RAV. Rapporto di Autovalutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAV. Rapporto di Autovalutazione"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO RAV Rapporto di Autovalutazione Dirigente: dott.ssa Loredana Lanati 1

2 RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1)Breve storia della scuola in relazione al contesto in cui opera L IC di Belgioioso, istituito nell'anno 2005, è composto complessivamente da 11 punti di erogazione del servizio dislocati in cinque comuni, tra loro facilmente raggiungibili: Belgioioso, Albuzzano, Linarolo, Valle Salimbene (complessivamente 5 scuole dell infanzia, 4 primarie e 2 secondarie di 1^ grado) disseminate nella cosiddetta Bassa Pavese. Il Comune principale, sede dell IC è la città di Belgioioso, che forma con gli altri comuni afferenti all IC, escluso Albuzzano, l Unione Comuni Terre Viscontee. Le tre scuole di Belgioioso contano circa 700 alunni. L IC intrattiene rapporti anche con il comune di S. Cristina e Bissone, che trasporta alla scuola media di Belgioioso un crescente numero di alunni. La popolazione scolastica complessiva ad oggi è di 1260 alunni di cui: iscritti alla scuola secondaria di Belgioioso - 78 iscritti alla scuola secondaria di Linarolo iscritti alla scuola primaria di Belgioioso iscritti alla scuola primaria di Albuzzano iscritti alla scuola primaria di Linarolo - 14 iscritti alla scuola primaria di San Zenone iscritti alla scuola dell'infanzia di Belgioioso - 84 iscritti alla scuola dell'infanzia di Albuzzano - 52 iscritti alla scuola dell'infanzia di Linarolo - 26 iscritti alla scuola dell'infanzia di San Zenone - 54 iscritti alla scuola dell'infanzia di Valle Salimbene 2)PRINCIPALI PARTNERSHIP STABILITE La scuola aderisce a diversi accordi di rete che sono di supporto alla didattica : - Rete di Scuole lombarde che promuovono Salute (SPS) - Rete CTRH (integrazione disabilità) - Rete per acquisizione LIM - Rete per integrazione alunni stranieri (con istituti scolastici del territorio, Piano di zona e coop Contatto ) - Rete CLIL - Rete progetto ARCA con altri istituti, enti territoriali e privati (CSF) per: spazio d ascolto, incontri formativi per le famiglie, supporto extra scolastico (attività di recupero, scuola secondaria), -IC Villanterio, IC Chignolo Po, Istituto Faravelli di Stradella: progetto Le scuole della bassa Pavese si orientano in rete (raccordo curricolare con Istituti Superiori -rete con Provincia di Pavia, UST e Università di Pavia per l orientamento con interventi sulle classi ( Progetto Condor) 3)DOTAZIONI TECNOLOGICHE Nell'anno 2008, alcune aule della scuola secondaria di I^ grado(sei su 15)sono state attrezzate di LIM,grazie al progetto "LIM 14 Poli" che prevedeva la formazione dei docenti, sponsorizzato al 50% dalla Regione Lombardia e al 50% dalla Provincia di Pavia. Negli anni seguenti è stata completata la dotazione di LIM nelle altre classi con 2

3 progetti ministeriali. In questi ultimi anni anche alla scuola primaria alcune aule sono state dotate di LIM; in tutti i plessi scolastici è funzionante un laboratorio di informatica con la presenza di una lavagna multimediale utilizzabile da qualsiasi classe. Scuole infanzia primaria secondaria Laboratori PC 0 3 PC 1 PC LIM PC portatili con softwer specifici La scuola secondaria di I^ grado di Belgioioso è sede di Test-Center per il conseguimento del diploma ECDL. 4)ORGANIGRAMMA: -Collaboratori del dirigente n. 2 -Coordinatore scuole dell infanzia n. 1 -Funzioni strumentali n.6 - Responsabili di sede: 11 -Referenti dei dipartimenti disciplinari di matematica e italiano:2 -Coordinatori dei consigli di classe scuola secondaria n. 15 -Coordinatori team docenti scuola primaria (docenti prevalenti): n.30 -Referenti di progetto di istituto o di plesso: 6 -SPP (servizio di prevenzione e protezione):32 -RSU/ROS: 4 5)PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Dal 2003 la scuola, allora Direzione Didattica e successivamente dal 2005/2006 IC, ha utilizzato strumenti e strategie desunti dal modello TQM al fine di uniformare alcuni processi e procedure senza tuttavia giungere ad una completa valutazione/autovalutazione di istituto, soprattutto per mancanza di fondi. Il team VSQ (progetto al quale la scuola partecipa da tre anni) nel 2011 ha ritenuto che l area della valutazione interna e il conseguente miglioramento fossero da potenziare Per nel nostro IC diventa indispensabile uno strumento di analisi /autovalutazione oggettivo e rigoroso, e un conseguente piano di miglioramento che investano tutte le aree dell organizzazione e vadano oltre le aree esplorate dal Piano di Miglioramento innescato dal VSQ. PERCHE L APPLICAZIONE DEL CEF Risultato atteso dalla applicazione del CEF: migliorare la qualità complessiva dell organizzazione per migliorare la qualità delle performances individuali. Nell anno scolastico 2011/2012 l IC ha deliberato l adesione al Caf External Feedback nella versione adattata alla scuola con delibera del collegio docenti del 6 marzo 2012 e delibera del consiglio di Istituto del 30 maggio 2012; ai due organi ha partecipato il DSGA Mandrini Luisa, per le necessarie ricadute nell ambito della segreteria, importante anello di raccordo tra la componente didattica e amministrativa. 3

4 AZIONI PRELIMINARI AVVIATE: - FORMAZIONE: il Ds e tre docenti funzioni strumentali hanno aderito alla formazione proposta dal polo qualità Requs dell USR di Milano. -GAV: è stato istituito con delibera del collegio docenti del 6 marzo 2012 si è riunito nelle seguenti date 16 marzo 2012, 14 e 15 maggio 2012; nel corrente anno 2012/2013 ha inglobato un nuovo membro. Nel corrente anno 2012/2013 ha sostituito un membro (fiduciaria di plesso) e si è riunito in data 23/01/2013;4, 12, 13 e 20 febbraio 2013; 6, 12, 20, 25, 27 marzo 2013; 2, 3, 4, 5, 8 aprile E stata avviata la formazione del personale e la pubblicizzazione dello strumento CAF presso le famiglie tramite verbalizzazioni di atti (consigli di interclasse, consigli di Istituto); presentazione in ppt al collegio docenti, al consiglio di Istituto e ai rappresentanti di classe Pubblicazione sul sito dell IC dell'intero documento COINVOLGIMENTO STAKEHOLDER -Sono stati coinvolti i genitori rappresentanti delle famiglie nella individuazione dei valori cui l IC intende ispirare il proprio progetto educativo e nella individuazione della mission e della vision. - VALORI, MISSION e VISION sono stati approvati nel collegio docenti del 30 giugno 2012 e nel consiglio di Istituto di adozione del pof del 13/11/2012. PIANIFICAZIONE DELL AUTOVALUTAZIONE L attività di autovalutazione è stata pianificata in sede di progettazione esecutiva e nel corso dei successivi incontri operativi che hanno visto coinvolto il gruppo di lavoro e il sottogruppo. La fase di esecuzione è stata realizzata nei seguenti step: - condivisione della griglia complessiva sui dati relativi ai 5 Fattori Abilitanti; - compilazione della Griglia relativa ai Fattori Abilitanti, - condivisione della griglia relativa ai Risultati; - compilazione a cura del GAV della Griglia complessiva relativa ai Risultati; - valutazione individuale dei FA e dei Risultati; -compilazione del questionario di AV - confronto e stesura del Report di Autovalutazione, a cura del GAV. Nota: Dall analisi dei punteggi assegnati si evidenzia come le fasi PLAN e DO assumano valori superiori alle fasi CHECK ed ACT, che risultano essere carenti in diversi fattori abilitanti esaminati. 4

5 CRITERIO 1 LEADERSHIP SINTESI sottocriterio 1.1 Orientare l'istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori. Il rapporto del progetto VSQ, ha evidenziato la mancanza di una valutazione interna quale punto debole da dover potenziare. Di conseguenza il Dirigente ha invitato i docenti a partecipare ad un seminario sul modello CAF per l'autovalutazione. Al termine del corso i docenti hanno relazionato al collegio docenti nel quale è stato deciso di utilizzare il modello CAF come guida per l'autovalutazione.(6 marzo 2012) Successivamente il gruppo composto da tutti i docenti funzione strumentale insieme al dsga e ad un membro della segreteria ha elaborato una bozza di vision, mission e valori. Attraverso un questionario è stato chiesto ai rappresentanti dei genitori, appositamente convocati insieme ai docenti fiduciari di plesso, di esprimere il loro parere in merito al progetto di Autovalutazione ed ai nuovi contenuti proposti. Quasi la totalità dei partecipanti ha manifestato approvazione ed interesse per tutte le proposte. Sulla base delle risposte, i docenti funzione strumentali hanno ridefinito i valori, la vision e la mission per sottoporli al Collegio Docenti del 30 giugno nel quale sono state approvate con un solo astenuto.valori, vision e mission sono diventate parte integrante del pof e quindi principi ispiratori dell'intera comunità educante. Sono stati stesi i protocolli: accoglienza del personale-famiglie -alunni con bisogni speciali Al termine di questo anno scolastico sarà verificata la valenza e la ricaduta didattica attraverso questionari e verbali di focus group PUNTI DI FORZA Tutti concordano sui seguenti punti di forza: 1. la definizione dei valori è stata effettuata con la collaborazione dei portatori d'interesse 2. l'organizzazione delle attività è funzionale agli obiettivi e agli interessi di studenti e famiglie 3. la dirigenza è attenta a capire e soddisfare le esigenze e le aspettative degli utenti interni ed esterni AREE DA MIGLIORARE Si ritiene opportuno chiarire ed esplicitare un codice di condotta coerente con i valori, da allegare al POF, per fornire linee guida a tutto il personale e predisporre un'attività di monitoraggio per rilevare la ricaduta in termini di motivazione e cambiamenti di atteggiamenti/comportamenti. Si prende visione della tabella dei punteggi individuali e si calcola la media IDEE PER IL MIGLIORAMENTO All unanimità si stabilisce di effettuare attività di monitoraggio per: rilevare il livello di conoscenza della Mission/Vision /Valori,la valenza e la ricaduta didattica PUNTEGGIO PLAN 90 DO 85 CHECK 80 ACT 80 TOTALE 84 5

6 SINTESI sottocriterio1.2. Sviluppare e implementare un sistema di gestione dell istituzione, delle sue performance e del cambiamento L a scuola individua la proposta più funzionale ai bisogni dei docenti attraverso incontri di informazione. Elabora il funzionigramma e l' organigramma, insieme alla definizioni dei gruppi di lavoro e delle aree funzionali alla realizzazione del POF. Procede alla comunicazione con la loro publicizzazione sul sito e con circolare interna. Stabilisce le percentuali di miglioramento nei 4 ambiti strategici attraverso le commissioni con le rispettive FS Il successo formativo viene monitorato dal punto di vista decimologico con criteri condivisi e con la rilevazione delle criticità su cui impostare azioni di recupero o potenziamento. E' monitorato l'andamento degli studenti che alla fine della 3^media frequenteranno le scuole secondarie di 2^ grado attraverso il progetto orientamento. Rende trasparenti le decisioni attraverso le pubblicazioni sul sito (liste di attesa alla scuola dell'infanzia, dati INVALSI, Bilancio,Verbali) Vengono realizzate azioni di audit sulla regolarità normativa e contabile grazie ai revisori dei conti Vi sono attività di controllo interno circa l'effettuazione dei progetti attraverso report finali e l'approvazione del consiglio istituto; E' stata creata una mailing-linst per docenti e rappresentanti di classe per rafforzare la comunicazione Sono state comunicate anche attraverso gli organi collegiali le iniziative di cambiamento e le ragioni di tali cambiamenti al personale e ai portatori di interesse. (autovalutazione caf,...quadis...) PUNTI DI FORZA Negli ultimi tre anni nella scuola si pianifica, si progetta, si controllano gli apprendimenti degli alunni, si monitorano i risultati attraverso prove comuni d istituto, si agisce di conseguenza per migliorare gli aspetti legati alla progettazione,all organizzazione e all erogazione del servizio. I docenti utilizzano schemi di lavoro impostati nell'ottica PDCA per: - i progetti curriculari che prevedono la ricaduta nelle competenze e negli apprendimenti degli alunni - la programmazione di UDA -la progettazione di Percorsi didattici Brevi AREE DA MIGLIORARE Si evidenzia l'esigenza di rafforzare la comunicazione nell intento di renderla sempre più efficace, spedita e funzionale soprattutto per quanto riguarda l'introduzione di innovazioni per evitare eventuali fraintendimenti Sarebbe auspicabile confrontarsi con scuole che adottano il modello CAF per approfondire la conoscenza e consolidare l'utilizzo. IDEE PER IL MIGLIORAMENTO Si ritiene utile un fattivo confronto con gli istituti che adottano il CAF PUNTEGGIO PLAN 95 DO 85 CHECK 85 ACT 80 TOTALE 86 6

7 SINTESI sottocriterio 1.3 Motivare e supportare il personale dell istituzione e agire come modello di ruolo Vengono sollecitati e accolti feedback costruttivi proposti da docenti e genitori raccolti negli incontri sia degli organi collegiali sia delle riunioni mensili calendarizzate. Lo staff si riunisce a cadenza settimanale al fine di individuare azioni di miglioramento a livello organizzativo generale. Si potenzia la circolazione degli imput di miglioramento sui temi prioritari( 4 aree del POF individuate dalla rete SPS ( scuole che promuovono salute) e life-skills) La promozione di attività innovative della didattica avviene attraverso la realizzazione di progetti mirati : e-twinning- life-skills- VSQ e relative azioni di miglioramento - CLIL- adesione rete SPS, Matematita : didattica della matematica con Università Bicocca di Milano -Esiste una mailing-list per comunicare con il personale in moda da velocizzare richieste e risposte - E consuetudine consolidata nei docenti comunicare via mail con il DS per segnalare problemi, per sveltire pratiche burocratiche, per chiedere consulenza. PUNTI DI FORZA La leadership: - è attenta a cambiamenti esterni tenendosi aggiornata sulla legislazione; -dimostra la propria disponibilità al cambiamento considerando i feedback costruttivi proposti dai portatori di interesse - La presenza delle FS nei gruppi di lavoro è di stimolo per proporre nuove metodologie (attività di sperimentazione, di ricerca-azione, ) e introdurre modifiche riguardo ai processi in atto. Dalla discussione emerge che a volte la leadership è troppo proattiva nel proporre nuove ed interessanti innovazioni ma non sempre fornisce suggerimenti o consigli per concretizzare le nuove proposte Molti sono i docenti pronti ad impegnarsi in nuove proposte e altrettanti invece richiedono maggiori incoraggiamenti e gratificazioni. AREE DA MIGLIORARE Si ritiene necessario stimolare maggiormente il personale ad essere più proattivo a fornire suggerimenti per migliorare e sviluppare la qualità del servizio. IDEE PER IL MIGLIORAMENTO Si ritiene importante riconoscere e ricompensare gli sforzi individuali anche con incoraggiamenti verbali o gesti simbolici PUNTEGGIO PLAN 90 DO 90 CHECK 95 ACT 80 TOTALE 89 7

8 SINTESI sottocriterio1.4 :gestire i rapporti con i politici e gli altri portatori di interesse al fine di assicurare la condivisione delle responsabilità La leadership intrattiene numerosi rapporti con i politici e gli altri portatori di interesse, sia a livello nazionale che a livello locale, per assicurare una coerenza tra offerta formativa dell istituto e quadro politico, amministrativo, economico e normativo e incrementare risorse e opportunità per le iniziative programmate. L IC intrattiene rapporti di collaborazione finalizzate alla condivisione delle responsabilità educative come da evidenze e documenti riportati e riprese nell elenco dei partner di cui al criterio 4.1 Le associazioni del territorio (Lions, per finanziamento Trinity e alcuni privati ) contribuiscono ad introdurre condizioni di eccellenza nelle scuole nell ottica della maggiore qualità al minor costo. La ricaduta sui risultati in termini di output e outcome richiederebbe un monitoraggio sistematico La scuola partecipa alle ricorrenze in condivisione con gli EE. LL., alle giornate dimostrative per conoscenza e divulgazione delle associazioni sportive e umanitarie e realizza progetti finalizzati al benessere SPS (Scuola che promuove salute) 1.La leadership si dimostra attenta alle decisioni politiche che hanno implicazioni sulla vita dell istituto. 2. Gli obiettivi e le finalità dell istituzione sono coerenti con le decisioni politiche. 3. La DS regolarmente mantiene relazioni proattive con le autorità politiche e si rapporta alle gerarchie esecutive e legislative competenti. La leadership cerca di favorire il coinvolgimento delle autorità politiche e degli altri portatori di interesse nella definizione degli output e degli outcome, ma non nello sviluppo del sistema di gestione dell organizzazione. Sarebbe funzionale una pianificazione degli incontri periodici con le amministrazione comunali ed enti esterni, per poter effettuare un monitoraggio utile ad una nuova ripianificazione degli incontri ed alla valutazione Si prende visione della tabella dei punteggi individuali e si calcola la media. -La leadership potenzia il coinvolgimento delle autorità politiche e degli altri portatori di interesse nella definizione degli output e degli out come - Si pianificano sistematicamente e si calendarizzano gli incontri periodici con l amministrazione comunale, gli enti esterni che collaborano con la scuola, i rappresentanti dei genitori Idee per il miglioramento: Intensificare il monitoraggio dei rapporti con gli ENTI e con i rappresentanti dei genitori PUNTEGGIO PLAN 90 DO 85 CHECK 75 ACT 70 TOTALE 80 8

9 CRITERIO N. 2 POLITICHE E STRATEGIE SINTESI sottocriterio 2.1 Raccogliere informazioni relative ai bisogni presenti e futuri dei portatori di interesse Il gruppo Gav ha individuato tutti i portatori di interesse ed insieme al DS ha elaborato la tabella di sintesi. La maggior parte dei bisogni e delle aspettative dei portatori d interesse viene esplicitata in modi diversi. Strumento principale di feed-back della soddisfazione del cliente sono i dati che si raccolgono nelle assemblee e nei consigli di classe. La lettura dei questionari di soddisfazione è trasversale. Il DS prende in considerazione le proposte, le criticità individuate, gli eventuali reclami, li rielabora con lo staff e li restituisce sottoforma di miglioramento nella revisione dei processi. La rilevazione delle aspettative degli alunni è principalmente rivolta agli alunni più grandi e da quest'anno sarà somministrato il questionari del progetto SPS per rilevare soddisfazione e aspettative del progetto life-skills. Si è predisposta la tabella per l individuazione degli stakeholder per poterne aver presente sempre le esigenze. Si è aderito alla rete Scuole che promuovono salute e si sono elaborati i profili salute Si aggiornano costantemente i dati amministrativi Si collabora fattivamente con il Piano di Zona e altre agenzie del territorio che possono offrire attenzione e stimoli alla Scuola Si rileva la necessità di rafforzare l'analisi sistematica dei punti di forza e di debolezza IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Si ritiene importante raccogliere dati riferiti ai bisogni ed alle aspettative dei portatori d interesse ( genitori classi prime medie e quinte), già al momento dell iscrizione per poi analizzarli ed utilizzarli per le politiche e strategie dell istituto. PUNTEGGIO PLAN 90 DO 85 CHECK 90 ACT 85 TOTALE 88 9

10 SINTESI sottocriterio: 2.2 Sviluppare, rivedere e aggiornare politiche e strategie tenendo in considerazione i bisogni dei portatori di interesse e le risorse disponibili In questo anno scolastico ogni attività è stata impostata nell'ottica della ruota di Deming PDCA, grazie alla quale è possibile rivedere e ripianificare nella prospettiva del miglioramento continuo. E' stato già elaborato un piano di miglioramento che ha facilitato la revisione delle politiche e strategie grazie all' individuazione di obiettivi smart (specifici, misurabili, realistici, calendarizzati ) riferiti alle singole performance del personale. Sono stati predisposti i nuovi modelli delle programmazioni e dei progetti e si lavora nell ottica della implementazione di una didattica orientativa basata sui bisogni degli alunni. Da quest anno nella scuola secondaria, ( da più anni nella scuola primaria) si somministrano prove di verifica comuni con relative analisi finalizzate alla rilevazione delle criticità e si pianificano azioni di miglioramento. I risultati INVALSI sono analizzati e resi pubblici con la proiezione di un PPT al collegio e pubblicazione sul sito. Si stabiliscono obiettivi strategici di medio lungo termine coerenti con mission e vision, si effettuano monitoraggi per rilevare gli apprendimenti e le competenze degli alunni, si predispone un questionario per la rilevazione del grado di soddisfazione del personale (docenti e ATA) e degli alunni, si adottano criteri e descrittori comuni di valutazione periodicamente revisionati Si coinvolgono sistematicamente e in forma calendarizzata i portatori di interesse nella ridefinizione di politiche e strategie IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: - Misurare l efficacia dell impatto sulla comunità, oltre la mission formativa, nell ottica del riorientamento - Stabilire i tempi del monitoraggio PUNTEGGIO PUNTEGGIO: PLAN 95 DO 95 CHECK 95 ACT 95 TOTALE 95 10

11 SINTESI sottocriterio: 2.3 Implementare le strategie e le politiche nell intera organizzazione L implementazione delle politiche e delle strategie avviene annualmente attraverso il Piano dell'offerta Formativa (POF) elaborato prima delle iscrizioni per gli aspetti educativi e organizzativi e completato all inizio dell anno scolastico per gli aspetti didattici; è presentato al Consiglio di Istituto per l adozione. In tale documento sono indicati i criteri, le modalità operative per l erogazione dell offerta formativa e i progetti didattici legati ai processi chiave. Il Ds presenta il pof ai genitori negli incontri che precedono le iscrizioni Il documento è pubblicato sul sito e divulgato a tutte le famiglie tramite il diario Le finalità e gli obiettivi strategici si concretizzano nelle programmazioni educativodidattiche, nei progetti e nell erogazione dei servizi, nelle modalità organizzative, in obiettivi da raggiungere nell attività formativa. Politiche e strategie vengono riviste anche nel riesame della direzione la quale valuta la collaborazione con associazioni per reperire fondi utili alla realizzazione di progetti Si è effettuata una diffusione capillare del POF attraverso la convocazione delle assemblee dei genitori, la pubblicazione sui diari degli studenti e sul sito La leadership è molto motivata a diffondere ed ad implementare politiche e strategie Si ritiene necessario un maggiore coinvolgimento del personale e dei portatori di interesse nell implementazione di politiche e strategie coerenti con il POF e quindi alle innovazioni Si intende valutare in modo sistematico l'efficacia delle performance individuali IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Sviluppare metodi per misurare l'efficacia delle performance PUNTEGGIO PUNTEGGIO: PLAN 100 DO 100 CHECK 100 ACT 90 TOTALE 98 11

12 SINTESI sottocriterio : 2.4 Pianificare, attuare e rivedere le attività per la modernizzazione e l innovazione La programmazione educativo-didattica tiene conto delle competenze chiave europee da acquisire per rendere gli alunni preparati al cambiamento e all innovazione ed è caratterizzata dalla logica del PDCA. La promozione della cultura dell innovazione fra tutto il personale è supportata ogni anno da appositi piani di formazione. La maggioranza del personale docente ha seguito corsi d informatica e corsi di formazione sull uso delle Lim. L innovazione didattica è orientata all utilizzo di nuove metodologie con il supporto delle TIC. Tutte le classi della scuola secondaria di I^ grado sono dotate di LIM. L introduzione delle lavagne interattive ha introdotto la progettazione di Percorsi Didattici Brevi improntati ad una didattica interattiva laboratoriale. Le risorse economiche derivanti dal MIUR sono piuttosto esigue e in via di continua restrizione, perciò la Direzione ha cercato di reperire fondi attraverso le associazioni territoriali grazie alle quali è possibile realizzare corsi di lettorato di lingua 2, certificazioni esterne e il co-finanziamento dei corsi ECDL al fine di mantenere i processi di qualità e di arricchimento dell offerta avviati. Grazie a docenti desiderosi di attrezzare le future generazioni, di strumenti cognitivi indelebili si realizzano altri progetti: CLIL, E-TWINNING, MATEMATITA (in collaborazione con l'università Bicocca),COMPETENZE DIGITALI Il sito web viene aggiornato costantemente. La comunicazione viene effettuata attraverso due canali: quello cartaceo e quello informatico I curricola sono rivisti e aggiornati in base alle indicazioni ministeriali, alle incongruenze con le criticità INVALSI e da quest'anno si integreranno con i concetti di benessere e sicurezza in un approccio scolastico globale. La scuola si apre alla modernizzazione e all'innovazione attraverso approcci innovativi con i progetti realizzati ottimizzando i bilanci finanziari Le azioni di miglioramento si divulgano con incontri e si pubblicano sul sito Si ritiene necessario garantire lo sviluppo di un sistema efficiente di gestione del cambiamento che consenta di monitorare i progressi dell'innovazione Si ritiene importante elaborare e formalizzare comportamenti condivisi inerenti la didattica per alunni con BES IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: E necessario monitorare le innovazioni in termini di efficacia ed efficienza Si ritiene importante Misurare i cambiamenti che seguono all introduzione delle innovazioni (efficacia) PUNTEGGIO: PLAN 100 DO 100 CHECK 100 ACT 95 TOTALE 99 12

13 CRITERIO N. 3 PERSONALE SINTESI sottocriterio 3.1. Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente e coerente con le politiche e le strategie Le risorse umane sono considerate un elemento di forza per il conseguimento degli obiettivi prefissati, l attuazione dell offerta formativa e l erogazione dei servizi. La politica di gestione delle risorse umane è in pieno accordo con i piani del POF, il personale è supportato da: -protocollo di accoglienza per i neoassunti (pubblicato sul sito) -rendicontazione e trasparenza nell applicazione delle decisioni assunte - definizione dei criteri per l'assegnazione dei compiti (CD) -attribuzione di responsabilità e di opportunità di crescita professionale nel rispetto delle pari opportunità (CD) -rispetto e attenzione verso situazioni particolari Si supporta costantemente il personale nello sviluppo e/o nell utilizzo delle nuove tecnologie e nell implementazione dell e-gov offrendo opportunità di formazione. Si ritiene necessaria maggior chiarezza nell'assegnazione delle responsabilità IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Si ritiene importante effettuare un adeguato monitoraggio sull'efficacia delle nuove scelte PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 80 CHECK 90 ACT 85 TOTALE 86 13

14 SINTESI sottocriterio : 3.2 Identificare, sviluppare ed utilizzare le competenze del personale allineando gli obiettivi individuali a quelli dell'istituzione Ogni docente possiede un fascicolo personale contenente il curriculum vitae.(sistema informativo del Ministero). Il DS propone in accordo con il personale i piani di formazione coerenti con gli obiettivi dell'istituto e rispondenti alle esigenze individuali. Il piano di formazione si sviluppa con particolare attenzione alla progettazione, all'innovazione didattica e alla valutazione ed è ovviamente coerente con la mission Tiene conto e valuta la ricaduta didattica e soprattutto la corrispondenza costi/benefici per potenziare la ricerca azione Gestisce l'equilibrio della mobilità interna. Si è definito un piano generale di formazione basato sui bisogni del personale e coerente con le strategie; questo si sviluppa con particolare attenzione alla progettazione, all'innovazione didattica e alla valutazione ed è ovviamente coerente con la mission Si ritiene importante sviluppare le competenze di gestione delle relazioni con le famiglie e con i partner Si ritiene necessario sviluppare la comunicazione sulla gestione dei rischi, dei conflitti di interesse e sul codice di condotta Si ritiene costruttivo il monitoraggio quantitativo e qualitativo della formazione e della ricaduta sulla didattica IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Aumentare il numero delle unità di personale da coinvolgere nelle attività di formazione. PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 90 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 80 14

15 SINTESI sottocriterio : 3.3 Coinvolgere il personale attraverso lo sviluppo del dialogo e dell empowerment Si coinvolge il personale per la definizione degli obiettivi e dei processi attraverso gli incontri di programmazione e le commissioni di lavoro delle aree individuate nel CD Tutto il personale è coinvolto nelle azioni di miglioramento attraverso la distribuzione dei compiti e la conoscenza delle aree da migliorare divulgate con PPT negli incontri e attraverso il funzionigramma Attraverso i consigli di ogni ordine di scuola è ricercato il consenso sugli obiettivi e sulla modalità di misurazione dei risultati Si effettuano indagini di customer satisfaction ogni 2 anni (VSQ NEL 2011 e quest'anno) Spesso i rappresentanti dei sindacati partecipano alle contrattazioni Il dialogo è la caratteristica principale dello stile della leadership., infatti, confronti e scambi fra il personale avvengono in sede di incontri a tema o durante le riunioni degli organi collegiali. La comunicazione (gestita da un processo specifico) tramite posta elettronica tra Dirigente e personale consente un rapido passaggio di informazioni a tutta l organizzazione. Le informazioni passano anche attraverso la rete informatica del sito. Le consultazioni con le rappresentanze sindacali (RSU) avvengono durante l anno per la contrattazione o altre problematiche di competenza. Predisporre e condurre sistematicamente indagini,per rilevare i bisogni formativi e il clima di lavoro. IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Si istituisce un albo dove vengono registrati i nomi degli alunni, delle classi, degli insegnanti che hanno ottenuto riconoscimenti, premi, inviti particolari (l albo sarà presente anche sul sito) PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 90 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 80 15

16 CRITERIO 4 - PARTNERSHIP E RISORSE SINTESI sottocriterio 4.1. Sviluppare e implementare relazioni con i partner chiave L'istituto sceglie i partner sulla base delle affinità e dei bisogni formativi e stabilisce accordi di collaborazione coerenti con gli scopi da raggiungere. Cerca di valutare le diverse collaborazione in termini di vantaggi per l arricchimento dell offerta formativa, per il miglioramento del successo scolastico, per attività di formazione/aggiornamento del personale. Con riferimento al punto 1.4: Si realizzano diversi progetti in rete con i partner del territorio per la prevenzione della dispersione scolastica e supporto agli alunni in difficoltà; educazione alla legalità e alla cittadinanza, alla sicurezza e privacy, sportello di ascolto genitori/studenti, incontri di formazione per i genitori, mirati ad approfondire le tematiche educative. Il Piano di zona finanzia attività finalizzate al successo formativo degli alunni e all alfabetizzazione degli stranieri che si sono consolidate negli anni come buone pratiche di condivisione. Le famiglie condividono e riconoscono il valore aggiunto di queste collaborazioni; risultano avviati e da implementare i processi relativi alla rete SPS verso l acquisizione di stili di vita sani e al concetto di benessere non solo come assenza di malattia. Il rapporto con i fornitori è regolato dalla segreteria attraverso il processo di approvvigionamento. In questi anni la scuola ha dimostrato la sua apertura a formare rete per percorsi e scopi comuni non solo quantitativi ma qualitativi per il miglioramento del benessere ed il relativo successo formativo E' utile creare scambi e attività di benchmarking e naturalmente monitorare i risultati per imparare e progredire - IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: -Sarebbe utile elaborare un protocollo d'intesa e regolamento per i partner per stabilire con maggior chiarezza compiti e responsabilità PUNTEGGIO: PLAN 95 DO 95 CHECK 95 ACT 85 TOTALE 92 16

17 SINTESI sottocriterio 4.2 Sviluppare e implementare relazioni con i discenti/le famiglie Attenzione primaria verso il rapporto con i genitori che, insieme ai figli, sono i soggetti destinatari dei servizi offerti/interventi didattici ed educativi Lo sviluppo e l implementazione delle relazioni avviene attraverso processi di empowerment; a tal proposito la scuola coinvolge genitori e studenti attraverso: a)informazioni circa il percorso didattico programmato b)trasparenza nelle azioni intraprese (anche disciplinari, se necessario) nei confronti degli alunni attraverso il coinvolgimento dei rappresentanti di classe c)coinvolgimento su obiettivi comuni, didattica orientativa, attenzione ai Bes -chiarezza ed efficacia nella comunicazione attraverso: - pubblicazione sul sito di calendario scolastico con le iniziative o gli incontri / orari di ricevimento, modulistica utile - Comunicazioni inerenti l organizzazione ( protocolli di accoglienza alunni con Bes: stranieri, DSA, disabili) funzionamento GLH, - comunicazione attraverso mailing-list ai rappresentanti di classe e del Consiglio di Istituto -sportello d'ascolto con psicopedagogista in collaborazione con il piano di zona -Collaborazioni per iniziative di solidarietà (Preparazione di oggetti per i mercatini, raccolta giocattoli per la pediatria reperimento di sponsor, ) La scuola è sempre più sensibile e attenta alle esigenze delle famiglie infatti ha elaborato un protocollo accoglienza e coinvolgimento pubblicato sul sito -Coinvolgere in modo attivo le famiglie e i discenti nello sviluppo di piani d'azione Nell'ottica di una didattica inclusiva la scuola elaborerà un protocollo per alunni con BES IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Monitorare le presenze dei genitori negli organi collegiali, negli eventi e nelle assemblee. Creare uno spazio più visibile per raccogliere reclami o proposte ed anche implementare azioni di volontariato pro scuola o società. PUNTEGGIO: PLAN 95 DO 90 CHECK 80 ACT 80 TOTALE 87 17

18 SINTESI sottocriterio 4.3. Gestire le risorse finanziarie La gestione finanziaria è finalizzata al raggiungimento degli obiettivi contenuti nel POF e alla realizzazione dei processi-chiave, nonostante le scarse risorse disponibili. I compensi accessori al personale garantiscono lo svolgimento di attività aggiuntive finalizzate all arricchimento dell offerta. - Progetti interni ed esterni, attività realizzate grazie ad accordi con Enti/Associazioni esterne (valore aggiunto nella realizzazione degli obiettivi strategici) - Dirigente attento nel trovare fonti di finanziamento - Ricerca di risorse aggiuntive (sponsor,..) - Fondo d istituto distribuito secondo parametri rispondenti alle esigenze formative rilevate e sempre verso attività/progetti regolarmente deliberati e programmati. Il consiglio di Istituto (formato dal DS, docenti infanzia, primaria, docenti secondaria di I^gr. personale ATA) provvede ad adottare il POF con i conseguenti impegni di spesa, approva il Programma Annuale, le variazioni al PA e il conto consuntivo. - I revisori dei conti controllano la regolarità delle spese. I finanziamenti richiesti alle famiglie sono finalizzati a progetti pianificati e concordati nelle assemblee di classe e negli organi collegiali. Uno dei punti di forza è, come da sempre, l'impiego mirato delle risorse disponibili unitamente alla trasparenza nelle richieste di co-finanziamento di progetti/attività Solo pochi docenti aderiscono a iniziative competitive perciò sarebbe utile incentivare la partecipazione a progetti meritocratici e magari redditizi IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Per incrementare i fondi sempre più esigui sarebbe opportuno intensificare la ricerca di sponsor nel territorio PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 90 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 80 18

19 SINTESI sottocriterio 4.4. Gestire le informazioni e la conoscenza La gestione delle informazioni mediante procedura avviene attraverso il processo comunicazione. La scuola è attenta alla gestione e alla divulgazione di informazioni e alla diffusione delle conoscenze, utilizzando supporti informatici nell ottica della de materializzazione. La documentazione, in generale su supporto informatico, è gestita dal personale della segreteria e riguarda dati relativi all amministrazione, agli alunni, al personale, alle classi. Le informazioni e i dati relativi all organizzazione sono gestiti anche dal DS, dai docenti e dai collaboratori. La leadership ha il compito di diffondere tra il personale tutte le informazioni che concorrono allo svolgimento e alla realizzazione degli obiettivi strategici della scuola. Le notizie, le informazioni vengono diffuse tramite: - Sito web (periodicamente aggiornato) - Informazioni date ai genitori tramite: avvisi albo, bacheca genitori, comunicazioni nel diario contenente la documentazione dell'istituto - Nelle periodiche riunioni degli organi collegiali o in incontri specifici. - Circolari interne (visione registrata tramite firma nel registro dove viene evidenziato il numero di protocollo, l oggetto, la data,..), il responsabile di plesso ne controlla l avvenuta presa visione - Circolari, avvisi vari, iniziative, convocazioni, inviati per posta elettronica a tutto il personale - Invio di materiale informativo a tutti i componenti degli organi collegiali via grazie a mailing-list La scuola attua il processo di comunicazione e gestione della conoscenza delle Informazioni attivando nuovi canali Nonostante l'attenzione e i canali veloci di comunicazione si propone di elaborare un protocollo delle comunicazioni interne e di monitorare le criticità rilevate nella comunicazione IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Stilare un piano di comunicazione con lo scopo di ampliare il processo di comunicazione scuola/famiglia-genitori Nuove modalità on line per rilevare le visite al sito di scuola e il monitoraggio delle criticità PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 90 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 80 19

20 SINTESI sottocriterio 4.5. Gestire la tecnologia In coerenza con gli obiettivi strategici, la scuola attua una politica di integrazione della gestione delle nuove tecnologie. Alcune classi quinte aderiscono al Progetto competenze digitali il collegamento internet sempre attivo permette agli alunni di fare ricerche e di documentarsi su argomenti vari - percorsi di rinforzo e di recupero, attraverso software didattici specifici, per alunni in difficoltà o stranieri - laboratori multimediali mobili attraverso i PC portatili in classe anche con software aggiornati - uso della lavagna interattiva, -formazione dei docenti per l'utilizzo di registri elettronici L'istituto ha un sito aggiornato, curato dal DS e, per la parte tecnica, da un docente designato La comunicazione interna via sta sostituendo i documenti cartacei (risparmio carta), garantendo velocità di informazioni e di comunicazioni. La designazione della figura di responsabile delle tecnologie, nell intento di tenere sotto controllo lo stato delle attrezzature è funzionale agli obiettivi Diffusione dell' agenda on-line o in supporto digitale per tutti (programmazioni didattiche disciplinari) per operare con più facilità nell apportare modifiche e revisioni caratterizzanti una metodologia PDCA Utilizzare la griglia di valutazione in Excel per agevolare le tabulazioni dei dati IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: -Monitoraggio utilizzo delle LIM attraverso questionario ai bambini per rilevare i cambiamenti dei metodi di studio - Reperire i fondi per incrementare le dotazioni tecnologiche diversamente diffuse nell'istituto - Promuovere azioni di tutoraggio fra il personale per incoraggiare l'utilizzo delle TIC già in parte diffuso PUNTEGGIO: PLAN 75 DO 85 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 75 20

Istituto Scolastico: Relazione conclusiva Autovalutazione. IIS Caterina da Siena. Viale Lombardia, 89 20131, Milano. Data: 13-6-2014.

Istituto Scolastico: Relazione conclusiva Autovalutazione. IIS Caterina da Siena. Viale Lombardia, 89 20131, Milano. Data: 13-6-2014. Istituto Scolastico: IIS Caterina da Siena Viale Lombardia, 89 20131, Milano Relazione conclusiva Autovalutazione Data: 13-6-2014 Pagina 1 di 16 CRITERIO 1 LEADERSHIP 1.1. Orientare l istituzione attraverso

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV Da MARZO Progetto FORMIUR CAF per il Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche. Migliora organizzazione COSA FA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

CRUSCOTTO REGIONALE INDICATORI PER L AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF

CRUSCOTTO REGIONALE INDICATORI PER L AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF CRUSCOTTO REGIONALE INDICATORI PER L AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF (vademecum elaborato dal gruppo tecnico regionale: Dirigenti Scolastici Niccoletta Cipolli, Franca Da Re, Nicola Marchetti, Catterina

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione Ancor prima dell unificazione in entrambi i Plessi erano state avviate iniziative volte al

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO TITOLO DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO: Formazione, Comunicazione e Tecnologia al massimo ISTITUZIONE SCOLASTICA Direzione Didattica Statale I Circolo Termini

Dettagli

IISS G.SALVEMINI ALESSANO - C.A.F. DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV

IISS G.SALVEMINI ALESSANO - C.A.F. DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 6 mesi GLI

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Prot.2272/A19 Biancavilla, 30.06.2010

Prot.2272/A19 Biancavilla, 30.06.2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana - Regione Siciliana DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO BIANCAVILLA Via dei Mandorli s.n. - 95033 Biancavilla (CT) Tel.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma Circ. n. 2 Prot. n. 2968 Roma, 10 febbraio 2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Regione Lazio Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie

Dettagli

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7. www.iacpignataromaggiore.it Proc.09 Stesura del POF INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.ARCHIVIAZIONI SCOPO Questa

Dettagli

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF Descrizione del processo Autovalutazione CAF 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE IL PROCESSO DI ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE Inizio: settembre 2013 I dieci step: 1. Decidere

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA 1 PROGRAMMA: La misura

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO D I FONTANAFREDDA

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO D I FONTANAFREDDA PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO D I FONTANAFREDDA DIRIGENTE SCOLASTICA: Prof.ssa VITA MARIA LEONARDI RESPONSABILE: GIULIANA SILVESTRI FUNZIONE STRUMENTALE GRUPPO DI AUTOVALUTAZIONE: Quaia Pierangela,

Dettagli

LE FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

LE FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DIREZIONE DIDATTICA STATALE I CIRCOLO VIA MAZZIERE 90018 TERMINI IMERESE TEL 091 8113191 TEL/FAX 091 8144600/ FAX 091/6197479 E-MAIL paee09300v@istruzione.it E-MAIL paee09300v@pec.it Sito web : www.primocircolotermini.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative 1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Indicazioni operative Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. a.s. 2014-2015

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. a.s. 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 8 CIRCOLO «S. PIO X» V. Mastelloni 71100 Foggia Tel. 0881633507 Fax 0881687789 Codice Mecc. FGEE00800R C.F. 80033900715 E-mail: FGEE00800R@istruzione.it Sito: www.scuolasanpiox.it

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA*

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* CTEE06800N CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI XXIII PATERNÒ (CT) (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO

Dettagli

Piano di Miglioramento Rivalutiamoci

Piano di Miglioramento Rivalutiamoci Unione Europea Fondo Sociale Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

Amministrazione/Ufficio

Amministrazione/Ufficio 1 Amministrazione/Ufficio I.I.S.S. "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Corso Umberto, 279-95034 Bronte (CT) Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - IPSIA Tel. 095-691620 / Fax. 095-7723049 e-mail:

Dettagli

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca..

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca.. 1. Leadership: 1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori per: formulare e sviluppare la missione (quali sono i nostri obiettivi) e la visione (dove

Dettagli

1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori

1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori ESEMPI RAV Criterio 1: Leadership 1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori Mission e vision dell Istituto trovano una formulazione esplicita nel

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Istituzione Scolastica P I A N O D I M I G L I O R A M E N T O Nome: Liceo Scientifico A. Genoino Codice meccanografico: SAPS09000C PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Responsabile del Piano (DS) Cognome e Nome:

Dettagli

Fac simile di RAPPORTO DI VALUTAZIONE. Predisposto da un Team di Valutatori CAF per una

Fac simile di RAPPORTO DI VALUTAZIONE. Predisposto da un Team di Valutatori CAF per una Fac simile di RAPPORTO DI VALUTAZIONE Predisposto da un Team di Valutatori CAF per una Istituzioni Scolastica TEAM di VALUTAZIONE Data Consenso Data Visita sul posto Data Rapporto Il presente documento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SANTENA (TO) 10026 - Via Tetti Agostino 31 C.F.9001874001 Tel./fax 011/94.92.772 E mail: TOIC858003@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SANTENA (TO) 10026 - Via Tetti Agostino 31 C.F.9001874001 Tel./fax 011/94.92.772 E mail: TOIC858003@istruzione. ISTITUTO COMPRENSIVO DI SANTENA (TO) 10026 - Via Tetti Agostino 31 C.F.9001874001 Tel./fax 011/94.92.772 E mail: TOIC858003@istruzione.it RESPONSABILE del Piano Dott.ssa Giuliana Testori PIANO DI MIGLIORAMENTO

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

Il Modello CAF e il Sistema Nazionale di Valutazione. Cristina Cosci - Mauro Di Grazia formatori e valutatori CAF Firenze, 21 gennaio 2014

Il Modello CAF e il Sistema Nazionale di Valutazione. Cristina Cosci - Mauro Di Grazia formatori e valutatori CAF Firenze, 21 gennaio 2014 Il Modello CAF e il Sistema Nazionale di Valutazione Cristina Cosci - Mauro Di Grazia formatori e valutatori CAF Firenze, 21 gennaio 2014 Parleremo di Valutazione di Sistema Modelli di valutazione L approccio

Dettagli

Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15

Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15 Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15 INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini, 5 Villa Falconieri 00044

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

RAV 2013-2014 Rapporto Autovalutazione

RAV 2013-2014 Rapporto Autovalutazione RAV 2013-2014 Rapporto Autovalutazione MNIS00200Q - GALILEI - OSTIGLIA, MANTOVA - Lombardia - ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Questionario aperto il 9.1.14, 15:19:43 Criterio 1 - LEADERSHIP

Dettagli

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi Prot. n. 4233 A/19 del 29 settembre 2015 Al Collegio dei Docenti e P.C. Al Consiglio di Istituto Ai Genitori Agli Alunni Al Personale A.T.A. ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Pag. 1 /2 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Allegato 1 Sequenza dei processi Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Red. RSG App.DS

Pag. 1 /2 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Allegato 1 Sequenza dei processi Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Red. RSG App.DS Pag. 1 /2 Allegato 1 Sequenza dei processi Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Red. RSG App.DS Pag. 1 /2 Allegato 1 Sequenza dei processi Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Red. RSG App.DS Processo Indicatore Valore misurabile

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori

1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori 1 Criterio 1: Leadership 1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori Nell anno scolastico 2007/2008 cambia la Dirigente del Circolo Didattico. Il suo

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO I.P.S. L.MILANI DI MEDA (MB)

PIANO DI MIGLIORAMENTO I.P.S. L.MILANI DI MEDA (MB) PIANO DI MIGLIORAMENTO DI I.P.S. L.MILANI DI MEDA (MB) RESPONSABILE Dirigente scolastico Prof.ssa Crippa Claudia 19 settembre 2013 SEZIONE 1 DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE ALLE AZIONI DI MIGLIORAMENTO

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapportodiautovalutazione VALES Valutazioneesviluppodellascuola Sommario 1. Codicemeccanograficoistitutoprincipale...3 2. Grigliediautovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contestoerisorse...4 1.3 Processi...5

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ANTONIO PACINOTTI 84018 SCAFATI (SA) TEL 081/8030377 FAX 081/8563843 E.MAIL satf04000d@istruzione.it CF. 80103800639 C.I.SATF04000D PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 A)Analisi

Dettagli

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno 29/10/2015 Dal RAV al PDM PER ORIENTARE IL PTOF e costruire un curricolo verticale per competenze 29/10/2015 - MA/PIROZZI DAL RAV AL PDM PER REALIZZARE

Dettagli

TITOLO DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO: MIGLIORARE PER CRESCERE ISTITUZIONE SCOLASTICA 2 CIRCOLO DIDATTICO DI BIANCAVILLA-CTEE04600R

TITOLO DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO: MIGLIORARE PER CRESCERE ISTITUZIONE SCOLASTICA 2 CIRCOLO DIDATTICO DI BIANCAVILLA-CTEE04600R I TITOLO DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO: MIGLIORARE PER CRESCERE ISTITUZIONE SCOLASTICA 2 CIRCOLO DIDATTICO DI BIANCAVILLA-CTEE04600R RESPONSABILE: Dirigente Scolastico Bertè Alfina GRUPPO DI MIGLIORAMENTO:

Dettagli

e-mail.: luic82400r@istruzione.it Fax:0583-730098-74010 Prot. n. Gallicano lì 29 settembre 2015

e-mail.: luic82400r@istruzione.it Fax:0583-730098-74010 Prot. n. Gallicano lì 29 settembre 2015 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O GALLICANO scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di I grado Via dei Cipressi, 55027 Gallicano (Lucca) 0583 74019 /74010 e-mail.: luic82400r@istruzione.it

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO. Monitorare per migliorare

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO. Monitorare per migliorare SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO Monitorare per migliorare ISTITUTO COMPRENSIVO PASCOLI-CRISPI ( MEIC87300T ) MESSINA RESPONSABILE : Dirigente Prof. Gianfranco Rosso GRUPPO DI MIGLIORAMENTO:

Dettagli

28 C.D. GIOVANNI XXIII - NA Scuola Infanzia e Primaria

28 C.D. GIOVANNI XXIII - NA Scuola Infanzia e Primaria FUNZIONIGRAMMA Chi fa Cosa fa Quando 1 Collaboratore con Nominato dal Dirigente Scolastico, collabora con il DS con le funzioni vicarie seguenti funzioni e deleghe: Sostituzione del D.S., con delega alla

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

icq Miglioramento SETTIMANA EUROPEA DELLA QUALITÀ

icq Miglioramento SETTIMANA EUROPEA DELLA QUALITÀ ENTE DI FORMAZIONE ACCREDITATO M.I.U.R. Progetto A icq Mi Co Mi Co icq Miglioramento Continuo NUCLEO SCUOLA AICQ ER E MARCHE I EDIZIONE SETTIMANA EUROPEA DELLA QUALITÀ Il progetto AMICO è una sfi che gli

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Istituzione Scolastica PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Nome: ISTITUTO COMPRENSIVO GIUSEPPE GRASSI Codice meccanografico: TAIC86100X Responsabile del Piano (DS) Cognome e Nome: Loparco Angela Luigia Telefono:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

SINTESI DEL RAV CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE SCUOLA SAIC899009 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN VALENTINO TORIO

SINTESI DEL RAV CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE SCUOLA SAIC899009 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN VALENTINO TORIO SINTESI DEL RAV CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE SCUOLA SAIC899009 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN VALENTINO TORIO Criterio 1: Leadership 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) C. F. 90016560923 Cod. Min. CAIC82000T Tel. 0781/854078 Fax 0781/855471

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2014-15

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2014-15 Scuola Secondaria di 1 Grado G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Via G.Carducci n.3-72023 MESAGNE (BR) Sede Materdona 0831 771421 Fax n. 0831 730667 Sede Moro / Fax 0831738266 C.F. 91062130744 - C.M. BRMM06500N

Dettagli

FIGURE DEL PIANO DELLE ATTIVITA CONNESSO CON L ORGANIGRAMMA FUNZIONALE DI ISTITUTO AREA DELLA GESTIONE E DELLA ORGANIZZAZIONE (PERSONALE DOCENTE)

FIGURE DEL PIANO DELLE ATTIVITA CONNESSO CON L ORGANIGRAMMA FUNZIONALE DI ISTITUTO AREA DELLA GESTIONE E DELLA ORGANIZZAZIONE (PERSONALE DOCENTE) FIGURE DEL PIANO DELLE ATTIVITA CONNESSO CON L ORGANIGRAMMA FUNZIONALE DI ISTITUTO AREA DELLA GESTIONE E DELLA ORGANIZZAZIONE (PERSONALE DOCENTE) FIGURE DI SISTEMA 1 COLLABORATORE DEL D.S. CON FUNZIONI

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

CAF per il nostro restyling

CAF per il nostro restyling ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO STATALE MADRE TERESA DI CALCUTTA Via Antonio Iannotta, Medaglia d oro V. M. - Pignataro Maggiore (Caserta) Tel. e fax. 0823 871059 ceic82400g@istruzione.it www.iacpignataromaggiore.it

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CALUSO Via Gnavi, 1 10014 CALUSO (To) Tel. 011/9833253 - Fax 011/9891435 E mail:toee08400n@istruzione.it SITO:www.circolodidatticocaluso.gov.it Prot. n. 1720 Caluso, 29.09.2015

Dettagli

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI Organigramma P.O.F. 2011-2012 ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI - Staff direttivo. - Figure strumentali. - Servizio prevenzione e protezione dei rischi.

Dettagli

Amministrazione. Dirigente scolastico: Dott. Clizia Nobile. Sito web:www.secondocircoloniscemi.gov.it. Email:clee02100b@istruzione.

Amministrazione. Dirigente scolastico: Dott. Clizia Nobile. Sito web:www.secondocircoloniscemi.gov.it. Email:clee02100b@istruzione. Amministrazione DIREZIONE DIDATTICA - 2 CIRCOLO Via Calatafimi, 12-93015 - NISCEMI (CL) Dirigente scolastico: Dott. Clizia Nobile Sito web:www.secondocircoloniscemi.gov.it Email:clee02100b@istruzione.it

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19 ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19 Prot. n. 3599/AG08 Rocca Priora, 21/09/2015 e p.c. Al Collegio

Dettagli

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D 1. Contesto e risorse 1.1 Popolazione scolastica 1.2 Territorio e capitale sociale 1.3 Risorse economiche

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Istituzione Scolastica Nome: Secondo Istituto Comprensivo Giarre Codice meccanografico: CTIC8AZ00A PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Responsabile del Piano (DS) Cognome e Nome: Cardillo Rosaria Stella Telefono:

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione (RAV) I. C. Selvazzano2

Rapporto di Autovalutazione (RAV) I. C. Selvazzano2 Rapporto di Autovalutazione (RAV) I. C. Selvazzano2 1 Contesto 1.1 Popolazione scolastica Popolazione scolastica Opportunità Contesto socio culturale nel complesso positivo con i seguenti punti di riferimento:

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 -

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva del piano di miglioramento gestionale presentato sinteticamente

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO PROT.3695 /A40 DEL 13/11/2013 PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Istituzione Scolastica Nome LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA Codice meccanografico TPPPS11000A Responsabile del Piano (DS) Cognome e Nome FIORDALISO

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

PARTE III LINEE GUIDA: IL MIGLIORAMENTO PARTE III..ALLA PRATICA: COME IMPOSTARE E ATTUARE IL PIANO DI MIGLIORAMENTO A SEGUITO DELL AUTOVALUTAZIONE

PARTE III LINEE GUIDA: IL MIGLIORAMENTO PARTE III..ALLA PRATICA: COME IMPOSTARE E ATTUARE IL PIANO DI MIGLIORAMENTO A SEGUITO DELL AUTOVALUTAZIONE PARTE III..ALLA PRATICA: COME IMPOSTARE E ATTUARE IL PIANO DI MIGLIORAMENTO A SEGUITO DELL AUTOVALUTAZIONE 1 Il processo di autovalutazione (step da 1 a 6) ha come output principale il rapporto di autovalutazione,

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa Funzione Strumentale: Linda Langella L incarico di Funzione Strumentale della Gestione del Piano dell

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015.

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge n. 107

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Regina 5 22012 CERNOBBIO (CO) C.F. 95000030130 PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 Responsabile del Piano (DS) Grandi Anna Rielaboratore del Piano Bianchi Emilia sulla base

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3 1 di 6 Alta Direzione (DS) DS, nell'ambito dei poteri conferitigli dalla normativa vigente, esercita un'attività di coordinamento dei servizi erogati dall Istituto, in esecuzione delle politiche e degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30.

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30. ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30.93 Fax 011.985.35.50 Presidenza 011.985.07.37 Cod. fis 94544320016

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014

Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014 Istituto Comprensivo n 2 di Imola Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014 Riferimento normativo La Direttiva ministeriale del 2012 Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA e DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO III 18 CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE ISTRUZIONE IN ETA ADULTA Via OLMATA,

Dettagli

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015 I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 201 Il Rapporto di Autovalutazione si articola in Sezioni, o macro aree, accessibili direttamente dalla Home Page per mezzo degli appositi link: CONTESTO; ESITI;

Dettagli

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso A.S. 2015-2016 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA Direttiva M. 27/12/2012 e CM n 8 del 6/3/2013 A.S. 2015-2016 Nei punti che seguo so riportate

Dettagli