Manifesto GRIN dell Informatica nella Scuola. Informatica nei licei: l aspetto culturale. Dal Rapporto AICA sull Informatica nei Licei.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manifesto GRIN dell Informatica nella Scuola. Informatica nei licei: l aspetto culturale. Dal Rapporto AICA sull Informatica nei Licei."

Transcript

1 Manifesto GRI dell Informatica nella Scuola. Informatica nei licei: l aspetto culturale. Didamatica 2011, Workshop Informatica nella Scuola Superiore, Torino, maggio 2011 Elio Giovannetti Dipartimento di Informatica Università di Torino I tre aspetti: 1. Operativo: un insieme di applicazioni e manufatti. 2.Tecnologico: una tecnologia che realizza quelle applicazioni. 3. Culturale: una disciplina scientifica che fonda e rende possibile quella tecnologia. 25/05/ E. Giovannetti Dal Rapporto AICA sull Informatica nei Licei. Liceo in genere: approfondisce gli aspetti concettuali anche (o forse soprattutto) trasversali rispetto alle altre discipline, [ ] inquadrandoli in un contesto epistemologico più ampio; approfondisce inoltre le capacità operative fino al livello di un utente evoluto non professionale. Liceo tecnologico (ora Scienze Applicate): oltre a quanto detto per il liceo in genere, il liceo tecnologico trasferisce l applicazione dei principi scientifici, dei metodi e delle tecniche tipici dell informatica alla produzione di un qualsiasi bene o servizio. Dal Rapporto AICA sull Informatica nei Licei. Triennio Il programma dovrebbe essere finalizzato ad un taglio conoscitivo e non solo operativo, alla conoscenza e non solo alla competenza. Tuttavia, per fissare i concetti, è necessario sviluppare in laboratorio esempi ed applicazioni suggeriti dall esperienza operativa che lo studente sta sperimentando o ha acquisito in altre discipline. Il taglio essenzialmente culturale degli studi liceali suggerisce di introdurre soprattutto gli aspetti concettuali per cui non è possibile ignorare (con richiami dalla storia della matematica e della filosofia) che i principali risultati sulla definizione di calcolo effettivo e sulla determinazione dei limiti della calcolabilità sono stati tutti ottenuti prima della costruzione del primo computer. 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti Aspetto culturale dell informatica. Sommario Elementi a cui è rivolto il presente contributo: aspetti concettuali trasversali rispetto alle altre discipline; inquadramento in un contesto epistenologico più ampio; richiami alla storia della matematica e della filosofia; finalizzazione alla conoscenza oltre che alla competenza. 1. Programmazione e algoritmica. 2. Informatica per capire la matematica. 3. Informatica e filosofia. 4. Informatica e lingua. e per finire qualche ricordo storico. 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti

2 1. Programmazione e algoritmica. 25/05/ E. Giovannetti : Tutti d accordo sul suo ruolo centrale.. Scrivere un programma che soddisfa ad una data specifica (cioè che risolve un dato tipo di problemi) equivale, in un senso tecnico ben preciso, a trovare una dimostrazione (costruttiva) di un teorema della forma input. output. R(input, output) dove R è la relazione che si richiede valga fra input e output. La programmazione è simile, nel suo piccolo, all attività di un grande matematico che riesce a dimostrare una congettura: è un attività non meccanica, che richiede una disciplinata creatività. Scrivere un programma che risolve un problema algoritmico richiede quindi capacità analoghe a quelle occorrenti per risolvere un problema di geometria euclidea. Programming is mathematics made real. 25/05/ E. Giovannetti Suggerimenti per curriculum. on più o non solo programmini per risolvere equazioni o sistemi, per calcolare le cifre di, disegnare grafici di funzioni, ecc.; invece: Semplici problemi algoritmici attraverso cui sviluppare le tecniche di programmazione iterativa e ricorsiva: algoritmi elementari su sequenze (massimo, media, ricerca, ecc.), algoritmi di ordinamento, ecc.; ricorsione; tecniche algoritmiche; connessione con le Olimpiadi Regionali di Informatica; Approccio per problemi, più motivante per gli studenti: esempio banale: partire dal problema della ricerca del percorso migliore fra due località invece che da una teoria generale dei grafi, ecc. 25/05/ E. Giovannetti Da discutere. La programmazione oggi non è solo problem solving. È anche, in misura rilevante, astrazione e modellazione: dominanza del paradigma a oggetti e dei linguaggi di programmazione a oggetti. I più diffusi linguaggi a oggetti sono sintatticamente e semanticamente complessi e non didattici. egli stessi corsi di laurea in informatica, in Italia e nel mondo, la bontà dell approccio objects first, da molti adottata, è ancora dibattuta: è recente la decisione della CMU di eliminare la programmazione a oggetti dai corsi introduttivi. La questione: introdurre sottoinsiemi ristretti di costrutti sintattici e di concetti object-oriented, o rinunciarvi del tutto? 25/05/ E. Giovannetti Informatica e matematica costruttiva. 2. Informatica per capire la matematica. Approccio costruttivo e tendenzialmente anti-platonista. Che cosa sono i numeri naturali? (non sono i numerali!) Che cos è una funzione? (concezione intensionale vs. concezione estensionale) Che cos è un numero reale? (è un ente ideale infinito!) Che cos è un sistema assiomatico? 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti

3 Che cosa sono i numeri naturali? ell insegnamento scolastico della matematica il carattere astratto della nozione di numero viene solitamente dato per scontato. Eppure l identificazione dei numeri con le loro rappresentazioni decimali è molto diffusa presso gli studenti di ogni ordine e grado di scuola, nonché nella società, anche presso le persone colte. Uno dei contributi formativi minimi dell informatica nei confronti della matematica nella scuola media e/o nel biennio dei licei è quindi proprio una riflessione su che cosa sono i numeri naturali. Tale argomento riguarda quindi da una parte una nozione di base per l informatica, come quella di bit e sistema binario, dall altra riguarda in modo essenziale una comprensione della matematica che dovrebbe essere patrimonio di tutti. Sistemi di numerazione. La numerazione binaria, con i suoi due soli simboli, è percettivamente troppo lontana da quella decimale per essere il primo o unico esempio di base diversa da 10. È quindi opportuna l introduzione di una numerazione come l ottale, inquadrata in una riflessione sulla natura dei numeri naturali che parta contemporaneamente da: la loro rappresentazione unaria (come tacche su un preistorico bastone o osso, o come sassolini, ecc.); la nozione di cardinale come astrazione emergente dalla corrispondenza biunivoca fra distinti raggruppamenti (oggi diremmo insiemi) di oggetti. 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti Inoltre: Rappresentazione unaria: far capire come la nozione di numero naturale di grandezza arbitraria si forma nel pensiero umano attraverso l idealizzazione della iterabilità illimitata del gesto primordiale dell incidere una tacca su un osso, cioè dell operazione di successore, e come alcuni gruppi umani primitivi non abbiano compiuto tale passo. umero cardinale come astrazione: ricordare come alcune lingue primitive abbiano serie numerali diverse a seconda del tipo di oggetti da contare; come persino nel giapponese moderno i nomi dei numeri siano accompagnati da suffissi diversi a seconda del tipo di oggetti (lunghi e sottili, oppure piatti, animali esclusi gli uccelli, uccelli, spade giapponesi, ecc.). Sistemi di numerazione e lingua. Scusa, duemila è un numero tondo : scriverlo in ottale come 3720 è artificioso! Far capire che una numerazione in base diversa da 10 sembra difficile da usare perché i nomi stessi dei numeri nelle nostre lingue riflettono tale base (con parziali eccezioni nel francese e nel danese). Se la specie Homo sapiens fosse stata dotata di 8 dita, anche i nomi dei numeri sarebbero ovviamente diversi. Si possono, prima di far esercitare i ragazzi nell aritmetica ottale, inventare per gioco nuovi nomi per i numeri (ad es. ottouno, ottodue, duottitre, quattrotticinque, ) 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti umeri razionali Prof, il risultato lo vuole come frazione o come numero? Rappresentazione dei numeri razionali in diverse basi, per far capire come frazione e numero con la virgola limitato o periodico siano solo modi diversi di rappresentare una stessa entità. Aiutare tale comprensione della matematica citando il fatto che la rappresentabilità di un razionale come numero con la virgola finito dipende dalla base. Mostrare come per tale ragione nell uso del computer possano sorgere elementari problemi di approssimazione (si può ad esempio far vedere come il semplice calcolo di possa non produrre esattamente 0.3). Ciò aiuta a chiarire l idea-base di numero razionale come coppia di numeri, come rapporto. 25/05/ E. Giovannetti Quanto sono reali i numeri reali? Far capire che un numero irrazionale, se dal punto di vista della geometria euclidea è semplicemente un rapporto fra grandezze (diagonale e lato di un quadrato, circonferenza e raggio), dal punto di vista aritmetico è un entità infinita. Mostrare che tutti i numeri reali singoli con cui si ha a che fare al liceo sono reali calcolabili, cioè c è un procedimento meccanico (algoritmo) per calcolare le loro successive cifre; in tale cornice acquista valore formativo anche la scrittura di un programma per il calcolo di o della radice quadrata: il carattere finito di un reale calcolabile sta quindi nella descrizione finita dell algoritmo che lo genera. Accennare al fatto che tuttavia quasi tutti i numeri reali sono non calcolabili, e tuttavia quasi tutti non indicabili con un nome o una definizione linguistica, tanto è vero che risulta impossibile, al liceo, designarne uno. 25/05/ E. Giovannetti

4 Funzioni. ei libri di testo di matematica per i licei vi è spesso confusione fra le definizioni estensionale e intensionale di funzione. L informatica può aiutare a chiarire la differenza fra i due concetti, e mostrare che tutte le funzioni che si studiano al liceo sono calcolabili: in questa cornice ha un senso anche la realizzazione di semplici programmi per il calcolo o lo studio di funzioni. Per contrasto, tale studio può gettare una luce sulla nozione moderna di funzione e sul carattere altamente ideale non computabile di tale nozione. La funzione che vale 0 sui razionali e 1 sugl irrazionali? Sistemi assiomatici. La nozione esplicita di sistema assiomatico è quasi del tutto assente nell insegnamento liceale, benché quesiti della maturità riguardanti le geometrie non euclidee vi abbiano fatto riferimento. La visione della deduzione come calcolo può aiutare a capire la portata di tale nozione, eventualmente anche attraverso l uso concreto di semplici strumenti software di deduzione automatica (come la sperimentazione con elementari programmi Prolog). Vedansi connessioni con la filosofia. 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti Suggerimenti per un curriculum. Sistemi di numerazione. Rappresentazione dei numeri nel calcolatore. Sperimentazione con programmi numerici. Programmazione di funzioni. Elementi di logica e quiz logici. 3. Informatica e filosofia. 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti Informatica e storia del pensiero. La nozione e la pratica del calcolo, sia aritmetico che logico, e la sua stretta connessione con i modi di rappresentazione (strutture-dati), attraversa tutta la storia dell umanità: dall algoritmo di Euclide, alla notazione posizionale e agli algoritmi per le 4 operazioni, ecc.; dai sillogismi di Aristotele, al ragionare non è nient altro che fare dei calcoli con le proposizioni invece dei numeri di Hobbes, al Calculemus! dell ottimista Leibniz, alle leggi del pensiero di Boole, all Ideografia di Frege, fino alla moderna logica formale e alla dimostrazione assistita da computer. Dall abaco alle calcolatrici di Pascal, di Leibniz, fino alla macchina analitica di Babbage, alla macchina astratta di Turing, al modello di von eumann 25/05/ E. Giovannetti Informatica e pensiero del 900. Come ricordato anche nel rapporto AICA: La nozione di calcolabilità, centrale per l informatica, trova la sua definizione rigorosa in connessione con il programma formalista di Hilbert e con i risultati negativi di Gödel. La nascita dell informatica è perciò strettamente legata alle rivoluzioni scientifiche e filosofiche del 900: la nascita della logica formale, Wittgenstein, il neopositivismo, la svolta linguistica che mette il linguaggio al centro della speculazione filosofica. Lo sviluppo dell informatica teorica è intrecciato con quello della moderna teoria della dimostrazione. Occorre quindi mettere in evidenza come nel 900 l unità fino ad allora solo intuita fra calcoli numerici e calcoli logici venga pienamente trovata nella nozione di calcolabilità. 25/05/ E. Giovannetti

5 Che cos è la verità? (P. Pilato) La nozione di valore di verità o booleano, che a matematici, logici e informatici sembra ovvia, è molto difficile da acquisire. e è testimone la difficoltà che hanno molti studenti del primo anno a capire che possono scrivere direttamente, ad es., return a > b invece di if(a >b) return true else ecc. Appunto la pratica della programmazione è essenziale per cogliere tale riduzione, operata da Boole, del concetto di verità nell ambito della logica proposizionale: materialmente la verità come segnale alto o basso dentro un componente elettronico. Matematica formale come business. Certificazioni di correttezza di programmi ottenute con l ausilio di proof assistants: pezzi di matematica formale incorporati in prodotti commerciali. Scriveva a tal proposito Gérard Huet nel 2006: most industrial, commercial, financial, legal, transportation, health, food, information, etc processes use sophisticated information systems, whose correct and safe operation can only be established through formal verifications [ ] The endeavour of formal mathematics is a booming business: bank consortia are paying dear money for the production of formal mathematics. 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti Informatica e pensiero contemporaneo. Teoremi le cui dimostrazioni, ottenute con l ausilio del calcolatore, non possono essere controllate dall uomo nei dettagli. Dunque la verità matematica sembra poter dipendere dalle teorie fisiche su cui sono basati i computer. La logica, che è l a-priori della matematica e di ogni scienza, viene così a essere dipendente dalla fisica, in un circolo vizioso? Cosa succede se la teoria fisica è la meccanica quantistica? Su questi problemi vedasi ad esempio il libro: Gabriele Lolli La Macchina e le dimostrazioni. 25/05/ E. Giovannetti Informatica e pensiero contemporaneo. Visioni computazionali del mondo (ad es. Chaitin): una teoria scientifica è un programma matematico che calcola i fatti, e il programma più corto è il migliore ; comprendere è comprimere ; l universo è un grande calcolatore; L approccio computazionale alla biologia (il DA come programma), i suoi successi, le sue prospettive (simulazione in silico di processi biologici, DA-computing, ecc.) Vs. critica della ragione informatica, in particolare in fisica e in biologia, di Giuseppe Longo e della scuola epistemologica di Parigi: lasciare da parte i miti di un universo computazionale, di cervelli digitali, programmi genetici ecc., ridicole letture del mondo sulla base dell ultima tecnologia disponibile, come ieri la meccanica e poi la macchina a vapore. Vedi slide seguente. 25/05/ E. Giovannetti Determinismo e indeterminismo: fisica, filosofia, informatica. La fisica classica è deterministica: paradigma di Laplace. Poincaré e caos deterministico : sensibilità alle condizioni iniziali, proprietà puramente matematica; poiché il valore di una grandezza, anche in fisica classica, non è un numero reale ma un intervallo risultato di una misura, ne consegue l impredicibilità dei sistemi caotici (la non-definizione delle condizioni iniziali al di sotto dell intervallo di precisione della misura non è eliminabile). Il computer è una macchina deterministica e i valori sono discreti, quindi precisi: con le stesse condizioni iniziali la traiettoria del sistema è la stessa. Quindi la simulazione al computer di un sistema caotico non modella la realtà; tuttavia la può imitare (numeri pseudo-casuali, ecc.), ed è indispensabile. Esempio ben noto: le previsioni meteo. Anche: generazione quantistica di numeri davvero casuali. 25/05/ E. Giovannetti Suggerimenti per il curriculum Sviluppo di semplici programmi per algoritmi storici dell antichità: Euclide, il crivello di Eratostene. Semplici programmi Prolog, a partire dai noti sillogismi.. otazione posizionale e nozione di logaritmo: un esempio elementare dell importanza della rappresentazione usata. Ricerca sequenziale e ricerca binaria, e confronto fra andamento logaritmico e andamento lineare. Una definizione generale di calcolabilità. ozioni di logica formale e di sistema assiomatico, con riferimento alla geometria. Uso di proof assistants?? Logica classica e logica costruttiva, qualche esempio: esiste uno studente tale che, se passa lui la maturità, la passano tutti, cioè x. (P(x) y.p(y)); peccato che l unica dimostrazione possibile sia non costruttiva 25/05/ E. Giovannetti

6 L informatica per capire la lingua. Il carattere cinese per albero Alberi ovunque. 4. Informatica e lingua. Alberi sintattici per le lingue naturali. Albero di un espressione aritmetica. Alberi per la sintassi dei linguaggi di programmazione. Struttura ad albero di un documento HTML. 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti Albero sintattico: significato 1. F Albero sintattico: significato 2. F S SV S SV VT S Complemom VT S ComplemVer Pr Art Co Pr Art Co Prep Co Prep Co Mario guarda la ragazza col binocolo. Mario guarda la ragazza col binocolo. 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti Sfruttare possibilità impreviste dello strumento. L elaborazione di testo aiuta a imparare un ortografia corretta (ad es. la differenza fra accento acuto e accento grave) e una composizione tipografica decente. Google può essere uno strumento per consultare un corpus di una lingua straniera. Esempio: La rete come gigantesca biblioteca di Babele Per finire, informatica e storia d Italia 25/05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti

7 Per finire, nell anniversario dell Unità d Italia ricordiamo Luigi Menabrea Presidente del Consiglio del Regno d Italia (Chambéry ) ingegnere, scienziato, generale, professore all Università di Torino Da fonte Wikipedia: el 1840 si svolse a Torino presso l Accademia delle Scienze il secondo Congresso degli Scienziati italiani, invitati dal re Carlo Alberto. Attirato dal prestigio e dalla notorietà dell Accademia delle Scienze sabauda, al congresso partecipò anche Babbage, che presentò per la prima volta ad un pubblico scientifico il suo progetto di macchina analitica, equivalente meccanico (benché allora non costruito) dei moderni calcolatori. 25/05/ E. Giovannetti Luigi Menabrea e La presentazione appassionò gli scienziati italiani e proseguì in seminari ristretti. In particolare, Luigi Menabrea si dedicò successivamente a una descrizione del progetto di Babbage che pubblicò in francese nel 1842 presso la "Bibliothèque Universelle de Genève", in quello che può essere considerato il primo lavoro scientifico nella disciplina dell'informatica: "otions sur la machine analytique de Charles Babbage". L articolo suscitò l interesse di Ada Lovelace, figlia del famoso poeta Byron. Fra Menabrea e Ada si instaurò una corrispondenza, in cui i due si scambiarono idee e sogni sulle possibilità delle macchine analitiche; Ada, su incitamento di Menabrea, tradusse in inglese l articolo di questi, ampliandolo con le sue note, più lunghe dell articolo originale stesso. 25/05/ E. Giovannetti Ada Byron Lovelace: il primo programmatore della storia! el suo articolo, pubblicato nel 1843, Ada descriveva la macchina come uno strumento programmabile e, con incredibile lungimiranza, prefigurava il concetto di intelligenza artificiale, spingendosi ad affermare che la macchina analitica sarebbe stata cruciale per il futuro della scienza, anche se non riteneva che la macchina potesse divenire pensante similmente agli esseri umani. ota. Anche il giovane Cavour, nel suo viaggio a Londra del 1835, aveva conosciuto Babbage e ad una cena a casa di questi aveva incontrato Ada Byron. (Fonte: Rosario Romeo, Vita di Cavour, Laterza 1984) 25/05/ E. Giovannetti A L articolo di Menabrea Già nell articolo di Menabrea si utilizzava, per descrivere il funzionamento della macchina, una scrittura simbolica simile a un linguaggio di programmazione. La tabella in cui è descritta, a titolo di esempio, la sequenza di operazioni che la macchina deve eseguire per risolvere un sistema lineare di due equazioni in due incognite è identica strutturalmente a un foglio contenente la descrizione dei medesimi calcoli fatta usando il linguaggio di programmazione Bell disponibile per il calcolatore IBM 650. Menabrea individua chiaramente il fatto che un istruzione deve contenere due informazioni: una sulla operazione da eseguire, e una sugli operandi coinvolti; e questi ultimi sono indicati con il nome "variabili" nel senso dato a questo termine dall Informatica. 25/05/ E. Giovannetti fino alla storia dell Olivetti Due note citazioni, riportate da Luciano Gallino in La scomparsa dell Italia industriale : el campo dell elettronica, ove soltanto le più grandi fabbriche americane hanno da anni la precedenza, lavoriamo metodicamente da quattro anni dedicandoci ad un ramo nuovo. Una nuova sezione di ricerca potrà sorgere nei prossimi anni per sviluppare gli aspetti scientifici dell elettronica [ ] oi non potremo essere assenti da questo settore per molti aspetti decisivo. Adriano Olivetti, Conclusione L informatica nei licei potrebbe essere non solo strumento tecnico trasversale, ma anche disciplina di elevato valore formativo, in dialogo soprattutto con la matematica e con la filosofia, ma anche con l italiano, le lingue, la biologia. on si tratta di un compito facile, ma forse ne vale la pena. la società di Ivrea è strutturalmente solida e potrà superare il suo momento critico. Sul suo futuro pende però una minaccia, un neo da estirpare: l essersi inserita nel settore elettronico, per il quale occorrono investimenti che nessuna azienda italiana può affrontare. Vittorio Valletta, /05/ E. Giovannetti /05/ E. Giovannetti

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1. Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio

Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1. Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1 Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio PROGRAMMAZIONE INIZIALE DI MATEMATICA Classe 1 sez. F - anno scolastico 2013-2014

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Fondamenti di Informatica Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Perché studiare informatica? Perché l informatica è uno dei maggiori settori industriali, e ha importanza strategica Perché, oltre

Dettagli

Olimpiadi di Problem Solving: dalla scuola primaria alla secondaria

Olimpiadi di Problem Solving: dalla scuola primaria alla secondaria Olimpiadi di Problem Solving: dalla scuola primaria alla secondaria Giorgio Casadei e Antonio Teolis Dipartimento di Scienze dell Informazione Università di Bologna Viene descritto il progetto del MIUR

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione I linguaggi di alto livello Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione Introduzione alla programmazione Caratteristiche dei linguaggi di programmazione I linguaggi di programmazione di alto

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Computabilità e Macchine di Turing Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

E una notazione per descrivere gli algoritmi.

E una notazione per descrivere gli algoritmi. Linguaggio di Programmazione E una notazione per descrivere gli algoritmi. Programma:: e la rappresentazione di un algoritmo in un particolare linguaggio di programmazione. In generale, ogni linguaggio

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira Appunti del corso 1 Introduzione all informatica: algoritmi, linguaggi e programmi Indice 1. Introduzione 2. Risoluzione automatica di problemi - Algoritmi

Dettagli

Contatti 2. Testo. Contatti. Maria Chiara Laghi, Ph.D Dip. Ingegneria dell Informazione. tel. 0521 905712 e-mail laghi@ce.unipr.it

Contatti 2. Testo. Contatti. Maria Chiara Laghi, Ph.D Dip. Ingegneria dell Informazione. tel. 0521 905712 e-mail laghi@ce.unipr.it Contatti 2 Maria Chiara Laghi, Ph.D Dip. Ingegneria dell Informazione tel. 0521 905712 e-mail laghi@ce.unipr.it Pagina web del corso http://www.ce.unipr.it/people/laghi/informaticasg2012 a.a. 2011/2012

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

Problemi, Algoritmi e Programmi

Problemi, Algoritmi e Programmi MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Problemi, Algoritmi e Programmi Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Introduzione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 7 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA INDIRIZZO AFM, RIM, SIA CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alemagna, Bartalotta, Bergamaschi, Mangione NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE I

Dettagli

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Fondamenti di Informatica

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Fondamenti di Informatica Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Linguaggi di Programmazione Michele Tomaiuolo Linguaggi macchina I

Dettagli

Le Olimpiadi di Problem Solving:

Le Olimpiadi di Problem Solving: Informatica nel primo ciclo Le Olimpiadi di Problem Solving: perché,, cosa, come, chi, quando 1 Le Olimpiadi di Problem Solving: perché. Nella scuola italiana, la percezione della Informatica non è adeguata;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 CURRICOLO DI MATEMATICA classi prime, seconde e terze Riferimenti alle INDICAZIONI NAZIONALI: PECUP - Obiettivi formativi OSA -Obiettivi specifici di apprendimento

Dettagli

Apprendere al volo con il metodo analogico!

Apprendere al volo con il metodo analogico! Chiavari, 16 novembre 2013 Apprendere al volo con il metodo analogico! dott.ssa Zara Mehrnoosh pedagogista e vicepresidente O.S.Dislessia ONLUS Il 20% circa degli studenti incontrano difficoltà nella matematica

Dettagli

Il cervello è un computer?

Il cervello è un computer? Corso di Intelligenza Artificiale a.a. 2012/13 Viola Schiaffonati Il cervello è un computer? Definire l obiettivo L obiettivo di queste due lezioni è di analizzare la domanda, apparentemente semplice,

Dettagli

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Docente: Frank Ilde Materia: Matematica Classe: 1^ASA 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare negli insiemi numerici N, Z, Q, calcolare espressioni,

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Informatica Generale Anno Accademico 2000-2001

Informatica Generale Anno Accademico 2000-2001 Informatica Generale Anno Accademico 2000-2001 Corso di Laurea in Economia e Commercio Informazioni Generali Ricevimento: Mercoledì 15.00-17.00 Libri di "riferimento": C. Gallo, Informatica Generale ed

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

Intelligenza Artificiale (lucidi lezione introduttiva)

Intelligenza Artificiale (lucidi lezione introduttiva) Intelligenza Artificiale (lucidi lezione introduttiva) Prof. Alfonso Gerevini Dipartimento di Elettronica per l Automazione Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Brescia 1 Che cosa è l Intelligenza

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

All attenzione del DIRIGENTE. Con preghiera di diffusione agli Istituti di Istruzione Superiore di II grado

All attenzione del DIRIGENTE. Con preghiera di diffusione agli Istituti di Istruzione Superiore di II grado MIUR UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CALABRIA DIREZIONE GENERALE - UFFICIO III CATANZARO LIDO (CZ) All attenzione del DIRIGENTE Angela Riggio Rende 24/2/2015 Con preghiera di diffusione agli Istituti

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA Scopo del modulo Conoscere alcuni concetti fondamentali dell informatica:algoritmo, l automa, linguaggio formale Essere in grado di cogliere l intreccio tra alcuni risultati della

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

Mestre 7/6/2012 Prof. Mauro Martignon Prof. Martina Zuccon Per gli studenti

Mestre 7/6/2012 Prof. Mauro Martignon Prof. Martina Zuccon Per gli studenti Programma di Informatica svolto nella classe 1C del Liceo Scientifico G.Bruno anno scolastico 2011-12. Obiettivi generali dell informatica; caratteristiche fondamentali di un computer; hardware e software,

Dettagli

Tipologie di macchine di Turing

Tipologie di macchine di Turing Tipologie di macchine di Turing - Macchina di Turing standard - Macchina di Turing con un nastro illimitato in una sola direzione - Macchina di Turing multinastro - Macchina di Turing non deterministica

Dettagli

Algoritmi Euristici. Corso di Laurea in Informatica e Corso di Laurea in Matematica. Roberto Cordone DI - Università degli Studi di Milano

Algoritmi Euristici. Corso di Laurea in Informatica e Corso di Laurea in Matematica. Roberto Cordone DI - Università degli Studi di Milano Algoritmi Euristici Corso di Laurea in Informatica e Corso di Laurea in Matematica Roberto Cordone DI - Università degli Studi di Milano Lezioni: Mercoledì 08.30-10.30 Venerdì 08.30-10.30 Ricevimento:

Dettagli

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Informatica Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Sistemi di numerazione Non posizionali: numerazione romana Posizionali: viene associato un peso a ciascuna posizione all interno della rappresentazione

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Come funziona la cognizione

Come funziona la cognizione Come funziona la cognizione Proposte per i principi della cognizione e per gli strumenti che consentono di esprimerli Devis Pantano * Draft Fino al capitolo 12 Abstract Ho sviluppato nuovi strumenti metodologici

Dettagli

Il primo teorema di incompletezza di Gödel

Il primo teorema di incompletezza di Gödel Il primo teorema di incompletezza di Gödel Stefano Nasini Dept. of Statistics and Operations Research Universitat Politécnica de Catalunya 1. Introduzione Questo documento vuole essere una spiegazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Università di Salerno Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Corso B Docente: Ing. Giovanni Secondulfo Anno Accademico 2010-2011 ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Fondamenti di Informatica Algebra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Indice - Di cosa si occupa l informatica? - Cosa sono gli algoritmi?

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

Elementi di informatica e web di Guido Fusco

Elementi di informatica e web di Guido Fusco Presentazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Facoltà di Sociologia Corso di laurea in culture digitali e della comunicazione http://www.corso-informatica-web.com/ Obiettivi del corso 1 ELEMENTI

Dettagli

Complessità computazionale degli algoritmi

Complessità computazionale degli algoritmi Complessità computazionale degli algoritmi Lezione n. 3.bis I precursori dei calcolatore Calcolatore di Rodi o di Andikithira 65 a.c. Blaise Pascale pascalina XVII secolo Gottfried Leibniz Joseph Jacquard

Dettagli

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi LOGICA E LINGUAGGIO Caserta, 2 febbraio 2 Dott. Michele Bovenzi Una breve introduzione La logica nasce nell antichità come disciplina che studia i principi e le regole del ragionamento, ne valuta la correttezza

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Fasi di creazione di un programma

Fasi di creazione di un programma Fasi di creazione di un programma 1. Studio Preliminare 2. Analisi del Sistema 6. Manutenzione e Test 3. Progettazione 5. Implementazione 4. Sviluppo 41 Sviluppo di programmi Per la costruzione di un programma

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

INFORMATICA 1 L. Mezzalira

INFORMATICA 1 L. Mezzalira INFORMATICA 1 L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software del modello

Dettagli

EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION

EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION remond@di.unito.it Department of Computer Science University

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

Interpretazione astratta

Interpretazione astratta Interpretazione astratta By Giulia Costantini (819048) e Giuseppe Maggiore (819050) Contents Interpretazione astratta... 2 Idea generale... 2 Esempio di semantica... 2 Semantica concreta... 2 Semantica

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Documento unico di Dipartimento

Documento unico di Dipartimento I.S. STATALE Via Luigi Galvani n 5-95024 Acireale (CT) Tel/Fax 095 7633724 Documento unico di Dipartimento Dipartimento di: Informatica & Matematica Anno Scolastico: 2012/2013 Coordinatore: prof. Salvatore

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI

Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI Docente Materia Classe Mugno Eugenio Matematica 1F Programmazione Preventiva Anno Scolastico 2012/2013 Data 25/11/2012 Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI conoscere il concetto di numero intero; conoscere

Dettagli

La sezione di Matematica della prova nazionale

La sezione di Matematica della prova nazionale La sezione di Matematica della prova nazionale Giorgio Bolondi Roma, 18 aprile 2008 Presentazione Prova Nazionale 1 Cosa può valutare? I diversi processi valutativi messi in atto dall insegnante accompagnano

Dettagli

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via B. Castiglione 59-00142 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

Risposte Test 5 Risposte Test 6 Risposte 2. Fluidità verbale Test 1 Risposte Test 2 Risposte Test 3 Risposte 3. Comprensione di brani Test 1 Risposte

Risposte Test 5 Risposte Test 6 Risposte 2. Fluidità verbale Test 1 Risposte Test 2 Risposte Test 3 Risposte 3. Comprensione di brani Test 1 Risposte INDICE 1 - Note introduttive 1. FAQ corsi Cattolica, San Raffaele e Campus Bio-Medico 2. I test psicoattitudinali 2 - Ragionamento spaziale visivo e percezione 1. Serie e analogie figurali 2. Matrici di

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il concetto di Algoritmo e di Calcolatore Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Cos

Dettagli

Breve storia del calcolo automatico

Breve storia del calcolo automatico Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Approfondimenti 01 Breve storia del calcolo automatico Marzo 2010 L architettura del calcolatore 1 Approfondimenti: Storia del calcolo automatico

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino Obiettivi minimi Informatica Prime Conoscere il sistema di numerazione binaria e la sua importanza nella codifica delle

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Anno Scolastico 2009/2010. Verbale n 1 del 01/10/2009

Anno Scolastico 2009/2010. Verbale n 1 del 01/10/2009 Anno Scolastico 2009/2010 Verbale n 1 del 01/10/2009 Oggi giovedì primo ottobre 2009 alle ore 15.00 si riunisce il coordinamento disciplinare di Matematica del biennio per discutere il seguente O.d.G.:

Dettagli

Progetto e analisi di algoritmi

Progetto e analisi di algoritmi Progetto e analisi di algoritmi Roberto Cordone DTI - Università degli Studi di Milano Polo Didattico e di Ricerca di Crema Tel. 0373 / 898089 E-mail: cordone@dti.unimi.it Ricevimento: su appuntamento

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE MATEMATICA CL SECONDA INRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO MODULO 1 : Frazioni algebriche ed equazioni fratte C1, M1, M3 Determinare il campo

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Parte I Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. del testo C (Console, Ribaudo):.,. fino a pg.6 La codifica delle informazioni Un calcolatore memorizza ed elabora informazioni

Dettagli

Francesco Biccari (biccari@gmail.com) Maria Grazia Polidoro (mariagraziapolidoro@gmail.com) 24 gennaio 2013. Prerequisiti

Francesco Biccari (biccari@gmail.com) Maria Grazia Polidoro (mariagraziapolidoro@gmail.com) 24 gennaio 2013. Prerequisiti Schema dettagliato di una lezione rivolta a una classe di studenti del secondo biennio del liceo scientifico. Argomento: Studio di funzione. Dominio, insieme di positività, simmetrie. Francesco Biccari

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

CAPITOLO 3 Previsione

CAPITOLO 3 Previsione CAPITOLO 3 Previsione 3.1 La previsione I sistemi evoluti, che apprendono le regole di funzionamento attraverso l interazione con l ambiente, si rivelano una risorsa essenziale nella rappresentazione di

Dettagli

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006 Appunti per il corso di Matematica Discreta C.S. in Informatica UNIVERSITÀ DI GENOVA A.A. 2005-2006 Gianfranco Niesi Dipartimento di Matematica URL: http://www.dima.unige.it/ niesi 4 ottobre 2005 2 Indice

Dettagli

LA NUMERAZIONE BINARIA

LA NUMERAZIONE BINARIA LA NUMERAZIONE BINARIA 5 I SISTEMI DI NUMERAZIONE Fin dalla preistoria l uomo ha avuto la necessità di fare calcoli, utilizzando svariati tipi di dispositivi: manuali (mani, bastoncini, sassi, abaco),

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE GIUSEPPE PEANO 00142 Roma - Via Francesco Morandini, 38 - XIX Distretto DIPARTIMENTO di MATEMATICA,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

187. Casualità Matematica e Metodo Monte Carlo Nicola De Nitti nicoladenitti@gmail.com

187. Casualità Matematica e Metodo Monte Carlo Nicola De Nitti nicoladenitti@gmail.com 187. Casualità Matematica e Metodo Monte Carlo icola De itti nicoladenitti@gmail.com Premessa Il concetto di probabilità, impiegato a partire dal XVII secolo, è diventato con il passare del tempo fondamentale

Dettagli

Corso di Laurea in INFORMATICA

Corso di Laurea in INFORMATICA Corso di Laurea in INFORMATICA Algoritmi e Strutture Dati MODULO 2. Algebre di dati Dati e rappresentazioni, requisiti delle astrazioni di dati, costrutti. Astrazioni di dati e dati primitivi. Specifica

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli