SPF On Line. Realizzazione del progetto e prospettive di sviluppo. ISFOL Area Risorse Strutturali e Umane dei Sistemi Formativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPF On Line. Realizzazione del progetto e prospettive di sviluppo. ISFOL Area Risorse Strutturali e Umane dei Sistemi Formativi"

Transcript

1 SPF On Line Realizzazione del progetto e prospettive di sviluppo ISFOL Area Risorse Strutturali e Umane dei Sistemi Formativi

2 Indice SPF On Line: la strategia progettuale e le componenti del sistema di offerta I risultati del progetto Le prospettive di sviluppo

3 SPF On Line: cos è e quale obiettivo vuole raggiungere Progetto nazionale pubblico e gratuito di formazione continua Per gli Operatori della formazione nelle 7 filiere del sistema integrato Istruzione-Formazione-Lavoro Basato su un sistema e-learning con un ricco catalogo di offerta e un ampia gamma di servizi di apprendimento on line Accessibile attraverso il portale accompagnare l implementazione delle riforme che interessano il mercato del lavoro, nonché il sistema formativo del Paese, attraverso l offerta di formazione continua supportata dall utilizzo delle Information Communication Technology (ICT) e volta alla qualificazione/riqualificazione delle risorse umane che in tali sistemi operano

4 Gli attori del progetto MLPS - DGPOF ISFOL Coordinamento + Monitoraggio Formativo Italia Lavoro LCMS LMS UF ex FaDoL (SCORM) Promozione Istituzionale MLPS - DGIT RTI SAA (12 +1) RTI LSM (7) RTI LabSI (3) RTI per Hw RTI per Sw SIL SPF offerta sussidiaria

5 OPERATORI DEL SISTEMA INTEGRATO L offerta formativa e i destinatari Circa 200 Unità Formative* Accreditamento e certificazione Oltre unità di apprendimento (Learning Objects) Più di ore di fruizione via Internet Percorsi di apprendimento personalizzabili e flessibili per lo sviluppo di competenze specifiche * Circa 2/3 del catalogo prodotto ex-novo su contenuti originali Obbligo formativo Apprendistato Formazione Continua Formazione Permanente Servizi per l Impiego Formazione post-diploma e superiore

6 Il catalogo dei corsi

7 Il catalogo dei corsi per aree tematiche

8 Il catalogo dei percorsi per contesti e profili

9 Il catalogo dei corsi per processi e aree operative

10 Il modello formativo /1 Autoapprendimento assistito Apprendimento collaborativo Memorizzazione e comprensione dei contenuti Contestualizzazione e applicazione dei contenuti elevati livelli di apprendimento e scambio professionale fra operatori responsabili dei molteplici processi di evoluzione del mercato del lavoro

11 Il modello formativo /2 Catalogo dei corsi multimediali

12 Servizi di Assistenza all Apprendimento /1 Apprendimento collaborativo Xformare.it mette a disposizione ambienti tecnologici dedicati all interazione uno-amolti o molti-a-molti mediati, a seconda dei casi, dalla figura del tutor o dalla stessa relazione dei partecipanti a un determinato gruppo professionale Forum Biblioteca virtuale Chat Aula virtuale sviluppare l interazione e la socializzazione tra i partecipanti, favorendo lo scambio di conoscenze e competenze tra gli operatori in materia di istruzione, formazione e orientamento

13 Servizi di Assistenza all Apprendimento /2 Comunità di Pratica Apprendimento collettivo Impegno all interno di un campo disciplinare comune Condivisione delle informazioni Un insieme di persone, solitamente professionisti uniti da un attività comune, che utilizza la rete con l obiettivo di sviluppare le proprie capacità e creare, condividere ed espandere le conoscenze su un determinato argomento. Le Comunità di Pratica di Xformare.it sono classi informali di lavoro i cui membri possono trattare temi di interesse comune, ricercare insieme soluzioni, ideare e realizzare progetti.

14 Servizi di Assistenza all Apprendimento /3 Il servizio di tutoring supporto durante la fase di auto-apprendimento dell utente: il tutor fornisce risposte e feedback sull andamento del processo formativo, centrando prioritariamente i propri interventi sugli aspetti di contenuto didattico progettazione, animazione e gestione delle attività cooperative e collaborative centrate sui contenuti appresi dagli utenti in cui il tutor focalizza la propria attività sulle dimensioni di processo relazionale, cognitivo e sociale del gruppo in apprendimento orientamento dell utente nella fase di scelta del proprio percorso formativo

15 Servizi di Assistenza all Apprendimento /4 Il servizio di help desk (Contact Center) Tutti gli utenti (interessati e registrati) possono ricevere assistenza tecnica attraverso: un numero verde [ ] un indirizzo un sistema di messaggistica diretta interno alla piattaforma

16 Servizi di Assistenza all Apprendimento /5 Il servizio di comunicazione e marketing formativo Individuazione dei potenziali utenti e profilazione dei destinatari Contatto con i diversi bacini di utenza mediante canali e strumenti adatti a ciascun profilo Promuovere la più ampia partecipazione e adesione al sistema formativo Promozione mirata dell offerta formativa Fidelizzazione dell utenza

17 Indice SPF On Line: la strategia progettuale e le componenti del sistema di offerta I risultati del progetto Le prospettive di sviluppo

18 Componenti - organizzative - tecnologiche - didattico-editoriali - di servizio Architettura generale del progetto e del servizio Studio di fattibilità Principali tappe Fase pilota (2 mesi) Fase preparatoria Circa 2000 utenti Fase a regime Evoluzioni Avviata il 5 luglio Stabile da settembre Servizio di Monitoraggio Formativo

19 Cos è il servizio di monitoraggio formativo Il Servizio di Monitoraggio Formativo (SMF) è un processo che percorre altri processi del progetto SPF online.

20 Ricordiamo il campo di indagine del SMF: l analisi dei comportamenti dell utente durante il suo percorso formativo e dei risultati conseguiti in termini di interazioni utente-attività. Il campo di indagine del servizio di monitoraggio formativo

21 Le attività svolte Output: 1) Studi di fattibilità 2) Documento metodologico 3) Report Fase Pilota 4) Elaborazione questionari 5) Progettazione applicativo 6) Elaborazione SW applicativo Oggi Implementazione Applicativo e cruscotto Progettazione Applicativo di Monitoraggio Erogazione Monitoraggio Fase Pilota su 2000 utenti Metodologia Monitoraggio Formativo Analisi di pre start-up (def. Ambiti di indagine, ecc.) Analisi di Pre-fattibilità

22 Il Monitoraggio della Fase pilota aveva evidenziato... Il miglioramento del metodo di lavoro dei Tavoli Tecnici come strumento di gestione organizzativa Il giudizio positivo sulla capacità di risposta della rete SAA Positivo giudizio sui canali di contatto e sul flusso di comunicazione Feedback operativi sul funzionamento tecnico e tecnologico dell infrastruttura Buon giudizio sulla qualità dei materiali didattici multimediali Indicazioni operative per il miglioramento dei metodi e delle tecniche per le attività del Servizio di monitoraggio formativo

23 Coerenza tra progetto e. I risultati complessivi ottenuti da SPF on line ne dimostrano la buona coerenza con gli obiettivi generali e strategici della programmazione del FSE Grado di copertura nazionale L analisi dei dati mostra la copertura sull intero territorio nazionale 108 province su 110 coinvolte; una distribuzione equilibrata tra le regioni centrali, meridionali e del nord, con una leggera prevalenza di quelle del sud del Paese.

24 Risultati da settembre 2007 Utenti registrati fino al 30 maggio: Utenti iscritti fino al 30 maggio: Copertura: 108 province (su 110 in totale) Leggera prevalenza delle donne Distribuzione delle classi di età: 60% degli utenti nelle fasce anni e anni Distribuzione territoriale: prevalenza delle province meridionali Settore di provenienza prevalente: Agenzie formative

25 Alcuni importanti punti di forza emersi Sostegno al sistema nazionale di formazione continua e permanente Le caratteristiche dell utenza di SPF rilevata dai questionari somministrati dal SMF, per dimensioni e composizione, dimostra una completa rispondenza agli indirizzi del FSE: 77% di occupati; 10% dipendenti della PPAA; aumento costante della presenza di disoccupati o inoccupati. Se ne deduce un offerta formativa principalmente rivolta alla formazione continua ma con un crescente capacità di rivolgersi alla generalità dell utenza (formazione permanente).

26 Alcuni importanti punti di forza emersi Equità di genere e pari opportunità 50 % di utenze femminili con tendenza ad un leggero incremento negli ultimi mesi. Si tratta di un valore elevato se confrontato con la partecipazione ad analoghe offerte di formazione nel settore della formazione professionale. Sostegno alle politiche d inclusione sociale La UF sui soggetti svantaggiati sono tra quelle maggiormente fruite. I corsi maggiormente richiesti sono: Riconoscimento e accoglienza del soggetto in condizione di svantaggio Modelli e metodologie didattiche per i soggetti svantaggiati Le tipologie di svantaggio e le politiche a sostegno

27 Alcuni importanti punti di forza emersi Diffusione delle ICT nella riqualificazione delle risorse umane Le UF sulle ICT si collocano ai primissimi posti nelle preferenze di fruizione da parte degli utenti: Concetti di base della tecnologia dell'informazione Word base Excel base Access base Coniugando questo dato, con le caratteristiche anagrafiche dell utenza e la posizione lavorativa, ne emerge una conferma di SPF come strumento in grado di rispondere efficientemente alla domanda di aggiornamento delle risorse umane occupate.

28 Classi d età Fino a 24 anni anni anni anni anni 65 anni e oltre 14,32 31,27 28,15 18,79 5,41 2, ,27 28,15 25 Fino a 24 anni ,32 18, anni anni anni anni ,41 2,06 65 anni e oltre 0

29 Livello di istruzione Fino a Licenza Media Diploma di scuola secondaria Titolo Universitario Titolo post Universitario 10,80 55,30 31,50 1,80 60,00 55,30 50,00 40,00 30,00 31,50 Fino a Licenza Media Diploma di scuola secondaria Titolo Universitario 20,00 10,00 0,00 10,80 1,80 Titolo post Universitario

30 Orari di fruizione nella giornata Nr. utenti collegati nelle diverse ore del giorno

31 Genere Uomini con almeno un test di percorso superato Donne con almeno un test di percorso superato Uomini con almeno un test di UF superato Donne con almeno un test di UF superato Uomini con almeno un test di UD superato Donne con almeno un test di UD superato

32 Risultati da settembre 2007 Fruizione dell offerta formativa (180 corsi e 72 percorsi) Argomenti preferiti dagli utenti Sicurezza in ambiente di lavoro Informatica di base Comunicazione formativa Didattica Gestione amministrativa Titolo 1) SIC01 - Gestione della sicurezza in ambiente di lavoro 2) SIC02 - Lavorare in sicurezza 3) INF 01 - Concetti di base della tecnologia dell'informazione 4) INF 06 - Excel base 5) INF 10 - Word Base 6) COM La comunicazione nei gruppi 7) INF 05 - Access avanzato 8) COM 01 - Comunicazione e creatività 9) INF 04 Access Base 10INF 11 Word Avanzato Titolo 11) COM 06 Comunicazione e new media 12) INF 12 Internet 13) INF 07 Excel avanzato 14) CF2 Animazione e facilitazione all apprendimento individuale e di fruppo 15) ESP01- Presentare 16) FRN01 - Faire connaissance 17) H4 Coordinamento e controllo della gestione amministrativa del personale 18) COM 02 Comunicazione e ascolto 19) COM 03 Comunicazione e formazione 20) INF 08 - Power point base

33 L opinione degli utenti circa l offerta formativa Positivo giudizio complessivo sulla rispondenza dell offerta ai bisogni formativi e sull usabilità dei materiali didattici (gradimento superiore all 85%) Oltre i due terzi degli utenti che ha risposto intende continuare a fruire dei servizi di xformare.it Particolarmente apprezzata la qualità dei courseware multimediali 74 utenti Isfol x 123 corsi

34 Gli strumenti per il Monitoraggio I questionari Il Software applicativo accessibile via web all indirizzo: ad accesso riservato

35

36 Indice SPF On Line: la strategia progettuale e le componenti del sistema di offerta I risultati del progetto Le prospettive di sviluppo

37 Fabrizio Giovannini Prospettive 1 Trasparenza del sistema di offerta 2 Valorizzazione delle risorse in una logica integrata e territoriale 3 Estensione del servizio Tempo di apprendimento delle UF Risultati di apprendimento come baricentro del sistema Riconoscimento delle competenze Integrazione e sinergie con percorsi offerti da agenzie di formazione, regioni ed enti locali. Nuovi target e nuovi segmenti di utenza del Sistema integrato Ampliamento dei canali e della knowledge base Internazionalizzazione 37

38 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti quantitativi Il tempo di apprendimento associato alle UF Auto-apprendimento assistito Apprendimento collaborativo Fruizione multimediale Riflessione apprenditiva Interazione Apprendere dalle informazioni in modo ricorsivo Leggere Guardare Ascoltare Comprendere Memorizzare Riflettere Verificare Controllare Apprendere interattivamente Esaminare Provare Interagire Apprendere collaborando Discutere Fare pratica Confrontarsi 38

39 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti quantitativi Il tempo di apprendimento associato alle UF 39

40 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi I risultati di apprendimento come baricentro del sistema La dimensione della competenza assicura concretezza al sistema, fornendogli la forza centripeta che gli consente di mantenersi ancorato a risultati riconoscibili nei contesti professionali e ai risultati conseguibili attraverso percorsi di apprendimento formale 40

41 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi I risultati di apprendimento come baricentro del sistema Le UC sono correlate ad insiemi di attività professionali, organizzate in processi produttivi, fungendo da ponte tra il linguaggio del mercato del lavoro e l offerta formativa 41

42 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi I risultati di apprendimento come baricentro del sistema La visualizzazione mostra come gli standard di riferimento, formalizzati in UC, siano direttamente correlati ad insiemi di attività professionali, organizzate in processi produttivi. 42

43 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi I risultati di apprendimento come baricentro del sistema Il format utilizzato per rappresentare lo standard dell UC prevede le seguenti componenti: 43

44 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi Riconoscimento delle competenze Il dispositivo previsto nell ambito di SPF on line costituirà un servizio innovativo per gli utenti, offrendo loro: una maggiore flessibilità di percorsi, conseguendo il riconoscimento di unità di competenza; la possibilità di evitare duplicazioni di apprendimento, ottimizzando il proprio tempo a disposizione; un occasione per fare il punto rispetto ai propri apprendimenti, aumentando la consapevolezza di quanto si è già acquisito e di ciò che necessita di essere potenziato; l opportunità di approfondire i propri fabbisogni formativi, in quanto jl riconoscimento consente di meglio identificare le sfide che sollecitano i professionisti della formazione e dei servizi alla persone 44

45 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi Riconoscimento delle competenze ACCOGLIENZA/ ORIENTAMENTO L architettura del dispositivo di riconoscimento IDENTIFICAZIONE VERIFICA DOCUMENTALE VALUTAZIONE RICONOSCIMENTO 45

46 Fabrizio Giovannini 2 La valorizzazione delle risorse in una logica integrata e territoriale Linee di sviluppo Iniziative A Nuovi target e contesti di apprendimento Alta formazione accademica e non (Corso di Laurea triennale in Scienze della formazione per gli operatori FP; Scuole di management) Pubblicazione di UF riferite alle competenze chiave degli operatori del LLL B Integrazione in percorsi blended concordati con scuole e agenzie formative anche attraverso convenzioni con regioni, enti locali, aziende, parti sociali per la composizione di un offerta formativa decentrata e locale attraverso l impiego delle risorse di xformare.it in percorsi misti con modalità di apprendimento in presenza e a distanza 46

47 Produzione di UF multimediali relative alle competenze chiave degli operatori del sistema integrato Il corpus sostanziale e contenutistico dei nuovi saperi si presenta articolato in tre assi tra loro complementari e integrati: 1. L asse delle strategie, delle politiche, degli obiettivi e degli strumenti definiti dall UE 2. L asse delle caratteristiche e delle criticità specifiche del contesto italiano 3. L asse delle nuove competenze, necessarie per agire professionalmente nel nuovo scenario europeo e nello specifico contesto italiano 47

48 UF Asse Titoli Produzione di UF multimediali relative alle competenze chiave degli operatori del sistema integrato UF01 - La Programmazione FSE UF02 - Standard e risultati di apprendimento UF Gli strumenti per la trasparenza dei titoli e delle qualifiche: l EQF e l EUROPASS UF04 - Identificazione e validazione degli apprendimenti non formali e informali UF05 - Il trasferimento e il riconoscimento dei crediti: l European Credit (Transfer) System for Vocational Education and Training (ECVET) UF06 - Le competenze chiave nei sistemi di apprendimento UF07 UF08 UF09 UF10 UF11 UF12 UF13 UF14 UF15 UF16 UF17 UF18 UF19 UF Da Lisbona ai NAP e al Piano Nazionale di Riforma: le strategie per l'occupazione - Il fenomeno mobbing: definizioni, inquadramento, strategie di intervento - Il bullismo come fenomeno sociale: conoscerlo e prevenirlo - Educare alla legalità e alla convivenza democratica - Il lavoro non regolare e l'economia sommersa: caratteristiche e principali impatti sociali - L economia e la finanza per tutti - Ambiente e sviluppo sostenibile: educare alla cittadinanza attiva - Strumenti per l emersione del lavoro non regolare - Utilizzare il web di nuova generazione - Imparare ad imparare: una competenza strategica per gli operatori e per gli utenti dei servizi - Vivere l organizzazione come comunità sociale e professionale - Essere autori del proprio sviluppo: qualità personali e cultura imprenditoriale - Interculturalità: l incontro con la differenza nei sistemi di apprendimento - Qualità integrata e nuovo accreditamento: un approccio multi-dimensionale 48

49 Fabrizio Giovannini 3 Estensione del servizio C D Linee di sviluppo Aggiornamento del contenuto digitale e della knowledge base in prospettiva del Web 2.0 e della multicanalità attraverso Ampliamento delle relazioni e costituzione di reti formative internazionali mediante accordi con soggetti istituzionali per Iniziative la valorizzazione del contenuto digitale del sistema di offerta, l ampliamento della funzione d uso di tipo informativo del servizio e l assunzione da parte degli utenti del ruolo di content provider il rafforzamento delle comunità professionali l accesso capillare e la distribuzione dei contenuti attraverso strumenti e canali ad ampia diffusione(internet, mobile, TV digitale) portare e localizzare il progetto all estero, valorizzando la strategia di servizio e il modello didattico-pedagogico di SPF on line in altri Paesi, in modo complementare alle politiche di prossimità e di integrazione regionale. 49

50 Fabrizio Giovannini Grazie per l attenzione! 50

Il Sistema Permanente di Formazione on line del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Sistema Permanente di Formazione on line del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Il Sistema Permanente di Formazione on line del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Il progetto SPF on line SPF on line è un progetto nazionale pubblico e gratuito di formazione continua È

Dettagli

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING I N T R O D U Z I O N E IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING Il presente Glossario e learning costituisce il risultato di un attività di ricerca condotta

Dettagli

SPF On Line Rapporto di Monitoraggio 1 di 66

SPF On Line Rapporto di Monitoraggio 1 di 66 SPF On Line Rapporto di Monitoraggio 1 di 66 Servizio di Monitoraggio Formativo sommario Premessa... 3 1. Le origini del progetto e lo sviluppo...6 1.1 Gli obiettivi strategici della progettazione...7

Dettagli

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A.

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. sviluppiamo le competenze! Progetto Una rete per la formazione di qualità RFQ 2014 Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. Roma, 3 marzo 2014 1 I moduli aree di

Dettagli

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane Il progetto e-learning ICE nasce da un indagine dei fabbisogni formativi delle piccole e medie imprese italiane, interessate a progetti di internazionalizzazione,

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Il sistema di web learning della Regione Toscana

Il sistema di web learning della Regione Toscana Il sistema di web learning della Regione Toscana 1di34 Origini e sviluppo TRIO (Tecnologia, Ricerca, Innovazione, Orientamento) nasce alla fine del 1998 come programma di interventi sperimentali e innovativi

Dettagli

Definizione di un progetto formativo adeguato alla figura professionale dell agente

Definizione di un progetto formativo adeguato alla figura professionale dell agente Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 Linea di azione 1.C Valorizzazione e implementazione

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

PROGETTO OSSERVATORIO DI SERVIZI,

PROGETTO OSSERVATORIO DI SERVIZI, PROGETTO OSSERVATORIO DI SERVIZI, SISTEMI E MATERIALI DI E-LEARNING QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE * * * * * QUESTIONARIO RIVOLTO AD ENTI CHE OPERANO NEL SETTORE E-LEARNING Data Intervista: Intervistato:

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning ICT Solution ICT Solution WeTech Srl è un'azienda italiana operante nel campo dell'information & Communication Technology che, grazie alla sua offerta di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto, è in

Dettagli

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa IL PIANO FORMATIVO PIVOT Avviso 2/08 Fondimpresa INDICE Sintesi del Progetto Finalità Obiettivi Destinatari Fasi del Progetto Risultati Attesi Il Piano Formativo PIVOT FINALITA' SINTESI DEL PROGETTO FINALITA'

Dettagli

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro RISORSE COMUNI Milano, 22 gennaio 2003 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro Rosanna Lisco Euform.it

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Come governare i processi formativi La formazione a distanza nell esperienza di Isvor Fiat

Come governare i processi formativi La formazione a distanza nell esperienza di Isvor Fiat Come governare i processi formativi La formazione a distanza nell esperienza di Isvor Fiat Federica Garbolino - Area New Media La formazione per l innovazione- FORUM P.A. - Roma, 9 maggio 2002 14/05/02

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE

METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE 1. LEARNING BY DOING DEFINIZIONE: apprendimento attraverso il fare, attraverso l operare, attraverso le azioni. OBIETTIVI: Gli obiettivi di apprendimento si configurano

Dettagli

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania e del Forum Regionale della Gioventù 03 ALLEGATO A Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania 1- Premessa

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8143 - E-Learning Manager

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8143 - E-Learning Manager CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 814 - E-Learning Manager Dati principali - Corso ID: 814 - E-Learning Manager ID Corso: Titolo corso: logia corso: Link dettaglio Master: Master di 1 livello o 2 livello:

Dettagli

ILMS. Integrated Learning Management System

ILMS. Integrated Learning Management System ILMS Integrated Learning Management System ILMS ILMS è una piattaforma applicativa web che integra tutte funzionalità, gli strumenti e i controlli necessari alla gestione di tutti i processi legati alla

Dettagli

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio INTRODUZIONE Nell ambito delle politiche socio-sanitarie,

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ETICA E LEGALITÀ

PROGETTO FORMATIVO ETICA E LEGALITÀ PROGETTO FORMATIVO ETICA E LEGALITÀ PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E CODICE DI COMPORTAMENTO EROGAZIONE IN MODALITA E-LEARNING DASEIN S.r.l. Sede Operativa di Torino: Lungo Dora Colletta 81-10153 Torino

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e E-LEARNING E-LEARNING Electronic Learning Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Le figure professionali dell e-learning

Le figure professionali dell e-learning Le figure professionali dell e-learning Competenze e opportunità Dott. M. Boati Le figure professionali Le figure professionali per fase rogettazione Ogni fase di un progetto produce effetti sulla fase

Dettagli

PROGETTO NETWORK DONNE D'IMPRESA

PROGETTO NETWORK DONNE D'IMPRESA PROGETTO TITOLO NETWORK DONNE D'IMPRESA MOTIVAZIONI La Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche sottopone alla attenzione il progetto Network Donne d'impresa, volto alla

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina A cura di Novella Caterina 1 RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI 1.1 Premessa di scenario 1.2 Finalità 1.3 Destinatari del corso 1.4 Obiettivi 1.5 Target di riferimento 1.6 Referenti di progetto manager (Pm) si

Dettagli

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Il metodo QPA - Questionario sui Processi di Apprendimento - Il metodo QPA INDICE Premessa... 2 I. QPA: quadro teorico... 4 II. Modello di

Dettagli

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA Luigi Barberini Studiodelta S.r.l. Bari /Italia l.barberini@studiodelta.it FULL PAPER Obiettivo principale del progetto è stato la formazione informatica di base per un numero di circa 0 dipendenti dell

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali Catalogo FORMAZIONE BLENDED Aula + Pillole Formative Finanziabile con Fondi Interprofessionali 2 Indice CORSO DI SVILUPPO MANAGERIALE Pag. 3 REVERSE MENTORING Pag. 5 STRUMENTI E METODI PER LA GESTIONE

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA . Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) Con la Legge n. 5/0, l Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) entra a far parte del sistema educativo con pari dignità

Dettagli

Portale Didattico Social Learning Environment

Portale Didattico Social Learning Environment Portale Didattico Social Learning Environment Presentazione 11 dicembre 2015 Guastini Andrea Referente Tecnico Piattaforma Uibi Cosè UiBi Social Learning Environment Quindi Ambiente Sociale di Apprendimento

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

PROFILI DELLA FORMAZIONE

PROFILI DELLA FORMAZIONE Allegato 1d.2 PROFILI DELLA FORMAZIONE Nota Bene: Fermo restando i profili di formazione già sanciti da specifiche regolamentazioni (ad esempio i profili presenti nell ambito della formazione in medicina

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

LE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE NEL 2010 E IL RILANCIO DEI CONTRATTI A CONTENUTO FORMATIVO.

LE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE NEL 2010 E IL RILANCIO DEI CONTRATTI A CONTENUTO FORMATIVO. LE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE NEL 2010 E IL RILANCIO DEI CONTRATTI A CONTENUTO FORMATIVO. CONVEGNO UIL ADAPT Roma, 6 maggio 2010 L apprendistato di alta formazione: L esperienza FIXO di Italia Lavoro

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

Il Sistema Integrato di Gestione della Conoscenza dell Agenzia

Il Sistema Integrato di Gestione della Conoscenza dell Agenzia Il Sistema Integrato di Gestione della Conoscenza dell Agenzia Roma, 15 aprile 2003 (ver. 1.0) Indice IL CONTESTO DI RIFERIMENTO DELL AGENZIA CRITICITA ED ESIGENZE DELL AGENZIA I PROGETTI AVVIATI IL MOADEM

Dettagli

Retail Technology Enhanced Learning

Retail Technology Enhanced Learning Manuela Martini Ingegnere Gestionale, manager esperto di Business Process Re-engineering, Manuela ha gestito progetti nazionali ed internazionali finalizzati all'informatizzazione dei processi organizzativi

Dettagli

La formazione degli studenti nelle biblioteche dell Università di Pisa:

La formazione degli studenti nelle biblioteche dell Università di Pisa: La formazione degli studenti nelle biblioteche dell Università di Pisa: dai crediti ai tirocini personalizzati Milano, 16 marzo 2012 Patrizia Lùperi, Università di Pisa, Sistema bibliotecario d Ateneo

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

SPF on-line: un percorso di formazione per l Università. I Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Professionale

SPF on-line: un percorso di formazione per l Università. I Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Professionale SPF on-line: un percorso di formazione per l Università I Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Professionale SPF on-line rappresenta il punto di partenza di un progetto, in via di realizzazione,

Dettagli

per l accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione CEV

per l accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione CEV LINEE GUIDA per l accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale 30

Dettagli

applicazione strategica per le università

applicazione strategica per le università E-learning applicazione strategica per le università Enrico Cavalli Università degli Studi di Bergamo Strategie dell e-business Università degli Studi di Bergamo 5-6 giugno 2002 e-learning E-learning Distance

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che organizza, in diversi

Dettagli

LE ESPERIENZE DEL GRUPPO SETEL NEL SETTORE DEL TRAINING TECHNOLOGY BASED

LE ESPERIENZE DEL GRUPPO SETEL NEL SETTORE DEL TRAINING TECHNOLOGY BASED 1 LE ESPERIENZE DEL GRUPPO SETEL NEL SETTORE DEL TRAINING TECHNOLOGY BASED 2 Un po di Storia 1988 1997; SeTeL è VAR per l'italia del Sistema/Linguaggio Autore Mandarin, della Marconi Simulation UK 1988

Dettagli

Linee guida in materia di formazione per la esociety

Linee guida in materia di formazione per la esociety Allegato parte integrante Linee guida formazione esociety ALLEGATO ALLA DELIBERA N. DEL 14 LUGLIO 2006 Linee guida in materia di formazione per la esociety La Società dell informazione deve garantire,

Dettagli

LEADERSHIP EDUCATIVA

LEADERSHIP EDUCATIVA LEADERSHIP EDUCATIVA Corso per Dirigenti Scolastici Programma realizzato in convenzione con Ufficio scolastico regionale per la Lombardia da dirigenti scolastici in collaborazione con la Fondazione IBM

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ04566 REGIONE CAMPANIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ04566 REGIONE CAMPANIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: Comune di Mugnano di Napoli Codice di accreditamento: NZ04566 Albo e classe di iscrizione: REGIONE

Dettagli

indice Blended Learning 1

indice Blended Learning 1 Blended Learning La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Blended Learning 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA accompagna lo sviluppo delle risorse in azienda

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

Università degli Studi ecampus: un servizio progettato «intorno» allo studente

Università degli Studi ecampus: un servizio progettato «intorno» allo studente Università degli Studi ecampus: un servizio progettato «intorno» allo studente Infrastruttura fisica: LE SEDI BARI Infrastruttura virtuale: LA PIATTAFORMA E-LEARNING Bari, p.zza G. Cesare 13 ecampus è

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System)

Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System) Learning and Management System Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System) Linee guida: 1. StartUp sistema videoconferenza in piattaforma

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Vademecum. Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca. (Agg. 18 marzo 2013)

Vademecum. Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca. (Agg. 18 marzo 2013) Programma Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Vademecum per la costruzione di Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca (Agg. 18 marzo

Dettagli

Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo

Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo SHARECONFERENCE Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo Teramo 15/12/2006 Manuela Pegoraro Il Centro METID del Politecnico

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE

DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE Profilo - Competenze - Certificazioni Perché definire un profilo? Perché descriverne le competenze e certificarle?

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

Risultati dei questionari elearning e Ariel. A. Esposito, D. Scaccia

Risultati dei questionari elearning e Ariel. A. Esposito, D. Scaccia Risultati dei questionari elearning e Ariel A. Esposito, D. Scaccia Indagine elearning Obiettivi della rilevazione Raccogliere dati, informazioni e opinioni utili agli Organi di governo per elaborare strategie

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell Università di Cagliari Carta dei servizi per lo Studente

Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell Università di Cagliari Carta dei servizi per lo Studente Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell Università di Cagliari Carta dei servizi per lo Studente Art. 1 Principi generali e finalità 1. La Carta dei Servizi per lo Studente è regolata dal D.M.

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento,

Dettagli

Una formazione di qualità per il mondo del lavoro

Una formazione di qualità per il mondo del lavoro Una formazione di qualità per il mondo del lavoro formazione&lavoro servizi per l'occupazione e la formazione dei lavoratori Il Consorzio Formazione&Lavoro, servizi per l occupazione e la formazione dei

Dettagli

TRIO Il Sistema di Web Learning della Regione Toscana

TRIO Il Sistema di Web Learning della Regione Toscana TRIO Il Sistema di Web Learning della Regione Toscana E-learning nella pubblica amministrazione: esperienze a confronto Formez - 13 dicembre 2013 2 TRIO è il Sistema di Web Learning della Regione Toscana

Dettagli

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione -

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - Laboratorio operativo sugli strumenti di Business, Marketing & Reputation,per aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende on-line SCENARIO Ogni giorno

Dettagli

TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY

TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY Giugno 2010 Teleskill Learning Community Teleskill Learning Community è un portale on-line che consente al cliente di gestire

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

"VE. DI. VErso il DIploma PERCORSI FORMATIVI IN MODALITA BLENDED PER L INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE"

VE. DI. VErso il DIploma PERCORSI FORMATIVI IN MODALITA BLENDED PER L INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE "VE. DI. VErso il DIploma PERCORSI FORMATIVI IN MODALITA BLENDED PER L INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE" Obiettivo del progetto Il progetto intende rispondere all esigenza di rendere accessibili

Dettagli

PROGETTO AQUILONE Teledidattica per l Università di Ebolowa (Camerun)

PROGETTO AQUILONE Teledidattica per l Università di Ebolowa (Camerun) PROGETTO AQUILONE Teledidattica per l Università di Ebolowa (Camerun) Prof. Silvana Dellepiane SENIORES ITALIA ONLUS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA I partner del PROGETTO AQUILONE Cofinanziamento Regionale

Dettagli

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 e-learning PER LA CATALOGAZIONE 1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 1.1 GLI OBIETTIVI 2 1.2 I PERCORSI DIDATTICI 2 1.3 I CONTENUTI: LA CATALOGAZIONE 3 1.4 I CONTENUTI: GLI STANDARD CATALOGRAFICI 3 1.5 I CONTENUTI:

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze della Formazione Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011).

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). http://www.apogeonline.com/libri/9788850329847/scheda

Dettagli

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 Moodlemoot 2014 La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 DM 47 30 Gennaio 2013 Art. 1 1. Le disposizioni di cui al presente

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

Università per Stranieri Siena

Università per Stranieri Siena Università per Stranieri Siena per Stranieri di Siena Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100 Siena Tel. +39 0577.240.249-274 e-mail:fast@unistrasi.it sito:www.unistrasi.it Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100

Dettagli

FACILITATORE DIGITALE

FACILITATORE DIGITALE Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Oggi in Europa circa il 30-40% delle persone anziane, dei disabili, delle donne, delle persone con

Dettagli