Trasformazioni termodinamiche - I parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trasformazioni termodinamiche - I parte"

Transcript

1 Le trasormazon recproche tra le energe d tpo meccanco e l calore, classcato da tempo come una delle orme nelle qual avvene lo scambo d energa, sono l oggetto d studo su cu s onda la Termodnamca, una mportante parte della Fsca. Il rmo rncpo della Termodnamca sancsce, tra l altro, la completa equvalenza tra lo scambo d energa meccanca (o lavoro) e l calore, l uno legata a enomen su scala macroscopca, l altro connesso al movmento su scala mcroscopca. In quest appunt presentamo concett d base della Termodnamca, ormulamo l rmo rncpo e ne studamo l applcazone n alcun semplc enomen o process. I tem qua trattat s aancano al contenuto del captolo 17 del testo, e ne approondscono e completano alcun aspett molto mportant. Trasormazon termodnamche - I parte La Termodnamca è tradzonalmente concepta come parte della Fsca, ma per la sua mportanza assurge al ruolo d un settore autonomo della Scenza. I suo prncp sono alla base d molt svlupp recent d altre dscplne, come la chmca e la bologa. Essa s occupa prncpalmente delle trasormazon recproche dell Energa ne suo var aspett, rconoscbl essenzalmente nelle vare orme d Energa meccanca, come lavoro, energe cnetca e potenzale, no alla orma d Energa pù elusva, l calore. In altre parole essa s occupa delle trasormazon tra le orme pù organzzate d Energa con quelle meno organzzate come l calore, che è connesso n qualche modo al moto dsordnato delle molecole. La Termodnamca s propone anche d gettare un ponte tra l mondo mcroscopco de costtuent elementar delle sostanze, atom e molecole, e l mondo macroscopco degl oggett compless, compres gl esser vvent. E l problema arontato n partcolare da un dscplna detta Meccanca Statstca: come comprendere e prevedere l comportamento degl oggett macroscopc, che è molto complesso, organzzato e soggetto a legg evolutve, partendo da costtuent mcroscopc elementar, che sono soggett alle legg d conservazone della meccanca, che non sembrano a prma vsta n grado d orre l ncredble varetà d comportament rscontrata ne enomen natural a tutt lvell. In quest appunt comncamo l nostro studo dal prmo prncpo delle Termodnamca, con alcune delle sue pù mportant applcazon. 1) Lo stato d un sstema Oggetto d studo della Termodnamca è l sstema termodnamco, ovvero qualunque corpo o oggetto, anche vvente, n relazone col suo ambente esterno, con l quale è n grado d scambare matera o energa. La descrzone del sstema s basa sulla msura o la conoscenza d grandezze sche come la pressone, l volume, la temperatura T, l numero d mol (la composzone chmca, la polarzzazone elettrca, la tensone elastca ne sold, etc.), essenzalmente grandezze d tpo macroscopco, adatte a trattare collettvamente, anche con metod statstc, un nseme d un gran numero d costtuent elementar, come atom o molecole (dell ordne del numero d vogadro, ). Le grandezze menzonate descrvono lo stato del sstema, coè la conoscenza che no abbamo d esso. In generale queste grandezze non sono ndpendent, ma sono legate tra loro

2 da una relazone chamata equazone d stato, che è una espressone matematca approprata alle propretà del sstema n esame, dealmente esstente per tutt sstem, e n genere nota quando l sstema è n equlbro termco, stato nel quale l equazone d stato è supposta essere valda n qualunque punto del sstema n esame. Il sstema pù semplce da descrvere, su cu s proveranno e s rcaveranno mportant rsultat, è l gas peretto o deale all equlbro termco, coè un gas che obbedsce alla equazone d stato: = nrt ( o = N kt ) (1) dove n è l numero d mol del gas ( N è l numero delle molecole), R = J/mole K è la costante de gas ( K = 1.38 x 1-23 J/K è la costante d oltzmann) e T è la temperatura msurata sulla scala assoluta de grad Kelvn (K). La relazone tra le due ormulazon è data dal atto che k R / N N è l numero d vogadro. = dove Lo stato d un gas è completamente descrtto da questa equazone; ssato l numero d mol (o d molecole) basta conoscere due delle tre grandezze, o T perché la terza è ssata dall equazone d stato. Una utle rappresentazone graca, d uso unversale e non solo per gas, è l pano cartesano -. Il punto n questo graco rappresenta lo stato d un gas, determnato dalla sua pressone e dal volume (la temperatura è necessaramente denta dalla equazone d stato). Il gas peretto o deale è n realtà una costruzone teorca; gas real, su cu possamo are esperment d laboratoro, obbedscono abbastanza bene all equazone d stato, ma se ne possono dscostare pareccho a basse temperature, e qund necesstano d equazon d stato modcate. erò la semplctà dell equazone d stato de gas perett ne a un potente strumento d studo, e qund sarà sempre consderata valda. E mportante consderare che l equazone d stato de gas (come anche tutte le equazon d stato) vale se l sstema è omogeneo e all equlbro termco; solo n tal caso, natt, le grandezze termodnamche hanno valor ben dent e vald per tutto l sstema, ed è possble segure le trasormazon ad ogn passo. ensamo ad esempo al rscaldamento d un pentola d acqua: s creano vortc e movment d strat d ludo, che hanno dverse temperature, presson etc. sogna aspettare lo stablrs dell equlbro termco e l omogenezzazone del sstema per avere una msura attendble e globale d temperatura. Rtorneremo pù avant su questo dscorso. 2) Trasormazon e scamb d Energa Lo scambo d energa tra due sstem termodnamc, o tra un sstema e l ambente, avvene prncpalmente n due mod: α ) trasmssone d calore, coè scambo energetco d tpo mcroscopco, legato al movmento e agl urt delle molecole, e che non comporta varazone d volume del sstema; β ) lavoro meccanco, coè scambo energetco d tpo macroscopco che avvene secondo le legg della meccanca (azone d orze, teorema dell energa cnetca etc.), e che mplca spesso una varazone d volume. L equvalenza tra lo scambo d energa per mezzo d calore o per mezzo d lavoro meccanco è stata stablta con una numerosa sere d esperment da Joule nella prma parte dell 8, benché osse gà stata utlzzata molto prma nello studo delle macchne termche; ma non essendov charezza sulla natura mcroscopca del calore rmaneva allo stato d potes. Molto noto è l espermento n cu Joule msura l aumento d temperatura d una quanttà d acqua n un calormetro ben solato termcamente, n cu delle palette vengono atte grare tramte carrucole mosse dalla caduta d alcune masse da un altezza ssata. S ha dapprma la trasormazone d energa potenzale gravtazonale n lavoro meccanco per ar grare la paletta

3 contro le orze d attrto vscoso present nel ludo, che qund dsspano l energa ornta dall esterno n attrto e turbolenza nel ludo. l rstablrs dell equlbro s osserva l nnalzamento d temperatura dell acqua, coè la trasormazone nale n energa termca. Questo rsultato può essere naturalmente ottenuto semplcemente rscaldando l acqua nel calormetro, coè ornendo una adeguata quanttà d calore Q; rmane qund dmostrata l equvalenza tra le due orme d scambo d energa, e n partcolare vale l equvalenza tra le untà nelle qual le vare orme d energa vengono msurate, rappresentata dalla ormula: 1 cal = J assamo ora a studare n partcolare le trasormazon energetche nel pù semplce sstema sco, coè l gas deale o peretto, tenendo presente che le legg e le concluson a cu arrveremo hanno comunque valdtà unversale per tutt sstem, d qualsas natura o dmensone ess sano. Lo schema dell apparato spermentale d base è come nella gura: un recpente, eventualmente solato termcamente per mpedre scamb d calore con l esterno se necessaro, contene n mol d un gas peretto che possamo supporre per semplctà monoatomco. Un pstone consente d regolare dall esterno la pressone eserctata dal gas sulle paret del recpente, poché all equlbro la pressone eserctata dall esterno sarà uguale a quella del gas. Un termometro dy msura la temperatura T, rgorosamente n grad Kelvn (K), e un sstema d rscaldamento ornsce calore (o eventualmente un sstema d rareddamento sottrae calore). Inne l volume occupato dal gas è controllato dal movmento del pstone d T superce. er quanto detto n precedenza, ogn trasormazone termodnamca eettuata dal gas è utlmente descrtte gracamente da una lnea nel pano -. dq a) Utlzzando la convenzone che l calore Q è postvo se assorbto dal gas, s ha che ornendo la quanttà d calore nntesma dq la temperatura del gas s nnalza della quanttà dt secondo la legge: dq = c n dt (2) dove c è l calore specco molare (la quanttà d calore necessara per nnalzare d un grado d temperatura una mole d gas). er esser pù esatt è necessaro speccare n che modo è avvenuta la trasormazone; vedremo pù avant che esstono due dvers calor specc ondamental, dett a volume costante e a pressone costante, rert alle due trasormazon elementar. Il calore totale ornto sarà ovvamente: T Q = c n dt (3) T dove T e T sono rspettvamente le temperature nzale e nale; dato che l calore specco ne gas è pratcamente costante rspetto alla temperatura, rsulta: Q = c n ( T T ) = c n T b) Utlzzando la convenzone che l lavoro meccanco W è postvo se atto dal gas verso l esterno, l lavoro nntesmo eettuato dal gas per nnalzare l pstone d un altezza dy è dw = F y dy dove F y è la orza eserctata dal gas sul pstone (dretta sull asse y). Rcordando che la pressone è la orza per untà d superce ( = F y / ) s ha subto: H 2O T

4 dw = dy = d (4) dove d è la varazone nntesma del volume del gas. Questa è l espressone ondamentale per l lavoro meccanco n ambto termodnamco. Il lavoro totale eettuato dal gas n una espansone dal volume nzale al volume nale è dato qund da: W = d (5) e ha una rappresentazone graca molto ecace sul pano -: come c nsegna la Matematca, questo ntegrale corrsponde all area sottesa dal tratto d curva che partendo dal punto nzale arrva al punto nale, seguendo valor d pressone e volume percors dal gas durante la sua trasormazone. Questo atto è molto mportante e consente d trattare cert problem anche per va graca. Naturalmente anche n questo caso per poter eettvamente calcolare l lavoro meccanco eettuato dal gas è necessaro conoscere ne partcolar come s è svolta la trasormazone. 3) Esemp d trasormazon ne gas perett e calcolo d W Con opportune combnazon d rscaldament o rareddament, compresson del pstone o dmnuzon della orza esterna applcata è possble esegure e controllare qualunque trasormazone anche complessa del gas nel recpente; la sua rappresentazone graca sul pano - può essere qualunque curva a pacere. Qua trattamo solo del calcolo del lavoro meccanco W per alcun process ondamental. a) Rscaldamento del gas a volume costante (ottenuto tenendo ssato l pstone). Questo processo è rappresentato dal segmento vertcale ; dall equazone d stato de gas, se T aumenta deve aumentare anche la pressone, essendo tenuto costante l volume. Il lavoro meccanco dw non può che essere zero. b) Espansone del gas a pressone costante; n questo caso l gas vene lascato espandere dal volume nzale al volume nale C mantenendo la pressone esterna sul pstone costante. La rappresentazone graca è l segmento orzzontale C C, e l lavoro eettuato dal gas s calcola dalla (5): C W = d = d = ( C C ) (6) poché la costante può essere estratta dall ntegrale. Il quale corrsponde all area sottesa dal segmento, coè l rettangolo (C C ) come è evdente anche dalla ormula. c) Espansone soterma da a ; n questo caso l contentore del gas è mantenuto a temperatura costante per mezzo d un opportuno termostato. Il gas vene lascato espandere dmnuendo la pressone esterna, natt dalla legge de gas vedamo che se T è costante deve essere = costante, la pressone è nversamente proporzonale al volume e la rappresentazone graca è una perbole. Dato che la pressone vara durante l processo, l calcolo del lavoro meccanco atto dal gas deve essere eettuato n generale utlzzando l equazone d stato de gas (1), rcavando la pressone: = nrt e sosttuendola nell ntegrale (5):

5 [ ] = = nrt d W d d = nrt = nrt ln = nrt ln (7) dove s è tenuto conto che anche T è costante se la trasormazone è soterma. Nel nostro caso rsulta dunque: W = nrt ln e al solto questa espressone corrsponde all area sotto l tratto d perbole da a nel pano -. oché per questo processo d espansone s ha >, rsulta correttamente W >, coè l lavoro atto dal gas nel sollevamento del pstone è postvo. Se consderamo l caso opposto, un processo d compressone soterma n cu l volume del gas vene portato dal volume nzale al volume nale (qund < ) la ormula rsultante sarebbe: W = nrt ln < ovvero l lavoro atto dal gas rsulterebbe negatvo. Inatt n questo caso è necessaro ntervenre dall esterno agendo sul pstone, qund l lavoro meccanco atto dall ambente esterno è postvo, mentre l lavoro del gas vene eseguto contro le orze esterne e qund deve essere negatvo. La ormula (7) descrve qund correttamente tutte le trasormazon soterme. E da notare che n tutt quest process d espansone (o d compressone) una certa quanttà d calore ha dovuto essere ornta al gas (o ceduta dal gas) perché quest avesse energa da mpegare nel sollevamento del pstone (o energa rcevuta dall abbassamento del pstone); su questo punto rtorneremo presto. Notamo nne che l lavoro meccanco atto dal gas dpende strettamente dal percorso, coè dal tpo d trasormazon eettuate. Questo lo s vede charamente dalle rappresentazon grache de process, oltre a poterlo vercare con calcol esplct. d esempo n gura vedamo un gas che vene portato dallo stato nzale allo stato nale n tre mod dvers: (I) (curva rossa) l gas vene rareddato a volume costante no a raggungere la pressone, po rscaldato a pressone costante n a raggungere l volume nale; l lavoro W I è dato dall area del rettangolo sotto la lnea a costante. (II) (curva blu) l gas s espande sotermcamente; l lavoro WII è l area sotto l tratto d perbole. (III)(curva verde) l gas subsce una trasormazone d tpo non elementare che lo porta a passare su alt valor della pressone; l lavoro totale atto W è dato dall area sotto la curva. E evdente che l lavoro atto dal gas ne tre percors è ben dverso, W III > WII > WI, e questo è un atto molto mportante anche per le possbl utlzzazon pratche del gas come meccansmo per eettuare trasormazon energetche, ad esempo per trasormare energa mcroscopca e dsorganzzata n orma d calore, n energa macroscopca e organzzata n orma d lavoro meccanco. Lo stesso dscorso può essere atto per l calore Q ; s osserva natt che nelle trasormazon termodnamche tra uno stato nzale e uno stato nale l calore assorbto dal gas dpende strettamente dal percorso. III (II) (I) (III)

6 Schema rassuntvo delle convenzon rguardo alle dverse orme d scambo d energa tra l sstema n esame e l ambente Macroscopco: lavoro meccanco W (W<) mbente W> Scambo d Energa Sstema Q> Mcroscopco: calore Q (Q<) Trasormazon termodnamche - II parte 4) Il rmo rncpo della Termodnamca Il prmo prncpo della Termodnamca è essenzalmente l aermazone della conservazone dell energa per tutt sstem termodnamc. bbamo vsto che l energa può essere scambata tra sstem, o tra un sstema e l ambente esterno, nelle due orme dette calore Q e lavoro meccanco W. Inoltre è noto dalla teora cnetca de gas, o pù n generale dalla meccanca statstca, che un sstema qualsas possede una sua energa, detta energa nterna e ndcata convenzonalmente con U, che dpende dal moto delle partcelle, dal loro stato d legame e da altr attor. d esempo rcordamo che nel caso del gas peretto monoatomco la sua energa nterna s calcola tramte la teora cnetca ed è data da 3 3 U = N k T ( U = n R T ) (8) 2 2 ed è qund una unzone della sola temperatura, mentre ne cas pù general l energa nterna potrà essere anche unzone delle altre grandezze o varabl d stato. (N.. nel caso d gas peretto batomco l attore numerco vale 5/2, nel caso d gas polatomc vale 3, poché v sono contrbut energetc provenent da movment d rotazone delle molecole, oltre al movmento d traslazone nelle tre drezon cartesane degl atom nel gas monoatomco). Enuncamo qund l rmo rncpo della Termodnamca nella orma generale: U = Q W (9) dove U = U U è la varazone d energa nterna del sstema n esame quando avvene una qualsas trasormazone, Q è l calore assorbto e W l lavoro meccanco eseguto dal sstema verso l ambente esterno. Il blanco energetco tra l energa che entra sotto orma d calore e l energa che vene persa verso l esterno n orma d lavoro meccanco dà l energa rmasta mmagazznata nternamente nel sstema.

7 Questo prncpo costtusce una sorta d generalzzazone della legge d conservazone dell energa meccanca a comprendere anche l mondo mcroscopco; natt, la legge che vale per corp macroscopc, qual scambano energa tramte lavoro, vene qua allargata a comprendere gl scamb d energa sotto orma d calore (essenzalmente urt tra oggett mcroscopc come le molecole), e l mmagazznamento d energa n orma d movmento mcroscopco che vene msurata drettamente dalla grandezza macroscopca temperatura T, almeno per l semplce caso del gas deale. Osservamo che, come abbamo vsto n precedenza, l calore Q e l lavoro W dpendono dalla partcolare trasormazone atta; la varazone d energa nterna U è nvece ndpendente dal percorso, ma dpende soltanto dagl stat nzale e nale. Quest aermazone è d dmostrazone mmedata nel caso del gas peretto, nel quale l energa nterna U dpende solo dalla temperatura, coè da una grandezza che specca lo stato del sstema. ale anche per sstem pù compless e vene rtenuta unversalmente vercata (anno eccezone solo cert rar e partcolar sstem dotat d memora ). S dce che l energa nterna è una unzone d stato, e qund una volta speccato lo stato del sstema s conosce dealmente anche la sua energa nterna. 5) Un semplce processo termodnamco: l espansone lbera de gas Il atto che l energa nterna d un gas peretto è unzone della sola temperatura (ved la ormula (8)) era n realtà gà stato stablto da Joule n un suo espermento, ben prma della ormulazone della teora cnetca de gas da parte d oltzmann (che dede appunto l nome alla costante k ). L espermento n questone è l espansone lbera d un gas nel vuoto, e a parte d quella sere d esperment ondamental e d carattere concettuale che costtuscono le bas della Fsca, e servono a charre e stablre mportant rsultat. Questo espermento s rtroverà anche quando s studeranno alcun aspett del secondo prncpo. Come s vede n gura, n un calormetro, solato dall esterno e contenente acqua, v sono due contentor d uguale volume, conness da un condotto con una valvola. Il contentore è rempto nzalmente un gas all equlbro termco, le cu due varabl d stato ndpendent hanno valor e T, e n partcolare la temperatura è ndcata dal termometro (la pressone dpende dalle altre due tramte l equazone d stato). Il contentore è nzalmente vuoto. L espermento consste nell apertura della valvola: l gas s espande qund n tutt e due contentor. Dopo l rstablrs dell equlbro termco una lettura del termometro del calormetro mostra che la temperatura non è pratcamente varata; anz, per un gas peretto s ammette che la temperatura rmanga esattamente dentca. Questo sgnca che non v è stato alcun passaggo d calore tra l gas e l acqua del calormetro, e qund Q =. D altra parte l nostro gas non ha computo nessun lavoro all esterno, perché non c è stato nessuno spostamento meccanco d nessun pstone o parete, e qund W =. Se ne deduce dal prmo prncpo che l energa nterna del gas è rmasta costante: U = ; U = costante. Nell espermento qund v è stata una varazone d volume del gas (s è raddoppato), ma la temperatura non è varata, e nemmeno l energa nterna. Dobbamo concludere che una varazone d volume a T costante non ha conseguenze sull energa nterna del gas, o n altre parole l energa d un gas peretto è unzone solamente della temperatura: U = U( T ) ( T n grad K) e questo vale per tutt gas; per l gas monoatomco l espressone esplcta d U (T ) è la (8).

8 6) rmo rncpo della Termodnamca per process d equlbro L espermento precedente ha mostrato una semplce applcazone del prmo prncpo nella sua orma macroscopca, coè nella orma d valdtà unversale n cu compaono quanttà nte d calore scambato e lavoro atto dal sstema. D altra parte la trasormazone realzzata è un esempo d processo d non-equlbro, coè un processo che avvene n modo non omogeneo, dsordnato e n temp brev (l moto delle molecole che s muovono per occupare l altro contentore non è certamente regolare). In quest process, benché gl stat nzal e nal sano d equlbro termco e qund con varabl d stato, e T ben dente e unorm per tutto l sstema, per gl stad ntermed non è possble speccare una precsa temperatura o una precsa pressone. I process d non-equlbro hanno anche un carattere d rreversbltà, coè avvengono n genere n modo spontaneo, senza ntervento esterno, come s studerà approondtamente esponendo l secondo prncpo. Mentre l ntervento esterno dventa necessaro se volessmo ar rtornare tutto l gas nel recpente d partenza ; non c aspettamo certo che le molecole s muovano da sole tutte nseme per rtornarv. Le varabl d stato,, T sono grandezze d tpo macroscopco e hanno senso solo se rerte a un sstema con un gran numero d atom o molecole, come nel gas, ma omogeneo e all equlbro termco. Il concetto statstco d veloctà con modulo e drezone a caso che è necessaro alla teora cnetca de gas per rcavare l espressone dell energa, non è charamente applcable a un nseme d molecole che s muovono da un luogo dove ve ne sono tante (l contentore ) verso un luogo n cu ve ne sono poche (l contentore ); solo quando s è rstablto l equlbro termco, e qund la denstà (l numero d molecole per untà d volume) è rtornata unorme s può tornare a parlare d veloctà a caso e d statstca. In conclusone process d non-equlbro non possedono n ogn stante valor ben dent delle varabl d stato, e qund non sono rappresentabl gracamente sul pano -; d solto s rcorre a una lnea ondulata rregolare che l smbolegga. Nel dsegno vedamo per l appunto l espansone lbera d Joule a conronto con l espansone soterma; sono process analogh dato che per entramb T è costante, e qund entramb possono nzare e nre dagl stess stat, ma solo per la seconda possamo speccare valor d e durante l processo. bbamo però supposto tactamente che questa espansone soterma acca parte d un'altra categora d process, e coè de process che avvengono attraverso stat d equlbro. Queste trasormazon sono molto mportant perché n esse le varabl d stato mantengono valor ben dent durante tutta la trasormazone, per cu valgono n ogn stante le equazon d stato, l sstema è sempre omogeneo e vrtualmente n equlbro termco. S può rappresentare l processo sul pano -, e ogn punto della curva è uno stato d equlbro. erché una trasormazone termodnamca avvenga attraverso stat d equlbro è necessaro che essa avvenga molto lentamente e senza perturbazon; s tratta coè d process chamat quas-statc. Se s tratta d un rscaldamento, l calore deve essere ornto n pccole quanttà (nntesme) e ogn volta s attende l rstablrs dell'equlbro. Se s tratta d lavoro meccanco sul pstone, l aumento o la dmnuzone d pressone deve essere pccolo (ad esempo aggungendo o toglendo granell d sabba). Da queste consderazon s vede anche che quest process possedono caratterstche d reversbltà, coè possono essere nvertt tornando alle condzon precedent, ntervenendo con le stesse modaltà con cu stavano procedendo, senza grosse perturbazon (ad esempo toglendo o mettendo lo stesso granello d sabba sul pstone). In realtà process quas-statc sono dealzzazon, sullo stesso pano della dealzzazone del gas peretto, realzzabl qund spermentalmente con qualche approssmazone, ma sono comunque process termodnamc real, un potente oggetto d studo e l punto d partenza per Espansone lbera Isoterma

9 rcavare numeros rsultat d portata generale applcabl anche per sstem natural compless, no a quell d tpo bologco. Da quanto detto è evdente che possamo ormulare nel seguente modo l: rmo rncpo della Termodnamca per process d equlbro (reversbl) du = dq dw (1) dove dq è la quanttà nntesma d calore assorbto, dw è la quanttà nntesma d lavoro atto dal sstema verso l esterno, du è la varazone nntesma d energa nterna. Ovvamente da questa relazone tra quanttà mcroscopche (1) dscende drettamente la relazone tra le quanttà macroscopche (9) per ntegrazone (coè somma delle quanttà nntesme su tutto l percorso atto dal sstema n una trasormazone). Il vceversa è vero solo se s tratta d process che hanno la propretà d essere d equlbro e reversbl, coè avvengono n modo quas-statco. 7) pplcazon del rmo rncpo Consderamo alcune semplc applcazon del prmo prncpo a trasormazon termodnamche, senza speccare se avvengono attraverso stat d equlbro o meno perché rsulta evdente dalla trattazone. La prma applcazone elementare, l espansone lbera d Joule è gà stata presentata nel paragrao 5). a) Rscaldamento d un gas a volume costante In questa trasormazone l gas è nel recpente mostrato nella I parte; l pstone vene tenuto ermo, s ornsce calore e s osserva un aumento della temperatura da T a T (oltre al corrspondente aumento d pressone). Dato che dw =, dal prmo prncpo nella orma mcroscopca e dalla ormula dello scambo d calore (2) s ha: du = dq = c n dt (11) dove c è l calore specco molare a volume costante, coè l calore specco approprato per questo tpo d trasormazone. er un gas monoatomco dall espressone esplcta della sua energa nterna (8) U = 3/ 2 nrt, s ha subto la varazone macroscopca U = 3 / 2nR T e la varazone mcroscopca (derenzale) du = 3/ 2 nr dt (rcordamo che l energa dpende solo dalla temperatura T) e qund trovamo: 3 3 n R dt = c n dt c = R (12) 2 2 che è l espressone del calore specco a volume costante per tutt gas preett monoatomc (non dpende dalla natura del gas, e ha qund carattere unversale, come del resto l equazone d stato). er gas batomc rsulta nvece c = 5 / 2 R, mentre per gas polatomc s ha c = 3R ; n quest cas bsogna ornre pù calore per l aumento d temperatura speccato perché v sono pù grad d lbertà delle molecole (possbltà d movmento, ved l prncpo d equpartzone). Osservazone mportante: vsta l espressone esplcta (12) per l calore specco a volume costante (e anche quelle successve) per tutt gas perett possamo rscrvere l espressone della varazone d energa nterna nella orma molto usata: du = c n dt (13)

10 b) Rscaldamento d un gas a pressone costante In questo caso l pstone vene lascato lbero d muovers, ma vene mantenuta costante la pressone eserctata dall esterno; s osserva qund un aumento d volume del gas. Il lavoro totale atto dal gas nell espansone s calcola come u atto per la ormula (6); qua nvece consderamo la varazone d energa nterna e applchamo qund l prmo prncpo: du = dq dw = c p n dt d dove s sono usate le espresson esplcte de derenzal dq e dw, con l calore specco a pressone costante c, approprato per questo tpo d processo. Dalla equazone d stato = nrt, essendo n questo caso la pressone costante possamo scrvere mmedatamente la ormula per la varazone nntesma del volume con la temperatura, che è d = nrdt ; sosttuendo con questa e con quella gà nota d du ottenamo: 3 5 n R dt = cp n dt n RdT c = R (14) 2 2 che è l espressone del calore specco a pressone costante per tutt gas preett monoatomc. Osservamo che n tutt cas possamo scrvere c = c + R (15) che è una ondamentale relazone che connette due calor specc de gas perett (tale relazone s dmostra subto n generale utlzzando la (13) per du ). Il atto che c sa sempre maggore d c è presto spegato: nel rscaldamento a pressone costante l gas mpega una parte dell energa assorbta sotto orma d calore per eettuare lavoro meccanco all esterno sollevando l pstone, per cu a partà d varazone d temperatura necessta d una maggor quanttà d calore. ll opposto, se l rscaldamento avvene a volume costante tutta l energa assorbta dventa energa nterna. c) Trasormazon soterme Questo tpo d trasormazone è gà stato dscusso nella parte I; l sstema è mantenuto a temperatura costante T, la rappresentazone graca è un tratto d perbole sul pano -, l lavoro è dato dalla ormula (7). Dato che l energa nterna dpende solo dalla temperatura, essa rmane costante: du =. pplcando l prmo prncpo s ha dunque: dq dw ( Q = W ) = (16) coè tutta l energa ornta sotto orma d calore vene mpegata per eettuare lavoro meccanco all esterno. Questo tpo d processo, come vedremo, potrebbe qund essere ndcato per le macchne termche, coè per quegl oggett l cu scopo è produrre energa macroscopca (lavoro meccanco) a partre dalla energa mcroscopca (calore). d) Trasormazon adabatche S chama adabatca una trasormazone termodnamca che avvene senza scambo d calore con l esterno. d esempo, process adabatc per l gas peretto nel recpente mostrato nella I parte avvengono se l contentore vene solato termcamente dall esterno (come per calormetr, dove avvengono pure process adabatc). Un altro mportante caso è quando un processo avvene molto rapdamente, coè n temp pù brev del tempo necessaro al sstema per scambare calore; è l caso delle onde acustche nell ara: la vbrazone sonora (movmento

11 ordnato d molecole) che a aumentare e dmnure localmente la pressone dell ara è tanto rapda da mpedre pratcamente ogn scambo d calore (movmento mcroscopco dsordnato) e qund l eventuale dsspazone d energa che smorzerebbe presto l suono. er un processo adabatco s ha qund dq =, e dal prmo prncpo: du = dw ( U = W ) (17) coè l lavoro atto dal sstema all esterno ( dw > ) avvene a spese dell energa nterna che dmnusce (s ha du < ). ll opposto, se l ambente esterno esegue lavoro meccanco sul sstema (qund l lavoro del sstema dw < per convenzone) s ha che l energa nterna aumenta, du > ; ad esempo è questo l caso dell espermento d Joule volto a dmostrare l equvalenza tra calore e lavoro. Nel caso delle trasormazon adabatche d un gas deale, usando la (13) possamo connettere drettamente l lavoro atto con la varazone d temperatura: ( dw ) = du = c n dt adab. La rappresentazone graca d un processo adabatco sul pano - è una curva smle a una perbole, ma pù rpda, e questo è un atto d mportanza captale per la teora del cclo d Carnot d cu s parlerà nelle lezon successve. Nel dsegno osservamo la curva rappresentatva d un processo adabatco a conronto con un processo sotermo (che per l appunto è rappresentato dall perbole = cost.). L espressone esatta della unzone ( ) che lega la pressone al volume del gas peretto n una trasormazone adabatca è rcavata negl pproondment; s può comunque comprendere n manera elementare l andamento della curva. Supponendo d consderare un processo d espansone del gas, l energa spesa per l lavoro atto sul pstone derva dal calore assorbto nel caso dell soterma, ma vene prelevata dall energa nterna nel caso dell adabatca; qund n questo secondo caso la temperatura del gas s abbassa rspetto a quella, costante, del prmo caso; d conseguenza la pressone tenderà ad abbassars ulterormente, e la curva tenderà a scendere al d sotto della soterma. dabatca Isoterma e) Trasormazon cclche Nel caso che una successone d process qualsas nz da uno stato nzale del sstema e nsca allo stesso stato, s dce che la trasormazone è cclca. Un esempo è n gura: una trasormazone (I) porta l sstema dallo stato nzale allo stato, successvamente un altra trasormazone (II) rporta l sstema n, ma con un percorso dverso. Dato che l energa nterna U è una unzone d stato, sul cclo completo s ha U =, e qund dal prmo prncpo W (process cclc ) Q = (18) ovvero l lavoro totale atto durante un cclo è uguale al calore totale assorbto. Inoltre, dato che l lavoro W è rappresentato dall area sotto la curva nel pano -, l lavoro totale d un processo cclco corrsponde all area racchusa nel cclo stesso, e n partcolare sarà W > per un cclo percorso n senso oraro, W < per un cclo percorso n senso antoraro. Inatt, come s vede dalla gura successva che mostra l caso del cclo oraro, l lavoro totale è la somma del lavoro W I postvo (aumenta ) col lavoro W II che è negatvo (dmnusce ); l area corrspondente a quest ultmo è negatva perché vene percorsa nel senso sbaglato ; la somma delle aree corrsponde dunque a quella contenuta nel cclo, che è postva dato che II I

12 l area I è maggore della II. Nel caso opposto d cclo antoraro l area nel cclo rsulterà negatva. W I > W II < + = W cclo > ) Cambament d ase (usone, ebollzone) Nel caso n cu s abbano de cambament d ase delle sostanze sappamo che la temperatura rmane costante durante l ntera trasormazone, mentre vene ornto calore dall esterno. E ad esempo l caso del processo d ebollzone dell acqua, n cu la temperatura rmane ssata a 1 C (al lvello del mare) anche se del calore vene assorbto, e questo rmane valdo no a che tutta l acqua non è convertta allo stato d vapore. L energa nterna della sostanza però non può rmanere costante perché, a derenza delle trasormazon soterme ne gas, la sostanza rsultante da una trasormazone d ase è dversa da quella che lo ha nzato. è qund una varazone d energa nterna propra del cambamento d stato, che vene attrbuta n genere all energa necessara alla rottura de legam tra le molecole (o all energa rlascata dalla loro rcomposzone nel caso del enomeno opposto). Nel caso dell ebollzone l prmo prncpo s scrve dunque: U = Q W (19) eboll lat dove U eboll è la varazone d energa nterna propra del cambamento d ase d una massa m d acqua, = m L è l calore assorbto per l ebollzone ( L è l calore latente d Q lat ebollzone) e W sarà l lavoro atto dal vapore acqueo per espanders contro la pressone atmoserca, trattable n genere come espansone a pressone costante.

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Appunti di Teoria dei Segnali Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Concetti preliminari di probabilità... Introduzione alla probabilità... Deinizione di spazio degli eventi... Deinizione di evento...

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Laboratorio di.... Scheda n. 2 Livello: Base A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... LA LEGGE D OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Conoscenze - Conoscere la legge di Ohm - Conoscere lo

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

Funzioni e loro grafici

Funzioni e loro grafici Funzioni e loro grafici Dicesi funzione y=f(x) della variabile x una legge qualsiasi che faccia corrispondere ad ogni valore di x, scelto in un certo insieme, detto dominio, uno ed uno solo valore di y

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli