La fase o procedura stragiudiziale. La fase o procedura giudiziale. La Costituzione in mora Gli effetti della costituzione in mora

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La fase o procedura stragiudiziale. La fase o procedura giudiziale. La Costituzione in mora Gli effetti della costituzione in mora"

Transcript

1 La fase o procedura stragiudiziale La Costituzione in mora Gli effetti della costituzione in mora La fase o procedura giudiziale Ricorso per ingiunzione Cos è il decreto ingiuntivo Le condizioni per la richiesta del decreto ingiuntivo Il decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo L opposizione Caparra penitenziale e confirmatoria Diritti reali di garanzia: pegno, ipoteca e fideiussione Il precetto Il pignoramento Il sequestro conservativo La prescrizione del credito

2 Torino, lì 26 marzo 2010 LA FASE STRAGIUDIZIALE NELLA PROCEDURA DI RE- CUPERO DEL CREDITO Il recupero del credito è un attività finalizzata al rientro di somme derivanti da crediti rimasti insoluti (esempio prestiti non onorati). Esistono due fasi distinte nell attività del recupero credito: 1. La fase o procedura stragiudiziale; 2. La fase o procedura giudiziale; FASE STRAGIUDIZIALE La fase stragiudiziale conosciuta anche come extragiudiziaria, è la procedura attivata dalle società che operano in questo settore volta alla risoluzione bonaria del contenzioso. Questa fase è caratterizzata da una serie di operazioni determinate a stabilire un contatto con l obbligato, con il quale si cerca di rimediare al problema evitando la tortuosa soluzione dell azione legale dispendiosa e lungimirante. L inizio dell attività consiste nell invio di comunicazioni epistolari ( Costituzione in mora) presso il domicilio del debitore, informandolo della presenza del debito costituito dal capitale rimasto insoluto e dagli interessi ed eventuali oneri che devono essere corrisposti. Di seguito le società di recupero credito procedono a contattare il debitore telefonicamente sollecitandolo al pagamento del dovuto, provando inoltre a stabilire un intesa proponendo delle soluzioni di rientro del capitale mediante ammortamenti personalizzati appetibili. Che significa costituzione in mora del debitore? La costituzione in mora del debitore consiste nella richiesta fatta al debitore dal creditore, e per iscritto, di adempiere l obbligazione. Tale richiesta viene comunemente inoltrata a mezzo piego o lettera raccomandata con avviso di ricevimento, in modo da consentire di provare la data del ricevimento. La spedizione della raccomandata A/R presso il domicilio dell interlocutore dovrà contenere le seguenti caratteristiche: 1. La data della lettera; 2. Motivo dell azione del recupero (contratto prestito insoluto, fattura ecc.), viene altresì, descritti gli obblighi derivanti dal contratto e quello che realmente è accaduto; 3. Data da cui scaturisce il debito; 4. Importo del debito dovuto e quantificazione interessi ed oneri dovuti; Data o termine per saldare quanto richiesto, solitamente vengono concessi 15 giorni dal ricevimento della lettera, può accadere tuttavia che per diversi motivi si concede minor tempo.

3 L art c.c. prevede che non sia necessario ricorrere alla costituzione in mora se: 1. l obbligazione deriva da fatto illecito; 2. il debitore dichiara per iscritto di non voler adempiere; 3. l obbligazione è a termine e la prestazione (o il pagamento) deve essere eseguita al domicilio del creditore. Dalla costituzione in mora del debitore, la legge fa scaturire taluni effetti a beneficio del creditore. Quali sono gli effetti della "costituzione in mora" del debitore? Gli effetti della costituzione in mora del debitore sono: 1. l inizio della decorrenza degli interessi moratori, nella misura dell interesse legale, se non pattuiti diversamente; 2. l interruzione del termine di prescrizione (art c.c.); 3. l obbligo in capo al debitore di risarcire l eventuale danno; 4. la cosiddetta perpetuatio obligationis, ossia il passaggio del rischio che la prestazione divenga impossibile in capo al debitore. Se anche il sollecito telefonico risultasse infruttuoso, ecco che alcune società di recupero credito provvedono a contattare il debitore direttamente a casa (esazione diretta), in questo caso gli agenti esattori o procuratori stragiudiziali cercano di comprendere quali siano i reali motivi del mancato pagamento (rifiuto a prescindere o temporanea impossibilità economica), ove vi siano le possibilità e la volontà, gli agenti esattori, in concordo con l obbligato, propongono soluzioni di rientro del debito garantendo anche forti sconti (stralcio). Nella comunicazione di messa in mora si intima la controparte al pagamento del dovuto entro una data prestabilita, trascorsi i tempi se non è stato provveduto a quanto richiesto viene resa edotta che nei suoi confronti verrà intrapresa un azione legale con addebitamento di tutte le spese. Nel caso in cui non si raggiungano i risultati sperati durante la fase stragiudiziale, le società di recupero credito procedono alla verifica o valutazione dello stato economico del debitore. Questo servirà per decidere se è conveniente intraprendere o meno un azione giudiziale nei suoi confronti. Tale valutazione viene di norma eseguita anche in fase di accordo durante la fase stragiudiziale, spesso accade che di fronte a richieste di ulteriore tempo da parte dei debitori, queste vengono accolte solo quando vi siano la presenza di garanzie (pegni, ipoteche) a protezione dell interesse del creditore.

4 FASE GIUDIZIALE NELLA PROCEDURA DI RECUPERO DEL CREDITO Nell attività del recupero credito è contemplata la via giudiziaria quando la fase stragiudiziale non ha prodotto alcun risultato. Il ricorso legale è finalizzato all ottenimento di un titolo esecutivo che permette di intraprendere l esecuzione forzata sui beni dell obbligato (macchina, immobili, ecc.). Prima di ricorrere al Tribunale, vengono valutate le opportunità di avviare la fase giudiziaria mediante l analisi dello stato economico e patrimoniale del debitore al fine di individuare la presenza di capitali sufficienti a giustificare l azione legale. Pertanto a seguito di tale verifiche emergesse l assenza o insufficienza di beni pignorabili, l azione giudiziaria diventerebbe controproducente soprattutto perché in caso di conclusione negativa le spese legali sarebbero a totale carico da chi ha intrapreso l azione giuridica. Situazione sorvolabile quando i crediti vantati sono di entità molto elevata, il ricorso all azione legale sarebbe comunque giustificata al solo fine di portare in bilancio come passività i crediti vantati. Qui di seguito vengono descritti le varie opportunità del creditore per far valere i propri diritti: RICORSO PER INGIUNZIONE: si concretizza quando il creditore ha in mano documenti che certificano il suo diritto, il credito vantato dovrà avere determinate condizioni ovvero essere: 1. Certo (comprovato da documenti), 2. Liquido (assodato nel suo importo), 3. Esigibile (non sottoposto a condizioni e termini). Nei casi in cui tali condizioni dovessero mancare e non disponendo già di un titolo esecutivo, che permetterebbe di agire mediante atto di precetto, si dovrà procedere in via ordinaria con atto di citazione che comporterà un elevato aumento dei tempi per ottenere il titolo esecutivo. Che cos è un decreto ingiuntivo? Un decreto ingiuntivo è l ordine dato dal giudice al debitore di adempiere l obbligazione assunta (es. pagamento di una somma di denaro o consegna di una cosa mobile determinata) entro un determinato periodo di tempo (40 giorni). Trascorso tale termine, il decreto diventa esecutivo e si può procedere al pignoramento dei beni del debitore. Il decreto ingiuntivo viene emesso su richiesta del creditore, ed ha il vantaggio di essere molto più celere e assai meno oneroso di un procedimento giudiziario ordinario. È disciplinato dagli articoli 633 e ss. del c.p.c. e richiede, per la sua emissione, la sussistenza di specifiche condizioni. Contro un decreto ingiuntivo è possibile fare opposizione nei termini previsti dallo stesso decreto (40 giorni) Quali sono le condizioni per poter richiedere l emissione di un decreto ingiuntivo?

5 Affinché si possa far ricorso al procedimento per decreto ingiuntivo è necessario che il credito consista nella consegna di una somma determinata di denaro o di una quantità determinata di cose fungibili, oppure nella consegna di una cosa mobile determinata. È inoltre necessario che il credito sia provabile mediante prova scritta. Più precisamente, si intendono per prove scritte idonee alla richiesta di decreto ingiuntivo (art. 634 c.c.): 1. le polizze e promesse unilaterali per scrittura privata; 2. i telegrammi; 3. gli estratti autentici delle scritture contabili; 4. la giurisprudenza considera prova scritta anche le fatture commerciali. In quali casi un decreto ingiuntivo viene emesso provvisoriamente esecutivo? L art. 642 c.p.c. prevede che, su istanza del ricorrente, il decreto ingiuntivo possa essere dichiarato immediatamente esecutivo (senza perciò che sia necessario attendere il termine di quaranta giorni per verificare se il debitore paga o si oppone). Tale richiesta può essere accolta se il credito è fondato su cambiale, assegno bancario, assegno circolare, certificato di liquidazione di borsa, atto ricevuto da notaio o altro pubblico ufficiale autorizzato. L esecuzione provvisoria può anche essere concessa se vi è pericolo di un grave pregiudizio nel ritardo. È possibile fare opposizione ad un decreto ingiuntivo? L opposizione ad un decreto ingiuntivo può essere proposta mediante atto di citazione (art. 645 c.p.c.) entro i termini strettamente previsti nel decreto stesso (40 giorni). Ci si oppone al decreto ingiuntivo, ad esempio, se il credito non è scaduto o se è addirittura inesistente perché mai sorto o perché già estinto a seguito di pagamento. A seguito dell opposizione, il giudizio si svolge secondo le norme del procedimento ordinario. Su istanza dell opponente, se ricorrono gravi motivi, il giudice può sospendere l esecuzione provvisoria del decreto ingiuntivo (art. 649 c.p.c.). Quali garanzie si possono inserire in un contratto per avere più probabilità che venga adempiuto? Quali clausole accessorie ad un contratto, al fine di garantire l adempimento dell accordo, o permettere un più facile e pronto risarcimento in caso di danno, la legge predispone vari strumenti. Innanzi tutto può prevedersi una caparra con funzione penitenziale o confirmatoria, oppure una clausola penale (con funzione di determinazione anticipata del valore del danno in caso di inadempimento).

6 Qual è la diffrenza tra caparra penitenziale e caparra confirmatoria? La caparra confirmatoria (art c.c.) è la più frequente e corrisponde alla antica consuetudine di consegnare all altra parte una somma di denaro (o altre cose fungibili) a conferma del vincolo assunto. Se la parte che ha concesso la caparra si rende inadempiente, l altra parte può recedere dal contratto e trattenere la caparra. Se inadempiente è la parte che ha ricevuto la caparra, l altra parte può sempre recedere e richiedere il doppio di quanto versato. Si tratta in entrambi i casi di facoltà concessa all interessato che può comunque insistere per l adempimento, e richiedere il risarcimento per l ulteriore danno subito. Diversa è invece la funzione della caparra penitenziale (art c.c.) che rappresenta il corrispettivo del diritto di recesso, stabilito convenzionalemente. Chi decide di recedere deve dare all altra parte quanto pattuito a titolo di caparra penitenziale e l altra parte non potrà chiedere altro. Possono poi sempre prevedersi delle specifiche garanzie, tanto di natura reale (cioè riferite a beni mobili o immobili) oppure di natura personale (che fanno invece riferimento al patrimonio personale di un soggetto terzo). DIRITTI REALI DI GARANZIA Il pegno e l ipoteca, oltre ai privilegi, sono cause legittime di prelazione. Il pegno e l ipoteca sono diritti reali che limitano il potere a disposizione (mediante pignoramento o ipoteca) perché sono opponibili erga omnes e per questo sono caratterizzati da assolutezza attribuendo al creditore il potere di esercitare la garanzia espropriando e vendendo il bene anche se la proprietà del bene è passata ad altri; questo è conosciuto come diritto di sequela. I privilegi sui beni soggetti di diritto reale di garanzia identificabili con pegno ed ipoteca necessitano di un titolo costitutivo di pegno o ipoteca. È possibile trasferire il pegno o l ipoteca a terzi. È tuttavia vietato il patto commissorio con il quale in caso di mancato pagamento la proprietà della cosa oggetto di pegno od ipoteca passa al creditore. La differenza sostanziale tra pegno e ipoteca è identificabile nel fatto che con il pegno il possesso del bene avente per oggetto beni mobili passa al creditore materialmente mentre con l ipoteca il bene rimane al debitore. L ipoteca ha come oggetto beni immobili, beni mobili registrati, rendite di Stato. Il pegno e l ipoteca assolvono quindi all esigenza del creditore di trovare generalmente piena soddisfazione del credito visto che in caso di mancato pagamento il creditore ha la facoltà di espropriare i beni che poi vengono venduti all asta e con il ricavato il creditore soddisfa le proprie legittime pretese, salvo fideiussione.

7 A titolo di garanzia personale possono invece prevedersi, tra le altre, la fideiussione o la fideiussione omnibus, oppure la garanzia a prima richiesta. La fideiussione: oggetto e natura accessoria dell obbligazione La fideiussione, disciplinata dagli artt e ss. c.c., è il negozio giuridico tramite il quale un soggetto, chiamato fideiussore, garantisce l adempimento di un obbligazione altrui obbligandosi personalmente nei confronti del creditore. La fideiussione è efficace anche se il debitore non ne ha conoscenza. La fideiussione necessita un espressa volontà del garante ex art c.c. ed ha natura accessoria rispetto all obbligazione principale garantita. In tal senso la fideiussione esiste nei limiti in cui esiste l obbligazione garantita. A mente dell art c.c., infatti, la fideiussione non è valida se non è valida l obbligazione principale e, ex art c.c., non può eccedere ciò che è dovuto dal debitore nè essere prestata a condizioni più onerose (al contrario la fideiussione può prestarsi per una parte soltanto del debito). Sempre sotto il profilo dell accessorietà della fideiussione rispetto all obbligazione principale, deve rilevarsi che l art c.c. prevede che la fideiussione si estenda a tutti gli accessori del debito principale. Coerentemente l art c.c. dispone che il fideiussore può opporre al creditore tutte le eccezioni che avrebbe potuto opporre il debitore principale (è esclusa sola l eccezione d incapacità). La fideiussione: gli obblighi del fideiussore L oggetto della fideiussione è la garanzia di un debito altrui, sicchè il fideiussore, ai sensi dell art c.c., è obbligato, in solido con il debitore principale, al pagamento del debito. È possibile prestare una fideiussione per un debito futuro e sottoposto a condizione purchè sia fissato l ammontare massimo garantito. Il fideiussore risulta, dunque, obbligato in solido con il debitore principale, così il creditore potrà chiedere indifferentemente l adempimento al fideiussore o al debitore, a meno che non sia previsto il benficio di escussione; in tale ultimo caso il creditore non potrà escutere il fideiussore prima dell escussione del debitore principale ma il fideiussore dovrà, ove intenda valersi della relativa eccezione, indicare i beni del debitore principale aggredibili. La fideiussione: i rapporti tra fideiussore e debitore principale garantito (il regresso) Ove, nell adempimento dell obbligazione nascente dalla fideiussione, il fideiussore abbia pagato il debito, avrà regresso nei confronti del debitore principale; subentrerà, cioè, nei diritti che il creditore aveva contro il debitore. È bene che il fideiussore comunichi sempre al debitore principale la volontà di procedere al pagamento in quanto, ai sensi dell art c.c., non è ammesso il regresso nei confronti del debitore principale qualora questi abbia proceduto al pagamento del debito a causa del difetto di preventiva denunzia; in tal caso, inoltre, il debitore principale può opporre al fideiussore le eccezioni che avrebbe potuto opporre al creditore principale all atto del pagamento. La fideiussione: modalità d estinzione La fideiussione si estingue, oltre che naturalmente con l adempimento dell obbligazione da parte del debitore principale, quando, per fatto del creditore, il fideiussore si trovi nell impossibilità di agire in regresso nei confronti del debitore principale o di valersi delle garanzie che assistevano il credito (cfr. art c.c.). Nell ambito delle fideiussioni per obbligazioni future, il fideiussore ri-

8 sulta immediatamente liberato ove il creditore, consapevole dello stato d insolvenza del debitore principale, gli abbia, ciononostante, fatto credito. L art prevede, infine, che la fideiussione cessi ove il creditore principale non abbia proposto le sue istanze entro il termine di sei mesi dalla scadenza dell obbligazione principale. Fideiussione: il diritto di rilievo del fideiussore Il fideiussore può, infine, esigere che il debitore principale lo liberi dalla fideiussione o, in mancanza, gli fornisca adeguate garanzie per l esercizio delle ragioni di regresso quando sia convenuto in giudizio, quando il debitore principale sia divenuto insolvente e quando il debito sia divenuto esigibile per la scadenza del termine. La fideiussione omnibus Derivante dalla pratica bancaria è invece la fideiussione omnibus. Con la fideiussione omnibus il fideiussore si obbliga a garantire i debiti presenti e anche futuri del debitore, tale tipo di fideiussione è valida solo se è stato stabilito un importo massimo garantito. IL PRECETTO Ottenuto il titolo esecutivo e dopo che questo è stato portato a conoscenza del debitore attraverso la notifica (la notifica è una comunicazione ufficiale fatta a mezzo degli Ufficiali Giudiziari del Tribunale o dell Avvocato). Condizione necessaria e sufficiente per poter avviare il procedimento di esecuzione forzata è quella di disporre di un titolo esecutivo. Sono titolo esecutivi: le sentenze; i provvedimenti giurisdizionali cui la legge riconosce la medesima efficacia della sentenza, ad esempio: decreto ingiuntivo, ordinanza per la convalida di sfratto o licenza, provvedimenti provvisori ed urgenti emessi nel corso del giudizio di separazione personale o divorzio; le scritture private autenticate, in relazione alle obbligazioni relative a somme di denaro; le cambiali i titoli di credito gli altri atti cui la legge riconosce la medesima efficacia dei titoli di credito; atti ricevuti da notaio od altro pubblico ufficiale. Dopo la notifica del titolo esecutivo o contestualmente ad essa il creditore potrà notificare al debitore l atto di precetto.

9 Il precetto non è altro che un atto con il quale si chiede al debitore di adempiere l obbligo che risulta dal titolo esecutivo entro un termine non inferiore a 10 giorni, con l avvertimento che in caso di mancato adempimento entro il termine stabilito, si procederà chiedendo il pignoramento. Precetto su titoli: in presenza di titoli esecutivi (esempio assegni protestati o cambiali) è consentito procedere direttamente all esecuzione forzata dei beni di proprietà dell obbligato, altrimenti è necessaria una sentenza o altro provvedimento che autorizza l esecuzione forzata mediante titolo esecutivo. Il creditore dovrà intimare all obbligato entro un termine non inferiore ai dieci giorni di soddisfare quanto stabilito dal titolo esecutivo. Se ciò non venisse rispettato si ha facoltà di pignorare tutti i beni dell insolvente fino al raggiungimento del valore del credito vantato. IL PIGNORAMENTO Il pignoramento è l atto con il quale inizia l esecuzione forzata vera e propria. Esso consiste nell ingiunzione che l Ufficiale Giudiziario fa al debitore di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre determinati beni alla garanzia del credito. In sostanza, avviene che l Ufficiale Giudiziario si reca presso il debitore munito del titolo esecutivo e del precetto; giunto presso il debitore l Ufficiale Giudiziario verifica se vi sono dei beni che possono essere valido oggetto di vendita per l importo richiesto dal creditore. Individuati i beni, l Ufficiale Giudiziario redige verbale e comunica al debitore che da quel momento non potrà disporre dei beni medesimi, cioè non potrà trasferirli né, tanto meno, venderli o cederli a terzi a qualunque titolo. Si precisa che se il debitore col pignoramento è nominato custode dei beni pignorati. Pertanto, il debitore sarà perseguibile penalmente, in particolare per il reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice se compia atti diretti a sottrarre i beni alla garanzia del credito, oppure renda false dichiarazioni o ometta di rispondere all Ufficiale Giudiziario che gli chieda dell esistenza di altri beni utilmente pignorabili. Particolari disposizioni sono dettate per il caso di pignoramento avente ad oggetto beni immobili, beni immobili in comunione, beni che si trovano presso terzi. FORMA DEL PIGNORAMENTO Viene redatto dall ufficiale giudiziario un verbale dal quale risulta, oltre che l ingiunzione di cui sopra, la descrizione di tutte le cose pignorate, il loro stato (tramite rappresentazione fotografica o audiovisiva) e la determinazione approssimativa del presumibile valore di realizzo stabilito con l assistenza, se ritenuta utile o richiesta dal creditore, di un esperto stimatore scelto dall ufficiale giudiziario. Se riguarda COSE MOBILI L ufficiale giudiziario munito di titolo esecutivo procede al pignoramento ricercando le cose nella casa del debitore e negli altri luoghi a lui appartenenti, e anche sulla persona stessa. L ufficiale giudiziario può avere l assistenza della forza pubblica. Non può riguardare le cose impignorabili e deve essere eseguito di preferenza sulle cose che l uffi-

10 ciale giudiziario ritiene di più facile e pronta liquidazione nel limite di un presunto valore di realizzo (calcolato aumentando della metà l importo del credito precettato). In ogni caso devono essere preferiti, in ordine: il denaro contante, gli oggetti preziosi, i titoli di credito ed ogni altro bene che appaia di sicura realizzazione. Non può essere eseguito nei giorni festivi e fuori l orario stabilito dalla legge per le notificazioni (dalle 7 alle 21). Il denaro, i preziosi e i titoli pignorati vengono consegnati dall ufficiale giudiziario al cancelliere del competente ufficio giudiziario, mentre gli altri beni vengono trasportati in un luogo di pubblico deposito oppure affidati ad uno specifico custode (che non può essere il creditore o il debitore qualora l altra parte non dia il suo consenso). Nota importante: Il pignoramento può riguardare anche le cose mobili (arredamento, oggetti vari) presenti nell immobile non di proprietà del debitore. È sufficiente che questi vi abbia residenza per presumere -in forza di legge- che i beni contenuti nell immobile siano di sua proprietà, salvo prova contraria (sua o dell effettivo proprietario). PIGNORAMENTO IMMOBILIARE Si esegue mediante notificazione al debitore e successiva trascrizione nei registri immobiliari di un atto contenente l esatta descrizione dell immobile e l ingiunzione al debitore di non compiere atti dispositivi. Insieme al bene immobile possono essere pignorati anche i mobili in esso contenuti, quando appaia opportuno che l espropriazione avvenga unitamente. A custodia dei beni viene normalmente nominato il debitore, ma su richiesta di un creditore il giudice può anche nominare persona diversa. Ciò avviene comunque nel caso in cui il debitore non occupi l immobile. PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Riguarda crediti del debitore verso terzi (come fitti, stipendi -con limiti che diremo- e somme presenti sul conto corrente) o cose del debitore che si trovano presso terzi. Si esegue mediante atto notificato al terzo e al debitore, e deve contenere oltre all ingiunzione a non compiere alcun atto dispositivo circa i beni e i crediti assoggettati a pignoramento, l indicazione del credito per cui si procede, del titolo esecutivo e del precetto, l indicazione anche generica delle cose o somme dovute e l intimazione al terzo di non disporne senza ordine del giudice. L atto contiene anche l invito a presentarsi davanti al giudice per dichiarare di quali cose o quali somme il terzo è debitore o si trova in possesso e quando ne deve eseguire il pagamento o la consegna. Interessante osservare che questa disposizione non riguarda i pignoramenti esattoriali (si veda più avanti), per i quali è invece previsto che il terzo debitore effettui direttamente i pagamenti al concessionario. EFFETTI DEL PIGNORAMENTO Il pignoramento, nelle varie specie, produce l effetto di rendere inopponibili al creditore procedente, e agli altri creditori che intervengono nell esecuzione, gli atti di disposizione compiuti sui beni pignorati (come per esempio la vendita e le cessioni dei crediti). Per gli immobili vale la regola dell anteriorità della trascrizione; per i beni mobili il principio della tutela del terzo acquirente che abbia acquistato il possesso in buona fede. Si vedano, in proposito, gli articoli 2912 e segg. del codice civile. COSA SI INTENDE PER IMPIGNORABILITÀ

11 Riguarda il pignoramento mobiliare presso il debitore, e riguarda cose che per il loro prevalente valore morale (es. oggetti di culto, fede nuziale), o per stretta necessità nella vita domestica (es. frigorifero, lavatrice), hanno indotto il legislatore a privilegiare i bisogni di quest ultimo rispetto al principio per cui tutti i beni dovrebbero fungere da garanzia dei creditori ed essere quindi espropriabili. Sono inoltre sottratti al pignoramento i crediti alimentari (gli alimenti versati dal coniuge separato, tranne per cause di alimenti e comunque con autorizzazione del presidente del tribunale o di un giudice delegato e per la parte dallo determinata dallo stesso), i crediti aventi per oggetto sussidi di grazia, di sostentamento, di maternità e di malattia. Sono parzialmente impignorabili, invece, tutti i beni indispensabili per l esercizio della professione o del mestiere esercitato dal debitore. Essi possono essere pignorati nei limiti di un quinto nei casi in cui il presumibile valore degli altri beni non appare sufficiente per la soddisfazione del credito. La disposizione non si applica se il provvedimento riguarda una società. Particolari disposizioni, inoltre, riguardano le cose che il proprietario di un fondo tiene per il servizio e la coltivazione del medesimo nonchè i frutti non ancora raccolti o separati dal suolo. Maggiori dettagli in merito si possono trovare agli art.514 e segg. nonchè all art.545 del codice di procedura civile. PIGNORABILITÀ DELLO STIPENDIO La Finanziaria 2005 (legge 311/04) ha definitivamente equiparato le disposizioni relative alla pignorabilità degli stipendi privati e di quelli pubblici. Per questi ultimi ricordiamo che già da tempo è stata abolita la regola di assoluta impignorabilità a seguito di varie pronunce della Corte Costituzionale (sentenze n.89/1987 e n.878/1988). In sostanza vige per tutti gli stipendi (nonchè le gratifiche, le pensioni, le indennità, i sussidi, etc) la regola generale secondo cui essi sono impignorabili ed insequestrabili salvo queste eccezioni: 1) se il debito riguarda alimenti dovuti per legge, è prevista la pignorabilità fino ad un terzo degli stipendi al netto di ritenute; 2) se il debito è verso lo Stato o altri enti o imprese da cui il debitore dipende, e riguarda il rapporto di impiego, è prevista la pignorabilità fino ad un quinto degli stipendi al netto di ritenute; 3) se il debito riguarda tributi dovuti allo Stato, alle Province o ai Comuni dall impiegato o salariato, è prevista la pignorabilità fino ad un quinto degli stipendi dello stesso al netto di ritenute. Se concorrono simultaneamente i casi 2 e 3 il pignoramento non può colpire una quota totale maggiore del quinto già detto, mentre se concorre anche il caso 1 il pignoramento non può colpire una quota maggiore della metà degli stipendi al netto di ritenute. E da precisare, per quanto previsto dal codice di procedura civile, che la quota oggetto di pignoramento è decisa dal presidente del Tribunale o da un giudice da questi delegato. Fonte: art.1 e 2 d.p.r.180/50 con modifiche della legge 311/04 art.1 comma 137, e c.p.c. Art.545 e segg. SE I BENI PIGNORATI SI RIVELANO INSUFFICIENTI, oppure si manifestano troppo lunghi i tempi di liquidazione degli stessi, l ufficiale giudiziario può

12 interpellare ufficialmente il debitore riguardo all esistenza di altri beni disponibili per il pignoramento. I debitori che -quando interpellati- dichiarano il falso o non collaborano, ovvero non rispondono entro 15gg, sono perseguibili penalmente secondo quanto previsto dall art. 388 del codice penale (reclusione fino ad un anno e la multa fino a 309 euro). Ulteriormente l ufficiale giudiziario può, sempre nell ottica di cui sopra, procedere ad una ricognizione dei beni da pignorare con accesso diretto all anagrafe tributaria o ad altre banche dati pubbliche. Se il debitore è un imprenditore commerciale, inoltre, l ufficiale potrà consultare le scritture contabili mediante la consulenza di un professionista. Tutto ciò anche su richiesta del creditore procedente, che con apposita istanza può chiedere l integrazione del pignoramento anche al giudice qualora ritenesse inadeguate le stime effettuate dall ufficiale giudiziario. A tal scopo il giudice ha facoltà di nominare un perito stimatore. LA CONVERSIONE DEL PIGNORAMENTO Al debitore, al quale siano stati pignorati dei beni, è data facoltà di chiedere la conversione del pignoramento, purchè ne faccia istanza prima che sia disposta la vendita. A tal fine il debitore depositerà un istanza in Tribunale, insieme all istanza andrà necessariamente depositata una somma non inferiore ad un quinto del credito per cui è stato eseguito il pignoramento. Con quest istanza il debitore chiederà che i beni o crediti pignorati siano sostituiti da una somma di denaro. Sarà poi il Giudice a stabilire la somma da sostituire ai beni pignorati, dopo aver sentito personalmente le parti in udienza. In particolare, se il pignoramento riguardava beni immobili il Giudice potrà disporre che il debitore versi la somma rateizzata entro un termine massimo di 18 mesi. IL SEQUESTRO CONSERVATIVO Il sequestro conservativo è indicato tra i cd mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale del debitore. Si chiederà il sequestro dei beni del debitore quando si abbia fondato timore che questi possa alienare o comunque far sparire tutto o parte del suo patrimonio. In tal caso, laddove il debitore non risultasse più detentore di nulla, il creditore che, dopo anni di causa, abbia ottenuto una sentenza favorevole rischia in concreto di trovarsi comunque a bocca asciutta. Se infatti il debitore si rifiuti di dare spontaneo adempimento alla sentenza il creditore sarà costretto ad agire in via esecutiva. Ma su quali beni potrà agire il creditore se il debitore non ha nulla? Il creditore che non abbia proposto ricorso per sequestro in questo caso rimarrà ancora insoddisfatto. Dunque, lo scopo che si raggiunge con il sequestro conservativo è quello di creare un vincolo di indisponibilità sui beni mobili e/o immobili del debitore cui esso si riferisce. Questo significa che il debitore potrà disporre del bene sequestrato (dunque potrà venderlo, donarlo, costituirvi diritti di godimento in favore di terzi) ma tali atti non sono opponibili al sequestrante. Il sequestrante che ottenga sentenza di condanna nei confronti del debitore potrà, pertanto, agire con la procedura di esecuzione forzata chiedendo ed ottenendo la vendita del bene sequestrato, non

13 avendo alcun rilievo nei suoi confronti i diritti che i terzi vantano sul bene medesimo successivamente al sequestro. Procedimento e tempi: il sequestro conservativo rientra tra i provvedimenti cautelari. Esso può essere chiesto sia prima di iniziare il procedimento di merito, sia in pendenza di giudizio. In ogni caso il ricorso per sequestro va sempre presentato al Tribunale. Ricevuto il ricorso il Giudice provvederà alle formalità essenziali e quindi deciderà sull accoglimento o rigetto della domanda, pertanto i tempi saranno molto brevi, di norma si svolgeranno non più di due udienze. Se il ricorso è stato presentato prima dell inizio della causa di merito la medesima dovrà iniziarsi entro 60 giorni; in caso contrario il provvedimento perderà efficacia. PRESCRIZIONE DEL CREDITO La prescrizione del credito è regolamentata dall articolo 2946 del codice civile secondo cui in generale il diritto all incasso delle somme dovute si prescrive decorsi 10 anni, salvo i casi di seguito citati: La prescrizione si riduce a 5 anni nel caso di crediti vantati per canoni di locazione, interessi, salari, tfr e pensione; 1. 3 anni per i crediti maturati da attività professionali; 2. 2 anni per i crediti dovuti alla circolazione dei veicoli; 3. Un anno per i crediti dovuti alle assicurazioni (premi); 4. 6 mesi per i crediti dovuti agli albergatori e similari. In particolare i debiti derivanti da mutui, prestiti o finanziamenti (pagamenti rateali) si prescrivono in 10 anni, non sono assoggettati alla prescrizione della durata dei 5 anni (mentre ai fini fiscali è opportuno tenere custodite le ricevute di pagamento per almeno 5 anni). Oltrepassati questi limiti temporali come detto non si ha più il diritto alla riscossione, tuttavia la legge prevede che tali limiti possono essere interrotti mediante la notifica al debitore di quanto dovuto attraverso la comunicazione della messa in mora (diritto esercitato dal creditore). Dal ricevimento o notifica della messa in mora inizierà di nuovo il limite delle scadenza della prescrizione pari al periodo prescrittivo precedente, azzerando la durata antecedente alla comunicazione. In che modo viene calcolata la prescrizione del debito? Il periodo prescrittivo inizia dal giorno in cui si fa valere il diritto di riscossione e si conclude l ultimo giorno della durata prevista. Per il calcolo complessivo vanno compresi anche i giorni festivi e prefestivi.

14 Ho pagato un debito che però era già prescritto ho diritto al risarcimento o rimborso? Ai sensi dell articolo 2940 del codice civile pagamento del debito prescritto non si ha diritto al rimborso qualora sia stato pagato un debito andato in prescrizione. Articolo 2034 del codice civile sulle obbligazioni naturali cita: Non è ammessa la ripetizione di quanto e stato spontaneamente prestato in esecuzione di doveri morali o sociali, salvo che la prestazione sia stata eseguita da un incapace.

PIGNORAMENTO. Ebook. Francesco Cacchiarelli e Riccardo Cerulli All rights reserved

PIGNORAMENTO. Ebook. Francesco Cacchiarelli e Riccardo Cerulli All rights reserved PIGNORAMENTO Ebook INDICE 1. COS È 2. FORMA DEL PIGNORAMENTO 3. SE RIGUARDA COSE MOBILI 4. PIGNORAMENTO IMMOBILIARE 5. PIGNORAMENTO PRESSO TERZI 6. EFFETTI DEL PIGNORAMENTO 7. COSA IN INTENDE PER IMPIGNORABILITÀ

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

IL PROGETTO DI GRADUAZIONE E DI DISTRIBUZIONE

IL PROGETTO DI GRADUAZIONE E DI DISTRIBUZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PROGETTO DI GRADUAZIONE E DI DISTRIBUZIONE DOTT.ANNA MARIA PONTIGGIA 30 OTTOBRE 2014 ANNA MARIA PONTIGGIA DOTTORE COMMERCIALISTA IN MILANO PIANO DI GRADUAZIONE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE SOMMARIO Prefazione pag. 1 PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE CAPITOLO PRIMO FASE STRAGIUDIZIALE pag. 5 1. Aspetti preliminari pag. 7 F.1 Lettera di richiesta di certificato di residenza

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE INDICE SISTEMATICO pag. Prefazione alla dodicesima edizione....................... v CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO PRIMO Del titolo esecutivo e del precetto ART.

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

Breve sintesi delle più significative novità nel processo di esecuzione.

Breve sintesi delle più significative novità nel processo di esecuzione. Breve sintesi delle più significative novità nel processo di esecuzione. La riforma del processo esecutivo assorbe in maniera prevalente l intervento di riforma del processo civile con le leggi che si

Dettagli

DEBITI E CREDITI *** 1. I debiti

DEBITI E CREDITI *** 1. I debiti Via Volturno n. 33-30173 VENEZIA/MESTRE Telefono e Fax 041/5349637 E-mail: info@associazionedifesaconsumatori.it www.associazionedifesaconsumatori.it DEBITI E CREDITI *** 1. I debiti Debiti con Banche

Dettagli

9 Maggio 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli

9 Maggio 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli 9 Maggio 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli Novità in materia di riscossione Equitalia, ente nazionale per la riscossione dei tributi, richiede su comunicazione da parte dell Agenzia delle Entrate, le somme

Dettagli

INDICE SOMMARIO. I avvertenza... Pag. V II avvertenza...» VII. Parte I ASPETTI GENERALI E PROFILI GESTIONALI DEL RECUPERO CREDITI

INDICE SOMMARIO. I avvertenza... Pag. V II avvertenza...» VII. Parte I ASPETTI GENERALI E PROFILI GESTIONALI DEL RECUPERO CREDITI I avvertenza... Pag. V II avvertenza...» VII Parte I ASPETTI GENERALI E PROFILI GESTIONALI DEL RECUPERO CREDITI LE GENERALITÀ 1. Analisi del credito... Pag. 3 2. Psicologia del recupero...» 4 3. Individuazione

Dettagli

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI Valore Prassi VERONA PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI - PARTE PRIMA - 1) Art. 474 c.p.c.: titolo esecutivo. 1.a) Le scritture private autenticate vanno integralmente trascritte nell atto di precetto.

Dettagli

SOFFERENZA DEI CREDITI

SOFFERENZA DEI CREDITI SOFFERENZA DEI CREDITI Fattori determinanti: erronea valutazione effettuata, da parte del creditore, al momento della conclusione del contratto della probabilità dell adempimento della prestazione dell

Dettagli

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Allegato A COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 5 del 9.4.2014 INDICE Titolo I DISPOSIZIONI

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... SOMMARIO Introduzione... XV CAPITOLO 1 LA FORMA DEL PIGNORAMENTO 1. Come si articola la disciplina di riferimento... 2 2. Alcune osservazioni sul dato positivo... 5 3. L atto di pignoramento presso terzi...

Dettagli

Inventario, custodia e reperimento delle attività

Inventario, custodia e reperimento delle attività Inventario, custodia e reperimento delle attività Genova 28 marzo 2014 La gestione della crisi d impresa Dott. Marco Abbondanza abbondanzamarco@odcge.it Effetti sul patrimonio del fallito LO SPOSSESSAMENTO

Dettagli

INDICE COMPENDIO IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI

INDICE COMPENDIO IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI Prefazione... VII COMPENDIO IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI 1. Nozione generale... 3 2. La tutela giurisdizionale... 3 3. L autotutela o la tutela per autorità del creditore... 4 4. La tutela giurisdizionale

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

RECUPERO CREDITI DERIVANTI DA CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE

RECUPERO CREDITI DERIVANTI DA CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE RECUPERO CREDITI DERIVANTI DA CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE La mancata richiesta del canone di locazione alla naturale scadenza da parte del titolare del diritto di credito è elemento

Dettagli

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI 1 A R T. 2 6 D. P. R. 6 3 3 / 1 9 7 2 C O N D I Z I O N I T E R M I N I E M O N I T O R A G G I O W O R K S H O P GISI 8 O T T O B R E 2 0 1 4 Dott. Bellavite Pellegrini

Dettagli

L ESECUZIONE ESATTORIALE

L ESECUZIONE ESATTORIALE L ESECUZIONE ESATTORIALE CONVEGNO DEL 22 OTTOBRE 2010 PORDENONE Fabio Gallio - Avvocato e Dottore Commercialista in Padova e-mail: fgallio@terrineassociati.com Federico Terrin - Avvocato Tributarista in

Dettagli

Istituzioni di diritto privato corso L -Z

Istituzioni di diritto privato corso L -Z UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Istituzioni di diritto privato corso L -Z anno accademico 2010/2011 secondo semestre - seconda parte SCHEMI LEZIONI 4 Prof. Avv. Laura Cavandoli

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

CONTRATTO DI LEASING. Con la presente scrittura privata da valere ad ogni. effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in...

CONTRATTO DI LEASING. Con la presente scrittura privata da valere ad ogni. effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in... CONTRATTO DI LEASING Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in... iscritta presso l Ufficio del registro delle imprese di... al n...., cod. fisc....,

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

PROBLEMATICHE ED ASPETTI PRATICI DEL RENDICONTO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE

PROBLEMATICHE ED ASPETTI PRATICI DEL RENDICONTO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE La Riforma delle procedure esecutive e i piani di riparto 30 Marzo 2006 PROBLEMATICHE ED ASPETTI PRATICI DEL RENDICONTO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE IL RENDICONTO DEL CUSTODE

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010 Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 5 del 25 Marzo 2010 OGGETTO: OBBLIGO DI RITENUTA SULLE SOMME OGGETTO DI PIGNORAMENTO PREMESSA L articolo 15, coma 2 del decreto Legge 1 luglio

Dettagli

-MEDIAZIONE E RECUPERO CREDITIdi Alessandra Grassi

-MEDIAZIONE E RECUPERO CREDITIdi Alessandra Grassi -MEDIAZIONE E RECUPERO CREDITIdi Alessandra Grassi -PREMESSA- Negli ultimi anni i giornali non hanno parlato d altro che di crisi economica. Questa crisi per le aziende, così come per i piccoli imprenditori

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

Condizioni commerciali generali (AGB)

Condizioni commerciali generali (AGB) Condizioni commerciali generali (AGB) della Knauf AMF GmbH & Co. KG per forniture e prestazioni (01/2014) (1) Campo d applicazione (1.1) Tutte le nostre offerte, accettazioni di ordini e/o tutte le forniture

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII INDICE - SOMMARIO Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII CAPITOLO I: La riforma della riscossione 1. La riforma della riscossione... pag. 1 2. L agente della riscossione: Riscossione s.p.a. ed il

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA

TRIBUNALE DI BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO DI AUTOVEICOLO EX. ART. 521 BIS C.P.C. Il Sig. (creditore) nato a. il.. e residente in...., via.. n.. C.F.. elettivamente domiciliato in Bologna via.. n, presso

Dettagli

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano IL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE Convegno Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano 1 Le esecuzioni immobiliari

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

Avv. Rossella D Onofrio

Avv. Rossella D Onofrio Avv. www.weblegale.com L attività dell Avv. si svolge dinanzi ai Tribunali di Lecce, Brindisi e Taranto. Si caratterizza per una struttura organizzativa idonea ad assicurare la consulenza ed assistenza,

Dettagli

Le novità nelle procedure esecutive, concorsuali e PGT introdotte dal convertito DL Giustizia per la crescita n. 83/2015

Le novità nelle procedure esecutive, concorsuali e PGT introdotte dal convertito DL Giustizia per la crescita n. 83/2015 Le novità nelle procedure esecutive, concorsuali e PGT introdotte dal convertito DL Giustizia per la crescita n. 83/2015 Relatore: Avv. Prof. Raffaella Muroni Docente di diritto processuale civile Università

Dettagli

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 PRINCIPALI NOVITÀ E MODIFICHE 1. AVVISI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVI 2. INDAGINI BANCARIE 3. POTERI ATTRIBUITI AI COMUNI 4. MODIFICHE

Dettagli

PROGRAMMA. SECONDA GIORNATA 17 febbraio 2016 1. La fidejussione: nozione. 2. Le diverse tipologie di fidejussione.

PROGRAMMA. SECONDA GIORNATA 17 febbraio 2016 1. La fidejussione: nozione. 2. Le diverse tipologie di fidejussione. "La fidejussione: nozione e caratteristiche, le diverse tipologie di fidejussione, la costruzione della fidejussione e le principali clausole negoziali" Avv. Lucio Nicastro PROGRAMMA SECONDA GIORNATA 17

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI CREDITO AL CONSUMO PER I CONSUMATORI

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI CREDITO AL CONSUMO PER I CONSUMATORI SERVIZI SU MISURA FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI CREDITO AL CONSUMO PER I CONSUMATORI Redatto ai sensi delle disposizioni della Banca di Italia del 29.07.2009 sulla Trasparenza delle operazioni e

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale (fac-simile predisposto dal consiglio nazionale forense)... 3 2. Dichiarazione

Dettagli

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Focus on DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario con sede in: 39100 Bolzano

Dettagli

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca La fase introduttiva del processo Contenuto e forma dell atto di pignoramento Art. 492 cod. proc. civ. Corte di Cassazione n.

Dettagli

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 491 Prefazione... p. 9 Capitolo I IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 1. Premessa...» 11 2. Il titolo esecutivo, definizione e funzione (art. 474 c.p.c.)...» 11 2.1 Contenuto del titolo esecutivo...» 12

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA PRINCIPALI GARANZIE PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea

Dettagli

Circolare n. 12. DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE. del 15 settembre 2013

Circolare n. 12. DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE. del 15 settembre 2013 1 Dr. Flavio Staffa Circolare n. 12 del 15 settembre 2013 DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE 1 Premessa... 2 2 Dilazione delle somme

Dettagli

L ATTUAZIONE DI UNA PROCEDURA DI ESECUZIONE FORZATA

L ATTUAZIONE DI UNA PROCEDURA DI ESECUZIONE FORZATA Quale procedura deve intraprendere l istante per obbligare il debitore a saldare il suo debito? Sebbene ogni paese europeo assicuri all istante il diritto di costituirsi in giudizio, tale diritto risulterebbe

Dettagli

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Direzione Centrale delle Entrate Contributive Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Roma, 23 Giugno 2005 Circolare n. 81 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... xv Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI 1.1. L espropriazione in generale e l espropriazione persso terzi........ 2 1.2. Premesse

Dettagli

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig., nato a il, (c.f.: ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio dell Avv. (c.f.: pec: - fax ) che lo rappresenta e difende

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

La Crisi da Sovraindebitamento

La Crisi da Sovraindebitamento La Crisi da Sovraindebitamento Procedure di composizione della crisi e ruolo del Gestore della crisi VIA DEL ROTOLO 42/A CATANIA LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3 entrata in vigore delle modifiche: 18 gennaio

Dettagli

A) GARANZIE DI TIPO PERSONALE

A) GARANZIE DI TIPO PERSONALE FOGLIO INFORMATIVO delle PRINCIPALI GARANZIE PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO Foglio informativo n. 15 decorrenza 01/04/2014 INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SCAFATI E CETARA - SOCIETA

Dettagli

Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione

Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione Focus di pratica professionale di Massimo Buongiorno Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione Il presente lavoro si propone di evidenziare gli aspetti di maggiore criticità

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

INDICE SOMMARIO LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO I DEL TITOLO ESECUTIVO E DEL PRECETTO

INDICE SOMMARIO LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO I DEL TITOLO ESECUTIVO E DEL PRECETTO INDICE SOMMARIO Presentazione.......................................... Gli autori............................................ Abbreviazioni delle principali riviste............................. V VII

Dettagli

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Aprile 22, 2016 La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Maurizio Tidona Avvocato Corrispondenza: m.tidona@tidona.com L art.

Dettagli

Corso di aggiornamento. Verona, 26 maggio 2016

Corso di aggiornamento. Verona, 26 maggio 2016 Corso di aggiornamento Aspetti legali del recupero dei crediti dei clienti e degli avvocati Verona, 26 maggio 2016 Obiettivi Il corso ha la finalità, in un momento ormai strutturale di crisi economica,

Dettagli

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto.

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto. LE ESECUZIONI IMMOBILIARI dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare Parte speciale II A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare

Dettagli

CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI. La nozione di azienda

CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI. La nozione di azienda CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI La nozione di azienda Art. 2555: complesso di beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio dell'impresa (Art. 2082: è imprenditore colui che esercita in forma

Dettagli

CUSTODE GIUDIZIARIO ACCETTAZIONE INCARICO

CUSTODE GIUDIZIARIO ACCETTAZIONE INCARICO T R I B U N A L E D I N O L A SECONDA SEZIONE CIVILE SETTORE ESECUZIONI IMMOBILIARI PROCEDIMENTO N. / R.G.E. CUSTODE GIUDIZIARIO ACCETTAZIONE INCARICO Il/la sottoscritto/a, avv./dott./dott.ssa, rilevato

Dettagli

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

Indice sommario Capitolo 1 La domanda

Indice sommario Capitolo 1 La domanda Indice sommario Presentazione............................................. V Struttura e contenuto dell opera................................... XV Abbreviazioni e riferimenti.....................................

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI FACTORING (Aggiornamento in vigore dall 1 Luglio 2015)

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI FACTORING (Aggiornamento in vigore dall 1 Luglio 2015) FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI FACTORING (Aggiornamento in vigore dall 1 Luglio 2015) INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO FINANZIARIO FACTORCOOP S.P.A. Sede Legale: Via F.lli Cairoli, 11-40121 Bologna

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale (fac-simile predisposto dal consiglio nazionale forense)...3 2. Dichiarazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I. Usi bancari

TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I. Usi bancari TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I Usi bancari 1) MODALITA CONTABILI PER IL CALCOLO E MISURA DEGLI INTERESSI I rapporti di dare e avere relativi al conto, con saldo debitore o creditore,

Dettagli

PREFINANZIAMENTO - INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. 1. Identità e contatti del finanziatore /intermediario del credito

PREFINANZIAMENTO - INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. 1. Identità e contatti del finanziatore /intermediario del credito PREFINANZIAMENTO - INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Finanziatore 1. Identità e contatti del finanziatore /intermediario del credito ATLANTIDE SPA Via De Carracci,93 40131 Bologna

Dettagli

LA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

LA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Incontro informativo I SEMINARI DEL LAVORO LA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Milano, 18 novembre 2010 I SEMINARI DEL LAVORO LA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Relatori: Valeria Innocenti Area

Dettagli

CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI

CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI ALLEGATO A) CAPITOLATO PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI Art. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione prevede la gestione

Dettagli

I compensi dell avvocato

I compensi dell avvocato I compensi dell avvocato Introduzione La disciplina dei compensi dell avvocato per l attività professionale resa in favore del cliente è dettata dall art. 13 L. 31/12/2012 n. 247, «Nuova disciplina dell

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO (PRESTITO FINALIZZATO)

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO (PRESTITO FINALIZZATO) FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO (PRESTITO FINALIZZATO) INFORMAZIONI SU MAN Financial Services S.p.A. MAN Financial Services S.p.A. (società appartenente al Gruppo MAN) Via Monte Baldo,

Dettagli

ANTICIPO EFFETTI AL SALVO BUON FINE

ANTICIPO EFFETTI AL SALVO BUON FINE ANTICIPO EFFETTI AL SALVO BUON FINE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA DI SCONTO E CONTI CORRENTI DI SANTA MARIA CAPUA VETERE S.P.A Sede legale e amministrativa: Piazza Giuseppe

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

OGGETTO: Procedure di riscossione coattiva

OGGETTO: Procedure di riscossione coattiva Informativa per la clientela di studio N. 148 del 06.11.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Procedure di riscossione coattiva Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

Sito internet Http://www.bancasassari.it indirizzo e-mail direzionegenerale@bancasassari.it

Sito internet Http://www.bancasassari.it indirizzo e-mail direzionegenerale@bancasassari.it FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI ACQUISTO DI CREDITI DI IMPRESA (Factoring) Aggiornamento al 1.1.2009 Servizio offerto da: BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per Azioni con sede legale

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO SU CUSTODIE E VENDITE DELEGATE

PERCORSO FORMATIVO SU CUSTODIE E VENDITE DELEGATE PERCORSO FORMATIVO SU CUSTODIE E VENDITE DELEGATE Primo incontro: Aspetti giuridici Tribunale di Monza e operativi della custodia nelle esecuzioni immobiliari in collaborazione con Monza, 29 giugno 2012

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE Unione dei Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola ZONA VALDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO

Dettagli

DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI. (In calce a citazione di sfratto)

DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI. (In calce a citazione di sfratto) DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI (In calce a citazione di sfratto) Ai sensi e per gli effetti di cui alla L. 23/12/1999 n.488 e succ. mod. si dichiara che il valore della presente controversia è

Dettagli

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI 1. TIPOLOGIA PROCEDURE Il servizio, che può riguardare, anche disgiuntamente, sia le fasi pre-coattive

Dettagli

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009)

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009) SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

Il termine di prescrizione può essere soggetto a sospensione od ad interruzione:

Il termine di prescrizione può essere soggetto a sospensione od ad interruzione: La prescrizione La prescrizione è un mezzo con cui l ordinamento giuridico opera l estinzione dei diritti quando il titolare non li esercita entro il termine previsto dalla legge (cfr. Cod. Civ. art. 2934).

Dettagli