Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 3: Rappresentazione dei Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 3: Rappresentazione dei Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere"

Transcript

1 Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 3: Rappresentazione dei Dati Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

2 Ricapitolando I computer sanno eseguire solo un numero molto ridotto di operazioni su simboli di un dato linguaggio (i numeri binari, che vedremo). Per funzionare i computer hanno bisogno di: Un programma che li istruisca su cosa fare Dati sui quali agire Abbiamo quindi bisogno di tradurre sia i programmi che i dati in un linguaggio comprensibile al computer. Parleremo di rappresentazione e codifica dell informazione. 2

3 Gestione delle informazioni Nelle attività umane, le informazioni vengono gestite (registrate e scambiate) in forme diverse: idee informali linguaggio naturale (scritto o parlato, formale o colloquiale, in una lingua o in un altra) disegni, grafici, schemi numeri e codici e su vari supporti memoria umana, carta, dispositivi elettronici 3 Nelle attività standardizzate dei sistemi informativi complessi, sono state introdotte col tempo forme di organizzazione e codifica delle informazioni Ad esempio, nei servizi anagrafici si è iniziato con registrazioni discorsive e poi nome e cognome estremi anagrafici codice fiscale

4 Informazioni e dati Nei sistemi informatici (e non solo), le informazioni vengono rappresentate in modo essenziale, spartano: attraverso i dati Dal Vocabolario della lingua italiana: informazione: notizia, dato o elemento che consente di avere conoscenza più o meno esatta di fatti, situazioni, modi di essere. dato: ciò che è immediatamente presente alla conoscenza, prima di ogni elaborazione; (in informatica) elementi di informazione costituiti da simboli che debbono essere elaborati. 4

5 Dati e informazioni I dati hanno bisogno di essere interpretati. Esempio Mario 275 su un foglio di carta sono due dati. Se il foglio di carta viene fornito in risposta alla domanda A chi mi devo rivolgere per il problema X; qual è il suo interno?, allora i dati possono essere interpretati per fornire informazione e arricchire la conoscenza. Perché i dati? La rappresentazione precisa di forme più ricche di informazione e conoscenza è difficile. I dati costituiscono spesso una risorsa strategica, perché più stabili nel tempo di altre componenti (processi, tecnologie, ruoli umani). 5

6 Codifica dell informazione Per rappresentare l informazione in modo non fruibile dal computer abbiamo bisogno di codici che la possano esprimere in modo semplice, sintetico e non ambiguo. Un codice (o linguaggio) su basa su: Un alfabeto di simboli Una sintassi con cui comporre tali simboli in sequenze Una semantica da associare ai simboli e alle sequenze 6

7 Informazione e supporto L informazione è portata da, o trasmessa su, o contenuta in qualcosa ; questo qualcosa non è l informazione stessa, ma il supporto. Ogni supporto ha le sue caratteristiche in quanto mezzo su cui può essere scritta dell informazione. Alcuni supporti sono adatti alla trasmissione ma non alla memorizzazione dell informazione (aria, cavi,..) e viceversa (CD, hard disc,..). 7

8 Stessa informazione, diversi supporti cinque

9 Stesso supporto, diversa informazione inglese italiano fare italiano inglese tariffa, prezzo. to make, to do, to build. spagnolo italiano burro italiano spagnolo asino, cavalletto, somaro. mantequilla, manteca. 9

10 Entità logiche e fisiche Distinguere informazione e supporto fisico è distinguere tra entità logiche ed entità fisiche. L informazione richiede un supporto fisico, ma non coincide con esso. L informazione è una entità extra-fisica, non interpretabile in termini di materia-energia e sottoposta alle leggi della fisica solo perché basata su un supporto fisico. L informazione si può creare e distruggere. 10

11 Quando un sistema fisico supporta informazione? Si ottiene informazione quando, dato un insieme di alternative possibili, la lettura del supporto ne elimina alcune e ne seleziona altre. Condizione necessaria perché un supporto possa portare informazione è che possa assumere configurazioni differenti, a ognuna delle quali venga associata una differente entità di informazione. 11

12 Prima condizione sul supporto Un supporto che possa presentarsi sempre e comunque in un unico modo non può portare alcuna informazione. Il supporto fisico deve consentire di distinguere tra le varie configurazioni attraverso determinate differenze. Il caso più semplice è quello in cui le configurazioni del supporto sono due. 12

13 Configurazioni e codici A ogni configurazione del supporto deve essere associata una entità di informazione. A esempio: interruttore premuto = luce accesa interruttore rilasciato = luce spenta. Per interpretare le differenti configurazioni del supporto in termini di informazione è necessario conoscere il codice, ovvero la regola che ad ogni configurazione (ammessa) del supporto associa una entità di informazione. La definizione di un codice comporta che sia identificato in modo non ambiguo l insieme delle possibili configurazioni del supporto e delle possibili entità di informazione cui ci si vuole riferire. Ad uno stesso supporto fisico possono essere associati più codici. 13

14 Possibili rappresentazioni dei numeri Unaria: una barretta per unita Ad es: IIIIIIIIIIIIII rappresenta 15!!! Numeri Romani con multipli di 5: Alfabeto: I(uno) V(5) X(10) L(50) C(100) D(500) M(1000) Si minimizza numero di simboli ad es: I II III IV V. XL (40). MCCLXXI (1271). Problema con numeri > 4000: Ad es. MMMMMMMMMMMM Difficile eseguire le operazioni! 14

15 Il codice binario (1) Il bit è il supporto più semplice. Possiamo immaginare il bit come un interruttore che ha soltanto due posizioni (configurazioni):

16 Il codice binario (2) Definire un codice binario significa associare ad ogni configurazione di bit una certa entità di informazione. Anche se tipicamente le entità di informazione associate sono numeri decimali, è possibile associare qualsiasi insieme di oggetti all insieme di configurazioni. La codifica binaria più semplice è quella ad 1 bit, ovvero: binario decimale

17 Il codice binario (3) Si possono definire codifiche costituite da un numero n arbitrario di bit. Ad esempio: Codifica a 2 bit (4 configurazioni) bin dec Codifica a 3 bit (8 configurazioni) bin dec

18 Il codice binario (4) Dato una parola di n bit, il numero delle possibili configurazioni è 2 n. Ad esempio, nella codifica a 3 bit vi sono 2 3 = 8 configurazioni. Il codice binario è detto posizionale, in quanto ogni bit assume valore più o meno significativo a seconda della sua posizione. Tipicamente, più i bit sono posizionati verso sinistra, maggiore è il loro valore. La traduzione da binario a decimale si effettua moltiplicando il valore 2 k per ogni bit (dove k è la posizione del bit all interno della codifica, partendo da destra) e sommando tutti i valori ottenuti. 18

19 Notazione posizionale in base 10 La rappresentazione di un numero intero in base 10 è una sequenza di cifre scelte fra es: 23, 118, 4 Il valore di una rappresentazione è dato da 23 = 2* * 10 0 = = 1* * * 10 0 =

20 Notazione posizionale in base 10: limite nella rappresentazione Il massimo numero rappresentabile con n cifre è 99.9 (n volte 9, la cifra che vale di più), pari a 10 n -1 es: su tre cifre il massimo numero rappresentabile è 999 pari a =

21 Notazione posizionale in base 2 La rappresentazione di un numero intero in base 2 è una sequenza di cifre scelte fra es: 10, 110, Il valore di una rappresentazione è dato da 10 = 1* *2 0 = = 1* * * 2 0 = = 6 1 = 1 *2 0 = 1 21

22 Conversione da base 10 a base 2 Dato un numero N si calcola la sua rappresentazione in base 2 Conversione per divisione : si divide ripetutamente N per 2 i resti ottenuti nella divisioni presi nell ordine inverso in cui sono stati calcolati formano la sua rappresentazione binaria 22

23 Conversione da base 10 a base 2 Come si converte N nella sua rappresentazione in base 2 usando il metodo della divisione Es : convertiamo il numero / 2 = quoziente 6 e resto 1 6 / 2 = quoziente 3 e resto 0 3 / 2 = quoziente 1 e resto 1 1 / 2 = quoziente 0 e resto 1 La rappresentazione binaria di 13 è

24 Conversione da base 10 a base 2 Si calcolano i resti delle divisioni per due 18 : 2 = 9 resto 0 9 : 2 = 4 resto 1 4 : 2 = 2 resto 0 2 : 2 = 1 resto 0 1 : 2 = 0 resto : 2 = 68 resto 1 68 : 2 = 34 resto 0 34 : 2 = 17 resto 0 17 : 2 = 8 resto 1 8 : 2 = 4 resto 0 4 : 2 = 2 resto 0 2 : 2 = 1 resto 0 1 : 2 = 0 resto

25 Da binario a decimale, un esercizio La base é b = 2. Si possono utilizzare solo le cifre 0 e 1. Esercizio Trasformare il numero binario nella corrispondente rappresentazione decimale = 1 x x x x x x x x x 2 0 = = ( ) = =

26 Un altro esempio Tradurre in decimale la seguente parola di 5 bit. Posizione: Bit più significativo (MSB) Bit meno significativo (LSB) = = 21 26

27 Notazione posizionale in base 2 Per la base due valgono proprietà analoghe a quelle viste per la base 10 Il massimo numero rappresentabile con N cifre è 11.1 (N volte 1, la cifra che vale di più), pari a 2 N -1 es: su tre cifre il massimo numero rappresentabile è 111 pari a = 8-1 = 7 Quindi se voglio rappresentare K diverse configurazioni (cioè K-1) mi servono almeno almeno x cifre dove 2 x è la più piccola potenza di 2 che supera K es : se voglio 25 configurazioni diverse mi servono almeno 5 cifre perché 2 5 =32 è la più piccola potenza di 2 maggiore di 25 27

28 Base 2: un esercizio Con n bit è possibile rappresentare 2 n numeri naturali diversi, da 0 a 2 n = (n zeri) 2 n -1 = (n uni) Esercizio: quali sono i numeri naturali che si possono rappresentare con quattro bit? Soluzione: Tutti i numeri naturali compresi tra 0 e = 16-1= 15 28

29 Rappresentazione dei numeri all interno di un computer Usa la notazione binaria Ogni numero viene rappresentato con un numero finito di cifre binarie (bit) Numeri di tipo diverso hanno rappresentazioni diverse 29 Es. interi positivi, interi (pos. e neg.), razionali, reali, complessi Alcuni punti importanti: se uso 4 byte (32 bit) posso rappresentare solo i numeri positivi da 0 a 232-1=231, che sono molti ma non tutti! se moltiplico o sommo due numeri molto elevati posso ottenere un numero che non è rappresentabile Es. vediamo cosa succede in base 10 con solo 3 cifre : = 1136 risultato 136 se uso solo 3 cifre non ho lo spazio fisico per scrivere la prima cifra (1) che viene persa : Questo fenomeno viene chiamato overflow

30 Rappresentazione di interi all interno di un computer Interi positivi e negativi: es. il tipo int in C usa di solito 4 byte ci sono diverse convenzioni di rappresentazione Es: modulo e segno (MS) in cui il primo bit viene riservato al segno (1 negativo, 0 positivo) e gli altri 31 al modulo rimane il problema dell overflow 30

31 Rappresentazione di un insieme finito di oggetti (un esempio) Vogliamo rappresentare i giorni della settimana: {Lu, Ma, Me, Gio, Ve, Sa, Do} usando sequenze 0 e 1 Questo significa costruire un codice, cioè una tabella di corrispondenza che ad ogni giorno associa una opportuna sequenza In principio possiamo scegliere la corrispondenza in modo del tutto arbitrario. 31

32 Rappresentazione di un insieme finito di oggetti (un esempio/1) Una possibile codifica binaria per i giorni della settimana Lunedì Martedì 001 Mercoledì Giovedì 1 Venerdì Sabato Domenica Problema : la tabellina di corrispondenza fra codifiche tutte di lunghezza diversa spreco di memoria devo capire come interpretare una sequenza di codifiche = Me Gio Gio = Gio Gio Do Gio 32

33 Rappresentazione di un insieme finito di oggetti (un esempio/2) Di solito si usa un numero di bit uguale per tutti : il minimo indispensabile Per rappresentare 7 oggetti diversi servono almeno 3 bit (minima potenza di due che supera 7 è 8= 2 3 ) quindi: 000 Lunedì 001 Martedì 010 Mercoledì 011 Giovedì 100 Venerdì 101 Sabato 110 Domenica 111 non ammesso 33

34 I giorni della settimana in binario Codifica ad 1 bit Codifica a 2 bit Codifica a 3 bit Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica 0 1 Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica configurazioni 4 configurazioni 8 configurazioni 34

35 Unità di misura ed ordini di grandezza Bit = unità di misura elementare. Vale 0 o 1. Byte = 8 bit KiloByte [KB ] = 2 10 Byte = 1024 Byte ~ 10 3 Byte MegaByte [MB ] = 2 20 Byte = Byte ~ 10 6 Byte GigaByte [GB ] = 2 30 Byte ~ 10 9 Byte TeraByte [TB ] = 2 40 Byte ~ Byte PetaByte [PB ] = 2 50 Byte ~ Byte ExaByte [EB ] = 2 60 Byte ~ Byte 35

36 Unità di misura in base due bit 1 cifra binaria memorizza 0 oppure 1 byte 8 bit memorizza un carattere parola da 16 a 64 bit numeri e indirizzi di memoria Kilobyte (KB) 1024 byte circa mezza pagina di testo Megabyte (MB) 1024 KB un libro di 200 pagine Gigabyte (GB) 1024 MB alcuni volumi Terabyte (TB) 1024 GB una biblioteca Petabyte (PB) 1024 TB molte biblioteche 36

37 Codifica binaria dei caratteri Quanti sono gli oggetti compresi nell insieme? 26 lettere maiuscole + 26 minuscole cifre Circa 30 segni d interpunzione Circa 30 caratteri di controllo (EOF, CR, LF, ) circa 120 oggetti complessivi k = log = 7 Codice ASCII: utilizza 7 bit e quindi può rappresentare al massimo 2 7 =128 caratteri Con 8 bit (= byte) rappresento 256 caratteri (ASCII esteso) Si stanno diffondendo codici più estesi (e.g. UNICODE) per rappresentare anche i caratteri delle lingue orientali 37

38 LSB Codice ASCII a 7 bit MSB 010 spc! # $ % & ( ) * +, -. / : ; < = >? A B C D E F G H I J K L M N O 101 P Q R S T U V W X Y Z [ \ ] ^ _ 110 ` a b c d e f g h i j k l m n o 111 p q r s t u v w x y z { } ~ del Esempio: il carattere parentesi graffa { ha codice ASCII decimale 123, equivalente alla parola ASCII binaria di 7 bit: (si verifichi che la codifica di questo carattere è esatta). 38

39 Informazione in formato digitale il risultato? Una stringa di caratteri sarà rappresentata dal computer come una successione di gruppi di 8 bit (8 bit = 1 byte) O G G I P I O V E

40 Il set di caratteri ISO-Latin-1 ISO-Latin-1 (ISO o ASCII esteso) unica estensione standard di ASCII 1 byte = 8 bit = 2 8 punti di codice = 256 caratteri rappresentati sufficiente per lingue europee occidentali (italiano, francese, ecc.) ASCII Standard Caratteri di controllo

41 La famiglia di caratteri ISO set di caratteri standardizzati da ISO (International Standard Organization) Codifica: 1 byte = 256 caratteri rappresentati da ciascun set Soprainsiemi dei caratteri ASCII Standard punti di codice (parte comune) ASCII punti di codice codici di controllo (non corrispondono a caratteri grafici) punti di codice (parte variabile) caratteri aggiuntivi per greco, cirillico, lingue slave, arabo, ebraico, ecc. I set di ISO-8859 sono tutti reciprocamente incompatibili Punto di codice 232 ISO (Latin-1) = è ISO (Cyrillic) = ш ISO-8859 non copre lingue come giapponese, cinese, ecc. 41

42 La famiglia di caratteri ISO-8859 ISO-Latin-1 42

43 The Universal Character Set UNICODE (ISO-10646) Standard internazionale che si prefigge di rappresentare qualsiasi tipo di carattere appartenente ai sistemi grafici esistenti Sistemi di scrittura di tutte le lingue europee, asiatiche, africane, ecc., sia antiche che moderne. Sistemi di caratteri basati sui fonemi (p.es. italiano), sulle sillabe (p.es. Thai), su ideogrammi (p.es. Cinese), geroglifici, braille, ecc. Sistemi di simboli tecnici e scientifici (p.es. matematica, logica) Punteggiatura e segni diacritici (p.es. accenti) Risolve i problemi di incompatibilità dei sistemi ISO-8859 estende l insieme dei caratteri supportati permette la realizzazione di documenti multilingui 43

44 The Universal Character Set UNICODE (ISO-10646) Circa caratteri grafici rappresentati (Unicode v. 4.0) ma i punti di codice disponibili sono più di 1 milione (4 byte)!! 44 I primi caratteri (2 16 ) costituiscono il Basic Multilingual Plane (BMP), primo di 17 piani in cui è diviso UNICODE. Nel BMP, 6500 punti di codice sono riservati per usi privati (loghi, trademarks )

45 The Universal Character Set UNICODE (ISO-10646) I punti di codice sono rappresentati con U+numero esadecimale, ed hanno un nome standard: A U+0041 = Latin Capital Letter A (decimale 65) ω = U+03C9 = Greek Letter Omega I primi 256 caratteri sono identici al set di caratteri Latin-1, a sua volta un soprainsieme dell' ASCII. 45

46 UNICODE: composizione dei caratteri Caratteri complessi (p.es. u con umlaut) possono essere rappresentati in due modi: Come elementi precostituiti (codice U+00FC, ü ) Come elementi composti, formati da un carattere di base quale u (U+0075) ed uno o più caratteri che non introducono spaziatura ( non spacing ), che vengono quindi sovrascritti al precedente, in questo caso (U+0308) Problema dell ordinamento alfabetico (come decomporre caratteri complessi) 46

47 Blocchi di codice I vari alfabeti sono divisi in gruppi detti blocchi di codice (code blocks) Si è tuttavia cercato di non duplicare i caratteri di lingue diverse. Non esiste p.es. una A italiana, una A norvegese. Anche le migliaia di ideogrammi comuni alla scrittura cinese, giapponese e coreana (che discendono tutti da una scrittura comune) sono unificati. 47

48 The Universal Character Set UNICODE (ISO-10646) 48

49 Campionamento e quantizzazione Gli elaboratori elettronici hanno natura discreta, ovvero ogni grandezza in gioco può essere rappresentata soltanto da un numero finito di elementi. Per essere elaborati da un calcolatore, segnali intrinsecamente continui quali suoni, immagini, video ecc., devono essere discretizzati (digitalizzati) attraverso operazioni di campionamento e quantizzazione. 49

50 Campionamento ampiezza segnale continuo ampiezza segnale campionato t tempo tempo (discreto) Il segnale continuo viene campionato ad intervalli di tempo regolari t (t = intervallo di campionamento). Il segnale risultante è un insieme finito di punti equidistanti nel tempo. Tuttavia le ampiezze devono essere ancora approssimate ad intervalli discreti, ovvero quantizzate. Si noti che campionamento e quantizzazione comportano una perdita di informazione. 50

51 Quantizzazione Ampiezza (discreta e codificata) Codifica a 3 bit Tempo (discreto) segnale quantizzato La quantizzazione suddivide l ampiezza in n intervalli uguali che vengono poi codificati in binario. Ogni valore di ampiezza del segnale campionato viene approssimato al più vicino valore discreto di ampiezza. Più valori (e quindi più bit) si utilizzano per suddividere le ampiezze, più il segnale risultante sarà preciso. 51

52 Le immagini digitali Le immagini digitali non hanno una struttura continua ma sono costituite da un numero finito di componenti monocromatiche (pixel) prodotte dal campionamento dell immagine reale. I pixel assumono un numero finito di tonalità definite dalla quantizzazione dell immagine campionata. 52

53 Codifica delle immagini L immagine è suddivisa in punti (pixel) e ciascun punto è codificato con un numero che corrisponde A un particolare colore A un particolare tono di grigio nelle immagini b/n In genere si utilizza un numero di colori o di sfumature di grigio che sia potenza di 2 per rappresentare un immagine come sequenza di byte. Deve essere memorizzata anche la dimensione dell immagine e la risoluzione (dpi, dot per inch ) 53

54 Codifica di immagini Consideriamo un'immagine in bianco e nero, senza ombreggiature o livelli di chiaroscuro Suddividiamo l immagine mediante una griglia formata da righe orizzontali e verticali a distanza costante 54

55 Codifica di immagini Ogni quadratino derivante da tale suddivisione prende il nome di pixel (picture element) e può essere codificato in binario secondo la seguente convenzione: il simbolo 0 viene utilizzato per la codifica di un pixel corrispondente ad un quadratino bianco (in cui il bianco è predominante) il simbolo 1 viene utilizzato per la codifica di un pixel corrispondente ad un quadratino nero (in cui il nero è predominante) 55

56 Codifica di immagini Poiché una sequenza di bit è lineare, si deve definire una convenzione per ordinare i pixel della griglia Assumiamo che i pixel siano ordinati dal basso verso l'alto e da sinistra verso destra La rappresentazione della figura è data dalla stringa binaria

57 Codifica di immagini Non sempre il contorno della figura coincide con le linee della griglia: nella codifica si ottiene un approssimazione della figura originaria Se riconvertiamo la stringa in immagine otteniamo 57

58 Codifica di immagini La rappresentazione dell'immagine - e quindi la sua qualità - sarà tanto più fedele all'originale quanto più aumenterà il numero di pixel; ovviamente se i pixel aumentano in numero, diminuiscono di dimensione. zz 58

59 Codifica di immagini 59

60 Codifica di immagini con toni di grigio Le immagini in bianco e nero hanno delle sfumature, o livelli di intensità di grigio Per codificare immagini con sfumature: si fissa un insieme di livelli (toni) di grigio, cui si assegna convenzionalmente una rappresentazione binaria per ogni pixel si stabilisce il livello medio di grigio e si memorizza la codifica corrispondente a tale livello Per memorizzare un pixel non è più sufficiente 1 bit. con 4 bit si possono rappresentare 2 4 =16 livelli di grigio con 8 bit ne possiamo distinguere 2 8 =256, con K bit ne possiamo distinguere 2 K 60

61 Codifica di immagini a colori Analogamente possono essere codificate le immagini a colori: bisogna definire un insieme di sfumature di colore differenti (es. RGB = Red Green Blue), codificate mediante una opportuna sequenza di bit La rappresentazione di un'immagine mediante la codifica dei pixel viene chiamata codifica bitmap Il numero di byte richiesti dipende dalla risoluzione e dal numero di colori che ogni pixel può assumere Es: per distinguere 256 colori sono necessari 8 bit per la codifica di ciascun pixel la codifica di un'immagine formata da pixel richiederà bit ( byte) I monitor tipici utilizzano risoluzione: , , numero di colori per pixel: da 256 fino a 16 milioni Tecniche di compressione consentono di ridurre notevolmente lo spazio occupato dalle immagini 61

62 Codifica di filmati Un filmato non è altro che una successione di fotogrammi (frame) accompagnata da una colonna sonora! Immagini in movimento sono memorizzate come sequenze di fotogrammi In genere si tratta di sequenze compresse di immagini ad esempio si possono registrare solo le variazioni tra un fotogramma e l altro Esistono vari formati (comprendente il sonoro): mpeg (il più usato) avi (microsoft) quicktime (apple) mov E possibile ritoccare i singoli fotogrammi 62

63 Codifica di suoni L onda sonora viene misurata (campionata) ad intervalli regolari Minore è l intervallo di campionamento e maggiore è la qualità del suono CD musicali: campionamenti al secondo, 16 bit per campione. Alcuni formati:.mov,.wav,.mpeg,.avi.midi usato per l elaborazione della musica al PC 63

64 La convergenza e i suoi strumenti 64

65 La convergenza e i suoi strumenti con la convergenza al digitale: tendono a unificarsi i supporti (memorie di massa, rete) tendono a unificarsi le tecnologie di produzione tendono a unificarsi le tecnologie di riproduzione tendono a unificarsi i mercati i dati passano con facilità da un dispositivo all altro 65

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012 Informatica Informazione, Dati, Rappresentazione 2 Ricapitolando I computer sanno eseguire solo un numero molto ridotto di operazioni su simboli

Dettagli

Codifica delle Informazioni

Codifica delle Informazioni Codifica delle Informazioni Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Panoramica Le informazioni gestite dai sistemi di elaborazione devono essere codificate

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

Rappresentazione dell informazione. Bogdan Maris (2014-2015)

Rappresentazione dell informazione. Bogdan Maris (2014-2015) Rappresentazione dell informazione 1 Rappresentare l informazione Per elaborare l informazione è necessario saperla rappresentare in una forma comprensibile per l esecutore Bisogna stabilire un codice

Dettagli

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria Lezione 2: Codifica binaria dell informazione Codifica binaria Elaborazione di dati binari Materiale didattico Lucidi delle lezioni, disponibili al sito: http://wwwinfo.deis.unical.it/~irina Oppure sul

Dettagli

L'informazione e la sua codifica

L'informazione e la sua codifica L'informazione e la sua codifica Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Informatica e telecomunicazione Cos è l informatica informatica? lo studio sistematico degli

Dettagli

Come si misura la memoria di un calcolatore?

Come si misura la memoria di un calcolatore? Come si misura la memoria di un calcolatore? Definizione Il byte è definito come unità di misura di memoria. I multipli del byte sono: KiloByte (KB) - 1 KB = 2 10 byte = 1024 byte MegaByte (MB) - 1 MB

Dettagli

Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Codifica binaria dell Informazione Bit Byte Kilobyte Megabyte Gigabyte 0/1 (si/no) 00010010 (8 bit) 2 10 = 1024 byte 2 20 ~ 1.000.000 byte 2 30 ~

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni A queste rappresentazioni si possono applicare le operazioni aritmetiche: riporti 1 1 0 + 1 0 = 1 0 0 24 Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica Cosa abbiamo visto : Rappresentazione binaria Codifica dei numeri (interi positivi, interi con segno, razionali.) Cosa vedremo oggi: Codifica dei caratteri,codifica delle immagini,compressione

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori ma si stanno diffondendo sempre di più applicazioni che utilizzano ed elaborano anche altri tipi di informazione:

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Il sistema di numerazione posizionale decimale INFORMATICA DI BASE. Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Il sistema di numerazione posizionale decimale INFORMATICA DI BASE. Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale INFORMATICA DI BASE Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Prof. Sebastiano Battiato Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail : {battiato}@dmi.unict.it Il sistema

Dettagli

Rappresentazione binaria

Rappresentazione binaria Rappresentazione binaria DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI RICERCATORE ASSOCIATO DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII.UNISI.IT

Dettagli

La rappresentazione delle informazioni

La rappresentazione delle informazioni La rappresentazione delle informazioni In queste pagine cercheremo di capire come sia possibile rappresentare mediante numeri e memorizzare in un file testi, immagini, video, suoni Il computer per lavorare

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Codifica di immagini Codifica di immagini o Un immagine è un insieme continuo di informazioni A differenza delle cifre e dei caratteri alfanumerici, per le immagini non esiste un'unità minima di riferimento

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli

Perché la traduzione in formato numerico è tanto importante? Come avviene la conversione? Perchè vogliamo convertire l'informazione?

Perché la traduzione in formato numerico è tanto importante? Come avviene la conversione? Perchè vogliamo convertire l'informazione? IL MONDO DIGITALE La rivoluzione digitale Sistema Le immagini diventano numeri Dal testo ai numeri e viceversa E i suoni? Anche il video diventa digitale La rivoluzione digitale Musica digitale, cinema

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Info Sito del corso: http://home.dei.polimi.it/amigoni/informaticab.html Nicola Basilico, nicola.basilico@gmail.com Problema Abbiamo informazioni

Dettagli

Rappresentazione binaria dei numeri negativi

Rappresentazione binaria dei numeri negativi Introduzione all Informatica 1 Conversione decimale binario (continuazione) La conversione di un numero decimale (es. 112) in binario si effettua tramite l algoritmo della divisione, dividendo successivamente

Dettagli

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Complemento a 2 Algebra booleana Le infrastrutture hardware Esercizi sulla codifica dei numeri Eseguire le seguenti conversioni: Da base 2 e 16 in base 10: 110 2 =???? 10

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

2. Codifica dell informazione

2. Codifica dell informazione 2. Codifica dell informazione Codifica Una codifica è una regola per associare in modo univoco i valori di un dato da codificare con sequenze di simboli. La corrispondenza definita dalla codifica è arbitraria,

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Calabria Cooperativa sociale

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Calabria Cooperativa sociale INFORMATICA Lezione 1 Docente Ferrante Francesco fracco2004@alice.it Sito web: http://luis7.altervista.org Obiettivi del corso Una parte generale sull'introduzione dei concetti di base dell'informatica

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Parte I Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. del testo C (Console, Ribaudo):.,. fino a pg.6 La codifica delle informazioni Un calcolatore memorizza ed elabora informazioni

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Rappresentazione digitale

Rappresentazione digitale I BIT POSSONO RAPPRESENTARE TUTTO Tutta l informazione interna ad un computer è codificata con sequenze di due soli simboli : 0 e 1 è facile realizzare dispositivi elettronici che discriminano fra due

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito

Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito Sia A = { a 1,, a k } un insieme (alfabeto) di k simboli, detti anche lettere. Quante sono le sequenze composte da n simboli (anche ripetuti) di

Dettagli

Introduzione all Informatica

Introduzione all Informatica Introduzione all Informatica Lezione 4 Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi dell Aquila diruscio@di.univaq.it Nota Questi lucidi sono tratti dal materiale distribuito dalla

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale di Calcolatori Elettronici Rappresentazione dei dati numerici Aritmetica dei registri Anno Accademico 2012/2013 Alessandra Scotto di Freca Si ringrazia

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica, Chimica, Elettrica e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011 Docente: Gian

Dettagli

Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona

Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Classificazione delle immagini Le immagini si suddividono in raster e vettoriali. Le immagini raster sono di tipo

Dettagli

La rappresentazione dell informazione

La rappresentazione dell informazione La rappresentazione dell informazione Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. 2 del testo C (Console, Ribaudo): 2.3, 2.4 Parte II La codifica dei dati multimediali I caratteri alfanumerici non costituiscono

Dettagli

Elementi di Informatica. ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Elementi di Informatica. ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Elementi di Informatica ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Il sistema di numerazione posizionale decimale Nella numerazione posizionale ogni cifra del numero

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE. Informazione e Codifica. Informazione e Codifica. Regole. Principio di Composizione

Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE. Informazione e Codifica. Informazione e Codifica. Regole. Principio di Composizione 2 Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE Informatica per le Discipline Umanistiche Informazione e Codifica Informazione e Codifica 3 4 il numero dieci I0 10 de il numero dieci de

Dettagli

La rappresentazione dell informazione. La codifica dei dati multimediali. Sommario

La rappresentazione dell informazione. La codifica dei dati multimediali. Sommario La rappresentazione dell informazione Su questa parte vi fornirò dispense Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. 2 del testo C (Console, Ribaudo): 2.3, 2.4 Parte II La codifica dei dati multimediali

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni La codifica delle Immagini Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori, infatti

Dettagli

Informatica 1. Riepilogo

Informatica 1. Riepilogo Informatica 1 Hardware e Software ing. Luigi Puzone 1 Riepilogo Nella lezione scorsa abbiamo visto i seguenti concetti di base Dati e informazioni e loro ciclo di elaborazione Hardware e Software Tipologie

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini 1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini Bibliografia Curtin, 4.7 e 4.9 (vecchie edizioni) Curtin, 3.7 e 3.9 (nuova edizione) CR pag. 14-18 Questi lucidi La codifica delle immagini: Pixel Un immagine

Dettagli

Corso: Fondamenti Informatica I Prof. Paolo Nesi A.A. 2002/2003

Corso: Fondamenti Informatica I Prof. Paolo Nesi A.A. 2002/2003 Dispense Introduzione al calcolatore Corso: Fondamenti Informatica I Prof. Paolo Nesi A.A. 2002/2003 Nota: Queste dispense integrano e non sostituiscono quanto scritto sul libro di testo. 1 Sistemi di

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Codifica dei numeri. Rappresentazione dell informazione

Codifica dei numeri. Rappresentazione dell informazione Rappresentazione dell informazione Rappresentazione informazione Elementi di aritmetica dei computer Organizzazione della memoria e codici correttori Salvatore Orlando Differenza tra simbolo e significato

Dettagli

Tutto digitale. Musica Giornali, Libri satellite (TV, GPS) Telefoni: ISDN, GSM rete telefonica, internet Video (DVD) oh, anche il PC

Tutto digitale. Musica Giornali, Libri satellite (TV, GPS) Telefoni: ISDN, GSM rete telefonica, internet Video (DVD) oh, anche il PC Digitale!! Tutto digitale Musica Giornali, Libri satellite (TV, GPS) Telefoni: ISDN, GSM rete telefonica, internet Video (DVD) oh, anche il PC Digitale Da Digit (cifra) in Inglese Digitale=numerico in

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ISTITUTO TECNICO E LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO ANGIOY LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. G. Ciaschetti DATI E INFORMAZIONI Sappiamo che il computer è una macchina stupida, capace di eseguire

Dettagli

Informazione binaria: caratteri e testi suoni, immagini, sequenze video

Informazione binaria: caratteri e testi suoni, immagini, sequenze video Informazione binaria: caratteri e testi suoni, immagini, sequenze video Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Tipologie di codici

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

Corso di informatica di base

Corso di informatica di base Rel. 1.0 16.10.2010 Luigi Ferrari Indice 1. Modulo 1 - Concetti base dell'informatica...1 1.1. Dato e informazione...1 1.1.1. Misura dell'informazione...1 1.2. Sistema decimale e sistema binario, ma non

Dettagli

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 6.1 Rappresentazione digitale dell informazione

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 6.1 Rappresentazione digitale dell informazione Rappresentazione digitale dell informazione Introduzione Nelle scorse lezioni, abbiamo mostrato come sia possibile utilizzare stringhe di bit per rappresentare i numeri interi e frazionari, con o senza

Dettagli

Abilità Informatiche

Abilità Informatiche Abilità Informatiche 2 Programma del corso Introduzione L informazione digitale o Un minimo di basi teoriche o Cosa possiamo aspettarci da un computer, e cosa no Architettura degli elaboratori o Come è

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOJ GRAFICA E COMUNICAZIONE LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. G. Ciaschetti DATI E INFORMAZIONI Sappiamo che il computer è una macchina stupida, capace

Dettagli

Informatica. Rappresentazione binaria Per esempio +101010000 diventa +0.10101 10 18/10/2007. Introduzione ai sistemi informatici 1

Informatica. Rappresentazione binaria Per esempio +101010000 diventa +0.10101 10 18/10/2007. Introduzione ai sistemi informatici 1 Informatica Pietro Storniolo storniolo@csai.unipa.it http://www.pa.icar.cnr.it/storniolo/info200708 Numeri razionali Cifre più significative: : sono le cifre associate ai pesi maggiori per i numeri maggiori

Dettagli

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via B. Castiglione 59-00142 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria

Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria Fondamenti di Informatica Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Rappresentazione dell informazione Tutta l'informazione in un calcolatore è

Dettagli

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n Rappresentare le informazioni con un insieme limitato di simboli (detto alfabeto A) in modo non ambiguo (algoritmi di traduzione tra codifiche) Esempio: numeri interi assoluti Codifica decimale (in base

Dettagli

Premessa. Per questo tutte le informazioni nel computer debbono essere (e sono) rappresentate in binario.

Premessa. Per questo tutte le informazioni nel computer debbono essere (e sono) rappresentate in binario. Rappresentazione delle Informazioni in un Sistema di Elaborazione Prof. Claudio Maccherani Premessa Il computer, come è noto, è basato sulla logica binaria: tutto al suo interno viene rappresentato in

Dettagli

Informazione e Informatica

Informazione e Informatica L informazione e la sua codifica Informatica e Informazione La codifica dell informazione Analogico vs digitale Introduzione al concetto di informazione Informazione e Informatica Informatica Informazione

Dettagli

Politecnico di Milano. Corsi di Informatica Grafica. Prof. Manuel Roveri Dipartimento di Elettronica e Informazione roveri@elet.polimi.

Politecnico di Milano. Corsi di Informatica Grafica. Prof. Manuel Roveri Dipartimento di Elettronica e Informazione roveri@elet.polimi. Rappresentazione dell informazione Corsi di Informatica Grafica Prof. Manuel Roveri Dipartimento di Elettronica e Informazione roveri@elet.polimi.it Indice Rappresentazione dell informazione Numeri Caratteri

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

7 : I DATI E LA LORO STRUTTURA NELLA PROGRAMMAZIONE

7 : I DATI E LA LORO STRUTTURA NELLA PROGRAMMAZIONE 7 : I DATI E LA LORO STRUTTURA NELLA PROGRAMMAZIONE TIPO DI DATO Un tipo di dato è una entità caratterizzata dai seguenti elementi: un insieme X di valori che raprresenta il dominio del tipo di dato; un

Dettagli

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA DI BASE LEZIONE II CODIFICA DELL'INFORMAZIONE PROF. GIOVANNI ACAMPORA Indice 1 Rappresentazione dei dati... 3 1.1. Rappresentazione dei numeri... 3 1.1.1 Rappresentazione del

Dettagli

Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione (TIC) Modulo 2: Informazione, dati e codifica

Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione (TIC) Modulo 2: Informazione, dati e codifica Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione (TIC) Modulo 2: Informazione, dati e codifica Informazione: è lo scambio di conoscenza tra due o più persone nonché il significato che le persone coinvolte

Dettagli

LA NUMERAZIONE BINARIA

LA NUMERAZIONE BINARIA LA NUMERAZIONE BINARIA 5 I SISTEMI DI NUMERAZIONE Fin dalla preistoria l uomo ha avuto la necessità di fare calcoli, utilizzando svariati tipi di dispositivi: manuali (mani, bastoncini, sassi, abaco),

Dettagli

Sistemi di numerazione: generalità

Sistemi di numerazione: generalità Sistemi di numerazione: generalità Nel corso della storia sono stati introdotti diversi sistemi di numerazione, dettati di volta in volta dalle specifiche esigenze dei vari popoli. Poiché ogni numero maggiore

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Abbiamo informazioni (numeri, caratteri, immagini, suoni, video... ) che vogliamo rappresentare (e poter elaborare) in un calcolatore. Per motivi tecnologici un calcolatore

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte

Informatica per la Storia dell Arte Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Rappresentazione

Dettagli

Capra, Lanzavechia, Rosti 1

Capra, Lanzavechia, Rosti 1 Laboratorio di Abilità Informatiche http://dcssi.istm.cnr.it/lanzavecchia/do cumenti/lodi.htm Salvatore Lanzavecchia Dipartimento di Chimica Strutturale Via G. Venezian 21 20133 Milano E-mail: labinf01@unimi.it

Dettagli

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore.

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore. In una delle molteplici possibili definizioni di informazione, questa viene fatta corrispondere a qualunque elemento, in grado di essere rappresentato e comunicato, che consenta di fornire o aumentare

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in termini numerici.

Dettagli

IL CODICE BINARIO. Il codice binario. Codifica posizionale. Aritmetica binaria

IL CODICE BINARIO. Il codice binario. Codifica posizionale. Aritmetica binaria IL CODICE BINARIO Il codice binario Codifica posizionale Aritmetica binaria www.stoianov.it 1 CODIFICA DI BASE La voce si distribuisce con onde di frequenze 20-20.000 Hz La luce sta nel ordine di 500.000.000.000.000

Dettagli

Sistemi di numerazione

Sistemi di numerazione Sistemi di numerazione 1 Sistemi di numerazione 2 Sistemi di numerazione I primi esempi di utilizzo di sistemi di numerazione risalgono al neolitico, ovvero a circa 50.000 anni fa. In epoca preistorica,

Dettagli

Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione. Università degli Studi di Salerno

Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione. Università degli Studi di Salerno Prof. Alberto Postiglione Scienze azione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno 1.2d: La codifica Digitale dei caratteri Informatica Generale (Laurea in Scienze azione) Sistemi

Dettagli

Richiami di informatica e programmazione

Richiami di informatica e programmazione Richiami di informatica e programmazione Il calcolatore E una macchina usata per Analizzare Elaborare Collezionare precisamente e velocemente una grande quantità di informazioni. Non è creativo Occorre

Dettagli

Il calcolatore: presupposti e teorie

Il calcolatore: presupposti e teorie Il calcolatore: presupposti e teorie Il digitale I primi calcolatori La struttura del computer Linguaggio binario: la convergenza al digitale La numerazione binaria è alla base della trasmissione usata

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE

SISTEMI DI NUMERAZIONE Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Medica SISTEMI DI NUMERAZIONE Come nei calcolatori sono rappresentati i numeri Numeri I numeri rappresentano

Dettagli

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Sommario Scenario Web Nozioni di grafica on-line Principali programmi di grafica web Realizzazione di banner e layout per il web 2 Risorse online Sito

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 7 -

Informatica per la comunicazione - lezione 7 - Informatica per la comunicazione - lezione 7 - Campionamento La codifica dei suoni si basa sulla codifica delle onde che li producono, a sua volta basata su una procedura chiamata campionamento.! Il campionamento

Dettagli

CFP AUXILIUM - TORINO BIT E BYTE

CFP AUXILIUM - TORINO BIT E BYTE CFP AUXILIUM - TORINO BIT E BYTE Il funzionamento del computer si basa tutto sulla presenza/assenza di segnale elettrico all interno dei milioni e milioni di circuiti che lo compongono; in ultima analisi

Dettagli

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore.

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore. In una delle molteplici possibili definizioni di informazione, questa viene fatta corrispondere a qualunque elemento, in grado di essere rappresentato e comunicato, che consenta di fornire o aumentare

Dettagli

CODIFICA DELL INFORMAZIONE E CODICI BINARI

CODIFICA DELL INFORMAZIONE E CODICI BINARI Codifica dell informazione 1 CODIFICA DELL INFORMAZIONE E CODICI BINARI Andrea Bobbio Anno Accademico 2001-2002 Codifica dell informazione 2 La codifica dell informazione I sistemi di elaborazione operano

Dettagli

Rappresentazione delle Immagini

Rappresentazione delle Immagini Rappresentazione delle Immagini Metodi di rappresentazione Raster: Informazione grafica rappresentata come matrice di pixel Vettoriale: Informazione grafica rappresentata da relazioni matematiche (funzioni

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI CODIFICA DELL INFORMAZIONE

CALCOLATORI ELETTRONICI CODIFICA DELL INFORMAZIONE CALCOLATORI ELETTRONICI CODIFICA DELL INFORMAZIONE Codifica binaria dell informazione Informatica Linguaggi ad alto livello/ Applicazioni Sistema operativo Assembler ISA Architettura di un calcolatore

Dettagli

TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNOLOGIE INFORMATICHE I.I.S.S. FOSSATI DA PASSANO LA SPEZIA PROGRAMMA di TECNOLOGIE INFORMATICHE A.S. 2012/2013 CLASSE : 1^ INDIRIZZO: Tecnologico Argomenti richiesti per sostenere l Esame Integrativo per l ammissione alla

Dettagli