MARIANI FERNANDO MARTINA MARMO MATTEO DE BONIS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARIANI FERNANDO MARTINA MARMO MATTEO DE BONIS"

Transcript

1 MARIANI FERNANDO MARTINA MARMO MATTEO DE BONIS

2 MARIANI FERNANDO MARTINA MARMO MATTEO DE BONIS 1

3 INDICE I licenziamenti individuali in Italia. Settore privato pag.5 Settore pubblico pag.10 I licenziamenti collettivi in Italia. Premessa pag.13 I licenziamenti collettivi del settore privato. I requisiti pag.13 La procedura da seguire nei licenziamenti collettivi pag.15 Le eccedenze di personale nel settore pubblico pag.19 I licenziamenti collettivi in Europa. Premessa pag.24 Uno sguardo ai singoli Stati membri. Pag. 25 I licenziamenti individuali in Francia pag.25 I licenziamenti collettivi in Francia pag.26 I licenziamenti individuali in Germania pag.28 I licenziamenti collettivi in Germania pag.31 I licenziamenti individuali in Spagna pag.32 I licenziamenti collettivi in Spagna pag.34 I licenziamenti individuali nel Regno Unito pag.35 I licenziamenti collettivi nel Regno Unito pag.38 I licenziamenti individuali in Belgio pag.39 I licenziamenti collettivi in Belgio pag.40 I licenziamenti individuali in Austria pag.41 I licenziamenti collettivi in Austria pag.44 I licenziamenti individuali in Olanda pag.44 I licenziamenti collettivi in Olanda pag.47 I licenziamenti individuali in Slovenia pag.48 I licenziamenti collettivi in Slovenia pag.50 I licenziamenti collettivi in Svezia pag.51 Conclusioni pag.52 3

4 I LICENZIAMENTI IN ITALIA ED IN EUROPA Settore privato La disciplina relativa alla tutela conto i licenziamenti rappresenta uno dei temi più delicati nell ambito del diritto del lavoro, per effetto ovviamente dei fondamentali interessi che essa si prefigge di tutelare. Lo scopo del corpus normativo in materia di licenziamenti è infatti quello di proteggere il lavoratore, parte debole del rapporto, da eventuali comportamenti abusivi del datore che, senza la tutela in questione, potrebbe disporre a proprio piacimento delle energie lavorative del prestatore senza che questi possa vantare alcuna pretesa di stabilità e continuità del rapporto. La forma più elementare di protezione del lavoratore è rappresentata dall art c.c. il quale stabilisce che ciascuna della parti può recedere dal rapporto rispettando il termine di preavviso, per il quale si fa generalmente riferimento al contratto collettivo nazionale di riferimento. Si tratta del cosiddetto licenziamento ad nutum (dal latino: con un cenno) che peraltro è attualmente legittimo solo per determinate categorie, come ad esempio i dirigenti, i lavoratori in prova e coloro che hanno raggiunto l età pensionabile. Al di fuori di queste limitate ipotesi trova applicazione l importantissima legge 604/ 1966 la quale ha stabilito che il licenziamento deve essere necessariamente fondato su una giusta causa o un giustificato motivo. Una volta individuato il principio bisogna però capire cosa stiano a significare i due concetti appena citati. La fattispecie di giusta causa è disciplinata dall art c.c., che la identifica in quella causa talmente grave da non consentire la prosecuzione, neanche temporanea, del rapporto di lavoro, che quindi si interrompe immediatamente senza neanche la necessità di far trascorrere il termine di preavviso. Come ha avuto modo di puntualizzare la Corte di Cassazione con la sentenza del 1995, la giusta causa è la più grave delle sanzioni applicabili ed in quanto tale può ritenersi legittima soltanto ove la mancanza del lavoratore sia talmente grave che qualsiasi altra sanzione risulterebbe insufficiente a tutelare l interesse del datore di lavoro. L art è fondato sulla presunta sussistenza di un vincolo fiduciario tra il datore e il lavoratore, vincolo che può essere di varia intensità a seconda della tipologia dell attività svolta, ma che viene irrimediabilmente reciso in conseguenza dell inadempimento costituente giusta causa di recesso. Il riferimento al vincolo di fiducia ha inoltre portato la dottrina prevalente a ritenere che la fattispecie in questione possa determinarsi anche in virtù di episodi e comportamenti estranei al 5

5 rapporto di lavoro vero e proprio, e che quindi non costituiscono inadempimento contrattuale, ma che evidentemente così gravi da non consentire la proficua continuazione del rapporto stesso. In realtà si tratta di una materia piuttosto scivolosa e che difficilmente può essere inquadrata entro schemi rigidi ed immodificabili: per capire ciò basta far riferimento ad alcune sentenze della Cassazione che hanno statuito proprio su tale questione. Nella recente sentenza 1668 del 2007 la Suprema Corte ha stabilito che un epiteto irriguardoso (nello specifico, delinquente ) rivolto al dirigente può essere giusta causa di licenziamento anche se pronunciato in un contesto particolarmente animoso come quello di un accesa assemblea sindacale. Si tratta di una pronuncia che sicuramente può prestare il fianco a critiche ma che comunque suggerisce una certa prudenza nei comportamenti. Sempre nel 2007 la Cassazione ha affermato un principio molto importante concernente la disciplina contrattuale delle ipotesi di giusta causa: anche se in sede contrattuale un determinato comportamento è ricondotto alla fattispecie della giusta causa o del giustificato motivo soggettivo, il giudice investito della legittimità del licenziamento deve comunque verificare l effettiva gravità della condotta addebitata al lavoratore e quindi decidere se essa sia meritevole di licenziamento oppure no. Quest ultima pronuncia, evidentemente più garantista rispetto alla precedente, costituisce un ulteriore dimostrazione di come la materia non risponda a regole dogmatiche, ma sia invece caratterizzata da una certa elasticità, anche in relazione al tipo di mansioni svolte e all intensità del vincolo fiduciario intercorrente tra le parti. L altra fattispecie legittimante il licenziamento, come già accennato in precedenza, è il giustificato motivo oggettivo o soggettivo. Quest ultimo rappresenta in realtà figura assai vicina alla giusta causa, pur differenziandosene per la minor gravità del comportamento addebitato al lavoratore. Nella pratica, come è facile immaginare, spesso e volentieri è piuttosto difficile distinguere tra le due nozioni e quindi si dovrà ricorrere ancora una volta ad una pluralità di criteri identificativi: tipologia di mansioni svolte, intensità del vincolo fiduciario, particolari circostanze di fatto L unica costante è rappresentata dall ampia discrezionalità di cui gode il giudice nel ricondurre l inadempimento ad una delle due nozioni piuttosto che all altra. In ogni caso va precisato che la distinzione tra i due istituti non è un mero esercizio di dottrina giuridica, ma è destinata ad avere ripercussioni tangibili sul rapporto di lavoro. Infatti qualora si ricada nell ambito del giustificato motivo soggettivo, essendo l inadempimento più lieve di quello caratterizzante la giusta causa, il lavoratore conserva il diritto al preavviso stabilito nel contratto collettivo di 6

6 riferimento o, in alternativa, la cosiddetta indennità di preavviso, commisurata alla retribuzione che sarebbe spettata per quel periodo. In ultima analisi abbiamo la figura del giustificato motivo oggettivo,che si distingue abbastanza nettamente da quelle finora esaminate, e che piuttosto potrebbe presentare alcune analogie con i licenziamenti collettivi. Esso infatti è indipendente dal comportamento del lavoratore e deriva invece da ragioni inerenti l organizzazione del lavoro, l attività produttiva e il regolare funzionamento dell azienda. La crisi aziendale è la sicuramente fra le più ricorrenti situazioni poste alla base del giustificato motivo oggettivo: un azienda che si trovi in difficoltà e che magari sia prossima al fallimento ha varie ragioni per procedere a questo tipo di licenziamenti. Come già accennato in precedenza c è il rischio di una sovrapposizione fra l istituto in questione e quello dei licenziamenti collettivi: per superare questi dubbi occorre verificare se sussistano o meno i requisiti numerici, temporali e spaziali di cui alla legge 223/ Nel caso in cui questa verifica dia esito positivo si applicherà la disciplina predisposta dalla suddetta legge, in caso contrario si tratterà semplicemente di una serie di licenziamenti individuali. In base a quanto detto si può, con buona dose di certezza, condividere l opinione del prof. Ichino il quale ha efficacemente evidenziato che il giustificato motivo soggettivo guarda al passato, ad un inadempimento già verificatosi, mentre invece il giustificato motivo oggettivo guarda al futuro, a quelle che sono le prospettive dell azienda, che in quanto tali non sono suscettibili di prova ma solamente di una valutazione prognostica. A questo punto sorge un ulteriore interrogativo: quanto devono essere negative queste proiezioni per legittimare il licenziamento? E sufficiente il timore di un qualsiasi peggioramento della situazione aziendale oppure è necessario che si vada oltre una certa soglia? Ancora una volta non è possibile dare una risposta certa e definitiva sul tema, la giurisprudenza infatti ha manifestato orientamenti contrastanti che non consentono, finora, la formazione di un indirizzo unitario. Si può parlare di giustificato motivo oggettivo anche nel caso di sopravvenuta inidoneità fisica del lavoratore allo svolgimento delle mansioni per le quali era stato assunto. Originariamente l orientamento giurisprudenziale era assai intransigente nel consentire in ogni caso il licenziamento, senza che il datore dovesse dimostrare l impossibilità di impiegare il lavoratore in altre attività compatibili con le sue condizioni fisiche. Opportunamente i giudici sono tornati sui loro passi come dimostra chiaramente la sentenza 7755/ 1998 pronunciata dalla Cassazione: la Suprema Corte ha stabilito che il licenziamento per sopravvenuta inidoneità fisica del lavoratore può dirsi legittimo soltanto nel caso in 7

7 cui non sia possibile impiegare il soggetto in altre attività professionalmente equivalenti a quella per cui fu assunto. Su questo principio la giurisprudenza ha ormai maturato un convincimento piuttosto stabile. Occorre ora soffermarsi sulla tutela riconosciuta al lavoratore nel caso di licenziamento illegittimo. Le norme di riferimento sono essenzialmente due e ad esse corrispondono altrettante tipologie di protezione: l art. 8 della legge 604/ 1966, da cui discende la tutela obbligatoria e l art. 18 dello Statuto dei Lavoratori che ha invece provveduto all introduzione della tutela reale. La prima delle due disposizioni appena citate costituì, all epoca, un innovazione assai significativa se si pensa che fino a quel momento il datore di lavoro poteva liberamente recedere dal rapporto ai sensi dell art c.c., quindi dando solamente il preavviso. Il legislatore così stabilì che nel caso di licenziamento illegittimo, cioè irrogato in assenza di giusta causa o giustificato motivo, il datore è tenuto a riassumere il lavoratore entro tre giorni dalla sentenza o, in alternativa, a risarcirgli il danno attraverso il pagamento di un indennità di importo compreso tra le 2,5 e le 6 mensilità dell ultima retribuzione globale di fatto. Nel caso di lavoratori con una certa anzianità di servizio l indennità è compresa fra le 10 e le 14 mensilità. Il tanto discusso art. 18 dello Statuto, fermo restando quanto previsto dalla legge 604/1966, si applica alle imprese in cui siano occupati più di 15 lavoratori nell unità produttiva, soglia che scende a 5 nel caso di imprenditore agricolo. Tale norma si applica anche agli imprenditori che, a prescindere dall organico delle singole unità produttive, occupino più di 15 (o 5) lavoratori nell ambito del medesimo comune o comunque abbiamo alle proprie dipendenze complessivamente più di 60 lavoratori. Una volta delimitato l ambito soggettivo di applicazione dell art. 18, occorre esaminarne il merito: è previsto infatti che nel caso di licenziamento illegittimo il giudice ordini al datore il reintegro del prestatore nel posto di lavoro nonché il risarcimento del danno commisurato alla retribuzione globale di fatto dal giorno del licenziamento a quello del reintegro con il versamento dei relativi contributi previdenziali e assistenziali. Tale indennizzo non può comunque essere inferiore alle cinque mensilità. A questo punto, per fare chiarezza, occorre innanzitutto capire in cosa il reintegro si distingua dalla riassunzione di cui alla legge 604. Essenzialmente la differenza sta nel fatto che la riassunzione presuppone un estinzione del precedente rapporto di lavoro, mentre invece con la reintegrazione è come se tale rapporto fosse entrato in uno stato di quiescenza, di riposo, fino alla pronuncia del giudice: in questo modo vengono azzerati gli effetti del recesso e si ha una semplice 8

8 prosecuzione del precedente rapporto, senza che il datore possa essere svincolato dagli impegni assunti con il contratto. In alternativa al reintegro lo Statuto riconosce al lavoratore illegittimamente licenziato la facoltà di chiedere al datore il risarcimento del danno subito, commisurato a 15 mensilità della retribuzione globale di fatto. Per quanto riguarda invece la tutela giurisdizionale del lavoratore nel caso di recesso unilaterale del datore, va segnalato come delle importanti innovazioni siano state introdotte dalla legge n 183 del 2010 meglio conosciuta con la definizione di Collegato Lavoro. Innanzitutto, coerentemente con quanto già prevista dall art. 6 della legge 604, è previsto che il lavoratore debba impugnare il licenziamento con qualsiasi atto scritto anche stragiudiziale o con l intervento del sindacato entro 60 giorni dalla relativa comunicazione scritta da parte del datore o dalla comunicazione dei motivi ove quest ultima non sia contestuale al recesso. A questo punto il lavoratore per non rendere inefficace la suddetta impugnazione dovrà, nel giro di 270 giorni, depositare il ricorso e quindi avviare il giudizio presso il Tribunale territorialmente competente oppure comunicare alla controparte la richiesta del tentativo di conciliazione o arbitrato. Nel caso in cui la conciliazione o l arbitrato siano rifiutati o non sia raggiunto l accordo per il loro espletamento, il ricorso dovrà essere depositato in cancelleria entro 60 giorni dalla data del rifiuto o del mancato accordo. Questa norma è stata aspramente criticata da più parti in quanto evidentemente richiede al lavoratore una notevole sollecitudine nell esperimento delle varie iniziative volte all impugnazione del licenziamento. Inoltre non si può fare a meno di sottolineare come in periodi come quello attuale, caratterizzato come ben sappiamo da una drammatica crisi economicosociale che non risparmia alcun settore del tessuto produttivo, spesso e volentieri accade che la scure del risanamento e dell equilibrio finanziario finisca inesorabilmente per abbattersi sul lavoro dipendente. A complicare ulteriormente le cose c è la necessità, evidentemente ineludibile, di assecondare in toto qualsiasi indicazione proveniente dalle istituzioni comunitarie che ormai tengono severamente al guinzaglio i vari Stati membri imponendo le loro politiche in barba a principi, forse passati di moda, come la sovranità nazionale. Questa sicuramente non è l occasione più indicata per disquisire di questi temi in modo approfondito, però ormai anche i non addetti ai lavori sanno del vivace epistolario tra la Comunità ed il Governo. La nostra attenzione non può non soffermarsi sugli input che l Europa impone al nostro Paese in tema di licenziamenti: si sollecita infatti una riforma del mercato del lavoro nel senso di realizzare una maggiore flessibilità del medesimo, come se quella attuale 9

9 non fosse ancora sufficiente. In particolare l auspicio proveniente da Bruxelles è quello di alzare ulteriormente l età pensionabile (idea che, per una serie di ragioni, non può certo considerarsi folle) e di rendere più agevoli i licenziamenti in modo tale da favorire, a loro avviso, la propensione delle aziende all assunzione. Tale modello, della cosiddetta flexicurity, non rappresenta di certo una novità visto che da diversi anni viene applicato anche con buoni risultati in alcuni Paesi del Nord Europa, come Olanda e Danimarca. Il problema è che un simile modello non necessariamente è esportabile in altri contesti, dove ovviamente possono esserci situazioni socio economiche anche piuttosto distanti da quelle del Paese d origine: adottare ex novo questo sistema in un periodo di depressione economica come quello attuale, con mercati finanziari assolutamente imprevedibili, banche sempre più restie a concedere credito alle aziende e con governi instabili e comunque non sufficientemente autorevoli da confrontarsi con le sfide che li attendono, rischia seriamente di rivelarsi un iniziativa troppo spregiudicata se non addirittura controproducente, potenzialmente letale per quella che probabilmente rappresenta la vera risorsa da cui ripartire, ossia il lavoro. Non si vuole condannare a priori un qualcosa che ancora non c è e quindi non si può giudicare, però occorre ponderare con molta attenzione le diverse soluzioni disponibili e fra esse scegliere (sempre che sia possibile) quella meno dolorosa. Settore pubblico Il pubblico impiego, negli ultimi venti anni, è stato interessato da un fenomeno di progressiva privatizzazione del rapporto di lavoro che infatti è attualmente soggetto a gran parte delle norme vigenti nel settore privato. L art. 2, c.2, d. lgs. 165/ 2001 stabilisce che i rapporti di pubblico impiego sono disciplinati dal capo I, titolo II del libro V del codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell impresa, fatte salve le diverse disposizioni contenute nel decreto stesso, che costituiscono norme a carattere imperativo. Altrettanto importante è l art. 51 c.2 il quale prevede l applicabilità espressa dello Statuto dei Lavoratori a prescindere dal numero dei dipendenti. La privatizzazione ha inoltre comportato che le materie relative al rapporto di lavoro e alle relazioni sindacali siano disciplinate contrattualmente e non più per il tramite di atti pubblicistici quali leggi e regolamenti. Inoltre sono devolute al giudice ordinario, in funzione di giudice del lavoro, tutte le controversie riguardanti il rapporto di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche. Le uniche categorie nei cui confronti non trova applicazione questa nuova disciplina 10

10 sono : magistrati ordinari, contabili e amministrativi; avvocati e procuratori dello Stato, personale militare e di polizia, personale della carriera diplomatica e prefettizia, professori e ricercatori universitari e i dipendenti di Camera, Senato e Corte Costituzionale. In base a quanto detto i dipendenti pubblici sono soggetti alla normativa privatistica anche in materia di licenziamenti, e quindi trovano applicazione sia la legge 604/1966, sia lo Statuto dei Lavoratori e di conseguenza hanno rilievo quelle stesse fattispecie da cui può derivare il licenziamento nel settore privato. Nello specifico, la riforma del pubblico impiego intervenuta con il d. lgs. 150/2009 fa salva la disciplina in tema di licenziamento per giusta causa e giustificato motivo soggettivo e le ipotesi previste dal contratto collettivo, ma definisce espressamente alcune tipologie di infrazioni che per la loro gravità comportano il cosiddetto licenziamento disciplinare. Alcuni esempi: falsa attestazione della presenza in servizio o giustificazione dell assenza con certificazione medica falsa, assenza ingiustificata per più di tre giorni anche non continuativi nell arco di un biennio o comunque per più di sette giorni nel corso degli ultimi dieci anni, ingiustificato rifiuto del trasferimento disposto dall amministrazione per motivate esigenze di servizio, reiterazione nell ambiente di lavoro di gravi condotte aggressive, moleste o minacciose, condanna penale definitiva che preveda anche l interdizione dai pubblici uffici. Un altra significativa ipotesi di licenziamento disciplinare, in linea con il principio della massima efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni, si ha nel caso di valutazione insufficiente del rendimento del lavoratore nell arco di un biennio, valutazione che deve essere condotta secondo le relative disposizioni legislative e contrattuali. Anche il medico competente di una struttura sanitaria pubblica è passibile di licenziamento nel caso di emanazione di sentenza definitiva che lo condanni per certificazioni mediche false o falsamente attestanti uno stato di malattia e nel caso di reiterato mancato invio all INPS della certificazione di malattia del lavoratore. Si può avere il licenziamento del dipendente pubblico anche per giustificato motivo oggettivo. Tuttavia, a differenza di quanto avviene nell impiego privato, le esigenze organizzative del datore danno luogo all istituto dell eccedenza di personale e del collocamento in disponibilità. Di conseguenza il giustificato motivo oggettivo nel pubblico impiego si riferisce esclusivamente a circostanze inerenti al lavoratore stesso: - l interdizione dai pubblici uffici, di cui si è parlato in precedenza e che può derivare da una sentenza penale di condanna 11

11 - la sopravvenuta inidoneità fisica, purchè non sia possibile inquadrare il lavoratore in livelli equivalenti o anche inferiori. Un ultima fattispecie di licenziamento del dipendente pubblico è costituita dal superamento del periodo di comporto per malattia o infortunio, ai sensi dell art c.c. I contratti collettivi individuano un periodo di tempo durante il quale il lavoratore, in caso di malattia, gravidanza, infortunio o puerperio ha diritto alla conservazione del posto di lavoro e alla corresponsione della retribuzione o di un indennità: in questo lasso di tempo il lavoratore non può essere licenziato. Una volta scaduto il termine di comporto il datore può recedere ai sensi dell art c.c. quindi dando il preavviso oppure attraverso il versamento di un indennità sostitutiva del preavviso. Generalmente i contratti collettivi stabiliscono due termini: - il comporto secco, riferito ad un unica malattia di lunga durata - il comporto per sommatoria, che trova applicazione nell ipotesi in cui il lavoratore sia colpito da più malattie. Il lavoratore rimane evidentemente privo di protezione nel caso in cui sia affetto da una malattia talmente grave da protrarsi oltre il termine di comporto. Proprio per scongiurare il verificarsi di simili inconvenienti spesso accade che i contratti collettivi prevedano un aspettativa non retribuita che si estende oltre il termine di comporto e che consente al lavoratore la conservazione del posto di lavoro, pur in assenza di retribuzione. 12

12 Premessa I LICENZIAMENTI COLLETTIVI IN ITALIA L estinzione del rapporto di lavoro è un fenomeno che riguarda direttamente il singolo lavoratore, il quale vede terminare così quel rapporto giuridico per cui egli presta la propria attività lavorativa dietro una retribuzione. È importante rilevare che quando questo fenomeno riguarda allo stesso tempo più lavoratori in una stessa impresa, l attenzione del legislatore si fa più forte e si prevede una procedura particolare che va sotto il nome di licenziamento collettivo. Si tratta di una procedura volta a tutelare i lavoratori da facili discriminazioni che, specialmente in tempi di crisi, possono esser perpetrate dal datore di lavoro: con la scusa di esigenze obiettive dell impresa, il datore potrebbe, ove sprovvisto di obblighi precisi, intimare più licenziamenti in modo arbitrario su vari profili, primo tra tutti la scelta del chi licenziare. I licenziamenti collettivi del settore privato I requisiti dei licenziamenti collettivi La disciplina della materia è ancora oggi contenuta nella legge 223/1991, come modificata negli ultimi decenni, in particolare dal d. lgs. 110/2004. Gli articoli di riferimento sono il 24 e il 4 e 5, dal primo richiamati. Essa si applica anche ai datori di lavoro non imprenditori e norme speciali valgono per i dirigenti. Inoltre, la disciplina opera anche in caso di procedure concorsuali. Tale legge, peraltro attuazione della direttiva comunitaria 75/129, prevede come requisiti di applicabilità: - una minima dimensione occupazionale dell'impresa (che occupa più di 15 dipendenti); - un numero minimo di licenziamenti (che coinvolgono almeno 5 dipendenti); - un arco temporale, di regola di 120 giorni prolungabili solo in sede di consultazione sindacale, entro cui sono effettuati i licenziamenti stessi. Circa il requisito occupazionale, i 15 dipendenti in questione devono essere occupati nella stessa unità produttiva oppure in più unità produttive nell ambito del territorio di una stessa provincia. Inoltre, la valutazione della sussistenza del requisito è fatta non al momento del licenziamento e dunque dell inizio della procedura, bensì si guarda all occupazione aziendale nel normale organigramma produttivo. Ove questo manchi, fa fede l occupazione media dell ultimo semestre, considerando 13

13 anche gli apprendisti e gli assunti con contratto di formazione-lavoro, ormai sostituito dal contratto di inserimento. Sono questi gli elementi che distinguono la fattispecie dei licenziamenti collettivi da quella dei licenziamenti individuali plurimi intimati per giustificato motivo oggettivo, dove pure necessita la valutazione delle ragioni produttive e organizzative dedotte dall'imprenditore. Infatti, i licenziamenti collettivi possono seguire un intimazione in conseguenza di: - una riduzione del personale; - una trasformazione di attività o di lavoro; - una cessazione dell attività aziendale. Queste tre situazioni sono tipizzate dal legislatore all interno dell art 24 e richiede una spiegazione maggiore almeno il caso della riduzione del personale. Sono contemplate due diverse ipotesi di riduzione del personale, la prima interessa le imprese che occupano più di 15 dipendenti (art 24), mentre la seconda (art 4) riguarda l eventualità in cui il recesso dal rapporto di lavoro derivi dall impossibilità di reimpiegare i lavoratori sospesi nelle imprese ammesse alla Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria e dunque riguarda solo tale tipologia di imprese. Ad ogni modo, alla diversa causa di fatto che origina il recesso, fa fronte in entrambi i casi la stessa procedura di mobilità. Per la dimensione anche molto estesa che possono assumere i licenziamenti collettivi è questo un istituto del diritto del lavoro volto a placare il grande allarme sociale che suscitano accadimenti del genere. La disciplina è perciò costruita seguendo tale linea ispiratrice, tanto che sebbene, dando per verificati gli altri requisiti, basti che il licenziamento venga intimato a cinque lavoratori per considerarlo collettivo, all esito della procedura potrebbe darsi - o meglio, sarebbe altamente auspicabile che si arrivi a licenziare magari un solo soggetto. Le eccedenze di manodopera sono un problema spinoso e ad alto tasso di conflittualità sociale perciò la normativa cerca di promuovere la collaborazione tra le parti sociali, che possono proporre soluzioni alternative ai licenziamenti e tutta una serie di misure di sostegno dei licenziati a seguito di un esito delle consultazioni sindacali negativo o comunque non tale da evitare i licenziamenti. Alla luce di quanto detto è bene vedere nel dettaglio le caratteristiche della procedura prevista per i licenziamenti collettivi. 14

14 La procedura da seguire nei licenziamenti collettivi L articolazione della procedura, delineata dagli artt. 4 e 5 l.223/1991, è bifasica e segnatamente è il risultato di una fase sindacale ed una amministrativa, legate da una forte interdipendenza. La prima è la fase sindacale. L apertura di una procedura di mobilità è necessariamente preceduta da una comunicazione scritta da parte del datore che intende avviarla, direttamente o per tramite dell associazione datoriale cui aderisce o conferisce mandato, alle r.s.a. e alle rispettive associazioni di categoria. Ove manchino le rappresentanze sindacali destinatari della comunicazione sono le associazioni di categoria aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale. Questa comunicazione deve contenere informazioni puntualmente elencate al comma 3 dell articolo 4 della legge 223/1991 relative ai motivi che hanno determinato gli esuberi, ai motivi tecnici ed organizzativi in base ai quali si ritiene di non poter evitare la riduzione del personale; va indicato il numero, la collocazione aziendale e i profili professionali della manodopera eccedente, nonché i tempi di attuazione del programma di mobilità e le misure ritenute necessarie per fronteggiare le conseguenze, sul piano sociale, dell'attuazione del piano. Se il datore non rispetta questi vincoli contenutistici, sia nella forma che nella sostanza, ad esempio inviando una informazione incompleta, risponderà di condotta antisindacale ex art. 28 dello Statuto dei lavoratori. Del resto le scelte organizzative del datore non sono sindacabili nel merito perché opera la tutela dell iniziativa economica privata posta dall art. 14 della Costituzione. Il giudice in sede di un eventuale controversia e ancor prima le parti sociali possono solo verificare la sussistenza di un nesso causale tra tali scelte organizzative e gli intimati licenziamenti. I dati richiesti dalla legge sono dunque fondamentali per costruire un dialogo tra le parti sociali che sia serio e non fittizio. Questa funzione svolta dalla comunicazione scritta da parte del datore è sottolineata anche dall obbligo di invio contestuale di essa anche all Ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione, che provvede a controllarne la conformità alle richieste della legge. In allegato va inviata copia della ricevuta di versamento all Inps di una somma pari al trattamento massimo mensile di integrazione salariale per ogni lavoratore ritenuto eccedente, a garanzia dell adempimento dell obbligo di versamento gravante sul datore ai sensi dell art 5 comma 4, laddove il lavoratore sia poi effettivamente licenziato e dunque titolare dell indennità prescritta dalla legge 223/

15 Il legislatore pone come secondo step del procedimento un esame congiunto che le r.s.a hanno la facoltà di chiedere entro 7 giorni dalla ricezione della comunicazione. Si cerca così di trovare una soluzione condivisa, in un ottica che vede nel licenziamento l extrema ratio da adottare residualmente, quando altre vie non siano percorribili. Le vie tracciate dalla normativa vigente prevedono che le parti si consultino sulle cause dell'eccedenza e le possibilità di riassorbire in tutto o in parte il personale anche facendo ricorso ai contratti di solidarietà o a forme di flessibilità per la gestione del tempo di lavoro. Si vede bene come la preoccupazione sia quella di evitare in tutti i modi di ridurre il personale e quand anche ciò non sia possibile si prevede l esame della fattibilità di misure sociali di accompagnamento per i licenziati. Tanto è il favor che il legislatore ha verso la risoluzione sindacale della vicenda che permette che in tali accordi si possano assegnare ai lavoratori mansioni diverse ed anche inferiori rispetto a quelle precedentemente svolte (in deroga all art c.c.); si possa convertire in part-time il tempo di lavoro dei lavoratori full-time ormai prossimi al pensionamento. La data del ricevimento della comunicazione dell impresa è anche il dies a quo per misurare la durata massima delle consultazioni, che non può eccedere i 45 giorni (30 gg in caso di procedure concorsuali; i termini sono dimezzati se i lavoratori coinvolti siano meno di 10). Durante le trattative i rappresentanti sindacali possono anche farsi assistere da esperti. L imprenditore deve comunicare per iscritto all Ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione anche il risultato dell esame congiunto ed il suo eventuale esito negativo. Inizia quindi la fase amministrativa e a questo punto la situazione può prendere due direzioni parallele a seconda dell esito delle consultazioni: - se l accordo è raggiunto, le parti seguono quanto convenuto e la procedura si chiude; - se l accordo non si raggiunge, si ha un nuovo esame congiunto convocato dal direttore dell Ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione, che può anche formulare proposte. Le nuove negoziazioni durano al massimo 30gg (15 se i lavoratori coinvolti sono meno di 10) dalla data del ricevimento della seconda comunicazione. In caso di accordo sindacale o di fallimento delle nuove negoziazioni, l impresa può licenziare i lavoratori, ma ancora non può dirsi scevra da vincoli. 16

16 Operano infatti delle limitazioni legali che riguardano sia le modalità del recesso, sia i criteri di scelta del personale da mobilitare. Ai fini di un recesso che sia legittimo è necessario che esso sia comunicato per iscritto a ciascuno dei lavoratori nel rispetto dei termini di preavviso. A causa della differente tipologia del contratto con cui sono stati assunti, l articolo 4 specifica di non essere applicabile ai lavoratori eccedenti per fine lavoro nelle imprese edili e nelle attività stagionali o saltuarie e ai lavoratori con contratto a termine. Manca un obbligo di specifica motivazione, nel senso che è sufficiente richiamare la natura collettiva del recesso e la procedura svolta. Il datore di lavoro può inoltre procedere ai licenziamenti solo se individua i lavoratori da collocare in mobilità secondo criteri obiettivi definiti negozialmente in sede di consultazione sindacale o astrattamente determinati dai contratti collettivi nazionali. Solo in via sussidiaria valgono tre criteri legali tra loro concorrenti, stabiliti dall'art.5 legge 223/91: - carichi di famiglia; - anzianità di servizio presso l azienda; - esigenze tecnico-produttive e organizzative. Anche al momento del recesso vero e proprio sorge un obbligo di comunicazione in capo al datore non solo verso i suoi dipendenti in esubero; deve inviare per iscritto - contestualmente alla comunicazione scritta del recesso a ciascun lavoratore eccedente all Ufficio regionale del lavoro e della massima occupazione competente, alla Commissione regionale per l impiego e alle associazioni di categoria aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale l elenco dei lavoratori collocati in mobilità, con annesse informazioni anagrafiche e professionali, con la puntuale indicazione delle modalità con cui sono stati applicati i criteri di scelta. L onere della prova del corretto utilizzo dei criteri grava sul datore. È possibile impugnare i licenziamenti collettivi per vari vizi, a cui si collegano diverse sanzioni: - mancanza della forma scritta >> inefficacia del licenziamento; - non rispetto delle procedure indicate >> inefficacia del licenziamento e repressione della condotta antisindacale ex art. 28 l.300/1970; - violazione dei criteri scelta >> annullabilità del licenziamento. Le diverse situazioni hanno scarso rilievo pratico, poiché in tutte vale sempre la tutela approntata dall articolo 18 dello Statuto. Vale sottolineare che nel caso di uso scorretto dei criteri di scelta esiste un meccanismo di sostituzione di essi stabilito 17

17 dall art. 7 della l.223/1991, per cui una volta reintegrati nel posto i lavoratori illegittimamente licenziati, il datore può licenziare un numero di lavoratori pari a quello di quanti ne ha effettivamente reintegrati senza dover esperire una nuova procedura. Salvo il caso della mancata comunicazione, il lavoratore ha 60 giorni da essa per impugnare il recesso per mezzo di qualsiasi atto scritto anche extragiudiziale (ed anche attraverso l intervento delle organizzazioni sindacali). A questi recessi inefficaci o invalidi si applica l articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, per espresso richiamo di legge contenuto nel comma 3 dell articolo 5. Se in possesso dei requisiti oggettivi indicati dall'art.16, comma 1, i lavoratori 1 vengono iscritti in apposite liste di mobilità. Questa iscrizione nelle liste di mobilità vorrebbe agevolare il reinserimento nel mercato di lavoro e costituisce presupposto per l'erogazione dall'inps dell'indennità di mobilità per un periodo determinato in base all'età del lavoratore alla data del licenziamento e all'ubicazione dell'unità produttiva di appartenenza. In sintesi possiamo dire che la normativa sui licenziamenti collettivi appronta una tutela abbastanza chiara e certamente sufficiente a garantire almeno un dialogo tra parti sociali in casi in cui il numero delle eccedenze sia fuori dalla fisiologia aziendale. Non a caso poi il legislatore, novellando l art 5 comma 2, ha specificato che la manodopera femminile in esubero non può essere una percentuale maggiore di quella che resta occupata, dando così un attenzione alla tutela del lavoro femminile anche nel contesto dei licenziamenti collettivi. Ma quali sono i limiti e le possibile elusioni di tale organica disciplina? Si pensi a titolo esemplificativo al trasferimento di ramo d azienda e alla turbolenta e vorticosa evoluzione della sua disciplina, che vede ora la possibilità da parte del cedente di identificare il ramo d azienda al momento della cessione; è chiaro come questo strumento possa servire come grimaldello per evitare l attivazione della procedura ex l. 223/1991 e liberarsi più facilmente di un gruppo di lavoratori magari non più graditi al datore. Veniamo ora a qualche dato di attualità. 1 Possono iscriversi nella lista di mobilità, senza diritto alla relativa indennità, anche lavoratori dipendenti di imprese artigiane o cooperative che occupano meno di 15 dipendenti (art.4 L.236/93). 18

18 In Italia licenziamenti collettivi di recente hanno interessato molte imprese a causa della crisi galoppante che interessa i mercati di tutto il mondo. Proprio nella capitale ad esempio possiamo citare la vicenda dei lavori in corso per la costruzione della metropolitana, linee B1 e C. Per dare un po di concretezza alla normativa esaminata e toccare con mano quanto la norma giuridica si attua ogni giorno, basti ora sapere che negli scorsi mesi i sindacati territoriali di categoria Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil hanno denunciato fortemente l emergenza occupazionale romana, che sta portando oggi al licenziamento di 90 lavoratori occupati per la metro C e di altri 40 per la B1, peggiorando ancora la situazione della mobilità capitolina. Questi avvenimenti ci consentono di passare agilmente dall analisi della disciplina del settore privato a quella prevista per il pubblico impiego. Le eccedenze di personale del settore pubblico Che il settore pubblico abbia da sempre avuto tratti peculiari rispetto a quello privato è cosa nota. Molto spesso in diritto è il linguaggio del legislatore a fornirci i primi indizi di alcune diversità, talvolta sottili, che rendono l idea di cosa è dietro la previsione di certe normative. La più grande considerazione sistematica da fare per ricostruire un quadro ordinato del diritto del lavoro pubblico sta nel fatto che qui bisogna bilanciare tante esigenze con l articolo 97 della Costituzione e dunque se il diritto del lavoro privato è occasionato dalla tutela del lavoratore in quanto soggetto debole del rapporto, nel pubblico le norme mirano piuttosto a proteggere l organizzazione della pubblica amministrazione. Questa diversa ispirazione è ben visibile proprio nella regolamentazione prevista per le cosiddette eccedenze di personale. Infatti, in linea di massima si richiama la disciplina della legge 223/1991 ma questa è applicabile solo nei limiti in cui non sia diversamente previsto dal d.lgs. 165/2001, cioè il cosiddetto testo unico in materia di pubblico impiego, o in ogni caso solo nei limiti della compatibilità con i principi generali del sistema pubblicistico. Le norme di riferimento sono gli artt. 33, 34 e 34-bis del t.u. sulla fattispecie appunto della ricollocazione dei dipendenti eccedentari. L articolo 33 in particolare è stato oggetto di modifica con la legge di stabilità, che ne ha riscritto il testo (la versione previgente resterà transitoriamente in vigore fino al di quest anno) ed ha riaumentato la distanza tra lavoro pubblico e privato. 19

19 Vediamo quali sono i profili di differenziazione delle discipline nel settore pubblico e privato, partendo dalla disciplina vigente finora. Innanzitutto dobbiamo analizzare la dizione di eccedenza di personale, come già accennato, e non di messa in mobilità o licenziamento collettivo, in quanto la messa in mobilità preceduta da cassa integrazione non ha ragioni qui per differenziarsi dalla riduzione del personale, data l estraneità dello stesso istituto della Cassa integrazione guadagni al pubblico impiego. Si ha un eccedenza quando essa è rilevata dalla pubblica amministrazione e riguarda almeno 10 dipendenti, interessati anche tramite distinte dichiarazioni di eccedenza lungo l arco temporale di un anno. Tali dichiarazioni vengono effettuate di regola in sede di programmazione triennale dell organizzazione degli uffici e delle dotazioni organiche ex art 6 del t.u. mentre nel settore privato alla base dell eccedenza vi deve essere un giustificato motivo oggettivo, nel pubblico questa non ha qualifiche qualitativo-causali ma attiene in generale alla sfera di autodeterminazione autoritativa degli interessi dell amministrazione, circa il proprio fabbisogno di personale 2. Peraltro la dichiarazione di eccedenza è tale anche quando nell amministrazione sono occupati meno di 16 dipendenti, a differenza di quanto richiesto ai fini della definizione di licenziamento collettivo nel privato. Altra grande divergenza sta nelle conseguenze che seguono un eventuale eccedenza: per il lavoratore vi è un collocamento in disponibilità per un periodo massimo di due anni con conservazione del rapporto. Manca qui la risoluzione del rapporto precedente del settore privato. Infatti l art. 9 comma 25 della l.122/2010 deroga all art. 33 del t.u. e dispone che gli eventuali eccedenti all esito delle riduzioni restano temporaneamente in posizione soprannumeraria nei contingenti di ciascuna area o qualifica dirigenziale. Ove vi siano soprannumerari in un area, nelle aree della stessa amministrazione con vacanze in organico diventa indisponibile un numero di posti corrispondente; alternativamente si ricorre ad accordi di mobilità, anche intercompartimentale. È vietato assumere personale a qualunque titolo e con qualsiasi contratto per tutte le p.a. coinvolte, nelle aree che abbiano un soprannumero e per i posti comunque resi indisponibili nelle altre aree. 2 Ad ogni modo si ritiene che in virtù del richiamo generale alla normativa del settore privato, i motivi per cui le eccedenze si qualificano come tali sono quelli che, ai sensi dell art. 24 L. n. 223/1991, derivino da riduzione o trasformazione di attività o di lavoro, considerata come ragione neutra di applicazione della procedura, a prescindere dalle cause intrinseche che l hanno determinata. In alcun modo quindi potrebbe trattarsi di ragioni attinenti alla persona del lavoratore. 20

20 La procedura per il collocamento in disponibilità delle eccedenze è simile a quella bifasica prevista per i licenziamenti collettivi del settore privato ed è nelle procedure di informazione e di consultazione tra pubbliche amministrazioni e organizzazioni sindacali e nell applicazione dei criteri di scelta si rinviene sostanzialmente il reale momento di omogeneizzazione della disciplina dei licenziamenti collettivi nell impresa. Anche la p.a. deve preventivamente informare per iscritto e con dati molto dettagliati prescritti dal legislatore - circa la rilevazione di un eccedenza: - le r.s.u. del personale; - le organizzazioni sindacali firmatarie del contratto collettivo nazionale di comparto o di area. Come nel privato, i dati sono molto importanti ai fini della partecipazione del fattore lavoro nella gestione dell eccedenza, data la facoltà delle r.s.u. di chiedere un esame congiunto entro 10 giorni dal ricevimento della comunicazione. L intera fase sindacale deve concludersi al massimo entro 45 giorni dalla solita comunicazione e solo eventualmente si passa alla fase amministrativa, presso il Dipartimento della Funzione pubblica. Va sottolineato che nel pubblico anche la fase amministrativa va richiesta dai sindacati ed essa si conclude entro un massimo di 60 giorni dalla comunicazione dell eccedenza. I criteri di scelta dei lavoratori da mettere in disponibilità sono rimessi alla contrattazione collettiva e in via suppletiva operano quelli dell art. 5 della legge 223/1991. Le sanzioni per violazioni procedurali e dei criteri di scelta cambiano nel pubblico, perché qui il lavoratore ha diritto solo ad un risarcimento danni, pari alla differenza tra l indennità goduta durante il periodo di mobilità e il trattamento di cui avrebbe goduto se il suo rapporto lavorativo non fosse stato sospeso. Senza scendere ora nel dettaglio di quanto avviene una volta che il lavoratore è posto in disponibilità, evidenziamo che il collocamento in disponibilità è ciò che corrisponde alla mobilità privata e alla CIGS soprattutto, dato che per tutta la durata della disponibilità il rapporto di lavoro con la p.a. è solo sospeso e non risolto. Veniamo ora alle modifiche - di un certo rilievo operate dalla legge di Stabilità. Innanzitutto è previsto che le amministrazioni debbano effettuare annualmente una ricognizione volta ad individuare eventuali eccedenze di personale e darne 21

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma La nozione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo è

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in www.petraccimarin.it Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in entrata. La riforma in questione

Dettagli

Licenziamento collettivo dei manager

Licenziamento collettivo dei manager Legge europea 2013 bis Licenziamento collettivo dei manager Daniele Colombo - Avvocato Dal 25 novembre 2014 la procedura di licenziamento collettivo di cui alla legge n. 223/1991 interessa anche i dirigenti.

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

IL LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO LA TUTELA DEL LAVORATORE IN CASO DI GIUSEPPE CATELLI

IL LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO LA TUTELA DEL LAVORATORE IN CASO DI GIUSEPPE CATELLI IL LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO E LA TUTELA DEL LAVORATORE IN CASO DI LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO AI SENSI DELLA L. 604/1966, ARTT. 1-8, E DELLA L. 300/1970, ART. 18 COME MODIFICATI DALLA

Dettagli

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO CCNL 94 97 ART. 33 Cause di cessazione del rapporto

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14)

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.9 del 18.04.2012 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) ART. 13 Modifiche alla legge 15 luglio 1966, n. 604 Forma e procedure del licenziamento

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

SCHEDE DI SINTESI DISEGNI DI LEGGE IN MATERIA DI LICENZIAMENTI

SCHEDE DI SINTESI DISEGNI DI LEGGE IN MATERIA DI LICENZIAMENTI www.adapt.it, 3 novembre 2011 SCHEDE DI SINTESI DISEGNI DI LEGGE IN MATERIA DI LICENZIAMENTI di Stefano Salvato Progetto di legge n. 2224 Wilde, 13 marzo 1997 Modifica articolo 2, comma 1, legge 11 maggio

Dettagli

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali Articolo 18 La riforma dei licenziamenti individuali Torino, 11 ottobre 2012 Corso in materia giuslavoristica Dr. Giuseppe Goffi Studio Goffi Commercialisti Associati Riferimenti normativi di base Art.

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2013. L Istituto del Licenziamento e la Riforma del lavoro

Circolare Informativa n 1/2013. L Istituto del Licenziamento e la Riforma del lavoro Circolare Informativa n 1/2013 L Istituto del Licenziamento e la Riforma del lavoro e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 11 INDICE Premessa pag. 3 1) Destinatari della norma

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCIATI

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCIATI Riflessioni sulla c.d. tutela reale del rapporto di lavoro. Ovvero, tanto rumore, forse, per nulla. Le polemiche scatenate intorno alla modifica dell art.18 della L.300/70 e della L.604/66 sui licenziamenti

Dettagli

Licenziamento individuale

Licenziamento individuale Licenziamento individuale Riflessioni e novità Cristina Gariglio Licenziamento individuale: caratteristiche e tipologia Il termine licenziamento sta a indicare l atto unilaterale recettizio con il quale

Dettagli

La tutela del lavoratore nelle norme vigenti

La tutela del lavoratore nelle norme vigenti Istituto Regionale di Studi sociali e politici Alcide De Gasperi - Bologna Disciplina dei licenziamenti La tutela del lavoratore nelle norme vigenti Documentazione Corso di formazione 2011/2012 su Lavoro

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il licenziamento

Dettagli

COLLEGATO LAVORO Le modifiche al regime di impugnazione dei licenziamenti. Il termine di decadenza per l'impugnazione nel regime previgente

COLLEGATO LAVORO Le modifiche al regime di impugnazione dei licenziamenti. Il termine di decadenza per l'impugnazione nel regime previgente COLLEGATO LAVORO Le modifiche al regime di impugnazione dei licenziamenti Tra le novità più importanti (e radicali) della legge 183/2010 (il cd. Collegato Lavoro), oltre alla promozione dell arbitrato

Dettagli

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2018 Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Daniele Colombo - Avvocato Revisione del trattamento economico complessivo di garanzia, rafforzamento del ruolo della contrattazione

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Corso propedeutico all'esame di Stato per Consulenti del Lavoro Organizzato da Ordine CDL AP Relatore e coordinatore Dott.ssa Roberta Sgattoni Lezione n. 11 23 settembre

Dettagli

Licenziamenti art.18. RIFORMA FORNERO: 3 i punti essenziali

Licenziamenti art.18. RIFORMA FORNERO: 3 i punti essenziali RIFORMA FORNERO: 3 i punti essenziali Licenziamenti art.18 Nel nostro ordinamento il l i c e n z i a m e n t o è disciplinato da norme codicistiche e da disposizioni di legge. L art. 2118 del codice Civile

Dettagli

Licenziamenti e Riforma Fornero

Licenziamenti e Riforma Fornero Licenziamenti e Riforma Fornero La legge n. 92/2012 un anno dopo Messina, 25.10.13 1 Il nuovo art. 18 La tutela del lavoratore in caso di licenziamento illegittimo Reintegra e risarcimento pieno (5 min)

Dettagli

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE Vittorio De Luca avvocato e dottore commercialista Studio De Luca Avvocati Giuslavoristi Galleria Passarella, 2 Milano Milano - 17 Settembre

Dettagli

La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive

La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive di Flavia Pasquini Contratti certificati Licenziamento per giustificato motivo oggettivo Licenziamento di lavoratori di cui all art. 1 dello schema

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

La disciplina dei licenziamenti individuali dopo la riforma Fornero

La disciplina dei licenziamenti individuali dopo la riforma Fornero La disciplina dei licenziamenti individuali dopo la riforma Fornero Convenzione OIL n. 158/1982 Art. 4 Carta dei diritti fondamentali dell UE Art. 30 Art. 2118c.c. Art. 2119c.c. L. n. 604/1966 Art. 18

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 4 maggio

Dettagli

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO 1) Il lavoro nella Costituzione (13, 14) MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO L importanza del lavoro è immediatamente sancita dall art. 1 L Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro ed esso costituisce

Dettagli

Il licenziamento individuale: intimazione

Il licenziamento individuale: intimazione Il licenziamento individuale: intimazione Novembre 2013 Albini 1 Licenziamento individuale: nozione Atto con il quale il datore di lavoro manifesta unilateralmente la volontà di recedere dal contratto

Dettagli

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 1 Ancona, 9 marzo 2011 A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 Maxisanzione per il lavoro nero La prima novità introdotta dal Collegato Lavoro, in tema

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Con l art. 16 della Legge

Con l art. 16 della Legge IL LICENZIAMENTO COLLETTIVO Una breve informativa sull estensione ai dirigenti introdotta dalla legge europea Daniela Fiorino Villani Ingresso alla Corte di giustizia europea Con l art. 16 della Legge

Dettagli

Art.1. Art.2. Art.3. Art.4

Art.1. Art.2. Art.3. Art.4 Legge 15 luglio 1966, n. 604 - Norme sui licenziamenti individuali TESTO VIGENTE Art.1 Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con datori di lavoro privati o con enti pubblici, ove la

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA. Art. 1. Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con. Art. 2.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA. Art. 1. Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con. Art. 2. LEGGE 15 luglio 1966, n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. Vigente al: 17-6-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la

Dettagli

LEGGE 15 luglio 1966, n. 604

LEGGE 15 luglio 1966, n. 604 LEGGE 15 luglio 1966, n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. Vigente al: 28-11-2012 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la

Dettagli

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA Se nel corso del rapporto un lavoratore compie un atto tanto grave da non consentire anche solo in via provvisoria la prosecuzione del rapporto,

Dettagli

LE NUOVE PROCEDURE DI LICENZIAMENTO

LE NUOVE PROCEDURE DI LICENZIAMENTO LE NUOVE PROCEDURE DI LICENZIAMENTO LICENZIAMENTO DISCIPLINARE Conseguenze in caso di illegittimità tutela obbligatoria Articolo 8 legge 15 luglio 1966, n. 604 TUTELA OBBLIGATORIA-

Dettagli

Prot. 233/SG/ORSA FERROVIE Roma, 29 Dicembre 2014. Strutture centrali e territoriali di OR.S.A. Ferrovie

Prot. 233/SG/ORSA FERROVIE Roma, 29 Dicembre 2014. Strutture centrali e territoriali di OR.S.A. Ferrovie Prot. 233/SG/ORSA FERROVIE Roma, 29 Dicembre 2014 Strutture centrali e territoriali di OR.S.A. Ferrovie Allegato alla presente, documento di OR.S.A. FERROVIE recante i contenuti e la prima analisi (in

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO A cura di Valerio Gastaldello, Coordinatore Uffici Vertenze Cisl del Veneto [3 luglio 2012] Presentazione La riforma del

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

LA RISOLUZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO. I licenziamenti Le dimissioni Il recesso. a cura di Valerio Gastaldello USR CISL VENETO

LA RISOLUZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO. I licenziamenti Le dimissioni Il recesso. a cura di Valerio Gastaldello USR CISL VENETO LA RISOLUZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO I licenziamenti Le dimissioni Il recesso a cura di Valerio Gastaldello USR CISL VENETO INDICE IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE MOTIVI DEL LICENZIAMENTO Giusta Causa.............................................pag.

Dettagli

Principali novità introdotte dal Jobs Act

Principali novità introdotte dal Jobs Act Principali novità introdotte dal Jobs Act Nel 2014 con il Jobs Act (Legge Delega 184/2014) il legislatore ha stabilito le linee guida e i principi posti alla base di una ampia e complessa riforma che ha

Dettagli

Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica

Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica Schemi di decreti legislativi recanti disposizioni in materia di contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti e di riordino della normativa

Dettagli

Cassa integrazione licenziamento e categorie protette

Cassa integrazione licenziamento e categorie protette Cassa integrazione licenziamento e categorie protette Ai sensi della Legge n. 160 del 20/5/1988, il lavoratore che svolge attività di lavoro autonomo o subordinato durante il periodo di integrazione salariale

Dettagli

Gli accordi nella procedura di licenziamento per gmo Bartolomeo La Porta - Consulente del lavoro

Gli accordi nella procedura di licenziamento per gmo Bartolomeo La Porta - Consulente del lavoro Gli accordi nella procedura di licenziamento per gmo Bartolomeo La Porta - Consulente del lavoro Licenziamenti individuali Motivi Comunicazione dei motivi Termini Il licenziamento, quale atto unilaterale

Dettagli

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro Art. 1 Campo di applicazione Applicabile anche ai datori di lavoro non imprenditori, che svolgono senza fine di lucro attività di natura politica, sindacale, culturale, di istruzione ovvero di religione

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

Vademecum su lavoro e mobilità

Vademecum su lavoro e mobilità Fondazione Distretto HT Milano Brianza Vademecum su lavoro e mobilità Vimercate, 11 settembre 2009 Il Distretto HT per una gestione attiva della mobilità occupazionale Nelle schede allegate vengono riassunte

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015 CIRCOLARE N. 1/2015 del 9 gennaio 2015 OGGETTO: SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale FLESSIBILITà IN USCITA IL NUOVO ART.18 Le disposizioni sotto riportate rientrano in un decreto attuativo

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

MEMORANDUM n. 5/2016 JOBS ACT: COME CAMBIANO I REGIMI DI TUTELA NEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI

MEMORANDUM n. 5/2016 JOBS ACT: COME CAMBIANO I REGIMI DI TUTELA NEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI MEMORANDUM n. 5/2016 JOBS ACT: COME CAMBIANO I REGIMI DI TUTELA NEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Roma, aprile 2016 A cura del Gruppo di Lavoro: Previdenza Obbligatoria e Complementare - Area Commercialista

Dettagli

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE Le agevolazioni contributive ed economiche previste dalla normativa vigente per i datori di lavoro che assumono lavoratori di specifiche categorie Mattia Passero INDICE Introduzione...4

Dettagli

(4) Comma così sostituito dal comma 37 dell art. 1, L. 28 giugno 2012, n. 92.

(4) Comma così sostituito dal comma 37 dell art. 1, L. 28 giugno 2012, n. 92. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato disposto

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015 Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza Bergamo, 11 giugno 2015 Il rapporto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. Confronto tra Riforma Fornero e Jobs Act IL JOBS

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO Abbreviazioni.................................. pag. XXIII CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO 1. Alle origini del diritto del lavoro................... 1 2. Il periodo corporativo.........................

Dettagli

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro;

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; Premessa Non mutano i concetti di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; di giustificato motivo soggettivo (cioè

Dettagli

Riforma del lavoro: il calendario. Quando entrano in vigore le nuove norme su licenziamenti, contratti, partite Iva ilsole24ore.

Riforma del lavoro: il calendario. Quando entrano in vigore le nuove norme su licenziamenti, contratti, partite Iva ilsole24ore. Riforma del lavoro: il calendario. Quando entrano in vigore le nuove norme su licenziamenti, contratti, partite Iva ilsole24ore.com Speciale sulla riforma lavoro del Sole 24 Ore che dedica ampio spazio

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati Oggetto: JOB ACT Contratto a tutele crescenti. Borgo San Lorenzo, lì 03/04/2015 Alla Clientela in indirizzo Il Governo ha approvato definitivamente il D.Lgs. 23/2015 che introduce nel nostro ordinamento

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Cendon / Book DIRITTO DEL LAVORO Professional AGGIORNATO AL JOBS ACT

Cendon / Book DIRITTO DEL LAVORO Professional AGGIORNATO AL JOBS ACT Cendon / Book DIRITTO DEL LAVORO Professional AGGIORNATO AL JOBS ACT L'autore L Opera INDICE Capitolo Primo IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO: NOZIONI GENERALI 1. Il contratto a tempo determinato: quadro

Dettagli

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro di Giulia Tolve Il potenziamento della gestione contrattata dei mutamenti tecnologici ed economici Il terzo

Dettagli

NUNZIANTE MAGRONE INTER ALIA Legal e-news 2015/1

NUNZIANTE MAGRONE INTER ALIA Legal e-news 2015/1 Le tutele crescenti per i nuovi lavoratori a tempo indeterminato Come noto, il Jobs Act (legge 10 dicembre 2014 n. 183) ha delegato il Governo ad emanare una serie di decreti che porteranno, nell arco

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA Circolare n. 5/09 del 26 giugno 2009* CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO La Corte di Cassazione con la sentenza del 10 febbraio 2009, n. 3276 è recentemente intervenuta in materia di risoluzione anticipata

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa

Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa Svolgimento del processo Con ricorso depositato in data 19 giugno

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) «Inadempimento di uno Stato Licenziamenti collettivi Nozione di lavoratori Esclusione dei dirigenti Direttiva 98/59/CE Articolo 1, paragrafi

Dettagli

Ordinanza sul personale dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA)

Ordinanza sul personale dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) Ordinanza sul personale dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) (Ordinanza sul personale FINMA) del 11 agosto 2008 Approvata dal Consiglio federale il 27 agosto 2008. L autorità

Dettagli

LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO E TUTELA DEL LAVORATORE

LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO E TUTELA DEL LAVORATORE LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO E TUTELA DEL LAVORATORE di Antonia Muolo* Sebbene oggi si riconoscano al datore di lavoro molteplici poteri non mancano, però, delle limitazione a garanzia dei diritti del lavoratore

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

RELAZIONE SULL INCONTRO TENUTOSI PRESSO LA DTL DI PORDENONE IN TEMA DI CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

RELAZIONE SULL INCONTRO TENUTOSI PRESSO LA DTL DI PORDENONE IN TEMA DI CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI RELAZIONE SULL INCONTRO TENUTOSI PRESSO LA DTL DI PORDENONE IN TEMA DI CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI In data 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 23, attuativo della nota legge delega

Dettagli

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Milano, 10 dicembre 2013 A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Si informa che in data 29 novembre

Dettagli

Contratto dilavoro atempodeterminato

Contratto dilavoro atempodeterminato Contratto dilavoro atempodeterminato La vecchia disciplina dei rapporti di lavoro a tempo determinato contenuta nella legge n. 230/1962 è stata superata dal Dlgs n. 368/2001 che introduceva la possibilità

Dettagli

OGGETTO: 197/CL = CCNL Ortofrutta. Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo

OGGETTO: 197/CL = CCNL Ortofrutta. Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo OGGETTO: 197/CL = CCNL Ortofrutta. Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo 1. LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO Il licenziamento individuale è l atto con il quale il datore

Dettagli

Indennizzo economico o reintegrazione, primi dubbi e chiarimenti

Indennizzo economico o reintegrazione, primi dubbi e chiarimenti Licenziamenti Indennizzo economico o reintegrazione, primi dubbi e chiarimenti Cristina Carati e Daniele Colombo - Avvocati Il decreto legislativo sul contratto a tutele crescenti (D.Lgs. 4 marzo 2015,

Dettagli

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi lexform.it II.1 IL VECCHIO E IL NUOVO ARTICOLO 18 S.L.. In quali casi si applica il nuovo procedimento giudiziario specifico? In

Dettagli

PARTE SECONDA I RAPPORTI DI LAVORO NEL FALLIMENTO. Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile 1

PARTE SECONDA I RAPPORTI DI LAVORO NEL FALLIMENTO. Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile 1 PARTE SECONDA I RAPPORTI DI LAVORO NEL FALLIMENTO Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile 1 TEMATICHE SVILUPPATE a) gli effetti del fallimento sui contratti di lavoro subordinati in essere

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n.

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. La riforma del mercato del lavoro Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. 3249/S Disciplina in tema di licenziamenti individuali Tipologia di licenziamento

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 78 15.04.2014 Licenziamento individuale: il punto dei CdL I CdL riepilogano le norme contenuti nell art. 18 dello Statuto dei

Dettagli

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Novità sostanziali e processuali

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Novità sostanziali e processuali www.trifiro.it Trifirò & Partners Avvocati LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Novità sostanziali e processuali Licenziamenti individuali: novità sostanziali e processuali A cura di Trifirò & Partners Avvocati Novembre

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI NEWSLETTER n. 21 16 marzo 2015 JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI RIFERIMENTI: Legge 10 dicembre 2014 n.183 Decreto Legislativo 4 marzo 2015 n. 22 Decreto Legislativo

Dettagli

Motivazioni del licenziamento La giusta causa

Motivazioni del licenziamento La giusta causa Motivazioni del licenziamento Nella maggior parte dei casi, il licenziamento del lavoratore dipendente è possibile solo in presenza di specifiche motivazioni socialmente giustificate (art. 1 l. 15 luglio

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012

Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012 A tutti i clienti luglio 2012 Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012 Novità in materia di licenziamento per giustificato motivo oggettivo(ragioni inerenti all'attività produttiva,

Dettagli

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015 CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Ivrea, 8 maggio 2015 Art. 1 Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere

Dettagli

INDICE. Introduzione del Dr. Giuseppe IANNIRUBERTO... Pag. Presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione

INDICE. Introduzione del Dr. Giuseppe IANNIRUBERTO... Pag. Presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione INDICE Introduzione del Dr. Giuseppe IANNIRUBERTO... Pag. Presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione I COSTITUZIONE E TIPOLOGIA DEL RAPPORTO DI LAVORO... " 1 (Relazione del Dr. Fabrizio MIANI

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti:

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti: 1.1 TRASFERTA O MISSIONE 01 CONCETTI BASE Si intende per trasferta lo spostamento provvisorio e temporaneo del lavoratore in una sede diversa da quella da cui gerarchicamente e funzionalmente dipende,

Dettagli