Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario"

Transcript

1 Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario Il punto di vista di Accenture Giovanni Andrea Incarnato ABI Costi&Business 2006 Roma, 3 ottobre 2006

2 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 2 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

3 Modello di governo della spesa Scenario attuale L attuazione dei piani di sviluppo, su cui si sono focalizzati i principali player italiani, ha prodotto un aumento medio dei costi operativi del 4,3%. Ad una focalizzazione sulla contrazione delle spese del personale, cresciute solo del 2,3%, ha fatto da contraltare un aumento delle ASA pari a +4,1%. In calo gli ammortamenti, scesi del 3,4%. Cost Income al 31/12/2005, mln Var.% YoY BPU 50,4% - 2,5 p.p. Intesa 50,6% - 3,7 p.p. BPVN 52,7% - 7,7 p.p. Unicredit SPIMI BNL MPS BPI 54,2% 54,3% 55,4% 56,7% 57,1% - 0,1 p.p. - 8,8 p.p. - 5,6 p.p. - 6,6 p.p. -1,4 p.p. Il cost to income dei player italiani si riduce di 3,6 p.p. portandosi al 54,4% BPM 58,4% -0,8 p.p. Capitalia 62,0% -0,8 p.p. Fonte: Accenture Research Media ponderata 54,4% -3,6 p.p. Per i Gruppi bancari italiani, stante un gap di competitività da recuperare dai best performer europei, è necessario passare da una logica di cost cutting ad una logica di cost management o di governo della spesa 3 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

4 Modello di governo della spesa Le principali criticità riscontrate Al fine del raggiungimento di target di contrazione dei costi operativi considerati accettabili è necessario che i Gruppi bancari attivino programmi di miglioramento del governo della spesa tendenti ad armonizzare regole, processi e applicativi - Principali criticità riscontrate dei modelli di governo della spesa - Processi Organizzazione Sistemi Processi eterogenei di gestione degli acquisti presso le società del Gruppo Necessità di estendere l Albo dei Fornitori ed il relativo ranking a livello di Gruppo Elevato livello di operatività non automatizzata ed eterogeneità dei sistemi di gestione del ciclo passivo anche per la presenza di metriche, piani dei conti di costo, livelli di dettaglio delle informazioni differenti tra le società del gruppo Difficoltà di valutazione dei costi / benefici dei progetti strategici in fase autorizzativa Difficoltà di attivazione di metodologie di Performance Management di Gruppo Le Funzioni di Cost Reporting riconciliano e consolidano i dati di Gruppo ma svolgono solo parzialmente le attività di Governance sui costi Le Funzioni P&C non sempre presidiano i processi operativi di Acquisto e gli Enti Gestori gestiscono il sourcing di specifiche categorie merceologiche Ogni Società del Gruppo adotta specifiche regole di gestione degli acquisti (RdA, Sourcing, Gestione Contratti, Ordini e Fatturazione Passiva) A livello di Gruppo l eterogeneità dei sistemi fornisce aree di riduzione dei costi ma anche opportunità di estensione delle best practice interne Consolidamento delle informazioni per la produzione del reporting di costing di Gruppo supportata da strumentazione non istituzionale (excel, access, ) Sistemi istituzionali non sufficienti alla copertura totale dei processi operativi 4 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

5 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 5 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

6 Modello di governo della spesa Ambito Il governo della spesa deve permettere la realizzazione di una struttura dei costi definita, gestibile nel tempo, e coerente con gli obiettivi strategici dell azienda - Governo della spesa - Budget di acquisto Analisi della spesa Aree di intervento Supply chain management Controllo della spesa Formazione domanda interna Assessment Planning Execution Control La gestione della spesa deve mantenere allineata la domanda interna alle esigenze del business, pianificando il fabbisogno e attivando il processo di gestione del mercato dell offerta: La visibilità sulla spesa e sui fabbisogni in relazione ai piani del business Il coinvolgimento degli utenti interni in un sistema di gestione collaborativa della domanda La gestione del parco fornitori supportata da un sistema di controllo (vendor evaluation) Il monitoraggio dei risultati nel tempo, dotandosi di un cruscotto di procurement intelligence 6 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

7 Modello di governo della spesa Processi e attività Per questo esistono processi essenziali che devono essere governati per garantire un efficace ed efficiente governo della spesa e degli investimenti Analisi e controllo della spesa Planning Execution - Governo della spesa - Definizione delle strategie di governo della spesa (regolamento spese e investimenti); Definizione, attivazione e presidio del modello di Performance Management (sia operative che economiche); Monitoraggio del consumo e degli eventuali scostamenti; Presidio della contabilità analitica/industriale (regole, processi e sistemi informativi) Presidio della domanda interna condizionandone i volumi e la composizione; Elaborazione del budget degli investimenti e degli oneri operativi (costi di funzionamento); Definizione delle strategie di approvvigionamento ( strategic sourcing ); Definizione e presidio delle politiche e processi di acquisto (es. Albo Fornitori di Gruppo) Per poter conseguire i benefici derivanti dallo svolgimento di queste attività è necessario individuare chiaramente Ruoli e responsabilità degli attori che partecipano al processo, le Regole e i necessari sistemi informativi 7 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

8 Modello di governo della spesa Ruoli e responsabilità Indipendentemente dalle soluzioni organizzative adottate gli attori di un modello evoluto di governo della spesa possono essere articolati in due categorie: Unità di Governance ed Unità Operative - Governo della spesa - Cost Manager Ente Acquisto UNITA CENTRALI DI GOVERNANCE Definizione delle strategie di cost reduction Definizione, attivazione e presidio del modello di Performance Management (regole e processi) Partecipazione alla elaborazione del budget di investimenti e delle spese Monitoraggio degli scostamenti su investimenti, costi operativi e spending Presidio della contabilità analitica/industriale Supporto al sistema incentivante Regole Controlli Definizione delle attività di strategic sourcing Definizione e presidio dei processi di acquisto che soddisfano la domanda con il ricorso al mercato Coordinamento della domanda interna condizionandone i volumi e la composizione Definizione degli accordi quadro Presidio dell albo fornitori di gruppo e del relativo ranking Processo di Pianificazione Investimenti Regole Controlli Richieste d acquisto Perfezionamento Contratti UNITA OPERATIVE Ente Gestore della spesa Ente Richiedente (Cliente interno) Ente Realizzatore Responsabilità amministrativa e gestionale per voce di costo Budget e verifiche di consumo Responsabilità dell utilizzo delle risorse aziendali per lo svolgimento della propria attività Responsabilità di soddisfare -sia nei progetti sia nella gestione correntei fabbisogni necessari per lo svolgimento delle attività aziendali 8 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

9 Modello di governo della spesa Regole e sistemi informativi Regole e sistemi informativi omogenei rappresentano i principali fattori abilitanti il modello di governo della spesa da adottare Regole Sistemi informativi Disporre di un Modello di Controllo e di un Regolamento di Gruppo delle spese e degli investimenti che abilitino: l estensione di eventuali best practice nel Gruppo attraverso la standardizzazione di regole, processi e strumenti; l omogeneizzazione dei piani dei conti delle voci di costo e delle regole gestionali di contabilità analitica/industriale Disporre di sistemi applicativi di eccellenza ed omogenei a livello di Gruppo per: il governo centralizzato di processi operativi e regole; l automazione nella raccolta (tempi e qualità) delle informazioni dalla periferia verso le strutture centrali di Governo e la realizzazione di sistemi di business intelligence in grado attivare azioni mirate di indirizzo; l abilitazione del processo di normalizzazione/progressiva riduzione dei costi delle applicazioni, dei processi operativi e delle strutture dedicate al governo della spesa La divulgazione di regole comuni e l implementazione di sistemi informativi centralizzati rappresentano la condizione necessaria per indurre comportamenti individuali e collettivi virtuosi 9 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

10 Modello di governo della spesa Regole Per uniformare i comportamenti e diffondere la cultura del governo collaborativo della spesa occorre utilizzare nomenclatura e regole comuni Regolamento spese e investimenti di Gruppo Processi Operativi / Circolari attuative - Attività - Definizione dei ruoli e delle responsabilità nel processo di gestione della spesa Definizione delle famiglie di classi merceologiche oggetto di trattamento omogeneo (cluster) Definizione del macro processo di acquisto (gestione della spesa) per cluster omogenei Definizione delle regole per la gestione di: grandi contratti, ossia impegni pluriennali con fornitori in conto esercizio spese a cavallo dell esercizio di budget spese in continuità (es: utenze) Redazione Glossario e Regolamento Definizione delle circolari per cluster omogenei: disegno dei processi operativi di gestione della spesa e degli investimenti declinazione sull attuale struttura organizzativa di ruoli e responsabilità Manuali operativi Redazione dei manuali operativi Il Regolamento ha in definitiva l obiettivo di normare la gestione delle spese (in conto esercizio) e degli investimenti (in conto capitale) definendo ambiti, responsabilità e processi 10 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

11 Modello di governo della spesa I sistemi informativi (1/2) Una piattaforma unica di governo della spesa di Gruppo può essere così schematicamente rappresentata Gestione processo Ciclo passivo Contabilità Civile/Fiscale Gestione processi Real Estate Richiesta Acquisto Ordine Acquisto Entrata merce/ servizio Controllo fattura Cespiti Contratto d affitto Liquidazione competenze Gestione ratei Fornitori Clienti Piano dei Conti Contabilità Analitica Centro di di Responsabilità Centro di di Costo Ordine Interno Progetto/ Commessa (WBS) Gestione Personale (Time Management) Centro di di Profitto Tableau de Board 11 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

12 Consuntivo (Impegnato) Consuntivo (Speso) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Budget Anno Precedente (Speso) Modello di governo della spesa I sistemi informativi (2/2) Il potenziamento delle capacità di analisi e di controllo derivante dall implementazione di una piattaforma informativa unica diventerebbe significativo - Analisi della Spesa - - Analisi Investimenti - Volume complessivo di Spesa a livello Gruppo, Società, CdR, Ente Gestore, etc. Composizione della spesa per natura/destinazione Composizione della spesa per rapporto di fornitura Distribuzione temporale della spesa Composizione della spesa per Prodotti/Segmenti di Clientela per Società e a livello di Gruppo Volume complessivo di Investimenti a livello Gruppo, Società, Analisi per Enti Realizzatori e Business Owner Segmentazione degli Investimenti per Progetti ed analisi del grado di raggiungimento obiettivi Distribuzione temporale della spesa/realizzazione Analisi capitalizzazione e ammortamenti Esemplificativo Scostamenti Piano di Impresa Consuntivo 2003 Budget 2004 ICT Scostamento budget/consuntivato / impegnato Possibilità di drill down per Società, CdR, Voce di Spesa, con RdA, OdA etc. Progetto ABC M1 M2 M3 M n Attività 1 Attività 2 Attività n Progetti Gestione progetti (SAL e scostamenti sul pianificato) Possibilità di drill down Progetti, Fasi, Attività Andamentale Analisi dei trend basata sull andamento di KPI per periodo di riferimento Possibilità di drill down per Società, CdR, Voce di Spesa Scomposizione Rappresentazione per componenti di spesa Possibilità di drill down sulle componenti Budget Acquisto Hardware (c/c) Acquisto Software (c/c) Leasing Hardware Consuntivo 12 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

13 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 13 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

14 I Modelli organizzativi Modelli alternativi Il governo della spesa di un Gruppo può evolvere secondo tre modelli alternativi: Attività Ente Gestore Capo Gruppo Banche Altre Società Privilegia l efficienza a livello Gruppo Decentrato Intermedio Accentrato Budget Autorizzazione Spesa Acquisto Richiesta Spesa Budget Richiesta Spesa Autorizzazione Spesa Acquisto Budget Richiesta Spesa Autorizzazione Spesa Acquisto Responsabilità di conseguimento degli obiettivi di spesa e di qualità dei servizi in capo ad un unico Ente a livello di Gruppo (Ente Gestore) Coordinamento tra Ente Gestore e cliente interno nella fase di pianificazione operativa delle iniziative. Massimo accentramento delle autorizzazioni di spesa in capo all Ente Gestore Combina efficienza/efficacia a livello Gruppo Corresponsabilità dell Ente Gestore e del cliente interno nella definizione e nel conseguimento degli obiettivi di spesa e di qualità dei servizi Sana dialettica tra cliente interno e Ente Gestore per valutare nel merito l opportunità e la modalità di realizzazione degli interventi Accentramento autorizzazione alla spesa (E.G.) Privilegia l efficacia in periferia Responsabilità del conseguimento degli obiettivi di spesa in capo alle Business Unit che negoziano autonomamente qualità e livelli di servizio con gli enti realizzatori e di sostenibilità dei risultati Autorizzazione della spesa e modalità di acquisto decentrate 14 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

15 Modello di governo della spesa Il percorso realizzativo Un ipotetico percorso realizzativo del modello di governo della spesa si può articolare nelle seguenti fasi 1 Definizione e implementazione del 2 Definizione e attivazione della struttura 3 modello operativo di Gruppo organizzativa di Gruppo Esternalizzazione di processi non strumentali all attività bancaria Obiettivi Razionalizzazione/standardizzazione di regole, processi operativi e sistemi informativi di Gruppo Evoluzione del modello organizzativo di Gruppo e razionalizzazione delle strutture organizzative in ottica di centralizzazione Esternalizzazione di processi amministrativi/operativi no core Risultati attesi Adozione di un Regolamento di Gruppo che abiliti processi, regole e comportamenti omogenei Centralizzazione del governo della spesa e creazione di un patrimonio informativo di Gruppo Gestione della domanda interna correlata ai piani di business e improntata al conseguimento di economie di scala/scopo Adozione di strumenti innovativi di acquisto (e-procurement) Attivazione di strutture specialistiche a livello di Capogruppo ad esempio attraverso la costituzione di Share Services Center e/o centralizzazione della Funzione Acquisti (economie di scopo) Eliminazione delle duplicazioni di ruolo a fronte dell efficientamento dei processi amministrativi e operativi (economie di scala) Ulteriori riduzioni dello spending di Gruppo Ricollocazione delle risorse specialistiche su altre aree funzionali della banca a maggior valore aggiunto 15 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

16 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 16 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

17 Situazione attuale Principali evidenze Un esperienza effettuata su un Gruppo Bancario multispecialist avente l obiettivo di rilevare le aree di miglioramento dell attuale modello di governo della spesa, ha portato alla proposizione di un modello organizzativo evolutivo e alla ridefinizione del Regolamento di Gruppo Ambiti di spesa Costo del Personale Addetto Spese amm. per il Personale Governance Retail Consuntivo 2004 Piano 2007 Corporate Banche Società Governace Retail Corporate Banche Società Area di forte incremento della spesa Spese e investimenti controllate Enti Gestori Beni e Servizi ICT Immobili e Servizi di supporto Pubblicit à e Media Altre spese (**) Consulenze Totale 80% 84% (4.339) 20% 16% 79% 81% 20% 19% (1.073) (863) (4.510) (1.073) (1.069) Spese e investimenti attivati in quasi totale autonomia da parte degli Enti detentori del budget con processi e sistemi applicativi a supporto eterogenei Totale consuntivo 2004 Totale piano 2007 Ad oggi solo una parte delle spese del Gruppo sono sotto il diretto governo della Capogruppo e si assiste ad un graduale aumento delle aree di spesa non direttamente controllate 17 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

18 Situazione attuale Value proposition L adozione di un modello organizzativo e di un regolamento delle spese e degli investimenti comuni al Gruppo nonché di una piattaforma applicativa rappresentano i tre passaggi fondamentali per la realizzazione di un nuovo modello di governo della spesa che permetta di superare le criticità attuali 10 Regole e Processi Copertura Gruppo rispetto best practice 90 - Risultanze assessment - La mancanza di un Regolamento delle spese e degli investimenti di Gruppo e la conseguente eterogeneità di regole e processi: rende difficile l interpretazione e l analisi dei dati da parte delle strutture centralizzate di Governo della spesa limitandone le capacità di indirizzo; non consente l adozione di comportamenti individuali e collettivi omogenei nella gestione dei processi operativi d acquisto 10 Sistemi Informativi Copertura Gruppo rispetto best practice 90 L eterogeneità dei sistemi informativi a livello di Gruppo: non consente un ulteriore contenimento dei costi delle strutture, dei processi operativi e dei sistemi applicativi dedicati al presidio della spesa; rende onerosa e poco efficace l acquisizione delle informazioni gestionali dalla periferia verso la Capogruppo e non consente l implementazione di un patrimonio informativo centralizzato presso la Capogruppo; limita la possibilità di implementare cruscotti di analisi sulle dimensioni gestionali (per destinazione, per natura, struttura organizzativa, etc.) specifiche del governo della spesa 18 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

19 I Modelli organizzativi evolutivi Considerazioni La scelta del modello di governo della spesa ha un rilevante impatto sulla Governance del Gruppo. Il Gruppo dovrà decidere tra due modelli verso cui tendere: Governare la spesa di Gruppo mediante Unità di Responsabilizzazione con forte indirizzo strategico - Ente Gestore - (Modello Accentrato/Intermedio) Lasciare autonomia alle singole Direzioni/Divisioni/Società nel governo delle spese di propria competenza (Modello Decentrato) Regole (deleghe, anagrafiche, etc.) Accentrato/Intermedio Standardizzate Decentrato Coerenti con gli indirizzi della Capogruppo Processi Omogenei Eterogenei Sistemi Informativi a supporto Unico/Integrati Eterogenei 19 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

20 Modello di governo della spesa Il Regolamento Il Regolamento ridefinito ha portato a normare la gestione delle spese e degli investimenti a livello Gruppo Al fine di consentire una chiara e diretta attribuzione delle responsabilità, le singole voci di spese e di investimento sono state organizzate in ambiti omogenei (ICT, media, immobiliari, ) che si riflettono nella specializzazione degli Enti di Acquisto In linea con le mission delle singole Strutture organizzative coinvolte, per ciascun ambito omogeneo di spesa: sono stati definiti ruoli e responsabilità delle singole Direzioni coinvolte nelle varie fasi del processo di gestione delle spese e degli investimenti è stata individuata un unità organizzativa: l Ente di indirizzo e governo (o Ente Gestore) responsabile di specifiche categorie di spesa e di investimento garantendo il conseguimento dei livelli di efficacia e di efficienza attesi Definisce gli indirizzi relativi alle spese e agli investimenti di competenza, in coerenza con le linee guida definite dal vertice aziendale Partecipa al processo di pianificazione operativa (capital budget e budget degli oneri operativi) Assicura la coerenza delle iniziative di investimento e delle richieste di spesa con gli indirizzi definiti, intervenendo nella valutazione dei fabbisogni per l area di competenza Per le nature di spesa per le quali è assegnatario di budget, autorizza l ente realizzatore a procedere all attivazione della spesa Controlla l andamento delle spese e degli investimenti di competenza 20 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

21 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 21 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

22 Conclusioni Il fattore critico di successo per il raggiungimento di un governo della spesa efficace ed efficiente è rappresentato dall implementazione di modelli organizzativi che vedano anche il coinvolgimento di una struttura di Governance deputata all indirizzo e controllo della spesa: il Cost manager La capacità e il risultato dei sistemi organizzativi evolve con la loro maturità ed è necessario esercitare un azione costante di progettazione, gestione e monitoraggio del cambiamento perché questa evoluzione supporti le strategie aziendali e le esigenze del business Inoltre, l efficacia della struttura operativa dedita al governo della spesa dipende dal grado di implementazione, in termini qualitativi e quantitativi, dei processi, dalla qualità delle risorse e dal loro impiego condizionando l attuazione delle strategie di gestione e il raggiungimento degli obiettivi 22 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

ABI Costi & Business Cost Management Optimization

ABI Costi & Business Cost Management Optimization ABI Costi & Business Cost Management Optimization Il Percorso Evolutivo I principali player stanno adottando modelli sempre più evoluti e completi per coniugare obiettivi di saving di breve termine con

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Un Sistema Integrato per la Gestione dei costi

Un Sistema Integrato per la Gestione dei costi Un Sistema Integrato per la Gestione dei costi Roma, 23 Ottobre 2013 Sono presenti spazi di miglioramento sia nella governance dei costi sia nei modelli di determinazione della redditività secondo le diverse

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

Consip S.p.A. Obiettivi e prospettive per la razionalizzazione degli acquisti della PA. Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato

Consip S.p.A. Obiettivi e prospettive per la razionalizzazione degli acquisti della PA. Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Consip S.p.A. Obiettivi e prospettive per la razionalizzazione degli acquisti della PA Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Roma, 30 gennaio 2012 1 Macro Trend in atto nella PA In un momento

Dettagli

Slides sulle opportunità per le imprese tratte dal documento presentato del dott. Angelo Paris, Direttore del Settore Pianificazione, Acquisti e

Slides sulle opportunità per le imprese tratte dal documento presentato del dott. Angelo Paris, Direttore del Settore Pianificazione, Acquisti e Slides sulle opportunità per le imprese tratte dal documento presentato del dott. Angelo Paris, Direttore del Settore Pianificazione, Acquisti e Progetti di Expo 2015 S.p.A. alla riunione del Comitato

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti BUDGET ICT SCG-L11 Pagina 0 di 17 OBIETTIVI DELLA LEZIONE SPIEGARE LE LOGICHE DI COSTRUZIONE DEL BUDGET ICT

Dettagli

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES In un contesto in rapida evoluzione e sempre più marcata competitività a livello globale per le aziende la focalizzazione sul core

Dettagli

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.)

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) Il gestore unico della sicurezza in azienda Quando la sicurezza va in rete IVU Global Service S.r.l. (gruppoivu S.p.A.) Via RinaMonti, 15 00155 Roma Tel +39

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS.

Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS. Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS. Milano, 10 febbraio 2011 Il modello del polo captive del credito al consumo Sintesi La situazione iniziale Il modello di business target Il credito al consumo

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Nuove sfide per gli acquisti del settore bancario: scenari, opportunità, ruolo delle tecnologie

Nuove sfide per gli acquisti del settore bancario: scenari, opportunità, ruolo delle tecnologie Nuove sfide per gli acquisti del settore bancario: scenari, opportunità, ruolo delle tecnologie Paolo Chiaverini Amministratore Delegato i-faber S.p.A. MAGGIORE CENTRALITÀ DEGLI ACQUISTI NELLE AZIENDE:

Dettagli

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione.

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Interventi di Business Value

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia A cura di: Andrea Martino, Direttore Generale ARCA Massimiliano Inzerillo,

Dettagli

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010 IL Mercato Elettronico della PA Cagliari, 10 giugno 2010 MEPA - Cos è Il Mercato Elettronico della P.A., gestito da Consip per conto del MEF, è un mercato digitale all interno del quale i fornitori abilitati

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management Incentive & Performance Management La soluzione per informatizzare e gestire il processo di Performance Management Il contesto di riferimento La performance, e di conseguenza la sua gestione, sono elementi

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio.

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. ABILab Forum 2012 Milano 28-29 Marzo Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. Il caso Banco Desio Marcello Sala Responsabile Area Organizzazione

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli

PA Digitale: do more with less

PA Digitale: do more with less PA Digitale: do more with less Gli acquisti elettronici della PA: stato dell arte e prospettive Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Roma, 30 maggio 2013 Consip èuna società del 1 Procurement

Dettagli

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014 TXT e-solutions Passion for Quality Marzo 2014 TXT e-solutions S.p.A. Fornitore Internazionale di prodotti e soluzioni software dedicati a Grandi Clienti Un azienda solida, con budget raggiunti e bilanci

Dettagli

STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT

STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT CICLO BUYER Date e Sedi Milano, sede da definire 20/02/2014 dalle ore 10:30 alle ore 17:30 21/02/2014 dalle ore 09:30 alle ore 16:30 Roma, sede da definire 06/03/2014

Dettagli

di filiali, sportelli e uffici di direzione

di filiali, sportelli e uffici di direzione Modello logistico per l approvvigionamento Modello logistico per l approvvigionamento di filiali, sportelli e uffici di direzione Gli interventi di Business Value Business Value esprime un forte know-how,

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

Poste Italiane S.p.A.

Poste Italiane S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Innovation public procurement : come la PA può essere driver d innovazione Roma, 26 Maggio 2015 2 Rilevanza strategica del cambiamento In un contesto sempre più competitivo, l area

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Processi e Risk Assessment nel Gruppo Reale Mutua 23/05/2013

Processi e Risk Assessment nel Gruppo Reale Mutua 23/05/2013 Processi e Risk Assessment nel Gruppo Reale Mutua 23/05/2013 Agenda 1. Il Gruppo Reale Mutua 2. Il progetto BPM 3. Il processo di Control Risk Self Assessment 4. Le sfide del futuro Il Gruppo Reale Mutua

Dettagli

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni Tavolo Tecnico Interassociativo per la Tavolo Standardizzazione Tecnico Interassociativo dei Fondi per la standardizzazione dei fondi Comuni Presentazione delle LINEE GUIDA INTERASSOCIATIVE PER LA STANDARDIZZAZIONE

Dettagli

Consip S.p.A. ForumPa 2012. Innovazione nel procurement pubblico: comportamenti e strumenti

Consip S.p.A. ForumPa 2012. Innovazione nel procurement pubblico: comportamenti e strumenti Consip S.p.A. ForumPa 2012 Innovazione nel procurement pubblico: comportamenti e strumenti Luca Mastrogregori Consip Spa Area Strategie Innovative di Acquisto luca.mastrogregori@tesoro.it Roma, 16 maggio

Dettagli

Utilizzo degli strumenti di BI per una PA più efficiente: la visione di SAS

Utilizzo degli strumenti di BI per una PA più efficiente: la visione di SAS Utilizzo degli strumenti di BI per una PA più efficiente: la visione di SAS Luigi Costa Sales Support Manager SAS Forum PA 2006 9 Maggio 2006 Copyright 2004, SAS Institute Inc. All rights reserved. Agenda

Dettagli

La Trasformazione Digitale dei processi HCM: il nuovo paradigma as a service.

La Trasformazione Digitale dei processi HCM: il nuovo paradigma as a service. La Trasformazione Digitale dei processi HCM: il nuovo paradigma as a service. Giorgio Angeli Managing Director Accenture Technology Andrea Brambilla SuccessFactors Competence Center - Accenture Technology

Dettagli

Sistemi Informativi e Creazione di valore

Sistemi Informativi e Creazione di valore Sistemi Informativi e Creazione di valore ZXCZXCZX 21 ottobre 2009 Evento OPTA Contesto: Evoluzione delle problematiche From Giorni Locale/semplice Statici/semplici 3 5 anni Definiti Bassa/Manuale Produttività

Dettagli

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice Utilizzo di un servizio di consulenza (contrattualizzato) ad un costo aggiuntivo Non si avvale di un servizio/contratto di consulenza ad

Dettagli

Codice Pagamenti Responsabili Value Proposition BNL. Roma, maggio 2014

Codice Pagamenti Responsabili Value Proposition BNL. Roma, maggio 2014 Codice Pagamenti Responsabili Value Proposition BNL Roma, maggio 2014 Agenda I. Descrizione e finalità dell iniziativa II. Commitment di BNL sull iniziativa 2 I. Descrizione e Finalità dell iniziativa

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora I poteri della dirigenza come datore di lavoro (Art. 5, comma

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione Principali logiche organizzative: La Direzione Risorse Umane e Organizzazione ridefinisce il proprio

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14 La gestione della tesoreria anticipata Da Basilea 2 a Basilea 3 Credit Crunch! Ad oggi i rapporti con le banche rappresentano un area di criticità per le aziende. Con l avvicinarsi di Basilea 3 lo scenario

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

DECRETO n. 269 del 24/05/2013

DECRETO n. 269 del 24/05/2013 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Il Global Service a supporto degli studi professionali nella gestione delle attività non core. Plurima inizia la sua attività a metà degli anni 90, proponendo per

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

LOGISAN S.p.A. Company Profile

LOGISAN S.p.A. Company Profile Company Profile tel.0552373019 - fax tel. 0552374069 - Pag. 1/7 Chi Siamo Nata nel 2004 dall'esigenza di un gruppo di strutture sanitarie Logisan è un azienda che aggrega il potere di acquisto e mette

Dettagli

Contabilità e fiscalità pubblica

Contabilità e fiscalità pubblica Contabilità e fiscalità pubblica Corso 60 ore Negli ultimi anni è in corso un consistente sforzo - che partendo dal piano normativo si ripercuote sull ordinamento e sulla gestione contabile di tutte le

Dettagli

Shared Services Centers

Shared Services Centers Creating Value Through Innovation Shared Services Centers IBM Global Business Services Definizione di Shared Services Center (SSC) I Centri di Servizio Condivisi (Shared Services Center SSC) sono: Organizzazioni

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Divisione Private Banking Incontro con le OO.SS. 17 Febbraio 2016

Divisione Private Banking Incontro con le OO.SS. 17 Febbraio 2016 Incontro con le OO.SS. 17 Febbraio 2016 Agenda Piano Strategico e principali eventi 2015 Risultati economici 2015 Principali Iniziative e progetti 2016 1 Mission Mission La Divisione Private Banking è

Dettagli

GRUPPO BIPIELLE LE METODOLOGIE DI CONTROLLO DEI COSTI NEGLI ISTITUTI DI CREDITO: L ESPERIENZA DEL. Marco Biffi Responsabile Cost Control

GRUPPO BIPIELLE LE METODOLOGIE DI CONTROLLO DEI COSTI NEGLI ISTITUTI DI CREDITO: L ESPERIENZA DEL. Marco Biffi Responsabile Cost Control LE METODOLOGIE DI CONTROLLO DEI COSTI NEGLI ISTITUTI DI CREDITO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO BIPIELLE Marco Biffi Responsabile Cost Control Convegno ABI Costi & Business Roma, 4 novembre 2002 AGENDA BREVE

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO: IL CASO BENSON IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO IL CASO BENSON. Pagina 1

IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO: IL CASO BENSON IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO IL CASO BENSON. Pagina 1 IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO IL CASO BENSON Pagina 1 BUSINESS CHALLENGE LA SOCIETÀ DI RIFERIMENTO È UNA DELLE PRINCIPALI IMPRESE INDUSTRIALE NEL SETTORE DEL PACKAGING. SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

Dettagli

IL MONITORAGGIO DEI COSTI DI FUNZIONAMENTO

IL MONITORAGGIO DEI COSTI DI FUNZIONAMENTO IL MONITORAGGIO DEI COSTI DI FUNZIONAMENTO STRUMENTI PER L INNOVAZIONE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CONFERENZA DEI SERVIZI DI CONTROLLO DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME partner delle Amministrazioni

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO?

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE Domanda di beni che l azienda utilizza a scopo interno oppure

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE: AREA COMUNE (INCLUSIVA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE) Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2427

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2427 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2427 Piano Operativo Sistema Informativo per il monitoraggio della spesa del Servizio Sanitario Regionale. Approvazione. L Assessore al Welfare,

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE PER LA GOVERNANCE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

IL BILANCIO SOCIALE PER LA GOVERNANCE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE IL BILANCIO SOCIALE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE STRUMENTI PER L INNOVAZIONE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE UNA GUIDA ALLA PROGETTAZIONE E ALLE OPZIONI REALIZZATIVE FORUM PA partner delle Amministrazioni

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Marco Gentili Area Governo e Monitoraggio delle Forniture ICT 1 Area Governo e Monitoraggio Forniture ICT Governo

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Raul Mattaboni, Direttore Generale Prometeia Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 Febbraio 2007 Questo documento

Dettagli

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget»

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Authorized and regulated by the Financial Services Authority L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Il processo di investimento

Dettagli

Rinascimento della Manifattura Bolognese

Rinascimento della Manifattura Bolognese Bologna, 28/03/2013 Rinascimento della Manifattura Bolognese Progetto UNINDUSTRIA-CNA con il contributo di 0 Agenda: 17.00-17.20 Apertura dei Lavori Mauro Ferri - Presidente PROTESA SpA 17.20-17.50 Presentazione

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

PIANO DEGLI INVESTIMENTI

PIANO DEGLI INVESTIMENTI 1 Scopo Lo scopo di questa procedura è quello definire le modalità operative seguite dall Azienda per la definizione del Piano degli Investimenti, quale documento integrato nella pianificazione economico-finanziaria

Dettagli

IS Governance in action: l esperienza di eni

IS Governance in action: l esperienza di eni IS Governance in action: l esperienza di eni eni.com Giancarlo Cimmino Resp. ICT Compliance & Risk Management Contenuti L ICT eni: mission e principali grandezze IS Governance: il modello organizzativo

Dettagli

L'innovazione come DNA Aziendale. L'utilizzo della tecnologia RFId come facilitatore dello sviluppo.

L'innovazione come DNA Aziendale. L'utilizzo della tecnologia RFId come facilitatore dello sviluppo. L'innovazione come DNA Aziendale. L'utilizzo della tecnologia RFId come facilitatore dello sviluppo. Alessandro Rosi Firenze 29 Aprile 2011 Mission del progetto 1- Innovare le modalità di gestione della

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Patrimonio & Acquisti nella P.A.

Patrimonio & Acquisti nella P.A. Patrimonio & Acquisti nella P.A. Workshop VERSO NUOVI MODELLI DI GESTIONE DEGLI ACQUISTI Roma 19 marzo 2003 Individuazione e studio di best practice nella P.A. italiana in materia di e-procurement Presentazione

Dettagli