La giovane donna si voltò per stabilire quanto poteva essere la distanza che la separava dai suoi inseguitori e si sentì gelare il sangue nelle vene

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La giovane donna si voltò per stabilire quanto poteva essere la distanza che la separava dai suoi inseguitori e si sentì gelare il sangue nelle vene"

Transcript

1 1 La giovane donna si voltò per stabilire quanto poteva essere la distanza che la separava dai suoi inseguitori e si sentì gelare il sangue nelle vene constatando che quei trecento metri erano davvero pochi affinché potesse avere qualche possibilità di farcela. Era stata troppo ottimista a pensare d essere riuscita a distanziarli perché s accorse che il vantaggio che aveva inizialmente avuto su quegli sconosciuti, in pratica si era ridotto di parecchio negli ultimi minuti. Non sapeva né chi fossero né cosa volessero da lei, ma in quei momenti di panico, le sfiorò l idea di essere inseguita a causa di quello che lei e una sua amica, Patricia Bell, avevano scoperto. Jenny Mason si sentì persa, come un topo in gabbia, sicura che nonostante i suoi tentativi di accelerare, il suo potente SUV non sarebbe riuscito a competere con le più veloci e abili Porsche che le stavano dietro. Se avesse avuto più prudenza forse non si sarebbe trovata in quel guaio, ma ormai, a quel punto, era inutile stare a recriminare su un comportamento che per diversi fattori l aveva indotta a sottovalutare l importanza delle loro scoperte. Diede uno sguardo furtivo nel retrovisore per assicurarsi se la distanza le avesse permesso di tentare una manovra forse azzardata che però le avrebbe consentito, se fosse riuscita nell intento, a capovolgere a suo favore la pericolosa situazione in cui era finita. 1

2 Le domande che l avevano assillata in quei lunghi minuti le tornarono prepotenti nella mente, ma sapeva che non sarebbe riuscita a trovare una risposta logica, neppure se avesse avuto più tempo e la tranquillità che in quegli istanti le mancavano. Jenny Mason aveva poco più di trent anni, una laurea in scienze storiche conseguita brillantemente all Università di Washington, un matrimonio fallito alle spalle, conseguenza di una scelta troppo avventata e irresponsabile, dettata più che altro dalla necessità di compiacere il desiderio dei suoi genitori che la volevano ricca a ogni costo e un lavoro come ricercatrice presso l Università della capitale. Il suo carattere dolce e la sua simpatia le avevano aperto numerose strade e fatto conoscere molti amici, tra cui l inseparabile amica a collega Patricia Bell. I suoi occhi profondi e verdi sapevano emanare un fluido irresistibile e affascinante, così come il suo viso pulito, semplice, senza ombra di trucco, dai lineamenti delicati, una bocca vellutata e le gote rosee. Un corpo sinuoso che la faceva apparire ancora più snella e che le donava una grazia esclusiva. Jenny si spostò i lunghi capelli neri dietro le spalle e alternò lo sguardo tra la strada che le sembrava irta e infinita, come la paura di quegli istanti e lo specchio retrovisore. Si doveva decidere in fretta. Non demorse. Era sempre stata coraggiosa e anche questa volta, pur sentendo la paura che la stava assalendo, bloccandole il 2

3 respiro nella gola, cercò in fretta di mettere in atto il suo proposito. Aveva buone possibilità per farcela. Avrebbe dovuto solamente aspettare il momento opportuno ed essere decisa e fulminea. Il tempo le era però nemico al pari dei bastardi che la volevano morta e, se non avesse saputo reagire alla svelta, sarebbe sicuramente finita in fondo al burrone che la stava aspettando alla prossima curva. 3

4 2 Bob Parker sapeva valutare le sue capacità come nessun altro al mondo, almeno così aveva sempre sostenuto e, in effetti, le sue potenzialità e possibilità economiche glielo permettevano. Era un maledetto arrogante, assassino tra le peggiori specie, integerrimo imbecille con la perspicacia di un insetto, subdolo e feroce, ma cretino. Eppure lui si sentiva potente, intelligente e soprattutto infallibile. Se gli avessero chiesto, come era già accaduto durante delle interviste che alcune reti televisive locali gli avevano dedicato, logicamente dietro un lauto compenso, quale fosse stato il suo quoziente d intelligenza, avrebbe sicuramente risposto, come le altre volte, il massimo. Invece era ignorante come una capra, forse ancora meno. Solamente la sua sfacciata fortuna l aveva portato ai vertici di quell impero economico cui faceva capo insieme ad altri due soci dello stesso calibro. Non parlava spesso dei suoi due amici, un certo Alex Ford e Abdul Amhed Assam, uno sceicco che l aveva ricoperto d oro in cambio di un favore con cui si era macchiato l anima marcia che aveva. Ma questo era il passato. Nel presente di Bob Parker e degli altri due potenti, c erano solamente dolci avventure con una miriade di donne di ogni età, viaggi favolosi, cene luculliane e 4

5 quant altro la vita di persone straricche come loro potesse offrire. I suoi casinò situati in varie parti degli Stati Uniti d America sfornavano tonnellate di dollari alla pari del conio ufficiale e, inversamente proporzionale, creavano pochi vincitori e una marea di perdenti. I bilanci delle sale da gioco erano logicamente in attivo, persino nei capitoli di spesa che gravavano come delle tonnellate sulla sua schiena ormai rammollita dall età e da una vita troppo agiata e viziata che l avrebbe condotto presto al Creatore. Il suo fiore all occhiello era il casinò di Las Vegas, all interno del famoso Caesar Palace, una meravigliosa reggia che prometteva felicità, ma che raramente distribuiva qualche vincita che fosse degna di quel nome. La sorte però non si era limitata a farlo nascere già straricco, ma lo aveva scelto, non si sa in base a quale criterio, come uno tra i suoi preferiti, tanto da regalargli una fortuna inaspettata ed enorme. Non si seppe mai per quali misteriose strade, ma il bastardo riuscì a entrare in possesso di un siero che era il risultato sbagliato di qualche esperimento effettuato dalle sue numerose società di ricerca. Anche in questo campo il magnate possedeva le maggiori quote azionarie di laboratori di ricerca, industrie farmaceutiche e chimiche sparse in ogni parte del globo. Proprio in quei primi giorni di fine estate, al rientro in una delle sue tante ville a qualche chilometro da Las 5

6 Vegas, verso Reno, il maledetto uomo riuscì a trovare quello che aveva sempre così a lungo cercato, qualcosa che lo avrebbe portato a essere il più potente tra i potenti. Ormai era sicuro che la sua vita avrebbe potuto, se solamente avesse voluto farlo e ne aveva tutte le intenzioni, condurlo in paradiso. Bob Parker aveva quasi cinquant anni, mancavano solamente tre mesi al compimento del suo dannato mezzo secolo di vita, un periodo che aveva vissuto da signore. Occhi neri come la sua anima, vispi e malvagi, profondi come il baratro in cui sarebbe precipitato, un corpo flaccido tendente all obesità, calvo come una palla da biliardo e una infinita voglia di continuare a fare del male come aveva fatto fin da ragazzo, quando, già straricco si divertiva a sbeffeggiare quelli che erano meno fortunati di lui. Aveva sempre avuto un profondo e innato rancore per i poveri, gente che si avvicinava alle sontuose sale dei suoi casinò con pochi soldi e con la sola speranza di diventare ricchi. Lui preferiva i ricchi veri che frequentavano i suoi casinò lasciando montagne di denaro. Adesso stava comunque per assaporare il vero gusto della vita, almeno secondo lui, degno esemplare di figlio del demonio. Per arrivare al potere non avrebbe guardato in faccia nessuno, né si sarebbe arreso di fronte a qualsiasi ostacolo, deciso a uccidere chiunque. 6

7 Nessuno l avrebbe più fermato. Ne era sicuro. La terribile arma che finalmente era in suo possesso avrebbe dettato legge in ogni parte del mondo, rovesciato governi ed eserciti portando morte e terrore. Solo una creatura del male come lui sarebbe potuta arrivare a tanto, ma sembrava quasi che il male stesso in ogni sua forma lo stesse appoggiando per condurlo dove voleva. Il mondo intero stava per vivere uno dei suoi più inquietanti periodi, sembrava ormai che non ci fossero più dubbi e quello che si stava per verificare ne sarebbe stata la prova. Era quasi mezzogiorno quando Bob Parker chiamò uno dei suoi tanti autisti, tra quelli più fidati e gli ordinò di preparare la limousine. Verso sera sarebbe andato a Las Vegas. Il suo viaggio verso il male più profondo stava per iniziare. 7

8 3 Quando passò per quella strada sterrata e poco conosciuta, ai limiti di un disteso prato, Patricia Bell era totalmente ignara di come avesse potuto cambiare radicalmente la sua vita. Forse era quello che stava cercando da sempre, per fuggire alla monotonia di un esistenza che le sembrava soffocante. Nella tasca dei jeans aveva alcuni fogli spiegazzati, stampati in fretta da una ricerca che aveva fatto quella stessa mattina per l Università di Washington, decisa a mostrarli a Jenny Mason, la sua amica e collega di lavoro. Patricia Bell era nel mezzo della vita, quarantadue anni, un corpo snello e sinuoso, un volto senza trucco, semplice come lei, occhi azzurri e capelli biondi fini e lisci come seta. Un carattere buono, sempre disponibile ad aiutare gli altri, tranquilla e affabile. Quelle poche righe che aveva casualmente trovato su una vecchia copia di una rivista di scienze, l avevano incuriosita talmente tanto che era stata indotta ad approfondire l argomento trattato. L articolo firmato da uno scienziato di qualche anno prima, sconosciuto alla massa, fortemente criticato per le sue affermazioni, faceva riferimento esplicito a quello che anche Patricia stava tentando di capire. Forse era tutto sbagliato, ma non le andava di arrendersi di fronte a qualcosa che l aveva sempre appassionata e 8

9 incuriosita, non solamente per l argomento, ma per le deduzioni che le sembravano logiche. Le sue stesse ipotesi, che comunque erano simili a quelle esposte nell articolo dello scienziato misteriosamente scomparso, avevano comunque sollevato una notevole mole di critiche, provenienti da illustri e più conosciuti e apprezzati colleghi, nonché da esperti del settore, gente che non aveva esitato a liquidare quel trattato e il suo autore, senza pensarci troppo. Il sole caldo di fine agosto era già alto nel cielo del mattino sereno, con poche nubi all orizzonte, alcuni cirri bassi. La sua vecchia macchina sembrava comunque faticare su quella strada forse troppo polverosa che metteva a dura prova il malandato motore. Patricia si era ripromessa più volte di passare da un concessionario suo amico, alla periferia di Washington, con l intenzione di prenotare una macchina decente, anche se non si era mai decisa a farlo, dando priorità a cose che le sembravano più importanti. Comunque si sarebbe decisa. S impose di telefonare alla concessionaria appena fosse giunta in ufficio, sapendo che poi, come le altre volte, avrebbe fatto altro e dimenticato quanto ripromesso. Il motore gracchiò a una curva stretta e leggermente in salita, ma lei alzò le spalle e continuò a premere sull acceleratore, sapendo però che stava rischiando. Quello era comunque il minore dei mali perché la sua vita era in pericolo. 9

10 4 Verso mezzogiorno, nella cinquantaquattresima strada di New York, la gente sembrava ancor più frettolosa, forse per concludere quello che ogni persona aveva iniziato in quel mattino, per potersene andare tranquillamente a pranzo, tra un ora. Il sole fece capolino da un paio di nubi che stavano oscurando la parte ovest di Manhattan, come se fosse stato un triste presagio di quello che stava per accadere. Dopo aver bevuto il suo caffè, nella speranza che potesse diminuirle la fame, la ragazza uscì da uno dei tanti bar della famosa strada della Grande Mela e con sicurezza si spostò verso un gruppo di amiche che aveva intravisto in quell istante. Anche loro si accorsero di lei e le andarono incontro sorridenti. Intanto il terribile pericolo stava per mietere le prime vittime. Le giovani donne erano solite parlare di cose frivole o di pettegolezzi vari, ma quel mattino il loro umore sembrava scosso da qualcosa d insolito. Tutte le cinque ragazze si sentirono assalire all improvviso da un fremito irresistibile e frenetico, sconosciuto, angosciante e incomprensibile, ma tuttavia, almeno in un primo momento, tentarono di reagire. La più giovane tra loro era anche la più bella, una giovane che si stava formando in una vera donna, dal carattere deciso e con tutti gli attributi fisici esageratamente meravigliosi, un angelo dal viso che 10

11 sapeva attrarre gli sguardi languidi di quasi tutti gli uomini che incrociavano i suoi occhi azzurri. Forse, proprio per questo, consapevole della sua maggiore bellezza sulle amiche, faceva sempre la vanitosa e la civetta. Quel mattino però sembrò cupa, triste come non l avevano mai vista e a fatica cercò di mostrare il suo lato migliore. Potremmo cercare di capire che cosa ci sta succedendo? Mi sembra di vedere degli sguardi troppo tristi e non è da noi. O mi sbaglio? rise leggermente come se si stesse sforzando di farlo. L amica al suo fianco la fissò negli occhi. Non so che cosa mi abbia preso, ma oggi mi sento uno schifo. Se avessi un po più di coraggio nel pomeriggio non tornerei al lavoro disse convinta. Le altre ragazze si mostrarono a loro volta scontrose e svogliate di fronte a qualsiasi cosa. Si mischiarono alla folla in attesa di passare all incrocio in fondo alla cinquantaquattresima strada, decise come al solito a raggiungere un altro bar dove avrebbero gustato dei prelibati panini. Due uomini le seguirono per alcuni passi, fissando le curve dei loro giovani corpi messe abilmente in mostra da jeans esageratamente attillati. Fu sempre la più bella tra loro che reagì come né lei né le amiche si sarebbero aspettate che reagisse. Vedete di non rompere le palle specie di vermi schifosi urlò con molta cattiveria ai due uomini. 11

12 La reazione del più anziano di loro fu fulminea. Che cosa hai detto? le domandò minaccioso. Mi hai sentito bene. Se siete in cerca di guai li avete trovati le urlò ancora l uomo più furioso che mai. L amico sembrò più propenso a non replicare e cercò di calmarlo. Le altre persone non fecero neppure caso a quello che stava accadendo. Episodi simili erano all ordine del giorno e nessuno si meravigliava più di fronte a quelle banalità. I due si allontanarono in fretta scrollando le spalle per quella reazione che non aveva scusanti. Dopo pochi metri però l uomo che involontariamente aveva scatenato quell insulsa lite si voltò. Ormai non le vedeva più, nascoste da altri passanti. Non posso crederci. E assurdo esclamò. Stiamo per toccare il fondo commentò l altro. Seppur scocciati si allontanarono in fretta. Intanto le ragazze avevano attraversato la strada e si erano infilate nello spazio davanti ad alcune vetrine che già mettevano in vendita i primi vestiti autunnali. Qualcosa di sconosciuto le aggredì ancora, turbandole ancor più profondamente e spingendole a urlare contro i passanti. Molte persone le ignorarono, schivandole, altre le evitarono ancor prima d incrociare i loro passi e altre ancora reagirono con la stessa cattiveria, imprecando a loro volta. 12

13 Camminarono ancora per un altro centinaio di metri, trascinando quasi faticosamente le gambe, roteando gli occhi come se fossero state delle ossesse, urlando frasi sconnesse. Il rumore del traffico della famosa arteria di New York coprì il loro subdolo comportamento. Qualcuno da lontano le stava osservando, sicuro di vederle sprofondare, da un momento all altro, come si auguravano, nella follia che le stava per aggredire. Erano le vittime di una tremenda e devastante rabbia che stava per riversare sulla città il terrore. 13

14 5 Aprì lentamente i suoi occhi azzurri, ma un dolore le impedì di distinguere le due persone che le stavano davanti. Patricia Bell si portò le mani verso la faccia, come se avesse voluto assicurarsi che quell oppressione che le faceva sentire la testa pesante e confusa, non fosse dovuta a qualche cosa che le stava impedendo di vedere distintamente. Capì che una sottile e quasi impalpabile tela le copriva gli occhi e una grossa corda le spaccava la bocca. Cercò di toccare quell ostacolo che le stava impedendo di vedere e fu in quell istante che udì la voce roca di uno dei suoi aguzzini. Sarebbe opportuno che non lo facesse, signora Bell. Sentì urlare alle sue spalle. Il tono della voce dell uomo era minaccioso. Lei sentì il cuore balzarle in gola. I suoi pensieri volarono alla ricerca dell ultimo istante, il momento in cui era a bordo della sua vecchia macchina e faticò a capire cosa le stava accadendo. La voce del suo carceriere la riportò alla dura realtà. Sì starà domandando come e perché sia finita in questa situazione davvero tragica per lei. Il bastardo sembrò prendere gusto dall impossibilità di rispondere della sua vittima. Si chinò su di lei, si assicurò che la fune che le serrava la bocca fosse ben tesa per impedirle di urlare e attese un suo mugugno. 14

15 Patricia si sforzò di pronunciare una sola parola, ma dalla sua bocca uscì solamente un goffo e soffocato rumore. Il volto ricoperto da una barba incolta del carceriere di Patricia s illuminò di gioia nel momento in cui pensò a quello che avrebbe fatto a quella povera vittima. Gli sembrò quasi di assaporare in anticipo quello che le avrebbe fatto e la sua insana voglia di una sottile depravazione alimentarono nella sua mente distorta un insieme di visioni che gli devastarono il poco intelletto che ancora aveva. La tentazione di allungare le mani verso i seni turgidi e invitanti della donna fu forte, ma sapeva anche che avrebbe dovuto attenersi alle regole, perché se non l avesse fatto,si sarebbe dovuto imbattere con la violenza del suo capo, un uomo che aveva fatto della sua malvagità uno scopo della sua dannata vita. Se poi fosse finito nelle mani dell uomo che era a capo di quella maledetta mandria di animali, il signor Parker, era certo che la sua morte sarebbe stata violenta, lunga e atroce, come aveva già avuto modo di constatare con altri che erano stati eliminati nei modi più terribili. Si ricordò in quell istante della fine che era toccata a uno dei suoi amici, un gaglioffo della sua stessa specie, un altro maniaco sessuale, amante del sesso e della violenza come lo era sempre stato lui. Insieme avrebbero fatto inorridire il marchese De Sade. Il corpo di quell uomo, almeno di quello che ne era rimasto, gli riempì gli occhi in una tremenda e soffocante visione. 15

16 Si ricordò di come proprio loro furono costretti a legarlo con una grossa e pesante trave d acciaio e a immergerlo in una vasca con dell acido corrosivo. Le urla strazianti di quel poveretto gli riempivano ancora i timpani. Era stato tremendo. Di certo non avrebbe voluto correre il rischio di fare la stessa fine e quindi evitò di guardare le intimità della femmina che aveva davanti agli occhi, ricacciando a malincuore il piacere che sembrava lo stesse lacerando. Pensò che avrebbe dovuto solamente rimandare di qualche minuto i suoi propositi e di pazientare. Si scostò dal corpo di Patricia, le lanciò un ultimo sguardo come se fosse stato sul punto di dire addio per sempre al desiderio che avvampava nella sua mente, rimase ancora per qualche istante indeciso su cosa fosse stato meglio fare e infine si girò e tornò verso la porta. I pochi passi gli sembrarono mille e le sue tozze gambe gli sembrarono di cemento, quasi come se una forza più grande di lui lo stesse trattenendo, ma riuscì ad arrivare fino alla soglia. Preparati a morire molto presto le urlò ridendo con gusto. Forse era il suo modo per reprimere il desiderio che lo stava torturando. Patricia sussultò e un fremito le corse lungo la schiena. Le sembrò di udire la voce del male che aveva intorno. 16

17 6 Ormai non aveva più neppure un solo maledetto secondo dalla sua parte e quel pensiero tornò a farla stare male proprio nel momento in cui stava per agire. Il suo SUV si stava avvicinando pericolosamente al burrone e in una frazione di secondo Jenny Mason ricontrollò la distanza tra lei e le Porsche dei suoi inseguitori, capendo che si sarebbe dovuta decidere. Se fosse riuscita nel suo intento, avrebbe avuto una buona possibilità di sopravvivere a quei bastardi, ma poteva anche essere un idea più difficile da mettere in pratica rispetto a quello che aveva pensato. Se le sue valutazioni fossero state sbagliate avrebbe corso il rischio di uccidersi da sola. Indugiò ancora per qualche altro attimo e poi si decise. Le macchine degli inseguitori erano distanti almeno trecento metri e la curva che stava per affrontare le avrebbe permesso di ingannarli, o almeno lo sperò con tutte le sue forze. Rallentò più che poteva la velocità della sua macchina, fece la curva, calcolò velocemente la distanza che mancava alla prossima curva, quella che finiva a precipizio sul burrone, rigirò il volante raddrizzando la macchina, lo bloccò con un bloccasterzo, mise la sua pesante borsa sul pedale dell acceleratore e prima di lasciarla andare si gettò giù dall auto. Jenny Mason sentì il suo corpo che rotolava sulla terra polverosa e anche se preparata all urto, provò un fitto dolore al torace e alle cosce che avevano picchiato più 17

18 violentemente di quanto avesse pensato lei sul bordo della strada. Si lasciò andare, trascinata dalla forza d inerzia che faceva sembrare il suo esile corpo come una palla da bowling e sperò di terminare la sua folle corsa dentro uno dei numerosi cespugli che aveva visto in lontananza, prima che si gettasse, mentre la sua mente era alla ricerca disperata di un modo con cui avesse potuto salvarsi e decisa a utilizzare come se fossero stati dei cuscini che avrebbero attutito e fermato la sua caduta. Non era la prima volta che cadeva. Aveva fatto numerosi esercizi in quel senso, durante un corso di sopravvivenza che le stava venendo in aiuto, ma la violenza con cui picchiò il suo corpo fu superiore a quanto avesse immaginato fino a quell istante. Dalla sua bocca scapparono alcune imprecazioni seguite da lamenti per il dolore che stava provando, ma fortunatamente, dopo una manciata di secondi la folle corsa finì delicatamente tra le foglie e i rami sottili del cespuglio che l accolsero come se avessero voluto proteggerla dalla morte che l avrebbe sicuramente aspettata se non si fosse gettata dal SUV. Ora doveva solamente avere fortuna, affinché i delinquenti che l avevano inseguita, minacciandola di ucciderla, non avessero visto nulla e seguito la sua macchina che Jenny si augurava potesse cadere nel precipizio oltre la curva. La sua vita dipendeva da quello che i bastardi avrebbero visto e di conseguenza dedotto, comunque quello che 18

19 avevano voluto da quando l avevano inseguita: la sua morte. 19

20 7 La rabbia che avevano dovuto contenere senza che loro lo sapessero, stava per esplodere con una forza inaudita e i primi segni di quello squilibrio che si era già manifestato, stavano per trasformarsi in crudeltà e follia incontenibili. Le ragazze erano giunte in fondo alla cinquantaquattresima strada e i loro visi stavano per trasformarsi sotto la bruttura della pazzia che le stava inspiegabilmente divorando. Il sole dell ultimo giorno di agosto era alto nel cielo azzurro sopra i grattacieli di Manhattan, ma le poche nubi che si spostavano velocemente, disegnavano ombre scure e tetre come se fossero state presagi della sventura che si sarebbe abbattuta sulla Grande Mela. Le famose strade di New York avevano visto e vissuto momenti atroci, carichi di tensione e, negli ultimi anni, dopo il terribile undici settembre 2001, ogni episodio di violenza induceva a temere il peggio. Quello che stava per accadere aveva l aspetto di quel male che si era più volte abbattuto sulle città americane. Sotto gli occhi increduli dei passanti, le ragazze si spogliarono e iniziarono a muoversi come delle ossesse invasate da chissà quale demonio. Le persone che erano più vicine a quel gruppo di indemoniate iniziarono a urlare e a fuggire lontano da quella che sembrava una volgare, insensata quanto pericolosa azione. 20

21 Sgomente, molte di loro rimasero immobili, incapaci di reagire di fronte a quello che d incredibile stava accadendo sotto i loro occhi. Quelle belle sconosciute anime vendute al demonio tenevano nelle mani dei candelotti di dinamite che erano misteriosamente e repentinamente comparsi dalle loro capienti borse. Come se stessero seguendo un preciso ordine, le giovani donne accesero le micce degli esplosivi e iniziarono ad agitarli davanti a loro urlando frasi sconnesse. Maledetti. Possiate essere maledetti tutti quanti. L odio che c è nei nostri cuori si riverserà sugli innocenti. Un tempo vi avevamo amato, ma ora è la fine. Voi siete figli del demonio. Nessuno di voi potrà fermarci urlarono molte di loro ripetendo allucinate quelle parole senza senso. Molti passanti spostatisi a debita distanza intanto avevano chiamato il 911 e le prime sirene della polizia si sentivano già nelle vicinanze. Le donne continuarono però quella che sembrava fosse una macabra danza all insegna della pazzia e del terrore. Noi soli siamo gli eletti e siamo qui per distruggere le vostre città piene d odio e violenza, i vostri insensibili animi che hanno dimenticato il bene aggiunsero altre donne con le voci tremanti dalla rabbia. 21

22 Sembrava quasi che stessero recitando la parte di un copione cinematografico, poiché le cadenza delle parole era lenta e ritmata. Le loro menti erano lontane, come i loro sguardi assenti o fissi nel vuoto. In pochi minuti tutti quanti si allontanarono dal gruppo di indemoniati che li aveva terrorizzati. Le macchine della polizia intanto stavano sopraggiungendo a folle velocità con le sirene spiegate. Forse nessuno sarebbe stato in grado di fermare quello che sembrava fosse solamente il prologo di un atto di terrore che stava per avvolgere la grande metropoli. La violenza si stava per abbattere come una terribile scure. 22

23 8 Quando scese dalla sua Limousine che si era fermata dolcemente davanti al Caesar Palace di Las Vegas, tre ragazze in bikini lo accolsero con un sorriso smagliante. Il direttore del famoso casinò della città più sfavillante del mondo, un uomo mastodontico quanto burbero, cercò di raccogliere le forze per mostrare a sua volta il sorriso che era sempre raro sul suo volto e riverente andò incontro all illustre ospite. Buona sera signor Parker. E sempre un onore averla nel suo casinò e io sono lusingato di lavorare per lei. Disse con voce alta, affabile come raramente si mostrava. Bob Parker lo guardò dritto negli occhi dopo essersi fermato di fronte a lui. So che mi manderesti al diavolo, se potessi farlo, ma apprezzo ugualmente il tuo benvenuto. Gli altri sono già arrivati? La voce del padrone del casinò era squillante. Il direttore avvampò, ma cercò di reagire. Il principe Abdul è in ritardo rispose ossequioso. Stava per fare un altra domanda, quando il direttore allungò il braccio verso il largo viale. Ecco il signor Ford. Disse euforico. Una Rolls Royce lucidata a specchio si fermò in quell istante davanti all ingresso del Palace. L autista della lussuosa macchina aprì in fretta la portiera, facendo un lungo inchino al suo padrone, un uomo piuttosto paffuto, sulla cinquantina. 23

24 Ford raggiunse Bob e seguiti dai sorrisi languidi delle tre ragazze, si avviarono verso l entrata, sotto gli sguardi di molti clienti del casinò, volutamente relegati oltre alcune transenne, vigilate da numerose guardie del corpo dei facoltosi uomini. Non era un avvenimento raro. I tre importanti e straricchi uomini erano quasi di casa nel lussuoso casinò di Las Vegas. Il direttore si era quasi immedesimato in quella parte in cui recitava, senza esserne troppo convinto, il ruolo del perfetto uomo del benvenuto, strusciandosi magistralmente in complimenti che erano solamente chiacchiere al vento. Sapeva bene che quei gesti studiati e recitati con grande abilità gli avrebbero fatto racimolare una congrua ricompensa e quindi ogni volta sembrava desse il meglio di se stesso. Entrambi sapevano di quello stato di cose e lo accettavano nel bene e nel male poiché al direttore facevano comodo i soldi in più elargiti con parsimonia dal suo padrone che a sua volta si sentiva lusingato e onnipotente, specialmente quando era in mezzo alla gente. Il potere gli aveva dato alla testa, da sempre, ma ora stava per infrangere ogni barriera, spingendosi oltre ogni sogno di gloria che mai avesse fatto e questo gli riempiva l anima nera di gioia, come aveva sempre desiderato. Il signor Alex Ford si voltò verso l amico Bob. 24

25 Il suo volto era però teso, come se Ford tentasse di nascondere un espressione che era comunque visibile, come se fosse stato un segno tangibile della preoccupazione che stava nascendo in lui, qualcosa che non avrebbe mai potuto celare, nemmeno se avesse avuto la volontà che gli mancava. Sembrava quasi che intuisse quello che Parker avrebbe detto a lui e al principe Abdul. Ormai erano troppo immischiati in quel progetto e in ogni caso non si sarebbero mai rifiutati di continuare, né di tradirlo, almeno così sperava Bob Parker. Alex Ford si portò la mano destra sulla fronte cercando inutilmente di spostare un ciuffo di capelli grigi che nascondevano, o almeno questa era la sua convinzione, il vuoto che gli metteva in risalto la sua testa stempiata. Sorrise goffamente all amico Bob nel tendergli la mano e si mise al suo fianco. Ford era uno di quei tipi che ti stringono la mano ogni volta che ti vedono, anche nel caso fossero passate solamente poche ore dall ultimo incontro, come se fosse stato un gesto fisso che lo caratterizzava. Ti vedo troppo teso gli disse subito Bob ricambiando la stretta di mano. Ford capì in quell istante che tutti i tentativi fatti non erano serviti a nulla. Ho uno strano presentimento, ma sono sicuro che mi sto sbagliando, o almeno me lo auguro. Temo che questa volta tu possa avere ragione ammise Parker. 25

26 Lui lo guardò di sbieco. Era raro che Parker usasse il verbo temere e l affermazione lo convinse che ci fosse davvero qualcosa che non andava bene. Guai in vista? domandò Alex. Temo di sì ammise a malincuore incupito. Non è da te temere qualcosa, quindi non tenermi sulle spine lo incitò Alex Ford. Lui aggrottò un sopracciglio assumendo un aria spavalda, come se all improvviso si fosse di nuovo reso conto di essere padrone della situazione. Te ne parlerò con calma, appena arriverà il nostro amico principe rispose autoritario. Le guardie del corpo dei due miliardari intanto tenevano lontane le persone che entravano e uscivano dalla porta principale del lussuoso quanto famoso Caesar Palace. Il più delle volte sia Parker che i due amici usavano una delle tante entrate di servizio, proprio per ridurre al minimo il rischio di esporsi ai nemici che sicuramente avevano in tutta la città, forse un po meno in tutto il Nevada e negli altri stati, ma quella sera non diedero importanza a elementi che ritenevano importanti ma non quanto la spada che si stava alzando sulle loro teste. Avevano pensato a un piano perfetto per raggiungere l ambito e folle traguardo, considerandone i rischi e le probabilità, ma non si sarebbero mai aspettati di trovarsi di fronte un nemico insospettabile, un nemico che avevano sottovalutato. La limousine del principe Abdul Amhed Assam si fermò in quell istante di fronte al casinò. 26

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Diritti internazionali Atlantyca S.p.A., via Leopardi 8 20123 Milano foreignrights@atlantyca.it www.atlantyca.com

Diritti internazionali Atlantyca S.p.A., via Leopardi 8 20123 Milano foreignrights@atlantyca.it www.atlantyca.com 2015 Atlantyca Dreamfarm s.r.l., Italia Per l edizione italiana 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Fabbri Editori: maggio 2015 www.fabbrieditori.eu ISBN 978-88-915-1548-3 Progetto e realizzazione

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

Cordelia. Di Maria Luisa Chiarenza. Opera distribuita sotto Licenza Creative Commons

Cordelia. Di Maria Luisa Chiarenza. Opera distribuita sotto Licenza Creative Commons Cordelia Di Maria Luisa Chiarenza Anno 1864, in un paesino sperduto tra le montagne, in una villa di una ricca famiglia, sul balcone centrale, lei stava lì, fasciata dal suo vestito di raso rosso, dal

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

massimo carlotto e marco videtta

massimo carlotto e marco videtta Prologo Salí le scale di corsa e si fermò davanti alla porta aperta. Lo sentí respirare forte e si decise a entrare. Due mani le afferrarono le spalle e la spinsero contro la parete. La baciò fino a farle

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

IURY E LA Tigre bianca

IURY E LA Tigre bianca IURY E LA Tigre bianca di Infanti Susy Dedicato a tutti coloro, che desiderano cambiare il mondo accanto a se, con l'augurio di non perdere mai la speranza. C era una volta, in un tempo non molto lontano,

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE..

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE.. I FATTI DI BESLAN : EMOZIONI E PENSIERI DI BAMBINI E RAGAZZI Quel giorno qualcuno mi raccontò della morte di più di 180 bambini ed io pensai per tanto tempo alla strage. Poi decisi di non pensarci per

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe.

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe. Semplificazione e facilitazione di un testo di antologia Destinatari: alunni stranieri di classe prima Livello linguistico A 1 (semplificato) - B 1 (facilitato). Obiettivo generale: Leggere e comprendere

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Lite in superstrada (2 agosto 2007)

Lite in superstrada (2 agosto 2007) Lite in superstrada (2 agosto 2007) Io non guido veloce, anzi, raramente supero i limiti di velocità, anche laddove le condizioni della strada e di visibilità indurrebbero la maggior parte degli automobilisti

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli