FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA OBIETTIVI E MODALITA OPERATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA OBIETTIVI E MODALITA OPERATIVE"

Transcript

1 FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA OBIETTIVI E MODALITA OPERATIVE 2007

2 SOMMARIO INTRODUZIONE Pag. 1 S.E.T. (SERVIZIO EMERGENZE TRASPORTI) ATTIVAZIONE DEL S.E.T OPERATIVITA' DEL S.E.T SISTEMA INFORMATIVO S.E.T. A PORTO MARGHERA Dotazione Hardware Sistemi per la gestione delle emergenze Apparati di connettività Gruppo di continuità Dotazione software Applicazioni speciali Centralino Cruscotto Gestione on-line Incidenti Trasporto Pagine asincrone Memorizzazione/Consultazione Incidenti 22 5 CENTRO DI RISPOSTA NAZIONALE S.E.T LIVELLI DI INTERVENTO Livello intervento 1 (informazioni prodotto) Livello intervento 2 (tecnico qualificato) Livello intervento 3 (squadra) Composizione tipo Squadra di intervento S.E.T Equipaggiamento tipo Squadra di intervento S.E.T COSTI COPERTURA ASSICURATIVA RESPONSABILITA MANUALE S.E.T ALLEGATI A B B1 C Rapporto incidente e interventi Modulo ICE Richiesta informazioni per emergenza Procedura di chiamata ICE Equipaggiamento Squadra di Intervento S.E.T.

3 INTRODUZIONE Il CEFIC (Conseil Européen de l'industrie Chimique) ha promosso a livello internazionale il Programma ICE (International Chemical Environment), applicato al sistema dei trasporti che oltre ad aspetti di prevenzione (v. p. es. il sistema S.Q.A.S mirante a testare in termini di qualità e di sicurezza i servizi offerti dal vettore), persegue anche obiettivi di efficienza nell'ambito della gestione delle emergenze fornendo supporto alle Pubbliche Autorità. Il Programma ICE si propone come iniziativa volontaria dell'industria chimica europea e si colloca nel più ampio Programma definito "Responsible Care" riconoscendosi quindi nella sua politica di miglioramento continuo per la sicurezza, la salute e l'ambiente. Il Programma ICE nasce dall'esigenza che le operazioni per la gestione delle emergenze nel trasporto di prodotti chimici siano tempestive e corrette ed è finalizzato alla creazione di una rete europea di intervento al cui sviluppo concorrono attualmente 17 Paesi: Italia, Germania, Austria, Belgio, Francia, Svizzera, Regno Unito, Finlandia, Svezia, Danimarca, Olanda, Spagna, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Polonia e Norvegia. Detta rete, che agisce da coordinamento tra i Centri di Risposta Nazionali dei Paesi europei, è volta a promuovere un sistema integrato di assistenza alle Pubbliche Autorità modellato su criteri di uniformità internazionalmente condivisi. Hanno manifestato interesse al Programma ICE anche Croazia, Slovenia e Grecia. Il CEFIC ha stabilito contatti formali anche con due altri centri che operano nel Settore delle emergenze relativamente al trasporto marittimo; essi sono il REMPEC (Regional Marine Pollution Emergency Response Centre for the Mediterranean Coastal States) a Malta e il CEDRE (Centre de Documentation de Recherche et d'experimentations sur les Pollutions Accidentelles des Eaux) con sede a Brest in Bretagna, agente anche da Centro di Risposta ICE per la Francia. L'industria chimica italiana non è nuova a questi temi avendo già da anni avviato iniziative di collaborazione con i Vigili del Fuoco che si sono concretizzate ad esempio nel Piano di Emergenza Cloro (1975) e nel SIET (1985). Con riferimento a quest'ultimo, l'esigenza di una sua profonda rivisitazione per collegarlo al sistema europeo e quella di raccogliere l'adesione di un numero allargato di aziende con l'assunzione di connotati tali da conferire allo stesso carattere di rappresentatività a livello nazionale, ha indotto Federchimica a promuovere, nell'ambito del proprio Programma "Responsible Care", un nuovo progetto, chiamato appunto S.E.T. al cui sviluppo si è provveduto con la costituzione di tre gruppi di lavoro che ne hanno orientato le strategie relativamente alla gestione della banca-dati, all'organizzazione dei Punti di Contatto, alla definizione delle responsabilità e degli aspetti assicurativi ad esso associati.

4 RVK (Oslo) ERC (Stoccolma) TINTERC (Helsinki) RVK (Copenaghen) CHEMSAFE (Culham) TRC (Schiedam) SPOT (Plock) TRANSAID (Brest) BELINTRA (Antwerpen) CHEMIEFACHBERATUNG (Basilea) TUIS (Ludwigshafen) TUIS/ERS TRINS (Litvinov) DINS (Sal a) VERIK (Szazhalombatta) S.E.T. (Porto Marghera) CERET (Madrid) REMPEC (Malta) Figura 1: Rete Europea Centri di Risposta Nazionali ICE

5 1. S.E.T. (SERVIZIO EMERGENZE TRASPORTI) S.E.T. è un iniziativa volontaria promossa da Federchimica (Federazione Nazionale dell Industria Chimica), orientata alla prevenzione ed alla gestione delle emergenze nel trasporto di prodotti chimici. Facendo leva sul principio della volontarietà e del "mutuo soccorso" tra le Società e Associazioni aderenti, S.E.T., che si riconosce nel Programma Responsible Care e quindi nella sua politica di miglioramento continuo per la sicurezza, la salute e l ambiente, si propone di fornire collaborazione alle Pubbliche Autorità (Vigili del Fuoco, Polizia, Protezione Civile, A.S.L., ecc ) relativamente all'informazione sui prodotti e alla mobilitazione sul luogo dell incidente di tecnici qualificati e squadre di emergenza aziendali. L attività del S.E.T. è disciplinata da un Protocollo di intesa, siglato in data 9 gennaio 1998 dal Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri di concerto con la Federchimica e la Direzione Generale Protezione Civile e Servizi Antincendi del Ministero dell Interno. S.E.T. ha sede operativa a Porto Marghera, agente da Centro di Risposta Nazionale, collegato in linea telefonica e fax ai Punti di Contatto aziendali chiamati a fornire alle Pubbliche Autorità l assistenza richiesta. S.E.T. si riconosce a sua volta a livello internazionale nel sistema europeo ICE, coordinato dal CEFIC a Bruxelles, ove dialoga in rete con i Centri di Risposta degli altri Paesi partecipanti. L attivazione del Servizio S.E.T. è riservata alle Pubbliche Autorità a cui compete istituzionalmente la responsabilità della gestione dell'emergenza e, limitatamente alla richiesta, di informazioni sui prodotti chimici coinvolti in incidenti su rete ferroviaria, a Trenitalia - Divisione Cargo. Le aziende di Federchimica impegnate nel S.E.T., ove siano a conoscenza di incidenti coinvolgenti un loro carico, possono darne segnalazione al Centro di Risposta Nazionale poiché a sua volta si attivi nei confronti del competente Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco dichiarando la propria disponibilità a intervenire se confermata. In Tabella 1 sono indicate le Aziende e Associazioni di Federchimica impegnate nel S.E.T.; in Tabella 2 le Società, Associazioni ed Enti esterni al sistema Federchimica ugualmente coinvolti nel S.E.T. 1

6 AIR LIQUIDE Italia ARKEMA ASSOGASLIQUIDI (*) ASTRAZENECA BASELL Poliolefine Italia BASF Italia BAYER BORREGAARD Italia BRACCO e BRACCO IMAGING AZIENDE / ASSOCIAZIONI DI FEDERCHIMICA CIBA SPECIALTY CHEMICALS Italia CLARIANT (Italia) COGNIS CRAY VALLEY Italia DOW Italia DU PONT DE NEMOURS Italiana ELANTAS CAMATTINI ESSO Italiana HENKEL HENKEL LOCTITE ADESIVI INEOS Vinyls Italia INFINEUM Italia LANXESS Italia POLYNT Italia MAKTESHIM AGAN Italia MAPEI NUOVA SOLMINE POLIMERI EUROPA PPG Italia Business Support S.r.l. RIVOIRA ROHM AND HAAS Italia SANOFI AVENTIS SASOL ITALY SIAD SIPCAM OXON SNIA (Caffaro) SOLVAY CHIMICA Italia SOLVAY SOLEXIS SYNDIAL S.p.A. Attività Diversificate SYNGENTA CROP. PROTECTION TAZZETTI FLUIDS VINAVIL WICTOR YARA Italia (*) Associazione di settore Tabella 1 - Aziende e Associazione di Federchimica aderenti al S.E.T. ALTRI PARTECIPANTI AssICC AXSE (P.I.A.) CAMPOVERDE FONDAZIONE MAUGERI (C.N.I.T.) REAL SERVICE (P.I.E.) REMPEC TECNOPARCO V B A TRENITALIA Divisione Cargo Tabella 2 - Società, Associazioni ed Enti esterni partecipanti al S.E.T. 2

7 2. ATTIVAZIONE DEL S.E.T. Le Pubbliche Autorità chiamate a gestire l'emergenza cercano di stabilire, con l'ausilio p. es.del manuale di riferimento S.E.T., di cui al successivo punto 10, un contatto diretto con il produttore, il rivenditore o il destinatario del prodotto coinvolto nell incidente per disporre delle informazioni necessarie e dell'eventuale assistenza tecnica (tecnico qualificato e/o squadra di intervento) sul posto per gestire l emergenza. Soltanto nei casi in cui ciò non fosse possibile, quali per esempio: chiamata in fascia oraria non presidiata dall'azienda impossibilità a collegarsi con l'azienda ove trattasi di prodotti di importazione difficoltà di identificazione dei prodotti in caso p. es. di carichi gravemente danneggiati difficoltà a collegarsi con il committente o destinatario del prodotto o, a causa della eccessiva distanza, a richiederne l'intervento sul posto le Pubbliche Autorità attivano il Numero dedicato S.E.T. in grado di pilotare la ricerca e l'identificazione di persone e mezzi da mobilitare e fornire eventuale consulenza tecnico/informativa. Il Centro di Risposta Nazionale provvede alla registrazione fonica di tutte le chiamate di soccorso e all annotazione delle informazioni da inviare al Punto di Contatto aziendale che è stato individuato per soddisfare la richiesta. A intervento effettuato, nel caso di mobilitazione sul posto di un tecnico qualificato o di una squadra, il Punto di Contatto aziendale attivato informa sui risultati dell'operazione. L'attivazione del S.E.T. avviene tramite la formazione del Numero dedicato istituito presso il Centro di Risposta Nazionale che è presidiato 24 ore/giorno. L'accesso al Numero dedicato è consentito solo alle Pubbliche Autorità oltreché agli analoghi Centri di Risposta ICE dei Paesi Europei, a Trenitalia Divisione Cargo e alle Aziende aderenti. La mobilitazione in ambito S.E.T. di tecnici qualificati o di squadre di intervento può essere richiesta solo da rappresentanti delle Pubbliche Autorità di adeguato livello (ad es. Comandi Regionali e Provinciali dei Vigili del Fuoco, Prefetture, ecc.) e non direttamente dalle Aziende e più in generale da strutture private. L accesso diretto al S.E.T. è consentito a Trenitalia - Divisione Cargo per la richiesta di informazioni sui prodotti coinvolti in un incidente ferroviario (livello di intervento 1). Con la Convenzione siglata il 2 marzo 2001 da Federchimica con Trenitalia - Divisione Cargo, la capacità di risposta del S.E.T. si è estesa anche agli incidenti di prodotti chimici nel trasporto su rete ferroviaria. Il 15 giugno 2004 Federchimica e REMPEC di Malta hanno firmato il Protocollo di Intesa per assicurare, attraverso S.E.T., il supporto di esperti di Imprese di Federchimica all Unità di Soccorso MAU, coordinata dal REMPEC, per gestire emergenze nel Mare Mediterraneo in cui siano coinvolti prodotti chimici e petroliferi. L iniziativa si inquadra nell ambito della Convenzione di Barcellona che ha assegnato al REMPEC, in quanto Centro di Risposta per il Mediterraneo, facente capo al Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) e dell Organizzazione Marittima Internazionale (IMO), la responsabilità di organizzare e dirigere gli interventi di soccorso. 3

8 3. OPERATIVITÀ' DEL S.E.T. Il S.E.T. si sviluppa sulla base dei tre livelli di intervento: livello di intervento 1: consiste nell'invio della scheda di sicurezza (SDS) del prodotto coinvolto nell'incidente alle Pubbliche Autorità supportandole anche, preferibilmente, con una lettura critica del documento e con commenti analitici, relativamente allo scenario considerato, forniti telefonicamente da un Tecnico Qualificato; livello di intervento 2: consiste nell'individuazione di un Tecnico Qualificato che possa essere convocato sul posto su richiesta delle Pubbliche Autorità; livello di intervento 3: consiste nell'individuazione di una Squadra di Intervento che possa essere mobilitata sul posto su richiesta delle Pubbliche Autorità. La gestione di tutti i livelli di intervento è effettuata dal Centro di Risposta Nazionale che si avvale della Banca-Dati per individuare il Punto di Contatto Aziendale in grado di soddisfare le richieste delle Pubbliche Autorità; la capacità di risposta dovrà tenere conto del carattere di urgenza, del tipo di incidente e della natura dei rischi connessi con l'incidente secondo le informazioni ricevute e delle esigenze aziendali. Con riferimento invece ai soli livelli di intervento 2 e 3, qualora l Azienda chiamata a collaborare con le Pubbliche Autorità si trovasse nell impossibilità di rispondere all appello per cause di forza maggiore, nessuna responsabilità potrà da ciò derivare in capo a chi è responsabile della gestione del S.E.T. I Punti di Contatto Aziendali devono essere anch essi presidiati 24 ore per 365 giorni / anno; il Centro Nazionale di Informazione Tossicologica (CNIT) di Pavia, con cui Federchimica ha stipulato apposita Convenzione, agisce da Punto di Contatto per molte Aziende S.E.T. di Federchimica che per necessità organizzative o politiche interne hanno scelto di delegare la loro capacità di risposta, per emergenze nel trasporto, a questa struttura fornendo preventivamente ad essa tutte le informazioni relative ai propri prodotti. Il Punto di Contatto Aziendale S.E.T. di Trenitalia - Divisione Cargo è il Centro Operativo Cargo di Milano, autorizzato a richiedere direttamente l attivazione del Livello 1; per i Livelli 2 e 3 la richiesta deve essere comunque avallata dalle Pubbliche Autorità. Il S.E.T. non comprende nel suo campo di attività le operazioni di bonifica e smaltimento conseguenti all'incidente che restano pertanto a carico dei soggetti preposti. Il Punto di contatto del REMPEC è a Malta che provvede direttamente ad organizzare il trasferimento sul posto dell incidente degli esperti delle Imprese che hanno aderito al Protocollo di Intesa. Essi sono attivati dal Centro di Risposta Nazionale a cui REMPEC inoltra la richiesta per avvalersi delle loro competenze professionali. 4

9 La mappa dei Punti di Contatto aziendali collegati al S.E.T. è riportata in Fig. 2. BASF (Cesano Maderno) LANXESS (Milano) BAYER (Milano) RE.AL Service / P.I.E. (Ceriano Laghetto) AIR LIQUIDE (Milano) FEDERCHIMICA(Milano) AXE / P.I.A. (Ceriano Laghetto) TRENITALIA -Cargo (Milano) CAMPOVERDE (Milano) ARKEMA (Rho) CLARIANT (Palazzolo Milanese) DOW (Milano) DU PONT DE NEMOURS (Bolzano) MAPEI; VINAVIL (Villadossola-VB) SOLVAY (SGIM) (Angera -VA) OXON (Mezzana Bigli -PV) ROHM & HAAS (Mozzanica - BG) SYNDIAL - INEOS Vinyls - POLIMERI EUROPA SIAD (Osio - BG) (Porto Marghera - VE) SNIA-CAFFARO (Brescia) SASOL (Terranova Passerini) CNIT (1) SIPCAM (Salerano LO) (Pavia) SOLVAY SOLEXIS (Spinetta Marengo AL) INFINEUM (Vado Ligure - SV) CRAY VALLEY (Boretto - RE) MIGAS (2) (Modena) CIBA SPECIALTY CHEMICALS (Sasso Marconi -BO) BASELL; YARA (Ferrara) SOLVAY (SBD) (Massa Carrara) POLYNT (S.G. Valdarno - AR) SOLVAY (Rosignano - LI) NUOVA SOLMINE (Scarlino - GR) BASELL (Terni) RIVOIRA; BORREGAARD (San Salvo - CH) TECNOPARCO VBA (Pisticci -MT) (1) Punto di contatto aziendale di: Astrazeneca, AssICC, Bracco e Bracco Imaging, Camattini, Cognis, Esso Italiana, Guido Tazzetti & C., Henkel, Henkel Loctite Adesivi S.r.l., Makhteshim Agan, PPG Industries Italia, Sanofi - Aventis, S.I.A.D., Syngenta Crop. Protection, Wictor. (2) Punto di contatto aziendale di: Assogasliquidi. Figura 2: Rete Punti di contatto aziendali S.E.T. 5

10 La distribuzione geografica dei siti delle aziende chimiche di Federchimica presenti nel S.E.T., di cui alla Tabella 3, è riportata In Fig. 3 Figura 3: Distribuzione geografica dei siti delle aziende chimiche di Federchimica presenti nel S.E.T. 6

11 AIR LIQUIDE Italia ASTRAZENECA ARKEMA Azienda BASELL Poliolefine Italia BASF Italia BAYER Italia BORREGAARD Italia BRACCO BRACCO IMAGING CAMATTINI CIBA SPECIALTY CHEMICALS CLARIANT Italia COGNIS CRAY VALLEY Italia DOW Italia Equipolymers S.r.l. Dow Agroscience B.V. Dow Poliuretani Italia S.r.l. DU PONT DE NEMOURS Italiana Sito Caserta (CE) Castelnuovo (VR) Catania (CT) Liscate (MI) Padova (PD) Pergine Valdarno (AR) Sarroch (CA) Terni (TR) Torino (TO) Caponago (MI) Porto Marghera (VE) Rho (MI) Spinetta Marengo (AL) Ferrara (FE) Terni (TR) Cesano Maderno (MI) Filago (BG) Garbagnate Milanese (MI) Madone (BG) Ravenna (RA) Milano (MI) Ceriano Laghetto (MI) Collecchio (PR) Origgio (VA) Pontecchio Marconi (BO) Lomagna (LC) Merate (LC) Palazzolo (MI) Pogliano (MI) Torino (TO) Triuggio (MI) Fino Mornasco (CO) Boretto (RE) Correggio (RE) Fombio (LO) Livorno (LI) Pisticci Scalo (MT) Ottana (NU) Bologna (BO) Mozzanica (BG) Porto Marghera (VE) Cardano al Campo (VA) Bolzano (BZ) 7

12 ESSO Italiana Milano (MI) Azienda Sito GUIDO TAZZETTI & C. HENKEL HENKEL LOCTITE Adesivi INEOS Vinyls Italia (*) INFINEUM Italia LANXESS POLYNT MAKTESHIM AGAN Italia MAPEI NUOVA SOLMINE POLIMERI EUROPA PPG RIVOIRA ROHM AND HAAS SANOFI AVENTIS (***) 8 Casale Monferrato (AL) S. Vittoria di Gualtieri (RE) Volpiano (TO) Ferentino (FR) Lomazzo (CO) Brugherio (MI) Caleppio di Settala (MI) Casarile (MI) Cerano (NO) Zingonia (BA) Porto Marghera (VE) Porto Torres (SS) Ravenna (RA) Vado Ligure (SV) Filago (BG) San Giovanni Valdarno (AR) Scanzarosciate (BG) Bergamo (BG) Latina (LT) Robbiano di Mediglia (MI) Scarlino (GR) Mantova (MN) Ravenna (RA) Sarroch (CA) Brindisi (BR) Ferrara (FE) Gela (CL) Marghera (VE) Porto Torres (SS) Priolo (SR) Ragusa (RG) Caivano (NA) Quattordio (AL) Anagni (FR) Chieti (CH) Chivasso (TO) Firenze (FI) Novara (NO) Ravenna (RA) Terni (TR) Mozzanica (BG) Garessio (CN)

13 SASOL Italy S.p.A. Brindisi (BR) Augusta (SR) Crotone (CR) Paderno Dugnano (MI) Porto Torres (SS) Sarroch (CA) Terranova dei Passerini (LO) Azienda Sito SIPCAM - OXON S.I.A.D. SNIA (Caffaro) SOLVAY CHIMICA ITALIA S G I M S B D SOLVAY CHIMICA BUSSI SOLVAY FLUOR ITALIA SOLVAY SOLEXIS SYNDIAL Attività Diversificate (**) SYNGENTA CROP PROTECTION VINAVIL WICTOR YARA Italia Salerano sul Lambro (LO) Mezzana Bigli (PV) Carlino (UD) Cinisello Balsamo (MI) Costa Volpino (BG) - Osio Sopra (BG) Macomer (NU) Ozzano Emilia (BO) Ponzano Veneto (TV) Trieste (TS) Brescia (BS) Cesano Maderno (MI) Torviscosa (UD Rosignano Solvay (LI) Angera (VA) Massa Carrara (MS) Bussi sul Tirino (PE) Porto Marghera (VE) Spinetta Marengo (AL) Assemini (CA) Brindisi (BR) Porto Marghera (VE) Porto Torres (SS) Priolo (SR) Milano (MI) Ravenna (RA) Villadossola (VB) Palazzolo sull Oglio (BS) Ferrara (FE) Ravenna (RA) (*) Ex EVC Italia (**) Ex ENICHEM (***) Ex AVENTIS BULK Tabella 3 Siti delle aziende chimiche di Federchimica presenti nel S.E.T. 9

14 In Tab. 4 sono indicati i livelli di intervento S.E.T. forniti dagli operatori coinvolti nell iniziativa. Operatori Liv. Operatori Liv. AIR LIQUIDE Italia 1,2 INEOS Vinyls Italia 1,2 AssICC (*) 1 INFINEUM Italia 1,2 ASSOGASLIQUIDI (*) 1,2,3 LANXESS 1 ASTRAZENECA 1 POLYNT 1 ARKEMA 1,2,3 MAKTESHIM AGAN Italia 1 AXSE / P.I.A. 3 MAPEI 1 BASELL Poliolefine Italia 1,2,3 NUOVA SOLMINE 1,2,3 BASF Italia 1,2 POLIMERI EUROPA 1,2,3 BAYER 1 PPG Italia Business support S.r.l. 1,2 BORREGAARD Italia 1 RE. AL. Service / P.I.E. 3 BRACCO e BRACCO IMAGING 1 RIVOIRA 1 CAFFARO (SNIA) 1 ROHM AND HAAS Italia 1 CAMATTINI 1 SANOFI - AVENTIS 1 CAMPOVERDE 2,3 SASOL Italy 1 CIBA SPECIALTY CHEMICALS Italia 1,2,3 S.I.A.D. 1 CLARIANT (Italia) 1 SIPCAM OXON Group 1,2 COGNIS 1 SOLVAY CHIMICA Italia 1,2,3 CRAY VALLEY Italia 1,2 SOLVAY SOLEXIS 1,2,3 DOW Italia 1,2 SYNDIAL Attività Diversificate 1,2,3 DU PONT DE NEMOURS Italiana 1 SYNGENTA Crop Protection 1 ESSO Italiana 1 TECNOPARCO V B A 3 GUIDO TAZZETTI 1 VINAVIL 1 HENKEL 1 WICTOR 1 HENKEL LOCTITE Adesivi 1 YARA Italia 1,2 (*) Associazione di settore Tabella 4 Livelli di intervento forniti dagli operatori coinvolti nel S.E.T. 10

15 Le Squadre di intervento di livello 3, operanti nell ambito del S.E.T., sono fornite da: Arkema a Rho (MI) AXSE / Pronto Intervento Ambientale (P.I.A.) a Brà (CN), Ceriano Laghetto (MI), Cesi (TR), Corleto Perticara (PZ), Monterotondo (RM), Napoli (NA) ( ), Ortona (CH), Padernello di Paese (TV), Palmi (RC), Porto Torres (SS), Pradamano (UD), Pula (CA), Ragusa (RG), Rovereto (TN), Sambruson di Dolo (VE), San Lorenzo (FC), Taranto (TA), Vado Ligure (SV) Basell Poliolefine Italia a Terni (TE) Campoverde a Milano Ciba Specialty Chemicals a Sasso Marconi fraz. Pontecchio (BO) Consorzio BSG a Brindisi (BR) (*) Consorzio IFM a Ferrara (FE) (**) Consorzio SPM a Porto Marghera (VE) (***) Consorzio RSI a Ravenna (RA) (****) Nuova Solmine a Scarlino (GR) Polimeri Europa S.p.A. a Mantova (MN) e Sarroch (CA) RE.AL.Service / Pronto Intervento Ecologico (P.I.E.) a Ceriano Laghetto (MI), Marghera (VE), Livorno (LI), Palestrina (RM), Castel Frentano (CH), Pomarico (MT), Viggiano (PZ), S. Onofrio (VV), Catania (CT), Palermo (PA), Senorbì (CA), Bacoli (NA), Rapagnano(AP), Calcinate (BG) Solvay Chimica Italia a Rosignano (LI) Solvay Solexis a Spinetta Marengo (AL) Syndial Attività Diversificate S.p.A. a Assemini (CA) e Porto Torres (SS) Tecnoparco VBA (in collaborazione con DOW Italia) a Pisticci Scalo (MT) (*) Il Consorzio è costituito da: Basell, Chemgas, ENI Power, Polimeri Europa, Syndial (**) Il Consorzio è costituito da: ABB Estense Service, Basell, Centro Energia(Ceof), Crion, ENI Ambiente, Nylco, S.E.F. S.p.A. (Società Enipower Ferrara), Polimeri Europa, Syndial, Yara Italia (***) Il Consorzio è costituito da: Arkema, Crion, Dow Poliuretani Italia, Fluor Italia, INEOS Vinyls, Montefibre, Polimeri Europa, Solvay, Syndial, Transped (****) Il Consorzio è costituito da: Borregard, Ecofuel, Endura, ENI-Power, Great Lakes, Polimeri Europa, Rivoira, Vinavil, Yara Italia. ( ) 2 Squadre La rete delle squadre di intervento del S.E.T. è riportata in Fig. 4. I tempi delle squadre di Intervento S.E.T., per area geografica, sono riportati in Fig

16 RETE SQUADRE DI INTERVENTO S.E.T. Legenda: Squadre di intervento di: Rho Calcinate Rovereto Pradamano Impresa chimica aderente al S.E.T. (emergenze nel trasporto di prodotti chimici in generale) Brà Ceriano L. Spinetta M. Vado Ligure Milano Padernello di Paese Mantova P. Marghera Sambruson di Dolo Ferrara Sasso Ravenna Marconi S. Lorenzo Impresa partecipante al S.E.T. (emergenze nel trasporto di prodotti chimici in generale) Impresa partecipante al S.E.T. (emergenze nel trasporto di materie e rifiuti radioattivi) Rosignano Livorno Scarlino Cesi Terni Rapagnano Ortona Palestrina Monte Rotondo Castel Frentano Porto Torres Napoli Bacoli Corleto Perticara Pomarico Brindisi Viggiano Pisticci Taranto Assemini Senorbì Sarroch Pula S. Onofrio Palermo Palmi Catania Ragusa Figura 4: Rete Squadre di Intervento S.E.T. 12

17 Legenda: Squadre di intervento di: Brà Ceriano L. Spinetta M. Vado Ligure Rho Calcinate Milano Padernello di Paese S. Lorenzo Pradamano Ma ntova P. Marghera Sambruson di Dolo Ferrara Sasso Ravenna Marconi Rosignano Rovereto Impresa chimica aderente al S.E.T. (emergenze nel trasporto di prodotti chimici in generale) Impresa partecipante al S.E.T. (emergenze nel trasporto di prodotti chimici in generale) Impresa partecipante al S.E.T. (emergenze nel trasporto di materie e rifiuti radioattivi) Territorio coperto: Entro 2 ore Entro 3 ore Livorno Scarlino Cesi Terni Rapagnano Ortona Palestrina Mo nte Rotondo Caste l Frentano Porto Torres Napoli Bacoli Corleto Perticara Pomarico Brindisi Viggiano Pisticci Taranto Assemini Senorbì Pula Sarroch S. Onofrio Paler mo Palmi Catania Ragusa Figura 5: Rete delle squadre di intervento S.E.T. (Copertura territoriale e tempi di intervento) 13

18 Divisione Cargo Figura 6: Collegamento TRENITALIA Divisione Cargo al S.E.T. 14

19 4. SISTEMA INFORMATIVO SET A PORTO MARGHERA 4.1 Dotazione Hardware Sistemi per la gestione delle emergenze Sono disponibili due PC IBM NETVISTA PIII con monitor LCD da 17 ; i PC sono gemelli per garantire la continuità del servizio; in caso di guasto del PC Master viene acceso il PC di backup in attesa dell intervento per la riparazione. E disponibile un sistema automatico di allerta quando si ricevono chiamate al numero di emergenza: un PC HP E800 Scsi Linux con doppia scheda per gestione fonia e monitor LCD da 15 è dedicato per questa funzione; ogni telefonata entrante viene trasferita al cellulare di servizio, in dotazione al tecnico di turno, e automaticamente vengono inviati un e un sms alla Direzione Tecnico Scientifica di Federchimica. Una stampante multifunzione Fax e Scanner viene utilizzata per ricevere le schede di sicurezza e le comunicazioni dei VF Apparati di connettività Per la telefonia sono presenti due linee ISDN una assegnata al numero di emergenza, l altra per le chiamate in uscita oltre ad una linea dedicata per il fax; da ottobre 2004 è stata attivata una connessione ADSL flat per disporre dei servizi di posta elettronica e internet. Per le connessioni internet sono collegati un router ADSL, un router ISDN (emergenza), per i fax un modem ISDN per poter inviare fax dal PC. In occasione della nuova sede è stato realizzato un impianto con cablaggio strutturato con un permutatore per la distribuzione delle connessioni LAN e telefoniche Gruppo di continuità Per garantire il funzionamento di tutti gli apparati in caso di blackout è stato installato un apparato UPS di elevata potenza con doppie batterie; il tempo di alimentazione di tutti gli apparati è stimato in circa 30 minuti. 15

20 Figura 7: Apparecchiature Centro di Risposta Nazionale S.E.T. 16

21 4.2 Dotazione software I due PC IBM, simili come hardware, sono configurati esattamente con gli stessi sistemi informatici: come sistema operativo è stato utilizzato Windows 2000 Professional (SP4), sistema collaudato e stabile; per le gestione dei documenti si utilizza Office 2000 Pro con Word, Excel, PowerPoint e Access; per la gestione dei database è stato installato anche MSDE. Sono presenti diversi programmi di servizio come: Acrobat Reader, Winzip per la decompressione dei files, Adobe Photoshop per la visualizzazione delle immagini; Vi sono anche programmi specifici per ricercare informazioni sulle sostanze chimiche: sistema Tomes Plus modulato su più banche dati, per informazioni chimiche e tossicologiche relativa a migliaia di prodotti; gli archivi vengono aggiornati ogni trimestre. schede CEFIC Tremcard (istruzione per i conducenti) schede CEFIC EriCard (istruzioni per le squadre di emergenza) Per la traduzione automatica delle informazioni recuperate da banche estere viene utilizzato Power Translator, che permette la traduzione immediata dei testi dall inglese all italiano; la qualità della traduzione è sufficiente per comprendere la pericolosità dei prodotti. 4.3 Applicazioni speciali Ad oggi il Centro di Risposta Nazionale dispone di due applicativi: un programma per la ricerca dei prodotti e dei punti di contatto e un database locale per la memorizzazione degli incidenti in cui è stato richiesto l intervento del SET. L esperienza acquisita e le nuove esigenze di gestione sono state utilizzate per migliorare le funzioni del Centralino e per realizzare due nuove progetti: il programma Cruscotto SET e la Banca Dati Incidenti. Entrambe le applicazioni sono state installate sperimentalmente a Porto Marghera Centralino Lo sviluppo della tecnologia Voice Over IP (VOIP) è stata utilizzata per la realizzazione di un programma in grado intercettare le chiamate entranti ed eseguire operazioni automatiche di avviso. Le funzionalità di questo centralino sono molto più ampie e saranno realizzate in futuro per il controllo immediato del numero con visualizzazione dei dati anagrafici del chiamante se questo è presente nel database dei soggetti autorizzati a contattare il SET ed invio di messaggi a destinatari predefiniti in base a regole che potranno essere configurate direttamente dalle Aziende aderenti. Attualmente il sistema si limita a trasferire la chiamata entrante direttamente al cellulare del tecnico di turno e contemporaneamente inviare un messaggio e un sms a Federchimica. L , con il messaggio S.E.T.: Il Centro Risposta Nazionale ha ricevuto una telefonata viene inviata ad un indirizzo di Federchimica, e successivamente potrà essere inoltrato alle Imprese che ne faranno richiesta. 17

22 4.3.2 Cruscotto Nella progettazione di questo programma si è voluto raccogliere in un unica maschera video tutte le informazioni che vengono di solito ricercate quanto viene richiesto l intervento del SET. Il risultato è stata una maschera a pieno schermo con tante finestre che visualizzano i dati del Comando Provinciale VF che ha chiesto l intervento, del prodotto coinvolto, del Punto di Contatto, del Sito Aziendale, della scheda Tremcard, della scheda Ericard, le informazioni estratte da TomesPlus, ecc, proprio come un cruscotto. E stata inserita una nuova funzionalità che permette la registrazione dei dati memorizzati sullo schermo per l attivazione del livello di intervento richiesto, con la possibilità di rivedere successivamente le informazioni selezionate e gli appunti inseriti in quell occasione. Sono state impostate due finestre, non operative, una da collegare con il sistema on-line su Internet per la gestione asincrona delle informazioni sull evoluzione dello scenario incidentale e l altra, ancora in fase di studio, da collegare alla Banca-Dati per la reperibilità delle cisterne per le operazioni di travaso. Il software è stato sviluppato per l ambiente web in modo da facilitare l integrazione con altri applicati web presenti e futuri. Figura 8: Cruscotto 18

23 4.3.3 Gestione on-line Incidenti Trasporto Il sistema internet (www.emergenze-set.it ) permette due funzionalità: gestione delle pagine asincrone e memorizzazione/consultazione degli incidenti Pagine asincrone Nel sito, composto da quattro sezioni: Analisi incidenti (permette la visualizzazione di tutti gli incidenti); Caricamento dati (permette l inserimento delle informazioni relative all incidente); Statistiche ( sono riportate le statistiche degli incidenti registrati nell anno precedente); Glossario (documentazione on-line della funzionalità del sito) per il caricamento on-line dei dati dell incidente (seconda sezione), ogni soggetto potrà completare quelli inseriti dall operatore CRN con informazioni di propria competenza. Le informazioni sull incidente sono richiamate in cinque pagine: Segnalazione ; Informazioni ; Rapporto CRN ; Rapporto intervento Punto di Contatto aziendale ; Relazione V.F.. Utilizzando la modalità di aggiornamento asincrona, ogni soggetto potrà aggiungere dati di propria competenza indipendentemente dagli altri; è prevista anche la possibilità di utilizzare la pagina relativa alle informazioni sull incidente durante lo svolgimento delle operazioni di emergenza in modo da essere documentati in tempo reale sull evoluzione dello scenario incidentale. Di seguito si riportano le cinque pagine asincrone della sezione Caricamento dati. 19

IL SERVIZIO EMERGENZE TRASPORTI IL PROGRAMMA VOLONTARIO PER PREVENIRE E GESTIRE GLI INCIDENTI NELLA LOGISTICA CHIMICA IN ITALIA

IL SERVIZIO EMERGENZE TRASPORTI IL PROGRAMMA VOLONTARIO PER PREVENIRE E GESTIRE GLI INCIDENTI NELLA LOGISTICA CHIMICA IN ITALIA IL SERVIZIO EMERGENZE TRASPORTI IL PROGRAMMA VOLONTARIO PER PREVENIRE E GESTIRE GLI INCIDENTI NELLA LOGISTICA CHIMICA IN ITALIA SETTEMBRE 2013 1 LA FASE INIZIALE DEL S.E.T. Il S.E.T., Servizio Emergenze

Dettagli

Milano, 30 maggio 2005 Palazzo delle Stelline Corso Magenta, 61 20123 Milano A.N.I.T.A.

Milano, 30 maggio 2005 Palazzo delle Stelline Corso Magenta, 61 20123 Milano A.N.I.T.A. Milano, 30 maggio 2005 Palazzo delle Stelline Corso Magenta, 61 20123 Milano A.N.I.T.A. Gli Organizzatori Federchimica, Federazione Nazionale dell Industria Chimica, associa circa 1.400 Imprese Chimiche,

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

Il nuovo S.E.T. BASF Italia SpA - V. Sarto 9 Luglio 2013 QEHS/RC BC EUS

Il nuovo S.E.T. BASF Italia SpA - V. Sarto 9 Luglio 2013 QEHS/RC BC EUS Il nuovo S.E.T. BASF Italia SpA - V. Sarto 9 Luglio 2013 QEHS/RC BC EUS - Confidential - Struttura della presentazione - Confidential - Struttura della presentazione - Confidential - La nascita del S.E.T.

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880 Copia di contingenti nomine docenti 2015 - tabella aliquot GRADO ISTRUZIONE contingenti per nomine sui posti vacanti e disponibili in O.D. 2015/16 titolari esubero vacanze su 2015/16 al 16 provinciale

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. FEBBRAIO 2015 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010)

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010) TBELL PREZZI DEGLI INTERVENTI PER PROVINCI (escluso pezzi di ricambio) G comune/provincia 290,00 Comprende trasferta e 1 ora lavoro. Ore seguenti vedi tab. TRIFFE pag.5 L comune/provincia SI Trasferta

Dettagli

Responsible Care L'impegno dell'industria Chimica per la Sicurezza, la Salute, l'ambiente

Responsible Care L'impegno dell'industria Chimica per la Sicurezza, la Salute, l'ambiente Responsible Care L'impegno dell'industria Chimica per la Sicurezza, la Salute, l'ambiente Il S.E.T. è gestito da: Via Giovanni da Procida 11 20149 Milano Tel. +39 02 34565. 373 Fax +39 02 34565. 312 E-mail:

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO - 49 - 3.1 INTRODUZIONE Volendo descrivere le province utilizzando contemporaneamente gli indicatori relativi alle diverse tematiche analizzate prima in modo

Dettagli

Criteri per l integrazione l fotovoltaici

Criteri per l integrazione l fotovoltaici Criteri per l integrazione l degli impianti fotovoltaici Gerardo Montanino Direttore Operativo Energy Forum - Bressanone, 9 dicembre 2008 www.gsel.it 2 Indice Il Conto Energia Bilancio del Conto Energia

Dettagli

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO ATTIVITA PRELIMINARI GRUPPO DI LAVORO Dott. Pietro COMBA Istituto Superiore di Sanità Cap. Pietro DELLA PORTA Carabinieri

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI

ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI Abruzzo Provincia dell'aquila (108 comuni) AQ Provincia di Chieti (104 comuni) CH Provincia di Pescara (46 comuni) PE Provincia di

Dettagli

RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO

RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO NEL 2010 E vietata la riproduzione anche parziale senza l autorizzazione di OSSIF 1 INDICE PREMESSA... 3 Capitolo 1... 4 Impianti e caratteristiche...

Dettagli

Pannelli di segnalazione

Pannelli di segnalazione Pannelli di segnalazione Posizionamento di etichettatura e segnalazioni Se una cisterna a più scomparti trasporta sostanze con i numeri ONU1202 (gasolio), 1203 (benzina) e 1223 (cherosene), oppure 1268

Dettagli

Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d appalto, a procedura ristretta accelerata, per l affidamento di un servizio di

Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d appalto, a procedura ristretta accelerata, per l affidamento di un servizio di Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d

Dettagli

Corsi di Formazione. Corso di Crisis Management. Una crisi può avvenire... in ogni momento... ovunque... e a chiunque

Corsi di Formazione. Corso di Crisis Management. Una crisi può avvenire... in ogni momento... ovunque... e a chiunque Corso di Crisis Management Una crisi può avvenire...... in ogni momento... ovunque... e a chiunque Corsi di Formazione Il Corso di Crisis Management ti può essere di aiuto! Gli eventi catastrofici La catastrofe,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 6/E. Roma, 12 gennaio 2012

RISOLUZIONE N. 6/E. Roma, 12 gennaio 2012 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni RISOLUZIONE N. 6/E Roma, 12 gennaio 2012 Al Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle

Dettagli

Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco"

Formula Bonus-Malus l'abito non fa (più) il monaco Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco" Limiti e criticità dell'attuale formula Giovanni Sammartini Coordinatore Commissione Danni Roma, 7 giugno 2013 2000-2011: com'è cambiata la distribuzione

Dettagli

Sviluppi del Servizio Emergenze Trasporti S.E.T. Francesca Belinghieri

Sviluppi del Servizio Emergenze Trasporti S.E.T. Francesca Belinghieri Sviluppi del Servizio Emergenze Trasporti S.E.T. Francesca Belinghieri Milano, 9/12 marzo 2009 SOMMARIO Introduzione Strumenti Evoluzioni Sistemi di gestione e di comunicazione Conclusioni INTRODUZIONE

Dettagli

DUE E QUATTRO RUOTE A NOVEMBRE

DUE E QUATTRO RUOTE A NOVEMBRE Roma, 6 dicembre 2012 MERCATO AUTO ACI: A NOVEMBRE AUMENTANO LE RADIAZIONI AUTO DAL PRA Diminuiscono ancora i passaggi di proprietà Vendute 209 auto usate ogni 100 nuove per il calo delle immatricolazioni

Dettagli

IL SISTEMA SCOLASTICO

IL SISTEMA SCOLASTICO IL SISTEMA SCOLASTICO - 11 - 2.1 SCUOLA DELL INFANZIA Per quanto riguarda l analisi della scuola dell infanzia è bene sottolineare, in quanto i risultati ne sono chiaramente influenzati, che gli indicatori

Dettagli

PREMESSA LA BANCA DATI DEGLI INCIDENTI CON IL GPL

PREMESSA LA BANCA DATI DEGLI INCIDENTI CON IL GPL Ing. Giorgio ALOCCI, Arch. Luciano BUONPANE, Ing. Natalia RESTUCCIA*, Ing. Rita CAROSELLI** GPL: STUDI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA. ANALISI DEGLI EVENTI INCIDENTALI COINVOLGENTI IL GPL REGISTRATI

Dettagli

Numero di graduatorie 2013

Numero di graduatorie 2013 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL ACCORDO DEL 22 MAGGIO 2013) 132

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

La prevenzione degli incidenti per le aziende a rischio di esposizione Non Moderato

La prevenzione degli incidenti per le aziende a rischio di esposizione Non Moderato La prevenzione degli incidenti per le aziende a rischio di esposizione Non Moderato Giuseppina Vignola, Edoardo Galatola, Sergio Colombo Sindar s.r.l., Corso Archinti, 35 26900 Lodi Tel. 0371-549200 Fax:

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

DIREZIONE DVA - Div. III PROSPETTO "PROVVEDIMENTI DIRIGENTI" - ART. 23, COMMI 1 E 2, D.LGS. N. 33/2013

DIREZIONE DVA - Div. III PROSPETTO PROVVEDIMENTI DIRIGENTI - ART. 23, COMMI 1 E 2, D.LGS. N. 33/2013 TIPOLOGIA DI PROVVEDIMENTO D.M. 205 del 7/10/2015 DIREZIONE DVA - Div. III OGGETTO DEL PROVVEDIMENTO ISAB S.r.l - Raffineria ISAB Impianti Nord ed Impianti SUD di Priolo Gargallo CONTENUTO DEL PROVVEDIMENTO

Dettagli

D E I R I F I U T I i n I T A L I A

D E I R I F I U T I i n I T A L I A L A P R O D U Z I O N E D E I R I F I U T I i n I T A L I A Andamento della produzione di rifiuti urbani, anni 1996 2006 40.000 30.000 25.960 2,5% 0,9% 26.605 26.846 5,7% 28.364 2,1% 28.959 1,6% 1,5% 0,6%

Dettagli

PIANO DI LAVORO NOTIFICA CON PROCEDURA DI URGENZA

PIANO DI LAVORO NOTIFICA CON PROCEDURA DI URGENZA PIANO DI LAVORO NOTIFICA CON PROCEDURA DI URGENZA AI SENSI DELL ART. 256 D. Lgs. 81 del 9/4/2008 BONIFICA MEDIANTE RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI PAVIMENTAZIONE IN MATTONELLE DI LINOLEUM UNITA LOCALE VIA BETTINI

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO Modulo Versione Modulo Base di Linea Dichiarativi 02.25.05 Modulo Base 01.82.01 Dichiarazione USP/2005 04.01.03 Delega Unica F24 02.11.04 Modello F23 02.11.04

Dettagli

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Marzo 2010 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 I prestiti personali Le prestazioni in caso di infortunio

Dettagli

UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011)

UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011) UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011) NB: Si richiede di rispondere alle domande presenti nelle diverse sezioni del questionario facendo riferimento all impresa

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 L ASSICURAZIONE AUTO IL COSTO MEDIO, LA FREQUENZA SINISTRI E IL RAPPORTO SINISTRI A PREMI La misura complessiva della sinistrosità del ramo r.c. auto deve essere analizzata

Dettagli

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero.

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici -ANIA Università LUISS Guido Carli Roma, 24 ottobre 2011

Dettagli

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Organizzazione regionale e dipartimentale Elisa Galimberti Sede Centrale Settore Attività Industriali,

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA. Indice. Garanzia. Riparazioni presso Centri Assistenza Lowara (CAL) Interventi tecnici in loco. Contratti di manutenzione

SERVIZIO ASSISTENZA. Indice. Garanzia. Riparazioni presso Centri Assistenza Lowara (CAL) Interventi tecnici in loco. Contratti di manutenzione SERVIZIO ASSISTENZA Validità: 01/01/2012 31/12/2012 Indice Garanzia Riparazioni presso Centri Assistenza Lowara (CAL) Interventi tecnici in loco Contratti di manutenzione Contatti Garanzia Condizioni di

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Competenza Sigla CDL di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL TORINO Ancona (Marche) AN CDL MODENA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL TORINO Arezzo

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la direttiva 2008/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive; Visto il decreto legislativo

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città

LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani L indagine

Dettagli

EMAS APO RAVENNA. Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica e industriale di Ravenna

EMAS APO RAVENNA. Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica e industriale di Ravenna EMAS APO RAVENNA Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica e industriale di Ravenna Luglio 2006 Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica

Dettagli

L INIZIATIVA DI COOPERAZIONE NAZIONALE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA SICUREZZA LOGISTICA CHIMICA

L INIZIATIVA DI COOPERAZIONE NAZIONALE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA SICUREZZA LOGISTICA CHIMICA L INIZIATIVA DI COOPERAZIONE NAZIONALE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA SICUREZZA LOGISTICA CHIMICA Febbraio 2014 I DUE PARTNERS Federchimica è la Federazione nazionale dell Industria Chimica, a cui

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

CASSA EDILE: CONTRIBUTI/QUOTE ASSOCIATIVE

CASSA EDILE: CONTRIBUTI/QUOTE ASSOCIATIVE m:\manuale\manuali_varie\manuale_nuova gestione cassa edile.doc CASSA EDILE: CONTRIBUTI/QUOTE ASSOCIATIVE Da questo mese, è possibile gestire in automatico la contribuzione dovuta alle casse edili settore

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO DATA ORARIO 8:00-8:00-8:00-8:00- CORSO FORMAZIONE VIGILI VOLONTARI PROGRAMMA DELLE LEZIONI TEORICHE (fine settimana) (N.B. per ogni modulo sono disponibili 2 e 30 minuti.) MATERIA ORGANIZZAZIONE Quadro

Dettagli

Procedura della Qualità Pag. 2 di 9

Procedura della Qualità Pag. 2 di 9 1 SCOPO Scopo di questa Procedura è quello di descrivere le modalità con le quali la nostra Società fa eseguire il servizio di spurgo e di trasporto ai propri autisti, dalla presa in carico dei documenti

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici CIRCOLARE TELEGRAFICA URGENTE N.32 - AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA DI : AGRIGENTO, ANCONA, BARI, BOLOGNA, CALTANISSETTA, CATANIA, CATANZARO, COMO,COSENZA, ENNA, FIRENZE, FROSINONE, GENOVA, LIVORNO, LUCCA,

Dettagli

SULID BULK SOLID/SOLIDI SFUSI SPECIFICHE DI SITO

SULID BULK SOLID/SOLIDI SFUSI SPECIFICHE DI SITO SULID BULK SOLID/SOLIDI SFUSI A. IMPRESA SPECIFICHE DI SITO A1 A2 A3 A4 A5 A6 A7 A8 me Indirizzo Codice Postale Città Stato Persona da contattare Numero di telefono Indirizzo E-mail BULK SOLID/SOLIDI SFUSI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI IL PIANO DI EMERGENZA Per emergenza si intende ogni evento che porta a conseguenze negative sia in termini di

Dettagli

Lo smaltimento in discarica dei rifiuti contenenti amianto

Lo smaltimento in discarica dei rifiuti contenenti amianto Lo smaltimento in discarica dei rifiuti contenenti amianto ISS Istituto Superiore di Sanità Progetto AMIANTO Roma, 12 dicembre 2013 Rosanna Laraia Patrizia D Alessandro RCA: Metodologia di indagine I dati

Dettagli

Elementi su cui applicare la percentuale del 15% per il calcolo dei contributi INPS e INAIL

Elementi su cui applicare la percentuale del 15% per il calcolo dei contributi INPS e INAIL CASSA EDILE BERGAMO Sistema Certificato UNI EN ISO 9001:2000 SC-06-587/EA 35 Bergamo, 14 Febbraio 2008 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE L O R O S E D I A) Contributi in vigore Contributo % carico imprese %

Dettagli

Servizio di assistenza Dell on-site entro il giorno lavorativo successivo alla chiamata ( servizio NBD, Next Business Day On-site Service)

Servizio di assistenza Dell on-site entro il giorno lavorativo successivo alla chiamata ( servizio NBD, Next Business Day On-site Service) Servizio di assistenza Dell on-site entro il giorno lavorativo successivo alla chiamata ( servizio NBD, Next Business Day On-site Service) I. Caratteristiche del servizio NBD Il servizio di assistenza

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA Servizio di manutenzione di tutti gli estintori installati presso gli Uffici Comunali. Questa Amministrazione

Dettagli

Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo

Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo In collaborazione con la F.N.C.VV.F Revisione 05/2011 Capo

Dettagli

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A Askoll L acquario facile Test ph acqua dolce Askoll test ph acqua dolce 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ 1.1 Identificazione

Dettagli

Descrizione del servizio Servizio Ritiro e restituzione per l'europa Dell ("Servizio CAR")

Descrizione del servizio Servizio Ritiro e restituzione per l'europa Dell (Servizio CAR) Descrizione del servizio Servizio Ritiro e restituzione per l'europa Dell ("Servizio CAR") Panoramica del Servizio CAR Il servizio Ritiro e restituzione per l'europa comprende, a partire dalla data della

Dettagli

con il patrocinio di:

con il patrocinio di: Conferenza stampa LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA, 17 dicembre 28 Fondazione Europea Dragan - Foro Traiano 1/A INDAGINE SULLE PRINCIPALI 5 CITTA Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico AO TO NO SS Monza

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE?

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE? Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata diffusa la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte 1, la norma UNI 9994-1 edizione Giugno 2013 va a sostituire la norma UNI 9994:2003. Qui sotto

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

Modulo di comunicazione mod. ETRWEB LAN48 MANUALE TECNICO

Modulo di comunicazione mod. ETRWEB LAN48 MANUALE TECNICO Modulo di comunicazione mod. ETRWEB LAN48 MANUALE TECNICO AVVERTENZE PER L INSTALLATORE: Attenersi scrupolosamente alle normative vigenti sulla realizzazione di impianti elettrici e sistemi di sicurezza,

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

MANUTENZIONE ESTINTORI

MANUTENZIONE ESTINTORI MANUTENZIONE ESTINTORI Fra tutti gli strumenti a disposizione dell uomo per combattere gli incendi, l estintore è quello più diffuso, immediato e facile da usare per la sicurezza di qualsiasi edificio

Dettagli

PARCO REGIONALE OGLIO NORD

PARCO REGIONALE OGLIO NORD REGOLAMENTO DELLA SQUADRA ANTINCENDIO BOSCHIVO DEL PARCO REGIONALE OGLIO NORD 1. FINALITÀ E AMBITO DI COMPETENZA 1.1 Istituzione e finalità Il Parco Regionale Oglio Nord istituisce la squadra antincendio

Dettagli

Perdita liquidi acidi dalle batterie: le sostanze assorbenti e neutralizzanti ICA SYSTEM IN DIFESA DELL AMBIENTE

Perdita liquidi acidi dalle batterie: le sostanze assorbenti e neutralizzanti ICA SYSTEM IN DIFESA DELL AMBIENTE Perdita liquidi acidi dalle batterie: le sostanze assorbenti e neutralizzanti ICA SYSTEM IN DIFESA DELL AMBIENTE L ambiente si merita NEUTRALITE: un prodotto di qualità certificata NEUTRALITE: assorbente

Dettagli

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %)

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %) Roma, 6 novembre 2015 MERCATO AUTOVEICOLI ACI: RALLENTA AD OTTOBRE IL MERCATO DELLE AUTO USATE MENTRE PER I MOTOCICLI SI REGISTRA UN CALO DEL 9% Rallenta, ma non si ferma, nel mese di ottobre il trend

Dettagli

http://www.space.tin.it/scuola/unardone/

http://www.space.tin.it/scuola/unardone/ I-17021 ALASSIO (SV) "F.M. GIANCARDI" TELEPHONE (390) 182-470252/470224 TELECOPIE/FAX (390) 182-646382 I-00042 ANZIO (RM) "MARCO GAVIO APICIO" TELEPHONE (390) 69-848253 TELECOPIE/FAX (390) 69-848208 http://utenti.quipo.it/apicio

Dettagli

ón2.2 : Gas non infiammabile non tossico.

ón2.2 : Gas non infiammabile non tossico. Pagina : 1 / 6 ón2.2 : Gas non infiammabile non tossico. 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ / IMPRESA Identificatore del prodotto Nome commerciale Scheda Nr Usi della sostanza

Dettagli

PREVENZIONE E SOCCORSO

PREVENZIONE E SOCCORSO ANNUARIO DELLE STATISTICHE UFFICIALI DEL MINISTERO DELL INTERNO - ed. 215 a cura dell Ufficio Centrale di Statistica Cod. ISTAT INT 12 Settore di interesse: AMBIENTE E TERRITORIO Titolare ATTIVITÀ DI SOCCORSO

Dettagli

Lavoro in movimento AGENZIA PER IL LAVORO

Lavoro in movimento AGENZIA PER IL LAVORO Lavoro in movimento AGENZIA PER IL LAVORO Metis S.p.A. è un Agenzia per il Lavoro specializzata nella ricerca, selezione, formazione e gestione delle risorse umane. Metis ha una presenza capillare sul

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

PROGETTO ARIANNA ANNUALITA 2008-2009

PROGETTO ARIANNA ANNUALITA 2008-2009 PROGETTO ARIANNA ANNUALITA 2008-2009 Bando di gara Attivazione di una Rete nazionale Antiviolenza e organizzazione e gestione di un servizio di call center mediante attivazione di un numero verde sperimentale

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE 1 2 INDICE ART.1COSTITUZIONEDELGRUPPOECOMPOSIZIONE...4 ART.2AMMISSIONEEPARTECIPAZIONEDIALTRISOGGETTI...4 ART.3COMPITI,PRINCIPIESANZIONI...5 ART.4COMPITIDELSINDACO...6

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 INDICE INDICE... 2 1 LA BANCA DATI CAP DELIVERY POINTS STRADE... 3 1.1 SCHEMA DEI DATI... 4 1.2 DESCRIZIONE DELLE TABELLE... 5 Strade... 5 Versione...

Dettagli

S PM. Servizi Porto Marghera

S PM. Servizi Porto Marghera S PM Servizi Porto Marghera AREA IMPRESE AREA IMPRESE Costituzione Società e Scopi La Società Consortile per i Servizi di Porto Marghera è stata costituita nel Dicembre 2004 tra le Aziende insediate nel

Dettagli

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria.

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria. Lombardia 7 Veneto Piemonte 6 3 Emilia Romagna Liguria 4 Toscana 3 7 Umbria Friuli V. Giulia Marche 3 Abruzzo Lazio 4 7 Molise 64 I.T.S. 3 Sardegna 3 Basilicata Calabria 4 Sicilia 5 Gli ITS in Abruzzo

Dettagli

T ER M IN AL I DI TELESOCCORSO

T ER M IN AL I DI TELESOCCORSO T ER M IN AL I DI TELESOCCORSO LA SICUREZZA SEMPRE A PORTATA DI MANO CON ASSIST4 E ASSIST4 GSM URMET IS IN YOUR LIFE URMET ATE L azienda opera nei settori degli istituti di vigilanza e del telesoccorso.

Dettagli

JORNADAS TÉCNICAS Planes de Transporte a los Centros de Trabajo. Experiencias y Buenas Prácticas Madrid, 19 mayo de 2009

JORNADAS TÉCNICAS Planes de Transporte a los Centros de Trabajo. Experiencias y Buenas Prácticas Madrid, 19 mayo de 2009 JORNADAS TÉCNICAS Planes de Transporte a los Centros de Trabajo. Experiencias y Buenas Prácticas Madrid, 19 mayo de 2009 Borja Beltran Emanuela Cafarelli segreteria@euromobility.org Chi è Euromobility?

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Cooperazione educativa

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Cooperazione educativa BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Cooperazione educativa AQ004 Biblioteca Facoltà di Lettere e Filosofia L'Aquila, tel: 0862/432101 432103 (ILL-DD), fax: 0862/432104 Posseduto: 1962-1975;1983-1986;

Dettagli

Farmaco Studio Placebo Promotore

Farmaco Studio Placebo Promotore Farmaco Studio Placebo Promotore Terapia, Sicurezza, Efficacia: Studio pilota di ripetute procedure di mobilizzazione di cellule di derivazione osteo-midollare in pazienti con SLA. Acido alfa lipoico.

Dettagli

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo Pagina 1 di 9 Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo REVISIONI N Data Modifiche rispetto alla precedente revisione 00 30/09/2011 Prima edizione. 01 26/05/2014 Integrazione

Dettagli

AudiOutdoor non solo audience. Dentro Media Consultants 17 giugno 2011

AudiOutdoor non solo audience. Dentro Media Consultants 17 giugno 2011 AudiOutdoor non solo audience Dentro Media Consultants 17 giugno 2011 Concessionarie in AudiOutdoor Servizi AudiOutdoor Controllo e certificazione campagne Disponibilità Impianti Inpedoc - Documentazione

Dettagli

Decreta. gli aeroporti di aviazione generale e le aviosuperfici del 2 febbraio 2011; Services Manual (Doc 9137- AN/898 parti) (I.C.A.O.

Decreta. gli aeroporti di aviazione generale e le aviosuperfici del 2 febbraio 2011; Services Manual (Doc 9137- AN/898 parti) (I.C.A.O. VISTO l'articolo 26 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139; VISTO l'articolo 3 della legge 23 dicembre 1980. n. 930; ATTESO che, ai sensi delle richiamate norme, il servizio di soccorso pubblico

Dettagli

Note esplicative sul modulo di opposizione

Note esplicative sul modulo di opposizione UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Note esplicative sul modulo di opposizione 1. Osservazioni generali 1.1 Uso del modulo Si può ottenere questo modulo

Dettagli

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo Pagina 1 di 9 Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo REVISIONI N Data Modifiche rispetto alla precedente revisione 00 30/09/2011 Prima edizione. 01 Integrazione

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Competenza Sigla CDL di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL TORINO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL TORINO Arezzo

Dettagli

C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti Henry Ford

C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti Henry Ford Professional Method Technological Organization Faro Srl Via per Robecco sul Naviglio 90 - Abbiategrasso TEL. +39 02 903 941 05 FAX. +39 02 903 940 81 C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008 Attività Formativa 0 CORSI ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO NUMERO NUMERO 00 01 02 03 04 05 06 07 0 CORSI PARTECIPANTI IGIENE ALIMENTARE X X 2 37 RESPONSABILE SICUREZZA LAVORO X X 2 AREA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITA (emanato con D.R. n.244, prot. n. 4156-I/3 del 19.02.2010) INDICE DEGLI ARTICOLI Art. 1 Finalità del servizio di reperibilità...

Dettagli

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale LOGO MLPS/MIUR ALLEGATO B N di Protocollo ATTO DI CANDIDATURA ESPERTI INDIPENDENTI NEL QUADRO DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME: NOME(I): DATA DI NASCITA (GG/MM/AAAA): / /

Dettagli