Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età"

Transcript

1 Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età Alessandro Rosina RIVOLUZIONE INDUSTRIALE/ TRANSIZIONE DEMOGRAFICA I 150 anni che hanno cambiato (per sempre) il mondo Storia dell umanità evolve senza soluzione di continuità fino a circa anni fa. Tutto cambia in modo imprevedibile ed inedito. 2 Si entra in un nuovo mondo, (che però è un succedersi di mondi che si accavallano uno sull altro in un processo di innovazione continua). 1

2 Indicatori demografici particolarmente efficaci per illustrare il cambiamento e suo impatto sulle vite individuali Fino a 150 anni fa fondamentali demografici rimasti sostanzialmente fissi: Fecondità di tipo naturale (tanti figli quanti ne venivano) Mortalità infantile elevatissima (meno di un figlio su due arrivava all età dei genitori). Pochi arrivavano (in buone condizioni) oltre i 65 anni. 3 Cosa innesca il cambiamento? Nuova fiducia nelle proprie capacità di migliorare il mondo (controllo dei rischi e miglioramento delle opportunità). 4 2

3 5 Cambiamento continuo: ogni generazione vive in un nuovo mondo Nel vecchio mondo un figlio vedeva rispecchiato il proprio destino sul volto del padre (nel fortunato caso di riuscire ad arrivare alla sua età). Oggi un figlio arriva facilmente alla stessa età del padre ma in condizioni di benessere fisico molto migliori: Un figlio a 40 anni è come il padre a 32. Un figlio a 80 anni è come il nonno a

4 Un cambiamento che non può essere stabilizzato, va alimentato e sostenuto Perché chi non migliora, peggiora e torna indietro! 7 Le tre «i» dell invecchiamento: Inedito: processo nuovo nella storia dell'umanità. Incisivo: destinato ad agire marcatamente in tutti i paesi del mondo e in tutte le classi sociali. Irreversibile: popolazione con tanti anziani esito permanente del fatto che si vive progressivamente più a lungo e si fanno meno figli rispetto al passato. 8 4

5 Speranza di vita alla nascita in Italia 9 Uno dei paesi con maggiore longevità: 79 U, 84 D Oltre 90 (D) entro la metà del secolo. Chi nasce oggi vivrà in media oltre i 100! Evoluzione delle nascite 10 Da oltre un milione di nascite a poco più di 500 mila (484 mila senza immigrazione). 5

6 Percentuale di popolazione Mondo Europa Italia Nel 2050 gli over 60 saranno due miliardi, contro i 700 milioni attuali. In Italia nel 2050 sarà over 65 una persona su tre, contro una su dieci negli anni Cinquanta. Italia primo paese con over 65 > under 15 Popolazione anziana e in età lavorativa. Dati e previsioni Popolazione over 65 Curve sovrapposte dei tre diversi scenari previsivi dell Istat Popolazione in età Entriamo in una fase in cui peso della popolazione a anziana accentuato da riduzione popolazione età attiva. Fonte: elaborazione dati Istat 6

7 Indice dipendenza degli anziani Il rapporto tra over 65 e popolazione previsto rimanere il più alto in Europa. Vicino comunque ai valori della Germania. Fonte: dati Ocse. Valore medio Ocse pari a circa 72%, poco sopra il 76% in Germania. La Germania riesce comunque a compensare contenendo numero inattivi e mantenendo alto numero di occupati. Valori invece oltre il 110% in Italia: più quelli che non partecipano al MdL rispetto a quelli che lavorano! Fonte: Ocse, anno

8 I cambiamenti nella forza lavoro Percentuale delle fasce adulte sulla popolazione totale 15 Paese in cui anziani aumentano di più e forza lavoro più matura Ma minor attività (tasso di occup pari a 38% contro 47,5% Eu27) Le opportunità dei «giovani anziani»: più si invecchia e meno si è «vecchi» Necessaria una ri-definizione dell età anziana (nuove soglie): Tardo adulti 55-64; Giovani-anziani 65-79; Grandi anziani: 80+ Migliorano: la salute, le condizioni fisiche, la quantità di vita residua, la qualità e lo stile di vita, il livello economico e culturale. Licenza elementare Licenza media Diploma 2-3 anni Diploma 4-5 anni Laurea breve, laurea, dottorato Totale ,04 26,37 6,21 43,65 20,72 100, ,89 36,36 7,28 35,70 15,77 100, ,10 39,10 8,00 30,79 12,01 100, ,10 30,88 5,86 21,49 10,67 100,00 Fonte: Elaborazionisu dati Istat, Indaginesu FFLL 16 8

9 Eterogeneità: opportunità ma non per tutti allo stesso modo La probabilità di vivere a lungo varia molto: da persona a persona per categorie di genere e sociali + 5 per le donne, + 6 per i laureati ma anche per motivazioni e atteggiamento (+ 2 per chi ha visione positiva del futuro) Avere 65 anni non è lo stesso oggi che in passato ma ha anche valenza diversa tra soggetti diversi. Importante quindi superare soglie rigide di età 17 Le età della vita (Ricerca Episteme-Axa) A che età si diventa ADULTI 25 per il 11.8% 30 per il 26.4% 50 per il 7.8% voto medio 40 per il 15.8% 35 per il 8.1% A che età si diventa GRANDI ANZIANI per il 14.0% voto medio 80 per il 43.0% 85 per il 13.3% 75 per il 12.6% 70 per il 9.2% per il 9.7% 9

10 La crescita dei «grandi anziani» (over 80) 19 Da mezzo milione nel 1951 a circa 3,5 milioni oggi a oltre 8 milioni entro 2050 (dall 1% a oltre il 13%) Anziani soli ma non isolati? <30 min da 1/2 a 1 oltre 1h Tot

11 Forte solidarietà intergenerazionale caratteristica del modello familiare italiano in combinazione con carenza servizi pubblici. Modello favorito in passato da: Forte prossimità territoriale Bassa occupazione femminile Pochi anziani e ampia pop. attiva (rete familiare estesa, tanti figli e nipoti) Oggi sempre meno vero Conseguenza: eccesso di carico sulle famiglie riduzione possibilità di cura e assistenza (peso su donne mezza età, tradizionali care-givers). 21 Un analisi su occupazione femminile matura Analisi occupazione donne di mezza età (50-59) Indagine SHARE (Survey of Health, Ageing and Retirement in Europe) Confronto tra Italia, Svezia e Francia. Principali risultati: Occup. femm. più bassa e + forte ruolo education (ambivalente education marito) Vicinanza genitori anziani con problemi salute ha impatto signif. (-) solo in Italia e solo per le donne. 22 Bordone V., Rosina A. (2012), «The role of education in the reconciliation between female occupation and family responsibilities at mid-life», Journal of Population Research (in corso di stampa). 11

12 La rivoluzione che ci manca: nuovo welfare per una società matura Il welfare non può più essere quello di una volta Costoso: non possiamo più permettercelo. Carente: incentrato soprattutto su maschio adulto (inadeguato per donne, famiglie, giovani, ecc.). Superato: soprattutto passivo e risarcitorio, inadeguato a rispondere alle grandi trasformazioni in corso (sociali e demografiche). Non esistono più soluzioni valide per tutti e per sempre Aumenta la complessità, aumentano i rischi, saltano i vecchi punti di riferimento, più difficile orientarsi. Ma bisogna comunque scegliere. 12

13 Nuovo welfare con al centro il cittadino soggetto attivo La scelta è responsabilità dei singoli. Sta soprattutto a loro: riconoscere proprie esigenze e bisogni, valutare opportunità e rischi in funzione di specifiche capacità e obiettivi di vita, individuare le risposte orientandosi tra le opzioni disponibili. Ma senza essere abbandonati a se stessi. Politiche per una «lunga vita attiva» La questione non è tanto quanto spostare età pensionamento Ma come migliorare il tasso di attività in età matura. Sfida invecchiamento si vince costruendo un sistema sociale e produttivo nel quale sia possibile, desiderabile e conveniente rimanere attivi più a lungo

14 Cresce la propensione a (ri)mettersi in gioco 27 Ricerca qualitativa vita nuova (E. Oggioni, U.C. et al.) Atteggiamenti e percorsi di vita dopo i 55 anni (di avanguardie privilegiate ) In positivo : forte orientamento a rimanere attivi (lavoro ma non solo) In negativo : mancanza di modello culturale di riferimento (rispetto alle generazioni precedenti a anni si è ancora in grado di far e dare molto, ma si arriva impreparati) Tattica attuata: ricerca di soluzioni individuali, coerenti con proprie esigenze, condizioni e desideri. Alcuni profili tipo : Completa continuità con attività lavorativa di sempre, con stesse modalità. Forte discontinuità (per scelta o perché costretti) con attività precedente (nuovo tipo di lavoro, ma anche luogo di residenza, o altre dimensioni di vita). Soluzioni di adjustment: modifica di alcuni aspetti e continuità di altri (prosegue attività lavorativa, ma con modalità riviste, con part-time, o lavorando da casa sfruttando le tecnologie. ecc.) Sostenere opportunità prolungamento vita lavorativa Nodi problematici da affrontare con adeguate politiche: Pesantezza alcuni lavori (manuali e non) / affaticamento per la routine Obsolescenza delle competenze / diminuzione della produttività Impellenza delle responsabilità di cura 28 Cosa fare? Orario lavorativo più flessibile, part-time Flessibilità transizione pensionamento (mezza pensione, mezzo lavoro) Ruolo della tecnologia nel sostenere attività, ergonomia Programmazione evoluzione carriere, cambio mansioni, nuova attività Possibilità di congedi per formazione, aggiornamento, esperienza di nuovo lavoro, conciliazione con esigenze familiari (assistenza al reddito e ruolo servizi impiego) 14

15 Le risposte virtuose alla sfida dell invecchiamento: Passare da approccio statico ( conservare l equilibrio ) a dinamico ( gestire il cambiamento ). Ripensare welfare (attivante e responsabilizzante): superare vecchia tripartizione della vita come sequenza studio-lavoro-pensione, prevedendo invece sovrapposizione e alternanza di formazione/lavoro e di lavoro/cura. Rendere + conciliabili varie dimensioni di vita (lavoro, famiglia, ecc.) Diventare attrattivi per capitale umano qualificato Valorizzare le capacità in tutte le fasi della vita (rimettersi continuamente in gioco, formazione continua)

16 31 16

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno AGE MANAGEMENT Conoscere la propria azienda per farla crescere 8 giugno 215 sede Gruppo 24 ORE, Milano Estratti del Convegno UN PATTO TRA GENERAZIONI PER EVITARE LA CRISI Gli equilibri all interno delle

Dettagli

LETTI PER VOI: " Qualità della vita delle donne caregivers: dalla Penisola Scandinava al Mar Mediterraneo "

LETTI PER VOI:  Qualità della vita delle donne caregivers: dalla Penisola Scandinava al Mar Mediterraneo LETTI PER VOI: " Qualità della vita delle donne caregivers: dalla Penisola Scandinava al Mar Mediterraneo " a cura di Cinzia Di Novi Università Ca Foscari di Venezia, Dipartimento Economia L Europa nel

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Per una crescita di tutti: formazione, lavoro, conciliazione Alessandra Casarico, Paola Profeta

Dettagli

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL 1 Milano 21 novembre 2014 Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL L ingresso massiccio delle donne nel mercato del lavoro,

Dettagli

Regione Veneto REPORT DI RICERCA Gli scenari futuri e il sistema di risposta ai problemi degli anziani

Regione Veneto REPORT DI RICERCA Gli scenari futuri e il sistema di risposta ai problemi degli anziani Regione Veneto REPORT DI RICERCA Gli scenari futuri e il sistema di risposta ai problemi degli anziani Ottobre 2006 Indice: 1. Invecchiamento della popolazione e cambiamenti nei sistemi di welfare...3

Dettagli

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE Prof. Ivo Colozzi Università di Bologna IL VECCHIO WELFARE O WELFARE STATE Caratteristiche del modello tradizionale di welfare state - attori: Stato e mercato - il mercato

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

L INDAGINE SHARE. Uno strumento per il confronto fra politiche per l invecchiamento in Europa

L INDAGINE SHARE. Uno strumento per il confronto fra politiche per l invecchiamento in Europa L INDAGINE SHARE Uno strumento per il confronto fra politiche per l invecchiamento in Europa 1 L invecchiamento in Europa Diversi modi di vivere l invecchiamento, influenzati dallo stato di salute, dalle

Dettagli

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Sociologia Corso di Laurea Specialistica in Scienze per le Politiche Sociali e del Terzo Settore IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI

Dettagli

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio La popolazione 1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio In poco meno di 60 anni, la componente della

Dettagli

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne I nodi della partecipazione Il lavoro delle donne Caratteristiche della partecipazione Conciliazione tra lavoro e famiglia Caratteristiche dell occupazione femminile I

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

Le strategie di conciliazione e le reti formali e informali di sostegno alle famiglie con figli piccoli

Le strategie di conciliazione e le reti formali e informali di sostegno alle famiglie con figli piccoli Le strategie di conciliazione e le reti formali e informali di sostegno alle famiglie con figli piccoli Sabrina Prati, Martina Lo Conte, Valentina Talucciˆ Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 Introduzione

Dettagli

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi di Nicola Serio Udine 30 settembre 2014 Donne Impresa FVG Caratteristiche demografiche delle imprenditrici

Dettagli

Le conseguenze finanziarie della spesa diretta per long-term care da parte degli anziani: un analisi europea

Le conseguenze finanziarie della spesa diretta per long-term care da parte degli anziani: un analisi europea Forum sulla Non Autosufficienza Bari, 5 giugno 2013 Le conseguenze finanziarie della spesa diretta per long-term care da parte degli anziani: un analisi europea Jacopo Bonan, PhD Dipartimento di Economia

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali ECONOMIA DELL'ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE a.a. 2014/2015 - Prof. G. Favretto Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali Serena Cubico Ricercatore

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

La centralità dei giovani

La centralità dei giovani La centralità dei giovani Per la crescita delle aziende e del Paese Alessandro Rosina Docente Demografia e statistica sociale U.C. Direttore Laboratorio statistica applicata alle decisioni economico-aziendali

Dettagli

Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale

Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale Rosita d Angiolella Comitato tecnico Scientifico Osservatorio Famiglia Festival della Famiglia Riva del Garda Politiche familiari

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

ECONOMIA DEI SERVIZI ED OCCUPAZIONE GIOVANILE

ECONOMIA DEI SERVIZI ED OCCUPAZIONE GIOVANILE NOTA ISRIL ON LINE N 34-2011 ECONOMIA DEI SERVIZI ED OCCUPAZIONE GIOVANILE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it L OCCUPAZIONE PUÒ CRESCERE

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

IL RICAMBIO GENERAZIONALE OLTRE LA CRISI. Paolo Feltrin Roma, 30 maggio 2013

IL RICAMBIO GENERAZIONALE OLTRE LA CRISI. Paolo Feltrin Roma, 30 maggio 2013 IL RICAMBIO GENERAZIONALE OLTRE LA CRISI Paolo Feltrin Roma, 30 maggio 2013 2 INDICE L attuale contesto socio-economico 3 La staffetta generazionale per età, qualifica e settore 17 Proposte e riflessioni

Dettagli

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie?

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Rapporto famiglia Cisf 2009 A cura di Pierpaolo Donati Con questo volume inizia la nuova serie del Rapporto Cisf sulla famiglia in Italia che presenta

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

Misure della povertà minorile in Italia 1

Misure della povertà minorile in Italia 1 Misure della povertà minorile in Italia 1 Sintesi Nel clima economico attuale, con la presenza di una forte recessione, con il consolidamento delle misure fiscali, le liberalizzazioni, le semplificazioni

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato)

CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) AC857, AC2945, AC2046, AC1879, AC2955, AC3144, AC3077, AC1881, AC115, AC388, AC530, AC728, AC1503, AC2430, AC2605, AC2918, AC3114 Audizione

Dettagli

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale.

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. INCLUSIONE SOCIALE Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. Lo stabilisca l indagine Reddito e condizioni di vita (EU SILC), condotta dall Istat nel 2013. Nel 2013, il 19,1%

Dettagli

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA AUSLRE Protocollo n 2015/0068531 del 31/07/2015 (Allegato) Pagina 1 di 7 FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA A cura di Manuela Predieri e Benedetta Riboldi - Comitato

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

l urgenza delle riforme traspare sia nei dati macroeconomici che in quelli dei bilanci delle famiglie Fabio Pammolli e Massimo Riccaboni (CERM Roma)

l urgenza delle riforme traspare sia nei dati macroeconomici che in quelli dei bilanci delle famiglie Fabio Pammolli e Massimo Riccaboni (CERM Roma) Le mancate riforme del lavoro e delle pensioni costringono bamboccioni e nonni ad una convivenza consolatoria: la famiglia si ripiega su se stessa in una società ingessata l urgenza delle riforme traspare

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare?

Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare? Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare? Mauro Migliavacca Università Cattolica Milano mauro.migliavacca@polimi.it Qualche flash per incominciare?

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 SCHEDA PAESE Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 PRINCIPALI CONCLUSIONI ITALIA I tassi d iscrizione all università sono aumentati dopo che l Italia ha introdotto una nuova struttura

Dettagli

Le mani del Governo sulle pensioni

Le mani del Governo sulle pensioni Le mani del Governo sulle L Istat, come ogni anno, ha diffuso i dati sui trattamenti stici al 31 dicembre 2008 e sui relativi beneficiari. Il quadro che emerge non è nuovo e mette in evidenza le difficili

Dettagli

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO Convegno di studio e confronto Invecchiamento e lavoro in sanità Milano 30 settembre 2015 Il Tema dei

Dettagli

TASSO DI SOSTITUZIONE

TASSO DI SOSTITUZIONE TASSO DI SOSTITUZIONE Un tasso di sostituzione è adeguato quando evita per la generalità dei cittadini un eccessiva caduta nel livello di reddito ad un età di pensionamento coerente con l evoluzione demografica

Dettagli

Gestione delle generazioni

Gestione delle generazioni Gestione delle generazioni Helsana Business Health Il cambiamento demografico come opportunità Generazioni diverse: stimoli e sfide specifici Misure a livello di impresa «Il cambiamento demografico è inarrestabile.

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

Rapporto sulla Coesione sociale Anno 2012

Rapporto sulla Coesione sociale Anno 2012 Rapporto sulla Coesione sociale Anno 2012 Nota per la stampa L'Inps, l Istat e il Ministero del lavoro e delle politiche sociali presentano il terzo Rapporto sulla Coesione sociale. Anche quest anno il

Dettagli

Complessità dei bisogni ed evoluzione del welfare nella società del XXI secolo

Complessità dei bisogni ed evoluzione del welfare nella società del XXI secolo Ciclo di seminari Etica, deontologia, diritto Complessità dei bisogni ed evoluzione del welfare nella società del XXI secolo Paolo Zurla Facoltà di Scienze Politiche R. Ruffilli Forlì Università di Bologna

Dettagli

La previdenza per le donne. Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani. Problemi comuni. Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL

La previdenza per le donne. Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani. Problemi comuni. Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL La previdenza per le donne Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani Problemi comuni Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL 1 Un po di numeri PER RIFLETTEERE 2 Le donne in pensione 3

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Una grande risorsa non ancora pienamente utilizzata

Una grande risorsa non ancora pienamente utilizzata DONNE I N I TALIA Una grande risorsa non ancora pienamente utilizzata I principali indicatori sulla condizione sociale ed economica delle donne e sulle criticità irrisolte della partecipazione femminile

Dettagli

L ACCESSO AL MONDO DEL LAVORO IN ITALIA E IN EUROPA Eleonora Albanese - Nefrologia Ospedale Sandro Pertini ASL RmB Roma

L ACCESSO AL MONDO DEL LAVORO IN ITALIA E IN EUROPA Eleonora Albanese - Nefrologia Ospedale Sandro Pertini ASL RmB Roma L ACCESSO AL MONDO DEL LAVORO IN ITALIA E IN EUROPA Eleonora Albanese - Nefrologia Ospedale Sandro Pertini ASL RmB Roma La costante altalena sulla quale oscillano i Sistemi Sanitari Europei costretti,

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

Dove va la previdenza complementare

Dove va la previdenza complementare Dove va la previdenza complementare 2006 Presentazione di Angelo Marinelli 1 Le variabili più rilevanti nel lungo periodo 2002 2010 2020 2040 2050 Speranza di vita ITALIA 79.5 media U.E. 73 ITALIA 84.7

Dettagli

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Tavola rotonda CNPR Roma, Hotel Nazionale - Piazza Montecitorio - 18 giugno 2015, ore 10,00 Antonietta Mundo Attuario, ex coordinatore generale

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Regione Toscana SCHEDA PROGETTO / GIOVANI, SÌ!

Regione Toscana SCHEDA PROGETTO / GIOVANI, SÌ! Regione Toscana SCHEDA PROGETTO / GIOVANI, SÌ! 1. PERCHÉ UN PROGETTO DEDICATO AI GIOVANI Per la prima volta dal dopoguerra i figli rischiano di vivere peggio dei loro padri, di essere più poveri delle

Dettagli

Una grande risorsa non ancora pienamente utilizzata

Una grande risorsa non ancora pienamente utilizzata DONNE IN ITALIA Una grande risorsa non ancora pienamente utilizzata I principali indicatori sulla condizione sociale ed economica delle donne e sulle criticità irrisolte della partecipazione femminile

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE PARTE A: DATI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.1 Anno di costituzione dell attività: da 0 a 3 anni da 3 a 10 anni oltre

Dettagli

FONDI PENSIONE: L ESPERIENZA DI ALTROCONSUMO

FONDI PENSIONE: L ESPERIENZA DI ALTROCONSUMO FONDI PENSIONE: L ESPERIENZA DI ALTROCONSUMO QUALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE, QUANDO COME E PERCHÉ 10 dicembre 2013 Sede Altroconsumo Via Valassina 22 03/02 09/02 03/03 09/03 03/04 09/04 03/05 09/05 03/06

Dettagli

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer PER UNA CRESCITA SOSTENIBILE: L APPROCCIO WELFARE TO WORK NEL QUADRO DELLE SFIDE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Le riforme adottate dalla Germania Riforme del mercato del lavoro - Le riforme del mercato del

Dettagli

Welfare aziendale Gli scenari evolutivi Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale

Welfare aziendale Gli scenari evolutivi Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale Welfare aziendale Gli scenari evolutivi Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale Lorenzo Bandera Laboratorio "Percorsi di Secondo Welfare" Centro di Ricerca e Documentazione Luigi

Dettagli

Le sfide nella relazione di coppia oggi: alcuni spunti di riflessione. DONATELLA BRAMANTI 14 giugno 2014

Le sfide nella relazione di coppia oggi: alcuni spunti di riflessione. DONATELLA BRAMANTI 14 giugno 2014 Le sfide nella relazione di coppia oggi: alcuni spunti di riflessione DONATELLA BRAMANTI 14 giugno 2014 EMERGENZA COPPIA Oggi assistiamo ad una emergenza coppia: si registra una notevole difficoltà a fare

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione 7 Luglio 2005 Hotel Quirinale Via Nazionale, 7 Roma Sessione 1: Istruzione, sviluppo

Dettagli

Quadro problematico e presentazione del lavoro

Quadro problematico e presentazione del lavoro INTRODUZIONE Quadro problematico e presentazione del lavoro Un crescente dibattito politico sul tema della famiglia ha accompagnato lo svolgimento di questo lavoro. L attenzione verso la famiglia, o meglio

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

Quadro demografico e sostenibilità macroeconomica in Europa e in Italia

Quadro demografico e sostenibilità macroeconomica in Europa e in Italia Quadro demografico e sostenibilità macroeconomica in Europa e in Italia di Marco Centra e Massimiliano Deidda Riassunto: la popolazione nelle economie più sviluppate subisce da diversi decenni un costante

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

I sistemi sanitari nel contesto Europeo

I sistemi sanitari nel contesto Europeo I sistemi sanitari nel contesto Europeo Le caratteristiche finanziarie e organizzative della assistenza sanitaria sono molto variegate. In breve cercheremo di schematizzare alcuni aspetti dei sistemi sanitari,

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

PROCESSO AL LICEO CLASSICO

PROCESSO AL LICEO CLASSICO PROCESSO AL LICEO CLASSICO Andrea Ichino (European University Institute e Università di Bologna) Pubblico Ministero 14 novembre, 2014 A. Ichino (EUI) PROCESSO AL LICEO CLASSICO 14 novembre, 2014 1 / 23

Dettagli

Precariato in Italia e Olanda

Precariato in Italia e Olanda Precariato in Italia e Olanda Gentile signora, Mi chiamo Tonnie van Bezouw e sono una studentessa olandese. Mi sono laureata in lingua e cultura italiana presso l Università Utrecht e al momento sto scrivendo

Dettagli

La casa nel percorso di autonomia delle nuove generazioni

La casa nel percorso di autonomia delle nuove generazioni La casa nel percorso di autonomia delle nuove generazioni Esiste un emergenza giovanile in Italia e nessuno se n è accorto. Il fatto che 2/3 dei trentenni vive ancora con i genitori non scatena un dibattito

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali ECONOMIA DELL'ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE a.a. 2012/2013 - Prof. G. Favretto Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali Serena Cubico Ricercatore

Dettagli

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE A) Andamento della domanda di lavoro straniero in differenti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 Monitoraggio e best practices delle imprese piemontesi POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 L Indagine sulla conciliazione

Dettagli

X Conferenza Nazionale di Statistica

X Conferenza Nazionale di Statistica X Conferenza Nazionale di Statistica bozza Nuovi indicatori di benessere Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Comincio con un certo disagio terminologico, wellbeing in inglese ha un significato

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento Mini guida: job act Contratti, licenziamenti, flessibilità, conciliazione, ammortizzatori sociali, controlli: sono i punti chiave della nuova legislazione del lavoro italiana su cui è intervenuto il Jobs

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA Gillian Whitehouse School of Political Science and International Studies University of Queensland Australia Temi e punti centrali

Dettagli

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

Trieste. I numeri del comune. Abitanti* 204.849 235.700 Superficie (km 2 ) 85,11 212,51 Densità (ab. per km 2 ) 2.407,01 1.109,14

Trieste. I numeri del comune. Abitanti* 204.849 235.700 Superficie (km 2 ) 85,11 212,51 Densità (ab. per km 2 ) 2.407,01 1.109,14 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Trieste I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti*.89.7 Superficie (km ) 8,11 1,1 Densità (ab. per km ).7,1 1.19,1 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli