BOEING 737 PMDG. Procedure di accensione motori e diverse fasi del volo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOEING 737 PMDG. Procedure di accensione motori e diverse fasi del volo"

Transcript

1 BOEING 737 PMDG Procedure di accensione motori e diverse fasi del volo Questo breve tutorial vuole essere un promemoria per le varie operazioni da eseguire con il pannello del Boeing 737 della Pmdg, durante le fasi di accensione motori, rullaggio, decollo, crociera e atterraggio e non si vuole minimamente sostituire al ben più corposo manuale che accompagna il prodotto. Per prima cosa, una volta avviato Flight Simulator, andiamo a selezionare la situazione Cold and Dark Cockpit: nel menu selezioniamo Flight (Voli), poi Select a Flight (Seleziona un volo) e quindi, nell elenco in alto a sinistra, cerchiamo la cartella PMDG all interno della quale, nel riquadro sotto, troviamo la situazione PMDG Cold and Dark. Questa situazione ci posiziona negli Stati Uniti nella città di Seattle sull aeroporto Boeing Field King Co Intl. Da qui poi potremo ovviamente spostarci sul piazzale di qualsiasi altro aeroporto di nostro gradimento. Prima di iniziare imbarchiamo carburante, supponiamo circa Kg distribuiti in ognuno dei due serbatoi alari, lasciando vuoto quello centrale. Sulla sinistra del pannello troviamo questa serie di pulsanti, ciascuno abbinato a una lettera, premendo i quali si apriranno le varie finestre supplementari (dal pannello superiore, al pannello delle manette, al Fmc ecc.) Cominciamo aprendo il pannello superiore (overhead) cliccando su O. Portare Battery su ON Portare Standby Power su AUTO 1

2 Portare manopola su BATT e verificare il voltaggio batterie sul piccolo visore appena sopra. Accendere luci di Posizione e Logo poste in basso a destra. Verificare che gli interruttori Bleed Switches siano su ON Portare pompe carburante serbatoio n. 1 su ON. Avviare l APU portando il selettore su START e verificare che il valore di EGT si stabilizzi nella posizione di cui all immagine. 2

3 Portare interruttore APU BLEED Switch s ON Quando l indicatore luminoso <Apu Gen Off Bus> si illumina, portare gli interruttori APU GEN Switches su ON Manopola di destra su APU GEN e verificare tensione APU Erogare energia ai servizi di cabina Testare il Pitot Static Heat e il sistema Wing Anti-Ice e Eng Anti-Ice, portando gli interruttori prima su On e poi dopo su Off 3

4 Testare il sistema di riscaldamento dei finestrini Window Heat Ovht Pwr Test; le spie luminose si accendono per un istante su On per confermare che il sistema è a posto. Verificare che Recirc Fan e Isolation Valve siano su AUTO. Attivare impianto di aria condizionata mettendo su AUTO i due interruttori L PACK e R PACK. Spostare il selettore Air Temp Selector su Supply Duct e controllare che i due selettori in basso di controllo della temperatura siano su Auto Normal. 4

5 Chiudiamo momentaneamente il pannello superiore e torniamo sul pannello principale per cliccare sul Master Caution per spegnere l avviso luminoso. Verificare che i flaps siano in posizione UP. Aprire la finestra del gruppo manette (T) e verificare che la leva Speed Brake sia in posizione Down, che i Freni di Parcheggio siano inseriti e che le leve degli iniettori del carburante siano in posizione Cut-Off. Impostare il Trim in modo che l indicatore bianco sia nella zona verde più o meno attorno alla posizione 5 (per fare questo utilizziamo i tasti 1 e 7 del tastierino numerico col tasto Bloc Num disattivato) Verificare che il pannello Flight Control, il Navigation e il Display siano così impostati, pur se almeno gli interruttori di questi ultimi due non hanno un influenza determinante sulla condotta del volo. 5

6 Controllare che le spie Fuel Valve siano accese e fare il test della Cross Feed Valve portando il relativo selettore in posizione orrizontale (si deve accendere la spia Valve Open) poi riportarlo in posizione verticale. Armare le Emer Exit Lights (Luci di emergenza) cliccando sull apposito selettore, e accendere gli avvisi luminosi in cabina passeggeri No Smoking e Fasten Belts portando i relativi interruttori su On o su AUTO Continuare con i controlli mentre si stà provvedendo all imbarco dei passeggeri. 6

7 Attivare il riscaldamento dei finestrini (avvisi luminosi su ON) Pompe idrauliche elettriche ELEC1 e ELEC2 su ON. Verificare che le manopole di avviamento motori (Engine Start Switch) siano su OFF e il selettore di presurizzazione (Pressurization Mode Selector) sia su AUTO. Programmare il sistema di presurizzazione impostando la quota di volo finale (ad es. FL ft.) e sotto l altitudine dell aeroporto di destinazione (es. 450 ft) Tornare sul pannello principale. Verificare le spie Autoflight cliccando sul pulsantino Test 1 e 2 7

8 Provvedere al Reset dell indicatore del carburante in quanto potrebbe riportare dei valori riferiti al volo precedente. Resettare nuovamente il Master Caution Sempre sul pannello principale, sul quadro di controllo dell EFIS, cliccando col mouse sulla O di Baro, è possibile visualizzare la lettura del QNH in Pollici di mercurio (In- 30,09) o in Hectopascal (Hpa-1019). Poco più sotto a destra e a sinistra del nottolino è possibile modificarne il valore. Il valore selezionato lo leggeremo sul PFD (Primary Flight Display). Sull apposita frequenza radio ascoltiamo l Atis - Automatic Terminal Information Service (su Ivao avremo visualizzato l Atis quando dopo aver effettuato la connessione con Ivap, ci sintonizziamo sulla frequenza dell aeroporto su cui siamo posizionati che potrebbe essere la Ground, la Tower o in mancanza di queste l Approach) da cui rileviamo tutta una serie di informazioni riguardanti il metar locale, la pista in uso e il valore di QNH che andremo poi a impostare come sopra indicato). Programmare FMC (fare riferimento al manuale specifico) 8

9 Dopo aver richiesto e ottenuto la clearance (autorizzazione) per il decollo, andiamo a impostare i parametri sul MCP (Mode Control Panel) il Course, la Velocità iniziale di salita ricavata dai dati impostati sul FMC, di solito V2+10, la HDG che sarà corrispondente all orientamento della pista in uso per il decollo, e infine l altitudine o il livello di volo iniziale a cui siamo stati autorizzati. Sul pannello radio impostare frequenze NAV1, NAV2 e ADF che possono essere utili per seguire inizialmente in modo manuale la procedura standard di uscita dall aeroporto (SID) assegnataci. Attraverso gli appositi pommelli impostare il Codice Trasponder che ci è stato assegnato contemporaneamente alla clearance. L apposito apparato andrà tenuto in Stanby fin tanto che si è sul piazzale e durante tutto il rullaggio per poi renderlo attivo in modalità C (Charlie) appena allineati in pista prima del decollo. Questa operazione la si effettuta dalla finestrella di IVAP agendo sull apposito selettore o premendo contemporaneamente i tasti CTRL F11. Attivare e impostare il TCAS portando il selettore su Stby Test poi dopo l annuncio sonoro Tcas system just ok posizionarlo su TA e spostare su Above il selettore sopra Sul quadro di controllo dell EFIS, abbiamo già visto come impostare il Qnh; possiamo selezionare con i due switch laterali il VOR1 e ADF1, il VOR2 e l ADF2; il nottolino di sinistra ha quattro posizioni (partendo da destra PLN per verificare la traccia di tutto il piano di volo inserito nel Fmc, MAP da usare normalmente durante il volo, VOR da utilizzare per intercettare radiali in uscita o entrata su un Vor, APP che andrà 9

10 selezionato quando in avvicinamento finale avremo impostato sul NAV1 la frequenza dell ILS della pista assegnata. Cliccando al centro del medesimo su CTR è possibile alternare la visualizzazione del ND in modalità ARC o ROSE. Cliccando sul nottolino in alto a sinistra su BARO, e poi appena più sotto col puntatore del mouse sul + e sul -, sarà possibile in fase di avvicinamento all aeroporto inserire l Altitudine di Decisione (DA), che desumeremo dalla cartina che riporta la procedura dell ILS, quota al raggiungimento della quale, se non avremo i riferimenti visivi esterni o luminosi con la pista, dovremo riattaccare ed eseguire la procedura di Missed Approach. Detto valore lo leggeremo sul PFD (Primary Flight Display). Sul nottolino di destra è possibile impostare il Range (da 5 a 640) per avere diverse visualizzazioni più ristrette o più allargate sul ND (Navigation Display) della nostra rotta. Cliccando sui vari tasti in basso è possibile avere diverse visualizzazioni sempre sul ND, in particolare cliccando su WPT e avendo il range impostato fino a un massimo di 40 miglia saranno evidenziati tutti i waypoint limitrofi. Richiedere alla Ground l autorizzazione alla spinta (pushback). Rilasciare i freni di parcheggio. Anche questa operazione è usufruibile dalla finestra di IVAP dove è possibile impostare la rotazione a destra o a sinistra che avrà la prua dell aereo al termine della spinta all indietro. Inserire di nuovo i freni di parcheggio. Accendere le Anticollision e le Taxi Light 10

11 Ora procedere con la messa in moto vera e propria. Riportare i due interruttori L PACK e R PACK su OFF per chiudere temporaneamente l impianto di condizionamento durante la messa in moto dei motori. Portare pompe carburante serbatoio N. 2 su ON. Portare l Engine Start Selection su IGN R (per il volo successivo si dovrà portare su IGN L) Avviare il motore N2 (quello di destra) ruotando la manopola (Engine Start Switch) su GRD. Chiudere il pannello superiore e monitorare sull EICAS che il valore di N2 raggiunga circa il 20% poi aprire la finestra delle manette e attivare l iniettore del motore di destra spostandolo dalla posizione Cut Off verso l alto. 11

12 Quando il motore si è stabilizzato sui valori normali la manopola Engine Start Switch ritorna automaticamente in posizione OFF. Abbiamo avviato il motore di destra. Ripetere le stesse operazioni per il motore di sinistra Avviato anche il motore N1 portare su ON i due interruttori Generator GEN1 e GEN2: le due spie luminose si devono spegnere. Portare l interruttore APU BLEED su OFF, e poi spegnere l APU Portare il selettore di controllo del voltaggio su GEN1 o GEN2 e portare su ON i due interruttori delle pompe idrauliche alimentate dai motori ENG1 e ENG2 Riportare su AUTO i due interruttori L PACK e R PACK per rimettere in funzione il sistema di condizionamento in cabina passeggeri. 12

13 Accendere il sistema di riscaldamento del tubo di Pitot (le spie luminose si devono spegnere). Verificare la temperatura esterna ed eventualmente attivare anche il sistema antighiaccio per le ali e per i motori. Riportare il selettore dell AIR TEMP su Pass Cabin e attivare lo Yaw Damper su ON Impostare i Flaps su posizione 5, rilasciare i freni di parcheggio e iniziare il rullaggio cercando di mantenere una velocità non superiore a nodi o comunque compatibile con eventuali altri traffici in movimento attorno a noi. Quando veniamo autorizzati al rullaggio ci viene comunicato anche il valore della pressione atmosferica presente sull aeroporto (QNH) che andremo a impostare qui: (cliccando sulla O di BARO è possibile variare il valore del QNH da pollici di mercurio ingh ad es. 29,92 a hectopascal hpa ad es 1013) Raggiungere la posizione attesa e attendere l autorizzazione all allineamento; nell attesa, attivare il Flight Director e mettere su ARM il selettore dell Autothrottle Portare gli interruttori per le candelette di accensione su CONT; in fase di decollo questo ci garantisce da un accidentale spegnimento di un motore. Raggiunta una quota di sicurezza andranno riportati su OFF. Stessa operazione andrà effettuata anche in fase di avvicinamento e atterraggio 13

14 In caso di aborto del decollo è necessario l intervento di un apparato che attivi il sistema automatico di frenata: per far questo portare in RTO (Reject Take Off). Una volta in volo riportare su OFF. Quando siamo autorizzati all allineamento spegnere le Taxi Light, accendere le Landing Light e le Strobe. Questo è anche il momento di mettere il Trasponder da Standby in modalità C (Charlie) cioè attivo. A questo punto, dalla Ground o dalla Tower, possiamo ottenere l autorizzazione o all allineamento in pista e nuova attesa oppure all allineamento e decollo immediato; il consiglio è comunque di fermarsi sempre anche solo per pochi secondi, inserire i freni di parcheggio, e fare gli ultimi controlli prima della partenza. Non tergiversiamo troppo però, potrebbe esserci un altro aereo in finale sull ILS e onde evitargli un Missed Approach, liberiamo al più presto la pista. Ottenuta l autorizzazione al decollo dare progressivamente potenza ai motori fin tanto che sull EICAS il valore di N1 non raggiunge circa il 40%, rilasciare i freni di parcheggio: l aereo inizia la sua corsa. Quando il valore di N2 raggiunge circa il 70% attivare la funzione TO/GA, cliccando sulla zona evidenziata in rosso nell angolo in alto a sinistra del MCP. Sul PFD compare la scritta in verde TO/GA 14

15 Superata la V1 (velocità prima della quale è possibile abortire il decollo; oltre questa bisogna proseguire a tutti i costi qualunque cosa succeda) alla VR effettuare la rotazione e cominciare a seguire le barre del Flight Director cercando di tenerle il più possibile centrate. Appena il rateo di salita sarà positivo retrarre il carrello. Più o meno a 1500 piedi inserire il pilota automatico cliccando sul pulsante CMD A e cominciare a pulire progressivamente le superfici alari, retraendo i flaps e gli slats. Sul MCP aumentare progressivamente la velocità fino a 250 nodi fin tanto che avremo raggiunto FL100 (10000 ft.). In salita passando l Altitudine di transizione (quota fissa riportata sempre sulle carte d aeroporto) regolare l altimetro sul valore standard di 1013 Quando lo si riterrà opportuno attivare il sistema LNAV; l ereo comincerà a seguire il profilo orrizontale della rotta impostata e poi successivamente il VNAV che permetterà al pilota automatico di seguire il profilo verticale impostato sul FMC Sul MCP in Altitude avevamo impostato 8000 (a pag. 8) in quanto prima quota iniziale assegnataci dall Atc: ora verremo autorizzati ad esempio al livello di volo finale 310, perciò impostiamo in Altitude e lasciamo che l autopilota ci porti al livello di 15

16 crociera. Ricordiamo che quello che conta è il valore che impostiamo noi; se ad esempio lasciamo raggiunta questa quota l aereo fermerà la salita anche se sul Fmc abbiamo impostato Perciò su questa impostazione dovremo sempre intervenire per ogni variazione di quota che ci verrà assegnata. La crocierà è la fase del volo meno impegnativa e più rilassante, ma forse anche la più noiosa. Approssimandosi, come verrà evidenziato sul ND, al punto di inizio discesa T/D (Top of Descend) o meglio anche a miglia prima,, il consiglio è di disattivare il VNAV, impostare un primo livello a cui scendere ad es. FL100 (10000 ft) e impostare un valore di Vertical Speed variabile da 1000 a 1500 piedi al minuto o anche più se del caso. Se saremo sotto controllo di un Atc dovremo seguire tutte le indicazioni che ci verranno impartite per cui ad un certo punto occorrerà anche disattivare la funzione LNAV e gestire la prua con il settaggio della Heading secondo appunto i vettori che ci verranno dati. Ridurre progressivamente la velocità e cominciare ad estendere i flaps. In discesa passando il Livello di Transizione, che ci viene normalmente comunicato dal controllore di volo, regolare l altimetro cambiando il valore del QNH da quello standard di 1013 a quello presente sull aeroporto, valore che ci viene pure comunicato dall ATC o che possiamo rilevare ascoltando l Atis relativo a quell aeroporto. Sul pannello radio, impostare su NAV1 la frequenza dell ILS della pista in uso e il relativo Course. Sull EFIS impostare la DA (Altitudine di decisione) come indicato a pag. 9. Una volta che saremo autorizzati a intercettare il Localizzatore, sull EFIS spostiamo il nottolino da MAP a APP e sul MCP clicchiamo su VOR-LOC; una volta che saremo stabilizzati, prima di intercettare il sentiero di discesa (Glide slope) clicchiamo, sempre sul MCP, sul tasto APP. Agganciato il sentiero di discesa, estendere il carrello, ridurre la velocità a nodi, flaps a 25-30, accendere le Landing Lights, armare gli aerofreni (premendo i tasti SHIFT+ù) e posizionare il pommello degli Auobrakes su 1 o 2 a seconda della lunghezza e delle condizioni della pista. Quando si avrà un po di esperienza, a un miglio o due o anche più dal contatto, se le condizioni meteo lo consentono, potremo disattivare il pilota automatico (CMD A) e continuare in manuale nella fase finale fino ad appoggiare le ruote sulla pista. Al contatto, in un caso o nell altro, l Autothrottle si disattiverà automaticamente, clicchiamo su F2 sulla tastiera per attivare i reverse, quando la velocità si avvicinerà a 80 nodi potremo iniziare a frenare per ridurre progressivamente la velocità che ci consentirà poi di liberare la pista al primo raccordo utile. Retrarre i flaps, spegnere le luci di atterraggio e continuare il rullaggio fino al parcheggio assegnato. 16

17 Lorenzo Beltrani Settembre

EASY FSX ITALIA. Microsoft Flight Simulator x CHECK LIST ITALIANO BOEING NG DEFAULT

EASY FSX ITALIA. Microsoft Flight Simulator x CHECK LIST ITALIANO BOEING NG DEFAULT EASY FSX ITALIA Microsoft Flight Simulator x CHECK LIST ITALIANO BOEING 737-800 NG DEFAULT Checklist prima dell accensione: 1. Freni di parcheggio: Attivare 2. Manetta: Minimo (IDLE) 3. MASTER Batteria:

Dettagli

Checklist Volo Completo (SU IVAO) Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG

Checklist Volo Completo (SU IVAO) Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG Checklist Volo Completo (SU IVAO) Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG Redata da Igor Pignegna in lingua Italiana Pagina1 AVVIO SISTEMI 1. Freno Parcheggio (THTRL): Inserito 2. Connessione IVAP: Attiva

Dettagli

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

L autopilota. A cosa serve

L autopilota. A cosa serve L autopilota A cosa serve L autopilota (o pilota automatico) è un sistema automatico di pilotaggio dell aeromobile utilizzabile da poco dopo il decollo, durante la salita, la crociera e nella fase di avvicinamento.

Dettagli

Checklist Volo Completo. Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG. Redata da Igor Pignegna in lingua Italiana

Checklist Volo Completo. Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG. Redata da Igor Pignegna in lingua Italiana Checklist Volo Completo Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG Redata da Igor Pignegna in lingua Italiana Pagina1 AVVIO SISTEMI 1. Freno Parcheggio (THTRL): Inserito 2. Metar Partenza: Prendere Nota 3. Metar

Dettagli

Il pannello del B737-400 predisposto per l INS singolo Delco Carousel IVA (CIVA)

Il pannello del B737-400 predisposto per l INS singolo Delco Carousel IVA (CIVA) Il pannello del B737-400 predisposto per l INS singolo Delco Carousel IVA (CIVA) 1. Icona per l attivazione della finestra con la CDU (Control e Display Unit) 2. Icona per l attivazione della finestra

Dettagli

Boeing 737 NGX 600/700/800/900

Boeing 737 NGX 600/700/800/900 Procedure Volo Standard Completo Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG Redata da Igor Pignegna in lingua Italiana Pagina1 PREPARAZIONE AL VOLO 1. FMC: Maiusc+3 2. PMDG Set Up: Premere R4 3. PANEL State Load:

Dettagli

SISTEMA PER IL CONTROLLO DEL LIVELLO DEI SERBATOI. MANUALE D USO.

SISTEMA PER IL CONTROLLO DEL LIVELLO DEI SERBATOI. MANUALE D USO. NAVAL ELECTROTECHNICS Via dei Peecchi, 99 55049 VIAREGGIO (LU) ITALY Phone + 39-0584-390348 Fax +39-0584-385089 E-mail: navelitaly@tin.it WWW.NAVELITALY.COM SISTEMA PER IL CONTROLLO DEL LIVELLO DEI SERBATOI.

Dettagli

DISPLAY A CRISTALLI LIQUIDI J-LCD

DISPLAY A CRISTALLI LIQUIDI J-LCD DISPLAY A CRISTALLI LIQUIDI J-LCD 1 INDICE 1. Introduzione...3 2. Aspetto e dimensioni......3 2.1 Materiale e colori......3 2.2 Dimensioni display...3 3. Descrizione funzioni e pulsanti......4 3.1 Breve

Dettagli

Check List P-92 Super I-7808 Blue Arrows 1 - CONTROLLI MOTORE (In hangar)

Check List P-92 Super I-7808 Blue Arrows 1 - CONTROLLI MOTORE (In hangar) 1 - CTROLLI MOTORE (In hangar) LIBRETTO DI VOLO VERIFICA ORAMETRO e ANOMALIE CHIAVE INTERRUTTORE GEN. Chiave sul cruscotto MAGNETI RUBINETTI BENZINA APERTI COFANO MOTORE RIMOZIE SPURGO BENZINA VERIFICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CRONOTERMOSTATO 01910

PROGRAMMAZIONE CRONOTERMOSTATO 01910 PROGRAMMAZIONE CRONOTERMOSTATO 01910 4 1 2 3 5 6 7 8 9 10 11 REGOLAZIONE DATA E ORA Prima di iniziare la programmazione, conviene programmare inizialmente il giorno e l ora corrente: Premere il tasto con

Dettagli

Controller pilota H5000 Guida di riferimento rapido

Controller pilota H5000 Guida di riferimento rapido Controller pilota H5000 Guida di riferimento rapido IT 1 4 5 6 2 3 7 8 Tasti 1 2 3 4 5 6 7 8 Tasto MODE: modificare la modalità dell'autopilota/scorrere verso l'alto nelle opzioni di menu/incrementare

Dettagli

DB 260 CBV - SHORT MANUAL

DB 260 CBV - SHORT MANUAL DB 260 CBV - SHORT MANUAL - Questo non è un manuale d uso ma solo un richiamo per facilitare l operatore a ricordare le funzioni più frequenti. REV. 02 AVVIAMENTO B C A D NON SI AVVIA IL MOTORE - Selettore

Dettagli

MDV-CCM03 CONTROLLO REMOTO

MDV-CCM03 CONTROLLO REMOTO MDV-CCM03 CONTROLLO REMOTO fino a 64 unità interne con programmazione giornaliera per impianti VRF Tekno Point Italia. CARATTERISTICHE GENERALI Il controller centralizzato CCM03 è in grado di gestire una

Dettagli

Manuale per il tecnico AUTOCLAVE Modello PRATIKA B16-B20

Manuale per il tecnico AUTOCLAVE Modello PRATIKA B16-B20 AZIENDA CON SISTEMA QUALITÀ CERTIFICATO UNI EN ISO 9001-2208 & EN 13485-2003 SETTORE DISPOSITIVI MEDICI Via Don L. Sturzo,6 42021 Barco (RE) (ITALY) Codice Fiscale e Partita IVA: IT 01363800358 Numero

Dettagli

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. DURANTE LA DISCESA A circa 70-80NM il controllo di centro potrebbe farci cambiare frequenza sull avvicinamento, se on-line.

Dettagli

Video Scrittura (MS Word) Lezione 3 Formattazione e Stampa documenti

Video Scrittura (MS Word) Lezione 3 Formattazione e Stampa documenti Video Scrittura (MS Word) Lezione 3 Formattazione e Stampa documenti Formattazione di un documento La formattazione di un documento consente di migliorare l impaginazione del testo e di dare al al documento

Dettagli

RADIOFARI, RADIOGONIOMETRI E RADIOBUSSOLE Piccola guida per piloti vintage

RADIOFARI, RADIOGONIOMETRI E RADIOBUSSOLE Piccola guida per piloti vintage RADIOFARI, RADIOGONIOMETRI E RADIOBUSSOLE Piccola guida per piloti vintage Per questa piccola guida prendiamo ad esempio un pilota che vola con il DC-3 così come si trova in FS2004. Il pannello comprende

Dettagli

MODIFICHE PER IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DELLA PIATTAFORMA PROGETTO TRIO

MODIFICHE PER IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DELLA PIATTAFORMA PROGETTO TRIO MODIFICHE PER IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DELLA PIATTAFORMA PROGETTO TRIO Premessa Prima di apportare le modifiche riportate sotto, accedere alla piattaforma Progetto Trio con le modalità già note: digitare

Dettagli

PRENOTAZIONE VOLI DA TIME TABLE

PRENOTAZIONE VOLI DA TIME TABLE PRENOTAZIONE VOLI DA TIME TABLE REQUISITI: Iscrizione alla Compagnia Login al Sito www.virtualiroma.it Nel presente tutorial si vuole spiegare al pilota iscritto alla Nostra compagnia come prenotare i

Dettagli

PROCEDURE DI NOLEGGIO. Veicoli elettrici

PROCEDURE DI NOLEGGIO. Veicoli elettrici PROCEDURE DI NOLEGGIO Veicoli elettrici 1 Inoltra INOLTRARE L SMS RICEVUTO PER LO SBLOCCO DEL VEICOLO AL NUMERO 334-6324990. L AUTO SI APRIRA NEL GIRO DI 30 SECONDI. ATTENZIONE: IL MESSAGGIO DEVE ESSERE

Dettagli

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le

PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio le MANUALE USO E MANUTENZIONE Rilevatore digitale Art. 0387 ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

Associazione semplice

Associazione semplice Associazione semplice Apriamo ora la scheda Attività Inseriamo un'attività Scegliamo Associazione semplice Sul lato destro della finestra è presente una descrizione della funzione di quest'attività. Nella

Dettagli

CDS-SLIDE. Manuale d uso. Termostato Touch Screen programmabile. Adatto per il controllo di impianti di riscaldamento e condizionamento.

CDS-SLIDE. Manuale d uso. Termostato Touch Screen programmabile. Adatto per il controllo di impianti di riscaldamento e condizionamento. INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

NSE8 & NSE12 Guida di riferimento rapido

NSE8 & NSE12 Guida di riferimento rapido GHI JKL MNO PQRS TUV WXYZ NSE8 & NSE12 Guida di riferimento rapido IT 2 3 4 1 5 8 10 11 IN PLOT MARK GO TO VESSEL MOB 1 2 3 4 5 6 7 STBY AUTO 8 0 OUT 9 6 7 9 12 13 CHART RADAR ECHO NAV INFO PAGES 14 1

Dettagli

MANUALE di Installazione DECODER modello EDISION per NUOVI EVENTI VIRTUALI IMPIANTI SATELITTARI

MANUALE di Installazione DECODER modello EDISION per NUOVI EVENTI VIRTUALI IMPIANTI SATELITTARI MANUALE di Installazione DECODER modello EDISION per NUOVI EVENTI VIRTUALI IMPIANTI SATELITTARI LNB e/o SCR Ed. 2 del 01/09/2016 ~ 1 ~ Sommario Sommario 1. Introduzione... 3 1.1 Contenuto della confezione...

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE DVR H264 4ch 8ch AITDVAX440H - AITDVAX840H GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE 1.1. Contenuto dell imballo DVR CD Telecomando Guida rapida all installazione Cavo di alimentazione Adattatore Viti Batterie Nota:

Dettagli

Bravo io. tester per la verifica di alternatori e motorini di avviamento

Bravo io. tester per la verifica di alternatori e motorini di avviamento Bravo io tester per la verifica di alternatori e motorini di avviamento LEGENDA TASTI: ALT permette di cambiare la modalità di test tra alternatori e motorini di avviamento 12 24 serve per impostare il

Dettagli

Manuale di servizio. Kit di calibrazione termometro per fornetto i-thermo 163M e i-thermo 163L Release software Th 3.xx

Manuale di servizio. Kit di calibrazione termometro per fornetto i-thermo 163M e i-thermo 163L Release software Th 3.xx Manuale di servizio Kit di calibrazione termometro per fornetto i-thermo 163M e i-thermo 163L Release software Th 3.xx Man_STCi_01_IT_th_3_xx_REV1 16/07/2014 Indice 1 FUNZIONAMENTO TERMOMETRO STCI-01...

Dettagli

Pagina 1 TUTORIAL PER AIRBUS A320 WILCO FEELTHERE. Distanza Totale: Piano di volo: Livello di volo: FL300 (30000 piedi) Joystik FMC Throttle (Pedestal

Pagina 1 TUTORIAL PER AIRBUS A320 WILCO FEELTHERE. Distanza Totale: Piano di volo: Livello di volo: FL300 (30000 piedi) Joystik FMC Throttle (Pedestal Pagina 1 TUTORIAL PER AIRBUS A320 WILCO FEELTHERE Aeroporto di Partenza: Aeroporto di Arrivo : Distanza Totale: Piano di volo: SID: STAR: LIRF Roma Fiumicino LIMC Milano Malpensa 290 NM LIRF SID GILIO

Dettagli

INNOVATIVO DISPOSITIVO DI CHIAMATA Dispositivo wireless per effettuare chiamate di servizio al tavolo

INNOVATIVO DISPOSITIVO DI CHIAMATA Dispositivo wireless per effettuare chiamate di servizio al tavolo INNOVATIVO DISPOSITIVO DI CHIAMATA Dispositivo wireless per effettuare chiamate di servizio al tavolo Un concetto totalmente nuovo di servizio e consumazione, che vi aiuterà a migliorare il servizio offerto

Dettagli

COSA HO IMPARATO NEL LABORATORIO D INFORMATICA? FORSE HAI IMPARATO AD ACCENDERE E SPEGNERE IL COMPUTER SI, ADESSO TI

COSA HO IMPARATO NEL LABORATORIO D INFORMATICA? FORSE HAI IMPARATO AD ACCENDERE E SPEGNERE IL COMPUTER SI, ADESSO TI COSA HO IMPARATO NEL LABORATORIO D INFORMATICA? FORSE HAI IMPARATO AD ACCENDERE E SPEGNERE IL COMPUTER SI, ADESSO TI SPIEGO QUANDO SI DEVE ACCENDERE IL COMPUTER BISOGNA CERCARE SULL ELABORATORE IL PULSANTINO

Dettagli

MANUALE RAPIDO DI INSTALLAZIONE SISTEMI FLEXA 2.0 CON TERMOSTATI TACTO E BLUEFACE INFORMAZIONI IMPORTANTI

MANUALE RAPIDO DI INSTALLAZIONE SISTEMI FLEXA 2.0 CON TERMOSTATI TACTO E BLUEFACE INFORMAZIONI IMPORTANTI INFORMAZIONI IMPORTANTI YOUTUBE:Video di utilizzo e configurazione dei sistemi all indirizzo www.youtube.com/airzoneitalia SITO AZIENDALE: www.airzoneitalia.it TIPOLOGIE DI TERMOSTATI I termostati dovranno

Dettagli

Quality Wings RJ70/85/100 Tutorial ITALIANO Emanuele PAPA

Quality Wings RJ70/85/100 Tutorial ITALIANO Emanuele PAPA Quality Wings RJ70/85/100 Tutorial ITALIANO Emanuele PAPA Traduzione in italiano del tutorial ufficiale di Quality Wings. Documento originale Quality Wings Traduzione Emanuele Papa, per EasyFSXItalia.

Dettagli

Pannello remoto per pompe di calore. manuale d installazione - uso -manutenzione

Pannello remoto per pompe di calore. manuale d installazione - uso -manutenzione it Pannello remoto per pompe di calore manuale d installazione - uso -manutenzione DESCRIZIONE TSTI E DISPLY CONTROLLO MIENTE TSTI 5 6 7 mode 1 2 3 4 N Descrizione 1 Sonda di Temperatura e Umidità 2 Tasto

Dettagli

Microsoft Outlook Di Nunziante Esposito. `*************` Quinta parte: Come gestire la rubrica (contatti). `***********`

Microsoft Outlook Di Nunziante Esposito. `*************` Quinta parte: Come gestire la rubrica (contatti). `***********` Microsoft Outlook 2007. Di Nunziante Esposito. `*************` Quinta parte: Come gestire la rubrica (contatti). `***********` Dopo aver preparato al meglio il layout del browser ed aver impostato un account

Dettagli

DIP SWITCH 1-4 LED 2 LED 1. SW1 pulsante di programmazione SEQUENZA DI PROGRAMMAZIONE MODALITÀ FUNZIONAMENTO SCHEDA

DIP SWITCH 1-4 LED 2 LED 1. SW1 pulsante di programmazione SEQUENZA DI PROGRAMMAZIONE MODALITÀ FUNZIONAMENTO SCHEDA MODALITÀ FUNZIONAMENTO SCHEDA SWITCH 1-4 LED 2 LED 1 SW1 pulsante di programmazione Nota: questo è il modo in cui si vedono i con la morsettiera posizionata in alto. Quando il piccolo interruttore bianco

Dettagli

Guida per l utente agli organigrammi cross-browser di OrgPublisher

Guida per l utente agli organigrammi cross-browser di OrgPublisher Guida per l utente agli organigrammi cross-browser di OrgPublisher Sommario Sommario... 3 Visualizzazione di tutorial sugli organigrammi cross-browser pubblicati... 3 Esecuzione di una ricerca in un organigramma

Dettagli

Grafici. 1 Generazione di grafici a partire da un foglio elettronico

Grafici. 1 Generazione di grafici a partire da un foglio elettronico Grafici In questa parte analizzeremo le funzionalità relative ai grafici. In particolare: 1. Generazione di grafici a partire da un foglio elettronico 2. Modifica di un grafico 1 Generazione di grafici

Dettagli

TUTORIAL DIVER OFFICE

TUTORIAL DIVER OFFICE Installazione e avvio del programma TUTORIAL DIVER OFFICE 1. inserire il cd e selezionare install software nella schermata che appare automaticamente. Se la schermata non dovesse apparire, esplorare il

Dettagli

Database Modulo 6 CREAZIONE DI MASCHERE

Database Modulo 6 CREAZIONE DI MASCHERE Database Modulo 6 CREAZIONE DI MASCHERE!1 Per la gestione dei dati strutturati è possibile utilizzare diverse modalità di visualizzazione. Si è analizzata sinora una rappresentazione di tabella (foglio

Dettagli

Il Logger di Magnaghi Piero

Il Logger di Magnaghi Piero Il Logger di Magnaghi Piero Su tutti gli alianti del nostro club sono montati dei logger tipo Colibrì. Questo modello è stato scelto per le sue dimensioni estremamente piccole e per il facile montaggio

Dettagli

TeeJet 834 MANUALE OPERATIVO E DI PROGRAMMAZIONE - v Pag 1 di 8

TeeJet 834 MANUALE OPERATIVO E DI PROGRAMMAZIONE - v Pag 1 di 8 834 MANUALE 834 TeeJet 834 MANUALE OPERATIVO E DI PROGRAMMAZIONE - v1.02 - Pag 1 di 8 Funzione Azione/i Lettura iniziale Lettura successiva Computer: procedura di accensione Accensione Premere il tasto

Dettagli

Catalogo Elettronico Lancia, Fiat e Alfa Romeo Manuale sulla Navigazione

Catalogo Elettronico Lancia, Fiat e Alfa Romeo Manuale sulla Navigazione Catalogo Elettronico Lancia, Fiat e Alfa Romeo Manuale sulla Navigazione Indice Manuale Navigazione per VIN (n di telaio) Navigazione alternativa al VIN Struttura pagine Caratteristiche prodotto Utilizzo

Dettagli

SOLLEVAMENTO E TRASPORTO (UNI ISO :2009)

SOLLEVAMENTO E TRASPORTO (UNI ISO :2009) SOLLEVAMENTO E TRASPORTO (UNI ISO 11228-1:2009) Cliccando sul quinto pulsante in alto della maschera di avvio, verrà avviato il modulo UNI ISO 11228-1 e verrà visualizzata la seguente maschera: Sono presenti

Dettagli

Guida rapida all utilizzo del Software per la LIM. TouchBoard

Guida rapida all utilizzo del Software per la LIM. TouchBoard Guida rapida all utilizzo del Software per la LIM TouchBoard Questa piccola guida mostra in modo semplice le principali caratteristiche del software e l uso delle funzioni principali attivabili attraverso

Dettagli

Manuale D uso MultiBox

Manuale D uso MultiBox Manuale D uso MultiBox COMANDI DELLA MACCHINA 1) INTERRUTORE GENRALE: ruotando l interruttore generale dalla posizione 0 alla posizione 1 il quadro elettrico viene alimentato. 2) PANNELLO TOUCHSCREEN:

Dettagli

Modulo 4 Esercitazione Nr 2 Office 2007

Modulo 4 Esercitazione Nr 2 Office 2007 MODULO 4 : EXCEL ESERCITAZIONE N 2 Dopo aver lanciato in esecuzione il Programma EXCEL eseguire le seguenti istruzioni : 1. Dopo avere rinominato il Foglio 1 col nome GENNAIO, impostare le larghezze delle

Dettagli

Cloud GDrive, Dropbox

Cloud GDrive, Dropbox Cloud GDrive, Dropbox Lezione 3 Lavorare con Dropbox Video Dropbox permette, oltre all'archiviazione di file in rete, di lavorare direttamente all'interno del servizio sul web, attraverso l'uso dell'applicazione

Dettagli

Foglio di calcolo con OpenOffice Calc III

Foglio di calcolo con OpenOffice Calc III Foglio di calcolo con OpenOffice Calc III 1. Scrittura di formule con Autocomposizione Funzione 2. Tabelle Pivot per l'analisi dei dati 1. Scrittura di formule con Autocomposizione Funzione Somme di cifre

Dettagli

NSO Guida di riferimento rapido

NSO Guida di riferimento rapido NSO Guida di riferimento rapido IT 2 3 4 5 6 7 1 16 MOB DISPLAY 1 2 3 4 GHI 5 JKL ABC DEF 6 MNO 7 PQRS 8 TUV 9 WXYZ IN PLOT MARK CHART ECHO OUT GO TO VESSEL RADAR NAV 8 9 10 0 INFO PAGES 15 14 13 12 11

Dettagli

Capitolo 4 servizio batteria di base

Capitolo 4 servizio batteria di base Capitolo 4 servizio batteria di base Questo capitolo riguarda le principali procedure di manutenzione per una batteria, tra cui: accensione dell'unità; l'inserimento dell adattatore per la batteria; selezionamento

Dettagli

Video Scrittura (MS Word) Prima Parte

Video Scrittura (MS Word) Prima Parte Video Scrittura (MS Word) Prima Parte Ripasso/approfondimento: Gestione Cartelle/File Crea una cartella UTE Informatica Base sul Desktop Click destro sul Desktop Posizionarsi su Nuovo Cliccare su Cartella

Dettagli

Manuale Operativo BUSITALIA per le Agenzie

Manuale Operativo BUSITALIA per le Agenzie Manuale Operativo BUSITALIA per le Agenzie 1. Come prima cosa, per operare all interno del sito per prenotazioni o interrogazioni, sarà necessario essere in possesso di una Username e di una Password,

Dettagli

IMPIANTO PNEUMATICO LA FINALITA DI TALE IMPIANTO E QUELLA DI FORNIRE ARIA A PRESSIONE E TEMPERATURA CONTROLLATE AD UNA SERIE DI UTENZE.

IMPIANTO PNEUMATICO LA FINALITA DI TALE IMPIANTO E QUELLA DI FORNIRE ARIA A PRESSIONE E TEMPERATURA CONTROLLATE AD UNA SERIE DI UTENZE. IMPIANTO PNEUMATICO LA FINALITA DI TALE IMPIANTO E QUELLA DI FORNIRE ARIA A PRESSIONE E TEMPERATURA CONTROLLATE AD UNA SERIE DI UTENZE. QUESTE SONO RAGGIUNGIBILI CON UNA RETE DI DISTRIBUZIONE, COMPOSTA

Dettagli

ELBA Assicurazioni S.p.A

ELBA Assicurazioni S.p.A MANUALE OPERATIVO ELBA Assicurazioni S.p.A Requisiti e suggerimenti per l utilizzo di applicativi web ELBA_REQUISITI WEB 1 INDICE MANUALE OPERATIVO 1. REQUISITI DI SISTEMA..3 1.1. REQUISITI NECESSARI PER

Dettagli

HARVIA GRIFFIN INFRA. Centralina di controllo

HARVIA GRIFFIN INFRA. Centralina di controllo HARVIA GRIFFIN INFRA Centralina di controllo 31032009 Le presenti istruzioni per l installazione e l utilizzo sono dirette ai proprietari e agli incaricati della gestione di cabine a infrarossi, radiatori

Dettagli

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. CONTATTO RADIO SU UNICOM A circa 130NM/100NM di distanza dall aeroporto di destinazione dovremmo iniziare la nostra discesa (dipende

Dettagli

Laboratorio di Telecomunicazioni - IIS E.Majorana di Cesano Maderno

Laboratorio di Telecomunicazioni - IIS E.Majorana di Cesano Maderno Introduzione al pacchetto software di simulazione MicroCap 11 Iniziamo a usare Microcap Come primo esempio di utilizzo disegniamo e analizziamo un semplice circuito che consenta di verificare la legge

Dettagli

Questo comando permette di riportare la mappa al livello di zoom e alle coordinate iniziali predefinite. Utilizzo: cliccare sul pulsante.

Questo comando permette di riportare la mappa al livello di zoom e alle coordinate iniziali predefinite. Utilizzo: cliccare sul pulsante. Strumenti standard La barra degli strumenti si trova sopra la mappa. Gli strumenti sono identificati da pulsanti il cui aspetto grafico già di per sè spesso ne descrive la funzione. Sostando con il puntatore

Dettagli

Manuale Sistema di Monitoraggio Retrofit Monofase

Manuale Sistema di Monitoraggio Retrofit Monofase Manuale Sistema di Monitoraggio Retrofit Monofase CONSERVA QUESTO MANUALE IN UN POSTO SICURO! P800SRL Via Valdilocchi, 6/F 19126 La Spezia PI01353280116 REV. 2 DATA 24/11/2016 SOMMARIO INTRODUZIONE...

Dettagli

EASY FSX ITALIA COMUNICAZIONE RADIOFONICA VFR ICAO

EASY FSX ITALIA COMUNICAZIONE RADIOFONICA VFR ICAO EASY FSX ITALIA COMUNICAZIONE RADIOFONICA VFR ICAO Questo documento cercherà di illustrarvi come comunicare via radio in ambiente aeronautico con i vari controllori virtuali soprattutto su IVAO. Prima

Dettagli

TERMINALE EVOLUTO - TABLET ALGIZ 7 - SISTEMA TETRA

TERMINALE EVOLUTO - TABLET ALGIZ 7 - SISTEMA TETRA AAT BRESCIA GUIDA: TERMINALE EVOLUTO - TABLET ALGIZ 7 - SISTEMA TETRA Referenti Radio AAT BRESCIA Mor Michele Pasini Paolo 1 TERMINALE EVOLUTO Ver. 2.8.4 Premere per 5 secondi per accendere il tablet Nessuna

Dettagli

Riscaldamento e ventilazione

Riscaldamento e ventilazione Riscald amen to e ventila zione COMANDI 1. Comandi temperatura. Per impostazioni guidatore/passeggero individuali. 2. Programma di sbrinamento massimo. 3. Distribuzione dell aria. Nota: per ottenere la

Dettagli

U.T.E FOGLIO ELETTRONICO. Università della Terza Età. Sede di Novate Milanese. Corso Informatica Approfondimento. Docente: Giovanni Pozzi

U.T.E FOGLIO ELETTRONICO. Università della Terza Età. Sede di Novate Milanese. Corso Informatica Approfondimento. Docente: Giovanni Pozzi U.T.E Università della Terza Età Sede di Novate Milanese Corso Informatica Approfondimento FOGLIO ELETTRONICO Docente: Giovanni Pozzi FOGLIO ELETTRONICO MS-Excel E un programma che permette di effettuare:

Dettagli

QUADRO IMPIANTO DI VERNICIATURA. 1/53

QUADRO IMPIANTO DI VERNICIATURA.  1/53 QUADRO IMPIANTO DI VERNICIATURA www.essemme.com /53 RIARMO LAVAGGIO CICLOMIX CARICO CICLOMIX FUNZIAM AUT MAN LUCI SALA POMPE LUCI APPASSIM. RESET ALLARMI LUCI RAFFREDD. LUCI CAMPANA F. START CABINE CABINE

Dettagli

MyChron Light MCL Manuale utente

MyChron Light MCL Manuale utente Manuale utente INDICE PRESENTAZIONE... 3 1 Versioni e composizione del kit... 4 2 e le sue parti... 5 2.1 Il Display... 5 2.2 La Tastiera... 5 2.3 Il ricevitore ottico... 5 2.4 Il trasmettitore ottico...

Dettagli

REGOLAZIONE DEI BRACCI PORTAPIATTO SULLE GUIDE DI SCORRIMENTO. 1 LUBRIFICAZIONE VITE APERTURA/CHIUSURA BRACCI E PARTI SOGGETTE A SCORRIMENTO.

REGOLAZIONE DEI BRACCI PORTAPIATTO SULLE GUIDE DI SCORRIMENTO. 1 LUBRIFICAZIONE VITE APERTURA/CHIUSURA BRACCI E PARTI SOGGETTE A SCORRIMENTO. SOMMARIO 1. REGOLAZIONE DEI BRACCI PORTAPIATTO SULLE GUIDE DI SCORRIMENTO... 1 2. LUBRIFICAZIONE VITE APERTURA/CHIUSURA BRACCI E PARTI SOGGETTE A SCORRIMENTO... 2 3. VERIFICA DELLO STATO DI USURA E CORRETTO

Dettagli

Manuale d uso DropSheep 4 imaio Gestione Pixmania-PRO Ver 1.1

Manuale d uso DropSheep 4 imaio Gestione Pixmania-PRO Ver 1.1 Manuale d uso DropSheep 4 imaio Gestione Pixmania-PRO Ver 1.1 Release NOTE 1.1 Prima Versione del Manuale INDICE 1-INTRODUZIONE... 4 2- GESTIONE DEL CATALOGO PIXMANIA-PRO SU IMAIO... 5 3-Configurazione

Dettagli

MotionX: COME UTILIZZARLO, MARCARE I PUNTI E INVIARLI

MotionX: COME UTILIZZARLO, MARCARE I PUNTI E INVIARLI MotionX: COME UTILIZZARLO, MARCARE I PUNTI E INVIARLI a) Scaricare il software MotionX si può scaricare direttamente dal proprio iphone o ipad (da App Store) e si autoinstalla. È in inglese e costa 1,79.

Dettagli

Giraff Guida pratica all utilizzo di Giraff e di Giraff Pilot

Giraff Guida pratica all utilizzo di Giraff e di Giraff Pilot Giraff Guida pratica all utilizzo di Giraff e di Giraff Pilot 1 Indice Accensione pag. 3 Trasporto pag. 3 Accessori in dotazione pag. 4 Installazione di Giraf Pilot pag. 4 Avviare l applicazione pag. 6

Dettagli

Capitolo 2. Figura 21. Inserimento dati

Capitolo 2. Figura 21. Inserimento dati Capitolo 2 INSERIMENTO DI DATI In ogni cella del foglio di lavoro è possibile inserire dati che possono essere di tipo testuale o numerico, oppure è possibile inserire formule le quali hanno la caratteristica

Dettagli

N.2 INGRESSI DI TEMPERATURA

N.2 INGRESSI DI TEMPERATURA DISPLAY GRAFICO 128x64 pixels ALIMENTAZIONE TRAMITE BATTERIA Li-Ion INTERNA RICARICABILE DURATA BATTERIA CIRCA 80 ORE DI FUNZIONAMENTO CONTINUO CON TUTTI I SENSORI COLLEGATI PREDISPOSIZIONE PER COLLEGAMENTO

Dettagli

Scegli l attività che intendi svolgere e clicca con il tasto sinistro del mouse sull argomento (esempio figura 2)

Scegli l attività che intendi svolgere e clicca con il tasto sinistro del mouse sull argomento (esempio figura 2) Figura 1 Clicca qui con il tasto Una volta scaricati i materiali di studio e averli studiati o almeno letti.! scegli l argomento da trattare, clicca con il tasto sull argomento stesso come descritto nell

Dettagli

Personalizzare il desktop - sfondo e screen saver

Personalizzare il desktop - sfondo e screen saver 1 di 5 06/09/2009 20.49 WI DOWS VISTA Personalizzare il desktop - sfondo e screen saver IMPOSTARE LO SFO DO DEL DESKTOP Sei stanco di vedere il solito sfondo quando accendi il computer? Bene, è giunto

Dettagli

ISPEZIONI PREVOLO (VIA DALL'ELICA) ON VERIFICA POMPA CARBURANTE MANOMETRO VERIFICA POSIZIONE SE DX O SX

ISPEZIONI PREVOLO (VIA DALL'ELICA) ON VERIFICA POMPA CARBURANTE MANOMETRO VERIFICA POSIZIONE SE DX O SX MANUALE DI VOLO PESO E CENTRAGGIO CINTURE DI SICUREZZA COMANDI DI VOLO BREAKERS MANETTA MOTORE MAGNETI MOTORE CHIAVE INTERUTTORE GENERALE SPIA GENERATORE E POMPA CARBURANTE POMPA CARBURANTE SELETTORE AZIAMENTO

Dettagli

Osservatorio di Bassano Bresciano Manuale TCS2009

Osservatorio di Bassano Bresciano Manuale TCS2009 Pag.1/10 1 TCS2009 revisione 2.1... 2 1.1 Attività generali... 2 1.2 La console... 3 1.3 La pagina principale... 4 1.4 Pagina di puntamento... 5 1.5 Pagina di allineamento... 6 1.6 Pagina di monitor motori...

Dettagli

LA FORMATTAZIONE Impostare la pagina, i paragrafi e il corpo del testo

LA FORMATTAZIONE Impostare la pagina, i paragrafi e il corpo del testo LA FORMATTAZIONE Impostare la pagina, i paragrafi e il corpo del testo Prima di apprestarsi alla stesura del documento è opportuno definire alcune impostazioni riguardanti la struttura della pagina, dei

Dettagli

Via Kennedy, 2/B RIESE PIO X ( TV ) Tel Fax manuale d uso

Via Kennedy, 2/B RIESE PIO X ( TV ) Tel Fax manuale d uso Via Kennedy, 2/B - 31039 RIESE PIO X ( TV ) Tel. 0423-750120 - Fax 0423-454757 www.saldotech.it - info@saldotech.it manuale d uso CONTROLLO DI SALDATURA MICRO 8 PER PUNTATRICE SU COLONNA Pagina 01/07 LEGENDA

Dettagli

TAPIS ROULANT ELETTRICO CUSCAR 1603

TAPIS ROULANT ELETTRICO CUSCAR 1603 TAPIS ROULANT ELETTRICO CUSCAR 1603 Grazie per aver acquistato un nostro prodotto. Leggi questo manuale attentamente prima di utilizzare il tapis roulant. 1. ATTENZIONE Per evitare incidenti, leggi il

Dettagli

Procedure base per il volo con l MB339 OVT

Procedure base per il volo con l MB339 OVT Procedure base per il volo con l MB339 OVT Introduzione Le procedure qui descritte si applicano all Aermacchi MB339 OVT con Patch installata. E consigliato lo studio preliminare del manuale dell MB339

Dettagli

FMC. 737 Next Generation PMDG. Flight Management Computer. Tutorial. Pagina 1 di 31

FMC. 737 Next Generation PMDG. Flight Management Computer. Tutorial. Pagina 1 di 31 PMDG 737 NG FMC Versione 1.0 C. Tutorial by Valtur Creato da: Marco 737 Next Generation PMDG Flight Management Computer Tutorial Pagina 1 di 31 Questo tutorial è stato realizzato al fine di fornire una

Dettagli

Excel. Il foglio di lavoro. Il foglio di lavoro Questa viene univocamente individuata dalle sue coordinate Es. F9

Excel. Il foglio di lavoro. Il foglio di lavoro Questa viene univocamente individuata dalle sue coordinate Es. F9 Excel Un foglio di calcolo o foglio elettronico è un programma formato da: un insieme di righe e di colonne visualizzate sullo schermo in una finestra scorrevole in cui è possibile disporre testi, valori,

Dettagli

1.1 Caratteristiche tecniche

1.1 Caratteristiche tecniche Centrale gestione led RGB art. 3.RGB.LM/S Gentile cliente nel ringraziarla per avere scelto un nostro prodotto la preghiamo di leggere attentamente questo manuale prima di iniziare l installazione. DESCRIZIONE

Dettagli

Power and productivity for a better world TM. 1. Istruzioni per l impostazione dei parametri 2. 1.1 Esempi di tarature richieste da CEI 0-16 4

Power and productivity for a better world TM. 1. Istruzioni per l impostazione dei parametri 2. 1.1 Esempi di tarature richieste da CEI 0-16 4 Medium Voltage Products REF601 Procedure impostazione parametri e reset 1. Istruzioni per l impostazione dei parametri 2 1.1 Esempi di tarature richieste da CEI 0-16 4 2. Istruzioni per la procedura di

Dettagli

Guida dell'utente. Tensione Modello A /Calibratore corrente

Guida dell'utente. Tensione Modello A /Calibratore corrente Guida dell'utente Tensione Modello 412355A /Calibratore corrente Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il calibratore corrente/tensione Extech. Il Modello 412355A può misurare e rilevare la

Dettagli

Spie SPIE E INDICATORI BATTERIA IN CARICA (ROSSA) FRENI (ROSSA) PROVA LAMPADINE MESSAGGIO DI AVVERTENZA CRITICA (COLORE ROSSO)

Spie SPIE E INDICATORI BATTERIA IN CARICA (ROSSA) FRENI (ROSSA) PROVA LAMPADINE MESSAGGIO DI AVVERTENZA CRITICA (COLORE ROSSO) R Spie SPIE E INDICATORI Non ignorare le spie o gli indicatori. Prendere gli opportuni provvedimenti non appena possibile. Il mancato rispetto di questa precauzione può provocare lesioni gravi o letali,

Dettagli

Capitolo 18 - Progetto DWG Creazione del layout di stampa

Capitolo 18 - Progetto DWG Creazione del layout di stampa Capitolo 18 - Progetto DWG Creazione del layout di stampa Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma,

Dettagli

Scopo di questa prima parte del tutorial è di illustrare una procedura per rendere trasparente lo sfondo di una immagine.

Scopo di questa prima parte del tutorial è di illustrare una procedura per rendere trasparente lo sfondo di una immagine. di Barbara Cricchio - G2 Scopo di questa prima parte del tutorial è di illustrare una procedura per rendere trasparente lo sfondo di una immagine. Prima Dopo La prima operazione da compiere è : Aprire

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI DELLE SCUOLE PUBBLICHE A GESTIONE PRIVATA ECDL, LA PATENTE EUROPEA PER L USO DEL COMPUTER GUIDA SINTETICA

CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI DELLE SCUOLE PUBBLICHE A GESTIONE PRIVATA ECDL, LA PATENTE EUROPEA PER L USO DEL COMPUTER GUIDA SINTETICA M ECDL ECDL, LA PATENTE EUROPEA PER L USO DEL COMPUTER LA POSTA ELETTRONICA Parte Generale GUIDA SINTETICA 1 - Primi passi Aprire il programma di posta elettronica Outlook Express Aprire la cassetta delle

Dettagli

SmartLF CX40 scanner utilities

SmartLF CX40 scanner utilities SmartLF CX40 scanner utilities Sommario Introduzione...3 Revisioni...3 Esecuzione in modalità utente...4 La modalità di servizio...5 Aggiornamento via Internet di firmware e/o driver...6 Aggiornamento

Dettagli

SendMed Client v Manuale d uso-

SendMed Client v Manuale d uso- 1/22 SendMed Client v. 1.0 -Manuale d uso- 2/22 Indice 1) Introduzione...3 2) Installazione...4 3) Prima dell avvio di SendMed Client...7 4) Primo Avvio: Inserimento dei Dati....8 5) Login SendMed...9

Dettagli

Tutorial autopilota e procedure (versione del tutorial: v1.0b)

Tutorial autopilota e procedure (versione del tutorial: v1.0b) Topflightaustin.com MD-80 Series per X-Plane Tutorial autopilota e procedure (versione del tutorial: v1.0b) a cura di Claudio Fogliato Introduzione Questo tutorial ha lo scopo di integrare il manuale a

Dettagli

CENTRALINE CARATTERISTICHE TECNICHE:

CENTRALINE CARATTERISTICHE TECNICHE: CENTRALINE CARATTERISTICHE TECNICHE: PRESSIONE DI UTILIZZO: DA 1 A 10 BAR ALIMENTAZIONE: BATTERIA ALKALINA 9 V (TIPO 6LR61) DISPOSITIVO ANTIALLAGAMENTO: CHIUSURA AUTOMATICA IN CASO DI BATTERIA SCARICA

Dettagli

LEZIONE 4. Per semplificarne la comprensione della tastiera possiamo suddividere i tasti in diversi gruppi in base alla funzione che possono svolgere:

LEZIONE 4. Per semplificarne la comprensione della tastiera possiamo suddividere i tasti in diversi gruppi in base alla funzione che possono svolgere: LEZIONE 4 La tastiera è lo strumento principale per l'immissione di informazioni nel computer, ma non tutti sanno, però, che è possibile utilizzare la tastiera anche per controllare il computer e i vari

Dettagli

Istruzioni di Utilizzo Modulo

Istruzioni di Utilizzo Modulo Istruzioni di Utilizzo Modulo Gestione Ristoranti Aprire Dynamic Front Store, apparirà la seguente schermata: NOTA: Per usufruire del tema per Ristoranti su Front Store, eseguire i seguenti passaggi. Da

Dettagli

1 Installazione Software Panel Control

1 Installazione Software Panel Control INTRODUZIONE Panel Control è il software di supervisione di centrali di allarme Bentel Absoluta. Permette di caricare mappe grafiche su più livelli e di gestire in modo semplice e intuitivo gli eventi

Dettagli

Via Oberdan, 42, 48018 Faenza (RA) Italy Tel.: ++39-0546-677111 Fax: ++39-0546-677577 E-mail: support_ahd@eu.irco.com WAVE MODE MOBILE GUIDA RAPIDA

Via Oberdan, 42, 48018 Faenza (RA) Italy Tel.: ++39-0546-677111 Fax: ++39-0546-677577 E-mail: support_ahd@eu.irco.com WAVE MODE MOBILE GUIDA RAPIDA Via Oberdan, 4, 4808 Faenza (RA) Italy Tel.: ++9-0546-677 Fax: ++9-0546-677577 E-mail: support_ahd@eu.irco.com WAVE MODE MOBILE GUIDA RAPIDA * tasti con doppia funzionalità : dipende dalla modalità di

Dettagli

HTS-VOICE Aggiornamento e Programmazione tramite HPP-22

HTS-VOICE Aggiornamento e Programmazione tramite HPP-22 HTS-VOICE Aggiornamento e Programmazione tramite HPP-22 Per sfruttare al massimo il modulo vocale HTS-Voice è necessario aggiornare l unità alla versione 1.03 (se riechiesto) e programmare il modulo tramite

Dettagli

Iridium 9555. Manuale Aggiornamento Firmware HT10001

Iridium 9555. Manuale Aggiornamento Firmware HT10001 Manuale Aggiornamento Firmware HT10001 PRIMA DI EFFETTUARE L AGGIORNAMENTO P: 01 Prima di procedere con l aggiornamento del terminale, verificare che la versione del fimware sia precedente alla release

Dettagli