L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta"

Transcript

1 Indice Introduzione 1. L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta I primi passi e il ruolo dello Stato. Pil 1/3 della Francia, Inghilterra 2000 km ferrovia contro 9000 Francia, Inghilterra nel 1961 Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto con 30% popolazione producevano 75% Pil Dicotomia tra poche grandi imprese moltitudine piccole imprese Lo Stato ha da subito un ruolo forte nello sviluppo dell industria con le ferrovie, dunque acciaierie e fonderie di Terni con la meccanica di Breda e Ansaldo alle quali assicura domanda pubblica Lo Stato forza l economia per chiudere il divario con il resto d Europa; spinge sulle grandi imprese per catturare le economie di scala. Pertanto finanzia alla grande l impresa privata Tra la spesa pubblica è sempre superiore a quella degli altri paesi europei Fino al 1911 cresce di più l industria avanzata (più tecnologica) che è grande industria. Soprattutto il comparto elettrico (Edison 1884). Poi la siderurgia, essenziale per produrre acciao per l industria meccanica (Terni, Elba, Ilva). Ci volevano capitali e provenirono dall estero. Dal 1900 prende avvio l industria meccanica (FIAT); nel 1907 si contano 61 imprese d auto (Isotta, Lancia, Bianchi,...) ma la FIAT controlla già il 50% della produzione. Importante era pure il settore elettromeccanico ma si restava per il 60% dipendenti da forniture estere, Con l auto prende avvio il settore gomma (Pirelli 1872 che al 1914 era già una multinazionale). All inizio del 900 si sviluppa rapidamente la chimica con la Montecatini /1888/ che fa da perno al settore. Nel 1911 l industria occupa il 25% degli occcupati. Sono presenti tutte le industrie più moderne (siderurgia, meccanica, elettricità, chimica). La struttura industriale era già polarizzata: al nord grande industria e grandi imprese (ma piccole rispetto ai concorrenti europei). L industria tessile al nord (Marzotto e Rossi) era all avanguardia. Nel resto d Italia tante piccole officine a conduzione familiare di quello che poi diventerà il made in Italy. I problemi della grande industria sono legati alla conduzione familiare che limita la crescita per carenza di capitali e l innovazione tecnica che viene acquisita dall estero. Questi aspetti inducono a cercare protezione nello stato. 1

2 - Il ruolo della finanza: le banche miste. Nei territori di piccola impresa le banche piccole di credito cooperativo e le Casse di Risparmio hanno il ruolo dominante. Per il finanziamento della grandi imprese, quelle del Nord, dopo il fallimento della banche nazionali coinvolte nella costruzione delle ferrovie, entrano banche nuove con forti capitali stranieri, tedeschi, svizzeri. Nel 1894 nasce la Comit, nel 1895 il Credito Italiano. Le due maggiori banche di oggi. Esse, seguendo la tradizione tedesca fanno il credito sia a breve che a lungo termine. Con il che partecipano anche alla gestione delle grandi aziende perché suoi funzionari partecipano ai consigli di amministrazione. Al Sud si avvia il Banco di Roma. Più legato alla politica. Le due grandi banche del Nord, ai primi del 900, avviano anche la borsa valori (Piazza Affari). All inizio del 900 i grandi gruppi del nord appaiono strettamente intrecciati alla grande finanza. E un anticipo del salotto buono. Il periodo fascista e la grande crisi Dalla guerra traggono grande vantaggio le industrie meccaniche del nord (veicoli, aerei, naviglio, siderurgia, ). Cioè le solite grandi aziende, FIAT, ILVA, Ansaldo, Negli anni 20 l industria cresce molto (5% annuo). Consolidano il loro potere Edison e Montecatini. Anche in termini di contrattazione politica. Prende forma in quel periodo la struttura oligopolistica della grande industria del nord. Anche la piccola industria tradizionale si consolida e diventa la base del futuro made in Italy La crisi del 29 coinvolge le due principali banche (miste italiane) Comit e Credito Italiano, Lo stato interviene smobilizzando i titoli delle grandi aziende in cambio della proprietà azionaria delle banche. Tutte le partecipazioni acquisite dallo stato confluiscono nell IRI. Nel 1937 l IRI viene dichiarato permanente e si trova proprietario di tutte le banche miste (le maggiori del Nord, poi chiamate le 3 Bin) e del 20% del capitale delle grandi aziende del nord (siderurgia, elettricità, cantieristica, servizi telefonici). Lo stato già possedeva le banche regionali già ex Istituti di emissione. L IRI finisce con il controllare, oltre al sistema bancario delle ex banche miste (le banche di credito cooperativo e le Casse di Risparmio sono già di proprietà degli enti locali e delle associazioni di categoria), l 80% della cantieristica, 45% della siderurgia, 23% della meccanica. Restano private la Falk, la Fiat, la Montecatini, la Edison e altre. I proprietari, per 2

3 mantenere il controllo, si aiutano reciprocamente incrociandosi le partecipazioni azionare, creando i sindacati di controllo, il salotto buono in cui nessuno riesce ad entrare se quelli già dentro non lo consentono. - Dopo la Seconda guerra mondiale. Probeli aperti: eccesso di manodopera; relativa arretratezza tecnologica dell industria italiana; struttura proprietaria della grande industria privata chiusa, non contendibile, dunque votata alla scarsa efficienza Moltissime piccole imprese, spesso arretrate. Si decide di non smantellare l IRI e di usarla come strumento per promuovere la crescita industriale e tecnologica del paese. Il piano Marshall fornisce molto capitale per acquistare dall estero tecnologia. Se ne avvantaggia la Fiat e la siderurgia pubblica (Sinigaglia). - Il miracolo economico. Grande crescita dell economia italiana fino al 1962 (6% annuo medio il miracolo economico) Fino alla metà anni 50 il traino è la domanda interna Dopo il 58 (Trattato di Roma) è la domanda esterna che traina La crescita delle esportazioni è spiegata dai prezzi bassi dovuti a una forza lavoro abbondante in uscita dalle campagne delle zone povere del paese (sud e nord-est) che non spinge sui salari. Nel 1953 si crea l Eni con Enrico Mattei con il compito di fornire al paese l autonomia energetica con la ricerca e con accordi diretti coi i paesi produttori. In pochi anni l Eni diventa una grande azienda energetica diversificata e internazionalizzata. Da ricordare di quegli anni la grande esperienza della Olivetti di Adriano Olivetti, forse unica grande azienda multinazionale italiana leader di settore (macchine da scrivere 27% del mercato mondiale, in competizione con IBM). Molte piccole botteghe si trasformano in piccole aziende; nello stesso periodo è il grande successo dell elettrodomestico italiano (Candy, Merloni, Zoppas, Zanussi, Mivar) e dell industria alimentare (Buitoni, Barilla, Star, Ferrero, Motta, Alemagna,...) - Le sfide perdute. Del grande sviluppo di quegli anni restano importanti buchi neri. Si afferma l industria meccanica leggera, il settore auto. Ma non riesce il disegno di dotare l Italia di sicurezza 3

4 energetica (Mattei viene ucciso); la chimica (nonostante il premio Nobel a Natta per il moplen) si avvita su se stessa; l elettronica con la Olivetti viene lasciata fallire, dopo la morte di Adriano Olivetti; la nazionalizzazione dell energia elettrica (1962) che crea l Enel non produce nelle ex-aziende elettriche rimborsate con ingenti capitali sussulti positivi di imprenditorialità (i casi Edison e Montecatini, poi Montedison, fino ai giorni nostri). Dopo la metà degli anni 60 l IRI e l Eni finiscono sotto il controllo della politica che le usa prima per operazioni di salvataggio industriale (nella chimica, nel tessile (Lanerossi), in molto altro) buttando un sacco di quattrini, poi sempre più per scopi elettoralistici senza che un disegno industriale ragionevole emerga. In quegli anni tutte le grandi aziende in crisi finiscono per essere assorbite, attraverso IRI e Eni, dallo stato. L Eni è stata risanata dopo il L IRI non esiste più e tutte le sue aziende, banche comprese, sono state privatizzate. - Il periodo recente: grandi e piccole imprese. Le grandi imprese private, dopo la conflittualità degli anni 60 culminata nell autunno caldo, a cui si aggiunge la prima grande crisi petrolifera, entrano in crisi. Calano i profitti, non si investe più, crescono i debiti, le banche pesano sempre più. Si mette in azione Mediobanca con Cuccia che cura il riassetto del industria privata del nord e ne blinda il controllo da attacchi esterni. Come risposta alla crisi si avvia il decentramento produttivo. Solo negli anni 80 si riprende a investire, la produttività si rimette a crescere, così i profitti; la borsa si rimette in moto come fonte di finanziamento dalle aziende dopo circa 80 anni. Ma non si assiste a un salto tecnologico di rilievo e non di riesce a entrare in settori ad alto valore aggiunto. Si resta confinati in quelli tradizionali. La disoccupazione per effetto delle operazioni industriali di ristrutturazione si assesta stabilmente oltre il 10%. Alla fine degli anni 80 la grande industria del nord rientra in crisi (Fiat, Montedison, Olivetti,...). Le piccole imprese esplodono negli anni Cresce la produttività e il profitto. Sono l espressione compiutà della specializzazione flessibile. La sua prima funzione è l esser complementare alle grandi e di rappresentare per esse la flessibilità che non possono conseguire al loro interno per le rigidità sindacali. Le grandi imprese pubbliche rappresentano, all avvio delgi anni 90 il 35% delle imprese industriali medio-grandi. Ma macinano perdite e la CE ne decreta lo smantellamento (accordo Andreatta Van Myert). Gli anni 80 sono caratterizzati: a) dal rientro della grande inflazione degli anni 70 b) da un freno alla politica delle svalutazioni competitive c) dalla eliminazione di imprese non efficienti d) da crescita della produttività media delle imprese a seguito di una politica di investimento rivolta ad ammodernare gli apparati industriali e con crescita della disoccupazione e) dalla crescita del debito pubblico 2. Dagli anni Novanta: numeri e indicatori 4

5 - Alcune definizioni. Industria in senso stretto e costruzioni. Le costruzioni sono un settore ad alta intensità di manodopera e ad alto valore aggiunto. L industria in senso stretto comprende le attività estrattive, le manifatturiere (88% del valore aggiunto, 96% dell occupazione), produzione e distribuzione di energia. - I numeri. Nel decennio la quota del valore aggiunto del manufatturiero passa dal 30% al 20% e la quota di occupazione si ferma al 22%. Negli altri paesi europei è ancora più bassas - La competitività. La quota di esportazioni o di mercato sul commercio internazionale. E la misura del gradimento delle nostre merci. Stava sul 5% a fine anni 80. E scesa e poi risalita dopo la svalutazione della lira nel A partire dal 1996 ha iniziato a scendere. Ed è scesa velocemente dopo il Ora è a poco più della metà del Perchè? La svalutazione non si può più fare. La produttività dei nostri concorrenti (Germania, Francia) è cresciuta e la nostra no. Sono entrati nel commercio mondiali paesi grandi come Cina e India così che il denominatore del rapporto aumenta. Comunque le nostre E si sono ridotte e proprio nei settori per noi più significativi del made in Italy. Investimenti diretti all estero, cioè trasferimento di pezzi di azienda all estero, ci sono ma sono comunque meno significativi di quanto fanno tedeschi, francesi, inglesi e americani. La competitività di prezzo noi l abbiamo sempre raggiunta con le svalutazioni. Dopo il 1996 questa via è preclusa. La competitività di costo la si misura con il rapporto del costo del lavoro per la quantità prodotta; cioè con il costo del lavoro per unità di prodotto. Dipende dall accrescimento della produttività e dall andamento del costo del lavoro. Da alcuni anni la nostra produttività non cresce o cresce meno rispetto ai concorrenti. Il costo del lavoro non cresce. La redditività (il profitto per capitale investito) è in linea con quanto accade altrove per le imprese medie. Appare più bassa per le grandi. Ma è difficile misurare la redditività. 3. Le dimensioni: una peculiarità italiana - Le dimensioni contano? Pare di sì. Le imprese di maggiori dimensioni sono anche quelle in cui la produttività cresce di più. Anche a causa delle economie di scala. Ma pure perchè le imprese più grandi investono nella ricerca. 5

6 - Il confronto internazionale. L'evoluzione recente: riduzione delle dimensioni e dell'integrazione verticale. Le piccole imprese (0-9) sono la larga maggioranza in tutti i paesi (oltre il 90%). La particolarità italiana è che le piccole contano per quasi la metà dell occupazione complessiva mentre negli altri paesi avanzati si arriva al 30%. Mancano le medie imprese che altrove sono il perno. E anche vero che a partire dagli anni 80 in molti paesi si assiste all espansione della piccola impresa; in Italia il fenomeno resta più accentuato. A spiegazione si può dire che sono venute meno alcune economia di scala, nella meccanica, per effetto del progresso tecnico. E pure che i rapporti tra le imprese si sono modificati con accordi o altre forme che ha consentito di stare piccoli e flessibili ma non perdendo del tutto i vantaggi delle dimensioni maggiori. - I gruppi industriali: un'alternativa alla crescita interna. La prima innovazione organizzativa è la crescita dei gruppi di imprese. L Istat stima che più dell 80% delle imprese con più di 500 addetti faccia parte di un gruppo. Tale fenomeno si attenua al ridursi delle dimensioni; il 54% di quelle comprese tra i ; il 39% tra 50-99; il 22% tra Riletta così la struttura dimensionale dell industria italiana appare meno lontana dal resto dell Europa. Ma lontana resta perchè indagini raffinate mostrano che con il gruppo crescerebbe solo il numero delle garndi imoprese ma non delle medie imprese che dunque continuano di fatto a manacare. I vantaggi del gruppo stanno nella limitazione delle responsabilità in caso di fallimento e nel minor fabbisogno di capitale di rischio per controllare un impresa. Le imprese italiane in gruppo sono quelle più tecnologiche. Quelle del made in Italy sono meno legate in gruppo. - I distretti industriali: il superamento dell'effetto dimensionale. Fenomeno largamente italiano, notato negli anni 70 ed esploso dagli anni 80. Riguarda principalmente imprese del made in Italy. Alcune stime (Istat) indicano 200 distretti con il 40% dell occupazione manifatturiera. Altre stime più prudenti fanno scendere il peso degli addetti al 18%. I numeri sono sempre in evoluzione. Dentro i distretti recentemente si sono formati gruppi. I due fenomeno coesistono. In Emilia il 23% delle imprese (occupazione intorno al 50%) è organizzato in gruppo. Nei distretti emiliani il 44% delle imprese è legato da relazioni di gruppo. E si tratta di imprese dento la stessa filiera o che producono le stesse merci. Tentativi di collusione? Di controllo dei mercati? - In conclusione: esistono vincoli alla crescita? Il primo vincolo è la struttura proprietaria delle imprese. Sono imprese familiari che crescono solo se trovano all interno della famiglia le risorse umane per crescere. 6

7 Altrimenti stanno piccole (problema generazionale). Il secondo, legato al primo, sono i capitali che spesso mancano per crescere. La struttura familiare è un limite in questo. Ma pure il non buon funzionamento del mercato dei capitali di rischio, oltre che a certe regole giuridiche, che non porta liquidità al mondo delle imprese medie e piccole Infine pesano anche gli aspetti giuridici sul mercato del lavoro, sulle regole per i fallimenti troppo macchinose e onerose per un imprenditore solo sfortunato. 4. La specializzazione produttiva: troppo poca tecnologia? - La specializzazione: perché è importante. Lo è perchè il livello di reddito di un paese, in un contesto economico molto aperto (globalizzato) dipende largamente da cosa il paese produce, cioè dalla sua specializzazione produttiva. Produrre merci ad alto valore aggiunto i cui mercati mondiali sono in crescita garantisce alti redditi. Specializzarsi in merci facilmente imitabili nel prodotto e nella tecnologia che si vendono in mercati internazionali in cui la competizione è forte significa accettare livelli di reddito più bassi e doverli difendere. La specializzazione di un paese è il risultato di lungo periodo della sua storia (risorse, cultura,...) e delle sue scelte, sempre di lungo periodo, di politica economica. - L'Italia e gli altri paesi europei. (tab. 3) L Italia è specializzata nel made in Italy: nel sistema moda (tessile, abbigliamento, cuoio, calzature, borse, occhiali,...), nel sistema dei prodotti per la casa (piastrelle, bagni, infissi, mobili, cucine,..., prodotti alimentari), nella meccanica leggera (elettrodomestici, macchine utensili, macchine per il sistema moda e il sistema casa,...). E despecializzata negli autoveicoli, nei motori, nella chimica, nella petrolchimica, nella produzione di beni intermedi, nella produzione di beni di investimento, nell elettronica e informatica,... La specializzazione italiana è un fenomeno che inizia negli anni 70. Nei primi vent anni erano cresciuti di peso settori ad alta intensità di capitale e ad alta tecnologia (soprattutto controllati da imprese pubbliche) e tutti i comparti della meccanica (auto, elettrodomestici bianchi...); poi progressivamente abbandonati. La Spagna è in parte simile a noi. Ma le produzioni a maggior intensità di capitale e di tecnologia, che coinvolgono pure forza lavora qualificata (chimica, elettronica, telecomunicazioni, biotecnologie, meccanica superiore) si collocano in Germania e in Francia. Per non dire degli USA e del Giappone. In definitiva la nostra specializzazione è ora sotto tiro dei paesi emergenti e i nostri prodotti ancora si difendono per il design e la qualità. 7

8 - La concorrenza dei Paesi in via di sviluppo. La sfida proviene dai paesi di nuova industrializzazione NIC che hanno specializzazione simile alla nostra. La nostra quota del made in Italy sui mercati internazionali è in effetti calata ma non come si temeva fino a pochi anni fa. Negli utimissimi anni inveca il calo appare marcato. L Italia su muove anche su segmenti di mercato più ricchi in cui ha peso il design del prodotto e la qualità con cui è realizzato e tale fatto tende a porre un limite inferiore alla caduta delle quote. - Le sfide dell'unione monetaria. Nell ambito Europeo l Italia continua a muoversi bene in settori a intensità di capitale umano di livello medio. Altri paesi, Germania ma pure la Spagna, tendono a muoversi verso produzioni che richiedono livelli di competenze scientifiche crescenti. La nostra specializzazione nei settori tradizionali implica un basso tasso di innovazione tecnologica e una impossibilità di ricaduta dell innovazione a monte. Viceversa altri paesi che sono specializzati nelle merci di base a maggior tasso di progresso tecnico hanno il vantaggio di poter diffondere il progresso anche nelle produzioni a valle. - L'insufficiente attività innovativa. - Una valutazione complessiva. In generale l Italia spende poco per spese di ricerca e sviluppo (1% contro 1,5% della media europea ma vi sono paesi come Finlandia e Svezia che spendono circa il 3%); ha una bilancia tecnologica passiva; anche l Europa ce l ha, eccetto i paesi nord europei, il Belgio, L Olanda, il Regno Unito. L esser caratterizzati da una struttura di piccole imprese implica che una fetta delle spese per l innovazione non venga rilevata. Ma implica pure che la capacità di innovazione forte, radicale, appannaggio solo delle grandi aziende, non c è. L accumulazione di conoscenze scientiche-tecniche dei primi vent anni del nostro sviluppo (grandi imprese pubbliche di basa, Olivetti, Montecatini,...) è stata del tutto persa. Il sostegno pubblico alla ricerca delle imprese è bassissimo (10% della spesa contro il 25% di USA e Francia); non c è interazione nella ricerca tra il sistema delle piccole imprese e la ricerca pubblica delle università. Restano mondi separati. L innovazione nelle piccole aziende avviene attraverso i venditori di macchinari (spesso stranieri) e i venditori di semilavorati e di componenti (ancora spesso stranieri). La quota dei nostri prodotti sui mercati internazionali è drasticamente calata per l abbigliamento (dal 12 all 8%), nelle calzature ( dal 26% al 17%) e nei macchinari industriali. Parte del fenomeno è spiegata da decentramento della produzione in altri 8

9 paesi e quindi dal cambiamento formale dell origine del prodotto (pare che nel comparto dell abbigliamento e della calzatura il decentramento coinvolga 1/3 degli occupati). Ma è un fenomeno difficile a misurarsi. La motivazione del decentramento è la riduzione del costo del lavoro. Il che è un indicatore che la nostra specializzazione stenta a spostarsi su produzioni in cui il costo del lavoro è meno importante nello stabilire i vantaggi di competitività. 5. La new economy nell'industria italiana - Cos'è la new economy. L economia americana è cresciuta a tassi elevati per un quindicennio senza tensioni inflazionistiche, senza mai toccare un limite di capacità produttiva. La radice di questo fenomeno sta nella crescita costante della produttività che ha investito tutte le componenti dell economia americana. E la causa della crescita della produttività è la invenzione e la diffusione delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT). - Quali opportunità per le imprese. Gli strumenti che incorporano quelle tecnologie sono ormai definitivamente in mano USA. La nostra quota di produzione sul totale della produzione manifatturiera interna è dell 1%. Per l Italia conta dunque l adozione e la diffusione di queste nuove tecnologie nei settori di nostra specializazione. Va ricordato che le ICT si diffondono più facilmente nelle grandi imprese in cui una sola decisione impone un modello di comunicazione, uno standard. Nelle piccole imprese la diffusione è più difficile perchè l informazione viaggia su canali più informali. Con l avvento di internet ICT si può diffondere fuori dalle reti proprietarie. Dunque anche le piccole imprese potrebbero trarne vantaggio. Che consisterebbe in un maggior coordinamento di decisioni tra le imprese dentro un distretto o tra imprese che decentrano fasi all estero. - L'adozione di nuove tecnologie. L investimento in ICT sta crescendo. In Italia raggiunge il 17% circa degli investimenti fissi lordi. L Italia, come l Europa, è in ritardo rispetto agli USA. La parte dinamica, quella del software appare ancora bassa, intorno al 5%. Negli USA nel 2000 questa parte era il 14% del totale investimenti fissi. Dal 2000 tutte le imprese, almeno quelle con più di 50 addetti sono collegate a internet; possiedono una pagina web che poche usano in maniera intelligente. Solo il settore bancario ha fatto della rete la base tecnica del proprio lavoro. Oltre il 70% delle imprese lo utilizza nei rapporti con le banche. Il commercio elettronico non è ancora molto diffuso. Solo le imprese di grandi dimensioni usano le ICT in modo assai rilevante. Le piccole imprese e le imprese nei distretti ne fanno poco uso perchè temono di perdere pezzi di 9

10 autonomia gestionale o di perdere informazioni sensibili. Anche le imprese neo nostri settori tradizionali, che sono infatti piccole, non fanno un uso vero dell ICT: - I fattori essenziali per la loro diffusione. A parere di alcuni la scarsa concorrenzialità, che ha tenuto alti i costi di accesso, dei mercati delle infrastrutture in Europa ha rallentato la diffusione della ICT: essenzialmente della banda larga che consente la trasmissione veloce delle informazioni. Anche fattori legali come lo scarso riconoscimento giuridico delle informazioni passate sulla rete ha rallentato la diffusione di ICT. Infine, l aspetto più rilevante di freno alle ICT è la scarsa preparazione informatica delle persone che dovrebbero operare con le nuove tecnologie. La formazione serve a superare la strozzatura. 6. Il controllo delle imprese - Proprietà e controllo. Sono due concetti collegati ma diversi. Non sempre il proprietario controlla, gestisce l azienda. Negli USA si hanno spesso situazioni in cui la proprietà è diffusa tra tanti e il controllo si concentra nelle mani dei managers (public company). Il fatto che la proprietà sia scissa dal controllo ha dei vantaggi per il finanziamento, anche con capitale di rischio, dell impresa. Quando un impresa cresce si trova nella situazione di dotarsi di mezzi finanziari in eccesso al suo autofinanziamento. Se l impresa ha una proprietà familiare si può manifestare un blocco alla crescita quando la gestione corrente e la famiglia non possiedono capitali sufficienti per la crescita. Chiederli al sistema finanziario o alla borsa è un rischio per la famiglia perchè può diluirsi la quota di comando sul capitale (caso Fiat 2005). In un contesto di proprietà diffusa questo rischio non esiste e pertanto il capitale a disposizione per gli investimenti può crescere per fonti esterne. Ci sono due modelli di governance: quello anglosassone e quello tedesco-giapponese. Nel secondo la proprietà può essere diffusa ma è stabile nel tempo. L afflusso di risorse finanziarie viene assicurato dal sistema delle banche (banca mista) i cui rappresentanti siedono nei consigli di amministrazione e svolgono così un controllo nell operato dei managers. Le banche gestiscono i passaggi di proprietà tra azionisti, nei momenti di crisi. La presenza delle banche neo consigli di amministrazione fa si che esse siano più sensibili ai problemi di sviluppo di lungo periodo delle imprese rispetto a situazioni in cui siano escluse. Il modello anglosassone si appoggia sulla borsa. Come quello tedesco è banco centrico quello Usa è borsa centrico. Le imprese a proprietà frazionata sono sempre scalabili sul mercato di borsa. Pertanto la proprietà è di per se meno stabile rispetto ai modelli continentali. Il che garantisce che quando l impresa non è gestita in modo efficiente altri 10

11 possano scalarla, cambiare i managers, orientamenti, politiche. Un ruolo importante lo giocano i fondi di investimento che possono farsi sentire in assemblea e in qualche modo rapprsentano la voce del mercato. Il rischio di questo modello è che le imprese siano gestite in un ottica di aumento dei valori di borsa delle azioni allo scopo di massimizzare il guadagno in conto capitale di chi le azioni le possiede (casi Enron, World.com,..). Piuttosto che seguire un ottica di lungo periodo in cui si punta a far crescere i profitti attraverso la creazione di buoni prodotti,... - La struttura proprietaria delle imprese italiane e la loro struttura finanziaria. - Cause ed effetti. In Italia, mondo di piccole imprese e di imprese non piccole ma di base familiare, la proprietà controlla in larga misura le aziende. I dati italiani (tab. 4) sono emblematici. Tra le società non quotate (la larghissima maggioranza) il primo proprietario copre più del 60% del capitale. I primi tre arrivano a percentuali oltre il 90%. Per le poche società quotate la situazione è simile perchè gli azionisti di controllo coprono intorno al 55% del capitale. Tra gli azionisti di controllo più della metà sono persone fisiche. Sul 30% sono altre imprese (holding); il resto o sono imprese straniere o imprese finanziarie (fondi,...) Lo stato controlla ancora il 18% del capitale delle grandi imprese industriali quotate. Un ulteriore 10% da altre imprese industriali. Un altro 10% è in mano a singole famiglie. Sono molto diffusi i patti di sindacato tra azionisti il cuo obiettivo è di impedire la scalabilità delle imprese quotate (vedi il caso RCS del 2005). Pesano pochissimo, a differenza del mondo anglosassone, le società finanziarie. Questo fatto dovuto alla carenza dei fondi pensione, ancora in fase di avvio, e della separazione attuata negli anni 30 con la riforma bancaria tra il credito a lungo e quello commerciale, attenuta solo da una decina d anni. Tutto questo rende gli assetti proprietari delle nostre grandi imprese industriali molto stabili, quasi immobili. La legislazione da una buona mano in questa direzione. E facile affermare che le nostre imprese grandi sono difficilmente scalabili. Che hanno difficoltà ad attrarre nuovi capitali perchè chi investe non avrebbe voce nella gestione di imprese di fatto già chiuse. Dall avvio della politica di privatizzazione lo scenario sta cambiando. In primo luogo il mercato del credito è stato aperto con nuovi soggetti (fondi pensione, fondi chiusi,...) e la separatezza del credito a lungo e a breve nello stesso soggetto finanziario è stata attenuata. Si sono scritte norme più garantiste per i risparmiatori che investono in borsa, per la tutela degli interessi delle minoranze per le società quotate. Ma gli esiti auspicati tardono a manifestarsi. Per le piccole imprese tale assetto di compenetrazione tra proprietà e controllo è normale e forse il migliore. Perchè le finalità della proprietà coincidono sempre con quelle dell impresa, profitti e sviluppo. Almeno finchè la crescita dimensionale non chiama nuovi capitali che il proprietario non è in grado di fornire. La struttura del debito delle grandi aziende non è molto dissimile da quelli di imprese analoghe di altri paesi. Si differenzia per il peso piccolo del debito obbligazionario e per il peso grande dei debiti infragruppo. 11

12 Le piccole imprese sono invece molto legate al credito bancario e di breve periodo e ai debiti commerciali, cioè i debiti verso i fornitori, una delle principali poste di finanziamento. 7. Quale politica industriale oggi? Varia nelle diverse fasi storiche. Nelle prime fasi della industrializzazione era protettiva delle nuove industrie. Dunque tariffe all ingresso di merci straniere, sovvenzioni all avvio di nuove iniziative, crediti a tassi agevolati, sostegno alle esportazioni. Tutte politiche per far crescere l industria proteggendola dalla concorrenza di imprese di altri paesi. Negli anni più recenti hanno preso piede le politiche per assicurare il buon funzionamento dei mercati, cioè le politiche per promuovere la concorrenza. - Le politiche industriali tradizionali. Sono provvedimenti a sostegno dell industria del paese. Si individuano i settori strategici su essi si spendono risorse per farli crescere (energia, siderurgia, trasporti, infrastrutture,...). In Italia lo stato, attraverso l IRI, ha avuto un ruolo diretto di gestione. Ha creato cultura industriale e manageriale; ha svolto un ruolo nell accumulo di competenze tecnologiche; ha fornito semilavorati e componenti a prezzi più bassi rispetto a concorrenti stranieri alla industria leggera privata. Più tardi le politiche industriali hanno gestito le crisi di alcuni settori, largamente privati, attraverso la gestione dell occupazione, l assunzione nella sfera pubblica di imprese che altrimenti sarebbero fallite, condotto a fallimenti controllati altre,... Fino a metà degli anni Le nuove politiche per l'industria. Vi è un mutamento di paradigma. Prevale un ottica mercatista. E il mercato il valutatore migliore dell attività delle imprese. Faciamolo funzionare. L intervento diretto tradizionale si restringe solo nei casi dove il mercato per sua natura fallisce. Cioè la dove i privati non troverebbero convenienza investire. Si è nell ambito della produzione di beni pubblici : infrastrutture in senso lato, istruzione, ricerca, amministrazione della giustizia e produzione di norme di legge. L intervento nuovo è la regolamentazione de mercati per ridurre i costi esterni alle imprese, i costi di transazione, creando un contesto più trasparente, di maggiore tutela nei contratti, di limitazione di posizioni di monopolio che si creano. In parole dirette facciamo funzionare i mercati. - La fornitura di beni pubblici. L innovazione tecnologica ha ridotto l area dei fallimenti del mercato. Nelle telecomunicazioni, nei trasporti aerei sono spariti i monopoli pubblici sostituiti da imprese 12

13 private in competizione. Tuttavia in molti servizi a rete l innovazione nn ha fatto venir meno la necessità della gestione pubblica o semi publica del servizio. In primo luogo internet che è rete pubblica e troppo grande per esser gestita privatamente; e la sua apertura porta a un beneficio s tutti i partecipanti. E ugualmente la rete distributiva elettrica (cosa diversa è la produzione), la rete idrica, ecc.,... Negli ultimi 40 anni si pochissimo investito (lo stato) nella rete infrastrutturale accumulando un ritardo elevato rispetto allo standard europeo. Altra area in cui difficilmente lo stato può stare alla finestra è la formazione. Le nostre spese sono più basse della media europea e degli Usa. La preparazione dei nostri giovani nella fascia anni appare (indagini OCSE) largamente inferiore alla media europea nella matematica e nelle materie scientifiche e non brilla nemmeno in quella della comunicazione orale e scritta. Giovani non formati secondo gli standard attuali significano forza lavoro non in grado di apprendere tecnologie complesse e in cambiamento. Si è tentato di trasferire il problema alle università con i diplomi e le lauree triennali con l effetto, pare, di peggiorare la qualità non cattiva del laureato tradizionale nelle discipline scientifiche. La spesa pubblica per la ricerca è bassa e soprattutto mal gestita. A finanziare tante iniziative troppo piccole per risultare significative. Con troppa enfasi sulla ricerca applicata a scapito di finanziamenti alla ricerca di base. Infine va ricercata l efficienza della pubblicazione amministrazione nei tempi esecuzione dei suoi compiti, nella semplificazione delle norme, nell efficienza del sistema giudiziario (tempo dei processi nel civile) e nella chiarezza delle norme. - La regolamentazione dei mercati e dell'attività economica. Molte indagini indicano che i paesi a maggior crescita sono quelli che possiedono una legislazione semplice di facile intelleggibilità, di norme facilmente applicabili e da autorità efficienti che le facciano applicare. Contano tutti i mercato in cui operano le imprese; essi devono esser regolati nel modo più efficiente per favorire la crescita delle imprese a prezzi bassi. a) Il mercato del controllo societario: in esso si devono proteggere le minoranze azionarie, favorire il passaggio di proprietà attraverso OPA, facilitare l afflusso di capitali esterni, semplificare il funzionamento legale interno delle società, ecc., senza tuttavia ledere gli interessi dei finanziatori esterni (obbligazioni),... b) Il mercato del lavoro le imprese lo vogliono più flessibile con possibilità di flessibilità in uscita assai più marcate delle attuali. L ideale per alcuni è un mercato del lavoro in cui il rapporto di lavoro a tempo indeterminato non esista più. c) Le regole di uscita delle imprese. Cioè i fallimenti. In Italia sono troppo onerosi per l imprenditore e troppo lunghi nei tempi. Si è prodotta una nuova legislazione che ha ridotto gli oneri per l imprenditore ma ha accresciuto quelli per i creditori. Con esiti dubbi, dunque, sulla capacità di approvvigionamente di capitale di debito. 13

14 - Concorrenza e regolamentazione. Negli ultimi anni il progresso tecnico ha indotto all apertura di molti settori protetti da monopoli legali (legali a situazioni di monopolio naturale) come nelle telecomunicazioni, nel comparto assicurazioni, nei trasporti. Sono diventati mercati in cui possono coesistere più operatori in concorrenza con l effetto potenziale di un avvicinamento dei prezzi ai costi marginali. Ma perchè gli effetti siano quelli desiderati è necessaria una legislazione antitrust che impedisca che agli ex monopolisti di esercitare il loro vecchio potere di mercato. L idea a guida di queste scelte è che la posizione di monopolio è un incentivo a non ridurre i costi e a innovare meno di quanto si potrebbe attuare. Una seconda area di intervento è la riduzione di particolari regolamentazioni nel funzionamento di alcuni mercati. Ad esempio nel mercato della distribuzione commerciale, in quello del trasporto urbano privato, nell offerta di prestazioni professionali agli iscritti in un albo, e così via. Alcuni sostengono che la crescita senza inflazione negli Usa degli anni 90 dipese anche dal fatto che in precedenza ci fu una deregolamentazione in molti settori che creò condizioni quelle condizioni di concorrenza che consentirono ai prezzi di non crescere. L Italia possiede una legislazione antitrust rodata ma con non molti effetti pratici. Qualche multa e molti ricorsi ai tribunali amministrativi. L antitrust può suggerire modifiche legislative di reglamentazione o semplificazione di alcuni settori ma alla fine è sempre il parlamento, camera di compensazione di molti interessi, che decide. L Italia resta un paese in cui i carichi amministrativi e i vincoli regolamentari all avvio di imprese rappresentano una significativa barriera all entrata che consente a chi già opera di godere di margini elevati. Una spinta molto forte a liberalizzare proviene dalla Commissione Europea 14

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli