Sistemi di bloccaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di bloccaggio"

Transcript

1 Sistemi di bloccaggio Obiettivi Prerequisiti Conoscere le tensioni che si generano su un corpo per effetto delle sollecitazioni. Saper applicare le condizioni di equilibrio su un corpo. Distinguere le proprietà dei materiali ferromagnetici, diamagnetici e paramagnetici. Saper effettuare il bloccaggio dei pezzi con i metodi tradizionali. Scegliere il sistema di serraggio adeguato in funzione delle dimensioni dei pezzi. Conoscere vantaggi e svantaggi dei metodi flessibili. 11

2 11.0 Introduzione La fase di montaggio del pezzo sulla macchina è molto importante per poter ottenere una corretta lavorazione; gli obiettivi da raggiungere sono: conoscere la posizione e l orientamento del sistema di riferimento del pezzo rispetto a quello della macchina; mantenere la posizione durante la lavorazione; compensare le sollecitazioni che nascono durante la lavorazione. Figura 11.1 Classificazione dei sistemi di bloccaggio. Nella tornitura il pezzo può essere montato sulla macchina tramite diverse modalità a seconda delle sue dimensioni e della lavorazione da eseguire: se il pezzo non è troppo lungo, per esempio, è possibile utilizzare una piattaforma autocentrante; se invece la lunghezza è maggiore, il pezzo durante la lavorazione tenderebbe a deformarsi, quindi si può utilizzare un autocentrante e una contropunta; si può usare una lunetta nel caso in cui la lunghezza sia elevata e si debbano eseguire lavorazioni interne. In Figura 11.1 sono riportati i principali sistemi di bloccaggio per centri di lavoro. I sistemi di bloccaggio del pezzo da realizzare devono perseguire una molteplicità di obiettivi: riferire il pezzo nello spazio di lavoro della macchina; bloccarlo in posizione stabile e senza deformazioni. A SR1 SR2 Figura 11.2 Superfici da considerare nel posizionamento del pezzo a bordo macchina. La scelta dell attrezzatura idonea deve essere tale da soddisfare le esigenze esplicitate dall analisi delle superfici del pezzo, delle lavorazioni da SB effettuare in ogni fase e sottofase del processo, 4,5 della precisione dimensionale e della tolleranza di SR3 sez A-A lavorazione richiesta. L attrezzatura è dimensionata o progettata in base al principio del posizionamento isostatico. Ogni corpo nello spazio e nel caso specifico si intende lo spazio di lavoro della macchina XYZ ha 6 gradi di libertà; il principio consiste nell eliminare i 6 gradi di libertà con il minimo numero indispensabile di punti di contatto tra pezzo e attrezzatura. Diverse sono le superfici da prendere in considerazione (Figura 11.2): 1. superfici di bloccaggio SB - sono le superfici sulle quali agiscono i dispositivi di bloccaggio dell attrezzatura; 2. superfici di appoggio SA - sono le superfici attraverso le quali si scaricano le sollecitazioni generate dalle forze di taglio; 3. superfici di partenza SP - sono le superfici del greggio di partenza che svolgono la funzione di superfici di riferimento (in genere durante la prima sotto-fase); 4. superfici di riferimento SR - sono superfici del pezzo dove sono localizzati i 6 punti, che entrano a contatto con gli elementi dell attrezzatura. Per quanto possibile devono coincidere con i riferimenti di quotatura. A Sistemi di bloccaggio

3 11.1 Morse Figura 11.3 Morsa di precisione. Le morse meccaniche o idrauliche (Figura 11.3) sono molto utilizzate nei centri di lavoro, quando si devono lavorare pezzi variabili, a causa del rapido posizionamento e il loro facile trasferimento da una macchina all altra: i pezzi devono avere due superfici parallele, su cui si generano, per effetto del serraggio, delle tensioni. Quando è richiesta una precisione di serraggio elevata, prevalentemente su fresatrici e rettificatrici, si possono impiegare morse ad alta precisione (quelle a posizionamento rapido sono particolarmente adatte per la lavorazione di elettroerosione). Quando è necessario effettuare bloccaggi multipli si possono utilizzare morse in parallelo, come in Figura Le caratteristiche principali sono le seguenti: sono in acciaio legato, temprate e finemente rettificate; serraggio e sbloccaggio sono ottenibili semplicemente con vite di comando; le ganasce a gradini sono regolabili, ingranaggio automatico; hanno effetto autostaffante. Figura 11.4 Pallet a serraggi multipli con morse in parallelo Mandrini autocentranti Nelle lavorazioni assiali simmetriche, quando la lunghezza del pezzo, rispetto al suo diametro, non è eccessivamente elevata, si possono utilizzare mandrini (piattaforme) autocentranti, composti da un corpo cilindrico portante (normalmente cavo per consentire lavorazione su barre intere) a tre o quattro griffe a gradini, regolabili con una chiave (si allontanano o si avvicinano al centro): questi morsetti stringono il pezzo e lo mettono in rotazione. Le griffe possono essere per interni o per esterni e sono numerate, cosicché ciascuna griffe corrisponde a una determinata guida (Figure 11.5, 11.6). Figura 11.5 Autocentrante a 4 griffe per torni. Figura 11.6 Autocentrante a 3 griffe. 11. Sistemi di bloccaggio 307

4 Figura 11.7 Contropunta. Se il pezzo presenta una lunghezza elevata, potrebbe deformarsi durante la lavorazione, quindi l estremità libera viene fissata con una contropunta (Figura 11.7), che va a impegnarsi sul pezzo, precedentemente forato con un foro conico (la conicità è la stessa della punta). Il pezzo, tenuto in asse da mandrino autocentrante e contropunta, ruota con asse perfettamente orizzontale. La contropunta è fissata nella controtesta, che può in certi casi essere spostata, con una chiave di manovra, di una piccola entità in direzione trasversale alle guide del bancale. In questo modo l asse di rotazione del pezzo non sarà più parallelo alle guide del bancale, realizzando così torniture di debole conicità. Per il bloccaggio di pezzi snelli (nell operazione di tornitura, per esempio), si possono utilizzare degli elementi detti lunette (Figura 11.8), che vengono impiegate per contrastare le forze di inflessione sull albero. La precisione di una lunetta dipende, oltre che da altri fattori, dal suo supporto. Le condizioni più importanti sono:una notevole rigidità, una superficie di appoggio perpendicolare a 90 rispetto all asse della macchina e la resistenza alle vibrazioni. Figura 11.8 a) Lunetta mobile montata sul carro; b) lunetta fissa Brida - menabrida Se il pezzo non può essere montato su un autocentrante, si può utilizzare un sistema punta-contropunta; il foro da centro dovrà essere realizzato su entrambe le estremità del pezzo e l oggetto da lavorare viene messo in rotazione da un sistema brida-menabrida o da un trascinatore frontale: nel primo caso, si utilizza un collare (brida, Figura 11.9) solidale con l autocentrante e, se i pezzi sono lunghi, sul mandrino viene coda controtesta montato un disco, menabrida, che ha un perno solidale che trascina in rotazione la brida (Figura 11.10) agganciata al pezzo da brida tornire. Figura 11.9 Brida. piattello menabrida Figura Sistema di trascinamento con piattello menabrida-brida Sistemi di bloccaggio

5 11.4 Mandrini a espansione Nel caso si debbano eseguire lavorazioni di tornitura cilindrica su pezzi forati, si possono utilizzare mandrini elastici, come in Figura 11.11a), o comunque mandrini ad espansione, che afferrano cioè con le griffe che spingono dall interno (Figura 11.11b). Nei settori di lavorazioni di finitura, tornitura, rettifica, dentatura e controllo, i mandrini a espansione acquisiscono grande importanza. L elemento centrale è la bussola di serraggio. Una bussola convenzionale in acciaio per molle, che ha la durezza delle molle, perché si deve piegare per serrare il pezzo. a) b) Figura a) Mandrini elastici, b) Mandrino a espansione con griffe Staffe rotanti In alcune lavorazioni il serraggio avviene utilizzando staffe rotanti. Questi cilindri (Figura 11.12) sono realizzati in particolare per applicazioni che richiedono alte forze di fissaggio e quando si lavora in spazi ridotti, specialmente quando il sistema di fissaggio deve risultare incassato e la superficie di lavorazione libera. Possono essere a semplice o doppio effetto a seconda che comprimano il pezzo in lavorazione verso la tavola portapezzo o comprimano e spingano rispetto il piano di lavoro. Figura Staffa rotante a effetto semplice Fissaggio magnetico Con i normali metodi di fissaggio il pezzo non è mai completamente libero su tutte le sue superfici e le forze di serraggio creano nel materiale delle tensioni: l ancoraggio magnetico garantisce senza limiti temporali, mantenendo costante la forza di bloccaggio, il fissaggio su tutta la superficie, mentre tutte 11. Sistemi di bloccaggio 309

6 le altre possono essere lavorate in un unico piazzamento (Figura 11.13). È un sistema caratterizzato da elevate flessibilità e riconfigurabilità. Nel caso si debbano eseguire frequenti posizionamenti e bloccaggi del pezzo sul piano di una macchina utensile, questo metodo è estremamente utile e consente un notevole risparmio di tempo. Il pezzo non subisce né tensioni, né deformazioni. Anche se la velocità di carico/scarico pezzo è elevata, questa soluzione non è direttamente applicabile a materiali para e diamagnetici, mentre nel caso di materiali ferromagnetici la permeabilità del materiale al flusso magnetico, specie su pareti sottili, può portare alla cattura del truciolo. Figura Piano di ancoraggio magnetico Sistemi modulari Per diminuire i costi, nel caso della lavorazione di piccoli lotti si può utilizzare un sistema modulare (Figura 11.14), caratterizzato da un kit di elementi combinabili a seconda della forma dell oggetto da lavorare (cambiano di volta in volta, quindi si possono bloccare pezzi di forma anche complessa), a scapito tuttavia di rigidezza, forza di bloccaggio e compattezza dell insieme e con un notevole impegno di manodopera. Figura Sistemi modulari per il bloccaggio del pezzo e kit Sistemi di bloccaggio

7 11.8 Sistemi di fissaggio a depressione Figura Tavola forata attraverso cui si genera il serraggio per depressione. Sono sistemi adatti per la lavorazione di piccoli e medi lotti con alesatrici orizzontali e verticali, centri di lavoro con o senza pallets, torni a controllo numerico e manuali, rettifiche, macchine per incisione, macchine di misura, macchine e applicazioni speciali. Sono costituiti da una tavola forata (Figura 11.15) che è sottoposta all azione di una pompa a vuoto che aspira l aria tra pezzo e superficie di appoggio. Ovviamente la superficie del pezzo da lavorare deve essere piana. I tempi di carico e scarico sono molto ridotti e si possono raggiungere elevate forze di serraggio senza danneggiare o deformare il pezzo; inoltre, come per il bloccaggio magnetico, le altre superfici del pezzo sono libere di essere lavorate in un unico piazzamento Cambiamento di fase (RFPE) e pseudo cambiamento Figura Fasi di realizzazione del bloccaggio a cambiamento di fase. incapsulamento calore lavorazione lavorazione fusione ed eliminazione del mezzo di fissaggio Un sistema di fissaggio con pseudo cambiamento di fase utilizza materiali bifasici costituenti un letto di particolato fluidizzato. Un contenitore è riempito con particelle e incorpora un pavimento poroso attraverso cui fluisce un flusso di aria a una velocità controllata. Quando il flusso è attivato il letto di particolato si comporta come un fluido permettendo (letto fluido) l inserimento del pezzo da lavorare con una minima resistenza. Quando il flusso cessa le particelle si compattano per effetto della forza peso o per l azione di una sollecitazione idraulica, formando una massa solida che immobilizza la parte da lavorare. Occorre considerare che la forza di fissaggio, non particolarmente elevata, è distribuita sull intera superfice immersa, ma costituisce il limite di questo sistema, mentre un punto di vantaggio è la possibilità di essere applicato per forme comunque complesse. riposizionamento Nei sistemi di fissaggio con reale cambiamento di fase la temperatura è il parametro utilizzato per controllare il cambiamento di stato. I sistemi di fissaggio di questo tipo utilizzano prevalentemente materiali con basso punto di fusione. Questi vengono utilizzati per incapsulare l oggetto di forma libera (RFPE - Reference Free Part Encapsulation) (Figura 11.16). In alcuni casi, in cui componenti sottili e fragili necessitano di lavorazioni leggere come mezzo per il fissaggio viene utilizzata acqua (bloccaggio criogenico), la solidificazione viene ottenuta utilizzando un dispositivo Peltier. Chiaramente questo processo non è idoneo quando c è sviluppo di calore durante la lavorazione o quando 11. Sistemi di bloccaggio 311

8 sono richieste tolleranze strette. La forza di serraggio non è molto elevata (è quindi adatta per lavorazioni leggere) e risulta distribuita su tutta la superficie del pezzo Sintesi dei sistemi di bloccaggio Tabella 11.1 Tipi di sistema di fissaggio Sistemi personalizzati o dedicati. Sistemi flessibili di fissaggio. Sistema di fissaggio Sistema convenzionale. Sistema a vuoto. Sistema modulare. Sistema con morsa. Sistemi adattabili. Descrizione Sistemi per il bloccaggio di vario tipo collegati da una base. Applicazioni Idoneo per produzione di massa. La parte poggia su una tavola dotata di microfori. Una Per produzioni di pompa a vuoto piccoli lotti e medi garantisce la lotti. Le parti devono rimozione dell aria avere una superficie tra il fondo del pezzo piana. e la superficie del portapezzo. Sono prodotte diverse configurazioni combinando elementi standardizzati. Sistemi in cui posizionatori, pins e dispositivi di posizionamento possono essere immediatamente posizionati in punti di riferimento. Per produzioni di piccoli lotti e medi lotti. Per parti con due facce parallele. Famiglie di parti o comunque parti simili. Vantaggi e limitazioni Elevata rigidezza e forza di bloccaggio, rapido caricamento e scaricamento di pezzo in lavorazione elevata ripetibilità. Richiede un accurata progettazione e rilevanti investimenti. Rapida ed economica, difficoltà nell applicarla su parti complesse o forate. Non occupa spazio, flessibile, può essere dimensionato in poco tempo, limiti. Pieno accesso a una faccia del pezzo, molto rapido il montaggio e lo smontaggio, provoca elevate tensioni locali. Preparazione rapida con componenti dedicati, non idonei per parti con superfici irregolari. Forze di bloccaggio concentrate. segue Sistemi di bloccaggio

9 Tabella 11.1 Tipi di sistema di fissaggio Sistemi che usano bloccaggi non meccanici o magnetici. Sistema di fissaggio Pseudo cambiamento di fase. Sistema a vuoto, bloccaggio con ghiaccio. RFPE Descrizione Immersione della parte nel letto fluidizzato e bloccaggio tramite interruzione del flusso di aria. Il pezzo è posto su una sottile lastra di acciaio inossidabile, rame o alluminio, ricoperta con un sottile velo di acqua che viene poi congelata. L oggetto di forma complessa è incapsulato con lega basso fondente. Applicazioni Lavorazioni leggere. Lavorazioni leggere. Idoneo per forme altrimenti non gestibili. Vantaggi e limitazioni Stabilità limitata dalle forze applicabili, distribuite su tutta la superficie. Rapida ed economica, non idonea per processi in cui si ha sviluppo di calore, scarsa precisione. Può indurre distorsioni su pareti sottili, caricamento/ scaricamento lenti. 11. Sistemi di bloccaggio 313

10 Scheda di valutazione Lo studente, dopo avere risposto, verifichi quanto riportato nel testo e valuti di conseguenza la propria risposta. 1 Quesito Quali sistemi di bloccaggio sono più adatti per un pezzo di lunghezza notevole e di piccolo diametro da tornire? 2 Quando si utilizzano i mandrini ad espansione? Individuare le differenze applicative tra mandrini ad 3 espansione e mandrini con griffe interne. 4 Quali sono le differenze tra fissaggio magnetico e a depressione? Sono dati un acciaio inossidabile ferritico e uno 5 austenitico. Sono entrambi fissabili alla tavola portapezzi mediante sistemi magnetici? Si commenti la seguente frase: Un truciolo di alluminio 6 di un pezzo a parete sottile fissato con sistema magnetico, aderisce alla parete del pezzo. 7 Quali vantaggi offrono i sistemi modulari? Quale è la procedura per eseguire il bloccaggio con 8 cambiamento di fase? Qual è la procedura per eseguire il bloccaggio con 9 pseudo-cambiamento di fase? È utilizzabile una lega di bismuto come mezzo di bloccaggio in un sistema a cambiamento di fase per un pezzo in acciaio? Quali sono le superfici da considerare nel posizionamento del pezzo? Valutazione Sistemi di bloccaggio

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO

FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO di Tecnologia Meccanica FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO Gli attrezzi e i sistemi per

Dettagli

Lavorazioni al TORNIO PARALLELO

Lavorazioni al TORNIO PARALLELO Istituto Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, 13-94015 Piazza Armerina (En) Corso di Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Anno scolastico 2015-2016 Lavorazioni al TORNIO PARALLELO

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

Sistemi di bloccaggio idraulici -- Mandrini idraulici

Sistemi di bloccaggio idraulici -- Mandrini idraulici Sistemi di bloccaggio idraulici -- Mandrini idraulici La tecnologia del serraggio idraulico ad espansione si è evoluto fino a raggiungere livelli di precisione e di affidabilità tali da poter soddisfare

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG)

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG) di Tecnologia Meccanica TORNIO PARALLELO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio Tornio parallelo In questa trattazione ci occuperemo diffusamente del tornio parallelo, cioè del tipo di

Dettagli

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE FH 270/320/350 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE L'esperienza che da parecchi anni abbiamo acquisito nella costruzione di macchine utensili ci ha permesso di realizzare con grande successo una macchina dotata

Dettagli

QUESTO È IL SISTEMA! Soluzioni modulari per lavorazioni di tornitura e fresatura. Panoramica dei nostri prodotti principali. www.hainbuch.

QUESTO È IL SISTEMA! Soluzioni modulari per lavorazioni di tornitura e fresatura. Panoramica dei nostri prodotti principali. www.hainbuch. QUESTO È IL SISTEMA! Soluzioni modulari per lavorazioni di tornitura e fresatura Panoramica dei nostri prodotti principali www.hainbuch.it Il sistema modulare HAINBUCH. LA FLESSIBILITÀ È LA CARTA VINCENTE

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 Fresatrici, Alesatrici e Centri di Lavoro pag. 2 1.1 Generalità 2 1.2 Struttura

Dettagli

ATTREZZATURE PER LA LAVORAZIONE DEI MANUFATTI

ATTREZZATURE PER LA LAVORAZIONE DEI MANUFATTI ATTREZZATURE PER LA LAVORAZIONE DEI MANUFATTI La crescente automazione delle MU/CN richiede che pezzi ed utensili vengano sostituiti rapidamente durante il ciclo di lavoro. Attrezzature porta utensili

Dettagli

TORNI PARALLELI PESANTI mod. 1A670, 1A670-12,5

TORNI PARALLELI PESANTI mod. 1A670, 1A670-12,5 TORNI PARALLELI PESANTI mod. 1A670, 1A670-12,5 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate ad eseguire le operazioni di sgrossatura

Dettagli

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532 TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 15, 155, 1L5 M.I.R.M.U. Via Baldinucci, 4 158 Milano Tel.959 Fax.9954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate alle operazioni di sgrossatura e di finitura di pezzi

Dettagli

Soluzioni modulari per le lavorazioni di tornitura-fresatura

Soluzioni modulari per le lavorazioni di tornitura-fresatura Questo è il sistema: Soluzioni modulari per le lavorazioni di tornitura-fresatura Soluzioni di serraggio che ripagano HAINBUCH: soluzioni di serraggio flessibili e per rapidi riattrezzamenti Il sistema

Dettagli

l Acciaio cementato e temperato, brunito e rettificato Codice Esecuzione g 23310.0025 Con bullone di serraggio grand. 25 x 35 234

l Acciaio cementato e temperato, brunito e rettificato Codice Esecuzione g 23310.0025 Con bullone di serraggio grand. 25 x 35 234 3 EH 23310. Bloccaggi rapidi verticali a spinta grandezza 25 l Acciaio cementato e temperato, brunito e rettificato Codice Esecuzione g 23310.0025 Con bullone di serraggio grand. 25 x 35 234 www.halder.com

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1

TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1 TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1 Basamento E costituito da una struttura portante in ghisa stabilizzata e munito di nervature, garantisce la massima robustezza e rigidità dell'insieme. Le

Dettagli

Nuovo tipo di utensile per brocciatura

Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nella costruzione di parti meccaniche, anche molto semplici, a volte bisogna affrontare dei problemi di una certa difficoltà che richiedono, per la loro risoluzione,

Dettagli

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione Tecnica di bloccaggio Cilindri idraulici Generatori di pressione idraulici Centraline di bloccaggio e industriali Tecnica dei montaggi

Dettagli

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica.

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. 05/2012 Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. Di Thomas Oertli Il migliore sistema di serraggio in assoluto non esiste.tuttavia noi siamo in grado di

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione Tecnica di bloccaggio Cilindri idraulici Generatori di pressione idraulici Centraline di bloccaggio e industriali Tecnica dei montaggi

Dettagli

Gruppi di prodotti Programma standard 1-4 Manipolatori 5 Programma dispositivi 6-8 di bloccaggio a comando meccanico Costruzioni speciali

Gruppi di prodotti Programma standard 1-4 Manipolatori 5 Programma dispositivi 6-8 di bloccaggio a comando meccanico Costruzioni speciali Panoramica prodotti Dispositivi di bloccaggio Gruppi di prodotti Programma standard 1-4 Manipolatori 5 Programma dispositivi 6-8 di bloccaggio a comando meccanico Costruzioni speciali >> Affidabile! >>

Dettagli

Il ciclo di lavorazione

Il ciclo di lavorazione Il ciclo di lavorazione Analisi critica del disegno di progetto Riprogettazione del componente (ove necessario) Determinazione dei processi tecnologici e scelta delle macchine utensili Stesura del ciclo

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I cuscinetti volventi Il cuscinetto volvente, detto anche cuscinetto a rotolamento, è un elemento posizionato tra il perno di

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

Prodotti esclusivi scelti per voi dai Tecnici WNT. Sistemi di bloccaggio con ricerca punto zero di WNT. TOTAL TOOLING=QUALITÀ x SERVIZIO 2

Prodotti esclusivi scelti per voi dai Tecnici WNT. Sistemi di bloccaggio con ricerca punto zero di WNT. TOTAL TOOLING=QUALITÀ x SERVIZIO 2 Valida fino al 31.5.216 Selezione Prodotti esclusivi scelti per voi dai Tecnici WNT La base economica per il vostro successo Sistemi di bloccaggio con ricerca punto zero di WNT TOTAL TOOLING=QUALITÀ x

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3.1 Prova di trazione 3.1.3 Estensimetri La precisione e la sensibilità dello strumento variano a seconda dello scopo cui esso è destinato. Nella prova di trazione

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

Attrezzature di bloccaggio modulari

Attrezzature di bloccaggio modulari Attrezzature di bloccaggio modulari Tt pag.. 6 Tg pag.. 7 T Tt-X pag.. 8 DS-Tt pag.. 9 lemento di prolunga Tt pag.. 1 Supporto a doppia ganascia T pag.. 13 lemento di prolunga completo Tt pag.. 13 Base

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE asdf ESECUZIONE DELLE FILETTATURE 14 January 2012 Il seguente articolo si propone di realizzare un excursus dei principali metodi di esecuzione di una filettatura. Ci soffermeremo maggiormente su alcuni

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 1 PROGRAMMA DI PRODUZIONE

PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 1 PROGRAMMA DI PRODUZIONE PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 1 PROGRAMMA DI PRODUZIONE PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 2 I NUOVI TRAGUARDI DI PRODUTTIVITÀ, AFFIDABILITÀ E PRECISIONE

Dettagli

BARRE ALESANTI ROTANTE E NON SALIENTE. PER LAVORAZIONE IN SITU

BARRE ALESANTI ROTANTE E NON SALIENTE. PER LAVORAZIONE IN SITU BARRE ALESANTI ROTANTI NON SALIENTI PER LAVORAZIONE IN SITU TIPO COMPATTO DAG 1 TIPO PASSANTE DAG 2 TIPO MANDRINO DAG 3 Le nostre BARRE ALESANTI, brevettate in Italia e nell Unione Europea (U.E.), sono

Dettagli

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO SGROSSATURA Passate grandi: 0,5 10 mm Avanzamenti grandi: 0,1 0,6 mm/giro Sovrametallo da lasciare per la finitura: 0,2 0,5 mm Utensile in acciaio super rapido HSS UNI 4247

Dettagli

BOCCOLE BRONZO SINTERIZZATO

BOCCOLE BRONZO SINTERIZZATO BOCCOLE BRONZO SINTERIZZATO Via Torino 77/1-10040 Druento (TO) Tel. 011-19775.115 Fax 011-9942666 e-mail : info@sidarma.it - uff.commerciale@sidarma.it www.sidarma.it LA SINTERIZZAZIONE Che cos'è? La sinterizzazione

Dettagli

Classificazione secondo i movimenti

Classificazione secondo i movimenti CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO Classificazione secondo i movimenti Moto di taglio - rettilineo -alternativo - rotatorio Moto di avanzamento - continuo -intermittente all

Dettagli

COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO

COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO 342 Introduzione I collegamenti albero-mozzo sono collegamenti smontabili che consentono di rendere solidali, rispetto alla rotazione attorno ad un asse comune, una parte piena

Dettagli

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino Serie GMC / GM applicazioni gm albero di trasmissione perno filettato gmc albero a camme valvola albero sterzo connettore gildemeister italiana s.p.a. dmg

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

Distributore per l Italia OMNILIP

Distributore per l Italia OMNILIP Distributore per l Italia OMNILIP Materiali Imateriali delle guarnizioni Saint-Gobain Performance Plastics sono miscelati e trattati per ottenere le migliori prestazioni di tenuta in un ampia varietà di

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

APPARECCHIATURE PER TORNI PLURIMANDRINO MORI-SAY

APPARECCHIATURE PER TORNI PLURIMANDRINO MORI-SAY APPARECCHI E RICAMBI PER TORNI AUTOMATICI PLURIMANDRINO APPARECCHIATURE PER TORNI PLURIMANDRINO MORI-SAY TURLO S.r.l. Via Tagliaferro 3-13019 VARALLO SESIA (VC), ITALY Tel (0039) 0163 54446 Fax (0039)

Dettagli

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE 1/49 Tipologia di sistemi produttivi Volume Sistema rigido Sistema flessibile Varietà parti 2/49 Modelli di Sistemi di produzione Sono basati sulla ripetitività delle operazioni di

Dettagli

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS Queste macchine verticali di tintura ad alta temperatura e pressione sono il risultato di una costante e continua ricerca di miglioramenti, lavorando in stretto

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 4.1 Lavorazioni per asportazione di truciolo LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Il principio del taglio dei metalli LIUC - Ingegneria Gestionale 2 L asportazione di truciolo

Dettagli

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile Marketing & Communication Dept. 03/10/2014 SMIMec Company Profile 1 Profilo SMIMEC SMIMec è la super officina del Gruppo SMI; Costituita nel 1999, dal 2004 è organizzata come una vera e propria divisione

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte Nuovi prodotti Stampi per tranciatura 2014 5.8.3.1 Catalogo CD e lin Catalogo on Con il nuovo ampliamento di prodotti abbiamo voluto dare voce ai vostri desideri e consigli. Come fornitore sistematico

Dettagli

Serraggi. Fascette NormaClamp Torro 9. Fascette NormaClamp Torro 12 Come Fascette NormaClamp Torro 9, ma nastro 12 mm.

Serraggi. Fascette NormaClamp Torro 9. Fascette NormaClamp Torro 12 Come Fascette NormaClamp Torro 9, ma nastro 12 mm. Fascette NormaClamp Torro 9 Serraggi Fascette stringitubo a vite senza fine DIN 3017, nastro 9 mm. Realizzate con nastro pieno e bordi arrotondati. La conformazione del carrello portavite garantisce una

Dettagli

TABELLE DI TOLLERANZE ISO PER ALBERI

TABELLE DI TOLLERANZE ISO PER ALBERI dimensione ALBERO in mm TABELLE DI TOLLERANZE ISO PER ALBERI s6 r6 n6 m6 j6 h5 h6 h8 h9 h11 g5 g6 f7 f8 e8 d11 da > 1 +20 +16 +10 +8 +4 0 0 0 0 0-2 -2-6 -6-14 -20 a 3 +14 +10 +4 +2-2 -4-6 -14-25 -60-6

Dettagli

VTL VLP VTF VTM VTMP

VTL VLP VTF VTM VTMP VTL VLP VTF VTM VTMP Il vostro partner nella tornitura verticale multifunzionale TORNI VERTICALI E CENTRI DI TORNITURA, FRESATURA, FORATURA, RETTIFICA VTL - VLP - VTF - VTM - VTMP VTL VLP Maggior precisione,

Dettagli

BIMERIC BM. Sistema di produzione e montaggio servocontrollato

BIMERIC BM. Sistema di produzione e montaggio servocontrollato BIMERIC BM Sistema di produzione e montaggio servocontrollato Sistema di produzione Sistema di montaggio 1.000 compiti una soluzione Il sistema di produzione e montaggio servocontrollato BIMERIC è la piattaforma

Dettagli

GF Machining Solutions. Mikron MILL P 800 U ST

GF Machining Solutions. Mikron MILL P 800 U ST GF Machining Solutions Mikron MILL P 800 U ST Mikron MILL P 800 U ST Tornitura. Sgrossatura. Finitura. Senza dover riattrezzare la macchina. Mikron MILL P 800 U ST (Simultan Turning) è una nuova innovazione

Dettagli

Scegliete il giusto dispositivo

Scegliete il giusto dispositivo Sistemi per la movimentazione del vetro piano e delle lastre di vetro Dispositivi di movimentazione razionali per tutti i settori della lavorazione del vetro piano e delle lastre di vetro handling systems

Dettagli

[ significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600. Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni

[ significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600. Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni [ E[M]CONOMy] significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600 Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni FAmup Linearmill 600 [Magazzino utensili] - Magazzino utensili

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Un sistema estremamente flessibile e modulare creato appositamente per permettervi di progettare e creare supporti di ogni tipo, con accessori che vi

Un sistema estremamente flessibile e modulare creato appositamente per permettervi di progettare e creare supporti di ogni tipo, con accessori che vi 132 Un sistema estremamente flessibile e modulare creato appositamente per permettervi di progettare e creare supporti di ogni tipo, con accessori che vi permetteranno di risolvere singoli problemi specifici

Dettagli

UTENSILI PER SERRAGGIO

UTENSILI PER SERRAGGIO UTENSILI PER SERRAGGIO Morsetti ahco Fatti per serrare Per realizzare armadi, mobili, arredamenti, lavorare il metallo, serrare telai o parti rotonde, la scelta dell utensile giusto per il lavoro da svolgere,

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman

Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman Descrizione generale: La linea di smielatura professionale Lega può essere configurata per lavorare 52 favi Dadant-Blatt

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI MANUALE DI ISTRUZIONI MINI CESOIA PIEGATRICE Art. 0892 ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente

Dettagli

Nieuw! Nuovo! Neu! Söll. Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali.

Nieuw! Nuovo! Neu! Söll. Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali. DISTRIBUTORE AUTORIZZATO Nieuw! Nuovo! Neu! Neu! Söll Sistema anticaduta linea vita orizzontale Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali. Söll Sistema anticaduta

Dettagli

KGS/GMC BRICO 125-185-220

KGS/GMC BRICO 125-185-220 KGS/GMC BRICO 125-185-220 OPTIONALS 1 12 7 8 3 5 10 9 2 N DESCRIZIONE CODICE 1 Rulli a scomparsa per lo scorrimento pannelli GMC 00185 2 Prolungamento supporto intermedio ribaltabile (800 mm) GMC 00006

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

CENTRO DI LAVORO EC43 a 5 assi

CENTRO DI LAVORO EC43 a 5 assi Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail: pear@pear.it - www.pear.it Altri file a disposizione per informazioni complementari

Dettagli

Stazione di ricarica per il robot Tobor

Stazione di ricarica per il robot Tobor UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dellʼinformazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

Descrizione. Caratteristiche tecniche

Descrizione. Caratteristiche tecniche brevettato Descrizione La CMO è un dispositivo atto a garantire la protezione di persone/cose da urti provocati da organi meccanici in movimento quali cancelli o porte a chiusura automatica. L ostacolo

Dettagli

TOP CUT 500 ALLESTIMENTO BASE (A)

TOP CUT 500 ALLESTIMENTO BASE (A) TOP CUT 500 E una fresa a ponte, completamente costruita in fusione di ghisa, il movimento degli assi avviene su guide a ricircolo di sfere, mediante cremagliere ad alta precisione, riduttori a gioco ridotto

Dettagli

Tecnologia compatta per massima efficienza EMCOMILL 1200 ed EMCOMILL 750

Tecnologia compatta per massima efficienza EMCOMILL 1200 ed EMCOMILL 750 [ E[M]CONOMy] significa: Tecnologia compatta per massima efficienza EMCOMILL 1200 ed EMCOMILL 750 Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di particolari di piccole e medie dimensioni

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

Estensimetro. in variazioni di resistenza.

Estensimetro. in variazioni di resistenza. Estensimetro La misura di una forza incidente su di un oggetto può essere ottenuta misurando la deformazione o la variazione di geometria che l oggetto in questione subisce. L estensimetro estensimetro,

Dettagli

H N l. I o. A e A. L O G U o. catalogo

H N l. I o. A e A. L O G U o. catalogo C T a E t a C H N l I o C g A o L C catalogo MOLTIPLICATORI DI PRESSIONE- T A e T c A n i L O G bloccaggi c U Au o E INDICE 1 MOLTIPLICATORI DI PRESSIONE ARIA/OLIO MOLTIPLICATORI DI PRESSIONE OLIO/OLIO

Dettagli

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail:

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa L automazione 1 L automazione Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa Politecnico di Torino 1 Automazione delle macchine utensili (M.U.)

Dettagli

Un nuovo sistema di riparazione

Un nuovo sistema di riparazione I Un nuovo sistema di riparazione SPEED sa fare di tutto! La maggior parte degli incidenti accadono a velocità così basse da non creare danni strutturali SPEED è dotato di un raddrizzatore adatto a riparazioni

Dettagli

TORNI PARALLELI CON VARIAZIONE ELETTRONICA DI VELOCITÀ E VISUALIZZATORE DI QUOTE DIGITALE TU 3610 V

TORNI PARALLELI CON VARIAZIONE ELETTRONICA DI VELOCITÀ E VISUALIZZATORE DI QUOTE DIGITALE TU 3610 V Convertitore SINAMICS G120D Funzioni integrate Categoria EMC C2 ai sensi della norma EN 61800-3 Safety Integrated Risparmio energetico fino al 20% Senza resistenza di frenatura Connettore universale e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

Sistemi magnetici elettropermanenti per tornitura e rettifica verticale. La massima flessibilità ed efficienza per lavorazioni di alta precisione

Sistemi magnetici elettropermanenti per tornitura e rettifica verticale. La massima flessibilità ed efficienza per lavorazioni di alta precisione Sistemi magnetici elettropermanenti per tornitura e rettifica verticale La massima flessibilità ed efficienza per lavorazioni di alta precisione FORZA NOMINALE A CONTATTO Fino a 160 N/cm 2 Assenza di deformazioni

Dettagli

Lavorazioni di estremità a pezzo fermo

Lavorazioni di estremità a pezzo fermo Gianandrea Mazzola Lavorazioni di estremità a pezzo fermo Quando si devono trattare barre o tubi di considerevole dimensione (e peso), con geometrie non sempre regolari, garantire centraggio e presa perfetti

Dettagli

Descrizione generale

Descrizione generale HD600 tilt HD600 tilt Descrizione generale Prendete uno smontagomme elettroidraulico in grado di operare su ruote da autocarro, autobus e agricole fino a 26 e alimentatelo con un generatore di potenza

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

TORNITURA DA BARRA MULTITORRETTA B446-465 T2 B446-465 T3

TORNITURA DA BARRA MULTITORRETTA B446-465 T2 B446-465 T3 TORNITURA DA ARRA MULTITORRETTA 446-465 T 446-465 T3 Centri di tornitura bimandrino a torrette e assi Y: dalla barra al pezzo finito in un solo ciclo. 446-465 T A vent anni dalla presentazione del primo

Dettagli

[ significa: Design to Cost. EMCOMILL E1200 E900 E600 E350. Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di lotti piccoli e medi

[ significa: Design to Cost. EMCOMILL E1200 E900 E600 E350. Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di lotti piccoli e medi [ E[M]CONOMY] significa: Design to Cost. EMCOMILL E200 E900 E600 E350 Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di lotti piccoli e medi EMCOMILL E200 Test di collaudo UNI ISO 079-7 Distributore

Dettagli

RUOTE DENTATE. Introduzione

RUOTE DENTATE. Introduzione RUOTE DENTATE 362 Introduzione Le ruote dentate costituiscono un sistema affidabile per la trasmissione del moto tra assi paralleli, incidenti e sghembi. La trasmissione avviene per spinta dei denti della

Dettagli

Strumenti di controllo degli organi meccanici

Strumenti di controllo degli organi meccanici Strumenti di controllo degli organi meccanici Il controllo dello spessore dei denti di un ingranaggio, può essere effettuato mediante il calibro a doppio nonio o mediante un micrometro a piattelli. Calibro

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli