Azione 1 Individuazione degli ambiti territoriali di riferimento e degli strumenti di analisi e di rilevazione dei fabbisogni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azione 1 Individuazione degli ambiti territoriali di riferimento e degli strumenti di analisi e di rilevazione dei fabbisogni"

Transcript

1 Associazione temporanea di scopo tra: Università Cattolica del Sacro Cuore Università di Milano Bicocca Libero Istituto Universitario C. Cattaneo Azione 1 Individuazione degli ambiti territoriali di riferimento e degli strumenti di analisi e di rilevazione dei fabbisogni nell ambito della azione di sistema: Rafforzamento del sistema della formazione professionale e dell istruzione FSE Misura C1 Provincia di Varese UNA SCELTA DEI PRODOTTI REALIZZATI 23 marzo 2006

2 Elenco dei prodotti di fine attività I seguenti prodotti consegnati a dicembre 2005 costituiscono i risultati dell Azione Documenti sulle politiche del lavoro e dell istruzione e formazione professionale Politiche del lavoro: scenari decisionali e indicatori Politiche educative di istruzione e formazione: scenari decisionali e indicatori. 2. Documenti complementari sulle politiche dell istruzione, formazione, lavoro Rapporto sulla situazione demografica Fornitura di documentazione, software runtime e database contenente dati socio-produttivi, sull offerta formativa e sull accessibilità per la rappresentazione cartografica dei fenomeni Tabelle preparatorie per una mappa dell offerta formativa per indirizzi e aree formative. 3. Documenti sul processo e sulla strumentazione (DSS) per la programmazione e il monitorino Documento introduttivo: processo decisionale e modelli di lettura e programmazione Presentazione del sistema di supporto alle decisioni (DSS) Considerazioni sul Sistema Direzionale Statistico di SINTESI (SDS) La rete di agenzie di lavoro temporaneo sul territorio della provincia di Varese. 4. Applicazione DSS Fornitura dell applicazione funzionante, con report e indicatori basati sui dati disponibili Caricamento dei dati provenienti da OPI, dei dati campione delle fonti esterne, dei dati di prova sul lavoro e dei dati demografici Istallazione presso gli uffici della Provincia di Varese Formazione dell amministratore dell applicazione. 5. Documentazione dell applicazione DSS Fornitura di codebook Specifiche per l estrazione dei dati da OPI. In questo file sono raccolti i documenti 1.1, 1.2, 2.1, 3.1, 3.2, 3.3, 3.4. ii

3 Breve presentazione dei documenti Il gruppo di lavoro ha lavorato prevalentemente in plenaria, ovvero con la presenza di tutti i componenti delle università dell ATS, dei loro collaboratori, del funzionario delegato della Provincia e, da marzo 2005, dei consulenti in organizzazione e informatica della Provincia. Si è scelto di lavorare con un orizzonte di medio-lungo periodo, ovvero di non limitarsi a progettare il sistema informativo con i dati disponibili, nella cornice normativa esistente, ma di proiettare il lavoro su uno scenario di politiche del lavoro e dell istruzione-formazione ancora in fieri, in certa misura non ancora a regime. Questa scelta ha una serie di conseguenze rilevanti, la più importante delle quali riguarda la necessità di ampliare la raccolta dati rispetto a quanto avviene attualmente. Un aspetto importante riguarda la messa in fase del progetto C1 azione 1 con il progetto SINTESI. Sebbene il gruppo fosse consapevole del fatto che SINTESI era ed è tuttora in corso di implementazione, il contatto diretto con l apparato informatico, la conoscenza de visu degli archivi, i colloqui con i responsabili di SINTESI negli uffici delle altre Province hanno permesso di comporre un quadro molto articolato e promettente ai fini del progetto C1, ma anche di osservare come la messa a regime dei vari archivi SINTESI in modi utilizzabili dal sistema informativo della Provincia di Varese prenderà forma in un periodo successivo alla scadenza del lavoro affidato all ATS. Ciò ha comportato una progettazione e una realizzazione limitata ai dati disponibili, provenienti da altre fonti. 1.1 Le politiche del lavoro (link) Questo documento, insieme a quello sulle politiche dell istruzione e formazione, configura a tutti gli effetti l intelaiatura del sistema informativo. Vi sono individuati gli ambiti di intervento delle politiche del lavoro e, per ciascun ambito, gli indicatori e/o gli indici utili alla programmazione e gestione delle attività. Particolare attenzione è stata dedicata all'integrazione del complesso di dati e di indicatori che si rendono via via disponibili attraverso lo strumento SINTESI. Si ricorda che i dati non saranno solo di provenienza SINTESI ma dovranno essere raccolti anche presso altre fonti. 1.2 Le politiche educative di istruzione e formazione(link) In questo documento oltre agli ambiti di intervento viene delineato uno scenario evolutivo circa l'assetto del sistema, nell individuazione degli indicatori riservando adeguato spazio alle dimensioni qualitative. In questa parte si è rilevato come sarà possibile fare ampio riferimento ai dati di fonte OPI ma che sarà altresì necessario, per programmare e gestire a tutto campo i servizi educativi e formativi, raccogliere e organizzare anche dati relativi alla formazione professionale e in taluni casi con frequenza inferiore all'anno. 2.1 Le tendenze demografiche (link) Al fine di tracciare un quadro esaustivo dei fabbisogni formativi, il gruppo di lavoro si è assicurato la collaborazione di una esperta in Demografia cui è stato affidato il compito di individuare le tendenze delle diverse fasce di popolazione al 2015 e al 2020, ai fini di una stima dei fabbisogni formativi per diverse classi di età. L attenzione è stata principalmente sui giovani in età scolare ma può essere estesa anche alle fasce di popolazione adulta, nel caso la Provincia voglia contribuire ad ampliare l offerta di formazione continua. In questo caso i risultati dell Azione 2 (Governance) dovrebbero contribuire ad individuare gli attori partner nell erogazione e indicare delle priorità circa i target group. iii

4 3.1 Il processo decisionale e modelli di lettura e programmazione (link) Una parte centrale dell azione ha riguardato l attività di programmazione in materia di lavoro e istruzione/formazione professionale. È subito emerso che l Assessorato interviene in un ambiente ad elevata complessità, in cui i soggetti e le relazioni che li legano sono molteplici. I tipi di intervento possono essere l osservazione / monitoraggio, l influenza / orientamento dei soggetti coinvolti, oppure interventi finalizzati. Il quadro normativo conferisce alla Provincia dei poteri prevalentemente di influenzamento o di incentivazione finanziaria, richiedendole però un ruolo di governo. Attualmente il processo decisionale ha qualche difficoltà nell integrazione sistematica tra i vari cicli decisionali e i vari momenti in cui si adottano decisioni. Si propone dunque di organizzare i momenti decisionali in base a cicli, arrivando ad un vero e proprio sistema di programmazione basato su sessioni: a tal fine serve integrare le diverse banche dati, sviluppare momenti periodici di riflessione, verificare i risultati raggiunti; un DSS che produce un sistema strutturato di reporting aiuta e sostiene nelle decisioni. Si propone inoltre di superare il modello di lettura per fonti, arrivando ad uno per temi, in cui vi sia dialettica tra temi strutturali ed emergenti. Quanto alla programmazione, i modelli che devono essere supportati dal sistema direzionale sono tre: programmazione per obiettivi, per riequilibrio e per temi. 3.2 Il sistema di supporto alle decisioni (DSS) (link) Per realizzare il DSS è stata fatta una ricognizione delle banche dati esistenti in materia di lavoro e istruzione, sia quelle disponibili presso gli Uffici provinciali, sia quelle di enti esterni (ISTAT, Unioncamere e simili). Si è preso atto della varietà di strutture delle banche dati e di supporti utilizzati. Per quanto riguarda l area lavoro, molte risorse sono state dedicate all esame dei dati che SINTESI è previsto fornire una volta a regime con i moduli COB, OBF, GSS. Mentre in un primo momento era sembrato che SINTESI fosse in grado di fornire la gran parte dei dati entro la chiusura del nostro progetto, mano a mano che si sono approfondite le diverse ramificazioni e si è avuto notizia dello stato di implementazione dei diversi moduli anche in altre Province, si è avuta conferma della vastità e della complessità del progetto SINTESI (e dunque dell ottimo potenziale ai nostri fini) ma si sono anche raccolti elementi che hanno mostrato come una implementazione completa (contenente tutti i dati a noi utili) potrà realizzarsi solo nel medio periodo (cfr. anche il documento: Alcune considerazioni sul sistema direzionale statistico). Per quanto riguarda l area istruzione, l archivio ad oggi più completo, utilizzabile da subito ai fini del sistema informativo, riguarda gli iscritti alla Scuola secondaria superiore (banca dati OPI). E stata fatta una analisi degli archivi riguardanti il diritto-dovere e la formazione professionale, rilevando la necessità di estendere la struttura dell archivio OPI anche a questi due settori. In questa occasione è emerso con tutta chiarezza come gli archivi riguardanti l istruzione e la formazione debbano essere collegati alle anagrafi comunali, in modo da conservare la dimensione individuale, confrontando gli aventi diritto con le persone effettivamente inserite nei processi formativi; questo in una ottica che approssima l anagrafe scolastica. Il supporto informatico del DSS è basato su una tecnologia multidimensionale in grado di: memorizzare e presentare i dati secondo più assi di lettura (dimensioni), elaborare gli indici, disporre i dati primari e gli indicatori lungo l asse del tempo, analizzare gli scostamenti a valori consuntivi e valori di riferimento, predisporre un sistema di reporting navigabile, definire profili di utenti con possibilità di accesso a segmenti di dati ritagliati, condividere i dati tra più stazioni, in modalità client-server o web. iv

5 3.3 Alcune considerazioni sul Sistema Direzionale Statistico (SDS) di SINTESI (link) Analizzando gli aspetti generali del Sistema Direzionale Statistico, le fonti di alimentazione e gli utenti finali, sembra che la creazione di record a partire dai dati contenuti nel data warehouse sia abbastanza flessibile; ovviamente, la Provincia dovrà acquisire le competenze necessarie a gestire il SDS. Quanto alle fonti, il referente provinciale dovrà occuparsi di inserire i dati provinciali che non sono presenti in SINTESI; trattandosi di una gamma limitata, non sembra però molto significativa ai fini del supporto alla programmazione e alla gestione. Dall ISTAT e da Unioncamere proverranno invece i dati di contesto; sarebbe interessante verificare l articolazione della massa di dati con il sistemi di indicatori suggerito dall Azione 1. Riguardo ai dati di servizio, il reale valore aggiunto del modello sono le informazioni generate dalle attività operative gestite da SINTESI, mentre restano alcuni dubbi sulla produzione di alcune famiglie di report e si conferma la criticità di un sistema di report predefinito e quindi rigido. In conclusione, il SDS non appare esaustivo per le funzioni di monitoraggio e programmazione, soprattutto in materia di istruzione e formazione professionale; a questo proposito emerge la complementarietà di SDS e DSS. 3.4 Le agenzie di lavoro temporaneo in provincia di Varese (link) Nell ambito dell Azione 1 è stato assegnato un lavoro di tesi presso l Università di Milano-Bicocca finalizzato a cogliere il funzionamento delle agenzia di lavoro temporaneo e in particolare le relazioni di queste con i Centri per l Impiego. v

6 Associazione temporanea di scopo tra: Università Cattolica del Sacro Cuore Università di Milano Bicocca Libero Istituto Universitario C. Cattaneo Azione 1 - Individuazione degli ambiti territoriali di riferimento e degli strumenti di analisi e di rilevazione dei fabbisogni nell ambito della azione di sistema: Rafforzamento del sistema della formazione professionale e dell istruzione FSE Misura C1 Provincia di Varese Politiche del lavoro: scenari decisionali e indicatori Versione 25 novembre 2005

7 Sommario 1.1 Definizione del campo delle politiche del lavoro Ambiti di intervento Identificazione delle criticità e dei punti di forza del mercato del lavoro locale Definizione delle linee guida dell orientamento professionale e scolastico Monitoraggio delle fasce deboli dell offerta di lavoro e politiche di parità Monitoraggio delle caratteristiche della domanda di lavoro locale Monitoraggio del funzionamento dei servizi per l impiego Monitoraggio dei tirocini...errore. Il segnalibro non è definito Monitoraggio dell obbligo formativo...errore. Il segnalibro non è definito. 2

8 1.1 Definizione del campo delle politiche del lavoro Dalla fine degli anni Novanta, dapprima un decreto inserito nel processo di decentramento amministrativo e successivamente una riforma costituzionale hanno attribuito a Regioni e Province il compito di attuare interventi di politica attiva del lavoro, un campo di azione relativamente nuovo per l azione pubblica in Italia. Al Ministero del lavoro sono riservate soltanto funzioni di indirizzo e coordinamento, mentre a un amministrazione centrale dello Stato, l Inps, sono affidate le politiche passive del lavoro, cioè l erogazione delle diverse indennità in caso di mancanza di lavoro, da quelle di disoccupazione alla cassa integrazione guadagni. In Europa un modello di autogoverno regionale del mercato del lavoro ha un solo precedente nel caso belga, poiché anche nella Repubblica federale tedesca vi è un agenzia nazionale dei servizi per l impiego per attuare le politiche attive del lavoro, sia pure con una forte autonomia gestionale a livello di land. L Italia da una situazione di totale accentramento dell intervento pubblico in questo campo è passata di colpo all estremo opposto di un grado massimo di decentramento, che ha suscitato qualche preoccupazione sia nella Commissione Europea sia nell Ocse, poiché vi è il rischio che il venir meno di un livello uniforme dei servizi prestati ai lavoratori e alle imprese contribuisca a segmentare ancor più il mercato del lavoro. Per contro, la devoluzione delle politiche attive del lavoro alle amministrazioni locali ha consentito varie forme di integrazione con la formazione professionale, da sempre affidata per disposizione costituzionale alle Regioni e più recentemente in larga misura delegata alle Province. Obiettivi e limiti delle politiche attive del lavoro L intrinseca indeterminatezza delle politiche attive del lavoro, solo in parte attenuata dalle disposizioni normative che si limitano ad indicazioni non esaustive di diverse misure, spesso senza un coerente inquadramento, richiede di definirne la natura e gli obiettivi. Si suole, infatti, classificare tra le politiche attive del lavoro gli interventi pubblici che comportano una spesa e modificano il comportamento dei soggetti nel mercato del lavoro, lavoratori, ma anche imprese. Al loro interno vanno distinte due famiglie di interventi a seconda degli obiettivi che si propongono: favorire la crescita dell occupazione oppure riequilibrare le opportunità dei soggetti in diversa misura svantaggiati. Quanto al primo obiettivo, va sempre ricordato che le politiche del lavoro non sono la bacchetta magica: per aiutare chi cerca lavoro a trovarlo vi deve essere una ragionevole disponibilità di posti vacanti. Ma se la crescita economica è una condizione necessaria per aumentare l occupazione, non si può dire che sia anche una condizione sufficiente. Le politiche attive del lavoro hanno appunto il compito di far sì che alla crescita dell attività economica corrisponda un maggior aumento dell occupazione, impedendo che posti di lavoro restino vacanti. In altri termini, le politiche del lavoro possono favorire l occupazione solo perché possono agevolare l incontro tra lavoratori e imprese, sia diffondendo informazioni che riducono i tempi di ricerca, sia adeguando le caratteristiche professionali e gli orientamenti dei lavoratori alle richieste delle imprese. Gli interventi di politica del lavoro non mirano a creare occasioni di lavoro (tranne nel caso dei lavori socialmente utili per i disoccupati di lunghissima durata o di quelli protetti per i portatori di handicap più gravi), ma possono avere un effetto positivo sull occupazione quando vi è uno sfasamento tra le caratteristiche dei posti vacanti e delle persone in cerca di lavoro e/o quando le reti di relazioni sociali sono poco diffuse e l attivismo personale troppo costoso. Di regola, allo sfasamento qualitativo tra domanda e offerta di lavoro si guarda soltanto in un ottica di breve periodo, sottolineando l esigenza di colmare le carenze di informazioni sui posti vacanti o sulle persone in cerca di lavoro. Tuttavia, quando vi è una tendenza di medio-lungo 3

9 periodo allo sfasamento, si può pensare ad interventi che tentino di modificare i comportamenti sia dei giovani che entrano nei percorsi formativi, sia anche delle imprese che si accingono ad avviare nuove iniziative. Un incisiva azione di diffusione di informazioni sugli sfasamenti, attuali e previsti, nel mercato del lavoro è probabile possa contribuire a mutare le scelte formative delle più giovani generazioni, ma è sperabile possa anche influire sulle decisioni di investimento delle imprese, distogliendole dalle attività per cui è più difficile trovare lavoratori. Il tentativo di influire sulle decisioni delle imprese dovrebbe essere più incisivo qualora non si tratti di sfasamento qualitativo, ma di carenza quantitativa, come accade quando i lavoratori di difficile reclutamento occupano le posizioni più basse della gerarchia della qualificazione professionale. Il secondo obiettivo delle politiche attive del lavoro è quello di accrescere le opportunità di lavoro di coloro che per diversi motivi si trovano in condizioni di svantaggio. Si va dalle politiche di pari opportunità per le donne agli interventi per i disoccupati di lunga durata e gli espulsi dai processi di ristrutturazione industriali, dalle misure per l inserimento dei giovani ai sostegni per le persone che sono state a lungo inattive, sino alle procedure di collocamento mirato dei disabili. In questo caso le politiche attive del lavoro mirano a rafforzare le persone in difficoltà o con caratteristiche deboli, modificando tali caratteristiche, offrendo dei percorsi dedicati di accesso al lavoro o comunque cercando di renderli più appetibili per le imprese. Paradossalmente le misure volte a questo obiettivo sembra sortiscano peggiori risultati nei mercati del lavoro ove minore è il tasso di disoccupazione e maggiore quello di occupazione, perché in tali situazioni i meno deboli riescono a trovar lavoro da soli e quindi le politiche devono occuparsi solo di soggetti molto deboli e quindi molto più difficili da rafforzare e inserire. Occorre infine non nascondersi che soprattutto nei contesti in cui più alta è la disoccupazione si possono manifestare dei contrasti tra il primo tipo di politiche, quelle orientate all efficienza, e il secondo, quello delle misure volte all equità. Per ridurre la disoccupazione con minore sforzo, infatti, si può mirare a trovar lavoro per i soggetti relativamente meno deboli, anche a scapito dei più costosi e rischiosi interventi a favore dei soggetti più deboli e meno occupabili. Questo non è il caso della provincia di Varese, ove ormai da parecchi anni la disoccupazione tocca solo le fasce più deboli e i problemi maggiori sono sia lo sfasamento qualitativo tra domanda e offerta di lavoro, sia anche crescenti fenomeni di mancanza assoluta di forza lavoro. Tuttavia, l alternativa tra efficienza ed equità non scompare, perché, a fronte di risorse necessariamente scarse per le politiche del lavoro, si tratterà di scegliere se dedicare maggior impegno a questi problemi oppure alle difficoltà dei soggetti svantaggiati. I problemi del mercato del lavoro in provincia di Varese Per identificare le criticità del mercato del lavoro almeno nel medio periodo occorre uscire da una prospettiva congiunturale, che vede attualmente l economia varesina ferma dopo un periodo di crescita, anche occupazionale, che ha raggiunto il suo culmine nel Dall analisi delle grandi tendenze dell ultimo decennio, che tiene conto sia delle fasi di sviluppo sia di quelle di stagnazione, è possibile trarre alcune linee di tendenza per il prossimo decennio. Ciò consente non soltanto di proporre le politiche del lavoro necessarie, ma anche di rispondere all obiettivo centrale della definizione di un sistema informativo utile ai fini operativi, quello di identificare gli indicatori per cogliere i fenomeni essenziali del particolare mercato del lavoro varesino. Innanzi tutto, l andamento demografico rivela una crescente riduzione delle nuove leve giovanili destinate a prendere il posto degli anziani che escono dal mercato del lavoro. Se si aggiunge che anche in provincia di Varese una quota sempre maggiore di giovani accede all istruzione superiore, si delinea il rischio di serie carenze di forza lavoro disposta a svolgere mansioni non qualificate, quali sono richieste in larga misura da una struttura produttiva ancora molto fondata su attività tradizionali nell industria manifatturiera, nelle costruzioni e nei servizi. In 4

10 questa situazione si spiega la crescente presenza di lavoratori immigrati, che resta però inferiore a quanto accade in altre province lombarde caratterizzate dalla stessa forte connotazione industriale. Se per i maschi adulti si può parlare di piena occupazione, per i lavoratori anziani (quelli da 55 a 64 anni) la situazione appare critica, perché il processo di ristrutturazione industriale ne ha espulsi molti e ragionevolmente si può prevedere che ne espellerà ancora nel prossimo futuro. Parecchi si sono ritirati in pensione anticipata, ma non pochi altri affollano le liste degli iscritti ai centri per l impiego. La scarsa istruzione e la mancanza di una formazione continua rendono difficile reimpiegarli in posti di lavoro qualificati, mentre l età elevata impedisce che siano reinseriti in quelli non qualificati. Critica risulta anche la situazione dei giovani, maschi e femmine, poiché, come in tutti i paesi europei senza un diffuso sistema di formazione in alternanza, la transizione dalla scuola al lavoro è lunga e accidentata, come è segnalato dalla frequenza, peraltro ormai stabilizzata, delle persone in cerca di prima occupazione e dei rapporti di lavoro instabili. Le difficoltà sono acuite a Varese in particolare da un rilevante sfasamento tra i percorsi formativi seguiti dai giovani e i fabbisogni espressi dalle imprese, soprattutto da quelle industriali. Infatti, nelle indagini sulle assunzioni previste i posti vacanti giudicati difficili da coprire si concentrano su parecchi lavori qualificati di tipo tecnico nell industria, oltre che su mansioni non qualificate. Quanto alle donne adulte, il loro tasso di occupazione è ormai prossimo al traguardo fissato dall Unione Europea, ma quello di disoccupazione rimane ad un livello discreto. Ciò significa che vi è un ampia fascia di donne che non riescono a trovare un lavoro, anche per l ancor scarsa disponibilità di rapporti part time, oltre che probabilmente per le carenze nelle politiche di cura per i bambini e gli anziani. La diffusione dei rapporti di lavoro non standard sembra essersi arrestata e quindi è probabile che si limiti ad interessare la fase della transizione dalla scuola al lavoro. D altronde, in un sistema produttivo ove predominano le piccole imprese la differenza tra avere un occupazione dipendente a tempo indeterminato oppure una delle varie forme di lavoro instabile non appare molto rilevante dal punto di vista della sicurezza dell occupazione. Piuttosto, il recente andamento divergente tra il volume delle iscrizioni ai centri per l impiego (in forte crescita) e il tasso di disoccupazione (sostanzialmente stabile) potrebbe essere un segnale di una ripresa del lavoro irregolare. Questo fenomeno sembra interessare soprattutto i lavoratori anziani, cui si deve principalmente la crescita delle iscrizioni. In conclusione, le principali criticità strutturali che le politiche del lavoro (e della formazione) dovranno affrontare si possono così riassumere: 1. carenza di giovani locali disposti a svolgere mansioni poco qualificate, soprattutto nei settori tradizionali dell industria manifatturiera e nelle costruzioni; 2. crescente presenza di lavoratori immigrati da paesi non Unione Europea, spesso con buoni livelli di istruzione, ma comunque disposti a svolgere le attività meno qualificate; 3. difficoltà di reinserimento nell occupazione regolare di lavoratori anziani poco qualificati espulsi dai processi di ristrutturazione industriale; 4. difficoltà nella transizione dei giovani dalla scuola al lavoro, anche per lo sfasamento tra percorsi formativi e fabbisogni del sistema produttivo; 5. diffuse carenze di operai specializzati e tecnici in vari rami dell industria manifatturiera 6. scarsa occupazione femminile adulta, soprattutto a bassa istruzione, per le difficoltà di conciliare il tempo di lavoro con quello di cura familiare; 7. rischio di ripresa dell occupazione irregolare. 8. scarsa occupabilità dei soggetti più deboli e soprattutto dei diversamente abili (portatori di handicap). 5

11 Gli strumenti delle politiche del lavoro Gli strumenti cui comunemente si ricorre per attuare le politiche del lavoro si possono raggruppare in quattro grandi famiglie. 1. La costruzione e la diffusione di informazioni sulle caratteristiche delle persone in cerca di occupazione e sui posti di lavoro vacanti presso le imprese ha innanzi tutto il compito di rendere trasparente il mercato del lavoro agevolando e rendendo più veloce l incontro tra domanda e offerta. Ma, oltre a quello micro e a breve termine di far conoscere le opportunità esistenti ai soggetti interessati, la diffusione di informazioni sul mercato del lavoro può avere anche un ruolo macro e a medio-lungo termine. Infatti, la diffusione di informazioni, ovviamente non più puntuali, ma aggregate, sulle opportunità esistenti può spingere vuoi le persone in cerca di occupazione, vuoi le imprese a modificare i propri percorsi di ricerca e le proprie disponibilità qualora risulti che le occasioni cercate sono molto rare o non esistono affatto. Quanto prima i lavoratori o le imprese si rendono conto che i loro first best sono difficilmente realizzabili nella situazione esistente, tanto prima essi possono trovare soddisfazione alle proprie esigenze accettando un second best. 2. Poiché diffondere informazioni spesso non è sufficiente per soggetti non in grado di comprendere le proprie esigenze e di valorizzare le proprie capacità nel contesto esistente, le politiche attive del lavoro sono solite ricorrere a varie forme di orientamento professionale. Infatti, oltre a fornire conoscenze sulle opportunità di occupazione e le occasioni di formazione, l orientamento professionale mira a far emergere le inclinazioni e le attitudini personali e indica le professioni nelle quali tali attitudini potranno avere maggiori probabilità di esprimersi. Lo scopo è di rafforzare la capacità di compiere scelte autonome e consapevoli delle proprie inclinazioni e possibilità, e quindi la capacità di governare il percorso lavorativo. Grazie all intervento di operatori qualificati, il lavoratore si confronta con la realtà del mercato del lavoro e ciò lo costringe a fare il bilancio delle proprie esperienze e delle proprie aspettative. In questo modo il lavoratore giunge ad auto-definirsi obiettivamente e quindi anche a negoziare le proprie attese lavorative qualora si rivelino inadeguate rispetto alle proprie capacità o sfasate rispetto alle opportunità offerte dal mercato del lavoro locale. In senso ampio, un azione di orientamento professionale, che si distingue da quello scolastico perché tiene conto delle possibilità occupazionali, può essere rivolta anche verso le famiglie, quando, oltre a diffondere informazioni, si cerca esplicitamente di modificarne le scelte sui percorsi formativi dei figli. Invece, non si suole parlare di orientamento quando l intervento è volto a modificare i requisiti delle imprese quanto alle caratteristiche personali e/o professionali dei lavoratori richiesti. Ma si tratta di un azione molto simile quando gli operatori dei centri per l impiego che ricevono delle richieste di lavoratori assolutamente non disponibili tentano di negoziarle orientandole verso dei lavoratori disponibili, anche se con caratteristiche personali e/o professionali un poco differenti. Così come per quelle volte a diffondere informazioni, anche per attuare le azioni di orientamento il sistema informativo deve fornire informazioni aggregate, abbastanza dettagliate e soprattutto fondate e affidabili per risultare convincenti. 3. La terza famiglia di politiche del lavoro si fonda sull apprendimento e assume un carattere diverso secondo la prospettiva temporale degli obiettivi che deve raggiungere. A breve termine, si tratta essenzialmente di favorire l accesso al lavoro dei giovani usciti dal sistema formativo o di persone che ne sono stati privi per molto tempo (donne adulte, disoccupati di lunga durata). Questo obiettivo può essere raggiunto grazie al ricorso a forme di formazione mirata o di tirocinio, che da un lato svolgono una funzione di socializzazione o di risocializzazione al lavoro e/o dall altro consentono di acquisire alcune competenze aggiuntive sì da colmare il divario tra la formazione e/o l esperienza già acquisite in precedenza e quelle ora richieste dai posti di lavoro vacanti presso le imprese. 6

12 A medio-lungo termine, si tratta invece di indirizzare l intero sistema della formazione scolastica e professionale al fine di rispondere meglio alle esigenze di sviluppo del sistema produttivo e sociale. Ciò comporta, da un lato, un azione incisiva sui processi decisionali in sede di definizione della programmazione formativa al fine di evitare tendenze auto-referenziali da parte degli operatori della formazione e, dall altro, interventi di vasta portata per orientare famiglie e studenti verso i percorsi che più rispondono a tali esigenze. Per fondare responsabilmente una tale politica occorre disporre di informazioni affidabili sui fabbisogni (attuali, ma soprattutto proiettati nel prossimo futuro) di forza lavoro, articolati per grandi aree professionali. In provincia di Varese è la strada indicata dalla recente indagine sui cluster della meccanica di precisione e del biomedicale. Tuttavia, non si deve dimenticare che nella nuova economia della conoscenza la creazione di nuova forza lavoro con un elevata qualificazione, in particolare tecnico-scientifica, può essere di incentivo allo sviluppo di attività imprenditoriali ad elevata innovazione che in questa disponibilità trovano un importante fattore di localizzazione. 4. Infine, si può parlare di una quarta famiglia di politiche del lavoro per tutte quelle misure dirette a fornire un sostegno mirato a soggetti svantaggiati per quanto riguarda l accesso al lavoro. In questo caso non conta tanto la natura degli interventi (che di regola comprendono quelli delle altre tre famiglie), quanto quella delle persone cui gli interventi si rivolgono in un ottica di pari opportunità e di equità. Questi soggetti possono essere molto diversi e per identificarli si ricorre o ad una definizione a priori (le donne, i lavoratori anziani, i portatori di handicap, i cassaintegrati, ) oppure a criteri tratti dal loro comportamento (i disoccupati di lunga durata, le persone che cercano lavoro dopo un lungo periodo di inattività,.). Ovviamente i soggetti così identificati sono molto diversi e richiedono perciò misure di sostegno molto diverse. Per i portatori di handicap sia i soggetti sia le procedure di intervento sono definiti in modo preciso dalla normativa. Negli altri casi, invece, non soltanto le misure da attuare, ma anche la definizione stessa dei soggetti sui quali intervenire in via prioritaria è lasciata alla valutazione motivata di chi decide le politiche del lavoro, a livello regionale o provinciale. Per quanto riguarda i sistemi informativi, occorre dunque disporre di dati focalizzati sia sui soggetti a rischio di svantaggio per l accesso al lavoro, sia sui comportamenti che denotano difficoltà di occupabilità, come la durata della ricerca di lavoro o la frequenza dei rapporti di breve durata. Tali informazioni serviranno anche a selezionare le priorità in caso di risorse scarse per le politiche del lavoro. Data la natura mirata delle misure attuate in questi casi, occorrerà ovviamente avere informazioni anche sul loro esito, cioè sul destino dei soggetti interessati. In conclusione, si può far riferimento ad un aspetto che non costituisce una famiglia di politiche del lavoro, ma che ne è in qualche misura una precondizione perché siano realizzate in modo efficace. Spesso si trascura, infatti, che le politiche del lavoro richiedono un vasto consenso tra tutti i soggetti che sono interessati allo sviluppo economico e sociale di una società locale, gli stakeholders, secondo un termine ora di moda. Si tratta in primo luogo delle associazioni degli imprenditori e dei lavoratori, ma anche delle rappresentanze di chi opera nella formazione e nell innovazione tecnologica. Un ampia disponibilità di informazioni affidabili sul funzionamento del mercato del lavoro consente dapprima la stessa costruzione di una labour policy comunity e poi fa sì che una discussione informata porti a scelte migliori. In provincia di Varese, la presentazione negli ultimi anni di un rapporto annuale sul mercato del lavoro locale ha già fatto compiere grandi progressi in questa direzione. Un sensibile miglioramento del sistema informativo del lavoro e il suo collegamento a quello della formazione consentiranno sia di giungere ad un rapporto annuale più approfondito e incisivo, sia fondare su migliori informazioni gli altri momenti di discussione e decisione con le parti sociali e gli altri soggetti coinvolti nel policy making delle politiche del lavoro. 7

13 Il contesto istituzionale Da alcuni anni esiste un sistema europeo delle politiche dell occupazione e del lavoro, che, pur avendo definito dei precisi obiettivi per quanto riguarda i tassi di occupazione al 2005 e al 2010, si fonda su una procedura di coordinamento aperto che lascia ampi margini di discrezionalità ai governi nazionali. Infatti, a livello europeo sono soltanto decise delle linee-guida molto generali sulle politiche del lavoro da adottare, lasciando ai governi nazionali il compito di precisarle ogni anno in un piano nazionale per l occupazione, che deve comprendere anche una valutazione dei risultati raggiunti nell anno precedente. La corrispondenza dei piani nazionali alle linee guida europee è solo monitorata attraverso un processo di peer review, per cui ogni piano nazionale è valutato dagli altri stati europei, il cui parere se negativo ha mero valore di biasimo morale senza altra sanzione. Ancora più lasca è la relazione che esiste in Italia tra il Piano nazionale per l occupazione steso dal Ministero del lavoro e le politiche del lavoro attuate dalle Regioni, cui prima il d.l. 469/1997 e poi la riforma del titolo V della Costituzione hanno affidato ormai tutte le competenze in materia. È vero che il Piano nazionale per l occupazione è approvato ogni anno dalla Conferenza unificata Stato-Regioni-Città ed Autonomie locali, ma le Regioni sono soltanto moralmente vincolate a rispettarne le indicazioni, peraltro di regola molto vaghe e mai quantificate. Per di più non vi è alcun momento di verifica successivo. In questo quadro istituzionale il ruolo di coordinamento e di impulso del Ministero del lavoro potrebbe realizzarsi soltanto se il Ministero disponesse di risorse finanziarie proprie da destinare alle Regioni che si impegnino in modo particolare ad attuare misure coerenti con il Piano nazionale. Ma non è questo il caso, poiché, come si vede dal Piano 2004, quasi tutte le risorse destinate in Italia alle politiche attive del lavoro provengono da fondi europei (soprattutto il Fse). Ormai principali responsabili delle politiche del lavoro e dell occupazione, le Regioni ne hanno delegato gran parte alle Province, andando spesso ben oltre il dettato del dl. 469/1997, che attribuiva alle Province principalmente il compito di organizzare i servizi per l impiego. La Regione Lombardia ha legiferato soltanto all inizio del 1999 per disciplinare i compiti trasferiti dal dl. 469, senza ampliare successivamente le proprie attribuzioni, come pure sarebbe stato possibile grazie alla modifica costituzionale del Per quanto riguarda le politiche del lavoro, la legge della Regione Lombardia n. 1/1999 prevede che ogni tre anni il Consiglio Regionale approvi gli indirizzi programmatici per la definizione degli interventi regionali in materia di politiche attive del lavoro, dei servizi per l impiego e delle politiche formative, ripartendo tra le province le azioni proposte e le risorse finanziarie loro dedicate. Inoltre, alle Province è affidato il compito di definire dei piani provinciali, che devono esser approvati dalla Giunta regionale per la verifica del rispetto degli indirizzi programmatici indicati dal Consiglio Regionale. In realtà, gli indirizzi programmatici approvati dalla Regione prevedono numerosi e puntuali obiettivi, ma presentati con relativa vaghezza, come ha notato un rapporto di monitoraggio realizzato dall Irer per conto del Consiglio Regionale, che attribuisce questa situazione alla mancanza di un analisi del mercato del lavoro in grado di identificare le priorità e di quantificare i traguardi da raggiungere. In pratica sono elencati tutti i principali obiettivi di politica attiva del lavoro a livello locale: dal sostegno all occupazione dei giovani e delle altre fasce deboli alla promozione dell imprenditorialità, dallo sviluppo della formazione continua al sostegno delle pari opportunità tra uomini e donne. Di fatto, la Regione ha svolto la sua funzione di indirizzo degli interventi da attuare a livello provinciale e locale attraverso l emanazione di bandi su finanziamenti del Fse, dei quali potevano esser beneficiari anche un gran numero di operatori privati accreditati, oltre ai centri per l impiego, ai centri di formazione professionale e alle altre strutture delle Province. 8

14 Alla fine del 2004 la Regione e le Province hanno concordato un percorso di progressiva attribuzione alle Province di funzioni programmatorie e di spesa nel campo delle politiche del lavoro. Questo accordo si è tradotto nell assegnazione da parte della Regione direttamente alle Province di un fondo (su finanziamenti Fse) per realizzare attività di formazione e di orientamento al lavoro, e in particolare: azioni formative di specializzazione post qualifica, sostegno e accompagnamento all integrazione sociale e lavorativa delle categorie svantaggiate, interventi di orientamento professionale e attività di assistenza tecnica (cioè di supporto alle funzioni di gestione, monitoraggio e controllo sugli interventi realizzati). Dopo la delega alle Province della formazione professionale e della programmazione degli indirizzi nell istruzione secondaria superiore, l ampliamento della delega per le politiche del lavoro fa della Provincia il soggetto protagonista dell integrazione tra i sistemi Lavoro, Formazione e Istruzione a livello locale. L istituzione di un unico assessorato è indice di un indirizzo che a medio-lungo termine finalizza i sistemi dell istruzione e della formazione allo sviluppo dell occupazione e dell economia locale e a breve consente di meglio utilizzare interventi formativi come misure di politica attiva del lavoro. Gli strumenti istituzionali ed operativi Gli strumenti istituzionali e operativi cui la Provincia ricorre per realizzare gli interventi di politica del lavoro sono: 1. la Commissione provinciale Lavoro, Formazione professionale e Istruzione; 2. gli 8 Centri per l impiego; 3. i 39 sportelli InFormaLavoro attivati dai comuni; 4. il Collocamento Mirato Disabili; 5. l Agenzia formativa e il Centro di formazione professionale e inserimento lavorativo per disabili. 9

15 1.2 Ambiti di intervento Identificazione delle criticità e dei punti di forza del mercato del lavoro locale Obiettivi: cercare di mettere in luce con il massimo di anticipo possibile i problemi critici al fine di progettare interventi di politica del lavoro, della formazione, di sostegno al sistema produttivo Soggetti protagonisti: assessore / dirigenti Soggetti da coinvolgere nel processo di analisi e di decisione: - commissione consiliare - commissione parti sociali - responsabili dei servizi - consigliere di parità Criteri ispiratori Temi - bilanciamento tra completezza e sinteticità delle informazioni: set di grandi indicatori che coprano l intera gamma degli aspetti del mercato del lavoro locale, possibilmente a confronto con il quadro regionale - periodicità annuale, ma sequenza di medio periodo con la costruzione di serie storiche, fondate anche su medie mobili a base triennale - dimensione previsiva a medio termine per i flussi demografici in ingresso e in uscita nella/dalla età attiva e in uscita dal sistema formativo - scadenza fissa: marzo-aprile (rapporto annuale sul mercato del lavoro) - presentazione molto amichevole - disoccupazione: livello / flusso - occupazione: livello / flusso - dinamica demografica delle forze di lavoro potenziali - dinamica dei flussi in uscita da sistema formativo - posti di lavoro vacanti e assunzioni previste - criticità: cassa integrazione e mobilità - imprese: livello e flusso Livello di aggregazione - di regola solo provinciale 10

16 Dati e indicatori Temi Set di indicatori Tasso di disoccupazione persone in cerca di occupazione/forze lavoro*100 disaggregato per: maschi + femmine maschi / femmine età (fasce ISTAT: 15-24, 25-29, 30-64, 15-64, 55-64) Disoccupazione Fonte: Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro SINTESI DW dati_di_contesto Tasso di variazione dello stock di disoccupati [disoccupati (t) disoccupati (t-1)] / disoccupati (t-1)*100 disaggregato per: maschi + femmine maschi / femmine Fonte: Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro SINTESI DW dati_di_contesto Tasso di occupazione (popolazione15-64 anni) occupati/popolazione anni *100 disaggregato per: maschi + femmine maschi / femmine età Fonte: Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro SINTESI DW dati_di_contesto Tasso di variazione dello stock di occupati [occupati (t) occupati (t-1)] / occupati (t-1)*100 Occupazione disaggregato per: maschi + femmine maschi / femmine settore aggregato (4) dipendenti / indipendenti Fonte: Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro SINTESI DW dati_di_contesto Quota di occupati per settore economico occupati settore/totale occupati*100 disaggregato per: dipendenti / indipendenti Fonte: Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro SINTESI DW dati_di_contesto Tasso di occupazione settoriale occupati settore/popolazione anni*100 Fonte: Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro SINTESI DW dati_di_contesto fornisce i dati necessari, ma non l indicatore 11

17 Dinamica delle forze di lavoro Saldo tra la popolazione in ingresso e quella in uscita nella/dalla età attiva [popolazione anni (t) - popolazione anni (t)] Fonte: Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro (da ricostruire con stima approssimativa) SINTESI DW dati_di_contesto dovrebbe fornire i dati necessari, ma non l indicatore Movimento demografico Dinamica demografica Saldo naturale Saldo migratorio interno Saldo migratorio Fonte: Istat (dati fondati su anagrafi comunali resi pubblici con ritardo di 3-4 anni) Dati non presenti in SINTESI Tasso di variazione dei diplomati per tipologia scolastica [diplomati (t) diplomati (t-1)] / diplomati (t-1)*100 Nota: attualmente non c è una raccolta sistematica dei diplomati per tipologia scolastica poiché alcune scuole dove sono presenti diversi indirizzi non forniscono il dato disaggregato per tipologia. In alternativa il tasso di variazione può essere calcolato sugli iscritti all ultimo anno (che può essere considerato una proxy dei futuri diplomati) per tipologia scolastica. Dinamica dei flussi in uscita dal sistema formativo Fonte: OPI Varese SINTESI DW_dati_provinciali (da inserire a cura delle province) Tasso di variazione degli allievi usciti dai corsi di formazione per settore formativo [allievi (t) allievi (t-1)] / allievi (t-1)*100 Fonte: Provincia di Varese, Sezione Politiche Formative La condizione professionale degli ex-allievi dei corsi di formazione professionale per non occupati in provincia di Varese SINTESI DW_dati_di_contesto: iscritti alla FP DW_obbligo_formativo (da controllare) Tasso di occupazione degli allievi usciti dai corsi di formazione per settore formativo occupati/intervistati*100 Fonte: Provincia di Varese, Sezione Politiche Formative La condizione professionale degli ex-allievi dei corsi di formazione professionale per non occupati in provincia di Varese Dati non presenti in SINTESI Posti di lavoro vacanti e assunzioni previste Archivio sembra presente in SINTESI DW_dati_ di_ contesto (?????) Tasso di variazione previsto per settore saldo occupazionale previsto (t+1)/stock di occupati (t)*100 Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Indice di difficoltà di reperimento per settore assunzioni previste di difficile reperimento (t+1)/assunzioni previste (t+1)*100 Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Indice di difficoltà di reperimento per grandi gruppi professionali assunzioni previste di difficile reperimento (t+1)/assunzioni previste (t+1)*100 Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior 12

18 Tasso di variazione delle ore di CIGS [ore CIGS (t) ore CIGS (t-1)] / ore CIGS (t-1)*100 disaggregato per: settore Criticità: cassa integrazione guadagni e mobilità Fonte: Inps Dati non presenti in SINTESI Tasso di variazione dello stock di iscritti alle liste di mobilità [iscritti (t) iscritti (t-1)] / iscritti (t-1)*100 con / senza indennità Fonte: Mobylist Dati presenti in SINTESI, ma non prevista elaborazione indicatori Flusso di ingressi nelle liste di mobilità con e senza indennità Flusso di iscrizioni alle liste di mobilità con e senza indennità registrato nel periodo Fonte: Mobylist Dati presenti in SINTESI, ma non prevista elaborazione indicatori Flusso di ingressi nelle liste di mobilità per settore Flusso di iscrizioni alle liste di mobilità per settore registrato nel periodo (t) Fonte: Mobylist Dati presenti in SINTESI, ma non prevista elaborazione indicatori Tasso di variazione delle imprese attive per settore [imprese attive (t) imprese attive (t-1)] / imprese attive (t-1)*100 Imprese Archivio sembra presente in SINTESI DW_dati_ di_ contesto / demografia di impresa Fonte: Movimprese Tasso di natalità iscrizioni di imprese (flusso in t)/ media delle imprese attive (t)*100 disaggregato per: settore Fonte: Movimprese Tasso di mortalità per settore cancellazioni di imprese (flusso in t)/ media delle imprese attive (t)*100 Fonte: Movimprese Dati dai Centri per l impiego Tasso di variazione dello stock di iscritti (solo disponibili ai sensi della legge 181) [iscritti disponibili a fine periodo (t) - iscritti disponibili a fine periodo (t - 1)] / iscritti disponibili a fine periodo (t - 1) disaggregato per: genere e in cerca di prima occupazione / disoccupati (ex GSS - Tab. 2.6) genere e comunitari / non comunitari (ex GSS - Tab. 2.2) Fonte: Centri per l impiego SINTESI DW_stato _occupazionale / tasso di disponibilità al lavoro fornisce il dato, ma disaggregato solo per genere ed età. Tasso di variazione del flusso di avviamenti [avviamenti durante periodo (t) - avviamenti durante periodo (t - 1)] / avviamenti durante periodo (t - 1) 13

19 disaggregato per: genere e tipo di rapporto (interinali/determinato/indeterminato/ecc.) (ex COB Tab. 1.1) genere e settore (ex COB Tab. 1.11) genere e livello di inquadramento (ex COB Tab. 1.4) Fonte: Centri per l impiego SINTESI DW avviamenti /dettaglio avviamenti Saldo tra avviamenti e cessazioni [avviamenti durante periodo (t) cessazioni durante periodo (t)] disaggregato per: genere e settore (ex COB Tab. 7.3) genere e livello di inquadramento (ex COB Tab. 7.1) Fonte: Centri per l impiego SINTESI DW avviamenti /avviamenti e cessazioni Tasso di avviati [avviati durante periodo (t)] / [iscritti disponibili fine periodo (t-1)]*100 disaggregato per: genere e comunitari / non comunitari (ex COB Tab. 4.1) SINTESI DW_stato _occupazionale / DW_avviamenti: tasso di avviamento soggetti disponibili Flussi di assunzioni e cessazioni Andamento delle assunzioni, delle cessazioni e dei saldi disaggregato per: settore italiani / comunitari /non comunitari Fonte: Osservatorio Inail Dati non presenti in SINTESI Indici (eventuali) 14

20 1.2.2 Definizione delle linee guida dell orientamento professionale e scolastico Obiettivi: scegliere se avere un orientamento direttivo verso uno o più settori produttivi / occupazioni oppure un orientamento non direttivo centrato sulle spontanee propensioni dei giovani e delle persone in cerca di lavoro; nel primo caso: identificare quali settori / occupazioni vanno promossi e fornire informazioni per sostenere azioni di orientamento Soggetti protagonisti: assessore / dirigenti / responsabile del servizio Soggetti da coinvolgere nel processo di analisi e di decisione: - commissione consiliare - commissione parti sociali - responsabili Informagiovani e Centri impiego - dirigenti scolastici Criteri ispiratori: Temi - informazioni dettagliate sullo sfasamento attuale e previsto a medio termine tra fabbisogni del sistema produttivo e disponibilità di forza lavoro - periodicità annuale, ma sequenza storica di lungo periodo e dimensione previsiva a medio termine (flussi demografici e in uscita da sistema formativo) - tempestività / scadenza fissa (piano della formazione professionale e scelte per l attivazione di corsi scolastici) - dinamica demografica delle forze di lavoro - dinamica dei flussi in uscita da sistema formativo - posti di lavoro vacanti e assunzioni previste - situazione delle liste di mobilità e delle persone in cerca di lavoro Livello di aggregazione - provincia e zona 15

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE RISORSE PON RIPARTIZIONE RISORSE PER ASSE DI INTERVENTO Asse Risorse Asse Occupazione 1.838.398.081,00 Asse

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Bari, 24 ottobre 2006 Massimiliano Schiralli Premessa Dalla riforma di medio termine della PAC al regolamento per lo sviluppo rurale approvato il 20 settembre

Dettagli

LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA

LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA Cos è la Garanzia Giovani? La Garanzia Giovani è un iniziativa dell Unione Europea per diminuire la disoccupazione giovanile, nei paesi membri in cui questa è al di sopra

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Una Garanzia PER i Giovani

Una Garanzia PER i Giovani Una Garanzia PER i Giovani Lo stato dell arte dalla Raccomandazione al Jobs Act Giulia Rosolen Cos è e cosa non è la Garanzia Giovani La Garanzia Giovani non è una misura contro la disoccupazione giovanile,

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI La procedura che questo Dipartimento ha intrapreso per la

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015 Oggetto: Strategia per l internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. Programma regionale triennale per l internazionalizzazione 2015-2018. L Assessore dell industria evidenzia alla Giunta

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo.

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Sonia Di Naccio Coordinatrice Impresa Donna Roma, 8 ottobre 2014 Garanzia Giovani in Abruzzo La Regione Abruzzo dispone di

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

Lo stato di salute della scuola torinese

Lo stato di salute della scuola torinese Lo stato di salute della scuola torinese Gli indicatori di salute riferiti al mondo scolastico sono numerosi ma non sempre di facile lettura e reperibilità. Un analisi dettagliata e puntuale della situazione

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

I contenuti informativi

I contenuti informativi I contenuti informativi La rilevazione sulle forze di lavoro riveste un ruolo di primo piano nella documentazione statistica sul mercato del lavoro. Oltre a misurare l occupazione e la disoccupazione,

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: Enti Bilaterali Commercio. Enti Bilaterali Turismo

OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: Enti Bilaterali Commercio. Enti Bilaterali Turismo OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: TERZIARIO COMMERCIO - TURISMO In collaborazione con Enti Bilaterali Commercio Enti Bilaterali Turismo Genova, 2 ottobre 2002 Osservatorio sui fabbisogni

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Le Linee guida per la formazione nel 2010 e il rilancio dei contratti a contenuto formativo Roma, 6 maggio 2010 Emmanuele Massagli Ricercatore

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale In riferimento all obiettivo qualità, nel Documento del Consiglio dell'unione europea del maggio

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione, Società Consortile a Responsabilità Limitata senza scopo di lucro, è nata nel 1992 come

Dettagli

OFFERTA DI COMPETENZE

OFFERTA DI COMPETENZE IT LA FUTURA OFFERTA DI COMPETENZE IN EUROPA PREVISIONI A MEDIO TERMINE FINO AL RISULTATI CHIAVE Oltre Lisbona: verso una societá basata sulla conoscenza L evoluzione della struttura delle qualifiche Le

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro Allegato A) al capitolato speciale d appalto Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro SERVIZIO/AZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ Informazione orientativa (Macro intervento 1) Raccogliere

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola. Trento, Aprile 2012

Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola. Trento, Aprile 2012 Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola Trento, Aprile 2012 Obiettivi di revisione della disciplina sul reclutamento I principali obiettivi sottostanti alla revisione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direttiva n. 74 Roma, lì 15 settembre 2008 VISTA la legge 28 marzo 2003 n. 53 ed in particolare l'articolo 3 che prevede la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione ed il riordino

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo SCHEDA di 3 II Fattore di Valutazione: Comportamenti professionali e organizzativi e competenze Anno Settore Servizio Dipendente Categoria Profilo professionale Responsabilità assegnate DECLARATORIA DELLA

Dettagli