TERMODINAMICA. Termodinamica pag 1 Adolfo Scimone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TERMODINAMICA. Termodinamica pag 1 Adolfo Scimone"

Transcript

1 ermodiamica ag dolfo Scimoe ERMODINMIC Lo studio del comortameto fisico di u sistema, qualuque sia la sua atura, uò essere codotto seguedo due diverse descrizioi : a) uto di vista macroscoico : Si guarda il sistema ella sua globalità seza fare alcua iotesi sulla sua struttura, teedo coto uicamete delle rorietà e dei caratteri del sistema suggeritaci dai ostri sesi, ovvero idividuado lo stato fisico mediate gradezze misurabili (coordiate macroscoiche) la cui scelta sarà suggerita dall'osservazioe diretta ; b) uto di vista microscoico : Si cosidera la struttura molecolare del sistema e si fao di volta i volta delle oortue iotesi. Lo stato fisico sarà idividuato mediate gradezze (coordiate microscoiche), o direttamete misurabili, stabilite dietro cosiderazioi uramete teoriche che o semre garatiscoo risultati esatti e che dovrao essere, di volta i volta, verificati serimetalmete. Data la moltelicità delle articelle, tale studio sarà ecessariamete statistico. Per u sistema qualuque, le coordiate ossoo essere estere o itere al sistema stesso. Nei sistemi termodiamici, oiché tali gradezze devoo caratterizzare il comortameto itero del coro, soo ecessariamete itere. I geerale soo suggerite dagli eserimeti che si voglioo fare sul sistema i modo che siao sufficieti a determiare il comortameto del coro. Seguedo il uto di vista macroscoico, tali coordiate sarao ressioe, volume e temeratura, metre, come si è detto, da u uto di vista microscoico si sceglierao di volta i volta. La temeratura Cosideriamo ora ua di queste coordiate, la temeratura che, essedo coordiata macroscoica, è ercettibile dai ostri sesi co ua certa arossimazioe ed etro determiati limiti. Il tatto è il mezzo emirico iù semlice er distiguere diverse sesazioi termiche che risultao ertato essere soggettive e quidi o utili ai fii della scieza. ale caacità soggettiva e quidi qualitativa sollecita il seso idividuale della temeratura ; ivece a oi serve u mezzo di valutazioe oggettivo e quatitativo.

2 ermodiamica ag dolfo Scimoe Diremo che due cori e B soo tra loro i equilibrio termico quado, messi a cotatto, doo u certo eriodo di temo dao origie alla stessa sesazioe termica. Da ciò ossiamo dire : "se e B soo i equilibrio termico co u terzo coro C (termometro) allora lo soo tra di loro" I simboli B C segue B Questa rorietà rede il ome di riciio zero della termodiamica. Itrodotto il cocetto di temeratura, vediamo i quale modo si ossa erveire alla determiazioe della sua misura. tal fie soo stati costruiti dei disositivi che redoo il ome di termometri e che fruttao articolari rorietà della sostaza termometrica usata (es. : volume, ressioe). ali rorietà, er lo scoo ratico a cui attede il termometro, devoo essere fuzioi regolari della temeratura. La sostaza termometrica viee scelta, di volta i volta, i relazioe all'itervallo di temeratura etro il quale si lavorerà e della recisioe che si vuole raggiugere. Data la varietà dei termometri che si ossoo usare, er avere u criterio di cofroto, fissiamo u uto i corrisodeza del quale tutti i termometri segio la stessa temeratura. Come uto fisso si sceglie il uto trilo dell'acqua, quel valore della temeratura che fa coesistere i tre stati fisici dell'acqua. Questo uto è uico, i quato si uò otteere ad ua determiata ressioe. tale uto viee associata la temeratura di 73,6 K. Il calore bbiamo costatato che, oedo i cotatto termico due sistemi a temerature diverse, co <, essi doo u certo itervallo di temo raggiugoo ua temeratura itermedia fra le due tale che < <. Iterretiamo questo feomeo dicedo che fra i due sistemi vi è stato lo scambio di < u qualcosa > che chiamiamo calore e di cui vogliamo defiire la atura. Doo lughi studi si è arrivati alla coclusioe che il calore è ua forma di eergia dovuta al movimeto delle molecole costitueti i cori (eergia cietica molecolare). No è ossibile la determiazioe, i valore assoluto, della quatità di calore coteuta i u coro, erò risulta sufficiete determiare le sue variazioi i corrisodeza di due stati oti. Per essere iù recisi, u'uità di calore è defiita come la quatità di calore ecessaria er rodurre u cambiameto camioe. L'uità di calore Kcal., scelta i modo da soddisfare il riciio di ivariabilità e riroducibilità, è la quatità di calore er elevare la temeratura di u Kg di acqua distillata da 4,5 C a 5,5 C. Cosiderati due stati qualsiasi di u sistema, defiiamo caacità termica C, il raorto tra la variazioe della quatità di calore Q e la corrisodete variazioe di temeratura :

3 ermodiamica ag 3 dolfo Scimoe Q C La caacità termica dell'uità di massa rede il ome di calore secifico c e sarà C c Q m m Poiché C e c variao al variare dell'itervallo di temeratura, er itervalli ifiitesimi avremo : dq c m d da cui si ottiee Q cd Poiché elle trasformazioi termodiamiche itervegoo semre variazioi di calore i relazioe al lavoro comiuto, sorge sotaea l'idea di stabilire la relazioe quatitativa fra le due forme di eergia. Si ottiee, etro i cosueti limiti di arossimazioe, che er rodurre ua quatità di calore di ua Kcal, occorre il lavoro di 4.86 Joule ed essedo Kg m uguale a 9,8 Joule, il lavoro di 47 Kgm. Duque il raorto fra il lavoro L seso ed il calore Q rodotto sarà costate, L Q J (costate) dove J 486 Joule/Kcal 47Kgm/Kcal è detto equivalete meccaico della caloria, metre il suo iverso Q E L J è chiamato equivalete termico dell'uità di lavoro co E 0,0004 cal/joule /47 Kcal/Kgm. bbiamo visto che lo stato di u sistema termodiamico, è idividuato, i coordiate macroscoiche, da tre gradezze,, che o soo tra loro idiedeti, ma risultao legate dalla relazioe la cui forma geerale è f (,, ) 0 detta equazioe di stato, i guisa che, fissate ad esemio e, la terza gradezza, vale a dire risulta uivocamete determiata. edremo i seguito come, i determiati casi, tale fuzioe ossa assumere forme articolari. ra gli stati termodiamici di u sistema hao articolare imortaza gli stati di equilibrio che hao la rorietà di rimaere ialterati se o cambiao le codizioi estere. Ua qualsiasi trasformazioe termodiamica è semre ua successioe cotiua di stati itermedi, quado tali stati differiscoo er quatità ifiitesime da stati di equilibrio, la trasformazioe si dice reversibile. Nella ratica, er realizzare questo tio di trasformazioi, bisoga agire sul sistema i modo tale che le sue codizioi itere variio molto letamete, così che gli stati itermedi si ossoo rirodurre el riortarlo allo stato iiziale. Rirediamo la f (,, ) 0 e vediamo la forma che essa assume el caso di u gas erfetto. Si trova serimetalmete che tutti i gas si comortao essezialmete allo stesso modo se le loro

4 ermodiamica ag 4 dolfo Scimoe desità o soo troo elevate. Cioè le temerature o soo troo basse e le ressioi troo alte ; tutti i gas reali mostrao lo stesso, semlice comortameto. Ciò suggerisce il cocetto di gas ideale o erfetto, gas che avrà questo semlice comortameto sotto tutte le codizioi. Riassumedo : Defiiamo gas erfetti, quei gas che godoo delle segueti rorietà : ) le molecole di cui soo costituiti devoo essere iccolissime così da avere volume trascurabile ; ) la forza di coesioe delle molecole deve essere ulla. I ratica o esiste alcu gas che ossegga tali rorietà ed i gas quali si resetao i atura si dicoo gas reali. I gas reali si avviciao al comortameto del gas erfetto quado la loro ressioe è tato bassa che il volume totale delle molecole è trascurabile risetto al volume del reciiete coteete il gas e le forze di attrazioe tra le molecole, essedo esse lotae le ue dalle altre, soo trascurabili ; la loro temeratura è così elevata che il movimeto delle molecole è tato veloce che esse o risetoo dell'attrazioe esercitata dalle altre molecole. Suoiamo ora che u gas erfetto occui a 0 C ed a ressioe 0, il volume 0. t C otrà occuare sia il volume ( + α 0 t ) co la ressioe 0, sia il volume 0 co la ressioe ( 0 + β t ). Secodo la legge di Boyle, quale che sia il valore di t, deve essere : ( + α 0 0 t ) ( + β t) 0 0 da cui si ricava α β Ora, sia il volume del gas alla temeratura t e ressioe. Si ha ( α t ) essedo er u gas erfetto α otteiamo 736, 0 0( + t) 736, er cui, essedo 73,6 + t otteiamo , Essedo il raorto 0 0 costate er tutti i gas, idicadolo co R avremo 736, R formula che risulta valida er ua mole di gas ideale, er moli si ha R m dove M co m massa del gas i grammi M eso molecolare del gas.

5 ermodiamica ag 5 dolfo Scimoe Cosideriamo ora u coro coteuto i u reciiete cilidrico dotato di u istoe mobile di area S alla sua estremità. Sia la ressioe che il coro esercita cotro le areti del reciiete ; la forza esercitata dal coro sul istoe sarà S. Sostado il istoe di u tratto ifiitesimo dh, si comie u lavoro ifiitesimo dl Sdh i quato lo sostameto è arallelo alla forza. Ma, essedo Sdh d otteiamo dl d Per ua trasformazioe fiita, il lavoro fatto dal sistema è B L d Nel caso che gli stati, iiziale e fiale, coicidoo, la trasformazioe è detta ciclica ed il lavoro fatto durate la trasformazioe, i u diagramma di Claeyro sarà dato dall'area del ciclo corrisodete. IL PRIMO PRINCIPIO DELL ERMODINMIC causa della costituzioe della materia, ad ogi stato fisico di u coro corrisode ua certa eergia itera U, che diede dal movimeto e dalle forze di aggregazioe delle articelle costitueti il coro stesso. Questa eergia si uò riteere fodametalmete formata da due arti : ua di tio oteziale er quato si riferisce alle azioi diedeti dalla osizioe delle articelle, l'altra di tio cietico, er quato riguarda il movimeto. mmettiamo, che le molecole costitueti i cori, i virtù della loro osizioe e del movimeto, siao dotate di eergia ; aalogamete er gli atomi i seo alla molecola, e er le altre articelle ell'atomo. L'isieme di queste eergie, cosiderado ache altre forme, oltre quelle citate, costituisce l'eergia itera, e er u dato coro diede esclusivamete dalla atura della sostaza e dallo stato fisico. Ifatti, er u dato coro, e er u dato stato di equilibrio, sia la temeratura che le mutue forze di aggregazioe debboo coservare il medesimo valore. Il valore assoluto dell'eergia itera, i u dato stato, o uò essere coosciuto co i mezzi termodiamici, i quato dovrebbe essere misurata a artire dallo stato della materia comletamete ierte. Si è riscotrato, i armoia co la formula di Eistei, che u grammo massa di materia, allo stato di rioso, ossiede u'eergia itera totale che corrisode a circa 5 milioi di Kilowattora. Si ha er m gr massa 3 6 E 9 0 J 5 0 Kwh

6 ermodiamica ag 6 dolfo Scimoe Di questa eergia, erò, solo ua arte iccolissima etra i gioco elle comui trasformazioi, ove l'atomo o è itaccato ; metre i tutti quei feomei che iteressao il ucleo atomico essa uò rivelarsi i gradissima quatità. Per quato cocere le comui alicazioi termodiamiche, si cosidera geeralmete la sola eergia itera molecolare. Come abbiamo già detto, o abbiamo la ossibilità di cooscere l'eergia itera i valore assoluto, dobbiamo erò ammettere che essa sia ua fuzioe di stato, diede soltato dallo stato del coro cosiderato, ertato, er uo stesso coro, e er uo stesso stato, l'eergia itera rirede semre u ugual valore, qualuque sia la trasformazioe che ha riortato il coro elle medesime codizioi fisiche. D'altra arte, i ratica, o imorta cooscere i valori assoluti dell'eergia itera, ma è sufficiete oter misurare le sue variazioi i corrisodeza di due stati. Queste variazioi otrao derivare da addizioe e sottrazioe di calore, da trasformazioi di eergia itera i lavoro o di lavoro i eergia itera. Se vi soo delle forze estere che agiscoo sul sistema sarà U UB e se idichiamo co L il lavoro comiuto dalle forze estere durate ua trasformazioe dallo stato iiziale, allo stato B fiale, (viceversa chiamiamo + L il lavoro comiuto dal sistema). licado il riciio di coservazioe de4ll'eergia avremo UB U L dalla quale si vede chiaramete che il lavoro L o diede dal articolare modo co cui è stata comiuta la trasformazioe, ma solo dagli estremi e B. Possiamo scegliere (i modo emirico) uo stato O del sistema e orre U 0 0 defiedo questo stato, "stato di riferimeto". Per cui er far assare il sistema dallo stato O allo stato, esso avrà eergia U defiita da U L Per ua trasformazioe qualuque ossiamo assare dallo stato allo stato di riferimeto e oi dallo stato O a quello B. vremo allora che il sistema comie i lavori L e L B, er cui il lavoro totale sarà L + L B L dove, come si è visto er lo stato a si avrà U B LB, er cui i defiitiva avremo UB U LB + L UB U L La defiizioe di eergia data da U L o è uivoca, ma diede dalla articolare scelta del sistema di riferimeto O. Se scegliamo u altro sistema O' otteiamo u valore U ' U che, come vedremo differisce da U er ua costate ; ifatti ossiamo cosiderare due trasformazioi, ua che va da O' ad O e l'altra da O ad, er cui avremo (O' O'O + O)

7 ermodiamica ag 7 dolfo Scimoe L' LO ' O + L essedo U L U ' L' otteiamo U U' LO' O Dalla quale si vede che le due eergie differiscoo er ua costate Poiché i ratica, abbiamo solo differeze di eergie, tale costate scomare. Come abbiamo visto, la relazioe U + L 0 vale er u sistema termicamete isolato. rescidere da evetuali variazioi di carattere chimico, magetico o elettrico, quado ad u coro si forisce ua quatità di calore Q, si verificherà, geeralmete u aumeto di temeratura e di volume, ua variazioe di eergia itera, ed u lavoro itero ed estero er effetto della dilatazioe Il coro, ifatti, oltre ad aumetare la roria eergia itera, er effetto di ua certa quatità di calore i esso immagazziata, dovrà comiere u lavoro estero cotro le forze estere su esso ageti. i è ache da cosiderare u iccolo lavoro itero comiuto cotro le forze di coesioe, ma questo geeralmete si trascura. Per quato detto e el caso i cui il calore addotto si trasformi i altro tio di eergia, se δ Q è la quatità ifiitesima di calore acquistata dal coro i u istate della trasformazioe, si dovrà avere, er il riciio di coservazioe dell'eergia δ Q du + δ L Questa relazioe rareseta l'equazioe fodametale della termodiamica o rima equazioe, o equazioe della equivaleza i termii ifiitesimi. Se il lavoro estero è associato a variazioe di volume, avremo δ L d e quidi δ Q du + d Questa equazioe, esressa i termii fiiti Q L + U costituisce l'euciato del Primo riciio della termodiamica : Per u sistema i quiete macroscoica la quatità di calore scambiata co l'estero uguaglia la somma del lavoro comiuto e della corrisodete variazioe di eergia itera. I altri termii il riciio della termodiamica afferma che se ad u sistema viee ceduto calore allo scoo di fargli comiere lavoro, o tutto il calore forisce lavoro, ma ua arte va i aumeto dell'eergia itera del sistema : Per esemio, se vogliamo rovocare il moto di u cilidro coteete u gas, riscaldiamo il cilidro, ma ua arte del calore ceduto al gas roduce lavoro ialzado il istoe, metre la restate arte roduce u aumeto di eergia itera, che ci aare come aumeto di temeratura del gas.

8 ermodiamica ag 8 dolfo Scimoe PPLICZIONI DEL PRIMO PRINCIPIO DELL ERMODINMIC Cosideriamo ua trasformazioe ifiitesima del ostro sistema ed alichiamo ad essa il rimo riciio della termodiamica i forma ifiitesima du + δ L δ Q du + d δ Q () se UU(, ), differeziado la U otteiamo U U du d d + Sostituedo il valore di du ella () avremo U U d + + d δ Q Se ivece UU(, ), avremo U U du d d + ioltre d d + d Sostituedo ella () avremo U U d + d + d + d δ Q U U + d δ Q + + Ifie se UU(, ), si ha U U du d d + e quidi U U d + + d δ Q Se cosideriamo ua trasformazioe a volume costate, dalla U U d + + d δ Q essedo c il calore secifico a volume costate, avremo d 0 er cui

9 ermodiamica ag 9 dolfo Scimoe δ Q U d Q Essedo c δ si ha c d U Dalla U U + d + + si ricava il valore a ressioe costate Q cp δ U + d δ Q Dall'eserieza di Joule, la U è fuzioe della temeratura er cui si ha U U () U e quidi, er u gas erfetto e er ua mole di gas, l'esressioe c c d U d Il rimo riciio delle termodiamica du + d δ Q diviee c d + d δ Q () Differeziado la R otteiamo d + d Rd da cui d Rd d sostituedo ella equazioe () otteiamo c d + Rd d δ Q Per ua trasformazioe a ressioe costate d 0 e quidi ( c + R) d δ Q da cui, si ha Q cp δ c R d + c c + R diviee

10 ermodiamica ag 0 dolfo Scimoe RSFORMZIONI POLIROPICHE Soo quelle trasformazioi che hao er equazioe cos t dove è u esoete qualsiasi, che matiee il medesimo valore er ogi uto della trasformazioe cosiderata. Di solito vegoo cosiderate le trasformazioi co ositivo, raresetate el iao da ierboli di grado, che rivolgoo la covessità verso l'origie degli assi, aveti gli stessi er asitoti. P P cost M 0 0M α α B 0 O Cosideriamo ua olitroica B di equazioe cos t e sia lo stato iiziale idividuato da (, ) e B lo stato fiale idividuato da (, ). Sia M u uto geerico, idividuato da (, ). Si avrà : cos t da cui er cui le ressioi di due stati, aarteeti alla medesima trasformazioe, risultao iversamete roorzioali ai risettivi volumi (secifici o totali), si ha ache La edeza della curva decresce al variare della ressioe e co l'aumetare del volume, l'agolo α formato co l'asse delle ascisse dalla tagete alla curva, comreso fra 90 e 0, aumeta al crescere del volume, co > 0.

11 ermodiamica ag dolfo Scimoe Quidi, aumetado il volume al dimiuire della ressioe, il coefficiete agolare della tagete alla curva dimiuisce i valore assoluto, metre aumeta i valore relativo, erciò dimiuisce la edeza. Per e 0 la curva diviee tagete all'asse delle ascisse (α 80 ;tg α 0 ) metre solo er 0 e la curva risulta tagete all'asse delle ordiate (α 90 ;tg α ). Cosideriamo due esasioi olitroiche di esoete diverso, che artoo da u comue stato iiziale (, ), ercorriamo le due curve di esoeti ed ' el seso dell'aumeto dei volumi, e suoiamo di raggiugere i etrambi u uguale volume ' B' B) c B') ' c' B 0 B 0 Le ressioi ei due uti B e B', di uguale volume, soo diverse, siao e ' risettivamete. Per gli stati e B si avrà metre er gli stati e B' si ha ' ' Facedo il raorto fra le due relazioi avremo : ' ' vedo cosiderato esasioi sarà > e quidi > ' < < secodo che ' > > e quidi (co > 0 ed ' > 0) Segue che la curva olitroica co esoete miore si svolge i esasioe al di sora di quella co esoete maggiore ; vale il viceversa el caso di comressioe.

12 ermodiamica ag dolfo Scimoe Per u uto del iao (, ) asserao ifiite curve di trasformazioe, tutte erò di legge differete, i quato due trasformazioi della stessa famiglia, co uguale esoete, o otrao avere uti i comue. P cost 0 0 < < cost < < Si resetao i segueti casi articolari : 0 er 0; cos t; cos t ( isobara) er ; cos t; ( ierbole equilatera) Scrivedo la ella forma cos t si avrà : er ; cos t; cos t ( isocora) er cui, al crescere di, la curva olitroica diviee iù riida. Dall'orizzotale, er 0 si assa alla verticale er. Si ota che, er u gas che si esade, si assa dal massimo lavoro er l'isobara, al lavoro ullo er l'isocora assado er tutti gli stati itermedi. Risultati oosti si ottegoo er comressioi olitroiche. Il lavoro estero, lugo ua olitroica co esoete, è dato da : L d co o er cui L d d + + e quidi L Moltilicado e dividedo er avremo

13 ermodiamica ag 3 dolfo Scimoe L () Essedo i volumi iversamete roorzioali alle ressioi elevate all'esoete si ha e quidi L Cioè L () L'esressioe si uò scrivere : alicado la rorietà fodametale dei raorti fra oteze aveti la stessa base otteiamo : : Sostituedo ella () avremo L Questa relazioe ci ermette di calcolare il lavoro quado siao ote le codizioi iiziali e la sola ressioe fiale. Cosideriamo la relazioe () L essedo le ressioi iversamete roorzioali ai volumi a meo dell'esoete si ha e quidi

14 ermodiamica ag 4 dolfo Scimoe L (otteuta cosiderado la rorietà fodametale dei raorti), si ha quidi L Cosiderado l'esressioe L d essedo R R avremo R R R L ( ) licado il rimo riciio della termodiamica alle olitroiche avremo c d + d δ Q Itegrado avremo c d + d Q c ( R ) Q ( ) quidi R c ( ) Q Idicado co c il calore secifico che comete alla olitroica, semre ell'iotesi di calori secifici costati, avremo c R c e quidi Q ( ) CLCOLO DELL'ESPONENE DI UN POLIROPIC Dati due stati oti di ua olitroica, ossiamo determiare l'esoete ricorredo al calcolo logaritmico. Dalla si ha l + l l + l

15 ermodiamica ag 5 dolfo Scimoe (l l ) l l l l l l l l l l ei casi articolari si ha 0 er (isobara) ; er (isoterma) (isocora) ; er RSFORMZIONE OLUME COSNE Si abbia ua mole di gas racchiuso i u reciiete a areti rigide iestesibili, e siao,, le caratteristiche dello stato raresetato el iao, dal uto. B(,, ) (,., ) Sommiistrado ua certa quatità di calore Q, il gas comirà ua trasformazioe isocora fio a raggiugere lo stato B. Dal rimo riciio della termodiamica er ua trasformazioe ifiitesima avremo du + d δ Q ed essedo cost ; d 0 er cui du δq tutto il calore va ad aumetare l'eergia itera. Essedo du c d avremo δ Q c d du ermod4- itegrado otteiamo Q c ( ) U U Dall'equazioe di stato dei gas erfetti P R segue

16 ermodiamica ag 6 dolfo Scimoe R R da cui R R essedo avremo Q c R R ( ) Q c R U U llo stesso risultato si erviee cosiderado l'equazioe ( c + R) d d dq Ifatti itegrado si ha ( c + R)( ) ( ) Q Q c ( ) + R( ) ( ) essedo P R avremo Q c R R ( ) + / ( ) ( ) / Q c ( R ) U U Per cui, i ua trasformazioe isocora tutto il calore sommiistrato al gas viee immagazziato sotto forma di eergia cietica molecolare. Da ciò deriva u icremeto della temeratura e della ressioe. RSFORMZIONE PRESSIONE COSNE U gas, libero di dilatarsi segue ua trasformazioe isobara quado, er effetto di scambi di calore, varia il rorio volume i modo che la sua ressioe si matega i equilibrio risetto alla ressioe estera costate. cost B

17 ermodiamica ag 7 dolfo Scimoe 0 B 0 Nelle codizioi iiziali, la mole di gas cosiderata si trovi ello stato, di coordiate,, e doo la sommiistrazioe di calore Q assi allo stato B di coordiate,,, essedo 0cos t. licado ai due stati l'equazioe caratteristica si ha R R dividedo membro a membro otteiamo R R ressioe costate i volumi soo direttamete roorzioali alle corrisodeti temerature assolute. Dal rimo riciio della termodiamica du + d δ Q dove du c d avremo c d + d δ Q differeziado l'equazioe caratteristica P R otteiamo d + d Rd sostituedo avremo c d + Rd δ Q essedo cost d 0 d 0 ( c + R) d dq ermod4-4 ( c + c c ) d dq dq c d c ( ) Q Si ha ache, dalla δ Q du + d che Q U + dalla quale si vede che il calore, oltre a determiare ua variazioe di eergia itera forisce ache u lavoro estero.

18 ermodiamica ag 8 dolfo Scimoe RSFORMZIONE EMPERUR COSNE Ua trasformazioe a temeratura costate segue la legge di Boyle. Per oter realizzare ua trasformazioe isoterma è ecessario che il coro evolvete resti i cotiuo cotatto co ua sorgete di calore. Sorgeti di calore o termostati soo quei cori che mategoo costate la roria temeratura, ur scambiado calore co altri cori. ali soo ad esemio, i cori i fusioe o i vaorizzazioe, o i cori di grade massa come il mare, l'atmosfera, ecc.. cost cost B Suoiamo di avere ua mole di gas ello stato di caratteristiche,, che segua ua trasformazioe isoterma fio a raggiugere lo stato B di caratteristiche,,, dove cos t La curva B ha equazioe R cos t da cui Quidi, a temeratura costate, le ressioi soo iversamete roorzioali ai corrisodeti volumi. Dall'equazioe du + d δ Q o meglio c d + d δ Q segue, essedo cost, d 0, d δ Q er cui itegrado

19 ermodiamica ag 9 dolfo Scimoe Q ( ) Quidi, i ua trasformazioe isoterma di u gas erfetto, tutto il calore sommiistrato si coverte i lavoro estero, metre resta costate l'eergia itera du 0 U U U cos t Per il calcolo del lavoro estero, ricordado l'equazioe di stato R si ha R e quidi d L d R R l L l RSFORMZIONE DIBIC Si abbia ua mole di gas coteuto i u cilidro a areti erfettamete coibeti, tale, che sia imedito qualsiasi scambio di calore tra il fluido evolvete e l'ambiete. Ioltre, siao ulle tutte le cause di attrito. Cosideriamo, quidi, l'equazioe adiabatica dello stato di caratteristiche di caratteristiche,,,, a quello B dq 0 cost B

20 ermodiamica ag 0 dolfo Scimoe I ogi istate sarà δ Q 0 e erciò l'equazioe c d d Q + δ diviee c d + d 0 c d R d + 0 c d R d Nell'iotesi di calori secifici costati, itegrado fra due stati fisici, si ha d d c R R d c l R l essedo R cp c si ha c l ( cp c )l c c c c P l l c cp idicado si ha c cp c cp c c si ha l ( )l che si uò scrivere cos t er cui cos t

21 ermodiamica ag dolfo Scimoe Essedo R si ha R e quidi R cos t cos t e si ricava l'equazioe di Poisso er l'adiabatica di u gas erfetto, co calori secifico costati e cp corrisode ad ua olitroica di esoete. c Si hao ertato le due equazioi cos t cos t le temerature assolute soo iversamete roorzioali ai volumi elevati all'esoete, metre le ressioi soo iversamete roorzioali all'esoete. Dalle si ha essedo otteiamo e

22 ermodiamica ag dolfo Scimoe da cui cost er cui le temerature assolute risultao direttamete roorzioali alle corrisodeti ressioi elevate all'esoete. Rieilogado, si hao le segueti imortati rorietà : i) Le ressioi risultao iversamete roorzioali ai corrisodeti volumi, elevati all'esoete, e, viceversa, i volumi risultao iversamete roorzioali alle ressioi elevate all'esoete. ii) le temerature assolute soo iversamete roorzioali ai corrisodeti volumi elevati all'esoete - oure i volumi soo iversamete roorzioali alle temerature assolute elevate all'esoete iii) le temerature assolute soo direttamete roorzioali alle corrisodeti ressioi, elevate all'esoete, le ressioi soo direttamete roorzioali alle temerature assolute elevate all'esoete Per cui avremo : Cosideriamo l'esressioe Q R c. ( ) e

23 ermodiamica ag 3 dolfo Scimoe el caso di ua trasformazioe adiabatica, essedo Q 0 e ( ) R c c 0 c ( ) R 0 dove c c c + c 0 c c c c si ha 0 Risulta ertato, che, ell'adiabatica di u gas erfetto, l'esoete è uguale al raorto fra i calori secifici fodametali (equazioe di Poisso) e quidi l'adiabatica è ua articolare olitroica co. CLORE SPECIFICO PER UN POLIROPIC La determiazioe del calore secifico relativo ad ua olitroica di u gas erfetto, o reseta grade iteresse, tuttavia ossiamo ricavare il suo valore i fuzioe dell'esoete e dei calori secifici fodametali ell'iotesi di calori secifici costati. c P c R c R c c c c c c c c c c ( ) P + P Si ha che, er 0 < < e er > il calore secifico c risulta semre ositivo, ivece, er < <, er le olitroiche comrese fra l'isoterma e l'adiabatica, risulta egativo. Come casi articolari si ha : er 0 c c c (isobara) er c c (isoterma) er c c 0 0 (adiabatica) er c c c (isocora). IL SECONDO PRINCIPIO DELL ERMODINMIC Uo dei roblemi iù iteressati er i fisici è stato er lugo temo quello di oter realizzare ua macchia caace di creare eergia dal ulla, di rodurre sotto forma di lavoro meccaico

24 ermodiamica ag 4 dolfo Scimoe iù eergia di quata e riceva sotto forma di calore. ale macchia sarebbe ua macchia eretua di rima secie. Il rimo riciio della termodiamica vieta l'esisteza di ua siffatta macchia, azi vieta la ossibilità di trasformare comletamete i lavoro il calore ricevuto da u sistema a meo che o si alteri lo stato del sistema. Ifatti, erché ua macchia ossa fuzioare, deve lavorare i modo ciclico, rirededo alla fie di ogi ciclo la medesima cofigurazioe iiziale, dovrà essere U 0 Poiché U è ua fuzioe di stato, si avrà ache L Q j j dove Q j soo le quatità di calore scambiate dal sistema durate il ciclo ed L il lavoro comiuto i u ciclo. Poiché lugo u ciclo le quatità di calore soo i arte ositive (assorbite) ed i arte egative (cedute) sarà L Qass Qced e quidi L o otrà mai essere uguale a Q ass come ci si asetterebbe i ua macchia eretua. Per quato detto è imossibile otteere il moto eretuo di rima secie. L'eserieza dimostra che è semre ossibile trasformare comletamete lavoro i calore, e ciò avviee ricialmete er il maifestarsi di feomei di attrito. Molti soo gli esemi che cofermao questo fatto. Nel muliello di Joule il lavoro rodotto dal eso che scede lo si ritrova iteramete sotto forma di calore liberato ell'acqua dal moto delle alette ; se si lacia su ua suerficie scabra u oggetto, questi, doo u certo temo, si ferma, la sua eergia cietica si trasforma i calore er attrito. Iteressate è il rocesso iverso, la trasformazioe di ua data quatità di calore i lavoro meccaico utile : Il rimo riciio, come si è visto, ega la ossibilità di costruire ua macchia caace di trasformare comletamete calore i lavoro, il secodo riciio della termodiamica recisa ivece quali soo i limiti etro i quali è ossibile la arziale trasformazioe di calore i lavoro doo aver itrodotto il cocetto di redimeto di ua macchia, er cui : Def. - Defiiamo macchia termica u disositivo che, oerado ciclicamete, sia i grado di rodurre lavoro oerado u a seri di scambi di calore co u certo umero di sorgeti. Elemeti fodametali di ua macchia termica soo la sostaza che esegue il ciclo e le sorgeti co cui avvegoo gli scambi di calore. Se Q è la quatità di calore comlessivamete assorbita dalla macchia i u ciclo e Q quella ceduta, il lavoro sarà dato, i u ciclo, da : L Q Q Producedo la macchia lavoro utile, dovrà essere L > 0. La qualità di ua macchia termica è legata al redimeto η defiito come raorto fra la quatità di lavoro L rodotto i u ciclo e la quatità di calore assorbita durate il ciclo η L Q Q Q η Q Q Q

25 ermodiamica ag 5 dolfo Scimoe Poiché i u ciclo o uò mai essere Q 0, il redimeto di ua macchia termica sarà semre miore di. Esso diede dalla rorietà della sostaza oerate, dal tio di ciclo e dalle temerature delle sorgeti co cui avvegoo gli scambi di calore. La macchie frigorifere, ivece, vegoo usate er abbassare la temeratura di u coro, estraggoo calore da ua sorgete fredda raffreddadola ulteriormete e lo cedoo ad ua sorgete calda. Per far ciò è ecessaria la sommiistrazioe di lavoro dall'estero. L'euciato di Lord Kelvi - L'imossibilità di far fuzioare ua macchia termica semlicemete assorbedo calore e trasformadolo iteramete i lavoro viee euciata dal secodo riciio della termodiamica ella forma datagli da Lord Kelvi el 85 <<E' imossibile realizzare ua macchia termica, che fuzioado ciclicamete, ossa trasformare comletamete i lavoro il calore assorbito da ua sorgete a temeratura uiforme>> Il ostulato di Kelvi o è dimostrabile, ma è solo il risultato di u gra umero di osservazioi serimetali ; fiora tutte le trasformazioi termodiamiche osservate hao dimostrato di seguire, seza eccezioi, il secodo riciio della termodiamica. L'euciato di Clausius - Il secodo riciio della termodiamica uò essere formulato i u modo diverso dovuto a R. Clausìus il quale afferma <<E' imossibile il assaggio sotaeo di calore da u coro freddo ad uo caldo er differeza di temeratura fiita>>. La formulazioe di Clausius o esrime tuttavia u'assoluta imossibilità del rocesso, ma solo u'estrema imrobabilità, come è ello sirito di tutta la termodiamica. d esemio, ossiamo trovare aalogia i camo idraulico : ua massa di acqua scede da mote a valle er differeza di livello, ma quado si voglia ialzarla occorre agire co ua oma mediate la sesa di lavoro. U'altra aalogia si ha el camo elettrico, ove ua carica elettrica uò sostarsi, er differeza di livello elettrico (oteziale), comiedo lavoro, ma o uò assare da u uto a oteziale iferiore ad u altro a oteziale maggiore, a meo che si forisca lavoro. Si uò dimostrare la comleta equivaleza dei due ostulati di Kelvi e Clausius. Dimostriamo che se il ostulato di >Kelvi o fosse vero, o sarebbe vero quello di Clausius e viceversa. Suoiamo che il ostulato di Kelvi o sia vero, er cui ossiamo comiere ua trasformazioe il cui risultato sia la trasformazioe comleta i lavoro di ua quatità di calore relevata da ua sola sorgete a temeratura ; trasformiamo oi questo lavoro i calore mediate attrito ed ialziamo la temeratura di u coro, qualuque sia la sua temeratura. Potremo, essedo arbitraria, scegliere >. Così facedo la trasformazioe ha er uico scoo il assaggio di calore da u coro ad u altro a temeratura iù alta. Ciò è i cotraddizioe co il ostulato di Clausius. Suoiamo ora, i cotrasto co il ostulato di Clausius, che sia ossibile far assare ua certa quatità di calore Q da ua sorgete a temeratura ad u'altra a temeratura. Potremo allora assorbire la quatità Q e rodurre u certo lavoro L mediate u ciclo. La sorgete a

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI 1. INTRODUZIONE CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI SOMMARIO:. Itroduzioe. -. Variabili casuali discrete. - 3. La variabile casuale di Beroulli. - 4. La variabile casuale biomiale. -. La variabile casuale di Poisso.

Dettagli

12 SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

12 SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA SECONDO PRINCIPIO DELL ERMODINMIC Il primo pricipio della termodiamica stabilisce l equivaleza fra calore scambiato e lavoro meccaico e quidi che il calore assorbito o ceduto da u sistema termodiamico

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

STIME E LORO AFFIDABILITA

STIME E LORO AFFIDABILITA TIME E LORO AFFIDABILITA L idea chiave su cui si basa l aalisi statistica è che si ossoo eseguire osservaioi su u camioe di soggetti e che da questo si ossoo comiere iferee sulla oolaioe raresetata da

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Le pompe di circolazione come strumento per la determinazione delle caratteristiche idrauliche dei circuiti idraulici

Le pompe di circolazione come strumento per la determinazione delle caratteristiche idrauliche dei circuiti idraulici Le ome di circolazioe come strumeto er la determiazioe delle caratteristiche idrauliche dei circuiti idraulici L'equazioe di cotiuità Suoiamo di avere u codotto di sezioe variabile i cui scorre dell'acqua

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA SPENSE MATEMATA FNANZAA 3 Piai di ammortameto. 3. osiderazioi geerali. U piao di ammortameto cosiste ella restituzioe di u importo preso a prestito mediate il versameto d'importi distribuiti el tempo.

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

Serie numeriche: esercizi svolti

Serie numeriche: esercizi svolti Serie umeriche: esercizi svolti Gli esercizi cotrassegati co il simbolo * presetao u grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Dopo aver verificato la covergeza, calcolare la somma delle segueti serie:

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

Parte 2. Problemi con macchine parallele

Parte 2. Problemi con macchine parallele Parte 2 Problemi co macchie arallele Esemio job 1 2 3 4 5 j 2 3 5 1 4 2macchie Assegado{2,3,5}aM1e{1,4}aM2 M2 M1 4 1 1 3 3 2 5 5 8 12 Assegado{1,4,5}aM1e{2,3}aM2 M2 3 2 M1 4 1 5 1 3 5 7 8 R m //C Algoritmo

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

Movimento nominale e perturbato

Movimento nominale e perturbato Fodameti di Automatica. Stabilità itera o alla Lyauov Fodameti di Automatica AYSb FTPb AYSct Igegeria delle Telecomuicazioi e Igegeria Fisica. Stabilità itera o alla Lyauov Stefao Mala Fodameti di Automatica

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

Fluidi non newtoniani

Fluidi non newtoniani Petea Aa matricola: 9603 Lezioe del 0/04/00 0:30-3:30 ossi Giulia matricola: 0878 Fluidi o ewtoiai INDICE DELLA LEZIONE DEL 0/04/00 AGOMENTO:FLUIDI NON NEWTONIANI Comportameto reologico dei fluidi... -

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE

ESERCIZI SULLE SERIE ESERCIZI SULLE SERIE Studiare la atura delle segueti serie. ) cos 4 + ; ) + si ; ) + ()! 4) ( ) 5) ( ) + + 6) ( ) + + + 7) ( log ) 8) ( ) + 9) log! 0)! Studiare al variare di x i R la atura delle segueti

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

1 - CALCOLO DELLE PROBABILITA E TEOREMA DI BAYES

1 - CALCOLO DELLE PROBABILITA E TEOREMA DI BAYES 1 - CALCOLO DELLE PROBABILITA E TEOREMA DI BAYES 1.1 Itroduzioe La teoria delle robabilità è ua scieza matematica che si occua delle regolarità egli eveti casuali (aleatori). Si dice che u eveto è aleatorio

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Legge del gas perfetto e termodinamica

Legge del gas perfetto e termodinamica Scheda riassuntia 5 caitoli 9-0 Legge del gas erfetto e termodinamica Gas erfetto Lo stato gassoso è quello di una sostanza che si troa oltre la sua temeratura critica. La temeratura critica è quella oltre

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. Applicado la defiizioe di covergeza di ua serie stabilire il carattere delle segueti serie, e, i caso di covergeza, trovare la somma: = + b) = + +. Verificare utilizzado

Dettagli

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte.

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte. ESEMPIO Prima dell esplosioe di ua cetrale ucleare, i terrei di ua certa regioe avevao ua produzioe media di grao pari a 00 quitali co uo scarto di 5. Dopo la catastrofe si selezioao 00 uità di superficie

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

è il valore dell aggregato a prezzi correnti;

è il valore dell aggregato a prezzi correnti; CPITOLO QURTO L COMPRZIONE NEL TEMPO E NELLO SPZIO DEGLI GGREGTI ECONOMICI SOMMRIO:. Itroduzioe. - 2. La comarazioe el temo. - 3. La comarazioe ello sazio: i rogrammi ICP ed ECP. - Esercizi svolti e commetati..

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

Equazioni e contrazioni: un punto fisso //

Equazioni e contrazioni: un punto fisso // * 010 Equazioi e cotrazioi: u puto fisso // Nicola Chiriao Docete al Liceo Scietifico L. Siciliai di Catazaro [Nicola Chiriao] Nicola Chiriao è docete di Matematica e Fisica al Liceo Scietifico Siciliai

Dettagli

Dispense di Analisi Matematica II

Dispense di Analisi Matematica II Dispese di Aalisi Matematica II Domeico Cadeloro (Prima Parte) Itroduzioe Queste dispese trattao la prima parte del corso di Aalisi Matematica II. Nel primo capitolo si discutoo gli itegrali geeralizzati

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Statistica 1 A.A. 2015/2016

Statistica 1 A.A. 2015/2016 Corso di Laurea i Ecoomia e Fiaza Statistica 1 A.A. 2015/2016 (8 CFU, corrispodeti a 48 ore di lezioe frotale e 24 ore di esercitazioe) Prof. Luigi Augugliaro 1 / 19 Iterdipedeza lieare fra variabili quatitative

Dettagli

sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T

sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T CICLI MOORI Utilizzando un motore (sorgente di lavoro meccanico oerante in maniera ciclica) che evolve secondo il ciclo isotermo-adiabatico di Carnot in maniera internamente reversibile, scambiando calore

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1 Prova scritta di Statistica per Biotecologie 9 Aprile Programma Cristallo. Uo dei processi di purificazioe impiegati i ua certa sostaza chimica prevede di metterla i soluzioe e di filtrarla co ua resia

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE

ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE a cura di Michele Scaglia RICHIAMI TEORICI Richiamiamo brevemete i pricipali risultati riguardati le serie umeriche. Teorema (Codizioe Necessaria per la Covergeza) Sia a

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64 By Luca Torchio Prima di defiire i modo rigoroso ua somma di ifiiti umeri, che tra l altro i matematici chiamao Serie, cerchiamo di covicerci che ha seso sommare ifiiti umeri! La cosa, i effetti, fa u

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE STATISTICA parte / U test statistico è ua regola di decisioe Effettuare u test statistico sigifica verificare IPOTESI sui parametri. STATISTICA INFERENZIALE STIMA PUNTUALE STIMA PER INTERVALLI TEST PARAMETRICI

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3. Corsi di Laurea i Igegeria Edile e Architettura Prova scritta di Aalisi Matematica del 6// ) Mostrare che + si( ) cos () si( ) log(( + ) / ) = 3. Possibile soluzioe: Cosiderado dapprima il deomiatore otiamo

Dettagli

ARGOMENTO: SERIE NUMERICHE 1. Dott.ssa Sandra Lucente

ARGOMENTO: SERIE NUMERICHE 1. Dott.ssa Sandra Lucente Corso di Laurea i Matematica LEZIONI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA..2 A.A. 2007-2008 ARGOMENTO: SERIE NUMERICHE Dott.ssa Sadra Lucete Idice :. Prime geeralità sulle serie. 2. Serie a termii o egativi:

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

La matematica finanziaria

La matematica finanziaria La matematica fiaziaria La matematica fiaziaria forisce gli strumeti ecessari per cofrotare fatti fiaziari che avvegoo i mometi diversi Esempio: Come posso cofrotare i ricavi e i costi legati all acquisto

Dettagli

Rendita perpetua con rate crescenti in progressione aritmetica

Rendita perpetua con rate crescenti in progressione aritmetica edita perpetua co rate cresceti i progressioe aritmetica iprediamo l'esempio visto ella scorsa lezioe di redita perpetua co rate cresceti i progressioe arimetica: Questa redita può ache essere vista come

Dettagli

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge:

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge: Apputi sul corso di Aalisi Matematica complemeti (a) - prof. B.Bacchelli Apputi 03: Riferimeti: R.Adams, Calcolo Differeziale.- Si cosiglia vivamete di fare gli esercizi del testo. Covergeza assoluta e

Dettagli

FISICA. V [10 3 m 3 ]

FISICA. V [10 3 m 3 ] Serie 5: Soluzioni FISICA II liceo Esercizio 1 Primo rinciio Iotesi: Trattiamo il gas con il modello del gas ideale. 1. Dalla legge U = cnrt otteniamo U = 1,50 10 4 J. 2. Dal rimo rinciio U = Q+W abbiamo

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli