CAP. 3 Le centrali termoelettriche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAP. 3 Le centrali termoelettriche"

Transcript

1 CAP. 3 Le centrali termoelettriche 1. Cicli termodinamici 1.1. Proprietà dei fluidi Lo stato fisico di un fluido gassoso è determinato quando sono note due delle seguenti variabili: pressione, temperatura, volume specifico. Queste variabili sono, com è noto, legate tra loro dalla relazione: p v = R T denominata equazione caratteristica dei gas perfetti. Nella relazione suddetta p è la pressione, v è il volume specifico, T è la temperatura assoluta, R è la costante caratteristica dei gas. Anche altri parametri, oltre ai tre precedenti, sono caratteristici dello stato fisico di un fluido: tali sono ad esempio l entalpia e l entropia, cosicché lo stato fisico di un fluido può essere definito anche dalla conoscenza della sua entropia e della sua temperatura assoluta oppure della sua entropia e della sua entalpia. Quando un fluido passa da uno stato fisico ad un altro, varia qualcuno dei parametri che lo definiscono: in tal caso si dice che il fluido ha subìto una trasformazione. Uno stato fisico, essendo individuato da due parametri, può essere rappresentato da un punto di un piano in un sistema di assi cartesiani ortogonali, assumendo a coordinate del punto i valori dei due parametri. Una qualsiasi trasformazione che il fluido subisce può allora essere rappresentata nel piano da una linea, i cui punti rappresentano i successivi stati fisici assunti dal fluido e gli estremi rappresentano lo stato fisico iniziale e quello finale. Nelle centrali termoelettriche il fluido utilizzato per la conversione del calore in energia elettrica è l acqua allo stato di liquido e di vapore e le trasformazioni termodinamiche interessate sono le seguenti: trasformazioni a pressione costante (isobariche), trasformazioni a volume costante (isometriche o isocore), trasformazioni a temperatura costante (isotermiche), trasformazioni senza scambio di calore con l esterno (adiabatiche). A seconda dei sistemi di coordinate prescelte, le trasformazioni sono rappresentate graficamente dai seguenti diagrammi: il diagramma (p, v), se le coordinate che rappresentano lo stato fisico del fluido sono la pressione e il volume specifico; il diagramma entropico (T, s), se le coordinate sono la temperatura assoluta e l entropia specifica; il diagramma di Mollier (h, s), se le coordinate sono l entalpia specifica e l entropia specifica. Nel diagramma (p, v) le trasformazioni isobariche sono rappresentate da rette parallele all asse delle ascisse, le trasformazioni isometriche da rette parallele all asse delle ordinate, le trasformazioni isotermiche per l aria e il vapor d acqua surriscaldato da rami di iperbole equilatera con asintoti coincidenti con gli assi delle coordinate e che si allontanano da questi all aumentare della 1

2 temperatura. Le isotermiche per il vapor saturo sono invece rette parallele all asse delle ascisse perché avvengono a pressione costante. Infine le trasformazioni adiabatiche sono rappresentate da k curve che soddisfano l equazione pv = cost, avendo indicato con k=c p /c v il rapporto tra il calore specifico a pressione costante c p e quello a volume costante c v. Nella rappresentazione (p, v) l area compresa fra le ordinate dei punti estremi del diagramma, l asse delle ascisse e la curva rappresentativa della trasformazione equivale, in scala opportuna, al lavoro esterno compiuto dal fluido durante la trasformazione: è positiva, ossia si tratta di lavoro eseguito dal fluido, se la trasformazione si muove verso un aumento di volume; è negativa, ossia si tratta di lavoro assorbito dal fluido, nel caso opposto. Nel diagramma entropico le trasformazioni isotermiche (e le isobariche per il vapor saturo) sono rappresentate da rette orizzontali, le adiabatiche da rette verticali, le isobariche per i gas e il vapore surriscaldato da curve di andamento prossimo all esponenziale 1 e che salgono verso destra (perché somministrando calore aumentano l entropia e la temperatura), le isometriche da curve che salgono verso destra più rapidamente di quelle isobariche. Nei diagrammi entropici l area compresa fra la curva di trasformazione, l asse delle ascisse e le ordinate estreme rappresenta, in opportuna scala, il calore dato o tolto all unità di peso del fluido 2 : il calore viene dato quando la curva viene descritta nel senso delle entropie crescenti, viene tolto quando la curva viene descritta nel senso inverso. Nel diagramma di Mollier (detto anche diagramma entalpico) i salti entalpici rilevabili sull asse delle ordinate forniscono direttamente l energia ricevuta, trasformata, ceduta. 1 Sarebbero esponenziali se c p fosse costante al variare della temperatura. 2 E infatti: dq ds = dq = T ds q = T T ds 2 1 2

3 1.2. Trasformazione dell acqua in vapore La trasformazione dell acqua in vapore avviene a pressione e a temperatura costante ed è rappresentata nel diagramma (p, v) da una retta orizzontale. Durante la fase di riscaldamento dell acqua, dalla temperatura iniziale di 0 C fino alla temperatura di ebollizione t 0 relativa alla pressione costante p 0, il volume dell acqua aumenta pochissimo, da v 0 a v 0, e la trasformazione è rappresentata dal segmento AB. Continuando a somministrare calore, l acqua vaporizza e la pressione rimane costante fino alla completa trasformazione dell acqua in vapore; il volume aumenta da v 0 a v 0. Questa fase di vaporizzazione è rappresentata dal segmento BC 3. Fornendo ancora calore, si ottiene vapore surriscaldato: il volume e la temperatura aumentano e il punto rappresentativo si sposta a destra di C sull orizzontale a pressione costante p 0. Se la trasformazione dell acqua in vapore avviene ad un altra pressione costante p 1 >p 0, la sua rappresentazione sul diagramma avverrà su un altra orizzontale, al di sopra della prima. La vaporizzazione inizierà ad una temperatura t 1 >t 0 e a un volume v 1 >v 0 e terminerà ad un volume v 1 <v 0, poiché il volume specifico del vapore saturo secco diminuisce con l aumentare della pressione: la nuova trasformazione sarà rappresentata dal segmento A B C. Riunendo tutti i punti B, B, B, e tutti i punti C, C, C, si ottengono due curve dette rispettivamente curva limite inferiore e curva limite superiore del vapor d acqua. Le due curve limite dividono il piano in tre regioni, cui corrisponde, da sinistra a destra, lo stato liquido, lo stato di vapore saturo umido, lo stato di vapore surriscaldato. Le due curve convergono verso l alto in un punto K detto punto critico, che rappresenta quello stato di fluido nel quale il liquido vaporizza senza aumento di volume. 3 Nei punti B l acqua è ancora tutta allo stato liquido, nei punti C è tutta allo stato di vapore saturo secco. I punti compresi tra B e C (vapore saturo umido) rappresentano stati del fluido in cui sono mescolati acqua e vapore. Si chiama titolo del vapore saturo umido il peso di vapore saturo secco contenuto in 1 kg di miscela acqua-vapore. Perciò la curva limite inferiore è anche curva a titolo 0, mentre la curva limite superiore è anche curva a titolo 1. 3

4 Il punto critico per l acqua corrisponde a una pressione 4 di 225 kg/cm 2 e una temperatura di 374 C; il volume specifico, comune al liquido e al vapore, è di 0,0031 m 3 /kg. Nel diagramma entropico le curve limite del vapor d acqua hanno andamento analogo a quello del diagramma (p, v) e la fase di trasformazione dell acqua in vapore è pure rappresentata da un segmento orizzontale tra le due curve limite (trasformazione isobarica e isotermica); le curve a titolo costante tagliano questi segmenti orizzontali in parti proporzionali al titolo. Nella figura seguente è rappresentata la trasformazione dell acqua in vapore saturo secco (dal punto 1 al punto 2) e il surriscaldamento del vapore (a pressione costante, dal punto 2 al punto 3). 4 L unità di misura della pressione nel Sistema Internazionale è il Pascal (1 Pa = 1 Newton/m 2 = 10-5 bar) Nella pratica si usano anche altre unità di misura: l atmosfera (1 atm = 10,33 m H 2 O = 1, Pa = 760 mm Hg = 1,0133 bar) il kg/cm 2 (1 kg/cm 2 = 10 m H 2 O = 0, Pa = 0,987 atm = 0,98 bar) 4

5 Nel diagramma di Mollier sono tracciate la curva limite superiore (luogo rappresentativo degli stati del vapore saturo secco), le linee a pressione e temperatura costante e le linee a titolo costante nel campo del vapore saturo (al di sotto della curva limite superiore), le linee a pressione costante 5 e le linee a temperatura costante nel campo del vapore surriscaldato (al di sopra della curva limite superiore). Le trasformazioni adiabatiche sono rappresentate da segmenti di retta normali all asse delle ascisse, le trasformazioni isoentalpiche da segmenti di retta paralleli all asse delle ascisse. Il diagramma di Mollier permette di determinare la diminuzione di entalpia in un espansione adiabatica dal punto 1 al punto 2 (ved. figura). Tale salto entalpico è l equivalente termico del lavoro ottenuto per unità di peso del fluido in una turbina a vapore; esso permette di effettuare rapidamente i calcoli relativi alle trasformazioni del vapor d acqua. 5 dh A pressione costante è = T ; quindi il coefficiente angolare della tangente ad una linea a pressione costante nel ds diagramma di Mollier è uguale alla temperatura nel punto di tangenza. Poiché ovviamente in una linea a pressione costante la temperatura varia con continuità al variare dell entropia, ne segue che le linee a pressione costante nel diagramma di Mollier non hanno cuspidi nelle intersezioni con le curve limiti, contrariamente a quanto capita per le linee a pressione costante nel diagramma entropico. 5

6 1.3. Cicli termodinamici Un fluido che si espande produce un lavoro esterno; ma per una produzione continua di lavoro, quale è richiesta ai motori termici, è necessario riportare allo stato iniziale il fluido che ha subìto l espansione. Occorre quindi che il fluido subisca trasformazioni la cui rappresentazione dia luogo a una linea chiusa, detta ciclo: l area racchiusa da questa linea chiusa rappresenta, nel diagramma (T,s), il lavoro utile effettuato. Per il funzionamento di un motore termico occorre che il fluido, in ossequio al secondo principio della termodinamica, descriva un ciclo ricevendo calore da una sorgente ad alta temperatura e cedendo calore a una sorgente a temperatura inferiore. Com è noto, il ciclo che fra due temperature assegnate realizza il più elevato rendimento nella trasformazione di calore in lavoro meccanico è il ciclo di Carnot 6. Tale ciclo è costituito da due isoterme e da due adiabatiche; il suo rendimento è tanto più elevato quanto più grande è la differenza fra le due temperature estreme. Il ciclo di Carnot nel diagramma entropico è infatti rappresentato da un rettangolo (ABCD). L area abcd rappresenta la quantità di calore Q 1 fornita al fluido dalla sorgente a temperatura T 1 ; l area aadd rappresenta la quantità di calore Q 2 ceduta dal fluido alla sorgente a temperatura T 2 ; l area ABCD rappresenta il lavoro utile ottenuto. Il rendimento del ciclo è dunque: η = Q Q area ( ABCD) ( T1 T2 ) Δs T1 T2 T2 = = = ( abcd ) T1 Δs T1 T1 1 2 = 1 Q1 area 6 Teorema di Carnot: Assegnate le temperature di due sorgenti, esiste un valore limite superiore del rendimento che si raggiungerebbe nel caso ideale in cui la trasformazione subita dal sistema termicamente isolato costituito dalle due sorgenti, dal corpo intermediario (cioè dal corpo che scambia calore con tali sorgenti) e dagli organi meccanici delle macchine fosse completamente invertibile. Perché la trasformazione sia invertibile il corpo dovrà ricevere calore dalla sorgente a temperatura T 1 avendo la temperatura T 1 e dovrà cedere calore alla sorgente a temperatura T 2 avendo la temperatura T 2 : dovrà quindi ricevere calore durante una espansione isotermica a temperatura T 1 e cedere calore durante una compressione isotermica a temperatura T 2. Dovendo poi il corpo descrivere un ciclo, esso dovrà passare dalla temperatura T 1 alla temperatura T 2 e viceversa: essendo il ciclo invertibile, durante i suddetti passaggi non dovrà subire scambi di calore con le sorgenti, dovrà cioè compiere trasformazioni adiabatiche. 6

7 Ciclo Rankine Lo schema di principio di un normale impianto con turbina a vapore può essere rappresentato dalla figura seguente, dove sono indicati gli elementi essenziali al suo funzionamento: il generatore di vapore (detto comunemente caldaia), la turbina, il condensatore, la pompa alimento. Il ciclo che rappresenta il funzionamento di questo impianto è il ciclo Rankine, che differisce dal ciclo ideale di Carnot soprattutto per il fatto che la somministrazione di calore al fluido non avviene tutta alla temperatura massima, secondo una isoterma. Il ciclo Rankine ha ovviamente rendimento inferiore a quello di Carnot operante tra le stesse temperature estreme. L adiabatica 3-4 rappresenta il pompaggio del condensato 7, la isobara 4-C corrisponde al riscaldamento dell acqua in caldaia dalla temperatura T 4 alla temperatura T C di ebollizione, la isoterma (e isobara) C-1 corrisponde alla vaporizzazione dell acqua, la isobara 1-1 corrisponde al surriscaldamento del vapore fino alla temperatura T 1, la adiabatica 1-2 corrisponde all espansione 7 Spesso, viste le piccole variazioni di temperatura e di entalpia, si pone per semplicità

8 del vapore in turbina, la isobara (e isoterma) 2-3 corrisponde alla condensazione del vapore nel condensatore. Il ciclo è un ciclo con vapore surriscaldato, il ciclo è il corrispondente ciclo con vapore saturo. Se, dopo una prima espansione adiabatica nella turbina di alta pressione AP il vapore ritorna in caldaia per risurriscaldarsi e portarsi nuovamente ad una temperatura analoga a quella del surriscaldamento iniziale, si ha un ciclo con risurriscaldamento: il vapore risurriscaldato in uscita dalla caldaia viene riammesso nella turbina di media pressione MP, da questa passa successivamente nella turbina di bassa pressione BP e si espande fino alla pressione del condensatore. Il diagramma entropico permette subito una comparazione visiva dei rendimenti ottenibili con cicli a vapore saturo e a vapore surriscaldato senza e con risurriscaldamento. Si nota infatti che il rendimento con vapore saturo è minore del corrispondente ciclo di Carnot fra le stesse temperature di vaporizzazione e di condensazione. Si nota inoltre che il rendimento del ciclo con vapore surriscaldato è superiore a quello del ciclo con vapore saturo e che il rendimento del ciclo a vapore risurriscaldato è superiore a quello del ciclo a 8

9 vapore con semplice surriscaldamento perché, in entrambi i casi, si aggiunge una parte di ciclo a rendimento più elevato. Infatti, facendo riferimento ai diagrammi delle figure seguenti, il rendimento del ciclo Rankine con vapore saturo è pari al rapporto fra l area (A+A ) e l area T1 T2 (A+A +B+B ) e il rendimento del corrispondente ciclo di Carnot è pari a ; T1 il rendimento del ciclo con vapore surriscaldato è pari al rapporto fra l area (A+A +A ) e l area T1' T2 (A+A +A +B+B +B ) e il rendimento del corrispondente ciclo di Carnot è pari a ; T1' il rendimento del ciclo con vapore risurriscaldato è pari al rapporto fra l area (A+A +A +A ) e l area (A+A +A +A +B+B +B +B ). E opportuno anche osservare che il risurriscaldamento del ciclo diventa necessario quando la pressione in caldaia supera determinati valori. Poiché il titolo del vapore a fine espansione in turbina non deve scendere al di sotto di 0,9 circa per non avere elevata umidità allo scarico, che è dannosa per le pale degli ultimi stadi, una volta fissata la pressione (e quindi la temperatura) nel condensatore risulta praticamente fissata anche l adiabatica di espansione del vapore. Aumentando la pressione e la temperatura in caldaia, si deve aumentare anche la temperatura massima di surriscaldamento per raggiungere l adiabatica di lavoro: quando questa temperatura supera i limiti normalmente ammessi per i materiali dei tubi del surriscaldatore (circa 550 C) occorre ricorrere al risurriscaldamento. Per migliorare il rendimento è necessario ovviamente scegliere elevate temperature in caldaia (e quindi elevate pressioni) ed avere basse temperature di condensazione (che però sono legate alla temperatura ambiente). Si possono adottare pressioni in caldaia superiori a quella critica: l acqua alimento perviene al generatore di vapore e, attraversando le varie superfici di scambio, al raggiungimento della temperatura critica passa dallo stato liquido direttamente allo stato di vapore surriscaldato. Anche effettuando più risurriscaldamenti si ottiene un incremento del rendimento. Tutto ciò comporta però l adozione di impianti costruttivamente sempre più complessi, con maggiori costi d investimento. 9

10 Per aumentare ulteriormente il rendimento si adottano i cicli rigenerativi o a spillamento di vapore, nei quali l acqua che va alla caldaia viene preriscaldata mediante vapore spillato dalla turbina. Il rendimento migliora perché le calorie contenute nel vapore spillato, che ha già compiuto del lavoro in turbina, vengono utilizzate integralmente per innalzare la temperatura dell acqua all ingresso di caldaia invece di andare in gran parte perdute nel condensatore. Lo spillamento di vapore riduce lo scostamento del ciclo Rankine da quello ideale di Carnot; infatti il calore, fornito dall esterno con la combustione del combustibile, è ceduto al fluido (l acqua alimento) che è già stato preriscaldato a spese di calore prelevato all interno del ciclo. In tal modo viene evitata una parte del ciclo Rankine a minor rendimento, cioè quella del riscaldamento dell acqua a bassa temperatura lungo la curva limite inferiore. Nel diagramma entropico l operazione di preriscaldamento, ottenuta tramite uno spillamento di vapore dalla turbina, può essere rappresentata in due fasi: riscaldamento dell acqua, secondo un segmento MN della curva limite inferiore; rientro della condensa del vapore spillato, secondo un segmento orizzontale NB. Il rapporto fra la lunghezza del segmento NB e la lunghezza del segmento AF, compreso fra le curve limiti sull isobara corrispondente alla pressione del condensatore, dà in valore relativo la quantità di vapore spillato. Il rapporto fra il segmento MF e quello AF dà in valore relativo la quantità di vapore che va al condensatore. Tale rappresentazione del ciclo rigenerativo conserva alle coordinate dei punti della linea di espansione il loro significato fisico, mentre ciò non è più vero per i punti del preriscaldamento dell acqua; valgono invece le considerazioni energetiche sulle quantità di calore scambiate e sul lavoro utile ottenuto 8. 8 Facendo riferimento al diagramma di figura, l area del ciclo (MNBCDEF) rappresenta il lavoro utile ottenuto, mentre l area (HMFK) rappresenta il calore ceduto nel condensatore. 10

11 In un ciclo con solo surriscaldamento, facendo riferimento a 1 kg di vapore scaricato dalla turbina ed entrante nel condensatore, detta g i la quantità di vapore spillata in valore relativo rispetto a quella scaricata al condensatore, il lavoro utile ottenuto in turbina è pari a: L n = ( hv hs ) + 1 mentre il calore fornito al fluido in caldaia è uguale a: g Δh i i essendo: h v h s = + n Q ( hv ha ) 1 g i 1 entalpia del vapore surriscaldato all uscita della caldaia e all ingresso in turbina entalpia del vapore allo scarico nel condensatore Δh i salto entalpico utilizzato in turbina dal vapore dello spillamento i-esimo h a entalpia dell acqua alimento all ingresso in caldaia n numero degli spillamenti Il rendimento del ciclo vale dunque: η = e aumenta all aumentare di g i Δh i n 1 L Q ( h = v ( h v h s h a ) + n 1 ) 1 + e dell entalpia h a. g Δh Se consideriamo un solo spillamento, potremmo pensare di praticarlo alla temperatura di condensazione, non ottenendo in tal caso nessun riscaldamento e quindi nessun incremento di rendimento. Se invece riscaldassimo l acqua alimento con vapore spillato alla temperatura di ingresso turbina, avremmo in tal caso un efficace riscaldamento ma questo vapore non produrrebbe nessun lavoro in turbina e quindi non otterremmo alcun incremento di rendimento. Il massimo incremento di rendimento con un solo spillamento si avrà quindi per una temperatura intermedia tra le due. Aumentando il numero degli spillamenti si incrementa la temperatura di preriscaldamento dell acqua e si aumenta il rendimento del ciclo. Il grado di rigenerazione ottimale coincide con quello massimo (temperatura dell acqua alimento uguale a quella di ebollizione in caldaia) solo nel caso teorico di infiniti spillamenti. Nelle pratiche realizzazioni, poiché gli spillamenti comportano un onere di impianto, si pone il problema di ottimizzare il loro numero e la superficie di scambio dei singoli riscaldatori. Infatti i miglioramenti del rendimento del ciclo termico comportano l adozione di impianti sempre più complessi, i cui costi non sempre possono essere compensati o recuperati dal guadagno di rendimento. Le stesse considerazioni viste per il ciclo con solo surriscaldamento valgono anche per i cicli con uno o più risurriscaldamenti. i n 1 g i i 11

12 Negli impianti termoelettrici vengono effettuati parecchi prelievi di vapore lungo i vari stadi di turbina. Nella figura seguente è rappresentato un ciclo a 7 spillamenti, secondo lo standard ENEL per i gruppi da 320 MW. Lo scarico delle condense (drenaggi) dei riscaldatori è effettuato in cascata, ossia i drenaggi del riscaldatore a più alta pressione di spillamento si scaricano in quello a pressione immediatamente inferiore e così via, sino a recuperare gli ultimi drenaggi al condensatore. Effettuando gli spillamenti lungo i vari stadi della turbina si ha come conseguenza che, a parità di potenza generata, occorre una maggiore portata di vapore all ammissione e quindi una produzione maggiore da parte della caldaia, il cui consumo di combustibile si è però ridotto in quanto essa viene alimentata con acqua preriscaldata. Per quanto riguarda la turbina, gli spillamenti hanno il pregio di ridurre la portata del vapore negli ultimi stadi, nei quali si incontrano difficoltà nello smaltimento di grandi portate per motivi costruttivi (pale di considerevole lunghezza, soggette ad elevate forze centrifughe). Inoltre la maggior portata negli stadi ad alta pressione consente l adozione di palette rotoriche di maggiori dimensioni e quindi di miglior rendimento. 12

13 Diagramma entropico del ciclo termodinamico di un gruppo da 320 MW con 8 spillamenti 13

14 Bilancio termico progettuale di un unità termoelettrica tradizionale da 320 MW Pressione [ata] Temperatura [ C] Entalpia [kcal/kg] Portata [kg/h] Vapore SH ammissione turbina , Vapore 1 spillamento ingresso R7 75, Vapore scarico turbina AP (RH freddo) 37,7 Vapore 2 spillamento ingresso R6 36,6 725, Vapore ingresso turbina MP (RH caldo) , Vapore 3 spillamento ingresso R5 16,4 794, Vapore scarico turbina MP 7,2 Vapore 4 spillamento ingresso degasatore 7,0 740, Vapore alla turbina BP 741, Vapore 5 spillamento ingresso R3 2,5 690, Vapore 6 spillamento ingresso R2 0,73 639, Vapore 7 spillamento ingresso R1 0,29 607, Vapore scaricato al condensatore 0,05 32,5 566, Condensato ingresso R1 (BP) 33,1 33,1 Condensato uscita R1 ingresso R2 (BP) 65,4 65,4 Condensato uscita R2 ingresso R3 (BP) 88,8 88,8 Condensato uscita R3 ingresso R4 (degasatore) 125,1 125, Alimento ingresso R5 (AP) 166,5 170,7 Alimento uscita R5 ingresso R6 (AP) 201,5 207,1 Alimento uscita R6 ingresso R7 (AP) ,8 Alimento uscita R7 ingresso economizzatore ,1 Drenaggio R , Drenaggio R6 206,5 210, Drenaggio R5 171,5 173, Drenaggio R3 93,8 93, Drenaggio R2 70,4 70, Drenaggio R1 64,7 64, Utilizzando i dati di progetto, il consumo specifico di turbina e ciclo ed il relativo rendimento risultano pari a: (811,8 306,1) (844,5 725,6) c. s. = = 1.903, η = ,70 = 45,17% kcal kwh 14

15 I progetti per aumentare l efficienza del ciclo Rankine, aumentando le pressioni e le temperature del vapore, sono stati sviluppati costantemente. Le prime unità termoelettriche, all inizio del 900, erano costruite per pressioni e temperature del vapore all ingresso in turbina di circa 13 bar e 250 C. Poi, all aumentare delle potenze, anche le pressioni e le temperature aumentarono. Intorno al 1950 vi fu un decisivo incremento nelle taglie degli impianti e si passò dai 35 MW fino ai 150 MW. Il ciclo adottato fu quello a semplice surriscaldamento, con vapore all ammissione turbina inizialmente a 145 bar e 538 C, poi a 165 bar e 538 C. Negli anni 60 furono installate parecchie unità con queste caratteristiche termodinamiche (165 bar, 538 C e risurriscaldamento a 538 C) e si passò alla taglia 320 MW. L ENEL costruì negli anni successivi molti impianti con gruppi da 320 MW, che ancora oggi costituiscono l ossatura del parco termoelettrico italiano 9. Nel 1968 entrarono in servizio in Italia le prime due unità ipercritiche di taglia 600 MW con doppio risurriscaldamento (258 bar, 540 C/552 C/556 C), dotate di turbine cross-compound. I grandi costruttori (General Electric e Westinghouse) negli anni realizzarono impianti di potenza MW con condizioni ipercritiche del vapore (241 bar, 538 C/565 C), sia a semplice che a doppio risurriscaldamento, con turbine cross-compound o tandem-compound. Dal 1980, utilizzando l esperienza maturata con le unità a semplice e a doppio risurriscaldamento, i grandi costruttori hanno sviluppato progetti con condizioni del vapore sempre più spinte (300 bar e 600 C). Questi progetti hanno trovato applicazione soprattutto in Asia e Nord Europa. L incremento di rendimento di questi impianti è mostrato nei due grafici seguenti e deve naturalmente essere considerato unitamente ai maggiori costi impiantistici di installazione e di manutenzione. I cicli con condizioni del vapore surriscaldato e risurriscaldato superiori a 4000 psi (276 bar) e 1025 F (552 C) sono detti ultrasupercritici. L adozione di un doppio risurriscaldamento dà luogo ad incrementi di rendimento variabili in funzione delle condizioni del vapore. Per massimizzare il guadagno di rendimento dei cicli ultrasupercritici, bisogna anche ottimizzare il ciclo rigenerativo con l aggiunta di nuovi riscaldatori e la scelta di una più alta temperatura dell acqua alimento all ingresso dell economizzatore. 9 Gli impianti termoelettrici italiani, standardizzati dall ENEL, hanno taglie di 320 e 660 MW e sono dotati di 7 o 8 spillamenti. I valori di pressione e temperatura del vapore sono quelli indicati in tabella: Potenza Pressione vapore SH uscita caldaia Temperatura vapore SH uscita caldaia Temperatura vapore RH uscita caldaia 320 MW 178 bar 538 C 538 C 660 MW 258 bar 538 C 538 C L adozione di questi valori standard, richiesti dall ENEL ai costruttori, è stata dettata da molteplici considerazioni coinvolgenti soprattutto l affidabilità e l intercambiabilità dei macchinari. 15

16 In molti casi si inserisce un riscaldatore al di sopra del punto di risurriscaldamento. Questo riscaldatore è denominato con termine anglosassone HARP (Heater Above the Reheat Point). Ciclo Numero di riscaldatori HARP Variazione rendimento 7 No Riferimento 8 No +0,2% 8 Sì +0,6% 9 Sì +0,7% Semplice risurriscaldamento 310 bar 593 C/593 C Doppio risurriscaldamento 310 bar 593 C/593 C/593 C No No Sì Sì Riferimento +0,3% +0,2% +0,5% Nella figura seguente è mostrato un ciclo a semplice risurriscaldamento con 8 riscaldatori, compreso un HARP. Il ciclo a doppio risurriscaldamento può essere ulteriormente migliorato inserendo un altro riscaldatore di bassa pressione e/o un altro di alta pressione. Un tipico ciclo a doppio risurriscaldamento con dieci riscaldatori, compreso un HARP, è mostrato nella figura seguente. 16

17 Nelle figure seguenti è evidenziato l effetto sul rendimento termodinamico di turbina della pressione del vapore risurriscaldato nel caso di semplice e doppio risurriscaldamento. L effetto è variabile in funzione della temperatura dell acqua alimento all uscita dell ultimo riscaldatore AP e se lo spillamento adottato per questo riscaldatore è dal vapore risurriscaldato freddo o dal vapore che si espande nella turbina di alta pressione. Molto importante ai fini del rendimento ottenibile, nel caso di doppio risurriscaldamento, è la scelta delle due pressioni di risurriscaldamento. Un esempio di ottimizzazione incrociata delle pressioni del primo e del secondo risurriscaldamento è mostrato nella figura seguente. In genere la pressione del primo risurriscaldamento viene scelta a un valore inferiore a quello ottimo termodinamico, mentre quella del secondo risurriscaldamento è scelta a un valore leggermente superiore per ridurre la temperatura del vapore all ingresso della turbina di bassa pressione. 17

18 1.4. Scelta del tipo di impianto termoelettrico Gli impianti termoelettrici, in base al modo di trasformazione del calore in energia elettrica, si possono classificare in: impianti con turbine a vapore, impianti con turbine a gas in ciclo semplice, impianti a ciclo combinato. Le caratteristiche tecnico-economiche essenziali per la scelta del tipo di impianto sono: la potenza da installare, il rendimento dell impianto, la produzione annua prevista, il costo dell investimento, le spese di esercizio e di manutenzione, la flessibilità d impiego dell impianto, il combustibile da utilizzare. La potenza unitaria massima è di circa MW per le sezioni termoelettriche tradizionali, di MW per le turbine a gas e di MW per i moduli a ciclo combinato. Il rendimento globale della centrale con turbine a vapore, che adotta cicli standard (170 bar- 538/538 C) con semplice risurriscaldamento e 7-8 spillamenti, raggiunge al massimo carico il 40%. Se si adottano cicli USC il rendimento può giungere fino al 46% circa. Le moderne turbine a gas in ciclo semplice hanno rendimenti intorno al 38%. Una centrale equipaggiata con turbine a gas, con recupero del calore dei gas di scarico in un ciclo combinato, ha il rendimento più elevato (supera il 55% e nei cicli più moderni sfiora il 60%). Il costo unitario d impianto, riferito a 2 unità convenzionali a vapore da 320 MW cadauna, è di circa /kw per le unità ad olio combustibile e gas naturale e di circa /kw per le unità a carbone. L analogo costo di un impianto costituito da due moduli a ciclo combinato da 380 MW cadauno funzionanti a gas naturale è di circa 600 /kw. La flessibilità di impiego di un impianto è determinata dalla sua rapidità di avviamento e dalla possibilità di compiere ampie e veloci variazioni di carico. I tempi di avviamento da freddo (dall accensione di caldaia al parallelo dell alternatore con la rete) per i gruppi termoelettrici a vapore da 320 MW sono dell ordine di 6 8 ore, mentre scendono a circa 1,5 ore dopo una fermata di 8 ore; il gradiente di carico è di 3 5 MW/min in condizioni normali. I tempi di avviamento di una turbina a gas da 250 MW sono di circa 30 minuti da fermo a parallelo e di circa 20 minuti da parallelo a massimo carico. I tempi richiesti dai cicli combinati da 380 MW per raggiungere il massimo carico sono di circa 6 ore da freddo e 3 ore da caldo e sono condizionati soprattutto dal ciclo a vapore (temperatura del vapore prodotto nel GVR e temperatura dei metalli della turbina a vapore). I gradienti normali dei cicli combinati sono di 5 6 MW/min e possono salire a 13 MW/min in caso di necessità. I combustibili fossili, normalmente impiegati negli impianti termoelettrici, sono l olio combustibile, il gasolio, il gas naturale, il carbone. I generatori di vapore, se adeguatamente attrezzati, possono bruciare tutti questi tipi di combustibili. Le turbine a gas bruciano invece quasi esclusivamente il gas naturale. 18

19 1.5. Determinazione dei costi di generazione Per la determinazione dei costi di generazione, confrontando differenti tecnologie, occorre determinare il costo totale del kwh prodotto. Questo costo può ritenersi la somma di quattro diverse voci: la quota relativa all ammortamento del capitale investito e di tutti gli oneri finanziari ad esso pertinenti; i costi operativi relativi alla gestione dell impianto, a cominciare dalle spese per il personale, i materiali (parti di ricambio, reagenti, lubrificanti, ecc.), le risorse esterne (le ditte esterne appaltatrici di lavori sull impianto), le assicurazioni, le imposte e i canoni; il costo per l acquisto del combustibile; le esternalità derivanti dall impatto ambientale dovuto alla costruzione e all esercizio della centrale. La somma dei primi tre termini costituisce il costo industriale (cioè l onere sostenuto dal produttore per generare un kwh e di fatto riversato sul consumatore), denominato anche costo interno. Il quarto termine è il cosiddetto costo esterno (a carico invece della collettività), che valorizza in termini monetari gli effetti indotti sull ambiente dalla costruzione e dall esercizio della centrale. Va ricordato che la competitività economica tra le diverse tipologie di produzione solo raramente e in misura parziale tiene conto dei costi esterni. Per valutare in modo corretto il costo di generazione è necessario ripartire l investimento iniziale su tutta l energia prodotta dalla centrale lungo la sua vita economica utile. Questa operazione deve altresì riconoscere che la generazione di energia è differita rispetto al periodo in cui è sostenuto l investimento e contemplare gli oneri finanziari derivanti da questo sfasamento. La metodologia utilizzata fa riferimento al metodo che valuta l incidenza del capitale investito sulla produzione elettrica attraverso un analisi dei flussi di cassa annuali lungo la vita utile della centrale. 19

20 Un recente studio del Politecnico di Milano (Forum sull energia elettrica, maggio 2007) prende in esame sei moderne tecnologie basate su differenti fonti primarie: 1. turbina a gas operante in ciclo semplice alimentata a gas naturale (GT), 2. ciclo combinato gas/vapore alimentato a gas naturale (CC), 3. centrale a ciclo Rankine ultrasupercritico alimentata a carbone (USC), 4. ciclo combinato integrato con un processo di gassificazione del carbone (IGCC), 5. centrale nucleare (NUCL), 6. turbina eolica (WIND). La tabella seguente è stata elaborata nel caso di assenza di agevolazioni fiscali e considerando l investimento equamente ripartito fra capitale ordinario e debito (escludendo quindi altri mezzi di finanziamento come ad esempio leasing, capitale privilegiato o project financing). Tipologia impianto GT CC USC IGCC NUCL WIND Durata di costruzione (anni) Quota di esborso (%): anno -6 anno -5 anno -4 anno -3 anno -2 anno -1 anno 0 4,0 6,0 15,0 37,5 37,5 3,0 12,0 31,0 36,0 18,0 3,0 12,0 31,0 36,0 18,0 2,0 4,0 13,0 20,0 24,0 22,0 15,0 100,0 10,0 90,0 Vita economica utile (anni) Ammortamento annuo (%) 9,0 8,0 7,0 7,0 6,5 9,0 Costo specifico ( /kw) La vita economica utile considerata è il periodo di tempo entro il quale la centrale deve recuperare l investimento necessario alla sua costruzione, remunerandolo al tempo stesso al tasso di attualizzazione pattuito. Questa durata non può ovviamente eccedere l effettiva vita tecnica dell impianto ma può risultare inferiore nel caso l investitore voglia cautelarsi da fenomeni di obsolescenza che possono rendere antieconomico esercire la centrale, trascorso un certo numero d anni dalla costruzione. Per gli impianti operanti in Italia, il calcolo dell ammortamento ai fini fiscali deve essere effettuato attraverso i coefficienti fissati per legge. Il costo specifico varia da impianti costruiti ex-novo (impianti green-field) ad impianti oggetto di trasformazione (impianti brown-field). Per quanto concerne i costi operativi relativi alla gestione dell impianto (costi O&M) va sottolineato che la quota fissa include i costi indipendenti dall effettiva produzione dell impianto (spese di personale, assicurazioni, ecc.) mentre la quota variabile si riferisce agli oneri dipendenti dall entità della produzione (lubrificanti, reagenti chimici, smaltimento scorie, ecc.). Nello studio, i prezzi assunti per i combustibili sono stime che riflettono i costi al dicembre Per avere una stima più affidabile del costo del kwh generato, vengono utilizzati i rendimenti medi annui, derivati applicando al rendimento normale dell impianto un coefficiente di penalizzazione in considerazione di usura, funzionamento a carico parziale, sporcamento (in special modo nei compressori dei cicli a gas), transitori di avviamento e fermata. Il costo industriale totale viene quindi calcolato dalla relazione: C c + O& M, FIX IND = ccap + + co& M, VAR heq p COMB η in cui: c CAP è la quota relativa all ammortamento del capitale investito, C O&M,FIX sono i costi fissi di O&M, h EQ sono le ore equivalenti di funzionamento annuo, c O&M,VAR è la quota variabile dei costi di O&M, p COMB è il prezzo del combustibile utilizzato nella centrale, η è il rendimento medio annuo di conversione della centrale. 20

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3 Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3.1 Introduzione Uno dei gas serra derivanti dall attività dell uomo è il CO 2, che proviene principalmente dalla combustione di combustibili

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS Maggiore flessibilità operativa e miglior ritorno economico L. Mancuso - Foster Wheeler Italiana - Power Division N. Ferrari - Foster Wheeler Italiana - Power Division J. Davison - IEA Greenhouse Gas R&D

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli