PRESIDENTE: Bene 19 presenti la seduta è valida, devo giustificare i consiglieri Leporoni,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESIDENTE: Bene 19 presenti la seduta è valida, devo giustificare i consiglieri Leporoni,"

Transcript

1 APPELLO PRESIDENTE: Bene 19 presenti la seduta è valida, devo giustificare i consiglieri Leporoni, Girolametti, Bonafoni e l'assessore Galli. Nomino scrutatori i consiglieri Malefora, Giordani e Rossi, prima di iniziare i lavori del consiglio propongo di fare un minuto di raccoglimento per il tragico episodio successo al Tiziano Chiarotti, è morto un caporale in Afganistan MINUTO DI SILENZIO PRESIDENTE: Bene, allora per quel che riguarda i lavori di oggi facciamo tutta la giornata, quindi se siete d'accordo facciamo come orario 9:00 13:00, 15:00 20:00, passiamo alle comunicazioni, prego Sindaco. SINDACO SAGRAMOLA: Volevo comunicare al consiglio che ho ricevuto la risposta da parte della regione Marche rispetto alla richiesta fatta dal consiglio per la modifica della convenzione sull'a.t.a., la risposta è positiva, quindi praticamente dice che in riferimento, note tecniche, ma è accettata, quindi vuol dire la modifica può essere apposta alla convenzione, io questa modifica con il parere della regione Marche favorevole la proporrò alla prima assemblea utile dell'a.t.a. PRESIDENTE: Grazie Sindaco, consigliere Arcioni per comunicazioni. CONSIGLIERE ARCIONI: Grazie presidente, buongiorno a tutti, buongiorno ai cittadini che ci seguono anche da casa, la comunicazione è un ringraziamento. Noi del gruppo consiliare Movimento a Cinque Stelle di Fabriano, nelle persone dei consiglieri Joselito Arcioni e Sergio Romagnoli, ringraziano per la disponibilità e cortesia dimostrata in occasione del consiglio comunale aperto di sabato 20 ottobre ultimo scorso, il personale tecnico organizzativo, il presidente

2 del consiglio comunale, Sindaco e capigruppo, che hanno permesso la proiezione del video economia bene comune. Vorrei approfittare anche per fare un'ulteriore ringraziamento ai ragazzi del Movimento Cinque Stelle Sicilia per il bel risultato ottenuto alle elezioni regionali. PRESIDENTE: Grazie consigliere Arcioni, sempre per comunicazioni consigliere Urbani, prego. CONSIGLIERE URBANI: Grazie presidente, aggiusto il microfono, volevo comunicare al Sindaco, alla giunta, a tutto il consiglio, anche ai cittadini, che il 15 novembre alle ore presso l'oratorio della Carità Made in Fabriano Academy sta organizzando un grande convegno molto molto interessante, perché si articolerà sui quattro momenti importanti; il primo riguarda il comitato scientifico di Made in Fabriano che è presieduto dal magnifico rettore dell'università di Camerino, presenteremo i risultati di un'indagine fatta su un campione di circa 70, 80 aziende, molto interessante capire quello che è emerso da questa indagine, soprattutto anche come indirizzo Sindaco verso le scuole, perché emergano anche le richieste di alcune figure professionali molto importanti; poi il secondo argomento che tratteremo è la storia di una grandissima azienda marchigiana, che questa volta non tratta elettrodomestici, ma è un azienda che lavora nel mondo dell'alimentare, che è l'industria Fileni, che verrà a raccontare la sua storia, è molto bello perché è anche una storia che racconta un'integrazione della famiglia, un passaggio generazionale, un'azienda che occupa 3000 dipendenti nonostante 5 anni fa abbia avuto grande problema con l'infezione dei volatili, la viaria; poi verranno due persone da Roma, due ragazze, a spiegare il progetto Italia Camp, un'organizzazione di manager ed imprenditori presieduta dal sottosegretario Catricalà, che verrà a presentare come possono essere premiati i due migliori progetti di ogni regione italiana durante il mese di dicembre; poi premieremo invece i nostri atleti fabrianesi che si sono distinti sia alle Olimpiadi che ai campionati europei di atletica, ed infine Made in Fabriano offrirà un rinfresco, un buffet, un aperitivo, a fianco al Ridotto del Teatro Gentile. Questa comunicazione è anche un invito a tutti quanti voi, a tutta la cittadinanza, sarei felice se quel giorno Pariano, magari il

3 consiglio comunale, se dovesse esserci magari fino alle 6:00, 6:15, oppure magari farla in un altro giorno, grazie. PRESIDENTE: Grazie consigliere Urbani, prego consigliere Rossi, sempre per comunicazioni. CONSIGLIERE ROSSI: Allora senza fare nessun tipo di polemica, però vorrei sottolineare questa cosa, noi, c'è stato modificato in corso l'ordine del giorno del consiglio comunale di oggi dove si diceva di portare sostanzialmente l'aumento di capitale Multiservizi. Questa cosa ovviamente ai consiglieri comunali più interessati ha preso del tempo, per la costruzione di ordini del giorno, di una discussione politica all'interno delle strutture e tutto quanto, quindi c è stata una modifica dell'ordine del giorno. Poi però ieri sera alle 6:00 scopro che questa discussione non c'è più nell'ordine del giorno attuale di oggi, che invece si riprende l'ordine del giorno passato, ora cerchiamo un attimo di rendere i lavori più semplice ai consiglieri comunali, non troviamoci nella situazione che la sera prima per il giorno dopo si modifica l'ordine del giorno, anche perché altrimenti i lavori dei singoli consiglieri comunali non vengono valorizzati, anche l'impegno nei confronti dei singoli temi, grazie. PRESIDENTE: Grazie consigliere Rossi, mettiamo in votazione, abbiamo finito con le comunicazioni, prego consigliere Sforza, consigliere Sforza, scusi, però per la prossima volta magari se me lo comunica quello che vuole comunicare, ecco. CONSIGLIERE SFORZA: No signor presidente, io avevo alzato la mano ma lei forse non mi ha PRESIDENTE: no, se me lo comunica prima quello che lei dirà poi al consiglio, prego, comunque prego.

4 CONSIGLIERE SFORZA: Grazie, dunque signor presidente io ho da fare due segnalazioni; la prima riguarda la mancata potatura degli alberi in viale Stelluti Scala, è da moltissimi anni che la potatura degli alberi in questa zona non viene fatta, da oltre 15 anni circa, alimentando numerose lamentele da parte dei cittadini residenti : le chiome degli alberi hanno raggiunto oltre i 10 metri circa, fino a superare i tetti dei fabbricati esistenti, che in presenza di vento le cime degli alberi vanno a sbattere sia contro i coppi, rimuovendoli, sia contro le finestre, poi in questo periodo stanno cadendo anche numerose foglie procurando ostruzione ai chiusini di raccolta acqua, procurando anche allagamenti. Pertanto prego questa amministrazione di programmare e di intervenire nel breve tempo possibile, naturalmente la potatura deve essere seguita nei periodo adatti, tra l'altro la potatura degli alberi è molto importante, sia per dare una formazione strutturale all'albero, sia per facilitare lo sviluppo scheletrico e vegetativo dell'albero. L'altra segnalazione è la presenza di ratti nel piazzale Miliani, di fronte alle Poste ed in altre zone, pertanto urge una disinfestazione a riguardo delle fogne, sia nella zona segnalate e penso sia in altre zone della città e frazioni. Mi sembra che precedentemente era intervenuto anche il consigliere D'Innocenzo con una interpellanza, io non so se è competenza della Multiservizi questo, comunque penso che il comune deve prendere nota al riguardo, grazie. PRESIDENTE: Grazie consigliere Sforza, non ho altri iscritti per comunicazioni, quindi passiamo all approvazione dei verbali della seduta del 27 settembre, dal numero 70 al numero 80, la votazione è aperta PRESENTI 20 ASTENUTI 1 CONTRARI 4 FAVOREVOLI 15 ESITO APPROVATO

5 PRESIDENTE: Hanno partecipato al voto 20 consiglieri; Voti validi 20; Astenuti 1: D Innocenzo; Contrari 4: Silvi, Leli, Urbani e Solari; Favorevoli 15; il consiglio approva.

6 PRESIDENTE: Sono le ore 9:20, passiamo all'ora delle interpellanze ed interrogazioni. Punto numero 3 all'ordine del giorno, protocollato, protocollo numero del 17 settembre 2012, interpellanza sugli incarichi legali presentata al consigliere D'Innocenzo, relatore Sindaco, prego consigliere D'Innocenzo. CONSIGLIERE D'INNOCENZO: Qualche tempo fa parlando ad una riunione interna del mio partito, ma riferendomi alla politica tutta, portai un esempio: il giorno della presa della Bastiglia Luigi XVI quando si svegliò chiese ad uno dei suoi collaboratori, era un re, ad uno dei suoi servi, chiese che cosa c'è fuori una rivolta? Il collaboratore disse: no c'è una rivoluzione. Luigi XVI non comprese bene la differenza tra rivolta e rivoluzione e finì con la testa tagliata. Il messaggio è forte, però è chiaro ed efficace, se noi Sindaco Sagramola non comprendiamo bene che fuori c'è una rivoluzione noi politicamente finiremo con la testa tagliata, questa è la realtà che dobbiamo affrontare quotidianamente nel nostro incarico politico e per essere all'altezza di quello che dobbiamo svolgere dobbiamo essere in stretta assonanza con la città e con il momento delicato che stiamo vivendo. Quindi certi comportamenti non sono più ammissibili, c'è una parte della città dei cittadini comuni che dicono, quando succedono queste cose, è la politica, è normale, se avesse vinto il centrodestra magari avrebbe fatto la stessa cosa. Io non ne sono convinto, non ne sono assolutamente convinto, c'è una parte della città che oramai è rassegnata a questi comportamenti e c'è una parte della città che invece vuole cambiare. Io mi sento di voler rappresentare la parte della città che vuole cambiare e che non ammette più queste storture amministrative, perché favorendo dei cittadini rispetto a degli altri, caro Sindaco Sagramola, è una cosa ingiusta anche da un punto di vista economico; per primo è una cosa ingiusta da un punto di vista morale, perché la politica non può permettersi più queste cose, e mentre vediamo una città piegata su se stessa a causa della crisi, non possiamo stare a giocare con il portavoce, con gli incarichi dati senza andare a cercare delle specifiche competenze, perché ricordo bene a questo consiglio comunale che noi non siamo i padroni della città, ma ne siamo gli amministratori, noi dovremo amministrare questa città in nome

7 e per conto dell'interesse dei nostri concittadini non di ciò che torna utile a noi e ai nostri amici. Io su un quotidiano locale ti ho chiesto le dimissioni per questo accadimento, ora leggerò l interpellanza, entreremo nello specifico, proverai a darmi una goffa risposta, questo non sarà sufficiente, già ti preannuncio che se la risposta non sarà convincente trasformeremo questa interpellanza in una mozione dove ti chiederemo di ritirare gli incarichi a questi legali. Leggo l'interpellanza che è semplicissima; dall'insediamento dell amministrazione Sagramola, sono stati affidati due incarichi professionali a due avvocati, il primo ad un avvocato, moglie di un componente di una lista che ha appoggiato in campagna elettorale l'attuale Sindaco; il secondo, ho fatto un errore, è stato affidato ad una associata, non è una associata è una collaboratrice, una associata l'ho scritto anche senza apostrofo, chiedo scusa alle persone attente che si sono accorte di questo errore, ad un associata di uno studio, di un noto esponente della stessa amministrazione, e figura di riferimento il maggior partito di maggioranza. La domanda semplice che faccio, può sembrare ingenua, diciamo che per spirito collaborativo, per spirito propositivo credere che queste cose possano ancora capitare nel 2012, in questo momento così delicato per la città, la domanda che vi faccio, all'amministrazione, saranno semplici coincidenze, chiedono di conoscere le modalità con cui sono stati affidati gli incarichi a questi professionisti, grazie per l'attenzione. PRESIDENTE: Grazie consigliere D'Innocenzo, Sindaco prima del suo intervento io colgo l'occasione dell'intervento del consigliere D'Innocenzo, a nome mio personale, ma penso a nome di tutto il consiglio, di esprimere solidarietà al Sindaco per il gesto, ecco, lo faccio io personalmente perché lo sento, penso di interpretare poi se lei si dissocia non è un problema, ecco però penso che tutti dobbiamo stare, penso che siamo tutti sulla stessa barca, siamo tutti politici, quello che è accaduto è un fatto gravissimo, io da parte mia esprimo tutta la mia solidarietà, poi chi si associa è bene, chi no, no, prego Sindaco.

8 SINDACO SAGRAMOLA: Ringrazio ma siamo in fase di risposta all'interrogazione e quindi, grazie se lei tace adesso parlo io, tace adesso parlo io, lei tace adesso parlo. Quindi credo che prima di parlare qualcuno dovrebbe sciacquarsi la bocca, prima di dire certe cose, perché io credo che alzare toni in questo modo sia veramente vergognoso, però siccome mi spetta una risposta io credo che è doveroso darla la risposta, ma i comportamenti del sottoscritto sono orientati ad una buona e corretta amministrazione, che i dubbi possono venire a chi mal pensa poi è possibile, perché c'è parecchio, un vecchio proverbio che dice chi mal pensa mal fa. Rispetto a questo sui favoritismi io invito chiunque a dirmi che non ho rispettato, norme, regolamenti e contenuti degli atti previsti dal consiglio comunale e votati nei regolamenti. All'articolo 30 del nostro statuto, si dice la rappresentanza legale dell'ente, articolo 30, la rappresentanza legale del comune di Fabriano anche in giudizio spetta al Sindaco, la determinazione in ordine alla proposizione dell'azione giudiziaria, ovvero alla resistenza in giudizio compete alla giunta comunale, la quale autorizza il Sindaco a conferire mandato al legale di fiducia della stessa. Quindi il mandato è fiduciario, proposto dalla giunta con un atto pubblico che viene messo a disposizione di tutti i cittadini, chiunque pensa che l'atto sia viziato, fatto con dolo, ha tutte le azioni legali da portare avanti e da fare, lei ha fatto giustamente un interrogazione ed io le do una risposta a base di normative statutarie, se io ho violato una qualsiasi norma questo mi deve essere detto, e mi deve essere evidenziato però, perché ad oggi io non ho violato nessuna norma, rispetto, quindi la modalità con cui sono stati attribuiti gli incarichi è nel rispetto delle norme che noi abbiamo. Rispetto alle coincidenze, le coincidenze possono esserci certo, ma sono, li mette in dubbio che queste coincidenze siano volute o finalizzate a, questo la invito a provarlo e a metterlo in campo, perché sciacquarsi la bocca significa questo, prima di parlare bisogna documentarsi, e se io ho violato una norma lei ne ha tutti titoli di dirlo, ma se io non ho violato nessuna norma lei non ha titolo a dire queste cose, perché queste cose esasperano i toni. Sono in grado di fornire ove richiesto le note con cui sono stati chiesti ai legali i preventivi, le documentazioni che sono state allegata alla giunta, l'atto di giunta è pubblico, lo potete verificare, ed abbiamo risposto anche a un istanza d'accesso di altri legali, un altro legale che

9 ha chiesto, e quindi gli incarichi sono di natura fiduciaria come peraltro previsto dal vigente regolamento comunale. Mi dispiace questa cosa, perché vede noi abbiamo preso un atto in giunta, un indirizzo, quello di favorire i legali fabrianesi, nel senso di dare incarichi a rotazione ed abbiamo cercato dei professionisti che potessero aver fatto azioni simili e che non avessero avuto altri incarichi dal comune per cercare di far lavorare il territorio, sulla fiducia e la proposta del Sindaco, mi sono stati proposti dei nomi, su questi nomi ho scelto e così farò nelle prossime volte. Credo di rispettare una norma che sta nello statuto del nostro comune, se ho violato qualche norma io sono pronto a fare quello che lei dice. PRESIDENTE: Grazie Sindaco, prego consigliere D'Innocenzo per replica. CONSIGLIERE D'INNOCENZO: Intanto presidente è stato patetico il suo intervento, perché avrebbe potuto esprimere solidarietà al Sindaco nelle comunicazioni iniziali, non si esprime solidarietà al Sindaco per quello che è successo, di cui anche io esprimo la solidarietà al nostro Sindaco ma a livello personale, a lui ed alla famiglia per quello che è successo, ma non mi sembra il caso di esprimere solidarietà al Sindaco durante un'interpellanza su cui si sta parlando della condotta, dove ci sono state delle coincidenze ammesse dallo stesso Sindaco, io sto parlando di un fatto procedurale. Durante un interpellanza penso che sia la prima volta che un consigliere comunale espone un interpellanza ed interviene il presidente del consiglio per esprimere solidarietà al Sindaco, per un accadimento che è successo e che dobbiamo anche ricondurre nella giusta misura, e dare a questo accadimento il peso naturale che questo ha. Quindi anche io mi associo alla solidarietà al Sindaco, ma non vedo che cosa c'entra la solidarietà al Sindaco su un discorso totalmente differente e che non fa altro che evidenziare il fatto che in questo momento non siete all'altezza di guidare una città, cioè una cosa così patetica io non l'ho visto mai, cioè si sta parlando della condotta del Sindaco, c'è un consigliere di opposizione che sta interrogando il Sindaco su un fatto realmente accaduto e che ha la sua gravità, il presidente del consiglio si alza ed esprime

10 solidarietà al Sindaco, per un accadimento che non ha nulla a che vedere, fallo durante le comunicazioni, facciamoci un ordine del giorno tutti insieme, ma durante un interpellanza il presidente del consiglio interviene per esprimere Ma a che livelli siamo, a che livelli siamo? Questo è quello che stanno osservando i cittadini da casa, cioè vogliamo deviare l'attenzione su un fatto gravissimo, esce il presidente del consiglio esprime solidarietà PRESIDENTE: consigliere D'Innocenzo scusi non era nelle mie intenzioni deviare assolutissimamente nulla, per non esasperare i toni visto il grave, cioè quello che di grave è accaduto, ecco, me la sono sentito di fare CONSIGLIERE D'INNOCENZO: se lei mi interrompe poi mi dovrà ridare il tempo a disposizione, perché sono rimasti 40 secondi, e non cadrò nel suo tranello. Dico che il Sindaco il 14 settembre del 2012 risponde a mezzo stampa alla mia interpellanza, dicendo che come prassi comunque prima di decidere i rappresentanti legali per i due singoli casi, abbiamo chiesto preventivi ad alcuni legali del territorio, e tra quelli ricevuti si sono scelti i più vantaggiosi a livello economico, pubblicato a mezzo stampa il 14 settembre. Questo è l'esatto contrario di quello che ci ha detto oggi, l'esatto contrario di quello che hai detto oggi, e di quello che hai scritto il 27 ottobre, che hai fatto scrivere sul giornale, quando parli che io ho fisicamente a disposizione solo i preventivi di due legali, cioè allora che significa, chiedi i preventivi a due persone sole e non sono preventivi, no io nel frattempo, il presidente consiglio comunale sono uscito dall'aula per non discutere, d'accordo con il presidente del consiglio, l'interpellanza PRESIDENTE: brevissimamente consigliere D'Innocenzo, scusi, no fermo consigliere D'Innocenzo CONSIGLIERE D'INNOCENZO: sto parlando io

11 PRESIDENTE: scusi consigliere D Innocenzo lei ha detto una cosa gravissima, cioè lei era d'accordo con me di non discutere l'interpellanza, ma io la querelo, la denuncio, non so che dobbiamo fare CONSIGLIERE D'INNOCENZO: querelatemi, querelatemi, tanto PRESIDENTE: ma io la querelo, cioè lei ha parlato con me, cioè assolutissimamente, cioè se ci sono gli estremi io la querelo, dò mandato e all'avvocato Alianello di procedere, ecco, così come si deve, prego CONSIGLIERE D'INNOCENZO: bene, stiamo facendo ridere Fabriano, cioè querelate uno che fa una domanda, io ho fatto una richiesta di accesso agli atti successiva alla dichiarazione del Sindaco del 14 settembre, chiedendo di vedere quali sono e quali erano i preventivi richiesti, ai cittadini, lo so che mi stai dicendo che è finito il tempo, lo so che la patata è bollente, ma la trasformeremo in mozione, ne discuteremo, continueremo a parlare di queste cose, qui avete chiesto i preventivi, che non sono arrivati perché non esistono, Giancarlocchio, parta un'altra denuncia non c è problema. Prima hai detto che avevi dei preventivi, che avevi richiesto dei preventivi, oggi quei preventivi non ci sono, non ci sono, a mezzo stampa hai detto una cosa non veritiera, in fabrianese si chiamano bugie, e penso che questo sia sufficiente per un buon politico per dire alla città scusate ho sbagliato, ho fatto una cosa che non andava fatta, cercherò di rimediare e tornerò indietro sui miei passi, ed invece qui querelate. Poi parte la solidarietà al Sindaco durante la discussione di un interpellanza, signori miei c è una telecamera, ci stanno vedendo i cittadini fabrianesi, vi stanno vedendo i cittadini fabrianesi, questa è la realtà dei fatti, comunque sono assolutamente insoddisfatto della risposta del Sindaco, e trasformerò questa semplice interpellanza in una mozione, grazie per l'attenzione.

12 PRESIDENTE: Bene, punto numero 4 all'ordine del giorno, interpellanza sulla cabina metano in prossimità di abitazioni, presentata dal consigliere Solari, il relatore è l'assessore Alianello. Prego consigliere Solari. CONSIGLIERE SOLARI: Grazie presidente, l'interrogazione ha come oggetto le cabine a metano nella nostra città, un tema che ha sollevato un vasto dibattito, sia sulla stampa locale che sui social network, per una questione di sicurezza, e siccome esiste una legge nazionale che inquadra molto bene questo tipo di cabine chiedo all'assessore se il comune di Fabriano rispetta questa normativa nazionale e se sia mai stata fatta manutenzione delle stesse, perché come possiamo vedere per esempio in via 13 luglio abbiamo una cabina a metano in prossimità di un distributore, oppure qui proprio nei pressi del comune vicino la gelateria Cervara, abbiamo una cabina a metano che a quanto pare non rientra nei limiti imposti dalla legge, grazie. PRESIDENTE: Prego assessore Alianello. ASSESSORE ALIANELLO: Grazie al consigliere Solari per, come sempre, avere introdotto in maniera elegante e per avere riportato toni su questioni che possono interessare veramente i cittadini. Allora la normativa che sovraintende questa problematica che lei mi sottopone è il decreto ministeriale del 24 novembre 1984, e praticamente disciplina quelli che sono i gruppi di riduzione, che sono queste cabine del metano che abbiamo in diversi punti di Fabriano, le cabine di, i gruppi di riduzione hanno determinate qualificazioni, che vanno, si chiamano specie, vanno dalla prima specie alla settima specie. Le cabine di cui parliamo oggi sono di sesta e settima specie, ossia sono delle cabine che hanno in entrata flussi di gas da 0,04 bar fino a 0,5 bar. Io mi sono informato tramite il responsabile di Italgas della zona Umbria Marche, che mi ha anche predisposto qualche indicazione per essere assolutamente più preciso possibile, il DM, il decreto ministeriale del , al punto 441, riporta le direttive sulle distanze di sicurezza dei gruppi di riduzione : i

13 gruppi di riduzione, sia quello di via Bovio che quello di viale 13 luglio e questo del comune sono di sesta specie, ossia appunto hanno flussi tra lo 0,04 bar e 0,5 bar, ed in base a questo decreto ministeriale non ha nessun vincolo di distanza. Vado a leggere appunto il decreto ministeriale, punto 441 dice: gli impianti compressione di monti inferiore o uguali a 5 bar, destinati alla riduzione della pressione e denominati nel seguito gruppo di riduzione, sono considerati dispositivi dei sistemi di distribuzione cittadina e quindi parte integrante delle reti di distribuzione stessa. I gruppi di riduzione sono di norma installati in appositi alloggiamenti costituiti da manufatti posti fuori terra, prima la norma diceva anche o interrati o seminterrati, ma qui è intervenuta la norma CEE Atex che li ha, non li fa far più né interrati, né seminterrati per problemi di ventilazione, e questi alloggiamenti sono senza recinzione distanza di sicurezza: le distanze di sicurezza devono intercorrere tra l alloggiamento del gruppo di riduzione ed i fabbricati esterni non devono essere inferiore a 2 metri. Per gli impianti alimentati da condotta di quarta e quinta specie con diametro non superiore a 48,3 millimetri, di cui al punto 3, punto 4, punto 3, oppure alimentati da condotta di sesta specie, come quelli nostri, non viene fissata alcuna particolare prescrizione per le distanze, quindi noi ce ne abbiamo due di sesta specie, uno di settima specie, quindi non c'è nessuna prescrizione per le distanze. Per quello che mi chiedeva il consigliere circa la manutenzione ed il controllo questo viene fatto periodicamente da Italgas, che chiaramente siccome fa, questi gruppi di riduzione fanno parte integrante delle reti, che sono di proprietà Italgas, Italgas oltre alla monitorizzazione periodica e continuativa delle reti gas, controllano e manutengono anche i gruppi di riduzione. PRESIDENTE: Grazie assessore Alianello, prego consigliere Solari. CONSIGLIERE SOLARI: Grazie presidente, sono contento delle parole dell'assessore perché come comune rispettiamo le leggi vigenti, io mi ero premunito di fare questa interrogazione perché recentemente nel marzo scorso il comune di Trani aveva fatto un esposto alla procura della

14 Repubblica in virtù dello stesso problema. Siccome siamo già un comune che visti i contenziosi legali sembra di non uscirne mai vincitore, preferisco porre all'attenzione del consiglio questi problemi per cui risolto, grazie. PRESIDENTE: Grazie consigliere Solari.

15 PRESIDENTE: Passiamo al punto numero 5, interpellanza circa lo stato dei lavori relativi alla costruzione della cittadella degli studi in località Santa Croce, presentata dai consiglieri Rossi e Solari, il relatore è l'assessore Alianello, prego consigliere Rossi. CONSIGLIERE ROSSI: Allora grazie presidente, mi limiterò a leggere l'interpellanza, questa interpellanza è stata scritta perché parla dello stato dei lavori relativi alla costruzione della cittadella degli studi in località Santa Croce. Gli studenti di Fabriano si trovano sostanzialmente in una situazione precaria ormai da diverso tempo, fin dai tempi del terremoto, e quindi è chiaro che necessita, e loro stessi vogliono una risposta chiara su quello che appunto, sullo stato di attuazione dei lavori e sui tempi, comunque leggerò l'interpellanza. Premesso che il 21 aprile scorso dopo un'attesa di 15 anni, a pochi giorni dalle elezioni comunali, è stata celebrata la posa della prima pietra della nuova cittadella degli studi, un evento a cui ha preso parte anche l'attuale Sindaco di Fabriano in veste di vice presidente della provincia, premesso che la struttura realizzata dal consorzio cooperative costruzioni di Bologna, e finanziata tramite un leasing in costruendo con Unicredit e Banca Intesa per ,00 di, è destinata ad ospitare tre istituti scolastici, il liceo classico Francesco Stelluti, il liceo scientifico Vito Volterra e il liceo artistico Edgardo Mannucci, oltre al centro per l'impiego. Che i tre istituti sopraccitati, che in totale contano circa 1700 iscritti, sono da anni collocati in strutture completamente inadeguate, scelte per far fronte ad una situazione emergenziale e perciò stesso transitoria. Premesso che queste strutture costano alla provincia complessivamente circa ,00 annui di affitto così ripartiti: ,00 è il canone annuo dovuto alla Domua case ufficio srl di Macerata, proprietaria dello stabile che ospita il liceo scientifico, ,00 vanno alla MB srl di Fabriano per l'affitto dei locali che ospitano il liceo classico, infine ,00 vanno al seminario vescovile di Fabriano sede del liceo artistico. Il sottoscritto consigliere comunale, i sottoscritti consiglieri comunali interpellano l amministrazione per sapere se è vero che il termine dei lavori è previsto per il 2014 e che quindi dall'anno scolastico i licei avranno sede nella nuova struttura, quale è lo stato di avanzamento dei lavori visto

16 che in prima fase l'opera sembra ancora in uno stadio embrionale, se nonostante ciò questa amministrazione ritiene possibile il completamento della struttura entro i termini di costruzione previsti, se infine l'amministrazione ha intenzione di organizzare un consiglio comunale aperto con la partecipazione di studenti, professori e personale A.T.A. per illustrare alla collettività il progetto di organizzazione dei plessi scolastici, grazie. PRESIDENTE: Grazie consigliere Rossi, prego assessore Alianello. ASSESSORE ALIANELLO: Grazie ai consiglieri che hanno proposto questa interrogazione. Dunque il direttore dei lavori incaricato dalla provincia di Ancona ha effettuato la consegna dei lavori all'impresa aggiudicataria dell'intervento, a luglio, ed il tempo e la realizzazione, così come da contratto, sono due anni, quindi da luglio 2012 andiamo a luglio Nel contratto ci sono delle penali che se non si rispettano i due anni di edificazione ha comunque delle penali ed ha anche delle penali intermedie, perché al contratto è allegato un cronoprogramma, quindi questo crono programma prevede anche delle penali a step, ossia se entro un determinato tempo non viene edificato una determinato volumetria degli immobili, ci sono delle penali. Quindi allo stato si ritiene che, insomma le ditte generalmente le penali non le vogliono pagare, anche perché sono anche abbastanza onerose, quindi l'amministrazione ritiene che i tempi debbano e vengano rispettati a meno di penali che la ditta vorrà pagare. Per quanto riguarda invece l organizzazione con i consigli comunali aperti sul tema, allo stato non penso sia ancora utile, cioè magari in un secondo momento se vediamo che l'opera comincia a prendere forma o comunque negli step successivi ravviseremo la necessità di fare degli incontri con gli studenti, con i presidi o i cittadini interessati, perché no, al momento è ancora tutto talmente in fase embrionale che forse sono un po' prematuri. PRESIDENTE: Bene assessore Alianello, allora l'interpellanza è stata presentata dai consiglieri Rossi e Solari, l ha esposta Rossi, la replica la fa il consigliere Solari, prego.

17 CONSIGLIERE SOLARI: Grazie presidente, siamo assolutamente d'accordo sul fatto della tutela con le penali a step che pensiamo siano la soluzione migliore. Il fatto è che sarebbe magari buona norma non legare questi progetti, che poi sono importanti e contribuiscono alla costruzione di un certo futuro per la nostra città, ad eventi come quelli che possono essere campagna elettorale e quant'altro, perché poi diventano facilmente interpretabili nell'uno e nell'altro senso, nel senso che possono essere visti come lancio del candidato in oggetto, oppure di qualcos'altro, quindi magari sarebbe buona norma non legare queste inaugurazioni, chiamiamole così, in campagna elettorale. Quello che ci ha fatto specie a me e al collega Rossi è l'ingente spesa che è stata affrontata in questi anni dal terremoto in poi per questi affitti, ,00 annui sono veramente una cifra corposa, dispendiosa, che sarebbe potuta essere utilizzata per tutt altro. Abbiamo letto bene il progetto delle nuove scuole, da quello che è su carta sarà sicuramente un progetto tra virgolette avveniristico, perché c è un risparmio tramite energia pulita, energia verde, i tre licei lì, il centro informa giovani, informa lavoro, quindi quello che si chiede è proprio questo, il consiglio comunale aperto serve a rendere partecipato questo progetto perché sicuramente influenzerà il futuro della nostra città, è presto però andrebbero magari coinvolte più avanti con graduali step sia i docenti, sia i presidi, sia gli stessi studenti, perché comunque sia, ripeto, è un grande progetto. Due anni di lavoro io me lo auguro, ce lo auguriamo, ce lo auguriamo, spero appunto che le penali siano adeguate perché ai tempi di oggi un lavoro del genere in soli due anni, se consideriamo che effettivamente i lavori sono cominciati pochissimo tempo fa già siamo in ritardo, comunque spero che il comune si sia tutelato nella maniera adeguata altrimenti torneremo sull'argomento. Comunque quello che vogliamo ribadire è l'importanza della partecipazione alla cittadinanza su progetti di un valore così grande, grazie. PRESIDENTE: Grazie consigliere Solari.

18 PRESIDENTE: Punto 6 all'ordine del giorno, interpellanza sugli automezzi comunali presentata dai consiglieri Urbani, Leli e Silvi, il relatore è l'assessore Tini, espone il consigliere Urbani, prego. CONSIGLIERE URBANI: Grazie presidente, l'interpellanza prende spunto dal nuovo capitolo che è stato inserito nel bilancio di previsione 2012 che è un impegno di spesa per ,00, a fronte di utilizzo di eventuali automezzi a noleggio a lungo termine. Noi sappiamo, tutti lo sanno, che abbiamo un discreto parco auto per il quale la vecchia amministrazione aveva predisposto, aveva iniziato a predisporre dei programmi di alienazione di questi automezzi. Siccome siamo a fine ottobre e a fine novembre ci sarà l'assestamento finale, l'interpellanza vorrebbe cercare di comprendere se, quale è lo stato dell'arte, nel senso quanti automezzi sono stati alienati, quanti sono stati venduti e quanto è la consistenza del parco mezzi, quanto è diciamo la consistenza del parco automezzi residua, quanti sono i dipendenti comunali autorizzati, che hanno l'autorizzazione ad usare il parco automezzi, soprattutto la frequenza della contemporaneità, perché io, mi sembra che, adesso non vorrei sbagliare, mi sembra che c'erano più di 40 automezzi, quindi, adesso non lo so, mi sembrava che Boldrini avesse parlato di 40 automezzi, comunque dopo sentiremo la risposta, perché resta abbastanza difficile comprendere come sia possibile che contemporaneamente ci siano tutti gli automezzi impegnati nella fase di contemporaneità, magari con un programmino di gestione si può ottimizzare questa cosa come fanno le aziende. Io ce ne ho 3, ho 90 dipendenti, non è che, con 3, stabilendo ed organizzando le contemporaneità si può risolvere e migliorare il servizio, ed in ultimo se sono stati attivati già dei contratti per il noleggio a lungo termine, questo ripeto per comprendere un po' se a novembre potremmo pensare di utilizzare la cifra residua, o tutti ,00 se non sono stati utilizzati, oppure una parte perché potremmo destinarli ad altre attività, per esempio come avevamo proposto durante il bilancio di previsione per esempio per migliorare e potenziare l università, oppure per ricreare un contributo al centro degli anziani, oppure altre cose che avevamo presentato con una serie di emendamenti che a suo tempo furono bocciati, grazie.

19 PRESIDENTE: Grazie consigliere Urbani, prego assessore Tini. ASSESSORE TINI: Dunque la situazione è, molto velocemente ad oggi è questa, consigliere Urbani. Il comune di Fabriano aveva in dotazione 25 automezzi, e dai primi di Ottobre questi 25 automezzi sono diventati 6, noi oggi abbiamo 6 autovetture, punto. Abbiamo fatto forse, si è iniziato questo percorso, è vero, nella precedente amministrazione, l abbiamo portata a termine, questi 6 automezzi secondo il nostro studio che abbiamo fatto sono sufficienti per le esigenze del comune. C erano macchine molto vecchie, è vero, che non avevano più senso, perché poi c erano costi di assicurazioni, bolli e quant altro e d abbiamo perciò rinnovato il parco automezzi mettendo soltanto quelli che realmente servono per le esigenze dell ufficio, come? (voci) sono stati tutti dati dietro, si tutti indietro alla Fiat, sono stati tutti ceduti. Andando avanti con le domande, ossia dici quanti dipendenti possono utilizzare queste macchine, ossia noi a parte i messi notificatori che hanno un utilizzo, oppure i vigili urbani che hanno un utilizzo diciamo costante, tutti i dipendenti comunali in teoria possono utilizzare queste macchine, previa chiaramente autorizzazione del dirigente. Ossia se un dipendente deve andare in Ancona ad una riunione, o deve andare, che ne so, ad un convegno, o ad un corso di aggiornamento o quant altro, chiede l autorizzazione al dirigente, il dirigente autorizza l utilizzo della macchina, non è che c è, non c è preclusione per nessuno in teoria, fatte salve 2 o 3 macchine che sono utilizzate in maniera precipua da alcune persone per lavori particolari. Per quanto riguarda nuovi contratti, ossia queste macchine sono state prese anche con, adesso, a parte che il decreto legge 92, no, la spending review, Monti ci fissa i prezzi Consip, perciò qui adesso i margini, io dico giustamente, i margini di manovra sono molto pochi, perché noi dobbiamo rispettare comunque, non possiamo andare sopra la convenzione Consip. Per quanto riguarda poi anche un discorso diciamo di rispetto dell ambiente, abbiamo preso 2 macchine a metano, c è un contributo concesso dal Ministero dell Ambiente, abbiamo preso il contributo dal Ministero dell Ambiente per acquistare 2 macchine, di queste 6 che attualmente abbiamo 2 sono a metano, e per quanto riguarda il discorso dell attivazione del noleggio che avevamo parlato a suo

20 tempo, però, ossia in tutto questo contesto il quadro normativo, da quando abbiamo parlato a giugno, si è un po modificato, ossia oggi secondo me con la situazione attuale, fatte salve nuove esigenze che potrebbero emergere, noi siamo a posto come siamo, però la previsione comunque rimane quella che avevamo detto a giugno, ossia quella di andare, qualora dovesse servire, a convenzioni di autonoleggio tramite prezzi Consip, questo è quell obbligo che è subentrato con il decreto legislativo 92 convertito nella legge 135 del mese di agosto. Io mi sembra che ho risposto a tutto, non so se ho omesso qualcosa, per il momento mi fermo qui, grazie per l interpellanza, abbiamo portato a conoscenza i cittadini che noi abbiamo fatto qui forse una spending review non indifferente, perché soltanto i bolli, le assicurazioni, per 25 macchine o per 6 capite che la differenza non è di poco conto, grazie. PRESIDENTE: Grazie assessore Tini, per replica il consigliere Urbani, presgo. CONSIGLIERE URBANI: Bene presidente, ringrazio l assessore per le informazioni che ci ha fornito perché allora a questo punto forse sull assestamento di novembre potremmo rivedere quei capitoli di spesa che riguardavano i pneumatici, i carburanti, (voci) è sempre tutto vecchio qui, di nuovo non c è più niente, va bene, va bene, comunque praticamente i ,00 impegnati ancora non sono stati utilizzati praticamente, va bene grazie.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli