STEERING COMMITTEE 15 INCONTRO. Febbraio 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STEERING COMMITTEE 15 INCONTRO. Febbraio 2012"

Transcript

1 1 STEERING COMMITTEE 15 INCONTRO Febbraio 2012

2 2 STATO AZIONI PROMEMORIA ALL ARGOMENTO AZIONE CHI QUANDO PROMOZIONE & MARKETING Revisione programma 2012 Tutti Steering members INTEGRAZIONE PRODOTTO RIUNIONI PER GRUPPI DI LAVORO Membri nominati SCENARIO Estensione programma 2012 MEMBRI ASTER CRESCITA COMPETENZE ISCRIZIONE DEI RICERCATORI PER PROSSIMO CORSO 21 DIC. Tutti ASTER CRUSCOTTO ON GOING LABS Tutti gli autorizzati CATALOGO SITI : INSERIMENTO DATI CORE MEDIANTE sk_lab Resp Scientifici ASTER

3 3 AGENDA 15 INCONTRO DI STEERING COMMITTEE Sett 5 : 31_1-2 _ Gestione Piattaforme /14.30 Introduzione (Referente di piattaforma) Il punto Il programma del 2012 Relazione annuale di attività Accreditamento & Nuovi membri Varie La domanda di ricerca delle imprese /15.10 Interventi delle imprese (10 cad ) Scenario / Presentazione documenti Impostazione Nuovi scenari Marketing 15 Le scelte per il 2012 nelle piattaforme I teams Integrazione prodotto 15 Lo schema 2012 La bozza di proposta per Integrazione prodotto 2.0 Varie < / 17.00

4 CIMSI : LA RETE ALTA TECNOLOGIA 4 Da documento Orientamenti...CIMSI L evoluzione della Rete verso le imprese e verso progetti competitivi per l innovazione delle imprese e le prospettive di occupazione delle risorse umane coinvolte...la Rete deve evolvere e crescere per rispondere in modo sempre più efficace alle esigenze delle imprese,...

5 Raccomandazioni CIMSI 1/3 5 verifica dell attualità, della qualità, della fattibilità nel tempo e della prospettiva di sostenibilità dei programmi dei Laboratori aggiornamento e riorientamento dei Laboratori e dei loro programmi di ricerca a partire dalla conferma o ridefinizione delle priorità coinvolgimento nella Rete di nuovi gruppi di ricerca interessati a contribuirvi, con l obiettivo di mobilitare le competenze migliori per competere riapertura immediata (e permanente) del processo di accreditamento, anche verso aree cultural i diverse da quelle attualmente presenti e maggiormente a spin off di ricerca e start up di servizi maggiore orientamento e allargamento della Rete alle imprese e organizzazione delle attività delle Piattaforme e interpiattaforma per cluster ovvero su temi/progetti specifici che incontrino l interesse di raggruppamenti di imprese

6 Raccomandazioni CIMSI 2/3 6 riduzione del carico gestionale tramite la semplificazione dei processi amministrativi e di efficace coordinamento; identificazione di ruoli e risorse per il management tecnico-scientifico dei Laboratori specialmente in relazione ai loro rapporti con le imprese maggiore incisività delle azioni di comunicazione e di valorizzazione dei risultati, delle competenze e del potenziale della Rete verso le imprese,... occorre operare secondo una logica di integrazione e di ricomposizione della filiera nelle sue diverse componenti rafforzamento della capacità di interazione del personale della Rete che dialoga con le imprese con responsabilizzazione dei singoli Laboratori sul tema razionalizzazione delle fasi di monitoraggio e valutazione per evitare duplicazioni e dispersioni

7 Raccomandazioni CIMSI 3/3 7 orientamento dei laboratori e delle attività delle Piattaforme nel loro complesso verso progetti competitivi basati su finanziamenti diretti o per la partecipazione a bandi, e di ASTER nella attuazione della sua funzione di supporto e sviluppo della Rete sostenibilità e finanziamento dei laboratori con risorse diverse da quelle della Regione; possibile evoluzione di alcuni Laboratori verso forme di auto imprenditorialità (spin off), sviluppo di piani industriali dei singoli Laboratori nella prospettiva della sostenibilità, senza escludere il sostegno da parte della Regione e l utilizzo di possibili fondi pubblici di altra origine apertura verso collaborazioni a livello nazionale e internazionalizzazione riflessione e disegno di una nuova strategia per i centri per l innovazione

8 CONTRATTI ATTIVI IN CORSO 168 NON CONGRUENTI 1 IN VALIDAZIONE EFFETTIVI 167 Piattaforme TUTTI Contratti Finanziati Contratti da Imprese N Importo Complessivi Regionali Nazionali Internaz.li [k ] [N ] [k ] [N ] [k ] [N ] [k ] [N ] [k ] [N ] [k ] [ %] Agroalimentare ,2% Costruzioni ,3% Energia & Ambiente ,8% ICT / Design ,4% Meccanica & Materiali ,9% Scienze della Vita ,5% Totale ,5% CRUSCOTTO Aggiornamento 29 febbraio 2012

9 STORICO CONTRATTI INSERITI 689 NON ATTIVI / GIA SCADUTI 494 NON CONGRUENTI 26 IN VALIDAZIONE 2 Piattafrme TUTTI Contratti Finanziati Contratti da Imprese N Importo Complessivi Regionali Nazionali Internaz.li [k ] N [k ] N [k ] N [k ] N [k ] N [k ] [ %] Agroalimentare ,6% Costruzioni ,0% Energia & Ambiente ,3% ICT / Design ,0% Meccanica & Materiali ,1% Scienze della Vita ,3% Totale ,9% CRUSCOTTO Aggiornamento 29 febbraio 2012

10 STORICO CONTRATTI Valore (quote di competenza) per anno [Anni 2009 / 2013 e oltre] Piattaforma Agroalimentare 1.031, , ,1 Costruzioni 974, , ,0 Energia & Ambiente 2.202, , ,3 ICT & Design 1.763, , ,9 Meccanica & Materiali 1.909, , ,7 Scienze della vita 1.821, , ,1 TOTALE 9.701, , ,1 Il forte calo nelle costruzioni e nell ICT non sono state compensate dalla buona performance delle altre piattaforme Piattaforma e oltre Agroalimentare 1.031, , , ,5 666,3 Costruzioni 974, , , ,6 168,2 Energia & Ambiente 2.202, , , ,6 402,4 ICT & Design 1.763, , , , ,7 Meccanica & Materiali 1.909, , , ,4 535,2 Scienze della vita 1.821, , , , ,2 TOTALE 9.701, , , , ,0 CRUSCOTTO Aggiornamento 16 gennaio 2012

11 STORICO CONTRATTI Andamento contratti attivi [Anno / Febbraio] BASE SETTIMANALE Settimane CRUSCOTTO Aggiornamento 29 febbraio 2012

12 12 RELAZIONE ANNUALE DI ATTIVITÀ PROPOSTA : RS :Obiettivi di sviluppo della piattaforma, ( Da scenari + ev integrazione) ASTER :Quadro di insieme dei risultati economici di piattaforme (DA CRUSCOTTO) Competenze 2011, e anni futuri programmi attivi La attività di raccolta dalla repository della RER è in corso, Split per laboratorio degli stessi dati Riferimento al contesto di settore ( proposta SDV) Per ora non inseriremo i Centri per l innovazione, Dati degli eventi di piattaforma ma elencheremo solo i RL : Allegato tecnico sulla diffusione risultati risultati dei labs (Relazione tecnica per RER ) dell Accreditamento Inserimento dei dati già presentati alla regione,nello stesso formato, pdf Includendo il piano di miglioramento ( Accreditamento) CENTRI : relazione su attività svolte ( proposta da ICT ) IMPRESE : documenti presentati in SC RSdP Chiusura del documento ASTER :Redazione documento.pdf

13 13 ACCREDITAMENTO

14 Situazione Accreditamento istituzionale (25/01/12) Totale domande presentate 107 tot domande strutture rete 43 tot domande strutture fuori rete 64 Strutture accreditate in via definitiva Totale strutture accreditate in via provvisoria 16 accreditate domande non ammesse o diniego all accreditamento 8 domande ritirate 5 domande in sospeso 2 istruttorie in corso 12 Di cui 51 New entry

15 15 ALL NEW ENTRY : 51 1 di 3) Lista soggetti accreditati - SOLO NEW ENTRY RETE HTN Ambiti di riferimento per la Ricerca Industriale Ambiti di riferimento per il Trasferimento Tecnologico Struttura ALI COS ENA ICT MM SDV ALI COS ENA ICT MM SDV C.I.S.E.- Centro per l'innovazione e lo Sviluppo P Economico X X X X X X X CERR-Confindustria Emilia-Romagna Ricerca P X X X X X X CertiMaC- Certificazione Materiali da Costruzione s. cons.r.l. X X CGR- Centro interdipartimentale di ricerche P genomiche,università di Modena e ReggioEmilia X X Chemical Center srl X X X X X X CIDEA- Centro Interdipartimentale per l'energia e l'ambiente, Università di Parma X X CMCC - Centro Euro-Mediterraneo per i P Cambiamenti Climatici X X CNR ISTEC_Faenza X X X X X X X X CNR-IMAMOTER X X Cormo C6 - Laboratorio ricerca e sviluppo porte e P finestre di Cormo X X X X CRIF- Centro Ricerca Industria Fusoria P X X CRIS- Centro di ricerca interdipartimentale sulla sicureza e prevenzione dei rischi, UniMORE X X X X X X X X X X X X CRIT-Centro Ricerca e Innovaz.Tecnologica srl X X X CRPV LAB X X X X CRSA - Medingegneria P X X CSR-Consorzio Studi e Ricerche srl X X DATARIVER srl X X

16 16 ALL NEW ENTRY: 51 (2 di 3) Lista soggetti accreditati - SOLO NEW ENTRY RETE HTN Ambiti di riferimento per la Ricerca Industriale Ambiti di riferimento per il Trasferimento Tecnologico Struttura ALI COS ENA ICT MM SDV ALI COS ENA ICT MM SDV EGICON R&S srl X X X X ELANTAS CAMATTINI spa X X F.D. Fast Design srl P X X F.M. S.R.L. FONDAZIONE ETTORE SANSAVINI PER LA RICERCA SCIENTIFICA ONLUS P GHEPI srl X X Gruppo CSA spa X X X X INFN-CNAF Centro Nazionale Ricerca e sviluppo tecnologie informatiche e telematiche P Laboratorio ACTIVE TECHNOLOGIES X X LABORATORIO ALLMEA PARTNERS- ALLMEA X X LABORATORIO MEDICON- MDCI X X LABORATORIO NEOTRON SPA X X LABS- Laboratorio Automotive Ricerca e Sviluppo LANDI RENZO spa X X X X M.et.Lab- laboratorio Ricerca di Manfredini&Schianchi srl P X X X X X X X X X MAVIGEX SRL X X MEEO srl P X X X X MODENA CENTRO PROVE P X X X X X X NCS LAB srl X X X X

17 17 ALL NEW ENTRY: 51 3di 3) Lista soggetti accreditati - SOLO NEW ENTRY RETE HTN Ambiti di riferimento per la Ricerca Industriale Ambiti di riferimento per il Trasferimento Tecnologico Struttura ALI COS ENA ICT MM SDV ALI COS ENA ICT MM SDV NIER Ingegneria S.p.A. X X X X X X X X RADIOPORT LAB X X X X X X RE:LAB srl X X X X REDOX srl X X X X X X ROMAGNA INNOVAZIONE X X X SCRIBA NANOTECNOLOGIE srl X X SSICA- Stazione Sperimentale Industria Conserve Alimentari X X X X STUDIO ALFA srl X X X X TEC EUROLAB srl X X TP ENGINEERING srl X X X X TRLab lab. Test & Research di Tellure Rota spa X X UMPI R&D srl P X X U-SERIES Srl X X UTTMATF- Unità Tecnica Tecnologie dei MATeriali Faenza, Enea X X X X WTD- WALVOIL TEST DEPARTMENT X X WTT- Warrant Technology Transfer Area X X X

18 Prossima attività 18 LABORATORI E CENTRI ACCREDITATI Il 14 marzo saranno convocati,in accordo con la regione,e si inizierà un percorso di allineamento : Inclusione nei team scenari,marketing,integrazione prodotto Inclusione nel catalogo Inclusione nel cruscotto di piattaforma Inclusione nel programma di crescita competenze Collegamenti al sito di ASTER IMPRESE PARTNER DELLA RETE La raccolta di partnership delle imprese è aperta E ALLO STUDIO UNA MODALITA OPERATIVA CONDIVISA CON LE ASSOCIAZIONI

19 LA RETE ALLARGATA MEMO IMPRESE PARTNER (Cluster) DELLA RETE LABORATORI E CENTRI ACCREDITATI STEERING COMMITTEE Laboratori dei Tecnopoli e Imprese

20 CONDIZIONE ABILITANTE, PREROGATIVE PREROGATIVE CONDIZIONE ABILITANTE STEERING COMMITTEE TEAM MARKETING TEAM INTEGRAZIONE PRODOTTO TEAM SCENARI TEAM FORMAZIONE STEERING COMMITTEE accreditamento + Delibera Assembleare membro membro membro membro membro MEMBRI ACCREDITATI accreditamento Uditore invitato membro membro membro membro PARTNER IMPRESE Evidenza di attività di ricerca e Domanda di adesione invitato Ad hoc invitato Ad hoc invitato Ad hoc invitato Ad hoc

21 CONDIZIONE ABILITANTE,PREROGATIVE PREROGATIVE LIVELLO Iscritto all ALBO LAB / IMPRESA HTN Utilizzo LOGO. HTN /PIATTAFORMA Inserimento voci di CATALOGO Presenza sul sito di RETE, e collegamenti sui siti dei laboratori STEERING COMMITTEE SI SI SI SI MEMBRI ACCREDITATI SI SI SI SI PARTNER IMPRESE SI SI NO SI

22 alimentare 22 ICT/multimedia biomedicale e protesica DISTRETTI & CLUSTER macchine sistema per moda il packaging materiali materiali e tecnologie e tecnologie per la ceramica per la ceramica materiali e tecnologie per le materiali e tecnologie per le costruzioni costruzioni tecnologie farmaceutica per le reti e biotecnologie i servizi energetici sistema materiali moda per la meccanica materiali meccanica per la meccanica agricola automazione/meccatronica: meccanica agricola meccanica industriale e robotica automazione/meccatronica: elettronica e meccanica di precisione meccanica industriale e robotica macchine per il packaging motoristica: elettronica e meccanica di precisione motoristica: autoveicoli e mezzi di trasporto motori e pompe autoveicoli e mezzi di trasporto nautica motori tecnologie e pompe per le reti e i servizi nautica energetici ICT/multimedia. biomedicale e protesica farmaceutica e biotecnologie Su sollecitazione di alcune piattaforme sono state messe in evidenza alcune lacune della attuale declinazione dei distretti produttivi Una iniziale possibilità è quella di dare ad ogni piattaforma una suddivisione in più cluster primari ( nuovi o rinominati ) Ad esempio 6 Le piattaforme dovrebbero dare indicazioni di questa partizione Per solo uso interno Da validare in sede regionale ( RER/ CIMSI)

23 STATO AVANZAMENTO ATTIVITÀ INIZIATIVA DISTRETTI 2 (AGGIORNAMENTO GENNAIO 2012 Documento a cura di: )

24 Obiettivi e Programmi dell intervento 24 Rafforzamento, dal punto di vista organizzativo, delle funzioni legate all innovazione, dalla R&S al design e alla progettazione Un programma specifico per ogni distretto produttivo. I programmi sono strutturati in due parti: A. :Sviluppo di metodologie per il knowledge management, il design management, l open innovation; Organizzazione di reti di imprese incentrate nell attività di ricerca e sviluppo, anche per sviluppare nuove tecnologie abilitanti B. :Costruzione di reti per la ricerca sotto forma di contratti di rete o consorzi per sviluppare progetti di ricerca esplorativi su nuove tecnologie (Fino ad un massimo di 6 reti per ogni distretto produttivo)

25 25 I numeri dell iniziativa Risorse economiche impegnate: Di cui: del MISE e della Regione Emilia-Romagna Numero soggetti attuatori: 9 Programmi approvati: 16 Reti di ricerca approvate: 93 Valore complessivo dei singoli programmi: (programmi con 5 reti), (programmi con 6 reti) Delibera approvata / Convenzioni RER-Soggetti attuatori alla firma

26 Soggetto attuatore I soggetti attuatori e i 16 distretti di riferimento Distretto Centuria-RIT Alimentare Tecnologie per le reti e i servizi energetici CERR (Confindustria) Materiali e tecnologie per la ceramica Farmaceutica e biotecnologie Materiali per la meccanica CNA Innovazione Sistema moda Nautica CRIT Macchine per il packaging Democenter - Sipe Biomedicale e protesica Autoveicoli e mezzi di trasporto Motori e pompe ICT/multimedia LarcoIcos Materiali e tecnologie per le costruzioni MUSP Meccanica industriale e robotica Reggio Emilia Innovazione Meccanica agricola T3Lab Elettronica e meccanica di precisione 26

27 Risultati 27 Ad oggi 93 contratti di rete o consorzi che implicanoaltrettati studi di fattibilità per nuovi prodotti o nuove tecnologie 271 lettere di interesse verso MDI candidate, siglate da 251 imprese regionali (minimo richiesto da Linee Guida 80 imprese) Attesi 270 giovani ricercatori coinvolti (di cui in buona parte con dottorato di ricerca o master) attesi sulla base del budget disponibile In generale: Individuazione delle linee di sviluppo dei sistemi produttivi e orientamento della domanda di ricerca delle imprese verso i laboratori della Rete Alta Tecnologia Rafforzamento del ruolo dei centri per l innovazione Maggiore efficienza e produttività delle imprese nell attività di R&S

28 Tempistiche 28 DELIBERA APPROVATA CONVENZIONE ALLA FIRMA Scadenza per i soggetti attuatori 28/02/2014 (circa 26 mesi a partire dal 27/12/2011 data di approvazione della delibera di Giunta regionale) Eventuali proroghe sulla base di documentata necessità del Beneficiario (senza pregiudicare gli obblighi di rendicontazione nei confronti del Ministero dello Sviluppo Economico scadenza maggio 2014)

29 29 ALLEANZE TECNOLOGICHE ITALIANE link

30 30 ALLEANZE TECNOLOGICHE ITALIANE IL Sistema di Alleanze Tecnologiche si fonda su un quadro ampio ed articolato costituitosi nei seguenti ambiti tecnologici: Mobilità Elettrica; Nanotecnologie; Innovazione di Prodotto Tecnologie Biometriche; Energia Geotermica; Internet del Futuro; Cultural Heritage; Tecnologie di Smaltimento; Sorgenti e Sensori Fotonici; Spazio; Solare termodinamico a concentrazione. Le nuove Alleanze Tecnologiche promosse dalla Direzione Generale per l internazionalizzazione della ricerca del MIUR vogliono rispondere agli obiettivi e alle sfide stabilite dalla Strategia Europa 2020

31 31 LE ALLEANZE TECNOLOGICHE ITALIANE Definizione : Sono realtà organizzate esclusivamente sul piano volontaristico, con divieto assoluto di gestire e amministrare risorse economiche: non sono entità legali ed hanno l unico obiettivo di approvare documenti di politica industriale. Attività : Il destinatario delle attività delle Alleanze è l Europa. L attività operativa si articola in due macro ambiti: Identificare le priorità per il Sistema Italia Scegliere la strategia per conseguirle Autorità : MIUR per l assolvimento delle funzioni di: Controllo della regolarità delle decisioni assunte Interfaccia con il Sistema delle Istituzioni Pubbliche italiane e straniere Caratteristiche: Bottom Up Partecipazione diretta dei soggetti interessati non di loro intermediari. Le associazioni possono partecipare per svolgere funzioni di coordinamento a patto che i propri iscritti rappresentati, partecipino e aderiscano direttamente. Caratteristiche:Orizzontali Costituite da tutti i soggetti interessati all obiettivo che operano sul territorio italiano.

32 Principi 32 N.1 - Coinvolgimento diretto non intermediato degli Attori Le Imprese e le Università sono le sole ad avere il diritto di voto... N.2 - Stesso peso politico a tutte le Imprese La grande e la piccola Impresa hanno lo stesso peso, il loro voto vale sempre uno indipendentemente dal loro assetto dimensionale. N.3 - Rapporto tra i partecipanti delle due comunità: industriale e scientifica Le Università hanno gli stessi diritti delle Imprese, ma in sede di conteggio dei voti il peso complessivo della comunità scientifica non può superare il 25% del totale in conformità con le linee guida fornite dalla Commissione Europea per le Piattaforme Tecnologiche.

33 Principi 33 N.4 -Netta distinzione e divisione tra la fase politica e quella implementativa La Alleanza ha natura pre-competitiva. N.5 -Orizzontalità settoriale delle Alleanze Tecnologiche L innovazione prodotta da soggetti che operano in settori diversi conferisce un reale vantaggio competitivo al Sistema Paese...

34 ADESIONE ALLE ALLEANZE 34 La attività di Aster è stata concentrata sulla piattaforma per l'innovazione prodotto ( Ing.Toschi ) e sulla mobilità elettrica ( Ing.Ausiello). La proposta di valutazione è stata circolata ai referenti scientifici La adesione di soggetti industriali e della ricerca è aperta Per le 11 Alleanze Tecnologiche Italiane sono disponibili i moduli di adesione: Energia Geotermica; Energia Solare a Concentrazione; Gestione Sostenibile Rifiuti; Innovazione di Prodotto; Mobilità Elettrica; Nanotecnologie; Sorgenti e Sensori Fotonici; Tecnologie Biometriche. Cultural Heritage Spazio; Internet del Futuro;

35 35 CREDITO D IMPOSTA Credito di imposta per le imprese che finanziano progetti di ricerca in Università o enti pubblici di ricerca

36 Credito di imposta per le imprese che finanziano progetti di ricerca in Università o enti pubblici di ricerca istituito per gli anni 2011 e 2012 dal Decreto Sviluppo in via sperimentale Finalità: incentivare le imprese ad effettuare investimenti in progetti di ricerca svolti da Università o enti pubblici di ricerca anche in associazione, in consorzio o in joint venture con altre qualificate strutture di ricerca di equivalente livello scientifico Il credito di imposta è riconosciuto nella misura del 90% della quota di investimenti che eccede la media degli investimenti in ricerca effettuati nel triennio è fruibile in tre quote annuali a decorrere da ciascuno degli anni 2011 e 2012 rif. normativi: Articolo 1 del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito con modificazioni dalla legge 12 luglio 2011, n. 106 Circolare Agenzia delle Entrate N. 51/E del 28 novembre 2011

37 Imprese beneficiarie del credito d imposta imprese che finanziano progetti di ricerca realizzati da Università ovvero enti pubblici di ricerca ovvero imprese che effettuano investimenti in progetti di ricerca commissionati a Università o enti pubblici di ricerca indipendentemente dalla forma giuridica, dalle dimensioni aziendali, dal settore economico in cui operano, nonché dal regime contabile adottato residenti nel territorio dello Stato o non residenti ma con stabile organizzazione nel territorio dello Stato anche neo imprese:costituite o che hanno intrapreso l attività a partire dal 14 maggio 2011 (data di entrata in vigore del decreto sviluppo)

38 Tipologia di investimenti-costi ammissibili Decreto e circolare non riportano una individuazione analitica Sono comunque escluse le spese di ricerca sostenute direttamente dalle imprese, ancorché relative a beni o servizi messi a disposizione delle Università o degli enti per la realizzazione del progetto di ricerca cui l impresa medesima compartecipa Necessario che le imprese beneficiarie conservino tutta la documentazione, sia amministrativa sia contabile, utile a dimostrare, in sede di controllo, l ammissibilità, l effettività e l inerenza delle spese sostenute

39 Ricerca agevolabile Le sole attività di ricerca riconducibili ad una o più delle categorie di ricerca sotto richiamate, purché svolte su commissione dalle Università o dagli enti pubblici di ricerca Progetti di ricerca fondamentale Lavori sperimentali o teorici svolti soprattutto per acquisire nuove conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o utilizzazioni pratiche dirette Progetti di ricerca industriale Ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un notevole miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti. Comprende la creazione di componenti di sistemi complessi, necessaria ai fini della ricerca industriale, in particolare per la validazione di tecnologie generiche, ad esclusione dei prototipi Progetti di sviluppo sperimentale Acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e altro, allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati. Può trattarsi anche di altre attività destinate alla definizione concettuale, alla pianificazione e alla documentazione concernenti nuovi prodotti, processi e servizi. Tali attività possono comprendere l'elaborazione di progetti, disegni, piani e altra documentazione, purché non siano destinati a uso commerciale

40 Strutture di ricerca cui commissionare la ricerca Università, statali e non statali, e gli Istituti Universitari, statali e non statali, legalmente riconosciuti; Enti pubblici di ricerca di cui all articolo 6 del Contratto collettivo quadro per la definizione dei comparti di contrattazione per il quadriennio ; L Agenzia Spaziale Italiana (ASI); Gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico; Gli organismi di ricerca come definiti nella comunicazione della Commissione n. 2006/C 323/01 soggetto senza scopo di lucro, quale un università o un istituto di ricerca, indipendentemente dal suo status giuridico (costituito secondo il diritto privato o pubblico) o fonte di finanziamento, la cui finalità principale consiste nello svolgere attività di ricerca di base, di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale.... Altre tipologie di strutture di ricerca individuate eventualmente nel decreto ministeriale di cui si attende l emanazione Le Università o gli enti pubblici di ricerca possono sviluppare i progetti finanziati anche in associazione, in consorzio, in joint venture con altre qualificate...

41 Momento di effettuazione degli investimenti Il credito di imposta spetta per gli investimenti realizzati a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2010 e fino alla chiusura del periodo di imposta in corso al 31 dicembre Spese sostenute: alla data di ultimazione della prestazione in caso di stati di avanzamento lavori, alla data di accettazione degli stessi da parte del committente indipendentemente dalla durata infrannuale o ultrannuale del contratto per progetti di ricerca che risultino avviati in data anteriore al 31 dicembre 2010, l agevolazione compete per la parte di costi sostenuti nel periodo individuato sopra.

42 42 SCENARI

43 SCENARI TECNOLOGICI PER L EMILIA-ROMAGNA COMPLETAMENTO DOCUMENTI Disponibili in versione completa.pdf Disponibili in versione sfogliabile riservata (http://www.aster.it/tiki-index.php?page=test_scenario) VALORIZZAZIONE Approntamento di una pagina sul sito ASTER-Rete Informazioni da valorizzare Metodo utilizzato Contenuti tecnici e risultati Gruppo di lavoro Imprese pivot (se lo vorranno saranno associate di diritto alla rete) Programmi futuri (scenari 2012) Form a disposizione delle imprese che vogliano diventare pivot (tbc) Organizzazione di un evento partecipato per condividere gli esiti con la comunità dell innovazione regionale

44 SCENARI TECNOLOGICI PER L EMILIA-ROMAGNA NUOVI SCENARI Alimentare sostenibile Costruzione sostenibile Manufacturing sostenibile PROGRAMMA DI LAVORO Definizione dei membri dei tre gruppi di lavoro Definizione di pillars e KT Selezione dei pivot e acquisizione informazioni Redazione del documento Entro luglio 2012 Valorizzazione Autunno disponibile anche per il 2012

45 DEFINIZIONE DEL GRUPPO DI LAVORO GDL Membri di ricerca Altri (associazioni - uffici studi) Valorizzazione del ruolo dei ricercatori assunti nelle convenzioni tecnopoli IMPRESE: pivot

46 INTERSEZIONE AREE VS PIATTAFORME PRIORITA Alimentare sostenibile COSTRUZIONE sostenibile Manufacturing sostenibile AGRO COSTR ENA ICT&D MM SDV

47 CORE GROUP: IPOTESI DI PARTECIPAZIONI Alimentare sostenibile COSTRUZIONE sostenibile Manufacturing sostenibile TOT AGRO 3 3 COSTR 4 4 ENA ICT&D MM SDV Ispe?? TOT efficienza Impegno richiesto per piattaforma

48 48 DEADLINES FASE DEADLINE Definizione dei membri dei tre gruppi di lavoro Definizione di Pillars e Key Techonologies Selezione dei pivot e acquisizione informazioni Redazione del documento Entro prima riunione Entro fine aprile Entro fine giugno Entro fine luglio Prima riunione Entro febbraio>marzo

49 49 MARKETING

50 Valutazioni attività 2011 Proposte Passare da capillarità a focalizzazione delle iniziative Riduzione del numero per selezione Maggiore investimento sulle tipologie di iniziative più efficaci: Visite ai laboratori Brokerage event Convegni Tecnici in particolare in occasione di eventi fieristici Focus Group ( impressione da 5 eventi) Maggior utilizzo di strumenti WEB per la fase di informazione generica Sito ASTER ( WEBINAR ) Siti dei Labs Passare da contatti a collaborazioni Maggiore investimento su: Monitoraggio risultati Servizio di contatto post iniziativa Utilizzo cruscotto ( modulo di carico)

51 51 INIZIATIVE REALIZZATE PER PIATTAFORMA/SOGGETTI E IMPRESE COINVOLTI Follow-up Iniziative iniziative Proposte al da ASTER nel 2011 PIANO MANIFESTAZIONI Proposte Piattaforma/ Rete piattaforma Totale iniziative programmate DA ASTER Iniziative realizzate Solo Piattaforma Iniziative con risultati disponibili Totale soggetti coinvolti Multi piattaforma Nr. Totale Imprese coinvolte Totale 2011 Coinvolgimen to 2012 Aziende (%) Agroalimentare % Agroalimentare Costruzioni % Costruzioni Energia Ambiente % Ict & Design % Energia Ambiente Meccanica Materiali Scienze della Vita % ICT % Meccanica Materiali MultiPT % Incluse Rete % Scienze della Vita TOTALI Totale Iniziative %

52 52 PIATTAFORMA AGROALIMANTARE PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATOR E FIERA/ MANIFESTAZIONE CIBUS 2012 Parma Fiera (7 e 10 maggio) 16 Salone dell Alimentazione ASTER LABS CENTRI PER INNOV.NE FIERA/ MANIFESTAZIONE IPACKIMA Milano (1-2 marzo) Tecnologie di packaging, processing e logistica interna: soluzioni tecnologiche per il settore alimentare e non alimentare CIPACK FIERA/ MANIFESTAZIONE RESEARCH TO BUSINESS Bologna Fiera (6 e 7 giugno) Agro-Food, Biotechnologies, Building and Constructions, Energy and Environment, Health Technologies, Ict & Design, Mechanics, New Materials and Nanotechnology ASTER LABS CENTRI PER INNOV.NE BROKERAGE EVENT IPACKIMA Milano (1-2 marzo) Tecnologie di packaging, processing e logistica interna: soluzioni tecnologiche per il settore alimentare e non alimentare ASTER

53 53 PIATTAFORMA AGROALIMENTARE PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATORE BROKERAGE EVENT INNOVAT&MAT CH 2012 Bologna Fiera (6 e 7 giugno) The event will focus on the fields targeted by R2B Exhibition ASTER BROKERAGE EVENT SIAL 2012 Parigi (21-25 Ottobre) The event will focus on global food market place ASTER CONVEGNO TECNICO CIBUS 2012 Individuazione tema del convegno Parma Fiera (7 e 10 maggio) 16 Salone dell Alimentazione LABS ASTER VISITE LABORATORI 2012 Organizzare da 3 a 5 visite per Lab LAB DI PIATTAFORMA IN COLLABORAZIONE ASTER/CENTRI/ASS OCIAZIONI

54 54 PIATTAFORMA COSTRUZIONI PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATOR E FIERA/ MANIFESTAZIONE RESEARCH TO BUSINESS Bologna Fiera (6 e 7 giugno) Agro-Food, Biotechnologies, Building and Constructions, Energy and Environment, Health Technologies, Ict & Design, Mechanics, New Materials and Nanotechnology ASTER LABS CENTRI PER INNOV.NE FIERA/ MANIFESTAZIONE CERSAIE 2012 Bologna Fiere (25-29 settembre) Ceramica per l'architettura e dell'arredobagno PT FIERA/ MANIFESTAZIONE SAIE 2012 Bologna Fiere (18-21 ottobre) Edilizia: energia e sostenibilità, cantiere e produzione, servizi per progettare e costruire PT BROKERAGE EVENT ECOBUILD 2012 ExCel London (21 marzo) Sustainable Design, New building materials, Systems and equipment using energy from alternative sources, Heating equipment ASTER

55 55 PIATTAFORMA COSTRUZIONI PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATORE BROKERAGE EVENT INNOVAT&MATC H 2012 Bologna Fiere (6 e 7 giugno) The event will focus on the fields targeted by R2B Exhibition ASTER CONVEGNO TECNICO Re-Loaded Buildings Ferrara Fiere (29 marzo) SALONE dell ARTE del RESTAURO e della CONSERVAZIONE dei BENI CULTURALI e AMBIENTALI TekneHub VISITE AI LABORATORI 2012 Organizzare da 3 a 5 visite per Lab LABS DI PIATTAFORMA IN COLLABORAZIONE ASTER/CENTRI/ASS OCIAZIONI

56 56 PIATTAFORMA ENERGIA AMBIENTE PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATORE FIERA/ MANIFESTAZIONE RESEARCH TO BUSINESS Bologna Fiera (6 e 7 giugno) Agro-Food, Biotechnologies, Building and Constructions, Energy and Environment, Health Technologies, Ict & Design, Mechanics, New Materials and Nanotechnology ASTER LABS CENTRI PER INNOV.NE FIERA/ MANIFESTAZIONE ECOMONDO Rimini Fiera (7 10 novembre) Water cycle and air quality, Waste cycle/management, Energy Recovery, Scrap recycling and processing, Bioplastics, Sustainable mobility ASTER LABS CENTRI PER INNOV.NE BROKERAGE EVENT ECOBUILD 2012 ExCel London (21 marzo) Sustainable Design, New building materials, Systems and equipment using energy from alternative sources, Heating equipment ASTER

57 57 PIATTAFORMA ENERGIA AMBIENTE PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATORE BROKERAGE EVENT MCE Mostra Convegno Expocomfort Fiera Milano (27-30 marzo) Heating, Cooling, Water, Energy ASTER BROKERAGE EVENT INNOVAT&MATC H 2012 Bologna Fiera (6 e 7 giugno) The event will focus on the fields targeted by R2B Exhibition ASTER BROKERAGE EVENT ECOBUSINESS COOPERATION EVENT Rimini Fiera (7 10 novembre) The event will focus on the fields targeted by Ecomondo Expo ASTER VISITE LABORATORI 2012 Organizzare da 3 a 5 visite per Lab LAB DI PIATTAFORMA IN COLLABORAZIONE ASTER/CENTRI/ASS OCIAZIONI

58 58 PIATTAFORMA ICT e DESIGN PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATORE FIERA/ MANIFESTAZIONE RESEARCH TO BUSINESS Bologna Fiera (6 e 7 giugno) Agro-Food, Biotechnologies, Building and Constructions, Energy and Environment, Health Technologies, Ict & Design, Mechanics, New Materials and Nanotechnology ASTER LABS CENTRI PER INNOV.NE BROKERAGE EVENT IPACK-IMA Milano (1 e 2 marzo) Tecnologie di packaging, processing e logistica interna: soluzioni tecnologiche per il settore alimentare e non alimentare ASTER BROKERAGE EVENT FUTURE MATCH- CEBIT Hannover (6-10 marzo) ICT ASTER

59 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO 59 DOVE e QUANDO PROPOSTE 2012 SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATORE BROKERAGE EVENT INNOVAT&MATC H 2012 Bologna Fiera (6 e 7 giugno) The event will focus on the fields targeted by R2B Exhibition ASTER BROKERAGE EVENT ECOBUSINESS COOPERATION EVENT Rimini Fiera (7 10 novembre) The event will focus on the fields targeted by Ecomondo Expo ASTER CONVEGNO PROMOZION ALE Nuvole all'orizzonte? Cloud Computing: caratteristiche e opportunità Bologna (8 febbraio) Cloud Computing ASTER, UNIONCAMERE ER VISITE LABORATORI 2012 Organizzare da 3 a 5 visite per Lab LAB DI PIATTAFORMA IN COLLABORAZIONE ASTER/CENTRI/ASSOCI AZIONI

60 60 PIATTAFORMA MECCANICA E MATERIALI PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATORE FIERA/ MANIFESTAZIONE MECSPE Fiera di Parma (29-31 marzo) Materiali, tecnologie e subfornitura per l industria manifatturiera ASTER LABS DI PIATTAFORMA FIERA/ MANIFESTAZIONE RESEARCH TO BUSINESS Bologna Fiera (6 e 7 giugno) Agro-Food, Biotechnologies, Building and Constructions, Energy and Environment, Health Technologies, Ict & Design, Mechanics, New Materials and Nanotechnology ASTER LABS CENTRI PER INNOV.NE BROKERAGE EVENT IPACK-IMA Milano (1 e 2 marzo) Packaging, processing e logistica interna: una fiera di sistema che presenta soluzioni tecnologiche per il settore alimentare e non alimentare ASTER BROKERAGE EVENT INNOVAT&MA TCH 2012 Bologna Fiera (6 e 7 giugno) The event will focus on the fields targeted by R2B Exhibition ASTER

61 61 PIATTAFORMA MECCANICA E MATERIALI PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATORE BROKERAGE EVENT BI-MU 2012 Milano (2-6 ottobre) Macchine utensili ASTER CONVEGNO TECNICO LAMIERA Bologna Fiere (9-12 maggio) Comparto produttore di macchine lavoranti per deformazione PT VISITE AI LABORATORI 2012 Organizzare da 3 a 5 visite per Lab LABS DI PIATTAFORMA IN COLLABORAZIONE ASTER/CENTRI/ASS OCIAZIONI

62 62 PIATTAFORMA SCIENZE della VITA PROPOSTE 2012 TIPOLOGIA DI INIZIATIVA TITOLO DOVE e QUANDO SETTORI DI INTERESSE/ ALTRE INFORMAZIONI ORGANIZZATORE FIERA/ MANIFESTAZIONE EXPOSANITA Bologna Fiera (16-19 maggio) Health technologies ASTER FIERA/ MANIFESTAZIONE RESEARCH TO BUSINESS Bologna Fiera (6 e 7 giugno) Agro-Food, Biotechnologies, Building and Constructions, Energy and Environment, Health Technologies, Ict & Design, Mechanics, New Materials and Nanotechnology ASTER LABS CENTRI PER INNOV.NE BROKERAGE EVENT INNOVAT&MATCH 2012 Bologna Fiera (6 e 7 giugno) The event will focus on the fields targeted by R2B Exhibition ASTER VISITE LABORATORI 2012 Organizzare da 3 a 5 visite per Lab LAB DI PIATTAFORMA IN COLLABORAZIONE ASTER/CENTRI/ASSO CIAZIONI

63 R2B 2012, 6-7 Giugno, Bologna Quartiere Fieristico, Pad Ore: L OFFERTA GRATUITA DI R2B PER LA RETE ALTA TECONOLOGIA Stand preallestito 9mq con grafica personalizzata e arredo (esclusi connessione Internet e allestimenti personalizzati) Gallery prodotti/soluzioni/prototipi, nell apposita sezione del sito dedicata ai prodotti presentati dagli espositori durante l evento (fino a 3 prodotti/soluzioni) 1/2 pagina pubblicitaria nel catalogo R2B Visibilità della vostra organizzazione nel sito e nel catalogo R2B Biglietti inviti elettronici personalizzati con il vostro logo Visibilità nel sito presso tutti i potenziali visitatori preregistrati interessati alla vostra area tematica mediante suggerimento di visitare il vostro stand Un appuntamento presso il vostro stand attraverso la funzione Segna in Agenda. Le anagrafiche profilate di coloro che abilitano questa funzione saranno disponibili in tempo reale attraverso la vostra Area Riservata Espositori Partecipazione ad Innovate and Match, area di incontri one to one per sviluppare accordi di collaborazione a livello internazionale Scadenza adesioni STAND: 30 marzo 2012 Informazioni: SMAU, tel ASTER, Staff Comunicazione, tel

64 64 INTEGRAZIONE PRODOTTO

65 Proposta modalità operative 2012 Progetti nazionali e internazionali RICERCATORI / LABORATORI /CENTRI / ASSOCIAZIONI / CLUSTER/ IMPRESE -Selezione delle idee di progetto -Pre analisi -Validazione -Valutazione fattibilità -Consistenza della filiera Integrazione prodotto 2.0 Laboratori /Associazioni/Centri Progetti con auto finanziamento imprese o reti di impresa Altri finanziamenti SPINNER Le Imprese,i Cluster di imprese, i Centri per l innovazione e le Associazioni imprenditoriali avranno i ruoli di proponenti di idee di integrazione prodotto divulgatori delle idee di integrazione prodotto emerse all interno dei team permanenti Portatori di feedback all interno dei proponenti

66 66 EVOLUZIONE DELLA INTEGRAZIONE PRODOTTO Mantenimento dell attuale organizzazione senza stravolgimenti Utilizzo della esperienza per migliorare

67 Integrazione prodotto 2.0: linee di sviluppo 67 Costruzione di una piattaforma di supporto alla conversazione tra imprese, centri per l innovazione, laboratori, ASTER Assenza di confini tematici Input da tutte le fonti Regole di partecipazione esplicite Centri per l innovazione, nodi promotori della partecipazione Clusterizzazione delle imprese su tematiche di interesse Costruzione di gruppi di lavoro ad hoc in raccordo con i team permanenti

68 68 Integrazione prodotto 2.0: possibile percorso Centro per l innovazione/impresa lancia una tematica di interesse Conversazione partecipata da più imprese, centri, laboratori Strumento di lavoro da mettere a punto con proposte anche dalle piattaforme Definizione dell idea di integrazione prodotto e piattaforma/e di riferimento Team permanente/i aggregano competenze necessarie allo sviluppo Creazione di un gruppo di lavoro ad hoc Contenuti e modalità di lavoro e di partecipazione da definire con proposte dei centri, delle imprese e delle associazioni

69 Gruppo di lavoro ad hoc 69 Gruppo di lavoro ad hoc Integrazione prodotto: evoluzione organizzazione Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc Team permanente Team permanente Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc Team permanente WEB 2.0 Team permanente Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc Team permanente Team permanente Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc Gruppo di lavoro ad hoc

70 70 EVOLUZIONE DELLA INTEGRAZIONE PRODOTTO Mantenimento dell attuale senza stravolgimenti Utilizzo della esperienza per migliorare Il cantiere è aperto e ha come obiettivo un 1 step di proposta a fine Marzo Strumento ( mockup) Regole di partecipazione ( draft )

71 RACCOLTA IDEE (Gennaio 2012) PORTAFOGLIO IDEE Nel 2011 Dal 2010 GRUPPI DI LAVORO AVVIATI AGGIORNAMENTO Gennaio PROGETTI GIA FINALIZZATI 3 (2 accorpati) (2 sulla stessa idea) TOTALE

72 72 VARIE CRESCITA COMPETENZE

73 73 Iniziative realizzate per ricercatori dedicati AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA Edizioni 1a edizione FERRARA FATTO 2a edizione ROMAGNA (CENTURIA-RIT) FATTO 2/03/2011 3/03/2011 4/03/ /05/ /05/ /07/2011 Date Totale ricercatori previsti 559 Totale edizioni realizzate 4 Nr. partecipanti 293 di cui Nr. ricercatori Rete 229 3a edizione c/o IOR FATTO c/o Aster 1 giornata della 4a edizione FATTO PROSSIME EDIZIONI 15/06/ /06/ /06/ Nel corso dell anno si organizzeranno 2/3 edizioni comprensive del completamento della 4a edizione

74 74 Andamento Partecipazioni 2011 Ricercatori raggiunti Obiettivo 80 % % Ricercatori raggiunti 229 Totale Ricercatori 559

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT PRISMA Progetto PRISMA SMART CITIES AND COMMUNITIES AND SOCIAL INNOVATION Cloud Computing per smart technologies PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli