Panoramica su architettura e funzionalità del Nuovo Sistema Informativo Sanitario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Panoramica su architettura e funzionalità del Nuovo Sistema Informativo Sanitario"

Transcript

1 Panoramica su architettura e funzionalità del Nuovo Sistema Informativo Sanitario dott.ssa Antonella Di Giacinto, dott.ssa Maria Pia Randazzo Ufficio Coordinamento e sviluppo NSIS Direzione generale del Sistema informativo Ministero del Lavoro, della Salute e e delle Politiche Sociali (Settore Salute) Workshop Regione Basilicata 2009 Potenza, 22 aprile 2009 Cabina di Regia 22 Maggio 2008

2 Contesto di riferimento del SSN Il Nuovo Sistema Informativo si inserisce in un quadro in profonda evoluzione SSN La modifica del titolo V della Costituzione. Il decreto legge 347/2001 e la Legge 405/2001 caratterizzano il progressivo decentramento dei poteri e competenze dallo Stato alle Regioni come devolution L accordo sui Livelli Essenziali di Assistenza del 22 novembre 2001, definisce la correlazione tra valutazione di essenzialità e di appropriatezza delle prestazioni sanitarie erogate NSIS La Legge finanziaria 2001 (art.87, L. 388 del 23/12/2000) pone le premesse per la nascita del Nuovo Sistema Informativo Sanitario nazionale e per l attivazione di sistemi di raccolta delle prestazioni su base individuale Con successivo accordo della Conferenza Stato Regioni stipulato in data 22 febbraio 2001, è stato dato avvio al piano di azione per lo sviluppo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario Nazionale e deliberato un organo di controllo: la Cabina di regia. 1

3 L evoluzione del SSN: dall ospedale al territorio L evoluzione demografica comporta, inoltre, la necessità di spostare l attenzione dalle acuzie alle cronicità e riequilibrare la rete di offerta del SSN Valutazione di larga massima della dimensione di cinque generazioni coesistenti Trisavoli Bisnonni Nonni Genitori Figli Trisavoli Bisnonni Nonni Genitori Figli Trisavoli Bisnonni Nonni, Genitori Figli Note: (1) Valori assoluti in migliaia (2) Per facilitare la comprensione del fenomeno l autore ha preferito mostrare solo alcune fasce di età Fonte: A.Golini, Ageing society: trend demografici e scenari futuri, Rimini Dati Onu, World Population Prospects. The 2002 Revision, New York, 2003 Anziani Cura ai Cronici Spostamento della cura da acuzie a cronicità meno ospedale ma con livello di qualità superiore più servizi territoriali (riabilitazione, cure domiciliari) 2

4 L evoluzione del SSN: invecchiamento della popolazione In Italia l incidenza degli anziani sul totale della popolazione è tra le più elevate d Europa e il trend ad esso relativo è in crescita L invecchiamento della popolazione influenza l emergere sempre più frequente di problematiche a carattere socio-sanitario quale l aumento delle malattie ad andamento cronico-degenerativo Italy Japan Greece Germany Sweden Belgium Spain Portugal France UK Austria Switzerland Finland Norway Denmark Netherlands United States Incidenza della popolazione sopra I 65 anni, 2003 % Fonte: dati OECD 18,6 18,4 18,1 17,3 17,2 17,0 16,9 16,6 16,3 15,9 15,5 15,5 15,2 14,9 14,8 13,7 12,3 Percentuale della popolazione sopra 65 anni 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Stima Forecast 27% 27.0% 23% 23.0% 20% 18% 20.0% 15% 13% 9% 11%

5 L evoluzione del SSN: cronicità in crescita L incidenza delle patologie croniche e della non autosufficienza sul totale della popolazione assume entità rilevanti soprattutto in quelle zone caratterizzate da tassi di longevità molto elevati 15% 14% 13% 12,5 13,1 14,3 13,1 Nord Centro 12% 11% Persone con almeno una malattia cronica grave (*) Meridione e isole ITALIA Fonte: Istat, 2005 % persone con almeno una malattia cronica grave - Trend '00-'05(**) Area Popolazione complessiva Persone over 65 Nord 0,6% 0,5% Centro 0,9% 0,6% Meridione e isole 2,2% 1,3% ITALIA 1,1% 0,8% Incidenza cronicità 2005 Tassi standardizzati (*) malattie croniche gravi: diabete; infarto del miocardio; angina pectoris; altre malattie del cuore; ictus, emorragia.cerebrale; bronchite cronica, enfisema; cirrosi epatica; tumore maligno (inclusi linfoma/leucemia); parkinsonismo; Alzheimer, demenze senili (**) CAGR (Compound Annual Growth Rate) Tasso di crescita annuo composto

6 L assistenza territoriale: i nodi di una rete in continua evoluzione Diventa quindi indispensabile, a livello nazionale, leggere in modo integrato i fenomeni sanitari che interessano i singoli cittadini, per fornire indicazioni alla programmazione sanitaria al fine di comprendere al meglio le esigenze che nascono dal territorio ed attuare coerenti provvedimenti in grado di bilanciare e consentire un utilizzo efficiente dell offerta territoriale RSA CENTRI DI PREVENZIONE ASSISTENZA PRIMARIA ASSISTENZA DOMICILIARE FARMACIE LABORATORIO CENTRO DIURNO ISTITUTO DI RIABILITAZIONE OSPEDALE MMG L assistenza sanitaria primaria è la chiave di volta per il raggiungimento dell obiettivo di dare a tutti i popoli del mondo un adeguato livello di salute, L assistenza sanitaria di base fa parte integrante sia del sistema sanitario nazionale, di cui è il perno e il punto focale, sia dello sviluppo economico e sociale globale della collettività. Essa rappresenta il primo livello di contatto degli individui, della famiglia e della comunità con il sistema sanitario in un quadro di effettiva partecipazione. Fonte: Conferenza di Alma-Ata,

7 Il Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS) A fronte delle esigenze delineate, il Nuovo Sistema Informativo Sanitario, nasce con l esigenza di rendere disponibile sia a livello nazionale che regionale, un patrimonio condiviso di dati centrato sull individuo, regole e metodologie, per le misure di qualità, efficienza, appropriatezza e costo Verifica dei LEA Migliore erogazione di prestazioni per il cittadino Migliore programmazione NSIS Strumenti di lettura integrata dei dati Dati & Metodologie Migliore conoscenza dell offerta Migliore conoscenza del fabbisogno Monitoraggio dei LEA e della spesa sanitaria Monitoraggio dei Piani di Rientro a supporto del governo del SSN, del monitoraggio dei LEA e della spesa sanitaria e, a tendere, a sostegno delle decisioni di natura clinico operativa attraverso analisi avanzate dei diversi livelli di assistenza 6

8 Modello concettuale del NSIS e Obiettivi strategici Nell ambito di una cornice coerente e integrata, il NSIS è finalizzato alla realizzazione di 8 obiettivi strategici, individuati dal Modello concettuale, funzionalmente interconnessi rispetto alle esigenze dei diversi livelli del SSN, e logicamente collegati rispetto alle dimensioni di analisi Investimenti pubblici in sanità Monitoraggio dei costi Monitoraggio della rete di assistenza Monitoraggio e tutela della salute mentale LEA ed appropriatezza Liste di attesa Integrazione informazioni san. individuali Ciclo di vita del farmaco La complessità di tali obiettivi ha determinato la scelta di adottare, dove opportuno, un approccio incrementale a stadi, per ottenere risultati in tempi rapidi, garantendo comunque uno sviluppo coerente con le finalità complessive del sistema 7

9 Approccio graduale di Implementazione del NSIS In coerenza con il modello concettuale del NSIS, la realizzazione del Sistema di Integrazione delle Informazioni Sanitarie Individuali (SIISI) segue un percorso di implementazione articolata secondo quattro stadi successivi Fascicolo Sanitario Elettronico Stato attuale di realizzazione Stadio 1 SDO Stadio 2 Stadio 3 Stadio 4 Integrazione con il sociale: integrare il monitoraggio delle prestazioni sanitarie con le prestazioni sociali. Diagnosi/Sospetto-diagnostico e informazioni personali: disporre di informazioni relative al percorso diagnostico-terapeutico e informazioni sanitarie personali; Esito delle prestazioni (referto): disporre, per ciascun evento di informazioni relative agli esiti delle prestazioni, con particolare riferimento alle prestazioni diagnostiche; Assistenza sanitaria: disporre, per ciascun evento, di informazioni codificate relative a cittadini, prescrittori, prestazioni e strutture con l obiettivo ultimo di definizione del modello di riferimento di Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) a livello nazionale! 8

10 Il Sistema di Integrazione delle Informazioni Sanitarie Individuali del NSIS Il NSIS risponde alla finalità di raccogliere progressivamente la pluralità di informazioni correlate agli eventi che caratterizzano i contatti del singolo individuo con i diversi nodi della rete di offerta del SSN S.I. Regionale S.I. Nazionale Disponibilità di informazioni omogenee rispetto ai singoli eventi Possibilità di ricondurre ciascun evento al cittadino che ha interagito con il SSN, a livello regionale Disponibilità di informazioni per l individuazione dei percorsi diagnosticoterapeutici più corretti SPECIALISTICA AMBULATORIALE ASSISTENZA DOMICILIARE FARMACI CURE PRIMARIE CURE PRIMARIE EMERGENZA EMERGENZA RICOVERI OSPEDALIERI RESIDENZIALE Regione 1 Regione 2. e consentire di passare dal monitoraggio dell offerta al monitoraggio dei LEA, attraverso una diversa modalità di condivisione dei dati tra i diversi livelli del SSN 9

11 I Mattoni del SSN La raccolta progressiva delle informazioni relative agli eventi che caratterizzano i contatti del singolo individuo con i diversi nodi della rete di offerta del SSN, ha richiesto la definizione dei Mattoni del SSN, ovvero di metodologie ed elementi di un linguaggio comune ai diversi livelli del SSN MATTONI SSN OBIETTIVI NSIS 1. Classificazione delle strutture Classificazioni Metodologie 2. Prestazioni ambulatoriali 3. Evoluzione del sistema DRG nazionale 10. Prestazioni farmaceutiche 11. Pronto soccorso e Sistema Prestazioni residenziali e semi residenziali 13. Assistenza primaria e prestazioni domiciliari 15. Assistenza Sanitaria Collettiva 4. Ospedali di riferimento 5. Standard minimi di quantità di prestazioni 6. Tempi di attesa 7. Misura dell appropriatezza 8. Misura dell outcome 9. Realizzazione del Patient File Monitoraggio della rete di assistenza Monitoraggio della rete di assistenza Sistema di integrazione delle informazioni sanitarie Sistema individuali di integrazione delle informazioni sanitarie individuali Monitoraggio delle liste di attesa Monitoraggio delle liste di attesa Monitoraggio dei Lea e dell appropriatezza Monitoraggio dei Lea e dell appropriatezza Monitoraggio dei costi Monitoraggio dei costi Monitoraggio e tutela della salute mentale Monitoraggio e tutela della salute mentale Monitoraggio del ciclo di vita del farmaco e dell impiego Monitoraggio dei medicinali del ciclo di vita del farmaco e dell impiego dei medicinali Base dati Misure 14. Misura dei costi del SSN 10

12 I sistemi informativi : il livello nazionale Gli attuali sforzi si stanno orientando verso un duplice obiettivo: consolidare il patrimonio attualmente disponibile e sviluppare quello futuro, coerentemente con quanto previsto dal DPCM Rilevazione dati individuali Rilevazione dati aggregati ASSISTENZA SANITARIA DI BASE EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE FARMACEUTICA TERRITORIALE ASSISTENZA INTEGRATIVA SPECIALISTICA AMBULATORIALE ASSISTENZA PROTESICA ASSISTENZA DOMICILIARE ASSISTENZA RESIDENZIALE E SEMIRES. ASSISTENZA TERMALE HSP24 STS24 STS21 Comma Comma 5 bis, art. 50 L. 326/2003 DM SMP e art. 50, L.326/2003 Comma 5, art. 50 L.326/2003 SMP e art. 50 L.326/2003 Comma 5, art. 50 L.326/2003 DM DM , art. 50 L.326/2003 Sist.Informativi 11

13 I sistemi informativi : l obiettivo a tendere del NSIS Le finalità del NSIS sono strettamente legate alla disponibilità di dati e strumenti di analisi relativi alle diverse tipologie di assistenza e riconducibili al singolo assistito Assistito riceve Prestazioni Ricoveri ospedalieri Prestazioni ambulatoriali sceglie si rivolge prescrive Prestazioni farmaceutiche Banca Dati RSA MMG/PLS Prescrittore ADI La disponibilità del codice univoco dell assistito consente un analisi della domanda più approfondita sui diversi LEA 12

14 Gli strumenti di analisi dei dati: i cruscotti NSIS (1/2) I "Cruscotti NSIS" sono la prima applicazione, nell'ambito del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS), che permette di fruire dei dati messi a disposizione dalle Regioni / PA I cruscotti, ad oggi, sono alimentati dai dati raccolti nell'ambito del Sistema di Integrazione delle Informazioni Sanitarie Individuali: dati relativi all assistenza specialistica ambulatoriale (Nucleo Minimo) dati relativi all assistenza farmaceutica (Nucleo Minimo) dati relativi alle schede di dimissione ospedaliera (SDO) Il portale applicativo permette di: consultare una serie di indicatori predefiniti tramite interrogazioni con filtri dinamici definiti di volta in volta dall utente effettuare il download di subset predefiniti delle informazioni ( datamart ) presenti nel datawarehouse NSIS in un formato leggibile da applicazioni esterne (Excel, SAP, SAS..) monitorare lo stato degli invii/caricamenti, consultare la reportistica tecnica per verificare errori ed anomalie ed infine proporre azioni per migliorare la qualità del dato 13

15 Gli strumenti di analisi dei dati: i cruscotti NSIS (2/2) Ospedaliera Specialistica Home Farmaceutica servizi informativi: informazioni di sintesi sui dati presenti nel sistema servizi di business intelligence: accesso ai KPI (differenti modalità di navigazione e livello di dettaglio dinamico), con incluso benchmark rispetto al campione Nazionale e Macro-Regionale; servizi di download: scaricamento di datamart con dati aggregati regionali e dell intero campione nazionale e macro-regionale per ulteriori elaborazioni locali servizi di monitoraggio: accesso a servizi per la verifica sullo stato di invio dei flussi e sul loro stato di elaborazione servizi di feedback: verifica degli errori riscontrati nei dati inviati e strumenti interattivi per proporre la correzione di errori di tipo massivo/generalizzato 14

16 I servizi resi disponibili dai Cruscotti NSIS Indicatori - di di contesto - di di consumo - di di qualità Download Monitoraggio Caricamenti Proposta Correzioni 15

17 Gli indicatori di contesto ottenibili con i Cruscotti NSIS Approfondimento per ASL Altri esempi di indicatori di contesto Popolazione per classe d età e genere Indice di invecchiamento assoluto: quanto pesano gli over 65 sul totale % popolazione residente in comuni per classi di ampiezza demografica Per ciascun indicatore è presente il relativo metodo di calcolo: 16

18 Graduale evoluzione degli strumenti di analisi Step 1: Ottimizzare l'accesso alle informazioni e migliorare la qualità dei dati Step 2: Servizi evoluti per abilitare analisi dinamiche Step 3: Servizi integrati per abilitare nuove chiavi di lettura Punto di accesso unico per tutte le analisi a partire da cruscotto NSIS Analisi sulla qualità dei dati Completamento pubblicazione delle informazioni di tutti i flussi informativi su REM Analisi su dati non consolidati Strumenti di analisi dinamica/visuale Ottimizzazione processi di refresh Gestione metadati Servizio di anonimizzazione Data Integration (su layer metadati) Analisi trasversali (focus su LEA) Data mining 17

19 Step 1: L area qualità dei dati dei Cruscotti NSIS Per ogni area tematica in SMP (specialistica ambulatoriale e assistenza farmaceutica), sono previsti indicatori organizzati secondo la logica di domanda e offerta, tali da poter condurre analisi di primo livello sulla qualità dei dati: Prestazioni procapite per anno per Regione e ASL Prestazioni per ricetta per anno per Regione e ASL Trend di variazione prestazioni Analisi di qualità sul singolo contenuto informativo Report quantità e trend prestazioni Report qualità informazioni Valutazione della qualità e della completezza del dato della propria Regione e delle altre Regioni presenti nella banca dati Disponibilità dell'informazione anche a livello di ASL, confrontati con la media della Regione 18

20 Step 1: Miglioramento continuo della qualità La valutazione della qualità dei dati costituisce una bussola per la corretta interpretazione dei fenomeni studiati un volano per il miglioramento della qualità dei dati condivisi un prerequisito per lo sviluppo di nuovi e più evoluti sistemi di analisi dei dati 1 Condivisione dei dati da parte delle Regioni 4 Suggerimenti ed interventi per il miglioramento della qualità del dato 3 2 Verifica su Qualità del dato e/o peculiarità per corretta interpretazione Cruscotto NSIS indicatori di consumo di contesto area qualità 19

21 Step 2: Analisi dinamiche con percorsi su temi specifici Alcuni esempi di viste di analisi integrate per la Specialistica Ambulatoriale 20

22 Step 2: Analisi dinamiche e georeferenziazione della rete Il sistema di cruscotti NSIS intende rendere progressivamente possibile la georeferenziazione delle strutture sanitarie, differenziandole per tipologia Reparti di ortopedia della Regione Lazio, distinti per dimensione (numero di PL) 21

23 L Architettura del NSIS (1/2) Verifica Transazionale Basi Dati NSIS Datawarehouse Sistema Di Autenticazione Porta di Domino NSIS GAF Web Service Server Applicativi GAF Batch Batch Server Server B.I. Cruscotti NSIS Acquisizione massiva Sistema Di Autorizzazione 22

24 L Architettura del NSIS (2/2) Anomalie Load Regionali MasterData Validi Gestione Accoglienza Flussi d3 EDW BI Reg. Load Nucleo Minimo d2 d1 KPI d5 d4 Data Marts Tecnici e di Business d2 d1 d3 KPI d5 d4 Scarti Delivery Report - Cruscotti Staging 23

25 Conclusioni Dall esigenza di confrontare tra loro dati individuali utili e uniformi a livello nazionale deriva la necessità di: Definire nuovi flussi informativi a fronte del recepimento dei prodotti dei Mattoni SSN, che hanno definito e condiviso elementi di linguaggio comune relativi ad ambiti assistenziali ancora non codificati Aggiornare e integrare flussi informativi già esistenti a fronte dei nuovi contenuti informativi emersi dai Mattoni SSN Prevedere la piena convergenza dei contenuti informativi definiti nell ambito del Sistema Tessera Sanitaria (ex. art. 50, L. 326/2003) rispetto a quanto previsto dal NSIS e dai Mattoni del SSN Estendere il perimetro di rilevazione del SIISI a ulteriori ambiti, dalle informazioni di esito fino all integrazione con il sociale, coerentemente con l approccio graduale di implementazione e con le finalità di definizione del modello di FSE a livello nazionale SDO FSE 24

26 Dott.ssa Antonella Di Giacinto, Dott.ssa Maria Pia Randazzo Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali - Settore Salute - / 25

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

Monitoraggio della Rete di Assistenza

Monitoraggio della Rete di Assistenza Monitoraggio della Rete di Assistenza Dott.ssa Antonella Di Giacinto, Dott.ssa Maria Pia Randazzo Ufficio Coordinamento e sviluppo NSIS Direzione generale del Sistema informativo Ministero del Lavoro,

Dettagli

I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA

I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA Vito Bavaro Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi

Dettagli

Progetto MATTONI SSN

Progetto MATTONI SSN f Nolan, Norton Italia Ministero della Salute Servizi di consulenza direzionale a supporto della Cabina di Regia per la realizzazione del NSIS Progetto MATTONI SSN Mese di Riferimento (Maggio 2004) Documento:

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Venezia - Convegno GISCi 2010 I PROGETTI DI RICERCA DEL MINISTERO DELLA SALUTE E LO SCREENING. il Data Warehouse degli screening oncologici (ONS)

Venezia - Convegno GISCi 2010 I PROGETTI DI RICERCA DEL MINISTERO DELLA SALUTE E LO SCREENING. il Data Warehouse degli screening oncologici (ONS) Venezia - 2010 I PROGETTI DI RICERCA DEL MINISTERO DELLA SALUTE E LO SCREENING il Data Warehouse degli screening oncologici (ONS) Antonio Ponti, Gregorio Mercurio CPO Piemonte, CNR Napoli 1 Indice della

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Iniziative in atto: L attività istituzionale dell Assessorato e la partecipazione ai progetti e ai tavoli nazionali Le iniziative in atto con le

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Edotto, il nuovo Sistema Informativo Sanitario della Regione Puglia

Edotto, il nuovo Sistema Informativo Sanitario della Regione Puglia Edotto, il nuovo Sistema Informativo Sanitario della Regione Puglia Edotto è il più importante progetto d informatizzazione delle strutture sanitarie a livello regionale. La Regione Puglia è tra le poche

Dettagli

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Verona, 10 maggio 2007 A cura del CRRC-SER Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Newsletter n 7 aggiornata al 15 marzo 2005

Newsletter n 7 aggiornata al 15 marzo 2005 Mattoni SSN & NSIS http://www.kclient.kpmg.com/ Indice Mattoni Classificazione delle strutture Classificazione delle prestazioni ambulatoriali Evoluzione del Sistema DRG nazionale Ospedali di riferimento

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA MODELLI DI PRESA IN CARICO DELLA DIPENDENZA IN ITALIA E IN EUROPA: IL DOPPIO RUOLO DI SERVIZIO SOCIO-SANITARIO E DI MOTORE PER LO SVILUPPO ECONOMICO TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

X Convegno ONS Firenze15 Dicembre 2011 IL PROGETTO DATA WAREHOUSE NAZIONALE SCREENING ONCOLOGICI. Antonio Ponti CPO Piemonte

X Convegno ONS Firenze15 Dicembre 2011 IL PROGETTO DATA WAREHOUSE NAZIONALE SCREENING ONCOLOGICI. Antonio Ponti CPO Piemonte X Convegno ONS Firenze15 Dicembre 2011 IL PROGETTO DATA WAREHOUSE NAZIONALE SCREENING ONCOLOGICI Antonio Ponti CPO Piemonte Indice della presentazione Generalità sul background, gli obiettivi, i metodi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

Dr. Marco Spizzichino Ministero della Salute Direzione della Programmazione Sanitaria Ufficio XI «Cure palliative e terapia del dolore»

Dr. Marco Spizzichino Ministero della Salute Direzione della Programmazione Sanitaria Ufficio XI «Cure palliative e terapia del dolore» Dr. Marco Spizzichino Ministero della Salute Direzione della Programmazione Sanitaria Ufficio XI «Cure palliative e terapia del dolore» Legge 15 marzo 2010, n. 38 "Disposizioni per garantire l'accesso

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Convegno CARD Veneto. Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie

Convegno CARD Veneto. Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie Convegno CARD Veneto Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie Padova 7 aprile 2014 Maria Chiara Corti e Luca Greselin Maggiore

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI)

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI) Assistenza programmata al domicilio (ADI) Le Cure domiciliari hanno assunto una valenza sempre più strategica a causa dell aumento dell aspettativa di vita e del concomitante incremento della patologia

Dettagli

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government Il Progetto a project of TBS Group www.tbsgroup.com Il contesto di riferimento È da tempo in atto un progressivo spostamento del baricentro

Dettagli

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS Il governo della salute è oggi una politica di gestione obbligata per conciliare i vincoli di bilancio, sempre più stringenti, con la domanda di salute dei cittadini. L ICT

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

CONFRONTO TRA I PROTAGONISTI DELLA RETE DI TERAPIA DEL DOLORE

CONFRONTO TRA I PROTAGONISTI DELLA RETE DI TERAPIA DEL DOLORE CONFRONTO TRA I PROTAGONISTI DELLA RETE DI TERAPIA DEL DOLORE dott. Marco Spizzichino Direttore - Ufficio XI Monitoraggio per le cure palliative e per la terapia del dolore connesso alle malattie neoplastiche

Dettagli

Fascicolo sanitario elettronico. in provincia di Trento

Fascicolo sanitario elettronico. in provincia di Trento Informatica Trentina S.p.A. Fascicolo sanitario elettronico Strategia e iniziative in provincia di Trento Bologna, 12 ottobre 2010 Agenda il modello provinciale dei servizi ICT le azioni ICT per le politiche

Dettagli

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Obiettivo di questo contributo è analizzare le novità introdotte dall Accordo per

Dettagli

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio flussi invio mensile SCADENZE FLUSSI INFORMATIVI CORRELATI AL MONITORAGGIO MENSILE DI CUI AL'ART. 50 (COMMA 11) E AGLI ADEMPIMENTI DA DECRETI MINISTERO SALUTE Flusso Scadenza prevista nell'annualità per

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione Generale del sistema informativo e statistico sanitario Direzione Generale della programmazione sanitaria

Ministero della Salute. Direzione Generale del sistema informativo e statistico sanitario Direzione Generale della programmazione sanitaria CAPITOLATO DI GARA SERVIZI PROFESSIONALI A SUPPORTO DELL EVOLUZIONE DEL NUOVO SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO (NSIS) E DELLO SVILUPPO DI METODOLOGIE NELL AMBITO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VERIFICA E CONTROLLO

Dettagli

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai attualità Indagine Istat: condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari di Maurizio Neri, Consigliere L indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari fa parte di un sistema integrato

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

Studio di fattibilità Deliverable A. Sistema Informativo Nazionale Dipendenze ESTRATTO

Studio di fattibilità Deliverable A. Sistema Informativo Nazionale Dipendenze ESTRATTO Studio di fattibilità Deliverable A Sistema Informativo Nazionale Dipendenze ESTRATTO INDICE A. STUDIO DI FATTIBILITÀ... 3 PREMESSA...3 A.20 SCOPO DELL APPLICAZIONE...4 A.20.10 NECESSITÀ UTENTE...4 Necessità

Dettagli

Contabilità Analitica Premessa

Contabilità Analitica Premessa Contabilità Analitica Premessa La funzione di programmazione aziendale e controllo presso l'aou San Luigi si sviluppa tramite una suite di cruscotti aziendali Abaco per l analisi dell andamento della produzione

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL SISTEMA DISPOSITIVI MEDICI

L'EVOLUZIONE DEL SISTEMA DISPOSITIVI MEDICI L'EVOLUZIONE DEL SISTEMA DISPOSITIVI MEDICI I dati regionali dai flussi amministrativi Eleonora Verdini Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche sociali - Regione Emilia Romagna Bologna, 25 giugno

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Quali tendenze nelle cure domiciliari

Quali tendenze nelle cure domiciliari III Giornata Nazionale delle cure a casa Qualità, tecnologie e sostenibilità delle cure domiciliari, Roma, 12 settembre 2011 Quali tendenze nelle cure domiciliari Mariadonata Bellentani Agenas - Sez. Organizzazione

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Il Progetto SOLE - Sanità On LinE e gli standard Stefano Micocci e Marco Devanna CUP 2000 15 settembre 2010 SOLE-100206 Di cosa parleremo

Dettagli

Le Buone Pratiche in Sanita alla luce della Spending Review

Le Buone Pratiche in Sanita alla luce della Spending Review Le Buone Pratiche in Sanita alla luce della Spending Review Rimodulazione e Ottimizzazione delle attività Territoriali in applicazione della Spending Review Dott. Primo Sergianni Direttore U.O.C. Assistenza

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

BASI DATI IN SANITA : Problemi e opportunità

BASI DATI IN SANITA : Problemi e opportunità SAS CAMPUS 2011 Business Intelligence e Analytics nell università, nel business e nel government per la crescita del Sistema Paese Sessione Government Analytics Basi dati e valutazione della qualità in

Dettagli

Le strutture territoriali nelle regioni:

Le strutture territoriali nelle regioni: 2014 MOTORE SANITA' Il nuovo patto stato-regioni: tra tagli ed efficienza 1 Marzo 2014 Le strutture territoriali nelle regioni: luoghi La e strumenti fantasia al innovativi potere di integrazione e di

Dettagli

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020 Sanità digitale Cosa e perchè L innovazione digitale dei processi sanitari è un passaggio fondamentale per migliorare il rapporto costo-qualità dei servizi sanitari, limitare sprechi e inefficienze, ridurre

Dettagli

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Giornate Mediche Fiorentine Firenze, 2 3 dicembre 2011 Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Atti di indirizzo della Regione

Dettagli

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE IGEA: dal progetto al sistema L'integrazione delle cure per le persone con malattie croniche 22 aprile 2013 Mariadonata Bellentani Giulia Dal Co Mariagrazia Marvulli

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica 9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 14 marzo 2014 Ridurre i ricoveri inappropriati: l'integrazione tra emergenza-urgenza e assistenza

Dettagli

1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia

1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia 1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia Prof.ssa Maria Pia Fantini Dott.ssa Lorenza Luciano Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Percorso

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA Milano 14 giugno 2012 Giornata di studio Re.SSPO Ordine AA.SS. Lombardia Comune di Monza Settore Servizi Sociali - Ufficio Anziani Cosa abbiamoevidenziato

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Il Sistema informativo a supporto dell integrated care. A cura di Fulvio Barbarito Direzione Salute e Socio Sanità (Welfare)

Il Sistema informativo a supporto dell integrated care. A cura di Fulvio Barbarito Direzione Salute e Socio Sanità (Welfare) Il Sistema informativo a supporto dell integrated care A cura di Fulvio Barbarito Direzione Salute e Socio Sanità (Welfare) Milano, 28 gennaio 2016 : che cos'è Il SISS può essere definito come l insieme

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future Dott. Pietro Paolo Faronato Direttore Generale Azienda ULSS 1 Belluno Padova, 27 settembre 2013 1 Verso la Sanità Digitale Sanità

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

L alimentazione del DWH della rete di epidemiologia: stato attuale e un caso d uso

L alimentazione del DWH della rete di epidemiologia: stato attuale e un caso d uso Nuove fonti informative e nuove modalità di accesso e trattamento delle informazioni del SISR - Sistema Informativo Sanitario Regionale L alimentazione del DWH della rete di epidemiologia: stato attuale

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

PADDI. Piattaforma per l'analisi Dati Decisionali Integrati della Sanità. Direzione Salute Centro di Competenza Trattamento Dati

PADDI. Piattaforma per l'analisi Dati Decisionali Integrati della Sanità. Direzione Salute Centro di Competenza Trattamento Dati PADDI Piattaforma per l'analisi Dati Decisionali Integrati della Sanità Direzione Salute Centro di Competenza Trattamento Dati PADDI Piattaforma Analisi Dati Decisionali Integrati è il punto di accesso,

Dettagli

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila Assetti di Governance dei Servizi Territoriali Le cure primarie: Il caso della Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo

Dettagli

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR Le reti per il miglioramento della qualità e dell efficienza dell assistenza Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR il sistema sanitario non è un sistema non è un sistema

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA

LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA I LETTI CAVS Dott.ssa E.P. Contuzzi Nucleo Territoriale di Continuità delle Cure Geriatria Territoriale ASLTO1 RSA, CAVS? RSA: residenza sanitaria assistenziale; struttura

Dettagli

uso significativo del FSE:

uso significativo del FSE: AGENAS POAT Salute Regione Calabria - Linea LV1 uso significativo del FSE: continuità dell assistenza per malati cronici Angelo Rossi Mori Unità Sanità Elettronica, Istituto Tecnologie Biomediche, CNR

Dettagli

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Maria Chiara Corti Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Strutture di ricovero intermedie e integrazione socio-sanitaria Le malattie,

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi Annalisa Faggionato Palmanova, 29 giugno 2011 Evoluzione del

Dettagli

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009 SIMES Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità Potenza 22 aprile 2009 Dott.ssa Maria Pia Randazzo Direzione Generale Sistema Informativo Ufficio NSIS Simes - obiettivi Monitoraggio Imparare dall

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia

Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia Assessorato al Welfare e alle Politiche della Salute Bari, 16 luglio 2014 Il Fascicolo Sanitario Elettronico L'art. 12 del D.L. 179 del 18 ottobre

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/32 FONDO SANITARIO REGIONALE RIPARTO 2012

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/32 FONDO SANITARIO REGIONALE RIPARTO 2012 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/32 FONDO SANITARIO REGIONALE RIPARTO 2012 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 2/32 Sommario Premessa... 3 CAPITOLO 1 - Il Fondo Sanitario Regionale per l esercizio 2012... 5 1.1 Le

Dettagli

Studio di Fattibilità Deliverable A Monitoraggio e Tutela della Salute Mentale

Studio di Fattibilità Deliverable A Monitoraggio e Tutela della Salute Mentale Studio di Fattibilità Deliverable A Monitoraggio e Tutela della Salute Mentale ESTRATTO INDICE A. Studio di fattibilità...3 PREMESSA... 3 A.20 SCOPO DELL APPLICAZIONE... 7 A.20.10 Necessità utente... 7

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE Isola d Elba 3-5 ottobre 2014 Centro Congressi la Biodola COMPLESSITA CURA CAMBIAMENTO DEL BISOGNO DI CURE Paziente fragile frequent user a forte necessità

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP)

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP) Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia Rif.: 1300001193 Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia walter bergamaschi D.G. Sistemi Informativi Ministero della Salute Bologna, 13 ottobre 2005 "We need to shift

Dettagli