firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi S Gas t gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 61

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi S Gas t gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 61"

Transcript

1 Gas firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 61

2 NOVEC 1230 [ Ultima generazione dei nostri sistemi di spegnimento chimici Tecnologia sostenibile a lungo termine Garantisce la rapida e sicura estinzione Offre uno dei più alti margini di sicurezza per le persone Nessun impatto negativo sull ambiente, in particolare sul riscaldamento globale ] NOVEC sostenibile, rapido, sicuro e rispettoso dell ambiente 62

3 Sinorix 1230: la tecnologia Siemens per le migliori performance del NOVEC 1230 Il sistema impiega come agente estinguente Novec 1230, prodotto da 3M. Questo ha un impatto sull ambiente e sulla potenziale di riscaldamento globale trascurabile. E stato progettato per proteggere apparecchiature Caratteristiche tecniche Sinorix 1230 Sistema Applicazione Omologazioni / standard Regolamentazione in materia ambientale Caratteristiche Agente Concentrazione di spegnimento GWP (potenziale di riscaldamento globale) ALT (ciclo di vita atmosferica) NOAEL (livello senza adverseeffect osservabile) ODP (potenziale di riduzione dell ozono) delicate e importanti come quelle per il trattamento dei dati sensibili, telecomunicazioni, musei e archivi. Ha la più bassa concentrazione di progetto e un margine di sicurezza superiore di qualsiasi altro clean agent in quanto di bassissima tossicità. Ha un potenziale di riduzione dell ozono pari a 0 e una vita in atmosfera estremamente bassa, solo cinque giorni, elogiandolo eco-friendly. estinzione totale tecnologia 42-bar con ugelli a pressione di 10 bar Ugualmente efficaci per fuochi di classe A e B - Le approvazioni del sistema: VdS, CNPP - Norme di riferimento: ISO , EN 15004, EN Software: VdS - Approvazioni Agente Estiguente: VdS, LPCB, ISO FM-UL, APSAD, NFPA 2001, Testata positivamente, valutato e approvato da varie organizzazioni internazionali (Gelsenkirchen Hygiene Institut, US Environmental Protection Agency, ecc) Nessuna - non è limitato dal regolamento F-gas - non fa parte del protocollo di Kyoto Liquida a pressione atmosferica, incolore, inodore 6-7% Circa giorni 10% 0 firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist gas GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio Sistemi modulari e bombole singole Con tagli da: 7, 16, 32, 67 e 80 litri Le batterie sono incluse di tutti i componenti e cavi di connessione. LA MIGLIOR SOLUZIONE TECNICA E LA MASSIMA QUALITA DISPONIBILE SUL MERCATO 63

4 CDT Sinorix Constant Discharge Technology La piu moderna tecnologia per impianti di estinzione con agenti naturali Sinorix CDT: i vostri vantaggi in sintesi I componenti sono progettati per una pressione di prova di 150 bar (rispetto a 450 bar per il tradizionale tecnologia), il che significa minore costi per l hardware La ridotta turbolenza rende il sistema altamente affidabile per i computere zone sensibili Riduzione delle serrande di sovrapressione circa del 70% L utilizzo di azoto come estinguente è amico dell ambiente e sicuro per le persone ricarica semplice ed economica La pressione di scarica controllata e costante indipendentemente dalle dimensioni dell installazione installazione rende il sistema più sicuro per persone e beni Anche in caso di bloccaggio della valvola di scarico o occlusione della tubazione la pressione nella rete di distribuzione è massimo di 100 bar Nessun residuo dopo la scarica e senza bisogno di pulizia 64

5 Sinorix CDT: tecnologia innovativa per la scarica costante di azoto La tecnologia si basa su bombole a pressione di 300 bar. Una pressione continuativa e limitata, ad un massimo di 60 bar all uscita della valvola, garantisce che il gas venga scaricato ad un ritmo costante nel corso del tempo. Questo riduce la sovra pressione all inizio del processo di estinzione e rende il sistema più sicuro per beni e persone. I componenti del sistema, sono progettati per una pressione di prova di 150 bar rispetto a 450 bar ai sistemi con tecnologia tradizionale, che si traduce in una riduzione dei costi per le per l hardware molto significativi. Anche in caso di bloccaggio della valvola di scarico od occlusione della tubazione, la pressione nella rete di distribuzione rimane al massimo di 100 bar. Dal momento che l azoto puro è disponibile ovunque, il processo di ricarica è più facile, più economico e più veloce rispetto ad altre tecnologie con agenti chimici che utilizzano altri gas naturali o miscele. Sistemi modulari e bombole singole Con tagli da: 80 litri Le batterie sono incluse di tutti i componenti e cavi di connessione. firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist gas GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio la massima sicurezza nelle installazioni con gas inerti 65

6 INERT Siex Un sistema per tutti gli estinguenti naturali La tradizione naturale al serviziodella tecnica: affidabilità e performance INERT Siex: i vostri vantaggi in sintesi Un solo sistema bombole, valvole, accessori per impianti con qualsiasi agente inerte voi vogliate scegliere sia esso IG01, IG 100, IG55 o IG541 Il sistema tradizionale con riduzione della pressione tramite orifizio calibrato è il sistema più collaudato e l esperienza accumulata lo rende estremamente affidabile ed economico Componentistica certificata secondo norma EN e marchiata Vds per il massimo della qualità e affidabilità. L utilizzo di gas inerti come estinguenti è amico dell ambiente e sicuro per le persone ricarica semplice ed economica Anche in caso di bloccaggio della valvola di scarico o occlusione della tubazione la pressione nella rete di distribuzione è massimo di 100 bar Nessun residuo dopo la scarica e senza bisogno di pulizia 66

7 INERT Siex utilizza gas inerti puri (azoto o argon) o in miscela fra di loro come agente estinguente. Sono estinguenti naturali presenti comunemente in atmosfera, non sono conduttivi e sono incolore, inodori, insapori e chimicamente neutri. Sono sicuri per la salute dell uomo in quanto non sono tossici e non producono residui corrosivi o pericolosi a contatto dell incendio. Essendo gas ecologici, con potenziale di riduzione dell ozono (ODP) e potenziale di riscaldamento globale (GWP) uguale a zero, permette di effettuare test reali senza alcun danno ambientale. Il sistema spegne l incendio con la sufficiente riduzione del livello di ossigeno nell area protetta, per rendere la combustione insostenibile. Nella maggior parte dei casi, gli incendi sono spenti quando il livello di ossigeno è ridotto dal 21% al 14%, valori accettabili per la permanenza umana. Dopo la scarica di gas inerte, la visibilità è buona e permette, da parte delle persone, l individuazione delle uscite di emergenza in modo chiaro, evitando panico, situazione che si crea in caso di ridotta visibilità. I gas inerti vengono immagazzinati come gas compressi in bombole da 80 e 140 litri ad alta pressione a 150, 200 o 300 bar. ideale per la protezione dei grandi ambienti estremamente affidabile miglior rapporto costo/ambiente protetto Gas inerti firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist gas GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 67

8 CHEMICAL Siex Quando velocità ed affidabilità sono tutto CHEMICAL Siex : i vostri vantaggi in sintesi HFC 227 FE13 FE125 Sostituto dell Halon (Più commercializzato in tutto il mondo) Rapido estinzione. Alta efficienza e bassa concentrazione di estinzione. (7,5%) Adatto per aree occupate. Bassa pressione di stoccaggio (24 bar) e scarica a basso rumore. Lo spazio occupato dalle bombole. Non lascia residui dopo l applicazione. Non condurre l elettricità. Non danneggiare lo strato di ozono. Veloce estinzione Nessun residuo lasciato dopo l applicazione Raccomandato per protezioni con soffitto alto Raccomandato per protezioni a bassa temperatura Adatto per aree occupate. Eccellente proprietà di scarica Bassa tossicità Non danneggiare lo strato di ozono. Richiede meno quantità di agente estinguente in massa Richiede meno bombole di stoccaggio Veloce estinzione Nessun residuo lasciato dopo l applicazione Eccellente proprietà di scarica Permette spesso di utilizzare le attuali rete di tubazioni Non danneggiare lo strato di ozono. miglior rapporto costo / ambiente protetto [ APPLICAZIONI ] Protezioni turbine Piattaforme petrolifere Impianti di trasformazione a gas Aree a bassa temperatura Raffinerie Centri elaborazione dati Biblioteche Centraline telefoniche 68

9 GAS CHIMICI La chimica al servizio della protezione incendi I gas chimici sono i perfetti sostituti, con risultati molto soddisfacenti, dell Halon 1301, il prodotto più commercializzato al mondo ma ormai messo al bando a causa dell elevata nocività per l impatto ambientale. I gas chimici hanno proprietà fisiche simili all Halon 1301, ma sono chiaramente eco-friendly, non lasciano residui dopo l applicazione e sono inodori, incolori e non conducono elettricità e sono adatti anche in aree occupate. Con una tempo scarica di massimo 10 secondi, garantiscono una veloce e rapida estinzione dell incendio e riducono al minimo i danni. Sono molto efficaci in aree dove è facile e celere la propagazione dell incendio oppure in ambienti dove è importante l integrità di beni e materiali. I gas chimici utilizzano un minor numero di bombole di stoccaggio rispetto agli altri estinguenti gassosi, poiché necessitano minore quantità di agente estinguente e, soprattutto, sono immagazzinati in fase liquida, dunque occupano minor spazio richiedendo meno bombole. [ ideale per la protezione dei beni di grande valore ] firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist gas GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 69

10 CO2 L estinguente dell esperienza Carbo Dioxine Anidride Carbonica Estremamente affidabile CO2 : i vostri vantaggi in sintesi Innocuo per strato di ozono Non conduce elettricità Accessibile in tutto il mondo A basso costo Pulito, non lascia alcun residuo Versatile, applicazione locale e saturazione totale Carbodioxine CO2 [ APPLICAZIONI ] Macchine Rotative di Stampa Centri Elaborazione dati Aree di stoccaggio di liquidi infiammabili Cappe aspiranti per cucina Generatori elettrici Cabine di verniciatura Armadi elettrici e sottostazioni Falsi pavimenti 70

11 Carbodioxine: il primo ed unico estinguente gassoso per applicazioni particolari La Carbodioxine - CO2 è probabilmente l agente estinguente gassoso che ha il più alto numero di installazioni in tutto il mondo. Il principio di funzionamento è molto semplice, il biossido di carbonio (che non partecipa alla combustione) riduce il contenuto di ossigeno nell aria e reprime l incendio. La CO2 è comunemente utilizzata in aree normalmente non occupate dal momento che per l estinzione può causare asfissia. Con l esperienza accumulata nella sua progettazione, il suo basso costo e la disponibilità in tutto il mondo, è diventato un prodotto leader che può essere applicato in molti ambienti, come, ad esempio, nel settore marittimo. E possibile testarlo in scala, le ricariche sono veloci e con costi molto contenuti. I diffusori sono adatti per il Total Flooding o per le Local Application.. Universalmente Efficace firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist gas GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 71

12 KP Siex P Sistema Siex di rivelazione e protezione cucine istema di rivelazione e protezione cucine KP protegge la nostra cucina 24 ore al giorno, 365 giorni all anno. P protegge la nostra cucina 24 ore al giorno, 365 giorni all'anno. [ Il sistema di soppressione KP può essere facilmente adattato a qualsiasi tipo di cucina nuova o esistente. ] ben noto il rischio di incendio in ucine di un ristorante a causa del E ben noto il rischio di incendio in cucine di iretto contatto un ristorante con a causa i fuochi del diretto contatto con i perazione fuochi di operazione cottura. di cottura. Senza Senza una rotezione protezione adeguata, un incendio può causare un disastro se si diffonde ad aree uò causare un disastro se si adiacenti. iffonde Per ad evitare aree questi adiacenti. possibili danni, Firing fornisce un questi sistema specifico possibili progettato danni, per coprire er evitare iring fornisce interamente un tutte sistema le zone potenzialmente specifico rogettato interessate per coprire dall incendio interamente come: cappe, condotti, filtri, friggitrici, bistecchiere. tte le zonepotenzialmente teressate dall incendio come: appe, condotti, filtri,friggitrici, istecchiere. Il sistema di soppressione KP è stato progettato Quando un fusibile è azionato dall aumentare della temperatura il rilascio del cavo meccanico attiverà il sistema in conformità di soppressione ai i requisiti della KP norma è stato NFPA progettato comando in pneumatico conformità mandando ai in i requisiti erogazione il della liquido norma di spegnimento NFPA sulle superfici 17A ed delleapparecchiature. è pprovato 17A da ed è LC, approvato ULC da LC, e LPCB. ULC e LPCB. KP è è un un sistema L agente di di estinzione protezione è un acetato sviluppato di potassio, soluzione per funzionare a basso ph, separa automaticamente il combustibile da il comburente e dipendente sistema di un protezione intervento sviluppato esterno. per funzionare La rete ed di evita rilevazione rilascio di vapori è costituita infiammabili. da fusibili, un modulo di sblocco eccanico automaticamente e un cavo e indipendente d'acciaio un con intervento pulegge A angolo. seconda del tipo Quando di cappa o un apparecchi fusibile di cucina, è azionato ci sono due dimensioni dall aumentare differenti di bombole: della 14 e 23 litri. esterno. La rete di rilevazione è costituita da Oltre a queste componenti, è anche possibile inserire nel sistema un attivatore manuale, micro elettrici, mperatura il rilascio del cavo meccanico attiverà il comando pneumatico mandando in erogazione il liquido fusibili, un modulo di sblocco meccanico e un controllo valvole chiusura gas,ecc i spegnimento cavo d acciaio sulle con pulegge superfici angolo. delleapparecchiature. 'agente di estinzione è un acetato di potassio, soluzione a basso ph, separa il combustibile da il omburente ed evita il rilascio di vapori infiammabili. A seconda 72 del tipo di cappa o apparecchi di cucina, ci

13 FIRETRACE Autonomo, versatile in tutto dalla rivelazione allo spegnimento. La semplicità per una soluzione economica ed efficace per protezioni locali FIRETRACE è un sistema che utilizza un tubo flessibile sia per la rivelazione che per la soppressione degli incendi collegato ad una bombola contenente l agente estinguente. La realizzazione del sistema non richiede ulteriori alimentazioni elettriche o meccaniche è completamente autonomo. Le applicazioni tipiche sono quelle dove il rischio si trova involumi limitati (quadri elettrici, bancomat, veicoli di trasporto, ecc.) Vengono forniti due tipi di sistemi FIRETRACE: - Rilascio diretto - Scarico indiretto Il primo utilizza il tubo flessibile sia per la funzione di rivelazione sia per erogare l estinguente, il secondo utilizza il tubo flessibile per la funzione di rivelazione mentre per il trasporto dell estinguente utilizza una distribuzione in tubazione ferrosa. firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist gas GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio [ Il sistema FIRETRACE può utilizzare come estinguente: HFC227, FE125, CO2, gas inerti o polveri ABC ] La perfetta soluzione per sistemi di protezione per piccoli volumi 73

10. 11. SISTEMI DI SPEGNIMENTO INCENDI A GAS INERTE - GAS CHIMICI GAS CO2 - NOVEC 123O

10. 11. SISTEMI DI SPEGNIMENTO INCENDI A GAS INERTE - GAS CHIMICI GAS CO2 - NOVEC 123O 1. Bombola 2. Valvola ad apertura rapida 3. Bombola pilota con attuatore man/elett. 4. Collettore 5. Ugelli 6. Rilevatori 7. Centrale di rivelazione 8. Pulsante elettro/manuale 9. Allarme ottico acustico

Dettagli

Soluzione con Novec 1230

Soluzione con Novec 1230 Soluzione con Novec 1230 CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI SPEGNIMENTO A GAS NOVEC 1230 Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM 1230 Introduzione Il Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM

Dettagli

Sistemi a soppressione a gas

Sistemi a soppressione a gas Sistemi a soppressione a gas Total Solutions 02 / 10 / Paolo Rossi, Fire Proposal Engineer Ivan Mazzoni, Fire & Security Sales Manager Tyco. All Rights Reserved. Agenda introduzione i sistemi a soppressione

Dettagli

Sistema di spegnimento incendi con gas inerte con tecnologia i-flow

Sistema di spegnimento incendi con gas inerte con tecnologia i-flow Sistema di spegnimento incendi con gas inerte con tecnologia i-flow INTRODUZIONE i-flow FIRE SUPPRESSION SYSTEM E un sistema di spegnimento incendi che utilizza come agente estinguente l intera gamma di

Dettagli

Bettati Antincendio srl

Bettati Antincendio srl Sistemi di Spegnimento a Gas APPROFONDIMENTI: F-Gas * Door Fan Test * Sovrapressione Bettati Antincendio srl Relatori: Massimiliano Bettati Andrea Pradella Forum Prevenzione Incendi 01 Ottobre 2015 Sala

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

OPERE NECESSARIE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DEL COMPLESSO GALLERIA MAZZINI. STRALCIO ARCHIVIO PIANO INTERRATO.

OPERE NECESSARIE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DEL COMPLESSO GALLERIA MAZZINI. STRALCIO ARCHIVIO PIANO INTERRATO. I.A.C.P. LECCE Galleria Piazza Mazzini COMUNE DI LECCE OPERE NECESSARIE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DEL COMPLESSO GALLERIA MAZZINI. STRALCIO ARCHIVIO PIANO INTERRATO. RELAZIONE

Dettagli

NOVEC E UN MARCHIO REGISTRATO 3M

NOVEC E UN MARCHIO REGISTRATO 3M SAFE ANTINCENDI srl SOLUZIONI SOSTENIBILI PERCHE E MEGLIO UTILIZZARE IL NOVEC 1230 NOVEC E UN MARCHIO REGISTRATO 3M 1 CARATTERISTICHE GENERALI ED AMBIENTALI DEI GAS ESTINGUENTI GAS CHIMICI LIQUEFATTI GAS

Dettagli

Tabella Informativa NFPA 2001. Caratteristiche Composizione chimica Azoto 50%+ Argon 50% purezza 99,99%

Tabella Informativa NFPA 2001. Caratteristiche Composizione chimica Azoto 50%+ Argon 50% purezza 99,99% Sistemi di spegnimento EN 500 con gas inerte ecologico 00%. 300 bar! IT IS OZONE FRIENDLY L'estinguente per lo spegnimento a " saturazione totale " utilizza una miscela di gas presenti nell'atmosfera,

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

Estintore portatile a polvere

Estintore portatile a polvere estintori portatili art. BML 1 BML 1 è un estintore della capacità di 1 kg, pressurizzato a polvere con manometro e valvola di sicurezza disegnato appositamente per uso su autoveicoli, caravan e per uso

Dettagli

Antincendio. SpA. www.airfire.it info@airfire.it

Antincendio. SpA. www.airfire.it info@airfire.it Antincendio SpA www.airfire.it info@airfire.it Antincendio SpA Presentazione aziendale La società AIR FIRE fondata Armando Evangelisti nei primi anni 70 opera con crescente successo e con continui riconoscimenti,

Dettagli

SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi. Parte 2ª

SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi. Parte 2ª SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi Parte 2ª Lo sviluppo del progetto La realizzazione del sistema Aldo Mangione Entriamo nel dettaglio di un progetto

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

Bettati antincendio srl. Forum di prevenzione incendi

Bettati antincendio srl. Forum di prevenzione incendi SISTEMI WATERMIST: LE POTENZIALITA DELLA BASSA PRESSIONE Bettati antincendio srl Forum di prevenzione incendi Sala C - 02/10/2014 Ore 12.35 Agenda 1. INTRODUZIONE a) Le aziende del gruppo Bettati holding

Dettagli

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492 Estintori carrellati a pressione permanente, con manometro di controllo, serbatoio separato dalla struttura portante. Ogni serbatoio viene collaudato idraulicamente secondo la normativa europea PED 97/23.

Dettagli

Gli estintori. caratteristiche e funzionalità dei più comuni mezzi di estinzione presenti in ambito lavorativo

Gli estintori. caratteristiche e funzionalità dei più comuni mezzi di estinzione presenti in ambito lavorativo Gli estintori caratteristiche e funzionalità dei più comuni mezzi di estinzione presenti in ambito lavorativo L incendio Cominciamo con la definizione di incendio : per incendio intendiamo una "combustione

Dettagli

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio L estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento, sottrazione del combustibile soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO CAPITOLO 1 - I criteri di difesa antincendio 3 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione» 3» 3 CAPITOLO 2 - I sistemi

Dettagli

Victaulic Vortex. L ultima generazione dei sistemi di spegnimento. Simona Santoro - Victaulic

Victaulic Vortex. L ultima generazione dei sistemi di spegnimento. Simona Santoro - Victaulic Victaulic Vortex L ultima generazione dei sistemi di spegnimento Simona Santoro - Victaulic Victaulic Corporate History Dal 1925 Filosofia incentrata sulla continua innovazione e sulla ricerca Gruppo orientato

Dettagli

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici.

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. Mario Mignacca Fire Engineering Manager impianti di spegnimento incendi 0 Estinzione incendi 150 anni fa. 1 Estinzione incendi

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

Oggi finalmente la tecnologia ci permette di realizzare impianti, che consentono di non doversi più preoccupare del rischio di incendio.

Oggi finalmente la tecnologia ci permette di realizzare impianti, che consentono di non doversi più preoccupare del rischio di incendio. Oggi finalmente la tecnologia ci permette di realizzare impianti, che consentono di non doversi più preoccupare del rischio di incendio. Le esperienze maturate in 50 anni di ricerca e sviluppo di nuove

Dettagli

SAPER PROTEGGERE DAL FUOCO LA GARANZIA DI UNA PROTEZIONE TOTALE DA CHI DI FUOCO SE NE INTENDE

SAPER PROTEGGERE DAL FUOCO LA GARANZIA DI UNA PROTEZIONE TOTALE DA CHI DI FUOCO SE NE INTENDE SAPER PROTEGGERE DAL FUOCO LA GARANZIA DI UNA PROTEZIONE TOTALE DA CHI DI FUOCO SE NE INTENDE Mozzanica & Mozzanica è una società specializzata in tecniche e sistemi antincendio, che nasce più di 25 anni

Dettagli

I sistemi antincendio Water Mist in ambito industriale

I sistemi antincendio Water Mist in ambito industriale I sistemi antincendio Water Mist in ambito industriale History Applicazioni e vantaggi *** Benefits Ing. Nino Frisina Milano, 19 Ottobre 2010 Frazionare l acqua per usarla efficacemente OSSIGENO Come funziona?

Dettagli

IMPIANTO PREVENZIONE INCENDI

IMPIANTO PREVENZIONE INCENDI 21% 19% 17% 15% 13% IMPIANTO PREVENZIONE INCENDI FIREFIGHTER Oggi finalmente la tecnologia ci permette di realizzare impianti, che consentono di non doversi più preoccupare del rischio di incendio. Un

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45 Schiuma firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 45 Impianti schiuma Una soluzione definitiva in applicazioni dove l acqua non basta. Per la progettazione degli

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

IL RECUPERO DEGLI AGENTI ESTINGUENTI GASSOSI

IL RECUPERO DEGLI AGENTI ESTINGUENTI GASSOSI IL RECUPERO DEGLI AGENTI ESTINGUENTI GASSOSI BETTATI ANTINCENDIO s.r.l. Reggio Emilia, Italy OTTOBRE 2011 Agenda 1. Agenti estinguenti gassosi 2. Cosa dovevamo fare (HALON HCFC) 3. Cosa dobbiamo ancora

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi Sprinkler giunti StAffAggio 25

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi Sprinkler giunti StAffAggio 25 Sprinkler firing IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 25 Valvola AD UMIDO I sistemi sprinkler ad umido sono progettati per essere utilizzati in applicazioni dove la temperatura

Dettagli

SCHIUMOGENI APPROVATI UNI EN 1568:2008 - PART. 1, 2, 3, 4 - CENNI NORMATIVI

SCHIUMOGENI APPROVATI UNI EN 1568:2008 - PART. 1, 2, 3, 4 - CENNI NORMATIVI 143 3 3 SCHIUMOGENI APPROVATI UNI EN 1568:2008 - PART. 1, 2, 3, 4 - CENNI NORMATIVI Gli schiumogeni antincendio si dividono in due principali gruppi: - PROTEINICI E DERIVANTI FLUORO PROTEINICI - SINTETICI

Dettagli

Impianti e dispositivi antincendio

Impianti e dispositivi antincendio Gestione ambientale Impianti e dispositivi antincendio 1/2 Concetti base sugli incendi classificazione e cinetica degli incendi carico d incendio e REI 2 2005 Politecnico Torino 1 2/2 Interventi preventivi

Dettagli

SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi. Parte 1ª

SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi. Parte 1ª SEMINARIO TECNICO UNI EN 12094 - UNI EN 15004 Lo spegnimento incendi con estinguenti gassosi Parte 1ª Agenti estinguenti a confronto Analisi degli aspetti normativi Giancarlo Bianchi Perche installare

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA CONCENTRAZIONE MINIMA DI OSSIGENO DURANTE LA SCARICA DI UN SISTEMA ANTINCENDIO A GAS INERTE

IL CONTROLLO DELLA CONCENTRAZIONE MINIMA DI OSSIGENO DURANTE LA SCARICA DI UN SISTEMA ANTINCENDIO A GAS INERTE Milano, Gennaio 212 IL CONTROLLO DELLA CONCENTRAZIONE MINIMA DI OSSIGENO DURANTE LA SCARICA DI UN SISTEMA ANTINCENDIO A GAS INERTE Un po di storia Gli impianti antincendio a prodotti estinguenti gassosi

Dettagli

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82 ALLEGATO 5 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

UNI EN 15004 ed. 2008 Sistemi di spegnimento ad estinguente gassoso. 16 Aprile 2014 Forlì - Cesena Ing. Alfio Mancini

UNI EN 15004 ed. 2008 Sistemi di spegnimento ad estinguente gassoso. 16 Aprile 2014 Forlì - Cesena Ing. Alfio Mancini UNI EN 15004 ed. 2008 Sistemi di spegnimento ad estinguente gassoso 16 Aprile 2014 Forlì - Cesena Ing. Alfio Mancini AMBITO NORMATIVO Obblighi e analisi richiesti nella L. 626/94 con particolare attenzione

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli

COSA SONO A COSA SERVONO

COSA SONO A COSA SERVONO 1 MEZZI MOBILI DI ESTINZIONE? COSA SONO A COSA SERVONO PER UN PRONTO INTERVENTO SU UN PRINCIPIO DI INCENDIO 2 TIPOLOGIE IN RELAZIONE AL PESO COMPLESSIVO ESTINTORE PORTATILE DECRETO 7 gennaio 2005 Norme

Dettagli

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO L ESTINZIONE DEGLI INCENDI L estinzione degli incendi Per interrompere la reazione di combustione, bisogna eliminare almeno uno dei tre fattori indispensabile alla sua esistenza, che sono: combustibile

Dettagli

Gli effetti sembravano quelli di

Gli effetti sembravano quelli di Esplosione in archivio: anomalia nella progettazione di un sistema di spegnimento Michele Maria La Veglia L abstract Nell articolo viene illustrato un evento davvero insolito accaduto in un archivio storico

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA: realizzato da

L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA: realizzato da L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA: IL FUTURO, L AMBIENTE E L EFFICIENZA realizzato da 19 Ottobre 2010 Pagina 1 di 5 1 L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA: IL FUTURO, L AMBIENTE E L EFFICACIA Il

Dettagli

Cer001 LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'IMMOBILE DI VIA CARDUCCI, 6 NEL COMUNE DI TRIESTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE

Cer001 LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'IMMOBILE DI VIA CARDUCCI, 6 NEL COMUNE DI TRIESTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE STAZIONE APPALTANTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale, lavori pubblici, edilizia Servizio lavori pubblici Via Giulia, 75/1-34126

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

guida rapida alla scelta dell estintore

guida rapida alla scelta dell estintore ESTINTORI guida rapida alla scelta dell estintore estintore estintore a polvere classe a co2 mono fosfato di di fuoco tipo di materiale ammonio MATERIALI SOLIDI legno, carta, tessuti, paglia, sughero,

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

LPG iflow Technology La via piu intelligente per proteggere Voi e i Vs beni

LPG iflow Technology La via piu intelligente per proteggere Voi e i Vs beni LPG iflow Technology La via piu intelligente per proteggere Voi e i Vs beni Cosa significa iflow? Racchiude tutti I vantaggi di un sistema gas Inerte elevando la qualita Tecnologia Innovativa basata su

Dettagli

Sistemi di protezione antincendio ad acqua nebulizzata a bassa, media ed alta pressione

Sistemi di protezione antincendio ad acqua nebulizzata a bassa, media ed alta pressione Sistemi di protezione antincendio ad acqua nebulizzata a bassa, media ed alta pressione AQUATECH La forza di una goccia di acqua Aquatech è una soluzione estremamente efficace sia come protezione volumetrica

Dettagli

L obbiettivo vuole essere quello di

L obbiettivo vuole essere quello di ADDETTI ANTINCENDIO CORSO BASE OBIETTIVO L obbiettivo vuole essere quello di informare e formare, tutti coloro che per la prima volta devono conoscere le basi per la lotta antincendio nell emergenza. Imparando

Dettagli

HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING

HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING Efficace fino a -30 C La tecnologia wetting agent di nuova generazione progettata per proteggere persone, proprietà ed ambiente. CINQUE PRODOTTI IN UNO 1 2 3

Dettagli

INIBITORE DI FIAMMA ECOLOGICO MANGIAFUOCO 13 B

INIBITORE DI FIAMMA ECOLOGICO MANGIAFUOCO 13 B INIBITORE DI FIAMMA ECOLOGICO MANGIAFUOCO 13 B L inibitore brevettato sottodescritto è un erogatore manuale, portatile, di aerosol con grande capacità estinguente, innocuo ed eco-compatibile. Si presenta

Dettagli

SINERGIA DI GRUPPO 2

SINERGIA DI GRUPPO 2 Water Mist 1 SINERGIA DI GRUPPO 2 La Società del Gruppo che si occupa della ricerca e dello sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie antincendio per: A R C H I V I E M A G A Z Z I N I A L B E R G H I ED

Dettagli

MANUTENZIONE ESTINTORI

MANUTENZIONE ESTINTORI MANUTENZIONE ESTINTORI Fra tutti gli strumenti a disposizione dell uomo per combattere gli incendi, l estintore è quello più diffuso, immediato e facile da usare per la sicurezza di qualsiasi edificio

Dettagli

PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA

PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA 1 SITUAZIONE ATTUALE MERCATO ESTINTORI Per capire l odierna situazione del mercato, è necessario conoscere i pregressi che ci hanno portato all attuale

Dettagli

Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile

Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Relatore: Candidata: Chiar.mo Prof. Ing. PAOLO TARTARINI Corniani

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza ---------------------------------------------------------------------------------

Scheda Dati di Sicurezza --------------------------------------------------------------------------------- Pagina: 1/6 OSSIGENO Data: 27-09-2010 Etichetta 2.2: Gas non infiammabile non tossico Etichetta 5.1: Sostanze comburenti PERICOLO 1-IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA. Prodotto

Dettagli

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch.

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Università degli Studi di Bari Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Valentina Megna Triangolo del Fuoco 2 Combustibile (legno, carta, benzina,

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA 023 Proprietà e rischi dell idrogeno

RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA 023 Proprietà e rischi dell idrogeno RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA 1. Introduzione all aumentare della temperatura la sua sviluppo di calore. In presenza di una fonte di densità diminuisce e si muove verso l alto. innesco le reazioni possono

Dettagli

PREVENZIONE DEGLI INCENDI

PREVENZIONE DEGLI INCENDI PREVENZIONE DEGLI INCENDI M.Tedesco Premessa: a ciascuno il suo mestiere: non siamo Vigili del Fuoco Non siamo formati per estinguere grandi incendi. tel. 115 Ma tra il personale ci possono essere delle

Dettagli

Omologati D.M. 07/01/2005 UNI EN3/7

Omologati D.M. 07/01/2005 UNI EN3/7 IN Omologati D.M. 07/01/2005 UNI EN3/7 POLVERE Pressurizzati 13111-P1 13123-P2 13131-P3 13160-P6 13162-P6 13169-P6 13192-P9 13172-P12 Classe A: fuochi di materiali solidi, generalmente di natura organica

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Pagina 1 di 5 INNOVATICA presenta l estinguente del futuro DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Rapido Sicuro ed affidabile Efficace ed efficiente Compatibile con l ambiente INNOVATICA,

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

Answers for infrastructure.

Answers for infrastructure. Answers for infrastructure. Megatrends driving the future The megatrends demographic change, urbanization, climate change, and globali zation are shaping the world today. These have an unprecedented impact

Dettagli

REAZIONE CHIMICA DI UNA SOSTANZA COMBUSTIBILE CON UNA SOSTANZA COMBURENTE CON SVILUPPO DI:

REAZIONE CHIMICA DI UNA SOSTANZA COMBUSTIBILE CON UNA SOSTANZA COMBURENTE CON SVILUPPO DI: SOSTANZE ESTINGUENTI 1 COMBUSTIONE REAZIONE CHIMICA DI UNA SOSTANZA COMBUSTIBILE CON UNA SOSTANZA COMBURENTE CON SVILUPPO DI: CALORE FIAMMA FUMO GAS DI COMBUSTIONE 2 TRIANGOLO DEL FUOCO CONDIZIONI NECESSARIE

Dettagli

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza ULSS N.6 VICENZA SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro con il contributo Istituto Italiano della Saldatura SALDATURA & AMBIENTE DI LAVORO FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Prevenzione incendi nei condomini

Prevenzione incendi nei condomini Prevenzione incendi nei condomini Perché la prevenzione incendi nei condomini? per la nostra incolumità, dei nostri familiari e dei nostri beni perché lo prevede la legge D.P.R. 151/11 - Attività soggette

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi tubi e Raccordi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 75

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi tubi e Raccordi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 75 Tubi e Raccordi firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 75 TUBAZIONI Impiego: trasporto acqua [ Utilizzo: impianti sprinkler, schiuma, idranti e impiantistica ]

Dettagli

Il procedimento. Cos è il ghiaccio secco? Il ghiaccio secco è CO 2

Il procedimento. Cos è il ghiaccio secco? Il ghiaccio secco è CO 2 Il procedimento Il procedimento di getto di ghiaccio secco della DIS Dry Ice Systems rappresenta una significante innovazione nel settore della pulizia industriale. I metodi tradizionali per asportare

Dettagli

PRINCIPI DI ANTINCENDIO

PRINCIPI DI ANTINCENDIO Associazione Volontari Protezione Civile RIO VALLONE PRINCIPI DI ANTINCENDIO Aggiornamento : Giugno 2015 Principi sulla combustione e l incendio L incendio: Un fenomeno chimico fisico chiamato combustione

Dettagli

ALLEGATO A... 12. Indice 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELLE OPERE... 5 4. CRITERI DI CALCOLO... 9.

ALLEGATO A... 12. Indice 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELLE OPERE... 5 4. CRITERI DI CALCOLO... 9. Indice 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELLE OPERE... 5 4. CRITERI DI CALCOLO... 9 ALLEGATO A... 12 1 1. INTRODUZIONE La presente relazione è stata redatta alla scopo

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO AZIENDALI

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO AZIENDALI CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO AZIENDALI INCARICATI DELL ATTIVITÀ DI PREVENZIONE INCENDI E LOTTA ANTINCENDIO, EVACUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO E GESTIONE DELLE EMERGENZE (art. 37 co. 9 DLvo 9 aprile 2008,

Dettagli

R-32. Il refrigerante di nuova generazione per climatizzatori e pompe di calore

R-32. Il refrigerante di nuova generazione per climatizzatori e pompe di calore R-32 Il refrigerante di nuova generazione per climatizzatori e pompe di calore Daikin è la prima azienda al mondo ad aver introdotto sul mercato pompe di calore e climatizzatori a R-32. Questo tipo di

Dettagli

GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA. www.golver.it

GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA. www.golver.it GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA www.golver.it RIDUTTORI DI PRESSIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO EN ISO 2503 INNESTI RAPIDI AD OTTURATORE NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 561 - ISO 7289 TUBI FLESSIBILI

Dettagli

Corso per Addetti Antincendio Test di autovalutazione - Quesiti vero/falso

Corso per Addetti Antincendio Test di autovalutazione - Quesiti vero/falso 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione;

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO

FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO CENTRALE TERMOELETTRICA DI MONCALIERI FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO Allegato A112 Specifica tecnica sistema di monitoraggio emissioni INDICE 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA...

Dettagli

Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas

Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso di Prevenzione incendi (L. n. 818 del 1984) Ordine degli ingegneri della Provincia di Vicenza Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas Relatore ing. Ermanno Andriotto

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

PRODUTTORE ITALIANO DI MACCHINARI PER IL RIEMPIMENTO, LA MANUTENZIONE E IL COLLAUDO DI ESTINTORI E BOMBOLE DICEMBRE 2014. www.vanzettiequipment.

PRODUTTORE ITALIANO DI MACCHINARI PER IL RIEMPIMENTO, LA MANUTENZIONE E IL COLLAUDO DI ESTINTORI E BOMBOLE DICEMBRE 2014. www.vanzettiequipment. PRODUTTORE ITALIANO DI MACCHINARI PER IL RIEMPIMENTO, LA IL COLLAUDO DI ESTINTORI E BOMBOLE DICEMBRE 2014 www.vanzettiequipment.com L AZIENDA COLLAUDO ESTINTORI TRAVASO CO 2 COLLAUDO BOMBOLE TRAVASO AGENTI

Dettagli

Attrezzatura per la messa in sicurezza dei serbatoi di GPL delle autovetture in autofficina - scheda tecnica - FAQ

Attrezzatura per la messa in sicurezza dei serbatoi di GPL delle autovetture in autofficina - scheda tecnica - FAQ 1 Attrezzatura per la messa in sicurezza dei serbatoi di GPL delle autovetture in autofficina - scheda tecnica - FAQ 2 Premessa Recenti contatti con alcune case costruttrici di autoveicoli e con alcuni

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

Questo documento è stato creato con QuestBase. Crea, stampa e svolgi questionari gratuitamente a http://www.questbase.

Questo documento è stato creato con QuestBase. Crea, stampa e svolgi questionari gratuitamente a http://www.questbase. 1 L'ossido di carbonio (CO) ha le seguenti caratteristiche: A) colore bianco e odore di mandorle amare; B) irritante per le vie respiratorie; C) incolore ed inodore. 2 Durante un incendio si possono avere

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK UV SMELL RK UV SMELL RK Apparecchio a Raggi UV-C + Ozono + TiOX per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe e soffitti aspiranti di grandi cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore UV-

Dettagli

Presentazione. Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive KOMSAITALIASRL

Presentazione. Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive KOMSAITALIASRL 1 Presentazione Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive ARCH. PIER GIORGIO AMATI KOMSA ITALIA SRL www.komsa.it Unindustria Pordenone, 18/11/2010

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

ón2.2 : Gas non infiammabile non tossico.

ón2.2 : Gas non infiammabile non tossico. Pagina : 1 / 6 ón2.2 : Gas non infiammabile non tossico. 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ / IMPRESA Identificatore del prodotto Nome commerciale Scheda Nr Usi della sostanza

Dettagli

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE ESTINTORI PORTATILI E CARRELLATI SERVIZIO DI CONTROLLO E MANUTENZIONI (ART.4 D.M. 10 MARZO 1998) UNI 9994-1 IL CONTROLLO AVVIENE TRAMITE L EFFETUAZIONE DEI SEGUENTI

Dettagli

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com NAOHG LIVING WATER www.naohg.com LE GRANDI TRASFORMAZIONI ECONOMICHE DELLA STORIA AVVENGONO QUANDO UNA NUOVA TECNOLOGIA DI COMUNICAZIONE CONVERGE CON UN NUOVO SISTEMA ENERGETICO www.naohg.com COMPANY Registrata

Dettagli