico, Ettore Sutti, Francesco Chiavarini Segretaria di redazione Sabrina Montanarella Responsabile commerciale Max Montecorboli Redazione di strada Antonio Mininni, Lorenzo De Angelis, Tiziana Boniforti, Roberto Guaglianone, Alessandro Pezzoni Sito web Roberto Monevi, Paolo Riva Hanno collaborato Aghios, Andrea Barolini, Damiano Beltrami, Simona Brambilla, Roberto Capuano, Marcella Caluzzi, Maria Chiara Catania, Salvatore Couchoud, Umberto D'Amico, Massimo De Filippis, Giuseppe Del Giudice, Maria Di Dato, Maria Esposito, Sara Galasso, Massimiliano Giaconella, Silvia Giavarotti, Maria Chiara Grandis, Franco Gentile, Gaetano Toni Grieco, Laura Guerra, Elena Leoni, Bruno Limone, Paolo Meneghini, Paola Malaspina, Mary, Gheorghe Mateciuc, Mirco Mazzoli, Emanuele Merafina, Alessandra Mercurio, Mirella, Silvia Montella, Mr Armonica, Nemesi, Stefano Neri, Aida Odoardi, Marianna Palma, Daniela Palumbo, Cinzia Rasi, Paolo Riva, Nadia Sabatino, Generoso Simeone, Roberto Stramonio, Sandra Tognarini, Valentina, Antonio Vanzillotta, Gabriella Virgillitto, Marta Zanella, Yamada Foto di copertina Romano Siciliani Foto Riccardo Benvegnù, Archivio Scarp Disegni Claudia Ferraris, Silva Nesi, Psichedelio, Luigi Zetti Progetto grafico Francesco Camagna e Simona Corvaia Editore Oltre Società Cooperativa, via S. Bernardino 4, Milano Presidente Luciano Gualzetti Registrazione Tribunale di Milano n. 177 del 16 marzo 1996 Stampa Tiber, via della Volta 179, Brescia. Consentita la riproduzione di testi, foto e grafici citando la fonte e inviandoci copia. Questo numero è in vendita dal 13 ottobre al 17 dicembre Associato all Unione Stampa Periodica Italiana

5 La notte dello spot Per raccontare un progetto di qualità occorreva puntare sulla qualità. In tutto. Anche per lo spot che presenta, con le facce e le storie dei venditori di Scarp, il nuovo Rifugio Caritas alla stazione Centrale, progetto sostenuto da Enel Cuore, Fondazione Cariplo, Ferrovie dello Stato, Fondazione Milan onlus con la collaborazione di Trenord. E così la macchina da presa è stata affidata a Giacomo Gatti, regista giovane ma affermato. E con la sensibilità giusta per raccontare la storia di una panchina, che non sarà più un letto. Vi portiamo dietro le quinte del minifilm che impreziosisce la campagna di comunicazione per il Rifugio. Grazie anche all impegno di BB Productions, di Paolo Pelizza, alla sua troupe e ai tanti che hanno dato una mano, ora lo spot è pronto per andare in onda! Giacomo Gatti nasce a Milano dove vive e lavora come regista, docente e giornalista. La passione per il cinema inizia alle scuole medie. Tra il 1999 e il 2005 diventa aiuto-regista pubblicitario. Alternando l attività professionale a quella artistica riesce, con quattro cortometraggi girati in pellicola 35 mm, a ottenere riconoscimenti in festival nazionali e internazionali. Nel 2005 firma la regia di Genio Perpetuo, promo internazionale della Biennale d Arte di Venezia. Dal 2006 inizia la collaborazione con il regista Ermanno Olmi per cinque film-documentari, tra cui, già distribuiti, Kounellis Atto unico, Terra madre, Rupi del vino (con il ruolo di collaboratore alla regia ). Nel 2010 realizza il documentario 170 anni dell Istituto dei Ciechi di Milano; nel 2011 partecipa al film collettivo Milano 55,1 - Cronaca di una settimana di passioni, sulle elzioni che portano Giuliano Pisapia a diventare sindaco di Milano. Riccardo Benvegnù fotografo, regista teatrale, giornalista e bancario di professione. Come fotografo di scena ha curato i backstage dei film di Giacomo Gatti 6. scarp de tenis novembre 2011

6 fotoreportage novembre 2011 scarp de tenis.7

7 La notte dello spot 8. scarp de tenis novembre 2011

8 fotoreportage Costumi, trucco, macchine di scena. E poi il vento, la nebbia, il treno che si muove a comando. E la Centrale di notte, che prende vita con le facce di Scarp. Tanti elementi e tante idee, per costruire un piccolo film che racconta, con rispetto e con un tocco di poesia, la dura condizione di tanti homeless. Tirando la volata al Rifugio... novembre 2011 scarp de tenis.9

9 TRENORD PER LA LOMBARDIA CHE SI MUOVE Una società unica in Italia, esclusivamente dedicata al trasporto ferroviario regionale. Un nome in cui si fondono la storia e la competenza di due leader: Trenitalia e LeNORD (FNM). Una missione chiara: dare risposte nuove ed efficaci alla domanda di mobilità pubblica dei cittadini lombardi. NUMERO VERDE

10 anticamera Aforismi di Merafina I RAMI I rami degli alberi sono come le braccia dei bambini L OROSCOPO L oroscopo sbaglia perchè le stelle non stanno ferme IL FUTURO Il futuro è una grande sfida di bugie Notte d autunno Notte d autunno umida di pioggia. Le nubi stanno sospese sull estremo orizzonte del mare. Splende la luna su di esse, pallida attraverso la nebbia. Paiono le nubi oscure isolette, magico arcipelago che muta forma all alito del vento. Chi ospitate, isolette vaganti sul mare immoto? Forse le stelle stanche, in viaggio nel lungo cammino della notte. Mary Se sarò Tutto ha un inizio e una fine, il vecchio lascia il posto al nuovo non devo avere paura del domani perché diventerà un oggi e poi un ieri. Sarà ciò che sarà anche se sarò più forte o più debole in svariate situazioni. Il mio spirito giocondo mi avvolge fra le sue grandi ali, mi sussurra dolcemente che ci sarà un domani Cinzia Rasi Sabrina è una rosa blu Sabrina è una bambina un amabile bambina diversa da quasi tutte le altre. Ma chi ha detto che tutte le persone debbono essere uguali, pensare, agire, apparire uguali? Per me Sabrina è come una rosa blu, avete mai visto una rosa blu? Ci sono le rose bianche, le rose rosa, le rose gialle e un infinità di rose rosse, ma blu? Un giardiniere sarebbe felice di avere una rosa blu; la gente verrebbe da lontano per vederla, sarebbe rara, diversa, bella. Anche Sabrina è diversa ecco perché in qualche modo è come una rosa blu. Ci sono molte cose che Sabrina non capisce e ci sono molte cose di Sabrina che gli altri non capiscono: che Sabrina è come un gattino senza coda, che Sabrina sente una musica diversa, che Sabrina deve essere protetta. Sabrina è come una rosa blu delicata e bellissima. Ma le rose blu sono così rare che ne sappiamo poco, troppo poco; sappiamo solo che hanno bisogno di essere curate di più e di essere Amate di più. Dal nonno per Sabrina novembre 2011 scarp de tenis.11

11 Homeless in stazione. Sempre più numerosi. Che si fa per loro? Lungo i binari c è chi si ferma Difficile dire quanti siano. L anno scorso, Fs ne ha contati 13 mila in 11 scali ferroviari del paese. Sono soprattutto uomini e stranieri. Vi si rifugiano perché, in fondo, la stazione è un buon luogo dove stare se non si ha casa: offre riparo, sicurezza, incontri. Ma non è il posto giusto: infatti le Ferrovie, tramite la rete sempre più fitta degli help center, provano a porre le condizioni per percorsi di reinserimento sociale 12. scarp de tenis novembre 2011 di Francesco Chiavarini In stazione c è chi arriva e se ne va. E chi arriva e si ferma. Secondo una celebre definizione del sociologo polacco Zygmunt Bauman, i primi sono i turisti che viaggiano perché lo desiderano, attratti irresistibilmente dal mondo globale. I secondi sono i vagabondi, che si muovono perché trovano inospitale, fino ai limiti della sopportazione, il piccolo mondo locale in cui sono confinati. Gli appartenenti all una e all altra categoria solo raramente si incrociano. Quando accade, non è sempre per scambiarsi qualche parola carina o di conforto. Più spesso si ignorano, preferendo seguire le traiettorie delle loro vite, come su due binari paralleli. Ma come il dottor Jekyll e mister Hyde, gli uni e gli altri sono, in realtà, le due identità dello stesso organismo (sociale), le due facce della stessa medaglia. Così, mentre sono aumentati i primi, sono cresciuti in numero anche i secondi. Negli ultimi anni le stazioni ferroviarie, non potendo trattenere i viaggiatori, hanno cercato almeno di intrattenerli, trasformandosi in piazze commerciali, con negozi, ristoranti, locali sempre più simili a quelli che si potrebbero trovare nei centri cittadini. Così facendo, diventando sempre più città nelle città, i vecchi scali ferroviari sono risultati anche più attraenti per i vagabondi, che si sono riversati tra i binari, dando vita a un universo sempre più multietnico ed eterogeneo, in cui le vecchie storie di disagio si sommano alle nuove forme dell esclusione sociale. Alter ego del turista Quanti sono, in Italia, gli homeless che abitano le stazioni? In un paese che solo recentemente si è proposto di censire, dopo decenni, i suoi senza tetto, la prima e banale domanda non ha una risposta altrettanto semplice. Le stime variano di molto. La sola cosa certa è che nel 2010 l Osservatorio nazionale sul disagio e la solidarietà (Onds), voluto dal Dipartimento delle politiche sociali delle Ferrovie dello Stato italiane, ne ha contati 13 mila, in 11 stazioni, lungo tutta la penisola, da Chivasso a Catania. Il dato è largamente sottostimato. Tuttavia, poiché corrisponde a persone vere, costituisce, come dicono gli esperti, un campione statisticamente rappresentativo. Quindi, se non precisa davvero quanti sono i mister Hyde delle stazioni, può dirci almeno e con molta precisione chi sono. Ebbene, se state pensando a un tizio, italiano, con la barba bianca, i capelli scarmigliati, i vestiti sdruciti, alito aromatizzato dall alcol, innamorato della vita randagia, siete fuori strada. A dispetto delle apparenze, il vagabondo, l alter ego del turista, il mister Hyde delle stazioni è un giovane, spesso di carnagione scura senza essere di colore, in ogni caso straniero, maschio, con la disperata voglia di trovare una casa e un lavoro, quindi di sottostare alle stesse regole e di godere degli identici benefici del suo invidiato dottor Jekyll. Stando, infatti, ai dati dell Onds, pubblicati a marzo nell indagine Mind the Gap, i due terzi dei senza dimora censiti sono uomini (il 73%) e stranieri (il 78%), prevalentemente nordafricani (provenienti da Marocco, Eritrea, Egitto, Somalia, Algeria e Tunisia) ed est-europei (Romania, Polonia, Ucraina). Più della metà di loro (il 54%) ha meno di 40

12 l inchiesta anni. Per costoro «la condizione di homeless afferma lo studio rappresenta una tappa obbligata, quasi un rito di passaggio verso l inserimento nella nuova società, tappa alla quale segue in molti casi una sistemazione più accettabile». In stazione, insomma, pure loro cercano di trattenersi il meno possibile. Ma la durata dell attesa, in questo caso, non dipende dagli orari del treno, bensì dall arrivo di una sanatoria che apra inaspettatamente la possibilità di regolarizzarsi, da un offerta di un lavoro più o meno in chiaro, dalla generosità, più o meno pelosa, di un connazionale che offre un alloggio. Minoranza italiana Gli italiani che guardano passare i treni, senza doverli prendere, sono invece ormai una minoranza, il 22%. Ma nemmeno loro corrispondono al ritratto tradizionale del clochard romantico delle pellicole cinematografie. «Soprattutto nelle stazioni di provincia del Sud Italia, dove la presenza degli italiani è più alta rispetto alla media nazionale afferma lo studio Onds, sempre di più accanto agli emarginati cronici, quelli che più assomigliano ai nostri cliché, compaiono giovani disoccupati o persone più mature, tra i 40 e i 50 anni, espulse dal mondo del lavoro». «La stazione raccoglie il disagio che non trova risposta in città. È sempre stato così. E lo è a maggior ragione ora che la stazione è diventata un centro commerciale osserva Alessandro Radicchi, direttore dell Onds. Se ci si pensa un attimo, la stazione è un buon posto per chi non ha una casa dove tornare la sera. È un riparo dalla pioggia e dal freddo, che viene pulito regolarmente. È un luogo sicuro, perché presieduto dagli agenti della Polfer, percepiti dalle persone in strada più spesso come una garanzia dalle aggressioni di altri emarginati che come una minaccia. Inoltre, in stazione ci si può lavare. E poi passa tanta gente: può capitare, più o meno casualmente, che qualcuno perda il portafoglio. Ma se è vero che è un buon posto, tuttavia non è il posto giusto dove un senza dimora possa stare. Per il sem- FONTE: OSSERVATORIO NAZIONALE DISAGIO E SOLIDARIETÀ Il popolo delle stazioni 13 mila i senza dimora in 11 stazioni italiane, censiti nel % gli uomini tra gli homeless censiti 78% gli stranieri tra gli homeless censiti 11 le stazioni in cui Trenitalia, tramite Onds, ha aperto help center 56 le persone senza dimora che potranno essere accolte dal nuovo Rifugio Caritas in stazione Centrale, a Milano novembre 2011 scarp de tenis.13

13 Fu visitato da Madre Teresa Il centro di accoglienza sarà operativo dall inizio del prossimo anno. Ma prima di Natale è prevista l inaugurazione, alla presenza dell arcivescovo di Milano, Angelo Scola, e delle autorità cittadine. Per il mondo della solidarietà milanese, l apertura di questa struttura ha un silungo i binari c è chi si ferma plice fatto che è stata costruita per altri scopi». Proprio per aiutare i senza tetto a capire la differenza che passa tra un posto buono per loro e un posto giusto dove potere sperare di migliorare la propria condizione, le Ferrovie hanno aperto nelle stazioni gli help center. In questi sportelli, gli operatori non offrono assistenza in senso proprio, ma orientano gli homeless verso altri servizi cittadini: dormitori, mense, centri diurni, ambulatori. Strutture che possono essere presenti fisicamente anche nei pressi delle stazioni, come nel caso di Roma Termini, dove accanto allo sportello sorgono anche un centro diurno, un poliambulatorio, un ostello e una mensa. O come accadrà a Milano, dove sta per aprire i battenti un rifugio notturno, proprio sotto i binari della Centrale. «Proprio questi due casi dimostrano in modo inequivocabile che le Fs non vogliono solo allontanare i senza dimora dalle stazioni, facendo un repulisti di presenze scomode commenta Radicchi. Al contrario, vogliono un operazione autenticamente sociale: gli homeless vengono aiutati a uscire dalle stazioni, per evitare che, rimanendoci, si trasformino in casi cronici. Per questo motivo gli help center sorgono solo là dove ci sono almeno due condizioni: un comune sensibile e disponibile a farsi carico delle sue responsabilità, anche nei confronti dei cittadini più bisognosi; un vivace tessuto di associazioni ed enti non profit, impegnati nell assistenza sociale. Senza queste due garanzie, non è possibile immaginare percorsi di emancipazione fuori dalle stazioni, e non avrebbe senso creare uno sportello che di quel cammino è il primo passo». Milioni sul piatto Il primo help center ad aprire i battenti, in Italia, è stato nel 2000 quello della stazione Centrale di Milano. Poi, nel 2002, è stata la volta di Roma Termini. Dalle due esperienze iniziali, e dopo la sottoscrizione di una convezione tra Associazione nazionale dei comuni italiani e Ferrovie dello Stato, è nata la rete degli sportelli di ascolto. Nel 2008 un significativo impulso alla costruzione del network sociale è stato dato dal progetto Cuore in stazione, firmato da Fs ed Enel Cuore, onlus collegata al colosso nazionale dell energia elettrica, che ha deciso di mettere sul piatto 3 milioni di euro, in tre anni, per la ristrutturazione di nuove sedi, il potenziamento delle attività presenti, l acquisto di camper mobili. Attualmente gli help center sono operativi in 11 stazioni della penisola (Roma Termini, Milano, Genova Cornigliano, Bologna, Firenze Santa Maria Novella, Chivasso, Pescara, Napoli, Foggia, Catania e Rimini). Sono iniziati i lavori a Torino e Menfi e si sono gettate le basi per prossime aperture a Messina, Mestre, Trieste, Lecce, Como, Bologna, Bari, Varese, Ancona, Perugia. Poiché la preoccupazione di salvaguardare il decoro delle stazioni e offrire, nel contempo, un aiuto ai senza tetto che vi abitano non è solo italiana, molte Rifugio notturno per 56, qui operò Il nuovo centro d accoglienza in Centrale: collaborano Fs, Enel Cuore, Fondazione Cariplo 14. scarp de tenis novembre 2011 Un posto per chi non sa dove passare la notte. Un luogo dove essere accolti e ripartire. È questo il Rifugio Caritas, il dormitorio, che sta per essere realizzato nei pressi della stazione Centrale di Milano. Il centro di accoglienza sarà in grado di offrire 56 posti letto, aprirà ogni sera alle 18 (alle 19 in estate) e chiuderà alle 8.30 della mattina. Gli ospiti avranno a disposizione lenzuola e coperte, un armadietto per il depo- sito del vestiario, la possibilità di utilizzare un locale lavanderia. La mattina potranno fare colazione. Il Rifugio Caritas sarà, come si dice in gergo, un servizio a bassa soglia, concepito quindi per dare ai senza dimora una risposta immediata a un bisogno concreto e urgente: quello di trovare un riparo per la notte. Per questa ragione, una quota dei posti sarà anche a disposizione per l accoglienza dei casi più disperati: gli homeless che gli agenti della polizia e i volontari incontrano per strada, persone talmente marginali e disorientate che non hanno nemmeno la forza di chiedere aiuto. Tuttavia, il centro potrà anche essere la tappa di un percorso di emancipazione. Almeno questo è quello che cercheranno di fare i due operatori part time in servizio e i volontari, orientando gli ospiti verso la rete dei servizi sociali presenti in città.

14 l inchiesta Fratel Ettore, Fondazione Milan e Caritas gnificato anche simbolico. Il nuovo servizio si trova in via Sammartini, in uno dei tunnel sotto i binari: non uno spazio qualsiasi, ma i locali dove per anni Fratel Ettore Boschini, noto a tutti semplicemente come Fratel Ettore, ha offerto fino alla sua morte, nel 2004, sostegno e riparo agli ultimi della fila, catalizzando anche l entusiasmo di centinaia di volontari, che hanno voluto condividere con lui una fondamentale pagina della storia dell impegno sociale meneghino. Impegno consacrato anche dalla visita, nel 1979, di Madre Teresa di Calcutta all ostello di Fratel Ettore. Il nuovo dormitorio nasce ora da una collaborazione di più soggetti: verrà aperto grazie al contributo di Enel Cuore (la onlus di Enel), Ferrovie dello Stato grandi città europee hanno elaborato strategie di risposta. La Gare du Nord di Parigi, che con i suoi 800 mila passeggeri al giorno è uno degli snodi più importanti al mondo, ospita al suo interno, e nella zona circostante, a seconda delle stagioni, una popolazione tra i 600 e gli 800 senza dimora. A Berlino, la stazione nei pressi dello Zoo, frequentata negli anni Settanta e Ottanta da prostitute e tossicodipendenti, anche dopo la riqualificazione degli anni Novanta ha continuato a essere il punto di raccolta del disagio sociale: oggi vi bazzicano circa 400 senza tetto, che si mescolano ai circa 120 mila passeggeri al giorno. Italiane (che mettono a disposizione gli spazi) e Fondazione Cariplo, nell ambito del progetto Un cuore in stazione. L iniziativa è stata sostenuta anche da Modello in Europa «A parte la Spagna che, per ragioni di sicurezza, dopo l attentato della stazione di Atocha a Madrid dell 11 marzo 2004 ha interdetto ai senza dimora gli scali ferroviari spiega Carlo Carminucci, dell Istituto superiore di formazione e ricerca per i trasporti in tutti gli altri paesi le aziende ferroviarie hanno preso atto che i soggetti gravemente emarginati sono una presenza con la quale bisogna fare i conti». Le ferrovie francesi, ad esempio, controllano attività di assistenza all interno delle stazioni, stipulando convenzioni con le organizzazioni non profit. Le ferrovie tedesche, attraverso l intermediazione della Bahnhofsmission, l organismo per gli interventi sociali del gruppo, coordinano attività di ascolto e orientamento verso la solida rete dei servizi municipali. A seconda della storia e delle tradizioni di ogni paese, emergono insomma stili e modalità di intervento diversi. Da qualche tempo, tuttavia, si guarda proprio all Italia come a un modello. Nel 2010 anche la Fondazione delle ferrovie spagnole, infatti, ha aderito alla Carta europea della solidarietà, promossa dalle reti ferroviarie di Italia, Francia, Belgio, Lussemburgo e Polonia. Le reti firmatarie hanno ottenuto l approvazione, da parte della Commissione Ue, del progetto Hope in Stations, che indica proprio gli help center, realizzati dal gruppo ferroviario italiano, come strumento innovativo per fronteggiare il degrado sociale nelle stazioni. «È ancora presto per dire se sorgeranno anche a Parigi o a Varsavia sportelli come i nostri. Certamente assicura Franca Iannaccio, ricercatrice dell Onds che segue il progetto europeo siamo un punto di riferimento». La punta più avanzata di conciliazione di interessi contrapposti: quello dei viaggiatori e dei vagabondi. Nell attesa che il dottor Jekyll e mister Hyde scoprano di assomigliarsi più di quanto credono. Anzi, di esser le due identità dello stesso corpo sociale. E in fondo, dello stessa umanità.. Un centro accogliente In basso, un anticipazione di come sarà l ingresso del Rifugio Caritas in Centrale, realizzato con il contributo di Enel Cuore, Ferrovie dello Stato, Fondazione Cariplo e Fondazione Milan Fondazione Milan. I soggetti finanziatori e donatori hanno chiesto a Caritas Ambrosiana di farsi carico della gestione.. novembre 2011 scarp de tenis..15

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

1. Diversi Mezzi di Trasporto

1. Diversi Mezzi di Trasporto 1. Diversi Mezzi di Trasporto Introduzione Oggi vorrei parlare del traffico e dei mezzi di trasporto: si può p.es. viaggiare in macchina, in treno, in aereo e in pullman. Chi vuole fare un viaggio turistico

Dettagli

Roma, 25 giugno 2008. Le politiche sociali delle Ferrovie dello Stato

Roma, 25 giugno 2008. Le politiche sociali delle Ferrovie dello Stato Roma, 25 giugno 2008 Le politiche sociali delle Ferrovie dello Stato Codice Etico Le Ferrovie dello Stato agiscono sui mercati e nella società Sono in prima linea nello sforzo di modernizzazione del paese,

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2012

RASSEGNA STAMPA 2012 RASSEGNA STAMPA 2012 INAUGURAZIONE HELP CENTER TORINO RAPPORTO ONDS 2011 DIARIO ELETTRONICO UN CUORE IN STAZIONE Inaugurazione della "Casa di prima accoglienza notturna per persone senza fissa dimora"

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il cartone vince sul degrado

Il cartone vince sul degrado 1. Il cartone vince sul degrado inshare Il cartone vince sul degrado di Sergio Ferraris Al Rione Sanità ogni giorno si raccolgono 2,3 tonnellate di cartone. Un risultato eccellente dovuto non solo alla

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Newsletter gennaio 2015

Newsletter gennaio 2015 Newsletter gennaio 2015 Anche nel 2014, il nostro Villaggio si è confermato come una realtà in continuo movimento. In questo periodo ancora così difficile, i bisogni si evolvono e il Villaggio si evolve

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

ESAME FINALE D'ITALIANO A1

ESAME FINALE D'ITALIANO A1 ESAME FINALE D'ITALIANO A1 TOTALE / 80 I. COMPRENSIONE DELL'ASCOLTO (0 10) 80-73,5 pkt 5 73-67 pkt 4,5 66,5-61 pkt 4 60,5-54 pkt 3,5 53,5-41 pkt 3 Ascolta e segna una risposta corretta. / 10 1. Le persone

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO 1 Argomento FASE STORICA 1 FASE : La prima colonia marina di Ostia nacque nel 1916, su progetto dell'architetto

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CHIESA E CRISI ECONOMICA: PRESTITO DELLA SPERANZA GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA PRESTITO DELLA SPERANZA Il Prestito della Speranza è una iniziativa della Chiesa Cattolica

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta)

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) FIABA ONLUS FIABA si propone di abbattere tutte le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali,

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS

Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS Mi permetto di cominciare la mia relazione con una provocazione: una frase di Einstein Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi

Dettagli

Guida al CouchSurfing

Guida al CouchSurfing Guida al CouchSurfing TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE Introduzione Quante volte vi è capitato di dover rinunciare ad una vacanza, o di dover cambiare meta, perché i costi degli alloggi erano troppo alti?

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE

L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE L Osservatorio Nazionale sul Disagio e la Solidarietà

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

il coraggio di diventare PICCOLI SEGNI DI SPERANZA IN MEZZO ALLE VULNERABILITÀ SOCIALI Caritas Diocesana Torino 2013-2014

il coraggio di diventare PICCOLI SEGNI DI SPERANZA IN MEZZO ALLE VULNERABILITÀ SOCIALI Caritas Diocesana Torino 2013-2014 il coraggio di diventare PICCOLI SEGNI DI SPERANZA IN MEZZO ALLE VULNERABILITÀ SOCIALI Caritas Diocesana Torino 2013-2014 29 marzo 2014: XXV Giornata Caritas La Chiesa di Torino sta lavorando sul tema

Dettagli

guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi

guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi che cosa significa essere au pair? Il programma au pair permette alle ragazze di 18-26 anni di vivere presso

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3)

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) 1. Completa il testo con gli articoli e le desinenze dei nomi e degli aggettivi. Le tendenze alimentari italiane. Quali sono le mode alimentari

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa Avenue des Arts, 20/4 B1000 Bruxelles Telefono +32 2 2335432 osservatorio@osservatorioinca.org www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra La presenza

Dettagli

Dare concretezza alla responsabilità sociale d impresa

Dare concretezza alla responsabilità sociale d impresa Roma, 4 giugno 2014 SALONE DELLA CSR E DELL INNOVAZIONE SOCIALE Università Luiss Guido Carli Dare concretezza alla responsabilità sociale d impresa Fabrizio TORELLA, Ferrovie dello Stato Italiane, Direzione

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data...

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data... UNITÀ Vocabolario Scelte corrette.../0 Data... Completa il dialogo con le parole: dimmi, ci vediamo, ciao, pronto, ti ringrazio..., Pronto parlo con casa Marini? Sì Marco, sono Andrea che cosa vuoi?...,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

culturama Invito Ufficiale raccontare mondo politica blog giornalismo idee commenti bellezzala stampa cultura LUISS Il Festival dell Informazione a

culturama Invito Ufficiale raccontare mondo politica blog giornalismo idee commenti bellezzala stampa cultura LUISS Il Festival dell Informazione a arta atira bellezzala stampa comunicazione mondo omande risposte oggi e domani tweets raccontare informazione sport commenti cultura giornalismo media politica blog esteri idee internet 1011 APRILE 2015

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE:

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: 1. dove sei? Sono Milano 2. Dove abiti? Abito Italia. 3. Come vai all'università? Vado bicicletta. 4. Vieni

Dettagli

19 settembre 17 ottobre 2014: Nel salone della Sede viene allestita la mostra Presenze scomode con fotografie di Carlo Rotondo e Sndro Rafanelli.

19 settembre 17 ottobre 2014: Nel salone della Sede viene allestita la mostra Presenze scomode con fotografie di Carlo Rotondo e Sndro Rafanelli. EVENTO 5: MOSTRA FOTOGRAFICA NEL SALONE DELLA SEDE 19 settembre 17 ottobre 2014: Nel salone della Sede viene allestita la mostra Presenze scomode con fotografie di Carlo Rotondo e Sndro Rafanelli. Proposta

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing,

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing, Casa e abitare come politica sociale. L esperienza di CasaAmica. Intervista a Giovanni Chiesa, fondatore e direttore di CasaAmica di Bergamo A cura di Marina Bettoni Sommario: Proponiamo l esperienza della

Dettagli

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere VIAGGI NELLE STORIE Frammenti di cinema per narrare L incontro Percorso di italiano L2 per donne straniere Claudia Barlassina e Marilena Del Vecchio Aprile Maggio 2009 VIAGGI NELLE STORIE I PARTE GUARDA

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

VENEZIA-MURANO-BURANO

VENEZIA-MURANO-BURANO VENEZIA-MURANO-BURANO Autore : Giorgio Oggetto : fine settimana 07 /10 Aprile 2011 a Venezia Equipaggi : Challenger Genesis 49 ( Giorgio, Elena, Diego, Gabriele ) Miller Illinois ( Vittorio, Mirando, Elsa

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Capodimonte. Fonte Wikipedia

Capodimonte. Fonte Wikipedia Capodimonte Fonte Wikipedia Il Museo nazionale di Capodimonte è un museo di Napoli, fu progettato dagli architetti Giovanni Antonio Medrano e Antonio Canevari ubicato all'interno della reggia omonima,

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

Unità 4 ESERCIZI. 1 Cameriere. U4, A e B:

Unità 4 ESERCIZI. 1 Cameriere. U4, A e B: Unità 4 ESERCIZI U4, A e B: 1 Prenotare un tavolo al ristorante. Secondo te, che cosa dice questo cameriere quando risponde al telefono? Scrivi la prima frase. Poi rimetti in ordine la telefonata tra il

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

INCONTRO MIMMO GARGANO BITETTO. con. www.mimmogargano.it

INCONTRO MIMMO GARGANO BITETTO. con. www.mimmogargano.it INCONTRO BITETTO con www.mimmogargano.it MIMMO GARGANO Domenico Gargano Sono stato Assessore al Personale, Servizi Sociali e Sanitari, Anagrafe e Demografici, Polizia Municipale del Comune di Bitetto.

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Abschlussklausur. Italienisch Italiano Online SS 2008. Comprensione orale: / 15. Comprensione scritta: / 20

Abschlussklausur. Italienisch Italiano Online SS 2008. Comprensione orale: / 15. Comprensione scritta: / 20 Abschlussklausur Italienisch Italiano Online SS 2008 Dozent: Davide Schenetti Comprensione orale: / 15 Comprensione scritta: / 20 Riflessione grammaticale e interculturale: / 40 Produzione scritta: / 25

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE TRA L ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI, con sede legale in Roma, Via dei Prefetti

Dettagli

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO Siamo giovani rom, sinti e non rom, italiani e stranieri. Molti di noi vengono da una storia di disagio, soprusi ed esclusione, ma non ci siamo fermati e non ci fermeremo.

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

La Biennale 2015. A Genova, dal 5 al 7 giugno 2015. Cos è la Biennale della Prossimità. Chi partecipa alla Biennale della Prossimità

La Biennale 2015. A Genova, dal 5 al 7 giugno 2015. Cos è la Biennale della Prossimità. Chi partecipa alla Biennale della Prossimità La Biennale 2015 Cos è la Biennale della Prossimità La Biennale della Prossimità si svolgerà a Genova dal 5 al 7 giugno 2015. È un appuntamento nazionale dedicato interamente alle comunità locali, alle

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari Relatore Simonetta Piras Comune di Cagliari[Soft Break]Assessorato alle Politiche Sociali Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari La complessità della società attuale, le

Dettagli