Cruscotto operativo di area

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cruscotto operativo di area"

Transcript

1 Cruscotto operativo Area Direzionale Cruscotto operativo di area AREA DIREZIONALE AS3 - Sviluppo del ruolo della Camera nella governance del territorio OS12 - Relazioni con gli stakeholder Programma operativo Obiettivo operativo Gestione efficace degli accordi e delle relazioni con i Rafforzare il ruolo della Camera principali stakeholder di Commercio nelle partnership dell ente in essere Percentuale partnership attive Partnership da cui originano azioni/partnership istituzionali in essere nel % ORGANIZZAZIONE E % >= 50% 73% Affari istituzionali PROGRAMMAZIONE Supporto tecnicospecialistico agli organi camerali nelle relazioni con gli stakeholder Assicurare un adeguato supporto tecnico-specialistico al Presidente e agli organi camerali Assistenza ad incontri esterni - non di rappresentanza - a cui partecipano gli organi politici Incontri non di rappresentanza assistiti /Incontri non di rappresentanza partecipati dal vertice politico% % >= 80% 19% Segreteria di direzione RELAZIONI ESTERNE Predisporre documenti di informazione ed approfondimento per gli organi camerali sulle novità normative Presentazione agli organi di novità normative Novità normative presentate agli organi/novità normative % ORGANIZZAZIONE E 7 7 = 0% Affari istituzionali PROGRAMMAZIONE 1

2 Cruscotto operativo Area Direzionale Programma operativo Obiettivo operativo Gestione di servizi comuni con le altre Camera di Commercio delle Marche OS15 - Sistema camerale nazionale e regionale Contribuire al dibattito su ruolo e compiti dell'unioncamere Marche Documento di analisi su ruolo e compiti di Unioncamere Marche Documento di analisi su ruolo e compiti di Unioncamere Marche Comunicazione Consiglio n.14 del 30/06/ ORGANIZZAZIONE E % Affari istituzionali PROGRAMMAZIONE Organizzazione della convention mondiale delle Garantire un adeguata Camere di Commercio italiane soddisfazione delle Camere di all estero in collaborazione Commercio italiane all estero con Assocamerestero per l organizzazione della convention Indice di customer satisfaction sull'organizzazione della Convention mondiale Indice di customer satisfaction sull'organizzazione della Convention mondiale% n.d. >= 80% n.d. GRUPPO DI LAVORO PER ORGANIZZAZIONE CONVENTION MONDIALE CdC ITALIANE ALL'ESTERO Segreteria di presidenza Marchet MANCATA RILEVAZIONE Indice di customer satisfaction sull'organizzazione della Convention mondiale L'indice è stato rilevato solo su Assocamerestero (Associazione delle CCIIE) e su alcune Camere di Commercio Italiane all'estero partecipanti tenuto conto dell'anti economicità di rilevare la customer satisfaction sulle numerose imprese partecipanti ai B2B ed agli eventi Coinvolgere un numero significativo di imprese Imprese coinvolte nella convention mondiale Imprese coinvolte nella convention mondiale 311 >= 300 4% GRUPPO DI LAVORO PER ORGANIZZAZIONE CONVENTION MONDIALE CdC ITALIANE ALL'ESTERO Segreteria di presidenza Marchet Acquisire contributi esterni per la realizzazione della convention copertura dei costi realizzazione della convention con contributi esterni Contributi esterni per convention mondiale/costi realizzazione della convention mondiale% % >= 20% 234% GRUPPO DI LAVORO PER ORGANIZZAZIONE CONVENTION MONDIALE CdC ITALIANE ALL'ESTERO Segreteria di presidenza Marchet Cause superamento copertura dei costi realizzazione della convention con contributi esterni L'evento di portata mondiale ha riscontrato il forte interesse di numerosi partner istituzionali sia nazionali sia locali consentendo di coprire il budget necessario in misura ben maggiore a quella preventivata anche grazie all'azione svolta dall'azienda speciale Marchet Organizzare eventi collaterali di conoscenza di specifici mercati e presentazioni del sistema economico locale Eventi collaterali di conoscenza di specifici mercati e presentazioni del sistema economico locale organizzati nell'ambito della convention mondiale Eventi collaterali di conoscenza di specifici mercati e presentazioni del sistema economico locale organizzati nell'ambito della convention mondiale 12 >= 10 20% GRUPPO DI LAVORO PER ORGANIZZAZIONE CONVENTION MONDIALE CdC ITALIANE ALL'ESTERO Segreteria di presidenza Marchet Eventi collaterali di conoscenza di specifici mercati e presentazioni del sistema economico locale organizzati nell'ambito della convention mondiale 1. Tunisia; 2. Turchia; 3. Stati Uniti; 4. Canada; 5. Colombia; 6. Cile; 7. Romania; 8. Corea del Sud; 9. Marocco; 10. Qatar; 11. Repubblica Ceca; 12. Giappone Consolidamento della presenza della Camera di Commercio di Ancona nel sistema camerale nazionale Garantire una presenza costante a livello di sistema per rafforzare la posizione e la visibilità della Camera partecipazione a incontri, tavoli di lavoro tecnici e politici del sistema camerale Incontri, tavoli di lavoro tecnici e politici del sistema camerale partecipati / Incontri, tavoli di lavoro tecnici e politici del sistema camerale convocati% % >= 90% 5% RELAZIONI ESTERNE Segreteria di presidenza Garantire maggiori risorse finanziarie di sistema a sostegno di progetti di sviluppo Andamento risorse approvate Fondo perequativo rispetto all'anno precedente Esecuzione e rendicontazione efficace dei progetti approvati dal Fondo Perequativo Risorse Fondo Perequativo approvate(t)/risorse Fondo Perequativo approvate(t-1) Risorse Fondo Perequativo erogate/risorse Fondo Perequativo riconosciute a finanziamento% ,86 > 1-14% % > 90% 5% 93% TRASVERSALE Trasversale Rinnovo Organi camerali per il quinquennio Gestire la procedura di rinnovo organi camerali nel rispetto del D.M. 156/2011 Rispetto cronoprogramma della procedura rinnovo organi camerali Fasi della procedura rinnovo organi camerali realizzate nel rispetto delle tempistiche/fasi della procedura rinnovo organi camerali realizzate% ORGANIZZAZIONE E ,00% = 0% Affari istituzionali PROGRAMMAZIONE 2

3 Cruscotto operativo Area Direzionale AS4 - Efficienza organizzativa, valorizzazione delle risorse e trasparenza Programma operativo Gestione e sviluppo dell organizzazione in coerenza con i vincoli normativi OS16 - Sviluppo dell organizzazione Stato Obiettivo operativo avanzamento obiettivo Organizzare riunioni periodiche allargate con il personale (2 per ogni area con tutto il personale e 1 trasversale di ente) per comunicare strategie obiettivi e comportamenti attesi Riunioni periodiche allargate con il personale Riunioni periodiche allargate con il personale ORGANIZZAZIONE E 7 = 7 0% Trasversale PROGRAMMAZIONE Gestione e sviluppo delle risorse umane, in coerenza con i vincoli normativi intervenuti Gestire i fabbisogni del personale attuazione del Piano annuale dei fabbisogni di personale Contratti di lavoro attivati /Contratti da attivare previsti dal Piano e indicati dal SG% 2 2 = 0% ORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE Sviluppo organizzativo e delle risorse umane attuazione del Piano annuale dei fabbisogni di personale Nel Piano annuale dei fabbisogni di personale erano programmati 3 contratti (1 interinale e 2 co.co.co.). In merito ai co.co.co., si precisa che sono state attivite entrambe le procedure selettive, ma una di queste è stata revocata con determinazione n. 97 del 16/05/ per incompatibilità con le esigenze organizzative dell Ente a seguito del non avvio dell VIII Edizione della Scuola EMAS e dei Corsi di Aggiornamento sui Sistemi di Gestione Ambientale. Realizzare l indagine di benessere organizzativo Cause mancato conseguimento Realizzazione analisi di benessere organizzativo Realizzazione analisi di benessere organizzativo Rilevazione realizzata nel periodo gennaio % 75% ORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE Sviluppo organizzativo e delle risorse umane Realizzazione analisi di benessere organizzativo Anche per il l'ente aveva preventivato di svolgere l'indagine di benessere organizzativo entro la fine del. Essendo oggetto dell'indagine l'annualità, è opportuno che essa venga avviata il più tardi possibile, infatti la somministrazione dell'indagine era stata preventivata nella seconda metà del mese di dicembre così come effettuato anche lo scorso anno. Nonostante l'ente abbia provveduto ad attivarsi in tempo per rispettare tale tempistica prevista dal Piano delle Performance (comunicazione all'oiv in data 24/11/ ed al CUG in data 03/12/) le nuove procedure di acquisto tramite MEPA hanno comportato uno slittamento dei termini. Stante infatti l'interesse ad ampliare l'indagine la versione standard prevista dall' ANAC (secondo la delibera CiVIT del 29/05/2013), l'ente ha ritenuto necessario chiedere una personalizzazione dell'offerta standard presente su MePa della società Opinioni.net (www.opinioni.net ). La personalizzazione dell'offerta ha permesso all'ente di acquistare concretamente il pacchetto tramite Mepa solo in data 19/12/ (si veda allegato ordine di acquisto). La società Opinioni.net ha dato la propria disponibilità ad effettuare l'indagine a partire dai primi giorni utili del mese di gennaio 2015, stante comunque la coerenza di effettuare l'indagine nel mese di gennaio 2015 con quanto previsto dalla normativa vigente, essendo l'indagine riferita all'intero anno. Realizzare le azioni previste nel Piano triennale di azioni positive attuazione del Piano triennale delle azioni positive Azioni realizzate del Piano azioni positive/azioni programmate nel Piano azioni positive% % = 80% 1% CUG Trasversale Realizzare interventi formativi aderenti alle esigenze del personale nel rispetto del budget assegnato utilizzo del budget formazione Budget formazione utilizzato/budget formazione assegnato% % >= 80% 18% ORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE Sviluppo organizzativo e delle risorse umane 3

4 Cruscotto operativo Area Direzionale OS17 - Ciclo di gestione della performance e anticorruzione/trasparenza Programma operativo Gestione integrata del ciclo di gestione della programmazione economicofinanziaria e del ciclo della performance Obiettivo operativo Gestire in modo integrato il ciclo della programmazione economico-finanziaria e il ciclo della performance Cause mancato conseguimento integrazione P.I.R.A e Piano della performance Utilizzo di Saturno per il monitoraggio del ciclo della performance Obiettivi del P.I.R.A. riportati nel Piano della performance/obiettivi del P.I.RA.% Utilizzo di Saturno per il monitoraggio del ciclo della performance (N.moduli utilizzati) Num Den >= 90% 11% % Stato avanzamento obiettivo 67% ORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE Utilizzo di Saturno per il monitoraggio del ciclo della performance L'ente aveva inizialmente programmato di utilizzare 3 moduli di Saturno: pianificazione, rilevazione e monitoraggio. L ente ha utilizzato il modulo della Pianificazione per l inserimento del Piano della performance e ma non ha utilizzato gli altri moduli del sistema. Il modulo della Rilevazione, che consente l inserimento delle misure elementari da parte dei referenti della performance, è risultato non aggiornato alle versioni di Internet Explorer installate nella maggior parte dei PC utilizzati. Nel caso in cui si fosse optato per utilizzare il modulo della Rilevazione, la struttura di supporto avrebbe dovuto acquisire i dati tramite file Excel e, successivamente, ricaricarli manualmente sul sistema in un PC con un livello di Internet Explorer compatibile. Per evitare questo inutile doppio passaggio, l ente ha continuato a utilizzare esclusivamente file Excel per la rilevazione e il monitoraggio richiedendo a Infocamere l installazione di una nuova release di EPM certificata sul sistema operativo Windows 8, sui Browser IE 10.x, IE 11 Enterprise Mode, Firefox 24.x che ne consenta l utilizzo per la rilevazione e il monitoraggio nel ciclo Programmazione e controllo strategico Attuazione degli adempimenti in tema di anticorruzione e trasparenza (ai sensi della Legge 190/2012 e del D.Lgs.33/2013) Attuare il programma triennale di prevenzione della corruzione Percentuale piani di azione anticorruzione auditati Realizzazione dei piani di azione anticorruzione Azioni anticorruzione auditate /Azioni realizzate nel piano anticorruzione % Azioni realizzate del piano anticorruzione /Azioni programmate nel piano anticorruzione % = 0% % = -1% 91% ANTICORRUZIONE - TRASPARENZA Trasversale Organizzazione evento aperto agli stakeholder sui temi anticorruzione, legalità e etica Organizzazione evento aperto agli stakeholder sui temi anticorruzione, legalità e etica 17/12/ % 4

5 Cruscotto operativo Area Direzionale OS18 - Comunicazione Programma operativo Gestione efficace dell Ufficio Stampa e Comunicazione Obiettivo operativo Valorizzare l immagine dell ente sulla stampa e i mass media Andamento delle iniziative promozionali e servizi comunicati ai mass media l'anno precedente Iniziative promozionali e servizi comunicati ai mass media(t)/iniziative promozionali e servizi comunicati ai mass media(t- 1) Num Den Stato avanzamento obiettivo ,30 >= 1 30% RELAZIONI ESTERNE Comunicazione e servizi multimediali Assistere la parte politica nella diffusione dell azione e della strategia dell ente Percentuale di eventi pubblici partecipati della parte politica con predisposizione di interventi e relazioni da parte dell'ufficio Comunicazione Eventi pubblici partecipati dalla parte politica con predisposizione di interventi e relazioni da parte dell'ufficio Comunicazione/Eventi pubblici partecipati dalla parte politica% >= 90% 11% RELAZIONI ESTERNE Comunicazione e servizi multimediali Implementazione ed applicazione degli strumenti di comunicazione anche in riferimento alle nuove tecnologie ICT ed ai social network Realizzare prodotti audiovisivi per la web TV Tele Camera" Andamento prodotti audiovisivi per la web TV "Tele Camera" realizzati l'anno precedente Prodotti audiovisivi per la web TV "Tele Camera" realizzati(t)/prodotti audiovisivi per la web TV "Tele Camera" realizzati(t-1) ,41 >= 1 41% RELAZIONI ESTERNE Comunicazione e servizi multimediali Valorizzare i servizi camerali attraverso strumenti web 2.0 Apertura pagina Camera su social network Apertura pagina Camera su social network NO % RELAZIONI ESTERNE Comunicazione e servizi multimediali Cause mancato conseguimento Apertura pagina Camera su social network Nel corso del, è stata realizzata un'analisi preliminare che ha portato alla definizione delle regole di condota ed alla creazione della pagina off line. È stato quindi deciso di avviare la pagina Facebook on line dopo la costituzione dei nuovi organi camerali e la programmazione pluriennale nel corso del Promozione dell'immagine dell'ente e diffusione della conoscenza dei servizi Diffondere la conoscenza dei servizi camerali tramite la newsletter periodica ad una utenza più vasta Andamento iscritti alla newsletter camerale l'anno precedente Iscritti alla newsletter camerale(t)/iscritti alla newsletter camerale(t-1) ,04 >= 1 4% RELAZIONI ESTERNE Comunicazione e servizi multimediali Curare internamente la realizzazione dei prodotti grafici dell'ente Percentuale prodotti grafici della Camera da realizzare in conformità al manuale di identità visiva realizzati internamente Prodotti grafici da realizzare in conformità al manuale di identità visiva realizzati dalla Camera internamente/prodotti grafici da realizzare in conformità al manuale di identità visiva realizzati dalla Camera% >= 85% 18% RELAZIONI ESTERNE Comunicazione e servizi multimediali Realizzare un'azione di comunicazione volta al risparmio energetico su realizzazione azione di su realizzazione azione di EMAS SI SI 0% comunicazione volta al risparmio comunicazione volta al risparmio energetico energetico RELAZIONI ESTERNE Comunicazione e servizi multimediali 5

6 Cruscotto operativo Area Direzionale OS19 - Patrimonio immobiliare Programma operativo Completamento dell'intervento di manutenzione straordinaria della sede principale Obiettivo operativo Migliorare la distribuzione interna degli spazi al piano terra, innalzare il livello di efficienza energetica dell'edificio e migliorare il livello di decoro interno della sede realizzazione del programma dei lavori per la manutenzione straordinaria della sede Lavori svolti per manutenzione straordinaria della sede/lavori programmati per manutenzione straordinaria della sede% Num Den % >= 95% 10% Stato avanzamento obiettivo 99% Servizi interni coinvolti UFFICIO TECNICO E PATRIMONIO Ufficio tecnico e patrimonio realizzazione del programma di restauro degli infissi esterni Infissi restaurati/infissi esterni da restaurare% ,16% = -3% realizzazione del programma dei lavori per la manutenzione straordinaria della sede Il costo effettivo dei lavori è stato superiore a quanto inizialmente preventivato. Ciò è dovuto al fatto che in fase di stima delle risorse economiche non è possibile quantificare esattamente l'importo dei lavori, che è comunque soggetto a ribasso, contabilità a misura, varianti ecc... realizzazione del programma di restauro degli infissi esterni Da progetto era previsto il restauro di n.176 infissi ma confrontandoci con la ditta incaricata, è stato deciso di procedere alla manutenzione di n.171 infissi lasciando fuori quelli relativi all'archivio al piano terra, che potranno essere restaurati solo dopo aver risanato le inferriate di protezione. Tale lavoro è stato inserito nelle opere di manutenzione ordinaria della corte, programmate per il In data 7.7. sono iniziati i lavori e al erano stati restaurati n.171 infissi pari al 100,00% dei degli infissi restaurabili e al 97,16% degli infissi previsti in progetto. Introdurre criteri ecologici nelle opere di manutenzione su introduzione criteri ecologici su introduzione criteri ecologici EMAS SI SI 0% straordinaria previste nelle nelle opere di manutenzione nelle opere di manutenzione proprietà dell'ente straordinaria straordinaria UFFICIO TECNICO E PATRIMONIO Ufficio tecnico e patrimonio Lavori di manutenzione straordinaria dell'impianto elettrico del piano terra della sede centrale Aggiornamento Piano della performance Realizzare lavori di manutenzione straordinaria dell'impianto elettrico del piano terra della sede centrale realizzazione dei lavori di manutenzione straordinaria impianto elettrico piano terra della sede centrale Lavori svolti per manutenzione straordinaria impianto elettrico piano terra della sede centrale / Lavori programmati per manutenzione straordinaria impianto elettrico piano terra della sede centrale% % = -9% 91% UFFICIO TECNICO E PATRIMONIO L'obiettivo "Sostituire la caldaia della Loggia dei Mercanti" è rinviato al prossimo anno. Alla luce degli accertamenti a cantiere edile in corso, si ritiene prioritario l'obiettivo "Realizzare lavori di manutenzione straordinaria dell'impiano elettrico del piano terra della sede centrale". Ufficio tecnico e patrimonio Studio fattibilità per nuovo impianto ascensore della sede centrale Realizzare studio fattibilità per nuovo impianto ascensore della sede centrale Realizzazione studio fattibilità per nuovo impianto ascensore della sede centrale Realizzazione studio fattibilità per realizzazione nuvoo impianto ascensore della sede presentato studio di fattibilità il 19/12/ 0% UFFICIO TECNICO E PATRIMONIO Ufficio tecnico e patrimonio Aggiornamento Piano della performance L'obiettivo "Affidare la progettazione, progettare e affidare i lavori per la manutenzione straordinaria del seminterrato della Loggia dei Mercanti" è sospeso. Nel corso del primo semestre, infatti, la ditta incaricata della manutenzione dell'ascensore della sede centrale ha segnalato che l'impianto è in condizioni limite e necessiterebbe di lavori di manutenzione straordinaria molto onerosi e antieconomici vista la vetustà dell'impianto. Considerata l'urgenza, si ritiene prioritario sostituire l'orignario obietivo con la redazione di uno studio di fattibilità per un nuovo ascensore della sede in maniera da contenere le risorse da impiegare e in attesa di novità in merito alla riorganizzazione del sistema camerale. 6

7 Cruscotto operativo Area Direzionale OS20 - Equilibrio economico-finanziario Programma operativo Gestione efficiente del diritto annuale di competenza e tempestiva emissione dei ruoli esattoriali Obiettivo operativo Emettere i ruoli esattoriali (violazioni residue) annualità 2009 Emissione i ruoli esattoriali (violazioni residue) dell'annualità 2009 Emissione i ruoli esattoriali (violazioni residue) dell'annualità 2009 Num Den SI Violazioni per incompleto versamento con data esecutività 25/03/ Stato avanzamento obiettivo Servizi interni coinvolti GESTIONE AMMINISTRATIVA E Diritto annuale FINANZIARIA Emettere ruoli esattoriali con nuovo programma Infocamere Emissione ruoli esattoriali delle annualità 2010 e 2011 Emissione ruoli esattoriali delle annualità 2010 e 2011 GESTIONE SI 0% AMMINISTRATIVA E Diritto annuale FINANZIARIA Emissione ruoli esattoriali delle annualità 2010 e 2011 Elaborazione entro dicembre con date di esecutività 2015 in quanto l'adeguamento del sistema informatico Infocamere è avvenuto solo alla fine di ottobre e in modo incompleto (l'aggiornamento completo è avvenuto nel mese di novembre ) ed inoltre i decreti 359/2001 e 54/2005 non sono stati revisionati dai Ministeri competenti. Verificare le posizioni sanzionabili ai fini emissione dei ruoli esattoriali Percentuale di posizioni sanzionabili delle annualità 2010 e 2011 Posizioni verificate delle annualità 2010 e 2011/Posizioni sanzionabili delle annualità 2010 e 2011% GESTIONE % >= 10% 75% AMMINISTRATIVA E Diritto annuale FINANZIARIA Registrare tempestivamente i movimenti finanziari Regolarizzazione tempestiva dei movimenti finanziari attivi Reversali emesse entro la fine del mese successivo alla data del provvisorio di entrata di importo superiore a 1.000/ Provvisori di entrata di importo superiore a 1.000% GESTIONE % >= 80% 3% AMMINISTRATIVA E Contabilità FINANZIARIA Effettuare tempestivamente i pagamenti delle fatture relative a beni e servizi, nel rispetto della trasparenza dei flussi finanziari Tempo medio di pagamento dei fornitori di beni e servizi Tempo medio di pagamento dei fornitori di beni e servizi GESTIONE 19,67 <= 30 34% AMMINISTRATIVA E Contabilità FINANZIARIA Aggiornamento Piano della performance L'obiettivo "Revisionare il regolamento in materia di sanzioni del diritto annuale" è stato erroneamente inserito nel Piano della performance in quanto conseguito nel 2013 con l'approvazione del Regolamento in materia di sanzioni del diritto annuale mediante delibera di Consiglio n. 52 del 19/12/

8 Cruscotto operativo Area Anagrafe Economica Cruscotto operativo di area AREA ANAGRAFE ECONOMICA AS2 - Semplificazione amministrativa e regolazione del mercato OS10 - Semplificazione amministrativa nei servizi alle imprese Programma operativo Obiettivo operativo Erogazione dei servizi alle imprese in un'ottica di qualità Mantenere la percentuale di evasione e secondo gli impegni assunti in 5 giorni delle pratiche del RI dalla Carta dei Servizi Aggiornamento Piano della performance Cause mancato conseguimento Percentuale di pratiche RI evase entro 5 giorni Pratiche RI evase entro 5 giorni/pratiche RI evase% % = 90% -16% 84% Registro Imprese REA Poiché tra le precondizioni essenziali ai fini della corresponsione della retribuzione di risultato dei dirigenti figura il rispetto dei termini per la conclusione dei procedimenti, su indicazione dell'oiv, il del 60% è sostituito con un del 90%. Percentuale di pratiche RI evase entro 5 giorni Su indicazione dell'oiv, il è stato aumentato rispetto a quanto inizialmente proposto. Pur avendo attuato una riorganizzazione dell'ufficio, con conseguente redistribuzione delle attività tra gli addetti, non si è stati in grado di raggiungere il risultato atteso. Evadere le pratiche di prima iscrizione di società in 5 giorni Aggiornamento Piano della performance Percentuale di pratiche di prima iscrizione di società evase entro 5 gg Pratiche di prima iscrizione di società evase entro 5 giorni/pratiche di prima iscrizione di società evase% % = 95% 3% Registro Imprese REA L'obiettivo "Evadere le pratiche di prima iscrizione di società in 4 giorni", che deriva dalla carta dei servizi, non è calcolabile in quanto non sono stati rilasciati gli aggiornamenti previsti del sistema informatico Priamo. Se ne propone la modifica con la percentuale di evasione in 5 giorni con 95%. Mantenere percentuale di evasione (o messa in correzione) delle urgenze richieste entro un giorno Percentuale urgenze evase entro il giorno lavorativo successivo Urgenze evase entro il giorno lavorativo successivo/urgenze evase% ,7% >= 95% 5% Registro Imprese REA Effettuare la bollatura di libri e registri contabili entro 5 giorni Percentuale libri e registri bollati entro 5 giorni Libri e registri bollati entro 5 giorni/libri e registri bollati% >= 95% 5% Registro Imprese REA Cancellare i protesti entro 5 giorni Percentuale protesti cancellati entro 5 giorni Protesti cancellati entro 5 giorni/protesti cancellati% >= 95% 5% Protesti Commercio Estero Rilasciare la Carta Nazionale dei Servizi (firma digitale) entro 5 giorni Cause superamento Percentuale firme digitali rilasciate entro 5 giorni Firme digitali rilasciate entro 5 giorni/firme digitali rilasciate% ,4% >= 80% 24% Percentuale firme digitali rilasciate entro 5 giorni In corso d'anno vi è stata una redistribuzione del personale che ha consentito di conseguire risultati ampiamente positivi relativamente al rilascio delle firme digitali Registro Imprese REA 8

9 Cruscotto operativo Area Anagrafe Economica Emettere i verbali di accertamento nei termini definiti dalle disposizioni del Conservatore Percentuale verbali di accertamento emessi nei termini definiti dal Conservatore Verbali di accertamento emessi nei termini definiti dal Conservatore/Verbali di accertamento emessi% ,8% >= 90% -0,2% Registro Imprese REA Rispondere tempestivamente alle richieste di informazione via mail Cause superamento Percentuale mail di informazione risposte entro 1 giorno Mail di informazione risposte entro 1 giorno/mail di informazione% % >= 70% 39% Registro Imprese REA Percentuale mail di informazione risposte entro 1 giorno Nel, l'ente ha riorganizzato il servizio prevedendo che la risposta alle mail di informazione fosse curata unicamento dal capoufficio RI di Ancona e di Jesi a differenza degli anni precedenti in cui le persone dedicate erano 3/4. I risultati conseguiti sono stati ampiamente superiori alle attese mantenendo performance simili sia pur con minor personale dedicato. Mantenere la percentuale di certificati di origine rilasciati a vista Percentuale certificati d origine rilasciati a vista Certificati d origine rilasciati a vista/certificati d origine rilasciati% = 0% Protesti Commercio Estero Migliorare i tempi di rilascio dei carnet ATA Percentuale carnet ATA emessi in 4 giorni Carnet ATA emessi in 4 giorni/carnet ATA emessi% >= 85% 18% Protesti Commercio Estero Mantenere una alta percentuale di pratiche dell Albo Gestori Ambientali evase nei termini della carta dei servizi Percentuale pratiche ordinarie iscrizioni AGA evase nei 90 giorni Pratiche ordinarie iscrizioni AGA evase nei 90 giorni/pratiche ordinarie iscrizioni AGA% % >= 90% 1% Percentuale pratiche ordinarie modifiche e rinnovi AGA evase in 45 giorni Pratiche ordinarie modifiche e rinnovi AGA evase in 45 giorni/ Pratiche ordinarie modifiche e rinnovi AGA% % >= 85% 11% TUTELA E SORVEGLIANZA Albo gestori ambientali Percentuale pratiche semplificate iscrizioni AGA esaminate in commissione entro 25 giorni Pratiche semplificate iscrizioni AGA esaminate in commissione entro 25 giorni /Pratiche semplificate iscrizioni AGA% ,2% >= 95% 0% Aggiornamento Piano della performance L'indicatore "Percentuale pratiche semplificate iscrizioni AGA evase nei 25 giorni" è sostituito con l'indicatore "Percentuale pratiche semplificate iscrizioni AGA esaminte in commissione entro 25 giorni". A causa della nuova normativa antimafia e della Circolare Ministero Ambiente n. 779 del , non è infatti possibile evadere le pratiche semplificate prima di 25 giorni. Diffusione di modalità di lavoro basate sulla telematizzazione delle pratiche e delle relazoni con l'utenza Implementare il sistema di richiesta telematica dei certificati di origine Implementazione del sistema di richiesta telematica dei certificati di origine Imprese formate sul sistema di richiesta telematica dei certificati di origine Implementazione del sistema di richiesta telematica dei certificati di origine Imprese formate sul sistema di richiesta telematica dei certificati di origine 13/03/ / 43 = % Protesti Commercio Estero 9

10 Diffusione di modalità di lavoro basate sulla telematizzazione delle pratiche e delle relazoni con l'utenza Cruscotto operativo Area Anagrafe Economica Incrementare l informatizzazione delle procedure relative all Albo Gestori Ambientali Andamento percentuale di pratiche telematiche sul totale pratiche AGA l'anno precedente Percentuale pratiche AGA archiviate otticamente Percentuale di pratiche telematiche sul totale pratiche AGA(t)/Percentuale di pratiche telematiche sul totale pratiche AGA(t-1) Pratiche AGA archiviate otticamente/pratiche AGA% 13,37% 10,20% 1,31 >= 1 31% % >= 85% 12% TUTELA E SORVEGLIANZA Albo gestori ambientali Evadere tempestivamente le richieste pervenute da Pubbliche Amministrazioni al di fuori del al di fuori del sito "verifichepa" Percentuale richieste PP. AA. evase entro 5 giorni Richieste PP. AA. evase entro 5 giorni/richieste PP. AA.% >= 90% 11% Registro Imprese REA Avviare utilizzo PEC per la notifica dei verbali di accertamento del Registro Imprese e per le ordinanze dell'ufficio sanzioni Percentuale verbali di accertamento del RI e per le ordinanze dell Ufficio Sanzioni con tentativo di notifica PEC Verbali di accertamento del RI e per le ordinanze dell Ufficio Sanzioni con tentativo di notifica PEC/Verbali di accertamento del RI e per le ordinanze dell Ufficio Sanzioni notificati% % >= 20% 50% Registro Imprese REA Sanzioni Amministrative Cause superamento Percentuale verbali di accertamento del RI e per le ordinanze dell Ufficio Sanzioni con tentativo di notifica PEC Nel c'è stata una presa di posizione da parte del Mise sulla legittimità ad utilizzare la pec per le notifiche delle sanzioni, che ha dato maggiore impulso al processo già attivato dalla Camera in sperimentazione 10

11 Cruscotto operativo Area Anagrafe Economica OS11 - Tutela delle imprese e dei consumatori Programma operativo Obiettivo operativo Verifiche degli strumenti di misura Svolgere funzioni di regolazione del mercato a tutela della fede pubblica e dei consumatori, perseguendo l'equilibrio economico-finanziario nell'erogazione del servizio Cause superamento Tempestività evasione richieste di verifica degli strumenti di misura Proventi da verifiche metriche Richieste di verifica pervenute nell'anno evase entro 120 gg/richieste di verifica pervenute nell'anno% Proventi da verifiche metriche consuntivi/proventi da verifiche metriche da Preventivo Economico% % >= 90% 9% % >= 76% Stato avanzamento obiettivo TUTELA E SORVEGLIANZA Proventi da verifiche metriche A seguito dell'entrata a regime della direttiva MID l'attività di verificazione può essere effettuata da laboratori privati autorizzati dalle Camere di commercio. Il calo delle richieste perventue all'ente è stato, tuttavia, inferiore alle aspettative e molte imprese hanno continuato a rivolgersi alla Camera. Servizio metrico e metalli preziosi Sorveglianza sui prodotti a tutela della fede pubblica e del consumatore Effettuare le visite ispettive a centri tecnici e laboratori autorizzati copertura delle ispezioni a centri tecnici e laboratori autorizzati Visite ispettive effettuate a centri tecnici e laboratori autorizzati /Centri tecnici e laboratori autorizzati esistenti% % = 13% TUTELA E SORVEGLIANZA Servizi ispettivi sorveglianza e sicurezza prodotti Cause superamento copertura delle ispezioni a centri tecnici e laboratori autorizzati Alcuni Centri tecnici sono stati visitati in più accessi Incrementare le visite di sorveglianza e i settori nell'ambito del progetto VIMER Percentuale di evasione visite di sorveglianza del progetto VIMER Percentuale di evasione dei settori del progetto VIMER da sorvegliare Visite di sorveglianza del progetto VIMER effettuate/visite di sorveglianza del progetto VIMER da effettuare% Settori del progetto VIMER sorvegliati/settori del progetto VIMER da sorvegliare% = 0% % = 20% TUTELA E SORVEGLIANZA Servizi ispettivi sorveglianza e sicurezza prodotti Percentuale di evasione dei settori del progetto VIMER da sorvegliare Settori controllati: Moda, Preconfezionati, Tessile, Elettrici, Giocattoli, Metrologia legale Revisionare il Registro Fabbricanti Metalli Preziosi: controllo dinamico di tutte le posizioni iscritte e confronto con il RI Percentuale di imprese iscritte nel Registro fabbricanti metalli preziosi controllate Percentuale imprese da elenco RI controllate Imprese iscritte nel Registro fabbricanti metalli preziosi controllate/imprese iscritte nel Registro fabbricanti metalli preziosi% Imprese in elenco RI controllate/imprese in elenco RI% = 0% >= 90% 11% TUTELA E SORVEGLIANZA Servizi ispettivi sorveglianza e sicurezza prodotti 11

12 Cruscotto operativo Area Anagrafe Economica Consolidamento dell'ufficio Sanzioni amministrative come strumento di regolazione del mercato Migliorare l erogazione del servizio Sanzioni Amministrative Tasso di elaborazione di ordinanze su verbali di accertamento Tempestività elaborazione sequestri senza scritti difensivi Verbali di accertamento istruiti/verbali di accertamento ricevuti da organi di vigilanza esterni e interni + verbali pendenti al 01/01/% Sequestri senza scritti difensivi conclusi in 90 giorni/sequestri senza scritti difensivi conclusi% % >= 90% 9% % >= 80% 11% TUTELA E SORVEGLIANZA Sanzioni amministrative Iniziative di formazione per gli agenti di commercio e gli agenti di affari in mediazione e diffusione della cultura della qualità tra gli stessi operatori professionali Realizzare i corsi abilitanti all esercizio dell attività di agente di commercio e mediatore Indice di customer satisfaction per i corsi abilitanti all esercizio dell attività di agente di commercio e mediatore copertura dei costi diretti sostenuti per i corsi abilitanti all esercizio dell attività di agente di commercio e mediatore Indice di customer satisfaction per i corsi abilitanti all esercizio dell attività di agente di commercio e mediatore% Proventi dei corsi abilitanti all esercizio dell attività di agente di commercio e mediatore/costi diretti sostenuti per i corsi abilitanti all esercizio dell attività di agente di commercio e mediatore% >= 80% 25% % >= 53% Corsi ed Esami per Agenti e Mediatori - Ruoli Cause superamento copertura dei costi diretti sostenuti per i corsi abilitanti all esercizio dell attività di agente di commercio e mediatore Nel, i corsi hanno registrato un numero di partecipanti superiore a quello che garantisce la copertura dei costi diretti. AS4 - Efficienza organizzativa, valorizzazione delle risorse e trasparenza OS16 - Sviluppo dell organizzazione Programma operativo Obiettivo operativo Mantenimento e sviluppo del sistema di gestione ambientale Stato avanzamento obiettivo Monitorare i consumi complessivi di SISTEMA GESTIONE carta e toner per stampanti EMAS su consumi complessivi di carta su consumi complessivi di carta SI SI 0% AMBIENTALE Trasversale 2011 e toner per stampanti e toner per stampanti Monitorare il livello di consumo SISTEMA GESTIONE idrico, elettrico ed energetico rispetto EMAS su livello di consumo idrico, su livello di consumo idrico, SI SI 0% AMBIENTALE Trasversale ai consumi registrati nel 2011 elettrico ed energetico elettrico ed energetico Aderire al Portale AreeAmbiente di Ecocerved SISTEMA GESTIONE EMAS su adesione al Portale su adesione al Portale SI SI 0% AMBIENTALE Trasversale AreeAmbiente di Ecocerved AreeAmbiente di Ecocerved Realizzare iniziative formative/informative per il personale su realizzazione iniziative su realizzazione iniziative SISTEMA GESTIONE della Camera e delle aziende speciali EMAS formative/informative interne in formative/informative interne in SI SI 0% AMBIENTALE Trasversale in tema di sviluppo sostenibile e tema di sviluppo sostenibile e tema di sviluppo sostenibile e coscienza ecologica coscienza ecologica coscienza ecologica Gestione e sviluppo dell organizzazione in coerenza con i vincoli normativi Portare a compimento la liquidazione dell'azienda speciale RPQ Liquidazione RPQ Liquidazione RPQ NO % 25% Paola Castellucci Liquidazione RPQ L'azienda speciale RPQ è stata liquidata e ceduta dalle due Camere di Ancona e Macerata. Il liquidatore ha presentato una ipotesi di bilancio finale non chiara relativamente alla suddivisione delle spese tra le due Camere e la Giunta ha impartito l'indirizzo di ottenere dei chiarimenti dal liquidatore e dalla Camera di Macerata. 12

13 Cruscotto operativo Area Anagrafe Economica Gestione efficiente ed efficace delle attività informatiche Aggiornare il personale sull utilizzo degli applicativi in open source e sulla fruizione avanzata di strumenti in uso presso l ente realizzazione del programma di aggiornamento informatico del personale Personale formato/personale in servizio presso l ente% PROVVEDITORATO E % >= 80% 2% INFORMATIVI Servizi informatici (in delega) Sperimentare la modalità di teleassistenza per interventi su software Livello di teleassistenza per interventi su software Installazione programma per interventi di teleassistenza Interventi di teleassistenza per software realizzati/interventi per software richiesti% Installazione programma per interventi di teleassistenza >= 70% 43% 17/04/ 31/03/ 17 gg 90% PROVVEDITORATO E INFORMATIVI (in delega) Servizi informatici OS17 - Ciclo di gestione della performance e anticorruzione/trasparenza Programma operativo Obiettivo operativo Attuazione degli adempimenti in tema di anticorruzione e trasparenza (ai sensi della Legge 190/2012 e del D.Lgs.33/2013) Sviluppare il progetto Piano disaster recovey e piano continuità operativa ai sensi dell art 50 bis del nuovo CAD Programmazione delle attività del comitato di crisi informatica Report sull'attività svolta dal comitato di crisi informatica Programmazione delle attività del comitato di crisi informatica Report sull'attività svolta dal comitato di crisi informatica 31/03/ % 21/12/ % Stato avanzamento obiettivo PROVVEDITORATO E INFORMATIVI (in delega) Servizi informatici Formare il personale sull'utilizzo della PEC per dematerializzare la corrispondenza Andamento dei protocolli in uscita cartacei l'anno precedente Protocolli in uscita cartacei /Protocolli in uscita cartacei ,67 <= 0,8 16% realizzazione del programma di formazione del personale sull'utilizzo della PEC Personale formato/personale in servizio presso l'ente% % >= 90% 5% su formazione del personale su formazione del personale EMAS sull'utilizzo della PEC per sull'utilizzo della PEC per SI SI 0% dematerializzare la dematerializzare la corrispondenza corrispondenza PROVVEDITORATO E INFORMATIVI (in delega) Protocollo informatico Attuare il programma triennale di prevenzione della corruzione Aggiornamento della sezione del sito Amministrazione Trasparente Dati pubblicati nella sezione del sito Amministrazione Trasparente/Dati da pubblicare nella sezione del sito Amministrazione Trasparente% ANTICORRUZIONE - = 0% Provveditorato TRASPARENZA Aggiornamento della sezione del sito Amministrazione Trasparente Il totale dei link all'interno delle sottosezioni è 86. Il totale dei dati pubblicati è 83, ma 3 sottosezioni non riguardano le Camere di Commercio Indagini di customer satisfaction e strumenti di ascolto degli stakeholder e dell utenza Analizzare i risultati delle indagini di customer satisfaction per individuare un risultato di ente e di sistema Report su customer satisfaction dell'ente e del sistema allargato Report su customer satisfaction dell'ente e del sistema allargato PROVVEDITORATO E 24/09/ % INFORMATIVI Provveditorato (in delega) Mantenere il numero servizi sottoposti a indagini di customer satisfaction Andamento servizi sottoposti a indagini di customer satisfaction l'anno precedente Servizi sottoposti a indagini di CS(t)/Servizi sottoposti a indagini di CS(t-1) PROVVEDITORATO E ,43 >= 1 43% INFORMATIVI Provveditorato (in delega) 13

14 Cruscotto operativo Area Anagrafe Economica OS19 - Patrimonio immobiliare Programma operativo Obiettivo operativo Valorizzazione della Loggia dei Mercanti e delle sale dell'auditorium Mantovani come centri congressuali Monitorare l'andamento delle concessioni e la redditività della gestione delle sale Coprire i costi di gestione delle sale convegni (escluse imposte e tasse) Report semestrale sull'andamento delle concessioni e sulla redditività della gestione delle sale Redditività gestione sale convegni Report semestrale sull'andamento delle concessioni e sulla redditività della gestione delle sale Proventi gestione sale convegni/costi gestione sale convegni (escluse imposte e tasse ) Stato avanzamento obiettivo PROVVEDITORATO E 2 = 2 0% INFORMATIVI Servizi ausiliari (in delega) PROVVEDITORATO E ,4 >= 1 39% INFORMATIVI Servizi ausiliari (in delega) OS20 - Equilibrio economico-finanziario Programma operativo Obiettivo operativo Adozione di misure di Ridurre le procedure di acquisto su razionalizzazione e Mepa attraverso la programmazione contenimento della spesa per dei bisogni per l'anno l acquisto di beni e servizi Andamento delle procedure di acquisto su MEPA rispetto all'anno precedente Programmazione fabbisogno annuale di categorie merceologiche ricorrenti (grafica, gadget, catering, spazi pubblicitari su quotidiani) condivisa con i Dirigenti/ AP/PO Procedure di acquisto su MEPA /Procedure di acquisto su MEPA 2013 Programmazione fabbisogno annuale di categorie merceologiche ricorrenti (grafica, gadget, catering, spazi pubblicitari su quotidiani) condivisa con i Dirigenti/ AP/PO ,5 <= 0,7 31% 28/03/ 31/03/ 0% Stato avanzamento obiettivo PROVVEDITORATO E INFORMATIVI (in delega) Acquisti Cause superamento Andamento delle procedure di acquisto su MEPA l'anno precedente Il superamento del è riconducibile, da un lato, alla riduzione delle richieste di acquisto e, dall'altro, dall'efficace attività di programmazione svolta ad inzio anno Implementare caratteristiche ecosostenibili nelle richieste di offerta tramite il MEPA su implementazione su implementazione PROVVEDITORATO E EMAS caratteristiche ecosostenibili nelle caratteristiche ecosostenibili nelle SI SI 0% INFORMATIVI Acquisti richieste di offerta tramite il richieste di offerta tramite il (in delega) MEPA MEPA Sottoscrivere abbonamenti quotidiani in modalità online PROVVEDITORATO E EMAS su sottoscrizione abbonamenti su sottoscrizione abbonamenti SI SI 0% INFORMATIVI Acquisti quotidiani in modalità on line quotidiani in modalità on line (in delega) 14

15 Cruscotto operativo Area Sviluppo Economico Cruscotto operativo di area AREA SVILUPPO ECONOMICO AS1 - Sviluppo delle imprese e del territorio OS1 - Sviluppo sostenibile, green e blue economy Programma operativo Obiettivo operativo Concessione di contributi alle PMI per l adozione di sistemi di gestione aziendale ISO14001, EMAS, SA 8000 e OHSAS18001 Mantenere l efficacia della misura contributiva stanziata per l ottenimento delle certificazioni ambientali/sociali/sicurezza Domande di ammissione al contributo presentate Domande di ammissione al contributo presentate 16 >= 15 7% Tempestività evasione domande di ammissione al contributo Andamento nuove PMI certificate con i contributi camerali rispetto all'anno precedente Domande di ammissionne contributi evase entro 30 gg/domande di ammissione al contributo presentate% Nuove PMI certificate con i contributi camerali(t)/nuove PMI certificate con i contributi camerali(t-1) ,00 = 0% ,31 = 1 31% Sviluppo sostenibile Percentuale delle PMI che mantengono le certificazioni ottenute con i contributi camerali nell'anno precedente PMI che nel mantengono la certificazione ottenuta con i contributi camerali negli anni precedenti/pmi certificate con i contributi camerali al 31/12/2013% % >= 80% 45% Realizzazione di iniziative di sensibilizzazione rivolte ai temi della sostenibilità, Green e Blue economy Organizzare quattro iniziative volte alla diffusione delle politiche di sviluppo sostenibile su EMAS su iniziative per la diffusione delle iniziative per la diffusione delle politiche di SI SI 0% Sviluppo sostenibile politiche di sviluppo sostenibile sviluppo sostenibile 15

16 Realizzazione di iniziative di sensibilizzazione rivolte ai temi della sostenibilità, Green e Blue economy Cruscotto operativo Area Sviluppo Economico Mantenere costante il numero delle imprese/utenti coinvolti nelle iniziative legate ai temi della sostenibilità e della green economy Andamento partecipanti iniziative formative/informative su sostenibilità e green economy triennio precedente Indice di customer satisfaction per iniziative su sostenibilità e green economy Partecipanti iniziative formative/informative su sostenibilità e green economy dell'anno/media partecipanti iniziative formative/informative su sostenibilità e green economy del triennio precedente Indice di customer satisfaction per iniziative su sostenibilità e green economy (% risposte discreto, buono e ottimo alla domanda "Come giudica nel complesso l'iniziativa a cui ha partecipato?) Iniziativa del 04/03/ FSC PEFC ,57 >= 1-43% Sviluppo sostenibile 78% >= 80% 25% Sviluppo sostenibile Andamento partecipanti iniziative formative/informative su sostenibilità e green economy triennio precedente Cause mancato conseguimento Da marzo le attività dell'ufficio Sviluppo Sostenibile sono state inglobate nelle iniziative previste nei progetti del Fondo Perequativo e del MISE UC per il miglior utilizzo dei finanziamenti riconosciuti. Inoltre, l'ufficio ha collaborato con l'ufficio Nuove Imprese nella organizzazione e realizzazione dei networking. Realizzazione della VIII edizione della Scuola EMAS e di attività formative strutturate Favorire la crescita di figure professionali qualificate sui temi legati ai sistemi di gestione ambientale attraverso la realizzazione del corso della Scuola EMAS e di attività formativa strutturata Partecipanti al corso Scuola EMAS Partecipanti al corso Scuola EMAS Corso scuola EMAS non attivato >= 8 - Scuola EMAS SI SI 0% Scuola Emas Emas 67% Sviluppo sostenibile Indice di customer satisfaction Corsi Auditor Indice di customer satisfaction Corsi Auditor (% risposte discreto, buono e ottimo alla domanda "Come giudica nel complesso l'iniziativa a cui ha partecipato?) >= 80% 25% Cause mancato conseguimento Partecipanti al corso Scuola EMAS Il corso scuola EMAS di 320 ore non è stato attivato poichè non è stato raggiunto il numero minimo di partecipanti. L'obiettivo "Favorire la crescita di figure professionali qualificate sui temi legati ai sistemi di gestione ambientale attraverso la realizzazione del corso della Scuola EMAS" è stato ampliato considerando anche l'organizzazione di attività formativa strutturata. Sono stati organizzati, sempre nell'ambito della scuoal EMAS, 3 corsi da 40 ore ciascuno per auditor ambiente, sicurezza e energia. L'Indice di customer satisfaction è relativo a tali corsi. 16

17 Cruscotto operativo Area Sviluppo Economico OS2 - Innovazione e trasferimento tecnologico Programma operativo Obiettivo operativo Promozione della cultura brevettuale e potenziamento dei servizi Svolgere tempestivamente l'attività rivolti alle imprese del di ricerca brevettuale e di territorio assistenza tecnico-specialitistica Tempestività evasione richieste di anteriorità su marchi Ricerche di anteriorità effettuate entro 2 gg lavorativi/ricerche di anteriorità% % >= 90% 5% Stato avanzamento obiettivo Tempestività evasione assistenze tecnico-specialistiche Assistenze tecnico-specialistiche effettuate entro 5 gg lavorativi/assistenze tecnicospecialistiche% >= 90% 11% Innovazione, Marchi, Brevetti e Pat Lib Remind marchi in scadenza di utenti singoli Marchi in scadenza di utenti singoli sollecitati/marchi in scadenza di utenti singoli% = 0% Aggiornare la banca dati regionale su brevetti ad impatto ambientale su su aggiornamento banca dati EMAS aggiornamento banca dati regionale su SI SI 0% regionale su brevetti ad impatto brevetti ad impatto ambientale ambientale Innovazione, Marchi, Brevetti e Pat Lib Iniziative di formazione, approfondimento e sensibilizzazione in materia di tutela della proprietà industriale (marchi, brevetti e Made in Italy) Mantenere costante il numero di imprese/utenti formati sull utilizzo degli strumenti di tutela della proprietà industriale, in un ottica di efficienza e di qualità Andamento partecipanti iniziative formative/informative su strumenti di tutela della proprietà industriale triennio precedente Indice di customer satisfaction su iniziative formative/informative su strumenti di tutela della proprietà industriale Partecipanti alle iniziative formative/informative su strumenti di tutela della proprietà industriale dell'anno/media partecipanti iniziative formative/informative su strumenti di tutela della proprietà industriale del triennio precedente Indice di customer satisfaction su iniziative formative/informative su strumenti di tutela della proprietà industriale realizzate direttamente dalla Camera (% risposte discreto, buono e ottimo alla domanda "Come giudica nel complesso l'iniziativa a cui ha partecipato?) ,66 >= 1-34% 66% n.d. >= 80% n.d. Innovazione, Marchi, Brevetti e Pat Lib Andamento partecipanti iniziative formative/informative su strumenti di tutela della proprietà industriale triennio precedente Il numero dei partecipanti alle iniziative promozionali è ridotto le annualità precedenti in quanto nel corso dell'annno sono state avviate attività nuove (es. erogazione voucher innovazione alle imprese), organizzando meno Cause mancato conseguimento seminari/eventi. Le iniziative formative a cui il personale dell'ufficio, in qualità di relatore, ha preso parte con interventi dedicati al tema della proprietà industriale, non sono state organizzate direttamente dall'ente camerale, pur rientrando in attività/progetti a cui abitualmente collabora (es. progetto Ecapital, Master Poliarte, iniziative con ILO/UNIVPMecc.). Per tale motivo, ai partecipanti non è stato sottoposto il questionario di "customer satisfaction" proprio della Camera di Commercio. Promuovere l eco innovazione tra Supporto alle PMI per il le imprese locali, attraverso la trasferimento tecnologico concessione di voucher per gli e l'eco-innovazione interventi di assistenza tecnica utilizzo dei voucher per interventi di eco-innovazione disponibili Voucher ( ) per interventi di ecoinnovazione concessi / Voucher ( ) per interventi di eco-innovazione disponibili% % = -8% 92% Innovazione, Marchi, Brevetti e Pat Lib e Sviluppo Sostenibile utilizzo dei voucher per interventi di eco-innovazione disponibili Rispetto al valore dei voucher concessi, pari all'importo indicato, i voucher effettivamente liquidati sono stati pari a (al netto della ritenuta d'acconto del 4%) in quanto n. 6 aziende (le 27 partecipanti) hanno, per motivi organizzativi interni, deciso di rinunciare al voucher. 17

18 Cruscotto operativo Area Sviluppo Economico OS4 - Progettazione europea e reti internazionali Programma operativo Obiettivo operativo Realizzazione della XiV Edizione annuale e delle attività dei Tavoli di Lavoro del Forum AIC Collaborare con la Segreteria del Forum al fine di mantenere il numero delle Camere associate Andamento delle Camere associate al Forum biennio precedente Camere di Commercio associate al Forum AIC nel /Media delle Camere associate al Forum AIC nel biennio precedente 45 38,5 1,17 >= 1 17% FORUM AIC Segreteria Forum AIC Collaborare con la Segreteria del Forum al fine di garantire adeguata attività informativa agli associati Informative strutturate inviate agli associati Andamento iscritti alla newsletter del Forum AIC l'anno precedente Informative strutturate inviate agli associati Iscritti alla newsletter del Forum AIC /Iscritti alla newsletter del Forum AIC = 10 10% ,02 >= 1 2% FORUM AIC Segreteria Forum AIC Diffondere le politiche di sviluppo sostenibile nell'ambito dell'evento del Forum AIC nel corso dei tavoli tematici di lavoro su su diffusione politiche sviluppo EMAS diffusione politiche sviluppo sostenibile SI SI 0% Segreteria Forum AIC sostenibile nell'edizione annuale FORUM AIC nell'edizione annuale del Forum del Forum Mantenere buone pratiche ecosostenibili nella gestione dell'organizzazione dell'evento del Forum AIC su su mantenimento pratiche mantenimento pratiche ecosostenibili EMAS SI SI 0% ecosostenibili nell'organizzazione nell'organizzazione dell'edizione annuale FORUM AIC Segreteria Forum AIC dell'edizione annuale del Forum del Forum Sostegno allo sviluppo della Macroregione Adriatico Ionica Promuovere e diffondere la conoscenza delle opportunità derivanti dalla costituzione della Macroregione Adriatico-Ionica Iniziative realizzate per promuovere e diffondere la Macroregione Adriatico-Ionica Iniziative realizzate per promuovere e diffondere la Macroregione Adriatico-Ionica 5 = 4 25% POLITICHE COMUNITARIE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Progettazione comunitaria e reti internazionali Rilevamento dei fabbisogni, informazione e nuova progettazione Migliorare la nuova progettazione in termini di piena rispondenza ai reali fabbisogni del territorio Andamento richieste di partnership per progetti triennio precedente Progetti presentati in qualità di capofila o partner significativo dalla Camera e dal Forum Richieste di partnership per progetti/media richieste di partnership per progetti del triennio precedente Progetti presentati in qualità di capofila o partner significativo dalla Camera e dal Forum ,15 >= 1 15% 6 = 4 50% POLITICHE COMUNITARIE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Progettazione comunitaria e reti internazionali Progetti presentati in qualità di capofila o partner significativo dalla Camera e dal Forum Progetto EuroMedDiet (Forum AIC) - Progetto TOURISMED (Forum AIC) - Progetto MEDCRUISE (CCIAA di AN) - Progetto SUNBEAM con UNIVPM (Forum AIC) - Progetto ANA (Forum AIC) - Progetto VITAL (CCIAA di AN) 18

19 Cruscotto operativo Area Sviluppo Economico Gestione e rendicontazione dei progetti finanziati Migliorare la gestione e la rendicontazione di progetti finanziati della Camera Gestione risorse finanziarie derivanti da progetti della Camera a valere su programmi di finanziamento europei/nazionali/regionali Risorse finanziarie gestite e rendicontate per progetti della Camera/Risorse finanziarie programmate per progetti della Camera ,96 >= 1-4% 96% POLITICHE COMUNITARIE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Progettazione comunitaria e reti internazionali Migliorare la gestione e la rendicontazione di progetti finanziati del Forum AIC Gestione risorse finanziarie derivanti da progetti del Forum AIC a valere su programmi di finanziamento europei/nazionali/regionali Risorse finanziarie gestite e rendiconte per progetti finanziati del Forum AIC/Risorse finanziarie programmate per progetti finanziati del Forum AIC ,05 >= 1 5% FORUM AIC Segreteria Forum Aggiornamento Piano della performance L'obiettivo "Migliorare la gestione e la rendicontazione di progetti finanziati in termini di coerenza con la programmazione dell Ente e le sue disponibilità di bilancio" è stato diviso in due obiettivi distinti, uno afferente la Camera e uno afferente il Forum al fine di distinguere correttamente i servizi coinvolti. Consolidamento delle relazioni istituzionali dell ente a livello nazionale e internazionale Potenziare la partecipazione dell Ente a progetti ed iniziative promosse da reti europee ed internazionali funzionali allo del proprio territorio e della competitività delle imprese Iniziative realizzate nell'ambito di progetti gestiti dalla Camera a valere su programmi di finanziamento europei/nazionali/regionali Iniziative realizzate nell'ambito di progetti gestiti dalla Camera a valere su programmi di finanziamento europei/nazionali/regionali 3 >= 2 50% POLITICHE COMUNITARIE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Progettazione comunitaria e reti internazionali Iniziative realizzate nell'ambito di progetti gestiti dalla Camera a valere su programmi di finanziamento europei/nazionali/regionali Evento organizzato in occasione di Tipicità in relazione al progetto MEDDIET - Costituzione Cabina di regia progetto AIF (DCE) - Candidatura UNWTO per Forum AIC Formazione alle imprese in materia di interesse comunitario e in tema di innovazione tecnologica Aggiornare il sito di una sezione dedicata agli incentivi economici rivolti alle imprese che adottano buone pratiche ambientali su aggiornamento della sezione su POLITICHE aggiornamento della sezione del sito del sito dedicata agli incentivi COMUNITARIE E EMAS dedicata agli incentivi economici rivolti alle SI SI 0% Sportello EEN COOPERAZIONE INTERNAZIONALE economici rivolti alle imprese che adottano buone pratiche ambientali imprese che adottano buone pratiche ambientali Offrire opportunità formative per le imprese del territorio su tematiche inerenti aspetti normativi e operativi di derivazione europea Andamento partecipanti iniziative formative/informative su aspetti normativi e operativi comunitari triennio precedente Indice di customer satisfaction iniziative formative/informative su aspetti normativi e operativi comunitari Partecipanti iniziative formative/informative su aspetti normativi e operativi comunitari dell'anno/media partecipanti iniziative ,18 >= 1 18% formative/informative su aspetti normativi e operativi comunitari del triennio precedente POLITICHE Indice di customer satisfaction iniziative formative/informative su aspetti normativi e operativi comunitari (% risposte discreto, buono e ottimo alla domanda "Come giudica nel complesso l'iniziativa a cui ha partecipato?) 90% >= 80% 13% COMUNITARIE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Sportello EEN 19

20 Cruscotto operativo Area Sviluppo Economico Assistenza alle imprese su politiche e normative comunitarie tramite la rete EEN Assistere le imprese/utenti tramite il servizio di risposta a richieste/quesiti ed invio di note informative dalla rete EEN Tempestività evasione richieste su politiche e normative comunitarie Note informative prodotte ed inviate tramite il CRM Richieste con prima risposta entro 3 gg lavorativi/richieste su politiche e normative comunitarie% Note informative prodotte ed inviate tramite il CRM % = -6% 11 > 12-8% 93% POLITICHE COMUNITARIE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Sportello EEN Ricerca opportunità di lavoro e cooperazione nei mercati europei per le Dare un sostegno informativo ed imprese operativo alle imprese nella ricerca di nuove opportunità di lavoro e cooperazione verso i mercati esteri, comunitari e non, utilizzando gli strumenti comunitari Andamento traduzioni e pubblicazioni di opportunità d'affari l'anno precedente Traduzioni e pubblicazioni di opportunità d'affari(t)/traduzioni e pubblicazioni di opportunità d'affari(t-1) ,95 = 1-5% 98% POLITICHE COMUNITARIE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Sportello EEN Andamento bandi di gara internazionali inviati alle imprese l'anno precedente Bandi di gara internazionali inviati alle imprese(t)/bandi di gara internazionali inviati alle imprese(t-1) ,08 >= 1 8% 20

INTERNAZIONALIZZAZIONE

INTERNAZIONALIZZAZIONE Allegato n. 3 al Piano delle Performance 2014/2016 Linea Strategica 1 INTERNAZIONALIZZAZIONE Ipotesi di programma / 1.1. Supportare le imprese nei loro progetti di internazionalizzazione volti alla penetrazione

Dettagli

Copia ufficiale del documento presente nella rete aziendale

Copia ufficiale del documento presente nella rete aziendale P 01 SP 01 Domande imprenditori Indicatore % di domande evase fuori termine ufficio Registro Imprese Priamo di Infocamere vutazione = n.2 Vore Vore attue Semestre 40 28.8 24.7 P 01 SP 04 Gestire le procedure

Dettagli

PROGETTI A CARATTERE SPECIALE

PROGETTI A CARATTERE SPECIALE Relazione sulla performance: progetti,attività, risultati, risorse - anno 2013 Allegati: Obiettivi divisi per area dirigenziale e portafoglio servizi AREA SEMPLIFICAZIONE E INFORMAZIONE ALLE IMPRESE OBIETTIVI

Dettagli

Città di Fabriano. Aggiornamento Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità - PTTI 2015 2017

Città di Fabriano. Aggiornamento Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità - PTTI 2015 2017 Città di Fabriano Aggiornamento Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità - PTTI 2015 2017 INDICE 1. Premessa 3 2. Stato di attuazione del Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Dettagli

16.543.588,52 14.245.717,32 3.993.518,66 6.207.535,93 13.023.569,60 13.018.747,59 4.008.530,00 1.275.957,39

16.543.588,52 14.245.717,32 3.993.518,66 6.207.535,93 13.023.569,60 13.018.747,59 4.008.530,00 1.275.957,39 011 Competitività e sviluppo delle imprese 005 Regolamentazione, incentivazione dei settori imprenditoriali, riassetti industriali, sperimentazione tecnologica, lotta alla contraffazione, tutela della

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) INTRODUZIONE Il decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 avente ad oggetto il Riordino della disciplina

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA

STRUTTURA ORGANIZZATIVA STRUTTURA ORGANIZZATIVA ORGANIGRAMMA SEGRETARIO GENERALE F.F. (Cristina D Ercole) Segreteria e affari generali (ad interim Segretario Generale) Personale e controllo di gestione (ad interim Segretario

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DELLA PERFORMANCE SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI III QUADRIMESTRE 2013

COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DELLA PERFORMANCE SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI III QUADRIMESTRE 2013 COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DELLA PERFORMANCE SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI III QUADRIMESTRE 2013 ATTIVITA ORDINARIA Attività di supporto amministrativo e istituzionale finalizzate

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 Approvato con D.G. n. 93 del 19 luglio 2012 INDICE Introduzione 1 Selezione dei dati da pubblicare Categorie di dati e contenuti specifici

Dettagli

Parte II Il programma per la trasparenza e l integrità

Parte II Il programma per la trasparenza e l integrità Allegato B Parte II Il programma per la trasparenza e l integrità 1. Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione La struttura organizzativa dell ente è stata recentemente ridefinita con

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. SEGUENZA MESSINA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014 2016

LICEO SCIENTIFICO G. SEGUENZA MESSINA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014 2016 LICEO SCIENTIFICO G. SEGUENZA MESSINA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014 2016 Introduzione: organizzazione e funzioni dell Amministrazione Il principio di trasparenza va

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 (Sezione del Piano triennale di prevenzione della corruzione) Introduzione L amministrazione trasparente

Dettagli

Allegati seconda parte

Allegati seconda parte Allegati seconda parte Nella seconda parte degli allegati sono stati individuati sulla base della Relazione previsionale programmatica, del bilancio preventivo e del budget, gli obiettivi dell ente nel

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI COMUNE DI BRINDISI PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 (Attuazione dell art.10, comma 1, D.Lgs 14 marzo 2013, n.33) Premessa Con la redazione del presente Programma Triennale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Pag: 1 di 12 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Approvato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione con provvedimento d urgenza n 3 del 29 gennaio 2016. Seguirà ratifica

Dettagli

SERVIZIO REGISTRO DELLE IMPRESE UFFICIO FRONT OFFICE

SERVIZIO REGISTRO DELLE IMPRESE UFFICIO FRONT OFFICE Allegato A) alla Determinazione Dirigenziale n. 63 del 22.2.2011 SERVIZIO REGISTRO DELLE IMPRESE UFFICIO FRONT OFFICE 30 aprile 2012; conseguimento della certificazione 2)Gestione di ragionevoli tempi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

NOME DESCRIZIONE OBIETTIVO e KPI OBIETTIVO e KPI Asse strategico Sostenere la competitività alle imprese. TARGET annuale. Peso AREA dirigenziale

NOME DESCRIZIONE OBIETTIVO e KPI OBIETTIVO e KPI Asse strategico Sostenere la competitività alle imprese. TARGET annuale. Peso AREA dirigenziale Modifiche al Piano Performance 20132015 (evidenziate in colore giallo) NOME DESCRIZIONE OBIETTIVO e OBIETTIVO e Asse strategico Sostenere la competitività alle imprese 1 strategico Media pesata dei risultati

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (P.T.T.I)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (P.T.T.I) COMUNE DI LUSTRA (Provincia di Salerno) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (P.T.T.I) 2015 2017 Predisposto dal responsabile della trasparenza Adottato in data 05.02.2015 con deliberazione

Dettagli

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n.

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) PREMESSA Con il presente programma triennale per la trasparenza

Dettagli

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa RESPONSABILE: ANNA BRUZZO 2. Sportello Unico Attività Produttive-Edilizia e pratiche sismiche RESPONSABILE: NARA BERTI

Dettagli

RELAZIONE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2013

RELAZIONE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2013 RELAZIONE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 6.11.2012, n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità dell azienda è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 7 del 29.01.2015 1 SOMMARIO 1. Introduzione:

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE 95 REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N 84 Reg./21 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 10/05/2011 Art.

Dettagli

Trasparenza e integrità

Trasparenza e integrità Trasparenza e integrità In base al D.Lgs.33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni e alle

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

COMUNE DI VALDENGO BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

COMUNE DI VALDENGO BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ COMUNE DI VALDENGO BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Sommario Premessa... 3 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione... 4 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento

Dettagli

Camera di Commercio di Pavia

Camera di Commercio di Pavia PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE ANNO 2013 Si richiama preliminarmente quanto evidenziato nella Relazione Previsionale e Programmatica 2013 approvata dal Consiglio camerale con deliberazione n. 10

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 integra e aggiorna il precedente Programma Triennale 2014-2016

Dettagli

IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011

IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011 IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011 D.Lgs. 150/2009 "Ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni" PRINCIPI GENERALI PIANO DELLA PERFORMANCE

Dettagli

COMUNE DI GATTEO. Provincia di Forlì Cesena PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015-2017

COMUNE DI GATTEO. Provincia di Forlì Cesena PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015-2017 COMUNE DI GATTEO Provincia di Forlì Cesena PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015-2017 Ai sensi dell art. 10 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 Allegato A alla Deliberazione

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

Missione 011 - Competitività e sviluppo delle imprese

Missione 011 - Competitività e sviluppo delle imprese Missione 011 - Competitività e sviluppo delle imprese 005 - Regolamentazione, incentivazione dei settori imprenditoriali, riassetti industriali, sperimentazione tecnologica, lotta alla contraffazione,

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ISTITUTO MAGISTRALE STATALE M. T. VARRONE ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ISTITUTO MAGISTRALE STATALE M. T. VARRONE ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ISTITUTO MAGISTRALE STATALE M. T. VARRONE ANNI 2014-2015-2016 Indice PREMESSA... 3 SUPPORTO NORMATIVO... 3 OBIETTIVI DEL PROGRAMMA:... 4 SEZIONE PROGRAMMATICA:...

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' ANNI 2015-2017 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Le principali novità... 3 3. Procedimento di elaborazione, adozione del

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO DIREZIONE GENERALE PIANO DI RIDUZIONE DEL CONSUMO DI CARTA ANNI 2010-2012

COMUNE DI FOLIGNO DIREZIONE GENERALE PIANO DI RIDUZIONE DEL CONSUMO DI CARTA ANNI 2010-2012 COMUNE DI FOLIGNO DIREZIONE GENERALE PIANO DI RIDUZIONE DEL CONSUMO DI CARTA ANNI 2010-2012 APPROVATO CON D.G.C. N. 429 DEL 27/10/2010 1 INDICE Premessa. Pag. 3 Rilevazione della situazione attuale. Pag.

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 rilasciato da: Direttore Sanitario & data dell autorizzazione: 01.02.2013 ID: 148/13 Direttore Tecnico-Assistenziale Rev Nr. 00 revisione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA INDICE 1 - Premessa pag. 3 1.1 - Premessa normativa pag. 3 2 - Le principali novita pag. 4 3 - Procedimento di elaborazione e adozione del programma pag. 8 3.1

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE 2011-2013 ALLEGATO C

PIANO DELLA PERFORMANCE 2011-2013 ALLEGATO C PIANO DELLA PERFORMANCE 2011-2013 ALLEGATO C Area: Segreteria Generale Reparto: Programmazione e Controllo Priorità strategica (macroarea di intervento): La Pubblica Amministrazione per le imprese Obiettivo

Dettagli

Trasparenza Report 2015 Performance e obiettivi

Trasparenza Report 2015 Performance e obiettivi Trasparenza Report 2015 Performance e obiettivi Indice 1. Ospedale trasparente: a che punto siamo 2. Attività e risultati 2014 3. Obiettivi 2015-2017 4. Trasparenza e performance 5. Regole di pubblicazione

Dettagli

AREA A - SERVIZIO I - REGISTRO IMPRESE ALBI E RUOLI ANAGRAFE MODALITA DI EROGAZIONE

AREA A - SERVIZIO I - REGISTRO IMPRESE ALBI E RUOLI ANAGRAFE MODALITA DI EROGAZIONE LISTA DEI SERVIZI EROGATI ALL UTENZA Anno 2013 AREA A - SERVIZIO I - REGISTRO IMPRESE ALBI E RUOLI ANAGRAFE SERVIZI MODALITA DI EROGAZIONE IMPRESE UFFICIO COMPETENTE Iscrizione/modifica/cancellazione(su

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2016-2017 SOMMARIO

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2016-2017 SOMMARIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2016-2017 SOMMARIO 1 - Premessa pag. 2 2 - Organizzazione e funzioni dell'ente pag. 3 3 - Il programma Triennale della Trasparenza del Comune

Dettagli

Scheda di Programmazione Strategica N.2 REGOLAZIONE DEL MERCATO E TUTELA DEL CONSUMATORE

Scheda di Programmazione Strategica N.2 REGOLAZIONE DEL MERCATO E TUTELA DEL CONSUMATORE Scheda di zione Strategica N.2 Area Strategica REGOLAZIONE DEL MERCATO E TUTELA DEL CONSUMATORE Analisi dei bisogni e dello scenario dal quale emerge l'opportunità di definire e assegnarsi un obiettivo

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. GEMELLI - SANT AGNELLO (NA) PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ TRIENNIO 2016-2018 Anno 2016 - VERSIONE 1.03 PREMESSA L'Istituto

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE COMUNE DI RIMINI / UO Gestione Pubblicità e Affissioni

Dettagli

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE ALLEGATO N. 2 AL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI ALLUMIERE Marzo 2015 1 1)

Dettagli

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto l art.11, comma 2, del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n.

Dettagli

Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione. Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione. Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE -1- PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 : Comune di Samugheo Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 Indice 1 INTRODUZIONE 2- STATO DI ATTUAZIONE 1. Dati già pubblicati sul sito 2. "Trasparenza, valutazione

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) Approvato con D.C. n.110 del 2/12/2013

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Obiettivo del Report è quello di fornire un quadro delle attività dell Ufficio Relazioni con il Pubblico del nostro Ente allo scopo di valutare

Dettagli

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2012-2014 PIANI OPERATIVI PER IL RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB UDINE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014

AUTOMOBILE CLUB UDINE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 AUTOMOBILE CLUB UDINE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Gennaio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA, LA LEGALITA E L INTEGRITA DELL AUTOMOBILE CLUB DI UDINE CONSIDERAZIONI

Dettagli

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente PTTI Piano Triennale Trasparenza Integrità 2015 2017 data: 22 gennaio 2015 Sede legale ed amministrativa: via Trento n. 21/D -10073 Cirié (TO); Impianti:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015 Il presente Piano si articola nelle seguenti sezioni: 1. Premessa; 2. Supporto normativo; 3. Sezione programmatica: attività di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN) Corso Umberto, 339 - C.A.P. : 94013 - Tel.Direzione: 0935/902257 Tel-Fax Segreteria

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN GIOVANNI BOSCO Via Dante n. 18 92028 Naro (AG) Tel. 0922 956081 Fax 0922 956041 E- mail agic85300c@istruzione.it P.E.C. agic85300c@pec.istruzione.it C.F. 82002930848 PROGRAMMA

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro)

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa p. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune p. 3 2. Il processo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2016-2018 è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 Indice: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa 2015-2017......2 1. Responsabilità, elaborazione, adozione e aggiornamento del Programma...4 2. I dati da pubblicare sul sito istituzionale

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI

RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI Organismo indipendente di valutazione RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI (art.14, co.4 lett.

Dettagli

Allegato 1) Lett. C) Elenco dei macro-processi

Allegato 1) Lett. C) Elenco dei macro-processi Allegato 1) Lett. C) Elenco dei macro-processi LIV 1 LIV 2 LIV 3 LIV 4 MACRO-PROCESSI PROCESSI SOTTO-PROCESSI AZIONI PORTAFOGLIO PROCESSI FUNZIONE ISTITUZIONALE A Organi Istituzionali e Segreteria Generale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64/2009, modificato con delibera C.C.n.61/2010 e con delibera C.C.n.109/2010 Art.1 Principi e strumenti. Il Comune

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA (ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE) ANNI 2014 2015 2016 PARTE I Introduzione 1.1 Organizzazione

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE

PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE (amministrazione/ufficio) COMUNE DI BRUGNERA... Firma del responsabile della candidatura dr. Leonardo Mascarin - 1 - PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano INFORMATIZZAZIONE

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PROGRAMMA TRIENNALE 2014 2016 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (ai sensi dell art. 11, commi 2 e 8, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) (come riordinato

Dettagli

OBIETTIVI OPERATIVI 2014

OBIETTIVI OPERATIVI 2014 OPERATIVI 1 Sviluppare politiche di incentivazione e di supporto all'autofinanziamento e all'incremento della produzione scientifica 2 Migliorare l'organizzazione di servizi volti a promuovere la 1.Definire

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

L UNIVERSO DI RIFERIMENTO

L UNIVERSO DI RIFERIMENTO LA FORMAZIONE 2011 NELLE CAMERE DI COMMERCIO L UNIVERSO DI RIFERIMENTO L universo di riferimento è rappresentato da una rete di strutture che si sviluppa attorno a 105 nodi provinciali, organizzati e integrati

Dettagli

Parte III Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 20016-2018

Parte III Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 20016-2018 Parte III Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Triennio 20016-2018 1. Introduzione Il presente programma è adottato nel rispetto della vigente normativa in materia di trasparenza (D. Lgs.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PREMESSA Il presente Programma Triennale 2014/2016 rappresenta il terzo

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA

STRUTTURA ORGANIZZATIVA STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEGRETARIO GENERALE Fattorel Emanuela UFFICIO STAFF STUDI E SERVIZI INNOVATIVI Cinzia Piva (Segreteria, Presidenza, segreteria Unioncamere regionale, Comunicazione interna - esterna,

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati

Concorso Premiamo i risultati Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Cremona - 1 - PREMESSA Il documento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli