Corso di informatica di base

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di informatica di base"

Transcript

1 Rel Luigi Ferrari

2 Indice 1. Modulo 1 - Concetti base dell'informatica Dato e informazione Misura dell'informazione Sistema decimale e sistema binario, ma non solo Bit, Byte e multipli Rappresentazione delle informazioni negli elaboratori Caratteri Suoni Immagini Conversione dei numeri binari Conversione da binario a decimale Conversione da decimale a binario Esempio Generalizzazione Numerazione esadecimale Rappresentazione di numeri a dimesione prefissata Numeri naturali Overflow Rappresentazione dei numeri interi Complemento a 2 per la rappresentazione dei numeri negativi Ricerca del valore di un numero in complemento a Sottrazione in binario Moltiplicazione e divisione...8

3 Corso di informatica di base Corso di informatica di base, mod1-sisteminumerazione.gpp 1. Modulo 1 - Concetti base dell'informatica Argomenti Dato e informazione, misura dell'informazione. Bit, byte e multipli. Numerazione binaria, ottale, esadecimale. Conversione tra le basi di numerazione. Cenni alla rappresetazione dei dati negli elaboratori. Obiettivi Acquisire la terminologia dell'informatica. Conoscere come sono rappresentati i dati negli elaboratori. Capire la differenza tra dato ed informazione. Saper convertire un numero da decimale in binario, ottale, esadecimale e viceversa Dato e informazione Numeri e parole hanno significato per noi solo se riusciamo ad interpretarli o, per dirla con termine piu' informatico, a elaborarli per ottenere delle informazioni. Se manca questo passaggio si parla di dati: i computer sono pieni di dati: numeri, parole, immagini, suoni... ma solo se abbiamo il software che riesce a elaborarli e a mstrarci il risultato dell'elaborazione possiamo considerarli informazione. Un secondo esempio puo' essere quello delle videocassette: esse spesso contengono film famosi, ora disponibili anche su DVD, ma il fatto che i lettori di videocassette siano quasi spariti dal mercato e che chi l'aveva lo abbia sostituito con il lettore DVD rende i "dati" contenuti nelle videocassette molto meno importanti, se non inutili. La mancanza di un mezzo che consenta di elaborare quei dati li fa diventare inutilizzabili Misura dell'informazione Come misurare l'informazione? Non e' sicuramente facile, perche' il contenuto informativo dei dati dipende da moltissimi fattori, non ultimo il soggetto che richiede l'informazione. Una possibile definizione e' questa: la dimensione di informazione e' pari al numero di domande binarie (vero/falso, si/no) che occorre porre per avere il contenuto richiesto. l'unita' di misura e' il bit (bit = contrazione di binary digit). Ad esempio, se voglio sapere se fuori piove per aprire o meno l'ombrello, basta che ponga la domanda "Sta piovendo?" a qualcuno che possa vedere all'esterno e in base alla sua risposta ho l'informazione cercata. In questo caso e' bastata una sola domanda, quindi il contenuto si dice essere di 1 bit. Se invece voglio qualche informazione in piu', ad esempio penso sia per me importante sapere se e' soleggiato oppure nuvoloso, oppure sta piovendo o se sta nevicando (quatrro possibili situazioni), la quantita' di informazione sale: occorre fare almeno due domande per sapere la situazione, quindi il contenuto informativo e' pari a 2 bit. (le domande possono essere, ad esempio: "Fuori sta scendendo qualcosa dal cielo?" se la risposta e' no la seconda domanda e' "Ci sono nuvole in cielo?" e cosi' riesco a scegliere tra soleggiato e nuvoloso; se la risposta alla prima domanda e' si' la seconda diventa "Sta nevicando?" con cui capisco se sta piovendo - 1 -

4 o nevicando) Sistema decimale e sistema binario, ma non solo Per capire il sistema binario conviene fare un passo indietro e pensare che se utilizzaiamo il sistema decimale e' solo perche' la natura ci ha dotato di dieci dita nelle mani. Se avessimo deciso di non usare i pollici avremmo adottato un sistema ottale: tutta la matematica continuerebbe a funzionare esattamente come adesso (anzi, in alcuni casi sarebbe anche piu' semplice). Del resto nel mondo esistono altri sistemi di numerazione: uno che utilizziamo ancora noi e' quello sessagesimale, per le misure degli angoli e per il tempo (1 minuto = 60 secondi, 1 ora = 60 minuti) e che fu usato dai babilonesi per i loro calcoli astronomici estremamente precisi, mentre i Maya, altri astronomi famosi, ne usavano uno ventesimale. Probabilmente, nel caso dei babilonesi, l'idea fu data dalla luna: dopo 12 lune e' trascorso un anno e il ciclo delle stagioni si ripete. Sessanta e' un multiplo che aggiunge ai gia' tanti divisori di 12 anche il 5 (60 = 2 x 2 x 3 x 5) cosi' da rendere facile la divisione di quantita' in 2, 3, 4, 5, 6, 8, 10, 12, 15, 20, 30 parti. Nei computer e nei sistemi di telecomunicazione e' facile avere grandezze che hanno solo due stati: acceso/spento, presente/assente, segnale alto/basso... cosicche' si e' pensato di sfruttare un sistema di numerazione a due sole cifre: 0 e 1. Come nel sistema decimale dopo il 9 (ultima cifra) utilizziamo il 10 (da leggere come "una decina e zero unita'"), e nel sistema ottale, che utilizza le cifre da 0 a 7, dopo il 7 viene il 10 (un "ottetto" e 0 unita'), nel sistema binario dopo 0 e 1 viene... il10 (una "coppia" e zero unita'). Salendo il numero di cifre da usare cresce in fretta: Bit, Byte e multipli Dato che storicamente, per aumentare la velocità di comunicazione si e' pensato di trasferire i bit 8 alla volta, in parallelo su altrettanti fili, ad un gruppo di 8 bit si è dato il nome di Byte. Con il passare del tempo anche il Byte è diventato piccolo, cosi' si sono usati i suoi multipli. Nell'informatica si procede per raddoppi e dopo dieci raddoppi si arriva a 1024 (provare per - 2 -

5 credere): visto che 1024 era "vicino" a 1000, si è pensato di utilizzare questo per calcolare un multiplo: 1024 Byte formano un kilobyte (kb), 1024 formano un MegaByte (MB), 1024 MegaByte formano un GigaByte (GB), 1024 GigaByte formano un TeraByte (TB); fra poco tempo si parlera' anche di PetaByte, ExaByte. Un esempio di "raddoppi" può essere trovato nelle capacità delle chiavette USB: si e' passati da 512 MB a 1 GB, poi a 2 GB, 4 GB, 8 GB, 16 GB e così via: non sono mai esistite chiavette da 5 o 14 GB Rappresentazione delle informazioni negli elaboratori Nei calcolatori la singola "porzione" di memoria indirizzabile e' costituita da un byte, cioe' 8 bit; in un byte e' possibile scrivere uno tra 256 "simboli" formati dalle combinazioni degli otto bit, da tutti zeri ( ) a tutti 1 ( ). Con l'evoluzione della tecnologia l'unita' minima di memoria e' rimasto il byte, ma si sono utilizzati piu' byte insieme per poter avere piu' combinazioni. Negli elaboratori pero' non sono solo i numeri a dover essere rappresentati, ma anche altri tipi di informazioni: caratteri, suoni, immagini ne sono degli esempi Caratteri I caratteri vengono rappresentati con un insieme di 8 bit, cioe' un byte (il codice ASCII): 256 caratteri erano sufficienti per tutti i simboli che troviamo su una tastiera, comprese le lettere maiuscole e minuscole. La meta' delle combinazioni, inoltre, puo' essere diversa a seconda del Paese, in modo da poter usare le lettere accentate in Italia, le lettere spagnole con la cediglia e cosi' via. Recentemente, negli anni '90, per poter rappresentare i caratteri di tutte le lingue del mondo, si e' pensato di utilizzare due byte per rappresentare un carattere (codice Unicode), arrivando a cobinazioni (2 elevato alla 16). Con il cinese e le altre lingue orientali, che utilizzano ideogrammi, pero' anche questo tipo di rappresentazione sembra insufficiente e si sta pensando in un prossimo futuro di passare a 4 byte, cioe' 32 bit, con oltre 4 miliardi di combinazioni possibili. Nel piu' comune codice ASCII, alla lettera 'A' corrisponde la sequenza , mentre al carattere 'x' la sequenza Le informazioni in formato testo, come ad esempio unalettera, un romanzo, un articolo di giornale, sono codificate con lunghe sequenze di gruppi di bit Suoni Per quanto riguarda i suoni si opera "campionando" il segnale sonoro a intervalli regolari molto vicini e si codifica l'ampiezza del segnale con un numero. Sapendo ogni quanto sono campionati è possibile realizzare làoperazione inversa. I lettori MP3 contengono delle versioni compresse di queste sequenze di numeri, in modo da poter essere memorizzate facilmente in "poco" spazio Immagini Qualcosa di simile ai suoni avviene per le immagini, dove si lavora suddividendo l'immagine in tanti quadratini minuscoli (pixel) per ognuno dei quali vengono memorizzate, ad esempio, le intensità delle tre componenti principali del colore (Rosso, Verde, Blu). Per le intensità si assumono valori da 0 (colore assente) a 255 (colore al massimo): un pixel bianco avrà valori delle componenti 255, 255, 255; il nero corrisponderà a 0, 0, 0. Anche qui di solito si "comprimono" le immagini per risparmiare "spazio" nelle memorie

6 La compressione di solito porta ad una riduzione del contenuto informativo, sfruttando il fatto che i nostri sensi non sono molto precisi. Da un formato compresso non è possibile, di solito risalire al segnale originale Conversione dei numeri binari Vediamo come e' possibile convertire i numeri decimali in binari e viceversa Conversione da binario a decimale Come nel sistema decimale le potenze di 10 sono numeri costituiti da un "uno" seguito da degli "zeri" (1, 10, 100, 1000, ) cosi' nella numerazione binaria accade lo stesso in corrispondenza delle potenze di 2. Da questa osservazione viene la regola per la conversione dei numeri binari in grandezze decimali: basta sommare le potenze di 2 in corrispondenza degli "uni", tralasciando le altre. Ad esempio il numero binario puo' essere letto come 2 elevato alla quarta piu' 2 elevato alla prima piu' 2 elevato alla zero = = 19. Quindi in base 2 corrisponde a 19 in base dieci. Un possibile modo di effettuare la conversione e' di scrivere le potenze di due, in ordine inverso, sotto le cifre binarie e poi cancellare quelle che hannno sopra zero (o se sivuole, moltiplicare la potenza per la cifra binaria soprastante). Infine si fa la somma delle potenze rimaste: binario potenze di moltiplicazione 16 x x 2 1 Il numero binario corrisponde quindi a = 19 in decimale Conversione da decimale a binario La conversione da decimale a binario puo' essere fatta seguendo una serie di istruzioni: 1. sia N il numero decimale di cui si vuole trovare il corrispondente valore binario 2. si divide N per 2; si ottiene un nuovo valore per N (il risultato della divisione) e un resto (che sara' sempre o 0 o 1). Scrivere il valore del resto da qualche parte. 3. se N, il risultato della divisione, e' pari a zero passare al punto 4, altrimenti tornare al punto 2 4. si scrivono i valori dei resti delle divisioni successive dall'ultimo al primo: questo e' il valore binario ricercato Esempio Supponiamo di dover convertire il numero 19: Passo 1: N = 19 Passo 2: N/2 = 19/2 = 9 con resto 1; il "nuovo" valore di N e' 9, scriviamo 1 Passo 3: N e' diverso da 0, si torna a passo 2 Passo 2: N/2 = 9/2 = 4 con resto 1; il "nuovo" valore di N e' 4, scriviamo 1 Passo 3: N e' diverso da 0, si torna a passo 2 Passo 2: N/2 = 4/2 = 2 con resto 0; il "nuovo" valore di N e' 2, scriviamo 0 Passo 3: N e' diverso da 0, si torna a passo 2-4 -

7 Passo 2: N/2 = 2/2 = 1 con resto 0; il "nuovo" valore di N e' 1, scriviamo 0 Passo 3: N e' diverso da 0, si torna a passo 2 Passo 2: N/2 = 1/2 = 0 con resto 1; il "nuovo" valore di N e' 0, scriviamo 1 Passo 3: N e' zero, continuiamo con il passo 4 Passo 4: il numero binario si ottiene leggendo i resti al contrario, dall'ultimo al primo: Generalizzazione I metodi di conversione visti finora per il sistema binario valgono, pari pari, per il sistema ottale. Occorre sostituire 8 al posto dei 2 (potenze di 8 nella conversione da esadecimale a decimale, divisioni successive per 8 nella conversione opposta). Lasciamo per esercizio la verifica: provate ad esempio a convertire il numero 19 da e verso la numerazione ottale Numerazione esadecimale Storicamente un sistema di numerazione molto utilizzato negli elaboratori (soprattutto dai primi programmatori che non avevano strumenti sofisticati per "parlare" con l'hardware) e' quello esadecimale, che prevede 16 cifre (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, A, B, C, D, E, F). Le regole di conversione da e verso la numerazione sono le stesse del sistema binario, basta sostituire 16 al posto dei 2 (potenze di 16 nella conversione da esadecimale a decimale, divisioni successive per 16 nella conversione opposta. Il vantaggio della base esadecimale e' che il passaggio dai numeri in base 2 (binario) a quelli in base 16 e viceversa e' immediato: ogni cifra esadecimale corrisponde infatti a quattro cifre successive binarie (cominciando ovviamente da destra!). Per la conversione e' utile costruirsi una tabella con i valori decimali, binari ed esadecimali che vanno da 0 a 15. Nella tabella dei numeri binari indichiamo anche gli zeri non significativi: - 5 -

8 Vediamo qualche esempio: Il numero 19 in binario si scrive 10011, ha quindi cinque cifre binarie. Per comodita' ne scriviamo 8 aggiungendo degli zeri noon significativi all'inzio e scomponiamo in due gruppi di 4 bit: Il numero esadecimale corrispondente si ottiene prendendo i corrispondenti valori nella tabella esadecimale: > > 3: allora il valore esadecimale di e' 13. Se prendiamo il numero 30, in binario otteniamo Ripetendo lo stesso procedimento otteniamo: > 1E in esadecimale. Al contrario, volendo convertire in binario il numero esedecimale 4B basta scrivere i quartetti di bit corrispondenti alle cifre esadecimali: 4 -> 0100, B -> Affiancandoli otteniamo e,togliendo il bit a zero non significativo: Potete verificare da soli se i valori in esadecimale e binario convertiti in decimale danno lo stesso valore. La numerazione esadecimale ha avuto molto successo quando si e' pensato di utilizzare i bit a gruppi di 8, cioe' a byte: un qualsiasi byte puo' essere rappresentato da cue cifre esadecimali, con valori da 00 (otto bit tutti a zero) a FF (tutti uno). Per distinguere i numeri esadecimali da quelli decimali spesso si indica la base dopo il numero, come ad esempio 26(16) oppure si aggiunge una H (da Hexadecimal): 26H Rappresentazione di numeri a dimesione prefissata - 6 -

9 Con un numero prefissato di bit si possono rappresentare solo un insieme ben definito di numeri, poiche' le combinazioni possibili, cioe' i simboli diversi che e' possibile ottenere cambiando i valori dei bit, sono 2 elevato alla dimensione del numero. Del resto anche nel sistema decimale ci sono esempi di numeri a dimensione prefissata: ne sono un esempio i display degli orologi che troviamo per strada o nelle apparecchiature elettroniche come le bilance e le casse dei negozi. Su un display digitale con due cifre possiamo rappresentare solo i numeri da 00 a 99: questa e' sufficiente ad esempio per rappresentare le ore, i minuti e i secondi oppure la temperatura, non si potrebbe utilizzare se dovessimo mostrare con esso la temperatura in un forno Numeri naturali I numeri naturali sono i numeri 1, 2, 3, 4... Di solito si comprende anche lo zero. Con i valori binari di dimensione fissa pari a N i numeri naturali rappresentabili vanno da 0 alla potenza ennesima di 2 meno 1 (per poter comprendere lo zero. Ad esempio con quattro bit si va da 0 a 15 (due alla quarta, 16, meno 1). Con 8 bit si possono rappresentare i numeri decimali da 0 a 255 (o, se si vuole, da 00 a FF in esadecimale). Molto presto ci si e' accorti che si trattava di un insieme troppo modesto, cosi' si e' passati ad un numero maggiore di bit, multipli comunque del byte. Cosi' con 16 bit si va da 0 a (da 0 a FFFF in esadecimale), con 32 bit da 0 a , con 64 bit, utilizzati nei computer attuali piu' recenti, da 0 a Considerando che nei primi 2000 anni di storia i secondi trascorsi sono "solo" 2000x365x24x60x60, cioe' , i moderni calcolatori possono tranquillamente distinguere ognuno di questi istanti di tempo dagli altri: se vi sembra poco... Nel seguito utilizzeremo, per semplicita', solo numeri della dimensione di un byte Overflow Per overflow si intende il superamento della capacita' di memorizzazione: si ha, ad esempio, quando si cerca di inserire un numero maggiore di 255 in un byte. Un esempio potrebbe essere quello di cercare di sommare il valore 200 al valore 180: i due dati di partenza possono stare in un byte, la loro somma no, infatti 380 e' maggiore di 255. L'elaboratore memorizzera' il valore 124, cioe' la parte che eccede 256. Per capirlo, proviamo ad eseguire la somma a mano e vediamo cosa otteniamo: = = Il valore del bit piu' a sinistra viene perso: semplicemente non sta in un byte. Il resto corrisponde, appunto, al valore 124. Come spunto di riflessione si puo' pensare a come mai ottengo la parte che eccede 256 e non la parte che eccede 255. Come aiuto, provate a vedere come viene rappresentato Rappresentazione dei numeri interi I numeri interi comprendono anche i numeri negativi. Con un byte, cioe' 8 bit, si e' dovuto ridurre l'insieme dei numeri positivi per fare posto ai - 7 -

10 corrispondenti negativi. Per questo motivo, sono rappresentabili i numeri da -128 a +127 (uno in meno perche' c'e' anche il valore 0). In un primo momento si e' pensato di utilizzare il bit piu' a sinistra come "bit del segno": quando e' zero si tratta di un numero positivo, quando e' uno si tratta di un numero negativo. Il resto rimane tale e quale. In questo modo, il valore -4 corrisponderebbe a Questo modo non si e' rivelato efficace, perche' le operazioni aritmetiche e di confronto risultavano molto complicate, soprattutto per gli elaboratori. Si e' invece utilizzato un secondo metodo di memorizzazione dei numeri negativi, denominato Complemento a due Complemento a 2 per la rappresentazione dei numeri negativi Per ottenere la rappresentazione in complemento a 2 si un numero negativo si deve seguire una procedura, i cui passi sono i seguenti: 1: scrivere il corrispondente numero positivo; 2: "rovesciare" ogni singolo bit (cioe' ogni bit a zero diventa un uno e viceversa); 3: addizionare uno al numero cosi' ottenuto. Alla fine si ottiene il valore del numero negativo cercato. Vediamo un esempio: vogliamo il valore di -13. Primo passo: scriviamo 13 in 8 bit Secondo passo: rovesciamo i bit Terzo passo: aggiungiamo quindi il valore binario di -13 e' Per verificare la correttezza, proviamo a aggiungere al numero ottenuto il valore 13. Provando a fare a mano l'operazione, si ottiene , cioe' un numero con overflow. Gli otto bit piu' a destra, escludendo l'uno iniziale, corrisponde proprio al risultato corretto. Come verifica, provate a fare operazioni quali e verificare che risulti Ricerca del valore di un numero in complemento a 2 Per ottenere il valore assoluto di un numero negativo rappresentato in complemento a 2, e' sufficiente ripetere la procedura sul numero negativo: per il numero -13 quello che si ottiene e' infatti -(-13), cioe' Sottrazione in binario Con la rappresentazione dei numeri negativi con il complemento a 2, le sottrazioni si trasformano in addizioni: infatti puo' essere scritto come 76+(-40), cioe' una addizione tra un numero positivo e un valore negativo. Gli elaboratori quindi sanno fare addizioni ma non sottrazioni Moltiplicazione e divisione Le altre operazioni aritmetiche fondamentali sono fatte mediante sequenze di addizioni e sottrazioni: per l'elaboratore 5x4 diventa , mentre 35/4 provoca il conteggio di quante sottrazioni di 4 (addizioni di -4) possono essere fatte su 35 prima di arrivare a zero o meno. Alcune operazioni sono piu' "facili" per l'elaboratore: moltiplicare per una potenza di 2 corrisponde a aggiungere degli zeri in fondo (provare a fare 13x8), la divisione per una potenza di 2 significa buttare via gli ultimi bit

11 L'elaboratore in genere sfrutta queste proprieta' per aumentare la velocita' con sui ottenere i risultati, a scapito di complicazioni nella sequenza delle operaziono

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1. Floating Point Notazione in virgola mobile N = M BE mantissa base esponente esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.6273 102 forma normalizzata: la mantissa ha una sola cifra

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Appunti di Matematica

Appunti di Matematica Silvio Reato Appunti di Matematica Settembre 200 Le quattro operazioni fondamentali Le quattro operazioni fondamentali Addizione Dati due numeri a e b (detti addendi), si ottiene sempre un termine s detto

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Frazioni e numeri razionali

Frazioni e numeri razionali Frazioni e numeri razionali I numeri naturali sono i primi numeri che hai incontrato, quando hai cominciato a contare con le dita. Ma vuoi eseguire tutte le sottrazioni. E allora hai bisogno dei numeri

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà:

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: naturale, se la frazione è apparente. Esempi: 4 2 2 60 12 5 24 8 decimale limitato o illimitato, se

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fulvio Corno Antonio Lioy Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica v. 4.02 01/09/2009 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Nota metodologica........................................

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Laboratorio sui logaritmi Il regolo calcolatore Bozza di progetto Il regolo calcolatore è una delle piú antiche ed utilizzate applicazioni dei logaritmi. Consiste

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

INDICE. Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1. Unità 1 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE DECIMALE, 49

INDICE. Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1. Unità 1 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE DECIMALE, 49 INDICE Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1 Il libro prosegue nel CD Il linguaggio degli insiemi, 2 1 GLI INSIEMI E LA LORO RAPPRESENTAZIONE, 2 Gli insiemi, 2 Insieme vuoto, finito e infinito, 3 La rappresentazione

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

L INFORMATICA RACCONTATA AI GRANDI E AI PICCINI

L INFORMATICA RACCONTATA AI GRANDI E AI PICCINI Angelo Raffaele Meo Aurora Martina Neri L INFORMATICA RACCONTATA AI GRANDI E AI PICCINI PREMESSA Questo libro è destinato ai ragazzi di età compresa tra i 10 e i 14 anni circa. Abbiamo pensato a loro perché

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it L Informatica!2 Informatica Il termine informatica deriva dal francese Informatique Inform(ation

Dettagli

Manuale di gestione file di posta Ver4.00

Manuale di gestione file di posta Ver4.00 AreaIT - Servizio Servizi agli Utenti Ufficio Office Automation Manuale di gestione file di posta Ver4.00 Introduzione: Per un corretto funzionamento del programma di posta elettronica, presente nella

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli