I COMPONENTI DEGLI IMPIANTI TERMICI 2 parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I COMPONENTI DEGLI IMPIANTI TERMICI 2 parte"

Transcript

1 I comonen degl man ermc II.8 I COMPONENTI DEGLI IMPIANTI TERMICI are II. Generalà sulle macchne a fludo Per "macchna" s nende normalmene un ssema comao d organ (fss e mobl) n grado d effeuare una rasformazone d energa. Il funzonameno d una macchna comora semre scamb d energa meccanca, n quano l movmeno degl organ é connesso a forze che comono lavoro. Vengono defne macchne a fludo quelle macchne n cu le forze sono eslcae da un fludo o su d un fludo. Una rma classfcazone delle macchne a fludo s basa sul o d nerazone ra fludo ed organ mobl della macchna; n arcolare s defnscono volumerche quelle macchne n cu l rasfermeno d energa avvene araverso la varazone del volume che racchude l fludo; ale varazone è oenua medane l movmeno d una o ù are che delmano l V.C. (ad esemo, l ssema sone-clndro). S defnscono, nvece, urbomacchne quelle macchne n cu l rasfermeno d energa é dovuo al moo relavo del fludo rseo agl organ mobl della macchna. Nel resene caolo verranno sudae da un uno d vsa ermodnamco solano le urbomacchne. Pur senza enrare nel deaglo del funzonameno d una urbomacchna s uò affermare che l rasfermeno d energa avvene medane l'nerazone ra un fludo n movmeno ed un dsosvo ad elca cosuo da un nseme d alee oorunamene sagomae e caleae su d un albero roane. Se dall'ambene eserno vene forna energa meccanca al fludo d lavoro, la macchna vene defna oerarce. Vceversa, se l fludo rasfersce energa all'ambene eserno, la macchna vene defna morce. La resenza del dsosvo ad elca fa sì che l' energa meccanca rasfera venga denomnaa lavoro d'elca o oenza meccanca d'elca se rfera all'unà d emo. Un'ulerore classfcazone delle urbomacchne é legaa al o d fase del fludo. In arcolare, se ques'ulmo é n fase aerforme (vaore o gas) la urbomacchna vene dea ermca; se l fludo é n fase lquda, eralmene ozzao ncomrmble, la urbomacchna vene dea draulca. II. Le urbomacchne D seguo sono elencae le rncal urbomacchne. La urbna draulca é una macchna morce draulca che rasforma n energa meccanca l'energa oenzale dell'acqua che flusce da una quoa d resa ù elevaa ad una quoa d scarco ù bassa; n erale esse un accoameno dreo ra la urbna ed un eraore d energa elerca. La urbna a gas é una macchna ermca morce che convere l conenuo enalco d un gas n energa meccanca; quesa macchna é, n ere, uno de comonen cosuen un mano d conversone d energa ermca n energa meccanca.

2 I comonen degl man ermc II.8 La urbna a vaore é una macchna ermca morce che convere l'enala d un vaore n energa meccanca; quesa macchna é n ere uno de comonen cosuen un mano d conversone d'energa ermca n energa meccanca. La urbooma é una macchna draulca oerarce che convere energa meccanca, forna da un ooruno moore n conenuo enalco del lqudo; l'ncremeno d enala é dovuo uncamene ad un ncremeno d ressone del lqudo (nell'oes d lqudo ncomrmble). Tale macchna uò essere ulzzaa er elevare la quoa del fludo (oma d sollevameno), er realzzare l flusso d un lqudo n un mano (oma d crcolazone) o semlcemene er conneere due zone d un mano a dfferene ressone (oma d almenazone). Il urbocomressore é una macchna ermca oerarce che convere energa meccanca (oorunamene forna da un moore), n conenuo enalco d un aerforme; l'ncremeno d enala è dovuo ad un aumeno d ressone e ad una evenuale varazone della emeraura. Generalmene le urbomacchne, ur non essendo ermcamene solae, ossono essere schemazzae come ssem adabac. Infa, al comonen dserdono verso l'ambene una oenza ermca ar a: Q & U A T (II.) dove U é la rasmanza ermca unara, A la suerfce d scambo e T é un'ooruna dfferenza meda d emeraura ra fludo ed ambene. L'esguà della suerfce d scambo, della rasmanza unara e alvola anche del T, consene d oer eralmene rascurare la oenza ermca dsersa rseo alla oenza meccanca scambaa. Nello sudo delle urbne verranno consderae le oes semlfcave (cfr. caolo I): oes b) un unco ngresso ed un'unca usca; oes b) flusso monodmensonale nelle sezon d ngresso e d usca; oes d) regme sazonaro. Inolre, er quano secfcao nel aragrafo I., affnché l'oes b) sa verfcaa l V.C. deve essere reso n modo che le sezon d ngresso ed usca del fludo sano suffcenemene lonane dalle zone n cu sono resen erurbazon ermofludodnamche, nel caso secfco lonano dalle zone d'nerazone ra fludo e alee. Conseguenemene l V.C. che soddsfa ale requso comrende non solo l volume delmao dalla suerfce dell'nvolucro della urbomacchna, ma anche un rao de condo d'ngresso e d usca dal comonene suffcenemene lungh da non rsenre de fenomen d'mbocco. In queso caso s uò assumere anche assumere che le sezon d'ngresso e d usca del fludo sano ugual e qund, er la (I.5) s rcava che: w v w v (II.)

3 I comonen degl man ermc II.8 Nelle urbomacchne, n ere, le varazon d velocà (e, qund, d energa cneca) ra le sezon d ngresso e d usca sono rascurabl rseo alle varazon d energa oenzale gravazonale nel caso della urbna draulca ed alle varazon d enala er ue le alre urbomacchne. In conclusone, é ossble con buona arossmazone rascurare nello sudo delle urbomacchne le varazon d energa cneca. Analogamene, ad eccezone della urbna draulca, le varazon d quoa ra barcenr delle sezon d ngresso e d usca sono al da oer rascurare nello sudo ermodnamco conrbu relav all'energa oenzale gravazonale. Turbna draulca S consder una urbna draulca nsera n un mano n cu, er mezzo d una condoa forzaa a sezone cosane, flusce acqua da un bacno ad ala quoa ad un bacno d scarco a lvello nferore. Scelo l volume d conrollo raeggao n fgura II. e come sezon d ngresso quelle d elo lbero a mone ed a valle, nelle oes b) c) e d), e nelle uleror oes d: - lqudo a comorameno ncomrmble; - rascurablà della oenza ermca scambaa sa dalla urbna che dalla condoa con l'ambene eserno; essendo ressone amosferca e w w 0 (fludo n quee ne bacn), le equazon (I.4), (I.9), (I.) e (I.8) assumeranno la forma (avendo ndcao con edc m e le grandezze rfere rsevamene all'mano e alla urbna): conservazone della massa: & m& m (II.3) m & I rnco della ermodnamca: m, max [( h + gz ) ( h gz )] m [ c( T T ) + g( z z )] m& & (II.4) II rnco della ermodnamca: T S & S& m& s (II.5),m,m ( ) s mc & ln T equazone dell'energa meccanca: ( z z ) R& m mg & (II.6) 3

4 I comonen degl man ermc II.8 Nell'oes d mano caraerzzao da erazone d enroa nerna nulla, assenza d fenomen dssav nella condoa e nella urbna (S& S& 0 e R& 0) l'equazone dell'energa meccanca s modfcherà:,m,m m,max mg & ( z z ) (II.7) dove L & m, max oenzale nell'unà d emo. raresena la oenza eorcamene oenble dall'mano er conversone deale d energa Suonendo, er semlcà, che le rreversblà dell'mano sano nzalmene dovue solo alle erde d carco causae dal moo del fludo nella condoa. Sosuendo l'eq. (I.4), mollcaa er m&, nella (II.6) s oene: Fg. II. L w L & ( ) m m& g z z f, max D (II.8) dove L &, max raresena la massma oenza meccanca d'elca eorcamene converble da una urbna draulca deale ( S& 0)., Nella realà la urbna draulca reale, a causa degl effe dssav nern ed esern converrà una oenza meccanca mnore: 4

5 I comonen degl man ermc II.8 L & < < (II.9),max m m,max La rasformazone n una urbna draulca deale che convera negralmene l'energa oenzale nell'unà d emo, é caraerzzaa da S & S & 0 e, qund dal II rnco della ermodnamca formulao er l,, solo comonene urbna s evnce che la rasformazone nernamene reversble é una rasformazone soenroca. Conseguenemene, é ossble defnre l rendmeno della urbna draulca η s, medane la relazone: η s, (II.0),max Tale rendmeno é denomnao rendmeno soenroco, n quano raresena l raoro ra la oenza meccanca convera dalla urbna draulca e la massma oenza eorca converble oenble nel caso d rasformazone soenroca. Per quano deo rsula: 0 η s, (II.) In assenza d effe dssav nella urbna, la oenza meccanca oenble dalla urbna è rcavable dalla (II.8) e, qund: η s, m& g L w ( z z ) f D (II.) da cu: m& g L D w ( z ) z f ηs, (II.3) La (II.3) consene l calcolo della oenza meccanca eraa dalla urbna draulca nel caso n cu sa noo l suo rendmeno soenroco e sa ossble valuare le erde d carco all'nerno della condoa. L'esame della (II.4) ora ad analogh rsula. Infa nel caso d rasformazone deale nella urbna e nella condoa dal confrono della (II.4) con la (II.7) consegue che T T, ossa la rasformazone deale er l'nero mano é un'soerma olre ad essere una soenroca. Tale conclusone s evnce anche dalla (II.5). Rmuovendo l'oes d assenza d rreversblà nella condoa dal confrono ra le (II.4) e la (II.8) s evnce che: 5

6 I comonen degl man ermc II.8 f L D w ( T T ) c (II.4) da cu s evnce che T >T, ossa le erde d carco nel condoo deermnano un ncremeno della emeraura del fludo. Tale conclusone s evnce anche dalla (II.5). Rmuovendo l'ulma oes semlfcava d urbna draulca deale, confronando la (II.4) con la (II.3) s oene: g L w (II.5) D s, s, T ( z z )( η ) + f η c( T ) Dalla (II.5) e (II.5) consegue che, nel caso d rasformazone reale, non solo la emeraura del fludo n usca dall'mano rsula maggore rseo alla emeraura del fludo n ngresso, ma ale dfferenza d emeraura rsula ncremenaa rseo al caso d urbna draulca deale. Turbne a vaore (T.V.) La urbna a vaore é una macchna ermca morce da cu é ossble oenere oenza meccanca d'elca (ved equazone energa meccanca) sfruando l salo enalco del fludo d lavoro. Con rfermeno al V.C ed alla S.C. roraa n Fg. II., e nelle oes d adabacà del comonene e d rascurare ermn cnec e oenzal, le equazon (I.4), (I.9), (I.) e (I.8) s modfcano (avendo assuno L & & ): L e conservazone della massa & m& m (II.6) m & I rnco della ermodnamca L m& ( h h ) II rnco della ermodnamca S S& m& ( s s ) & (II.7) & (II.8) 6

7 I comonen degl man ermc II.8 Fg. II. equazone energa meccanca e m& vd R& (II.9) Dalla (II.7) s deduce che n una T.V., come gà recedenemene secfcao, la oenza meccanca d'elca forna all'ambene eserno é oenua a sese della dmnuzone d enala del fludo d lavoro. In arcolare la massma oenza meccanca sarà forna da una T.V. deale medane una rasformazone n cu S& 0 e R& 0. Conseguenemene: - dalla (II.8) s evnce che la rasformazone adabaca nernamene reversble é, anche, soenroca; - dalla (II.9) s evnce che ale rasformazone avvene con una dfferenza d ressone negava ( > ) e che, qund, nella urbna l fludo s rova a resson va va decrescen; nolre l lavoro secfco é vsualzzable sul ano -v come mosrao n Fg. II.3. N.B.: l uno d usca é ndcao con s er rcordare che la rasformazone é soenroca (s s cos). Fg. II.3 Nel caso d una macchna reale n cu S & > 0 e R& > 0 dalla (II.9) s deduce che la oenza meccanca d'elca forna dalla urbna all'ambene eserno rsula nferore alla oenza meccanca forna dalla T.V. deale. Conseguenemene dalla (II.7) s evnce che: h h < h h s (II.0) come n effe s rleva anche sul dagramma h-s dove nel caso reale s >s (Fg. II.4). In defnva, quano maggor sono gl effe dssav all'nerno della T.V. ano maggore sarà l'ncremeno d & e R& menre conemoraneamene dmnurà la dfferenza d enala h -h a arà d lvell d ressone. Per al ragon s nroduce l rendmeno soenroco della urbna defno come: S 7

8 I comonen degl man ermc II.8 η s,,max l l,max h h h h s (II.) Fg. II. 4 I valor del rendmeno soenroco rsulano, qund, comres ra 0 e, dove l lme eorco suerore s oene nel caso d rasformazone deale menre quello nferore é relavo ad una rasformazone n cu h h e, qund, senza che la urbna fornsca oenza meccanca d'elca, ossa con la massma erazone enroca comable con la dfferenza d ressone -. Tale rendmeno confrona, qund, la rasformazone reale con la rasformazone soenroca deale caraerzzaa dallo sesso sao ermodnamco d'ngresso (uno ) e dalla medesma ressone n usca (uno o s). Noo η s,, l calcolo della oenza reale é mmedao: ( h ) h s ηs, L & m& (II.) Dal ano ermodnamco T-s s noa che la emeraura del uno rsula maggore della emeraura del uno s. Turbne a gas (T.G.) La urbna a gas é una macchna ermca morce da cu é ossble oenere lavoro d'elca sfruando l'enala del fludo d lavoro. 8

9 I comonen degl man ermc II.8 Assumendo er lo sudo del comonene, l volume e la suerfce d conrollo schemacamene roraa n Fg. II.5, ed assumendo le oes d comonene adabaco e d rascurare ermn cnec e oenzal, le equazon (I.4), (I.9), (I.) e (I.8) s semlfcheranno (avendo assuno L & : e Fg. II.5 conservazone della massa & m& m (II.3) m & I rnco della ermodnamca L m& ( h h ) & (II.4) II rnco della ermodnamca S S& m& ( s s ) & (II.5) equazone energa meccanca m& vd R& (II.6) Nel caso d urbna a gas l modello ermodnamco ù semlce da ulzzare er lo sudo del comorameno del fludo d lavoro é quello d modello d gas deale con calor secfc cosan. Queso modello é nadeguao er una valuazone quanavamene correa ma, consenendo una noevole semlfcazone analca, ermee d evdenzare meglo gl ase qualav del funzonameno del comonene. Consderando la relazone d Mayer che lega er un gas deale l calore secfco a ressone cosane c ed l calore secfco a volume cosane c v con la cosane del gas R: s ha: c c v R (II.7) 9

10 I comonen degl man ermc II.8 c R c c c v c c v c c v c v c v (II.8) ed ulzzando l'equazone d sao de gas deal, l'eq. (II.4) s modfca: (v) (v) mc & & R R ( T T ) mc & m [( v) ( v) ] (II.9) da cu s evnce che la rasformazone all'nerno della urbna é caraerzzaa da una dmnuzone d emeraura. Analogamene l rnco della ermodnamca er l comonene uò essere esresso medane le seguen relazon: T S & R m& c log log T (II.30) T v S & +R m& c v log log T v (II.3) v S & + m& c log cv log v (II.3) Dalle eq. (II.30), (II.3) e (II.3) s evnce che la rasformazone all'nerno della urbna é caraerzzaa da una dmnuzone della ressone ed un aumeno del volume secfco del gas deale. Nel caso d urbna deale & 0 e R & 0, essendo l rocesso adabaco nernamene reversble s ha S che s 0 e, qund, sono valde le seguen relazon (cfr. Termodnamca degl Sa): v cos (II.33) T cos (II.34) Tv cos (II.35) 0

11 I comonen degl man ermc II.8 Per una urbna sono eralmene fssae le condzon d'ngresso, T e v e la ressone d scarco, nel caso d urbna deale dalla (II.33) e dalla (II.34) s rcava rsevamene che la emeraura T s ed l volume secfco v s sono unvocamene deermna medane le relazon: T s T (II.36) v s v (II.37) Per rasformazon real S & > 0; R& > 0; dalla (II.30) s evnce che, al crescere delle rreversblà nerne e, qund, d S &, aumena la emeraura d scarco T e qund, dalla (II.9), dmnusce la oenza meccanca d'elca; nel caso lme raresenao n Fg. II.6 dalla rasformazone -* s ha er un assegnao salo d ressone un T nullo e conseguenemene una oenza meccanca d'elca nulla; n queso caso la urbna funzona come semlce rdurce d ressone. In conclusone ancora una vola s é dmosrao che la oenza meccanca d'elca massma forno da una urbna a gas é oenble medane una rasformazone soenroca:,max ( T T ) L & mc & (II.38) s e che nel caso d una urbna a gas reale s ha: L & < & (II.39) L,max

12 I comonen degl man ermc II.8 Fg. II.6 Dall'esame del dagramma T-s. e da quano recedenemene deo emerge che ha senso defnre un aramero deo rendmeno soenroco come segue: η s,,max l l,max h h h h s T T T T s (II.40) Tale rendmeno confrona la rasformazone reale con una rasformazone deale caraerzzaa dallo sesso sao ermodnamco d'ngresso (uno ) e dalla medesma ressone n usca (uno o s); nolre ale rendmeno rsula comreso: 0 η s, (II.4) Noo η s,, l calcolo della oenza reale é mmedao ( ) Ts ηs, L & m& T (II.4) Nel caso d rasformazone soenroca er un gas deale s ha:

13 I comonen degl man ermc II.8 3 ( ) v v v d v vd (II.43) conseguenemene dalla (II.6), nel caso d una T.G. deale, s oene: R,max T m L & & (II.44) da cu s deduce che, essendo 0 L max, & >,? deve essere negavo: qund, l fludo s rova n urbna a resson va va decrescen. Nel caso deale, nolre l lavoro secfco é vsualzzable sul ano -v, come mosrao n Fg II.7: Fg. II.7 Nel caso d urbna reale ( 0 R > & ) la oenza meccanca d'elca forna dalla urbna rsula ar a: R T m L & & & R (II.45)

14 I comonen degl man ermc II.8 E' qund evdene che la resenza degl effe dssav ende a rdurre la oenza meccanca oenble n urbna. Turboome La urbooma (o ù semlcemene oma) é una macchna oerarce draulca ulzzaa er ncremenare la ressone d un fludo allo sao lqudo. Nell'anals del comonene n esame verranno consderae, olre a quelle rorae nel aragrafo I., le seguen oes semlfcave: - suerfc eserne del comonene adabache; - rascurablà de ermn cnec e oenzal del fludo d lavoro rseo alla sua dfferenza d enala, - l fludo d lavoro sa un lqudo ncomrmble. Fg. II.8 Assumendo come volume e suerfce d conrollo quelle rora n Fg II.8, le equazon (I.4), (I.9), (I.) e (I.8) assumeranno la forma (avendo oso L & ): e conservazone della massa & m& m (II.46) m & I rnco della ermodnamca m& ( h h ) (II.47) II rnco della ermodnamca S S& m& ( s s ) & (II.48) equazone energa meccanca m& vd + R& (II.49) 4

15 I comonen degl man ermc II.8 Dalla (II.47) s evnce che n una urbooma vene ncremenaa l'enala del fludo fornendo uncamene oenza meccanca. Nell'oes d lqudo ncomrmble le (II.47), (II.48) e (II.49) s modfcano (cfr. Termodnamca degl Sa): [ ( T T ) + v( )] m( c T + v ) m& c & (II.50) T S & m& c ln T (II.5) & mv( & ) + R& (II.5) L In arcolare, essendo er una oma deale S & 0 e R& 0 dalla (II.5) s evnce che n ale comonene l fludo evolve secondo una rasformazone soenroca e che, nel caso d lqudo ncomrmble, rsula anche una rasformazone soerma. Dalla (II.50) e (II.5) s rcava che er la macchna deale:,mn m(h & s h) mv( & ) (II.53) Dalla (II.53) s deduce che n una oma deale l fludo s rova a resson va va crescen. Inolre, dal confrono della (II.53) con la (II.50) e (II.5) s evnce che, raandos d macchne oerarc, la oenza meccanca cedua al fludo d lavoro da una oma deale rsula semre mnore rseo a quella d una oma reale; n arcolare, ale oenza meccanca rsulerà la mnma da fornre alla oma a arà d ncremeno d ressone del fludo d lavoro. La (II.50) e la (II.5) ossono qund essere rsevamene formulaa come: + mc & T, mn (II.54) + R& (II.55), mn da cu: R & mc & T (II.56) Conseguenemene nel caso d comressone reale dalla (II.5) e dalla (II.54) s deduce che T >T e che n una oma la resenza degl effe dssav nern rovoca un ncremeno della emeraura del fludo d lavoro. 5

16 I comonen degl man ermc II.8 Nel caso deale, l lavoro secfco forno dalla oma é vsualzzable sul ano -v, come mosrao n fgura II.9. S no che avendo ozzao vcos la rasformazone d comressone su ale ano é raresenaa da un segmeno vercale. Poché l volume secfco de lqud é molo mnore d quello de gas s uò asserre che la oenza rchesa dalla oma é, a arà d condzon, d alcun ordn d grandezza nferore rseo a quella rchesa da un urbocomressore. Fg. II.9 In Fg. II.0 sono raresenae sul ano ermodnamco h-s le rasformazon deale e reale: Fg. II.0 6

17 I comonen degl man ermc II.8 S rcorda che le sobare nel ano ermodnamco h-s d fao s sovraongono alla curva del lqudo sauro. Inolre, oché er l modello ncomrmble T ed s sono lega da una corrsondenza bunvoca, gl sa nzal e fnal non ossono essere unvocamene raresena sul ano ermodnamco T-s. Dalla Fg. II.0 e dalla (II.5) s evnce che essendo s >s (caso reale) rsula h -h >h s -h. Ha senso defnre, qund, defnre anche er una oma, un aramero deo rendmeno soenroco come segue: η s,,mn l l,mn h h s h h v v + c T c T + v ; (II.57) Tale rendmeno confrona la rasformazone reale con la rasformazone deale (adabaca soenroca) caraerzzaa dallo sesso sao ermodnamco d'ngresso (uno ) e dalla medesma ressone n usca (uno s). Dalla (II.57), (II.54) e dalla (II.5) rsula che l rendmeno soenroco della oma dmnusce all'aumenare della S &. Inolre, l rendmeno soenroco er una oma rsula ancora una vola comreso: 0 η s, (II.58) Noo η s, l calcolo della oenza reale é mmedao: m& h η ( h ) s s, mv & η s, (II.59) Turbocomressor Il urbocomressore (o ù semlcemene comressore) é una macchna oerarce ermca ulzzaa er ncremenare la ressone d un aerforme. Nel corso dell'anals ermodnamca d ale comonene (olre alle oes semlfcave nrodoe ne aragraf I. e II.) vengono nrodoe le uleror oes semlfcave: - rascurablà de ermn cnec e oenzal; - adabacà della suerfce eserna del comonene (ranne nel caso d comressone soerma). Con rfermeno al V.C. ed alla S.C. ndcaa n Fg. II., le equazon (I.4), (I.9), (I.) e (I.8) assumeranno la forma (avendo oso L & ): c e 7

18 I comonen degl man ermc II.8 Fg. II. conservazone della massa & m& m (II.6) m & I rnco della ermodnamca m& ( h h ) & (II.6) Lc II rnco della ermodnamca S S& m& ( s s ) & (II.63) equazone energa meccanca m& c vd + R& (II.65) Le equazon (II.6) e (II.63), nell'oes d gas a comorameno deale a calor secfc cosan, s modfcano come: ( T T ) L & c mc & (II.66) T S & R m& c log log T (II.67) T v S & + R m& c v log log T v (II.68) v S & + m& c log cv log v (II.69) 8

19 I comonen degl man ermc II.8 S rammen che le equazon (II.6) e (II.63) sono sae formulae nell'oes semlfcava che l comonene resen una suerfce adabaca. In ale oes nel caso d una rasformazone deale caraerzzaa da S & 0e R& 0 dalla (II.63) s evnce che la rasformazone é anche una soenroca. Inolre, consderando che la fnalà del comonene é quella d aumenare la ressone del gas da a, dalla (II.66) e dalla (II.67) s evnce che, anche nel caso d rasformazone soenroca, s ha un ncremeno d emeraura del fludo (T s >T ). Fg. II.a Fg. II.b In realà, dalle fgure II.a e II.b s evnce che essono molelc rasformazon che ossono garanre la fnalà del comonene: due cas lme, erò, ossono essere consdera l cammno soenroco e quello soermo. Dalla (II.66) s evnce che er effeuare una rasformazone d comressone soerma è necessaro fornre al fludo d lavoro oenza meccanca d'elca e sorarre una ar oenza ermca (rmuovendo così l'oes d adabacà). Infa, dal I rnco della ermodnamca rsula (avendo assuno & Q& ): ( T T ) Q& c mc & e (II.70) 0 Q c da cu: Q& (II.7) e c 9

20 I comonen degl man ermc II.8 Le rasformazon soenroca s ed soerma sono raresenae ne an T(h)-s e -v rsevamene n Fg. II.a e II.b. Nel caso la rasformazone soerma sa nernamene reversble S& 0e R& 0. Affnché cò sa ossble deve essere soddsfaa la seguene equazone: δq& S& c m ( s s ) & 0 (II.7) T da cu enendo cono della (II.67) e della (II.7), s oene: & c,mn Qc RT ln (II.73) L & S esamn ora l'equazone dell'energa meccanca valda er l comonene n esame nel caso delle due rasformazon deal esamnae (adabaca nernamene reversble ed soerma nernamene reversble) n enramb cas la (II.65) s modfca: l c,mn m& c,mn v d (II.74) la (II.74) consene d raffgurare l lavoro secfco medane aree nel ano -v. S osserva che, a arà d alre condzon, l lavoro secfco mnore comee al cammno soermo (area AB), menre quello soenroco rchede un lavoro aggunvo ar all'area s. Rcordando che le rasformazon soerme ed soenroche er un gas deale con calor secfc cosan ossono essere raresenae con delle olroche d esonene rsevamene uguale ad ed a (cfr. Termodnamca degl Sa): rasformazone soerma v cos (II.75) rasformazone soenroca v cos (II.76) dalla (II.74) e dalla (II.43) s oene: rasformazone soerma l c,mn RT ln (II.77) 0

21 I comonen degl man ermc II.8 rasformazone soenroca l c,mn RT s (II.78) In enramb cas l lavoro secfco è ano mnore quano mnore é la emeraura d ngresso T e la massa molecolare M del gas (essendo nfa R R o / M con R o cosane unversale de gas). Tale lavoro uò essere calcolao n funzone del solo sao nzale e del raoro d comressone. Infne s no come la (II.77) fornsca un rsulao analogo alla (II.73). E' ossble valuare l lavoro secfco anche ulzzando la rma legge: rasformazone soerma l c,mn q c T s T ln R (II.79) rasformazone soenroca l e,mn c ( T s T ) c T s T c T s (II.80) S no che la (II.80) concde con la (II.78) n quano è c R. S vuole ora evdenzare che anche l ano T-s uò essere megao er vsualzzare l lavoro, sa soermo che adabaco. Quello soermo, sane la (II.7), è ar all'area AB (Fg.II.a) menre er evdenzare quello adabaco é ooruno rornare su alcune caraersche del ano T-s. Su ale ano, nfa, l'sobara ha endenza: T T s c (II.8) e ochè er un gas deale é c c (T), fssaa la emeraura, ue le sobare hanno la sessa endenza; sono, qund, curve congruen. Inolre, er una qualsas sobara, s ha che dhtds. Poché, nolre, er un rasformazone adabaca s ha che l e h (sa deale che reale), segue che l'negrale l e T Tds (II.8) T cos raresena l'area soesa da una qualsas sobara nel ano T-s ra le emeraure T e T.

22 I comonen degl man ermc II.8 In base a quano s è remesso l lavoro secfco adabaco sul ano T-s (Fg. II.a), é ar all'area As T B nel caso deale, ed all'area C T B nel caso reale (s no che s >s s n base al II rnco della ermodnamca). S uò, qund, concludere che: l adab.reale ( area C T B)> l adab.deale ( area A s T B)> l so.deale ( area A T B ) Alcando l II rnco della ermodnamca er una rasformazone soerma l eq. (I.) dvena: II rnco della ermodnamca S m& ( s s ) Q + δ & Q& & c c Rln (II.83) T T Nonosane la comressone soerma sa quella che rchede la mnma oenza meccanca, comressor er semlcà sono rogea n modo da realzzare, er quano ossble, una rasformazone adabaca. Per ale movo la rasformazone deale cu rferrs é l'soenroca. Ha senso defnre, qund, anche er una urbocomressore un aramero deo rendmeno soenroco: η s,c c,mn c l l c,mn c h h s h h Ts T T T (II.84) Tale rendmeno confrona la rasformazone reale con una rasformazone deale (adabaca soenroca) caraerzzaa dallo sesso sao ermodnamco d'ngresso (uno ) e dalla medesma ressone n usca (uno s). Dalla (II.84), (II.66) e dalla (II.67) rsula che l rendmeno soenroco del comressore dmnusce all'aumenare della S &. Inolre, l valore del rendmeno soenroco er ale comonene é comreso: 0 η s,c (II.85) Noo η s,c, l calcolo della oenza reale é mmedao: ( T ) ( ) T mc Ts T ηs, c & & (II.86) c mc / Nelle alcazon ngegnersche er oer endere ad una comressone soerma é ossble frazonare la comressone n ù sad, oerando un'ooruna refrgerazone medane uno scambaore d calore ra due sad successv.

23 I comonen degl man ermc II.8 Per semlfcare la raazone s fa rfermeno ad una semlce comressone b-sado, ozzando che le due comresson sano soenroche. S ozz, nolre, che la emeraura d usca dallo scambaore T 3 rsul uguale alla emeraura d ngresso T del gas nel rmo comressore. S ha, erano: area B3C l c ' q c c ( T T ) (II.87) area AT 4B l c ' ' c ( T 4 T 3 ) (II.88) Fg. II.3 Nel dagramma T-s rorao n Fg. II.3 le rasformazon -4s ed -4T raresenano rsevamene la comressone monosado soenroca ed soerma. Ne consegue che: ' l c '' + l c area B3C + area AT4B < area ATC (lavoro soenroco monosado) (II.89) ' l c '' + l c area B3C + area AT 4B > area ATC (lavoro soermo deale) (II.90) L'area raeggaa raresena l lavoro secfco rsarmao rseo alla rasformazone soenroca monosado. E' evdene che all'aumenare del numero d nerrefrgerazon (e degl sad d comressone), la rasformazone ende ad essere soerma ed l lavoro secfco rsarmao aumena. S no, erò, che l conseguene rsarmo ne cos d eserczo deve essere confronao con l'ncremeno de cos d'mano e d manuenzone. II.3 Comonen adabac con scamb d energa n modo lavoro null 3

24 I comonen degl man ermc II.8 Nel resene aragrafo verranno esamna que comonen che ossono essere consdera con buona arossmazone adabac ( Q & 0) n quano resenano n ere una suerfce dell'nvolucro eserno non molo elevaa, valor rascurabl della rasmanza globale d scambo ed, nfne, una dfferenza ra la emeraura meda del fludo d lavoro e la emeraura ambene non molo elevaa. Inolre, al comonen non hanno scamb d oenza meccanca d'elca con l'ambene eserno ( L & e 0). Ugell e dffusor Gl ugell e dffusor, schemacamene rora n Fg. II.4, sono comunemene ulzza ne moor a reazone. In arcolare, menre l'ugello é un comonene che ncremena la velocà del fludo a sese del conenuo d enala, l dffusore, al conraro, la dmnusce. Fg. II.4 A al rooso s consder un flusso sazonaro subsonco d un fludo araverso un ugello oure un dffusore. Dal blanco d massa (I.4), alcando le oes rorae nel aragrafo I.(n arcolare l'oes d flusso monodmensonale), s ha: conservazone della massa m& m& ρaw ρaw (II.9) Nell'oes d varazon d massa volumca rascurabl, dalla (II.9) s evnce, qund, che w >>w er l'ugello n quano A <<A menre nel caso del dffusore w <<w n quano A >>A. Assumendo come V.C. e S.C. quelle ndcae n Fg. II.5, ed assumendo rascurabl sol conrbu oenzal, le equazon (I.9), (I.), (I.) e (I.) assumono la forma: I rnco della ermodnamca m & h + w m& h + w ; (II.9) 4

25 I comonen degl man ermc II.8 II rnco della ermodnamca S S& m& ( s s ) & ; (II.93) equazone energa meccanca ( ) R & m& vd + w w (II.94) La quanà h 0 h + w é dea enala secfca d rsagno oché eguagla l'enala secfca solo nel caso d flusso con velocà nulla. Dalla (II.9) s evnce che l'enala d rsagno rsula cosane n ogn sezone d un ugello o d un dffusore. E' ule osservare l rocesso ora esamnao sul ano ermodnamco h-s. Come deo, la fnalà dell'ugello é quello d rasformare are del conenuo enalco n energa cneca, ovvero quello d oenere una rada cadua d ressone ra le sezon d ngresso e d usca. Lo scoo del dffusore é, nvece, quello d rasformare are dell'energa cneca n enala ed oenere, così, un aumeno (recuero) d ressone ra le due sezon. Lo sao ermodnamco del fludo nella sezone d ngresso dell'ugello é raresenao dal uno n Fg. II.5 menre l camo d moo del fludo, nel caso d moo unforme, é denfcao dal valore della velocà. Dalla defnzone d enala d rsagno l segmeno -0 ha una lunghezza ar a w. L'sobara che assa er l uno 0 così cosruo ndvdua l valore della ressone d rsagno. Il rocesso reversble d comressone orerebbe l fludo all'usca dell'ugello nelle condzon ermodnamche raresenae dal uno s, avene una ressone comresa ra e 0. Tuava, a causa delle rreversblà del rocesso reale lo sao ermodnamco d usca concde con l uno. Sebbene a ale uno corrsonda la sessa enala d rsagno (eq.(ii.9)) e, qund, una lunghezza del segmeno -0 ar a w, la ressone d rsagno d ale uno rsula dmnua a causa della erazone d enroa. Nella raca s usa defnre un'effcenza enalca dell'ugello come: ε h h 0 w h 0 h (II.95) s w s Le effcenze enalche degl ugell sono n ere abbasanza elevae (dell'ordne d ). La rasformazone segua dal fludo d lavoro sul ano ermodnamco h-s, nel caso del dffusore, (Fg. II.6) vene lascaa al leore come ule eserczo. 5

26 I comonen degl man ermc II.8 Fg. II.5 Fg. II.6 Valvola d lamnazone Un dsosvo che rova largo mego negl man ecnc e er l quale sono null sa gl scamb d energa n modo lavoro che n modo calore é la valvola d lamnazone o rdurce d ressone. Il rocesso cu é soggeo l fludo ra mone e valle della valvola é deo rocesso d lamnazone. Queso rocesso ha luogo 6

27 I comonen degl man ermc II.8 quando un fludo araversa un erco comonene nconrando un osacolo, quale una valvola arzalmene chusa o un seo oroso. Cò ha come effeo rncale un decremeno della ressone. Fg. II.7 Scelo l volume d conrollo rorao n Fg. II.7, ale che nelle sezon d ngresso e d usca sano verfcae le condzon d equlbro locale, olre alle oes nrodoe nel aragrafo I., s assumono le uleror oes: - suerfce eserna del comonene adabaca, oes gusfcable er l'esguà della suerfce d scambo; - rascurablà della varazone d energa cneca ra le sezon d ngresso e d usca; - rascurablà della varazone d energa oenzale gravazonale er l'esguà della dmensone longudnale. In al oes, le equazon (I.4), (I.9), (I.) (I.8) s modfcano nelle: conservazone della massa & m& m (II.96) m & I rnco della ermodnamca m & h m& h (II.97) II rnco della ermodnamca S S& m& ( s s ) & (II.98) equazone dell'energa meccanca R & m& vd (II.99) Dalla (II.97) s evnce che l rocesso d lamnazone é ale che l'enala a mone della valvola é uguale a quella a valle. S no che le oes che reggono la (II.97) sono valde solano er sezon scele ad un'ooruna dsanza dalla srozzaura: non è, qund, correo affermare che l rocesso é soenalco. Infa, er le sezon suae n rossmà d ale srozzaura la rasformazone non é d o quas saco ed, nolre, non é ossble rascurare ermn cnec (enala d rsagno cosane). Inolre, oché l rocesso é 7

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte 9ik8ujm Quesito 1 Risposta B Associazione per l Insegnamento della Fisica La formazione di una stella è dovuta alla contrazione gravitazionale di una nube di gas e polveri Da una stessa nube generalmente

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

Funzioni e loro grafici

Funzioni e loro grafici Funzioni e loro grafici Dicesi funzione y=f(x) della variabile x una legge qualsiasi che faccia corrispondere ad ogni valore di x, scelto in un certo insieme, detto dominio, uno ed uno solo valore di y

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli