CONOSCERE IL BUSINESS PER NON GESTIRLO A SENSAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONOSCERE IL BUSINESS PER NON GESTIRLO A SENSAZIONE"

Transcript

1 CONOSCERE IL BUSINESS PER NON GESTIRLO A SENSAZIONE di Valeria Tonella In collaborazione con

2 Tavola dei contenuti Premessa Alcune definizioni L andamento del business: conoscere il presente per anticipare il futuro, ovvero in vantaggi della BI Aree di applicazione Controllo di gestione...10 Analisi delle vendite...10 Analisi degli ordini...11 Gestione acquisti e fornitori Quali informazioni / rappresentazioni L andamento del mercato Il mercato mondiale Il mercato italiano Avvertenze per l implementazione Il commitment Non lasciare tutto in mano all IT La trasparenza dei numeri La qualità del dato Meglio tutto subito oppure un passo alla volta? Il cruscotto è la soluzione di tutti i problemi Per concludere Glossario Pagina 2 di 23

3 Tavola delle figure Figura 1 - Architettura di una piattaforma di Business Intelligence... 6 Figura 2 - Esempi di cruscotto Figura 3 - Magic Quadrant per le piattaforme di Business Intelligence Figura 4 - I tre ingredienti per il successo Pagina 3 di 23

4 Premessa Abbiamo affrontato in diverse occasioni temi che uniscono i sistemi informativi con la logica del business, permettendo di aumentare efficacia ed efficienza, ad esempio, delle azioni commerciali e della gestione del cliente (con il CRM) oppure della diffusione del patrimonio informativo aziendale (Corporate Portal). Ma abbiamo finora trascurato un tema di grande rilevanza, la Business Intelligence, in quanto finora sembrava essere appannaggio solo della grande azienda, capace di impiantare sistemi di analisi del business importanti a fronte di necessità di viste delle metriche dello stesso da parte di molte funzioni aziendali e secondo logiche variegate. La capacità di reazione al mercato e la facoltà di prendere le decisioni migliori si basano - per tutte le aziende, indipendentemente dalla dimensione - sulle informazioni disponibili, tanto all interno quanto all esterno dei sistemi informativi esistenti. Il presente dossier si pone come obiettivo un analisi delle tendenze in atto nella Business Intelligence (di seguito anche abbreviata BI,) sia attraverso dati di mercato, sia con una presentazione di alcune maschere caratteristiche, partendo - come sempre - dai concetti base del management. Solo così, infatti, è possibile comprendere le motivazioni profonde che rendono indispensabili sistemi per l analisi dei dati e la loro interpretazione, e di contro i rischi cui si va incontro se questi sistemi non sono presenti: la sensazione, che poteva essere ammessa in situazioni di bassa complessità aziendale, non è pensabile quando devo gestire persone e processi e valutare le performance per decidere la rotta per il futuro. Prima di addentrarci nel tema della business intelligence, ci pare indispensabile dedicare alcune pagine nel tentativo di rendere più accessibili i concetti che stanno dietro al termine Business Intelligence. Pagina 4 di 23

5 1. Alcune definizioni L espressione Business Intelligence venne coniata all inizio dagli anni 90 da un analista di Gartner, Howard Dresner, e viene utilizzata per indicare tutti i processi, le tecnologie, i tool e le metodologie necessari alle aziende per gestire e utilizzare in maniera strategica il bagaglio di dati a loro disposizione. Dati che devono essere raccolti in un magazzino dati, il Data Warehouse e successivamente analizzati, interpretati e rappresentati grazie a OLAP, Data Mining e strumenti di reporting. Va tenuto presente peraltro che con il termine BI si possono ugualmente intendere: Un insieme di processi di business La tecnologia utilizzata per tali processi Le informazioni che da tali processi si ottengono Lo schema di seguito sintetizza e semplifica l architettura di una piattaforma di Business Intelligence, permettendone una comprensione nei suoi principi base. Come si vede, diversi sono gli elementi che compongono la Business Intelligence (BI). Il magazzino dati, il Data Warehouse, è l applicazione fondamentale, perché permette di contenere in un unico deposito tutti i dati afferenti all azienda, tanto interni ai sistemi dell azienda, quanto esterni: l applicazione è infatti in grado, grazie a tool specifici detti ETL (Extract-Transform-Load), di integrare dati provenienti da varie fonti (con lo scopo ultimo di facilitare l analisi e il Reporting dei trend del business) e identifica altresì il processo che ne deriva. Pagina 5 di 23

6 Figura 1 - Architettura di una piattaforma di Business Intelligence Fonte: Università di Bologna Secondo di W.H. Inmon, autore della prima definizione di Data Warehouse, l applicazione deve presentarsi: Integrata. È un requisito fondamentale in quanto il Data Warehouse è il magazzino in cui confluiscono dati di varia provenienza. Pagina 6 di 23

7 Orientata al soggetto. Secondo questa caratteristica i dati devono essere facilmente letti o elaborati dagli utenti. Non volatile. I dati contenuti in un Data Warehouse sono accessibili in sola lettura, non possono cioè essere modificati dall utente. Dipendente dal tempo. In un Data Warehouse i dati memorizzati sono sempre accompagnati a riferimenti temporali. Normalmente un Data Warehouse permette di accedere a dati compresi in un intervallo di tempo più esteso rispetto a un sistema gestionale 1. Dal Data Warehouse si distingue parzialmente il Data Mart, che, strutturalmente identico al primo, se ne differenzia per il fatto di contenere un minore volume di dati, riferiti a una specifica unità di business o a una singola area aziendale (e non riguardano l impresa intesa complessivamente come nel caso dei Data Warehouse). Una volta raggruppati i dati nel magazzino centrale, si può procedere ai processi di BI veri e propri. I principali strumenti utilizzati sono: Gli OLAP (OnLine Analytical Processing), che consentono effettuare, in tempo reale e in modo interattivo, l analisi e la visualizzazione delle informazioni elementari contenute dei Data Warehouse. I dati vengono accorpati e/o incrociati con differenti modalità in modo da ottenere risposte rapide ed esaurienti alle esigenze dell utente. Le funzionalità attraverso cui può essere effettuata l analisi sono di due tipi: Slice & Dice: le informazioni sono analizzate fissando una dimensione e osservando il comportamento delle altre a seconda di come cambia la prima. Drill: i dati possono essere analizzati a un livello di dettaglio crescente (Drill down) o decrescente (Drill up). Data Mining, vale a dire le soluzioni che permettono di scoprire le informazioni che si celano all interno dei grandi volumi di dati contenuti nei Data Warehouse. Le elaborazioni condotte con tecniche e strumenti di Data Mining consentono agli utenti di estrapolare correlazioni significative tra gruppi di dati omogenei o eterogenei che siano. Le tecniche attraverso cui il Data Mining viene realizzato si basano su 1 Si definiscono gestionali i sistemi orientati ad ottimizzare le operazioni che quotidianamente sono necessarie alla gestione di un azienda, come l inserimento di un nuovo ordine o di una Pagina 7 di 23

8 metodologie statistiche e matematiche e si distinguono in: alberi decisionali (o decision tree), cluster analysis, reti neurali e regole di associazione e sequential pattern 2. Uno degli ambiti in cui l applicazione del Data Mining si rivela particolarmente proficua è il Marketing. In questo senso il Data Mining rappresenta lo strumento che permette di valorizzare pienamente il significato delle informazioni raccolte attraverso i sistemi di CRM. Reporting: gli strumenti che consentono di rappresentare graficamente le informazioni analizzate con gli strumenti precedentemente presentati A livello di reporting, alcuni output caratteristici possono essere identificati in: Key Performance Indicator (KPI), vale a dire metriche di business, finanziarie e non, che servono per misurare i fattori critici di successo di un azienda e dal cui monitoraggio è possibile misurare il progresso verso gli obiettivi di business. La Balanced Scorecard, introdotta da Norton e Kaplan nel 1992, è un insieme di metodi e strumenti per tradurre la visione e gli obiettivi aziendali in indicatori, che vengono poi monitorati attraverso la struttura organizzativa, a diversi livelli, per la verifica di metriche di prestazione che portano al successo dell azienda. Si tratta di una applicazione della Business Intelligence, condivisa e diffusa attraverso l organizzazione, a tutti i livelli, che permette di legare il sistema premiante alle prestazioni di ogni dipartimento aziendale, quando non di singole unità. I cruscotti, vale a dire rappresentazioni dei dati, solitamente ad hoc, che offrono un elevato livello di leggibilità, grazie alla modalità di visualizzazione dei dati. Si vedano gli esempi nei paragrafi successivi. Oggi si parla anche di BPM (Business Performance Management 3 ), che rappresenta la seconda generazione della BI. Rispetto alla Business Intelligence, il BPM si focalizza sui fattura ecc. Di conseguenza, i dati operazionali sono quelli memorizzati a seguito dei processi gestionali. 2 3 Per un approfondimento del tema si rimanda al white paper Overview sulle tecniche di Data Mining elaborato da SPSS e scaricabile in formato pdf all indirizzo Web: O in alcuni casi di CPM, Corporate Performance Management (Gartner). Pagina 8 di 23

9 processi del business come la pianificazione e la previsione: migliora i processi creando cicli di feedback. Grazie a revisioni continue e in tempo reale è possibile identificare i problemi, circoscriverli e risolverli prima che diventino troppo importanti. Il BPM, inoltre, racchiude i processi di budgeting, chiusura e consolidamento dei dati, fino al reporting, assumendo un ruolo primario per la governance dei processi, in particolare nel mondo Finance. 2. L andamento del business: conoscere il presente per anticipare il futuro, ovvero in vantaggi della BI In un paragrafo dedicato si vedrà come, anche nell implementazione di soluzioni di BI, ci siano errori ricorrenti, che possono vanificare, in tutto o in parte, i risultati attesi in termini di dominio del business, del controllo delle performance aziendali e delle previsioni sugli andamenti futuri. Prescindendo da questi errori, che ricorderemo affinché non si ripetano, gli obiettivi che permette di raggiungere la Business Intelligence sono di notevole impatto sulla gestione dei processi aziendali, sulla definizione delle strategie di business e sulla loro successiva implementazione. L enorme massa di dati presente in azienda, infatti, rappresenta - se ben alimentata e strutturata - il patrimonio da cui partire per qualunque analisi. I dati sistematicamente raccolti da altre applicazioni (gestionali, CRM, per citare le principali) rappresentano un patrimonio enorme e una grande opportunità di trarre informazioni per una successiva interpretazione. Negli investimenti in Information Technology oggi si presta particolare attenzione a quelle applicazioni che permettono di migliorare gli output decisionali, grazie a più efficienti e efficaci operazioni di estrapolazione, monitoraggio e analisi dei dati che popolano i repository aziendali. È stato calcolato che l ammontare di dati a disposizione di un impresa raddoppia ogni cinque anni, in parte perché la loro raccolta è ormai automatizzata, in parte perché sta crescendo l attenzione per interpretare i segnali che questi dati forniscono, fatto che porta a conservare in modo diverso dati una volta trascurati o a generarne di nuovi. Un esempio: un azienda commerciale che ha tra le metriche del business il tasso di conversione di offerte in ordine si pone come obiettivo di monitorare le motivazioni del successo/insuccesso di ogni singola offerta. Oltre ai dati della stessa, inclusi nel sistema gestionale, dovrà catalogare sistematicamente e riportare a sistema l esito di ogni Pagina 9 di 23

10 singola offerta (aumento della mole dati da gestire), per trarne utili informazioni circa scoutistica applicata per cliente, segmento di clientela, codice e famiglia di prodotto. Questo permetterà di migliorare la qualità dell offerta e pertanto il tasso di conversione in ordine. La rapidità nel rendere disponibili tali elaborazioni è un fattore critico per migliorare la performance della gestione dell azienda o di singoli processi, per poter intervenire con tempestività e correggere eventuali anomalie Aree di applicazione Numerosi sono gli ambiti applicativi in cui la BI può essere utilmente impiegata, al di là del più tradizionale controllo di gestione. Controllo di gestione Forse l applicazione più diffusa, anche se non necessariamente con strumenti di Business intelligence, riguarda l analisi dei costi ad esempio per la determinazione dei costi di prodotto/commessa, l implementazione di activity based accounting, modelli di analisi dei costi standard e imputazione dei costi diretti. Analisi delle vendite Non solo il confronto tra budget e vendite effettive, possibile a livelli di dettaglio di singolo codice prodotto, per singolo cliente e per periodo, ma anche indicatori più sofisticati, che prendono in esame gli esiti delle offerte e le relative motivazioni. Spaccati di dati molto analitici e anche analisi di correlazioni per identificare cause e introdurre azioni correttive, individuazione dei comportamenti dei clienti, previsione e anticipazione delle scelte future. La BI è di supporto nell analisi e pianificazione commerciale, alla definizione delle strategie di marketing, segmentazione della clientela, controllo della soddisfazione dei clienti in relazione a attività o fatti specifici, della qualità del prodotto e del livello del servizio post vendita. È grazie, ad esempio, alla Business Intelligence, che Amazon è in grado di incrociare i dati di migliaia di clienti, raccolti dalle applicazioni di CRM, per proporre prodotti cross chi ha acquistato questo ha scelto anche quello e cercare così di aumentare lo scontrino Pagina 10 di 23

11 medio. L analisi dei dati delle carte fedeltà dei supermercati è un altro esempio: potrei inviare buoni sconto a domicilio in funzione dei comportamenti di acquisto del cliente. Se sta acquistando prodotti per l igiene del neonato potrò offrire buoni sconto sulle pappe e i biscotti. E questo è un utilizzo del dato. Il secondo riguarda la pianificazione della produzione o del riassortimento, nel caso del supermercato: quali prodotti devo avere a scaffale, in quali quantità, in quali giorni della settimana, oppure quali codici lancio in produzione anche aggiungendo quantità previsionali per raggiungere il lotto minimo. Un altra informazione importante riguarda campagne e promozioni: quali clienti sono sensibili a sconti e quali a premi, quale redemption per campagne di couponing, di webmarketing, Si possono poi integrare elementi quantitativi con altre informazioni qualitative, per capire non solo se ha acquistato oppure no, ma anche le motivazioni per cui un certo fatto è successo, con un Document Warehouse. Analisi degli ordini Lo stato degli ordini necessita continuo monitoraggio, in quanto da questo deriva la soddisfazione del cliente. Si tratta molto spesso di un indicatore richiesto dal sistema di qualità, soprattutto se si pensa a tempi di evasione e controllo di eventuali ritardi, ma anche la situazione di ordini inevasi o in corso di evasione. Chi fa ecommerce sa bene che il cliente ormai si aspetta il tracking del proprio ordine, per cui si è attrezzato con sistemi in grado di informare automaticamente il cliente ad ogni step di avanzamento: ricezione ordine, passaggio al magazzino per la preparazione, consegna al corriere. Da qui in avanti sarà il tracking della spedizione a mantenere informato il cliente. Ma il monitoraggio degli ordini permette di identificare anomalie nel comportamento dei clienti, segnalando anche eventuali situazioni di pericolo: il rallentamento dei volumi acquistati o l assenza di ordini da parte di uno o più clienti potrà essere evidenziato immediatamente, senza attendere lunghe consuntivazioni periodiche. Gestione acquisti e fornitori Le scorte a magazzino, sia di materie prime che di prodotto finito, rappresentano un immobilizzazione e pertanto un costo da ottimizzare. Poter gestire congiuntamente, all interno di modelli previsionali, le informazioni sui lead time dei fornitori, sugli andamenti della domanda di prodotto finito e sui tempi di lavorazione (tenuto conto dei carichi di lavoro), permette di ottimizzare questi flussi. Il monitoraggio dei costi di Pagina 11 di 23

12 acquisto, della qualità dei materiali, la possibilità di valutare costantemente i fornitori sulla base di indicatori di performance costruiti ad hoc che tengano conto tanto del prodotto quanto del servizio fornito Quali informazioni / rappresentazioni Le informazioni presenti in azienda sono numerose e risiedono in aree e sistemi anche molto diversi, mentre i fruitori dei dati necessitano di indicatori di facile lettura e immediata interpretazione. Se i dati sono tipicamente numeri indice, indicatori di performance (KPI), scostamenti rispetto a valori attesi (di budget o di livello di qualità, qualunque sia l unità di misura), confrontati nel tempo o rispetto a valori obiettivo variamente definiti, le loro rappresentazioni sono molteplici: dalle più tradizionali tabelle (tipo excel) con grande quantità di dati ma che richiedono maggior sforzo nella lettura, ai cruscotti, dove con il gioco degli indicatori o dei semafori emerge immediatamente ogni eventuale anomalia. Figura 2 - Esempi di cruscotto Fonte: Pagina 12 di 23

13 Fonte: Come si vede dagli esempi riportati, dalla lettura di un indicatore posizionato ad esempio sul giallo, posso scendere a maggior dettaglio (drill down, in gergo) per analizzare più in profondità le cause, senza perdere tempo per vedere i dati analitici di tutte quelle variabili che hanno un valore ampiamente sufficiente (verde dell indicatore o del semaforo). Appare quindi evidente come anche lo sforzo di analisi e interpretazione dei dati e delle cause che hanno determinato un risultato anomalo (non conforme alle attese) sia concentrato solo su un numero inferiore di numeri e tabelle, aumentando efficienza (capisco le cause in un tempo minore) ed efficacia (posso leggerle meglio, avendo i dati analitici di grande dettaglio) di interpretazione e ricerca delle soluzioni! 3. L andamento del mercato Analizzare le tendenze del mercato è sempre un utile esercizio, che ogni azienda dovrebbe compiere, per capire come stanno orientando le proprie scelte di investimento i Pagina 13 di 23

14 concorrenti e quali sono i trend in atto (anche se a volte si tratta di grandi mode) dei quali è necessario tener conto, in quanto potrebbero modificare gli assetti competitivi del mercato, definendo nuovi fattori chiave per competere, attraverso aumenti di efficacia ed efficienza a livello complessivo o di singolo processo Il mercato mondiale Il primo dato che emerge, infatti, evidenzia come il mercato delle applicazioni di BI sia in continua crescita, con un tasso che Gartner identifica al 6% circa tra il 2005 e il 2006 e che dovrebbe stabilizzarsi intorno al 7,3% per i prossimi 5 anni, con un mercato mondiale che dovrebbe passare dagli attuali 2,5 miliardi di dollari a circa 3 nel Per quanto riguarda il BPM, l ultima stima fornita da Gartner riguarda il 2003, con una quantificazione del mercato in 520 milioni di dollari e una crescita prevista al 2009 che porta a superare i 900 milioni di dollari 4, anche se alcuni analisti indicano per il 2006 una crescita superiore al 30% 5. A supportare queste previsioni c è un fatto di mercato importante: secondo la stima di Gartner una percentuale compresa tra il 50 e il 60% delle grandi aziende utilizza ancora excel quale principale strumento per il budgeting, mentre molti fanno anche il consolidamento dei dati con excel. Questo significa un ampio mercato potenziale. Se si aggiunge che gli operatori dell offerta hanno consolidato le applicazioni disponibili per il BPM, che integrano budgeting, pianificazione, forecasting, financial reporting, con un offerta che in molti casi è più sofisticata di quanto non richiedano gli utenti. Questo fa pensare che la crescita stimata per il futuro sia ampiamente realizzabile. Per quanto riguarda i player presenti sul mercato, questi sono e continueranno ad essere molto numerosi, fatto che impedirà la rapida crescita e l affermarsi di uno o pochi operatori nel breve periodo, secondo Gartner. I player presenti sul mercato possono essere suddivisi secondo la logica della specializzazione. A fianco degli specialisti, da sempre focalizzati sulla Business Intelligence (Actuate, Business Objects, Cognos, Hyperion Solutions, MicroStrategy, Information Builders e SAS Institute), stanno facendosi spazio sul mercato i fornitori di database (Oracle e Microsoft) da un lato, e i 4 Market Focur: Corporate Performance Management, Worldwide, Gartner non ha condotto successivi aggiornamenti, ma ha evidenza di come i dati di mercato crescano secondo un trend che ne denota un buono stato di salute. Pagina 14 di 23

15 venditori di applicazioni (SAP e Siebel, ora Oracle). C è poi un quarto gruppo di operatori, di piccole dimensioni e con un offerta innovativa e un interessante posizionamento di prezzo (ad esempio Applix, arcplan, Panorama Software, ProClarity e QlikTech) che si stanno facendo strada. Figura 3 - Magic Quadrant per le piattaforme di Business Intelligence Fonte: Gartner 1Q06 Il posizionamento, all interno del Magic Quadrant che Gartner elabora periodicamente, si vede il predominio di Cognos tra i leader, anche se la raccomandazione è di scegliere il fornitore non tanto in base al posizionamento attuale o passato nelle 4 aree, bensì in 5 Fonte: Gartner, Magic Quadrant for CPS Suites, Pagina 15 di 23

16 base all ambiente in cui l azienda stessa opera, i requirement rispetto al software e le competenze ricercate. In molti casi, infatti, fornitori che si trovano nei quadranti Challenger, Visionaries o Niche Player possono rappresentare la scelta migliore per l azienda. Secondo stime IDC del 2003, il mercato della Business Intelligence a livello europeo avrebbe dovuto valere circa 2,5 miliardi di dollari nel 2006, dato che è stato notevolmente ridimensionato, con crescite previste del 15% Il mercato italiano Secondo gli osservatori del mercato italiano, l attenzione dedicata alla Business Intelligence è in crescita, in quanto aumenta la sensibilità verso il tema dell analisi dei dati per prendere decisioni migliori e per correggere la rotta. Secondo i dati pubblicati da IDC a seguito della Business Intelligence and Business Performance Conference 2006, risulta che il mercato italiano è in crescita per entrambi i comparti, con un fatturato che per la Business Intelligence passerà dai 151 milioni di Euro nel 2006 a 175 nel 2008 e quello delle applicazioni di Business Performance Management passerà da 31,1 milioni di Euro del 2006 ai 37,7 nel Si riporta, per un confronto storico, il dato pubblicato in una precedente ricerca MATE 7, dove il valore del software per business intelligence e data warehouse si attesta intorno ai 125 milioni di Euro, a fronte di circa 275 milioni di servizi. Secondo Fabio Rizzotto, IT Research Manager di IDC Italia, le aziende sono chiamate ad un maggiore sforzo di efficienza e trasparenza rispetto al passato. Lo chiedono le nuove normative, i mercati sempre più competitivi. la creazione di punti unici di accesso, architetture unificanti, strumenti di analisi approfondita sono sempre più richiesti, ma parallelamente si lavora nella direzione di un consolidamento delle fonti dati. Importante è poi la paternità del progetto e la diffusione degli utenti: se la consapevolezza è aumentata ovunque, oggi sono anche le singole linee di business a sollecitare l implementazione di soluzioni di gestione dell informazione. Sempre secondo 6 7 Si noti la costante difficoltà di confrontare dati di fonti differenti, in quanto diversi sono spesso gli insiemi di riferimento, oltre alle metodologie per stimare il mercato. Derivante da una ricerca condotta da NetConsulting per SAS Italia nel Pagina 16 di 23

17 IDC, non emerge ad oggi un modello unitario, ma le imprese adottano soluzioni che meglio soddisfano le proprie esigenze, che tengono spesso conto di scelte fatte in passato. Il tema chiave è la qualità del dato, che spesso risiede in sistemi diversificati. Tanto nel settore privato quanto in quello pubblico, a fronte della crescente complessità dei processi interni e della necessità di integrarsi a sistema con i propri partner esterni, risulta difficile immaginare che i tradizionali fogli excel possano essere anche lontanamente sufficienti: anche qualora i risultati in termini di informazioni fossero sufficienti e confrontabili, manca completamente il concetto di real time e le ore di lavoro necessarie per l estrazione, l analisi e la successiva rappresentazione dei dati sono ormai un investimento ingiustificato nella maggior parte dei casi, a fronte di sistemi di facile interrogazione e aggiornamento, dando per scontata in un caso come nell altro la qualità dei dati di partenza, che in realtà rappresenta un nodo di soluzione a volte più complessa rispetto all implementazione del progetto da un punto di vista meramente applicativo. L ultima ricerca condotta da MATE sulle PMI italiane risale al 2003, con una previsione per i tre anni successivi. I dati principali che erano emersi è che presso il 26% del campione è presente qualche soluzione di BI. La concentrazione è maggiore presso quelle aziende che considerano se stesse innovative, vale a dire che considerano l innovazione tra i fattori critici di successo per la propria realtà. L area maggiormente interessata dalla Business Intelligence è quella commerciale-vendite, con soluzioni fornite da Microsoft. L obiettivo che ha spinto le aziende a investire nella BI è la comprensione dei dati, fatto altamente strategico per governare meglio l azienda (per il 65% delle aziende che hanno già investito). Un dato emerso dalla ricerca e abbastanza allarmante riguardava le aziende sprovviste di sistemi di BI: a frenare l investimento non erano tanto costi e tempi, quanto la mancata percezione di una effettiva utilità e pertanto un valore che giustificasse l investimento. La sensazione di chi scrive, maturata attraverso anni di consulenza a contatto con imprese di piccole e medie dimensioni in ambito marketing e vendite, è che la situazione non sia molto migliorata. Restano spesso senza risposta le domande basilari per condurre un analisi e per prendere le successive decisioni strategiche e operative: la concentrazione del fatturato nei primi x clienti e y prodotti, le variazioni rispetto all anno precedente, le analisi ABC, Nelle situazioni migliori si lavora con delle pivot excel che necessitano però di elaborazioni manuali. Pagina 17 di 23

18 4. Avvertenze per l implementazione Prima di implementare una soluzione di CRM, è necessario - come d altronde per ogni progetto 8 - avere in mente un piano strategico che individui con chiarezza obiettivi e funzionalità dell applicativo. Persone, Processi e Tecnologia sono i tre ingredienti per il successo. Deve esserci coerenza tra di loro, senza trascurare aspetti specifici dell azienda che deve fare l investimento, che porterà a disegnare gli accessi e le viste dei dati per i diversi utenti interessati. Considerate tutte le variabili rilevanti, il prezzo (che in molti casi fa optare a priori per soluzioni standard on demand) diventa uno degli elementi per scegliere la soluzione migliore. Figura 4 - I tre ingredienti per il successo Persone Processi Tecnologie Fonte: MATE Come già indicato in precedenza, nessun cambiamento può essere attuato in maniera efficace, senza agire sui tre attori coinvolti, e molto spesso la resistenza al cambiamento deriva dalle persone. 8 Molto spesso l IT induce nell errore di ritenere che, acquistando una soluzione completa e performante, questo sia sufficiente a mettere in moto tutti i cambiamenti interni di processi e di comportamenti delle persone, che invece richiedono il massimo della cura, attraverso un adeguata comunicazione, condivisione e monitoraggio del successivo utilizzo. Pagina 18 di 23

19 L introduzione di una innovazione tecnologica può rappresentare pertanto l occasione per rivedere processi e modificare le modalità operative delle persone. Chiaramente, perché ciò produca i risultati attesi e sperati è necessaria un attenta analisi degli obiettivi che si intendono perseguire, un confronto con le migliori pratiche esistenti, senza trascurare la formazione delle persone che dovranno modificare i propri comportamenti: non sarà tanto l apprendimento e la pratica dello strumento ad ostacolarne l adozione (i sistemi sono sempre più orientati all utente e le logiche di utilizzo hanno ormai raggiunto un buon livello di intuitività), quanto il superamento di resistenze verso sistemi che - se non ben venduti all interno dell azienda - verranno percepiti come ulteriori carichi di lavoro immediati a fronte di chissà quali vantaggi futuri. Quello che emerge da ricerche diverse è che - nonostante i dichiarati dei CIO, molte aziende utilizzano la Business Intelligence a fini tattici e non sono ancora riuscite a farne buon uso a fini strategici. Se l obiettivo era prendere decisioni migliori, in pochi casi l obiettivo è stato raggiunto, perché la BI è stata usata per raggiungere obiettivi di efficienza, taglio dei costi e adeguamento alle normative. Pertanto, si possono fornire utili avvertenze per ottenere i benefici che gli applicativi promettono, anche a livello strategico. 1. Il commitment Non è sufficiente implementare la soluzione, questa poi non funziona da sé. Poiché è necessario un allineamento interno su diversi aspetti, non ultimo quello della qualità dei dati, sono necessari un coinvolgimento di tutti gli enti fruitori (non solo dell IT) e la sponsorship dall alto. 2. Non lasciare tutto in mano all IT Se è vero che al responsabile dei sistemi informativi è sempre più demandata una conoscenza delle logiche del business, nella progettazione di sistemi volti a monitorarlo è necessaria una comprensione chiara e intima del business stesso, che richiede l intervento del management di primo livello. 3. La trasparenza dei numeri Spesso l implementazione di sistemi di Business Intelligence trova resistenze da parte dei beneficiari, a volte lecite, in quanto il dato puntuale presente nel sistema in alcuni casi deve essere modificato per una corretta rappresentazione del fenomeno (ad esempio in Pagina 19 di 23

20 un azienda che lavora a commessa il lancio di un ordine per il magazzino può creare confusione se devo rappresentare il fatturato futuro sulla base degli ordini: il cliente infatti ritirerà solo una quota del prodotto nel periodo successivo, dato che a sistema non è presente), in altri casi il dato veniva addomesticato rispetto agli obiettivi dell ente produttore del report. 4. La qualità del dato La qualità del dato è una criticità che può portare al fallimento del progetto, in quanto le fotografie che traggo dalla BI non sono fatte partendo da situazioni corrette. Gartner stima che per questa ragione fallirà almeno il 50% dei progetti avviati: si tratta di una stima pesante, che deve ben far riflettere sulle azioni da mettere in campo prima di avviare un progetto di BI. Purtroppo il tema è spesso sottovalutato, oppure - quando l azienda ha la consapevolezza del punto debole - il fornitore di software vende i propri sistemi e algoritmi come la soluzione capace di garantire la qualità del dato 9, qualità che invece deve nascere con il dato stesso. 5. Meglio tutto subito oppure un passo alla volta? Sicuramente la soluzione più economica riguarda un impianto complessivo della piattaforma, che però dovrà evolvere nel tempo. Oggi le nuove esigenze di analisi richiedono una risposta in tempi molto brevi, con la costruzione di nuovi indicatori e rappresentazioni dei dati, oltre alla possibilità di aggregare e analizzare nuovi dati. 6. Il cruscotto è la soluzione di tutti i problemi La semplicità di rappresentazione dei fenomeni attraverso interfacce grafiche quali i cruscotti rischia di banalizzare l impianto del progetto: il cruscotto, di facile e chiara interpretazione per chiunque, è spesso il frutto di attività tutt altro che banali, sulle quali a volte si sorvola con una certa leggerezza. Dalla bontà del disegno e dalla qualità dei dati potranno derivare strumenti strategici, con alto contenuto di analisi e spiegazione dei fenomeni, e non solamente rappresentazioni della realtà più gradevoli delle vecchie tabelle excel. 9 Vale a dire: parto da un dato scadente, lo frullo con gli algoritmi e ne ottengo uno di ottima qualità! Pagina 20 di 23

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

IT FOR BUSINESS AND FINANCE

IT FOR BUSINESS AND FINANCE IT FOR BUSINESS AND FINANCE Business Intelligence Siena 14 aprile 2011 AGENDA Cos è la Business Intelligence Terminologia Perché la Business Intelligence La Piramide Informativa Macro Architettura Obiettivi

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Cos è la Businèss Intèlligèncè

Cos è la Businèss Intèlligèncè Cos è la Businèss Intèlligèncè di Alessandro Rezzani Il sistema informativo aziendale... 2 Definizione di Business Intelligence... 6 Il valore della Business Intelligence... 7 La percezione della Business

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

La Business Intelligence

La Business Intelligence Parte 1 La Business Intelligence Capitolo 1 Cos è la Business Intelligence 1.1 Il sistema informativo aziendale Sempre la pratica dev essere edificata sopra la buona teorica. Leonardo da Vinci Le attività,

Dettagli

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence dal Controllo di Gestione alla strumenti strategici per la gestione delle imprese Giovanni Esposito Bergamo, 29 Ottobre 2012 dal Controllo di Gestione alla 25/10/2012 1 Agenda 14:00 Benvenuto Il Sistema

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Ottimizzare le performance con i sistemi di Business Intelligence. Rapporto 2009 Osservatorio Business Intelligence

Ottimizzare le performance con i sistemi di Business Intelligence. Rapporto 2009 Osservatorio Business Intelligence Ottimizzare le performance con i sistemi di Business Intelligence Rapporto 2009 Osservatorio Business Intelligence Novembre 2009 Copyright e utilizzo dei contenuti I Report non potranno essere oggetto

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Per tutti i motivi sopra menzionati, bisogna capire come vengono interpretati i cambiamenti e le opportunità della BI.

Per tutti i motivi sopra menzionati, bisogna capire come vengono interpretati i cambiamenti e le opportunità della BI. Introduzione Oggi nel mercato della Business Intelligence (BI) sta avvenendo lo stesso fenomeno che si riscontra nel mondo del web con la nascita del web 2.0. Si è iniziato, infatti, a parlare di BI 2.0

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Simone.cavalli@unibg.it Bergamo, Febbraio 2008 Il sistema di misurazione delle

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Sistemi ERP e i sistemi di BI

Sistemi ERP e i sistemi di BI Sistemi ERP e i sistemi di BI 1 Concetti Preliminari Cos è un ERP: In prima approssimazione: la strumento, rappresentato da uno o più applicazioni SW in grado di raccogliere e organizzare le informazioni

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

journal tutto PArte dalla conoscenza del dato N.2 MAGGIO 2011

journal tutto PArte dalla conoscenza del dato N.2 MAGGIO 2011 N.2 MAGGIO 2011 journal Business Intelligence: tutto PArte dalla conoscenza del dato CASO UTENTE In uno scenario in cui la competitività e le istituzioni regolamentari impongono sempre più rigore nel time

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DIVENTA UN PERFETTO DECISION-MAKER

DIVENTA UN PERFETTO DECISION-MAKER 2012 NUMERO 16 SOLUZIONI PER IL TUO BUSINESS IN PRIMO PIANO PRENDI LA DECISIONE GIUSTA Assumi il controllo dei tuoi dati UN NUOVO SGUARDO AI DATI ANALITICI Trasforma le informazioni sul tuo business MAGGIORE

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli