CAPITOLO 1 LA NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 1 LA NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE"

Transcript

1 CAPITOLO 1 LA NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE Approach This chapter is intended as an introduction to the topic of management accounting. The amount of technical material in the chapter is not great, so probably not much class discussion of the text itself is required. The classification of management accounting information is intended to lessen the confusion that arises because different cost constructions are used for different purposes. We suggest that the threefold distinction be emphasized here, and that it be repeated often in subsequent chapters. Problema 1.1 Andersi SpA Il report: (1) contiene informazioni non monetarie (sul numero di commesse e sul numero di gg. uomo utilizzati), (2) contiene informazioni sul futuro ( programmate ) e non solo consuntive (cioè sul passato), (3) è opzionale (non e richiesto dal codice civile e/o dai principi contabili e non è necessario per redigere il bilancio), (4) focalizza una porzione dell impresa (il reparto servizi), (5) ha un enfasi inferiore sulla precisione (i valori sono arrotondati all unità), e (6) non rappresenta un fine in sé (è utile solo nella misura in cui il management lo utilizza proficuamente). Nota: Se il docente lo ritenesse opportuno, potrebbe chiedere agli studenti di discutere i valori per interpretare la performance del reparto. Senza alcun background gli studenti possono individuare questioni legate al volume produttivo, alle difficoltà di adeguare il costo del lavoro al volume e all aumento del costo del lavoro. Problema 1.2 Patrioti Acciai 1. (1) Configurazione di costo differenziale (4) Configurazione di costo pieno (2) Configurazione di costo pieno (5) Configurazione di costo differenziale (3) Configurazione di costo per CdR (6) Configurazione di costo per CdR on quantitative, non contabili, operative, di bilancio (il docente può ampliare la discussione aggiungendo specificità). Problema 1.3 Piccolo Comune 1. (1) Configurazione di costo pieno (4) Configurazione di costo per CdR (2) Configurazione di costo differenziale (5) Configurazione di costo differenziale (3) Configurazione di costo pieno (4) Configurazione di costo per CdR 2. Non quantitative, non contabili, operative, di bilancio 1

2 Problema 1.4 Banca di Romagna 1. La domanda importante sembra essere: perché il responsabile della filiale non è risuscito a raggiungere gli obiettivi programmati in termini di contatti preliminari con potenziali clienti? E questo il motivo principale che spiega l incapacità di conseguire gli obiettivi riguardanti l apertura di nuovi conti corrente e ottenere i volumi di deposito programmati? 2. E possibile attribuire al risparmio in pubblicità il fallimento nel conseguire la crescita programmata in termini di nuove aperture di conto corrente e di volume dei depositi? 3. Il risparmio di in stipendi e salari è forse la conseguenza di avere avuto a disposizione nel periodo un dipendente in meno dell organico necessario? Se così, potrebbe essere stato questo il motivo che ha negato al manager il raggiungimento dei valori programmati? 4. Perché i ricavi sono stati più bassi del previsto? 5. Il responsabile della filiale ha posto maggiore enfasi sui prestiti piuttosto che sulla raccolta? Nota: Il responsabile della filiale dovrebbe preoccuparsi della sua performance. Lo scostamento positivo di reddito ( 1.836), infatti, è riconducibile al risparmio di al più basso costo del lavoro, non a una migliore efficacia sull esterno che è invece peggiorata. Perché non è riuscito a raggiungere i target programmati di nuove aperture di conti corrente e di volume dei depositi? 2

3 CAPITOLO 2 LA CLASSIFICAZIONE DEI COSTI IN FUNZIONE DEL LORO COMPORTAMENTO Approach We are retaining our approach of putting all C-V-P topics in a single chapter because apparently many schools marketing and management accounting core courses start simultaneously, and marketing likes to have break-even analysis covered early in the management accounting course. Also, if there are students in the course with work experience or, in the case of MBA courses, with some undergraduate cost accounting background, they will want to raise right away the more detailed and subtle cost behavior issues. Nevertheless, we have structured the chapter so that instructors wishing to retain the earlier editions' approach can do so simply by assigning only the sections preceding ''Cost Assumptions" initially; then the rest of the chapter can be assigned just before Chapter 14. One of the common sources of confusion about fixed costs and variable costs is the fact that fixed costs are fixed in total but vary per unit, whereas variable costs vary in total, but are fixed per unit. It is important, therefore, that the discussion always be clear as to whether the context is total cost or unit cost. When talking about unit costs, I try to remember always to precede "fixed" with the adjective average. The text takes the view that items of cost can be classified as essentially fixed, variable, semivariable, or step-function, and that semivariable costs can be classified into fixed and variable components. Students who wish to nitpick can point out items of cost for which these simple linear relationships do not hold, even within a relevant range, but the importance of these items should be played down. In practice, it is often sufficiently accurate to use only the fixed/variable dichotomy, especially for time horizons of a year or less. The student should not get the impression that the linear relationships described in the chapter are a gross oversimplification; they in fact fit many real-life situations within relevant (i.e., normal operating) ranges. Problema 2.1 Corso di formazione A = Costi fissi; B = variabili; C = semivariabili; D = a gradino Materiali diretti: variabili (determinante del costo o driver: il numero di allievi) Ammortamento: fissi (non variano con il numero di allievi) Cianografie e manuali: semivariabili Utilities: semivariabili (la componente variabile cresce con il numero di allievi) Problema 2.2 Libreria Domanda 1 Costo di un libro usato: variabile Stipendi prime due persone: fisso Stipendio terza persona: semivariabile Locazione: fisso Riscaldamento: fisso 3

4 Costo di un libro nuovo: variabile Domanda 2: Il costo di un libro nuovo è: 30/1,25 = 24. Il costo di un libro medio o libro equivalente assumendo l ipotesi fatta di mix di vendita è dunque: 24 x 0,7 + 7 x 0,3 = 16,8 + 2,1 = 18,9 mentre il prezzo medio unitario di vendita è: 30 x 0, x 0,3 = 27 Il costo variabile unitario totale è pertanto: 18,9 + 0,1 = 19,0/libro I costi fissi sono: x = Si ha, pertanto (nell ipotesi di mix di vendita qui assunta): Costi totali = x numero di libri venduti Nel caso più generale (non conoscendo cioè il mix di vendita) l equazione è invece: Costi totali = x numero di libri nuovi venduti + 7 x numero di libri usati venduti + 0,1 x (numero libri totali venduti) Domanda 3: Nel caso del mix di vendita ipotizzato si ha: Reddito operativo = Ricavi totali Costi totali, ove: Ricavi totali = 27 x numero totale libri venduti Costi totali (sopra calcolati) = x numero di libri equivalenti venduti Nel caso più generale si ha invece: Ricavi totali = 30 x numero libri nuovi venduti + 10 x numero libri usati venduti Costi totali (sopra calcolati) = x numero di libri nuovi venduti + 7 x numero di libri usati venduti + 0,1 x (numero libri totali venduti) 4

5 CAPITOLO 3 IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE E LE RELAZIONI FRA REDDITO E VOLUME Problema 3.1 Doyle Candy Srl olume di pareggio = Costi fissi /Margine unitario di contribuzione = / ( 9,60-5,76) = / 3,84 = scatole argine di contribuzione % attuale = 3,84 / 9,60 = 40%. In generale, indicando con MCP il margine percentuale di contribuzione, con CVU il costo variabile unitario di produzione e con PV il prezzo di vendita si ha: dunque: MCP = PV CVU PV PV = CVU 1 MCP Con un incremento del 15% dei costi variabili di produzione (da 4,8 a 5,52) si ha un costo variabile complessivo di 6,48 e quindi: PV = , 40 = , 60 = 10, onto economico di previsione: Ricavi ( x 9,60) Costi variabili ( x 5,76) Margine di contribuzione Costi fissi Reddito ante imposte Imposte (40%) Reddito netto ndicando con X le quantità vendute e con CF i costi fissi si ha: 5

6 Reddito ante imposte = (PV - CVU) x X - CF. Nel caso nostro: = ( 9,60 6,48) x X ,12 x X = X = scatole Ricavi = 9.60 = Si osservi che fintantoché l aliquota d imposta sul reddito rimane costante il suo valore è inessenziale per rispondere alla domanda. 6

7 Problema 3.2 San Giacomo Salumi Dati di input: Capacità produttiva giornaliera (q.li/g.) 30 Giorni lavorativi in un anno 220 Q.li /anno di mortadella venduti Potenziale di mercato dei wurstel (q.li/anno) Incremento potenzialità max impianto con straordinario (%) 10% Costi fissi totali ( ) Mortadella: Prezzo unitario di vendita al Kg ( ) 5,00 Costo variabile unitario al Kg ( ) 3,00 Wurstel: Prezzo unitario di vendita al Kg ( ) 3,50 Costo variabile unitario al Kg ( ) 2,50 Incremento costo variabile unitario wurstel sopra 2600 q.li ( /kg) 0,25 Costi fissi incrementali annui per la produzione dei wurstel ( ) Calcoli: Utile con sola mortadella: MdC unitario mortadella ( /kg) 2,00 MdC totale ( ) (2 x 4000 x 100) Utile con sola mortadella ( ) ( ) Capacità annua senza straordinario (q.li) (30 x 220) Incremento max capacità con straordinario (q.li/anno) (6600 x 0,1) 660 Utilità di produrre wurstel: MdC unitario wurstel senza straordinario ( /kg) 1,00 MdC wurstel primi 2600 (q.li) ( ) x 100 x 1) MdC unitario wurstel con straordinario ( /kg) 0,75 MdC ulteriore necessario al pareggio ( ) ( ) Q.li ulteriori di wurstel necessari per il pareggio (40000/(0,75 x100) 533 Q.li totali di wurstel per il pareggio ( ) Q.tà di wurstel che massimizza il reddito dell'impresa (q.li) MdC con 3260 q.li di wurstel ( x 0,75 x 100) Costi fissi incrementali annui per la produzione dei wurstel ( ) Utile differenziale wurstel Utile max azienda x (pr - 3) x x (pr -3,25) x = 0 Prezzo di vendita della mortadella per l'indifferenza 4,23 Riduzione % del prezzo di vendita della mortadella (5-4,23)/5 x ,5% MdC prodotto equivalente (senza straordinario): Volume % mortadella 60 Volume % wurstel 40 MdC prodotto equivalente (2 x 60 / x 40 /100) 1,60 Punto di pareggio (q.li) (( )/(1,6 x 100)

8 Problema 3.3 Pizzeria di Roberto Vecchi ssumendo che il costo del venduto sia il solo elemento di costo variabile si ha: Volume di pareggio = Costi fissi = pizze margine unitario di contribuzione 241,360 92, ,960 = = * 5.95 * / 8,50 = pizze: / = 2,55 di costi variabili per pizza osti fissi finanziari = Costi fissi totali - ammortamento = ( ) = Il punto di pareggio finanziario è pertanto ,95 = pizze. Tuttavia, volendo essere più precisi, è possibile tenere conto anche del beneficio fiscale degli ammortamenti. In altri termini, fra i flussi di cassa è possibile considerare anche quello derivante da un eventuale recupero a tassazione, dunque minori imposte da pagare (anche se in realtà questo flusso produce i suoi benefici nell anno successivo a quello della perdita). Per il pareggio finanziario è necessario che il MdC totale (flusso in entrata) + il recupero a tassazione derivante dalla perdita (minore esborso dunque equivalente a un flusso in entrata) sia pari all esborso per costi fissi finanziari ( ). Indicando con X il volume di pareggio finanziario, con CFT i costi fissi totali, con CFF quelli finanziari e con AMM l ammortamento si ha pertanto: X 5,95 + (5,95 X CFT) 0,3 = CFF e quindi: X 5,95 + (5,95 X (CFF + AMM)) 0,3 = CFF X 5,95 (1-0,3) + (CFF + AMM) 0,3 = CFF da cui: sicché: X = , da cui X = pizze. In corrispondenza a tale volume di vendita il conto economico è, infatti, il seguente: Ricavi CdV MdC Costi fissi finanziari Ammortamento Risultato ante imposte Recupero a tassazione MdC + recupero a tassazione Costi fissi finanziari

9 E da rilevare che un volume di produzione di pizze consente il pareggio finanziario solo nell ipotesi che l azienda realizzi nell esercizio successivo un reddito pari almeno a in modo da rendere possibile il recupero a tassazione dei Produrre stabilmente pizze genererebbe invece una differenza fra esborsi e incassi di l flusso di cassa derivante dallo svolgimento delle attività (denominato flusso di cassa della gestione corrente) è pari al reddito netto + gli ammortamenti + eventuali altri costi non finanziari +/- la variazione del capitale circolante. In questo caso non ci sono informazioni sui crediti, sulle rimanenze e sul debito verso fornitori (la pizzeria incassa i ricavi per contante; le rimanenze di magazzino e il debito verso fornitori appaiono trascurabili) sicché l ammortamento è la sola rettifica da fare per passare dal reddito al flusso di cassa. Tale flusso è dunque pari a = , valore che consente a Roberto Vecchi un prelievo a uso personale rimanendo una cassa di ( ) l modo più semplice di affrontare il problema è considerare l obiettivo di reddito ante imposte come un costo fisso. Poiché l obiettivo di reddito netto è , allora il reddito ante imposte è % = Aggiungendo questo importo a di costi fissi si ha un totale di Il volume richiesto di pizze è pertanto / 5,95 = pizze olti dei costi sono fissi. Occorre pertanto conseguire un alto volume di vendita prima di iniziare a produrre reddito. Una volta che questa condizione sia stata raggiunta (punto di pareggio) ogni unità venduta contribuisce al profitto con un contributo di 5,95, producendo cambiamenti di reddito percentualmente alti perché il reddito in corrispondenza del punto di pareggio è zero, mentre l aumento (per ogni nuova pizza venduta) di 8,50 dei ricavi è piccolo in proporzione ai ricavi corrispondenti al punto di pareggio a causa dell alto volume dei ricavi necessario al pareggio l flusso di cassa della gestione corrente eccede di il reddito poiché l ammortamento (un costo che riduce il reddito) è un costo non finanziario, che non produce cioè alcun esborso. 9

10 CAPITOLO 4 I COSTI PIENI E IL LORO IMPIEGO This chapter introduces the general concept of cost and describes, in a preliminary way, methods of recording costs in an accounting system. Some of the problems that many students seem to have are: 1. Students think that there is such a thing as "the" cost. They don't realize that the measurement of cost always relates to some specific cost object, and that what is an item of cost for one cost object may not be at all relevant for another cost object. As one way of overcoming this misconception, we have emphasized the idea of "cost object" from the outset. 2. Students think in terms of product costs. This is because in financial accounting the students' principal contact with "cost" was in connection with measuring inventory cost and cost of goods sold. They therefore fail to appreciate that products (literally "goods") are only one of a number of possible cost objects. They think, for example, that direct material and direct labor are always relevant costs, and that the word "direct" means that the material and labor are directly associated with the product, whereas for certain cost objects (e.g., advertising), direct material and direct labor are inappropriate terms. Furthermore, an item of cost may be direct to a certain cost object, such as the cost of a department or responsibility center, even though the item is indirect with respect to a product manufactured in that responsibility center. It is true that we do focus on product costs in Chapters 4 and 5, but the definitions and statements are made broad enough so that they can be used without modification when other cost objects are discussed. 3. Students think that the definitions are applied more precisely in practice than actually is the case. They tend to regard an item of cost as being direct labor only if they can visualize the worker as physically touching the product, for example. We do not attempt to describe the wide diversity that exists in actual practice because this diversity tends to confuse beginning students. The point is that students should not be overly concerned about drawing a fine line between direct and indirect costs, or between manufacturing and nonmanufacturing costs. We have decided not to stress the idea that cost is a "sacrifice," which is central to many definitions of cost. The word "sacrifice" implies something bad, something to be avoided, whereas a company gladly incurs a cost when it believes it will receive a revenue or some other benefit by doing so. We think it more meaningful to students to think of cost as measuring the use of resources. They should visualize the resources themselves the physical material, the hours of labor service and think of costs as being monetary measures of how much of these resources were used for a given cost object. In general, we think it desirable to use the word "product" as referring either to a good or to a service; that is, products are the sum of goods and services. We cannot do this uniformly, however, because the term "product cost" is in widespread use, whereas in the above terminology it really should be "goods cost." (This is a small point, but it can create confusion if not properly handled. The author of this paragraph did not comprehend the distinctions made above until many years after he had completed his first course in cost accounting.) The description of the cost flow through a pen factory is a central part of the pedagogy. Students should be able to explain each line on the flowchart and each of the related journal entries. We have tried to avoid the twin dangers of, on the one hand, being critical of cost accounting because 10

11 it does not yield costs that are entirely "true" or "accurate" and, on the other hand, creating the impression that cost accounting does in fact provide true and accurate costs. Students tend to go too far toward one or the other of these extremes, and it is difficult for them (as well as for many managers) to take the appropriate middle ground. This middle ground, we believe, is that although it is impossible to measure the costs of a cost object with absolute accuracy whenever indirect costs exist, it is nevertheless possible to measure costs with sufficient accuracy so that they are useful to management for many purposes. Managements would not continue to spend large amounts of money in the operation of cost accounting systems if they did not believe that the results were worthwhile. In recent years, full-cost pricing is being given an increasing amount of attention, for a number of reasons the growth of cost-reimbursement pricing in hospitals and in government relationships of various types, the fact that some foreign producers have been found to have sold goods in the U.S. at less than full cost, and the growth in the understanding that business has a social responsibility to set "fair" prices, that is, prices that do not produce extraordinarily high profits. Students who have been exposed to economics should also realize that contribution pricing is not slighted. As the text states, this topic is discussed in depth in Chapter 14, where it belongs, and in this discussion a distinction is drawn between situations in which full-cost pricing is appropriate and situations in which contribution pricing is appropriate. Of course, if students have not been exposed to a course in economics of the type implied above, then this problem will not even arise. It is desirable that the relationship between profit and assets employed be emphasized. This relationship was introduced in Chapter 13, and it will come up several times in later chapters in this book. It is not an easy relationship to grasp (especially the relationship between profit percentage, asset turnover, and return on investment), but once the student understands it, he or she has a model that explains how the parts of a business, and decisions on these parts, relate to one another. Since the general public (including newspaper stories and television news programs) tends to think of profits as a percentage of sales, it is not easy to get students to think in terms of the broader and more valid concept of return on investment. Any discussion of pricing necessarily includes a discussion of profit.. Some students are emotionally antagonized by the basic concept of profit; they confuse "profit" and "profiteering," or they have the impression that business extracts an unconscionable amount of profit from the consumer. If they are to understand what normal pricing practices actually are, they must overcome this emotional block. It is hoped that the reiteration of the point that a business must earn a reasonable return on its investment if it is to survive may help in overcoming this block. 11

12 Problema 4.1 Martini Srl (valori x 1.000) Rimanenze di materiali diretti Saldo al 1 settembre Prelievi di materiali diretti Acquisti A bilanciare Saldo al 1 ottobre Rimanenze di semilavorati Saldo al 1 settembre Costo dei beni prodotti Materiali diretti A bilanciare Manodopera diretta Costi generali Saldo al 1 ottobre Rimanenze di prodotti finiti Saldo al 1 settembre Costo del venduto Costo dei beni prodotti A bilanciare Saldo al 1 ottobre Problema 4.2 Burtis SpA Costo del venduto 235 Calcolo del prezzo normale di vendita assumendo di continuare a utilizzare il costo pieno: 2010 Aument 2011 o Materiali diretti... 4,00 0,48* 4,48 Manodopera diretta... 7,00 7,84 0,84* Costi generali di produzione... 4,80 5,40 0,60** Costi generali e di vendita... 3,50 0,00 3,50 Costo pieno... 19,30 1,92 21,22 Reddito (10%)... 1,93 0,19 2,12 Prezzo di vendita... 21,23 2,11 23,34 (*) Incremento del 12% di materiali diretti (0, 12 x 4,00 = 0.48) e manodopera diretta (0,12 x 7,00 = 0,84) (**) Un aumento totale di se riferito a un aumento di volume di unità corrisponde a un aumento di 0,60/unità. 12

13 Problema 4.3 Studio legale Stefano Bruno 1. Compenso orario = Costi totali reddito atteso ore = 60,00 per ora 2. Ricavi, Costi Reddito Problema 4.4: Valade Srl 13

14 CAPITOLO 5 ULTERIORI ASPETTI DEI SISTEMI DI DETERMINAZIONE DEI COSTI Approach Our treatment of job costing and process costing is as brief as we can make it and still get the general points across. Students do need to understand the general idea of these cost accumulation procedures; otherwise they are unable to visualize how costs are actually collected. The details. however. are appropriately left for an advanced course. The principal pedagogical problem here is how to get across the idea of equivalent production in process costing. Some introductory texts omit this idea. but this strikes us as dangerous because some student is almost sure to ask what happens in a process cost system if not all the units are completed by the end of the period. If the answer is not in the text. the instructor either has to duck the question. or attempt the difficult task of explaining it on the spot. In the text and in most problems. we assume that units are 50 percent completed as to labor and overhead. Since this assumption is widely used in practice. we see no point in complicating the text by introducing other percentages. Certainly. the most difficult part of this chapter is the section on development of coefficiente di allocaziones. In our experience. mastery of this material greatly reduces the omnipresent problems students have later with production overhead variances. We also find in this regard that students need to be referred back to the text section. Why Coefficiente di allocaziones Are Predetermined. especially in later discussions of the overhead volume variance. We have placed emphasis on the flexible overhead budget to help minimize these learning difficulties. Problema 5-1 Elioni Spa 1. Coefficiente di allocazione: Costi generali di produzione Valore della manodopera diretta = = 1,50 per di manodopera diretta Rimanenze di semilavorati Rimanenze di materiali diretti Manodopera diretta Costi generali di produzione (6.600 x 1.50) Costi generali 1.50/ora di manodopera diretta Costi generali effettivi Sovra-assorbiti

15 Problema 5-2 Rossi Spa Ripartizione dei costi Centri di costo A B C (a) Luce, gas e acqua (b) Ammortamenti: Immobile Arredi e infissi Impianti e macchinari (c) Assicurazione: Rimanenze di merci Immobile Arredi e infissi Impianti e macchinari (d) Manutenzione immobile Manutenzione macchinari (e) Spese telefoniche Totali (a) Calcoli Gas, acque e luce: base di allocazione metri cubi: A B C metri cubi 6/10 x = A 2/10 x = B 2/10 x = C (b) Ammortamento immobile: base di allocazione metri quadrati: A B C metri quadrati 48/60 x = A 6/60 x = 300 B 6/60 x = 300 C Ammortamento arredi e infissi: 75% di 800 = 600 B 25% di 800 = 200 C 15

16 (c) Assicurazione: base di allocazione metri quadrati immobile: 48/60 x = A 6/60 x = 130 B 6/60 x = 130 C Assicurazione su Rimanenze: metà B; metà A (d) Assicurazione su arredi e infissi: 75% di 60 = 45 B 25% di 60 = 15 C Manutenzione immobile- base di allocazione metri quadrati: 48/60 x = A 6/60 x = 400 B 6/60 x = 400 C (e) Telefono: base di allocazione numero di interni telefonici: Numero totale di interni 45 9/45 x = 360 A 27/45 x = B 9/45 x = 360 C Problema 5.3 Tri-City College 1. ( x 000) Centri servizio Centri di formazione Gestione Ammin. Arti e Ingegneria B.A. Totale edifici Scienze Costi generali... l Gestione immobili... (1.575) Amministrazione... (1.312) Costi generali

17 Riassegnazione del costo del CdR Gestione edifici in base alla % di superficie occupata: Centro di costo % superficie Ri-assegnazione del costo Amministrazione Arti e Scienze Ingegneria Business Administration Totali Riassegnazione del costo del CdR Amministrazione in base al numero di dipendenti: Centro di costo Nr. di dipendenti Ri-assegnazione del costo Arti e Scienze Ingegneria Business Administration Totali Centri di formazione Costi generali Numero studenti Arti e Scienze ,70 Ingegneria ,35 Business Administration , Costo generale per studente Problema 5.4 Lattine Srl osti generali effettivi di Lattine Srl Stagione alta ore = 12 per ora Stagione ore = 16 per ora bassa... Con un coefficiente di allocazione di 1 di costi generali/ora impianto, a una cassa sono allocati 12 di costi generali in alta stagione e 16 in quella bassa. Le rimanenze il 31 agosto sono state prodotte nell alta stagione, sicché l ammontare delle rimanenze è casse x 12/cassa =

18 2.... oefficiente predeterminato di allocazione Costi generali annuali Totale Ore complessive annuali di manodopera diretta Totale ore = 13,00 per ora Le rimanenze al 31 agosto conterranno costi generali complessivi pari a: casse x 13,00/cassa = el caso in questione (un identico prodotto è confezionato per tutti i mesi dell anno) il coefficiente di allocazione migliore è quello predeterminato su base annua (13,00 /ora impianto). Infatti, una cassa di birra deve assorbire (assumendo che utilizzi lo stesso impianto, gli stessi materiali e la medesima manodopera diretta) la stessa quota di costi generali a prescindere che sia confezionata nell alta o nella bassa stagione. 18

19 4... Problema 5.5 Brembi Spa Calcoli: Personale totale indiretto 40 Personale totale diretto 470 Personale totale 510 CdC1 CdC2 Manutenzione Totali Affitto del capannone (driver superficie) Riscaldamento (driver volume) Manodopera indiretta (driver organico) Pulizie (driver superficie) Ammortamento macchinari e impianti specifici (driver h. impianto) Ammortamento impianti generali (driver superficie) Costo ufficio del personale di fabbrica Ore impianto complessive Coefficiente di allocazione da Manutenzione a CdC ( /h impianto ) 5,39 Coefficiente allocazione da CDS a CDC ( /ora impianto ) Allocazioni da Manutenzione ai CdC Costi indiretti totali in carico ai CdC Coefficienti di allocazione dai CdC a prodotti ( per h di MOD ) 5,03 4,66 Coefficiente di allocazione di stabilimento: Costi indiretti totali Ore MOD CdC Ore MoD CdC Totele ore MoD Coefficiente unico di stabilimento ( per ora di MOD ) 4,87 19

20 Scheda Commessa prodotto A Coeff. Allocazione ( /h MOD) Costi generali Valore M.D. h MOD Valore MOD Periodo X: nr. pezzi 200 CdC , CdC , Costo totale commessa Costo unitario pieno prodotto A 4.258,5 Scheda commessa prodotto B Coeff. Periodo X: nr. pezzi 400 Allocazione Costi Valore M.D. h MOD Valore MOD ( /h MOD) generali CdC , CdC , Costo totale commessa Costo unitario pieno prodotto B 2.025,7 Totale costi generali di produzione Totale costi generali di produzione allocati ai prodotti Il processo in due fasi descritto alloca necessariamente tutti i costi generali di produzione ai prodotti/commesse. Esso è contabilmente corretto e adeguato ai fini del bilancio, cioè per la ripartizione dei complessivi costi generali di produzione fra le rimanenze e il costo del venduto. Da un punto di vista gestionale, però, il problema è quello di valutare la significatività delle allocazioni e quindi la precisione con la quale il costo delle singole commesse è calcolato. Le ore di manodopera diretta sono la determinante dei costi generali di produzione? Per rispondere a questa domanda bisogna osservare la natura dei singoli elementi che formano gli overheads per capire se e in che modo la base di allocazione utilizzata ne determina (o almeno ne influenza) l ammontare. Ad esempio, i costi di locazione e di assicurazione sono causati dalle ore di mod? (la risposta è evidentemente negativa). Se non si trovasse un legame rilevante fra la base di allocazione e l insorgenza dei costi generali, allora l allocazione sarebbe soggettiva (cioè convenzionale, arbitraria) e pertanto, sebbene adeguata ai fini del bilancio, non lo sarebbe per svolgere analisi di redditività o per fissare un prezzo normale. Nel caso in questione, i costi che si possono ipotizzare di supporto alla mod e quindi da essa causati (bisognerebbe comunque avere più informazioni di quelle contenute nel caso) potrebbero essere la manodopera indiretta (circa i 2/3 dei costi totali) e quelli dell Ufficio del personale di fabbrica. Anche gli ammortamenti possono in taluni casi essere ragionevolmente allocabili in base alle ore di mod. Se tutte queste ipotesi fossero vere, allora le distorsioni dovute alla presenza di elementi di costi generali non causati dalla mod non sarebbero eccessive. E da osservare infine come utilizzando un coefficiente unico di stabilimento si allocherebbero alla commessa A costi generali totali pari a ( h 4.87 /h) contro i allocati con il più complesso procedimento in due fasi qui utilizzato, mentre alla commessa B ( h 4.87 /h) contro i Le differenze sono dunque in questo caso dell ordine dello 0.3% e c è dunque da domandarsi se la maggiore complessità (e costo) del metodo in due fasi sia ripagata. 20

CAPITOLO 6 LA DETERMINAZIONE DEI COSTI BASATA SULLE ATTIVITA

CAPITOLO 6 LA DETERMINAZIONE DEI COSTI BASATA SULLE ATTIVITA CAPITOLO 6 LA DETERMINAZIONE DEI COSTI BASATA SULLE ATTIVITA Approach We feel that the new section on ABC provides the appropriate level of depth for a required course. Students need to understand the

Dettagli

CAPITOLO 6 LA DETERMINAZIONE DEI COSTI BASATA SULLE ATTIVITA

CAPITOLO 6 LA DETERMINAZIONE DEI COSTI BASATA SULLE ATTIVITA CAPITOLO 6 LA DETERMINAZIONE DEI COSTI BASATA SULLE ATTIVITA Approach We feel that the new section on ABC provides the appropriate level of depth for a required course. Students need to understand the

Dettagli

CAPITOLO 3 IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE E LE RELAZIONI FRA REDDITO E VOLUME

CAPITOLO 3 IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE E LE RELAZIONI FRA REDDITO E VOLUME CAPITOLO 3 IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE E LE RELAZIONI FRA REDDITO E VOLUME Problem 2-2: Doyle's Candy SpA a. Break-even volume = Fixed costs / Unit contribution = 1,056,000 / 9.60-5.76 = 1,056,000 / 3.84

Dettagli

CAPITOLO 8 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI DI PRODUZIONE

CAPITOLO 8 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI DI PRODUZIONE CAPITOLO 8 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI DI PRODUZIONE Approach This chapter has a heavy technical content. It is probably desirable to proceed quite slowly with it, making sure that each variance

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

CAPITOLO 9 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI NON DI PRODUZIONE

CAPITOLO 9 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI NON DI PRODUZIONE CAPITOLO 9 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI NON DI PRODUZIONE Approach (also see Approach for Chapter 8) The general message of the chapter is that differences between actual and budgeted amounts

Dettagli

CAPITOLO 9 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI NON DI PRODUZIONE

CAPITOLO 9 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI NON DI PRODUZIONE CAPITOLO 9 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI COSTI NON DI PRODUZIONE Approach (also see Approach for Chapter 8) The general message of the chapter is that differences between actual and budgeted amounts

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

CAPITOLO 16 LE DECISIONI DI LUNGO TERMINE: GLI ELEMENTI NECESSARI ALLA VALUTAZIONE DI UN INVESTIMENTO

CAPITOLO 16 LE DECISIONI DI LUNGO TERMINE: GLI ELEMENTI NECESSARI ALLA VALUTAZIONE DI UN INVESTIMENTO CAPITOLO 16 LE DECISIONI DI LUNGO TERMINE: GLI ELEMENTI NECESSARI ALLA VALUTAZIONE DI UN INVESTIMENTO Approach Capital investment decisions are a special kind of alternative choice problem. They are analyzed

Dettagli

CAPITOLO 5 ULTERIORI ASPETTI DEI SISTEMI DI DETERMINAZIONE DEI COSTI

CAPITOLO 5 ULTERIORI ASPETTI DEI SISTEMI DI DETERMINAZIONE DEI COSTI CAPITOLO 5 ULTERIORI ASPETTI DEI SISTEMI DI DETERMINAZIONE DEI COSTI Approach Our treatment of job costing and process costing is as brief as we can make it and still get the general points across. Students

Dettagli

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA Esercizio 1: variabilità dei costi In base alle seguenti informazioni relative ai costi dell uso aziendale di un autoveicolo: costi fissi: assicurazione 1.200

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Volumi di produzione del trimestre Totale 31.800 23.200

Volumi di produzione del trimestre Totale 31.800 23.200 Esercizio 10.1 Conto economico preventivo, budget operativi 1. Budget delle vendite (trimestre gennaio-marzo) Pastine Omogeneizzat TOT i Gennaio 30.000 32.000 62.000 Febbraio 36.000 40.000 76.000 Marzo

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

Costi indiretti 2.800.000 1.000.000 Ore macchina 70.000 8.200 Ore MOD 35.000 50.000

Costi indiretti 2.800.000 1.000.000 Ore macchina 70.000 8.200 Ore MOD 35.000 50.000 Capitolo 2 La Arredo s.r.l produce mobili in serie, tavoli e sedie, in due reparti, produzione e imballaggio. Un tavolo richiede: - 5 ore macchina e 2 ore MOD nel reparto produzione - 15 minuti macchina

Dettagli

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti 16 18-12-2007 19:11 Pagina 465 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 465 rischio dei manager potrebbe condizionare il rifiuto di un progetto con un van

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1 4.00 3.50 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 18/1/00 J F M A M J J A S O N D J SEAT-PAGINE GIALLE SEAT-PAGINE GIALLE RNC HIGH 3.49 28/12/99, LOW 0.70 1/1/99, LAST 3.09 14/1/00 HIGH 2.30 28/12/99, LOW 0.54 1/1/99,

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: per operare in modo efficiente le aziende hanno bisogno di conoscere se l utilizzo delle risorse che stanno impiegando nelle diverse attività è economicamente

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Costi GIA-L05

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Costi GIA-L05 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Costi GIA-L05 5 - CLASSIFICAZIONE DEI COSTI 1 buildings servizi generali personale costi MO Modello di

Dettagli

Analisi delle configurazioni dei costi

Analisi delle configurazioni dei costi Analisi delle configurazioni dei costi i costi riferiti ad un medesimo oggetto possono assumere varie configurazioni a seconda del tipo di attività e dei fattori produttivi che s intende analizzare in

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

Economia Aziendale. L analisi dei costi

Economia Aziendale. L analisi dei costi Economia Aziendale L analisi dei costi Roma, 03 novembre 2014 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Tematiche La contabilità generale e la contabilità analitica I costi aziendali: i costi fissi e i costi variabili

Dettagli

SAMPLE. PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI AREA MATEMATICO-STATISTICA

SAMPLE. PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI AREA MATEMATICO-STATISTICA SAMPLE PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI Cognome e Nome AREA MATEMATICO-STATISTICA 1. Supponete di fare un test di ipotesi e, sulla base dei risultati, di rifiutare l ipotesi nulla. Che cosa significa?

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000.

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. ESERCIZIO 1 La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. Nel corso del periodo 1 gennaio 2004 31 dicembre 2004 si svolgono le

Dettagli

CETEM Economia ed organizzazione aziendale II

CETEM Economia ed organizzazione aziendale II CETEM Economia ed organizzazione aziendale II Analisi dei Costi Testo: Manuale di Economia e Organizzazione d Impresa S. Rossetto, Utet. Roero, Rizzo Esercizi di economia ed organizzazione Aziendale, Utet.

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott.

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott. ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI Prof. Lino Cinquini l.cinquini@sssup.it Dott. Andrea Tenucci a.tenucci@sssup.it 13 marzo 2014 Palazzo dei

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dodici

U Corso di italiano, Lezione Dodici 1 U Corso di italiano, Lezione Dodici U Al telefono M On the phone U Al telefono D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. F Hello, Hotel Roma, Good morning D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. U Pronto, buongiorno,

Dettagli

10 L EFFICIENZA. L efficienza

10 L EFFICIENZA. L efficienza 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare

Dettagli

Università degli studi di Bergamo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Economia e Organizzazione Aziendale Prof.

Università degli studi di Bergamo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Economia e Organizzazione Aziendale Prof. Università degli studi di Bergamo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Economia e Organizzazione Aziendale Prof. Michele Meoli Esercitazione: Analisi di Break-Even (o analisi del punto

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di prof.ssa Maria Sole Brioschi CST-E01 Corsi 208422 e 328422 Anno Accademico 2008/2009 Contabilità analitica : elementi di base La contabilità generale ha per oggetto

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

Capitolo 13 Costi rilevanti per il processo decisionale

Capitolo 13 Costi rilevanti per il processo decisionale Capitolo 13 Costi rilevanti per il processo decisionale Esercizio 13.1 (30 minuti) 1. No, il servizio di pulizia della casa non dovrebbe essere sospeso. In realtà, genera un margine di segmento del programma

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 4_Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO è importante per:

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

MY WORK MY TIME TOTALE Unità vendute 5.600 4.200 9.800 Prezzo di vendita unitario 50,00 40,00 45,71 FATTURATO 280.000,00 168.000,00 448.

MY WORK MY TIME TOTALE Unità vendute 5.600 4.200 9.800 Prezzo di vendita unitario 50,00 40,00 45,71 FATTURATO 280.000,00 168.000,00 448. MY WORK MY TIME TOTALE Unità vendute 5.600 4.200 9.800 Prezzo di vendita unitario 50,00 40,00 45,71 FATTURATO 280.000,00 168.000,00 448.000,00 Materie prime per unità 12,00 7,50 Manodopera per unità 15,00

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing)

Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing) Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing) Prezzi e pricing Schema di sintesi 1. Prezzo e pricing: definizioni 2. Come stabilire il prezzo di un prodotto o servizio 3. Le manovre di prezzo (aumento

Dettagli

ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005)

ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005) ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005) L azienda CARP srl produce tre tipi di canne da pesca per tre differenti

Dettagli

!!!" # "$% &' # "-!.! /"$ &01 & # ' ''

!!! # $% &' # -!.! /$ &01 & # ' '' !!!" # "$% &' ())*+()), # "-!.! /"$ &01 & # ' '' MAKE or BUY? BENETTON decisione di esternalizzazione concentrazione su attività core (design, tintura, ecc.) affidamento a façonisti delle attività non

Dettagli

Fondamenti di contabilità analitica

Fondamenti di contabilità analitica Incontri di formazione per la contabilità economico-patrimoniale Prima fase Principi base della contabilità economico-patrimoniale ed analitica Fondamenti di contabilità analitica Riccardo Giannetti (rgiannet@ec.unipi.it)

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Esercizi Capitolo 8. Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento

Esercizi Capitolo 8. Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento Decisioni in condizioni di certezza Esercizi Capitolo 8 Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento 8.1 Esercizio Beauty Dati Volumi Prezzi Provvigioni Mascara 1.250.000,00 4,50 5,0% Rossetti

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi 3.2 margine di contribuzione ( ) Scelta del prodotto di cui incrementare la produzione e la vendita

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO

I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO READ ONLINE AND DOWNLOAD EBOOK : I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO

Dettagli

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010 Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010 Bologna, 11 Novembre 2010 2 Disclaimer This presentation contains forwards-looking information and statements about IGD SIIQ SPA and its Group. Forward-looking

Dettagli

L analisi dei costi per le decisioni di impresa

L analisi dei costi per le decisioni di impresa Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Dipartimento di Management e Organizzazione Industriale Prof. Attilio Mucelli mucelli@econ.univpm.it - www.econ.univpm.it/mucelli L analisi

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

La valutazione degli investimenti reali

La valutazione degli investimenti reali Teoria della Finanza Aziendale La valutazione degli investimenti reali 5 1-2 Argomenti Dai valori mobiliari agli investimenti reali Analisi dei progetti di investimento Determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

4bis. Dalla valutazione dei. titoli alla valutazione degli investimenti reali. Argomenti. Domande chiave

4bis. Dalla valutazione dei. titoli alla valutazione degli investimenti reali. Argomenti. Domande chiave 1-1 4bis Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 Dalla valutazione dei A. titoli alla valutazione degli investimenti reali 1-2 Argomenti La determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

100 consigli per vivere bene (Italian Edition)

100 consigli per vivere bene (Italian Edition) 100 consigli per vivere bene (Italian Edition) Raffaele Morelli Click here if your download doesn"t start automatically 100 consigli per vivere bene (Italian Edition) Raffaele Morelli 100 consigli per

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale La contabilità analitica e la misurazione degli oggetti di calcolo Prof. Cattaneo Cristiana Bergamo, 15 Ottobre 2010 ARGOMENTO

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti CASO VERLIES&WINST SCG-E05 Pagina 0 di 10 Durante i primi nove mesi del 19X0, l unico stabilimento della Verlies

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Trenta

U Corso di italiano, Lezione Trenta 1 U Corso di italiano, Lezione Trenta M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada F Hi Osman, what are you

Dettagli

Canti Popolari delle Isole Eolie e di Altri Luoghi di Sicilia (Italian Edition)

Canti Popolari delle Isole Eolie e di Altri Luoghi di Sicilia (Italian Edition) Canti Popolari delle Isole Eolie e di Altri Luoghi di Sicilia (Italian Edition) L. Lizio-Bruno Click here if your download doesn"t start automatically Canti Popolari delle Isole Eolie e di Altri Luoghi

Dettagli

Dipartimento di Economia e Management - ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI Esercizi sulla BEA- Integrano il E&Cn. 3.10 di Aziende

Dipartimento di Economia e Management - ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI Esercizi sulla BEA- Integrano il E&Cn. 3.10 di Aziende BEA Esercizio n. 1 I costi di caffè, acqua, energia, zucchero e igiene per produrre una tazzina di caffè ammontano a 0,2 ; i costi fissi per affitto, mobilio e altri costi di struttura ammontano a 25.000

Dettagli

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO L analisi del punto di pareggio esprime, sia per via grafica che in termini matematici la relazione COSTI - VOLUME PROFITTO e dà un quadro immediato degli elementi

Dettagli

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali Lezione 19 Il reporting Perché i report 1. Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali 2. Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se:

Dettagli

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta 7.1: Introduzione L unica differenza tra questo capitolo e il precedente consiste nella definizione del reddito individuale. Assumiamo, infatti, che

Dettagli

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world MercedesRoadster.IT New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world Newspaper supplement Emmegi Magazine Independent unaffiliated / funded by Daimler

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO RIEPILOGO ARGOMENTI I MODULO

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO RIEPILOGO ARGOMENTI I MODULO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO RIEPILOGO ARGOMENTI I MODULO ESERCIZIO 1 CASO ZIPPO S.R.L. La ZIPPO SRL è un azienda che produce giocattoli per la prima infanzia. Il processo produttivo avviene in tre reparti

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 5 Allo scopo di controllare, nell ottica

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Prova di esame del 12.01.2004 La società Velux opera nel settore degli infissi in legno ed e attiva nella produzione

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventinove

U Corso di italiano, Lezione Ventinove 1 U Corso di italiano, Lezione Ventinove U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare

Dettagli

La classificazione dei costi in funzione del loro comportamento

La classificazione dei costi in funzione del loro comportamento Sistemi di Controllo di Gestione La classificazione dei costi in funzione del loro comportamento SISTEMI DI CONTROLLO, 2^ edizione R. Anthony, D. Hawkins, D. Macrì, K. Merchant UNIVERSITA DEGLI STUDI DI

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività CONTABILITA GENERALE e CONTABILITA ANALITICA le informazioni derivanti dalla Contabilità Generale (C.G.) si

Dettagli

La determinazione dei costi in base ai costi delle attività: L Activity Based Costing

La determinazione dei costi in base ai costi delle attività: L Activity Based Costing Sistemi di Controllo di Gestione La determinazione dei costi in base ai costi delle attività: L Activity Based Costing SISTEMI DI CONTROLLO, 2^ edizione R. Anthony, D. Hawkins, D. Macrì, K. Merchant McGraw-Hill

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Unità 2: Presentazione per "I giorni di scuola" Produce a multimedia rich presentation on school life in the United States and Italy.

Unità 2: Presentazione per I giorni di scuola Produce a multimedia rich presentation on school life in the United States and Italy. Unit 2: All about school Rough Draft: Due January 11 Final Draft: Due January 17 Presentations: January 25 and 28 Produce a multimedia rich presentation on school life in the United States and Italy. That

Dettagli

l Innovazione nella Professione:

l Innovazione nella Professione: Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale IL SISTEMA DI BUDGET UN CASO AZIENDALE Dr. Gaia Bassani Bergamo, 26 Novembre 2010 IL SISTEMA DI BUDGET: UN CASO AZIENDALE Bergamo,

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-04-10 DOMANDA 1 Definire e illustrare graficamente il concetto di break even point. ESERCIZIO 1 La società Dolly Creation S.p.A. produce bambole da collezione e giochi per la prima infanzia.

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale Allievi Meccanici. Stefano Pedrini, PhD

Dipartimento di Ingegneria. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale Allievi Meccanici. Stefano Pedrini, PhD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia e Organizzazione Aziendale Allievi Meccanici Stefano Pedrini, PhD Sommario della lezione Matematica finanziaria Valore temporale e costo opportunità

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 4 1 Le esigenze di cambiamento LA TRADIZIONALE STRUMENTAZIONE E LE METODOLOGIE DEL CONTROLLO si contraddistinguono per: Focalizzazione

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

IL GIOVANE HOLDEN FRANNY E ZOOEY NOVE RACCONTI ALZATE LARCHITRAVE CARPENTIERI E SEYMOUR INTRODUZIONE BY JD SALINGER

IL GIOVANE HOLDEN FRANNY E ZOOEY NOVE RACCONTI ALZATE LARCHITRAVE CARPENTIERI E SEYMOUR INTRODUZIONE BY JD SALINGER IL GIOVANE HOLDEN FRANNY E ZOOEY NOVE RACCONTI ALZATE LARCHITRAVE CARPENTIERI E SEYMOUR INTRODUZIONE BY JD SALINGER READ ONLINE AND DOWNLOAD EBOOK : IL GIOVANE HOLDEN FRANNY E ZOOEY NOVE RACCONTI ALZATE

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15 14 18-12-2007 19:04 Pagina 403 Le decisioni di breve termine fra alternative diverse 403 Fig. 14.5 Il trattamento analitico dei costi a gradino Costo Comportamento reale del costo Trattamento analitico

Dettagli