La previdenza pubblica e privata e la riforma delle pensioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La previdenza pubblica e privata e la riforma delle pensioni"

Transcript

1 Associazione INSIEME JUNTOS ROSARIO - Argentina La previdenza pubblica e privata e la riforma delle pensioni A cura del Presidente: Antonio Bruzzese

2 2

3 La previdenza pubblica e privata e la riforma delle pensioni CLASSIFICAZIONE DEI PIANI E DEI FONDI PREVIDENZIALI... 4 PIANO PENSIONE...4 PIANO PENSIONE PUBBLICO E PRIVATO... 4 PIANI PENSIONE PERSONALI E OCCUPAZIONALI... 5 PRESTAZIONI DEFINITE E CONTRIBUTI DEFINITI... 6 PIANI PENSIONE PROTETTI E NON PROTETTI... 6 FINANZIAMENTO DEI PIANI PENSIONE... 6 FONDI PENSIONE E CONTRATTI ASSICURATIVI PENSIONISTICI... 7 FONDI PENSIONE APERTI E CHIUSI... 9 TIPOLOGIE DI FONDI PENSIONE CHIUSI... 9 FONDI PENSIONE PUBBLICI E PRIVATI... 9 CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PREVIDENZIALI SISTEMA CONTRIBUTIVO O RETRIBUTIVO GESTIONE PUBBLICA O PRIVATA CONTRIBUTI DEFINITI O PRESTAZIONI DEFINITE MODELLI DI GESTIONE PRIVATA MODELLI DI GESTIONE E CONFRONTI LE RIFORME IN CORSO APPENDICE A CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PREVIDENZIALI DEI PAESI OCSE APPENDICE B LA PREVIDENZA PRIVATA IN ITALIA QUADRO REGOLATORE QUADRO ISTITUZIONALE COPERTURA SPONSOR DEL PIANO GESTIONE DEI FONDI FONTI DI FINANZIAMENTO PORTABILITÀ DEL FONDO BENEFICI DI ANZIANITÀ (PENSIONI) AUTORITÀ PER LA SUPERVISIONE DEI FONDI

4 Classificazione dei piani e dei fondi previdenziali Piano pensione Un piano pensionistico è un contratto che ha la finalità di garantire la pensione ovvero una rendita vitalizia i cui sussidi o indennità non possono essere versati al lavoratore senza un ingente penale fino al raggiungimento di un età, detta età pensionabile. Questo contratto può essere parte integrante del contratto collettivo di lavoro, stabilito dalle regole dei piani pensione o obbligatorio per legge. Le regole e il funzionamento di un piano pensionistico, possono essere stabilite per legge o sulla base di uno statuto o stabilite come pre-requisiti in un sistema fiscale che preveda un imposizione fiscale per raccogliere i risparmi dei lavoratori e garantire loro un reddito in età pensionabile. I piani pensionistici possono offrire ulteriore benefici o prestazioni in casi come disabilità, malattia e reversibilità. Piano pensione pubblico e privato Pubblico: programmi pensionistici o di sicurezza sociale amministrati da enti governativi (Stato, enti locali o istituti di sicurezza sociale). I piani pensionistici pubblici sono solitamente finanziati col metodo PAYG 1 o contributivo, anche se più recentemente molte nazioni hanno adottato un sistema PAYE 2 o retributivo per finanziare i debiti dei fondi pensione o li hanno sostituiti con piani privati. Privato: un piano pensione amministrato da istituzione diversa da un ente governativo. I Piani pensione privati possono essere amministrati dal datore di lavoro che opera come uno sponsor del piano. pensione, da un fornitore privato di piani pensione (assicurazione o banca) o essere istituito a livello di gruppi di imprese o industrie e incorporato nel contratto di lavoro. I Piani pensionistici privati possono essere complementari o in sostituzione di un piano pensionistico pubblico. In alcuni Stati possono riguardare anche i lavoratori dei settore pubblico. 1 Payg: espressione con la quale si indica un sistema pensionistico gestito mediante i contributi versati dai lavoratori in servizio effettivo anziché mediante l accumulazione dei contributi, versati dai lavoratori che ora percepiscono la pensione, nell arco della loro vita lavorativa. 2 Paye: espressione con la quale si indica un sistema di pagamento delle pensioni finanziato con i contributi versati dai lavoratori nel corso della loro carriera lavorativa. 4

5 Piani pensione personali e occupazionali Piani pensione occupazionali: l ammissione è legata allo svolgimento di un attività professionale o d impiego tra l aderente al piano e l entità che istituisce il piano (sponsor). I Piani occupazionali possono essere gestiti dai datori di lavoro o da gruppi come associazioni industriali e di lavoratori o associazioni professionali, insieme o separatamente. Il piano può essere amministrato direttamente dallo sponsor o da un entità indipendente (un fondo pensione o un istituzione finanziaria). Nel secondo caso, lo sponsor può avere responsabilità di supervisione sulle operazioni del piano. I piani occupazionali possono essere: Obbligatori: La registrazione e l inserimento della forza lavoro in questi piani è a carico dei datori di lavoro e l adesione è obbligatoria e regolata a noma di legge. I datori di lavoro si devono attrezzare per l implementazione di piani pensione occupazionali e solitamente vi aderiscono. Nel caso in cui i datori di lavoro sono obbligati per legge ad offrire un piano pensione occupazionale, ma l adesione dei lavoratori è volontaria, si considera comunque il piano come obbligatorio. Volontari: la creazione di questi piani (compresi i casi in cui firmando un contratto di lavoro si entra a far parte del piano o i casi in cui la legge richieda ai lavoratori di aderire a piani costituiti volontariamente) è su base volontaria per i datori di lavoro. in alcuni stati i datori di lavoro possono volontariamente costituire piani che siano da complemento alle prestazioni erogate dallo stato sociale allegerendone il carico. I piani volontari consentono al datore di lavoro l esenzione dal pagamento di una parte o di tutti i contributi a suo carico, da versare al sistema previdenziale pubblico. Piani pensione individuali: l adesione a questi piani non è legata ad un rapporto di lavoro. Sono costituiti e amministrati direttamente da un fondo pensione o da un istituzione finanziaria che erogano la pensione senza alcun intervento dei datori di lavoro. Il datore di lavoro può anche versare i contributi ad un pianio pensione individuale piuttosto che ad uno occupazionale. Alcuni piani pensione individuali sono a numero chiuso. Obbligatori: sono piani a cui un individuo deve aderire per legge a cui sono versati i contributi previdenziali a carico di lavoratori e datori di lavoro in genere. Il singolo può scegliere il piano pensione solitamente tra un insieme ristretto di alternative o essere obbligato a versare contributi ad un piano specifico. Volontari : la partecipazione a questi piani è volontaria per gli individui. Per legge non sono obbligati a versare i contributi ad un piano pensione. Includono anche quei piani cui le persone possono aderire se scelgono di sostituire parte dei benefici erogati dal sistema di sicurezza sociale con gli intrioti dei piani pensione volontari. 5

6 prestazioni definite e contributi definiti Piani pensione a contributi definiti (DC): sono piani in cui lo sponsor ed il lavoratore pagano dei contributi fissi e non hanno vincoli legali sul pagare contributi successivi aggiuntivi nel caso in cui aderiscano ad un piano previdenziale differente. Piani pensione a prestazioni definite (DB): sono piani senza un livello contributivo predefinito. Sono classificati come tradizionali, misti e ibridi. Tradizionali: un piano dove gli introiti sono legati da una formula, ai salari dei membri, alla durata dell impiego o ad altri fattori. Ibridi: un piano dove gli introiti dipendono da un tasso di rendimento dei contributi versati. La redditività del fondo l interesse annuo che fruttano i contributi versati può essere stabilitò in base alla sottoscrizione di un contratto o agganciato all andamento di un indice di mercato (ad esempio il rendimento delle azioni in Europa o ancora il rendimento dei titoli di stato americani a 10 anni) Misti: quei piani che sono in parte a contributi definiti ed in parte a prestazioni definite, specificate separatamente ma contemplate entrambe nello stesso contratto. Piani pensione protetti e non protetti Tale classificazione si applica ai piani pensione personali e ai piani occupazionali. Non protetti: un piano dove ne il fondo ne il gestore o lo sponsor del piano offrono un ritorno garantito dell investimento e il livello delle pensioni (anche quello minimo) non è garantito, al punto che la pensione potrà anche essere inferiore ai contributi versati. Protetti: sono quei piani non classificabili come non protetti, le garanzie possono essere a carico del fondo, dell istituzione finanziaria che lo gestisce o in ultima istanza dello Stato. Finanziamento dei piani pensione Piano pensione finanziato: Piano occupazionale o individuale che accumula i contributi versati e li investe in determinate tipologie di strumenti finanziari (azioni e obbligazioni) per far fronte al pagamento periodico delle pensioni. Gli strumenti che possono costituire il portafoglio di un piano pensione sono stabiliti per legge (almeno le percentuali da detenere in portafogli di ciascuno strumento) ed il loro uso è subordinato all erogazione dei benefits previdenziali. piani pensione finanziati con riserve 3 : si tratta di una modalità di finanziamento del fondo attraverso flussi cospicui (periodici, in soluzione unica, una tantum) di entrate nel bilancio dello sponsor come riserve o provvigioni per il pagamento delle prestazioni previste dai piani pensionistici occupazionali. Alcune strumenti finanziari che costituiscono l attivo del bilancio possono essere contabilizzati in conti separati allo scopo di finanziare i benefits previdenziali, ma non sono legalmente o contrattualmente attività legate al piano 3 ad esempio il trattamento di fine rapporto. 6

7 pensione. Molti paesi dell OECD non consentono questo metodo di finanziamento. Per i paesi per cui è ammesso solitamente è necessaria un assicurazione contro i rischi di bancarotta del piano. Piani pensione contributivi: piani finanziati direttamente attraverso i contributi provenienti dallo sponsor del piano e/o dal partecipante al piano (solitamente lo Stato in qualità di sponsor insieme al lavoratore). I pagamenti sono erogati tramite un sistema contributivo in cui la forza lavoro in essere paga le pensioni degli ex lavoratori che si sono qualificati al godimento dei benefici pensionistici. I piani contributivi possono avere l obbligo di mantenere delle riserve per coprire le spese immediate. Molti paesi non consentono ai privati di gestire queste forme di finanziamento. Fondi pensione e contratti assicurativi pensionistici Fondo pensione: è un insieme di attività gestite da un entità legalmente indipendente che sono comprate con i contributi versati ad un piano pensione allo scopo di finanziare il pagamento delle pensioni e dei benefits previdenziali. I membri del piano che gestiscono il fondo hanno diritti regolati in base condizioni contrattuali sulle attività detenute nel fondo pensione; diritti che di solito esercitano sotto forma di commissione sui profitti e sulle spese di gestione del portafoglio. I fondi pensione prendono la forma o di un entità con fini speciali con una propria personalità giuridica (una fondazione, un gruppo di industrie o una singola impresa) o di un fondo legalmente separato senza personalità giuridica amministrato da un azienda appositamente creata o da un istituzione finanziaria che agisce per conto dei membri del fondo che aderiscono ad un determinato piano pensionistico. Contratto d assicurazione previdenziale: E un contratto assicurativo che prevede il versamento di una pensione da parte di una società di assicurazione che raccoglie i contributi versati dal lavoratore, la cui erogazione avviene al raggiungimento di un età fissata nel contratto o in soluzione unica nel caso in cui l assicurato recede dal contratto. Molti paesi consentono dei piani pensione gestiti con fondi pensione, quale veicolo finanziario unico per la realizzazione del piano. Altri paesi consentono anche contratti assicurativi con fini pensionistici. 7

8 Piani pensione privati: quadro funzionale Piano pensione privato Occupazionale Individuale Obbligatorio Volontario Obbligatorio Volontario DB DC DB DC P UP P UP P UP P UP Legenda: DC: contributi definiti DB: prestazioni definite P: protetto UP: non protetto Piani pensione privati: quadro istituzionale Piano pensione privato Finanziato finanziato con riserve Non Finanziato Contratto d assicurazione previdenziale Fondi pensione Con personalità giuridica Senza personalità giuridica Fondazioni Imprese 8

9 Fondi pensione aperti e chiusi Fondo pensione aperto: è un fondo in cui è presente almeno un piano senza restrizioni all ingresso. Fondo pensione chiuso: è un fondo in cui l accesso ai piani pensione è riservato solo a determinate categorie di lavoratori. Tipologie di fondi pensione chiusi Fondo di un datore di lavoro: è un fondo che raccoglie i contributi dei piani pensione gestiti da un unico sponsor Fondo di più datori di lavoro: è un fondo che raccoglie i contributi dei piani pensione gestiti da più sponsors (ad esempio, il caso in cui ciascun datore di lavoro raccoglie i contributi dei lavoratori e li trasferisce ad un fondo collettivo per la gestione dei fondi). Possono essere di tre tipi: Per datori di lavoro nella stessa holding 4 o compagnie collegate finanziariamente (ad esempio i gruppi bancari). Per datori di lavoro che svolgono la loro attività nello stesso settore industriale Per datori di lavoro indipendentemente dal tipo di attività che svolgono (fondi pensione collettivi). Fondo di membri: è un fondo cui possono contribuire solo persone che gestiscono il fondo stesso. Fondo individuale: Fondo che raccoglie i contributi individuali dei singoli membri solitamente sotto forma di depositi individuali. Fondi pensione pubblici e privati Pubblici: un fondo gestito dallo Stato e regolati dalle leggi del settore pubblico. Privati: fondi gestiti da privati regolati dalle leggi del settore privato. 4 gruppo di imprese in cui la casa madre ha partecipazioni azionarie nelle controllate che sono gestite da un consiglio di amministrazione in cui ciascuno ha una quantità di voti in funzione del numero di azioni in suo possesso 9

10 CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PREVIDENZIALI In quasi tutti i paesi è presente un sistema di sicurezza sociale fondato su tre pilastri: La garanzia di un reddito minimo per anziani e indigenti Un sistema previdenziale obbligatorio basato sui reddito che garantisce il pagamento di una pensione dopo un certo numero di anni di versamenti Un sistema previdenziale integrativo su base volontaria. L ampiezza, la copertura e le funzioni di ciascun pilastro variano da paese a paese, ma la il far riferimento a tre pilastri concettualmente distinti è una convenzione affermata. Le strategie finanziarie e la gestione del primo e del terzo pilastro non risultano particolarmente controverse, più complesse sono le questioni legate al secondo. I programmi che garantiscono un reddito minimo garantito sono per lo più finanziati e gestiti dal settore pubblico; si basano sul sistema contributivo (Payg). I piani pensione individuali, per garantirsi una rendita vitalizia oltre una certa età, si basano sul sistema retributivo e sono gestiti da aziende per lo più private. Il sistema previdenziale obbligatorio in alcuni casi è gestito dal settore pubblico in altri da compagnie private e può essere basato sul sistema retributivo o contributivo. Il dibattito è più vivo soprattutto per quel che riguarda il secondo pilastro, recentemente si parla in molti paesi di riforma del sistema previdenziale, in forte deficit in alcuni paesi o del tutto inesistente in altri. Il tema più che mai attuale della riforma della previdenza prevede quasi ovunque il passaggio da un sistema statale di tipo contributivo ad uno privato retributivo 5. Un analisi degli approcci utilizzati nel mondo per la gestione delle pensioni, mostra che il settore pubblico e privato possono interagire a diversi livelli; ognuno riflette differenti filosofie sul ruolo dello stato, delle parti sociali e l importanza attribuita al far scegliere al lavoratore. Ogni modello adottato comporta differenti costi di gestione e la possibilità o meno di prevedere il livello della pensione (in termini di percentuale del salario percepito nell ultimo anno). Attualmente molte nazioni sono stanno attuando la riforma dei propri sistemi previdenziali. Le motivazioni e le vie intraprese hanno assunto le più disparate direzioni. In Asia il dibattito sulle riforme è dominato da due elementi, l aumento del numero di anziani e come sostenere le spese crescenti. Nell economie delle repubbliche ex socialiste il problema è di adeguare il sistema previdenziale all economia di mercato. In America Latina le riforme sono motivate dalla necessità di limitare l intromissione dello stato nel sistema previdenziale e garantire migliori servizi ai partecipanti. In America, Giappone ed Europa Orientale il problema sono i costi quasi insostenibili, di una società che invecchia. Si parla per lo più di due tipologie di riforme: parametriche e sistemiche. Le prime riguardano la modifica di alcuni parametri di base che regolano la previdenza 6. Le seconde si concentrano su cambiamenti all intero quadro previdenziale, l attenzione è posta in genere, sui seguenti temi: 5 Il divario che si è creato tra numero di persone che versano i contributi (i lavoratori) e le persone che percepiscono la pensione, ha reso insostenibile il sistema contributivo. 6 Ad esempio i requisiti per il diritto alla pensione, l età pensionabile, l ammontare delle pensioni e dei contributi da versare. 10

11 sistema contributivo o retributivo gestione pubblica o privata contributi definiti o prestazioni definite Sistema contributivo o retributivo Il sistema retributivo è tipico dei piani pensione privati, perché consente una migliore gestione dei costi e assicura che il contratto sottoscritto dal lavoratore gli garantirà la pensione indipendentemente dal fatto che fallisca o meno l impresa per cui lavora. il sistema retributivo è compatibile anche con la gestione pubblica. Può condurre ad un miglioramento del quadro macroeconomico e garantisce migliori rendimenti dei fondi investiti. In alcuni casi il sistema retributivo può portare i seguenti miglioramenti: I piani pensione possono essere finanziati con un livello di contributi inferiori rispetto a quelli necessari per mantenere il sistema contributivo. Tale circostanza è valida se il rendimento netto dei fondi pensione sia superiore al tasso di crescita del salario. Se il rendimento netto è inferiore il sistema contributivo costa meno. L analisi delineata dei benefici del sistema retributivo, sottostima i rischi finanziari in cui incorrono i lavoratori e non tiene conto dei costi gestione che dovrebbero quanto meno essere ridotti al minimo. Aumenta le fonti di finanziamento per la previdenza. In genere un sistema contributivo trae i capitali per gli investimenti dei fondi pensione dalle tasse dei lavoratori, nel sistema retributivo una parte dei fondi amministrati proviene anche dai risparmi di lavoratori e imprenditori. Aumenta il tasso di risparmio di una nazione. Se il sistema retributivo spinge i lavoratori a risparmiare più di quanto farebbero altrimenti, i risparmi personali aumentano. l aumento riguarda soprattutto le classi medie e medio basse. Le classi con reddito alto saranno sempre in grado di modificare il proprio portafoglio per far fronte alle maggiori richieste del sistema retributivo lasciando invariato nel complesso l ammontare dei risparmi. Tale crescita inoltre farà aumentare il saggio di risparmio nazionale se si tengono sotto controllo i costi di gestione e gli eventuali costi di transizione (da sistema contributivo a retributivo). La presenza di mercati dei capitali adeguati e sviluppati è un prerequisito indispensabile. I fondi dovrebbero finanziare gli investimenti infatti e non il credito al consumo. Rende i mercati dei capitali più efficienti. In una nazione in cui i mercati finanziari non sono completamente sviluppati, la presenza di fondi pensione può aiutare a velocizzare il processo di sviluppo e a far crescere l economia. La crescita è possibile se lo sviluppo e la diffusione dei fondi pensione è incoraggiata da riforme istituzionali che prevedano anche la creazione di mercati dei capitali più ampi. Per i piccoli paesi o nazioni che fanno parte di un area economica e commerciale comune (UE, Mercosur) il legame tra sviluppo dei fondi pensione e crescita dei mercati finanziari non è sempre vero. 11

12 Il dibattito sulle caratteristiche del sistema retributivo che si è scatenato per mezzo della stampa negli ultimi tempi ha del resto messo in luce che con tale sistema è improbabile che si sia possibile: Ridurre i costi di una popolazione che invecchia. Ogni anno i lavoratori che vanno in pensione sono pagati con una parte del reddito nazionale; di conseguenza si riduce l ammontare di risorse che potrebbero essere utilizzate per altri scopi. Una saggia gestione economica di un paese può far aumentare il reddito nazionale, se i pensionati fruiscono del miglioramento del tenore di vita, allora la porzione di reddito nazionale che spetta loro rimarrà invariata indipendentemente da come è finanziata. Se i fondi sono investiti all estero la nazione può consumare più di quello che produce 7 per un periodo indefinito ma quando i fondi serviranno per i consumi dei pensionati tale quota sarà sottratta dagli altri usi cui era nel frattempo destinata. Per ridurre i costi di una popolazione che invecchia sono necessarie soprattutto riforme parametriche. Aumentare i rendimenti dei contributi versati. Se il sistema retributivo può funzionare con un livello di contributi inferiori rispetto a quelli necessari per mantenere il sistema contributivo, i lavoratori riceveranno maggiori rendimenti dai fondi versati. A livello aggregato (di intera nazione) il miglioramento è minimo, i rendimenti maggiori infatti porteranno ad un aumento dei costi di altre attività. Per esempio il passaggio da sistema contributivo a retributivo comporta di costi molto superiori ai maggiori risparmi resi possibili dal sistema retributivo. In generale il sistema retributivo ha due principali controindicazione che hanno gia scoraggiato alcune nazioni a riformare i loro sistemi contributivi. Questi sono: Lenta fase di avvio. Una riforma per il passaggio dal sistema contributivo a quello retributivo, in risposta al deficit accumulato dal sistema previdenziale di una nazione, non è in grado di fornire benefici poiché i tempi necessari affinché il sistema prenda piede e coinvolga la maggioranza dei lavoratori, sono estremamente lunghi. Si stima che sono necessarie 3 o 4 decadi tra l inaugurazione del sistema retributivo e il miglioramento dello status economico dei pensionati. Alti costi di transizione. Dove è gia operativo un sistema contributivo la riforma verso il sistema retributivo può comportare dei costi di transizione sostanziosi. I fondi necessari sono per lo più raccolti attraverso un aumento delle tasse, la riduzione della spesa pubblica e l indebitamento sui mercati finanziari. I fondi accumulati nei fondi pensione serviranno per finanziare la transizione, peggiorando il livello del reddito nazionale di un ammontare pari ai costi sostenuti. Il ministro delle finanze cileno ha stimato che dal 1981 al 1996 i costi della riforma previdenziale sono stati pari a circa il 5,7% del prodotto interno lordo annuo, i capitali accumulati nei fondi pensione sono stai invece pari al 2,7% del prodotto interno lordo, risulta un peggioramento del tasso di risparmio nazionale pari al 3% del prodotto interno lordo. 7 può gestire un deficit di bilancia commerciale finanziato appunto con i fondi pensione 12

13 Gestione pubblica o privata Molti sono convinti che il sistema retributivo sia gestito meglio se i contributi sono raccolti in fondi pensione privati. Ad essi si associano promesse di maggiori rendimenti e servizi migliori. Più in dettaglio i vantaggi della gestione privata sono i seguenti: Isolamento dalla politica nella scelta degli investimenti dei fondi pensione. Alcune ricerche hanno dimostrato che i fondi pensione privati hanno registrato una performance migliore, in termini di rendimenti lordi, rispetto ai fondi pubblici. L evidenza empirica è riconducibile al fatto che molti fondi pubblici hanno a disposizione una gamma maggiore di possibilità di investimento. I fondi potrebbero essere utilizzati per fini politici, per acquistare obbligazioni statali che rendono poco per facilitare il Governo nel finanziamento di progetti, con rendimenti soprattutto in termini di apprezzamento politico. Proprio per evitare interferenze politiche nelle scelte dei fondi pensione pubblici e della loro dirigenza sono stati emanati molti provvedimenti, per ridurre le scelte di investimento. Per esempio un fondo pensione può avere l obbligo di tenere i fondi in depositi bancari o obbligazioni statali. Tali restrizioni provocano minori rendimenti rispetto a quelli che si otterrebbero potendo sfruttare a pieno tutti i mercati finanziari. Il Canada ha recentemente modificato le norme che regolano gli investimenti del fondo pensione pubblico. In passato i risparmi accumulati nel fondo potevano essere investiti esclusivamente in bond governativi, ora sarà possibile diversificare gli investimenti come accade per i fondi privati. Resta da vedere se tale manovra consentirà di ottenere rendimenti analoghi a quelli dei fondi privati, senza incorrere in costi elevati. Migliori servizi. Laddove le agenzie pubbliche hanno fallito nel fornire servizi decenti, un cambio verso la gestione privata è un alternativa attraente. La qualità relativa dei servizi pubblici o privati varia molto da posto a posto così come l applicabilità di questo argomento parlando di gestione privata. Basti pensare ad esempio, che nel 1995 la sicurezza sociale americana pubblica è stata premiata come la compagnia che forniva i migliori servizi telefonici. Maggiore efficienza operativa. Si ritiene che un azienda privata sia un operatore più efficiente poiché ha maggiori incentivi nel ridurre i costi, adottare i miglioramenti tecnologici e le più efficienti procedure lavorative. L impatto della riduzione dei costi legata ad una maggiore efficienza ha la sua contropartita nelle spese per il marketing, necessario ai fondi privati. La gestione dei fondi pensione inoltre comporta economie di scala 8, di conseguenza nelle nazioni relativamente piccole il monopolio sulla previdenza può ridurre i costi, al punto di eccedere i guadagni di efficienza che si hanno con i fondi privati. Possibilità per i lavoratori di scegliere i fornitori. Molte riforme previdenziali sistemiche consentono ai lavoratori di scegliere tra gestori di fondi in concorrenza tra loro. La possibilità di scegliere è una caratteristica attraente, è possibile solo se la competizione è garantita tra una varietà di gestori privati e fornisce un ulteriore garanzia contro le interferenze politiche sulle strategie dei fondi pensione. 8 sarebbe a dire che più il fondo pensione è grande tanto minori sono i costi. 13

14 Le esperienze di alcune nazioni del resto suggeriscono che la gestione privata ha alcune controindicazioni. Le due più rilevanti sono: Eccessivi costi pubblicitari. Molte nazioni che hanno implementato la gestione privata delle contribuzioni individuali, hanno rilevato che la competizione per acquisire clienti genera costi pubblicitari eccessivi. Maggiori costi fanno aumentare le commissioni sui rendimenti dei fondi e riducono a livello aggregato il guadagno sociale e l ammontare delle pensioni di ciascun individuo, in ultima istanza. Le commissioni per spese amministrative ammontano al 18% del capitale gestito in molti paesi dell America Latina, al 25% nel Regno Unito. Le commissioni per trasformare i contributi in rendite (pensioni) ammontano ad un altro 10% del bilancio delle compagnie. In sostanza il costo totale della gestione privata è pari al 25% dei contributi totali che corrisponde ad una riduzione del tasso di rendimento netto dei fondi del 2-3% annuo. Solitamente le pensioni ammontano a circa il 6% del prodotto interno lordo in un sistema previdenziale pubblico; se ad esso aggiungiamo i costi amministrativi la percentuale salirebbe di un altro 2% circa. Necessità di regole chiare. La riforma delle pensioni in America Latina si basa su un attenta regolamentazione di un limitato numero di fondi pensione autorizzati dal governo. In Argentina e Cile ad esempio il legislatore sulla previdenza ha circa 10 impiegati per ogni fondo pensione autorizzato. Leggi e regolamenti specificano il tipo di investimenti praticabili, le condizioni che consentono di migrare da un gestore all altro e molte procedure operative dei fondi privati. Un attenta regolamentazione è vista come una protezione necessaria per lavoratori e governo. Il Regno Unito invece ha dato il via al programma di decentralizzazione dei fondi pensione senza garantire una regolamentazione effettiva a tutela dei consumatori; ne sono derivati costi maggiori e vari scandali di cui i lavoratori ancora ne pagano le conseguenze. contributi definiti o prestazioni definite Quasi tutti i fondi pensione (pubblici e privati) riformati di recente prevedono un sistema basato su contributi fissi. È previsto che la pensione sia calcolata utilizzando una formula che tenga conto dei salario mensile medio dei lavoratori oppure che cambia al variare dei redditi percepiti prima del pensionamento e dell esperienza lavorativa. In un sistema del genere sono specificati i contributi ma non le prestazioni cui daranno diritto. La pensione mensile sarà pari alla rendita garantita dall ammontare dei fondi versati più il loro tasso di rendimento netto. Un sistema che si basa su uno schema retributivo gestito da privati gode di molti vantaggi qualora adotti un sistema a contributi definiti: Aumenta la portabilità. È possibile cambiare fondo pensione solo se il sistema è a contributi definiti, nell altro caso sarebbe praticamente impossibile migrare da un gestore all altro. Sviluppa la competizione tra i manager e aumenta le possibili strategie di investimento. Ogni sistema previdenziale che preveda la libera scelta dei lavoratori, in termini di gestori o di strategie di investimento è possibile grazie al sistema a contributi definiti. 14

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

LA MIA PENSIONE DI DOMANI:

LA MIA PENSIONE DI DOMANI: LA MIA PENSIONE DI DOMANI: QUALI VANTAGGI DAL FONDO PENSIONE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. ADESIONI INDIVIDUALI: SPECIALE LAVORATORI AUTONOMI E DIPENDENTI CHE NON CONFERISCONO IL TFR

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 Definizioni - PIP: piani individuali pensionistici di tipo assicurativo attuati mediante contratti di assicurazione sulla vita;

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Ambito di applicazione 1. Il presente Principio deve essere applicato per la presentazione delle informazionifinanziarie

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI A. A. 2012-13

Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI A. A. 2012-13 Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI A. A. 2012-13 LA Elisa Bocchialini Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Agenda Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

Tutte le risposte che cerchi

Tutte le risposte che cerchi Tutte le risposte che cerchi Il tuo domani dipende dalle scelte di oggi Quando pensi alla pensione, è normale farsi tante domande cui è difficile rispondere. Quando potrò andare in pensione? Quale sarà

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato La Gestione Separata INPS Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato Silvestro De Falco Roma aprile 2011 www.actainrete.it Che cos è la Gestione Separata La gestione

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti 50 I Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla situazione lavorativa (lavoratore

Dettagli

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND La riforma del sistema pensionistico determinata dalla legge 335/1995 e successive modificazioni ha modificato il sistema di rogazione

Dettagli

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Informazioni di approfondimento Come vengono gestiti i versamenti ai fondi pensione complementare? Prima dell adesione

Dettagli

IL GENIO DEL SALVADANAIO

IL GENIO DEL SALVADANAIO IL GENIO DEL SALVADANAIO L importanza di un Fondo Pensione per i giovani. Al tuo fianco, ogni giorno 6 ANNI L ISCRIZIONE AL FONDO PENSIONE Chiara ha 6 anni e il padre ha deciso di regalarle il Genio del

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni.

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Premessa Perseo è il Fondo Nazionale pensione complementare destinato a tutti i lavoratori delle Regioni, delle Autonomie Locali e della Sanità. Nasce con l obiettivo

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX 9 DICEMBRE 2013 Roberto Veronico Retirement Leader di Mercer Italia Roma Perché il Melbourne Mercer Global Pension Index SFIDE COMUNI A LIVELLO GLOBALE INCREMENTO

Dettagli

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali della Concessione di Roma supplemento ad Informazioni-Fisac OTTOBRE 2000 Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano queste

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti I Fondi pensione aperti I scheda Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla

Dettagli

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE Mi è convenuto aderire a Priamo? Guardando ai rendimenti che Priamo ha ottenuto negli ultimi anni, la risposta è sicuramente sì. I risultati dei rendimenti conseguiti nel 2013 dai gestori finanziari selezionati

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE II PILASTRO. Il meccanismo del silenzio-assenso

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE II PILASTRO. Il meccanismo del silenzio-assenso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE II PILASTRO 1 Il meccanismo del silenzio-assenso 2 CASO 1: adesione al fondo negoziale TUTTO il TFR (maturando) verrà versato AL FONDO + PERCENTUALE del LAVORATORE 1% (in media)

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP)

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******)

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******) Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica OMEGA FONDO P E N S I O N E N E G O Z I A L E P E R I L A V O R A T O R I D E L S E T T O R E ALFA ( O M E G A ) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con

Dettagli

Partnership S.U.S.O. Società Reale Mutua Assicurazioni

Partnership S.U.S.O. Società Reale Mutua Assicurazioni Partnership S.U.S.O. Società Reale Mutua Assicurazioni Baggiovara (MO) 29 marzo 2014 Luca Omarini Grandi Clienti e Welfare Direzione Tutela della Persona e Risparmio REALE MUTUA: indice di solvibilità*-

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Il tuo domani dipende dalle scelte di oggi. Tutte le risposte che cerchi

Il tuo domani dipende dalle scelte di oggi. Tutte le risposte che cerchi UnipolSai Assicurazioni è la compagnia del Gruppo Unipol, nata dalla fusione di tre importanti e storiche compagnie assicurative italiane: Unipol Assicurazioni, FondiariaSai e Milano Assicurazioni. Leader

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A.

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Cos è Fondoposte Fondoposte è il Fondo Nazionale di Pensione Complementare per il Personale di Poste Italiane S.p.A. e delle

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Una scelta responsabile e conveniente per il tuo Tfr

Una scelta responsabile e conveniente per il tuo Tfr Una scelta responsabile e conveniente per il tuo Tfr Messaggio promozionale riguardante forme pensionistiche complementari Prima di aderire leggere la Nota informativa e lo Statuto La destinazione del

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 31 gennaio 2008 Istruzioni per la redazione del Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare LA COVIP Visto il decreto

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Nota informativa per i potenziali aderenti

Nota informativa per i potenziali aderenti Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1241 Nota informativa per i potenziali aderenti La presente Nota informativa si compone delle seguenti quattro sezioni: Scheda sintetica Caratteristiche della

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014. GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014

Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014. GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014 Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014 GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014 Elisa Bocchialini Università degli Studi di Parma Dipartimento

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Stima della pensione complementare. (Progetto esemplificativo standardizzato)

Stima della pensione complementare. (Progetto esemplificativo standardizzato) Iscritto all Albo dei Fondi Pensione - I Sezione Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1417 Premessa La redazione del presente Progetto esemplificativo trae origine da una deliberazione della

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

31/12/2012. Totale fondi pensione non finanziati 95.693 3.988 99.681 - - - -

31/12/2012. Totale fondi pensione non finanziati 95.693 3.988 99.681 - - - - 22. FONDI DEL PERSONALE La voce comprende Fondi pensione finanziati 271.288 266.404 non finanziati 99.681 85.014 TFR (società italiane) 47.007 40.484 Piani di assistenza medica 20.403 21.270 Altri benefici

Dettagli

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti.

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Per quanto necessari, anche i riscatti, in particolare per i

Dettagli

I sistemi di gestione finanziaria e di calcolo della prestazione

I sistemi di gestione finanziaria e di calcolo della prestazione Aspetti interpretativi I sistemi di gestione finanziaria e di calcolo della Giovanni Di Nella Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Cassino, 8 Maggio 2015 Agenda Aspetti interpretativi

Dettagli

I Fondi pensione negoziali

I Fondi pensione negoziali I Fondi pensione negoziali 45 I Fondi pensione negoziali sono forme pensionistiche complementari la cui origine, come suggerisce il termine negoziali, è di natura contrattuale. Essi sono destinati a specifiche

Dettagli

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT Da alcuni anni l ISTAT e il DPS hanno avviato un attività sistematica di raffronto

Dettagli

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Il regime fiscale della previdenza integrativa risente del sistema in base al quale è strutturato. Al compimento dell età pensionabile il sottoscrittore percepirà

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO Fondo pensione ARTIFOND iscritto all'albo dei Fondi Pensione n. 156 Via di Santa Croce in Gerusalemme, 63-00185 Roma Tel. 06 77205055

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Enac e del Cnel 1 Costituito il con accordo sindacale sottoscritto

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO Fondo pensione ARTIFOND iscritto all'albo dei Fondi Pensione n. 156 Via di Santa Croce in Gerusalemme, 63-00185 Roma Tel. 06 77205055

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

di Patrizia Della Serra

di Patrizia Della Serra TFR E FONDI PENSIONE COSA CAMBIA PER LE AZIENDE di Patrizia Della Serra Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Il Tfr fino al 31 dicembre 2006...4 Il Tfr dall'1 gennaio 2007...4 Agevolazioni

Dettagli

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare Il tuo Fondo per la tua pensione complementare PRINCIPALI CARATTERISTICHE Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Università e Ricerca, dell Enac e del Cnel 1 Costituito il con

Dettagli

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare Il tuo Fondo per la tua pensione complementare PRINCIPALI CARATTERISTICHE Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXIX N. 2

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXIX N. 2 Camera dei Deputati - 8 1 - Senato della Repubblica Fondi pensione negoziali. Oneri di gestione.1'* (importi in milioni di euro; valori percentuali sul patrimonio a fine esercizio) Tav. 3.9 Ammontare 2012

Dettagli

IL FUTURO DELLE PENSIONI:

IL FUTURO DELLE PENSIONI: IL FUTURO DELLE PENSIONI: PIÙ EQUITÀ, PIÙ SOLIDARIETÀ, PIÙ SOSTENIBILITÀ SOCIALE. Analisi e proposte della CGIL Dicembre 2009 A cura del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti - Cgil Nazionale 1 GLI EFFETTI

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Venezia Venerdì 20 Novembre

Venezia Venerdì 20 Novembre Venezia Venerdì 20 Novembre LA PREVIDENZA PER IL MEDICO E L ODONTOIATRA: MIRAGGIO O REALTA Sala convegni dell OMCeO Venezia, Via Mestrina 86 - Mestre . Compito dell ordine professionale E anche stimolare

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Cassino 11 aprile 2006

Cassino 11 aprile 2006 Cassino 11 aprile 2006 La Previdenza Complementare nel Pubblico Impiego Cosa cambia per il pubblico impiego con la riforma? Tutto è rinviato all adozione dello specifico decreto legislativo, previsto dalla

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA Martedì 24 Novembre Assicurazioni ed altri strumenti Roberto Castella UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

PREVIDENZA SOCIALE OBBLIGATORIA MINIMA E COMPLEMENTARE VOLONTARIA

PREVIDENZA SOCIALE OBBLIGATORIA MINIMA E COMPLEMENTARE VOLONTARIA PROGETTO DI LEGGE DELEGA IN MATERIA DI PREVIDENZA SOCIALE OBBLIGATORIA MINIMA E COMPLEMENTARE VOLONTARIA PREMESSA SITUAZIONE Attualmente il sistema previdenziale italiano poggia su due pilastri: 1. la

Dettagli