Sistemi di bloccaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di bloccaggio"

Transcript

1 Sistemi di bloccaggio Obiettivi Prerequisiti Conoscere le tensioni che si generano su un corpo per effetto delle sollecitazioni. Saper applicare le condizioni di equilibrio su un corpo. Distinguere le proprietà dei materiali ferromagnetici, diamagnetici e paramagnetici. Saper effettuare il bloccaggio dei pezzi con i metodi tradizionali. Scegliere il sistema di serraggio adeguato in funzione delle dimensioni dei pezzi. Conoscere vantaggi e svantaggi dei metodi flessibili. 11

2 11.0 Introduzione La fase di montaggio del pezzo sulla macchina è molto importante per poter ottenere una corretta lavorazione; gli obiettivi da raggiungere sono: conoscere la posizione e l orientamento del sistema di riferimento del pezzo rispetto a quello della macchina; mantenere la posizione durante la lavorazione; compensare le sollecitazioni che nascono durante la lavorazione. Figura 11.1 Classificazione dei sistemi di bloccaggio. Nella tornitura il pezzo può essere montato sulla macchina tramite diverse modalità a seconda delle sue dimensioni e della lavorazione da eseguire: se il pezzo non è troppo lungo, per esempio, è possibile utilizzare una piattaforma autocentrante; se invece la lunghezza è maggiore, il pezzo durante la lavorazione tenderebbe a deformarsi, quindi si può utilizzare un autocentrante e una contropunta; si può usare una lunetta nel caso in cui la lunghezza sia elevata e si debbano eseguire lavorazioni interne. In Figura 11.1 sono riportati i principali sistemi di bloccaggio per centri di lavoro. I sistemi di bloccaggio del pezzo da realizzare devono perseguire una molteplicità di obiettivi: riferire il pezzo nello spazio di lavoro della macchina; bloccarlo in posizione stabile e senza deformazioni. A SR1 SR2 Figura 11.2 Superfici da considerare nel posizionamento del pezzo a bordo macchina. La scelta dell attrezzatura idonea deve essere tale da soddisfare le esigenze esplicitate dall analisi delle superfici del pezzo, delle lavorazioni da SB effettuare in ogni fase e sottofase del processo, 4,5 della precisione dimensionale e della tolleranza di SR3 sez A-A lavorazione richiesta. L attrezzatura è dimensionata o progettata in base al principio del posizionamento isostatico. Ogni corpo nello spazio e nel caso specifico si intende lo spazio di lavoro della macchina XYZ ha 6 gradi di libertà; il principio consiste nell eliminare i 6 gradi di libertà con il minimo numero indispensabile di punti di contatto tra pezzo e attrezzatura. Diverse sono le superfici da prendere in considerazione (Figura 11.2): 1. superfici di bloccaggio SB - sono le superfici sulle quali agiscono i dispositivi di bloccaggio dell attrezzatura; 2. superfici di appoggio SA - sono le superfici attraverso le quali si scaricano le sollecitazioni generate dalle forze di taglio; 3. superfici di partenza SP - sono le superfici del greggio di partenza che svolgono la funzione di superfici di riferimento (in genere durante la prima sotto-fase); 4. superfici di riferimento SR - sono superfici del pezzo dove sono localizzati i 6 punti, che entrano a contatto con gli elementi dell attrezzatura. Per quanto possibile devono coincidere con i riferimenti di quotatura. A Sistemi di bloccaggio

3 11.1 Morse Figura 11.3 Morsa di precisione. Le morse meccaniche o idrauliche (Figura 11.3) sono molto utilizzate nei centri di lavoro, quando si devono lavorare pezzi variabili, a causa del rapido posizionamento e il loro facile trasferimento da una macchina all altra: i pezzi devono avere due superfici parallele, su cui si generano, per effetto del serraggio, delle tensioni. Quando è richiesta una precisione di serraggio elevata, prevalentemente su fresatrici e rettificatrici, si possono impiegare morse ad alta precisione (quelle a posizionamento rapido sono particolarmente adatte per la lavorazione di elettroerosione). Quando è necessario effettuare bloccaggi multipli si possono utilizzare morse in parallelo, come in Figura Le caratteristiche principali sono le seguenti: sono in acciaio legato, temprate e finemente rettificate; serraggio e sbloccaggio sono ottenibili semplicemente con vite di comando; le ganasce a gradini sono regolabili, ingranaggio automatico; hanno effetto autostaffante. Figura 11.4 Pallet a serraggi multipli con morse in parallelo Mandrini autocentranti Nelle lavorazioni assiali simmetriche, quando la lunghezza del pezzo, rispetto al suo diametro, non è eccessivamente elevata, si possono utilizzare mandrini (piattaforme) autocentranti, composti da un corpo cilindrico portante (normalmente cavo per consentire lavorazione su barre intere) a tre o quattro griffe a gradini, regolabili con una chiave (si allontanano o si avvicinano al centro): questi morsetti stringono il pezzo e lo mettono in rotazione. Le griffe possono essere per interni o per esterni e sono numerate, cosicché ciascuna griffe corrisponde a una determinata guida (Figure 11.5, 11.6). Figura 11.5 Autocentrante a 4 griffe per torni. Figura 11.6 Autocentrante a 3 griffe. 11. Sistemi di bloccaggio 307

4 Figura 11.7 Contropunta. Se il pezzo presenta una lunghezza elevata, potrebbe deformarsi durante la lavorazione, quindi l estremità libera viene fissata con una contropunta (Figura 11.7), che va a impegnarsi sul pezzo, precedentemente forato con un foro conico (la conicità è la stessa della punta). Il pezzo, tenuto in asse da mandrino autocentrante e contropunta, ruota con asse perfettamente orizzontale. La contropunta è fissata nella controtesta, che può in certi casi essere spostata, con una chiave di manovra, di una piccola entità in direzione trasversale alle guide del bancale. In questo modo l asse di rotazione del pezzo non sarà più parallelo alle guide del bancale, realizzando così torniture di debole conicità. Per il bloccaggio di pezzi snelli (nell operazione di tornitura, per esempio), si possono utilizzare degli elementi detti lunette (Figura 11.8), che vengono impiegate per contrastare le forze di inflessione sull albero. La precisione di una lunetta dipende, oltre che da altri fattori, dal suo supporto. Le condizioni più importanti sono:una notevole rigidità, una superficie di appoggio perpendicolare a 90 rispetto all asse della macchina e la resistenza alle vibrazioni. Figura 11.8 a) Lunetta mobile montata sul carro; b) lunetta fissa Brida - menabrida Se il pezzo non può essere montato su un autocentrante, si può utilizzare un sistema punta-contropunta; il foro da centro dovrà essere realizzato su entrambe le estremità del pezzo e l oggetto da lavorare viene messo in rotazione da un sistema brida-menabrida o da un trascinatore frontale: nel primo caso, si utilizza un collare (brida, Figura 11.9) solidale con l autocentrante e, se i pezzi sono lunghi, sul mandrino viene coda controtesta montato un disco, menabrida, che ha un perno solidale che trascina in rotazione la brida (Figura 11.10) agganciata al pezzo da brida tornire. Figura 11.9 Brida. piattello menabrida Figura Sistema di trascinamento con piattello menabrida-brida Sistemi di bloccaggio

5 11.4 Mandrini a espansione Nel caso si debbano eseguire lavorazioni di tornitura cilindrica su pezzi forati, si possono utilizzare mandrini elastici, come in Figura 11.11a), o comunque mandrini ad espansione, che afferrano cioè con le griffe che spingono dall interno (Figura 11.11b). Nei settori di lavorazioni di finitura, tornitura, rettifica, dentatura e controllo, i mandrini a espansione acquisiscono grande importanza. L elemento centrale è la bussola di serraggio. Una bussola convenzionale in acciaio per molle, che ha la durezza delle molle, perché si deve piegare per serrare il pezzo. a) b) Figura a) Mandrini elastici, b) Mandrino a espansione con griffe Staffe rotanti In alcune lavorazioni il serraggio avviene utilizzando staffe rotanti. Questi cilindri (Figura 11.12) sono realizzati in particolare per applicazioni che richiedono alte forze di fissaggio e quando si lavora in spazi ridotti, specialmente quando il sistema di fissaggio deve risultare incassato e la superficie di lavorazione libera. Possono essere a semplice o doppio effetto a seconda che comprimano il pezzo in lavorazione verso la tavola portapezzo o comprimano e spingano rispetto il piano di lavoro. Figura Staffa rotante a effetto semplice Fissaggio magnetico Con i normali metodi di fissaggio il pezzo non è mai completamente libero su tutte le sue superfici e le forze di serraggio creano nel materiale delle tensioni: l ancoraggio magnetico garantisce senza limiti temporali, mantenendo costante la forza di bloccaggio, il fissaggio su tutta la superficie, mentre tutte 11. Sistemi di bloccaggio 309

6 le altre possono essere lavorate in un unico piazzamento (Figura 11.13). È un sistema caratterizzato da elevate flessibilità e riconfigurabilità. Nel caso si debbano eseguire frequenti posizionamenti e bloccaggi del pezzo sul piano di una macchina utensile, questo metodo è estremamente utile e consente un notevole risparmio di tempo. Il pezzo non subisce né tensioni, né deformazioni. Anche se la velocità di carico/scarico pezzo è elevata, questa soluzione non è direttamente applicabile a materiali para e diamagnetici, mentre nel caso di materiali ferromagnetici la permeabilità del materiale al flusso magnetico, specie su pareti sottili, può portare alla cattura del truciolo. Figura Piano di ancoraggio magnetico Sistemi modulari Per diminuire i costi, nel caso della lavorazione di piccoli lotti si può utilizzare un sistema modulare (Figura 11.14), caratterizzato da un kit di elementi combinabili a seconda della forma dell oggetto da lavorare (cambiano di volta in volta, quindi si possono bloccare pezzi di forma anche complessa), a scapito tuttavia di rigidezza, forza di bloccaggio e compattezza dell insieme e con un notevole impegno di manodopera. Figura Sistemi modulari per il bloccaggio del pezzo e kit Sistemi di bloccaggio

7 11.8 Sistemi di fissaggio a depressione Figura Tavola forata attraverso cui si genera il serraggio per depressione. Sono sistemi adatti per la lavorazione di piccoli e medi lotti con alesatrici orizzontali e verticali, centri di lavoro con o senza pallets, torni a controllo numerico e manuali, rettifiche, macchine per incisione, macchine di misura, macchine e applicazioni speciali. Sono costituiti da una tavola forata (Figura 11.15) che è sottoposta all azione di una pompa a vuoto che aspira l aria tra pezzo e superficie di appoggio. Ovviamente la superficie del pezzo da lavorare deve essere piana. I tempi di carico e scarico sono molto ridotti e si possono raggiungere elevate forze di serraggio senza danneggiare o deformare il pezzo; inoltre, come per il bloccaggio magnetico, le altre superfici del pezzo sono libere di essere lavorate in un unico piazzamento Cambiamento di fase (RFPE) e pseudo cambiamento Figura Fasi di realizzazione del bloccaggio a cambiamento di fase. incapsulamento calore lavorazione lavorazione fusione ed eliminazione del mezzo di fissaggio Un sistema di fissaggio con pseudo cambiamento di fase utilizza materiali bifasici costituenti un letto di particolato fluidizzato. Un contenitore è riempito con particelle e incorpora un pavimento poroso attraverso cui fluisce un flusso di aria a una velocità controllata. Quando il flusso è attivato il letto di particolato si comporta come un fluido permettendo (letto fluido) l inserimento del pezzo da lavorare con una minima resistenza. Quando il flusso cessa le particelle si compattano per effetto della forza peso o per l azione di una sollecitazione idraulica, formando una massa solida che immobilizza la parte da lavorare. Occorre considerare che la forza di fissaggio, non particolarmente elevata, è distribuita sull intera superfice immersa, ma costituisce il limite di questo sistema, mentre un punto di vantaggio è la possibilità di essere applicato per forme comunque complesse. riposizionamento Nei sistemi di fissaggio con reale cambiamento di fase la temperatura è il parametro utilizzato per controllare il cambiamento di stato. I sistemi di fissaggio di questo tipo utilizzano prevalentemente materiali con basso punto di fusione. Questi vengono utilizzati per incapsulare l oggetto di forma libera (RFPE - Reference Free Part Encapsulation) (Figura 11.16). In alcuni casi, in cui componenti sottili e fragili necessitano di lavorazioni leggere come mezzo per il fissaggio viene utilizzata acqua (bloccaggio criogenico), la solidificazione viene ottenuta utilizzando un dispositivo Peltier. Chiaramente questo processo non è idoneo quando c è sviluppo di calore durante la lavorazione o quando 11. Sistemi di bloccaggio 311

8 sono richieste tolleranze strette. La forza di serraggio non è molto elevata (è quindi adatta per lavorazioni leggere) e risulta distribuita su tutta la superficie del pezzo Sintesi dei sistemi di bloccaggio Tabella 11.1 Tipi di sistema di fissaggio Sistemi personalizzati o dedicati. Sistemi flessibili di fissaggio. Sistema di fissaggio Sistema convenzionale. Sistema a vuoto. Sistema modulare. Sistema con morsa. Sistemi adattabili. Descrizione Sistemi per il bloccaggio di vario tipo collegati da una base. Applicazioni Idoneo per produzione di massa. La parte poggia su una tavola dotata di microfori. Una Per produzioni di pompa a vuoto piccoli lotti e medi garantisce la lotti. Le parti devono rimozione dell aria avere una superficie tra il fondo del pezzo piana. e la superficie del portapezzo. Sono prodotte diverse configurazioni combinando elementi standardizzati. Sistemi in cui posizionatori, pins e dispositivi di posizionamento possono essere immediatamente posizionati in punti di riferimento. Per produzioni di piccoli lotti e medi lotti. Per parti con due facce parallele. Famiglie di parti o comunque parti simili. Vantaggi e limitazioni Elevata rigidezza e forza di bloccaggio, rapido caricamento e scaricamento di pezzo in lavorazione elevata ripetibilità. Richiede un accurata progettazione e rilevanti investimenti. Rapida ed economica, difficoltà nell applicarla su parti complesse o forate. Non occupa spazio, flessibile, può essere dimensionato in poco tempo, limiti. Pieno accesso a una faccia del pezzo, molto rapido il montaggio e lo smontaggio, provoca elevate tensioni locali. Preparazione rapida con componenti dedicati, non idonei per parti con superfici irregolari. Forze di bloccaggio concentrate. segue Sistemi di bloccaggio

9 Tabella 11.1 Tipi di sistema di fissaggio Sistemi che usano bloccaggi non meccanici o magnetici. Sistema di fissaggio Pseudo cambiamento di fase. Sistema a vuoto, bloccaggio con ghiaccio. RFPE Descrizione Immersione della parte nel letto fluidizzato e bloccaggio tramite interruzione del flusso di aria. Il pezzo è posto su una sottile lastra di acciaio inossidabile, rame o alluminio, ricoperta con un sottile velo di acqua che viene poi congelata. L oggetto di forma complessa è incapsulato con lega basso fondente. Applicazioni Lavorazioni leggere. Lavorazioni leggere. Idoneo per forme altrimenti non gestibili. Vantaggi e limitazioni Stabilità limitata dalle forze applicabili, distribuite su tutta la superficie. Rapida ed economica, non idonea per processi in cui si ha sviluppo di calore, scarsa precisione. Può indurre distorsioni su pareti sottili, caricamento/ scaricamento lenti. 11. Sistemi di bloccaggio 313

10 Scheda di valutazione Lo studente, dopo avere risposto, verifichi quanto riportato nel testo e valuti di conseguenza la propria risposta. 1 Quesito Quali sistemi di bloccaggio sono più adatti per un pezzo di lunghezza notevole e di piccolo diametro da tornire? 2 Quando si utilizzano i mandrini ad espansione? Individuare le differenze applicative tra mandrini ad 3 espansione e mandrini con griffe interne. 4 Quali sono le differenze tra fissaggio magnetico e a depressione? Sono dati un acciaio inossidabile ferritico e uno 5 austenitico. Sono entrambi fissabili alla tavola portapezzi mediante sistemi magnetici? Si commenti la seguente frase: Un truciolo di alluminio 6 di un pezzo a parete sottile fissato con sistema magnetico, aderisce alla parete del pezzo. 7 Quali vantaggi offrono i sistemi modulari? Quale è la procedura per eseguire il bloccaggio con 8 cambiamento di fase? Qual è la procedura per eseguire il bloccaggio con 9 pseudo-cambiamento di fase? È utilizzabile una lega di bismuto come mezzo di bloccaggio in un sistema a cambiamento di fase per un pezzo in acciaio? Quali sono le superfici da considerare nel posizionamento del pezzo? Valutazione Sistemi di bloccaggio

QUESTO È IL SISTEMA! Soluzioni modulari per lavorazioni di tornitura e fresatura. Panoramica dei nostri prodotti principali. www.hainbuch.

QUESTO È IL SISTEMA! Soluzioni modulari per lavorazioni di tornitura e fresatura. Panoramica dei nostri prodotti principali. www.hainbuch. QUESTO È IL SISTEMA! Soluzioni modulari per lavorazioni di tornitura e fresatura Panoramica dei nostri prodotti principali www.hainbuch.it Il sistema modulare HAINBUCH. LA FLESSIBILITÀ È LA CARTA VINCENTE

Dettagli

Soluzioni modulari per le lavorazioni di tornitura-fresatura

Soluzioni modulari per le lavorazioni di tornitura-fresatura Questo è il sistema: Soluzioni modulari per le lavorazioni di tornitura-fresatura Soluzioni di serraggio che ripagano HAINBUCH: soluzioni di serraggio flessibili e per rapidi riattrezzamenti Il sistema

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

Sistemi magnetici elettropermanenti per tornitura e rettifica verticale. La massima flessibilità ed efficienza per lavorazioni di alta precisione

Sistemi magnetici elettropermanenti per tornitura e rettifica verticale. La massima flessibilità ed efficienza per lavorazioni di alta precisione Sistemi magnetici elettropermanenti per tornitura e rettifica verticale La massima flessibilità ed efficienza per lavorazioni di alta precisione FORZA NOMINALE A CONTATTO Fino a 160 N/cm 2 Assenza di deformazioni

Dettagli

Gruppi di prodotti Programma standard 1-4 Manipolatori 5 Programma dispositivi 6-8 di bloccaggio a comando meccanico Costruzioni speciali

Gruppi di prodotti Programma standard 1-4 Manipolatori 5 Programma dispositivi 6-8 di bloccaggio a comando meccanico Costruzioni speciali Panoramica prodotti Dispositivi di bloccaggio Gruppi di prodotti Programma standard 1-4 Manipolatori 5 Programma dispositivi 6-8 di bloccaggio a comando meccanico Costruzioni speciali >> Affidabile! >>

Dettagli

TORNI PARALLELI PESANTI mod. 1A670, 1A670-12,5

TORNI PARALLELI PESANTI mod. 1A670, 1A670-12,5 TORNI PARALLELI PESANTI mod. 1A670, 1A670-12,5 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate ad eseguire le operazioni di sgrossatura

Dettagli

Superare grandi sfide nei piccoli lotti. Serie EMCOMAT FB-3 FB-450 L FB-600 L

Superare grandi sfide nei piccoli lotti. Serie EMCOMAT FB-3 FB-450 L FB-600 L [ E[M]CONOMY] significa: Superare grandi sfide nei piccoli lotti. Serie EMCOMAT FB-3 FB-450 L FB-600 L Fresatrici universali ad alta precisione per applicazioni industriali EMCOMAT FB-3 [Testa portafresa

Dettagli

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione Tecnica di bloccaggio Cilindri idraulici Generatori di pressione idraulici Centraline di bloccaggio e industriali Tecnica dei montaggi

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 4.1 Lavorazioni per asportazione di truciolo LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Il principio del taglio dei metalli LIUC - Ingegneria Gestionale 2 L asportazione di truciolo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

Attrezzature di bloccaggio modulari

Attrezzature di bloccaggio modulari Attrezzature di bloccaggio modulari Tt pag.. 6 Tg pag.. 7 T Tt-X pag.. 8 DS-Tt pag.. 9 lemento di prolunga Tt pag.. 1 Supporto a doppia ganascia T pag.. 13 lemento di prolunga completo Tt pag.. 13 Base

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

Fissaggio e giochi dei cuscinetti

Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio dei cuscinetti 9 Fissaggio radiale 9 Fissaggio assiale 91 Posizionamento su un unico supporto 91 Posizionamento su due supporti 92 Processi di fissaggio assiale

Dettagli

Il nostro impegno è offrirvi il meglio. Programma di vendita

Il nostro impegno è offrirvi il meglio. Programma di vendita Programma di vendita Il nostro impegno è offrirvi il meglio FRESATURA Alesatrici e fresatrici cnc a montante mobile con corse longitudinali fino a 20.000 mm e corse verticali fino a 5.000 mm. Alesatrici

Dettagli

Accessori STUDER 10.2012/ Printed in Switzerland deutsch

Accessori STUDER 10.2012/ Printed in Switzerland deutsch tsch Accessori STUDER 1 2 Indice Pagina 4 Serraggio Punte Pinze di serraggio Mandrini & teste di serraggio Pagina 16 Ravvivatura Diamanti Pagina 20 Rettifica Rettifica esterna Rettifica interna Pagina

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Lo schema seguente descrive l evoluzione dei sistemi di produzione industriale con l avvento dell automazione. Vengono presi in considerazione la lavorazione alle macchine utensili,

Dettagli

SCELTA DEL TIPO DI FRESA

SCELTA DEL TIPO DI FRESA LAVORAZIONE CON FRESE A CANDELA SCELTA DEL TIPO DI FRESA La scelta del tipo di fresa a candela dipende dal grado di tolleranza e finitura superficiale richiesti. Utilizzare una fresa riaffilabile per applicazioni

Dettagli

Catalogo Prodotti di

Catalogo Prodotti di Catalogo Prodotti di Asportazione Truciolo: Fresatura: Utensili MDI, HSS e con fissaggio meccanico dell'inserto, per spianatura, contornatura, lavorazione stampi, frese e microfrese con trattamenti e ricoperture

Dettagli

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO Il progetto, dalla parola latina proiectus, è un insieme di operazioni che hanno lo scopo di realizzare

Dettagli

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte Nuovi prodotti Stampi per tranciatura 2014 5.8.3.1 Catalogo CD e lin Catalogo on Con il nuovo ampliamento di prodotti abbiamo voluto dare voce ai vostri desideri e consigli. Come fornitore sistematico

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 Si definisce CICLO DI LAVORAZIONE la successione delle operazioni da compiere per la produzione di un particolare meccanico,

Dettagli

MIKRON HPM 1150U HPM 1350U

MIKRON HPM 1150U HPM 1350U MIKRON HPM 1150U HPM 1350U Fresatura ad alte prestazioni o fresatura ad alta velocità? Perché scegliere! Mentre nella fresatura ad alta velocità l'obiettivo è quello di ottenere sul pezzo una superficie

Dettagli

Tecnologie di lavorazione del granito

Tecnologie di lavorazione del granito Tecnologie di lavorazione del granito Catalogo Generale www.zali-precision.it Tecnologie di lavorazione del granito Storia Zali viene fondata nel 1998 da Graziano Zali, forte di una esperienza ventennale

Dettagli

Un sistema estremamente flessibile e modulare creato appositamente per permettervi di progettare e creare supporti di ogni tipo, con accessori che vi

Un sistema estremamente flessibile e modulare creato appositamente per permettervi di progettare e creare supporti di ogni tipo, con accessori che vi 132 Un sistema estremamente flessibile e modulare creato appositamente per permettervi di progettare e creare supporti di ogni tipo, con accessori che vi permetteranno di risolvere singoli problemi specifici

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti albero-mozzo ELEMENTI ESIGENZE Anelli Scanalati Chiavette Linguette Spine elastici a Impedimento alla rotazione si si si si Impedimento alla traslazione

Dettagli

Delphin - Sistema di serraggio modulare

Delphin - Sistema di serraggio modulare Delphin - Sistema di serraggio modulare 2 Delphin Le aziende di produzione moderne dotano la loro unità di produzione di un sistema di serraggio modulare. Perché Delphin... Applicazione Delphin... Funzionamento

Dettagli

GLI ULTRASUONI PER LAVORARE I MATERIALI DURI

GLI ULTRASUONI PER LAVORARE I MATERIALI DURI ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO GLI ULTRASUONI PER LAVORARE I MATERIALI DURI 118 Con la tecnologia a ultrasuoni, Sauer, del Gruppo Gildemeister, presenta un metodo per la lavorazione ad alto rendimento di materiali

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO

COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO 342 Introduzione I collegamenti albero-mozzo sono collegamenti smontabili che consentono di rendere solidali, rispetto alla rotazione attorno ad un asse comune, una parte piena

Dettagli

2 Ca 0 ta 12 logo www.fox-machines.com

2 Ca 0 ta 12 logo www.fox-machines.com 2012 Catalogo www.fox-machines.com INDICE METAL WORKING Trapani a colonna Trapani a colonna Troncatrice per metalli Levigatrice PAG.2-4 PAG.5 PAG.6 PAG.6 TOP LINE! WOOD WORKING Troncatrici Troncatrici

Dettagli

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile Marketing & Communication Dept. 03/10/2014 SMIMec Company Profile 1 Profilo SMIMEC SMIMec è la super officina del Gruppo SMI; Costituita nel 1999, dal 2004 è organizzata come una vera e propria divisione

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

VTE-60-FTD. Sirmu è una storica realtà di Rivanazzano

VTE-60-FTD. Sirmu è una storica realtà di Rivanazzano [ CENTRO DI TORNITURA-FRESATURA ] di Andrea Pagani SONO MOLTE LE MACCHINE CAPACI DI ESEGUIRE OPERAZIONI DI TORNITURA E FRESATURA, MA SI TRATTA PREVALENTEMENTE DI COMPROMESSI DELL UNA O DELL ALTRA OPERAZIONE.

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa L automazione 1 L automazione Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa Politecnico di Torino 1 Automazione delle macchine utensili (M.U.)

Dettagli

Cuscinetti Cuscinetti a sezione sottile Sistemi lineari. Catalogo prodotti. Programma standard

Cuscinetti Cuscinetti a sezione sottile Sistemi lineari. Catalogo prodotti. Programma standard Cuscinetti Cuscinetti a sezione sottile Sistemi lineari Catalogo prodotti Prograa standard 2 Light Bearings for Innovation Dell'inventore del cuscinetto su filo metallico Nella descrizione del brevetto

Dettagli

Tavole girevoli e traslanti Tavole girevoli per tornitura Tavole girevoli e traslanti per tornitura

Tavole girevoli e traslanti Tavole girevoli per tornitura Tavole girevoli e traslanti per tornitura Un eccellenza più volte dimostrata Innovative technology improved Italienisch - Italiano L ORIGINALE Made in Germany Tavole girevoli N E W N E W Tavole girevoli Tavole girevoli e traslanti Tavole girevoli

Dettagli

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h)

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 37 4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 4.1 La disposizione degli assi secondo la norma ISO Ogni asse è definito dal verso e dalla direzione di movimento della slitta ed è caratterizzato

Dettagli

TORNITURA DA BARRA MULTITORRETTA B446-465 T2 B446-465 T3

TORNITURA DA BARRA MULTITORRETTA B446-465 T2 B446-465 T3 TORNITURA DA ARRA MULTITORRETTA 446-465 T 446-465 T3 Centri di tornitura bimandrino a torrette e assi Y: dalla barra al pezzo finito in un solo ciclo. 446-465 T A vent anni dalla presentazione del primo

Dettagli

Martinetti meccanici con vite a sfere

Martinetti meccanici con vite a sfere . Descrizione martinetti meccanici con vite a ricircolo di sfere I martinetti meccanici permettono di trasformare un movimento rotativo fornito da un motore elettrico, idraulico o pneumatico in un movimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti Allievi del corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (VO) Testi delle esercitazioni per l Anno Accademico

Dettagli

Ancoraggi Murfor Anc, rinforzo per murature

Ancoraggi Murfor Anc, rinforzo per murature Ancoraggi Murfor Anc, rinforzo per murature Costruzioni in sicurezza. consulenza tecnica personalizzata 1 Indice 3 Perché scegliere Bekaert? 5 Ancoraggi Murfor Anc 6 Ancoraggi Murfor Anc con libertà di

Dettagli

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Superfici Reali e Nominali Ing. Alessandro Carandina Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Disegno tecnico Informazioni qualitative (i vari tipi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA: TECNOLOGIA MECCANICA A.S. 2012/2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 4^ TIM 1) PREREQUISITI Possedere conoscenze relative alle proprietà chimico-strutturali,

Dettagli

Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman

Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman Descrizione generale: La linea di smielatura professionale Lega può essere configurata per lavorare 52 favi Dadant-Blatt

Dettagli

Elementi di macchine 9 Elementi di macchine Generalità La costruzione di una macchina si basa anche sull utilizzo di componenti commerciali normalizzati; tali componenti possono essere impiegati come reperiti

Dettagli

TOP CUT 500 ALLESTIMENTO BASE (A)

TOP CUT 500 ALLESTIMENTO BASE (A) TOP CUT 500 E una fresa a ponte, completamente costruita in fusione di ghisa, il movimento degli assi avviene su guide a ricircolo di sfere, mediante cremagliere ad alta precisione, riduttori a gioco ridotto

Dettagli

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail:

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Mettiamo in moto la voglia di fare

Mettiamo in moto la voglia di fare Mettiamo in moto la voglia di fare cuscinetti volventi Indice FAG pag. 04 n Cuscinetti volventi/supporti n Cuscinetti di alta precisione n Attrezzatura montaggio e monitoraggio INA pag. 10 n Cuscinetti

Dettagli

Manuale di montaggio per morsetti KAGO

Manuale di montaggio per morsetti KAGO Manuale di montaggio per morsetti KAGO 2 Indice 1. Il morsetto si adatta al vostro profilo rotaia? 4 2. Montaggio dei morsetti di contatto 6 3. Montaggio dei morsetti guida-cavo 7 4. Rimozione dei morsetti

Dettagli

Ecco il «cuore» della macchina utensile. COM È FATTO Vittorio Pesce

Ecco il «cuore» della macchina utensile. COM È FATTO Vittorio Pesce COM È FATTO Vittorio Pesce SCOPRIAMO IN CHE MODO VENGONO PROGETTATI E COSTRUITI GLI ELETTROMANDRINI D ALTA QUALITÀ DELLA OMLAT, UN IMPRESA ITALIANA DI CARATURA INTERNAZIONALE. Ecco il «cuore» della macchina

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30 Indice Premessa 9 parte prima Base A Tavola A1 Carosello motociclette 13 Tavola A2 Manovellismi motori due cilindri 14 Tavola A3 Velocità media 15 Tavola A4 Supporto a filo di un carico 16 Tavola A5 Supporto

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Punzonatrice e pannellatrice. PunchBend

Punzonatrice e pannellatrice. PunchBend Punzonatrice e pannellatrice PunchBend PunchBend nasce dall unione tra una punzonatrice e una pannellatrice, opportunamente collegate da un sistema automatico di gestione di grezzi e componenti finiti.

Dettagli

TECNICA. Riscaldare secondo natura

TECNICA. Riscaldare secondo natura TECNICA Riscaldare secondo natura DOLMEN Premessa Il nostro lavoro consiste nel riscaldare i materiali naturali ad accumulo di calore, che possono essere le pietre oppure la ceramica. Questi materiali,

Dettagli

R310IT 2302 (2006.04) The Drive & Control Company

R310IT 2302 (2006.04) The Drive & Control Company R31IT 232 (26.4) The Drive & Control Company Bosch Rexroth AG Linear Motion and Assembly Technologies Guide a sfere su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Viti a sfere Sistemi lineari Meccanica

Dettagli

Più valore ai soldi. EMCOTURN E65. E[M]CONOMy. significa:

Più valore ai soldi. EMCOTURN E65. E[M]CONOMy. significa: [ E[M]CONOMy ] significa: Più valore ai soldi. EMCOTURN E65 Centro di tornitura universale per la lavorazione completa di pezzi da barra e da autocentrante EMCOTURN E65 [Nuovo] - FANUC 0i TF - Monitor

Dettagli

Dinamometri. Serie FK

Dinamometri. Serie FK Serie FK Dinamometri I dinamometri della serie FK sono caratterizzati dalla grande robustezza relativa alla loro struttura e dalla semplicità di utilizzo. Tutti i modelli possono lavorare, mediante la

Dettagli

MACCHINE SERVIZIO FRENI LINEA AUTOCARRI

MACCHINE SERVIZIO FRENI LINEA AUTOCARRI MACCHINE SERVIZIO FRENI LINEA AUTOCARRI TP44M La principale caratteristica del TP44M è la tornitura del disco freno di autocarri, autobus e veicoli commerciali direttamente sul mezzo, senza dover smontare

Dettagli

Convogliatori a catena, tapparella, nastro e rulli

Convogliatori a catena, tapparella, nastro e rulli Convogliatori a catena, tapparella, nastro e rulli Sistemi di trasferimento e convogliamento Introduzione e caratteristiche tecniche 5 Convogliatore continuo 6 Esempi di trasporto 7 Componenti 8 Accessori

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

Produzione di ingranaggi in piccole-medie aziende

Produzione di ingranaggi in piccole-medie aziende Produzione di ingranaggi in piccole-medie aziende La produzione di ingranaggi in grande serie, tipica del settore automobilistico, ha come primo problema la riduzione dei tempi di lavorazione, con lo scopo

Dettagli

PROVE DI DUREZZA Laboratorio di Metallurgia AA 2007-2008

PROVE DI DUREZZA Laboratorio di Metallurgia AA 2007-2008 PROVE DI DUREZZA Laboratorio di Metallurgia AA 2007-2008 La durezza H (hardness) può essere definita come: la resistenza alla deformazione elasto-plastica (concetto fisico); la resistenza alla scalfittura

Dettagli

BIMERIC BM. Sistema di produzione e montaggio servocontrollato

BIMERIC BM. Sistema di produzione e montaggio servocontrollato BIMERIC BM Sistema di produzione e montaggio servocontrollato Sistema di produzione Sistema di montaggio 1.000 compiti una soluzione Il sistema di produzione e montaggio servocontrollato BIMERIC è la piattaforma

Dettagli

Sistemi per il bloccaggio dei pezzi Sistemi doppi di bloccaggio DF

Sistemi per il bloccaggio dei pezzi Sistemi doppi di bloccaggio DF Sistemi per il bloccaggio dei pezzi Sistemi doppi di bloccaggio DF 05/2015 3.3420 Sistema doppio di bloccaggio flessibile, ad azionamento meccano-idraulico e idraulico I vantaggi in breve: Lavorazione

Dettagli

GF Machining Solutions. System 3R. Transformer

GF Machining Solutions. System 3R. Transformer GF Machining Solutions System 3R Transformer Swedish design and quality 2 System 3R Transformer Sommario L automazione scalabile Soluzioni personalizzate Moduli standardizzati WSM WorkShopManager Customer

Dettagli

Scheda. Descrizione della macchina

Scheda. Descrizione della macchina Scheda 1 Lavorazione: Macchina: TORNITURA TORNIO PARALLELO Descrizione della macchina I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente

Dettagli

COMPATTEZZA, AUTOALLINEAMENTO, RISPARMIO: CONTINUA L INNOVAZIONE COMPACT RAIL...2 VANTAGGI DEL SISTEMA COMPACT RAIL...3 COMPONENTI PRINCIPALI...

COMPATTEZZA, AUTOALLINEAMENTO, RISPARMIO: CONTINUA L INNOVAZIONE COMPACT RAIL...2 VANTAGGI DEL SISTEMA COMPACT RAIL...3 COMPONENTI PRINCIPALI... COMPATTEZZA, AUTOALLINEAMENTO, RISPARMIO: CONTINUA L INNOVAZIONE COMPACT RAIL...2 VANTAGGI DEL SISTEMA COMPACT RAIL...3 COMPONENTI PRINCIPALI...5 PRESTAZIONI GENERALI...7 SERIE 18...8 SERIE 28...10 SERIE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

Metal SOFTWARE CAD/CAM. www.alphacam.it

Metal SOFTWARE CAD/CAM. www.alphacam.it Metal SOFTWARE CAD/CAM www.alphacam.it Software CAD/CAM versatile e potente Tutti i moduli Alphacam sono stati realizzati su un unico motore CAD proprietario che include funzioni di creazione geometrie

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Manuale utente. Ingranometro DO-0 PC

Manuale utente. Ingranometro DO-0 PC Manuale utente Ingranometro DO-0 PC Indice 1. Elenco degli articoli... 3 2. Introduzione... 4 3. Descrizione... 5 3.1 Caratteristiche generali... 5 3.2. Parametri controllati... 6 3.3 Caratteristiche generali...

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

RatioLine Centri di tornitura e fresatura modulari per la lavorazione economica di pezzi complessi

RatioLine Centri di tornitura e fresatura modulari per la lavorazione economica di pezzi complessi Catalogo generale Da 85 anni la Index-Werke GmbH & Co. KG Hann & Tessky di Esslingen è una delle più importanti aziende tedesche produttrici di macchine utensili. Gli studi tecnologici innovativi, gli

Dettagli

Gradi imbattibili per produttività ultra

Gradi imbattibili per produttività ultra Gradi imbattibili per produttività ultra Inserti tangenziali positivi per la fresatura di Acciai 3 1 4 08 13 16 2 Esclusivo inserto con 6 taglienti per Avanzamenti Super 2 3 5 6 1 4 Angoli di attacco positivi

Dettagli

Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo

Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo 1 Processo produttivo nello stabilimento di Piacenza, Italia. Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo Qualità eccellente Bolzoni Auramo offre una gaa completa di forche per carrelli elevatori,

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Smart Manufacturing Solutions. DATRON M8Cube. fresare, forare e incidere velocità qualità - produttività

Smart Manufacturing Solutions. DATRON M8Cube. fresare, forare e incidere velocità qualità - produttività Smart Manufacturing Solutions DATRON M8Cube fresare, forare e incidere velocità qualità - produttività DATRON M8Cube Lavorazione dinamica di alluminio e altri materiali High-Tech DATRON M8Cube è la scelta

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE E REGISTRO LABORATORI MECCANICI

PIANO DI MANUTENZIONE E REGISTRO LABORATORI MECCANICI PIANO DI MANUTENZIONE E REGISTRO LABORATORI MECCANICI Campo di applicazione Il presente piano si applica al laboratorio di Esercitazioni pratiche, Tecnologico e Pneumatica Le procedure di manutenzione

Dettagli

4 volte F. L albero e l attrezzatura

4 volte F. L albero e l attrezzatura L albero e l attrezzatura In passato gli alberi delle imbarcazioni e delle navi erano realizzati in legno e tenuti in posizione da sartie costituite da cime vegetali. E evidente che le sartie e l alberatura

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

E[M]CONOMY. significa: Performance eccellenti in serie. HYPERTURN 45. Centro di tornitura ad alte prestazioni per la lavorazione completa

E[M]CONOMY. significa: Performance eccellenti in serie. HYPERTURN 45. Centro di tornitura ad alte prestazioni per la lavorazione completa [ E[M]CONOMY ] significa: Performance eccellenti in serie. HYPERTURN 45 Centro di tornitura ad alte prestazioni per la lavorazione completa HYPERTURN 45 [Asse Y] [Torretta superiore] - Torretta portautensili

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

OFFICINA MACCHINE UTENSILI. Marino prof. Mazzoni. s π D n V = ; Vt = ; t 1000. Vt 1000 Vt 1000 n = ; D = ; π D π n

OFFICINA MACCHINE UTENSILI. Marino prof. Mazzoni. s π D n V = ; Vt = ; t 1000. Vt 1000 Vt 1000 n = ; D = ; π D π n 1 OFFICINA MACCHINE UTENSILI Marino prof. Mazzoni s π D n V = ; Vt = ; t 1000 Vt 1000 Vt 1000 n = ; D = ; π D π n Legenda: v = velocità misurata in metri al minuto primo (m/1 ) s = spazio misurato in metri

Dettagli

MACCHINE UTENSILI è la divisione del Gruppo Overmach che si occupa di analizzare e risolvere qualsiasi problema produttivo del Cliente in fase di pre-vendita: dalla scelta della macchina utensile più

Dettagli

Consulenze Industriali Forniture Industriali

Consulenze Industriali Forniture Industriali Consulenze Industriali Forniture Industriali 2 La Società MT Engineering Srl è l unione di esperienze avente lo scopo di offrire dedicate consulenze industriali soprattutto nel settore dell industria meccanica.

Dettagli

Il Catalogo. Il vostro partner nel mondo 02/2009. Sistemi di fissaggio

Il Catalogo. Il vostro partner nel mondo 02/2009. Sistemi di fissaggio Il vostro partner nel mondo United ingdom. C. T. (GB) td. Universal House Fairfield Park Manvers GB - S63 5DB Rotherham, South Yorkshire Tel.: 0044 170 9 87 00 00 Fax: 0044 170 9 87 00 10 sales@lctgb.ltd.uk

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DELLE INDUSTRIE MECCANICHE 2014

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DELLE INDUSTRIE MECCANICHE 2014 SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DELLE INDUSTRIE MECCANICHE 2014 SVOLGIMENTO Lo spinotto, perno di collegamento tra pistone e biella, è realizzato in acciaio ad alta resistenza con superficie esterna cementata

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

La misura di forza avviene mediante celle di carico (dette anche Bilance o Dinamometri).

La misura di forza avviene mediante celle di carico (dette anche Bilance o Dinamometri). Misure di forza 1 Misure di forza La misura di forza avviene mediante celle di carico (dette anche Bilance o Dinamometri). Le celle di carico possono essere suddivise in due categorie che, in funzione

Dettagli