FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA"

Transcript

1 IX Congresso nazionale AIDAI-AIRIPA AIRIPA Perugia, maggio 2013 FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA M.Margheriti, M.Baciarelli, M.T.Barberini, M.S. Ghilardi, G.Tinarelli, L.Michelazzo Associazione Italiana Disturbi di Attenzione e Iperattività Regione Umbria Centro di Neuropsicologia Clinica dell'età Evolutiva Giorgio Sabbadini - Perugia

2 SAS (Sistema Attentivo Supervisore) Sistema a componenti multiple, immerso nei processi emotivi e motivazionali, utilizza diverse funzioni esecutive per i suoi controlli ed interazioni, sempre strettamente legate tra di loro. Interagisce con i moduli automatizzabili (apprendimenti) sviluppandoli; Corregge i meccanismi disadattivi; Controlla la prestazione quando non può esprimersi a livello di routine (fase modulare) pertanto è molto più coinvolto nelle fasi di apprendimento, di ri-apprendimento e di controllo in genere. 04/05/12 one.com

3 Il SAS Fornisce energie e controllo dei processi in fase di apprendimento; Favorisce il coordinamento e l assemblamento di moduli semplici in apprendimenti complessi; Controlla e mantiene la coerenza del comportamento del momento, agevolando l autoregolazione; Supervisiona la selezione competitiva degli schemi in funzione dello scopo; Si inserisce nel modulo formato per riprogrammarlo; E sensibile alle sollecitazioni emotive per controllare il comportamento in funzione del contesto; Rimane a disposizione dei sistemi modulari anche molto automatizzati per intervenire quando è necessario (in quanto sensibile alle sollecitazioni del sistema emotivo);

4 LE FUNZIONI ESECUTIVE (FE) Intendiamo per Funzioni Esecutive: processi necessari a programmare, a mettere in atto e a portare a termine con successo un comportamento finalizzato a uno scopo (Benso, 2013); Tradizionalmente le FE vengono scisse in sottocomponenti (inhibition, shifting, updating,...), ma queste risultano difficilmente misurabili e isolabili, Miyake et al. (2000) parlano di fattore dell' impurità per sottolineare la grossolanità delle prove psicometriche utilizzate; Da qui la necessità di ideare prove estremamente semplici (più è complessa più diventa difficile capire cosa misuri in realtà) e depurate dalle componenti modulari in input e in output (ed es. il sistema visivo o quello motorio) che si interfacciano tra lo strumento di misura e la funzione esecutiva da misurare.

5 Diversi tipi di compiti possono richiedere e far emergere in misura maggiore un tipo di funzione esecutiva piuttosto che un altro.

6 Problema della misura delle Funzioni Esecutive: Difficoltà degli strumenti a misurare in modo puro la Funzione Esecutiva (aspetto modulare in input ed in output); Necessità di sottrarre l aspetto modulare periferico alla misura della Funzione Esecutiva che si vuole valutare; Crea interferenza l aumentata automatizzazione della prestazione in fase di esecuzione del test,; Scelta arbitraria di una specifica prova per valutare una funzione esecutiva (stesso test utilizzato per funzioni diverse -es. lo Stroop);

7 La teoria gerarchica modulare di Moscovitch e Umiltà (1990) definisce l'apprendimento motorio complesso come un modulo di terzo tipo che si sviluppa e si afferma attraverso il contributo diretto dell' Elaboratore Centrale (Sistema Esecutivo Attentivo)

8 TEORIA GERARCHICA MODULARE DI MOSCOVITCH E UMILTA (1990) Nega la non assemblabilità dei moduli e costruisce una gerarchia tra gli stessi. Esistono 3 tipi di moduli: 1 tipo alla Fodor : non assemblati; specificità funzionale; innati; poco influenzabili dall apprendimento (schemi motori, riflessi, ricezione di configurazioni semplici, frequenze visive e uditive). 2 tipo assemblati a base innata: input integrato dall elaboratore centrale che sembra distaccare risorse per dedicarle definitivamente al modulo (processore dedicato); Sviluppo implicito e inconsapevole. (Abilità linguistiche e riconoscimento degli oggetti). 3 tipo assemblati su base esperenziale (lettura e capacità motorie): processore centrale fortemente implicato attraverso un atto consapevole, cosciente e volitivo.

9 Man mano che l apprendimento si fa più complesso (es. ballerina che fa la pirouette) il grado di automaticità è sempre meno completo a causa dell aumento della complessità del sistema. In tale tipo di apprendimento il ruolo del Sistema Esecutivo Attentivo è maggiore.

10 Rigoli et alii (2012) Ricerca su rapporto tra coordinazione motoria e funzioni esecutive in soggetti adolescenti ADHD. Lo studio evidenzia l'esistenza di specifiche relazioni tra gli aspetti riguardanti la coordinazione motoria e le funzioni esecutive (in particolare la memoria di lavoro visuo-spaziale) Enfatizza l'importanza di valutare le funzioni esecutive in soggetti che presentino difficoltà motorie e, di conseguenza, l'esigenza di programmare un intervento. S

11 Sperimentazione esplorativa Valutazione del Sistema esecutivo attentivo nella disprassia evolutiva Soggetti 11 bambini con disprassia evolutiva di 4 e 5 anni 11 soggetti di controllo di 4 e 5 anni (appaiati per età) Materiali Batteria di prove sperimentali Aste Colorate, Pesciolini switch, Flanker pesciolini, Naming colori, Cancellazione Test tradizionali Night and Day, Dimentional card sorting test, Torre di Londra modificata, MF modificato, Copia Figura di Rey semplificata, Segmentazione sillabica (CMF), Fusione sillabica (CMF), Copia (TPV), Posizione nelo spazio (TPV), Five Point Test.

12 Tre prove soprattutto dimostrano di ottenere importanti cadute nel gruppo sperimentale (sensibilità) senza procurare disagi ai bambini del gruppo di controllo (specificità)

13 Pesciolini Switch Èuno switch di tipo motorio: Il bambino deve premere il tasto p se il pesciolino guarda a destra e il tasto q se il pesciolino guarda a sinistra Cadono 5 su 10 bambini con disprassia e 1 su 10 dei controlli I tempi di reazione (RT), puliti dagli errori e dagli anticipi, sono stati analizzati tramite un t-test per due campioni indipendenti, (verificata la normalità della distribuzione con il test Kolmogorov-Smirnov): Media RT:t(18)=-3,969, p=.001 Dimensione dell effetto: r=0.68 grande(cohen, 1988) Media RT compensata per gli errori (Murphy&Klein, 1998)= t(18) -3,46, p=.003, Dimensione dell'effetto r=0.63 grande(cohen, 1988) Tale prova Evidenzia una specificità del 90% e sensibilità del 50% Intervallo di confidenza della specificità: da.07 a 1 Intervallo di confidenza della sensibilità: da 0,19 a 0,80 Il CHI² confronto tra proporzioni indipendenti con correzione di Yates p=.07

14 Flanker Test Pesciolini (Conflitto cognitivo, giro del cingolo anteriore e area dorsolaterale, Dopamina ) CONGRUE INCONGRUE NEUTRE Cadono 5 su 10 bambini con disprassia e 1 su 10 dei controlli I tempi di reazione (RT), puliti dagli errori e dagli anticipi, sono stati analizzati tramite un t- test per due campioni indipendenti, (verificata la normalità della distribuzione con il test Kolmogorov-Smirnov): Media rt:t(18)=-1592, p=.06 Tale prova Evidenzia una specificità del 90% e sensibilità del 50% Intervallo di confidenza della specificità: da.07 a 1 Intervallo di confidenza della sensibilità: da 0,19 a 0,80 Il CHI² confronto tra proporzioni indipendenti con correzione di Yates p=.07

15 Foglio A: Switch piccoli (Aste) Foglio B: Foglio C: Foglio D: Foglio A e B: tempi motori, Foglio C (A+B): tempo di switch, Foglio D-FoglioC:Memoria di switch Sommando i risultati del foglio C e D la prova isola 7 soggetti su 11 di bambini disprassici contro 0 su 11 del campione di controllo. Applicando un t-test per campioni indipendenti (verificata la normalità della distribuzione con il test Kolmogorov-Smirnov) sui tempi di esecuzione della prova otteniamo per la prova C: t(12)=-2,369, p=.035, con una dimensione dell effetto grande (r=0.56) e per la prova D: t(12)=-2,835, p=.015 con una dimensione dell effetto grande (r=0.63) La specificitàèpari a 1, sensibilitàdel 60%, con intervallo di confidenza da.35 a.92 Il CHI² confronto tra proporzioni indipendenti con correzione di Yates p=.003

16 In conclusione Dalla batteria somministrata emergono prove statisticamente potenti (soprattutto se riunite in una unica batteria) per isolare a livello di Sistema Esecutivo Attentivo bambini con disprassia rispetto ad un gruppo di controllo. In questo momento della ricerca non emergono gli stessi risultati da prove ampiamente quotate in letteratura come il Night&Day, il Dimensional Card Sorting Test (Zelazo). Ovviamente visto il numero dei soggetti quella presentata èsolo la parte esplorativa della ricerca che procederàsolo con piccoli aggiustamenti.

17 Si ringraziano: La Dott.ssa Letizia Michelazzo per la raccolta dei dati La Dott.ssa Eleonora Ardu e la Dott.ssa Maria Grazia Santoro dell'equipe del Prof. Francesco Benso per l'assistenza tecnica sulle prove sperimentali

18 GRAZIE A TUTTI!!

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA PROGRAMMA DEL CORSO 14/11/2014 Comorbilità e aspetti associati alle difficoltà e ai disturbi dell apprendimento: un introduzione

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E di VALAGUSSA Stefania INFORMAZIONI PERSONALI

C U R R I C U L U M V I T A E di VALAGUSSA Stefania INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E di INFORMAZIONI PERSONALI Stefania Valagussa PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA ISCRIZIONE NUM. 12636 SEZIONE A DELL ALBO DEGLI PROFESSIONALE DELL ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA LOMBARDIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AGORDO DOCUMENTO PER L'INCLUSIONE SCHEDA DI RILEVAZIONE E OSSERVAZIONE PER L'INDIVIDUAZIONE DI BISOGNO EDUCATIVO SPECIALE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AGORDO DOCUMENTO PER L'INCLUSIONE SCHEDA DI RILEVAZIONE E OSSERVAZIONE PER L'INDIVIDUAZIONE DI BISOGNO EDUCATIVO SPECIALE ISTITUTO COMPRENSIVO DI AGORDO DOCUMENTO PER L'INCLUSIONE SCHEDA DI RILEVAZIONE E OSSERVAZIONE PER L'INDIVIDUAZIONE DI BISOGNO EDUCATIVO SPECIALE Disturbi Specifici di Apprendimento (diagnosticati ma non

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

PASSAPAROLA Sportello Età Evolutiva Società Cooperativa Sociale Disturbi Specifici dell Apprendimento

PASSAPAROLA Sportello Età Evolutiva Società Cooperativa Sociale Disturbi Specifici dell Apprendimento PRONTI PER LA PRIMA Progetto di potenziamento dei prerequisiti dell apprendimento e identificazione precoce delle difficoltà Premessa Le difficoltà di apprendimento rappresentano uno dei più importanti

Dettagli

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA Premessa Dati presenti in letteratura evidenziano che circa il 10% dei bambini che iniziano ad imparare a leggere e a scrivere presenta delle difficoltà che richiedono

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE C.E.R.A.L. Studio di Consulenza Neuropsichiatrica Psicologica Logopedica Psicopedagogica per età evolutiva e adulta. Studio di formazione ed informazione per genitori, insegnanti, professionisti e aziende.

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

FUNZIONI ESECUTIVE E RIABILITAZIONE IN ETA EVOLUTIVA

FUNZIONI ESECUTIVE E RIABILITAZIONE IN ETA EVOLUTIVA FUNZIONI ESECUTIVE E RIABILITAZIONE IN ETA EVOLUTIVA 23 e 24 maggio 2014 Eva Benso Lara Masoero Caterina Pacilli ocosa sono le funzioni esecutive ocenni di neuroanatomia omodelli neuropsicologici di riferimento

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA

NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2012-2013 III Edizione NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA Consorzio Universitario Humanitas in Convenzione con in Collaborazione Scientifica con Consorzio

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

Dott.ssa Carmen Orfanò, Assistente alla Comunicazione. Assistente alla Comunicazione Carmen Orfanò

Dott.ssa Carmen Orfanò, Assistente alla Comunicazione. Assistente alla Comunicazione Carmen Orfanò Dott.ssa Carmen Orfanò, Assistente alla Comunicazione Nelle scuole di ogni ordine e grado gli enti locali hanno l obbligo di fornire l assistenza per l autonomia e la comunicazione personale degli alunni

Dettagli

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 23

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 23 METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 23 Collana a cura di Carlo Caltagirone Carmela Razzano Fondazione Santa Lucia, IRCCS, Roma Prefazione alla collana III Letizia Sabbadini Disturbi specifici del

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

Candela Mariangela. Specializzanda presso la Scuola di Psicoterapia Cognitiva SPC Via Gaetano Trezza, 12-37129 Verona

Candela Mariangela. Specializzanda presso la Scuola di Psicoterapia Cognitiva SPC Via Gaetano Trezza, 12-37129 Verona F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Residenza Domicilio Candela Mariangela Via Roberto Ruffilli, 25, 83030 Savignano Irpino - AV Via Manara Valgimigli, 6/int.5, 35125 Padova

Dettagli

Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD)

Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Direzione scientifica: Prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

Tutoring psicoeducativo: Sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD)

Tutoring psicoeducativo: Sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Tutoring psicoeducativo: Sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Direzione scientifica: Prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

Master Online DSA & ADHD Programma Completo

Master Online DSA & ADHD Programma Completo a cura di Laura Barbirato Master Online DSA & ADHD Programma Completo Primo modulo: Come individuare i segnali di rischio di DISLESSIA, DISGRAFIA, DISCALCULIA, DISORTOGRAFIA indicatori, predittori e manifestazioni

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

PROGETTO ORA SI 121 Circolo didattico in associazione con IdO Istituto di Ortofonologia

PROGETTO ORA SI 121 Circolo didattico in associazione con IdO Istituto di Ortofonologia PROGETTO ORA SI 121 Circolo didattico in associazione con IdO Istituto di Ortofonologia Bambini e insegnanti per Osservare Ricercare Apprendere con Successo Insieme 1 La dislessia ha cause sconosciute:

Dettagli

DENOMINAZIONE PRODUTTORE DESCRIZIONE DISABILITÀ TIPO ORDINE SCOLASTICO

DENOMINAZIONE PRODUTTORE DESCRIZIONE DISABILITÀ TIPO ORDINE SCOLASTICO DENOMINAZIONE PRODUTTORE DESCRIZIONE DISABILITÀ TIPO ORDINE SCOLASTICO 1 ALLENARE LE ABILITÀ VISUO-SPAZIALI 10 Giochi per migliorare le strategie di apprendimento + 2 ANALISI VISIVA DEI GRAFEMI Apprendimento

Dettagli

Centro Studi e Ricerche per la Mediazione Scolastica e Familiare. ad Orientamento Sistemico e per il Counselling Sistemico-Relazionale

Centro Studi e Ricerche per la Mediazione Scolastica e Familiare. ad Orientamento Sistemico e per il Counselling Sistemico-Relazionale Centro Studi e Ricerche per la Mediazione Scolastica e Familiare ad Orientamento Sistemico e per il Counselling Sistemico-Relazionale P.IVA 02554170122 C.F. 91029450128 - Sede legale: Corso Italia, 62

Dettagli

PROTOCOLLO D INTERVENTO PER FAVORIRE UNA DIDATTICA INCLUSIVA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI D APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D INTERVENTO PER FAVORIRE UNA DIDATTICA INCLUSIVA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI D APPRENDIMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Via Famiglia Riccardi 2 24027 Nembro (Bg) Tel: 035 520709-035 4127675 / Fax: 035 520709 C.F. 95118440163 C.M.

Dettagli

Il Metodo Drezancic nel trattamento dei DSL e della disprassia verbale. Primo programma audio-fono-psicomotorio: fascia d età 6 mesi - 3 anni

Il Metodo Drezancic nel trattamento dei DSL e della disprassia verbale. Primo programma audio-fono-psicomotorio: fascia d età 6 mesi - 3 anni Il Metodo Drezancic nel trattamento dei DSL e della disprassia verbale. Primo programma audio-fono-psicomotorio: fascia d età 6 mesi - 3 anni Firenze, 5 e 6 novembre Hotel Centrale Via dei Conti 3 Docente:

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

OPERATIVO-PRATICO. Master Diagnosi e Trattamento dei disturbi Specifici dell Apprendimento SEDI DI ROMA E MILANO

OPERATIVO-PRATICO. Master Diagnosi e Trattamento dei disturbi Specifici dell Apprendimento SEDI DI ROMA E MILANO Master Diagnosi e Trattamento dei disturbi Specifici dell Apprendimento SEDI DI ROMA E MILANO CREDITI ECM Edizione 2016 Premessa e Obiettivi master sui disturbi specifici dell apprendimento I disturbi

Dettagli

Master Strumenti e Tecniche per la Diagnosi Psicologica 50 CREDITI ECM PER MEDICI E PSICOLOGI OPERATIVO PRATICO. Ufficialmente riconosciuto dal

Master Strumenti e Tecniche per la Diagnosi Psicologica 50 CREDITI ECM PER MEDICI E PSICOLOGI OPERATIVO PRATICO. Ufficialmente riconosciuto dal OPERATIVO PRATICO Master Strumenti e Tecniche per la Diagnosi Psicologica Ufficialmente riconosciuto dal 50 CREDITI ECM PER MEDICI E PSICOLOGI Edizione 2015 Premessa e Obiettivi La psicodiagnostica si

Dettagli

DSM IV. B) L anomalia di scorrevolezza interferisce con i risultati scolastici o lavorativi, oppure con la comunicazione sociale.

DSM IV. B) L anomalia di scorrevolezza interferisce con i risultati scolastici o lavorativi, oppure con la comunicazione sociale. DSM - IV DSM IV B) L anomalia di scorrevolezza interferisce con i risultati scolastici o lavorativi, oppure con la comunicazione sociale. C) Se è presente un deficit motorio della parola o un deficit sensoriale,

Dettagli

GIORNATE DI FORMAZIONE DSA. Disturbi specifici di apprendimento casi clinici profilo funzionale e proposte di intervento

GIORNATE DI FORMAZIONE DSA. Disturbi specifici di apprendimento casi clinici profilo funzionale e proposte di intervento GIORNATE DI FORMAZIONE DSA Disturbi specifici di apprendimento casi clinici profilo funzionale e proposte di intervento LOGOPEDISTE M.Piscitelli, I.Razzano,G.Monica CMR CENTRO MEDICO ERRE in collaborazione

Dettagli

Training neuropsicologici

Training neuropsicologici ATTENZIONE BAMBINI A SCUOLA! IV CONVEGNO REGIONALE A.I.D.A.I. TOSCANA Training neuropsicologici Prato 31 gennaio 2015 Palazzo Vescovile Giovanni Squitieri Psicologo, psicoterapeuta, specialista in Neuropsicologia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome/Cognome Formenti Marina Indirizzo 6, Via Vitale Sala, 23870, Cernusco Lombardone (LC), Italia Telefono 039-9906263

Dettagli

Mi aiuti? Formazione di tutor professionali per il supporto extra-scolastico a studenti con difficoltà di apprendimento, DSA e ADHD.

Mi aiuti? Formazione di tutor professionali per il supporto extra-scolastico a studenti con difficoltà di apprendimento, DSA e ADHD. Mi aiuti? Formazione di tutor professionali per il supporto extra-scolastico a studenti con difficoltà di apprendimento, DSA e ADHD. CORSO BASE Programma Maggio-Luglio 2015 Corso organizzato e tenuto da

Dettagli

REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA

REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA www.qualisoft.org PREMESSA Nel mese di giugno 2004 l'aree onlus - Associazione Regionale Età Evolutiva - di Cagliari ha organizzato

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA E FORENSE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA E FORENSE In collaborazione con CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA E FORENSE VALUTAZIONE CLINICA, INFANTILE E AMBITO GIURIDICO MAGGIO 2014 - MILANO 60 ORE 50 CREDITI E.C.M 1 PRESENTAZIONE E OBIETTIVI

Dettagli

Sezione di Potenza. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza

Sezione di Potenza. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Sezione di Potenza SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Gennaio 2014 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Neuropsichiatria

Dettagli

misurazione delle funzioni cognitive specifiche

misurazione delle funzioni cognitive specifiche DIAGNOSTICA PSICOLOGICA lezione! Paola Magnano paola.magnano@unikore.it misurazione delle funzioni cognitive specifiche test di attenzione prova di tempi di reazione semplici: richiede un attenzione psicofisiologica;

Dettagli

Da diverse fonti viene suggerito anche per indagare i DSA (Disturbi Specifici Dell Apprendimento) un approccio NEUROPSICOLOGICO

Da diverse fonti viene suggerito anche per indagare i DSA (Disturbi Specifici Dell Apprendimento) un approccio NEUROPSICOLOGICO Francesco Benso Docente di Psicologia Fisiologica Università di Genova Disturbi di Apprendimento: Approfondimenti e Riflessioni Le memorie e l attenzione come aspetti sottostanti ai disturbi dell apprendimento

Dettagli

Test e strumenti di valutazione psicologica e educativa. Collana diretta da Cesare Cornoldi e Luigi Pedrabissi

Test e strumenti di valutazione psicologica e educativa. Collana diretta da Cesare Cornoldi e Luigi Pedrabissi Test e strumenti di valutazione psicologica e educativa Collana diretta da Cesare Cornoldi e Luigi Pedrabissi Enrico Savelli, Stefano Franceschi e Barbara Fioravanti speed Screening Prescolare Età Evolutiva

Dettagli

DISLESSIA e. DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO

DISLESSIA e. DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO DISLESSIA e DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO Quadro clinico del disturbo Il modello standard della lettura Modelli teorici interpretativi Definizione dei DSA Quadri clinici principali A cura di :

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

La clinica dei DSA negli studenti di Scuola secondaria di II grado e nei giovani adulti

La clinica dei DSA negli studenti di Scuola secondaria di II grado e nei giovani adulti Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi La clinica dei DSA negli studenti di Scuola secondaria di II grado e nei giovani adulti

Dettagli

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema»

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Francesca Scortichini psicologa Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Riabilitazione

Dettagli

PREREQUISITI DELLA SCRITTURA IN SCUOLA MATERNA

PREREQUISITI DELLA SCRITTURA IN SCUOLA MATERNA Corso di formazione per insegnanti della Scuola dell Infanzia Scuola dell Infanzia I.C. Centallo Villafalletto PREREQUISITI DELLA SCRITTURA IN SCUOLA MATERNA Dott.ssa Marta Rivera Terapista della Neuro

Dettagli

Carlo Alberto Zerbini. albertozer@alice.it

Carlo Alberto Zerbini. albertozer@alice.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Carlo Alberto Zerbini Telefono 3398183520 Fax E-mail albertozer@alice.it Nazionalità Italiana Data di nascita 22/03/1979 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

PARTE PRIMA. Offerta Formativa in Regione Lombardia

PARTE PRIMA. Offerta Formativa in Regione Lombardia PARTE PRIMA Offerta Formativa in Regione Lombardia Di seguito saranno presentati i Corsi di Laurea di Area psicologica (Triennale e Magistrale) che sono stati attivati nell A.A. 2011/1012 nel panorama

Dettagli

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE STRUTTURA GENERALE DEI CORSI DI LAUREA E SISTEMA DEI "CREDITI" In base alla riforma universitaria (D.M. 3.11.99 n. 09) l impegno dello studente (frequenza dei corsi

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. Neuropsichiatra Infantile

GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. Neuropsichiatra Infantile ALLEGATO D GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Neuropsichiatria Infantile - Torino Lista dei componenti del gruppo: S.C. Neuropsichiatria Infantile ASL 1 - Torino Dott.ssa

Dettagli

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente Nazionale AIRIPA 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Difficoltà a scuola In tutto il mondo, moltissime famiglie

Dettagli

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione PSICOLOGIA COGNITIVA Studia le reazioni ed i comportamenti di soggetti

Dettagli

REQUISITI DI ACCESSO FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI

REQUISITI DI ACCESSO FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI Corso di laurea Magistrale in PSICOLOGIA (D.M. 70/0 LM51) scheda informativa - piano di studi regolamento e norme didattiche - attività formative: obiettivi specifici. Scheda informativa Sede didattica:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOSCARO LORENA Telefono 335 6798588 Fax E-mail lorena.boscaro@ virgilio.it Nazionalità italiana Data di nascita

Dettagli

Centro per l Età Evolutiva

Centro per l Età Evolutiva Centro per l Età Evolutiva Studio Associato di Psicologia Clinica Formazione Ricerca CHI SIAMO Il Centro per l Età Evolutiva è uno Studio Associato di Psicologia che ha sede a Bergamo e svolge la propria

Dettagli

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA?

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? ADHD: STRUTTURARE L AMBIENTE E MIGLIORARE IL COMPORTAMENTO CTI ADRIA ROVIGO E BADIA POLESINE INCONTRI LABORATORIALI

Dettagli

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato Analizza/Confronta medie ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107 t-test test e confronto tra medie chi quadrato C.d.L. Comunicazione e Psicologia a.a. 2008/09 Medie Calcola medie e altre statistiche

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

LE DIFFICOLTA NELLA PIANIFICAZIONE MOTORIA: DISAPRASSIA E DISGRAFIA INDICAZIONI PER IL TRATTAMENTO.

LE DIFFICOLTA NELLA PIANIFICAZIONE MOTORIA: DISAPRASSIA E DISGRAFIA INDICAZIONI PER IL TRATTAMENTO. LE DIFFICOLTA NELLA PIANIFICAZIONE MOTORIA: DISAPRASSIA E DISGRAFIA INDICAZIONI PER IL TRATTAMENTO. Elena Mazza, Giovanna Schieroni, Lara Malgeri, Valentina Paoli La premessa fondamentale, entrando nel

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

GO - NO GO: sviluppare la concentrazione e l autoregolazione nei bambini a rischio DDAI

GO - NO GO: sviluppare la concentrazione e l autoregolazione nei bambini a rischio DDAI XVI CONGRESSO \ AIAMC PESCARA 25-28 OTTOBRE 2012 Benessere e consapevolezza in psicoterapia: Nuove tendenze nell approccio cognitivo comportamentale GO - NO GO: sviluppare la concentrazione e l autoregolazione

Dettagli

Informazioni personali. Istruzione e formazione. Via Ronchi 24, 20134, Milano, Italia Cellulare +39 340 4876657 gaia.pasculli@live.

Informazioni personali. Istruzione e formazione. Via Ronchi 24, 20134, Milano, Italia Cellulare +39 340 4876657 gaia.pasculli@live. Informazioni personali Nome / Cognome Gaia Pasculli Indirizzo Via Ronchi 24, 20134, Milano, Italia Cellulare +39 340 4876657 E-mail gaia.pasculli@live.com Cittadinanza Italiana Data di nascita 08/06/1984

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

Via Renato Fucini, 59 00042 Anzio (RM) 328 87 65 109 sararuggeripsicologia@gmail.com www.sararuggeri.it

Via Renato Fucini, 59 00042 Anzio (RM) 328 87 65 109 sararuggeripsicologia@gmail.com www.sararuggeri.it Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Sara Ruggeri Via Renato Fucini, 59 00042 Anzio (RM) 328 87 65 109 sararuggeripsicologia@gmail.com www.sararuggeri.it Sesso F Data di nascita 12/04/1983 Nazionalità

Dettagli

via SP Taurisano-Casarano, km 11, 73056 Taurisano (Italia) 3298819859 ileniacarangelo@gmail.com

via SP Taurisano-Casarano, km 11, 73056 Taurisano (Italia) 3298819859 ileniacarangelo@gmail.com Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Carangelo Ilenia via SP Taurisano-Casarano, km 11, 73056 Taurisano (Italia) 3298819859 ileniacarangelo@gmail.com Sesso Femminile Data di nascita 12 maggio 1986 Nazionalità

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

La discalculia: strategie operative

La discalculia: strategie operative La discalculia: strategie operative 00 000 00 0 000 000 0 29 aprile 200 OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE: 00 000 00 0 000 000 0 L intelligenza numerica La discalculia evolutiva Indicazioni didattiche per

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi L intelligenza Cos è l intelligenza? Non è un abilità cognitiva unitaria Non è un abilità cognitiva generale Non è innata Non

Dettagli

Parent training per l ADHD

Parent training per l ADHD Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Parent training per l ADHD Programma CERG: sostegno cognitivo, emotivo e relazionale dei

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L24) (Coordinatore: Prof.ssa A. M. Parroco)

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L24) (Coordinatore: Prof.ssa A. M. Parroco) CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L24) (Coordinatore: Prof.ssa A. M. Parroco) Scuola di Scienze Umane e del Patrimonio Culturale (Presidente: Prof. G. Cusimano) Dipartimento

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A.

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. ASL 5 Pisa Eziologia L ADHD è un disturbo ad eziologia multifattoriale

Dettagli

VALUTAZIONE PSICOLOGICA: strumenti e ambiti applicativi

VALUTAZIONE PSICOLOGICA: strumenti e ambiti applicativi PROGRAMMA DETTAGLIATO 1 INCONTRO: 9 Maggio VALUTAZIONE PSICOLOGICA: strumenti e ambiti applicativi (Prof. Giuseppe Fabiano Direttore Dipartimento Salute Mentale ASL RM-H Distretto Anzio Nettuno) Anamnesi,

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI Art.5 D.M. n 5669 del 12.7.2011; Linee guida per il diritto allo studio degli studenti con

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

NON SOLO DSA. DIFFICOLTA DI ATTENZIONE E DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA (ADHD)

NON SOLO DSA. DIFFICOLTA DI ATTENZIONE E DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA (ADHD) 6 marzo 2015 Auditorium museo di scienze Brescia Dott.ssa Erminia Botturi Pedagogista clinica Formatrice AID Formatrice AIDAI NON SOLO DSA. DIFFICOLTA DI ATTENZIONE E DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Centro Territoriale per l Inclusione MI EST Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Patrizia Pezzoni Unità Operativa Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli

Dettagli

Rivista Italiana di Logopedia

Rivista Italiana di Logopedia DIRETTORE RESPONSABILE Antonio R. De Caria antonio.decaria@amplifon.com COMITATO DI DIREZIONE Eleonora Carravieri Antonio R. De Caria COMITATO SCIENTIFICO Sandro Burdo - Varese Eleonora Carravieri - Milano

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Fulvio Giardina Fabio Lucidi Giulio Vidotto Presidente CNOP Presidente AIP Presidente CPA

Fulvio Giardina Fabio Lucidi Giulio Vidotto Presidente CNOP Presidente AIP Presidente CPA Executive Summary: L attività quotidiana nella Scuola è intessuta di eventi e interventi a forte implicanza psicologica. Eppure, la presenza della Psicologia a Scuola è relativamente modesta. L Associazione

Dettagli

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com DSA: Diversi Strumenti per l Apprendimento La Relazione clinica Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com Il PEP dello studente, in linea

Dettagli

ADHD DIAGNOSI E IMPLICAZIONI FAMILIARI E SCOLASTICHE

ADHD DIAGNOSI E IMPLICAZIONI FAMILIARI E SCOLASTICHE Cesena 11 aprile 2012 Furio Lambruschi Daniela Fabbri ADHD DIAGNOSI E IMPLICAZIONI FAMILIARI E SCOLASTICHE AUSL - Cesena Scuola Bolognese di Psicoterapia Cognitiva Fattori centrali nell ADHD n Limitato

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

OPERATIVO-PRATICO. Master in Psicologia Scolastica. CREDITI ECM PER PSICOLOGI - Tirocinio e Supervisione

OPERATIVO-PRATICO. Master in Psicologia Scolastica. CREDITI ECM PER PSICOLOGI - Tirocinio e Supervisione Master in Psicologia Scolastica CREDITI ECM PER PSICOLOGI - Tirocinio e Supervisione Edizione 2016 Obiettivi La psicologia scolastica è certamente uno dei settori disciplinari della psicologia che, negli

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

Titolo progetto: Correlazione genotipo-fenotipo in pazienti con la Sindrome di PraderWilli

Titolo progetto: Correlazione genotipo-fenotipo in pazienti con la Sindrome di PraderWilli Titolo progetto: Correlazione genotipo-fenotipo in pazienti con la Sindrome di PraderWilli Descrizione: La Sindrome di Prader-Willi (PW) è una malattia genetica, colpisce entrambi i sessi ed ha un incidenza

Dettagli

Strumenti compensativi e misure dispensative nei disturbi specifici di apprendimento

Strumenti compensativi e misure dispensative nei disturbi specifici di apprendimento Strumenti compensativi e misure dispensative nei disturbi specifici di apprendimento dr. Antonio Salandi IRCCS E. MEDEA La Nostra Famiglia - Bosisio Parini - Lc antonio.salandi@bp.lnf.it SENATO DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Le funzioni esecutive nello sviluppo normale e patologico: dalla valutazione al trattamento

Le funzioni esecutive nello sviluppo normale e patologico: dalla valutazione al trattamento Le funzioni esecutive nello sviluppo normale e patologico: dalla valutazione al trattamento Docenti: Giovanni Masciarelli Iurato Enrico Razionale del corso 13, 14 e 15 novembre 2015 Villa Eur Parco dei

Dettagli

Concetto di potenza statistica

Concetto di potenza statistica Calcolo della numerosità campionaria Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona Concetto di potenza statistica 1 Accetto H 0 Rifiuto H 0 Ipotesi Nulla (H

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PERCHE ABILITAZIONE/ RIABILITAZIONE? DISLESSIA ACQUISITA Rieducazione e riabilitazione DISLESSIA EVOLUTIVA

Dettagli

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Azienda Ospedaliera G. Salvini Garbagnate Milanese Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza. CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Direttore: prof. Giuseppe

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in psicologia dell educazione e delle disabilità trubini.chiara@libero.it Con la pubblicazione

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

Process Counseling Master

Process Counseling Master Process Counseling Master MODELLI E STRUMENTI DI COUNSELING SPORTIVO Il percorso Per chi si occupa di sport a livello professionistico, dilettantistico e giovanile (atleti e allenatori, dirigenti sportivi

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli