Flavia Lughezzani Daniela Princivalle. CLIPPYStart 1. Corso di informatica per il primo biennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Flavia Lughezzani Daniela Princivalle. CLIPPYStart 1. Corso di informatica per il primo biennio"

Transcript

1 Flavia Lughezzani Daniela Princivalle CLIPPYStart 1 Corso di informatica per il primo biennio

2

3 FLAVIA LUGHEZZANI DANIELA PRINCIVALLE CLIPPY Start 1 CORSO DI INFORMATICA PER IL PRIMO BIENNIO EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

4 UN TESTO PIÙ RICCO E SEMPRE AGGIORNATO Nel sito sono disponibili: materiali didattici integrativi; eventuali aggiornamenti dei contenuti del testo. Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A Via Hoepli 5, Milano (Italy) tel fax Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali

5 Indice Indice M1 CONCETTI BASE UD. 1 Introduzione all informatica 2 Concetto di algoritmo 2 Diagrammi di flusso 2 Conversione di numeri tra i sistemi decimale e binario 4 Convertire un numero binario in decimale 5 Convertire un numero decimale in binario 6 Concetto di bit e di byte 6 Rappresentazione digitale dei dati 7 Il linguaggio naturale e i linguaggi di programmazione 8 Connettivi logici (AND, OR, NOT) 9 Connettivo AND (congiunzione) 9 Connettivo OR (disgiunzione) 10 Connettivo NOT (negazione) 10 Il linguaggio macchina e i linguaggi procedurali 10 Utilizzo di pseudo linguaggi UD. 2 Hardware 15 Tipi di PC e di dispositivi portatili 15 Struttura hardware di un PC 16 Porte di input e di output 17 Unità Centrale di Elaborazione (CPU) 18 Memoria centrale (RAM e ROM) 18 Unità di misura della memoria di un computer 19 Memorie di massa 19 I dispositivi magnetici 20 I dispositivi ottici 21 I dispositivi elettronici 21 Prestazioni di un computer 22 Periferiche di input 23 Periferiche di output 24 Il touchscreen UD. 3 Software 28 Il sistema operativo 28 Il software applicativo 29 Distinguere il software di sistema dal software applicativo M2 WINDOWS UD. 1 L ambiente operativo 34 Il desktop 34 Personalizzare l aspetto del desktop 35 Il menu Start 35 La Barra delle applicazioni 36 La barra di Avvio veloce 36 La Barra della lingua 36 L Area di notifica 37 Il Pannello di controllo 37 Informazioni di base sul PC 38 Disinstallare un applicazione 38 Modificare la risoluzione dello schermo 38 Chiudere un applicazione che non risponde 39 Operare con le icone 40 Creare un icona di collegamento 41 Le finestre di Windows 42 Operare con le finestre 44 Catturare l immagine dello schermo o della finestra attiva 44 Utilizzare gli strumenti help di Windows 45 III

6 Indice UD. 2 Gestire file e cartelle 48 Esplorare file e cartelle 48 Visualizzare e disporre cartelle e file 51 Ulteriori visualizzazioni di Windows Vista 52 Intervenire su file e cartelle 53 Selezionare file e cartelle 53 Creare cartelle e strutturare un archivio 53 Rinominare file e cartelle 53 Copiare file e cartelle 54 Spostare file e cartelle Verificare e modificare le proprietà di file e cartelle 56 Eliminare e ripristinare file e cartelle 57 Comprimere ed estrarre file o cartelle 57 Ricercare file e cartelle 58 Cercare file mediante l uso dei caratteri jolly 59 Cercare file per data di modifica, data di creazione, dimensioni 59 Stampare 60 Impostare la stampante predefinita 60 Stampare un file da Windows 61 Visualizzare le code di stampa 61 Stampare da WordPad e Blocco note Che cosa è un browser 76 I motori di ricerca Parole chiave e criteri di ricerca UD. 2 Utilizzo del browser 82 Internet Explorer 82 Modificare la home page 83 Visualizzare una pagina Web in una nuova finestra o scheda 84 Aprire una pagina in una nuova scheda 84 Aprire una pagina in una nuova finestra 84 Prelevare dal Web 85 Copiare testo da una pagina Web 85 Salvare un immagine 85 Salvare una pagina Web 86 Eseguire il download di un file 86 Memorizzare un indirizzo di pagina Web 87 Stampare una pagina Web 88 Virus informatici M3 INTERNET UD. 1 Internet e il WWW 66 Che cosa è Internet 66 Reti informatiche 67 Tipi di reti 67 Server e client 68 Intranet ed extranet 68 Topologia delle reti 68 Trasferire dati mediante la Rete 70 Servizi per la connessione a Internet 70 Modalità di connessione a Internet 71 Caratteristiche della banda larga 72 Principali impieghi di Internet 73 Il WWW (World Wide Web) 74 ISP e URL 74 Struttura di un indirizzo Web 75 IV M4 WORD UD. 1 Il word processor 92 L interfaccia di Word 92 Il Pulsante Office 93 La Barra di accesso rapido 94 Personalizzare la Barra di accesso rapido 94 Creare, salvare e chiudere documenti 94 Creare un nuovo documento 94 Salvare un nuovo documento 95 Salvare un documento con un altro formato Inserire simboli e caratteri non presenti sulla tastiera 96 Aprire e salvare un documento esistente 97 Salvare le modifiche a un file esistente 97

7 Indice Salvare le modifiche mantenendo il file originale Utilizzare file eseguiti con versioni precedenti 99 Visualizzare il documento in modi diversi 99 Ingrandire o ridurre lo zoom UD. 2 Modificare, controllare e stampare un documento 103 Selezionare il testo 103 Cursore e puntatore 104 Usare le funzioni Taglia, Copia e Incolla 104 Tagliare o copiare testo 104 Incollare testo tagliato o copiato Spostare e copiare con il drag and drop Spostare e copiare testo tra documenti attivi 106 Annullare e ripristinare azioni 106 Eseguire il controllo ortografico e grammaticale 107 Regole per inserire la punteggiatura Stampare un documento 110 Opzioni di stampa UD. 3 Impostare la pagina e formattare il testo 113 Modificare i margini e l orientamento della pagina 114 Formattare il carattere 115 Applicare il formato Apice e Pedice 116 Modificare maiuscole/minuscole 116 Evidenziare le parole 116 Utilizzare la barra di formattazione contestuale 116 Impostare il paragrafo 117 Formattazioni del paragrafo Copiare la formattazione 120 Creare e modificare elenchi puntati e numerati 120 Creare elenchi puntati e numerati Modificare lo stile di elenchi puntati e numerati 121 Applicare bordi e sfondi 122 Applicare bordi al paragrafo 122 Applicare uno sfondo al paragrafo 122 Applicare un bordo alla pagina 123 Aggiungere una riga orizzontale decorativa UD. 4 Arricchire i documenti con la grafica 128 Inserire Immagini 128 Inserire una ClipArt 128 Inserire un immagine da file 129 Dimensionare, posizionare ed eliminare un immagine 129 Modificare un immagine 130 Realizzare titoli con WordArt 131 Creare e personalizzare forme 131 Formattare una forma 132 Disporre e raggruppare più oggetti grafici Creare caselle di testo 134 Inserire una casella predefinita 134 Creare una casella personalizzata M5 POWERPOINT UD. 1 Il software per creare presentazioni 142 L interfaccia di PowerPoint 142 Scegliere come iniziare una presentazione 143 Le visualizzazioni 144 L importanza di attribuire un titolo alle diapositive 145 Salvare in formati diversi V

8 Indice UD. 2 Sviluppare una presentazione 149 L importanza del layout 149 Elementi di una diapositiva 149 Inserire una diapositiva e scegliere il layout 150 Tipi di layout 150 Gli oggetti dei layout 151 Copiare, spostare ed eliminare diapositive 151 Applicare uno sfondo 152 Personalizzare il piè di pagina 153 Inserire elementi nel piè di pagina 153 Utilizzare e modificare un tema 153 Applicare un tema 154 Modificare i colori, il carattere e gli effetti del tema Stampare in PowerPoint M6 Ð EXCEL UD.1 Il foglio elettronico 164 L interfaccia di Excel 164 Denominazione di un file creato in Excel 165 Creare una nuova cartella di lavoro, salvarla e chiuderla 166 In ogni cella un solo dato 166 Inserire i dati 167 Spostarsi nell area di lavoro 167 Forme e messaggi del puntatore 168 Inserire numeri o testo in una cella 168 Selezionare le celle 170 Modificare i dati 171 Operare su righe e colonne 171 Dimensionare righe e colonne Inserire righe e colonne 173 Eliminare righe e colonne 173 Spostare e copiare dati 173 Tagliare o copiare contenuto 174 Incollare contenuto tagliato o copiato 174 Spostare e copiare con il drag and drop 174 Usare lo strumento di riempimento automatico UD.2 Eseguire calcoli ed elaborare tabelle 179 Inserire formule aritmetiche ed espressioni 180 Calcolare con le formule Calcolare con le espressioni Comprendere il concetto di riferimento relativo I formati numerici Applicare i formati data ed eseguire calcoli Formattare il carattere 186 Aggiungere bordi alle celle 186 Applicare sfondi e sfumature alle celle 187 Utilizzare Stili cella 188 Utilizzare il Copia formato 188 Allineare e orientare i dati nelle celle 188 Modificare l allineamento 189 Modificare l orientamento 189 Centrare il testo su un insieme di celle UD. 3 Inserire funzioni e stampare 194 La funzione matematica SOMMA 194 Le funzioni statistiche MEDIA, CONTA.NUMERI, MAX e MIN 195 Riconoscere e capire i messaggi di errore Preparazione della stampa 199 Operare in visualizzazione Layout di pagina 199 Usare Anteprima di stampa 201 Stampare VI

9 Presentazione Presentazione Z Ai docenti Il corso, pensato per la nuova materia, è strutturato in due volumi, la cui modularità permette all insegnante l adozione di percorsi didattici differenziati e di adattare la propria offerta formativa alle necessità delle singole classi. L ambiente software trattato riguarda i sistemi operativi Windows Vista e Windows XP, i principali applicativi del pacchetto Office 2007, Internet Explorer e Windows Mail. Z Ai ragazzi Il computer è uno strumento di uso quotidiano per operare in vari settori. Saperlo utilizzare in modo autonomo e trasversale è ormai indispensabile nel mondo della scuola, in quello del lavoro e di tutti i giorni. Il computer, inoltre, grazie a Internet, si è trasformato in una risorsa informativa e in un luogo virtuale di comunicazione e di collaborazione. Z Struttura dell opera Clippy Start 1 Modulo 1 CONCETTI BASE Modulo 2 WINDOWS Modulo 3 INTERNET Modulo 4 WORD Modulo 5 POWERPOINT Modulo 6 EXCEL Clippy Start 2 Modulo 1 ICT Modulo 2 WORD Modulo 3 POWERPOINT Modulo 4 EXCEL Modulo 5 ACCESS Z Contenuti del presente volume Modulo 1 CONCETTI BASE Spiega come vengono rappresentati i dati nel PC e fornisce informazioni sui concetti di algoritmo, di sistema binario, sui connettivi logici, nonché confronti tra linguaggio naturale e linguaggi di programmazione. Descrive caratteristiche e funzioni delle componenti hardware e software del PC. VII

10 Presentazione Modulo 2 WINDOWS Presenta gli ambienti operativi Windows Vista e Windows XP, fornendo tecniche per operare efficacemente con icone e finestre; inoltre, descrive procedure per organizzare e gestire file e cartelle. Modulo 3 INTERNET Descrive le diverse topologie di rete e i principali servizi di connessione a Internet. Fornisce tecniche e idee per l utilizzo di Internet nella ricerca di informazioni, per l accesso ai servizi della Rete e per prelevare materiale dal Web. Modulo 4 WORD Illustra elementi e caratteristiche del word processor. Introduce le procedure per la formattazione di base del testo. Presenta strumenti e tecniche per gestire immagini e oggetti grafici. Dedica particolare cura alla progettazione della pagina per realizzare con creatività una comunicazione scritta corretta ed efficace. Modulo 5 POWERPOINT Illustra elementi e caratteristiche del software. Fornisce tecniche e procedure per la creazione di presentazioni accattivanti con immagini ed altri elementi grafici. Modulo 6 EXCEL Introduce all uso del foglio elettronico con l esecuzione di calcoli, l applicazione di semplici funzioni matematiche e statistiche, l elaborazione di tabelle e la loro stampa. Z Apparato didattico L articolazione dei contenuti dell opera e le proposte operative hanno l obiettivo di: fornire conoscenze per padroneggiare gli strumenti informatici; favorire l acquisizione di abilità per organizzare una razionale metodologia operativa; sviluppare progettualità. I moduli sono autoconclusivi e si aprono con una pagina che elenca le unità didattiche, gli obiettivi e le attività in termini di sapere e saper fare. Ogni modulo si articola in unità arricchite da uno stimolante apparato didattico ed esercitazioni, che guidano lo studente all acquisizione di conoscenze e allo sviluppo di abilità. Per rendere immediata l acquisizione dei contenuti, le procedure operative sono affiancate da numerose immagini esplicative; i nomi di comandi, opzioni e scelte sono evidenziati dal colore blu, mentre le parole chiave sono scritte in rosso e le definizioni in verde. Fornisce suggerimenti, richiami e consigli immediati, relativi agli argomenti trattati nel paragrafo. Nel testo, il rimando al Clippy è riconoscibile dalla parola in grassetto. VIII CLIPPY CLIPPY Le icone di collegamento si distinguono per la presenza di una freccia nera nell angolo inferiore sinistro.

11 Presentazione Favorisce approfondimenti sui contenuti trattati. Accompagna lo studente, mediante step e immagini esplicative, all applicazione delle conoscenze per realizzare elaborati (sapere e saper fare) e acquisire senso estetico (sapere perché si deve fare così). Z ECDL I contenuti proposti includono conoscenze e tecniche utili a una preparazione informatica non specialistica, ma ampia e articolata, tale da permettere il collegamento con la preparazione agli esami per il conseguimento della certificazione informatica prevista dal Syllabus 5.0 della Patente Europea del Computer (ECDL). Z Apparato esercitativo L articolazione dell apparato esercitativo permette di consolidare e verificare le conoscenze e le abilità, proponendo test ed esercizi in specifiche aree operative al termine di ogni unità. Consente di verificare l acquisizione dei contenuti (sapere) e la capacità di esporli in modo sintetico con lessico appropriato. IX

12 Presentazione Propone diverse tipologie di esercizi con lo scopo di consolidare competenze e di acquisire un metodo efficace per ottimizzare le modalità di lavoro, sfruttando in modo corretto le risorse dello strumento informatico (saper fare); gli esercizi, inoltre, si propongono di trasmettere strategie di editing (Elabora) e permettono di rinforzare le competenze e le abilità, portando l alunno verso una graduale autonomia (saper fare) e acquisizione di gusto estetico (sapere perché si deve fare così). Z Materiale a corredo Il CD-ROM contiene file che vengono richiamati nelle sezioni raccolti nelle cartelle che identificano i diversi moduli. e All indirizzo sono a disposizione degli studenti aggiornamenti e ulteriori materiali didattici che arricchiscono l offerta formativa dell opera. X

13 MODULO 1 CONCETTI BASE UNITÀ Introduzione all informatica Hardware Software OBIETTIVI Conoscere le caratteristiche della comunicazione informatica. Conoscere le applicazioni dell informatica nelle diverse attività. Conoscere gli elementi hardware di un PC. Conoscere i diversi tipi di computer. Distinguere il software di sistema e il software applicativo. ATTIVITÀ Definire come sono codificati i dati nel PC. Saper distinguere le diverse unità di misura delle memorie. Saper elencare i componenti hardware e descrivere il loro funzionamento. Distinguere le funzioni del software di sistema e del software applicativo. Definire l architettura software e hardware di un PC.

14 Modulo 1 Concetti base UNITÀ 1 Introduzione all informatica Quando richiediamo al computer di eseguire un determinato compito, il comando impartito viene convertito in un linguaggio, comprensibile all elaboratore, che ne permette l esecuzione. Tutte le volte in cui si deve risolvere un problema è necessario formularlo in modo preciso, stabilendo l obiettivo da raggiungere, individuando i dati costanti e le variabili e sviluppando un metodo di risoluzione che, operando sui dati del problema con relazioni logiche e/o di calcolo, permetta di conseguire il risultato richiesto. CONCETTO DI ALGORITMO L algoritmo è una successione finita di operazioni (dette anche passi o istruzioni) che consente di risolvere tutti i problemi di una determinata classe e produrre il risultato stabilito. L algoritmo, in quanto tale, deve essere: finito, ovvero deve essere costituito da un numero finito di passi eseguiti un numero finito di volte; deterministico, cioè, a partire dagli stessi dati di input, deve produrre i medesimi risultati; non ambiguo, in quanto le operazioni che lo costituiscono devono poter essere interpretate in modo univoco anche da esecutori diversi; generale, ovvero deve fornire la soluzione per tutti i problemi che appartengono alla medesima classe. DIAGRAMMI DI FLUSSO Per descrivere in forma algoritmica la procedura risolutiva di un problema è necessario rendere visivamente comprensibile la successione logica delle istruzioni di cui si compone l algoritmo procedendo con la sua rappresentazione grafica mediante la costruzione di diagrammi di flusso, chiamati anche diagrammi a blocchi, o flow-chart. Tali diagrammi costituiscono lo strumento per presentare il ragionamento che condurrà al risultato atteso. I simboli (blocchi) di cui si compongono sono figu re geometriche nelle quali sono inserite le operazioni elementari. Tali blocchi sono collegati tra loro da linee di giunzione, orientate e disposte per stabilire la sequenza in cui si desidera che le operazioni vengano svolte, con possibilità di collegamenti diversi per soddisfare le molteplici situazioni che si presentano e che dovranno essere soddisfatte dall algoritmo. 2

15 Unità 1 Introduzione all informatica I dati che interessano l algoritmo possono essere: costanti, quando nello svolgimento dell algoritmo mantengono sempre lo stesso valore (si tratta in genere di numeri); variabili, quando durante l elaborazione possono assumere valori diversi (vengono in generale rappresentate da lettere: a ogni lettera sarà assegnata una determinata variabile). In algoritmi realizzati per la soluzione di problemi matematici, le istruzioni si sviluppano mediante costanti e variabili legate da operatori aritmetici, per esempio +,, * ecc., il cui risultato sarà assegnato a una variabile. Mostriamo di seguito un semplice esempio di istruzione e nella tabella il significato dei diversi blocchi. A = B 10 Significato Sottrai al valore della variabile B il valore della costante 10 e assegna il risultato alla variabile A. BLOCCO SIGNIFICATO Inizio Ingresso/Uscita Elaborazione/ Azione Decisione/ Domanda/ Confronto Serve per indicare il punto di partenza dell algoritmo e al suo interno possono apparire le scritte INIZIO o START: in un diagramma di flusso ne è presente solo uno. Viene utilizzato per le operazioni di ingresso o scrittura dei dati (input) e di uscita o lettura dei risultati (output). Ha una sola linea di giunzione in entrata e in uscita. Serve per le operazioni generiche (operazioni di calcolo) o di assegnazione e al suo interno viene descritta in forma simbolica o letterale l operazione da eseguire. Ha una sola linea di giunzione in entrata e in uscita. Serve per le operazioni di confronto, controllo e di scelta tra alternative per percorrere sequenze di istruzioni diverse in funzione del verificarsi o meno di certe situazioni; può essere a un solo ingresso e a due o tre uscite. Al suo interno si inserisce l espressione da considerare, il cui risultato viene confrontato con variabili e costanti attraverso gli operatori = uguale, > maggiore, >= maggiore o uguale, < minore, <= minore o uguale, <> diverso, V (vero), F (falso), indicati sulle linee di giunzione (in questo caso definite di uscita). Nel primo esempio proposto, a seconda che il risultato dell espressione R H sia minore, maggiore o uguale a 3, si proseguirà nella direzione indicata in cui sarà elencata la corrispondente sequenza di operazioni. Nel secondo esempio si dovrà procedere con le operazioni in un senso oppure nell altro in base al fatto che la condizione posta risulti vera oppure falsa. Linee di giunzione/ Direzione del flusso Fine Connettori La freccia posta al termine di ogni blocco o segmento collega al passo logico successivo da prendere in considerazione e quindi indica il flusso di esecuzione delle operazioni. Serve per indicare la fine dell algoritmo e al suo interno possono apparire le scritte FINE o STOP. In un algoritmo possono essere presenti più blocchi FINE in quanto, per esempio, al verificarsi di una certa condizione la soluzione del problema condurrà a un certo risultato, che sarà invece diverso se tale condizione non si verificherà. Individuano dei punti dai quali si può fare riferimento ad altre parti. Per esempio, il connettivo trasferisce il proseguimento del diagramma dal punto in cui si trova al punto dove compare il connettore contenente lo stesso numero. 3

16 Modulo 1 Concetti base Gli algoritmi vengono utilizzati per costruire diagrammi, o flow chart, per la soluzione di problemi di calcolo. CONSIDERIAMO IL SEGUENTE PROBLEMA Dato in input un numero, calcolarne il cubo se è maggiore di 0, il quadrato in caso contrario. Innanzitutto è necessario prendere in input un numero, effettuarne il confronto del valore con zero, quindi: se il numero è maggiore di zero, dovrà essere moltiplicato due volte per se stesso; se il numero è minore di zero, dovrà essere moltiplicato una volta per se stesso. Il risultato sarà sicuramente un numero positivo, oppure sarà uguale a zero se il numero di partenza è 0. VARIABILI UTILIZZATE NUM, che rappresenta il numero (reale) in input; RIS, che rappresenta il risultato (reale) in output. CONVERSIONE DI NUMERI TRA I SISTEMI DECIMALE E BINARIO Esistono diversi sistemi di numerazione, ma quello più utilizzato nella vita di tutti i giorni è quello decimale. Il sistema di numerazione decimale è basato su dieci simboli (dallo 0 al 9), ognuno dei quali cambia di valore in base alla posizione che assume (per tale ragione viene definito anche come un sistema di numerazione posizionale). Per esempio, se scriviamo 584 oppure 845, utilizziamo le medesime cifre che però, modificando la loro posizione, assumono un valore diverso: spostando una cifra verso sinistra si moltiplica il suo valore per dieci, mentre spostandola di una posizione verso destra si divide il suo valore per dieci. 4

17 Unità 1 Introduzione all informatica Ogni numero intero N può essere scritto nella seguente forma: N = a n a n-1 a n-2 a n-3 a 2 a 1 dove a k rappresenta una qualsiasi delle cifre da 0 a 9 ed equivale all espressione N = a n * 10 n-1 + a n-1 * 10 n-2 + a 2 * a 1 * 10 0 polinomio in cui ogni cifra viene rappresentata moltiplicandola per una potenza di 10. I simboli a k sono le cifre del numero N e 10 la sua base. In considerazione di ciò, i numeri 584 e 845 possono essere rappresentati come nell esempio mostrato, in cui si può notare che ogni cifra, in base alla posizione occupata, è stata moltiplicata per la potenza di dieci. 584 = 5 * * * = 8 * * * 10 0 Quando si desidera accendere la luce in una stanza si preme l interruttore che fa accendere la lampadina. In questo caso si hanno due soli possibili stati: con il circuito elettrico chiuso la lampadina è accesa, con il circuito elettrico aperto la lampadina è spenta. CLIPPY Nei computer la memorizzazione dei dati è realizzata mediante il sistema binario, grazie al fatto che la memoria è una sequenza di elementi elettronici atti ad assumere due stati, rappresentati quindi da 0 e 1. Considerando questo semplice esempio e il fatto che i computer operano utilizzando circuiti elettronici che prevedono appunto solo due possibili stati (circuito aperto/circuito chiuso, oppure magnetizzato/ non magnetizzato), per rappresentarli in modo matematico si utilizza il sistema binario, basato su due sole cifre: 0 e 1. Il sistema binario è un sistema di numerazione posizionale basato su due sole cifre, 0 e 1, che prendono il nome di bit (binary digit, cifra binaria). CLIPPY Un esempio di numero espresso in forma binaria può essere che si legge uno, zero, zero, uno, zero, uno e non centomilacentouno. Anche in questo sistema di numerazione, quindi, spostando una cifra verso sinistra si moltiplica il suo valore per due, mentre spostandola di una posizione verso destra si divide il suo valore per due: per tale motivo, anche ai numeri binari 0 e 1 si associa la potenza di 2 in corrispondenza della posizione occupata. Z Convertire un numero binario in decimale Per convertire un numero binario in decimale, partendo da destra, si moltiplica ogni cifra per la potenza di 2 corrispondente alla posizione occupata. Per comprendere gli esempi che mostrano la trasformazione di un numero binario in deci- 5

18 Modulo 1 Concetti base male, si precisa che il pedice 2 indica un numero espresso in sistema binario e il pedice 10 un numero espresso in sistema decimale = 1* * * * * * * 2 0 = 1 * * * * * * * 1 = = Z Convertire un numero decimale in binario CLIPPY Il punto radice separa, come nel consueto uso la virgola, la parte intera dal numero da quella non intera. Per convertire un numero decimale in binario si divide il numero per 2 e il resto rappresenta la cifra meno significativa in binario; si divide poi per 2 il quoziente ottenuto e il resto rappresenta la seconda cifra del punto radice e così si procede fino all ultimo quoziente 1. Nella lettura del numero binario si parte dall ultimo quoziente 1 e poi si leggono i resti ottenuti. Resti ottenuti Ultimo quoziente Confrontando la rappresentazione del valore considerato nei due sistemi, si può notare che con il sistema binario, più semplice rispetto al decimale, si deve utilizzare un numero maggiore di cifre. Tuttavia, semplicità e numero elevato di calcoli sono caratteristiche che ben si associano alla logica di lavoro di un elaboratore, in grado di compiere un numero elevatissimo di operazioni in pochissimo tempo. CONCETTO DI BIT E DI BYTE Per poter rappresentare i caratteri in un sistema elettronico di elaborazione, le due cifre di cui si compone il sistema binario sarebbero insufficienti: sono state quindi raggruppate in byte. Il bit corrisponde a una delle due cifre binarie, 0 oppure 1. Il byte è un gruppo di 8 bit, unità minima di memorizzazione e lettura in un elaboratore, e serve per rappresentare una lettera, una cifra o un simbolo. CLIPPY Considerato che la logica di lavoro di un elaboratore si basa su due possibili stati, il numero di bit di cui si compone il byte è una potenza di due e soddisfa tale logica. Con 1 byte si possono ottenere 256 (2 8 ) combinazioni di 0 e 1. Mediante queste combinazioni e una tabella di codifica, ogni byte viene associato a una specifica lettera dell alfabeto, a un determinato numero (da 0 a 9), a un carattere speciale e ad altri segni o simboli. 6

19 Unità 1 Introduzione all informatica La tabella standard di codifica che permette tale collegamento è il codice ASCII (American Standard Code for Information Interchange), usato per la rappresentazione dei caratteri di testo attraverso i byte. In realtà il codice ASCII copre solo i primi 128 caratteri, numeri e sim boli; i successivi, fino al 256, costituiscono la tabella ASCII estesa, che presenta varie versioni a carattere nazionale. Nella codifica delle informazioni si utilizzano il byte e i suoi multipli. RAPPRESENTAZIONE DIGITALE DEI DATI Il termine digitale (dall inglese digit, cifra) sta a indicare tutto ciò che può essere rappresentato da numeri. Nella vita di ogni giorno alcune situazioni sono direttamente rappresentate da numeri; si pensi, per esempio, al numero di penne presenti nell astuccio: tale numero, considerato in modo digitale, è una grandezza che varia fra un sistema finito di possibili stati in maniera discreta, dove stati indica nel nostro esempio il numero di penne e discreta significa che ogni stato (numero) è ben distinto dagli altri, vale a dire 4 penne, oppure 5 ecc., cioè valori ben definiti. Altre situazioni, invece, come per esempio il segnale generato da un microfono, si presentano in modo analogico in quanto, in un intervallo, il segnale può assumere infiniti valori. Segnale analogico Segnale digitale Abbiamo detto che l elaboratore è in grado di operare solo su dati digitali rappresentati da valori binari; un fenomeno analogico, dunque, per poter essere interpretato deve essere digitalizzato: il suo originario stato analogico viene tradotto e rappresentato mediante un insieme numerabile di elementi. CLIPPY Con il termine RGB si indica un modello cromatico (di tipo additivo) che si basa su tre colori: rosso (Red), verde (Green), blu (Blue), da cui il nome RGB. Mediante filtri o altre tecniche, un immagine può essere scomposta in questi colori base che, miscelati tra loro, forniscono lo spettro dei colori visibili. Una foto in formato digitale può essere divisa in un numero discreto di punti, in genere piccoli quadrati o rettangoli, detti pixel (dall inglese picture element), ognuno dei quali è costituito da un colore tra i possibili (se codificati nel modello di colori RGB). Ogni pixel è formato da un determinato numero di byte, in relazione al colore che deve rappresentare: tali byte indicano l intensità di rosso, quella di verde e quella di blu (RGB) che deve essere associata al relativo punto dell immagine al fine di poter essere rappresentato correttamente. Ne consegue che un immagine, in relazione al numero di pixel di cui si compone e al numero di byte di cui ogni pixel è costituito, può essere a risoluzione più o 7

20 Modulo 1 Concetti base meno elevata. Maggiore sarà la risoluzione (ovvero il numero di pixel che forma l immagine), migliore sarà la sua rappresentazione in termini di nitidezza e precisione. Tuttavia, poiché immagini con risoluzione elevata hanno bisogno di una maggiore quantità di memoria, spesso a esse vengono applicate tecniche di compressione oppure differenti formati di memorizzazione che corrispondono alle diverse estensioni associate ai file di immagini, quali.gif,.jpeg,.bmp,.tif ecc. La conversione, necessaria affinché l immagine possa essere rappresentata e gestita dall elaboratore, produce una perdita di informazioni, in genere non percepibile, perché la rappresentazione digitale è approssimata al valore analogico. La grande diffusione di dispositivi di elaborazione, nati per lavorare su informazioni in formato digitale, ha fortemente favorito la traduzione in termini digitali di grandezze e fenomeni analogici. IL LINGUAGGIO NATURALE E I LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Quando si parla di linguaggio si intende, in generale, l insieme delle parole (lessico), ciascuna dotata di un proprio significato, e la loro sintassi, costituita dalle regole da seguire per costruire una frase in modo corretto, affinché possa essere compresa. Il linguaggio naturale è quello comunemente utilizzato per comunicare con gli altri: consente ricchezza espressiva, ma, in alcuni casi, può dare adito ad ambiguità e talvolta anche a ridondanza. Consideriamo, per esempio, la seguente frase: la bella pesca. Essa può essere così interpretata: una bella ragazza sta pescando, ma anche un bel frutto. Ne consegue che il linguaggio naturale non può essere utilizzato per istruire l elaboratore su ciò che deve eseguire, in quanto le caratteristiche che presenta non sono adatte alla sua logica: un elaboratore non può gestire informazioni ambigue. Esso riesce a interpretare un linguaggio costituito da istruzioni precise appartenenti a un linguaggio specifico, a lui comprensibile, costituito da un alfabeto, con il quale viene costruito un insieme di parole chiave (vocabolario), e da un insieme di regole sintattiche per l uso corretto delle parole del linguaggio. L elaboratore, quindi, per svolgere un determinato compito deve disporre di un algoritmo che definisca nei particolari come tale compito debba essere eseguito. L elaboratore però non è in grado di eseguire direttamente l algoritmo, che deve essere perciò trasformato in un programma espresso mediante un linguaggio di programmazione. CLIPPY Il linguaggio macchina è l u nico direttamente comprensibile dall elaboratore. Il linguaggio di programmazione è un linguaggio intermedio fra il linguaggio macchina e il linguaggio naturale, in grado di descrivere gli algoritmi con una ricchezza espressiva comparabile a quella dei linguaggi naturali, risultando così semplice da apprendere e da usare da parte dei programmatori. 8

PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE 1 BT A.S. 2014/15

PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE 1 BT A.S. 2014/15 Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet Istituto Tecnico Commerciale - Liceo Linguistico Liceo Scientifico Liceo Scienze Umane Via Stignani, 63/65 20081 Abbiategrasso Mi PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE

Dettagli

Classe prima sezione e-f Indirizzo Turismo

Classe prima sezione e-f Indirizzo Turismo PROGRAMMA DI INFORMATICA Classe prima sezione e-f Indirizzo Turismo Anno Scolastico 2014-2015 Testo: Flavia Lughezzani-Daniela Princivalle CLIPPY START 1 Corso di informatica per il biennio Edizione HOEPLY

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2013/2014 CLASSE 1^ A AFM DISCIPLINA INFORMATICA. DOCENTE PATANÈ RITA S. N. 65 ore svolte sul totale delle ore previste 66

PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2013/2014 CLASSE 1^ A AFM DISCIPLINA INFORMATICA. DOCENTE PATANÈ RITA S. N. 65 ore svolte sul totale delle ore previste 66 PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2013/2014 CLASSE 1^ A AFM DISCIPLINA INFORMATICA DOCENTE PATANÈ RITA S. N. 65 ore svolte sul totale delle ore previste 66 MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTENUTI OBIETTIVI TIPOLOGIE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2013/2014 CLASSI 1^ D 1^E AFM DISCIPLINA INFORMATICA

PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2013/2014 CLASSI 1^ D 1^E AFM DISCIPLINA INFORMATICA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2013/2014 CLASSI 1^ D 1^E AFM DISCIPLINA INFORMATICA DOCENTE Massaro Alfonsina N. 63 ore svolte sul totale delle ore previste 66 MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTENUTI OBIETTIVI TIPOLOGIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI INFORMATICA. a.s. 2012-13

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI INFORMATICA. a.s. 2012-13 PAG.1 DI 13 PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI INFORMATICA a.s. 2012-13 1. FINALITÀ La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo studente (al termine di un percorso quinquennale) risultati

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2014/ 2015 I.P.I.A. G. PLANA

PIANO di LAVORO A. S. 2014/ 2015 I.P.I.A. G. PLANA Nome docente Vessecchia Laura Materia insegnata T.I.C. Classe I A/B Manutenzione Ore complessive di insegnamento 2 ore sett. ( tot. 66) Clippy extra - Corso di informatica per il primo biennio - Vol.1

Dettagli

Clippy Web HOEPLI. volume. Windows 7 e Offi ce 2010 Con focus su OpenOff ce 4.0 e schede fl ash su Windows 8 e Off ce 2013

Clippy Web HOEPLI. volume. Windows 7 e Offi ce 2010 Con focus su OpenOff ce 4.0 e schede fl ash su Windows 8 e Off ce 2013 Flavia Lughezzani Daniela Princivalle Web Corso di informatica per il primo biennio Windows 7 e Offi ce 2010 Con focus su OpenOff ce 4.0 e schede fl ash su Windows 8 e Off ce 2013 volume 1 Edizione OPENSCHOOL

Dettagli

PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME Indirizzo AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SEZIONI A - B MATERIA INFORMATICA DOCENTE MARGHERITA CALISTI

PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME Indirizzo AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SEZIONI A - B MATERIA INFORMATICA DOCENTE MARGHERITA CALISTI MODULO 1 CONCETTI BASE TEMPI 1 Introduzione all informatica 2 Hardware 3 Software Conoscere le caratteristiche della comunicazione informatica. Conoscere le applicazioni dell informatica nelle diverse

Dettagli

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 Sommario MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 UD 1.1 Algoritmo, 3 L algoritmo, 4 Diagramma di flusso, 4 Progettare algoritmi non numerici, 5 Progettare algoritmi numerici, 5

Dettagli

CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. Competenze attese a livello di UdA

CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. Competenze attese a livello di UdA MATERIA INFORMATICA CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: IL COMPUTER: CONCETTI DI BASE - Saper far funzionare correttamente il computer - Sapersi muovere

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

Sommario. Copyright 2008 Apogeo

Sommario. Copyright 2008 Apogeo Sommario Prefazione xix Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione 1 1.1 Fondamenti 3 Algoritmi...3 Diagramma di flusso...4 Progettare algoritmi non numerici...5 Progettare algoritmi

Dettagli

ISTITUTO d IstruzIone Superiore A. righi

ISTITUTO d IstruzIone Superiore A. righi I.T.S. A. Righi M. I. U. R. Unione Europea ISTITUTO d IstruzIone Superiore A. righi Istituto Tecnico Statale Attività Sociali M.Guerrisi PROGRAMMA SVOLTO TECNOLOGIE INFORMATICHE CLASSI: PRIMA SEZ: B PROF:

Dettagli

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prof. Orlando De Pietro Programma L' hardware Computer multiutente e personal computer Architettura convenzionale di un calcolatore L unità centrale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI Informatica con esercitazioni Prof. Onofrio Greco Modulo 1 Concetti di base dell ICT Modulo 2 Uso del Computer e Gestione dei File Modulo

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Teoria

PROGRAMMA DEL CORSO. Teoria CORSO DI LAUREA in BIOLOGIA PROGRAMMA DEL CORSO INTRODUZONE ALL INFORMATICA A.A. 2014-15 Docente: Annamaria Bria Esercitatori: Salvatore Ielpa Barbara Nardi PROGRAMMA DEL CORSO Teoria 1. Cosa si intende

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO. Opzione Scienze Applicate

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO. Opzione Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO Opzione Scienze Applicate Anno scolastico 2015-2016 Programmazione di Informatica pag. 2 / 8 INFORMATICA - PRIMO BIENNIO OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DELL

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 1: il sistema computer

UNITÀ DIDATTICA 1: il sistema computer Istituto Tecnico Industriale Statale "Othoca" A.S. 2014/15 CLASSE:1F PROGRAMMA DI: Tecnologie Informatiche DOCENTE: Nicola Sanna UNITÀ DIDATTICA 1: il sistema computer Il corpo del computer: l'hardware

Dettagli

LINEE GENERALI E COMPETENZE

LINEE GENERALI E COMPETENZE Programmazione disciplinare: INFORMATICA (Liceo Scientifico - Opzione Scienze applicate BIENNIO) ( Anno scolastico 2012/2013) Direttore di Dipartimento: prof.ssa Adriani Emanuela LINEE GENERALI E COMPETENZE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Clippy Web LIGHT HOEPLI. Informatica per il primo biennio. Windows 7 e Offi ce 2010. Flavia Lughezzani Daniela Princivalle OPENSCHOOL

Clippy Web LIGHT HOEPLI. Informatica per il primo biennio. Windows 7 e Offi ce 2010. Flavia Lughezzani Daniela Princivalle OPENSCHOOL Flavia Lughezzani Daniela Princivalle Web LIGHT Informatica per il primo biennio Windows 7 e Offi ce 2010 Con focus su OpenOff ce 4.0 Edizione OPENSCHOOL 1 2 LIBRODITESTO E-BOOK+ 3 RISORSEONLINE 4 PIATTAFORMA

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 IIS Almerico Da Schio - DISCIPLINA: Informatica e Laboratorio CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 COMPETENZE ABILITÀ/ CAPACITÀ CONOSCENZE dei linguaggi L1 Utilizzare

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli

INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA del CONSIGLIO DI MATERIA A.S. 2015-16 INDIRIZZO A.F.M. - TURISMO PRIMO BIENNIO

INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA del CONSIGLIO DI MATERIA A.S. 2015-16 INDIRIZZO A.F.M. - TURISMO PRIMO BIENNIO INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA del CONSIGLIO DI MATERIA A.S. 2015-16 INDIRIZZO A.F.M. - TURISMO PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA Competenze Conoscenze Abilità/Compiti Moduli/UdA Periodo Obiettivi Identificare

Dettagli

PROGRAMMA FINALE A.S. 15/16 CLASSE 1^ A TUR Prof. FABRIS MARINO INFORMATICA

PROGRAMMA FINALE A.S. 15/16 CLASSE 1^ A TUR Prof. FABRIS MARINO INFORMATICA PROGRAMMA FINALE A.S. 15/16 CLASSE 1^ A TUR Prof. FABRIS MARINO INFORMATICA MODULO 1: CONCETTI INFORMATICI DI BASE U.D.1 - Concetti generali. Informatica Comunicazione uomo-macchina Informazioni, dati

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE: 1 G Disciplina: Tecnologia dell Informazione e della Comunicazione. PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e sottoscritta

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Modulo 4 Elaborazione dati con il foglio elettronico Microsoft Excel. Modulo 5 La presentazione di un elaborato con Microsoft PowerPoint

Modulo 4 Elaborazione dati con il foglio elettronico Microsoft Excel. Modulo 5 La presentazione di un elaborato con Microsoft PowerPoint Programma del corso di: Laboratorio di Informatica Docente: Dott. Paolo Porto N CFU: 3 Anno Accademico: 2009-2010 Propedeuticità: nessuna Frequenza: consigliata Modalità di svolgimento dell esame: orale

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER L INSEGNAMENTO DELL INFORMATICA. Selezione abilità e conoscenze del Syllabus ECDL

CURRICOLO D ISTITUTO PER L INSEGNAMENTO DELL INFORMATICA. Selezione abilità e conoscenze del Syllabus ECDL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAPPELLA MAGGIORE Commissione Nuove Tecnologie a.s. 2006-2007 CURRICOLO D ISTITUTO PER L INSEGNAMENTO DELL INFORMATICA Selezione abilità e conoscenze del Syllabus ECDL Modulo 1

Dettagli

BIBLIOTECA COMUNALE DI BORUTTA

BIBLIOTECA COMUNALE DI BORUTTA BIBLIOTECA COMUNALE DI BORUTTA CORSO DI INFORMATICA DI BASE AVVISO Si informano gli interessati che presso la sala informatica annessa alla biblioteca comunale sarà attivato un corso di informatica di

Dettagli

Programma svolto di Informatica Anno scolastico 2014/2015

Programma svolto di Informatica Anno scolastico 2014/2015 Programma svolto di Informatica Anno scolastico 2014/2015 Insegnante: Matteo Anastasio Classe: 2^ sezione: B ITT F. Algarotti - Venezia MODULO 1: CONCETTI INFORMATICI DI BASE U.D.1 Ripasso dei principali

Dettagli

MODULO 1 CONCETTI BASE DEL ITC (17 ORE)

MODULO 1 CONCETTI BASE DEL ITC (17 ORE) PIANO DI LAVORO ANNUALE Classe I A Disciplina: Tecnologie informatiche A.S. 2014/2015 Docente: prof. Vidhi Meri, prof. Solazzo Alessandro Ore settimanali: 3 ( di cui 2 di laboratorio) Analisi della situazione

Dettagli

PROGRAMMA FINALE A.S. 14/15 CLASSE 1^ A TUR Prof. FABRIS MARINO INFORMATICA

PROGRAMMA FINALE A.S. 14/15 CLASSE 1^ A TUR Prof. FABRIS MARINO INFORMATICA Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti http://www.istitutoalgarotti.it e-mail: algarotti@tin.it -VEISO1600D@istruzione.it - C. F.: 8001224027 Istituto Tecnico Turistico Francesco Algarotti

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE

PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE Elaborazione testi Il computer e i file La Tecnologia dell Informazione PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE 5 a SCUOLA PRIMARIA Competenz e Uso di nuove tecnologie e di linguaggi multimediali

Dettagli

PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 21 dicembre 2001 tema A

PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 21 dicembre 2001 tema A PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 21 dicembre 2001 tema A 1) Le funzioni dell'unità di controllo di un processore sono: A) Verificare che le periferiche funzionino correttamente.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015 Disciplina: Informatica, applicazioni gestionali Classe: 1A A.S 2014/2015 Docente: Prof. Renata Ambrosi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 27alunni; 5 maschi e 22 femmine.

Dettagli

Lezione 1: Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione - Hardware

Lezione 1: Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione - Hardware Lezione 1: Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione - Hardware 1.0 Terminologia di base 2.0 Tipi di computer 3.0 Componenti di base di un personal computer 4.0 Hardware

Dettagli

Argomenti Microsoft Word

Argomenti Microsoft Word Argomenti Microsoft Word Primi passi con un elaboratore di testi Aprire un programma d elaborazione testi. Aprire un documento esistente, fare delle modifiche e salvare. Creare un nuovo documento e salvarlo.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2015-2016 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Francesco Battini

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

IIS D ORIA - PROGRAMMAZIONE per UFC INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - PROGRAMMAZIONE per UFC INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC 1 STRUTTURA E NORMATIVE 2 IL SISTEMA OPERATIVO 3 TESTI, IPERTESTI E PRESENTAZIONI 4 LE RETI TELEMATICHE E INTERNET 5 IL FOGLIO DI CALCOLO EXCEL 6 BASI DI PROGRAMMAZIONE TIPOLOGIA VERIFICHE.

Dettagli

PROGRAMMA FINALE A.S. 2015/16 CLASSE 1^ A AFM Prof. FILIPPI PAOLO INFORMATICA

PROGRAMMA FINALE A.S. 2015/16 CLASSE 1^ A AFM Prof. FILIPPI PAOLO INFORMATICA PROGRAMMA FINALE A.S. 2015/16 CLASSE 1^ A AFM Prof. FILIPPI PAOLO INFORMATICA MODULO 1: CONCETTI INFORMATICI DI BASE U.D.1 - Concetti generali. Informatica Comunicazione uomo-macchina Informazioni, dati

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 28 marzo 2003 Testo A

PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 28 marzo 2003 Testo A PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 28 marzo 2003 Testo A 1) La memoria di un calcolatore si divide in: a) Superiore e inferiore. b) Di uscita e di ingresso c) Centrale e secondaria.

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015 CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING MODULO HARDWARE 1. Che cos è il PC - Gli elementi del computer- Unità centrale:uc-alu- RAM - La memorizzazione delle informazioni:bit-byte. Sistemi

Dettagli

Progetto didattico Ano scolastico 2006/2007

Progetto didattico Ano scolastico 2006/2007 Classi Progetto didattico Ano scolastico 2006/2007 Insegnante: Prof. Rosario Berardi L informatica svolge ormai un ruolo decisivo nella società attuale, pertanto il suo inserimento nel processo formativo

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S.

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S. ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S. 2014/2015 Materia: Informatica Classe (docente) 1^BLSA - Prof. Musumeci

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password.

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Uso del computer e gestione dei file Primi passi col computer Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Spegnere il computer impiegando la procedura corretta.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: CONCETTI DI BASE DELLA TECNOLOGIA INFORMATICA 1.1. Concetti elementari di informatica Algoritmo, Dato, Informazione Campi di applicazione e classificazione

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3 Corso per iill conseguiimento delllla ECDL ((Paatteenttee Eurropeeaa dii Guiidaa deell Computteerr)) Modullo 2 Geessttiionee ffiillee ee ccaarrtteellllee Diisspenssa diidattttiica A curra dell ssiig..

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE PRIMO BIENNIO - Anno scolastico: 2013/2014

PIANO DI LAVORO ANNUALE PRIMO BIENNIO - Anno scolastico: 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE PRIMO BIENNIO - Anno scolastico: 2013/2014 Materia: TECNOLOGIE INFORMATICHE Docenti: Riccardo Sara Macrì Maria Teresa Compresenza: Ore in compresenza: 2 Testo in uso: Flavia Lughezzani,

Dettagli

Compito di Tecnologie Informatiche Classe 1F 31/10/2013

Compito di Tecnologie Informatiche Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 28/11/2013 1- Associa ad

Dettagli

CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA

CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA La pervasività dell informatica e il suo essere ormai indispensabile nella vita quotidiana hanno reso necessario l

Dettagli

Programma di Informatica 1ªB. Anno scolastico 2013/2014

Programma di Informatica 1ªB. Anno scolastico 2013/2014 Istituto d Istruzione Liceo Scientifico G.Bruno Muravera (CA) Programma di Informatica 1ªB Anno scolastico 2013/2014 Docente Prof. ssa Barbara Leo Libri di Testo e Materiali didattici Si sono utilizzati

Dettagli

PRESENTAZIONI MULTIMEDIALI

PRESENTAZIONI MULTIMEDIALI PRESENTAZIONI MULTIMEDIALI Che cos è una presentazione Una presentazione è la narrazione di un tema complesso svolta con l aiuto del computer attraverso unità di contenuto più semplice, le slide o diapositive.

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 /MOS http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 Descrizione sintetica IC 3 è un Programma di Formazione e Certificazione Informatica di base e fornisce

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Disciplina: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Classi: IC IE - IF

Disciplina: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Classi: IC IE - IF Programmazione modulare Indirizzo: BIENNIO Disciplina: TECNOLOGIE INFORMATICHE Classi: IC IE - IF Ore settimanali previste: 3 (1 ora Teoria - 2 ore Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso al 1: conoscenza

Dettagli

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice.

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice. LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre delle funzionalità avanzate delle calcolatrici scientifiche e statistiche. È possibile

Dettagli

&RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD. Microsoft Word. Tutorial

&RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD. Microsoft Word. Tutorial &RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD Microsoft Word Tutorial Sommario Introduzione Formattazione del documento Formattazione della pagina Layout di pagina particolari Personalizzazione del documento Integrazione

Dettagli

Germano Pettarin ECDL Modulo 1 Concetti di base delle tecnologie ICT

Germano Pettarin ECDL Modulo 1 Concetti di base delle tecnologie ICT Germano Pettarin ECDL Modulo 1 Concetti di base delle tecnologie ICT E-book per la preparazione all ECDL Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 1: Concetti di base 2 Modulo 1 Concetti base

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

Programma Scuola Primaria EIPASS JUNIOR

Programma Scuola Primaria EIPASS JUNIOR Programma Scuola Primaria EIPASS JUNIOR Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali di base in soggetti in età scolare (8-13 anni) rappresentano, a tutt oggi, una fra

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

I.T.A. EMILIO SERENI ROMA Programma svolto Anno Scolastico 2014/2015

I.T.A. EMILIO SERENI ROMA Programma svolto Anno Scolastico 2014/2015 I.T.A. EMILIO SERENI ROMA Programma svolto Anno Scolastico 2014/2015 Disciplina: TECNOLOGIE INFORMATICHE Classe:1 D Docenti: Prof. Silvio Mastrantoni Prof. Pietro Mndo MODULO I :FONDAMENTI DIINFORMATICA

Dettagli

Disciplina informatica Uso di Excel

Disciplina informatica Uso di Excel Disciplina informatica Uso di Excel Mario Gentili Definizione Il foglio elettronico, conosciuto anche come foglio di calcolo, è una griglia di caselle all interno delle quali possono essere inseriti non

Dettagli

Richiami di informatica e programmazione

Richiami di informatica e programmazione Richiami di informatica e programmazione Il calcolatore E una macchina usata per Analizzare Elaborare Collezionare precisamente e velocemente una grande quantità di informazioni. Non è creativo Occorre

Dettagli

Operazioni di base per l inserimento del testo

Operazioni di base per l inserimento del testo Office automation dispensa n.2 su Word Pagina 1 di 13 Operazioni di base per l inserimento del testo Usando un elaboratore di testi è consigliabile seguire alcune regole di scrittura che permettono di

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione Il è finalizzato a elevare il livello di competenza nell utilizzo del computer, del pacchetto Office e delle principali funzionalità di Internet. Il percorso formativo si struttura in 7 moduli Concetti

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

- 1 - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO DI TRIVENTO E ROCCAVIVARA ANNO SCOLASTICO 2008/2009

- 1 - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO DI TRIVENTO E ROCCAVIVARA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 - 1 - PROGETTO INFORMATICA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO DI TRIVENTO E ROCCAVIVARA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 I referenti del progetto Prof. Torrrisi Giovanni Prof.ssa Nucciarone Fiorella Istituto

Dettagli

PROGRAMMA CORSI DI INFORMATICA

PROGRAMMA CORSI DI INFORMATICA PROGRAMMA CORSI DI INFORMATICA Kreativa realizza corsi di informatica di base e corsi di office di diversi livelli, per utenti privati, dipendenti e aziende CORSO INFORMATICA DI BASE PER AZIENDE Modulo

Dettagli

Corso di: ECDL Core full 7 moduli

Corso di: ECDL Core full 7 moduli PROGRAMMA Corso di: ECDL Core full 7 moduli MODULO 1 Concetti di base dell ICT Information technology Hardware Introduzione all ICT e definizioni Tipologie e prestazioni di un computer Componenti principali

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Excel 2010 Base I edizione

Excel 2010 Base I edizione Excel 2010 Base I edizione Fondazione IRCCS - Policlinico San Matteo - Pavia Anno formativo 2015 Luigi Santangelo luigi.santangelo@gmail.com Concetti di base Hardware: componenti tangibili Unità centrale

Dettagli

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Cenni preliminari... 1 Elementi sullo schermo... 2 Creazione di una cartella di lavoro... 3 Utilizzo di celle e intervalli... 3 Gestione della cartella

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Corsi base di informatica

Corsi base di informatica Corsi base di informatica Programma dei corsi Il personal computer e Microsoft Windows 7 (15h) NB gli stessi contenuti del corso si possono sviluppare in ambiente Microsoft Windows XP I vari tipi di PC

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico Parte 6 Fogli Elettronici: MS Excel Elementi di Informatica - AA. 2008/2009 - MS Excel 0 di 54 Foglio Elettronico Un foglio elettronico (o spreadsheet) è un software applicativo nato dall esigenza di:

Dettagli