COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma"

Transcript

1 COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma CONSULTA PER LA TUTELA AMBIENTALE LO SVILUPPO SOSTENIBILE E LA VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI Approvato con deliberazione di C.C n. 40 del 28/11/2012. Art 1 COSTITUZIONE L Amministrazione Comunale, nell intento di promuovere la partecipazione dei cittadini ed al fine di fruire delle bellezze naturali e monumentali presenti nell intero territorio del Comune di Marcellina in ambito ambientale e di tutela del territorio, con lo scopo di accrescere e migliorare le informazioni e le attività relative: - alla salvaguardia della salute e dell ambiente; - allo sviluppo sostenibile; - al positivo utilizzo del territorio; costituisce la consulta per la tutela ambientale, lo sviluppo sostenibile e la valorizzazione dei beni culturali ) Art. 2 SCOPI, OBIETTIVI E COMPITI La consulta è organismo consultivo e propositivo dell Amministrazione Comunale in campo ambientale e in ambito di beni culturali, con particolare riferimento a: - qualità dell aria; - qualità dell acqua e risparmio idrico; - difesa del territorio; - raccolta differenziata dei rifiuti; - beni monumentali ed archeologici; - beni di uso civico; - tradizioni, costumi e storia locale.

2 La consulta, inoltre, si prefigge di operare per: - promuovere l informazione e l educazione ambientale; - valorizzare e tutelare le risorse naturali; - tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali. La consulta ha il compito di: - formulare pareri e giudizi non vincolanti sugli argomenti di sua competenza; - fornire pareri in merito a strumenti di programmazione di competenza comunale; - approfondire, anche con l ausilio di esperti, particolari problematiche, di rilevante interesse per la comunità; - elaborare proposte e progetti da sottoporre all Amministrazione Comunale; - organizzare eventi ed incontri, su temi specifici, anche come confronto diretto con l Amministrazione; Art. 3 - ORGANI DELLA CONSULTA COMUNALE per la tutela ambientale lo sviluppo sostenibile e la valorizzazione dei beni culturali Sono organi della Consulta : l Assemblea della Consulta; Il direttivo della Consulta ; il Presidente della Consulta. ART. 4 - L ASSEMBLEA 1. Hanno titolo a partecipare all Assemblea della Consulta tutti i cittadini residenti nel Comune di Marcellina. I membri del Consiglio Comunale che intendono partecipare non possono esercitare il diritto di voto ne ricoprire alcuna carica, mentre il personale dipendente del comune non può essere nominato membro del Direttivo. 2. La composizione della Consulta sarà aggiornata trimestralmente sulla base di eventuali nuove richieste pervenute da parte di soggetti aventi titolo 3. Ciascun componente ha diritto ad un solo voto, qualsiasi sia l organismo rappresentato.

3 4. La Consulta si riunisce, in locali messi a disposizione dall Amministrazione Comunale, su convocazione del presidente che cura l ordine del giorno rendendolo disponibile almeno 5 giorni prima. La sede della Consulta di norma è nei locali del Vecchio Mulino in piazza S. Maria in M.te Dominici, risrvandosi l Amministrazione di indicare una diversa sede qualora la stessa dovesse essere utilizzata per altri fini di carattere culturale. 5. L Assemblea nella prima riunione valida, su convocazione pubblica, da parte del Sindaco elegge i rappresentanti del direttivo ( presenza almeno dei due terzi degli iscritti) altrimenti in seconda convocazione con maggioranza relativa). 6. L Assemblea si riunisce di norma nella Sala Consiliare del Comune. Art COMPITI DELL ASSEMBLEA 1. E compito dell Assemblea: a) quello di eleggere il Direttivo b) fissare le linee di indirizzo per il perseguimento degli obiettivi istituzionali di cui agli artt. 1 e 2; c) contribuire alla definizione dell Ordine del Giorno della successive sedute suggerendo alla presidenza argomenti e temi; d) su proposta del direttivo,nomina le commissioni di lavoro su argomenti specifici. 2. L assemblea si riunisce almeno ogni 2 mesi. 3. Il Presidente deve convocare l Assemblea su richiesta di almeno un terzo dei componenti dell Assemblea medesima. 4. L assemblea è convocata con avviso pubblico affisso nella bacheca delle Consulte comunali nonché attraverso l utilizzo della posta elettronica o messaggi telefonici. Art. 6 Composizione e COMPITI DEL DIRETTIVO 1 Il direttivo, eletto dall assemblea, è composto da 7 membri e dura in carica 3 anni. Alla prima seduta, convocata dal Sindaco, i membri del direttivo eleggono il Presidente, il Vice Presidente ed il Segretario, il quale provvede a redigere i verbali degli organi della Consulta ; 2 Sono compiti del Direttivo : sviluppare le linee di indirizzo fissate dall Assemblea

4 proporre all Assemblea iniziative tendenti alla realizzazione degli scopi prefissati; proporre l eventuale costituzione, nell Assemblea, di commissioni di lavoro che a loro volta eleggono al loro interno un coordinatore non necessariamente appartenente al direttivo; attribuire a ciascun membro la responsabilità di un determinato settore di attività. ART. 7 - IL PRESIDENTE, Vice Presidente e Segretario 1. Sono eletti dal DIRETTIVO al suo interno, con votazione a maggioranza assoluta. 2. Ha funzioni di rappresentanza della Consulta, in particolare nelle sedute del Consiglio Comunale ed in quelle della Giunta, ove invitato. 3. Compiti del Presidente sono: a) convocare e presiedere l Assemblea e il direttivo ; b) invitare alle riunioni di volta in volta l assessore o gli assessori interessati ai vari argomenti da affrontare c) Il presidente è tenuto a convocare gli organi della consulta quando ne facciano richiesta almeno la metà dei componenti, ovvero su richiesta dell Amministrazione Comunale.. Gli organi della consulta, tramite il proprio presidente, possono richiedere la presenza del Sindaco, degli assessori e/o di personale comunale in virtù di particolari argomenti trattati. Delle riunioni viene tenuto apposito verbale, riportante l esito di eventuali votazioni. ART. 8 - PUBBLICITÀ DELLE SEDUTE dell Assemblea e del Direttivo 1. Le sedute della Consulta sono pubbliche. Il pubblico non può prendere parte né alla discussione né alla votazione e può essere allontanato dal Presidente con specifiche motivazioni. ART. 9 - VALIDITÀ DELLE SEDUTE dell Assemblea e del Direttivo 1. In prima convocazione le sedute della Consulta si intendono valide in presenza dei 2/3 dei membri con diritto di voto. 2. In seconda convocazione (indetta trenta minuti dopo la prima) le sedute si intendono valide in presenza di un qualsiasi numero dei membri con diritto di voto.

5 3.L assenza ingiustificata a 3 riunioni consecutive comporta la decadenza del componente. ART VOTAZIONE 1. L Assemblea approva a maggioranza assoluta dei presenti con diritto di voto. In caso di votazione con parità di favorevoli e contrari, la proposta si intende respinta con possibilità per qualsiasi membro di richiedere una immediata nuova discussione e votazione. ART SUCCESSIVE MODIFICHE Il presente regolamento può essere modificato con deliberazione del Consiglio Comunale, il quale deve pronunciarsi obbligatoriamente, in caso di proposta di modifica approvata da parte dell Assemblea, a maggioranza assoluta dei suoi componenti. L integrazione del presente regolamento (durata in carica di organi, revoca, dimissioni ecc.) può essere deliberata dall Assemblea della Consulta, a maggioranza assoluta dei suoi componenti; copia delle integrazioni approvate dovrà essere trasmessa al Sindaco. Art. 12 PARTECIPAZIONE Agli organi della CONSULTA La partecipazione agli organi della Consulta è a titolo gratuito, senza che ciò comporti richiesta alcuna di somme a qualsiasi titolo neanche di rimborso spese eventualmente sostenute per la partecipazione medesima. Art. 13 DURATA ART DISPOSIZIONI FINALI Per quanto non previsto dal presente regolamento, si rinvia alle normative e disposizioni vigenti in materia, in quanto applicabili e compatibili con la natura del presente atto, ed in particolare allo Statuto Comunale..

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 24 febbraio 2005 e modificato con deliberazione C.C. n. 55 del 20 dicembre 2006 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

Comune di Montagnareale Provincia di Messina

Comune di Montagnareale Provincia di Messina REGOLAMENTO PER LA NOMINA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PER L ESAME DELLE NORME REGOLAMENTARI DELL ENTE INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento- definizioni. Art. 2 - Composizione,

Dettagli

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato **************************

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** ******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** Approvato con delibera consiliare n. 180 del 18 Dicembre 2012.

Dettagli

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Premessa Il Comune di Monte Urano riconosce, nelle numerose Associazioni e organismi di volontariato che senza fini di lucro operano

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 2 del 25/02/2014 Art. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA' 1. In attuazione dei principi enunciati nell art. 8 dello

Dettagli

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO Art. 1 È istituita la Biblioteca pubblica comunale di Valstagna, aperta a tutti i cittadini con l intento di raccogliere, conservare e mettere in valore i

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

Comune di Cerreto Laziale

Comune di Cerreto Laziale Comune di Cerreto Laziale (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE ANZIANI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 4 DEL 20.03.2014 Art 1 Principi Generali 1) Il funzionamento del

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

STATUTO IL NIDO Associazione Mamme-Bimbi e Scuola di Genitori Associato all ARCI NATURA FED: NAZIONALE. Art. 1 Costituzione e sede

STATUTO IL NIDO Associazione Mamme-Bimbi e Scuola di Genitori Associato all ARCI NATURA FED: NAZIONALE. Art. 1 Costituzione e sede STATUTO IL NIDO Associazione Mamme-Bimbi e Scuola di Genitori Associato all ARCI NATURA FED: NAZIONALE Art. 1 Costituzione e sede a) A norma dell Art.18 della Costituzione Italiana e degli artt. 36-37-38

Dettagli

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia STATUTO ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ITALIA NEL CUORE Articolo 1 Denominazione E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia l associazione non riconosciuta denominata: Italia

Dettagli

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Capriano del Colle Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 1 Art. 1 Principi fondamentali Con riferimento alla Legge 176/91 Ratifica

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE (STATUTO art. 51: Il consiglio comunale può avvalersi di consulte di settore su tematiche specifiche: giovani, cultura,solidarietà

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA "FURIO DEL FURIA"

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA FURIO DEL FURIA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA "FURIO DEL FURIA" DENOMINAZIONE - SEDE - AFFILIAZIONE - AZIONE -SCOPI Art. 1 Il 01 Gennaio 1977 si costituisce l Associazione Fotografica "Furio Del Furia" con sede

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO. VERBALE N. 55 SEDUTA PUBBLICA DEL 13 LUGLIO 2009

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO. VERBALE N. 55 SEDUTA PUBBLICA DEL 13 LUGLIO 2009 Comune di Roma ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO. VERBALE N. 55 SEDUTA PUBBLICA DEL 13 LUGLIO 2009 L anno 2009 il giorno 13 luglio alle ore 11,06, presso la sede del

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei)

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) Regolamento delle attivit e per il funzionamento del Consiglio dell Ordine dei

Dettagli

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani Comune di Riofreddo Provincia di Roma Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. 01 del 17 Aprile 1 Art. 1 Principi Generali 1) Il funzionamento del

Dettagli

ARTICOLO 3 STRUTTURE

ARTICOLO 3 STRUTTURE COMUNE DI ALTOFONTE (Provincia Palermo) REGOLAMENTO CENTRO AGGREGATIVO PER ANZIANI ISTITUITO IN ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL D.S.S.42 Ex L. 328/00. ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI Il funzionamento del

Dettagli

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di STATUTO COSTITUZIONE E SCOPI 1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di solidarietà e con durata illimitata,

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS ART. 1. COSTITUZIONE. Si è costituita con sede in Viale della Rimembranza 35, piano terra Fallo (CH) un associazione che assume la denominazione di Faldus. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE N. 313 REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione G.C. n. mecc. 2006 00591/028 del 31 gennaio 2006) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Ambito di applicazione Articolo

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI Carbonia Iglesias REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

C O M U N E D I A R S I E R O

C O M U N E D I A R S I E R O C O P I A C O M U N E D I A R S I E R O PROVINCIA DI VICENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 133 del 26-10-04 L anno duemilaquattro il giorno ventisei del mese di ottobre alle ore 19.00

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA COMUNE DI CASALEONE Provincia di Verona REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA Approvato con deliberazione di C.C. n. 46 del 16/11/2011 Modificato con: Delibera

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE INDICE SISTEMATICO ART.1 CONSIGLI DI QUARTIERE ART.2 COMPOSIZIONE E NOMINA DEI CONSIGLI DI QUARTIERE E DETERMINAZIONE

Dettagli

Regolamento del Forum Comunale Giovani

Regolamento del Forum Comunale Giovani COMUNE DI CASTELVENERE Provincia di Benevento ------ Regolamento del Forum Comunale Giovani 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art. 10 - Art. 11 -

Dettagli

Statuto dell Associazione DIMENSIONE MUSICA TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPI E DURATA

Statuto dell Associazione DIMENSIONE MUSICA TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPI E DURATA Statuto dell Associazione DIMENSIONE MUSICA TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPI E DURATA Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita, ai sensi e per gli effetti degli articoli 36, 37 e 38 del Codice Civile, una

Dettagli

Statuto dell Associazione Genitori dell Istituto Statale Comprensivo G. Lanfranco Dammi La Mano

Statuto dell Associazione Genitori dell Istituto Statale Comprensivo G. Lanfranco Dammi La Mano Statuto dell Associazione Genitori dell Istituto Statale Comprensivo G. Lanfranco Dammi La Mano Ai sensi degli Art. 36 e Art. 37 del Codice Civile, nel rispetto della Legge 383/2000, del D.P.R. 416 del

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEL VOLONTARIATO ANIMALISTA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEL VOLONTARIATO ANIMALISTA REGOLAMENTO CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEL VOLONTARIATO ANIMALISTA (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 10 del 24.2.2011) 1 Indice Articolo 1 - Istituzione Articolo 2 Insediamento Articolo

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PRAEMIUM SANCTI MARTINI

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PRAEMIUM SANCTI MARTINI STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PRAEMIUM SANCTI MARTINI Art. 1 Costituzione, denominazione e sede 1.1 Viene costituita l Associazione Culturale Praemium Sancti Martini con sede legale nel Comune di Vigo

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 21 DEL 02/08/07) INDICE ARTICOLO 1 - FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA ARTICOLO

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

STATUTO. Titolo I Disposizioni generali. Art. 1 Denominazione - Sede - Durata

STATUTO. Titolo I Disposizioni generali. Art. 1 Denominazione - Sede - Durata STATUTO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione - Sede - Durata 1. E costituita un organizzazione di volontariato denominata ricomincio da Cane, con sede a Trieste. 2. L associazione è costituita

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE Sui passi di Pollicino - ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE Sui passi di Pollicino - ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE Sui passi di Pollicino - ONLUS TITOLO I. DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1. Costituzione È costituita una Associazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità

Dettagli

STATUTO SAR-GASIKARA

STATUTO SAR-GASIKARA Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art.8, c.1 della L. 266/91 STATUTO SAR-GASIKARA Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione - Sede - Durata 1. E costituita un organizzazione

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ^^^^^^^^^^^^^^ INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 - PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA 2 - REQUISITI FONDAMENTALI

Dettagli

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO Art. 1 Istituzione I Comuni di...istituiscono e fondano la CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO La Consulta ha la propria sede istituzionale presso il municipio del Comune,

Dettagli

Art. 5 I campi prioritari di iniziativa e intervento dell Associazione e i compiti della PROCIV Girifalco sono:

Art. 5 I campi prioritari di iniziativa e intervento dell Associazione e i compiti della PROCIV Girifalco sono: PREMESSA La PROCIV Girifalco, Associazione dei Volontari per la Protezione Civile, tutela ambientale, educazione alla salute, è costituita in Girifalco (CZ) ed è parte integrante della PROCIV ARCI Associazione

Dettagli

STATUTO ANCI CALABRIA

STATUTO ANCI CALABRIA STATUTO ANCI CALABRIA 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1. E'costituita l'associazione Regionale dei Comuni della Calabria nello spirito di unità nazionale e nella peculiare tradizione democratica

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE UNIVERSITA DELLA TERZA ETA UNITRE UNIVERSITA DELLE TRE ETA

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE UNIVERSITA DELLA TERZA ETA UNITRE UNIVERSITA DELLE TRE ETA ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE UNIVERSITA DELLA TERZA ETA UNITRE UNIVERSITA DELLE TRE ETA STATUTO DELL UNIVERSITA DELLA TERZA ETA UNITRE, UNIVERSITÀ DELLE TRE ETÀ SEDE DI MOGLIANO VENETO Art. 1 Denominazione

Dettagli

COPIA CONFORME ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508

COPIA CONFORME ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508 ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508 Il Consiglio Direttivo dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, riunito in Roma il giorno 23 gennaio 2015, alla presenza

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO VIVIAMO IN POSITIVO -VIP BOLOGNA TITOLO PRIMO. Costituzione e scopi

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO VIVIAMO IN POSITIVO -VIP BOLOGNA TITOLO PRIMO. Costituzione e scopi 1 STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Art. 1 Denominazione e sede VIVIAMO IN POSITIVO -VIP BOLOGNA TITOLO PRIMO Costituzione e scopi È costituita una associazione di Volontariato - denominata: VIVIAMO

Dettagli

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Approvato dal Consiglio Nazionale del 21/10/2006 Art. 1. Denominazione 1) È costituita la Sede Locale

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

STATUTO dell ASSOCIAZIONE di PROMOZIONE SOCIALE CUCINA NOSTRA. Costituzione, Durata, Sede, Oggetto sociale, Soci

STATUTO dell ASSOCIAZIONE di PROMOZIONE SOCIALE CUCINA NOSTRA. Costituzione, Durata, Sede, Oggetto sociale, Soci STATUTO dell ASSOCIAZIONE di PROMOZIONE SOCIALE CUCINA NOSTRA Costituzione, Durata, Sede, Oggetto sociale, Soci Art. 1 Costituzione e Durata. Nel rispetto e ossequio dei principi contenuti negli articoli

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE In Vittorio Veneto, il giorno cinque del mese di dicembre dell anno duemilasette, i signori: 1. Bruno Fasan, nato a Vittorio Veneto il giorno sette del mese di dicembre

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

BE REACTIVE. Statuto dell'associazione

BE REACTIVE. Statuto dell'associazione TITOLO 1. ORGANIZZAZIONE Art. 1 Costituzione BE REACTIVE Statuto dell'associazione E costituita l Organizzazione di volontariato denominata BE REACTIVE che in seguito sarà chiamata Organizzazione. Ai sensi

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI DI PRAIANO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI DI PRAIANO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI DI PRAIANO TITOLO PRIMO COSTITUZIONE SEDE PRINCIPI PROGRAMMMATICI COMPITI Il presente Statuto definisce i principi programmatici, gli scopi e le modalità di elezione degli

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

ASSOCIAZIONE ABILI TUTTI

ASSOCIAZIONE ABILI TUTTI ASSOCIAZIONE ABILI TUTTI L ASSOCIAZIONE ABILI TUTTI nasce dall esperienza maturata da alcuni educatori e trae la sua necessità di attivarsi per migliorare e differire gli interventi a sostegno di categorie

Dettagli

COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia

COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELL'ALBO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE E LA COSTITUZIONE DELLE CONSULTE Approvato con delibera di C.C. n. 17 del 12.04.2006

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 3 ART. 2 Principi programmatici pag. 3 ART. 3 Compiti del Forum pag. 3 ART. 4 Pareri pag. 4 ART. 5 Soci

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO PROVINCIA DI CAGLIARI Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO Art. 1 Sono costituiti presso la Provincia di Cagliari l Elenco provinciale delle Associazioni delle

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente Statuto trovano il loro fondamento giuridico nell'art. 8 del D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000 T.U. sull' Ordinamento

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Avvisi e Concorsi n. 34 - Mercoledì 21 agosto 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Avvisi e Concorsi n. 34 - Mercoledì 21 agosto 2013 5 A) STATUTI Comune di Brescia Statuto dell Agenzia del Trasporto Pubblico Locale del Bacino di Brescia, approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 98 del 29 luglio 2013 TITOLO I GENERALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI SALO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 07 del 25.03.2013 Pubblicato all Albo pretorio

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FEDERICO II EVENTI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FEDERICO II EVENTI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FEDERICO II EVENTI Titolo I Disposizioni Generali art.1 Denominazione e sede E costituita, ai sensi della legge 383/2000, l associazione di promozione sociale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA CAPITOLO I Nome, scopo, e domicilio dell associazione 1. Nome ed affiliazioni 1.1 L Associazione SIETAR Italia (associazione culturale per l educazione,

Dettagli

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA NOMINA E L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEL DIFENSORE CIVICO

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA NOMINA E L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEL DIFENSORE CIVICO COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI Allegato A alla Deliberazione C.C. n. 34 del 27 Settembre 2007 REGOLAMENTO PER LA NOMINA E L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEL DIFENSORE CIVICO Approvato con delibera

Dettagli

STATUTO CONSORZIO PRO LOCO DELLA CARNIA

STATUTO CONSORZIO PRO LOCO DELLA CARNIA STATUTO CONSORZIO PRO LOCO DELLA CARNIA art. 1 COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE E costituita un Associazione denominata: CONSORZIO PRO LOCO DELLA CARNIA, (in seguito denominata Consorzio ) Il Consorzio partecipa

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE Articolo 1 Finalità e forma degli atti di competenza 1. Il

Dettagli

ASSOCIAZIONE CULTURALE IL PONTE DELLA BIONDA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SENZA SCOPO DI LUCRO Via dei Terraioli,13-40129 BOLOGNA

ASSOCIAZIONE CULTURALE IL PONTE DELLA BIONDA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SENZA SCOPO DI LUCRO Via dei Terraioli,13-40129 BOLOGNA ASSOCIAZIONE CULTURALE IL PONTE DELLA BIONDA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SENZA SCOPO DI LUCRO Via dei Terraioli,13-40129 BOLOGNA STATUTO ART. 1 E costituita in Bologna, via dei Terraioli, 13 l Associazione

Dettagli

STATUTO A.S.D. M.A.G.O. Associazione Sportiva Dilettantistica Magnifica Associazione Gioco Organizzato Articolo 1: Costituzione 1.

STATUTO A.S.D. M.A.G.O. Associazione Sportiva Dilettantistica Magnifica Associazione Gioco Organizzato Articolo 1: Costituzione 1. STATUTO A.S.D. M.A.G.O. Associazione Sportiva Dilettantistica Magnifica Associazione Gioco Organizzato Articolo 1: Costituzione 1. E' costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica Magnifica Associazione

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Grosseto, riconosciuta l importanza di coinvolgere

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) Premessa I Consigli Comunali dei ragazzi (CCR) sono una realtà in diversi Paesi Europei. Queste forme di rappresentanza dei giovani si stanno diffondendo

Dettagli

STATUTO FASIDI. Articolo 1 Denominazione. 1. E costituita un Associazione strutturalmente ed amministrativamente autonoma,

STATUTO FASIDI. Articolo 1 Denominazione. 1. E costituita un Associazione strutturalmente ed amministrativamente autonoma, STATUTO FASIDI Articolo 1 Denominazione 1. E costituita un Associazione strutturalmente ed amministrativamente autonoma, avente la denominazione: FASIDI FONDO INTEGRATIVO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS Sede Legale e Operativa: Via Livigno, 2 20158 MILANO e-mail: info@anffaslombardia.it Codice

Dettagli

fondo Chiara Rama ONLUS S T A T U T O

fondo Chiara Rama ONLUS S T A T U T O fondo Chiara Rama ONLUS S T A T U T O Art. 1 Costituzione, democraticità della struttura, ed assenza del fine di lucro 1. E' costituita con sede in Leivi (Ge), via Cogozzale 8, l associazione denominata

Dettagli

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CALVENE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 44 DEL 29.11.2012 INDICE Art. 1 FINALITA Art. 2 COMPETENZE Art.

Dettagli

DIOCESI DI FORLI -BERTINORO. Statuto Associazione di volontariato Buon Samaritano - Forlì

DIOCESI DI FORLI -BERTINORO. Statuto Associazione di volontariato Buon Samaritano - Forlì DIOCESI DI FORLI -BERTINORO Statuto Associazione di volontariato Buon Samaritano - Forlì Art. 1 Costituzione Denominazione e sede 1. E costituita l associazione di volontariato denominata Ass. Buon Samaritano

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CEDRIF CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE CEDRIF - CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CEDRIF CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE CEDRIF - CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CEDRIF CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE Art. 1. E' costituita l'associazione denominata: CEDRIF - CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE che si qualifica come una Associazione, di fatto,

Dettagli

Associazione di Volontariato - www.raccontarsiraccontando.it 328 9559641

Associazione di Volontariato - www.raccontarsiraccontando.it 328 9559641 Associazione di Volontariato - www.raccontarsiraccontando.it 328 9559641 1 2 Associazione di Volontariato - www.raccontarsiraccontando.it 328 9559641 STATUTO TITOLO I Art. 1 Costituzione 1. E costituita

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL DISTRETTO DI PROTEZIONE CIVILE VR5 DELLE VALLI (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 13 del 18.02.2013) 2 PREMESSA

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO INDICE ARTICOLO 1 ISTITUZIONE ARTICOLO 2 - IMPEGNI DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO 3 - FINALITA DEL FORUM ARTICOLO 4 - AREE DI INTERESSE ARTICOLO 5 COMPETENZE

Dettagli

Federsanità Servizi TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA

Federsanità Servizi TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA Federsanità Servizi STATUTO STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA Art. 1) Denominazione e Soci 1.1 In base all art. 20 dello statuto della Confederazione Federsanità-ANCI nazionale

Dettagli