Ispettorato Pensioni. I quaderni dell ispettorato. L età pensionabile delle donne nella Pubblica Amministrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ispettorato Pensioni. I quaderni dell ispettorato. L età pensionabile delle donne nella Pubblica Amministrazione"

Transcript

1 Ispettorato Pensioni I quaderni dell ispettorato L età pensionabile delle donne nella Pubblica Amministrazione

2 Ispettorato Pensioni I Quaderni dell Ispettorato L età pensionabile delle donne nella Pubblica Amministrazione Febbraio 2010 Responsabile Pasquale Gratteri a cura di Sonia Basilici e Gianni Farrace Redazione Daniela De Sanctis

3

4 In occasione della II Edizione delle Giornate di Studio, Le pensioni nella Pubblica Amministrazione: evoluzione, istituti, procedure. Legge 6 agosto 2008 n. 133, organizzata dall Ispettorato Pensioni nei giorni 1-2 aprile 2009, è stata presentata la serie de I Quaderni dell Ispettorato, il cui primo numero è stato dedicato a Il riconoscimento della causa di servizio. Con la presente seconda pubblicazione si è inteso affrontare un tema di attualità, oggetto di un vivace dibattito e con profonde ripercussioni sulla società civile: l età pensionabile delle donne che lavorano nella Pubblica Amministrazione, il cui progressivo innalzamento è stato disposto con l art. 22 ter della L. 3 agosto 2009 n. 102, in attuazione della sentenza n. C-46/07 della Corte di Giustizia delle Comunità Europee del 13 novembre La scelta dell Ispettorato Pensioni della Sapienza di dare vita a Quaderni tematici, con cadenza semestrale, dove affrontare, analizzare ed approfondire, di volta in volta, aspetti di interesse previdenziale, rappresenta non solo un efficace strumento di aggiornamento degli addetti ai lavori, nonché di valorizzazione del bagaglio di conoscenze e competenze del personale dell Ispettorato Pensioni, ma anche di informazione a tutti i dipendenti di questa Università. E auspicabile che l iniziativa si possa, per il futuro, arricchire dell intervento anche da parte di esperti esterni alla Sapienza, coinvolgendo, così, nella discussione le Università che vorranno offrire il loro contributo. CARLO MUSTO D AMORE

5

6 Prima di procedere all esame delle norme in tema di età pensionabile della donna nella P.A. è forse utile illustrare qualche dato statistico tratto dalla realtà socio-economica. Innanzitutto va detto che, secondo i dati Istat relativi all anno 2007, l aspettativa di vita maschile in Italia è vicina ai 78,5 anni mentre quella femminile è di 84 anni (due anni in più rispetto alla media dell Unione Europea) 1. Chi arriva a 60 anni ha un aspettativa di vita di 22 anni, se uomo, e di 26,5, se donna. Chi arriva ai 65 anni, poi, può sperare sempre stando alle statistiche di vivere almeno 12 anni in buona salute. I dati sopra riportati relativi alla longevità degli italiani, combinati con i dati relativi alla ben nota denatalità che caratterizza da tempo il nostro Paese, danno luogo ad un altro, poco invidiabile, record della popolazione italiana: quello dell invecchiamento. La quota di italiani sopra i 65 anni è arrivata al 20%, mentre la quota di italiani al di sotto dei 25 è scesa sotto il 25% (record negativo europeo). Se ai dati precedenti si aggiunge che l Italia è anche uno dei Paesi con più bassa età di pensionamento (l età media di collocamento in quiescenza è di oltre due anni più bassa rispetto a quella dell Unione Europea), il quadro si completa sempre più nei suoi termini reali: in Italia si vive due anni di più e si va in pensione due anni prima (sempre rispetto alla media europea). Ciò comporta che l Italia spenda per le prestazioni pensionistiche circa il 14% del P.I.L., contro meno dell 8% circa speso dal resto del mondo sviluppato. Basterebbero questi dati a giustificare il progressivo innalzamento dell età pensionabile che il legislatore ha operato nel corso degli ultimi anni. In particolare, la condizione femminile in campo previdenziale si rivela in tutta la sua criticità, se a quanto sopra detto si aggiunge che in Italia circa il 60% dei pensionati è donna, a cui è però destinato soltanto il 44% della spesa pubblica per le pensioni (fonte ISTAT/INPS agosto 2009, riferita all anno 2007); la pensione delle lavoratrici risulta, a parità di stipendio, più bassa di quella dei lavoratori del 25-30% 2 ; un età pensionistica di 5 anni più bassa si traduce in una pensione inferiore del 12-15% 3. 1 Dati riportati in: Alessandro Rosina, La pensione? A 65 anni per tutti, articolo del 13 gennaio 2009 in 2 Laura Vitale, intervento a Convegno su Donne e Previdenza, Roma 2 aprile Laura Vitale, ibidem.

7

8 Alcuni dati sulle pensioni in cinque Paesi dell UE-15 (Anno 2005) 4 Paesi UE - 15 Età pensionabile (dati anno 2005) Periodo contributivo per la pensione piena Indicizzazione dei trattamenti Italia 60 anni per le donne e 65 anni per gli uomini 40 anni Adeguamento annuale in base all indice dei prezzi al consumo Adeguamento Francia 60 anni per entrambi i sessi 40 anni annuale in base all indice dei prezzi al consumo Adeguamento Germania 65 anni per entrambi i sessi 45 anni annuale in base all andamento delle retribuzioni nette Adeguamento Regno Unito 65 anni per entrambi i sessi 44 anni annuale in base all indice dei prezzi al consumo Adeguamento Spagna 65 anni per entrambi i sessi 35 anni annuale in base all indice dei prezzi al consumo 4 Nicola Quirino, Europa equa e solidale, INPDAP, Roma 2009, pag. 37.

9

10 INDICE PARTE I - IL QUADRO NORMATIVO I.1 Le norme fondamentali 3 I.2 Il problema dell età pensionabile 5 I.3 La pensione di vecchiaia 7 I.4 La pensione di anzianità 10 I.5 Il diverso regime tra uomini e donne al vaglio della Corte Costituzionale 11 PARTE II - LA PARIFICAZIONE DELL ETÀ PENSIONABILE II.1 La pronuncia della Corte di giustizia delle Comunità Europee 19 II.2 La controversia 20 II.3 L iter argomentativo della Corte di giustizia 21 II.4 La posizione del Governo Italiano 23 II.5 Osservazioni critiche 23 II.5.1 Giurisprudenza 23 II.5.2 Le argomentazioni sul ricorso della Commissione 24 II.5.3 Commenti e riflessioni 24 II.6 L adeguamento della legislazione italiana alla pronuncia 28 II.6.1 La Commissione di studio sulla parificazione dell età pensionabile 28 II.6.2 La Legge 3 agosto 2009 n II.7 Conclusioni 30 Bibliografia 32 Appendice I Raccolta di giurisprudenza 35 Appendice II - Normativa 47

11

12 PARTE I IL QUADRO NORMATIVO

13

14 I.1 - Le norme fondamentali Per inquadrare la tematica del pensionamento delle donne nel pubblico impiego è necessario esaminare preliminarmente le norme che contengono i principi in proposito maggiormente rilevanti: gli artt. 3 e 37 della Costituzione e l art. 141 CE (Trattato istitutivo della Comunità Europea), oltre a procedere ad un rapido excursus dell evoluzione normativa in materia pensionistica. Ai sensi dell art. 3 della Costituzione Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali (comma 1). La norma stabilisce la c.d. eguaglianza in senso formale; essa esige che tutti i cittadini siano eguali davanti alla legge e, conseguentemente, che non si possano prevedere discriminazioni tra di loro. Il principio, assieme al principio di legalità, assicura il riconoscimento concreto dei diritti fondamentali dell uomo previsto dall art. 2 della Costituzione ( La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo ). Per dare effettività al principio di eguaglianza, il 2^ comma dell art. 3 della Costituzione impone alla Repubblica l obiettivo di rimuovere gli ostacoli che impediscano il pieno sviluppo della persona umana. È questo il principio di eguaglianza sostanziale che esige, pertanto, secondo una consolidata massima costituzionale, che vadano trattate in modo uguale le situazioni uguali e in modo diverso le situazioni diverse ; esclude, quindi, le parificazioni e le distinzioni immotivate. La Corte costituzionale ha introdotto, a questo proposito, il criterio della ragionevolezza, alla stregua del quale la discriminazione non è considerata incostituzionale se è ragionevole e giustificabile, se cioè ha lo scopo di compensare la situazione di inferiorità in cui alcuni cittadini si trovino 5. L art. 37 della Costituzione dispone: La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore (comma 1). Le condizioni di lavoro devono consentire l adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione (comma 2). 5 Tra le numerosissime opere sull argomento, v., per tutti, Commentario alla Costituzione, UTET, Torino, 2006, a cura di Raffaele Bifulco, Alfonso Celotto, Marco Olivetti. 3

15 Nell art. 37 Cost. può leggersi una specificazione del principio di uguaglianza formale di cui all art. 3: con riguardo ai rapporti di lavoro, la disposizione sopra riportata vieta le discriminazioni a danno delle donne e, al tempo stesso, impone l adozione di trattamenti speciali che tengano conto delle peculiarità proprie del ruolo materno e familiare delle donne stesse. Come si vedrà in seguito, sono state soprattutto le norme contenute negli artt. 3 e 37 della Costituzione ad essere prese a parametro per valutare la legittimità costituzionale delle norme di legge in materia di pensionamento delle donne. La L. 9 dicembre 1977, n. 903 ha fissato il principio di parità di trattamento, di cui all art. 37 della Costituzione, confermando l obbligo della parità di trattamento sia economico che normativo. Tale principio è stato ulteriormente ribadito dal D. Lgs. 11 aprile 2006, n. 198 (Codice delle pari opportunità fra uomini e donne). Per comprendere al meglio l evoluzione del principio di uguaglianza tra lavoratrici e lavoratori nell ordinamento italiano, tuttavia, è importante considerare il diritto comunitario. A partire dagli anni 70, infatti, sono state emanate numerose norme comunitarie volte alla realizzazione del principio di parità tra i sessi nel mondo del lavoro: tra le tante, particolarmente rilevanti sono le Direttive del Consiglio delle Comunità europee n. 75/117/CEE e n. 76/207/CEE ( interpretata, quest ultima, come idonea ad impedire la possibilità di licenziamento della donna, per la sola ragione del compimento dell età pensionabile, eventualmente fissata con riferimento ad un limite meno elevato di quello stabilito per l uomo ) 6, e la Direttiva n. 79/7/CEE, sulla parità di trattamento in materia di sicurezza sociale, di cui si parlerà ampiamente in seguito. La Corte di giustizia delle Comunità Europee, sin da quando il dato positivo (all epoca: art. 119 CE - Trattato di Roma 1957) si limitava a prevedere la parità di retribuzione tra lavoratore e lavoratrice, ha compiuto, a sua volta, un opera di progressiva messa a fuoco dei contenuti del principio di parità. I principi elaborati dalla giurisprudenza della Corte sono stati poi trasfusi nella nuova norma: l art. 141 CE del Trattato di Amsterdam (1997), i cui principi vanno dalla parità di retribuzione di cui al par. 1), all applicazione del principio delle pari opportunità introdotto al par. 3), fino alla completa parità tra uomini e donne nella vita lavorativa, fissata dal par. 4). 6 V. Sentenza Corte Costituzionale 11 giugno 1986, n

16 L art. 141 CE dispone: 1. Ciascuno Stato membro assicura l applicazione del principio della parità di retribuzione tra lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore. 2. Per retribuzione si intende, a norma del presente articolo, il salario o trattamento normale di base o minimo e tutti gli altri vantaggi pagati direttamente o indirettamente, in contanti o in natura, dal datore di lavoro al lavoratore in ragione dell impiego di quest ultimo. La parità di retribuzione, senza discriminazione fondata sul sesso, implica: a) che la retribuzione corrisposta per uno stesso lavoro pagato a cottimo sia fissata in base a una stessa unità di misura; b) che la retribuzione corrisposta per un lavoro pagato a tempo sia uguale per uno stesso posto di lavoro. 3. Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all articolo 251 e previa consultazione del Comitato economico e sociale, adotta misure che assicurino l applicazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione e impiego, ivi compreso il principio della parità delle retribuzioni per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore. 4. Allo scopo di assicurare l effettiva e completa parità tra uomini e donne nella vita lavorativa, il principio della parità di trattamento non osta a che uno Stato membro mantenga o adotti misure che prevedano vantaggi specifici diretti a facilitare l esercizio di un attività professionale da parte del sesso sotto-rappresentato ovvero a evitare o compensare svantaggi nelle carriere professionali. I.2 - Il problema dell età pensionabile Il tema sul quale è stata maggiormente dibattuta la conformità alla Costituzione delle norme in tema di pensionamento delle donne è sicuramente quello relativo all età pensionabile, cioè l età fissata per legge che, insieme al requisito dell anzianità di lavoro, assicurativa e contributiva, dà diritto alla pensione. La L. n. 903/1977 (Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro), con riferimento alla normativa che stabilisce per la lavoratrice un età pensionabile inferiore (55 anni per le donne, 60 per gli uomini) rispetto a quella prevista per il lavoratore, ha disposto 7 che le 7 Ai sensi dell art. 4 L. n. 903/1977, Le lavoratrici, anche se in possesso dei requisiti per aver diritto alla pensione di vecchiaia, possono optare di continuare a prestare 5

17 donne possano andare in pensione alla stessa età degli uomini, previa presentazione di una domanda, al datore di lavoro, almeno tre mesi prima del compimento dei 55 anni di età 8. Il principio di parità di trattamento, che opera anche in caso di prepensionamento, oltre che nell art. 30 del citato D. Lgs. n. 198/2006 (Codice delle pari opportunità fra uomini e donne), è stato disciplinato da due direttive comunitarie, la n. 79/7/CEE, in materia di regimi legali di sicurezza sociale e la n. 86/378, in materia di regimi professionali di sicurezza sociale, poi recepita dalla direttiva n. 54/2006. In proposito, la direttiva comunitaria n. 79/7/CEE, nell introdurre il principio di parità nei regimi pubblici obbligatori di sicurezza sociale per tutti i lavoratori, dipendenti e autonomi, pensionati e invalidi e le persone in cerca di lavoro, vietando qualsiasi discriminazione in base al sesso, ha nondimeno previsto che gli Stati membri possano non applicare il principio di parità alla fissazione dei limiti di età per la concessione della pensione di vecchiaia; con l invito, peraltro, agli Stati a verificare la giustificazione di tale esclusione tenendo conto dell evoluzione sociale. A proposito di queste eccezioni, la Corte di giustizia delle Comunità Europee, nel 1993, nel precisare che il principio doveva essere applicato anche in favore degli uomini che si fossero trovati in condizioni sfavorevoli, avvertiva che le eccezioni al principio delle pari opportunità in tema di età pensionabile andavano interpretate in modo restrittivo. Della facoltà di non applicazione del principio di parità, prevista dalla direttiva n. 79/7/CEE, l Italia ha fatto uso fino alla L. n. 102/2009 e continua a farne uso per quanto riguarda gli iscritti all I.N.P.S. la loro opera fino agli stessi limiti di età previsti per gli uomini da disposizioni legislative, regolamentari e contrattuali, previa comunicazione al datore di lavoro da effettuarsi almeno tre mesi prima della data di perfezionamento del diritto alla pensione di vecchiaia. Va precisato che la norma, al pari di quella di cui all art. 30 del D.Lgs. n. 198/2006, si applica solo alle lavoratrici iscritte all I.N.P.S. Infatti per le iscritte all I.N.P.D.A.P. vige la norma di cui all art. 4 del D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1092, che prevede: Gli impiegati civili di ruolo e non di ruolo sono collocati a riposo al compimento del sessantacinquesimo anno di età; gli operai sono collocati a riposo al compimento del sessantacinquesimo anno di età, se uomini, e del sessantesimo anno di età, se donne. 8 La Corte Costituzionale, con sentenza 27 aprile 1988 n. 498, pubblicata in G.U. 4 maggio 1988, ha dichiarato la parziale illegittimità costituzionale dell art. 4 della L. n. 903/1977 (v. appendice). 6

18 I.3 - La pensione di vecchiaia La pensione di vecchiaia è una prestazione cui si accede al perfezionamento di due requisiti: il raggiungimento dell età pensionabile e l accredito di un numero minimo di contributi. Per i lavoratori dipendenti sussiste l ulteriore requisito della cessazione del rapporto di lavoro. L età pensionabile per il dipendente pubblico, fino al , è pari a 60 anni per le donne e 65 per gli uomini. Il pensionamento al raggiungimento di tale età per le donne è tuttavia solo una facoltà, in quanto anche le donne hanno il diritto di poter lavorare, come gli uomini, fino al compimento del sessantacinquesimo anno di età. Le riforme previdenziali e pensionistiche che si sono susseguite nell ultimo ventennio hanno modificato l età pensionabile, generando un quadro normativo frammentario. Il D.P.R. n. 1092/1973, contenente l Approvazione del Testo Unico delle norme sul trattamento di quiescenza dei dipendenti civili e militari dello Stato, disciplina, come è noto, il sistema pensionistico statale italiano; in questo testo sono state riordinate le norme pensionistiche emanate nell arco dei quasi 80 anni successivi al precedente Testo Unico in materia pensionistica approvato con R.D. 21 febbraio 1895, n. 70. L art. 4 del D.P.R. n. 1092/1973 disponeva, per i dipendenti statali, che il collocamento a riposo, equivalente alla pensione di vecchiaia, si conseguisse al compimento del sessantacinquesimo anno di età; l unica differenza prevista era quella che riguardava il personale operaio femminile, che andava in pensione a 60 anni. Negli anni 90, col crescere della preoccupazione per il futuro del sistema pensionistico, determinata soprattutto dalla diminuzione della durata media della vita lavorativa, l età pensionabile è divenuta il principale argomento di dibattito nella materia, dibattito che è sfociato nelle due grandi riforme del 1992 e del La prima riforma è stata realizzata in attuazione della L. 23 ottobre 1992, n. 421, mediante il D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 503 (riforma Amato) - modificato dalla L. 23 dicembre 1994, n. 724 che ha, tra l altro, previsto un innalzamento graduale dell età della pensione di vecchiaia 9 per i lavoratori pubblici e privati sino ad arrivare, a regime, a 60 anni per le donne e a 65 anni per gli uomini, limite raggiunto nell anno Tab. A, D. Lgs n. 503/1992, come sostituita dall art. 11 Tab. A Legge n. 724/

19 L insorgenza di vari fattori, primo fra tutti l entità della spesa previdenziale, legato al problema più generale del risanamento della finanza pubblica, e poi il fattore demografico - relativo sia all allungamento della speranza di vita, sia al calo della natalità, sia all esigenza di garantire un trattamento equanime ai soggetti della stessa generazione con trattamenti pensionistici difformi - ha indotto il legislatore a varare un ulteriore riforma di notevole portata, attuata con la L. 8 agosto 1995, n. 335 (riforma Dini). Questa riforma, nell affrontare il problema dell uniformità dei trattamenti pensionistici - per quanto riguarda le pensioni calcolate con il sistema contributivo - ha introdotto lo stesso sistema di calcolo della prestazione pensionistica indipendentemente dalla gestione previdenziale alla quale il lavoratore è iscritto. Pertanto, non è prevista alcuna distinzione di età pensionabile tra uomini e donne: per tutti vale la fascia di età anni (principio dell età flessibile). La donna può però avvalersi di periodi di abbuono sull età pensionabile a seconda del numero dei figli. Nella stessa legge, all art. 2 comma 21, viene data la possibilità alla lavoratrice di poter accedere al pensionamento di vecchiaia al compimento del sessantesimo anno di età. Il legislatore è intervenuto nuovamente sulla materia pensionistica, con la L. 23 agosto 2004, n. 243 (riforma Maroni) che, ancorché entrata in vigore il 6 ottobre 2004, differisce nel tempo gli effetti della maggior parte delle norme, prevedendo nuovi requisiti per il diritto e per l accesso al trattamento pensionistico a decorrere dal 1 gennaio Questa legge, all art. 1 comma 6 lett. b, ha superato il principio dell età flessibile tornando al principio della differenza di età pensionabile fra uomini e donne. Uno dei punti cardine della riforma è stato senz altro l innalzamento dell età per l accesso alla pensione di anzianità, che viene portata, dal 2008, a 60 anni, con almeno 35 anni di contributi, per quanto riguarda la pensione di tipo retributivo. L età anagrafica richiesta è destinata a salire negli anni successivi. La riforma non apporta modifiche sino al 31 dicembre 2007: restano, pertanto, confermate le regole previgenti. Per l accesso alla pensione di vecchiaia, nel sistema di calcolo retributivo o misto, rimangono confermati, anche dopo il 2007, i requisiti anagrafici e contributivi richiesti dalla normativa vigente In particolare, si matura il diritto a tale trattamento pensionistico con 65 anni di età per gli uomini e almeno 60 per le donne, congiuntamente a 20 anni di anzianità contributiva, ovvero 15 anni di contributi se in attività lavorativa alla data del 31 dicembre Fino al 31 dicembre 2007, in alternativa, si ha diritto al trattamento pensionistico di anzianità qualora 8

20 Le lavoratrici dipendenti possono, in alternativa ai requisiti più gravosi, previsti a partire dal 2008, accedere alla pensione di anzianità con i precedenti requisiti (35 anni di contributi e 57 anni di età), a condizione che optino per una liquidazione del trattamento pensionistico secondo le regole di calcolo del sistema contributivo. Ulteriore riforma è stata adottata dal legislatore con la L. 24 dicembre 2007, n. 247 (riforma Damiano), che è entrata in vigore il 1 gennaio 2008 ed ha modificato, in parte, alcuni aspetti già disciplinati dalla L. n. 243/2004. Viene confermata la salvaguardia, già prevista dalla riforma Maroni, per i dipendenti che al 31 dicembre 2007 erano già in possesso dei requisiti anagrafici e di anzianità contributiva, ai quali è stata data la possibilità di accedere alla prestazione pensionistica, anche successivamente al 1 gennaio 2008, secondo la previgente normativa. Stessa salvaguardia è prevista per le lavoratrici dipendenti che, prescindendo dai nuovi requisiti richiesti, possono conseguire il diritto a pensione con 35 anni di contribuzione e 57 anni di età, optando per la liquidazione del trattamento secondo le regole di calcolo contributivo. Come anticipato, sulla materia pensionistica, è intervenuta anche la giurisprudenza europea chiamata ad affrontare il nodo della disparità dell età pensionabile tra donne e uomini iscritti all I.N.P.D.A.P., a seguito di una procedura d infrazione avviata dalla Commissione. Si è giunti così alla sentenza 13 novembre 2008, n. C-46/07 della Corte di giustizia delle Comunità Europee, che ha imposto la parificazione dell età pensionabile delle donne a quella dei colleghi maschi, attuata con la L. n. 102/2009. I.4 - La pensione di anzianità Quanto detto fin qui riguarda la pensione di vecchiaia. Non esistono differenze legate al sesso per quanto riguarda, invece, la pensione di anzianità, istituto che rappresenta una peculiarità dell ordinamento italiano, basato sulla possibilità di chiedere il pensionamento prima di raggiungere il limite d età stabilito per la pensione di vecchiaia, a condizione di possedere i requisiti anagrafici e contributivi previsti dalla legge. l iscritto abbia maturato 40 anni di anzianità contributiva, a prescindere dall età anagrafica, qualora espressamente indicato come limite di servizio dai regolamenti organici dei singoli enti o da specifiche norme contrattuali. 9

21 Nondimeno in passato, alcuni regimi speciali, come quelli del pubblico impiego e dei dipendenti di enti locali, avevano previsto requisiti di anzianità molto più bassi di quelli dell I.N.P.S. e ancora più bassi per le donne coniugate e con prole. Nel T.U. (D.P.R. n. 1092/1973) era prevista, infatti, una forte salvaguardia per le donne sposate o con prole che, in base all art. 42, potevano chiedere il pensionamento anticipato con anni 14, mesi 6, giorni 1 di servizio utile, con il percepimento differito della pensione e con la concessione di un abbuono fino a maturare il minimo pensionabile di 20 anni 11. L art. 8 del D. Lgs. n. 503/1992, dal 1 gennaio 1993, per le suddette ipotesi di cessazione anticipata dal servizio, ha confermato il suesposto beneficio, se già raggiunto alla data del 31 dicembre 1992, per il conseguimento del diritto alla pensione di anzianità nel limite dei 20 anni di servizio effettivo. La norma generalmente è stata considerata di favore per le donne in relazione alla essenziale funzione familiare richiamata dall art. 37 della Costituzione. Come è noto, nel 1992 il D.Lgs. n. 503, con l omogeneizzazione dei regimi pensionistici che ha previsto il requisito dei 35 anni di contribuzione e l introduzione del requisito dei 57 anni di età anagrafica per la pensione di anzianità, ha posto fine al fenomeno delle c.d. pensioni baby. Nella L. n. 335/1995 il requisito dell anzianità contributiva era salito a 40 anni senza differenze tra uomini e donne. Successivamente, la L. n. 243/2004 ha individuato per le donne una previsione più favorevole. Seppure in via sperimentale, dal 2008 fino al 2015 le lavoratrici, che avessero accettato il sistema di calcolo contributivo, avrebbero potuto godere della pensione di anzianità con i requisiti precedenti, ovvero 35 di contribuzione e 57 anni di età (anziché i 60 previsti per gli altri casi). La L. n. 247/2007 a sua volta ha previsto un innalzamento graduale dell età anagrafica (di un anno invece che tre) a partire dal 2008 fino al 2013, senza differenze di genere. 11 L art. 42, comma 2, del D.P.R. n. 1092/1973 dispone: Nei casi di dimissioni, di decadenza, di destituzione e in ogni altro caso di cessazione dal servizio, il dipendente civile ha diritto alla pensione normale se ha compiuto venti anni di servizio effettivo; al comma 3 ha previsto che alla dipendente dimissionaria coniugata o con prole a carico spetta, ai fini del compimento dell anzianità di venti anni di servizio effettivo, un aumento del servizio effettivo sino al massimo di cinque anni. 10

22 I.5 - Il diverso regime tra uomini e donne al vaglio della Corte Costituzionale Come si è visto, a più riprese il legislatore ha introdotto un diverso regime tra uomini e donne. In proposito la giurisprudenza amministrativa, contabile e costituzionale si è, nel corso degli anni, più volte pronunciata esprimendo giudizi diversi 12. La Corte Costituzionale si è espressa in materia di differente età pensionabile tra uomo e donna in numerose occasioni 13. Nella sentenza n. 123 dell 11/07/1969, la scelta del legislatore di prevedere un età pensionabile inferiore per la donna lavoratrice è giustificata con l esigenza di salvaguardare l essenzialità della funzione familiare della donna, richiamata dall art. 37 della Costituzione (sul presupposto che la attitudine al lavoro in via di massima, viene meno nella donna prima che nell uomo, in genere di maggior resistenza fisica e che la lavoratrice, raggiunto il cinquantacinquesimo anno di età, è opportuno torni ad accudire esclusivamente la famiglia ). La sentenza. n. 137 del 15/07/1969 ha stabilito che la norma contenuta nell art. 12 del R.D.L. 14 aprile 1939 n. 636, convertito in Legge 6 luglio 1939 n. 1272, così come modificato dall art. 2 della Legge 4 aprile 1952 n dettata per la pensione di vecchiaia e di invalidità e di recente applicata alla pensione di anzianità - non è in contrasto con gli artt. 3 e 37 della Costituzione, nonostante prescriva per la donna una pensione inferiore a quella dell uomo, a parità di retribuzione e di contribuzione. E ciò perché, ai fini della pensione di vecchiaia, occorre tener conto dell importanza che, nella relativa liquidazione, assume il maggior periodo di tempo di prestazione d opera, in quanto per la donna si tratta di pensione percepita a 55 anni e per l uomo a 60 anni, cioè dopo altri 5 anni di lavoro. Ed occorre tener presente altresì che, per il meccanismo di calcolo prescritto in detto art. 12 del R.D.L. n. 636 del 1939, se la donna differisce il pensionamento fino al sessantesimo anno, ogni disparità scompare e, successivamente, dal sessantesimo al sessantacinquesimo anno, le due pensioni aumentano in condizione di parità, sulla base di percentuali uguali. La disparità, cioè, è soltanto iniziale ed è dovuta al fatto che il lavoratore si inserisce nella scala degli importi di pensione a sessanta e non già a cinquantacinque anni. Queste considerazioni 12 In appendice è riportata, in ordine cronologico, una raccolta di massime giurisprudenziali. 13 Le massime delle sentenze citate sono in appendice. 11

23 inducono a pervenire alle medesime conclusioni per la pensione di invalidità e di anzianità, atteso che la posizione dell uomo e della donna, nell assicurazione obbligatoria, non va valutata in funzione di ogni singola prestazione, ma globalmente, per tutti gli eventi protetti, in quanto il rapporto assicurativo della previdenza sociale ha la caratteristica fondamentale dell unitarietà, realizzandosi la tutela attraverso un unica assicurazione ed un uniforme disciplina rispetto alle obbligazioni contributive. Nella sentenza n. 137 del 18/06/1986, emessa con riferimento alla legislazione vincolistica in tema di licenziamento, il giudizio è stato ribaltato nel senso dell illegittimità costituzionale della normativa (art. 11 della L. 15 luglio 1966, n. 604; art. 9 del R.D.L. 14 aprile 1939, n. 636, conv. in L. 6 luglio 1939, n. 1272, modificato dall art. 2 della L. 4 aprile 1952, n. 218; art. 15 D.L.C.P.S. 16 luglio 1947, n. 708; art. 16 L. 4 dicembre 1956, n. 1450) che prevede per il conseguimento della pensione di vecchiaia da parte della donna un età anticipata rispetto a quella prevista per l uomo. A questo giudizio la Corte è pervenuta innanzitutto prendendo in considerazione diversi fattori che hanno inciso sull attitudine lavorativa della donna: innanzitutto l evoluzione normativa della materia [emanazione della L. 20 maggio 1970, n. 300 (Statuto dei lavoratori); della L. 30 dicembre 1971, n (sulla tutela della maternità); le leggi di riforma della scuola (L. 18 marzo 1968, n. 444; D.P.R. 31 maggio 1974, n. 420; L. n. 349/1974; D.L. n. 13/1976; ecc.); la legge di riforma del diritto di famiglia (L. 19 giugno 1975, n. 151)], l avvento di nuove tecnologie, l evoluzione della giurisprudenza del lavoro, nonché dell ordinamento comunitario nel senso di una sempre più incisiva applicazione del principio di parità fra uomo e donna. Tutti questi fattori, per quanto riguarda la donna lavoratrice, hanno inciso profondamente, a giudizio della Corte, non solo sulle condizioni di lavoro che la riguardano in modo particolare, ma anche sull attitudine lavorativa della stessa. La sentenza n. 498 del 21/04/1988 ha dichiarato costituzionalmente illegittimo - per violazione degli artt. 3 e 37 Cost. - l art. 4 della L. n. 903/1977, nella parte in cui subordina il diritto delle lavoratrici, in possesso dei requisiti per la pensione di vecchiaia, di continuare a prestare la loro opera fino agli stessi limiti di età previsti per gli uomini da disposizioni legislative, regolamentari e contrattuali, all esercizio di un opzione in tal senso, da comunicare al datore di lavoro non oltre la data di maturazione dei predetti requisiti. (Stante che l età lavorativa deve essere eguale per la donna e per l uomo, rimane fermo il 12

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Dicembre 2008 Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? È discriminatorio mantenere in vigore un regime pensionistico

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1 1. E vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

Alessandro Raffo. Avvocato

Alessandro Raffo. Avvocato Roma, 8 ottobre 2014 Spettabile UGL INTESA FUNZIONE PUBBLICA AREA DEL CONTENZIOSO Via Bartolomeo Eustachio, 22 00161 ROMA Alla c.a. della Responsabile, avv. Claudia Ratti OGGETTO: PARERE PRO VERITATE SULLA

Dettagli

Anni 1998-2001 2002-2004 2005-2007 dal 2008. Limiti di età 57 58 59 60

Anni 1998-2001 2002-2004 2005-2007 dal 2008. Limiti di età 57 58 59 60 PENSIONI Dlgs 165/97, armonizzazione regimi previdenziali personale militare, di polizia e vigili del fuoco Sulla G.U. n. 139 del 17.6.1997 è stato pubblicato il Dlgs n. 165 del 30.4.1997 di attuazione

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO News del : 04/05/2015 U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO OGGETTO: Pensionistica trattamento anticipato di anzianita sospensione delle penalizzazioni fino al 2017 Si fa seguito ai comunicati UICI

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Messaggio N. 008381 del 15/05/2012. INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza

Messaggio N. 008381 del 15/05/2012. INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza Messaggio N. 008381 del 15/05/2012 INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza Ai Direttori Centrali Ai Direttori Regionali Ai Direttori Provinciali Ai Direttori delle Agenzie Oggetto: Chiarimenti

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Premessa La previdenza obbligatoria 2 Nel tempo numerosi sono stati i traguardi raggiunti nella direzione del miglioramento

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento ai sensi dell art. 24, comma 18, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre

Dettagli

Il nuovo sistema pensionistico introdotto dal c.d. decreto Monti

Il nuovo sistema pensionistico introdotto dal c.d. decreto Monti Il nuovo sistema pensionistico introdotto dal c.d. decreto Monti PREMESSA La riforma pensionistica disciplinata dal decreto Monti rappresenta, certamente, un punto di svolta nel sistema previdenziale italiano:

Dettagli

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico Oggetto: D.M. n. 1058 del 23 dicembre 2013 (diramato con nota AOODPIT n.2855 del 23 dicembre 2013) - Cessazioni dal servizio dal 1 settembre 2014. Si fa riferimento alla nota AOODPIT n. 2855 del 23 dicembre

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

APPUNTI DI PREVIDENZA

APPUNTI DI PREVIDENZA Unione Italiana Lavoratori della COMunicazione Segreteria Provinciale e Regionale Via Alessandria, 21 10152 Torino tel. 011.232188 Fax 011.232176 Posta elettronica : uilcomunicazione@uilcomunicazione.net

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR La Consulta dichiara non fondata la questione di illegittimità costituzionale in merito alla disparità di trattamento tra dipendenti pubblici e privati in TFR e tra assunti post e ante 2001. La recente

Dettagli

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo L ARGOMENTO DEL MESE INDENNITA SOSTITUTIVA DEL PREAVVISO: Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo. Effetti della corresponsione della indennità sostitutiva del preavviso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 22 DICEMBRE 2011, N. 214.

CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 22 DICEMBRE 2011, N. 214. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO PER L'ARMONIZZAZIONE ALL'ASSICURAZIONE GENERALE OBBLIGATORIA DEI REQUISITI MINIMI DI ACCESSO AL PENSIONAMENTO DI CATEGORIE DI PERSONALE ISCRITTO

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014 Direzione Centrale Previdenza Roma, 05/06/2014 Circolare n. 73 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. PREG.MI COLLEGHI DELLA SCUOLA, Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. Questa segreteria provinciale, ritenendo di fare

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA N. R.G. 2015/435 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 Il Giudice del Lavoro dott. Mariarosa Pipponzi, a scioglimento

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio III TFS, TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, 30/11/2011 NOTA OPERATIVA N. 41

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE MODIFICHE PRINCIPALI PENSIONI DI VECCHIAIA Nuovi requisiti amministrativi, di età per l accesso al pensionamento e nuovi sistemi di calcolo PENSIONE

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO.

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO. Circolare n.1/2008 Prot. n.1008/cm0447 del 23.1.2008 Posiz. UFFICIO RISCATTI E PENSIONI Allegati n. - Al personale di ruolo e non di ruolo dell Università degli Studi del Sannio L O RO S E D I OGGETTO:

Dettagli

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva INPS- ex INPDAP ENPAM Vantaggi e svantaggi di una scelta difficile L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 SERVIZI ANAAO ASSOMED La sentenza 08.10.2012 n. 223 della Corte Costituzionale offre molteplici spunti di riflessione non solo sulle specifiche disposizione oggetto

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Circolare n. 24 del 19 giugno 2013 Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40 / 0021268 Agli indirizzi in allegato Oggetto: articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge 28

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Ai Dirigenti generali Ai Dirigenti degli Uffici centrali e periferici. Ai Coordinatori delle consulenze professionali

Ai Dirigenti generali Ai Dirigenti degli Uffici centrali e periferici. Ai Coordinatori delle consulenze professionali Roma, 08.06.2000 DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFFICIO III - COORDINAMENTO Circolare n. 29 Ai Dirigenti generali Ai Dirigenti degli Uffici centrali e periferici Ai Coordinatori delle consulenze

Dettagli

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 15 Maggio 2008 Circolare n. 60 Allegati n. 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

E.N.P.A.F. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA FARMACISTI Roma, 6 dicembre 2012

E.N.P.A.F. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA FARMACISTI Roma, 6 dicembre 2012 E.N.P.A.F. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA FARMACISTI Roma, 6 dicembre 2012 FONDAZIONE DI DIRITTO PRIVATO Viale Pasteur, 49-00144 ROMA Tel. 06 54711 - Fax 06 5917732 Cod. Fisc. 80039550589

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO Paolo Gianni (Comm. Sindacale CNU) Premessa Data la complessità delle norme che regolano l erogazione della pensione ed i requisiti per

Dettagli

Commissione di studio sulla parificazione dell età pensionabile. Relazione versione del 19.01.2009 Lavoro in progress

Commissione di studio sulla parificazione dell età pensionabile. Relazione versione del 19.01.2009 Lavoro in progress Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della funzione pubblica Commissione di studio sulla parificazione dell età pensionabile Relazione versione del 19.01.2009 Lavoro in progress 1. Il problema

Dettagli

Esposizione del quesito

Esposizione del quesito RISOLUZIONE N. 30/E Roma, 31 gennaio 2002 Oggetto: Istanza di interpello n../2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dalla Banca XY società cooperativa per azioni a responsabilità

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Rapporto di lavoro a tempo parziale: è discriminazione l imposizione di una durata di contribuzione superiore (CGE C 385/2011) Rinaldi Manuela

Rapporto di lavoro a tempo parziale: è discriminazione l imposizione di una durata di contribuzione superiore (CGE C 385/2011) Rinaldi Manuela Rapporto di lavoro a tempo parziale: è discriminazione l imposizione di una durata di contribuzione superiore (CGE C 385/2011) Rinaldi Manuela Diritto.it Massima E discriminatoria la normativa spagnola

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni.

Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni. SEMINARIO DALLA CONCILIAZIONE AL WELFARE AZIENDALE Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni. Il mio

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI Coordinamento Nazionale FLP-Interno Ministero dell'interno - Palazzo Viminale - Palazzina F, 1 piano, stanza n. 50-00184 Roma Tel. 06.46547989 fax 06.46547954 flp_interno@icloud.com www.flp-interno.it

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

S.U. L. P. M. S.U. L. P. L. UFFICIO STUDI S.U.L.P.M. SINDACATO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA MUNICIPALE. Ufficio studi e formazione quadri sindacali

S.U. L. P. M. S.U. L. P. L. UFFICIO STUDI S.U.L.P.M. SINDACATO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA MUNICIPALE. Ufficio studi e formazione quadri sindacali S.U. L. P. M. S.U. L. P. L. UFFICIO STUDI S.U.L.P.M. SINDACATO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA MUNICIPALE Ufficio studi e formazione quadri sindacali VADEMECUM PENSIONI DAL 2012-1 - Per poter andare in pensione,

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL.

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. ( OVVERO UGUAGLIANZA NELLA DISUGUAGLIANZA), LEGGE 124/99 - ART.8 TRASFERIMENTO DI PERSONALE SCOLASTICO A.T.A.

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2011

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2011 Direzione Centrale Entrate Roma, 28/09/2011 Circolare n. 122 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale.

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Alcune amministrazioni, in violazione del Contratto

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa

La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa di Stefano Stefani [*] Sommario La recente giurisprudenza si è espressa, in modo anche diversificato ma certamente negativo,

Dettagli