Quota di giovani e di anziani sulla popolazione mondiale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quota di giovani e di anziani sulla popolazione mondiale -1950-2050"

Transcript

1 1 IL CONTESTO DEMOGRAFICO Estratto da: Rosti L. (2006) Il contesto demografico, in C. Bombelli ed E. Finzi (a cura di), Over 45, Guerini e Associati, Milano. Introduzione L influenza delle variabili demografiche nella spiegazione dei fenomeni economici è spesso oggetto di attenzione da parte degli studiosi sia per delineare le opportunità di crescita dell economia, sia per valutare la sostenibilità delle proposte di politica economica. Non sembra infatti fuori luogo inquadrare in questa prospettiva le potenzialità di sviluppo del sistema economico poiché sono già tutti nati gli individui dai quali dipenderanno, nei prossimi dieci anni, le risorse umane necessarie per sostenere l'espansione dell'economia. L attenzione al contesto demografico è dunque generalmente opportuna, ma diventa assolutamente imprescindibile quando si verificano cambiamenti epocali che mutano in modo irreversibile il contesto di programmazione della crescita, come nel caso della rivoluzione demografica attualmente in corso. 1 La rivoluzione demografica Il rapporto delle Nazioni Unite (2002) sull invecchiamento della popolazione mondiale indica con l espressione rivoluzione demografica il fenomeno di progressivo innalzamento dell età media degli abitanti del pianeta che è iniziato da qualche decennio e che si accentuerà drammaticamente nei prossimi cinquant anni. L uso del termine rivoluzione si giustifica per almeno quattro ragioni: questo andamento 1) non ha precedenti nella storia del genere umano; 2) è irreversibile; 3) è globale; 4) ha conseguenze economiche e sociali molto rilevanti. 1) Le previsioni del rapporto evidenziano che nel, per la prima volta nella storia dell umanità, anziani (cioè individui ultrasessantenni) e giovani (di età minore di 15 anni) rappresenteranno una uguale quota della popolazione mondiale (fig. 1). Attualmente, nel mondo, ogni mese circa un milione di individui varca la soglia dei sessant anni (United Nations 2004). Nella seconda metà del secolo scorso la durata della vita umana si è allungata grazie ai progressi della medicina e della tecnologia, e l aspettativa di vita alla nascita è aumentata di circa un ventennio, raggiungendo i 66 anni attuali. La componente più dinamica di questo trend, cioè quella che è cresciuta più velocemente, è costituita dagli ultraottantenni, che nei prossimi cinquant anni quintuplicheranno il loro numero attuale, moltiplicando per 30 ogni ultraottantenne del 1950 (fig. 2). 2) L invecchiamento consistente e rapido della popolazione mondiale è un fenomeno irreversibile: la struttura per classi d età della società non sarà mai più simile a quella del passato, a forma piramidale, con un ampia base giovanile che si riduce progressivamente nelle età avanzate. Nella prima metà di questo secolo si completerà la transizione che segna il passaggio da una struttura demografica caratterizzata da alti tassi di natalità e mortalità ad una situazione opposta, con tassi di natalità e mortalità bassi. Mediamente nel mondo la popolazione anziana cresce del 2% ogni anno, con un tasso notevolmente più rapido rispetto a quello della popolazione complessiva, e continuerà a crescere più

2 2 velocemente di qualunque altra classe d età nei prossimi 25 anni, toccando il 2,8% all anno nel periodo tra il 2025 e il Fig. 1 Quota di popolazione giovane e anziana sul totale della popolazione mondiale dal 1950 al Quota di giovani e di anziani sulla popolazione mondiale ,0 35,0 < di 15 anni 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 > di 60 anni 5,0 0,0 Fonte: Ns. el. su dati UN Fig. 2 Numero indice della popolazione in età attiva e maggiore di 80 anni nel mondo e nell Unione Europea (25) dal 1950 al (1950=100) Numeri indice della popolazione maggiore di 80 anni e in età anni in UE25 e UN 1950=100 UN > UE25 > 80 UN UE

3 3 Fonte: Ns. el. su dati UN 3) La Prima Assemblea Mondiale sull Invecchiamento della Popolazione, organizzata a Vienna nel 1982, aveva analizzato l impatto economico e sociale della crescita straordinaria e rapida della popolazione anziana nei paesi industrializzati. Ma due decenni dopo, il nuovo rapporto presentato a Madrid nel corso della Seconda Assemblea Mondiale sull Invecchiamento della Popolazione (2002) ha sottolineato il carattere globale e pervasivo del fenomeno, evidenziando il fatto che l andamento accelerato dell invecchiamento demografico coinvolge non solo i paesi industrializzati ma anche, e più marcatamente, i paesi in via di sviluppo. L aumento del numero di persone anziane nei paesi industrializzati resta di importanza fondamentale (Lee, Arthur e Rodgers 1988), ma la consapevolezza del fatto che già oggi la maggioranza degli ultrasessantenni vive nei paesi in via di sviluppo (e che tra meno di trent anni vivranno in questi paesi i tre quarti della popolazione anziana del mondo) rende necessario un approccio globale al problema della connessione tra evoluzione demografica e sviluppo economico, e si impone all attenzione mondiale come sfida del ventunesimo secolo. 4) Entro il raddoppierà la percentuale di persone con più di sessant anni (passando dal 10 al 22% del totale degli abitanti del pianeta) e l impatto di questa tendenza demografica si ripercuoterà sulla crescita economica e sul mercato del lavoro, sui sistemi di protezione sociale e sul fabbisogno di assistenza sanitaria, sul tenore di vita e sull equità tra generazioni, sulla composizione delle famiglie e sulla divisione sociale del lavoro, sulle politiche abitative e sui flussi migratori, e in generale su tutti gli aspetti della vita quotidiana, rendendo necessari provvedimenti di politica economica e sociale di vasta portata in tutti i paesi del mondo (Macura, MacDonald e Haug 2005). 2 - Uno sguardo all Europa La storica inversione nelle percentuali relative di giovani e anziani, che si verificherà nella popolazione mondiale verso la metà di questo secolo, è già avvenuta nella prima metà degli anni 90 nei paesi della vecchia Europa (fig. 3); ciò è dovuto da un lato al miglioramento del benessere generale, che ha considerevolmente aumentato la speranza di vita dei residenti, e, dall'altro, ai bassi livelli di fertilità del trascorso decennio (Kohler, Billari e Ortega 2002). Di conseguenza, anche se la popolazione totale continuerà a crescere fino al, la componente in età attiva inizierà il suo declino circa dieci anni prima (fig. 4), rendendo necessario un ripensamento dello scenario per la crescita economica del prossimo decennio (Demeny 2003). Negli anni passati, la generazione del baby-boom ha assicurato all'europa un abbondante popolazione in età lavorativa, ma le generazioni successive sono decisamente meno consistenti, e per l Italia questo problema sarà più grave che per gli altri paesi (fig. 5).

4 4 Fig. 3 Quota di popolazione giovane e anziana sul totale della popolazione europea (UE25) dal 1950 al Quota di giovani e anziani sulla popolazione UE ,0 35,0 > di 60 anni 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 Fonte: Ns. el. su dati UN < di 15 anni Fig. 4 Popolazione totale e in età attiva nell Unione Europea (UE25) dal 1950 al Popolazione Totale e in età attiva - UE25 - v.a. in migliaia POPOLAZIONE TOTALE POPOLAZIONE IN ETA' Fonte: Ns. el. su dati UN

5 5 Fig. 5 - Indice di dipendenza demografica al nei paesi europei. Indice di dipendenza demografica - > 65a/pop.15-64a % IRL NL L P UK DK F FIN A EU15 B E S EL D I Fonte. EUROSTAT L immigrazione extracomunitaria, che nel corso dell ultimo decennio è raddoppiata, passando da 0,5 milioni negli anni 90 ad un milione e più nel 2001, ha in parte mitigato gli effetti dell invecchiamento della popolazione europea ed ha sostenuto la crescita demografica e l offerta di lavoro di molti paesi con saldo naturale negativo come la Germania, l Italia e la Grecia (Eurostat 2003a). L immigrazione è dunque diventata una componente strategica delle politiche comunitarie stabilite dal Consiglio Europeo di Tessalonica (2003) per contrastare l invecchiamento della popolazione, ma non è sufficiente a risolvere il problema demografico, a meno di non far ricorso a flussi in entrata così elevati da mutare radicalmente e permanentemente la composizione etnica e culturale del paese ospite (UN ). Bisogna infatti tener conto sia della circostanza che anche gli immigrati invecchiano rapidamente (OECD 2004), sia della onerosità di attuazione di percorsi integrativi che non provochino disagio sociale, e che garantiscano pari opportunità e non discriminazione anche in un contesto informativo imperfetto. Un secondo problema di non discriminazione e pari opportunità che emerge in un contesto di invecchiamento della popolazione è quello della divisione sociale del lavoro tra uomini e donne. L aumento del numero di anziani bisognosi di cure farà aumentare la domanda di assistenza formale, ma la conseguente crescita della spesa pubblica porterà al trasferimento di parte del carico assistenziale dallo stato alle famiglie. La struttura del nucleo domestico sta però cambiando rapidamente in tutti i paesi europei, e assume nuove caratteristiche (in tema di fertilità, matrimoni e divorzi) che renderanno le famiglie sempre meno idonee a fornire il sostegno necessario alle persone non autonome.

6 6 In ogni caso, è di fatto sulle donne che finisce per gravare la maggior parte delle responsabilità del lavoro di cura verso coniugi, figli, anziani e nipoti, in aggiunta al lavoro domestico da un lato e alla carriera professionale dall altro. E se la manodopera necessaria allo sviluppo economico del prossimo decennio dovrà essere derivata anche incentivando una maggiore partecipazione femminile al mercato del lavoro, la consapevolezza che questo carico di responsabilità è ancora tanto poco condiviso tra i generi rende difficilmente conciliabile la maggior presenza femminile sul mercato del lavoro con le politiche di trasferimento degli oneri assistenziali sulle famiglie. Un terzo problema di non discriminazione e pari opportunità, conseguente all invecchiamento della popolazione, è infine quello relativo all esclusione dal sistema produttivo e formativo della componente anziana della forza lavoro. Il tasso di occupazione della popolazione in età anni raggiunge attualmente a fatica il 40%, mentre il Consiglio europeo di Stoccolma (2001) ha deciso che entro il il 50% della popolazione di età compresa tra 55 e 64 anni dovrà avere un lavoro, e il Consiglio europeo di Barcellona (2002) ha stabilito che entro la stessa data l età media di cessazione del rapporto di lavoro dovrà aumentare di almeno 5 anni rispetto a quella attuale (60,8 anni per UE15 nel 2002). Fig. 6 Tassi di occupazione della popolazione in età anni nei paesi di UE25. 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 Slovenia Slovakia Poland Fonte. EUROSTAT Tasso di occupazione anni - MF 2003 Belgium Hungary Luxembourg Bulgaria Italy Austria Malta Turkey France Romania Germany eu25 Spain Greece Czech Republic Latvia Lithuania Netherlands Ireland Finland Cyprus Portugal Estonia United Kingdom Denmark Sweden I dati mostrano (Eurostat 2003b) che in tutti i paesi dell Unione europea il tasso di occupazione della popolazione anziana è tanto più alto quanto più elevato è il titolo di studio, ma tra le categorie che beneficiano dell istruzione e della formazione i lavoratori anziani sono attualmente i meno favoriti. Per elevare il livello di istruzione e formazione dei lavoratori anziani è pertanto necessario inserire, tra le prassi per un invecchiamento attivo, anche l'apprendimento permanente. Il presupposto di base è che una risposta adeguata all'invecchiamento non debba limitarsi a considerare le persone che sono anziane adesso, ma debba tener conto di tutte le fasi della vita e interessare le persone di tutte le età.

7 7 La risposta dell'unione europea all'invecchiamento è stata avviata dal Consiglio europeo di Lisbona () e identifica quattro sfide fondamentali per il prossimo decennio: 1) la gestione delle implicazioni economiche dell invecchiamento al fine di mantenere la crescita e assicurare la sostenibilità della finanza pubblica; 2) l adattamento del sistema formativo e del sistema produttivo ad una popolazione e ad una forza lavoro che si riducono di numero; 3) la garanzia di pensioni adeguate, sostenibili e adattabili; 4) l assicurazione di un assistenza sanitaria di qualità e la contemporanea sostenibilità finanziaria dei servizi. 3 L evoluzione demografica in Italia Come in altri paesi europei, anche in Italia lo storico sorpasso della componente anziana della popolazione su quella più giovane è avvenuto da circa vent anni (fig. 7), e siamo ormai alle soglie dell epocale inversione di tendenza nella crescita della popolazione residente, che a partire dal inizierà una rapida e marcata contrazione (fig. 8). Anche il lieve aumento dei prossimi pochi anni è comunque derivato da due andamenti contrapposti: una dinamica naturale negativa (data dal saldo tra nati e morti) e una dinamica migratoria positiva (data dal saldo tra immigrati ed emigrati). Le previsioni mostrano inoltre che già dall inizio del nuovo millenio la crescita secolare della popolazione in età lavorativa, su cui ha sempre potuto far conto lo sviluppo economico del paese, ha invertito la sua tendenza e mostra i primi effetti di un calo irreversibile, più marcato e prossimo rispetto al contesto europeo e mondiale (fig. 9). A questa evoluzione complessiva si accompagneranno inoltre profondi mutamenti della struttura demografica della popolazione. Il fenomeno più significativo sarà il progressivo pensionamento della generazione nata negli anni del "boom demografico" del secondo dopoguerra. Questa evoluzione produrrà in primo luogo un marcato invecchiamento della popolazione (fig. 10), poi una riduzione della forza lavoro e un aumento del numero degli inattivi, ed infine una crescente richiesta di cure mediche e di assistenza sanitaria a lungo termine per la maggior longevità degli anziani (Istat 1997). Il dispiegarsi del ciclo di vita delle generazioni più numerose trasformerà la struttura della piramide delle età rispetto a quella normale (fig. 11), spostandone il baricentro verso l'alto (fig. 12).

8 Fig Quota di popolazione giovane e anziana sul totale della popolazione italiana Quota della popolazione giovane e anziana - Italia, ,0 40,0 35,0 > di 60 anni 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 < di 15 anni 5,0 0,0 Fonte: Ns. el. su dati UN Fig Evoluzione della popolazione italiana dal 1950 al Popolazione Totale e in età attiva - Italia - v.a. in migliaia POPOLAZIONE TOTALE POPOLAZIONE IN ETA' Fonte: Ns. el. su dati UN

9 9 Nel recente passato, la disponibilità di forza lavoro è stata molto abbondante per due ragioni: da un lato vi è stato l'ingresso nella popolazione attiva delle generazioni del baby boom, cioè dei nati fra la fine degli anni 40 e la metà degli anni 60, come mostra con evidenza la struttura della piramide delle età (fig. 12); inoltre, a questa immissione nella forza lavoro delle generazioni numericamente più consistenti si è sommato il cambiamento comportamentale della componente femminile della popolazione (Sabbadini 2004), che ha aumentato in misura molto rilevante e probabilmente irreversibile il suo tasso di partecipazione al mercato del lavoro (fig. 13). Gli effetti economici di questa ampia disponibilità di forza lavoro delle classi centrali d'età sono stati molto positivi, perché hanno garantito al sistema produttivo le risorse umane necessarie a sostenere la crescita, ma nel prossimo futuro l'impatto demografico sul rinnovamento della popolazione in età lavorativa (cioè la differenza tra i flussi in entrata e quelli in uscita) sarà complessivamente negativo. L inserimento dei lavoratori extracomunitari che ha caratterizzato negli ultimi anni il mercato del lavoro italiano ha avuto una notevole accelerazione in seguito alla regolarizzazione avviata nel Dal 1999 al 2003 infatti la forza lavoro extracomunitaria regolare è più che raddoppiata, passando da posizioni lavorative a (Istat 2004), ma in nessun caso potrà bastare ad invertire la tendenza calante della popolazione attiva nel nostro paese (Feld ). L'indice di dipendenza demografica aumenterà sia per i minori flussi in entrata nella popolazione in età lavorativa che per i maggiori flussi in uscita dovuti al raggiungimento dell'età pensionabile delle generazioni più numerose. Le nuove generazioni non basteranno più a sostituire quelle che escono dal mercato del lavoro, e il notevole aumento del tasso di dipendenza senile sarà aggravato dall'aumento del numero dei "grandi vecchi", cioè di coloro che superano gli 80 anni, la cui quota sul totale della popolazione crescerà nel nostro paese molto più del contesto europeo (fig. 14). 4 - Effetti dell'evoluzione demografica sul bilancio pubblico Le entrate e le spese pubbliche sono condizionate dalle caratteristiche anagrafiche dei residenti perché sia la quantità di imposte prelevate da un individuo, sia le prestazioni a carico dello stato che gli sono erogate nel corso della sua esistenza, variano notevolmente in funzione delle diverse fasi del ciclo di vita. Le entrate fiscali derivano principalmente dalla tassazione dei redditi di lavoro, e quindi il periodo di massima contribuzione degli individui coincide con l'età lavorativa adulta, in cui si percepiscono le retribuzioni più elevate. Le punte di massimo della spesa pubblica si concentrano invece nelle due fasce estreme d'età: la prima tra 0 e 20 anni e la seconda tra i 60 e gli 80 anni, e il secondo picco supera di solito abbondantemente il primo.

10 Fig Quota di popolazione in età attiva sul totale della popolazione dal 1950 al Popolazione in età in % della popolazione totale UN UE IT 50 Fonte: Ns. el. su dati UN Fig. 10 Distribuzione della popolazione italiana per classi quinquennali d età. % 10,0 9,0 8,0 7,0 Distribuzione della popolazione per classi d'età: Italia, 1950, 2005, 2025 e ,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0, Fonte: Ns. el. su dati UN

11 11 Fig Piramide delle età della popolazione italiana 1951 Fonte: ns. el. su dati Istat Fig Piramide delle età della popolazione italiana 2003 Italia, 2003 v.a. in migliaia 90 e più Fonte: ns. el. su dati Istat

12 12 Fig Tasso di attività femminile dal 1959 al 2001 Tasso di attività femminile (pop. > 15anni) 35,0 30,0 25,0 20, *** 91*** 90*** 89** 88** 87** 86** 85** 84* 83* Fonte: ns. el. su dati Istat Fig. 14 Quota di popolazione in età maggiore di 80 anni sulla popolazione totale Popolazione di età > di 80 anni in % della popolazione totale IT UE UN Fonte: Ns. el. su dati UN

13 13 In questo periodo, l'evoluzione demografica è complessivamente favorevole alle finanze pubbliche ed è probabile che rimarrà tale ancora per qualche tempo. Le entrate sono infatti attualmente ben alimentate dalle imposte pagate dalla generazione del baby-boom, che si trova nella fase della vita lavorativa con retribuzione massima, mentre le uscite stanno traendo vantaggio dai bassi tassi di natalità registrati nel passato trentennio, che permettono il contenimento delle spese per la salute dell'infanzia e per l'istruzione dei giovani. Tuttavia, questa situazione cambierà radicalmente in futuro, e la pressione fiscale tenderà a crescere, a politiche di bilancio invariate, perché da un lato le entrate pubbliche saranno negativamente influenzate dal passaggio della generazione del baby-boom dalla fase del ciclo vitale ad alto reddito a quella della pensione, e dall'altro la spesa pubblica per la previdenza e l'assistenza degli anziani subirà una forte crescita perché aumenteranno i beneficiari del sistema pensionistico e sanitario relativamente a coloro che contribuiranno ad alimentane le entrate. La pressione fiscale è dunque destinata a crescere, a meno di non sacrificare del tutto il finanziamento delle politiche per lo sviluppo (infrastrutture, ricerca scientifica e tecnologica, istruzione e capitale umano) alle difficoltà sempre maggiori che lo stato, le regioni e gli enti locali incontreranno nel prelevare ulteriori risorse dai cittadini. 5 - Effetti dell'evoluzione demografica sul mercato del lavoro La prima conseguenza del cambiamento demografico in atto sull'offerta di lavoro è la scarsità delle risorse umane necessarie ad alimentare la struttura produttiva; la possibilità di rinnovare le professionalità e le competenze con l'inserimento lavorativo dei giovani saranno sempre più limitate, e le carenze di manodopera qualificata condizioneranno la realizzazione dei progetti di sviluppo del sistema economico. Le dimensioni attuali e le prospettive di sviluppo dell'offerta di lavoro dipendono da due fattori: il numero degli individui in età lavorativa, a parità di tasso di attività (effetto demografico). l'atteggiamento degli individui nei confronti del lavoro, a parità di popolazione in età lavorativa (effetto comportamentale). Se l'effetto demografico è negativo, la manodopera necessaria all'espansione del sistema produttivo dovrà essere cercata tra le risorse già presenti nella popolazione; le potenzialità di sviluppo del sistema economico sono dunque condizionate all'incremento dei tassi di attività per tutti i gruppi della popolazione in età lavorativa, e nei prossimi anni la mobilitazione delle risorse umane ancora inattive sarà un fattore cruciale per l'espansione dell'apparato produttivo. Anche la domanda di lavoro risentirà degli effetti del cambiamento demografico in atto: l invecchiamento degli occupati comporterà un aumento dei costi del lavoro, e la gestione delle risorse umane da parte delle imprese risulterà più complessa.

14 14 I costi del lavoro aumenteranno per almeno tre ragioni: in primo luogo aumenteranno le retribuzioni dei dipendenti che sono ancorate all'anzianità di servizio, a meno che i loro effetti sul costo del lavoro non siano compensati dagli aumenti di produttività derivanti dall'innovazione tecnologica. In secondo luogo aumenteranno gli oneri della riqualificazione sul posto di lavoro, dal momento che le conoscenze acquisite nel passato diventano obsolete con l invecchiamento dei dipendenti. Aumenteranno infine anche i costi del lavoro per le nuove assunzioni, poichè le nuove generazioni (o, più in generale, l offerta di lavoro qualificato) diventeranno una risorsa scarsa che le imprese cercheranno di accaparrarsi per poter disporre del capitale umano necessario all'espansione. L'invecchiamento della popolazione pone oggi il sistema economico di fronte alla sfida di saper cogliere le opportunità offerte dalle nuove tecnologie; in tale contesto, un intervento formativo adeguato potrebbe essere in grado di incentivare sia l'offerta di manodopera qualificata sia la produttività del lavoro. A parità di tasso di occupazione, infatti, se la scarsità di capitale umano qualificato agirà da stimolo per l'introduzione e la diffusione di nuove tecnologie, gli effetti negativi dell'invecchiamento della popolazione potrebbero essere controbilanciati da un aumento della produttività per addetto. 6 - Le politiche per il prolungamento della vita attiva L aumento della durata della vita media nel trascorso decennio non ha comportato un analogo prolungamento della vita lavorativa, anzi, al contrario, il tasso di occupazione dei lavoratori anziani è rimasto stabile nel tempo ad un livello molto basso (fig. 15), che diventa tanto più insostenibile quanto più aumenta la speranza di vita e quanto più l invecchiamento dei nati dal baby-boom accresce il numero di persone 55-64enni. Alla fine degli anni 70 e durante gli anni 80, a fronte di una elevata disoccupazione giovanile dovuta all ingresso nel mercato del lavoro della generazione del baby boom, si è verificata una convergenza di interessi tra lavoratori non più giovani e imprese in fase di ristrutturazione industriale che ha determinato un ampio ricorso al pensionamento anticipato, e che spiega il calo osservato nei tassi di occupazione dei lavoratori anziani (Peracchi ). Ma, in risposta alla rivoluzione demografica, il Consiglio europeo di Stoccolma (2001) ha sottolineato l importanza di un "cambiamento radicale delle misure finora adottate, ossia l abbandono di una cultura del pensionamento anticipato a vantaggio di strategie globali per un invecchiamento attivo". Il Consiglio ha affermato inoltre che la sfida non consiste solo nel far sì che una percentuale più elevata di persone di età compresa attualmente tra i 55 e i 64 anni permanga attiva, ma anche nel rafforzare la capacità di inserimento professionale delle persone oggi quarantenni o cinquantenni. Il cambiamento demografico in atto rende dunque necessaria la rimozione degli incentivi al ritiro precoce dal mercato del lavoro (Blondal e Scarpetta 1998, Gruber e Wise 1999), e l adozione di misure incisive per incrementare i tassi di occupazione dei lavoratori anziani, al fine di sostenere la crescita dell'economia, il gettito fiscale e i sistemi di protezione

15 15 sociale, e in particolare per assicurare pensioni di livello adeguato, a fronte della prevista riduzione della popolazione in età attiva. In sintonia con la strategia europea dell occupazione e con gli indirizzi di massima delle politiche economiche, gli Stati membri devono definire e applicare provvedimenti a favore dell'invecchiamento attivo e della salvaguardia dell occupazione dei lavoratori anziani. Tra questi, ad esempio, gli incentivi finanziari per scoraggiare il pensionamento anticipato e garantire che il lavoro sia proficuo, la promozione di percorsi di formazione e di istruzione permanenti, le politiche attive del mercato del lavoro e le buone condizioni di lavoro, e i meccanismi di flessibilità come il tempo parziale e la possibilità di interrompere il percorso di carriera. Fig. 15 Tassi di occupazione della popolazione in età anni dal 1993 al 2003 % Tasso di occupazione - età UE15 e Italia dal 1993 al EU Italia Fonte: Ns. el. su dati Eurostat. In Italia, le recenti riforme del sistema pensionistico hanno inasprito i criteri anagrafici e contributivi per l accesso alle pensioni, ed hanno rimosso il divieto di cumulo tra reddito da lavoro e reddito da pensione; ma per accrescere la partecipazione dei lavoratori anziani è necessario modificare il comportamento e le aspettative sia dei datori di lavoro che dei lavoratori fin dagli esordi della loro vita attiva, adeguando le regole del mercato del lavoro alla constatazione che gli over 50 costituiranno la percentuale nettamente più elevata della forza lavoro potenziale. CONCLUSIONI L attuale struttura per età della popolazione non è sostenibile nel lungo periodo. A causa del declino dei tassi di fertilità da un lato e dell aumento della longevità dall altro, la popolazione mondiale invecchierà nel prossimo decennio molto più rapidamente che in

16 16 passato, rovesciando il rapporto tra giovani e anziani nella piramide delle età, e trasformando la struttura demografica della forza lavoro. La crescita del numero di persone anziane pone al sistema economico tre ordini di problemi. In primo luogo pone un problema di scarsità di risorse umane per il sistema produttivo, che può contare per il suo sviluppo solo su esigui flussi in entrata nella forza lavoro, sostenuti dall immigrazione, ma comunque inadeguati a compensare l uscita di una crescente popolazione di pensionati. In secondo luogo l invecchiamento della popolazione pone un problema di sostenibilità della finanza pubblica nel contesto del patto di stabilità e di convergenza delle politiche economiche in ambito comunitario (che deve assicurare la stabilità dei bilanci e migliorare la sostenibilità delle finanze pubbliche). La riduzione della base imponibile conseguente all uscita dal mercato del lavoro della generazione del baby-boom, l aumento della spesa per le pensioni e l assistenza sanitaria, fanno aumentare il debito pubblico e minano la sostenibilità del bilancio dello stato. Infine, la maggiore longevità e la sopravvivenza dei grandi vecchi rappresentano un problema per i sistemi sanitari e di assistenza a lungo termine e rendono necessario il contenimento della domanda di tali servizi attraverso la promozione di stili di vita compatibili con un sano invecchiamento. Per far fronte a queste esigenze le politiche dell'unione Europea sono rivolte ad aumentare i tassi di attività e di occupazione di tutte le persone in età lavorativa, al fine di ridurre i tassi di dipendenza economica e controbilanciare gli effetti della crescita degli indici di dipendenza demografica. Queste politiche sono rivolte in primo luogo a favorire l occupabilità e l integrazione degli immigrati mediante meccanismi di ammissione trasparenti e non discriminatori. In secondo luogo le politiche dell'unione Europea sono volte ad aumentare la partecipazione femminile al mercato del lavoro mediante incentivi alla condivisione dell'impegno domestico e di cura tra uomini e donne e mediante l'attivazione di strumenti di conciliazione tra vita familiare e lavorativa. Infine, sono rivolte ad incrementare le opportunità lavorative per la popolazione anziana, introducendo cambiamenti significativi nelle prassi in uso per far fronte alla sfida demografica e per cogliere tutti gli aspetti positivi dell aumento della speranza di vita delle persone.

17 17 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Blondal S. and Scarpetta S. (1998), The retirement decision in OECD countries, Economics Department Working Papers No. 202, Paris, ed. OECD. Demeny P. (2003), Population policy dilemmas in Europe at the dawn of the twenty-first century, Population and Development Review 29, pp Eurostat (2003a), The Statistical Guide to Europe, , Luxembourg, Official Publications of the European Communities Eurostat (2003b), Education across Europe, 2003 edition, Luxembourg, Official Publications of the European Communities Feld S. (), Active Population Growth and Immigration Hypotheses in Western Europe. European Journal of Population, 16, pp Gruber J. and Wise D. (eds.) (1999), Social Security and Retirement Around the World, Chicago, University of Chicago Press ISTAT (1997), Gli anziani in Italia, Bologna, Il Mulino ISTAT (2004), Rapporto annuale. La situazione del Paese nel 2004, Roma Kohler H. P., Billari F. C. and Ortega J. A. ( 2002), The Emergence of Lowest-Low Fertility in Europe During the 1990s, Population and Development Review, 28, pp Lee R. D., Arthur B. W. and Rodgers G. (eds.) (1988), Economics of Changing Age Distributions in Developed Countries. Oxford, Clarendon Press Macura M., MacDonald A. L. and Haug W. (2005), The New Demographic Regime: Population Challenges and Policy Responses. New York and Geneva, United Nations Nazioni Unite (2002), L invecchiamento della popolazione mondiale: 1950-, Roma, Centro di Informazione delle Nazioni Unite OECD (2004), Trends in International Migration Edition, Paris, ed. OECD Peracchi F. (ed.) (), Le pensioni in Italia e in Europa. Roma, Ediesse Sabbadini L. L. (2004) Come cambia la vita delle donne, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero per le Pari Opportunità, Roma. United Nations (), Replacement Migration: is it a solution to population decline and population aging? New York and Geneva, United Nations United Nations (2004), World Population Prospects: The 2004 Revision Population Division of the Department of Economic and Social Affairs, New York and Geneva, United Nations Nota biografica Luisa Rosti è professore associato dell Università di Pavia (Dipartimento di Economia Politica e Metodi Quantitativi) e docente di Economia del lavoro e di Economia di genere (Facoltà di Economia). E autrice di "Femina Œconomica", Ediesse, Roma, Ha scritto di recente in tema di mobilità del lavoro (International Journal of Manpower 2002), discriminazione e occupazione indipendente (Small Business Economics 2005) e istruzione come segnale di abilità (Economics Bulletin 2005).

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione L economia della demografia: quota sette miliardi Siamo in piena rivoluzione demografica: se ora siamo 7 miliardi, nel 2050 avremo probabilmente superato i 9 miliardi. Si sposta così il centro di gravità

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa?

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Editoriale n. 6 del 18/5/2009 Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Dai dati del Taxing wages

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Il mutamento del contesto sociale negli ultimi 10 anni 1

Il mutamento del contesto sociale negli ultimi 10 anni 1 Il mutamento del contesto sociale negli ultimi 10 anni 1 I tempi di vita si allungano, gli eventi del ciclo di vita si spostano in avanti Le trasformazioni demografiche e sociali degli ultimi decenni hanno

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Dall Unità d Italia al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla Puglia *

Dall Unità d Italia al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla Puglia * Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 195-226 Cleup, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

IL PROLUNGAMENTO DELLA VITA LAVORATIVA DEI GIOVANI ANZIANI : UNO STUDIO SULLE STRATEGIE D IMPRESA*

IL PROLUNGAMENTO DELLA VITA LAVORATIVA DEI GIOVANI ANZIANI : UNO STUDIO SULLE STRATEGIE D IMPRESA* IL PROLUNGAMENTO DELLA VITA LAVORATIVA DEI GIOVANI ANZIANI : UNO STUDIO SULLE STRATEGIE D IMPRESA* Bruno Contini, Claudio Malpede, Claudia Villosio Versione provvisoria Torino - giugno 2007 * Si ringrazia

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Chiara Saraceno Università di Torino Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo 1. Modelli

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

Distribuzione digitale

Distribuzione digitale Distribuzione digitale Amazon Kindle Store La più grande libreria on line al mondo, con il Kindle ha fatto esplodere le vendite di ebook in America. Il Kinde Store è presente in Italia dal Novembre 2011.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

L INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE E LA SOSTENIBILITA DEI SISTEMI PREVIDENZIALI

L INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE E LA SOSTENIBILITA DEI SISTEMI PREVIDENZIALI Facoltà Economia Cattedra Economia Pubblica L INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE E LA SOSTENIBILITA DEI SISTEMI PREVIDENZIALI RELATORE: Prof. Andrea Monorchio CORRELATORE: Prof. Pietro Reichlin CANDIDATO:

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Doing Better for Families. Un maggiore supporto alle famiglie. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Doing Better for Families. Un maggiore supporto alle famiglie. Summary in Italian. Sintesi in italiano Doing Better for Families Summary in Italian Un maggiore supporto alle famiglie Sintesi in italiano Tutti i governi dell'ocse desiderano creare maggiori possibilità di scelta per i genitori, tanto in ambito

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 12 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO, AL

Dettagli

Gli aiuti di Stato al settore ferroviario nell Unione Europea. Ugo Arrigo - Giacomo Di Foggia

Gli aiuti di Stato al settore ferroviario nell Unione Europea. Ugo Arrigo - Giacomo Di Foggia Gli aiuti di Stato al settore ferroviario nell Unione Europea Ugo Arrigo - Giacomo Di Foggia 01/12/2013 Gli aiuti di Stato al settore ferroviario nell Unione Europea Ugo Arrigo: Professore di Scienza delle

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

INFORM@TORE SINQUADRI

INFORM@TORE SINQUADRI INFORM@TORE SINQUADRI Anno XXV N 1 (Febbraio 2012) Notizie di questo numero: CONTRATTO NAZIONALE FIAT: L Associazione Quadri e Capi Fiat riconosciuta in tutti i siti Fiat S.p.A. e Fiat Industrial RIFORMA

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LIBRO BIANCO SUL WELFARE PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ DINAMICA E SOLIDALE

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LIBRO BIANCO SUL WELFARE PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ DINAMICA E SOLIDALE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LIBRO BIANCO SUL WELFARE PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ DINAMICA E SOLIDALE ROMA FEBBRAIO 2003 Il Libro Bianco sul welfare è stato redatto da un gruppo di lavoro

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli