Indice. 1 Premessa: Introduzione e scopo del corso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 Premessa: Introduzione e scopo del corso -----------------------------------------------------------3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA LEZIONE I INTRODUZIONE ALLE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PROF. ORLANDO DE PIETRO

2 Indice 1 Premessa: Introduzione e scopo del corso Dato, Informazione e Conoscenza L informazione digitale Appendice di approfondimento (facoltativo) Conversione dei numeri tra basi diverse di 17

3 1 Premessa: Introduzione e scopo del corso In questi ultimi anni si sta assistendo allo sviluppo di una Società della conoscenza aperta e non discriminante in ambito Sociale che viene definita appunto Società dell Informazione e della Conoscenza; infatti proprio la risorsa informazione è diventata per la Società odierna, per la collettività, un elemento di ricchezza essenziale per il proprio sviluppo. Sin dagli inizi degli anni Novanta si è cominciato ad assistere ad un cambiamento dell Economia e della Vita Sociale. Cambiamento dovuto a ciò che è stata definita Rivoluzione tecnologica e che ha dato origine ad una Nuova Era la cosiddetta era digitale - caratterizzata dalla comparsa di Internet e delle Nuove Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione le TIC o ICT (acronimo di: Information and Communication Technology). E così nel vocabolario umano, nel linguaggio quotidiano, vengono sempre più utilizzati termini come , SMS, e-commerce (commercio elettronico) per citare quelli più comuni, oppure termini come Net Banking, per indicare i servizi bancari fruiti attraverso la rete Internet: gestione del proprio c/c, transazioni finanziarie, ecc.; oppure termini come New Economy, per indicare che la differenza con la tradizionale economia chiamata oggi Old Economy sta proprio nell utilizzo delle ICT. Particolare attenzione verso le Nuove Tecnologie, in questi ultimi anni, è stata posta dal Consiglio Europeo che ha redatto un documento denominato L Europa in 12 lezioni, nel quale si mette in evidenza un nuovo obiettivo strategico, e cioè: <<far diventare l economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale>>. Tale strategia mira a promuovere la ricerca scientifica, l istruzione, la formazione professionale, e soprattutto l accesso a Internet e ai servizi on-line; da ciò si evince che le Nuove tecnologie sono diventate i motori di una crescita sostenibile e che le stesse devono essere sempre più utilizzate nei servizi pubblici, nelle PMI, negli Enti pubblici e privati, nella formazione e nelle famiglie. E chiaro che per poter raggiungere questi obiettivi occorre prima di tutto fare acquisire alle persone che le utilizzeranno, le competenze di base delle ICT o TIC. Vale a dire occorre minimizzare o, ancor meglio, eliminare quello che oggi viene definito DIGITAL DIVIDE: ovvero la divisione/separazione fra chi è in grado di utilizzare le tecnologie e chi non le sa usare o non ha addirittura la possibilità di utilizzarle perché sprovvisto. 3 di 17

4 Bisogna sottolineare che l introduzione delle nuove tecnologie ha causato alla società prospettive positive e anche negative. Per quanto riguarda il management (l aspetto gestionale), sicuramente l uso degli strumenti informatici ha portato ad un aumento dell efficienza, in termini di diminuzione dei tempi di elaborazione e dei costi di produzione, e dell efficacia ovvero miglioramento dei servizi offerti. Mentre dal punto di vista sociale si sta assistendo da una parte alla perdita di posti di lavoro nei settori tradizionali, e dall altra alla nascita di nuove professioni, nuove tipologie di business, con la realizzazione di nuovi prodotti e servizi, in cui sono richieste nuove figure professionali; es.: Web editor, Esperti e-learning, e-tutor, Esperto in Training Project Manager, e-tourism Manager, ecc. L avvento della Società dell Informazione ha determinato il passaggio da una economia basata sulla produzione di beni ad una economia basata sull erogazione di servizi; in particolare la diffusione delle tecnologie telematiche ha consentito di produrre, archiviare e rendere disponibile una enorme quantità di informazioni utile all uomo per svolgere le proprie attività produttive e decisionali. Occorre comunque osservare che le ICT sono sempre più utilizzate nei processi formativi; l uso delle reti telematiche consente la distribuzione su larga scala del materiale didattico e può essere fruito in autoistruzione. In particolare, la formazione ha subito radicali mutamenti nel corso del tempo, da cui sono derivati innumerevoli modelli, teorie, paradigmi e tecnologie dell insegnamento-apprendimento. L evoluzione e la continua diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione hanno contribuito in maniera innovativa alla creazione e sperimentazione di nuovi modelli formativi, non soltanto negli ambienti scolastici e universitari, ma anche nelle Aziende e nella Pubblica Amministrazione, in cui ormai si rende necessario un aggiornamento continuo e permanente (lifelong learning) del personale. Le potenzialità offerte dalle ICT hanno trasformato radicalmente le caratteristiche di erogazione dei contenuti, portando di conseguenza ad un cambiamento delle modalità di acquisizione e di gestione delle informazioni e dei saperi. A partire da queste considerazioni, durante il corso verranno analizzate le nozioni di base necessarie alla comprensione dell Informatica e all evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. In particolare le tematiche trattate riguarderanno: il concetto di dato, informazione e conoscenza, il passaggio dall informazione verbale a quella digitale, l architettura del calcolatore, i supporti di informazione; verrà fornita un introduzione al Networking, alle tecnologie informatiche e telematiche, si parlerà delle reti di telecomunicazione, verranno analizzati i tipi e le topologie delle reti telematiche, della rete Internet della sua evoluzione e infrastruttura 4 di 17

5 tecnologica e quindi dei suoi servizi e protocolli. Nella parte laboratoriale, verranno trattati i cosiddetti sistemi di produttività individuali e in particolare i wordprocessor e i fogli elettronici. 5 di 17

6 2 Dato, Informazione e Conoscenza L informazione nell attuale società ha assunto un carattere di primaria importanza, e, come in passato si è assistito a rivoluzioni come quella agraria o quella industriale, si può affermare che oggigiorno è in atto una forma di rivoluzione dell informazione (meglio nota come era dell informazione). Alla base dei processi produttivi che caratterizzano i vari settori (privati e pubblici) l informazione, nelle sue diverse forme di rappresentazione (caratteri, numeri, simboli, disegni, ecc.), diventa un bene rilevante, tanto da essere considerata un vero e proprio fattore produttivo ; ovviamente tale fattore è tanto più rilevante, quanto più elevato è lo scambio dell informazione, o meglio delle informazioni, nella società. La modalità di rappresentazione dell informazione nel corso del tempo ha subito radicali cambiamenti dovuti essenzialmente all evoluzione tecnologica dei mezzi utilizzati per trasferirla; così, a partire dall epoca primitiva, in cui la trasmissione dell informazione avveniva soltanto in maniera orale e circoscritta in uno spazio/tempo limitato, si è passati ad una diffusione dell informazione sempre più ampia soprattutto grazie all evoluzione dei mezzi di comunicazione. Volendo quindi ripercorre la storia dell informazione, o meglio della rappresentazione dell informazione, si possono individuare le seguenti fasi: la prima, risale ai popoli primitivi e alla loro capacità di comunicare solo verbalmente, per cui l informazione era trasmissibile solo tra essere viventi vicini. La seconda fase, è quella successiva all invenzione dell alfabeto, con la quale è stato possibile superare sia i limiti di spazio (in quanto si poteva trasmettere l informazione da un luogo all altro per iscritto), sia i limiti di tempo (potendo essere trasferita alle generazioni successive). La terza fase, è quella della scrittura a stampa grazie alla quale a seguito del processo di copia e ricopia si è assistito ad una rapida diffusione dell informazione, ampliando sempre di più i limiti spazio-temporali. 6 di 17

7 La quarta è collegata all uso dei mezzi di comunicazione di massa: radio, tv, cinema, giornale, grazie ai quali si è avuta una diffusione di massa dell informazione. La quinta, infine, è una evoluzione della precedente, ed è quella caratterizzata dall utilizzo delle nuove tecnologie informatiche e in particolare modo di quelle telematiche, dove si annullano definitivamente o quasi i limiti spaziotemporali e della memoria. Ma che cos è e cosa si intende per informazione? Dare una definizione precisa di informazione non è semplice, proprio perché tale concetto riguarda ogni campo e settore della vita quotidiana e, all interno di ogni campo specifico di applicazione, l informazione assume una diversa interpretazione; ogni individuo ha cioè la capacità di interpretare e recepire l informazione in diversi modi possibili. Per rendersi conto del grado di problematicità nel definire l informazione, si pensi che perfino lo stesso Claude Elwood Shannon, ricercatore del MIT (Massachussets Institute of Technology - USA) e ritenuto il fondatore della teoria dell informazione, la definì come qualsiasi differenza che genera differenze. In ogni caso se si vuole attribuire un primo significato al termine informazione, si può partire dal fatto che un carattere, un numero, o una sequenza di essi, una data di nascita, una sensazione, ecc., altro non è che un messaggio che un sistema, ad esempio l uomo, percepisce, interpreta e memorizza. Al fine di chiarire meglio tale concetto, occorre precisare che così come appena definita, l informazione è una informazione elementare cioè non ha un valore, o meglio un significato valutabile, in quanto elemento singolo ; questa informazione elementare è chiamata più comunemente dato (vedi più avanti). Le informazioni o, a questo punto, i dati ricevuti e combinati fra di loro portano ad una conoscenza ovvero ad una informazione utile in grado cioè di ridurre o eliminare l incertezza, il dubbio, nel sistema. Per quanto accennato in precedenza, si può a questo punto asserire che l informazione è un elemento fondamentale per la vita sociale e lavorativa del sistema (uomo) in quanto rappresenta quella conoscenza di cui egli ha bisogno per produrre, rendere, socializzare, e di cui l informazione è parte integrante. La conoscenza è un bene immateriale che, in quanto tale, non si deteriora con il suo utilizzo ma al contrario è proprio nel tempo che genera maggiori benefici soprattutto a seguito del suo confronto con altre conoscenze, e porta a ciò che tecnicamente viene chiamato arricchimento 7 di 17

8 conoscitivo ; tale arricchimento può avvenire sia in forma implicita mediante esperienza diretta sia in forma esplicita tramite riflessioni su tale esperienza. La qualità della conoscenza è determinata dalla varietà dell esperienza all interno dell organizzazione o della società, che porta il singolo individuo a elaborare proprie prospettive; tali prospettive per non rimanere a livello personale e confluire invece in una forma di conoscenza organizzativa/sociale hanno bisogno di essere rielaborate e diffuse. Proprio in relazione alla diffusione di tale conoscenza, sorgono però alcune problematiche in relazione a: la conoscenza per essere diffusa necessita di una opportuna codifica, soprattutto per la conoscenza tacita che difficilmente è trasferibile tra i vari soggetti. Ma, quanto più si codifica l informazione tanto più si rende quest ultima facilmente riproducibile e si perde quel carattere di unicità che le faceva acquisire maggiore valore; la conoscenza formalizzata diviene statica e perde dinamismo rispetto alla velocità del cambiamento, per rispondere cioè alle nuove situazioni necessita di essere ri-codificata; la codificazione della conoscenza presenta spesso costi notevoli ed amplifica la complessità dell utilizzazione dell informazione, ecco perchè spesso si assiste al cosiddetto paradosso della società dell informazione, per cui non sempre si producono gli attesi incrementi di produttività [BAR et FON, 2005]. Per potere trasferire e quindi comunicare l informazione, si deve fare ricorso ad opportuni strumenti e canali di comunicazione; è necessario pertanto considerare che in base al canale di comunicazione utilizzato l informazione deve essere opportunamente codificata secondo uno standard adatto al canale di riferimento. In effetti, il trasferimento di informazioni deve essere considerato in un più ampio sistema che si occupa del trattamento delle informazioni, all interno del quale sono presenti più sotto-sistemi che utilizzano diversi canali di comunicazione. Tale sistema, a sua volta, si contestualizza in un apparato che si identifica con l ambiente esterno (ecosistema). Sostanzialmente il sistema riceve dall ecosistema in ingresso informazioni, che una volta elaborate all interno dell interazione tra i vari sottosistemi produce l output (uscita) verso l ecosistema stesso. L obiettivo è comunque quello di generare nuova conoscenza a seguito della elaborazione (in figura 1 è illustrato lo schema appena descritto). 8 di 17

9 I sottosistema sottosistema U sottosistema sistema Fig. 1 Schema di Sistema per il trattamento delle informazioni. Bisogna considerare che alcuni sotto-sistemi necessitano del fattore umano per il loro funzionamento, mentre altri sono indipendenti poiché gestiti in maniera automatica grazie alla presenza di strumenti per il trattamento automatico dei dati. In quest ultimo caso, l intervento umano si ha soltanto nella fase di inserimento di tali dati all interno del sistema, secondo opportune procedure di lavoro e di trattamento delle informazioni a monte definite, per poter giungere ad una conoscenza. A questo punto, per meglio comprendere il valore che viene generato dal passaggio del dato alla conosc enza, è opportuno evidenziare con maggiore precisione la differenza che intercorre tra dato-informazione-conoscenza; cioè: i dati sono gli elementi grezzi di cui si dispone, una sorta di materia prima necessaria per la creazione delle informazioni; le informazioni possono essere descritte come messaggi trasmessi da un emittente a un ricevente. L informazione viene trasmessa al fine di modificare il modo attraverso cui il ricevente percepisce qualcosa e affinchè abbia impatto sul suo giudizio e/o sul suo comportamento, in definitiva è ciòche possiede un significato per l uomo; la conoscenza è definita come una combinazione fluida di esperienza, valori, informazioni contestuali e competenza specialistica che fornisce un quadro di riferimento per la valutazione e l assimilazione di nuova esperienza e nuove informazioni. Essa origina e viene applicata attraverso i conoscitori [DAV et PRU, 1998]. Volendo fornire una visione più completa si può considerare il seguente schema: 9 di 17

10 Fig. 2 Schema Dato, Informazione, Conoscenza. Il rilevamento, l elaborazione, lo scambio e l archiviazione di informazioni, con lo scopo di produrre e distribuire conoscenza, sono alla base delle nuove Tecnologie dell Informazione e Comunicazione (ICT). 2.1 L informazione digitale Quando si parla di nuovi media, di nuove tecnologie informatiche e di quella che viene definita utilizzando la terminologia inglese digital revolution, bisogna necessariamente affrontare e comprendere il concetto di informazione in formato digitale (informazione digitale). E necessario capire perché la trasformazione dell informazione da verbale, ovvero analogica, in quella digitale o nella forma elettronica rappresenta una traduzione di eccezionale importanza tanto da far parlare di una vera e propria rivoluzione o di ciò che oggi viene definita cultura digitale. Per comprendere il concetto di informazione digitale è necessario analizzare il linguaggio binario. Nel XVII secolo caratterizzato da numerosi studi sull analisi combinatoria, nasce l idea del calcolo binario. Il matematico e filosofo Leibniz 1 è stato il primo a dare sistematicità a tale idea, a studiare in maniera specifica le caratteristiche di tale sistema ed a sostenere l interesse dell aritmetica binaria come scelta di sistema di numerazione. Leibniz infatti sosteneva che, se l obiettivo della scelta del sistema di numerazione da utilizzare era quello di ridurre la lunghezza 1 Gottfried Wilhelm Leibniz (Lipsia, Hannover, 1716) filosofo, matematico; a lui si deve la scoperta del sistema binario su cui si basa il funzionamento di tutti i computer moderni. 10 di 17

11 dei numeri, si doveva ricorrere ad una base più alta quale ad esempio quella esadecimale (16 cifre), se viceversa il fine era quello di semplificare il sistema di numerazione, si doveva adottare la base più semplice e cioè quella binaria (a base 2). Tale base infatti è quella con il minor numero possibile si simboli primitivi, e si presta secondo lo stesso Leibniz particolarmente bene per lo studio delle proprietà e delle successioni di numeri. Il richiamo al filosofo e matematico Leibniz è doveroso in quanto, con la sua intuizione sulla semplicità dell uso del sistema binario per contare, è stato l ideatore del linguaggio utilizzato dai moderni calcolatori (il calcolatore nasce alla fine degli anni 50); tale linguaggio costituito dai due segni zero e uno si presta facilmente alla rappresentazione e manipolazione di qualsiasi simbolo all interno del calcolatore. Per comprendere a fondo i vantaggi derivabili dalla rappresentazione delle informazioni in forma binaria o ancor meglio in forma digitale, e per capire come ciò possa avvenire, bisogna prima fare un passo indietro e vedere come è nata e si è evoluta la macchina informatica. L elaboratore [MAR,92] nelle sue componenti originarie nasce dalla combinazione di tre famiglie di macchine: le macchine aritmetiche (la Pascalina di B. Pascal ), le macchine contabili (calcolatrice 1960) e gli strumenti atti a trasmettere una sequenza di comandi ad altre macchine. L unificazione delle diverse macchine per il trattamento delle informazioni si è realizzata tramite l impiego dell elettronica in combinazione con la rappresentazione dei numeri mediante la base binaria, precedentemente vista. Grazie anche all algebra booleana ad opera di George Boole 2 nella prima metà dell 800, si arriva alla semplificazione dell uso dei numeri, e da ora in poi sarà possibile rappresentare qualsiasi numero decimale, in forma binaria; anche se per rappresentare un numero decimale si devono utilizzare sequenze di 1 e di 0, per l elaboratore è più facile e semplice manipolare due sole cifre anziché dieci o sedici. Il termine digitale, dall inglese digit (cifra/numero), è ormai entrato a far parte del nostro vocabolario e della vita di tutti i giorni. Col termine digitale non ci si riferisce solo al fatto che l informazione viene trasformata e rappresentata in forma numerica, ma al fatto che tale informazione la si rappresenti mediante la codifica binaria a cui prima si è fatto riferimento. Rappresentare l informazione mediante tale codifica o linguaggio, significa passare come afferma Nicholas Negroponte dal mondo degli atomi a quello dei bit [NEG,97], dove per bit si intende il numero binario, contrazione dei termini inglese binary digit. Quando si parla di rappresentazione digitale dei media si fa riferimento al modo in cui le informazioni vengono codificati in sequenze 2 Nato a Lincoln nel 1815 il matematico inglese George Boole si è occupato di calcolo differenziale e ha elaborato un metodo generale di calcolo delle probabilità; i suoi lavori per i quali è più noto sono comunque quelli nel campo della cosiddetta Algebra della logica. 11 di 17

12 di bit per poter essere elaborati dai computer. Bisogna a questo punto capire come è possibile che numeri, testi, immagini, suoni, video e perfino odori, possono essere rappresentati in formato digitale (mediante bit) per essere inseriti (input) nei personal computers e quindi essere manipolati (elaborati) all interno degli stessi. Questa possibilità è correlata agli sviluppi delle tecnologie elettroniche ed in particolare a quelle legate alla conversione dei segnali analogici in forma digitale e viceversa. In generale quando si parla di analogico e digitale e se ne vuole fare una distinzione, si deve fare riferimento alla differenza che c è tra una rappresentazione continua e una rappresentazione discreta di variabili fisiche (suono, tempo, temperatura, movimento, ecc.). Nel caso di rappresentazione analogica si ricorre ad un insieme infinito di stati per raffigurare la l elemento, per esempio un orologio con lancette per rappresentare il tempo ; mentre la rappresentazione digitale si realizza con un insieme finito di stati e si realizza mediante numeri, per esempio un orologio con numeri (fig. 3); in particolare la trasformazione di una informazione da formato analogico a formato digitale affinché possa essere elaborata da un computer, equivale alla rappresentazione dell informazione (analogica) in sequenze di zero ed uno (digitale): tale processo di trasformazione prende il nome di digitalizzazione. Fig. 3 Orologio analogico e orologio digitale Tutti i media e quindi i segnali ad essi associati, vengono sottoposti ad una conversione di dominio, ovvero ad una trasformazione che prende il segnale analogico e lo trasforma in digitale. Una volta che il segnale analogico è stato convertito in digitale il personal computer, che è in grado di compiere operazioni solo in binario, è in grado di elaborare le sequenze di bit ottenute dalla precedente conversione, si ha così una rappresentazione del segnale analogico nel dominio digitale. A questo punto occorre comprendere come praticamente sia possibile effettuare delle trasformazioni in forma digitale (ovvero binaria) di numeri, testi, immagini e suoni. Rappresentare in forma binaria un informazione numerica è abbastanza semplice ed agevole, bastano soltanto alcune regole matematiche. Bisogna poi ricordare che le cifre in binario sono solo due e che la cifra significativa è rappresentata esclusivamente dal numero 1. Lo 0 e l 12 di 17

13 1 resteranno uguali, gli altri, ad iniziare dal numero 2 decimale, saranno ottenuti mediante la combinazione delle cifre binarie, ottenendo così un insieme di zeri ed uno, procedendo così alla trasformazione del numero da una notazione all altra. Nella tabella seguente viene mostrata la corrispondenza tra un numero decimale e la sua rappresentazione binaria: Decinamale Binario N.B. -Per ulteriori chiarimenti sulla conversione dei numeri da una base qualsiasi (decimale, esadecimale, ottale, ecc.) a quella binaria e viceversa si rimanda all Appendice di approfondimento più avanti nella dispensa approfondimento facoltativo. 13 di 17

14 3 Appendice di approfondimento (facoltativo). 3.1 Conversione dei numeri tra basi diverse. La necessità di convertire numeri tra basi oggi è ridotta solo ad alcune situazioni particolari, ad esempio progettazione di circuiti o in alcuni casi di programmazione. Conversione da base b a base 10. Per convertire in Base 10 un numero rappresentato in una qualsiasi BASE b, bisogna procedere nel seguente modo: sommare le cifre del numero moltiplicate per la base b elevata alla potenza della posizione che occupa la cifra. Esempi. (A5E) 16 = A x x E x 16 0 = 10 x x x 1 = = (2654) 10 (235) 8 = 2 x x x 8 0 = = (157) 10 (10011) 2 = 1 x x x x x 2 0 = = (19) 10 Conversione da base 10 a base b. Si procede nel modo seguente: dividere il numero da convertire per la base b fino a quando l ultimo quoziente è minore della base stessa (b), dopodiché il numero convertito si ottiene prendendo l ultimo quoziente e tutti i resti delle divisioni, procedendo dall ultimo resto al primo e scrivendoli da sinistra verso destra. Esempio: Convertire il numero 12 da Base 10 a Base 2 12 : 2 = 6 con resto=0 6 : 2 = 3 con resto =0 3 : 2 = 1 con resto =1 1 : 2 = 0 con resto =1 quindi: (1100) 2 14 di 17

15 Esempio: Convertire il numero 120 da Base 10 a Base : 8 = 15 con resto = 0 15 : 8 = 1 con resto = 7 1 : 8 = 0 con resto 1 quindi: (170) 8 Esempio: Convertire il numero 520 da Base 10 a Base : 16 = 32 con resto = 8 32 : 16 = 2 con resto = 0 2 : 16 = 0 con resto 2 quindi: (208) 16 Esempio: Convertire il numero 1253 da Base 10 a Base : 16 = 78 con resto = 5 78 : 16 = 4 con resto = 14 = E 4 : 16 = 0 con resto 4 quindi: (4E5) 16 Osservazione: Si osservi che la conversione dalla veloce di quella da decimale ad altre basi. base 2 alla base 16 e/o 8, e viceversa,è più semplice e Infatti basta considerare che per rappresentare le sedici cifre diverse del codice esadecimale occorrono 4 bit (2 4 = 16) mentre per rappresentare le otto cifre diverse del codice ottale occorrono 3 bit (2 3 = 8). Ne risulta che per convertire un numero binario in esadecimale o in ottale, è sufficiente raggruppare le cifre binarie rispettivam ente in gruppi di quattro o tre cifre (bit) a partire da quelle meno significative : si ricava immediatamente il numero grazie alla sostituzione dei bit così ricavati con la cifra esadecimale o ottale corrispondente. E sempio: conve rsione da binario in esadecimale > > (7F1A) 16 dove: 15 di 17

16 1010 (conversione da binario a decimale) = 10 in esadecimale corrisponde ad A 0001 (conversione da binario a decimale) = 1 in esadecimale corrisponde ad (conversione da binario a decimale) = 15 in esadecimale corrisponde ad F 111 (conversione da binario a decimale) = 7 in esadecimale corrisponde ad 7 Esempio: conversione da binario in ottale dove: > > (574) (conversione da binario a decimale) = 5 in ottale corrisponde a (conversione da binario a decimale) = 7 in ottale corrisponde a (conversione da binario a decimale) = 5 in ottale corrisponde a 4 Analoga mente si procede per la conversione dalla base 16 e/o 8 alla base 2. Esempio: Convertire il numero (A B 2) 16 in Binario. Poiché: (A) 16 si considera il (A) in base 10 che convertito in binario è: = (10) 10 = (1010) 2 (B) 16 = (11) 10 = (1011) 2 (2) 16 = (2) 10 = (0010) 2 ne consegue che: (A B 2) 16 = ( ) 2 Esempio: Convertire il numero (516) 8 in Binario. Poiché: (5) si considera il (5) in base 10 che convertito in binario è: = (101) 8 2 (1) 8 si considera il (1) in base 10 che convertito in binario è: = (001) 2 16 di 17

17 (6) 8 si considera il (6) in base 10 che convertito in binario è: = (110) 2 ne consegue che: (5 1 6) 8 = ( ) 2 17 di 17

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Trattamento dell informazione

Trattamento dell informazione Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Trattamento dell informazione Prof. Giorgio Valle D.ssa Raffaella Folgieri giorgio.valle@unimi.it folgieri@dico.unimi.it Lez1 4.10.07 Trattamento

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

INFORMATICA DI BASE. Data Processing, elaborazione elettronica dei dati). In

INFORMATICA DI BASE. Data Processing, elaborazione elettronica dei dati). In INFORMATICA DI BASE L Informatica rappresenta l insieme delle discipline e delle tecnologie relative allo studio, progettazione, realizzazione ed impiego di macchine che si occupano della raccolta e del

Dettagli

Elementi di informatica e web di Guido Fusco

Elementi di informatica e web di Guido Fusco Presentazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Facoltà di Sociologia Corso di laurea in culture digitali e della comunicazione http://www.corso-informatica-web.com/ Obiettivi del corso 1 ELEMENTI

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

11010010 = 1*2^7 + 1*2^6 + 0*2^5 + 1*2^4 + 0*2^3 + 0*2^2 + 1*2^1 + 0*2^0 = 210

11010010 = 1*2^7 + 1*2^6 + 0*2^5 + 1*2^4 + 0*2^3 + 0*2^2 + 1*2^1 + 0*2^0 = 210 Il sistema BINARIO e quello ESADECIMALE. Il sistema di numerazione binario è particolarmente legato ai calcolatori in quanto essi possono riconoscere solo segnali aventi due valori: uno alto e uno basso;

Dettagli

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Anche se spesso si afferma che il sistema binario, o in base 2, fu inventato in

Dettagli

1 Sistema additivo e sistema posizionale

1 Sistema additivo e sistema posizionale Ci sono solamente 10 tipi di persone nel mondo: chi comprende il sistema binario e chi no. Anonimo I sistemi di numerazione e la numerazione binaria 1 Sistema additivo e sistema posizionale Contare per

Dettagli

Elementi di Informatica. ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Elementi di Informatica. ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Elementi di Informatica ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Il sistema di numerazione posizionale decimale Nella numerazione posizionale ogni cifra del numero

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

L'informazione e la sua codifica

L'informazione e la sua codifica L'informazione e la sua codifica Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Informatica e telecomunicazione Cos è l informatica informatica? lo studio sistematico degli

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO Il sistema di numerazione decimale (o base dieci) possiede dieci possibili valori (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 o 9) utili a rappresentare i numeri. Le cifre possiedono

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896 2 Esercizio 2.2 La rappresentazione esadecimale prevede 16 configurazioni corrispondenti a 4 bit. Il contenuto di una parola di 16 bit può essere rappresentato direttamente con 4 digit esadecimali, sostituendo

Dettagli

Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri

Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri 1 Da base 2 a base 10 I seguenti esercizi richiedono di convertire in base 10 la medesima stringa binaria codificata rispettivamente

Dettagli

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) Scaglione: da PO a ZZZZ PhD. Ing. Michele Folgheraiter Architettura del Calcolatore Macchina di von Neumann Il calcolatore moderno è basato su un architettura

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 Prof. Franco Zambonelli Numeri interi positivi Numeri interi senza segno Caratteristiche generali numeri naturali (1,2,3,...)

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Parte I Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. del testo C (Console, Ribaudo):.,. fino a pg.6 La codifica delle informazioni Un calcolatore memorizza ed elabora informazioni

Dettagli

Contatti 2. Testo. Contatti. Maria Chiara Laghi, Ph.D Dip. Ingegneria dell Informazione. tel. 0521 905712 e-mail laghi@ce.unipr.it

Contatti 2. Testo. Contatti. Maria Chiara Laghi, Ph.D Dip. Ingegneria dell Informazione. tel. 0521 905712 e-mail laghi@ce.unipr.it Contatti 2 Maria Chiara Laghi, Ph.D Dip. Ingegneria dell Informazione tel. 0521 905712 e-mail laghi@ce.unipr.it Pagina web del corso http://www.ce.unipr.it/people/laghi/informaticasg2012 a.a. 2011/2012

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito

Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito Sia A = { a 1,, a k } un insieme (alfabeto) di k simboli, detti anche lettere. Quante sono le sequenze composte da n simboli (anche ripetuti) di

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S.

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S. ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S. 2014/2015 Materia: Informatica Classe (docente) 1^BLSA - Prof. Musumeci

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Fondamenti di Informatica Michele Ceccarelli Università del Sannio ceccarelli@unisannio.it Angelo Ciaramella DMI-Università degli

Dettagli

XBRL e gestione dei flussi informativi nelle banche

XBRL e gestione dei flussi informativi nelle banche XBRL e gestione dei flussi informativi nelle banche Alberto Balestreri Dottore Commercialista Università di Bologna Agenda 1. Dati, informazioni e conoscenza 2. Tecnologia, uso delle informazioni e creazione

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze:

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: INFORMATICA Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: 1. individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. 2. utilizzare e produrre testi multimediali. 3. analizzare dati ed

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.1)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.1) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.1) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio L elaboratore elettronico Nasce come strumento

Dettagli

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 I CODICI 1 IL CODICE BCD 1 Somma in BCD 2 Sottrazione BCD 5 IL CODICE ECCESSO 3 20 La trasmissione delle informazioni Quarta Parte I codici Il codice BCD

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2015-2016 Corso: Liceo Linguistico Quadro orario Classe I II Laboratorio di 2 2 LABORATORIO DI INFORMATICA L insegnamento dell informatica nel liceo linguistici

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

Concetti di base dell informatica. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Concetti di base dell informatica. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Concetti di base dell informatica Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre url per le info del corso http://www.totemonline.com/informatica2/ Introduzione Informazione

Dettagli

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI (1) Per utilizzare un computer è necessario rappresentare in qualche modo le informazioni da elaborare e il

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" - ALBA (CN) ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI - ALBA (CN) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" - ALBA (CN) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE: 1 I Disciplina: Tecnologia dell Informazi one e della Comunicazione. PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Codifica binaria dei numeri relativi

Codifica binaria dei numeri relativi Codifica binaria dei numeri relativi Introduzione All interno di un calcolatore, è possibile utilizzare solo 0 e 1 per codificare qualsiasi informazione. Nel caso dei numeri, non solo il modulo ma anche

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCITIVA IL NUMERO CARATTERISTICHE Quantità entro il numero 20 Cardinalità Posizionalità RELAZIONI

Dettagli

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica Corso di Laurea Triennale in Storia, Scienze e Tecniche dell Industria Culturale sede di Brindisi Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08 Materiale didattico Testo adottato D.P. Curtin, K. Foley, K. Suen,

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA DI BASE LEZIONE II CODIFICA DELL'INFORMAZIONE PROF. GIOVANNI ACAMPORA Indice 1 Rappresentazione dei dati... 3 1.1. Rappresentazione dei numeri... 3 1.1.1 Rappresentazione del

Dettagli

INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA

INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA -Saper ascoltare e comprendere messaggi, testi e consegne -Sapersi esprimere oralmente in modo chiaro e corretto -Saper leggere e comprendere vari tipi di testo -Saper

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Definizioni iniziali

Definizioni iniziali Fondamenti di Informatica: Codifica Binaria dell Informazione 1 Definizioni iniziali BIT: unita elementare di informazione Due soli valori: 0 e 1 Byte: sequenza di 8 bit Fondamenti di Informatica: Codifica

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

Sommario. Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi.

Sommario. Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi. Algoritmi 1 Sommario Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi. 2 Informatica Nome Informatica=informazione+automatica. Definizione Scienza che si occupa dell

Dettagli

Proposta di un syllabus di Elementi di Informatica per il primo ciclo anno 2008

Proposta di un syllabus di Elementi di Informatica per il primo ciclo anno 2008 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti del Sistema Nazionale di Istruzione e per l Autonomia Scolastica Proposta

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Tutto digitale. Musica Giornali, Libri satellite (TV, GPS) Telefoni: ISDN, GSM rete telefonica, internet Video (DVD) oh, anche il PC

Tutto digitale. Musica Giornali, Libri satellite (TV, GPS) Telefoni: ISDN, GSM rete telefonica, internet Video (DVD) oh, anche il PC Digitale!! Tutto digitale Musica Giornali, Libri satellite (TV, GPS) Telefoni: ISDN, GSM rete telefonica, internet Video (DVD) oh, anche il PC Digitale Da Digit (cifra) in Inglese Digitale=numerico in

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch.

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch. Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Comunicazione importante dalla prossima settimana, la lezione del venerdì si terrà: dalle 15:00 alle 17.15 in aula 311 l orario

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007/2008

Università degli Studi di Ferrara Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007/2008 Università degli Studi di Ferrara Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007/2008 Tutorato di Architettura degli Elaboratori e Laboratorio Cambio di base Operazioni binarie Dott.ssa Ambra Giovannini 15 Aprile

Dettagli

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo F.O.A.M. Free Object Access Method Un introduzione Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo Il protocollo FOAM. FOAM (Free Object Access Method) è un protocollo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli

Claude Shannon. La teoria dell informazione. La comunicazione 22/02/2012. La base dei modelli comunicativi. Claude Shannon e Warren Weaver

Claude Shannon. La teoria dell informazione. La comunicazione 22/02/2012. La base dei modelli comunicativi. Claude Shannon e Warren Weaver Lez. 2 La teoria dell informazione La culla dell informatica La base dei modelli comunicativi Alla base di tutti i modelli della comunicazione ci sono 2 differenti impianti: Shannon e Weaver Roman Jakobson

Dettagli

Conversione tra le basi binarie

Conversione tra le basi binarie Conversione tra le basi binarie In questa lezione impareremo la conversione tra binario e ottale la conversione tra binario ed esadecimale la conversione tra ottale ed esadecimale LEZIONE 10 Introduzione

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA MODULO 1 (tot h. 49) ASSE DEI LINGUAGGI DESTINATARI: ALUNNI NON IN POSSESSO DELLE CONOSCENZE DI BASE (ZERO CREDITI FORMATIVI) ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA Interagire oralmente in maniera

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA Scopo del modulo Conoscere alcuni concetti fondamentali dell informatica:algoritmo, l automa, linguaggio formale Essere in grado di cogliere l intreccio tra alcuni risultati della

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino Obiettivi minimi Informatica Prime Conoscere il sistema di numerazione binaria e la sua importanza nella codifica delle

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Esercizi. Esercizi sulla codifica (Parte 1) Elementi di Informatica e Programmazione. Soluzioni degli esercizi Esercizio 2

Esercizi. Esercizi sulla codifica (Parte 1) Elementi di Informatica e Programmazione. Soluzioni degli esercizi Esercizio 2 Esercizi sulla codifica (Parte 1) Elementi di Informatica e Programmazione Docente: Dr. Daniela Fogli Esercizi 1. Convertire in formato decimale i seguenti numeri binari: 11, 101011, 1100, 111111, 10101010

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli