SPF On Line. Realizzazione del progetto e prospettive di sviluppo. ISFOL Area Risorse Strutturali e Umane dei Sistemi Formativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPF On Line. Realizzazione del progetto e prospettive di sviluppo. ISFOL Area Risorse Strutturali e Umane dei Sistemi Formativi"

Transcript

1 SPF On Line Realizzazione del progetto e prospettive di sviluppo ISFOL Area Risorse Strutturali e Umane dei Sistemi Formativi

2 Indice SPF On Line: la strategia progettuale e le componenti del sistema di offerta I risultati del progetto Le prospettive di sviluppo

3 SPF On Line: cos è e quale obiettivo vuole raggiungere Progetto nazionale pubblico e gratuito di formazione continua Per gli Operatori della formazione nelle 7 filiere del sistema integrato Istruzione-Formazione-Lavoro Basato su un sistema e-learning con un ricco catalogo di offerta e un ampia gamma di servizi di apprendimento on line Accessibile attraverso il portale accompagnare l implementazione delle riforme che interessano il mercato del lavoro, nonché il sistema formativo del Paese, attraverso l offerta di formazione continua supportata dall utilizzo delle Information Communication Technology (ICT) e volta alla qualificazione/riqualificazione delle risorse umane che in tali sistemi operano

4 Gli attori del progetto MLPS - DGPOF ISFOL Coordinamento + Monitoraggio Formativo Italia Lavoro LCMS LMS UF ex FaDoL (SCORM) Promozione Istituzionale MLPS - DGIT RTI SAA (12 +1) RTI LSM (7) RTI LabSI (3) RTI per Hw RTI per Sw SIL SPF offerta sussidiaria

5 OPERATORI DEL SISTEMA INTEGRATO L offerta formativa e i destinatari Circa 200 Unità Formative* Accreditamento e certificazione Oltre unità di apprendimento (Learning Objects) Più di ore di fruizione via Internet Percorsi di apprendimento personalizzabili e flessibili per lo sviluppo di competenze specifiche * Circa 2/3 del catalogo prodotto ex-novo su contenuti originali Obbligo formativo Apprendistato Formazione Continua Formazione Permanente Servizi per l Impiego Formazione post-diploma e superiore

6 Il catalogo dei corsi

7 Il catalogo dei corsi per aree tematiche

8 Il catalogo dei percorsi per contesti e profili

9 Il catalogo dei corsi per processi e aree operative

10 Il modello formativo /1 Autoapprendimento assistito Apprendimento collaborativo Memorizzazione e comprensione dei contenuti Contestualizzazione e applicazione dei contenuti elevati livelli di apprendimento e scambio professionale fra operatori responsabili dei molteplici processi di evoluzione del mercato del lavoro

11 Il modello formativo /2 Catalogo dei corsi multimediali

12 Servizi di Assistenza all Apprendimento /1 Apprendimento collaborativo Xformare.it mette a disposizione ambienti tecnologici dedicati all interazione uno-amolti o molti-a-molti mediati, a seconda dei casi, dalla figura del tutor o dalla stessa relazione dei partecipanti a un determinato gruppo professionale Forum Biblioteca virtuale Chat Aula virtuale sviluppare l interazione e la socializzazione tra i partecipanti, favorendo lo scambio di conoscenze e competenze tra gli operatori in materia di istruzione, formazione e orientamento

13 Servizi di Assistenza all Apprendimento /2 Comunità di Pratica Apprendimento collettivo Impegno all interno di un campo disciplinare comune Condivisione delle informazioni Un insieme di persone, solitamente professionisti uniti da un attività comune, che utilizza la rete con l obiettivo di sviluppare le proprie capacità e creare, condividere ed espandere le conoscenze su un determinato argomento. Le Comunità di Pratica di Xformare.it sono classi informali di lavoro i cui membri possono trattare temi di interesse comune, ricercare insieme soluzioni, ideare e realizzare progetti.

14 Servizi di Assistenza all Apprendimento /3 Il servizio di tutoring supporto durante la fase di auto-apprendimento dell utente: il tutor fornisce risposte e feedback sull andamento del processo formativo, centrando prioritariamente i propri interventi sugli aspetti di contenuto didattico progettazione, animazione e gestione delle attività cooperative e collaborative centrate sui contenuti appresi dagli utenti in cui il tutor focalizza la propria attività sulle dimensioni di processo relazionale, cognitivo e sociale del gruppo in apprendimento orientamento dell utente nella fase di scelta del proprio percorso formativo

15 Servizi di Assistenza all Apprendimento /4 Il servizio di help desk (Contact Center) Tutti gli utenti (interessati e registrati) possono ricevere assistenza tecnica attraverso: un numero verde [ ] un indirizzo un sistema di messaggistica diretta interno alla piattaforma

16 Servizi di Assistenza all Apprendimento /5 Il servizio di comunicazione e marketing formativo Individuazione dei potenziali utenti e profilazione dei destinatari Contatto con i diversi bacini di utenza mediante canali e strumenti adatti a ciascun profilo Promuovere la più ampia partecipazione e adesione al sistema formativo Promozione mirata dell offerta formativa Fidelizzazione dell utenza

17 Indice SPF On Line: la strategia progettuale e le componenti del sistema di offerta I risultati del progetto Le prospettive di sviluppo

18 Componenti - organizzative - tecnologiche - didattico-editoriali - di servizio Architettura generale del progetto e del servizio Studio di fattibilità Principali tappe Fase pilota (2 mesi) Fase preparatoria Circa 2000 utenti Fase a regime Evoluzioni Avviata il 5 luglio Stabile da settembre Servizio di Monitoraggio Formativo

19 Cos è il servizio di monitoraggio formativo Il Servizio di Monitoraggio Formativo (SMF) è un processo che percorre altri processi del progetto SPF online.

20 Ricordiamo il campo di indagine del SMF: l analisi dei comportamenti dell utente durante il suo percorso formativo e dei risultati conseguiti in termini di interazioni utente-attività. Il campo di indagine del servizio di monitoraggio formativo

21 Le attività svolte Output: 1) Studi di fattibilità 2) Documento metodologico 3) Report Fase Pilota 4) Elaborazione questionari 5) Progettazione applicativo 6) Elaborazione SW applicativo Oggi Implementazione Applicativo e cruscotto Progettazione Applicativo di Monitoraggio Erogazione Monitoraggio Fase Pilota su 2000 utenti Metodologia Monitoraggio Formativo Analisi di pre start-up (def. Ambiti di indagine, ecc.) Analisi di Pre-fattibilità

22 Il Monitoraggio della Fase pilota aveva evidenziato... Il miglioramento del metodo di lavoro dei Tavoli Tecnici come strumento di gestione organizzativa Il giudizio positivo sulla capacità di risposta della rete SAA Positivo giudizio sui canali di contatto e sul flusso di comunicazione Feedback operativi sul funzionamento tecnico e tecnologico dell infrastruttura Buon giudizio sulla qualità dei materiali didattici multimediali Indicazioni operative per il miglioramento dei metodi e delle tecniche per le attività del Servizio di monitoraggio formativo

23 Coerenza tra progetto e. I risultati complessivi ottenuti da SPF on line ne dimostrano la buona coerenza con gli obiettivi generali e strategici della programmazione del FSE Grado di copertura nazionale L analisi dei dati mostra la copertura sull intero territorio nazionale 108 province su 110 coinvolte; una distribuzione equilibrata tra le regioni centrali, meridionali e del nord, con una leggera prevalenza di quelle del sud del Paese.

24 Risultati da settembre 2007 Utenti registrati fino al 30 maggio: Utenti iscritti fino al 30 maggio: Copertura: 108 province (su 110 in totale) Leggera prevalenza delle donne Distribuzione delle classi di età: 60% degli utenti nelle fasce anni e anni Distribuzione territoriale: prevalenza delle province meridionali Settore di provenienza prevalente: Agenzie formative

25 Alcuni importanti punti di forza emersi Sostegno al sistema nazionale di formazione continua e permanente Le caratteristiche dell utenza di SPF rilevata dai questionari somministrati dal SMF, per dimensioni e composizione, dimostra una completa rispondenza agli indirizzi del FSE: 77% di occupati; 10% dipendenti della PPAA; aumento costante della presenza di disoccupati o inoccupati. Se ne deduce un offerta formativa principalmente rivolta alla formazione continua ma con un crescente capacità di rivolgersi alla generalità dell utenza (formazione permanente).

26 Alcuni importanti punti di forza emersi Equità di genere e pari opportunità 50 % di utenze femminili con tendenza ad un leggero incremento negli ultimi mesi. Si tratta di un valore elevato se confrontato con la partecipazione ad analoghe offerte di formazione nel settore della formazione professionale. Sostegno alle politiche d inclusione sociale La UF sui soggetti svantaggiati sono tra quelle maggiormente fruite. I corsi maggiormente richiesti sono: Riconoscimento e accoglienza del soggetto in condizione di svantaggio Modelli e metodologie didattiche per i soggetti svantaggiati Le tipologie di svantaggio e le politiche a sostegno

27 Alcuni importanti punti di forza emersi Diffusione delle ICT nella riqualificazione delle risorse umane Le UF sulle ICT si collocano ai primissimi posti nelle preferenze di fruizione da parte degli utenti: Concetti di base della tecnologia dell'informazione Word base Excel base Access base Coniugando questo dato, con le caratteristiche anagrafiche dell utenza e la posizione lavorativa, ne emerge una conferma di SPF come strumento in grado di rispondere efficientemente alla domanda di aggiornamento delle risorse umane occupate.

28 Classi d età Fino a 24 anni anni anni anni anni 65 anni e oltre 14,32 31,27 28,15 18,79 5,41 2, ,27 28,15 25 Fino a 24 anni ,32 18, anni anni anni anni ,41 2,06 65 anni e oltre 0

29 Livello di istruzione Fino a Licenza Media Diploma di scuola secondaria Titolo Universitario Titolo post Universitario 10,80 55,30 31,50 1,80 60,00 55,30 50,00 40,00 30,00 31,50 Fino a Licenza Media Diploma di scuola secondaria Titolo Universitario 20,00 10,00 0,00 10,80 1,80 Titolo post Universitario

30 Orari di fruizione nella giornata Nr. utenti collegati nelle diverse ore del giorno

31 Genere Uomini con almeno un test di percorso superato Donne con almeno un test di percorso superato Uomini con almeno un test di UF superato Donne con almeno un test di UF superato Uomini con almeno un test di UD superato Donne con almeno un test di UD superato

32 Risultati da settembre 2007 Fruizione dell offerta formativa (180 corsi e 72 percorsi) Argomenti preferiti dagli utenti Sicurezza in ambiente di lavoro Informatica di base Comunicazione formativa Didattica Gestione amministrativa Titolo 1) SIC01 - Gestione della sicurezza in ambiente di lavoro 2) SIC02 - Lavorare in sicurezza 3) INF 01 - Concetti di base della tecnologia dell'informazione 4) INF 06 - Excel base 5) INF 10 - Word Base 6) COM La comunicazione nei gruppi 7) INF 05 - Access avanzato 8) COM 01 - Comunicazione e creatività 9) INF 04 Access Base 10INF 11 Word Avanzato Titolo 11) COM 06 Comunicazione e new media 12) INF 12 Internet 13) INF 07 Excel avanzato 14) CF2 Animazione e facilitazione all apprendimento individuale e di fruppo 15) ESP01- Presentare 16) FRN01 - Faire connaissance 17) H4 Coordinamento e controllo della gestione amministrativa del personale 18) COM 02 Comunicazione e ascolto 19) COM 03 Comunicazione e formazione 20) INF 08 - Power point base

33 L opinione degli utenti circa l offerta formativa Positivo giudizio complessivo sulla rispondenza dell offerta ai bisogni formativi e sull usabilità dei materiali didattici (gradimento superiore all 85%) Oltre i due terzi degli utenti che ha risposto intende continuare a fruire dei servizi di xformare.it Particolarmente apprezzata la qualità dei courseware multimediali 74 utenti Isfol x 123 corsi

34 Gli strumenti per il Monitoraggio I questionari Il Software applicativo accessibile via web all indirizzo: ad accesso riservato

35

36 Indice SPF On Line: la strategia progettuale e le componenti del sistema di offerta I risultati del progetto Le prospettive di sviluppo

37 Fabrizio Giovannini Prospettive 1 Trasparenza del sistema di offerta 2 Valorizzazione delle risorse in una logica integrata e territoriale 3 Estensione del servizio Tempo di apprendimento delle UF Risultati di apprendimento come baricentro del sistema Riconoscimento delle competenze Integrazione e sinergie con percorsi offerti da agenzie di formazione, regioni ed enti locali. Nuovi target e nuovi segmenti di utenza del Sistema integrato Ampliamento dei canali e della knowledge base Internazionalizzazione 37

38 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti quantitativi Il tempo di apprendimento associato alle UF Auto-apprendimento assistito Apprendimento collaborativo Fruizione multimediale Riflessione apprenditiva Interazione Apprendere dalle informazioni in modo ricorsivo Leggere Guardare Ascoltare Comprendere Memorizzare Riflettere Verificare Controllare Apprendere interattivamente Esaminare Provare Interagire Apprendere collaborando Discutere Fare pratica Confrontarsi 38

39 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti quantitativi Il tempo di apprendimento associato alle UF 39

40 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi I risultati di apprendimento come baricentro del sistema La dimensione della competenza assicura concretezza al sistema, fornendogli la forza centripeta che gli consente di mantenersi ancorato a risultati riconoscibili nei contesti professionali e ai risultati conseguibili attraverso percorsi di apprendimento formale 40

41 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi I risultati di apprendimento come baricentro del sistema Le UC sono correlate ad insiemi di attività professionali, organizzate in processi produttivi, fungendo da ponte tra il linguaggio del mercato del lavoro e l offerta formativa 41

42 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi I risultati di apprendimento come baricentro del sistema La visualizzazione mostra come gli standard di riferimento, formalizzati in UC, siano direttamente correlati ad insiemi di attività professionali, organizzate in processi produttivi. 42

43 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi I risultati di apprendimento come baricentro del sistema Il format utilizzato per rappresentare lo standard dell UC prevede le seguenti componenti: 43

44 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi Riconoscimento delle competenze Il dispositivo previsto nell ambito di SPF on line costituirà un servizio innovativo per gli utenti, offrendo loro: una maggiore flessibilità di percorsi, conseguendo il riconoscimento di unità di competenza; la possibilità di evitare duplicazioni di apprendimento, ottimizzando il proprio tempo a disposizione; un occasione per fare il punto rispetto ai propri apprendimenti, aumentando la consapevolezza di quanto si è già acquisito e di ciò che necessita di essere potenziato; l opportunità di approfondire i propri fabbisogni formativi, in quanto jl riconoscimento consente di meglio identificare le sfide che sollecitano i professionisti della formazione e dei servizi alla persone 44

45 Fabrizio Giovannini 1 Trasparenza del sistema di offerta: gli aspetti qualitativi Riconoscimento delle competenze ACCOGLIENZA/ ORIENTAMENTO L architettura del dispositivo di riconoscimento IDENTIFICAZIONE VERIFICA DOCUMENTALE VALUTAZIONE RICONOSCIMENTO 45

46 Fabrizio Giovannini 2 La valorizzazione delle risorse in una logica integrata e territoriale Linee di sviluppo Iniziative A Nuovi target e contesti di apprendimento Alta formazione accademica e non (Corso di Laurea triennale in Scienze della formazione per gli operatori FP; Scuole di management) Pubblicazione di UF riferite alle competenze chiave degli operatori del LLL B Integrazione in percorsi blended concordati con scuole e agenzie formative anche attraverso convenzioni con regioni, enti locali, aziende, parti sociali per la composizione di un offerta formativa decentrata e locale attraverso l impiego delle risorse di xformare.it in percorsi misti con modalità di apprendimento in presenza e a distanza 46

47 Produzione di UF multimediali relative alle competenze chiave degli operatori del sistema integrato Il corpus sostanziale e contenutistico dei nuovi saperi si presenta articolato in tre assi tra loro complementari e integrati: 1. L asse delle strategie, delle politiche, degli obiettivi e degli strumenti definiti dall UE 2. L asse delle caratteristiche e delle criticità specifiche del contesto italiano 3. L asse delle nuove competenze, necessarie per agire professionalmente nel nuovo scenario europeo e nello specifico contesto italiano 47

48 UF Asse Titoli Produzione di UF multimediali relative alle competenze chiave degli operatori del sistema integrato UF01 - La Programmazione FSE UF02 - Standard e risultati di apprendimento UF Gli strumenti per la trasparenza dei titoli e delle qualifiche: l EQF e l EUROPASS UF04 - Identificazione e validazione degli apprendimenti non formali e informali UF05 - Il trasferimento e il riconoscimento dei crediti: l European Credit (Transfer) System for Vocational Education and Training (ECVET) UF06 - Le competenze chiave nei sistemi di apprendimento UF07 UF08 UF09 UF10 UF11 UF12 UF13 UF14 UF15 UF16 UF17 UF18 UF19 UF Da Lisbona ai NAP e al Piano Nazionale di Riforma: le strategie per l'occupazione - Il fenomeno mobbing: definizioni, inquadramento, strategie di intervento - Il bullismo come fenomeno sociale: conoscerlo e prevenirlo - Educare alla legalità e alla convivenza democratica - Il lavoro non regolare e l'economia sommersa: caratteristiche e principali impatti sociali - L economia e la finanza per tutti - Ambiente e sviluppo sostenibile: educare alla cittadinanza attiva - Strumenti per l emersione del lavoro non regolare - Utilizzare il web di nuova generazione - Imparare ad imparare: una competenza strategica per gli operatori e per gli utenti dei servizi - Vivere l organizzazione come comunità sociale e professionale - Essere autori del proprio sviluppo: qualità personali e cultura imprenditoriale - Interculturalità: l incontro con la differenza nei sistemi di apprendimento - Qualità integrata e nuovo accreditamento: un approccio multi-dimensionale 48

49 Fabrizio Giovannini 3 Estensione del servizio C D Linee di sviluppo Aggiornamento del contenuto digitale e della knowledge base in prospettiva del Web 2.0 e della multicanalità attraverso Ampliamento delle relazioni e costituzione di reti formative internazionali mediante accordi con soggetti istituzionali per Iniziative la valorizzazione del contenuto digitale del sistema di offerta, l ampliamento della funzione d uso di tipo informativo del servizio e l assunzione da parte degli utenti del ruolo di content provider il rafforzamento delle comunità professionali l accesso capillare e la distribuzione dei contenuti attraverso strumenti e canali ad ampia diffusione(internet, mobile, TV digitale) portare e localizzare il progetto all estero, valorizzando la strategia di servizio e il modello didattico-pedagogico di SPF on line in altri Paesi, in modo complementare alle politiche di prossimità e di integrazione regionale. 49

50 Fabrizio Giovannini Grazie per l attenzione! 50

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Piattaforma e-learning certificata SCORM 2004 A te la scelta... DynDevice LCMS fa parte della Suite di Applicazioni Web DynDevice ECM, un prodotto Mega Italia Media. PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Basata

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

SalusNet - un iniziativa di Federsanità

SalusNet - un iniziativa di Federsanità ASL Formazione Continua e qualità delle prestazioni sanitarie L esigenza di razionalizzare la Spesa Sanitaria, per contenerne i costi, oggi deve e può coniugarsi con una continua tensione al miglioramento

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com E-learning Ridurre i costi Più efficienza Tracciare i risultati La formazione web-based può

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli