Centro QUA_SI Qualità della vita nella Società dell Informazione La professionalità del Consulente per il miglioramento della scuola

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro QUA_SI Qualità della vita nella Società dell Informazione La professionalità del Consulente per il miglioramento della scuola"

Transcript

1 Centro QUA_SI Qualità della vita nella Società dell Informazione La professionalità del Consulente per il miglioramento della scuola Profilo di competenze, funzioni e finalità, approcci e strumenti metodologici di intervento

2 Università di Milano-Bicocca, Dipartimento di scienze umane per la formazione "Riccardo Massa, referente scientifico Prof.ssa Susanna Mantovani: La professionalità del Consulente per il miglioramento della scuola (profilo di competenze, funzioni e finalità, approcci e strumenti metodologici di intervento) n. 3 Ricercatori Indire e Dirigente di ricerca: M. Faggioli, E. Morini, F. Rossi, A. Turchi. Tempi: dicembre 2014-maggio 2015 Metodi: Focus group, interviste e questionari

3 Obiettivo della ricerca con Bicocca Studio approfondito della professionalità del consulente per il miglioramento della scuola attraverso un indagine di tipo teorico e di ricerca empirica, al fine di costruire un solido riferimento teorico di tipo metodologico, una documentazione esperienziale, un panorama di proposte operative e di strumenti per la ricerca, la supervisione e la formazione nelle scuole.

4 Dal riconoscimento della complessità del ruolo e delle finalità 1. Rendere il processo di valutazione e di miglioramento un processo situato dentro a una certa comunità scolastica, i cui attori siano protagonisti attivi e motivati. 2. Introdurre progressivamente gli attori della scuola in un processo di analisi dei problemi e di costruzione di percorsi di risoluzione. 3. Far assumere agli insegnanti stessi e al dirigente scolastico il ruolo di ricercatori, facilitando e accompagnando in qualità di consulenti l attività di ricerca e di miglioramento della scuola. 4

5 alle domande di ricerca Che cosa accade nell attività concreta di consulenza? Quali sono criticità e punti di forza del ruolo dei consulenti e della loro azione nel rapporto con i Dirigenti e con i Team per il Miglioramento? Quali competenze sono richieste e sollecitate dalle scuole? Quali le ricadute effettive e percepite nelle scuole?..

6 Key-informants Il gruppo di lavoro dei Consulenti Approccio metodologico Una prospettiva di ricerca collaborativa che: accompagna in modo riflessivo l azione che si sta svolgendo nelle scuole; consente un analisi approfondita e condivisa su ruolo, funzioni e competenze del Consulente per il miglioramento

7 Piano di ricerca I soggetti Per l indagine qualitativa sono stati coinvolti: 6 Consulenti per il Miglioramento individuati dal gruppo di ricerca con i seguenti criteri: 1 consulente per ciascuna delle 4 regioni PON e 2 per le regioni centro-nord 3 per il primo ciclo e 3 per il secondo ciclo esperienza pregressa in progetti INDIRE legati al miglioramento o in progetti analoghi 6 Dirigenti Scolastici delle scuole in cui operano i consulenti 6 Team per il Miglioramento delle scuole in cui operano i consulenti

8 Piano di ricerca I soggetti Per l indagine quantitativa: 149 Consulenti per il miglioramento 285 Dirigenti Scolastici circa 2026 componenti dei Team per il Miglioramento delle scuole selezionate per il progetto VALeS

9 Fasi della ricerca entro metà mag 2015 dic 2014 gen-feb 2015 II FASE: Qualitativaestensiva feb-apr 2015 III Fase: Quantitativa - estensiva IV Fase: Follow up e rapporto finale I FASE Qualitativaesplorativa

10 Fasi della ricerca Individuazione del campione con il quale verrà fatta un indagine in profondità Predisposizione degli strumenti per l indagine qualitativa: interviste e focus group Focus e Interviste Studi di caso Indagine qualitativa Indagine quantitativa Predisposizione dei questionari per DS, Consulenti e Componenti del Team Fase di pre- test degli strumenti Somministrazione del questionario Analisi dei dati Dalla teoria alla pratica Presentazione della ricerca: impianto, obiettivi, metodologia e strumenti Analisi quantitative: alcuni dati dai questionari Analisi qualitativa: sintesi di alcuni risultati dalle interviste e focus group e studi di caso Pubblicazione degli esiti della ricerca

11 I FASE Qualitativa-esplorativa (dicembre 2014) Presentazione in sincrono del piano della ricerca ai 6 Consulenti per il Miglioramento individuati: obiettivi e prospettiva metodologica; assegnazione di un primo compito osservativoriflessivo, 18 interviste online/presenza: 6 interviste ai Consulenti del gruppo selezionato 6 interviste ai DS delle scuole seguite dai Consulenti selezionati 6 interviste ai componenti del TpM delle scuole seguite dai Consulenti selezionati

12 II FASE: Qualitativa- estensiva (gennaio-febbraio 2015) Debriefing dati raccolti nella fase pilota per costruire tracce di incontro con i Consulenti e di focus group con i componenti del TpM Incontro in presenza con il gruppo ristretto di 6 consulenti (3 febbraio - Firenze) e assegnazione del secondo compito osservativo-riflessivo Focus group con i TpM delle scuole selezionate Studi di caso

13 III Fase: Quantitativa - estensiva (febbraio-marzo 2015) Debriefing dei dati raccolti nei focus group Costruzione del questionario Validazione test pilota del questionario (somministrazione rivolta ai 6 Consulenti per il Miglioramento, 6 DS e 1 rappresentante per ciascuno dei 6 TpM) Somministrazione del questionario a 149 Consulenti, 285 DS e circa 2026 componenti dei TpM

14 IV Fase: Follow up e rapporto finale (aprile-maggio 2015) Prima analisi dei dati per la costruzione delle interviste finali 6 interviste di follow up ai DS e ai componenti dei Team (gli stessi soggetti intervistati nella prima fase della ricerca) Incontro online con i Consulenti per il Miglioramento Rapporto finale (con lettura di follow up da parte dei consulenti del gruppo ristretto)

15 Questionario Rivolto a: DS (54 item) CONSULENTI (96 item) TEAM (54 item) su 6 campi di indagine: 1. Dati demografici e professionali 2. Informazioni sul Team per il miglioramento 3. Il lavoro di consulenza nella scuola 4. I bisogni della scuola e le competenze richieste al Consulente 5. Percezioni sul ruolo e sull attività del Consulente 6. Convinzioni e possibili cambiamenti auspicati

16 Pubblicazione degli esiti della ricerca Introduzione: esperienze passate e prospettive future La figura del consulente per il miglioramento Il lavoro di INDIRE con i consulenti: la formazione, il diario del Consulente, la relazione finale e gli strumenti di lavoro Disegno e strumenti di ricerca Il gruppo dei consulenti coinvolti: selezione e incontri Sintesi di alcuni risultati dalle interviste e focus group Alcuni dati dai questionari Studi di caso Riflessioni conclusive Ad ogni scuola Vales verrà inviata copia degli esiti delle ricerche

17 Strumenti della ricerca Interviste (6 Consulenti per il Miglioramento, 6 DS e 6 TpM) Focus Group (componenti TpM) Questionari (Consulenti per il Miglioramento, DS e TpM di tutte le scuole VALeS) Strumenti riflessivo-osservativi (6 Consulenti per il Miglioramento) Diario (6 Consulenti per il Miglioramento) Relazione finale (tutti i Consulenti per il Miglioramento VALeS)

18 STRUMENTO OSSERVATIVO E RIFLESSIVO I STEP PARTE I LE ATTIVITA SVOLTE: Che cosa ho fatto dall inizio della consulenza a oggi? Provo ad elencare nella tabella sottostante tutte le azioni che ho svolto all interno della scuola dall inizio dell attività di consulenza a oggi.

19 TEMPI (data e durata) 1. AZIONE (riunione, colloquio, focus group ) SOGGETTI COINVOLTI CONTENUTI NOTE/COMME NTI

20 PARTE II - APPROFONDIMENTO CASE STUDY Scelgo una delle azioni che ho svolto, significativa rispetto all attività di consulenza che sto effettuando nella scuola, che mi ha suscitato riflessioni e domande che desidero condividere.

21 Traccia di riflessione Come mai ho scelto proprio questa azione Descrivo in modo dettagliato : chi ha partecipato, quali erano gli obiettivi, come si è svolta l attività, quali risorse e competenze ho messo in campo efficacemente come consulente e per quali motivi, quali richieste mi sono state poste o quali complessità durante l incontro/azione mi hanno messo in difficoltà e per quali motivi, se l intervento di consulenza mi è sembrato utile e per quali motivi.

22 STRUMENTO OSSERVATIVO E RIFLESSIVO II STEP PARTE I Il quadro del consulente Sei un pittore che sta dipingendo un quadro sul Consulente per il Miglioramento : scegli una figura (dal web) che rappresenti il ruolo del CONSULENTE per come lo stai vivendo nel corso di questa tua esperienza e rispondi alle seguenti domande: come mai hai scelto proprio questa immagine? ritieni che si dovrebbe aggiungere o togliere qualcosa a questa figura per renderla ancora più rappresentativa e vicina al ruolo di consulente che hai in mente? PS. Se si sente l esigenza di scegliere più di una immagine, si può arrivare al massimo a tre.

23 PARTE II La lettera a un futuro collega Immagina di scrivere una lettera a un collega che il prossimo anno svolgerà il lavoro di consulente in una scuola e raccontagli, in base alla tua esperienza: qual è il bello di questo lavoro, quali soddisfazioni permette di raccogliere e quali le ricedute sulla scuola (da raccontare con esempi); che cosa gli/le servirà per svolgere al meglio il proprio lavoro in termini di (da descrivere motivando): formazione, competenze, metodi e strumenti; quali difficoltà potrebbe incontrare (le spine e gli ostacoli ) (da descrivere con esempi) che cosa ti auguri sarà cambiato/migliorato rispetto alla figura professionale del Consulente quando lui/lei eserciterà questa professione (da descrivere motivando). Infine, dagli un consiglio, quello che ritieni più prezioso e utile per affrontare al meglio questa avventura.

La valutazione della qualità della formazione ECM con i provider di Regione Lombardia

La valutazione della qualità della formazione ECM con i provider di Regione Lombardia La valutazione della qualità della formazione ECM con i provider di Regione Lombardia Mariangela Devercelli, Responsabile Sistema lombardo accreditamento ECM-CPD Roma, 11 e 12 dicembre 2018 AUDITORIUM

Dettagli

Syllabus Descrizione del corso

Syllabus Descrizione del corso Syllabus Descrizione del corso Titolo del corso METODOLOGIA DELLA RICERCA EDUCATIVA, VALUTAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA DELLA SI E SP Codice del corso 11362 del corso Corso di studio Scienze della Formazione

Dettagli

Donatella Poliandri. Responsabile area Valutazione delle scuole INVALSI

Donatella Poliandri. Responsabile area Valutazione delle scuole INVALSI Donatella Poliandri Responsabile area Valutazione delle scuole INVALSI Valutare per migliorare: le sperimentazioni INVALSI verso la valutazione delle scuole Schema di Regolamento del Sistema Nazionale

Dettagli

LA RIFORMA DEGLI ORDINAMENTI SCOLASTICI IN EMILIA-ROMAGNA Piano Regionale

LA RIFORMA DEGLI ORDINAMENTI SCOLASTICI IN EMILIA-ROMAGNA Piano Regionale 1 LA RIFORMA DEGLI ORDINAMENTI SCOLASTICI IN EMILIA-ROMAGNA Piano Regionale di COMUNICAZIONE, FORMAZIONE, RICERCA, MONITORAGGIO Anno scolastico 2004/2005 2 GRUPPO REGIONALE DI REGIA MONITORAGGIO OSSERVATORIO

Dettagli

EFFICACY. Per la Scuola, per i Docenti, per gli Studenti. In collaborazione con l Università Bocconi

EFFICACY. Per la Scuola, per i Docenti, per gli Studenti. In collaborazione con l Università Bocconi EFFICACY Per la Scuola, per i Docenti, per gli Studenti In collaborazione con l Università Bocconi EFFICACY PROGETTI PILOTA GIÀ SVOLTI SUL DIGITALE Progetti pilota: Marzo Giugno 2014 Set-up Chi: scuole

Dettagli

Leadership e middle management scolastico Presentazione del progetto di ricerca Prof. Angelo Paletta

Leadership e middle management scolastico Presentazione del progetto di ricerca Prof. Angelo Paletta Leadership e middle management scolastico Presentazione del progetto di ricerca Prof. Angelo Paletta In collaborazione con: Ufficio Scolastico Regionale Emilia Romagna Ufficio Scolastico Regionale Friuli

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY RICERCA SULL IMPATTO DEL PROGRAMMA ERASMUS + SUI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE IN ITALIA

EXECUTIVE SUMMARY RICERCA SULL IMPATTO DEL PROGRAMMA ERASMUS + SUI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE IN ITALIA EXECUTIVE SUMMARY RICERCA SULL IMPATTO DEL PROGRAMMA ERASMUS + SUI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE IN ITALIA Allo scopo di misurare l impatto delle azioni del Programma Erasmus+ e del precedente programma

Dettagli

Convegno "CAPIRE PER ESSERE CITTADINI" Scuola e Università fanno ricerca insieme

Convegno CAPIRE PER ESSERE CITTADINI Scuola e Università fanno ricerca insieme «CAPIRE PER ESSERE CITTADINI»: Scuola e Università fanno ricerca insieme LA COMPRENSIONE: DAL TESTO NARRITIVO AL PROBLEMA A PAROLE. UNA RICERCA-FORMAZIONE NELLA RETE DI CORREGGIO a cura della Dott.ssa

Dettagli

PROGETTO PERCORSI - Titolo webinar: Lo sviluppo e la gestione delle informazioni nelle attività di RS&S

PROGETTO PERCORSI - Titolo webinar: Lo sviluppo e la gestione delle informazioni nelle attività di RS&S PROGETTO PERCORSI - Titolo webinar: Lo sviluppo e la gestione delle informazioni nelle Tabelle - Mappatura dei processi primari CPIA Processo Attività di Ricerca, Sperimentazione e Sviluppo (RS&S) in materia

Dettagli

Progetto ETICA pubblica nel Sud

Progetto ETICA pubblica nel Sud Progetto ETICA pubblica nel Sud Task B Trasparenza Barometro della Trasparenza Autovalutazione della Trasparenza Aspetti metodologici Bari, 7 novembre 2012 Valutazione e autovalutazione Valutazione È condotta

Dettagli

Elvira Cicognani Dipartimento di Psicologia, Università di Bologna. Debora Vecchiettini Psicologa scolastica e di comunità

Elvira Cicognani Dipartimento di Psicologia, Università di Bologna. Debora Vecchiettini Psicologa scolastica e di comunità Elvira Cicognani Dipartimento di Psicologia, Università di Bologna Debora Vecchiettini Psicologa scolastica e di comunità La riforma 13.7.2015 n. 107 «La buona scuola» Enfasi sulla promozione delle competenze

Dettagli

Fare ricerca e sperimentazione nella scuola

Fare ricerca e sperimentazione nella scuola Percorso di formazione Pandino 21 dicembre 2015 Fare ricerca e sperimentazione nella scuola Maria Paola Negri Università Cattolica 1 I fondamenti di ogni ricerca e sperimentazione nella scuola La formula

Dettagli

INCONTRO CONCLUSIVO ANNO DI PROVA/FORMAZIONE RAVENNA, 30 MAGGIO 2017 INDICE. Fondazioni e prospettive della funzione docente

INCONTRO CONCLUSIVO ANNO DI PROVA/FORMAZIONE RAVENNA, 30 MAGGIO 2017 INDICE. Fondazioni e prospettive della funzione docente INCONTRO CONCLUSIVO ANNO DI PROVA/FORMAZIONE RAVENNA, 30 MAGGIO 2017 INDICE Fondazioni e prospettive della funzione docente Rapporto sui dati organizzativi dell Anno di formazione e azioni conclusive Un

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA QUALIFICA DEL TUTOR

DESCRIZIONE DELLA QUALIFICA DEL TUTOR Universität Stuttgart Propeto Progetto del programma Leonardo da Vinci SVILUPPO DI SISTEMI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALI- FICA DELL INSEGNANTE PROFESSIONALE LT/06/B/F/PP-171009 DESCRIZIONE DELLA QUALIFICA

Dettagli

Alcune indicazioni dai progetti sperimentali per supportare le scuole

Alcune indicazioni dai progetti sperimentali per supportare le scuole Seminario di formazione e informazione Il Rapporto di autovalutazione Roma 28 novembre 2014 Alcune indicazioni dai progetti sperimentali per supportare le scuole Donatella Poliandri Responsabile area Valutazione

Dettagli

SCHEDA DI PIANIFICAZIONE

SCHEDA DI PIANIFICAZIONE MODELLO PIANIFICAZIONE ATTIVITÀ a. s. 2016 / 2017 REFERENTE SCHEDA DI PIANIFICAZIONE FINALITÀ Miglioramento della qualità dell offerta formativa e degli apprendimenti OBIETTIVI CONTENUTI / ATTIVITÁ 1.

Dettagli

L integrazione della Customer Satisfaction nel ciclo delle performance

L integrazione della Customer Satisfaction nel ciclo delle performance L integrazione della Customer Satisfaction nel ciclo delle performance Metodologia e strumenti per il Customer Satisfaction Management Cos è il CSM È un modello di rilevazione della soddisfazione dei cittadini

Dettagli

Monitorare e valutare progetti sociali

Monitorare e valutare progetti sociali Monitorare e valutare progetti sociali 15 gennaio 2018 Fondazione Carispezia A cura di Elisabetta Dodi docente dell Università Cattolica del Sacro Cuore SCOPO DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Il monitoraggio

Dettagli

Il Progetto di Servizio Sociale

Il Progetto di Servizio Sociale Il Progetto di Servizio Sociale Corso in preparazione all Esame di Stato per l abilitazione alla professione di Assistente Sociale Albo A 25 Maggio 2018 Anna Piasentini anna.piasentini@gmail.com LA PROGETTAZIONE

Dettagli

Giuliana Sandrone - CQIA Università di Bergamo

Giuliana Sandrone - CQIA Università di Bergamo Azione di ricercaricerca-azione quanti--qualitativa quanti nelle scuole pubbliche della provincia di Bergamo a.s. 10 10--11 1 Piano di formazione 2009-10: discipline di insegnamento = mezzi per il fine

Dettagli

Costruire e/o Sviluppare, Valutare e Certificare competenze

Costruire e/o Sviluppare, Valutare e Certificare competenze UNITÀ FORMATIVA : PREMESSA Costruire e/o Sviluppare, Valutare e Certificare competenze Prof. Esterno : Prof Gianni Marconato- Referente per IC Pra : Ins. Anfossi In relazione al PNFD riferita al punto

Dettagli

La formazione permanente - L esperienza del Comune di Padova. Altavilla Vicentina - 11 ottobre 2013

La formazione permanente - L esperienza del Comune di Padova. Altavilla Vicentina - 11 ottobre 2013 La formazione permanente - L esperienza del Comune di Padova Altavilla Vicentina - 11 ottobre 2013 Il Comune di Padova- qualche numero Eroga servizi a una popolazione residente di 214.000 abitanti (censimento

Dettagli

Bozza Formazione COMPETENZE - TRINCHERO

Bozza Formazione COMPETENZE - TRINCHERO Bozza Formazione COMPETENZE - TRINCHERO Progetto e pianificazione dell offerta formativa Mondadori Education e Rizzoli Education Sommario Premessa... 3 Un modello formativo nazionale... 3 Linea editoriale...

Dettagli

PROMUOVERE LA VALUTAZIONE - Proposta modulare di ricerca/(form)azione sui processi valutativi Progetto e conduzione di Mario Castoldi

PROMUOVERE LA VALUTAZIONE - Proposta modulare di ricerca/(form)azione sui processi valutativi Progetto e conduzione di Mario Castoldi PROMUOVERE LA VALUTAZIONE - Proposta modulare di ricerca/(form)azione sui processi valutativi Progetto e conduzione di Mario Castoldi 1 Il progetto propone a reti di scuole o scuole un percorso di formazione

Dettagli

Corso di Introduzione ai METODI e alle TECNICHE del SERVIZIO SOCIALE Anno accademico 2016/2017 (prof. MARCO GIORDANO)

Corso di Introduzione ai METODI e alle TECNICHE del SERVIZIO SOCIALE Anno accademico 2016/2017 (prof. MARCO GIORDANO) Lezione 20 (2a parte) - Valutazione e ricerca, come componenti della pratica Corso di Introduzione ai METODI e alle TECNICHE del SERVIZIO SOCIALE Anno accademico 2016/2017 (prof. MARCO GIORDANO) La complessità

Dettagli

PERIODO di PROVA PERSONALE DOCENTE NEO-ASSUNTO IL DIRIGENTE INFORMA

PERIODO di PROVA PERSONALE DOCENTE NEO-ASSUNTO IL DIRIGENTE INFORMA PERIODO di PROVA PERSONALE DOCENTE NEO-ASSUNTO IL DIRIGENTE INFORMA Come da CM MIUR 36167/2015, punto 3, il Dirigente scolastico informa i docenti neo-assunti tenuti all effettuazione del periodo di prova

Dettagli

RAPPORTO AiFOS Relatore: Elena Bonfiglio. BRESCIA, 25 gennaio dalle alle 17.30

RAPPORTO AiFOS Relatore: Elena Bonfiglio. BRESCIA, 25 gennaio dalle alle 17.30 RAPPORTO AiFOS 2017 Relatore: Elena Bonfiglio ROMA, mercoledì 6 dicembre 2017 - dalle ore 9.30 alle ore 12.30 BRESCIA, 25 gennaio 2017 - dalle 14.30 alle 17.30 RISORSE UMANE COINVOLTE Destinatari: 2 Campioni

Dettagli

Il progetto regionale di ricerca MACONDO

Il progetto regionale di ricerca MACONDO Il progetto regionale di ricerca MACONDO Valutazione dell'assistenza domiciliare al paziente oncologico, con particolare riferimento al riconoscimento e al controllo del dolore in una rete di assistenza

Dettagli

MASTER IN SELEZIONE, GESTIONE E SVILUPPO DEL PERSONALE

MASTER IN SELEZIONE, GESTIONE E SVILUPPO DEL PERSONALE Organizzazione PERSeO S.r.l. Personale MODULI E ARGOMENTI XXVII EDIZIONE MASTER IN SELEZIONE, GESTIONE E SVILUPPO DEL PERSONALE Edizione 2016 Moduli e argomenti trattati nell area: selezione e valutazione

Dettagli

Relazione di Tirocinio

Relazione di Tirocinio Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale Scienze dell'educazione degli Adulti e della Formazione Continua LM-57 - LM-85 Relazione di Tirocinio PROGETTO

Dettagli

RICERCA INTERVENTO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO IL PROGETTO BENESSERE ORGANIZZATIVO E MANAGEMENT LA RICERCA SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO

RICERCA INTERVENTO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO IL PROGETTO BENESSERE ORGANIZZATIVO E MANAGEMENT LA RICERCA SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO IL PROGETTO BENESSERE ORGANIZZATIVO E MANAGEMENT LA RICERCA SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Le indagini sul benessere organizzativo nelle diverse sedi territoriali di INFN sono state realizzate tra il 2007

Dettagli

Alternanza Scuola - Lavoro

Alternanza Scuola - Lavoro Alternanza Scuola - Lavoro Dentro la Carrara. Professionisti a lavoro Alternanza Scuola - Lavoro (ASL): Dentro la Carrara. Professionisti al lavoro Sintesi del progetto In apertura dell anno scolastico

Dettagli

Accompagnare il cambiamento professionale

Accompagnare il cambiamento professionale Accompagnare il cambiamento professionale Protocollo operativo e azioni di orientamento per il reinserimento lavorativo del personale inidoneo alla mansione specifica di Roma Capitale Eleonora Fiumara

Dettagli

Stress lavoro-correlato: l'esperienza di ricerca dell'inail

Stress lavoro-correlato: l'esperienza di ricerca dell'inail Dipartimento Medicina, Epidemiologia, Igiene del Lavoro e Ambientale Stress lavoro-correlato: l'esperienza di ricerca dell'inail Benedetta Persechino Giornata tecnica Gestire lo stress lavoro-correlato

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno Punto 9 dell O.d.G.: INFORMATIVA SULLE ATTIVITA DI VALUTAZIONE

Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno Punto 9 dell O.d.G.: INFORMATIVA SULLE ATTIVITA DI VALUTAZIONE Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2017 Punto 9 dell O.d.G.: INFORMATIVA SULLE ATTIVITA DI VALUTAZIONE DA DOVE SIAMO PARTITI IL DISEGNO DI VALUTAZIONE DEL PdV OBIETTIVI SPECIFICI PON SCUOLA 14-20

Dettagli

Appendice Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Piccolo_nord3:piccolo nord 8-02-2011 18:27 Pagina 265 Appendice Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro di Simone Tosi e Tommaso Vitale Piccolo_nord3:piccolo nord 8-02-2011 18:27 Pagina 266 Piccolo_nord3:piccolo

Dettagli

Il sistema di valutazione scolastico alla luce della legge 107/2015

Il sistema di valutazione scolastico alla luce della legge 107/2015 Il sistema di valutazione scolastico alla luce della legge 107/2015 Milano, 25 ottobre 2016 Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Maria Rosaria Capuano 1 IL CONTESTO EUROPEO Esigenza sempre più

Dettagli

Cosa ne pensano gli Stakeholder: Highlights dalla Ricerca Assirm. Guendalina Graffigna Direttore Centro Studi Assirm

Cosa ne pensano gli Stakeholder: Highlights dalla Ricerca Assirm. Guendalina Graffigna Direttore Centro Studi Assirm Cosa ne pensano gli Stakeholder: Highlights dalla Ricerca Assirm Guendalina Graffigna Direttore Centro Studi Assirm Gli obiettivi della ricerca A seguito dell esplorazione qualitativa condotta nel 2014,

Dettagli

Le differenze fra la visita ispettiva e la visita valutativa

Le differenze fra la visita ispettiva e la visita valutativa ROMA 24-25-26 novembre 2015 Le differenze fra la visita ispettiva e la visita valutativa Paolo Davoli Valutazione delle scuole: percorsi di formazione/informazione per i Dirigenti Tecnici Progetto Valutazione

Dettagli

A cura di Lorella Baggiani Regione Toscana. con la collaborazione di Francesco Grandi Istituto degli Innocenti

A cura di Lorella Baggiani Regione Toscana. con la collaborazione di Francesco Grandi Istituto degli Innocenti L impegno per le famiglie adottive in Toscana Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola La rete dei servizi e i percorsi a sostegno dei bambini e dei genitori A cura di Lorella

Dettagli

PROFESSIONE DOCENTE: VALORE E RAPPRESENTANZA. Associazione nazionale dirigenti ed alte professionalità della scuola

PROFESSIONE DOCENTE: VALORE E RAPPRESENTANZA. Associazione nazionale dirigenti ed alte professionalità della scuola PROFESSIONE DOCENTE: VALORE E RAPPRESENTANZA Associazione nazionale dirigenti ed alte professionalità della scuola L indagine sui docenti italiani: caratteristiche principali L INDAGINE & IL CAMPIONE L

Dettagli

COMITATO DI AUTOVALUTAZIONE

COMITATO DI AUTOVALUTAZIONE IL PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE DEL PIANO: IL D.S. PROF.SSA FAUSTA GRASSI REFERENTE DEL PIANO: PROF.SSA FRANCESCA DE GAETANO COMITATO DI AUTOVALUTAZIONE Prof.ssa Daniela D'Alia, Prof.ssa Monica

Dettagli

Un Indagine sul Benessere Organizzativo in un Istituto di Credito

Un Indagine sul Benessere Organizzativo in un Istituto di Credito UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Psicologia Generale Promozione del benessere organizzativo e sviluppo di azioni di contrasto dei rischi psicosociali Verona, 11 giugno 2008 Un Indagine

Dettagli

Gli strumenti per l ascolto, l partecipazione e la rilevazione del gradimento

Gli strumenti per l ascolto, l partecipazione e la rilevazione del gradimento Gli strumenti per l ascolto, l la partecipazione e la rilevazione del gradimento Primi dati di un indagine Anna Maria Rosetti - Area Innovazione Sociale Agenzia Sanitaria e Sociale regionale Obiettivi

Dettagli

www.odmconsulting.com Indice Chi siamo 3 Reward & Performance 4 People Development 5 Trust & Engagement 6 Organization Design 7 HR Function Development 8 Research & Innovation 9 I nostri prodotti 10 Chi

Dettagli

apprendimento è come un attaccapanni: se non si trova il gancio a cui appendere il cappotto, questo cade a terra» J. Bruner

apprendimento è come un attaccapanni: se non si trova il gancio a cui appendere il cappotto, questo cade a terra» J. Bruner «L apprendimento è come un attaccapanni: se non si trova il gancio a cui appendere il cappotto, questo cade a terra» J. Bruner Istituto Comprensivo Usini-Uri Sintesi dei risultati dei questionari di autovalutazione

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO DELLE INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALL AVVIO DELLA RIFORMA NELLA SCUOLA PRIMARIA Legge n.53/2003 a.s. 2003/04

PROGETTO DI SVILUPPO DELLE INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALL AVVIO DELLA RIFORMA NELLA SCUOLA PRIMARIA Legge n.53/2003 a.s. 2003/04 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici Area Autonomia - Ufficio X - PROGETTO DI SVILUPPO

Dettagli

Valutazione dei sistemi educativi Prof. Giovanni Arduini

Valutazione dei sistemi educativi Prof. Giovanni Arduini Valutazione dei sistemi educativi Prof. Giovanni Arduini Lezione n.5 Anno Accademico 2015/2016 1 Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2001 per la valutazione della qualità

Dettagli

Il miglioramento scolastico nel sistema Nazionale di Valutazione

Il miglioramento scolastico nel sistema Nazionale di Valutazione Il miglioramento scolastico nel sistema Nazionale di Valutazione Massimo Faggioli Dirigente di ricerca area valutazione e miglioramento Indire - Firenze Caltanisetta, 7 maggio 2015 Due modelli di riferimento

Dettagli

Il viaggio CAF in 9 step

Il viaggio CAF in 9 step Il viaggio CAF in 9 step Di che cosa parleremo: - i punti di attenzione sul processo di AV - le azioni da realizzare - gli strumenti - le caratteristiche di un buon RAV I punti di attenzione sul processo

Dettagli

BARI, 13 FEBBRAIO 2017

BARI, 13 FEBBRAIO 2017 BARI, 13 FEBBRAIO 2017 Condivisione obiettivi delle attività Condivisione esperienze di alternanza realizzate dalle istituzioni formative Presentazione della proposta operativa e dell assistenza tecnica

Dettagli

Formare a riconoscere la complessità Dr.ssa Daniela Villani Psicologa, Ricercatrice

Formare a riconoscere la complessità Dr.ssa Daniela Villani Psicologa, Ricercatrice Formare a riconoscere la complessità Dr.ssa Daniela Villani Psicologa, Ricercatrice Il costo della cura 26/09/11 Riconoscere e prevenire il burnout nelle RSA e nei CDI Bergamp - 14 Novembre 2012 Burnout:

Dettagli

LO STRUMENTO DELL INTERVISTA QUALITATIVA pierpaola.pierucci@unife.it È una conversazione finalizzata ottenere informazioni quanto più dettagliate e approfondite sul tema della ricerca Non è una conversazione

Dettagli

AUDIMOB OSSERVATORIO SULLA MOBILITÀ

AUDIMOB OSSERVATORIO SULLA MOBILITÀ AUDIMOB OSSERVATORIO SULLA MOBILITÀ Cultura, comportamenti, propensioni degli italiani in movimento (secondo anno) Volume I L Osservatorio quantitativo - Rapporto finale - Roma, giugno 2002 INDICE VOLUME

Dettagli

La ricerca scientifica in educazione

La ricerca scientifica in educazione Analisi Qualitativa nei processi di insegnamento apprendimento G. Cappuccio La ricerca scientifica in educazione La ricerca scientifica in educazione tiene conto delle istanze che sono alla base della

Dettagli

Aifos - Convegno di studio e approfondimento: «L efficacia della formazione alla sicurezza»

Aifos - Convegno di studio e approfondimento: «L efficacia della formazione alla sicurezza» Roma, 6 dicembre 2017 Ester Rotoli «Efficacia della formazione e prevenzione: un binomio per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro L esperienza Inail» Aifos - Convegno

Dettagli

Quale formazione? Focus tradizionale. Focus sui risultati

Quale formazione? Focus tradizionale. Focus sui risultati Quale formazione? Focus tradizionale Focus sui fabbisogni formativi (ciò che le persone devono conoscere); l obiettivo è acquisire conoscenze e capacità Orientamento all evento formativo Orientamento a

Dettagli

La formazione degli utenti in biblioteca: il caso di Milano-Bicocca

La formazione degli utenti in biblioteca: il caso di Milano-Bicocca La formazione degli utenti in biblioteca: il caso di Milano-Bicocca Seminario «Imparare a documentarsi in biblioteca: quando cambia la relazione con i documenti» Università di Bologna, 4 dicembre 2012

Dettagli

Il progetto. Valutazione e Miglioramento Dicembre Conferenze di servizio regionali. Bari, Catania, Lamezia Terme, Napoli

Il progetto. Valutazione e Miglioramento Dicembre Conferenze di servizio regionali. Bari, Catania, Lamezia Terme, Napoli Conferenze di servizio regionali Bari, Catania, Lamezia Terme, Napoli 12-16 Dicembre 2011 Il progetto Valutazione e Miglioramento Gruppo di ricerca Valutazione e Miglioramento INVALSI Il progetto Valutazione

Dettagli

La struttura del CAF è illustrata di seguito:

La struttura del CAF è illustrata di seguito: La scuola attua annualmente monitoraggi mirati alla rilevazione dei bisogni e del grado di soddisfazione dell utenza, in merito alle attività realizzate e al contesto in cui opera. I risultati sono oggetto

Dettagli

Progetto sicurezza nei cantieri edili

Progetto sicurezza nei cantieri edili INAIL Sardegna Università degli Studi di Cagliari DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA Progetto sicurezza nei cantieri edili Un approccio sistemico (individuo-gruppo-organizzazione-ambiente) alla prevenzione

Dettagli

PROGETTO DAASI SCUOLA MEDIA MENDRISIO

PROGETTO DAASI SCUOLA MEDIA MENDRISIO PROGETTO DAASI SCUOLA MEDIA MENDRISIO Riforma della scuola media: esperienze, riflessioni e prospettive Bellinzona, 24 agosto 2007 Obiettivi della presentazione Capire meglio la metodologia (d autovalutazione

Dettagli

COMUNICAZIONE E COLLABORAZIONE IN AZIENDA: UNA SFIDA POSSIBILE

COMUNICAZIONE E COLLABORAZIONE IN AZIENDA: UNA SFIDA POSSIBILE COMUNICAZIONE E COLLABORAZIONE IN AZIENDA: UNA SFIDA POSSIBILE DURATA - 16 ore MODALITA collettivo (minimo 6 massimo 12 partecipanti) DESTINATARI - dipendenti di azienda LEZIONI - frontali in aula DOCENTE

Dettagli

CLIL: syllabus di competenze del docente per la scuola primaria. Graziano Serragiotto Università Ca Foscari di Venezia

CLIL: syllabus di competenze del docente per la scuola primaria. Graziano Serragiotto Università Ca Foscari di Venezia CLIL: syllabus di competenze del docente per la scuola primaria Graziano Serragiotto Università Ca Foscari di Venezia Premesse Con l intento di supportare la definizione, allora in corso, del Piano straordinario

Dettagli

Scuola secondaria IC CUNARDO. Cunardo 13 aprile Oggetto: Monitoraggio Piano di Miglioramento

Scuola secondaria IC CUNARDO. Cunardo 13 aprile Oggetto: Monitoraggio Piano di Miglioramento ISTITUTO COMPRENVO STATALE DI CUNARDO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria I grado Via Vaccarossi, 17-21035 Cunardo (VA) Codice Fiscale 93012080128 Tel. 0332 71 65 80 Fax 0332 71 60 58 E-mail vaic823002@istruzione.it

Dettagli

PUNTI SALIENTI DM 850/2015 Compiti dei vari attori

PUNTI SALIENTI DM 850/2015 Compiti dei vari attori PUNTI SALIENTI DM 850/2015 Compiti dei vari attori OBIETTIVI FINALITA Il Dm 850/2015 individua, ai sensi dell articolo 1, comma 118, della Legge, gli obiettivi, le modalità di valutazione del grado di

Dettagli

Valutazione ed Autoanalisi d Istituto A.S. 2010/2011

Valutazione ed Autoanalisi d Istituto A.S. 2010/2011 Valutazione ed Autoanalisi d Istituto A.S. 2010/2011 I.C. Pestalozzi Catania a cura della prof.ssa Elena R.M.C. Piazza Premessa metodologica La valutazione e l autoanalisi d Istituto rappresentano - per

Dettagli

Selezione del disegno di ricerca. Quantitativo e qualitativo

Selezione del disegno di ricerca. Quantitativo e qualitativo Selezione del disegno di ricerca Quantitativo e qualitativo Principali differenze tra ricerca quantitativa e qualitativa Quantitativa Natura della realtà Qualitativa Realtà indagabile con modalità obiettive

Dettagli

Laurea magistrale in MARKETING E RICERCHE DI MERCATO TITOLO: RICERCHE DI MARKETING E INDIVIDUAZIONE DI NUOVI BUSINESS: IL CASO KNAUF ITALIA

Laurea magistrale in MARKETING E RICERCHE DI MERCATO TITOLO: RICERCHE DI MARKETING E INDIVIDUAZIONE DI NUOVI BUSINESS: IL CASO KNAUF ITALIA Dipartimento di Economia e Management Laurea magistrale in MARKETING E RICERCHE DI MERCATO TITOLO: RICERCHE DI MARKETING E INDIVIDUAZIONE DI NUOVI BUSINESS: IL CASO KNAUF ITALIA Relatore: Prof. Alessandro

Dettagli

Il Piano di Miglioramento e le figure coinvolte nella sua progettazione Sara Mori, PhD - Indire

Il Piano di Miglioramento e le figure coinvolte nella sua progettazione Sara Mori, PhD - Indire Il Piano di Miglioramento e le figure coinvolte nella sua progettazione Sara Mori, PhD - Indire Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

STRUMENTI DI VALUTAZIONE. A cura di Emilia Aulicino

STRUMENTI DI VALUTAZIONE. A cura di Emilia Aulicino STRUMENTI DI VALUTAZIONE A cura di Emilia Aulicino Giugno 2005 1 1- LA VALUTAZIONE DELLA DIDATTICA STRUMENTI 1- SCALE DI REAZIONE I materiali utilizzati nel corso sono stati 1. confusi 7 chiari 2. noiosi

Dettagli

LA QUALITA CONTINUA IN SANITA E LA CUSTOMER SATISFACTION OLBIA OTTOBRE 2013

LA QUALITA CONTINUA IN SANITA E LA CUSTOMER SATISFACTION OLBIA OTTOBRE 2013 LA QUALITA CONTINUA IN SANITA E LA CUSTOMER SATISFACTION OLBIA 17-18 OTTOBRE 2013 Obiettivi Fornire le conoscenze delle logiche, dei principi, delle motivazioni alla qualità - Approfondire le conoscenze

Dettagli

Progetto VALES PROGETTO VALES, TRA AUTOVALUTAZIONE E VALUTAZIONE ESTERNA

Progetto VALES PROGETTO VALES, TRA AUTOVALUTAZIONE E VALUTAZIONE ESTERNA Progetto VALES PROGETTO VALES, TRA AUTOVALUTAZIONE E VALUTAZIONE ESTERNA Mario Castoldi novembre 2012 VALUTAZIONE INTERNA ED ESTERNA TRATTI DISTINTIVI: UN CONFRONTO VALUTAZIONE ESTERNA Decentramento punto

Dettagli

L umanizzazione degli spazi di cura

L umanizzazione degli spazi di cura MINISTERO DELLA SALUTE L umanizzazione degli spazi di cura arch. Gianluca Darvo TESIS TESIS Centro Interuniversitario di Ricerca Sistemi e tecnologie per la sanità Università degli Studi di Firenze responsabile

Dettagli

Introduzione. Partecipanti

Introduzione. Partecipanti Report sul questionario di valutazione per Enti e Aziende che hanno ospitato tirocinanti del Corso di Studi in Scienze dell Educazione e della Formazione Introduzione Il Dipartimento di Scienze della Formazione,

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Costruire un sistema duraturo di relazione e di collaborazione tra la scuola e il mondo del lavoro. Attualizzare i saperi alla luce dei

Dettagli

DIARIO DI BORDO DELLO STUDENTE

DIARIO DI BORDO DELLO STUDENTE Tecnico Economico Grafica & comunicazioni Liceo Musicale Istituto Statale "TERRA DI LAVORO " CASERTA www.istitutoterradilavoro.gov.it CEIS03800N@istruzione.it Unione Europea P.O.N. Competenze per lo Sviluppo

Dettagli

Analisi fabbisogni formativi del personale

Analisi fabbisogni formativi del personale Analisi fabbisogni formativi del personale di Elena Camerin EBC Consulting L analisi dei fabbisogni formativi del personale in azienda con il supporto del sistema H1 hrms HR Software http://www.ebcconsulting.com

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PALENA-TORRICELLA ISTRUZIONE INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO. Dir. Scolastico: Prof.ssa VIZZARRI IRENE FRIDA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PALENA-TORRICELLA ISTRUZIONE INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO. Dir. Scolastico: Prof.ssa VIZZARRI IRENE FRIDA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PALENA-TORRICELLA ISTRUZIONE INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO 2016-1-IT02-KA219-024192 Dir. Scolastico: Prof.ssa VIZZARRI IRENE FRIDA REPORT DATI A.S 2017/2018 a cura della

Dettagli

Circolare n. 210 R Verona, 2 3 / 0 1 / All'attenzione DOCENTI. E p.c. ATA

Circolare n. 210 R Verona, 2 3 / 0 1 / All'attenzione DOCENTI. E p.c. ATA Circolare n. 210 R Verona, 2 3 / 0 1 / 2 0 1 8 All'attenzione E p.c. DOCENTI ATA OGGETTO: UNITA FORMATIVA LAVORARE IN RELAZIONE per docenti del Liceo Artistico di Verona e degli istituti del secondo grado

Dettagli

Formatori Sicurezza. Percorso formativo per:

Formatori Sicurezza. Percorso formativo per: Formatori Sicurezza Percorso formativo per: Consulenti, dirigenti, datori di lavoro, responsabili e addetti SPP, professionisti della sicurezza e dell'igiene del lavoro, formatori. INDICE Obiettivi pag.

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO

BENESSERE ORGANIZZATIVO UNIVERSITÀ KORE DI ENNA BENESSERE ORGANIZZATIVO lez. 4 Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì 10-13 c/o Studio 16, piano -1, Plesso di Psicologia!1 D.LGS. 81/08 e modifiche successive

Dettagli

Indice. Introduzione Gli autori. 3 Prima parte La ricerca psicosociale

Indice. Introduzione Gli autori. 3 Prima parte La ricerca psicosociale Indice XI XV Introduzione Gli autori 3 Prima parte La ricerca psicosociale 5 Capitolo 1 La ricerca psicosociale (Mario Cardano) 13 1.1 L elaborazione della domanda di ricerca 14 1.2 La definizione del

Dettagli

U.S.R. per il Veneto - Direzione Generale - Uff. II Referente regionale: Dott.ssa Barbara Bevilacqua 1

U.S.R. per il Veneto - Direzione Generale - Uff. II Referente regionale: Dott.ssa Barbara Bevilacqua 1 Referente regionale: Dott.ssa Barbara Bevilacqua 1 2 INDICAZIONI MINISTERIALI LINEE DI ORIENTAMENTO E AZIONI DI MACROPROGETTAZIONE definizione AMBITI FORMAZIONE DIRIGENTI SCOLASTICI SCUOLE POLO condivisione

Dettagli

USP Torino PRESENTAZIONE MODELLO FORMATIVO

USP Torino PRESENTAZIONE MODELLO FORMATIVO USP Torino PRESENTAZIONE MODELLO FORMATIVO Mario Castoldi novembre 2009 QUALE IDEA DI INSEGNANTE? VERSO UNA PROFESSIONALITA RIFLESSIVA la pratica professionale dei docenti si svolge in situazioni di incertezza,

Dettagli

Il piano di comunicazione

Il piano di comunicazione Un azione comune delle donne nel governo locale. Progetto della Provincia di Milano Il piano di comunicazione 2 incontro Gruppo di Lavoro Comunicazione Milano, 11 gennaio 2006 Cosa è un piano di comunicazione

Dettagli

BEYOND Nuove Culture a Venezia

BEYOND Nuove Culture a Venezia Beyond in cinque punti Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali TAVOLO DI COORDINAMENTO TRA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI E CITTA RISERVATARIE AI SENSI

Dettagli

L'esperienza del Progetto Laboratorio FIASO Sviluppo e tutela del benessere e della salute organizzativa nelle Aziende Sanitarie.

L'esperienza del Progetto Laboratorio FIASO Sviluppo e tutela del benessere e della salute organizzativa nelle Aziende Sanitarie. Economia relazionale e sviluppo del potenziale umano. Quale futuro per gli operatori delle moderne Aziende Sanitarie in epoca di crisi? L'esperienza del Progetto Laboratorio FIASO Sviluppo e tutela del

Dettagli

Servizio di Valutazione Indipendente del POR FESR Emilia-Romagna

Servizio di Valutazione Indipendente del POR FESR Emilia-Romagna Servizio di Valutazione Indipendente del POR FESR Emilia-Romagna 2014-2020 Rapporto Tematico: Agenda digitale Disegno di valutazione Novembre 2018 Committente: Regione Emilia-Romagna Indice 1 Agenda digitale...

Dettagli

Prof. Roberto Melchiori

Prof. Roberto Melchiori CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE Anno Accademico2013/2014 PROGRAMMA DEL CORSO DI Pedagogia sperimentale Prof. Roberto

Dettagli

Il sistema di monitoraggio

Il sistema di monitoraggio Seminario di assistenza tecnica alla gestione del progetti approvati Erasmus+ Azione KA2 Partenariati Strategici Ambito VET Invito 2015 Roma, 20 Novembre 2015 Il sistema di monitoraggio Relatore: Roberta

Dettagli

Introduzione. L evoluzione delle organizzazioni dall inizio del secolo a oggi 3 Il dirigente nei vari tipi di organizzazione 12

Introduzione. L evoluzione delle organizzazioni dall inizio del secolo a oggi 3 Il dirigente nei vari tipi di organizzazione 12 00 Calamandrei romane 16-07-2002 16:26 Pagina V Indice Introduzione XI PARTE PRIMA Il contesto: l ambiente organizzativo, la legislazione, i modelli 1 organizzativi CAPITOLO 1 Generalità sulle organizzazioni,

Dettagli

La Formazione in ingresso dei docenti

La Formazione in ingresso dei docenti La Formazione in ingresso dei docenti Bergamo, 17 novembre 2015 Delia Campanelli Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale 1 Il contesto attuale Complessità crescente e rapidità di cambiamento

Dettagli

Tutor in un contesto in evoluzione

Tutor in un contesto in evoluzione Università di Bologna - Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Alta Formazione IL TUTOR CLINICO NELL ORGANIZZAZIONE SANITARIA Dossier 174-2009 I Tutor per la formazione nel servizio sanitario regionale

Dettagli

Aggiornamento della Valutazione Intermedia del POR BASILICATA

Aggiornamento della Valutazione Intermedia del POR BASILICATA Aggiornamento della Valutazione Intermedia del POR BASILICATA Comitato di Sorveglianza delle forme di intervento comunitario in Basilicata Potenza, 13 Luglio 2005 Regione Basilicata Indice Ambiti di valutazione

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA (STATISTICA)

METODOLOGIA DELLA RICERCA (STATISTICA) METODOLOGIA DELLA RICERCA (STATISTICA) Metodologia della ricerca statistica Il metodo (dal greco meta, attraverso e odos, strada ) è una maniera sistematica per ottenere qualcosa. Il metodo della scienza

Dettagli

Fattori di rischio e di protezione specifici per la salute psicofisica degli insegnanti. Firenze, 27 febbraio 2018

Fattori di rischio e di protezione specifici per la salute psicofisica degli insegnanti. Firenze, 27 febbraio 2018 Fattori di rischio e di protezione specifici per la salute psicofisica degli insegnanti Firenze, 27 febbraio 2018 BURNOUT Rischio specifico per gli insegnanti STRESS LAVORO CORRELATO Per approfondimenti

Dettagli

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO PROJECT WORK Macroprogettazione

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO PROJECT WORK Macroprogettazione TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO PROJECT WORK Macroprogettazione Premessa Negli ultimi anni è venuta a maturazione l idea che la professionalità docente non può essere valutata soltanto sulla base di prove meramente

Dettagli

COMPANY PROFILE. Il benessere nelle organizzazioni

COMPANY PROFILE. Il benessere nelle organizzazioni COMPANY PROFILE Il benessere nelle organizzazioni RICERCA E SELEZIONE DI PERSONALE / EXECUTIVE SEARCH La nostra metodologia prevede un approfondito processo di selezione, la presentazione di una rosa di

Dettagli

L esperienza Isfol nel progetto di inserimento lavorativo degli utenti con disturbo psichico Pro.P. Amedeo Spagnolo

L esperienza Isfol nel progetto di inserimento lavorativo degli utenti con disturbo psichico Pro.P. Amedeo Spagnolo L esperienza Isfol nel progetto di inserimento lavorativo degli utenti con disturbo psichico Pro.P Amedeo Spagnolo IL PROGRAMMA PRO.P Il Programma per il sostegno e lo sviluppo dei percorsi integrati di

Dettagli