GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI. analogici e digitali. dott. Antonella Deiana Bergamo, 30 novembre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI. analogici e digitali. dott. Antonella Deiana archivius@tiscali.it. Bergamo, 30 novembre 2011 1"

Transcript

1 GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI analogici e digitali Bergamo, 30 novembre

2 Programma della giornata Protocollo informatico e il sistema di gestione documentale così come previsto dal DPR 445/2000; fascicolo informatico, apertura chiusura e conservazione digitale; documento digitale; gestione e implementazione dell archivio digitale, attraverso gli strumenti principali i previsti idall attuale l normativa; firma digitale; posta elettronica, PEC e CEC PAC, soluzioni organizzative per trarre beneficio da questo strumento assolutamente strategico per la pubblica amministrazione; principali i novità iàintrodotte dal dl nuovo codice dell amministrazione i i digitale, descrizione delle tempistiche per le principali scadenze; Bergamo, 30 novembre

3 Definizione di archivio L archivio è un complesso organico di documenti prodotti, o comunque siaacquisiti, acquisiti, da un soggetto pubblico o privato, ente o famiglia, durante lo svolgimento delle sue funzioni L archivio nasce spontaneamente, quale sedimentazione documentaria di un attività pratica, amministrativa, giuridica Bergamo, 30 novembre

4 l archivio come complesso unitario anche se convenzionalmente suddiviso in: archivio corrente/ archivio in formazione - archivio di deposito / archivio intermedio archivio storico Bergamo, 30 novembre

5 Documento archivistico I documenti sono tra di loro collegati da un nesso o vincolo archivistico i i I documenti sono collegati al loro precedente ed al loro susseguente L insieme Linsieme delle relazioni logiche e formali che esistono tra i documenti di un archivio prende il nome di vincolo o nesso archivistico. Esso è caratterizzato dalla naturalezza, nel senso che nasce spontaneamente senza una precisa volontà del soggetto produttore, dalla originarietà, si forma cioè nel momento stesso in cui vengono prodotti i documenti, e dalla necessarietà, in quanto non può non esserci Bergamo, 30 novembre

6 Archivio storico Per archivio storico si intende il complesso di documenti relativi ad affari esauriti e destinati, previe operazioni di scarto, alla conservazione permanente per garantirne in forma adeguata la consultazione alpubblico Bergamo, 30 novembre

7 Codice dei beni culturali vieta lo smembramento degli archivi (art. 20) specifica gli interventi soggetti ad autorizzazione: scarto, trasferimento, esecuzione di opere e lavori di qualunque genere (artt. 21 e 31) evidenzia gli interventi soggetti a comunicazione: cambio di sede del detentore (art. 21) dichiara che il patrimonio ti i archivistico i dello dll Stato, t delle dll Regioni e degli altri enti locali costituisce il demanio culturale, assoggettato al regime proprio del demanio pubblico (inalienabilità degli archivi i statali e pubblici) i) (art. 53) Bergamo, 30 novembre

8 Archivio di deposito Per archivio di deposito si intende la parte di documentazione relativa ad affari esauriti, non più occorrenti quindi alla trattazione dei processi in corso, ma non ancora destinata istituzionalmente alla conservazione permanente e alla consultazione da parte del pubblico L Archivio di deposito può essere visto come un archivio intermedio, un momento di passaggio tra l archivio corrente e quello storico Il tempo di permanenza medio dei didocumenti nell archivio i di deposito è di oltre 40 anni dalla data di conclusione dell affare a cui si riferiscono Bergamo, 30 novembre

9 Piano di conservazione Non tutti i documenti, però, debbono essere conservati per un quarantennio Nel massimario di selezione sono elencate, per ogni voce del titolario, le tipologie dei documenti che si presume possano essere scartate dopo un tempo minimo obbligatorio di conservazione (scarto preordinato) Ilpiano diconservazione dell archivio comprende il titolario di classificazione e il massimario di selezione Un elenco di scarto deve essere deliberato dal soggetto produttore ed approvato dalla Soprintendenza archivistica competente per territorio Bergamo, 30 novembre

10 Archivio corrente o archivio attivo Per archivio corrente si intende la parte di documentazione relativa agli affari ed ai procedimenti in corso istruttoria e di trattazione, o comunque sia verso i quali sussiste un interesse corrente I documenti, dal momento della loro produzione fino alla conclusione delle attività a cui si riferiscono, o per un periodo leggermente superiore, appartengono all archivio corrente (mediamente da 0 a 5 anni) Bergamo, 30 novembre

11 PROTOCOLLO INFORMATICO E IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE COSÌ COME PREVISTO DAL DPR 445/2000; Bergamo, 30 novembre

12 Registrazione di protocollo Il registro di protocollo si qualifica come: strumento giuridico, in quanto attesta in modo certo il momento dell ingresso e dell uscita dei documenti: è un atto pubblico di fede privilegiata strumento archivistico, in quanto determina, grazie alla classificazione e fascicolazione, la collocazione dei documenti nell archivio; strumento di organizzazione, in quanto permette di conoscere gli uffici a cui sono assegnati i documenti per lo svolgimento li delle dll relative lti pratiche amministrative i ti (uffici i di competenza). Bergamo, 30 novembre

13 Registrazione di protocollo Ai sensi dell art. 53, c. 5, del DPR 28 dicembre 2000, n. 445, la registrazione diprotocolloè«un operazione operazione obbligatoria peri documenti ricevuti o spediti da una pubblica amministrazione e per tutti i documenti informatici» Sono esclusi dalla registrazione di protocollo: le gazzette ufficiali, i bollettini ufficiali e notiziari della pubblica amministrazione, le note di ricezione delle circolari e altre disposizioni, i materiali statistici, gli atti preparatori interni, i giornali, le riviste, i libri, i materiali pubblicitari, gli inviti a manifestazioni, la corrispondenza interna che non ha, in mododiretto diretto o indiretto, contenuto probatorio o comunque sia rilevanza amministrativa. Bergamo, 30 novembre

14 Registrazione di protocollo Sono altresì esclusi dalla registrazione di protocollo i documenti già soggetti a registrazione particolare dell Amministrazione (art. 53, comma 5, del DPR n. 445/2000] Con l entrata in funzione del sistema di gestione informatica dei documenti devono essere eliminati tutti i sistemi di registrazione dei documenti alternativi ti i al protocollo informatico (art. 3, comma 1, lettera d), DPCM 31 ottobre 2000) Bergamo, 30 novembre

15 Attuazione dei sistemi 1. Le pubbliche amministrazioni provvedono ad introdurre nei piani di sviluppo dei sistemi informativi automatizzati progetti per la realizzazione di sistemi di protocollo informatico in attuazione delle disposizioni del presente testo unico. 2. Le pubbliche amministrazioni predispongono appositi progetti esecutivi per la sostituzione dei registri di protocollo cartacei con sistemi informatici conformi alle disposizioni del presente testo unico. 3. Le pubbliche amministrazioni provvedono entro il 1 gennaio 2004 a realizzare o revisionare sistemi informativi automatizzati finalizzati alla gestione del protocollo informatico e dei procedimenti amministrativi in conformità alle disposizioni del presente testo unico ed alle disposizioni di legge sulla tutela della riservatezza dei dati personali, nonché dell'articolo 15, comma 2, della legge 15 marzo 1997, n. 59 e dei relativi regolamenti di attuazione. 4. Ciascuna amministrazione individua, nell'ambito del proprio ordinamento, gli uffici da considerare ai fini della gestione unica o coordinata dei documenti per grandi aree organizzative omogenee, assicurando criteri uniformi di classificazione e archiviazione, nonché di comunicazione interna tra le aree stesse. 5. Le amministrazioni centrali dello Stato provvedono alla gestione informatica dei documenti presso gli uffici di registrazione di protocollo già esistenti alla data di entrata in vigore del presente testo unico presso le direzioni generali e le grandi ripartizioni che a queste corrispondono, i dipartimenti, gli uffici centrali di bilancio, le segreterie di gabinetto. Bergamo, 30 novembre

16 Art. 52 Sviluppo dei sistemi informativi delle pubbliche amministrazioni 1. Le pubbliche amministrazioni adottano un piano di sviluppo dei sistemi informativi automatizzati in attuazione delle disposizioni del presente testo unico e secondo le norme tecniche definite dall'autorità per l'informatica della pubblica amministrazione. 2. Le pubbliche amministrazioni provvedono a realizzare o revisionare sistemi informativi finalizzati alla totale automazione delle fasi di produzione, gestione, diffusione ed utilizzazione dei propri dati, documenti, procedimenti ed atti in conformità alle disposizioni del dl presente testo unico ed alle disposizioni di legge sulla tutela della riservatezza dei dati personali. 3. Le pubbliche amministrazioni valutano in termini di rapporto tra costi e benefìci il recupero su supporto informatico dei documenti e degli atti cartacei dei quali sia obbligatoria o opportuna la conservazione e provvedono alla predisposizione p dei conseguenti piani di sostituzione degli archivi cartacei con archivi informatici. Bergamo, 30 novembre

17 Art. 53 Il sistema di gestione informatica dei documenti 1. Il sistema di gestione informatica dei documenti, in forma abbreviata "sistema" deve: a) garantire la sicurezza e l'integrità del sistema; b) garantire la corretta e puntuale registrazione di protocollo dei documenti in entrata e in uscita; c) fornire informazioni sul collegamento esistente tra ciascun documento ricevuto dall'amministrazione e i documenti dalla stessa formati nell'adozione dei provvedimenti finali; d) consentire il reperimento delle informazioni riguardanti i documenti registrati; e) consentire, in condizioni di sicurezza, l'accesso alle informazioni del sistema da parte dei soggetti interessati, nel rispetto delle disposizioni in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali; f) garantire la corretta organizzazione dei documenti nell ambito del sistema di classificazione d archivio adottato. Bergamo, 30 novembre

18 Registrazione di protocollo 1. La registrazione di protocollo per ogni documento ricevuto o spedito dalle pubbliche amministrazioni è effettuata mediante la memorizzazione delle seguenti informazioni: a) numero di protocollo del documento generato automaticamente dal sistema e registrato in forma non modificabile; b) data dt di registrazione it i di protocollo assegnata automaticamente ti t dal dlsistema it e registrata it t in forma non modificabile; c) mittente per i documenti ricevuti o, in alternativa, il destinatario o i destinatari per i documenti spediti, registrati in forma non modificabile; d) oggetto dld del documento, registrato it t in forma non modificabile; e) data e protocollo del documento ricevuto, se disponibili; f) l impronta del documento informatico, se trasmesso per via telematica, costituita dalla sequenza di simboli binari in grado di identificarne univocamente il contenuto, registrata in forma non modificabile. 2. Il sistema deve consentire la produzione del registro giornaliero di protocollo, costituito dall elenco delle informazioni inserite con l'operazione di registrazione di protocollo nell arco di uno stesso giorno. Bergamo, 30 novembre

19 3. L'assegnazione delle informazioni nelle operazioni di registrazione di protocollo è effettuata dal sistema in unica soluzione, con esclusione di interventi intermedi, anche indiretti, da parte dell operatore, garantendo la completezza dell intera operazione di modifica o registrazione dei dati. 4. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta dellautorità dell Autorità per l informatica nella pubblica amministrazione di concerto con il Ministro per la funzione pubblica, sono specificate le regole tecniche, i criteri e le specifiche delle informazioni previste nelle operazioni di registrazione di protocollo. 5. Sono oggetto di registrazione obbligatoria i documenti ricevuti e spediti dall amministrazioneamministrazione e tutti i documenti informatici. Ne sono esclusi le gazzette ufficiali, i bollettini ufficiali e i notiziari della pubblica amministrazione, le note di ricezione delle circolari e altre disposizioni, i materiali statistici, gli atti preparatori interni, i giornali, le riviste, i libri, i materiali pubblicitari, gli inviti a manifestazioni e tutti i documenti già soggetti a registrazione particolare dell'amministrazione. Bergamo, 30 novembre

20 Informazioni annullate o modificate 1. Le informazioni i inon modificabili di cui all articolo l 53 lett. a), b), c), d), e) e f) sono annullabili con la procedura di cui al presente articolo. Le informazioni annullate devono rimanere memorizzate nella base di dati per essere sottoposte alle elaborazioni previste dalla procedura. 2. La procedura per indicare l annullamento ll riporta, secondo i casi, una dicitura o un segno in posizione sempre visibile e tale, comunque, da consentire la lettura di tutte le informazioni originarie unitamente alla data, all identificativo dell operatore ed agli estremi del provvedimento d'autorizzazione autorizzazione. Bergamo, 30 novembre

21 2 FASCICOLO INFORMATICO, APERTURA CHIUSURA E CONSERVAZIONE DIGITALE; Bergamo, 30 novembre

22 Classificazione e fascicolazione Le operazioni di classificazione e fascicolazione dei documenti determinano il momento costitutivo del vincolo archivistico (e quindi dell archivio) in quanto «permettono di ricondurre la molteplicità degli affari trattati a un determinato numero di partizioni gerarchicamente ordinate in modo che le carte si sedimentino secondo un ordine logico che rispecchi lo sviluppo e l evoluzione dell attività» In termini pratici, classificare un documento significa associarlo alla partizione del titolario (ad esempio categoria e classe) che individua la funzione a cui si riferisce i Bergamo, 30 novembre

23 Titolario di classificazione Il titolario di classificazione è il sistema precostituito di partizioni astratte (di solito denominate: titoli, categorie, classi, sottoclassi), gerarchicamente ordinate (dal generale al particolare), fissate sulla base dell analisi delle funzioni dell ente, al quale deve ricondursi la molteplicità dei documenti prodotti, per organizzarne la sedimentazione ordinata. Il titolario di classificazione rappresenta, pertanto, una visione astratta, sintetica, chiara, delle funzioni del soggetto produttore dei documenti. Deve essere sufficientemente dettagliato, ma senza far perdere la visione ii d insieme i dll delle attività iiàcomplessivamente svolte dall istituzione che produce l archivio Bergamo, 30 novembre

24 Titolario di classificazione I titoli, le categorie e le classi vengono generalmente rappresentate con l uso di simboli e con le descrizioni in chiaro odel loro oocontenuto o L indice di classificazione rappresenta una catena di classi di cui l ultima è quella di contenuto più specifico Il titolario è l elencazione degli indici e delle descrizioni delle classi dei documenti Il titolario deve essere completato con l indice sistematico e l indice alfabetico Bergamo, 30 novembre

25 Fascicolazione dei documenti I documenti relativi ad un determinato procedimento amministrativo, o comunque sia formati per la trattazione di un oggetto specifico di competenza del soggetto produttore, devono essere raccolti in un fascicolo I fascicoli sono numerati progressivamente nell ambito di ciascuna partizione del titolario e possono contenere sottofascicoli e inserti I fascicoli rappresentano le unità archivistiche; la loro formazione deve essere assicurata, così come deve essere garantito il loro versamento nell archivio di deposito quando l affare o il procedimento a cui si riferiscono i è concluso Bergamo, 30 novembre

26 Classificazione e fascicolazione L art. 56 del DPR n. 445/2000 stabilisce che le operazioni di registrazione e segnatura di protocollo, nonché di classificazione dei documenti, sono necessarie L art. 64 dello stesso DPR assegna alle amministrazioni il compito di determinare le modalità di attribuzione dei documenti ai fascicoli che li contengono e ai relativi procedimenti, definendo df d adeguati piani di classificazione d archivio per tutti i documenti, compresi quelli non soggetti a registrazione di protocollo. Bergamo, 30 novembre

27 Serie archivistiche Una serie archivistica può essere definita come «un raggruppamento, operato dall ente produttore, di documenti con caratteristiche i omogenee in relazione alla loro natura e forma, o in relazione all oggetto e alla materia a cui si riferiscono, o in relazione alle funzioni dell ente». Ad esempio, si possono avere serie archivistiche che riflettono una determinata materia, una determinata funzione, un determinato tipo di fascicoli, un determinato tipo di atti Così come i fascicoli possono contenere sottofascicoli, anche le serie si possono ripartire in sottoserie Bergamo, 30 novembre

28 3 DOCUMENTO DIGITALE; Bergamo, 30 novembre

29 documento DOCUMENTO AMMINISTRATIVO ogni rappresentazione, comunque formata, del contenuto di atti, anche interni, delle pubbliche amministrazioni o, comunque, utilizzati ai fini dell'attività amministrativa. DOCUMENTO INFORMATICO la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti. Bergamo, 30 novembre

30 autenticazione del documento informatico: la validazione del documento informatico attraverso l associazione di dati informatici relativiall autore all autore o alle circostanze, anche temporali, della redazione; Bergamo, 30 novembre

31 documento analogico: la rappresentazione non informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti; Bergamo, 30 novembre

32 FLESSIBILITA SIMULAZIONE RIPRODUCIBILITA TRASMISSIONE INTERATTIVITA Bergamo, 30 novembre

33 Flessibilità Consente di combinare le parti in modo da integrare in un unico documento qualsiasi tipo di materiale. Ciò che appare ai nostri sensi è sempre passibile di rimaneggiamento. Simulazione Consente di instaurare un esatta corrispondenza tra originale e copia. La simulazionedigitale è semprereversibileereversibile e consente adun documento diessere formalmente manipolato, tagliato e combinato in modi diversi, senza che si perda mai la possibilità di mantenere inalterato l originale. Riproducibilità Consente ad un documento elettronico di sopravvivere nel tempo e di essere conservato. I dati registrati su un supporto elettronico sono ad alto rischio di cancellazione: per errore dell utente, per alterazione dello stato magnetico di una traccia. Inoltre vista la giovane età di questo tipo di supporti, non si è ancora in grado di stabilire quale sarà la durata dei materiali di un cd o di un nastro magnetico. Bergamo, 30 novembre

34 Trasmissibilità ibilità Consiste nel trasmettere i bit che compongono il messaggio dall emittente al ricevente in modo che la sequenza di arrivo sia simile a quella originaria. È possibile bl però che durante una trasmissione analogica intervengano interferenze che distorcono o fanno arrivare incompleto il messaggio al ricevente. Per ovviare a questi inconvenienti è possibile attuare il protocollo TCP (Transmission i Control lprotocol l) ), che su richiesta ihi dl del mittente spedisce una seconda volta le informazioni, qualora a causa di disturbi della trasmissione, alcuni pacchetti informativi del documento inviato precedentemente nonsiano arrivati. Interattività I documenti digitali non sono indipendenti, ma possono essere collocati all interno di un sistema ipertestuale aperto verso l esterno al valore aggiunto portato dai lettori. Bergamo, 30 novembre

35 Il bit In INFORMATICA la parola bit ha due significati ifi i molto diversi, a seconda del contesto in cui rispettivamente la si usa: un bit è l'unità di misura dell informazione (dall'inglese "binary unit") ), definita come la quantità minima di informazione che serve a discernere tra due possibili alternative equiprobabili. un bit è una cifra binaria, (in inglese "binary digit") ovvero uno dei due simboli del sistema numerico binario, classicamente chiamati zero (0) e uno Bergamo, 30 novembre

36 Sistema binario I computer sono in grado di capire solo 0 e 1 0 = segno negativo o spento 1 = segno positivo o acceso Bergamo, 30 novembre

37 Di seguito la scala dei divalori ida 0 a 10 con la loro trasposizione binaria. 0=0 1 = 1 2 = 10 3 = 11 4 = = 101 Bergamo, 30 novembre

38 Di seguito la scala dei valori da 0 a 10 con la loro trasposizione binaria. 0=0 6 = 10 1 = 1 7 =111 2 = 10 8 = = 11 9 = = = = 101 Bergamo, 30 novembre

D.P.R. 20-10-1998 n. 428. Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche.

D.P.R. 20-10-1998 n. 428. Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche. D.P.R. 20-10-1998 n. 428 Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche. 1. Definizioni. 2. Gestione dei documenti con sistemi informativi

Dettagli

Il protocollo informatico

Il protocollo informatico La dematerializzazione dei documenti amministrativi Il protocollo informatico Notaio Gea Arcella garcella@notariato.it Udine 22 novembre 2012 1 1.1 L'obbligo di registrazione dei documenti amministrativi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale Ufficio del Segretario Generale Manuale di gestione per l archivio e il protocollo informatico Presidenza del Consiglio dei Ministri Manuale

Dettagli

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b]

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b] 7 CHECK LIST 7.1 Tabella di Controllo sezione 1 A R.1.1 [TU4452000/52/1/a] Garanzie di sicurezza e integrità del sistema A R.1.2 [DPCM311000/7/1] Requisiti minimi di sicurezza del sistema operativo dell

Dettagli

Comune di Campogalliano Provincia di Modena

Comune di Campogalliano Provincia di Modena Comune di Campogalliano Provincia di Modena Manuale di gestione del protocollo informatico e di conservazione dei documenti Approvato con delibera di Giunta comunale n. 86 del 28 dicembre 2005 Modificato

Dettagli

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Vademecum per l edizione del Manuale di Gestione documentale degli Enti Locali ai sensi dell art.5 del DPCM 3 dicembre 2013 a cura di Domenico Barone e Marco Angeloni e con la collaborazione di Gabriella

Dettagli

COMUNE DI FAENZA MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO (PROTOCOLLO INFORMATICO, FLUSSI DOCUMENTALI E ARCHIVIO)

COMUNE DI FAENZA MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO (PROTOCOLLO INFORMATICO, FLUSSI DOCUMENTALI E ARCHIVIO) COMUNE DI FAENZA MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO (PROTOCOLLO INFORMATICO, FLUSSI DOCUMENTALI E ARCHIVIO) Elaborato sulla base del Modello prodotto dal tavolo di coordinamento provinciale per

Dettagli

NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823)

NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823) NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823) L Ateneo ha istituito dal 1 gennaio 2011, ai fini di una gestione unica e coordinata della documentazione amministrativa,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Anno 2015

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Anno 2015 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI VIA CARDUCCI N. 2 64028 SILVI (TE) teic83700d@istruzione.it teic83700d@pec.istruzione.it MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI DEL COMUNE DI PERUGIA PREDISPOSTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI ( Art.5 DPCM 3

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI DEL COMUNE DI PERUGIA PREDISPOSTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI ( Art.5 DPCM 3 Data Versione Descrizione 1.0 Manuale di gestione dei documenti del Comune di Perugia MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI DEL COMUNE DI PERUGIA PREDISPOSTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI ( Art.5 DPCM 3 dicembre

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LATINA ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LATINA ADUNANZA N. 11/2004 DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 15/12/2004 DELIBERA N. 11-177 ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Relatore: Dott.

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000)

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 41 del 19.02.2008 In vigore

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE USPRM Ufficio Scolastico Provinciale di Roma MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO PPS-PRO-MM-USPRM-1.0 Roma, 08/02/2008 IINDIICE

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A.

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A. 1 PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A. MANUALE DI GESTIONE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 223 del 22/12/2013 Modificato con deliberazione di Giunta

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI ALL. A) INDICE PARTE PRIMA AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI 1.1 Introduzione 1.2 Finalità del manuale 1.3

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE AOODRVE Ufficio Scolastico Regionale del Veneto MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO PPS-PRO-MM-DRVE-2.0 INDICE PREMESSA...4

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI Comune di Castelnovo ne Monti MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1. Il presente manuale di gestione dei documenti

Dettagli

PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO

PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO Sommario 1. Introduzione e breve inquadramento normativo... 2 2. Contenuti del registro giornaliero di protocollo... 4 3. Formazione del

Dettagli

NUCLEO MINIMO GESTIONE DOCUMENTALE WORKFLOW DELLE PRATICHE

NUCLEO MINIMO GESTIONE DOCUMENTALE WORKFLOW DELLE PRATICHE Bari, 24 Luglio 2006 NUCLEO MINIMO GESTIONE DOCUMENTALE WORKFLOW DELLE PRATICHE 1 FUNZIONALITÀ MINIME DEL PROTOCOLLO Le Amministrazioni devono garantire almeno la realizzazione del sistema di protocollo

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Padova Aprile 2012 Versione 3.0 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONE E COMPITI...3 3.

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI DELLA SCUOLA DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO

MANUALE PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI DELLA SCUOLA DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO MANUALE PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI DELLA SCUOLA DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO Emanato con D.P. n. 63 del 05/05/2005; modificato con D.R. n. 466 del 12/10/2015. Art. 1 (Ambito

Dettagli

M.Gentilini M. Vitale

M.Gentilini M. Vitale D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa art. 50 La gestione dei documenti deve essere effettuata mediante sistemi

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO Approvato dalla G.C. con deliberazione n. 201 del 7.9.2000 INDICE CAPO

Dettagli

Norme principali di riferimento per la formazione, classificazione e conservazione dei documenti amministrativi

Norme principali di riferimento per la formazione, classificazione e conservazione dei documenti amministrativi Il documento informatico formazione, classificazione e conservazione sostitutiva Norme principali di riferimento per la formazione, classificazione e conservazione dei documenti amministrativi DPR 445

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Ufficio Provinciale Pisa Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Pisa Marzo 2012 Versione 3.0 Ufficio Provinciale Pisa SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Sommario PARTE PRIMA - Ambito di applicazione del manuale e definizioni... 3 Articolo

Dettagli

Progettare la segreteria digitale delle Istituzioni scolastiche Le norme, i modelli organizzativi, le opportunità di miglioramento

Progettare la segreteria digitale delle Istituzioni scolastiche Le norme, i modelli organizzativi, le opportunità di miglioramento Progettare la segreteria digitale delle Istituzioni scolastiche Le norme, i modelli organizzativi, le opportunità di miglioramento cüéya fàxytçé c zä tñévé Riccione 10 e 11 ottobre 2013 Il Codice dell

Dettagli

Comune di Viareggio Manuale di gestione e conservazione dei documenti

Comune di Viareggio Manuale di gestione e conservazione dei documenti Comune di Viareggio Manuale di gestione e conservazione dei documenti (artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) (Approvato con Delibera. G.C. n. 305 del 30/06/2011 Modificato con Delibera. Commissario Pref. n.

Dettagli

IO CONTO Nuovi obblighi normativi - Allegati

IO CONTO Nuovi obblighi normativi - Allegati Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie IO CONTO Nuovi obblighi normativi - Allegati Indice

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ANALOGICI NELL ARCHIVIO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ANALOGICI NELL ARCHIVIO. Art. 1 Ambito di applicazione ALLEGATO " B" ALLA DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ANALOGICI NELL ARCHIVIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la conservazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L IMPLEMENTAZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO NELL AMBITO DELL AREA T/A DELL AMMINISTRAZIONE DIFESA

LINEE GUIDA PER L IMPLEMENTAZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO NELL AMBITO DELL AREA T/A DELL AMMINISTRAZIONE DIFESA LINEE GUIDA PER L IMPLEMENTAZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO NELL AMBITO DELL AREA T/A DELL AMMINISTRAZIONE DIFESA SGD VI Reparto Ottobre 2002 INDICE Introduzione...3 Riferimenti normativi...4 Introduzione

Dettagli

In collaborazione con il Centro per la cultura d impresa A cura di Gianluca Perondi con la collaborazione di Eddy Moschetti

In collaborazione con il Centro per la cultura d impresa A cura di Gianluca Perondi con la collaborazione di Eddy Moschetti MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI In collaborazione con il Centro per la cultura d impresa A cura di Gianluca Perondi con la collaborazione di Eddy Moschetti Revisione del febbraio 2013

Dettagli

Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio

Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio Comune di Lavena Ponte Tresa Provincia di Varese Via Libertà n. 28 LAVENA PONTE TRESA Tel. 0332/524111 Fax 0332/551754 - C.F. 00405070129 Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi COMUNE DI COMO Servizio Archivio e Protocollo Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi (Artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) Allegato n. 18 Piano di conservazione Conservazione

Dettagli

MANUALE AZIENDALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI Contenente altresì il Piano di Conservazione degli Archivi e il Massimario di Scarto

MANUALE AZIENDALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI Contenente altresì il Piano di Conservazione degli Archivi e il Massimario di Scarto MAGD Rev. 0 del 31.10.2007 Pagina 1 di 71 MANUALE AZIENDALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI Contenente altresì il Piano di Conservazione degli Archivi e il Massimario di Scarto File MAGD Rev. 0 del 31.10.2007

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI www.digitpa.gov.it INDICE 1 INTRODUZIONE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO...4 1.1 SCOPO

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Automobile Club d Italia Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di CATANZARO SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL

Dettagli

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 1 POSTA ELETTRONICA TRADIZIONALE e POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA 2 POSTA ELETTRONICA

Dettagli

Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione

Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione Brescia 15-22 ottobre 2011 Linee generali: Sistema di

Dettagli

1 Disposizioni generali

1 Disposizioni generali 1 Disposizioni generali 1.1 Ambito di applicazione Il presente manuale descrive il sistema di gestione e di conservazione dei documenti prodotti o ricevuti dal Comune nello svolgimento della sua attività

Dettagli

ARCHIVIAZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI DEL SUAP

ARCHIVIAZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI DEL SUAP Prof. Stefano Pigliapoco ARCHIVIAZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI DEL SUAP s.pigliapoco@unimc.it Formazione, gestione e conservazione degli archivi La gestione dell archivio rappresenta per

Dettagli

Allegato n. 1 Glossario e normativa di riferimento

Allegato n. 1 Glossario e normativa di riferimento Allegato n. 1 Glossario e normativa di riferimento Edizione 01/2014 - Rev. 01 1. Glossario Al fine di garantire una più facile comprensione del Manuale di gestione, il presente Glossario offre specifiche

Dettagli

Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni

Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni massella@cnipa.it Seminario Confindustria Firenze Firenze, 15 gennaio 2009 1 La gestione dei documenti informatici

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI CASTELFIDARDO ********* MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO - I N D I C E - INTRODUZIONE Pag. 5 Premessa Individuazione di una unica Area Organizzativa Omogenea

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO E ARCHIVIO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO E ARCHIVIO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO E ARCHIVIO Pagina 1 di 22 Il presente manuale di gestione dei documenti è adottato ai sensi degli articoli 3 e 5 del DPCM 31 ottobre 2000, recante le regole tecniche

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea "Automobile Club di BARI"

Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea Automobile Club di BARI Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea "Automobile Club di BARI" SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. AREA ORGANIZZATIVA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI Premessa Il Manuale di gestione del protocollo informatico e della gestione dei flussi documentali, è uno strumento

Dettagli

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 La soluzione proposta, conforme alle normative vigenti in materia, permette l amministrazione completa di tutte le informazioni relative al protocollo di un Ente

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico

Manuale di gestione del protocollo informatico Manuale di gestione del protocollo informatico ALLEGATO A 1. Ambito di applicazione del manuale e definizioni...2 2. Le tipologie documentarie...3 2.1. Documenti in arrivo...3 2.2. Documenti in partenza...4

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA Approvato con delibera di Giunta comunale n. 123 del 04/08/2011 18/08/2011 Pag INDICE SEZIONE I AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI Articolo 1 Articolo

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario Inserimento semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI APPROVATO CON DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.113 DEL 13/12/2004

Dettagli

ALLEGATO N. 7 PIANO DI CONSERVAZIONE

ALLEGATO N. 7 PIANO DI CONSERVAZIONE ALLEGATO N. 7 PIANO DI CONSERVAZIONE 1. Composizione del piano Il Piano di Conservazione, oltre che dai seguenti articoli, è composto dal Piano di continuità operativa e disaster recovery e dal Titolario

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINISIONE Pag. 1 Definizione dei termini usati

Dettagli

COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE Provincia di Padova

COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE Provincia di Padova COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE Provincia di Padova Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3, 4 e 5 DPCM 03.12.2013) COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (PD)

Dettagli

Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi

Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi D.M. 14 ottobre 2003 1 e 2 Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi 1. Introduzione e normativa di riferimento Con la direttiva

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Giugno 2012 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUS DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE INDICE 2 INTRODUZIONE 5 SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 7 Articolo

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE. 2. Definizioni Ai fini del presente manuale di gestione si intendono per:

MANUALE DI GESTIONE. 2. Definizioni Ai fini del presente manuale di gestione si intendono per: MANUALE DI GESTIONE 1. Premessa Le disposizioni del presente manuale di gestione disciplinano le modalità di protocollo e di gestione dei documenti ricevuti e prodotti da organi, servizi, uffici e strutture

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Direzione Sistemi Informativi Versione 1.0 Sommario 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONI...3 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

La conservazione della fattura elettronica e della pec

La conservazione della fattura elettronica e della pec Confindustria Firenze 17 luglio 2014 La conservazione della fattura elettronica e della pec Relatore Avv. Chiara Fantini Of Counsel Studio Legale Frediani - Partner DI & P Srl Indice Quadro normativo in

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI Hanno collaborato alla stesura del presente manuale Sandra Tesio, Antonella Nirino SS Affari Generali; Fabrizio Frandino

Dettagli

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ CAPO I Riferimenti normativi, ambito

Dettagli

Manuale di gestione. del Protocollo Informatico e del Servizio Archivistico comunale

Manuale di gestione. del Protocollo Informatico e del Servizio Archivistico comunale Manuale di gestione del Protocollo Informatico e del Servizio Archivistico comunale Approvato con Delibera di G.C. n. 235 del 24/12/2008 Parte Prima: Ambito di applicazione e Definizioni 1.1 Ambito di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Revisione 07 INDICE DEI CONTENUTI CAPO I PRINCIPI GENERALI 05 1 PREMESSA 05 2 DEFINIZIONI 05 3 MANUALE DI GESTIONE 06 4 ELIMINAZIONE

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000)

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000) MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000) Approvato dalla Giunta camerale con deliberazione n. 125 del 18/10/2012

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente

ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 dpcm 31/10/2000) Sommario SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

Comune di Vigonza Via Cavour n.16 35010 PD Tel.049 8090211 fax 049 8090200

Comune di Vigonza Via Cavour n.16 35010 PD Tel.049 8090211 fax 049 8090200 Comune di Vigonza Via Cavour n.16 35010 PD Tel.049 8090211 fax 049 8090200 MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA TENUTA, GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE CAPO I AMBITO DI

Dettagli

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e il Dlgs. 33 gli obblighi delle scuole: trasparenza, dematerializzazione, archiviazione sostitutiva Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e le Istituzioni scolastiche: dal documento

Dettagli

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, Vers. 1.0 del 9 ottobre 2015 a cura di Gabriella Lazzarini Responsabile della Gestione documentale Approvato da Direzione Generale Alessandra Poggiani Marco

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB D ITALIA UFFICIO PROVINCIALE DI VERONA. Manuale di Gestione del Protocollo Informatico

AUTOMOBILE CLUB D ITALIA UFFICIO PROVINCIALE DI VERONA. Manuale di Gestione del Protocollo Informatico AUTOMOBILE CLUB D ITALIA UFFICIO PROVINCIALE DI VERONA Manuale di Gestione del Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea: Ufficio Provinciale ACI di VERONA SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006 PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE Maggio 2006 1 Evoluzione tecnologica 1 Negli ultimi anni le P.A. si sono fortemente impegnate nello sviluppo di reti di computer

Dettagli

Manuale. di Gestione e Conservazione dei documenti. C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli)

Manuale. di Gestione e Conservazione dei documenti. C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) Settore Organi Istituzionali e Rapporti con il Cittadino Manuale di Gestione e Conservazione dei documenti approvato con deliberazione della G.C. n. 10 del 15.01.2015

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNALI

MANUALE DI GESTIONE E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNALI COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo * * * AREA RELAZIONI ESTERNE MANUALE DI GESTIONE E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNALI 1 TITOLO I - PRINCIPI GENERALI 3 ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Comune di Barbara. Provincia di Ancona MANUALE DI GESTIONE

Comune di Barbara. Provincia di Ancona MANUALE DI GESTIONE Allegato sub A Alla deliberazione della Giunta Comunale n. 68 del 05.10.2015 Comune di Barbara Provincia di Ancona MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE. Sezione Affari generali e documentali Ripartizione Sistema documentale e procedurale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE. Sezione Affari generali e documentali Ripartizione Sistema documentale e procedurale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Sezione Affari generali e documentali Ripartizione Sistema documentale e procedurale SISTEMA INFORMATIVO DOCUMENTALE DI ATENEO SID 2 MANUALE TEORICO PRATICO PER LA GESTIONE

Dettagli

Allegato6 - Manuale operativo

Allegato6 - Manuale operativo Allegato6 - Manuale operativo (versione di riferimento: PI 2.00.02) Nel documento: il riferimento ai tasti non contenenti icone è indicato scrivendone la descrizione tra parentesi quadre - es. [Lista trovati]

Dettagli

COMUNE DI VICOPISANO (Provincia di Pisa)

COMUNE DI VICOPISANO (Provincia di Pisa) COMUNE DI VICOPISANO (Provincia di Pisa) Manuale di gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (art. 5 DPCM 3 dicembre 2013) Approvato con Deliberazione GC n.92 del 9.10.2015

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ALLEGATO A Deliberazione UdP del 4 settembre 2012, n. 71 1 PREMESSA Il progetto Archivi del Consiglio nasce con la deliberazione dell

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA 1 SOMMARIO PREMESSA PARTE I IL PROTOCOLLO INFORMATICO E IL FLUSSO DOCUMANTALE SEZIONE

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI Documento n. 8 - Allegato al manuale di gestione PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre che dai seguenti articoli

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA E AGRICOLTURA DI LODI

MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA E AGRICOLTURA DI LODI MO-AG MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA E AGRICOLTURA DI LODI 04/01/2006 II emissione Approvato SG f.f. d.ssa Federica Pasinetti 1 INDICE PRESENTAZIONE...4

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP Prof. Stefano Pigliapoco L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP s.pigliapoco@unimc.it La società dell informazione e della conoscenza La digitalizzazione delle comunicazioni,

Dettagli

Approvato con deliberazione di G.C. N del Manuale di gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi

Approvato con deliberazione di G.C. N del Manuale di gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi Approvato con deliberazione di G.C. N del Manuale di gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi Comune di Burcei Provincia di Cagliari Indice PREMESSA... 4 RIFERIMENTI

Dettagli

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n. Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.319 Il presente Manuale è stato redatto dal Gruppo di lavoro dell Università

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO INDICE SEZIONE I - DEFINIZIONI ED AMBITO DI APPLICAZIONE SEZIONE II - DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE III - PRODUZIONE DEI DOCUMENTI E SPEDIZIONE DI DOCUMENTI ALL'ESTERNO

Dettagli

E-Government. L e-government attraverso il procedimento amministrativo informatizzato. di Rosanna Udanch Università degli Studi di Sassari

E-Government. L e-government attraverso il procedimento amministrativo informatizzato. di Rosanna Udanch Università degli Studi di Sassari E-Government L e-government attraverso il procedimento amministrativo informatizzato di Rosanna Udanch Università degli Studi di Sassari 1 E- Government Dopo un lungo immobilismo legislativo si è verificato

Dettagli

LA GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI

LA GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI LA GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI Principi generali e requisiti archivistici A CURA DI MARIA GUERCIO 1 SOMMARIO 1. Documento amministrativo, documento informatico, archivio,

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico

Manuale di gestione del protocollo informatico COLLEGIO TERRITORIALE DELL ORDINE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLE PROVINCE DI BARI E BAT Manuale di gestione del protocollo informatico http://www.periti-industriali.bari.it

Dettagli

L ufficio senza carta: ora si può

L ufficio senza carta: ora si può Organizzazione L ufficio senza carta: ora si può Renata Bortolin Negli ultimi anni, abbiamo assistito al susseguirsi di annunci di leggi che semplificano i procedimenti amministrativi, fiscali e tributari

Dettagli

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) C I T T À D I B A C O L I C I T T A D I B A C O L I ( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) (adottato con

Dettagli

Sistemi e dotazioni ICT per gli sportelli. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO DI VALLI DEL VERBANO.

Sistemi e dotazioni ICT per gli sportelli. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO DI VALLI DEL VERBANO. Sistemi e dotazioni ICT per gli sportelli per unici gli sportelli unici Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO DI VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Modello ict per

Dettagli

Parte prima Ambito di applicazione del manuale

Parte prima Ambito di applicazione del manuale Parte prima Ambito di applicazione del manuale 1.1.Manuale di gestione dei documenti Le Regole tecniche sul protocollo informatico ( art. 3 e 5 del DPCM 3 dicembre 2013) prescrivono che ciascuna Pubblica

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

COMUNE DI ODERZO. Provincia di Treviso

COMUNE DI ODERZO. Provincia di Treviso COMUNE DI ODERZO Provincia di Treviso MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI COMUNALI (Regolamento adottato ai sensi degli artt. 3 e 5 del DPCM 31.10.2000)

Dettagli

Redazione di un Massimario di conservazione

Redazione di un Massimario di conservazione Il fascicolo di studente Angela Angeli Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Co.In.Fo. - UniDOC Benevento, 15 Ottobre 2013 UniDOC 2013 Redazione di un Massimario di conservazione del fascicolo di studente

Dettagli