Indice. 1 Premessa: Introduzione e scopo del corso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 Premessa: Introduzione e scopo del corso -----------------------------------------------------------3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA LEZIONE I INTRODUZIONE ALLE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PROF. ORLANDO DE PIETRO

2 Indice 1 Premessa: Introduzione e scopo del corso Dato, Informazione e Conoscenza L informazione digitale Appendice di approfondimento (facoltativo) Conversione dei numeri tra basi diverse di 17

3 1 Premessa: Introduzione e scopo del corso In questi ultimi anni si sta assistendo allo sviluppo di una Società della conoscenza aperta e non discriminante in ambito Sociale che viene definita appunto Società dell Informazione e della Conoscenza; infatti proprio la risorsa informazione è diventata per la Società odierna, per la collettività, un elemento di ricchezza essenziale per il proprio sviluppo. Sin dagli inizi degli anni Novanta si è cominciato ad assistere ad un cambiamento dell Economia e della Vita Sociale. Cambiamento dovuto a ciò che è stata definita Rivoluzione tecnologica e che ha dato origine ad una Nuova Era la cosiddetta era digitale - caratterizzata dalla comparsa di Internet e delle Nuove Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione le TIC o ICT (acronimo di: Information and Communication Technology). E così nel vocabolario umano, nel linguaggio quotidiano, vengono sempre più utilizzati termini come , SMS, e-commerce (commercio elettronico) per citare quelli più comuni, oppure termini come Net Banking, per indicare i servizi bancari fruiti attraverso la rete Internet: gestione del proprio c/c, transazioni finanziarie, ecc.; oppure termini come New Economy, per indicare che la differenza con la tradizionale economia chiamata oggi Old Economy sta proprio nell utilizzo delle ICT. Particolare attenzione verso le Nuove Tecnologie, in questi ultimi anni, è stata posta dal Consiglio Europeo che ha redatto un documento denominato L Europa in 12 lezioni, nel quale si mette in evidenza un nuovo obiettivo strategico, e cioè: <<far diventare l economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale>>. Tale strategia mira a promuovere la ricerca scientifica, l istruzione, la formazione professionale, e soprattutto l accesso a Internet e ai servizi on-line; da ciò si evince che le Nuove tecnologie sono diventate i motori di una crescita sostenibile e che le stesse devono essere sempre più utilizzate nei servizi pubblici, nelle PMI, negli Enti pubblici e privati, nella formazione e nelle famiglie. E chiaro che per poter raggiungere questi obiettivi occorre prima di tutto fare acquisire alle persone che le utilizzeranno, le competenze di base delle ICT o TIC. Vale a dire occorre minimizzare o, ancor meglio, eliminare quello che oggi viene definito DIGITAL DIVIDE: ovvero la divisione/separazione fra chi è in grado di utilizzare le tecnologie e chi non le sa usare o non ha addirittura la possibilità di utilizzarle perché sprovvisto. 3 di 17

4 Bisogna sottolineare che l introduzione delle nuove tecnologie ha causato alla società prospettive positive e anche negative. Per quanto riguarda il management (l aspetto gestionale), sicuramente l uso degli strumenti informatici ha portato ad un aumento dell efficienza, in termini di diminuzione dei tempi di elaborazione e dei costi di produzione, e dell efficacia ovvero miglioramento dei servizi offerti. Mentre dal punto di vista sociale si sta assistendo da una parte alla perdita di posti di lavoro nei settori tradizionali, e dall altra alla nascita di nuove professioni, nuove tipologie di business, con la realizzazione di nuovi prodotti e servizi, in cui sono richieste nuove figure professionali; es.: Web editor, Esperti e-learning, e-tutor, Esperto in Training Project Manager, e-tourism Manager, ecc. L avvento della Società dell Informazione ha determinato il passaggio da una economia basata sulla produzione di beni ad una economia basata sull erogazione di servizi; in particolare la diffusione delle tecnologie telematiche ha consentito di produrre, archiviare e rendere disponibile una enorme quantità di informazioni utile all uomo per svolgere le proprie attività produttive e decisionali. Occorre comunque osservare che le ICT sono sempre più utilizzate nei processi formativi; l uso delle reti telematiche consente la distribuzione su larga scala del materiale didattico e può essere fruito in autoistruzione. In particolare, la formazione ha subito radicali mutamenti nel corso del tempo, da cui sono derivati innumerevoli modelli, teorie, paradigmi e tecnologie dell insegnamento-apprendimento. L evoluzione e la continua diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione hanno contribuito in maniera innovativa alla creazione e sperimentazione di nuovi modelli formativi, non soltanto negli ambienti scolastici e universitari, ma anche nelle Aziende e nella Pubblica Amministrazione, in cui ormai si rende necessario un aggiornamento continuo e permanente (lifelong learning) del personale. Le potenzialità offerte dalle ICT hanno trasformato radicalmente le caratteristiche di erogazione dei contenuti, portando di conseguenza ad un cambiamento delle modalità di acquisizione e di gestione delle informazioni e dei saperi. A partire da queste considerazioni, durante il corso verranno analizzate le nozioni di base necessarie alla comprensione dell Informatica e all evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. In particolare le tematiche trattate riguarderanno: il concetto di dato, informazione e conoscenza, il passaggio dall informazione verbale a quella digitale, l architettura del calcolatore, i supporti di informazione; verrà fornita un introduzione al Networking, alle tecnologie informatiche e telematiche, si parlerà delle reti di telecomunicazione, verranno analizzati i tipi e le topologie delle reti telematiche, della rete Internet della sua evoluzione e infrastruttura 4 di 17

5 tecnologica e quindi dei suoi servizi e protocolli. Nella parte laboratoriale, verranno trattati i cosiddetti sistemi di produttività individuali e in particolare i wordprocessor e i fogli elettronici. 5 di 17

6 2 Dato, Informazione e Conoscenza L informazione nell attuale società ha assunto un carattere di primaria importanza, e, come in passato si è assistito a rivoluzioni come quella agraria o quella industriale, si può affermare che oggigiorno è in atto una forma di rivoluzione dell informazione (meglio nota come era dell informazione). Alla base dei processi produttivi che caratterizzano i vari settori (privati e pubblici) l informazione, nelle sue diverse forme di rappresentazione (caratteri, numeri, simboli, disegni, ecc.), diventa un bene rilevante, tanto da essere considerata un vero e proprio fattore produttivo ; ovviamente tale fattore è tanto più rilevante, quanto più elevato è lo scambio dell informazione, o meglio delle informazioni, nella società. La modalità di rappresentazione dell informazione nel corso del tempo ha subito radicali cambiamenti dovuti essenzialmente all evoluzione tecnologica dei mezzi utilizzati per trasferirla; così, a partire dall epoca primitiva, in cui la trasmissione dell informazione avveniva soltanto in maniera orale e circoscritta in uno spazio/tempo limitato, si è passati ad una diffusione dell informazione sempre più ampia soprattutto grazie all evoluzione dei mezzi di comunicazione. Volendo quindi ripercorre la storia dell informazione, o meglio della rappresentazione dell informazione, si possono individuare le seguenti fasi: la prima, risale ai popoli primitivi e alla loro capacità di comunicare solo verbalmente, per cui l informazione era trasmissibile solo tra essere viventi vicini. La seconda fase, è quella successiva all invenzione dell alfabeto, con la quale è stato possibile superare sia i limiti di spazio (in quanto si poteva trasmettere l informazione da un luogo all altro per iscritto), sia i limiti di tempo (potendo essere trasferita alle generazioni successive). La terza fase, è quella della scrittura a stampa grazie alla quale a seguito del processo di copia e ricopia si è assistito ad una rapida diffusione dell informazione, ampliando sempre di più i limiti spazio-temporali. 6 di 17

7 La quarta è collegata all uso dei mezzi di comunicazione di massa: radio, tv, cinema, giornale, grazie ai quali si è avuta una diffusione di massa dell informazione. La quinta, infine, è una evoluzione della precedente, ed è quella caratterizzata dall utilizzo delle nuove tecnologie informatiche e in particolare modo di quelle telematiche, dove si annullano definitivamente o quasi i limiti spaziotemporali e della memoria. Ma che cos è e cosa si intende per informazione? Dare una definizione precisa di informazione non è semplice, proprio perché tale concetto riguarda ogni campo e settore della vita quotidiana e, all interno di ogni campo specifico di applicazione, l informazione assume una diversa interpretazione; ogni individuo ha cioè la capacità di interpretare e recepire l informazione in diversi modi possibili. Per rendersi conto del grado di problematicità nel definire l informazione, si pensi che perfino lo stesso Claude Elwood Shannon, ricercatore del MIT (Massachussets Institute of Technology - USA) e ritenuto il fondatore della teoria dell informazione, la definì come qualsiasi differenza che genera differenze. In ogni caso se si vuole attribuire un primo significato al termine informazione, si può partire dal fatto che un carattere, un numero, o una sequenza di essi, una data di nascita, una sensazione, ecc., altro non è che un messaggio che un sistema, ad esempio l uomo, percepisce, interpreta e memorizza. Al fine di chiarire meglio tale concetto, occorre precisare che così come appena definita, l informazione è una informazione elementare cioè non ha un valore, o meglio un significato valutabile, in quanto elemento singolo ; questa informazione elementare è chiamata più comunemente dato (vedi più avanti). Le informazioni o, a questo punto, i dati ricevuti e combinati fra di loro portano ad una conoscenza ovvero ad una informazione utile in grado cioè di ridurre o eliminare l incertezza, il dubbio, nel sistema. Per quanto accennato in precedenza, si può a questo punto asserire che l informazione è un elemento fondamentale per la vita sociale e lavorativa del sistema (uomo) in quanto rappresenta quella conoscenza di cui egli ha bisogno per produrre, rendere, socializzare, e di cui l informazione è parte integrante. La conoscenza è un bene immateriale che, in quanto tale, non si deteriora con il suo utilizzo ma al contrario è proprio nel tempo che genera maggiori benefici soprattutto a seguito del suo confronto con altre conoscenze, e porta a ciò che tecnicamente viene chiamato arricchimento 7 di 17

8 conoscitivo ; tale arricchimento può avvenire sia in forma implicita mediante esperienza diretta sia in forma esplicita tramite riflessioni su tale esperienza. La qualità della conoscenza è determinata dalla varietà dell esperienza all interno dell organizzazione o della società, che porta il singolo individuo a elaborare proprie prospettive; tali prospettive per non rimanere a livello personale e confluire invece in una forma di conoscenza organizzativa/sociale hanno bisogno di essere rielaborate e diffuse. Proprio in relazione alla diffusione di tale conoscenza, sorgono però alcune problematiche in relazione a: la conoscenza per essere diffusa necessita di una opportuna codifica, soprattutto per la conoscenza tacita che difficilmente è trasferibile tra i vari soggetti. Ma, quanto più si codifica l informazione tanto più si rende quest ultima facilmente riproducibile e si perde quel carattere di unicità che le faceva acquisire maggiore valore; la conoscenza formalizzata diviene statica e perde dinamismo rispetto alla velocità del cambiamento, per rispondere cioè alle nuove situazioni necessita di essere ri-codificata; la codificazione della conoscenza presenta spesso costi notevoli ed amplifica la complessità dell utilizzazione dell informazione, ecco perchè spesso si assiste al cosiddetto paradosso della società dell informazione, per cui non sempre si producono gli attesi incrementi di produttività [BAR et FON, 2005]. Per potere trasferire e quindi comunicare l informazione, si deve fare ricorso ad opportuni strumenti e canali di comunicazione; è necessario pertanto considerare che in base al canale di comunicazione utilizzato l informazione deve essere opportunamente codificata secondo uno standard adatto al canale di riferimento. In effetti, il trasferimento di informazioni deve essere considerato in un più ampio sistema che si occupa del trattamento delle informazioni, all interno del quale sono presenti più sotto-sistemi che utilizzano diversi canali di comunicazione. Tale sistema, a sua volta, si contestualizza in un apparato che si identifica con l ambiente esterno (ecosistema). Sostanzialmente il sistema riceve dall ecosistema in ingresso informazioni, che una volta elaborate all interno dell interazione tra i vari sottosistemi produce l output (uscita) verso l ecosistema stesso. L obiettivo è comunque quello di generare nuova conoscenza a seguito della elaborazione (in figura 1 è illustrato lo schema appena descritto). 8 di 17

9 I sottosistema sottosistema U sottosistema sistema Fig. 1 Schema di Sistema per il trattamento delle informazioni. Bisogna considerare che alcuni sotto-sistemi necessitano del fattore umano per il loro funzionamento, mentre altri sono indipendenti poiché gestiti in maniera automatica grazie alla presenza di strumenti per il trattamento automatico dei dati. In quest ultimo caso, l intervento umano si ha soltanto nella fase di inserimento di tali dati all interno del sistema, secondo opportune procedure di lavoro e di trattamento delle informazioni a monte definite, per poter giungere ad una conoscenza. A questo punto, per meglio comprendere il valore che viene generato dal passaggio del dato alla conosc enza, è opportuno evidenziare con maggiore precisione la differenza che intercorre tra dato-informazione-conoscenza; cioè: i dati sono gli elementi grezzi di cui si dispone, una sorta di materia prima necessaria per la creazione delle informazioni; le informazioni possono essere descritte come messaggi trasmessi da un emittente a un ricevente. L informazione viene trasmessa al fine di modificare il modo attraverso cui il ricevente percepisce qualcosa e affinchè abbia impatto sul suo giudizio e/o sul suo comportamento, in definitiva è ciòche possiede un significato per l uomo; la conoscenza è definita come una combinazione fluida di esperienza, valori, informazioni contestuali e competenza specialistica che fornisce un quadro di riferimento per la valutazione e l assimilazione di nuova esperienza e nuove informazioni. Essa origina e viene applicata attraverso i conoscitori [DAV et PRU, 1998]. Volendo fornire una visione più completa si può considerare il seguente schema: 9 di 17

10 Fig. 2 Schema Dato, Informazione, Conoscenza. Il rilevamento, l elaborazione, lo scambio e l archiviazione di informazioni, con lo scopo di produrre e distribuire conoscenza, sono alla base delle nuove Tecnologie dell Informazione e Comunicazione (ICT). 2.1 L informazione digitale Quando si parla di nuovi media, di nuove tecnologie informatiche e di quella che viene definita utilizzando la terminologia inglese digital revolution, bisogna necessariamente affrontare e comprendere il concetto di informazione in formato digitale (informazione digitale). E necessario capire perché la trasformazione dell informazione da verbale, ovvero analogica, in quella digitale o nella forma elettronica rappresenta una traduzione di eccezionale importanza tanto da far parlare di una vera e propria rivoluzione o di ciò che oggi viene definita cultura digitale. Per comprendere il concetto di informazione digitale è necessario analizzare il linguaggio binario. Nel XVII secolo caratterizzato da numerosi studi sull analisi combinatoria, nasce l idea del calcolo binario. Il matematico e filosofo Leibniz 1 è stato il primo a dare sistematicità a tale idea, a studiare in maniera specifica le caratteristiche di tale sistema ed a sostenere l interesse dell aritmetica binaria come scelta di sistema di numerazione. Leibniz infatti sosteneva che, se l obiettivo della scelta del sistema di numerazione da utilizzare era quello di ridurre la lunghezza 1 Gottfried Wilhelm Leibniz (Lipsia, Hannover, 1716) filosofo, matematico; a lui si deve la scoperta del sistema binario su cui si basa il funzionamento di tutti i computer moderni. 10 di 17

11 dei numeri, si doveva ricorrere ad una base più alta quale ad esempio quella esadecimale (16 cifre), se viceversa il fine era quello di semplificare il sistema di numerazione, si doveva adottare la base più semplice e cioè quella binaria (a base 2). Tale base infatti è quella con il minor numero possibile si simboli primitivi, e si presta secondo lo stesso Leibniz particolarmente bene per lo studio delle proprietà e delle successioni di numeri. Il richiamo al filosofo e matematico Leibniz è doveroso in quanto, con la sua intuizione sulla semplicità dell uso del sistema binario per contare, è stato l ideatore del linguaggio utilizzato dai moderni calcolatori (il calcolatore nasce alla fine degli anni 50); tale linguaggio costituito dai due segni zero e uno si presta facilmente alla rappresentazione e manipolazione di qualsiasi simbolo all interno del calcolatore. Per comprendere a fondo i vantaggi derivabili dalla rappresentazione delle informazioni in forma binaria o ancor meglio in forma digitale, e per capire come ciò possa avvenire, bisogna prima fare un passo indietro e vedere come è nata e si è evoluta la macchina informatica. L elaboratore [MAR,92] nelle sue componenti originarie nasce dalla combinazione di tre famiglie di macchine: le macchine aritmetiche (la Pascalina di B. Pascal ), le macchine contabili (calcolatrice 1960) e gli strumenti atti a trasmettere una sequenza di comandi ad altre macchine. L unificazione delle diverse macchine per il trattamento delle informazioni si è realizzata tramite l impiego dell elettronica in combinazione con la rappresentazione dei numeri mediante la base binaria, precedentemente vista. Grazie anche all algebra booleana ad opera di George Boole 2 nella prima metà dell 800, si arriva alla semplificazione dell uso dei numeri, e da ora in poi sarà possibile rappresentare qualsiasi numero decimale, in forma binaria; anche se per rappresentare un numero decimale si devono utilizzare sequenze di 1 e di 0, per l elaboratore è più facile e semplice manipolare due sole cifre anziché dieci o sedici. Il termine digitale, dall inglese digit (cifra/numero), è ormai entrato a far parte del nostro vocabolario e della vita di tutti i giorni. Col termine digitale non ci si riferisce solo al fatto che l informazione viene trasformata e rappresentata in forma numerica, ma al fatto che tale informazione la si rappresenti mediante la codifica binaria a cui prima si è fatto riferimento. Rappresentare l informazione mediante tale codifica o linguaggio, significa passare come afferma Nicholas Negroponte dal mondo degli atomi a quello dei bit [NEG,97], dove per bit si intende il numero binario, contrazione dei termini inglese binary digit. Quando si parla di rappresentazione digitale dei media si fa riferimento al modo in cui le informazioni vengono codificati in sequenze 2 Nato a Lincoln nel 1815 il matematico inglese George Boole si è occupato di calcolo differenziale e ha elaborato un metodo generale di calcolo delle probabilità; i suoi lavori per i quali è più noto sono comunque quelli nel campo della cosiddetta Algebra della logica. 11 di 17

12 di bit per poter essere elaborati dai computer. Bisogna a questo punto capire come è possibile che numeri, testi, immagini, suoni, video e perfino odori, possono essere rappresentati in formato digitale (mediante bit) per essere inseriti (input) nei personal computers e quindi essere manipolati (elaborati) all interno degli stessi. Questa possibilità è correlata agli sviluppi delle tecnologie elettroniche ed in particolare a quelle legate alla conversione dei segnali analogici in forma digitale e viceversa. In generale quando si parla di analogico e digitale e se ne vuole fare una distinzione, si deve fare riferimento alla differenza che c è tra una rappresentazione continua e una rappresentazione discreta di variabili fisiche (suono, tempo, temperatura, movimento, ecc.). Nel caso di rappresentazione analogica si ricorre ad un insieme infinito di stati per raffigurare la l elemento, per esempio un orologio con lancette per rappresentare il tempo ; mentre la rappresentazione digitale si realizza con un insieme finito di stati e si realizza mediante numeri, per esempio un orologio con numeri (fig. 3); in particolare la trasformazione di una informazione da formato analogico a formato digitale affinché possa essere elaborata da un computer, equivale alla rappresentazione dell informazione (analogica) in sequenze di zero ed uno (digitale): tale processo di trasformazione prende il nome di digitalizzazione. Fig. 3 Orologio analogico e orologio digitale Tutti i media e quindi i segnali ad essi associati, vengono sottoposti ad una conversione di dominio, ovvero ad una trasformazione che prende il segnale analogico e lo trasforma in digitale. Una volta che il segnale analogico è stato convertito in digitale il personal computer, che è in grado di compiere operazioni solo in binario, è in grado di elaborare le sequenze di bit ottenute dalla precedente conversione, si ha così una rappresentazione del segnale analogico nel dominio digitale. A questo punto occorre comprendere come praticamente sia possibile effettuare delle trasformazioni in forma digitale (ovvero binaria) di numeri, testi, immagini e suoni. Rappresentare in forma binaria un informazione numerica è abbastanza semplice ed agevole, bastano soltanto alcune regole matematiche. Bisogna poi ricordare che le cifre in binario sono solo due e che la cifra significativa è rappresentata esclusivamente dal numero 1. Lo 0 e l 12 di 17

13 1 resteranno uguali, gli altri, ad iniziare dal numero 2 decimale, saranno ottenuti mediante la combinazione delle cifre binarie, ottenendo così un insieme di zeri ed uno, procedendo così alla trasformazione del numero da una notazione all altra. Nella tabella seguente viene mostrata la corrispondenza tra un numero decimale e la sua rappresentazione binaria: Decinamale Binario N.B. -Per ulteriori chiarimenti sulla conversione dei numeri da una base qualsiasi (decimale, esadecimale, ottale, ecc.) a quella binaria e viceversa si rimanda all Appendice di approfondimento più avanti nella dispensa approfondimento facoltativo. 13 di 17

14 3 Appendice di approfondimento (facoltativo). 3.1 Conversione dei numeri tra basi diverse. La necessità di convertire numeri tra basi oggi è ridotta solo ad alcune situazioni particolari, ad esempio progettazione di circuiti o in alcuni casi di programmazione. Conversione da base b a base 10. Per convertire in Base 10 un numero rappresentato in una qualsiasi BASE b, bisogna procedere nel seguente modo: sommare le cifre del numero moltiplicate per la base b elevata alla potenza della posizione che occupa la cifra. Esempi. (A5E) 16 = A x x E x 16 0 = 10 x x x 1 = = (2654) 10 (235) 8 = 2 x x x 8 0 = = (157) 10 (10011) 2 = 1 x x x x x 2 0 = = (19) 10 Conversione da base 10 a base b. Si procede nel modo seguente: dividere il numero da convertire per la base b fino a quando l ultimo quoziente è minore della base stessa (b), dopodiché il numero convertito si ottiene prendendo l ultimo quoziente e tutti i resti delle divisioni, procedendo dall ultimo resto al primo e scrivendoli da sinistra verso destra. Esempio: Convertire il numero 12 da Base 10 a Base 2 12 : 2 = 6 con resto=0 6 : 2 = 3 con resto =0 3 : 2 = 1 con resto =1 1 : 2 = 0 con resto =1 quindi: (1100) 2 14 di 17

15 Esempio: Convertire il numero 120 da Base 10 a Base : 8 = 15 con resto = 0 15 : 8 = 1 con resto = 7 1 : 8 = 0 con resto 1 quindi: (170) 8 Esempio: Convertire il numero 520 da Base 10 a Base : 16 = 32 con resto = 8 32 : 16 = 2 con resto = 0 2 : 16 = 0 con resto 2 quindi: (208) 16 Esempio: Convertire il numero 1253 da Base 10 a Base : 16 = 78 con resto = 5 78 : 16 = 4 con resto = 14 = E 4 : 16 = 0 con resto 4 quindi: (4E5) 16 Osservazione: Si osservi che la conversione dalla veloce di quella da decimale ad altre basi. base 2 alla base 16 e/o 8, e viceversa,è più semplice e Infatti basta considerare che per rappresentare le sedici cifre diverse del codice esadecimale occorrono 4 bit (2 4 = 16) mentre per rappresentare le otto cifre diverse del codice ottale occorrono 3 bit (2 3 = 8). Ne risulta che per convertire un numero binario in esadecimale o in ottale, è sufficiente raggruppare le cifre binarie rispettivam ente in gruppi di quattro o tre cifre (bit) a partire da quelle meno significative : si ricava immediatamente il numero grazie alla sostituzione dei bit così ricavati con la cifra esadecimale o ottale corrispondente. E sempio: conve rsione da binario in esadecimale > > (7F1A) 16 dove: 15 di 17

16 1010 (conversione da binario a decimale) = 10 in esadecimale corrisponde ad A 0001 (conversione da binario a decimale) = 1 in esadecimale corrisponde ad (conversione da binario a decimale) = 15 in esadecimale corrisponde ad F 111 (conversione da binario a decimale) = 7 in esadecimale corrisponde ad 7 Esempio: conversione da binario in ottale dove: > > (574) (conversione da binario a decimale) = 5 in ottale corrisponde a (conversione da binario a decimale) = 7 in ottale corrisponde a (conversione da binario a decimale) = 5 in ottale corrisponde a 4 Analoga mente si procede per la conversione dalla base 16 e/o 8 alla base 2. Esempio: Convertire il numero (A B 2) 16 in Binario. Poiché: (A) 16 si considera il (A) in base 10 che convertito in binario è: = (10) 10 = (1010) 2 (B) 16 = (11) 10 = (1011) 2 (2) 16 = (2) 10 = (0010) 2 ne consegue che: (A B 2) 16 = ( ) 2 Esempio: Convertire il numero (516) 8 in Binario. Poiché: (5) si considera il (5) in base 10 che convertito in binario è: = (101) 8 2 (1) 8 si considera il (1) in base 10 che convertito in binario è: = (001) 2 16 di 17

17 (6) 8 si considera il (6) in base 10 che convertito in binario è: = (110) 2 ne consegue che: (5 1 6) 8 = ( ) 2 17 di 17

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it L Informatica!2 Informatica Il termine informatica deriva dal francese Informatique Inform(ation

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli