RAV. Rapporto di Autovalutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAV. Rapporto di Autovalutazione"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO RAV Rapporto di Autovalutazione Dirigente: dott.ssa Loredana Lanati 1

2 RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1)Breve storia della scuola in relazione al contesto in cui opera L IC di Belgioioso, istituito nell'anno 2005, è composto complessivamente da 11 punti di erogazione del servizio dislocati in cinque comuni, tra loro facilmente raggiungibili: Belgioioso, Albuzzano, Linarolo, Valle Salimbene (complessivamente 5 scuole dell infanzia, 4 primarie e 2 secondarie di 1^ grado) disseminate nella cosiddetta Bassa Pavese. Il Comune principale, sede dell IC è la città di Belgioioso, che forma con gli altri comuni afferenti all IC, escluso Albuzzano, l Unione Comuni Terre Viscontee. Le tre scuole di Belgioioso contano circa 700 alunni. L IC intrattiene rapporti anche con il comune di S. Cristina e Bissone, che trasporta alla scuola media di Belgioioso un crescente numero di alunni. La popolazione scolastica complessiva ad oggi è di 1260 alunni di cui: iscritti alla scuola secondaria di Belgioioso - 78 iscritti alla scuola secondaria di Linarolo iscritti alla scuola primaria di Belgioioso iscritti alla scuola primaria di Albuzzano iscritti alla scuola primaria di Linarolo - 14 iscritti alla scuola primaria di San Zenone iscritti alla scuola dell'infanzia di Belgioioso - 84 iscritti alla scuola dell'infanzia di Albuzzano - 52 iscritti alla scuola dell'infanzia di Linarolo - 26 iscritti alla scuola dell'infanzia di San Zenone - 54 iscritti alla scuola dell'infanzia di Valle Salimbene 2)PRINCIPALI PARTNERSHIP STABILITE La scuola aderisce a diversi accordi di rete che sono di supporto alla didattica : - Rete di Scuole lombarde che promuovono Salute (SPS) - Rete CTRH (integrazione disabilità) - Rete per acquisizione LIM - Rete per integrazione alunni stranieri (con istituti scolastici del territorio, Piano di zona e coop Contatto ) - Rete CLIL - Rete progetto ARCA con altri istituti, enti territoriali e privati (CSF) per: spazio d ascolto, incontri formativi per le famiglie, supporto extra scolastico (attività di recupero, scuola secondaria), -IC Villanterio, IC Chignolo Po, Istituto Faravelli di Stradella: progetto Le scuole della bassa Pavese si orientano in rete (raccordo curricolare con Istituti Superiori -rete con Provincia di Pavia, UST e Università di Pavia per l orientamento con interventi sulle classi ( Progetto Condor) 3)DOTAZIONI TECNOLOGICHE Nell'anno 2008, alcune aule della scuola secondaria di I^ grado(sei su 15)sono state attrezzate di LIM,grazie al progetto "LIM 14 Poli" che prevedeva la formazione dei docenti, sponsorizzato al 50% dalla Regione Lombardia e al 50% dalla Provincia di Pavia. Negli anni seguenti è stata completata la dotazione di LIM nelle altre classi con 2

3 progetti ministeriali. In questi ultimi anni anche alla scuola primaria alcune aule sono state dotate di LIM; in tutti i plessi scolastici è funzionante un laboratorio di informatica con la presenza di una lavagna multimediale utilizzabile da qualsiasi classe. Scuole infanzia primaria secondaria Laboratori PC 0 3 PC 1 PC LIM PC portatili con softwer specifici La scuola secondaria di I^ grado di Belgioioso è sede di Test-Center per il conseguimento del diploma ECDL. 4)ORGANIGRAMMA: -Collaboratori del dirigente n. 2 -Coordinatore scuole dell infanzia n. 1 -Funzioni strumentali n.6 - Responsabili di sede: 11 -Referenti dei dipartimenti disciplinari di matematica e italiano:2 -Coordinatori dei consigli di classe scuola secondaria n. 15 -Coordinatori team docenti scuola primaria (docenti prevalenti): n.30 -Referenti di progetto di istituto o di plesso: 6 -SPP (servizio di prevenzione e protezione):32 -RSU/ROS: 4 5)PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Dal 2003 la scuola, allora Direzione Didattica e successivamente dal 2005/2006 IC, ha utilizzato strumenti e strategie desunti dal modello TQM al fine di uniformare alcuni processi e procedure senza tuttavia giungere ad una completa valutazione/autovalutazione di istituto, soprattutto per mancanza di fondi. Il team VSQ (progetto al quale la scuola partecipa da tre anni) nel 2011 ha ritenuto che l area della valutazione interna e il conseguente miglioramento fossero da potenziare Per nel nostro IC diventa indispensabile uno strumento di analisi /autovalutazione oggettivo e rigoroso, e un conseguente piano di miglioramento che investano tutte le aree dell organizzazione e vadano oltre le aree esplorate dal Piano di Miglioramento innescato dal VSQ. PERCHE L APPLICAZIONE DEL CEF Risultato atteso dalla applicazione del CEF: migliorare la qualità complessiva dell organizzazione per migliorare la qualità delle performances individuali. Nell anno scolastico 2011/2012 l IC ha deliberato l adesione al Caf External Feedback nella versione adattata alla scuola con delibera del collegio docenti del 6 marzo 2012 e delibera del consiglio di Istituto del 30 maggio 2012; ai due organi ha partecipato il DSGA Mandrini Luisa, per le necessarie ricadute nell ambito della segreteria, importante anello di raccordo tra la componente didattica e amministrativa. 3

4 AZIONI PRELIMINARI AVVIATE: - FORMAZIONE: il Ds e tre docenti funzioni strumentali hanno aderito alla formazione proposta dal polo qualità Requs dell USR di Milano. -GAV: è stato istituito con delibera del collegio docenti del 6 marzo 2012 si è riunito nelle seguenti date 16 marzo 2012, 14 e 15 maggio 2012; nel corrente anno 2012/2013 ha inglobato un nuovo membro. Nel corrente anno 2012/2013 ha sostituito un membro (fiduciaria di plesso) e si è riunito in data 23/01/2013;4, 12, 13 e 20 febbraio 2013; 6, 12, 20, 25, 27 marzo 2013; 2, 3, 4, 5, 8 aprile E stata avviata la formazione del personale e la pubblicizzazione dello strumento CAF presso le famiglie tramite verbalizzazioni di atti (consigli di interclasse, consigli di Istituto); presentazione in ppt al collegio docenti, al consiglio di Istituto e ai rappresentanti di classe Pubblicazione sul sito dell IC dell'intero documento COINVOLGIMENTO STAKEHOLDER -Sono stati coinvolti i genitori rappresentanti delle famiglie nella individuazione dei valori cui l IC intende ispirare il proprio progetto educativo e nella individuazione della mission e della vision. - VALORI, MISSION e VISION sono stati approvati nel collegio docenti del 30 giugno 2012 e nel consiglio di Istituto di adozione del pof del 13/11/2012. PIANIFICAZIONE DELL AUTOVALUTAZIONE L attività di autovalutazione è stata pianificata in sede di progettazione esecutiva e nel corso dei successivi incontri operativi che hanno visto coinvolto il gruppo di lavoro e il sottogruppo. La fase di esecuzione è stata realizzata nei seguenti step: - condivisione della griglia complessiva sui dati relativi ai 5 Fattori Abilitanti; - compilazione della Griglia relativa ai Fattori Abilitanti, - condivisione della griglia relativa ai Risultati; - compilazione a cura del GAV della Griglia complessiva relativa ai Risultati; - valutazione individuale dei FA e dei Risultati; -compilazione del questionario di AV - confronto e stesura del Report di Autovalutazione, a cura del GAV. Nota: Dall analisi dei punteggi assegnati si evidenzia come le fasi PLAN e DO assumano valori superiori alle fasi CHECK ed ACT, che risultano essere carenti in diversi fattori abilitanti esaminati. 4

5 CRITERIO 1 LEADERSHIP SINTESI sottocriterio 1.1 Orientare l'istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori. Il rapporto del progetto VSQ, ha evidenziato la mancanza di una valutazione interna quale punto debole da dover potenziare. Di conseguenza il Dirigente ha invitato i docenti a partecipare ad un seminario sul modello CAF per l'autovalutazione. Al termine del corso i docenti hanno relazionato al collegio docenti nel quale è stato deciso di utilizzare il modello CAF come guida per l'autovalutazione.(6 marzo 2012) Successivamente il gruppo composto da tutti i docenti funzione strumentale insieme al dsga e ad un membro della segreteria ha elaborato una bozza di vision, mission e valori. Attraverso un questionario è stato chiesto ai rappresentanti dei genitori, appositamente convocati insieme ai docenti fiduciari di plesso, di esprimere il loro parere in merito al progetto di Autovalutazione ed ai nuovi contenuti proposti. Quasi la totalità dei partecipanti ha manifestato approvazione ed interesse per tutte le proposte. Sulla base delle risposte, i docenti funzione strumentali hanno ridefinito i valori, la vision e la mission per sottoporli al Collegio Docenti del 30 giugno nel quale sono state approvate con un solo astenuto.valori, vision e mission sono diventate parte integrante del pof e quindi principi ispiratori dell'intera comunità educante. Sono stati stesi i protocolli: accoglienza del personale-famiglie -alunni con bisogni speciali Al termine di questo anno scolastico sarà verificata la valenza e la ricaduta didattica attraverso questionari e verbali di focus group PUNTI DI FORZA Tutti concordano sui seguenti punti di forza: 1. la definizione dei valori è stata effettuata con la collaborazione dei portatori d'interesse 2. l'organizzazione delle attività è funzionale agli obiettivi e agli interessi di studenti e famiglie 3. la dirigenza è attenta a capire e soddisfare le esigenze e le aspettative degli utenti interni ed esterni AREE DA MIGLIORARE Si ritiene opportuno chiarire ed esplicitare un codice di condotta coerente con i valori, da allegare al POF, per fornire linee guida a tutto il personale e predisporre un'attività di monitoraggio per rilevare la ricaduta in termini di motivazione e cambiamenti di atteggiamenti/comportamenti. Si prende visione della tabella dei punteggi individuali e si calcola la media IDEE PER IL MIGLIORAMENTO All unanimità si stabilisce di effettuare attività di monitoraggio per: rilevare il livello di conoscenza della Mission/Vision /Valori,la valenza e la ricaduta didattica PUNTEGGIO PLAN 90 DO 85 CHECK 80 ACT 80 TOTALE 84 5

6 SINTESI sottocriterio1.2. Sviluppare e implementare un sistema di gestione dell istituzione, delle sue performance e del cambiamento L a scuola individua la proposta più funzionale ai bisogni dei docenti attraverso incontri di informazione. Elabora il funzionigramma e l' organigramma, insieme alla definizioni dei gruppi di lavoro e delle aree funzionali alla realizzazione del POF. Procede alla comunicazione con la loro publicizzazione sul sito e con circolare interna. Stabilisce le percentuali di miglioramento nei 4 ambiti strategici attraverso le commissioni con le rispettive FS Il successo formativo viene monitorato dal punto di vista decimologico con criteri condivisi e con la rilevazione delle criticità su cui impostare azioni di recupero o potenziamento. E' monitorato l'andamento degli studenti che alla fine della 3^media frequenteranno le scuole secondarie di 2^ grado attraverso il progetto orientamento. Rende trasparenti le decisioni attraverso le pubblicazioni sul sito (liste di attesa alla scuola dell'infanzia, dati INVALSI, Bilancio,Verbali) Vengono realizzate azioni di audit sulla regolarità normativa e contabile grazie ai revisori dei conti Vi sono attività di controllo interno circa l'effettuazione dei progetti attraverso report finali e l'approvazione del consiglio istituto; E' stata creata una mailing-linst per docenti e rappresentanti di classe per rafforzare la comunicazione Sono state comunicate anche attraverso gli organi collegiali le iniziative di cambiamento e le ragioni di tali cambiamenti al personale e ai portatori di interesse. (autovalutazione caf,...quadis...) PUNTI DI FORZA Negli ultimi tre anni nella scuola si pianifica, si progetta, si controllano gli apprendimenti degli alunni, si monitorano i risultati attraverso prove comuni d istituto, si agisce di conseguenza per migliorare gli aspetti legati alla progettazione,all organizzazione e all erogazione del servizio. I docenti utilizzano schemi di lavoro impostati nell'ottica PDCA per: - i progetti curriculari che prevedono la ricaduta nelle competenze e negli apprendimenti degli alunni - la programmazione di UDA -la progettazione di Percorsi didattici Brevi AREE DA MIGLIORARE Si evidenzia l'esigenza di rafforzare la comunicazione nell intento di renderla sempre più efficace, spedita e funzionale soprattutto per quanto riguarda l'introduzione di innovazioni per evitare eventuali fraintendimenti Sarebbe auspicabile confrontarsi con scuole che adottano il modello CAF per approfondire la conoscenza e consolidare l'utilizzo. IDEE PER IL MIGLIORAMENTO Si ritiene utile un fattivo confronto con gli istituti che adottano il CAF PUNTEGGIO PLAN 95 DO 85 CHECK 85 ACT 80 TOTALE 86 6

7 SINTESI sottocriterio 1.3 Motivare e supportare il personale dell istituzione e agire come modello di ruolo Vengono sollecitati e accolti feedback costruttivi proposti da docenti e genitori raccolti negli incontri sia degli organi collegiali sia delle riunioni mensili calendarizzate. Lo staff si riunisce a cadenza settimanale al fine di individuare azioni di miglioramento a livello organizzativo generale. Si potenzia la circolazione degli imput di miglioramento sui temi prioritari( 4 aree del POF individuate dalla rete SPS ( scuole che promuovono salute) e life-skills) La promozione di attività innovative della didattica avviene attraverso la realizzazione di progetti mirati : e-twinning- life-skills- VSQ e relative azioni di miglioramento - CLIL- adesione rete SPS, Matematita : didattica della matematica con Università Bicocca di Milano -Esiste una mailing-list per comunicare con il personale in moda da velocizzare richieste e risposte - E consuetudine consolidata nei docenti comunicare via mail con il DS per segnalare problemi, per sveltire pratiche burocratiche, per chiedere consulenza. PUNTI DI FORZA La leadership: - è attenta a cambiamenti esterni tenendosi aggiornata sulla legislazione; -dimostra la propria disponibilità al cambiamento considerando i feedback costruttivi proposti dai portatori di interesse - La presenza delle FS nei gruppi di lavoro è di stimolo per proporre nuove metodologie (attività di sperimentazione, di ricerca-azione, ) e introdurre modifiche riguardo ai processi in atto. Dalla discussione emerge che a volte la leadership è troppo proattiva nel proporre nuove ed interessanti innovazioni ma non sempre fornisce suggerimenti o consigli per concretizzare le nuove proposte Molti sono i docenti pronti ad impegnarsi in nuove proposte e altrettanti invece richiedono maggiori incoraggiamenti e gratificazioni. AREE DA MIGLIORARE Si ritiene necessario stimolare maggiormente il personale ad essere più proattivo a fornire suggerimenti per migliorare e sviluppare la qualità del servizio. IDEE PER IL MIGLIORAMENTO Si ritiene importante riconoscere e ricompensare gli sforzi individuali anche con incoraggiamenti verbali o gesti simbolici PUNTEGGIO PLAN 90 DO 90 CHECK 95 ACT 80 TOTALE 89 7

8 SINTESI sottocriterio1.4 :gestire i rapporti con i politici e gli altri portatori di interesse al fine di assicurare la condivisione delle responsabilità La leadership intrattiene numerosi rapporti con i politici e gli altri portatori di interesse, sia a livello nazionale che a livello locale, per assicurare una coerenza tra offerta formativa dell istituto e quadro politico, amministrativo, economico e normativo e incrementare risorse e opportunità per le iniziative programmate. L IC intrattiene rapporti di collaborazione finalizzate alla condivisione delle responsabilità educative come da evidenze e documenti riportati e riprese nell elenco dei partner di cui al criterio 4.1 Le associazioni del territorio (Lions, per finanziamento Trinity e alcuni privati ) contribuiscono ad introdurre condizioni di eccellenza nelle scuole nell ottica della maggiore qualità al minor costo. La ricaduta sui risultati in termini di output e outcome richiederebbe un monitoraggio sistematico La scuola partecipa alle ricorrenze in condivisione con gli EE. LL., alle giornate dimostrative per conoscenza e divulgazione delle associazioni sportive e umanitarie e realizza progetti finalizzati al benessere SPS (Scuola che promuove salute) 1.La leadership si dimostra attenta alle decisioni politiche che hanno implicazioni sulla vita dell istituto. 2. Gli obiettivi e le finalità dell istituzione sono coerenti con le decisioni politiche. 3. La DS regolarmente mantiene relazioni proattive con le autorità politiche e si rapporta alle gerarchie esecutive e legislative competenti. La leadership cerca di favorire il coinvolgimento delle autorità politiche e degli altri portatori di interesse nella definizione degli output e degli outcome, ma non nello sviluppo del sistema di gestione dell organizzazione. Sarebbe funzionale una pianificazione degli incontri periodici con le amministrazione comunali ed enti esterni, per poter effettuare un monitoraggio utile ad una nuova ripianificazione degli incontri ed alla valutazione Si prende visione della tabella dei punteggi individuali e si calcola la media. -La leadership potenzia il coinvolgimento delle autorità politiche e degli altri portatori di interesse nella definizione degli output e degli out come - Si pianificano sistematicamente e si calendarizzano gli incontri periodici con l amministrazione comunale, gli enti esterni che collaborano con la scuola, i rappresentanti dei genitori Idee per il miglioramento: Intensificare il monitoraggio dei rapporti con gli ENTI e con i rappresentanti dei genitori PUNTEGGIO PLAN 90 DO 85 CHECK 75 ACT 70 TOTALE 80 8

9 CRITERIO N. 2 POLITICHE E STRATEGIE SINTESI sottocriterio 2.1 Raccogliere informazioni relative ai bisogni presenti e futuri dei portatori di interesse Il gruppo Gav ha individuato tutti i portatori di interesse ed insieme al DS ha elaborato la tabella di sintesi. La maggior parte dei bisogni e delle aspettative dei portatori d interesse viene esplicitata in modi diversi. Strumento principale di feed-back della soddisfazione del cliente sono i dati che si raccolgono nelle assemblee e nei consigli di classe. La lettura dei questionari di soddisfazione è trasversale. Il DS prende in considerazione le proposte, le criticità individuate, gli eventuali reclami, li rielabora con lo staff e li restituisce sottoforma di miglioramento nella revisione dei processi. La rilevazione delle aspettative degli alunni è principalmente rivolta agli alunni più grandi e da quest'anno sarà somministrato il questionari del progetto SPS per rilevare soddisfazione e aspettative del progetto life-skills. Si è predisposta la tabella per l individuazione degli stakeholder per poterne aver presente sempre le esigenze. Si è aderito alla rete Scuole che promuovono salute e si sono elaborati i profili salute Si aggiornano costantemente i dati amministrativi Si collabora fattivamente con il Piano di Zona e altre agenzie del territorio che possono offrire attenzione e stimoli alla Scuola Si rileva la necessità di rafforzare l'analisi sistematica dei punti di forza e di debolezza IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Si ritiene importante raccogliere dati riferiti ai bisogni ed alle aspettative dei portatori d interesse ( genitori classi prime medie e quinte), già al momento dell iscrizione per poi analizzarli ed utilizzarli per le politiche e strategie dell istituto. PUNTEGGIO PLAN 90 DO 85 CHECK 90 ACT 85 TOTALE 88 9

10 SINTESI sottocriterio: 2.2 Sviluppare, rivedere e aggiornare politiche e strategie tenendo in considerazione i bisogni dei portatori di interesse e le risorse disponibili In questo anno scolastico ogni attività è stata impostata nell'ottica della ruota di Deming PDCA, grazie alla quale è possibile rivedere e ripianificare nella prospettiva del miglioramento continuo. E' stato già elaborato un piano di miglioramento che ha facilitato la revisione delle politiche e strategie grazie all' individuazione di obiettivi smart (specifici, misurabili, realistici, calendarizzati ) riferiti alle singole performance del personale. Sono stati predisposti i nuovi modelli delle programmazioni e dei progetti e si lavora nell ottica della implementazione di una didattica orientativa basata sui bisogni degli alunni. Da quest anno nella scuola secondaria, ( da più anni nella scuola primaria) si somministrano prove di verifica comuni con relative analisi finalizzate alla rilevazione delle criticità e si pianificano azioni di miglioramento. I risultati INVALSI sono analizzati e resi pubblici con la proiezione di un PPT al collegio e pubblicazione sul sito. Si stabiliscono obiettivi strategici di medio lungo termine coerenti con mission e vision, si effettuano monitoraggi per rilevare gli apprendimenti e le competenze degli alunni, si predispone un questionario per la rilevazione del grado di soddisfazione del personale (docenti e ATA) e degli alunni, si adottano criteri e descrittori comuni di valutazione periodicamente revisionati Si coinvolgono sistematicamente e in forma calendarizzata i portatori di interesse nella ridefinizione di politiche e strategie IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: - Misurare l efficacia dell impatto sulla comunità, oltre la mission formativa, nell ottica del riorientamento - Stabilire i tempi del monitoraggio PUNTEGGIO PUNTEGGIO: PLAN 95 DO 95 CHECK 95 ACT 95 TOTALE 95 10

11 SINTESI sottocriterio: 2.3 Implementare le strategie e le politiche nell intera organizzazione L implementazione delle politiche e delle strategie avviene annualmente attraverso il Piano dell'offerta Formativa (POF) elaborato prima delle iscrizioni per gli aspetti educativi e organizzativi e completato all inizio dell anno scolastico per gli aspetti didattici; è presentato al Consiglio di Istituto per l adozione. In tale documento sono indicati i criteri, le modalità operative per l erogazione dell offerta formativa e i progetti didattici legati ai processi chiave. Il Ds presenta il pof ai genitori negli incontri che precedono le iscrizioni Il documento è pubblicato sul sito e divulgato a tutte le famiglie tramite il diario Le finalità e gli obiettivi strategici si concretizzano nelle programmazioni educativodidattiche, nei progetti e nell erogazione dei servizi, nelle modalità organizzative, in obiettivi da raggiungere nell attività formativa. Politiche e strategie vengono riviste anche nel riesame della direzione la quale valuta la collaborazione con associazioni per reperire fondi utili alla realizzazione di progetti Si è effettuata una diffusione capillare del POF attraverso la convocazione delle assemblee dei genitori, la pubblicazione sui diari degli studenti e sul sito La leadership è molto motivata a diffondere ed ad implementare politiche e strategie Si ritiene necessario un maggiore coinvolgimento del personale e dei portatori di interesse nell implementazione di politiche e strategie coerenti con il POF e quindi alle innovazioni Si intende valutare in modo sistematico l'efficacia delle performance individuali IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Sviluppare metodi per misurare l'efficacia delle performance PUNTEGGIO PUNTEGGIO: PLAN 100 DO 100 CHECK 100 ACT 90 TOTALE 98 11

12 SINTESI sottocriterio : 2.4 Pianificare, attuare e rivedere le attività per la modernizzazione e l innovazione La programmazione educativo-didattica tiene conto delle competenze chiave europee da acquisire per rendere gli alunni preparati al cambiamento e all innovazione ed è caratterizzata dalla logica del PDCA. La promozione della cultura dell innovazione fra tutto il personale è supportata ogni anno da appositi piani di formazione. La maggioranza del personale docente ha seguito corsi d informatica e corsi di formazione sull uso delle Lim. L innovazione didattica è orientata all utilizzo di nuove metodologie con il supporto delle TIC. Tutte le classi della scuola secondaria di I^ grado sono dotate di LIM. L introduzione delle lavagne interattive ha introdotto la progettazione di Percorsi Didattici Brevi improntati ad una didattica interattiva laboratoriale. Le risorse economiche derivanti dal MIUR sono piuttosto esigue e in via di continua restrizione, perciò la Direzione ha cercato di reperire fondi attraverso le associazioni territoriali grazie alle quali è possibile realizzare corsi di lettorato di lingua 2, certificazioni esterne e il co-finanziamento dei corsi ECDL al fine di mantenere i processi di qualità e di arricchimento dell offerta avviati. Grazie a docenti desiderosi di attrezzare le future generazioni, di strumenti cognitivi indelebili si realizzano altri progetti: CLIL, E-TWINNING, MATEMATITA (in collaborazione con l'università Bicocca),COMPETENZE DIGITALI Il sito web viene aggiornato costantemente. La comunicazione viene effettuata attraverso due canali: quello cartaceo e quello informatico I curricola sono rivisti e aggiornati in base alle indicazioni ministeriali, alle incongruenze con le criticità INVALSI e da quest'anno si integreranno con i concetti di benessere e sicurezza in un approccio scolastico globale. La scuola si apre alla modernizzazione e all'innovazione attraverso approcci innovativi con i progetti realizzati ottimizzando i bilanci finanziari Le azioni di miglioramento si divulgano con incontri e si pubblicano sul sito Si ritiene necessario garantire lo sviluppo di un sistema efficiente di gestione del cambiamento che consenta di monitorare i progressi dell'innovazione Si ritiene importante elaborare e formalizzare comportamenti condivisi inerenti la didattica per alunni con BES IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: E necessario monitorare le innovazioni in termini di efficacia ed efficienza Si ritiene importante Misurare i cambiamenti che seguono all introduzione delle innovazioni (efficacia) PUNTEGGIO: PLAN 100 DO 100 CHECK 100 ACT 95 TOTALE 99 12

13 CRITERIO N. 3 PERSONALE SINTESI sottocriterio 3.1. Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente e coerente con le politiche e le strategie Le risorse umane sono considerate un elemento di forza per il conseguimento degli obiettivi prefissati, l attuazione dell offerta formativa e l erogazione dei servizi. La politica di gestione delle risorse umane è in pieno accordo con i piani del POF, il personale è supportato da: -protocollo di accoglienza per i neoassunti (pubblicato sul sito) -rendicontazione e trasparenza nell applicazione delle decisioni assunte - definizione dei criteri per l'assegnazione dei compiti (CD) -attribuzione di responsabilità e di opportunità di crescita professionale nel rispetto delle pari opportunità (CD) -rispetto e attenzione verso situazioni particolari Si supporta costantemente il personale nello sviluppo e/o nell utilizzo delle nuove tecnologie e nell implementazione dell e-gov offrendo opportunità di formazione. Si ritiene necessaria maggior chiarezza nell'assegnazione delle responsabilità IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Si ritiene importante effettuare un adeguato monitoraggio sull'efficacia delle nuove scelte PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 80 CHECK 90 ACT 85 TOTALE 86 13

14 SINTESI sottocriterio : 3.2 Identificare, sviluppare ed utilizzare le competenze del personale allineando gli obiettivi individuali a quelli dell'istituzione Ogni docente possiede un fascicolo personale contenente il curriculum vitae.(sistema informativo del Ministero). Il DS propone in accordo con il personale i piani di formazione coerenti con gli obiettivi dell'istituto e rispondenti alle esigenze individuali. Il piano di formazione si sviluppa con particolare attenzione alla progettazione, all'innovazione didattica e alla valutazione ed è ovviamente coerente con la mission Tiene conto e valuta la ricaduta didattica e soprattutto la corrispondenza costi/benefici per potenziare la ricerca azione Gestisce l'equilibrio della mobilità interna. Si è definito un piano generale di formazione basato sui bisogni del personale e coerente con le strategie; questo si sviluppa con particolare attenzione alla progettazione, all'innovazione didattica e alla valutazione ed è ovviamente coerente con la mission Si ritiene importante sviluppare le competenze di gestione delle relazioni con le famiglie e con i partner Si ritiene necessario sviluppare la comunicazione sulla gestione dei rischi, dei conflitti di interesse e sul codice di condotta Si ritiene costruttivo il monitoraggio quantitativo e qualitativo della formazione e della ricaduta sulla didattica IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Aumentare il numero delle unità di personale da coinvolgere nelle attività di formazione. PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 90 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 80 14

15 SINTESI sottocriterio : 3.3 Coinvolgere il personale attraverso lo sviluppo del dialogo e dell empowerment Si coinvolge il personale per la definizione degli obiettivi e dei processi attraverso gli incontri di programmazione e le commissioni di lavoro delle aree individuate nel CD Tutto il personale è coinvolto nelle azioni di miglioramento attraverso la distribuzione dei compiti e la conoscenza delle aree da migliorare divulgate con PPT negli incontri e attraverso il funzionigramma Attraverso i consigli di ogni ordine di scuola è ricercato il consenso sugli obiettivi e sulla modalità di misurazione dei risultati Si effettuano indagini di customer satisfaction ogni 2 anni (VSQ NEL 2011 e quest'anno) Spesso i rappresentanti dei sindacati partecipano alle contrattazioni Il dialogo è la caratteristica principale dello stile della leadership., infatti, confronti e scambi fra il personale avvengono in sede di incontri a tema o durante le riunioni degli organi collegiali. La comunicazione (gestita da un processo specifico) tramite posta elettronica tra Dirigente e personale consente un rapido passaggio di informazioni a tutta l organizzazione. Le informazioni passano anche attraverso la rete informatica del sito. Le consultazioni con le rappresentanze sindacali (RSU) avvengono durante l anno per la contrattazione o altre problematiche di competenza. Predisporre e condurre sistematicamente indagini,per rilevare i bisogni formativi e il clima di lavoro. IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Si istituisce un albo dove vengono registrati i nomi degli alunni, delle classi, degli insegnanti che hanno ottenuto riconoscimenti, premi, inviti particolari (l albo sarà presente anche sul sito) PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 90 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 80 15

16 CRITERIO 4 - PARTNERSHIP E RISORSE SINTESI sottocriterio 4.1. Sviluppare e implementare relazioni con i partner chiave L'istituto sceglie i partner sulla base delle affinità e dei bisogni formativi e stabilisce accordi di collaborazione coerenti con gli scopi da raggiungere. Cerca di valutare le diverse collaborazione in termini di vantaggi per l arricchimento dell offerta formativa, per il miglioramento del successo scolastico, per attività di formazione/aggiornamento del personale. Con riferimento al punto 1.4: Si realizzano diversi progetti in rete con i partner del territorio per la prevenzione della dispersione scolastica e supporto agli alunni in difficoltà; educazione alla legalità e alla cittadinanza, alla sicurezza e privacy, sportello di ascolto genitori/studenti, incontri di formazione per i genitori, mirati ad approfondire le tematiche educative. Il Piano di zona finanzia attività finalizzate al successo formativo degli alunni e all alfabetizzazione degli stranieri che si sono consolidate negli anni come buone pratiche di condivisione. Le famiglie condividono e riconoscono il valore aggiunto di queste collaborazioni; risultano avviati e da implementare i processi relativi alla rete SPS verso l acquisizione di stili di vita sani e al concetto di benessere non solo come assenza di malattia. Il rapporto con i fornitori è regolato dalla segreteria attraverso il processo di approvvigionamento. In questi anni la scuola ha dimostrato la sua apertura a formare rete per percorsi e scopi comuni non solo quantitativi ma qualitativi per il miglioramento del benessere ed il relativo successo formativo E' utile creare scambi e attività di benchmarking e naturalmente monitorare i risultati per imparare e progredire - IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: -Sarebbe utile elaborare un protocollo d'intesa e regolamento per i partner per stabilire con maggior chiarezza compiti e responsabilità PUNTEGGIO: PLAN 95 DO 95 CHECK 95 ACT 85 TOTALE 92 16

17 SINTESI sottocriterio 4.2 Sviluppare e implementare relazioni con i discenti/le famiglie Attenzione primaria verso il rapporto con i genitori che, insieme ai figli, sono i soggetti destinatari dei servizi offerti/interventi didattici ed educativi Lo sviluppo e l implementazione delle relazioni avviene attraverso processi di empowerment; a tal proposito la scuola coinvolge genitori e studenti attraverso: a)informazioni circa il percorso didattico programmato b)trasparenza nelle azioni intraprese (anche disciplinari, se necessario) nei confronti degli alunni attraverso il coinvolgimento dei rappresentanti di classe c)coinvolgimento su obiettivi comuni, didattica orientativa, attenzione ai Bes -chiarezza ed efficacia nella comunicazione attraverso: - pubblicazione sul sito di calendario scolastico con le iniziative o gli incontri / orari di ricevimento, modulistica utile - Comunicazioni inerenti l organizzazione ( protocolli di accoglienza alunni con Bes: stranieri, DSA, disabili) funzionamento GLH, - comunicazione attraverso mailing-list ai rappresentanti di classe e del Consiglio di Istituto -sportello d'ascolto con psicopedagogista in collaborazione con il piano di zona -Collaborazioni per iniziative di solidarietà (Preparazione di oggetti per i mercatini, raccolta giocattoli per la pediatria reperimento di sponsor, ) La scuola è sempre più sensibile e attenta alle esigenze delle famiglie infatti ha elaborato un protocollo accoglienza e coinvolgimento pubblicato sul sito -Coinvolgere in modo attivo le famiglie e i discenti nello sviluppo di piani d'azione Nell'ottica di una didattica inclusiva la scuola elaborerà un protocollo per alunni con BES IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Monitorare le presenze dei genitori negli organi collegiali, negli eventi e nelle assemblee. Creare uno spazio più visibile per raccogliere reclami o proposte ed anche implementare azioni di volontariato pro scuola o società. PUNTEGGIO: PLAN 95 DO 90 CHECK 80 ACT 80 TOTALE 87 17

18 SINTESI sottocriterio 4.3. Gestire le risorse finanziarie La gestione finanziaria è finalizzata al raggiungimento degli obiettivi contenuti nel POF e alla realizzazione dei processi-chiave, nonostante le scarse risorse disponibili. I compensi accessori al personale garantiscono lo svolgimento di attività aggiuntive finalizzate all arricchimento dell offerta. - Progetti interni ed esterni, attività realizzate grazie ad accordi con Enti/Associazioni esterne (valore aggiunto nella realizzazione degli obiettivi strategici) - Dirigente attento nel trovare fonti di finanziamento - Ricerca di risorse aggiuntive (sponsor,..) - Fondo d istituto distribuito secondo parametri rispondenti alle esigenze formative rilevate e sempre verso attività/progetti regolarmente deliberati e programmati. Il consiglio di Istituto (formato dal DS, docenti infanzia, primaria, docenti secondaria di I^gr. personale ATA) provvede ad adottare il POF con i conseguenti impegni di spesa, approva il Programma Annuale, le variazioni al PA e il conto consuntivo. - I revisori dei conti controllano la regolarità delle spese. I finanziamenti richiesti alle famiglie sono finalizzati a progetti pianificati e concordati nelle assemblee di classe e negli organi collegiali. Uno dei punti di forza è, come da sempre, l'impiego mirato delle risorse disponibili unitamente alla trasparenza nelle richieste di co-finanziamento di progetti/attività Solo pochi docenti aderiscono a iniziative competitive perciò sarebbe utile incentivare la partecipazione a progetti meritocratici e magari redditizi IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Per incrementare i fondi sempre più esigui sarebbe opportuno intensificare la ricerca di sponsor nel territorio PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 90 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 80 18

19 SINTESI sottocriterio 4.4. Gestire le informazioni e la conoscenza La gestione delle informazioni mediante procedura avviene attraverso il processo comunicazione. La scuola è attenta alla gestione e alla divulgazione di informazioni e alla diffusione delle conoscenze, utilizzando supporti informatici nell ottica della de materializzazione. La documentazione, in generale su supporto informatico, è gestita dal personale della segreteria e riguarda dati relativi all amministrazione, agli alunni, al personale, alle classi. Le informazioni e i dati relativi all organizzazione sono gestiti anche dal DS, dai docenti e dai collaboratori. La leadership ha il compito di diffondere tra il personale tutte le informazioni che concorrono allo svolgimento e alla realizzazione degli obiettivi strategici della scuola. Le notizie, le informazioni vengono diffuse tramite: - Sito web (periodicamente aggiornato) - Informazioni date ai genitori tramite: avvisi albo, bacheca genitori, comunicazioni nel diario contenente la documentazione dell'istituto - Nelle periodiche riunioni degli organi collegiali o in incontri specifici. - Circolari interne (visione registrata tramite firma nel registro dove viene evidenziato il numero di protocollo, l oggetto, la data,..), il responsabile di plesso ne controlla l avvenuta presa visione - Circolari, avvisi vari, iniziative, convocazioni, inviati per posta elettronica a tutto il personale - Invio di materiale informativo a tutti i componenti degli organi collegiali via grazie a mailing-list La scuola attua il processo di comunicazione e gestione della conoscenza delle Informazioni attivando nuovi canali Nonostante l'attenzione e i canali veloci di comunicazione si propone di elaborare un protocollo delle comunicazioni interne e di monitorare le criticità rilevate nella comunicazione IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: Stilare un piano di comunicazione con lo scopo di ampliare il processo di comunicazione scuola/famiglia-genitori Nuove modalità on line per rilevare le visite al sito di scuola e il monitoraggio delle criticità PUNTEGGIO: PLAN 90 DO 90 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 80 19

20 SINTESI sottocriterio 4.5. Gestire la tecnologia In coerenza con gli obiettivi strategici, la scuola attua una politica di integrazione della gestione delle nuove tecnologie. Alcune classi quinte aderiscono al Progetto competenze digitali il collegamento internet sempre attivo permette agli alunni di fare ricerche e di documentarsi su argomenti vari - percorsi di rinforzo e di recupero, attraverso software didattici specifici, per alunni in difficoltà o stranieri - laboratori multimediali mobili attraverso i PC portatili in classe anche con software aggiornati - uso della lavagna interattiva, -formazione dei docenti per l'utilizzo di registri elettronici L'istituto ha un sito aggiornato, curato dal DS e, per la parte tecnica, da un docente designato La comunicazione interna via sta sostituendo i documenti cartacei (risparmio carta), garantendo velocità di informazioni e di comunicazioni. La designazione della figura di responsabile delle tecnologie, nell intento di tenere sotto controllo lo stato delle attrezzature è funzionale agli obiettivi Diffusione dell' agenda on-line o in supporto digitale per tutti (programmazioni didattiche disciplinari) per operare con più facilità nell apportare modifiche e revisioni caratterizzanti una metodologia PDCA Utilizzare la griglia di valutazione in Excel per agevolare le tabulazioni dei dati IDEE PER IL MIGLIORAMENTO: -Monitoraggio utilizzo delle LIM attraverso questionario ai bambini per rilevare i cambiamenti dei metodi di studio - Reperire i fondi per incrementare le dotazioni tecnologiche diversamente diffuse nell'istituto - Promuovere azioni di tutoraggio fra il personale per incoraggiare l'utilizzo delle TIC già in parte diffuso PUNTEGGIO: PLAN 75 DO 85 CHECK 70 ACT 70 TOTALE 75 20

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I^ GRADO A.S.2011/2012. colleg@ti al mondo INDICE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I^ GRADO A.S.2011/2012. colleg@ti al mondo INDICE ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I^ GRADO A.S.2011/2012 colleg@ti al mondo INDICE Premessa 1.L Istituto Comprensivo e il territorio 1.1 Il contesto

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Indice I. INTRODUZIONE...5 II. IL MODELLO CAF & EDUCATION...10. II. I criteri relativi ai fattori abilitanti... 11

Indice I. INTRODUZIONE...5 II. IL MODELLO CAF & EDUCATION...10. II. I criteri relativi ai fattori abilitanti... 11 1 Indice I. INTRODUZIONE...5 II. IL MODELLO CAF & EDUCATION...10 II. I criteri relativi ai fattori abilitanti... 11 II.2 I criteri relativi ai risultati... 30 II.3 Sistemi di valutazione e di assegnazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Obiettivi dell'intervento. Scaletta

Obiettivi dell'intervento. Scaletta Obiettivi dell'intervento informazione sul SNV sensibilizzazione sulla valutazione di istituto valutazione esterna ed interna sperimentazione della procedura di AV spunti di riflessione disponibilità ad

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli