L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta"

Transcript

1 Indice Introduzione 1. L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta I primi passi e il ruolo dello Stato. Pil 1/3 della Francia, Inghilterra 2000 km ferrovia contro 9000 Francia, Inghilterra nel 1961 Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto con 30% popolazione producevano 75% Pil Dicotomia tra poche grandi imprese moltitudine piccole imprese Lo Stato ha da subito un ruolo forte nello sviluppo dell industria con le ferrovie, dunque acciaierie e fonderie di Terni con la meccanica di Breda e Ansaldo alle quali assicura domanda pubblica Lo Stato forza l economia per chiudere il divario con il resto d Europa; spinge sulle grandi imprese per catturare le economie di scala. Pertanto finanzia alla grande l impresa privata Tra la spesa pubblica è sempre superiore a quella degli altri paesi europei Fino al 1911 cresce di più l industria avanzata (più tecnologica) che è grande industria. Soprattutto il comparto elettrico (Edison 1884). Poi la siderurgia, essenziale per produrre acciao per l industria meccanica (Terni, Elba, Ilva). Ci volevano capitali e provenirono dall estero. Dal 1900 prende avvio l industria meccanica (FIAT); nel 1907 si contano 61 imprese d auto (Isotta, Lancia, Bianchi,...) ma la FIAT controlla già il 50% della produzione. Importante era pure il settore elettromeccanico ma si restava per il 60% dipendenti da forniture estere, Con l auto prende avvio il settore gomma (Pirelli 1872 che al 1914 era già una multinazionale). All inizio del 900 si sviluppa rapidamente la chimica con la Montecatini /1888/ che fa da perno al settore. Nel 1911 l industria occupa il 25% degli occcupati. Sono presenti tutte le industrie più moderne (siderurgia, meccanica, elettricità, chimica). La struttura industriale era già polarizzata: al nord grande industria e grandi imprese (ma piccole rispetto ai concorrenti europei). L industria tessile al nord (Marzotto e Rossi) era all avanguardia. Nel resto d Italia tante piccole officine a conduzione familiare di quello che poi diventerà il made in Italy. I problemi della grande industria sono legati alla conduzione familiare che limita la crescita per carenza di capitali e l innovazione tecnica che viene acquisita dall estero. Questi aspetti inducono a cercare protezione nello stato. 1

2 - Il ruolo della finanza: le banche miste. Nei territori di piccola impresa le banche piccole di credito cooperativo e le Casse di Risparmio hanno il ruolo dominante. Per il finanziamento della grandi imprese, quelle del Nord, dopo il fallimento della banche nazionali coinvolte nella costruzione delle ferrovie, entrano banche nuove con forti capitali stranieri, tedeschi, svizzeri. Nel 1894 nasce la Comit, nel 1895 il Credito Italiano. Le due maggiori banche di oggi. Esse, seguendo la tradizione tedesca fanno il credito sia a breve che a lungo termine. Con il che partecipano anche alla gestione delle grandi aziende perché suoi funzionari partecipano ai consigli di amministrazione. Al Sud si avvia il Banco di Roma. Più legato alla politica. Le due grandi banche del Nord, ai primi del 900, avviano anche la borsa valori (Piazza Affari). All inizio del 900 i grandi gruppi del nord appaiono strettamente intrecciati alla grande finanza. E un anticipo del salotto buono. Il periodo fascista e la grande crisi Dalla guerra traggono grande vantaggio le industrie meccaniche del nord (veicoli, aerei, naviglio, siderurgia, ). Cioè le solite grandi aziende, FIAT, ILVA, Ansaldo, Negli anni 20 l industria cresce molto (5% annuo). Consolidano il loro potere Edison e Montecatini. Anche in termini di contrattazione politica. Prende forma in quel periodo la struttura oligopolistica della grande industria del nord. Anche la piccola industria tradizionale si consolida e diventa la base del futuro made in Italy La crisi del 29 coinvolge le due principali banche (miste italiane) Comit e Credito Italiano, Lo stato interviene smobilizzando i titoli delle grandi aziende in cambio della proprietà azionaria delle banche. Tutte le partecipazioni acquisite dallo stato confluiscono nell IRI. Nel 1937 l IRI viene dichiarato permanente e si trova proprietario di tutte le banche miste (le maggiori del Nord, poi chiamate le 3 Bin) e del 20% del capitale delle grandi aziende del nord (siderurgia, elettricità, cantieristica, servizi telefonici). Lo stato già possedeva le banche regionali già ex Istituti di emissione. L IRI finisce con il controllare, oltre al sistema bancario delle ex banche miste (le banche di credito cooperativo e le Casse di Risparmio sono già di proprietà degli enti locali e delle associazioni di categoria), l 80% della cantieristica, 45% della siderurgia, 23% della meccanica. Restano private la Falk, la Fiat, la Montecatini, la Edison e altre. I proprietari, per 2

3 mantenere il controllo, si aiutano reciprocamente incrociandosi le partecipazioni azionare, creando i sindacati di controllo, il salotto buono in cui nessuno riesce ad entrare se quelli già dentro non lo consentono. - Dopo la Seconda guerra mondiale. Probeli aperti: eccesso di manodopera; relativa arretratezza tecnologica dell industria italiana; struttura proprietaria della grande industria privata chiusa, non contendibile, dunque votata alla scarsa efficienza Moltissime piccole imprese, spesso arretrate. Si decide di non smantellare l IRI e di usarla come strumento per promuovere la crescita industriale e tecnologica del paese. Il piano Marshall fornisce molto capitale per acquistare dall estero tecnologia. Se ne avvantaggia la Fiat e la siderurgia pubblica (Sinigaglia). - Il miracolo economico. Grande crescita dell economia italiana fino al 1962 (6% annuo medio il miracolo economico) Fino alla metà anni 50 il traino è la domanda interna Dopo il 58 (Trattato di Roma) è la domanda esterna che traina La crescita delle esportazioni è spiegata dai prezzi bassi dovuti a una forza lavoro abbondante in uscita dalle campagne delle zone povere del paese (sud e nord-est) che non spinge sui salari. Nel 1953 si crea l Eni con Enrico Mattei con il compito di fornire al paese l autonomia energetica con la ricerca e con accordi diretti coi i paesi produttori. In pochi anni l Eni diventa una grande azienda energetica diversificata e internazionalizzata. Da ricordare di quegli anni la grande esperienza della Olivetti di Adriano Olivetti, forse unica grande azienda multinazionale italiana leader di settore (macchine da scrivere 27% del mercato mondiale, in competizione con IBM). Molte piccole botteghe si trasformano in piccole aziende; nello stesso periodo è il grande successo dell elettrodomestico italiano (Candy, Merloni, Zoppas, Zanussi, Mivar) e dell industria alimentare (Buitoni, Barilla, Star, Ferrero, Motta, Alemagna,...) - Le sfide perdute. Del grande sviluppo di quegli anni restano importanti buchi neri. Si afferma l industria meccanica leggera, il settore auto. Ma non riesce il disegno di dotare l Italia di sicurezza 3

4 energetica (Mattei viene ucciso); la chimica (nonostante il premio Nobel a Natta per il moplen) si avvita su se stessa; l elettronica con la Olivetti viene lasciata fallire, dopo la morte di Adriano Olivetti; la nazionalizzazione dell energia elettrica (1962) che crea l Enel non produce nelle ex-aziende elettriche rimborsate con ingenti capitali sussulti positivi di imprenditorialità (i casi Edison e Montecatini, poi Montedison, fino ai giorni nostri). Dopo la metà degli anni 60 l IRI e l Eni finiscono sotto il controllo della politica che le usa prima per operazioni di salvataggio industriale (nella chimica, nel tessile (Lanerossi), in molto altro) buttando un sacco di quattrini, poi sempre più per scopi elettoralistici senza che un disegno industriale ragionevole emerga. In quegli anni tutte le grandi aziende in crisi finiscono per essere assorbite, attraverso IRI e Eni, dallo stato. L Eni è stata risanata dopo il L IRI non esiste più e tutte le sue aziende, banche comprese, sono state privatizzate. - Il periodo recente: grandi e piccole imprese. Le grandi imprese private, dopo la conflittualità degli anni 60 culminata nell autunno caldo, a cui si aggiunge la prima grande crisi petrolifera, entrano in crisi. Calano i profitti, non si investe più, crescono i debiti, le banche pesano sempre più. Si mette in azione Mediobanca con Cuccia che cura il riassetto del industria privata del nord e ne blinda il controllo da attacchi esterni. Come risposta alla crisi si avvia il decentramento produttivo. Solo negli anni 80 si riprende a investire, la produttività si rimette a crescere, così i profitti; la borsa si rimette in moto come fonte di finanziamento dalle aziende dopo circa 80 anni. Ma non si assiste a un salto tecnologico di rilievo e non di riesce a entrare in settori ad alto valore aggiunto. Si resta confinati in quelli tradizionali. La disoccupazione per effetto delle operazioni industriali di ristrutturazione si assesta stabilmente oltre il 10%. Alla fine degli anni 80 la grande industria del nord rientra in crisi (Fiat, Montedison, Olivetti,...). Le piccole imprese esplodono negli anni Cresce la produttività e il profitto. Sono l espressione compiutà della specializzazione flessibile. La sua prima funzione è l esser complementare alle grandi e di rappresentare per esse la flessibilità che non possono conseguire al loro interno per le rigidità sindacali. Le grandi imprese pubbliche rappresentano, all avvio delgi anni 90 il 35% delle imprese industriali medio-grandi. Ma macinano perdite e la CE ne decreta lo smantellamento (accordo Andreatta Van Myert). Gli anni 80 sono caratterizzati: a) dal rientro della grande inflazione degli anni 70 b) da un freno alla politica delle svalutazioni competitive c) dalla eliminazione di imprese non efficienti d) da crescita della produttività media delle imprese a seguito di una politica di investimento rivolta ad ammodernare gli apparati industriali e con crescita della disoccupazione e) dalla crescita del debito pubblico 2. Dagli anni Novanta: numeri e indicatori 4

5 - Alcune definizioni. Industria in senso stretto e costruzioni. Le costruzioni sono un settore ad alta intensità di manodopera e ad alto valore aggiunto. L industria in senso stretto comprende le attività estrattive, le manifatturiere (88% del valore aggiunto, 96% dell occupazione), produzione e distribuzione di energia. - I numeri. Nel decennio la quota del valore aggiunto del manufatturiero passa dal 30% al 20% e la quota di occupazione si ferma al 22%. Negli altri paesi europei è ancora più bassas - La competitività. La quota di esportazioni o di mercato sul commercio internazionale. E la misura del gradimento delle nostre merci. Stava sul 5% a fine anni 80. E scesa e poi risalita dopo la svalutazione della lira nel A partire dal 1996 ha iniziato a scendere. Ed è scesa velocemente dopo il Ora è a poco più della metà del Perchè? La svalutazione non si può più fare. La produttività dei nostri concorrenti (Germania, Francia) è cresciuta e la nostra no. Sono entrati nel commercio mondiali paesi grandi come Cina e India così che il denominatore del rapporto aumenta. Comunque le nostre E si sono ridotte e proprio nei settori per noi più significativi del made in Italy. Investimenti diretti all estero, cioè trasferimento di pezzi di azienda all estero, ci sono ma sono comunque meno significativi di quanto fanno tedeschi, francesi, inglesi e americani. La competitività di prezzo noi l abbiamo sempre raggiunta con le svalutazioni. Dopo il 1996 questa via è preclusa. La competitività di costo la si misura con il rapporto del costo del lavoro per la quantità prodotta; cioè con il costo del lavoro per unità di prodotto. Dipende dall accrescimento della produttività e dall andamento del costo del lavoro. Da alcuni anni la nostra produttività non cresce o cresce meno rispetto ai concorrenti. Il costo del lavoro non cresce. La redditività (il profitto per capitale investito) è in linea con quanto accade altrove per le imprese medie. Appare più bassa per le grandi. Ma è difficile misurare la redditività. 3. Le dimensioni: una peculiarità italiana - Le dimensioni contano? Pare di sì. Le imprese di maggiori dimensioni sono anche quelle in cui la produttività cresce di più. Anche a causa delle economie di scala. Ma pure perchè le imprese più grandi investono nella ricerca. 5

6 - Il confronto internazionale. L'evoluzione recente: riduzione delle dimensioni e dell'integrazione verticale. Le piccole imprese (0-9) sono la larga maggioranza in tutti i paesi (oltre il 90%). La particolarità italiana è che le piccole contano per quasi la metà dell occupazione complessiva mentre negli altri paesi avanzati si arriva al 30%. Mancano le medie imprese che altrove sono il perno. E anche vero che a partire dagli anni 80 in molti paesi si assiste all espansione della piccola impresa; in Italia il fenomeno resta più accentuato. A spiegazione si può dire che sono venute meno alcune economia di scala, nella meccanica, per effetto del progresso tecnico. E pure che i rapporti tra le imprese si sono modificati con accordi o altre forme che ha consentito di stare piccoli e flessibili ma non perdendo del tutto i vantaggi delle dimensioni maggiori. - I gruppi industriali: un'alternativa alla crescita interna. La prima innovazione organizzativa è la crescita dei gruppi di imprese. L Istat stima che più dell 80% delle imprese con più di 500 addetti faccia parte di un gruppo. Tale fenomeno si attenua al ridursi delle dimensioni; il 54% di quelle comprese tra i ; il 39% tra 50-99; il 22% tra Riletta così la struttura dimensionale dell industria italiana appare meno lontana dal resto dell Europa. Ma lontana resta perchè indagini raffinate mostrano che con il gruppo crescerebbe solo il numero delle garndi imoprese ma non delle medie imprese che dunque continuano di fatto a manacare. I vantaggi del gruppo stanno nella limitazione delle responsabilità in caso di fallimento e nel minor fabbisogno di capitale di rischio per controllare un impresa. Le imprese italiane in gruppo sono quelle più tecnologiche. Quelle del made in Italy sono meno legate in gruppo. - I distretti industriali: il superamento dell'effetto dimensionale. Fenomeno largamente italiano, notato negli anni 70 ed esploso dagli anni 80. Riguarda principalmente imprese del made in Italy. Alcune stime (Istat) indicano 200 distretti con il 40% dell occupazione manifatturiera. Altre stime più prudenti fanno scendere il peso degli addetti al 18%. I numeri sono sempre in evoluzione. Dentro i distretti recentemente si sono formati gruppi. I due fenomeno coesistono. In Emilia il 23% delle imprese (occupazione intorno al 50%) è organizzato in gruppo. Nei distretti emiliani il 44% delle imprese è legato da relazioni di gruppo. E si tratta di imprese dento la stessa filiera o che producono le stesse merci. Tentativi di collusione? Di controllo dei mercati? - In conclusione: esistono vincoli alla crescita? Il primo vincolo è la struttura proprietaria delle imprese. Sono imprese familiari che crescono solo se trovano all interno della famiglia le risorse umane per crescere. 6

7 Altrimenti stanno piccole (problema generazionale). Il secondo, legato al primo, sono i capitali che spesso mancano per crescere. La struttura familiare è un limite in questo. Ma pure il non buon funzionamento del mercato dei capitali di rischio, oltre che a certe regole giuridiche, che non porta liquidità al mondo delle imprese medie e piccole Infine pesano anche gli aspetti giuridici sul mercato del lavoro, sulle regole per i fallimenti troppo macchinose e onerose per un imprenditore solo sfortunato. 4. La specializzazione produttiva: troppo poca tecnologia? - La specializzazione: perché è importante. Lo è perchè il livello di reddito di un paese, in un contesto economico molto aperto (globalizzato) dipende largamente da cosa il paese produce, cioè dalla sua specializzazione produttiva. Produrre merci ad alto valore aggiunto i cui mercati mondiali sono in crescita garantisce alti redditi. Specializzarsi in merci facilmente imitabili nel prodotto e nella tecnologia che si vendono in mercati internazionali in cui la competizione è forte significa accettare livelli di reddito più bassi e doverli difendere. La specializzazione di un paese è il risultato di lungo periodo della sua storia (risorse, cultura,...) e delle sue scelte, sempre di lungo periodo, di politica economica. - L'Italia e gli altri paesi europei. (tab. 3) L Italia è specializzata nel made in Italy: nel sistema moda (tessile, abbigliamento, cuoio, calzature, borse, occhiali,...), nel sistema dei prodotti per la casa (piastrelle, bagni, infissi, mobili, cucine,..., prodotti alimentari), nella meccanica leggera (elettrodomestici, macchine utensili, macchine per il sistema moda e il sistema casa,...). E despecializzata negli autoveicoli, nei motori, nella chimica, nella petrolchimica, nella produzione di beni intermedi, nella produzione di beni di investimento, nell elettronica e informatica,... La specializzazione italiana è un fenomeno che inizia negli anni 70. Nei primi vent anni erano cresciuti di peso settori ad alta intensità di capitale e ad alta tecnologia (soprattutto controllati da imprese pubbliche) e tutti i comparti della meccanica (auto, elettrodomestici bianchi...); poi progressivamente abbandonati. La Spagna è in parte simile a noi. Ma le produzioni a maggior intensità di capitale e di tecnologia, che coinvolgono pure forza lavora qualificata (chimica, elettronica, telecomunicazioni, biotecnologie, meccanica superiore) si collocano in Germania e in Francia. Per non dire degli USA e del Giappone. In definitiva la nostra specializzazione è ora sotto tiro dei paesi emergenti e i nostri prodotti ancora si difendono per il design e la qualità. 7

8 - La concorrenza dei Paesi in via di sviluppo. La sfida proviene dai paesi di nuova industrializzazione NIC che hanno specializzazione simile alla nostra. La nostra quota del made in Italy sui mercati internazionali è in effetti calata ma non come si temeva fino a pochi anni fa. Negli utimissimi anni inveca il calo appare marcato. L Italia su muove anche su segmenti di mercato più ricchi in cui ha peso il design del prodotto e la qualità con cui è realizzato e tale fatto tende a porre un limite inferiore alla caduta delle quote. - Le sfide dell'unione monetaria. Nell ambito Europeo l Italia continua a muoversi bene in settori a intensità di capitale umano di livello medio. Altri paesi, Germania ma pure la Spagna, tendono a muoversi verso produzioni che richiedono livelli di competenze scientifiche crescenti. La nostra specializzazione nei settori tradizionali implica un basso tasso di innovazione tecnologica e una impossibilità di ricaduta dell innovazione a monte. Viceversa altri paesi che sono specializzati nelle merci di base a maggior tasso di progresso tecnico hanno il vantaggio di poter diffondere il progresso anche nelle produzioni a valle. - L'insufficiente attività innovativa. - Una valutazione complessiva. In generale l Italia spende poco per spese di ricerca e sviluppo (1% contro 1,5% della media europea ma vi sono paesi come Finlandia e Svezia che spendono circa il 3%); ha una bilancia tecnologica passiva; anche l Europa ce l ha, eccetto i paesi nord europei, il Belgio, L Olanda, il Regno Unito. L esser caratterizzati da una struttura di piccole imprese implica che una fetta delle spese per l innovazione non venga rilevata. Ma implica pure che la capacità di innovazione forte, radicale, appannaggio solo delle grandi aziende, non c è. L accumulazione di conoscenze scientiche-tecniche dei primi vent anni del nostro sviluppo (grandi imprese pubbliche di basa, Olivetti, Montecatini,...) è stata del tutto persa. Il sostegno pubblico alla ricerca delle imprese è bassissimo (10% della spesa contro il 25% di USA e Francia); non c è interazione nella ricerca tra il sistema delle piccole imprese e la ricerca pubblica delle università. Restano mondi separati. L innovazione nelle piccole aziende avviene attraverso i venditori di macchinari (spesso stranieri) e i venditori di semilavorati e di componenti (ancora spesso stranieri). La quota dei nostri prodotti sui mercati internazionali è drasticamente calata per l abbigliamento (dal 12 all 8%), nelle calzature ( dal 26% al 17%) e nei macchinari industriali. Parte del fenomeno è spiegata da decentramento della produzione in altri 8

9 paesi e quindi dal cambiamento formale dell origine del prodotto (pare che nel comparto dell abbigliamento e della calzatura il decentramento coinvolga 1/3 degli occupati). Ma è un fenomeno difficile a misurarsi. La motivazione del decentramento è la riduzione del costo del lavoro. Il che è un indicatore che la nostra specializzazione stenta a spostarsi su produzioni in cui il costo del lavoro è meno importante nello stabilire i vantaggi di competitività. 5. La new economy nell'industria italiana - Cos'è la new economy. L economia americana è cresciuta a tassi elevati per un quindicennio senza tensioni inflazionistiche, senza mai toccare un limite di capacità produttiva. La radice di questo fenomeno sta nella crescita costante della produttività che ha investito tutte le componenti dell economia americana. E la causa della crescita della produttività è la invenzione e la diffusione delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT). - Quali opportunità per le imprese. Gli strumenti che incorporano quelle tecnologie sono ormai definitivamente in mano USA. La nostra quota di produzione sul totale della produzione manifatturiera interna è dell 1%. Per l Italia conta dunque l adozione e la diffusione di queste nuove tecnologie nei settori di nostra specializazione. Va ricordato che le ICT si diffondono più facilmente nelle grandi imprese in cui una sola decisione impone un modello di comunicazione, uno standard. Nelle piccole imprese la diffusione è più difficile perchè l informazione viaggia su canali più informali. Con l avvento di internet ICT si può diffondere fuori dalle reti proprietarie. Dunque anche le piccole imprese potrebbero trarne vantaggio. Che consisterebbe in un maggior coordinamento di decisioni tra le imprese dentro un distretto o tra imprese che decentrano fasi all estero. - L'adozione di nuove tecnologie. L investimento in ICT sta crescendo. In Italia raggiunge il 17% circa degli investimenti fissi lordi. L Italia, come l Europa, è in ritardo rispetto agli USA. La parte dinamica, quella del software appare ancora bassa, intorno al 5%. Negli USA nel 2000 questa parte era il 14% del totale investimenti fissi. Dal 2000 tutte le imprese, almeno quelle con più di 50 addetti sono collegate a internet; possiedono una pagina web che poche usano in maniera intelligente. Solo il settore bancario ha fatto della rete la base tecnica del proprio lavoro. Oltre il 70% delle imprese lo utilizza nei rapporti con le banche. Il commercio elettronico non è ancora molto diffuso. Solo le imprese di grandi dimensioni usano le ICT in modo assai rilevante. Le piccole imprese e le imprese nei distretti ne fanno poco uso perchè temono di perdere pezzi di 9

10 autonomia gestionale o di perdere informazioni sensibili. Anche le imprese neo nostri settori tradizionali, che sono infatti piccole, non fanno un uso vero dell ICT: - I fattori essenziali per la loro diffusione. A parere di alcuni la scarsa concorrenzialità, che ha tenuto alti i costi di accesso, dei mercati delle infrastrutture in Europa ha rallentato la diffusione della ICT: essenzialmente della banda larga che consente la trasmissione veloce delle informazioni. Anche fattori legali come lo scarso riconoscimento giuridico delle informazioni passate sulla rete ha rallentato la diffusione di ICT. Infine, l aspetto più rilevante di freno alle ICT è la scarsa preparazione informatica delle persone che dovrebbero operare con le nuove tecnologie. La formazione serve a superare la strozzatura. 6. Il controllo delle imprese - Proprietà e controllo. Sono due concetti collegati ma diversi. Non sempre il proprietario controlla, gestisce l azienda. Negli USA si hanno spesso situazioni in cui la proprietà è diffusa tra tanti e il controllo si concentra nelle mani dei managers (public company). Il fatto che la proprietà sia scissa dal controllo ha dei vantaggi per il finanziamento, anche con capitale di rischio, dell impresa. Quando un impresa cresce si trova nella situazione di dotarsi di mezzi finanziari in eccesso al suo autofinanziamento. Se l impresa ha una proprietà familiare si può manifestare un blocco alla crescita quando la gestione corrente e la famiglia non possiedono capitali sufficienti per la crescita. Chiederli al sistema finanziario o alla borsa è un rischio per la famiglia perchè può diluirsi la quota di comando sul capitale (caso Fiat 2005). In un contesto di proprietà diffusa questo rischio non esiste e pertanto il capitale a disposizione per gli investimenti può crescere per fonti esterne. Ci sono due modelli di governance: quello anglosassone e quello tedesco-giapponese. Nel secondo la proprietà può essere diffusa ma è stabile nel tempo. L afflusso di risorse finanziarie viene assicurato dal sistema delle banche (banca mista) i cui rappresentanti siedono nei consigli di amministrazione e svolgono così un controllo nell operato dei managers. Le banche gestiscono i passaggi di proprietà tra azionisti, nei momenti di crisi. La presenza delle banche neo consigli di amministrazione fa si che esse siano più sensibili ai problemi di sviluppo di lungo periodo delle imprese rispetto a situazioni in cui siano escluse. Il modello anglosassone si appoggia sulla borsa. Come quello tedesco è banco centrico quello Usa è borsa centrico. Le imprese a proprietà frazionata sono sempre scalabili sul mercato di borsa. Pertanto la proprietà è di per se meno stabile rispetto ai modelli continentali. Il che garantisce che quando l impresa non è gestita in modo efficiente altri 10

11 possano scalarla, cambiare i managers, orientamenti, politiche. Un ruolo importante lo giocano i fondi di investimento che possono farsi sentire in assemblea e in qualche modo rapprsentano la voce del mercato. Il rischio di questo modello è che le imprese siano gestite in un ottica di aumento dei valori di borsa delle azioni allo scopo di massimizzare il guadagno in conto capitale di chi le azioni le possiede (casi Enron, World.com,..). Piuttosto che seguire un ottica di lungo periodo in cui si punta a far crescere i profitti attraverso la creazione di buoni prodotti,... - La struttura proprietaria delle imprese italiane e la loro struttura finanziaria. - Cause ed effetti. In Italia, mondo di piccole imprese e di imprese non piccole ma di base familiare, la proprietà controlla in larga misura le aziende. I dati italiani (tab. 4) sono emblematici. Tra le società non quotate (la larghissima maggioranza) il primo proprietario copre più del 60% del capitale. I primi tre arrivano a percentuali oltre il 90%. Per le poche società quotate la situazione è simile perchè gli azionisti di controllo coprono intorno al 55% del capitale. Tra gli azionisti di controllo più della metà sono persone fisiche. Sul 30% sono altre imprese (holding); il resto o sono imprese straniere o imprese finanziarie (fondi,...) Lo stato controlla ancora il 18% del capitale delle grandi imprese industriali quotate. Un ulteriore 10% da altre imprese industriali. Un altro 10% è in mano a singole famiglie. Sono molto diffusi i patti di sindacato tra azionisti il cuo obiettivo è di impedire la scalabilità delle imprese quotate (vedi il caso RCS del 2005). Pesano pochissimo, a differenza del mondo anglosassone, le società finanziarie. Questo fatto dovuto alla carenza dei fondi pensione, ancora in fase di avvio, e della separazione attuata negli anni 30 con la riforma bancaria tra il credito a lungo e quello commerciale, attenuta solo da una decina d anni. Tutto questo rende gli assetti proprietari delle nostre grandi imprese industriali molto stabili, quasi immobili. La legislazione da una buona mano in questa direzione. E facile affermare che le nostre imprese grandi sono difficilmente scalabili. Che hanno difficoltà ad attrarre nuovi capitali perchè chi investe non avrebbe voce nella gestione di imprese di fatto già chiuse. Dall avvio della politica di privatizzazione lo scenario sta cambiando. In primo luogo il mercato del credito è stato aperto con nuovi soggetti (fondi pensione, fondi chiusi,...) e la separatezza del credito a lungo e a breve nello stesso soggetto finanziario è stata attenuata. Si sono scritte norme più garantiste per i risparmiatori che investono in borsa, per la tutela degli interessi delle minoranze per le società quotate. Ma gli esiti auspicati tardono a manifestarsi. Per le piccole imprese tale assetto di compenetrazione tra proprietà e controllo è normale e forse il migliore. Perchè le finalità della proprietà coincidono sempre con quelle dell impresa, profitti e sviluppo. Almeno finchè la crescita dimensionale non chiama nuovi capitali che il proprietario non è in grado di fornire. La struttura del debito delle grandi aziende non è molto dissimile da quelli di imprese analoghe di altri paesi. Si differenzia per il peso piccolo del debito obbligazionario e per il peso grande dei debiti infragruppo. 11

12 Le piccole imprese sono invece molto legate al credito bancario e di breve periodo e ai debiti commerciali, cioè i debiti verso i fornitori, una delle principali poste di finanziamento. 7. Quale politica industriale oggi? Varia nelle diverse fasi storiche. Nelle prime fasi della industrializzazione era protettiva delle nuove industrie. Dunque tariffe all ingresso di merci straniere, sovvenzioni all avvio di nuove iniziative, crediti a tassi agevolati, sostegno alle esportazioni. Tutte politiche per far crescere l industria proteggendola dalla concorrenza di imprese di altri paesi. Negli anni più recenti hanno preso piede le politiche per assicurare il buon funzionamento dei mercati, cioè le politiche per promuovere la concorrenza. - Le politiche industriali tradizionali. Sono provvedimenti a sostegno dell industria del paese. Si individuano i settori strategici su essi si spendono risorse per farli crescere (energia, siderurgia, trasporti, infrastrutture,...). In Italia lo stato, attraverso l IRI, ha avuto un ruolo diretto di gestione. Ha creato cultura industriale e manageriale; ha svolto un ruolo nell accumulo di competenze tecnologiche; ha fornito semilavorati e componenti a prezzi più bassi rispetto a concorrenti stranieri alla industria leggera privata. Più tardi le politiche industriali hanno gestito le crisi di alcuni settori, largamente privati, attraverso la gestione dell occupazione, l assunzione nella sfera pubblica di imprese che altrimenti sarebbero fallite, condotto a fallimenti controllati altre,... Fino a metà degli anni Le nuove politiche per l'industria. Vi è un mutamento di paradigma. Prevale un ottica mercatista. E il mercato il valutatore migliore dell attività delle imprese. Faciamolo funzionare. L intervento diretto tradizionale si restringe solo nei casi dove il mercato per sua natura fallisce. Cioè la dove i privati non troverebbero convenienza investire. Si è nell ambito della produzione di beni pubblici : infrastrutture in senso lato, istruzione, ricerca, amministrazione della giustizia e produzione di norme di legge. L intervento nuovo è la regolamentazione de mercati per ridurre i costi esterni alle imprese, i costi di transazione, creando un contesto più trasparente, di maggiore tutela nei contratti, di limitazione di posizioni di monopolio che si creano. In parole dirette facciamo funzionare i mercati. - La fornitura di beni pubblici. L innovazione tecnologica ha ridotto l area dei fallimenti del mercato. Nelle telecomunicazioni, nei trasporti aerei sono spariti i monopoli pubblici sostituiti da imprese 12

13 private in competizione. Tuttavia in molti servizi a rete l innovazione nn ha fatto venir meno la necessità della gestione pubblica o semi publica del servizio. In primo luogo internet che è rete pubblica e troppo grande per esser gestita privatamente; e la sua apertura porta a un beneficio s tutti i partecipanti. E ugualmente la rete distributiva elettrica (cosa diversa è la produzione), la rete idrica, ecc.,... Negli ultimi 40 anni si pochissimo investito (lo stato) nella rete infrastrutturale accumulando un ritardo elevato rispetto allo standard europeo. Altra area in cui difficilmente lo stato può stare alla finestra è la formazione. Le nostre spese sono più basse della media europea e degli Usa. La preparazione dei nostri giovani nella fascia anni appare (indagini OCSE) largamente inferiore alla media europea nella matematica e nelle materie scientifiche e non brilla nemmeno in quella della comunicazione orale e scritta. Giovani non formati secondo gli standard attuali significano forza lavoro non in grado di apprendere tecnologie complesse e in cambiamento. Si è tentato di trasferire il problema alle università con i diplomi e le lauree triennali con l effetto, pare, di peggiorare la qualità non cattiva del laureato tradizionale nelle discipline scientifiche. La spesa pubblica per la ricerca è bassa e soprattutto mal gestita. A finanziare tante iniziative troppo piccole per risultare significative. Con troppa enfasi sulla ricerca applicata a scapito di finanziamenti alla ricerca di base. Infine va ricercata l efficienza della pubblicazione amministrazione nei tempi esecuzione dei suoi compiti, nella semplificazione delle norme, nell efficienza del sistema giudiziario (tempo dei processi nel civile) e nella chiarezza delle norme. - La regolamentazione dei mercati e dell'attività economica. Molte indagini indicano che i paesi a maggior crescita sono quelli che possiedono una legislazione semplice di facile intelleggibilità, di norme facilmente applicabili e da autorità efficienti che le facciano applicare. Contano tutti i mercato in cui operano le imprese; essi devono esser regolati nel modo più efficiente per favorire la crescita delle imprese a prezzi bassi. a) Il mercato del controllo societario: in esso si devono proteggere le minoranze azionarie, favorire il passaggio di proprietà attraverso OPA, facilitare l afflusso di capitali esterni, semplificare il funzionamento legale interno delle società, ecc., senza tuttavia ledere gli interessi dei finanziatori esterni (obbligazioni),... b) Il mercato del lavoro le imprese lo vogliono più flessibile con possibilità di flessibilità in uscita assai più marcate delle attuali. L ideale per alcuni è un mercato del lavoro in cui il rapporto di lavoro a tempo indeterminato non esista più. c) Le regole di uscita delle imprese. Cioè i fallimenti. In Italia sono troppo onerosi per l imprenditore e troppo lunghi nei tempi. Si è prodotta una nuova legislazione che ha ridotto gli oneri per l imprenditore ma ha accresciuto quelli per i creditori. Con esiti dubbi, dunque, sulla capacità di approvvigionamente di capitale di debito. 13

14 - Concorrenza e regolamentazione. Negli ultimi anni il progresso tecnico ha indotto all apertura di molti settori protetti da monopoli legali (legali a situazioni di monopolio naturale) come nelle telecomunicazioni, nel comparto assicurazioni, nei trasporti. Sono diventati mercati in cui possono coesistere più operatori in concorrenza con l effetto potenziale di un avvicinamento dei prezzi ai costi marginali. Ma perchè gli effetti siano quelli desiderati è necessaria una legislazione antitrust che impedisca che agli ex monopolisti di esercitare il loro vecchio potere di mercato. L idea a guida di queste scelte è che la posizione di monopolio è un incentivo a non ridurre i costi e a innovare meno di quanto si potrebbe attuare. Una seconda area di intervento è la riduzione di particolari regolamentazioni nel funzionamento di alcuni mercati. Ad esempio nel mercato della distribuzione commerciale, in quello del trasporto urbano privato, nell offerta di prestazioni professionali agli iscritti in un albo, e così via. Alcuni sostengono che la crescita senza inflazione negli Usa degli anni 90 dipese anche dal fatto che in precedenza ci fu una deregolamentazione in molti settori che creò condizioni quelle condizioni di concorrenza che consentirono ai prezzi di non crescere. L Italia possiede una legislazione antitrust rodata ma con non molti effetti pratici. Qualche multa e molti ricorsi ai tribunali amministrativi. L antitrust può suggerire modifiche legislative di reglamentazione o semplificazione di alcuni settori ma alla fine è sempre il parlamento, camera di compensazione di molti interessi, che decide. L Italia resta un paese in cui i carichi amministrativi e i vincoli regolamentari all avvio di imprese rappresentano una significativa barriera all entrata che consente a chi già opera di godere di margini elevati. Una spinta molto forte a liberalizzare proviene dalla Commissione Europea 14

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Strumenti adottati per ovviare agli squilibri ( dualismi ) creati dallo sviluppo del decennio precedente (N S, aree arretrateindustrializzate

Strumenti adottati per ovviare agli squilibri ( dualismi ) creati dallo sviluppo del decennio precedente (N S, aree arretrateindustrializzate Lezione 9 Modello di sviluppo 1946 60: crescita concorrenziale dal basso (imprenditori schumpeteriani) dinamismo impresso da impresa pubblica ai mercati oligopolistici (modernizzazione metallurgia, meccanica,

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Processo di integrazione europea

Processo di integrazione europea Lezione 12 Processo di integrazione europea Agicoltura 1962 PAC = politica agricola comune sistema di protezione del settore agricolo dei paesi membri: sostegno dei prezzi per prodotti strategici (cereali,

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

CAPITOLO 5 PP. 229-281

CAPITOLO 5 PP. 229-281 CAPITOLO 5 PP. 229-281 Il Secondo dopoguerra L Italia esce sconfitta dalla 2ª G.M. ma profondamente rinnovata: Passa da una strategia di sviluppo c.d. ISI, ISI = Industrializzazione Sostitutiva di Importazioni;

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE

III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE III.1 Crescita: produttività e competitività I problemi dell Italia hanno radici profonde, che superano la congiuntura sfavorevole degli ultimi anni. Il processo di

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Le medie imprese italiane

Le medie imprese italiane Le medie imprese italiane Fra le quattro maggiori economie europee (Germania, Regno Unito, Francia e Italia, d ora in poi indicati come «UE-4»), l Italia è quella che in questo momento attraversa la situazione

Dettagli

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85 La rincorsa frenata 1 Anni di piombo e solitudini europee Inizio anni Settanta: profonda crisi. Fine della produzione di massa, della domanda pubblica

Dettagli

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA corso di Storia economica lezione 09.05.2014 gli altri casi nazionali INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA (1896-1920...) LA MINORITA DELLA BORGHESIA INDUSTRIALE: - il liberoscambismo dominante - la faticosa

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

CGIL PIEMONTE. Schema per un rapporto sulla contrattazione nell industria in Piemonte. A cura di Ires CGIL Lucia Morosini.

CGIL PIEMONTE. Schema per un rapporto sulla contrattazione nell industria in Piemonte. A cura di Ires CGIL Lucia Morosini. CGIL PIEMONTE Schema per un rapporto sulla nell industria in Piemonte A cura di Ires CGIL Lucia Morosini 15 Settembre 2004 Sintesi della situazione economica del Piemonte 1. Andamento dell economia. L

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Università della Tuscia

Università della Tuscia LO SVILUPPO ECONOMICO in Italia. e nel mondo: presente, passato, futuro Giuseppe GAROFALO Prof. di Economia politica Università della Tuscia Pil (miliardi di $ PPA base 1990) Anno: 2006 Parità poteri d

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Relazioni industriali

Relazioni industriali Relazioni industriali Relazioni industriali Il sistema di relazioni industriali è l insieme di relazioni che regolano i rapporti fra imprese e loro organizzazioni da un lato e lavoratori e sindacati dall

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Ancora sulla grande impresa. mutamento di strategia che ha caratterizzato parte rilevante della grande industria dalla prima guerra mondiale:

Ancora sulla grande impresa. mutamento di strategia che ha caratterizzato parte rilevante della grande industria dalla prima guerra mondiale: Lezione 7 Ancora sulla grande impresa Sviluppo degli anni '50 1.crescita domanda 2.disponibilità tecnologie produzione di massa mutamento di strategia che ha caratterizzato parte rilevante della grande

Dettagli

Il capitale umano per il XXI secolo

Il capitale umano per il XXI secolo Il capitale umano per il XXI secolo Ignazio Visco Vice Direttore Generale Banca d Italia Bari, 8 aprile 2011 Le forze della demografia In Italia forte invecchiamento della popolazione, riflesso di calo

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Produttività e Cambiamento nell Industria Italiana Indagini quantitative

Produttività e Cambiamento nell Industria Italiana Indagini quantitative Produttività e Cambiamento nell Industria Italiana Indagini quantitative A cura di Laura Rondi e Francesco Silva Scuola Superiore S.Anna e Pisa, 5 Novembre 2009 Sintesi Indagine sull aggiustamento reale

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Lo scorporo delle reti di trasmissione del gas da Eni e l assetto organizzativo del mercato

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo Cina: il dare e l avere con il resto del mondo ECONOMIA di Stefano Chiarlone e Francesco Giordano Circolano troppi luoghi comuni sulla potente locomotiva asiatica. Ci sono Paesi ad alta specializzazione

Dettagli

Essere liberale nell Italia di oggi

Essere liberale nell Italia di oggi Essere liberale nell Italia di oggi Sempre più spesso sentiamo parlare, anche impropriamente, di programmi e di idee di ispirazione liberale, un temine inflazionato ma che oggi è fondamentale recuperare

Dettagli

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria Convegno 12/13 dicembre 2003 Fortezza da Basso V.le F.Strozzi 1 Regioni&Innovazione Idee ed azioni a confronto per costruire uno sviluppo duraturo e sostenibile Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Dettagli

Medie imprese italiane: quando e come crescono

Medie imprese italiane: quando e come crescono Medie imprese italiane: quando e come crescono Una strada per la crescita della media impresa italiana Fulvio Coltorti (Area Studi Mediobanca) 11 Novembre 2013 Quarto capitalismo: peso in termini di VA

Dettagli

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa Francesco Daveri Università di Parma Perché il modello di innovazione italiano è ad un bivio Lezioni da due modelli di innovazione stranieri Schema

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

La piccola e media impresa

La piccola e media impresa Lezione 11 La piccola e media impresa Censimento industriale 1991 In Italia piccola impresa (

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI PREZZI DELLA FILIERA DEI PRODOTTI PETROLIFERI, NONCHE SULLE RICADUTE DEI COSTI DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE E SULLA COMPETITIVITÀ

Dettagli

Prospettive ed evoluzione dei servizi pubblici locali

Prospettive ed evoluzione dei servizi pubblici locali The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2004 Prospettive ed evoluzione dei servizi pubblici locali Piergiorgio Berra, Direttore Area elettricità Milano, 1 marzo 2004 L evoluzione degli scenari nel settore

Dettagli

Le liberalizzazioni. Corso di Economia Industriale a.a. 2009/10 - Università di Bologna. L esperienza italiana e il caso del settore elettrico

Le liberalizzazioni. Corso di Economia Industriale a.a. 2009/10 - Università di Bologna. L esperienza italiana e il caso del settore elettrico Le liberalizzazioni L esperienza italiana e il caso del settore elettrico Corso di Economia Industriale a.a. 2009/10 - Università di Bologna Dr. Stefano Verde Ph.D in Diritto ed Economia, LL.M in Competition

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ LE PROPOSTE DI CONFINDUSTRIA L elevato costo dell energia penalizza la competitività e riduce il potere d acquisto delle famiglie, sottraendo risorse allo sviluppo di nuove attività e agli investimenti.

Dettagli

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia 18 giugno 2013 le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia Alessandra Lanza Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi. MARCEL

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

Si fa presto a dire Germania 1. Giuseppe Ciccarone ed Enrico Saltari

Si fa presto a dire Germania 1. Giuseppe Ciccarone ed Enrico Saltari Si fa presto a dire Germania 1 Giuseppe Ciccarone ed Enrico Saltari La produttività del lavoro è la parola chiave attorno a cui ruotano i destini dell economia italiana. Per appezzarne la centralità, basta

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 La struttura piramidale 20% A B C D E 51% 51% 51% 51% A possiede indirettamente

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

UN MERCATO SENZA LAVORO PER I GIOVANI?

UN MERCATO SENZA LAVORO PER I GIOVANI? NOTA ISRIL ON LINE N 14-2013 UN MERCATO SENZA LAVORO PER I GIOVANI? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it UN MERCATO SENZA LAVORO PER I GIOVANI?

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

FEM, Gruppo di lavoro Macchine

FEM, Gruppo di lavoro Macchine FEM, Gruppo di lavoro Macchine Il settore delle macchine industriali, o dei Beni strumentali, si compone di 10 comparti organizzati nella Federazione nazionale delle Associazioni dei produttori di Beni

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE

MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE maggio 2010 commissione conciliazione Marcello Guadalupi Laura Pigoli Massimo Oldani Pietro Biagio Monterisi PREMESSA Il presente

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo)

PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo) PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo) Gli indicatori di bilancio, le elaborazioni, le analisi sul passato e le previsioni per il futuro che sono contenute nel Rapporto Mediobanca - Unioncamere offrono,

Dettagli

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento:

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento: FINANZA AZIENDALE Appunti 5 - (9-6 CFU) Cap. 15 libro Project Financing La realizzazione di un progetto complesso (la costruzione di una centrale energetica, di una raffineria, di un oleodotto, di un impianto

Dettagli

Capitolo III. Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie

Capitolo III. Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie Capitolo III Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie FATTORI DELLA CRISI ITALIANA 1) Debito pubblico Debito pubblico rapportato al

Dettagli