La previdenza pubblica e privata e la riforma delle pensioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La previdenza pubblica e privata e la riforma delle pensioni"

Transcript

1 Associazione INSIEME JUNTOS ROSARIO - Argentina La previdenza pubblica e privata e la riforma delle pensioni A cura del Presidente: Antonio Bruzzese

2 2

3 La previdenza pubblica e privata e la riforma delle pensioni CLASSIFICAZIONE DEI PIANI E DEI FONDI PREVIDENZIALI... 4 PIANO PENSIONE...4 PIANO PENSIONE PUBBLICO E PRIVATO... 4 PIANI PENSIONE PERSONALI E OCCUPAZIONALI... 5 PRESTAZIONI DEFINITE E CONTRIBUTI DEFINITI... 6 PIANI PENSIONE PROTETTI E NON PROTETTI... 6 FINANZIAMENTO DEI PIANI PENSIONE... 6 FONDI PENSIONE E CONTRATTI ASSICURATIVI PENSIONISTICI... 7 FONDI PENSIONE APERTI E CHIUSI... 9 TIPOLOGIE DI FONDI PENSIONE CHIUSI... 9 FONDI PENSIONE PUBBLICI E PRIVATI... 9 CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PREVIDENZIALI SISTEMA CONTRIBUTIVO O RETRIBUTIVO GESTIONE PUBBLICA O PRIVATA CONTRIBUTI DEFINITI O PRESTAZIONI DEFINITE MODELLI DI GESTIONE PRIVATA MODELLI DI GESTIONE E CONFRONTI LE RIFORME IN CORSO APPENDICE A CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PREVIDENZIALI DEI PAESI OCSE APPENDICE B LA PREVIDENZA PRIVATA IN ITALIA QUADRO REGOLATORE QUADRO ISTITUZIONALE COPERTURA SPONSOR DEL PIANO GESTIONE DEI FONDI FONTI DI FINANZIAMENTO PORTABILITÀ DEL FONDO BENEFICI DI ANZIANITÀ (PENSIONI) AUTORITÀ PER LA SUPERVISIONE DEI FONDI

4 Classificazione dei piani e dei fondi previdenziali Piano pensione Un piano pensionistico è un contratto che ha la finalità di garantire la pensione ovvero una rendita vitalizia i cui sussidi o indennità non possono essere versati al lavoratore senza un ingente penale fino al raggiungimento di un età, detta età pensionabile. Questo contratto può essere parte integrante del contratto collettivo di lavoro, stabilito dalle regole dei piani pensione o obbligatorio per legge. Le regole e il funzionamento di un piano pensionistico, possono essere stabilite per legge o sulla base di uno statuto o stabilite come pre-requisiti in un sistema fiscale che preveda un imposizione fiscale per raccogliere i risparmi dei lavoratori e garantire loro un reddito in età pensionabile. I piani pensionistici possono offrire ulteriore benefici o prestazioni in casi come disabilità, malattia e reversibilità. Piano pensione pubblico e privato Pubblico: programmi pensionistici o di sicurezza sociale amministrati da enti governativi (Stato, enti locali o istituti di sicurezza sociale). I piani pensionistici pubblici sono solitamente finanziati col metodo PAYG 1 o contributivo, anche se più recentemente molte nazioni hanno adottato un sistema PAYE 2 o retributivo per finanziare i debiti dei fondi pensione o li hanno sostituiti con piani privati. Privato: un piano pensione amministrato da istituzione diversa da un ente governativo. I Piani pensione privati possono essere amministrati dal datore di lavoro che opera come uno sponsor del piano. pensione, da un fornitore privato di piani pensione (assicurazione o banca) o essere istituito a livello di gruppi di imprese o industrie e incorporato nel contratto di lavoro. I Piani pensionistici privati possono essere complementari o in sostituzione di un piano pensionistico pubblico. In alcuni Stati possono riguardare anche i lavoratori dei settore pubblico. 1 Payg: espressione con la quale si indica un sistema pensionistico gestito mediante i contributi versati dai lavoratori in servizio effettivo anziché mediante l accumulazione dei contributi, versati dai lavoratori che ora percepiscono la pensione, nell arco della loro vita lavorativa. 2 Paye: espressione con la quale si indica un sistema di pagamento delle pensioni finanziato con i contributi versati dai lavoratori nel corso della loro carriera lavorativa. 4

5 Piani pensione personali e occupazionali Piani pensione occupazionali: l ammissione è legata allo svolgimento di un attività professionale o d impiego tra l aderente al piano e l entità che istituisce il piano (sponsor). I Piani occupazionali possono essere gestiti dai datori di lavoro o da gruppi come associazioni industriali e di lavoratori o associazioni professionali, insieme o separatamente. Il piano può essere amministrato direttamente dallo sponsor o da un entità indipendente (un fondo pensione o un istituzione finanziaria). Nel secondo caso, lo sponsor può avere responsabilità di supervisione sulle operazioni del piano. I piani occupazionali possono essere: Obbligatori: La registrazione e l inserimento della forza lavoro in questi piani è a carico dei datori di lavoro e l adesione è obbligatoria e regolata a noma di legge. I datori di lavoro si devono attrezzare per l implementazione di piani pensione occupazionali e solitamente vi aderiscono. Nel caso in cui i datori di lavoro sono obbligati per legge ad offrire un piano pensione occupazionale, ma l adesione dei lavoratori è volontaria, si considera comunque il piano come obbligatorio. Volontari: la creazione di questi piani (compresi i casi in cui firmando un contratto di lavoro si entra a far parte del piano o i casi in cui la legge richieda ai lavoratori di aderire a piani costituiti volontariamente) è su base volontaria per i datori di lavoro. in alcuni stati i datori di lavoro possono volontariamente costituire piani che siano da complemento alle prestazioni erogate dallo stato sociale allegerendone il carico. I piani volontari consentono al datore di lavoro l esenzione dal pagamento di una parte o di tutti i contributi a suo carico, da versare al sistema previdenziale pubblico. Piani pensione individuali: l adesione a questi piani non è legata ad un rapporto di lavoro. Sono costituiti e amministrati direttamente da un fondo pensione o da un istituzione finanziaria che erogano la pensione senza alcun intervento dei datori di lavoro. Il datore di lavoro può anche versare i contributi ad un pianio pensione individuale piuttosto che ad uno occupazionale. Alcuni piani pensione individuali sono a numero chiuso. Obbligatori: sono piani a cui un individuo deve aderire per legge a cui sono versati i contributi previdenziali a carico di lavoratori e datori di lavoro in genere. Il singolo può scegliere il piano pensione solitamente tra un insieme ristretto di alternative o essere obbligato a versare contributi ad un piano specifico. Volontari : la partecipazione a questi piani è volontaria per gli individui. Per legge non sono obbligati a versare i contributi ad un piano pensione. Includono anche quei piani cui le persone possono aderire se scelgono di sostituire parte dei benefici erogati dal sistema di sicurezza sociale con gli intrioti dei piani pensione volontari. 5

6 prestazioni definite e contributi definiti Piani pensione a contributi definiti (DC): sono piani in cui lo sponsor ed il lavoratore pagano dei contributi fissi e non hanno vincoli legali sul pagare contributi successivi aggiuntivi nel caso in cui aderiscano ad un piano previdenziale differente. Piani pensione a prestazioni definite (DB): sono piani senza un livello contributivo predefinito. Sono classificati come tradizionali, misti e ibridi. Tradizionali: un piano dove gli introiti sono legati da una formula, ai salari dei membri, alla durata dell impiego o ad altri fattori. Ibridi: un piano dove gli introiti dipendono da un tasso di rendimento dei contributi versati. La redditività del fondo l interesse annuo che fruttano i contributi versati può essere stabilitò in base alla sottoscrizione di un contratto o agganciato all andamento di un indice di mercato (ad esempio il rendimento delle azioni in Europa o ancora il rendimento dei titoli di stato americani a 10 anni) Misti: quei piani che sono in parte a contributi definiti ed in parte a prestazioni definite, specificate separatamente ma contemplate entrambe nello stesso contratto. Piani pensione protetti e non protetti Tale classificazione si applica ai piani pensione personali e ai piani occupazionali. Non protetti: un piano dove ne il fondo ne il gestore o lo sponsor del piano offrono un ritorno garantito dell investimento e il livello delle pensioni (anche quello minimo) non è garantito, al punto che la pensione potrà anche essere inferiore ai contributi versati. Protetti: sono quei piani non classificabili come non protetti, le garanzie possono essere a carico del fondo, dell istituzione finanziaria che lo gestisce o in ultima istanza dello Stato. Finanziamento dei piani pensione Piano pensione finanziato: Piano occupazionale o individuale che accumula i contributi versati e li investe in determinate tipologie di strumenti finanziari (azioni e obbligazioni) per far fronte al pagamento periodico delle pensioni. Gli strumenti che possono costituire il portafoglio di un piano pensione sono stabiliti per legge (almeno le percentuali da detenere in portafogli di ciascuno strumento) ed il loro uso è subordinato all erogazione dei benefits previdenziali. piani pensione finanziati con riserve 3 : si tratta di una modalità di finanziamento del fondo attraverso flussi cospicui (periodici, in soluzione unica, una tantum) di entrate nel bilancio dello sponsor come riserve o provvigioni per il pagamento delle prestazioni previste dai piani pensionistici occupazionali. Alcune strumenti finanziari che costituiscono l attivo del bilancio possono essere contabilizzati in conti separati allo scopo di finanziare i benefits previdenziali, ma non sono legalmente o contrattualmente attività legate al piano 3 ad esempio il trattamento di fine rapporto. 6

7 pensione. Molti paesi dell OECD non consentono questo metodo di finanziamento. Per i paesi per cui è ammesso solitamente è necessaria un assicurazione contro i rischi di bancarotta del piano. Piani pensione contributivi: piani finanziati direttamente attraverso i contributi provenienti dallo sponsor del piano e/o dal partecipante al piano (solitamente lo Stato in qualità di sponsor insieme al lavoratore). I pagamenti sono erogati tramite un sistema contributivo in cui la forza lavoro in essere paga le pensioni degli ex lavoratori che si sono qualificati al godimento dei benefici pensionistici. I piani contributivi possono avere l obbligo di mantenere delle riserve per coprire le spese immediate. Molti paesi non consentono ai privati di gestire queste forme di finanziamento. Fondi pensione e contratti assicurativi pensionistici Fondo pensione: è un insieme di attività gestite da un entità legalmente indipendente che sono comprate con i contributi versati ad un piano pensione allo scopo di finanziare il pagamento delle pensioni e dei benefits previdenziali. I membri del piano che gestiscono il fondo hanno diritti regolati in base condizioni contrattuali sulle attività detenute nel fondo pensione; diritti che di solito esercitano sotto forma di commissione sui profitti e sulle spese di gestione del portafoglio. I fondi pensione prendono la forma o di un entità con fini speciali con una propria personalità giuridica (una fondazione, un gruppo di industrie o una singola impresa) o di un fondo legalmente separato senza personalità giuridica amministrato da un azienda appositamente creata o da un istituzione finanziaria che agisce per conto dei membri del fondo che aderiscono ad un determinato piano pensionistico. Contratto d assicurazione previdenziale: E un contratto assicurativo che prevede il versamento di una pensione da parte di una società di assicurazione che raccoglie i contributi versati dal lavoratore, la cui erogazione avviene al raggiungimento di un età fissata nel contratto o in soluzione unica nel caso in cui l assicurato recede dal contratto. Molti paesi consentono dei piani pensione gestiti con fondi pensione, quale veicolo finanziario unico per la realizzazione del piano. Altri paesi consentono anche contratti assicurativi con fini pensionistici. 7

8 Piani pensione privati: quadro funzionale Piano pensione privato Occupazionale Individuale Obbligatorio Volontario Obbligatorio Volontario DB DC DB DC P UP P UP P UP P UP Legenda: DC: contributi definiti DB: prestazioni definite P: protetto UP: non protetto Piani pensione privati: quadro istituzionale Piano pensione privato Finanziato finanziato con riserve Non Finanziato Contratto d assicurazione previdenziale Fondi pensione Con personalità giuridica Senza personalità giuridica Fondazioni Imprese 8

9 Fondi pensione aperti e chiusi Fondo pensione aperto: è un fondo in cui è presente almeno un piano senza restrizioni all ingresso. Fondo pensione chiuso: è un fondo in cui l accesso ai piani pensione è riservato solo a determinate categorie di lavoratori. Tipologie di fondi pensione chiusi Fondo di un datore di lavoro: è un fondo che raccoglie i contributi dei piani pensione gestiti da un unico sponsor Fondo di più datori di lavoro: è un fondo che raccoglie i contributi dei piani pensione gestiti da più sponsors (ad esempio, il caso in cui ciascun datore di lavoro raccoglie i contributi dei lavoratori e li trasferisce ad un fondo collettivo per la gestione dei fondi). Possono essere di tre tipi: Per datori di lavoro nella stessa holding 4 o compagnie collegate finanziariamente (ad esempio i gruppi bancari). Per datori di lavoro che svolgono la loro attività nello stesso settore industriale Per datori di lavoro indipendentemente dal tipo di attività che svolgono (fondi pensione collettivi). Fondo di membri: è un fondo cui possono contribuire solo persone che gestiscono il fondo stesso. Fondo individuale: Fondo che raccoglie i contributi individuali dei singoli membri solitamente sotto forma di depositi individuali. Fondi pensione pubblici e privati Pubblici: un fondo gestito dallo Stato e regolati dalle leggi del settore pubblico. Privati: fondi gestiti da privati regolati dalle leggi del settore privato. 4 gruppo di imprese in cui la casa madre ha partecipazioni azionarie nelle controllate che sono gestite da un consiglio di amministrazione in cui ciascuno ha una quantità di voti in funzione del numero di azioni in suo possesso 9

10 CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PREVIDENZIALI In quasi tutti i paesi è presente un sistema di sicurezza sociale fondato su tre pilastri: La garanzia di un reddito minimo per anziani e indigenti Un sistema previdenziale obbligatorio basato sui reddito che garantisce il pagamento di una pensione dopo un certo numero di anni di versamenti Un sistema previdenziale integrativo su base volontaria. L ampiezza, la copertura e le funzioni di ciascun pilastro variano da paese a paese, ma la il far riferimento a tre pilastri concettualmente distinti è una convenzione affermata. Le strategie finanziarie e la gestione del primo e del terzo pilastro non risultano particolarmente controverse, più complesse sono le questioni legate al secondo. I programmi che garantiscono un reddito minimo garantito sono per lo più finanziati e gestiti dal settore pubblico; si basano sul sistema contributivo (Payg). I piani pensione individuali, per garantirsi una rendita vitalizia oltre una certa età, si basano sul sistema retributivo e sono gestiti da aziende per lo più private. Il sistema previdenziale obbligatorio in alcuni casi è gestito dal settore pubblico in altri da compagnie private e può essere basato sul sistema retributivo o contributivo. Il dibattito è più vivo soprattutto per quel che riguarda il secondo pilastro, recentemente si parla in molti paesi di riforma del sistema previdenziale, in forte deficit in alcuni paesi o del tutto inesistente in altri. Il tema più che mai attuale della riforma della previdenza prevede quasi ovunque il passaggio da un sistema statale di tipo contributivo ad uno privato retributivo 5. Un analisi degli approcci utilizzati nel mondo per la gestione delle pensioni, mostra che il settore pubblico e privato possono interagire a diversi livelli; ognuno riflette differenti filosofie sul ruolo dello stato, delle parti sociali e l importanza attribuita al far scegliere al lavoratore. Ogni modello adottato comporta differenti costi di gestione e la possibilità o meno di prevedere il livello della pensione (in termini di percentuale del salario percepito nell ultimo anno). Attualmente molte nazioni sono stanno attuando la riforma dei propri sistemi previdenziali. Le motivazioni e le vie intraprese hanno assunto le più disparate direzioni. In Asia il dibattito sulle riforme è dominato da due elementi, l aumento del numero di anziani e come sostenere le spese crescenti. Nell economie delle repubbliche ex socialiste il problema è di adeguare il sistema previdenziale all economia di mercato. In America Latina le riforme sono motivate dalla necessità di limitare l intromissione dello stato nel sistema previdenziale e garantire migliori servizi ai partecipanti. In America, Giappone ed Europa Orientale il problema sono i costi quasi insostenibili, di una società che invecchia. Si parla per lo più di due tipologie di riforme: parametriche e sistemiche. Le prime riguardano la modifica di alcuni parametri di base che regolano la previdenza 6. Le seconde si concentrano su cambiamenti all intero quadro previdenziale, l attenzione è posta in genere, sui seguenti temi: 5 Il divario che si è creato tra numero di persone che versano i contributi (i lavoratori) e le persone che percepiscono la pensione, ha reso insostenibile il sistema contributivo. 6 Ad esempio i requisiti per il diritto alla pensione, l età pensionabile, l ammontare delle pensioni e dei contributi da versare. 10

11 sistema contributivo o retributivo gestione pubblica o privata contributi definiti o prestazioni definite Sistema contributivo o retributivo Il sistema retributivo è tipico dei piani pensione privati, perché consente una migliore gestione dei costi e assicura che il contratto sottoscritto dal lavoratore gli garantirà la pensione indipendentemente dal fatto che fallisca o meno l impresa per cui lavora. il sistema retributivo è compatibile anche con la gestione pubblica. Può condurre ad un miglioramento del quadro macroeconomico e garantisce migliori rendimenti dei fondi investiti. In alcuni casi il sistema retributivo può portare i seguenti miglioramenti: I piani pensione possono essere finanziati con un livello di contributi inferiori rispetto a quelli necessari per mantenere il sistema contributivo. Tale circostanza è valida se il rendimento netto dei fondi pensione sia superiore al tasso di crescita del salario. Se il rendimento netto è inferiore il sistema contributivo costa meno. L analisi delineata dei benefici del sistema retributivo, sottostima i rischi finanziari in cui incorrono i lavoratori e non tiene conto dei costi gestione che dovrebbero quanto meno essere ridotti al minimo. Aumenta le fonti di finanziamento per la previdenza. In genere un sistema contributivo trae i capitali per gli investimenti dei fondi pensione dalle tasse dei lavoratori, nel sistema retributivo una parte dei fondi amministrati proviene anche dai risparmi di lavoratori e imprenditori. Aumenta il tasso di risparmio di una nazione. Se il sistema retributivo spinge i lavoratori a risparmiare più di quanto farebbero altrimenti, i risparmi personali aumentano. l aumento riguarda soprattutto le classi medie e medio basse. Le classi con reddito alto saranno sempre in grado di modificare il proprio portafoglio per far fronte alle maggiori richieste del sistema retributivo lasciando invariato nel complesso l ammontare dei risparmi. Tale crescita inoltre farà aumentare il saggio di risparmio nazionale se si tengono sotto controllo i costi di gestione e gli eventuali costi di transizione (da sistema contributivo a retributivo). La presenza di mercati dei capitali adeguati e sviluppati è un prerequisito indispensabile. I fondi dovrebbero finanziare gli investimenti infatti e non il credito al consumo. Rende i mercati dei capitali più efficienti. In una nazione in cui i mercati finanziari non sono completamente sviluppati, la presenza di fondi pensione può aiutare a velocizzare il processo di sviluppo e a far crescere l economia. La crescita è possibile se lo sviluppo e la diffusione dei fondi pensione è incoraggiata da riforme istituzionali che prevedano anche la creazione di mercati dei capitali più ampi. Per i piccoli paesi o nazioni che fanno parte di un area economica e commerciale comune (UE, Mercosur) il legame tra sviluppo dei fondi pensione e crescita dei mercati finanziari non è sempre vero. 11

12 Il dibattito sulle caratteristiche del sistema retributivo che si è scatenato per mezzo della stampa negli ultimi tempi ha del resto messo in luce che con tale sistema è improbabile che si sia possibile: Ridurre i costi di una popolazione che invecchia. Ogni anno i lavoratori che vanno in pensione sono pagati con una parte del reddito nazionale; di conseguenza si riduce l ammontare di risorse che potrebbero essere utilizzate per altri scopi. Una saggia gestione economica di un paese può far aumentare il reddito nazionale, se i pensionati fruiscono del miglioramento del tenore di vita, allora la porzione di reddito nazionale che spetta loro rimarrà invariata indipendentemente da come è finanziata. Se i fondi sono investiti all estero la nazione può consumare più di quello che produce 7 per un periodo indefinito ma quando i fondi serviranno per i consumi dei pensionati tale quota sarà sottratta dagli altri usi cui era nel frattempo destinata. Per ridurre i costi di una popolazione che invecchia sono necessarie soprattutto riforme parametriche. Aumentare i rendimenti dei contributi versati. Se il sistema retributivo può funzionare con un livello di contributi inferiori rispetto a quelli necessari per mantenere il sistema contributivo, i lavoratori riceveranno maggiori rendimenti dai fondi versati. A livello aggregato (di intera nazione) il miglioramento è minimo, i rendimenti maggiori infatti porteranno ad un aumento dei costi di altre attività. Per esempio il passaggio da sistema contributivo a retributivo comporta di costi molto superiori ai maggiori risparmi resi possibili dal sistema retributivo. In generale il sistema retributivo ha due principali controindicazione che hanno gia scoraggiato alcune nazioni a riformare i loro sistemi contributivi. Questi sono: Lenta fase di avvio. Una riforma per il passaggio dal sistema contributivo a quello retributivo, in risposta al deficit accumulato dal sistema previdenziale di una nazione, non è in grado di fornire benefici poiché i tempi necessari affinché il sistema prenda piede e coinvolga la maggioranza dei lavoratori, sono estremamente lunghi. Si stima che sono necessarie 3 o 4 decadi tra l inaugurazione del sistema retributivo e il miglioramento dello status economico dei pensionati. Alti costi di transizione. Dove è gia operativo un sistema contributivo la riforma verso il sistema retributivo può comportare dei costi di transizione sostanziosi. I fondi necessari sono per lo più raccolti attraverso un aumento delle tasse, la riduzione della spesa pubblica e l indebitamento sui mercati finanziari. I fondi accumulati nei fondi pensione serviranno per finanziare la transizione, peggiorando il livello del reddito nazionale di un ammontare pari ai costi sostenuti. Il ministro delle finanze cileno ha stimato che dal 1981 al 1996 i costi della riforma previdenziale sono stati pari a circa il 5,7% del prodotto interno lordo annuo, i capitali accumulati nei fondi pensione sono stai invece pari al 2,7% del prodotto interno lordo, risulta un peggioramento del tasso di risparmio nazionale pari al 3% del prodotto interno lordo. 7 può gestire un deficit di bilancia commerciale finanziato appunto con i fondi pensione 12

13 Gestione pubblica o privata Molti sono convinti che il sistema retributivo sia gestito meglio se i contributi sono raccolti in fondi pensione privati. Ad essi si associano promesse di maggiori rendimenti e servizi migliori. Più in dettaglio i vantaggi della gestione privata sono i seguenti: Isolamento dalla politica nella scelta degli investimenti dei fondi pensione. Alcune ricerche hanno dimostrato che i fondi pensione privati hanno registrato una performance migliore, in termini di rendimenti lordi, rispetto ai fondi pubblici. L evidenza empirica è riconducibile al fatto che molti fondi pubblici hanno a disposizione una gamma maggiore di possibilità di investimento. I fondi potrebbero essere utilizzati per fini politici, per acquistare obbligazioni statali che rendono poco per facilitare il Governo nel finanziamento di progetti, con rendimenti soprattutto in termini di apprezzamento politico. Proprio per evitare interferenze politiche nelle scelte dei fondi pensione pubblici e della loro dirigenza sono stati emanati molti provvedimenti, per ridurre le scelte di investimento. Per esempio un fondo pensione può avere l obbligo di tenere i fondi in depositi bancari o obbligazioni statali. Tali restrizioni provocano minori rendimenti rispetto a quelli che si otterrebbero potendo sfruttare a pieno tutti i mercati finanziari. Il Canada ha recentemente modificato le norme che regolano gli investimenti del fondo pensione pubblico. In passato i risparmi accumulati nel fondo potevano essere investiti esclusivamente in bond governativi, ora sarà possibile diversificare gli investimenti come accade per i fondi privati. Resta da vedere se tale manovra consentirà di ottenere rendimenti analoghi a quelli dei fondi privati, senza incorrere in costi elevati. Migliori servizi. Laddove le agenzie pubbliche hanno fallito nel fornire servizi decenti, un cambio verso la gestione privata è un alternativa attraente. La qualità relativa dei servizi pubblici o privati varia molto da posto a posto così come l applicabilità di questo argomento parlando di gestione privata. Basti pensare ad esempio, che nel 1995 la sicurezza sociale americana pubblica è stata premiata come la compagnia che forniva i migliori servizi telefonici. Maggiore efficienza operativa. Si ritiene che un azienda privata sia un operatore più efficiente poiché ha maggiori incentivi nel ridurre i costi, adottare i miglioramenti tecnologici e le più efficienti procedure lavorative. L impatto della riduzione dei costi legata ad una maggiore efficienza ha la sua contropartita nelle spese per il marketing, necessario ai fondi privati. La gestione dei fondi pensione inoltre comporta economie di scala 8, di conseguenza nelle nazioni relativamente piccole il monopolio sulla previdenza può ridurre i costi, al punto di eccedere i guadagni di efficienza che si hanno con i fondi privati. Possibilità per i lavoratori di scegliere i fornitori. Molte riforme previdenziali sistemiche consentono ai lavoratori di scegliere tra gestori di fondi in concorrenza tra loro. La possibilità di scegliere è una caratteristica attraente, è possibile solo se la competizione è garantita tra una varietà di gestori privati e fornisce un ulteriore garanzia contro le interferenze politiche sulle strategie dei fondi pensione. 8 sarebbe a dire che più il fondo pensione è grande tanto minori sono i costi. 13

14 Le esperienze di alcune nazioni del resto suggeriscono che la gestione privata ha alcune controindicazioni. Le due più rilevanti sono: Eccessivi costi pubblicitari. Molte nazioni che hanno implementato la gestione privata delle contribuzioni individuali, hanno rilevato che la competizione per acquisire clienti genera costi pubblicitari eccessivi. Maggiori costi fanno aumentare le commissioni sui rendimenti dei fondi e riducono a livello aggregato il guadagno sociale e l ammontare delle pensioni di ciascun individuo, in ultima istanza. Le commissioni per spese amministrative ammontano al 18% del capitale gestito in molti paesi dell America Latina, al 25% nel Regno Unito. Le commissioni per trasformare i contributi in rendite (pensioni) ammontano ad un altro 10% del bilancio delle compagnie. In sostanza il costo totale della gestione privata è pari al 25% dei contributi totali che corrisponde ad una riduzione del tasso di rendimento netto dei fondi del 2-3% annuo. Solitamente le pensioni ammontano a circa il 6% del prodotto interno lordo in un sistema previdenziale pubblico; se ad esso aggiungiamo i costi amministrativi la percentuale salirebbe di un altro 2% circa. Necessità di regole chiare. La riforma delle pensioni in America Latina si basa su un attenta regolamentazione di un limitato numero di fondi pensione autorizzati dal governo. In Argentina e Cile ad esempio il legislatore sulla previdenza ha circa 10 impiegati per ogni fondo pensione autorizzato. Leggi e regolamenti specificano il tipo di investimenti praticabili, le condizioni che consentono di migrare da un gestore all altro e molte procedure operative dei fondi privati. Un attenta regolamentazione è vista come una protezione necessaria per lavoratori e governo. Il Regno Unito invece ha dato il via al programma di decentralizzazione dei fondi pensione senza garantire una regolamentazione effettiva a tutela dei consumatori; ne sono derivati costi maggiori e vari scandali di cui i lavoratori ancora ne pagano le conseguenze. contributi definiti o prestazioni definite Quasi tutti i fondi pensione (pubblici e privati) riformati di recente prevedono un sistema basato su contributi fissi. È previsto che la pensione sia calcolata utilizzando una formula che tenga conto dei salario mensile medio dei lavoratori oppure che cambia al variare dei redditi percepiti prima del pensionamento e dell esperienza lavorativa. In un sistema del genere sono specificati i contributi ma non le prestazioni cui daranno diritto. La pensione mensile sarà pari alla rendita garantita dall ammontare dei fondi versati più il loro tasso di rendimento netto. Un sistema che si basa su uno schema retributivo gestito da privati gode di molti vantaggi qualora adotti un sistema a contributi definiti: Aumenta la portabilità. È possibile cambiare fondo pensione solo se il sistema è a contributi definiti, nell altro caso sarebbe praticamente impossibile migrare da un gestore all altro. Sviluppa la competizione tra i manager e aumenta le possibili strategie di investimento. Ogni sistema previdenziale che preveda la libera scelta dei lavoratori, in termini di gestori o di strategie di investimento è possibile grazie al sistema a contributi definiti. 14

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli