Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia FISICA. Paolo Musumeci Dipartimento di Fisica e Astronomia A.A. 2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia FISICA. Paolo Musumeci Dipartimento di Fisica e Astronomia A.A. 2011/2012"

Transcript

1 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia FISICA Paolo Musumeci Dipartimento di Fisica e Astronomia A.A. 2011/2012

2 FISICA Descrizione QUANTITATIVA dei fenomeni Scienza esatta Grandezze fisiche fondamentali MISURA

3 Grandezze Fisiche Fondamentali SPAZIO L [m] TEMPO T [sec]

4 Grandezze Fisiche Derivate Superficie S [ 2 = m ] [ 3 Volume V = m ] Velocità v = s t m sec Accelerazione a = v t m 2 sec Accelerazione di gravità g = 9.8 m 2 sec

5 Grandezze Fisiche SCALARI tempo, temperatura, VETTORIALI velocità, accelerazione, forza,

6 Esempio di Forza Forza Peso P VETTORE: Direzione Verso Intensità P

7 Somma di due Forze P 1 P 2 P P 1 + P 2 = P P non ha la stessa direzione di P 1 e P 2

8 Intensità (o modulo) Dinamometro : misuratore di forza X 0 1 Kg-peso P = K X 2 P 3 4 Taratura 1 litro di H 2 O 1 Kg-peso

9 Taratura P = K X P Kg-peso K 1 Relazione lineare X

10 Sensibilità dello strumento P = K X P Kg-peso K 1 mg-peso K 1»K 2 K 2 X

11 1 Esperimento 0 X P = K X X m 0 X X P = K X X < X P < P

12 2 Esperimento g =9.75 m/sec 2 h L T = 2π g = g 2 4π L T 2 g = 9.8 m/sec 2 ma : P g = P' g' =... = COSTANTE

13 Peso e g sono legati da un rapporto costante a) Il peso cambia come l accelerazione di gravità b) Il rapporto tra peso ed accelerazione di gravità è COSTANTE m = massa = rapporto tra peso ed accel. di gravità P = g m P = m g P, g m VETTORI stessa direz e verso SCALARE

14 Massa m 1 Kg 1 litro di H 2 O La massa è un invariante che caratterizza la materia La massa si misura in chilogrammi (Kg)

15 M = costante Legge di conserva zione della massa 2 H H 2 O 2 m H2 + m O2 = 2 m H2 O

16 BILANCIA per misurare m Pc = 1 l 1 dl 1 ml H 2 O P x P c P x = P c m x g=m c g P x = P c M x g =m c g m x =m c m x =m c La misura con la bilancia non dipende dall altitudine

17 Sistema M K S Grandezze Fondamentali m (massa) kg bilancia L (lunghezza) m regolo T (tempo) sec orologio

18 Psangue = m sangue g m sangue = COST CACCIA f-16 virata 5 g il sangue pesa 5 volte di più il cuore non pompa abbastanza sangue verso gli arti inferiori non viene ossigenato il cervello Tute anti-g

19 Forza Peso P Equilibrio ( v = 0 ) CRITERIO GEOMETRICO Def : BARICENTRO = Centro di applicazione della forza peso P Def : POLIGONO DI APPOGGIO ( vincolo) di un corpo il poligono che passa per alcuni punti di appoggio e li contiene tutti

20 P Un corpo E IN EQUILIBRIO se la verticale passante per il baricentro incontra il piano di appoggio in un punto interno al poligono di appoggio Un corpo NON E IN EQUILIBRIO se la verticale passante per il baricentro incontra il piano di appoggio in un punto esterno al poligono di appoggio P

21 EQUILIBRIO STABILE mg R EQUILIBRIO INSTABILE mg R EQUILIBRIO INDIFFERENTE mg

22 = centro di gravità = baricentro = zampa che non poggia a terra

23 Baricentro nel corpo umano P Superficie di appoggio

24 Il paradosso della corsa. Il baricentro dell atleta cade in avanti rispetto al poligono di appoggio (equilibrio instabile). L atleta mantiene l equilibrio durante la corsa portando le gambe in avanti precedendo continuamente il momento della caduta v

25 Studio delle condizioni necessarie affinché un corpo sia in quiete CONDIZIONI GENERALI DI EQUILIBRIO F 1 + F 2 Σ+ F= = 0 M Σ = M 2 + M 3 +. = 0

26 CONDIZIONI DI EQUILIBRIO 1 Somma (vettoriale) delle forze nulla F 3 F 1 F 2 F 1 + F 2 Σ Forze = F 1 + F 2 + F 3 = 0 F 1 + F 2 = - F 3 Corpo libero

27 Reazioni vincolari R F F+R = 0 F= -R La forza di reazione nasce dalla deformazione del vincolo

28 Coppia di Forze F 1 +F 2 = 0 F 1 F 2 Il corpo non si muove di moto traslatorio, ma RUOTA!! La sola condizione F TOT = 0 non basta, quindi, ad assicurare l equilibrio generale di un corpo.

29 Momento di una Forza rispetto al punto P P d 1 M= momento M 1 = F 1 d 1 F 1 Rotazione in senso orario Rotazione in senso antiorario Prodotto della forza applicata per la distanza fra il punto P ed il punto di applicazione della forza (di solito il punto P è il vincolo)

30 2 La somma dei momenti delle forze nulla Σ M = M 1 + M 2 + M 3 + = 0 Non si ha moto rotatorio!!! F T = 0 M T = 0

31 Le leve sono composte da una sbarra appoggiata su un fulcro. La forza potenza è applicata qui La sbarra fa leva qui (Fulcro) La forza resistenza è applicata qui La forza-potenza è amplificata se il suo punto di applicazione è più lontano dal fulcro del punto di applicazione della forza-resistenza.

32 F V b r b p R V P F V = reazione vincolare 1 Σ F = 0 Σ Forze = R + P - F V = 0 F V = R + P Il fulcro V è il punto più sollecitato del sistema ROTTURA

33 Σ M = 0 2 F V b r b p R V P Σ M= 0 M R -M P -M V = 0 M R -M P = 0 M P = M R P b p = R b R P R = b R b p

34 Esempio: b R = 1 cm b P = 5 cm P = 5 Kg-peso R = b p P b R = 5 cm x 5 kg-peso 1 cm = 25 Kg-peso F V = R + P = = 30 Kg -peso

35 Fulcro e carico di rottura Sforzo unitario Forza / superficie di contatto Esempio: F v = 30 Kg- peso ; superficie di appoggio del fulcro = 5 mm 2 F S = 30 5 = 6 Kg peso 2 mm Carico di Rottura ossa acciaio legno C C C R R R = = = Kg peso 2 mm Kg peso 2 mm Kg peso mm 2

36 Le leve sono classificate in base alla posizione relativa di resistenza, potenza e fulcro 1^ Tipo Fulcro fra Potenza e Resistenza Vantag., svantag. o indifferente 2^ Tipo Resistenza fra Fulcro e Potenza SEMPRE VANTAGGIOSA P < R 3^ Tipo Potenza fra Fulcro e Resistenza SEMPRE SVANTAGGIOSA P > R E' una leva che non amplifica la potenza, ma il movimento.

37 Le leve fisiologiche 1 genere 2 genere 3 genere

38 Leve fisiologiche bicipite F P F P R gomito 4 cm R b P b R 30 cm R = 5 Kg peso P =? P R = b R b p P 5 Kg = 30 cm 4 cm P = = 37.5 Kg-peso 30 x 5 4

39 Leva di 1^ tipo (interfissa) R b R b P P Fulcro = giuntura atlante-occipitale Potenza = sforzo dei muscoli splenici b R = 8 cm b P = 2 cm R = 8 Kg-peso SISTEMA VINCOLATO P R = b R b p P = b R R b p P = 8 x 10-2 m x 8 kg-peso 2 x 10-2 m = 32 Kg-peso

40 b R b P Esercizio : Conoscendo R= 80 kg-peso, b R = 5 cm, b P = 12 cm Calcolare P e lo sforzo unitario nel fulcro con S = 5 cm 2

41 Guadagno meccanico b r b p R V P P b p = R b R G = R P = b p b R G b P b R

42 incisivi R 2 P b p = = b R 2 2 cm 12 cm b R2 = 12 cm b R1 = 6 cm P = 6 R 2 molari P b p =2 cm R 2 R 1 P = 3 R 1 F R 1 P = b p b R 1 = 2 cm 6 cm

43 R a Cuneo (denti incisivi) a = testa cuneo F 1 b F 2 b = fianco F 1 e F 2 scomposizione di R nelle direzioni normali ai fianchi α (( Similitudine triangoli: R F 1 = a b F 1 ))α F 2 R F 1 = b R a b > a Il cuneo è tanto più efficace quanto più piccolo è α o il rapporto a/b F 1 > F

44 Forza sul femore Carico sul Femore (Uomo in piedi su un piede solo) Forza muscoli adduttori Forza peso del corpo F V b P = 7 cm b R = 11 cm P R R = 80 Kg-peso P = b R R b p = 11 x 10-2 m x 80 kg-peso = 125 Kg-peso 7 x 10-2 m F V = R + P = = 205 Kg -peso

45 P b P R P R b P

46 Forza m F a F = m a 2 Principio della dinamica (o di Newton) Un corpo di massa M, sottoposto ad una forza F, subisce una accelerazione data da F = m a = a F m m F = m a = Kg 2 sec = N [ Newton]

47 Forza - Peso P = m g 1 Kg-peso = 1Kg x 9,8 m/sec 2 1 Newton = 1 N = 1 Kg x 1 m/sec 2 1Kg-peso = 9.8 Newton Le forze si misurano in Newton oppure in Kg-peso (M K S) misure pratiche

48 F = m a 1^ CASO F = 0 a = 0 V = COSTANTE s = v t Principio di inerzia ( o di Galileo) Primo principio della dinamica Un corpo di massa m, non sottoposto a forze, mantiene il suo stato di quiete ( v = 0) o di moto rettilineo uniforme

49 2^ CASO F v 0 v0 F v a v 0 v = a t + v 0 Moto uniformemente accelerato a = COSTANTE 1 s = at 2 + v 0 t 2

50 3^ CASO F v 0 v v0 F a Moto circolare uniforme R Τ = 1 ν s 2π R v = = : periodo [ sec] t Τ ν = frequenza giri sec [ Hertz] s = 2π R t Τ = 2π R ν t

51 Moto circolare uniforme a c = v 2 R a c = accelerazione centripeta F = m a C = v 2 R m Forza centripeta ( = COSTANTE) v, a c, F COSTANTI in modulo

52 4^ CASO Caso generale traiettoria Un qualunque moto si puo decomporre in un tratto rettilineo ed un tratto circolare La velocità è sempre tangente alla traiettoria

53 D cü Çv Ñ É wxäät w ÇtÅ vt ;É w ZtÄ ÄxÉ< Un corpo di massa m, non sottoposto a forze, mantiene il suo stato di quiete ( v = 0) o di moto rettilineo uniforme E cü Çv Ñ É wxäät w ÇtÅ vt ;É w axãàéç< Un corpo di massa M, sottoposto ad una forza F, subisce una accelerazione data da F = m a F cü Çv Ñ É wxäät w ÇtÅ vt

54 3 Principio della dinamica Azione - reazione Casi noti: REAZIONI VINCOLARI (statica) R P R= -P R P 1 P 2 R= -( P 1 +P 2 )

55 REAZIONI TRA CORPI INTERAGENTI _ F 1 _ F 2 F 1 = - F 2 m 1 m 2 R 12 F = F1 = F2 = G m 1 m 2 2 R 12 Q 1 F 1 F R 12 Q 2 Attrattive e repulsive F = K Q 1 Q 2 2 R 12

56 P = mg Peso m 1 P P = m 1 g = G g = G m TERRA m 1 2 R TERRA m TERRA 2 R TERRA R TERRA m TERRA R G = 6.67 x m 3 Kg sec 2 R TERRA = 6380 Km g = 9.8 m/sec 2

57 Peso nei diversi pianeti per una massa di 70 Kg (sulla terra g= 9.82 m/sec 2 e Peso = 70 Kg-peso) Mercurio Venere La Luna Marte peso 26.4 = Kg peso 63.4 = Kg peso = 11.6 Kg peso = 26.3 Kg Giove Saturno Urano Nettuno Peso = Kg Peso 64.1 = Kg Peso 62.2 = Kg Peso = 78.7 Kg Peso in Kg-peso

58 FORZE FONDAMENTALI IN NATURA 1 2 Forza Gravitazionale (equilibrio dell Universo) Forza Elettrica (equilibrio della materia) Forza Nucleare 3 Particelle elementari (equilibrio del nucleo)

59 La forza ed i suoi effetti F x F F x < x

60 F F F Lavoro = L = F x = forza spostamento x L = F x [Joule] = [N m] F Pressione = P = = S forza superficie [N / m 2 ] = [ Pa ] Pascal

61 Il principio di Pascal una pressione esercitata in un punto di una massa fluida si trasmette in ogni altro punto e in tutte le direzioni con la stessa intensità (su superfici uguali). P = F/S N/m 2 = Pascal

62 STATICA DEI FLUIDI P S Densità Il liquido esercita una pressione sul fondo del contenitore dovuta alla sua forza peso Peso P = = S ρ = massa volume Mg S = M V Fluidi Aria H 2 O 10-3 gr/cm 3 1 gr/ cm 3 Kg m 3 ; gr cm 3 Hg 13 gr/cm 3

63 - per i liquidi la densità varia molto poco al variare di temperatura e pressione, quindi anche per ampie variazioni di queste ultime la possiamo considerare costante. -per igas la densità dipende sensibilmente da pressione e temperatura, ed è quindi necessario precisare questi parametri quando si dá la densità di un gas. La densità si misura in Kg/m³ o in g/cm³ 1 g/cm³ = 1 10³ kg/m³

64 ρ = M V M = ρ V P P Mg ρv g = = h V = S h S S ρv g ρshg = = = ρ g h S S S P = ρ g h Legge di Stevino ( o della pressione idrostatica )

65 P = ρ g h h La pressione non dipende dalla superficie di base del contenitore ma dall altezza del liquido e dalla densità Non dipende dalla quantità totale di liquido h

66 Esempio : h = 10 m ρ = 1 gr/cm 3 P =? ρ = 1 gr = 10-3 Kg = 10 cm m 3 Kg m 3 P = ρ g h P = 10 3 Kg m m sec 2 10 m 10 5 Pa

67 P = 0 (vuoto) Esperienza di Torricelli P = ρ g h S Mg h = 760 mm P atm P atm P atm 760 mm Hg = 1 atm S

68 p = ρ g h ρ Hg = 13 gr/cm 3 = Kg/m 3 g = 9.8 m/sec 2 h = 760 mm = m 1 atm = ρ Hg g h = Kg/m m/sec m = N/m 2 = Pa 1 atm = Pa = 760 mm Hg 1 mm Hg = 127,4 Pa

69 Ogni 5 Km di altezza la pressione si dimezza

70 Manometro P atm P = ρ g h = ρ g ( h 2 -h 1 ) h Misura pressioni relative alla pressione atmosferica h 2 1 mm Hg = 13 mm H 2 O h 1 alte press basse press

71 Sfigmomanometro P = ρ g h Misura della pressione arteriosa

72 Cuore Aorta Pressione SISTOLICA o massima Pressione DIASTOLICA o minima

73 PRESSIONE (mm Hg) Apertura valvola aortica Chiusura valvola A-V Chiusura valvola aortica Apertura valvola A-V PRESSIONE AORTICA 0 PRESSIONE VENTRICOLARE VOLUME (ml) VOLUME VENTRICOLARE sistole diastole sistole

74

75 Portata Si definisce portata di un condotto il volume di fluido che passa attraverso una sezione S del condotto nell unità di tempo Q = V t m 3 sec ; l min X S Q = V t = S x t = Su velocità

76 Q Vc Q = Vc n Q n ( giri /sec) Vc (m 3 ) Esempio: Auto Cilindrata Vc = 2 litri n = 3000 /min Q = 2 x 3000 / min = 6000 litri /min Cuore V cuore = 80 cc n = 1 batt/sec = 60 giri/ min Q Cuore = 80 x 60 = 4.8 litri/min

77 Q 1 Q 2 Q 3 Q 4 Q 1 = Q 2 = Q 3 =Q 4 = COSTANTE Principio di continuità La portata è costante in qualunque punto del condotto Vale per liquidi ideali e reali Conservazione della massa

78 Portata in un condotto ramificato S 1 S Q 1 Q S 2 Q 2 Q = Q 1 + Q 2

79 Aorta: Q = 5 l/min S = 3 x 10-4 m 2 (d = 2cm) Q = S u u = Q S Q = 5 0, m3 = 0,8 x 10-4 sec u = Q S = 0,8 x 10 3 x ,3 m sec = 30 cm sec

80 Velocità nei capillari arteria Q 1 Q 2 Q 3 S TOT (cap) 500 S (art) Q Q n u cap S TOTcap = u art S art u (art) = 30 cm/sec u cap = S art S TOT cap u art u cap = = = 0,06 cm sec u (cap) = 0,06 cm/sec

81 Area sezione totale arterie Sezione piccola Velocità elevata Velocità del sangue capillari Sezione grande Velocità bassa

82 Respirazione Spirometro Inspirazione Espirazione Registra le variazioni del volume polmonare nel tempo durante la respirazione tranquilla e forzata

83 Respirazione normale litri VOLUMI POLMONARI VRI VRE inspirazione VC 1 VR espirazione (VRI) : Volume Inspirato 3litri (VC) : Volume Corrente 0.5 litri (VRE) : Volume Espirato 1.1 litri (VR) : Volume Residuo 1.2 litri t Q = Flusso normale = 5 litri /min

84 Respirazione forzata B VOLUMI POLMONARI (litri) CVF A C VOLUME VR A inspirazione forzata B CVF TEMPO TEMPO (CVF) = Capacità vitale Forzata, massimo volume inspirato partendo da espirazione massimale ( = (VC+VRI+VRE) = 4.6 litri

85 Inspirazione forzata Q M CVF B Q=0 (l/min) VOLUME M V Q=max VR A t TEMPO Q=0 A B Q = V t VR 2 4 CVF V (l)

86 Curva flusso-volume Q 10 litri /min M Inspirazione forzata A = C V (litri) 2 4 B 6 Espirazione forzata

87 Curva flusso-volume Q (Litri /min) Normale Deficit restrittivo (riduzione volume utile) 2 4 V (litri) Deficit ostruttivo (aumento resistenza idrodinamica)

88 LAVORO PIEZOMETRICO L = F x p = F S F = p S L = p S x = pv F S V L PIEZ = p V x il lavoro piezometrico è pari al volore della pressione per il volume di fluido spostato

89 LAVORO - Energia Cinetica F m u 1 u 2 P x L = F x = ma x = m (u 2 -u 1 ) t x = m (u 2 -u 1 ) u u = velocità media lungo lo spostamento x u u 2 + u 1 2

90 L = m (u 2 -u 1 ) u m (u 2 -u 1 ) u 2 + u 1 2 = 1 m (u 2 -u 1 ) (u 2 + u 1 ) 2 = 1 2 m ( 2 2 ) u 2 u 1 ( a + b) ( a b) = 2 ( a 2 b ) Definizione : T = m v ENERGIA CINETICA L = T 2 T 1 = T Il lavoro della forza F è pari all aumento dell ENERGIA CINETICA della massa m PRINCIPIO DI CONSERVAZIONE DELL ENERGIA

91 T = en. cinetica = ½ mu 2 2 m Kg 2 sec = m Kg m = 2 sec M a N [ N m] = Joule ENERGIA LAVORO L energia è la capacità che ha un corpo di compiere lavoro

92 u 2 m P Lavoro della forza peso h P h = m g h F E Lavoro forza esterna = T + mgh u 1

93 m U 2 = mgh Energia potenziale P U = m g h h Lavoro della forza esterna F E L E = T + U U 1 = 0 se : L E = 0 assenza di forze esterne T + U = 0 T 2 +U 2 = T 1 +U 1 = cost Teorema di conservazione dell energia meccanica

94 Caduta dei gravi in assenza di forze esterne (attrito) 1 m U = mgh U 1 + T 1 = U 2 + T 2 P h mgh + 0 = 0 + ½ mv 2 mgh = ½ mv 2 2 T = ½ mv 2 V 2 = 2gh v = 2gh Moto uniformemente accelerato - La velocità non dipende dalla massa!!!

95

96 Potenza L P = = t Lavoro tempo Joule = sec Watt POTENZA PIEZOMETRICA P PIEZ = L PIEZ t p V = P = p Q t La potenza piezometrica è pari al valore della pressione per la portata

97 Cuore p = 105 mm Hg Q= 5 litri/min P = 1.1 Watt Polmone p = 3 mm Hg = 4 cm H 2 O Q= 4 litri/min P = 0,04 Watt

98 P 1 m, V P 2 Teorema di conservazione dell energia (liquidi ideali) u 1 m, V u 2 L EST = T + U 1 2 ( ) ( 2 2 p p V = m u u ) + m g( h ) h p 1 V + m u1 + m g h1 = p2 V + m u2 + m g h2 = COST 2 2 p V mu 2 + mgh = COST dividere per V

99 p V V m V u 2 + m V gh = COST m V = ρ p ρ u 2 + ρ g h = COST Teorema di Bernoulli ( Equazione o trinomio )

100 ANEURISMA AORTA ADDOMINALE

101 S 1 u 1 S 2 u 2 Aneurisma S 2 > S 1 Portata V Q = t = Su 3 m sec ; litri min Sistema cardiaco Q = 5 l /min Q = COSTANTE Liquidi reali e ideali Conserv della massa Q = COST = Q1 = Q2 Q = S 1 u 1 = S 2 u 2 = COST S 1 u 2 = u1 u S 2 < u 1 La velocità nell aneurisma 2 diminuisce

102 Energia = En. Piezometrica + En. cinetica p + ½ ρu 2 = costante BINOMIO DI BERNUOLLI p 1 + ½ ρu 12 = p 2 + ½ ρu 2 2 p 2 -p 1 = ½ ρ ( u 1 2 -u 2 2 ) ma u 1 > u 2 p 2 -p 1 > 0 p 2 > p 1 La pressione nell aneurisma aumenta!!! p = p 2 p 1

103 Stenosi

104 Stenosi s 1 s 2 Diminuzione della sezione S 2 < S 1 Aumento della velocità u 2 > u 1 Riduzione della pressione!!! p 2 < p 1 (occlusione del vaso)

105 Attrito nel mezzo F A = - η K u F A u η = coef. di viscosità (proprietà chimico fisiche del fluido) T, composizione chimica, omogeneità,.. K = fattore di forma sfera k = 6π r r = raggio (oggetto in moto) FORZA DI STOKES F A = 6 π r η u u Forma aereodinamica K i < K sfera

106 Viscosità F A = K η v η = F A k v η = FA kv = m N m sec = N sec m 2 Poiseuille = ps = 1 poiseuille = 10 poise N sec m 2 Aria Acqua (20 C) Sangue 2 x x 10-3 (Valori in poiseuille)

107 S A F A SEDIMENTAZIONE e VISCOSIMETRO P F A = 6 π r η u P = m g SA = m g h All equilibrio : F A =P -S A 6 π r η u = mg m g u = mg m g 6 π r η u = COSTANTE velocità di sedimentazione moto uniformemente accelerato moto uniforme u = h tempo η = mg m g 6 π r u misura di η

108 u = mg m g 6 π r η = g (m m ) 6 π r η u 1 r ρ = m V u = g V (ρ ρ ) 6 π r η m = ρ V ρ = densità sfera ρ = densità fluido u = g (ρ ρ ) 4 3 π 3 r 6 π r η = g (ρ ρ ) 2 9 r 2 η u r 2 r 0 r 1 µm = 10-6 m t biomolecole

109 CENTRIFUGHE g a c = v2 r F A F c v = velocità di rotazione r = distanza dall asse di rotazione F c = m a c Centrifughe normali Ultracentrifughe 1000 [ g ] [ g ] Globuli rossi da leucociti e piastrine Separazione delle proteine

110 LIQUIDI IDEALI η = 0 η = viscosità u LIQUIDI REALI η 0 u M u M = velocità media Q = S u M

111 u S = costante Q = S u (portata) u = costante binomio di Bernoulli ½ ρu 2 + p = costante P = costante liquido ideale η = 0

112 S 1 S 2 u 1 u 2 = u 1 p 1 p 2 Liquido ideale : u 1 = u 2 p 1 = p 2 ( η = 0 ) Liquido reale : u 1 = u 2 p 1 > p 2 ( η 0 ) p* = p 1 -p 2 [ caduta di presssione ] p* = R* Q LEGGE DI HAGEN - POISEUILLE R* = Resistenza idrodinamica

113 p* = R* Q R* : Resistenza idrodinamica R* = η Cl r l C = 8 π 1 r 4 ( condotto circolare ) R* 1 r 4

114 Distretto vascolare Resistenza idrodin. (mm Hg sec cm -3 ) Braccia 12 Spalle 8 Cervello 7 Fegato 0.3 Polmoni 0.1

115 Teorema di Bernoulli per i fluidi reali ½ ρu 12 + p 1 = ½ ρu 22 + p 2 + V p 1 Energia cinetica p Energia Piezome. Calore 2 Calore V p

116 p 1 M R* (attrito) p* = p 1 p 2 = R* Q p 2 Potenza dissipata P diss = p* Q = R* Q Q = R* Q 2 La potenza dissipata in calore in un fluido è direttamente proporzionale al quadrato della portata

117 ELASTICITA L applicazione di forze sui corpi (materiali) genera deformazioni Deformazioni ELASTICHE PLASTICHE L elasticità è quindi la misura della capacità che ha un corpo a ritornare alla forma (dimensioni) originaria Per piccole deformazioni tutti i corpi si comportano come corpi elastici

118 ELASTICITA Proprietà MACROSCOPICA dei corpi Proprietà MICROSCOPICA dei materiali

119 Metalli Reticolo cristallino tridimensionale Atomi con distanza di equilibrio ben definita l uno rispetto all altro Forze interatomiche = molle poco deformabili

120 Polimeri, gomme MACROMOLECOLE Lunghe catene lineari legate debolmente fra loro PE Nylon 6,6

121 F ELASTICITA DI TRAZIONE l l S l l 1 l l l (compressione o trazione) Deformazione (variazione %) [%] F S Pressione o Sforzo N 2 m

122 Sforzo = costante elastica x deformazione F S = Y l l Y = modulo di Young N 2 m Pa E una proprietà intrinseca del materiale INDICE DI ELASTICITA

123 F/S Y Y 2 Y 2 > Y 1 sforzo Y 1 deformazione l / l Più è grande il valore di Y, più il materiale èrigido VASI SANGUGNI OSSA ACCIAIO Y = 10 5 N/m 2 Y = N/m 2 Y = N/m 2

124 F/S F S F S * SNERV Carico di snervamento Regione plastica Carico di rottura sforzo Regione elastica deformazione l / l La deformazione è temporanea all interno della regione elastica e permanente nella regione plastica

125 PROPRIETA ELASTICHE Modulo di Young Carico di snervamento Carico di rottura ELASTICITA Transizione elasticità plasticità ROBUSTEZZA

126 ISOTROPIA ED ANISOTROPIA -Compressione -Trazione Y C = modulo di Young a COMPRESSIONE Y T = modulo di Young a TRAZIONE Se: Y C = Y T ISOTROPO Y C Y T AN ISOTROPO

127 Comportamento elastico del femore * F S Modulo di Young (indice di elasticità) Y C = N/m 2 Y T = N/m 2 Y T ~ 2 Y C * F S Femore umano Le ossa sono piu deformabili in compressione che in trazione Carico di rottura (indice di resistenza) Femore umano A compress N/m 2 A trazione N/m 2 = 160 MPa = 120 MPa Le ossa sono piu resistenti a sforzi di compressione che di trazione

128 Modulo di Young (indice di elasticità) Acciaio Y = N/m 2 Legno Y = N/m 2 Ossa Y C = N/m 2 Y T = N/m 2 Y T ~ 2 Y C Carico di rottura (indice di resistenza) Femore umano A compress N/m 2 A trazione N/m 2 = 160 MPa = 120 MPa Acciaio 500 MPa

129 -Carico di rottura delle ossa confrontabile con quello dell acciaio -Modulo di Youngdell acciaio è un ordine di grandezza più elevato di quello delle ossa OSSA Grande resistenza Grande elasticità

130 ELASTICITA DI FLESSIONE l TRAZ. l + l COMPR. strato neutro l l l La frattura avviene nello strato di fibre più sollecitato (più esterno) A parità di resistenza massa minore

131 Le ossa sono cave!!!!! Ottima resistenza Minimo peso

132 EPIFISI (struttura trabecolare) DIAFISI (cava) Crescita proporzionale allo sforzo

133 Cross Section di un osso di un volatile: Leggero, Cavo e Robusto

134 Osso Compatto Osso Poroso Cross-section di ossa parietali del teschio

135 Frattura della tibia N/m 2 x Compressione ROTTURA Trazione Tibia Sforzo statico F S * FLESSIONE =10 7 N/m 2 Flessione 2 DIAFISI ROTTURA S = 6.5 cm % F* = 10 7 N/m 2 S = 10 7 x 6.5 x 10-4 m 2 = 6.5 x 10 3 N DIAF. F* = 6.5 x 10 3 N m = 650 Kg

136 Forza di impatto F= ma F t = m v v i v f = 0 vel. finale v = v f -v i F = m v t La forza di impatto è inversamente proporzionale all intervallo di collisione Arti rigidi t = 0.1 sec Flessione degli arti t = 1 sec 1/10 F IMPATTO

137 Comportamento elastico dei vasi sanguinei P ( cuore) mm Hg P (%) aorta < 30-40% Se i vasi fossero rigidi Grosse variazioni di P Flusso del sangue intermittente Aorta ed arterie Vene Piccole arterie Arteriole Capillari Venule MOLTO ELASTICHE (tessuto elastico su due strati) ELASTICHE NON CONTENGONO TESSUTO ELASTICO

138

139 mm Hg circolazione sistemica ventr. sin. arteria arteriole capillari venule vene

140 Pi = pressione idrostatica interna al vaso Pe = pressione esterna al vaso P e P P i P i P i P P e P = Pi Pe Pressione Trasmurale P e P e 2 EFFETTI ANTAGONISTI P TRASMURALE distensione del vaso P COSTRIZIONE dovuto alle fibre elastiche

141 Legge di Young nei vasi forza l L S ε r 0 r 0 ε r : raggio del vaso ε : spessore del vaso F S Legge di Young = Y l l (1) l S = L ε = 2 π (r r 0 ) l = 2 π r 0 vaso circolare l sostituendo nella (1)

142 F S F = l ε = Y 2 π ( r r0 ) 2 π r 0 F ( r r0 = Y ε ) r l 0 Legge di Young per i vasi F : l Tensione elastica = T(r) N m T (r) T ( r) = Y ε ( r r r 0 0 ) N m Tensione elastica r > r 0 r 0 : raggio a riposo r 0 r

143 VASO materiale composito : elastina e collagene!! T (r) tensione elastica? T (r) N m collagene Fibre muscolari lisce miste a fibre di elastina Tessuto connettivo con fibre di collagene elastina r e 0 r 0 = raggio a riposo r c 0 r

144 Tensione elastica del vaso in funzione del raggio T (r) N m Y C collagene ELASTINA + COLLAGENE T (r) elastina Y E r e 0 r c 0 r r 0 = raggio a riposo Fibre di elastina MOLTO ELASTICHE Y E = N/m 2 Y C = N/m 2

145 Elasticità nei liquidi : lamina sottile Def: Tensione superficiale S γ = L S [ J/m 2 ] [ N/m] La tensione superficiale è l energia richiesta per aumentare l area superficiale di un liquido di una unità

146 la superficie dell'acqua si comporta come se fosse una membrana elastica in tensione

147 Questa membrana ha lo spessore del raggio d'azione entro cui si manifesta l'effetto delle forze intermolecolari e la tensione a cui è sottoposta, prende il nome di tensione superficiale.

148 Misura di γ γ = L S l x L = F γ x= γ S = 2 x l γ F γ F γ = 2 l γ γ = F γ 2 l

149 Valori di γ (Tensione superficiale) Liquidi Acqua N/m Olio Benzina Hg γ = COSTANTE Gas 0 Solidi N/m N γ = m γ Τ e (tensione elastica)

150 T T * e = T e (r) + γ T e (r) + γ T e (r) γ La tensione superficiale γ si somma alla tensione elastica T e r

151 Tensione superficiale dovuta alla pressione L e = L p p r 0 r l Pressione: V = L S = L 2 π ( r r 0 ) r L p = p V = p ll 2π ( r r 0 ) r Tensione piezometrica L e = F x = T L 2π( r r 0 ) T L 2 π ( r r 0 ) = p L 2 π ( r r 0 ) r l l Fe T = L l e T = p r La tensione elastica T e è uguale alla tensione superficiale T p = p r

152 T p = p r = T e (r) T p = p r = T e (r) + γ T e T p ( elasticità) (piezometrica) T N m I) T p > T e espansione II) T p < T e compressione T e (r) + γ I T sistolica T p = p r T diastolica B II A γ r min r max r min r max r

153 LEGGE DI LAPLACE Goccia Forza pressione (T p ) F p = p S p Forza tensione superficiale (γ) F γ = γ l γ equilibrio F p = F γ p S = γ l p π R 2 = γ 2 π R Τ = p R = 2 γ = costante tensione superficiale p = 2 γ R

154 Alveoli p = 2 γ R sangue CO 2 R 1 O 2 R 2 p 2 γ = costante p 1 p 2 >> p 1 Paradosso tensioattivi Saponi Grassi Olii γ valori inferiori γ H2 O γ grassi = N/m = N/m

155 flusso di aria

156 Considerazioni generali sulla respirazione

157 γ Fenomeni Molecolari Superficie dei liquidi aria F γ acqua F γ : forza di coesione H H H la superficie di un liquido si comporta come una membrana elastica in tensione H - O H + H

158 TENSIOATTIVI Riduzione di γ Sale di sodio Na+ o K+ saponi O Na + CH 3 idrofobico (lipofilico) O - idrofilico superficie acqua anche che mi lavassi con la neve e mi pulissi col sapone, le mie mani non sarebbero pure Giobbe a/30 Bibbia (Wikipedia)

159 appena il basilisco ha creato la cavità, le dita del suo piede si ravvicinano e lo estrae rapidamente mentre è circondato soltanto da un cuscinetto d'aria Glasheen, J.W. and T.A. McMahon (1996). A hydrodynamic model of locomotion in the Basilisk lizard. Nature, 380:

160 SLS (sodio laurilsolfato PM = 288) addizionato in H 2 O

161 Solubilità dei gas nei liquidi gas Azoto N 2 C = k N p 2 N 2 p N2 p A = 0.8 p N p O2 2 giù sangue sub Gradiente di pressione Embolo!! N 2 r 1 r 2 sù p 1 p 2 r 1 >> r 2 p 2 >> p 1

162 Capillarità h 2 r p = 2 γ r p = ρ g h h = 2γ r ρ g per r = 10 µm h 1 m H 2 O Hg menisco convesso h negativa! -h

163

164 sole linfa respirazione ascendente (xilema) O 2 discendente (corteccia) CO 2 CO 2 xilema r ~ 2x10-5 O 2 2 x 10-4 m i) capillarità ~ 1 m ii) evaporazione ~ 10 m (vuoto a tenuta) pressione negativa iii) osmosi e meccanismi attivi!!!

165 Bolla di sapone p = 2 γ 4 γ 2 = R R Strati molecolari!! ~ 100 nm

166 Teorema di conservazione dell energia meccanica Lavoro della forza esterna F E L = T + U Conservazione dell energia meccanica in presenza di attrito L F E F a Forze conservative o motrici (LAVORO) Forze di attrito (CALORE) L = ( T + U) - Q

167 Numero di Avogadro 2 g idrogeno 32 g ossigeno 56 g ferro molecole ossigeno H 2 (PM)= molecole ossigeno O 2 (PM)= molecole ossigeno Fe (PM)=56 1 gr-mole N A = molecole/mole ( T + U) = Σ ( t i + u i ) punto di vista macroscopico punto di vista microscopico

168 Significato fisico dell energia interna U Q t i ui t i ed u i energie cinetica ( traslazionale, rotazionale e di vibrazione) e potenziale (energia di legame) della singola molecola L N A = L = Σ ( t i + u i ) - Q i Energia interna del sistema U

169 U = Grandezza microscopica energia di traslazione 1 2 M v 2 energia di rotazione I ω I r 2 m Energia U 1 2 energia di vibrazione (elastica) k x 2 potenziale energia di legame (elettrica) U = N A ( t + t + v v ) T R + el

170 Q Estensione principio conservazione dell energia meccanica U L L U - Q Misure di L, Q ed U in Kcal oppure Joule as you like!!!!

171 Trasformazione del calore in lavoro? Q Q U L U L SI!!! In Termodinamica vale anche il contrario!!

172 Come ottenere da Q lavoro meccanico? E possibile utilizzando la forza del vapore ( fluido elastico ). p A per vincere la pressione atmosferica Se p > p A, il pistone si sposta verso l alto e compie lavoro : p L = (p- p A ) V Q p : alta pressione!!! alta temperatura

173 Primo principio della termodinamica Q U L L + Q = U Grandezze macroscopiche L F x, p V, γ S, e V Q c s M (t 2 t 1 )

174 1 Kcal = quantità di calore necessaria per aumentare la temperatura di 1litro di acqua da 14,5 C a 15, 5 C Energia Termica temperatura

175 Calore specifico C s 1 M Q T cal = gr C J Kg K Il calore specifico dipende dal tipo di sostanza: c s (H 2 O) = 1 cal/(g o C) Q = c s M (t 2 t 1 ) calore specifico

176 termometro Esperienza di Joule L E = mgh [Joule] pale rotanti acqua h Q = M(H 2 0) T [ Kcal] peso (mg) L E = 4180 Q = COST Comunque si fa l esperimento, comunque si variano i parametri (m, h, M, T) si ha sempre: 1 Kcal = 4180 J 1 Kcal = 4.18 KJ

177 Trasformazioni termodinamiche Si definisce trasformazione termodinamica il passaggio reversibile da uno stato (p 0, T 0, V 0 ) ad un nuovo stato (p 1, T 1, V 1 ). La relazione fra calore (assorbito o ceduto) ed il lavoro delle forze esterne durante la trasformazione termodinamica è uguale alla variazione di energia interna U in ogni suo stato.

178 Trasformazioni termodinamiche L + Q = U ISOCORA V= cost (L = 0) ISOBARA P= cost ISOTERMA T= cost ( U = 0) ADIABATICA Q = 0

179 DIAGRAMMA P V p isoterma isocora L = p V isobara L V

180 Termodinamica dei gas (perfetti) 1 Legge di Gay-Lussac (o di Charles) V = V 0 ( 1 + α v t ) ( p = cost) isobara 2 Legge di Gay-Lussac p = p 0 ( 1 + α p t ) ( V = cost) isocora Legge di Boyle pv = COST ( t = cost) isoterma α v = α p = T = t T = temperatura assoluta [K] pv = n R T R = Joule / K mole n = numero di moli

181 Sistema termodinamico UOMO Q LAVORO U Q L L+ Q = 0 Q : cibo Carboidrati 4.2 kcal/gr = 420 kcal/100 gr Grassi Proteine 9.8 kcal/gr 5.6 kcal/gr L : attività fisica

182 Metabolismo UOMO Q Q LAVORO U L L = 0 (condizioni di riposo) METABOLISMO BASALE = 40 Watt Dipende dalla superficie Q = P t = 40Watt x 12 ore x 3600 sec 4180 = 410 Kcal 12 ore

183 L 0 METABOLISMO IN CONDIZIONI DI LAVORO = Watt ~125 W Q = P t = 125 Watt x 12 ore x 3600 sec 4180 = 1280 Kcal 12 ore Consumo energetico totale nelle 24 ore =1690 Kcal ~ 1700 Kcal 800 Kcal = metabolismo basale nelle 24 ore 900 Kcal = lavoro nelle 24 ore

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15 Classe I A AFM Il metodo sperimentale. Misurazione e misura. Il Sistema Internazionale Grandezze fondamentali: lunghezza, massa e tempo. Grandezze derivate Unità di misura S.I. : metro, kilogrammo e secondo.

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 4 (5 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 4 (5 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica dei fluidi Fluidi e solidi Unità 4 (5 ore) Densità e pressione di un fluido Proprietà dei fluidi:

Dettagli

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 Docente: GASPARRINI FABIO Testo di riferimento: D. Halliday, R. Resnick, J. Walker,

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Trasformazioni termodinamiche I o principio della Termodinamica Gas perfetti Gas reali pag.1 Temperatura Proprietà

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria Università degli Studi dell Insubria Corso integrato: FISICA E STATISTICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Dott. Raffaele NOVARIO Recapito: raffaele.novario@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi LO STATO GASSOSO Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi STATO GASSOSO Un sistema gassoso è costituito da molecole

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013.

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. FISICA NEVIO FORINI PROGRAMMA 11 LEZIONI DI 2 ORE + VERIFICA :

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

PRINCIPI DI EMODINAMICA

PRINCIPI DI EMODINAMICA Il funzionamento del sistema cardio-circolatorio può essere spiegato utilizzando i principi fisici ricavabili dalle leggi dell idrostatica-idrodinamica, anche se il sistema cardiocircolatorio ha caratteristiche

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica Anno scolastico: 2014-2015 Classe: 4^BMM MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia Insegnante: Gaspare Di Como Insegnante Compresente: Francesco Porco DIPARTIMENTO DI Meccanica PROGRAMMAZIONE SVOLTA MODULO

Dettagli

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Sul libro del primo anno: L AMALDI 2.0 Pag 257: n.23 Pag 258: n.28 Pag 259: n.33,n.39

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE Esercitazioni di fisica a cura di Valeria Conti Nibali A.A. 2008/09 Esercizio 1 Si consideri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA...IMPIANTI TERMOTECNICI... A.S. 2012/2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 4^ TSE 1) PREREQUISITI Saper eseguire dei semplici calcoli matematici. Saper invertire

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

Per la prima volta viene proposta una connessione, sostenuta da prove sperimentali, tra mondo vivente e mondo non-vivente.

Per la prima volta viene proposta una connessione, sostenuta da prove sperimentali, tra mondo vivente e mondo non-vivente. CALORE Per il calore anticamente erano state proposte varie teorie. Una di queste, dovuta a J.J. Becher (1635-1682) era la teoria del flogisto (dal grecocombustibile). Tale teoria postulava l'esistenza

Dettagli

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi: 3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:. Descrivere le caratteristiche e il comportamento del gas a livello microscopico.. Definire pressione temperatura

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I L E L E G G I D E I G A S P A R T E I Variabili di stato Equazioni di stato Legge di Boyle Pressione, temperatura, scale termometriche Leggi di Charles/Gay-Lussac Dispense di Chimica Fisica per Biotecnologie

Dettagli

CHIMICA GENERALE MODULO

CHIMICA GENERALE MODULO Corso di Scienze Naturali CHIMICA GENERALE MODULO 6 Termodinamica Entalpia Entropia Energia libera - Spontaneità Relatore: Prof. Finelli Mario Scienza che studia i flussi energetici tra un sistema e l

Dettagli

APPLICAZIONI MEDICHE DEL MOTO DEI FLUIDI

APPLICAZIONI MEDICHE DEL MOTO DEI FLUIDI APPLICAZIONI MEDICHE DEL MOTO DEI FLUIDI Il sistema circolatorio Stenosi e aneurisma Fleboclisi, trasfusioni Prelievi di sangue, iniezioni Misurazione della pressione arteriosa Effetti fisiologici della

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla)

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla) INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 L EQUILIBRIO DEI SOLIDI 2 IL MOVIMENTO: LA VELOCITA 3 IL MOVIMENTO: L ACCELERAZIONE 4 I PRINCIPI DELLA DINAMICA 5 IL LAVORO, LA POTENZA E L ENERGIA 6 LA TEMPERATURA

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

I.S.S Via Silvestri Roma S. A. Liceo Scientifico L. Malpighi Classe III F A. S. 2014-2015 Prof. Silvia Nocera PROGRAMMA DI FISICA MECCANICA

I.S.S Via Silvestri Roma S. A. Liceo Scientifico L. Malpighi Classe III F A. S. 2014-2015 Prof. Silvia Nocera PROGRAMMA DI FISICA MECCANICA I.S.S Via Silvestri Roma S. A. Liceo Scientifico L. Malpighi Classe III F A. S. 2014-2015 Prof. Silvia Nocera MECCANICA PROGRAMMA DI FISICA L energia meccanica Il lavoro La potenza Energia cinetica Forze

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

Seconda legge della termodinamica

Seconda legge della termodinamica Seconda legge della termodinamica In natura tutti i processi devono soddisfare il principio di conservazione dell energia (e quindi anche la a legge della termodinamica) ma non tutti i processi che conservano

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Formulario di Termodinamica

Formulario di Termodinamica Formulario di Termodinamica Punto triplo dell acqua: T triplo = 273.16 K. Conversione tra gradi Celsius e gradi Kelvin (temperatura assoluta): t( C) = T (K) 273.15 Conversione tra Caloria e Joule: 1 cal

Dettagli

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo 1) Concetti Generali 1. Unità di Misura: A. Pressione 1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. B. Calore 1 joule = 10 7 Erg. 1 caloria = 4,185 joule. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

I.P. G. Marconi - PRATO

I.P. G. Marconi - PRATO I.P. G. Marconi - PRATO per la classe seconda prof.ssa Carla Tarchi INDICE Modulo 1: LAVORO ED ENERGIA 1 1.1 Il lavoro e la potenza 2 1.2 L energia: forme, trasformazioni, conservazione 3 Modulo 2: TERMOLOGIA

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh 1 IDRAULICA Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO F S S PsxSxh h F p = pressione p = p = Ps S h/s = Ps h Ps = peso specifico S h = profondità P=0 P=Psxh h Andamento della pressione

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

QUESITO n. 1. RISPOSTA B. QUESITO n. 2. RISPOSTA E. QUESITO n. 3. RISPOSTA B. QUESITO n. 4. RISPOSTA E

QUESITO n. 1. RISPOSTA B. QUESITO n. 2. RISPOSTA E. QUESITO n. 3. RISPOSTA B. QUESITO n. 4. RISPOSTA E QUESITO n. 1. RISPOSTA B Alcune alternative possono essere subito scartate poiché chiaramente irragionevoli: 50 mg (A) è decisamente troppo poco, mentre 500 g (D) o addirittura 5 kg (E) è senz altro troppo;

Dettagli

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente.

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. LA RESPIRAZIONE La respirazione Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. Apparato respiratorio Le vie respiratorie Tessuto epiteliale delle vie respiratorie

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Equilibrio statico di un corpo esteso

Equilibrio statico di un corpo esteso Equilibrio statico di un corpo esteso Se una particella è in equilibrio statico, cioè se è ferma e resta ferma, la forza risultante che agisce su di essa deve essere nulla. Nel caso di un corpo esteso,

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

MISURE DI PRESSIONE PRESSIONE

MISURE DI PRESSIONE PRESSIONE MISURE DI PRESSIONE 1 PRESSIONE Grandezza DERIVATA: pressione = forza area Grandezza di STATO: si ragiona in termini di differenze di pressione 2 PRESSIONE p pressione relativa (positiva) pressione atmosferica

Dettagli

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015 I temi elencati nel seguito vogliono essere una guida alla preparazione della prova orale dell esame di Fisica Tecnica cosicché gli allievi possano raggiungere una preparazione completa sugli argomenti

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Il Secondo Principio della Termodinamica di Antonio Covello

Il Secondo Principio della Termodinamica di Antonio Covello Il Secondo Principio della Termodinamica di Antonio Covello La termodinamica è il primo esempio di scienza fisica che si differenzia dalla meccanica newtoniana La sua nascita è legata allo sviluppo delle

Dettagli

L accelerazione. Il moto rettilineo uniformemente accelerato. Il moto dei gravi.

L accelerazione. Il moto rettilineo uniformemente accelerato. Il moto dei gravi. FISICA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Nel definire gli obiettivi in termini di conoscenze e di competenze il Dipartimento ha deciso di mettere in evidenza gli obiettivi minimi sottolineandoli. Si

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16 Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas FGE aa.2015-16 Obiettivi Trasporto ventilatorio convettivo dei gas integrato con trasporto convettivo circolatorio e respirazione cellulare Cenni

Dettagli

STIRLING. Laboratorio 2 (meccanica e termodinamica) F.Balestra 1. Vista complessiva del motore ad aria calda

STIRLING. Laboratorio 2 (meccanica e termodinamica) F.Balestra 1. Vista complessiva del motore ad aria calda SPERIMENTAZIONI CON STIRLING IL MOTORE AD ARIA CALDA DI Vista complessiva del motore ad aria calda Il motore ad aria calda (inventato da R. Stirling, 1816), assieme al motore a vapore, e la macchina termica

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione PRESSIONE: La pressione è una grandezza fisica, definita come il rapporto tra la forza agente ortogonalmente 1 su una superficie e la superficie stessa. Il suo opposto (una pressione con verso opposto)

Dettagli

MEMBRANE. MEMBRANE equilibri gas-liquido. elio giroletti

MEMBRANE. MEMBRANE equilibri gas-liquido. elio giroletti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA dip. Fisica nucleare e teorica via Bassi 6, 27100 Pavia, Italy tel. 0382/98.7905 - girolett@unipv.it - www.unipv.it/webgiro 1 elio giroletti MEMBRANE equilibri gas- FISICA

Dettagli

DOMANDE DI FISICA PER LA TERZA PROVA Laura Todisco DOMANDE TERZA PROVA FISICA

DOMANDE DI FISICA PER LA TERZA PROVA Laura Todisco DOMANDE TERZA PROVA FISICA DOMANDE TERZA PROVA FISICA TERMODINAMICA DOMANDA 1 Quale è la differenza tra calore specifico e calore latente? Quali sono le loro unità di misura? Fai almeno un esempio. Il calore specifico è il calore

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido.

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido. STTO LIQUIDO Una sostanza liquida è formata da particelle in continuo movimento casuale, come in un gas, tuttavia le particelle restano a contatto le une alle altre e risentono sempre delle notevoli forze

Dettagli

LEZIONE 5-6 GAS PERFETTI, CALORE, ENERGIA TERMICA ESERCITAZIONI 1: SOLUZIONI

LEZIONE 5-6 GAS PERFETTI, CALORE, ENERGIA TERMICA ESERCITAZIONI 1: SOLUZIONI LEZIONE 5-6 G PERFETTI, CLORE, ENERGI TERMIC EERCITZIONI 1: OLUZIONI Gas Perfetti La temperatura è legata al movimento delle particelle. Un gas perfetto (ovvero che rispetta la legge dei gas perfetti PV

Dettagli

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni termodinamiche Formulario Il primo principio della termodinamica afferma che la variazione dell energia interna di un sistema U è uguale alla somma

Dettagli

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013 Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 01 Incontro su temi di termodinamica 14/1/01 Giuseppina Rinaudo - Dipartimento di Fisica dell Università di Torino Sommario dei quesiti

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1 I gas Universita' di Udine Problema Un cubo di osmio ha lato di 0. m ed e appoggiato su una tavola. Al contatto tra la tavola ed il cubo, quanto vale la pressione (N/m )? Nota: le densita vi vengono date

Dettagli