Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario"

Transcript

1 Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario Il punto di vista di Accenture Giovanni Andrea Incarnato ABI Costi&Business 2006 Roma, 3 ottobre 2006

2 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 2 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

3 Modello di governo della spesa Scenario attuale L attuazione dei piani di sviluppo, su cui si sono focalizzati i principali player italiani, ha prodotto un aumento medio dei costi operativi del 4,3%. Ad una focalizzazione sulla contrazione delle spese del personale, cresciute solo del 2,3%, ha fatto da contraltare un aumento delle ASA pari a +4,1%. In calo gli ammortamenti, scesi del 3,4%. Cost Income al 31/12/2005, mln Var.% YoY BPU 50,4% - 2,5 p.p. Intesa 50,6% - 3,7 p.p. BPVN 52,7% - 7,7 p.p. Unicredit SPIMI BNL MPS BPI 54,2% 54,3% 55,4% 56,7% 57,1% - 0,1 p.p. - 8,8 p.p. - 5,6 p.p. - 6,6 p.p. -1,4 p.p. Il cost to income dei player italiani si riduce di 3,6 p.p. portandosi al 54,4% BPM 58,4% -0,8 p.p. Capitalia 62,0% -0,8 p.p. Fonte: Accenture Research Media ponderata 54,4% -3,6 p.p. Per i Gruppi bancari italiani, stante un gap di competitività da recuperare dai best performer europei, è necessario passare da una logica di cost cutting ad una logica di cost management o di governo della spesa 3 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

4 Modello di governo della spesa Le principali criticità riscontrate Al fine del raggiungimento di target di contrazione dei costi operativi considerati accettabili è necessario che i Gruppi bancari attivino programmi di miglioramento del governo della spesa tendenti ad armonizzare regole, processi e applicativi - Principali criticità riscontrate dei modelli di governo della spesa - Processi Organizzazione Sistemi Processi eterogenei di gestione degli acquisti presso le società del Gruppo Necessità di estendere l Albo dei Fornitori ed il relativo ranking a livello di Gruppo Elevato livello di operatività non automatizzata ed eterogeneità dei sistemi di gestione del ciclo passivo anche per la presenza di metriche, piani dei conti di costo, livelli di dettaglio delle informazioni differenti tra le società del gruppo Difficoltà di valutazione dei costi / benefici dei progetti strategici in fase autorizzativa Difficoltà di attivazione di metodologie di Performance Management di Gruppo Le Funzioni di Cost Reporting riconciliano e consolidano i dati di Gruppo ma svolgono solo parzialmente le attività di Governance sui costi Le Funzioni P&C non sempre presidiano i processi operativi di Acquisto e gli Enti Gestori gestiscono il sourcing di specifiche categorie merceologiche Ogni Società del Gruppo adotta specifiche regole di gestione degli acquisti (RdA, Sourcing, Gestione Contratti, Ordini e Fatturazione Passiva) A livello di Gruppo l eterogeneità dei sistemi fornisce aree di riduzione dei costi ma anche opportunità di estensione delle best practice interne Consolidamento delle informazioni per la produzione del reporting di costing di Gruppo supportata da strumentazione non istituzionale (excel, access, ) Sistemi istituzionali non sufficienti alla copertura totale dei processi operativi 4 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

5 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 5 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

6 Modello di governo della spesa Ambito Il governo della spesa deve permettere la realizzazione di una struttura dei costi definita, gestibile nel tempo, e coerente con gli obiettivi strategici dell azienda - Governo della spesa - Budget di acquisto Analisi della spesa Aree di intervento Supply chain management Controllo della spesa Formazione domanda interna Assessment Planning Execution Control La gestione della spesa deve mantenere allineata la domanda interna alle esigenze del business, pianificando il fabbisogno e attivando il processo di gestione del mercato dell offerta: La visibilità sulla spesa e sui fabbisogni in relazione ai piani del business Il coinvolgimento degli utenti interni in un sistema di gestione collaborativa della domanda La gestione del parco fornitori supportata da un sistema di controllo (vendor evaluation) Il monitoraggio dei risultati nel tempo, dotandosi di un cruscotto di procurement intelligence 6 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

7 Modello di governo della spesa Processi e attività Per questo esistono processi essenziali che devono essere governati per garantire un efficace ed efficiente governo della spesa e degli investimenti Analisi e controllo della spesa Planning Execution - Governo della spesa - Definizione delle strategie di governo della spesa (regolamento spese e investimenti); Definizione, attivazione e presidio del modello di Performance Management (sia operative che economiche); Monitoraggio del consumo e degli eventuali scostamenti; Presidio della contabilità analitica/industriale (regole, processi e sistemi informativi) Presidio della domanda interna condizionandone i volumi e la composizione; Elaborazione del budget degli investimenti e degli oneri operativi (costi di funzionamento); Definizione delle strategie di approvvigionamento ( strategic sourcing ); Definizione e presidio delle politiche e processi di acquisto (es. Albo Fornitori di Gruppo) Per poter conseguire i benefici derivanti dallo svolgimento di queste attività è necessario individuare chiaramente Ruoli e responsabilità degli attori che partecipano al processo, le Regole e i necessari sistemi informativi 7 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

8 Modello di governo della spesa Ruoli e responsabilità Indipendentemente dalle soluzioni organizzative adottate gli attori di un modello evoluto di governo della spesa possono essere articolati in due categorie: Unità di Governance ed Unità Operative - Governo della spesa - Cost Manager Ente Acquisto UNITA CENTRALI DI GOVERNANCE Definizione delle strategie di cost reduction Definizione, attivazione e presidio del modello di Performance Management (regole e processi) Partecipazione alla elaborazione del budget di investimenti e delle spese Monitoraggio degli scostamenti su investimenti, costi operativi e spending Presidio della contabilità analitica/industriale Supporto al sistema incentivante Regole Controlli Definizione delle attività di strategic sourcing Definizione e presidio dei processi di acquisto che soddisfano la domanda con il ricorso al mercato Coordinamento della domanda interna condizionandone i volumi e la composizione Definizione degli accordi quadro Presidio dell albo fornitori di gruppo e del relativo ranking Processo di Pianificazione Investimenti Regole Controlli Richieste d acquisto Perfezionamento Contratti UNITA OPERATIVE Ente Gestore della spesa Ente Richiedente (Cliente interno) Ente Realizzatore Responsabilità amministrativa e gestionale per voce di costo Budget e verifiche di consumo Responsabilità dell utilizzo delle risorse aziendali per lo svolgimento della propria attività Responsabilità di soddisfare -sia nei progetti sia nella gestione correntei fabbisogni necessari per lo svolgimento delle attività aziendali 8 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

9 Modello di governo della spesa Regole e sistemi informativi Regole e sistemi informativi omogenei rappresentano i principali fattori abilitanti il modello di governo della spesa da adottare Regole Sistemi informativi Disporre di un Modello di Controllo e di un Regolamento di Gruppo delle spese e degli investimenti che abilitino: l estensione di eventuali best practice nel Gruppo attraverso la standardizzazione di regole, processi e strumenti; l omogeneizzazione dei piani dei conti delle voci di costo e delle regole gestionali di contabilità analitica/industriale Disporre di sistemi applicativi di eccellenza ed omogenei a livello di Gruppo per: il governo centralizzato di processi operativi e regole; l automazione nella raccolta (tempi e qualità) delle informazioni dalla periferia verso le strutture centrali di Governo e la realizzazione di sistemi di business intelligence in grado attivare azioni mirate di indirizzo; l abilitazione del processo di normalizzazione/progressiva riduzione dei costi delle applicazioni, dei processi operativi e delle strutture dedicate al governo della spesa La divulgazione di regole comuni e l implementazione di sistemi informativi centralizzati rappresentano la condizione necessaria per indurre comportamenti individuali e collettivi virtuosi 9 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

10 Modello di governo della spesa Regole Per uniformare i comportamenti e diffondere la cultura del governo collaborativo della spesa occorre utilizzare nomenclatura e regole comuni Regolamento spese e investimenti di Gruppo Processi Operativi / Circolari attuative - Attività - Definizione dei ruoli e delle responsabilità nel processo di gestione della spesa Definizione delle famiglie di classi merceologiche oggetto di trattamento omogeneo (cluster) Definizione del macro processo di acquisto (gestione della spesa) per cluster omogenei Definizione delle regole per la gestione di: grandi contratti, ossia impegni pluriennali con fornitori in conto esercizio spese a cavallo dell esercizio di budget spese in continuità (es: utenze) Redazione Glossario e Regolamento Definizione delle circolari per cluster omogenei: disegno dei processi operativi di gestione della spesa e degli investimenti declinazione sull attuale struttura organizzativa di ruoli e responsabilità Manuali operativi Redazione dei manuali operativi Il Regolamento ha in definitiva l obiettivo di normare la gestione delle spese (in conto esercizio) e degli investimenti (in conto capitale) definendo ambiti, responsabilità e processi 10 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

11 Modello di governo della spesa I sistemi informativi (1/2) Una piattaforma unica di governo della spesa di Gruppo può essere così schematicamente rappresentata Gestione processo Ciclo passivo Contabilità Civile/Fiscale Gestione processi Real Estate Richiesta Acquisto Ordine Acquisto Entrata merce/ servizio Controllo fattura Cespiti Contratto d affitto Liquidazione competenze Gestione ratei Fornitori Clienti Piano dei Conti Contabilità Analitica Centro di di Responsabilità Centro di di Costo Ordine Interno Progetto/ Commessa (WBS) Gestione Personale (Time Management) Centro di di Profitto Tableau de Board 11 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

12 Consuntivo (Impegnato) Consuntivo (Speso) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Budget Anno Precedente (Speso) Modello di governo della spesa I sistemi informativi (2/2) Il potenziamento delle capacità di analisi e di controllo derivante dall implementazione di una piattaforma informativa unica diventerebbe significativo - Analisi della Spesa - - Analisi Investimenti - Volume complessivo di Spesa a livello Gruppo, Società, CdR, Ente Gestore, etc. Composizione della spesa per natura/destinazione Composizione della spesa per rapporto di fornitura Distribuzione temporale della spesa Composizione della spesa per Prodotti/Segmenti di Clientela per Società e a livello di Gruppo Volume complessivo di Investimenti a livello Gruppo, Società, Analisi per Enti Realizzatori e Business Owner Segmentazione degli Investimenti per Progetti ed analisi del grado di raggiungimento obiettivi Distribuzione temporale della spesa/realizzazione Analisi capitalizzazione e ammortamenti Esemplificativo Scostamenti Piano di Impresa Consuntivo 2003 Budget 2004 ICT Scostamento budget/consuntivato / impegnato Possibilità di drill down per Società, CdR, Voce di Spesa, con RdA, OdA etc. Progetto ABC M1 M2 M3 M n Attività 1 Attività 2 Attività n Progetti Gestione progetti (SAL e scostamenti sul pianificato) Possibilità di drill down Progetti, Fasi, Attività Andamentale Analisi dei trend basata sull andamento di KPI per periodo di riferimento Possibilità di drill down per Società, CdR, Voce di Spesa Scomposizione Rappresentazione per componenti di spesa Possibilità di drill down sulle componenti Budget Acquisto Hardware (c/c) Acquisto Software (c/c) Leasing Hardware Consuntivo 12 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

13 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 13 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

14 I Modelli organizzativi Modelli alternativi Il governo della spesa di un Gruppo può evolvere secondo tre modelli alternativi: Attività Ente Gestore Capo Gruppo Banche Altre Società Privilegia l efficienza a livello Gruppo Decentrato Intermedio Accentrato Budget Autorizzazione Spesa Acquisto Richiesta Spesa Budget Richiesta Spesa Autorizzazione Spesa Acquisto Budget Richiesta Spesa Autorizzazione Spesa Acquisto Responsabilità di conseguimento degli obiettivi di spesa e di qualità dei servizi in capo ad un unico Ente a livello di Gruppo (Ente Gestore) Coordinamento tra Ente Gestore e cliente interno nella fase di pianificazione operativa delle iniziative. Massimo accentramento delle autorizzazioni di spesa in capo all Ente Gestore Combina efficienza/efficacia a livello Gruppo Corresponsabilità dell Ente Gestore e del cliente interno nella definizione e nel conseguimento degli obiettivi di spesa e di qualità dei servizi Sana dialettica tra cliente interno e Ente Gestore per valutare nel merito l opportunità e la modalità di realizzazione degli interventi Accentramento autorizzazione alla spesa (E.G.) Privilegia l efficacia in periferia Responsabilità del conseguimento degli obiettivi di spesa in capo alle Business Unit che negoziano autonomamente qualità e livelli di servizio con gli enti realizzatori e di sostenibilità dei risultati Autorizzazione della spesa e modalità di acquisto decentrate 14 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

15 Modello di governo della spesa Il percorso realizzativo Un ipotetico percorso realizzativo del modello di governo della spesa si può articolare nelle seguenti fasi 1 Definizione e implementazione del 2 Definizione e attivazione della struttura 3 modello operativo di Gruppo organizzativa di Gruppo Esternalizzazione di processi non strumentali all attività bancaria Obiettivi Razionalizzazione/standardizzazione di regole, processi operativi e sistemi informativi di Gruppo Evoluzione del modello organizzativo di Gruppo e razionalizzazione delle strutture organizzative in ottica di centralizzazione Esternalizzazione di processi amministrativi/operativi no core Risultati attesi Adozione di un Regolamento di Gruppo che abiliti processi, regole e comportamenti omogenei Centralizzazione del governo della spesa e creazione di un patrimonio informativo di Gruppo Gestione della domanda interna correlata ai piani di business e improntata al conseguimento di economie di scala/scopo Adozione di strumenti innovativi di acquisto (e-procurement) Attivazione di strutture specialistiche a livello di Capogruppo ad esempio attraverso la costituzione di Share Services Center e/o centralizzazione della Funzione Acquisti (economie di scopo) Eliminazione delle duplicazioni di ruolo a fronte dell efficientamento dei processi amministrativi e operativi (economie di scala) Ulteriori riduzioni dello spending di Gruppo Ricollocazione delle risorse specialistiche su altre aree funzionali della banca a maggior valore aggiunto 15 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

16 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 16 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

17 Situazione attuale Principali evidenze Un esperienza effettuata su un Gruppo Bancario multispecialist avente l obiettivo di rilevare le aree di miglioramento dell attuale modello di governo della spesa, ha portato alla proposizione di un modello organizzativo evolutivo e alla ridefinizione del Regolamento di Gruppo Ambiti di spesa Costo del Personale Addetto Spese amm. per il Personale Governance Retail Consuntivo 2004 Piano 2007 Corporate Banche Società Governace Retail Corporate Banche Società Area di forte incremento della spesa Spese e investimenti controllate Enti Gestori Beni e Servizi ICT Immobili e Servizi di supporto Pubblicit à e Media Altre spese (**) Consulenze Totale 80% 84% (4.339) 20% 16% 79% 81% 20% 19% (1.073) (863) (4.510) (1.073) (1.069) Spese e investimenti attivati in quasi totale autonomia da parte degli Enti detentori del budget con processi e sistemi applicativi a supporto eterogenei Totale consuntivo 2004 Totale piano 2007 Ad oggi solo una parte delle spese del Gruppo sono sotto il diretto governo della Capogruppo e si assiste ad un graduale aumento delle aree di spesa non direttamente controllate 17 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

18 Situazione attuale Value proposition L adozione di un modello organizzativo e di un regolamento delle spese e degli investimenti comuni al Gruppo nonché di una piattaforma applicativa rappresentano i tre passaggi fondamentali per la realizzazione di un nuovo modello di governo della spesa che permetta di superare le criticità attuali 10 Regole e Processi Copertura Gruppo rispetto best practice 90 - Risultanze assessment - La mancanza di un Regolamento delle spese e degli investimenti di Gruppo e la conseguente eterogeneità di regole e processi: rende difficile l interpretazione e l analisi dei dati da parte delle strutture centralizzate di Governo della spesa limitandone le capacità di indirizzo; non consente l adozione di comportamenti individuali e collettivi omogenei nella gestione dei processi operativi d acquisto 10 Sistemi Informativi Copertura Gruppo rispetto best practice 90 L eterogeneità dei sistemi informativi a livello di Gruppo: non consente un ulteriore contenimento dei costi delle strutture, dei processi operativi e dei sistemi applicativi dedicati al presidio della spesa; rende onerosa e poco efficace l acquisizione delle informazioni gestionali dalla periferia verso la Capogruppo e non consente l implementazione di un patrimonio informativo centralizzato presso la Capogruppo; limita la possibilità di implementare cruscotti di analisi sulle dimensioni gestionali (per destinazione, per natura, struttura organizzativa, etc.) specifiche del governo della spesa 18 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

19 I Modelli organizzativi evolutivi Considerazioni La scelta del modello di governo della spesa ha un rilevante impatto sulla Governance del Gruppo. Il Gruppo dovrà decidere tra due modelli verso cui tendere: Governare la spesa di Gruppo mediante Unità di Responsabilizzazione con forte indirizzo strategico - Ente Gestore - (Modello Accentrato/Intermedio) Lasciare autonomia alle singole Direzioni/Divisioni/Società nel governo delle spese di propria competenza (Modello Decentrato) Regole (deleghe, anagrafiche, etc.) Accentrato/Intermedio Standardizzate Decentrato Coerenti con gli indirizzi della Capogruppo Processi Omogenei Eterogenei Sistemi Informativi a supporto Unico/Integrati Eterogenei 19 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

20 Modello di governo della spesa Il Regolamento Il Regolamento ridefinito ha portato a normare la gestione delle spese e degli investimenti a livello Gruppo Al fine di consentire una chiara e diretta attribuzione delle responsabilità, le singole voci di spese e di investimento sono state organizzate in ambiti omogenei (ICT, media, immobiliari, ) che si riflettono nella specializzazione degli Enti di Acquisto In linea con le mission delle singole Strutture organizzative coinvolte, per ciascun ambito omogeneo di spesa: sono stati definiti ruoli e responsabilità delle singole Direzioni coinvolte nelle varie fasi del processo di gestione delle spese e degli investimenti è stata individuata un unità organizzativa: l Ente di indirizzo e governo (o Ente Gestore) responsabile di specifiche categorie di spesa e di investimento garantendo il conseguimento dei livelli di efficacia e di efficienza attesi Definisce gli indirizzi relativi alle spese e agli investimenti di competenza, in coerenza con le linee guida definite dal vertice aziendale Partecipa al processo di pianificazione operativa (capital budget e budget degli oneri operativi) Assicura la coerenza delle iniziative di investimento e delle richieste di spesa con gli indirizzi definiti, intervenendo nella valutazione dei fabbisogni per l area di competenza Per le nature di spesa per le quali è assegnatario di budget, autorizza l ente realizzatore a procedere all attivazione della spesa Controlla l andamento delle spese e degli investimenti di competenza 20 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

21 Agenda I. Lo scenario attuale II. Il modello di governo della spesa III. I modelli organizzativi IV. Un caso pratico V. Conclusioni 21 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

22 Conclusioni Il fattore critico di successo per il raggiungimento di un governo della spesa efficace ed efficiente è rappresentato dall implementazione di modelli organizzativi che vedano anche il coinvolgimento di una struttura di Governance deputata all indirizzo e controllo della spesa: il Cost manager La capacità e il risultato dei sistemi organizzativi evolve con la loro maturità ed è necessario esercitare un azione costante di progettazione, gestione e monitoraggio del cambiamento perché questa evoluzione supporti le strategie aziendali e le esigenze del business Inoltre, l efficacia della struttura operativa dedita al governo della spesa dipende dal grado di implementazione, in termini qualitativi e quantitativi, dei processi, dalla qualità delle risorse e dal loro impiego condizionando l attuazione delle strategie di gestione e il raggiungimento degli obiettivi 22 Copyright 2006 Accenture All Rights Reserved

Un Sistema Integrato per la Gestione dei costi

Un Sistema Integrato per la Gestione dei costi Un Sistema Integrato per la Gestione dei costi Roma, 23 Ottobre 2013 Sono presenti spazi di miglioramento sia nella governance dei costi sia nei modelli di determinazione della redditività secondo le diverse

Dettagli

ABI Costi & Business Cost Management Optimization

ABI Costi & Business Cost Management Optimization ABI Costi & Business Cost Management Optimization Il Percorso Evolutivo I principali player stanno adottando modelli sempre più evoluti e completi per coniugare obiettivi di saving di breve termine con

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Paolo Manuelli Gruppo Banca Etruria Michele Tanzi Gruppo ObjectWay 1

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Modelli e soluzioni di Cost Governance: Un Caso Concreto

Modelli e soluzioni di Cost Governance: Un Caso Concreto Modelli e soluzioni di Cost Governance: Un Caso Concreto Luca Giossi - Responsabile Ottimizzazione Costi UBI Banca Fabrizio Sarrocco - Responsabile Finance & Performance Management Accenture Roma, 6 ottobre

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti BUDGET ICT SCG-L11 Pagina 0 di 17 OBIETTIVI DELLA LEZIONE SPIEGARE LE LOGICHE DI COSTRUZIONE DEL BUDGET ICT

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12.

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12. LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI Trasferiamo valore economico nella catena di fornitura acquistando volumi consistenti di beni e servizi. Promuoviamo la collaborazione e l efficienza nella catena della fornitura;

Dettagli

LOGISAN S.p.A. Company Profile

LOGISAN S.p.A. Company Profile Company Profile tel.0552373019 - fax tel. 0552374069 - Pag. 1/7 Chi Siamo Nata nel 2004 dall'esigenza di un gruppo di strutture sanitarie Logisan è un azienda che aggrega il potere di acquisto e mette

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.)

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) Il gestore unico della sicurezza in azienda Quando la sicurezza va in rete IVU Global Service S.r.l. (gruppoivu S.p.A.) Via RinaMonti, 15 00155 Roma Tel +39

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

L unica Azienda in Italia con infrastrutture dedicata al Cloud Computing

L unica Azienda in Italia con infrastrutture dedicata al Cloud Computing RECONSULT è una società di servizi con decennale esperienza nel mondo del Credito Cooperativo e in partnership con CloudItalia propone soluzioni innovative per migliorare l efficienza dei processi organizzativi.

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Slides sulle opportunità per le imprese tratte dal documento presentato del dott. Angelo Paris, Direttore del Settore Pianificazione, Acquisti e

Slides sulle opportunità per le imprese tratte dal documento presentato del dott. Angelo Paris, Direttore del Settore Pianificazione, Acquisti e Slides sulle opportunità per le imprese tratte dal documento presentato del dott. Angelo Paris, Direttore del Settore Pianificazione, Acquisti e Progetti di Expo 2015 S.p.A. alla riunione del Comitato

Dettagli

SAP Performance Management

SAP Performance Management SAP Performance Management La soluzione SAP per la Valutazione e per la Gestione delle Risorse Umane SAP Italia Agenda 1. Criticità e Obiettivi nella Gestione delle Risorse Umane 2. L approccio SAP alla

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

La Trasformazione Digitale dei processi HCM: il nuovo paradigma as a service.

La Trasformazione Digitale dei processi HCM: il nuovo paradigma as a service. La Trasformazione Digitale dei processi HCM: il nuovo paradigma as a service. Giorgio Angeli Managing Director Accenture Technology Andrea Brambilla SuccessFactors Competence Center - Accenture Technology

Dettagli

Nuove sfide per gli acquisti del settore bancario: scenari, opportunità, ruolo delle tecnologie

Nuove sfide per gli acquisti del settore bancario: scenari, opportunità, ruolo delle tecnologie Nuove sfide per gli acquisti del settore bancario: scenari, opportunità, ruolo delle tecnologie Paolo Chiaverini Amministratore Delegato i-faber S.p.A. MAGGIORE CENTRALITÀ DEGLI ACQUISTI NELLE AZIENDE:

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

Value proposition RETAIL

Value proposition RETAIL Value proposition RETAIL La problematica Con il perdurare della crisi economico-finanziaria, le aziende di tutti i settori si stanno focalizzando nella ricerca prioritaria di soluzioni che consentano la

Dettagli

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4 White Paper Come affrontare un progetto di Workforce Management, dai Processi Aziendali al Ritorno Dell Investimento L adozione di un sistema integrato di workforce management nel contact center passa

Dettagli

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione.

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Interventi di Business Value

Dettagli

di filiali, sportelli e uffici di direzione

di filiali, sportelli e uffici di direzione Modello logistico per l approvvigionamento Modello logistico per l approvvigionamento di filiali, sportelli e uffici di direzione Gli interventi di Business Value Business Value esprime un forte know-how,

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010 IL Mercato Elettronico della PA Cagliari, 10 giugno 2010 MEPA - Cos è Il Mercato Elettronico della P.A., gestito da Consip per conto del MEF, è un mercato digitale all interno del quale i fornitori abilitati

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Corrado Avesani - CRM 2001 Strumenti evoluti per il rapporto con la clientela Convegno ABI Roma, 14 dicembre 2001 Agenda Multicanalità e CRM Il concetto di multicanalità

Dettagli

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile.

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. 78 Valorizzare in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. FINMECCANICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2011 performance

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Dott. Pierpaolo Agostini Promozione Amministrazioni Territoriali

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo

IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo 07/07/2011 Sommario Verbale... 3 Presentation: IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES : un analisi delle prassi

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio.

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. ABILab Forum 2012 Milano 28-29 Marzo Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. Il caso Banco Desio Marcello Sala Responsabile Area Organizzazione

Dettagli

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia A cura di: Andrea Martino, Direttore Generale ARCA Massimiliano Inzerillo,

Dettagli

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance AMMINISTRAZIONE & FINANZA Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance Amedeo De Luca FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced,

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14 La gestione della tesoreria anticipata Da Basilea 2 a Basilea 3 Credit Crunch! Ad oggi i rapporti con le banche rappresentano un area di criticità per le aziende. Con l avvicinarsi di Basilea 3 lo scenario

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Il Profilo del Gruppo Poste Italiane Il Gruppo Poste Italiane è una

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Proposta d azione per la riorganizzazione del Consorzio e dell ICT pubblica SINTESI

Proposta d azione per la riorganizzazione del Consorzio e dell ICT pubblica SINTESI Proposta d azione per la riorganizzazione del Consorzio e dell ICT pubblica SINTESI 1 Quadro degli interventi 1. La Regione impegna ilcsi nello sviluppo e gestione del sistema informativo sanitario regionale

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Le competenze IT in ambito bancario Università LUISS Guido Carli 8 NOVEMBRE 2010 La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Matteo Lucchetti, Senior Research Analyst, ABI Lab Roma,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione Claudio Lattanzi More Controllo Performance: i dati transazionali ed aggregati in un unico progetto di modellazione Le informazioni sono in continua crescita ma non sempre questo patrimonio aziendale viene

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE Andrea Innocenti PMP CGEIT Banca CR Firenze - Specialista Controllo Service andrea.innocenti@carifirenze.it Monitoraggio e controllo:

Dettagli

sfide del ventunesimo Secolo

sfide del ventunesimo Secolo 21 Century Finance Survey Ottimizzare i le potenzialità, garantire i risultati. ti Il CFO di fronte alle sfide del ventunesimo Secolo Copyright 2013 - Business International È vietata la riproduzione,

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

Milano, 3 Luglio 2010. A cura di Massimo Solbiati

Milano, 3 Luglio 2010. A cura di Massimo Solbiati L evoluzione dei sistemi di reporting: come costruire un cruscotto aziendale per monitorare l efficacia delle strategie aziendali Milano, 3 Luglio 2010 A cura di Massimo Solbiati 1 Agenda Che cosa significa

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES In un contesto in rapida evoluzione e sempre più marcata competitività a livello globale per le aziende la focalizzazione sul core

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing 0 La qualificazione dei Fornitori e degli Appalti Valutare attraverso la raccolta e l analisi

Dettagli

La Business Intelligence a supporto dello sviluppo del business Private Federico Del Prete Responsabile Pianificazione & Controllo

La Business Intelligence a supporto dello sviluppo del business Private Federico Del Prete Responsabile Pianificazione & Controllo La Business Intelligence a supporto dello sviluppo del business Private Federico Del Prete Responsabile Pianificazione & Controllo La presentazione è stata realizzata da Intesa SanPaolo Private Banking

Dettagli

Il ruolo dei sistemi di supporto alle decisioni nel recupero di efficienza aziendale. 18 aprile 2005 Carlo Masseroli

Il ruolo dei sistemi di supporto alle decisioni nel recupero di efficienza aziendale. 18 aprile 2005 Carlo Masseroli Il ruolo dei sistemi di supporto alle decisioni nel recupero di efficienza aziendale 18 aprile 2005 Carlo Masseroli CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT: DEFINIZIONE I SISTEMI DI SUPPORTO ALLE DECISIONI O

Dettagli

STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT

STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT CICLO BUYER Date e Sedi Milano, sede da definire 20/02/2014 dalle ore 10:30 alle ore 17:30 21/02/2014 dalle ore 09:30 alle ore 16:30 Roma, sede da definire 06/03/2014

Dettagli

Dalla condivisione dei dati all analisi delle performance

Dalla condivisione dei dati all analisi delle performance Dalla condivisione dei dati all analisi delle performance Agenda Presentazione Alfa Group Sistemi informativi tradizionali La La soluzione innovativa Gli strumenti Le Le regole del gioco Il Il prototipo

Dettagli

Piano di Formazione 2013

Piano di Formazione 2013 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per le Risorse Umane del Ministero,

Dettagli

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Nicola Generani Responsabile Direzione Marketing Retail - Private Convegno Dimensione Cliente 200 Roma, 26/03/200 Contenuti Overview Gruppo

Dettagli

DECRETO n. 269 del 24/05/2013

DECRETO n. 269 del 24/05/2013 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

ORGANIGRAMMA AQP di 1 livello

ORGANIGRAMMA AQP di 1 livello ORGANIGRAMMA AQP di 1 livello Amministratore Unico Costantino Unità Comunicazione e Relazioni Esterne Palumbo Direzione Tutela Giuridica e Compliance Martellino Direttore Generale Di Donna Unità Sicurezza

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

BPM. Business Performance Monitoring. Think light, think Attitude. Copyright 2005, Attitude S.c.a. r.l. All Rights reserved

BPM. Business Performance Monitoring. Think light, think Attitude. Copyright 2005, Attitude S.c.a. r.l. All Rights reserved BPM Business Performance Monitoring Think light, think Attitude Copyright 2005, Attitude S.c.a. r.l. All Rights reserved LA PIATTAFORMA BPM BPM (Business Performance Monitoring ) Business Performance Monitoring

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO DISCIPLINARE TECNICO per l affidamento del servizio di analisi e progettazione del sistema di programmazione, di bilancio e controllo dell I.N.A.F. Pagina 1 di 10 INDICE DEI CONTENUTI ARTICOLI Pag. 1 Premessa...

Dettagli

Un sistema di valutazione dei fornitori che integra e potenzia i sistemi aziendali di Vendor Assessment

Un sistema di valutazione dei fornitori che integra e potenzia i sistemi aziendali di Vendor Assessment Un sistema di valutazione dei fornitori che integra e potenzia i sistemi di Vendor Assessment Tel. 02 38608265 Fax. 0238608901 Tel. 02 02 72546759 La valutazione del rischio fornitori in meno tempo, riducendo

Dettagli