Da Il Sole 24 Ore. Fisco & famiglie CONFRONTO NELLA UE. Salvatore Padula

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da Il Sole 24 Ore. Fisco & famiglie CONFRONTO NELLA UE. Salvatore Padula"

Transcript

1 Da Il Sole 24 Ore Fisco & famiglie CONFRONTO NELLA UE Salvatore Padula E la Francia il paradiso fiscale delle famiglie. Nessun Paese europeo anzi, probabilmente, nessun Paese in assoluto riserva ai nuclei un trattamento di favore come quello accordato da Parigi. Merito, certo, del quotient familial, il complicato sistema che consente di calcolare l imposta sul reddito in funzione delle persone fiscalmente a carico. Sta di fatto che una famiglia di quattro persone, con coniuge e due figli a carico, e un unico reddito di 25milaeuro, non paga praticamente alcuna imposta: solo 52 euro. Che diventano poco più di se ho stesso nucleo conta su un unico reddito da 5omila euro all anno. Solo la Germania riesce a tenere il passo, pur rimanendo ben distanziata dai livelli di tassazione incredibilmente bassi garantiti ai cittadini d Oltralpe. Nell esempio, la famiglia tedesca paga meno di 700 euro su 25inila di reddito e quasi su un guadagno annuo di 50mila. E l Italia?A metà strada. Per chi vuol vedere il bicchiere mezzo vuoto, il nostro Paese non può assolutamente competere con Francia e Germania. Per chi invece, lo vede mezzo pieno, il trattamento fiscale garantito in Italia alla famiglia non è poi così diverso da quelli applicati in Gran Bretagna, Austria e Spagna. Anzi, sui redditi più bassi i soliti 25mila euro per la famiglia di quattro persone, di cui tre a carico si pagano euro di tasse(in realtà l Irpef è euro, ma si tiene conto anche dell effetto degli assegni familiari):un livello molto più favorevole rispetto ai paesi appena citati. Ma a 5omila euro i ruoli si invertono e l Irpef sale a euro ( senza assegni) Con un aliquota media superiore al 26%, contro il 25,6 dell Austria il 21,1 della Spagna e il 17,9 della Gran Bretagna Per tacere, naturalmente, del 5% della Francia Quando il reddito sale poi, il divario cresce: e l Italia è sempre fanalino di coda nella tassazione delle famiglie più benestanti. I confronti fiscali, si sa, sono spesso scivolosi. Specie quando si mettono a fronte realtà e tenori di vita distanti tra loro. Le differenze di struttura tra i sistemi sono tali e tante da sconsigliare paragoni frettolosi: in alcune realtà, solo per fare alcuni esempi, può essere molto più consistente il livello dei contributi sociali oppure possono essere riconosciuti aiuti simili ai nostri assegni familiari, oppure ancora può non essere omogeneo il sistema delle deduzioni e delle detrazioni per determinate spese o il livello delle tasse locali. Ma è evidente come il divario sia innegabile e da indagare con attenzione, se si vuole davvero approdare a una politica tributaria efficace per la famiglia Qualche passo in avanti, grazie agli ultimi tre interventi sull Irpef, è stato fatto. Lo suggeriscono le difformità di prelievo tra single e nuclei (ma solo sui redditi più bassi):i primi a 25mila euro pagano il 20% di aliquota media le seconde si fermano al 6,9. Il 2007, comunque, è un anno di grandi manovre sull imposta personale. Non è, infatti, solo l Italia ad aver adottato nuovi criteri e nuovi valori. Dalla Spagna alla Francia passando per la Germania, anche altri Paesi applicano quest anno aliquote e scaglioni rivisti, ma anche ritocchi sulle regole di calcolo dell imposta. In alcuni casi, come per la Germania, si tratta del completamento della riforma avviata nei 2000, che si traduce in una rimodulazione di alcune aliquote. Così, da quest anno, i tedeschi sperimenta- no la tassa sui ricchi, che colpirà con aliquota del 45% i redditi oltre 250mila per i single o di 500mila per le famiglie. Altre volte, è il caso della Spagna, l intervento si presenta con modalità più strutturali Obiettivi della riforma fatta da Madrid è la ricerca di una maggior equità fiscale. anche attraverso la riduzione dell Irpf (l equivalente dell Irpef) con l incremento dell area esente e il taglio al 43% (contro il 45 del 2006) dell aliquota massima. Novità si applicano anche in Francia, dove sui redditi 2006 (per la dichiarazione che si presenta nel 2007) sono stati accorpati aliquote e fasce (da7 a 5), bloccando il prelievo massimo al 40% contro il precedente 48,09. Scaglioni adeguati anche in Gran Bretagna. mentre l Austria è tra quelli Osservati l unico Paese a non aver introdotto modifiche. Le schede dei Paesi sono a cura di: - Giovanni Barbara, Domenico Busetto, Richard Murphy, Anna Maria Faienza KStudio Associato (kpmg) Milano Italia - Con il riordino 2007 si viaggia a 5 fasce L imposta sul reddito delle persone fisiche lrpef è, come negli altri Paesi, progressiva. La percentuale di tassazione aumenta al crescere del reddito prodotto dal singolo contribuente. La progressività dell imposta, principio garantito dall articolo 53 della Costituzione, è assicurata dalle aliquote e da un meccanismo di detrazioni d imposta e deduzioni. Soggetti passivi sono tutte le persone fisiche che risiedono in 1

2 Italia (tra queste sono ricompresi anche i soci delle società) e quelle che, pur risiedendo oltre confine, producono reddito nel territorio italiano. Il soggetto residente in Italia deve versare l imposta su tutti I redditi prodotti in Italia o all estero. I tentativi finalizzati a una rimodulazione della tassazione dei redditi delle persone fisiche siano essi da lavoro dipendente, assimilati, pensioni, lavoro autonomo, o diversi hanno sempre agito sulle detrazioni (riduzioni d imposta)e sulle deduzioni (abbattimenti del reddito imponibile), nonché sugli scaglioni e sulle aliquote. Le ultime riforme della curva Irpef tre in cinque anni ne sono una riprova. I primi due moduli della riforma Tremonti hanno sostituito le detrazioni con le deduzioni, prevedendo un area di esenzione in base al reddito(no tax area)e una in base ai familiari a carico (no family area). L lrpef 2007, reintroduce le detrazioni, riporta a cinque le aliquote, ritoccando anche gli scaglioni di reddito, e rimodula gli importi degli assegni al nucleo familiare. Francia - Con il «quotient» premiati i nuclei. Un sistema che ruota intorno alla famiglia. Mentre i meccanismi di tassazione adottati dalla gran parte dei Paesi pongono al centro l individuo, la Francia invece ha come elemento base proprio il nucleo familiare. In pratica, a esempio in Italia e in Gran Bretagna il carico fiscale che grava su un single equivale grosso modo a quello di una famiglia che abbia un unica fonte di reddito. Comparando questo sistema al meccanismo di tassazione vigente in Francia si possono invece notare significative differenze:a conti fatti, in Francia una famiglia con figli è tassata molto meno che in Inghilterra. Ciò dall applicazione dei cosiddetti quotient familial che consentono una misurazione della tassazione adeguata alla composizione del nucleo familiare. Il metodo francese persegue finalità equitative tenendo in debito conto il fatto che il benessere familiare dipende dalla combinazione di redditi monetari e attività domestiche e che in tale combinazione operano rilevanti economia di scala. Non è dunque indifferente affini fiscali prevedere sistemi che riducono l aliquota media applicata in funzione dell esistenza o meno della famiglia e del numero dei suoi componenti. NeL2007 (redditi 2006), le aliquote e gli scaglioni sono stati rimodulati (5invece di 7). Il prelievo è stato ridotto: l aliquota 40% peri redditi oltre i euro. Germania - Berlino lascia metà incassi ai Lànder Il sistema fiscale tedesco è organizzato su tre livelli di prelievo corrispondenti a quelli di Governo previsti dalla costituzione: il governo federale ( Bund ), i governi regionali ( Lander ) e quelli comunali ( Gemeinde ). L imposta sul reddito delle persone fisiche rientra nell ambito di un complesso meccanismo di compartecipazione che vede l attribuzione dell 85% al governo federale e alle Regioni (metà per ciascuno) mentre il restante 15% viene attribuito ai comuni. L imposta è progressiva e il reddito è determinato come somma delle diverse tipologie di reddito (da lavoro dipendente, da lavoro autonomo, eccetera). Nel 2007 l aliquota massima potrà raggiungere l aliquota del 45% su redditi superiori a 250,000 euro conseguiti da single o euro conseguiti da nuclei familiari ( Reichensteur o tassa sui ricchi). E prevista una no tax area a partire dalla soglia minima di euro che si duplica in caso di dichiarazione congiunta; sono previste inoltre detrazioni e deduzioni fiscali che si duplicano, nel caso di queste ultime, in presenza di dichiarazione congiunta. Sono possibili deduzioni fiscali per le spese riguardanti l utilizzo dell auto privata da parte del dipendente relativamente al tragitto dalla residenza abituale al posto di lavoro per un importo pari a 0.30 {/km. Le spese mediche non hanno rilevanza fiscale con eccezioni riferibili sia agli importi reddituali sia alla situazione familiare. Regno Unito - Divisi in tre categorie i residenti di Sua Maestà La tassazione delle persone fisiche in Gran Bretagna, come per la maggior parte dei Paesi europei, si basa sulla residenza. Il meccanismo di tassazione dei residenti non presenta molti elementi di diversità rispetto a quello adottato in Italia con l lrpef: si sommano i diversi redditi conseguiti dalla persona (employment income, dividends, interest, rental income, eccetera) calcolati al netto delle deduzioni relative a ciascuno di essi e sull ammontare complessivo si applicano le ulteriori deduzioni,se spettanti. Sul reddito così ottenuto si applicano le aliquote fissate ogni anno (per il 2007 sono state lievemente ridotte). A differenza delle norme italiane, quelle inglesi non contengono una definizione di «residenza fiscale» ma, a seconda degli elementi di fatto riscontrati, si distingue tra resident, ordinary e resident but not domiciled. Si considerano resident coloro che sono fisicamente presenti nel Regno Unito per almeno 183 giorni durante l anno fiscale, nonché coloro che si trasferiscono con l intenzione di rimanervi per almeno due anni. Gli ordinary resident sono le persone che risiedono da più anni consecutivamente o abbiano intenzione di rimanervi per tre anni dalla data dell arrivo (coincide spesso con un contratto di lavoro di durata almeno 2

3 triennale o con l affitto di una abitazione). I resident but not domiciled sono i soggetti residenti in Uk, ma che si considerano domiciliati all estero perché non dimostrano di volersi stabilire a tempo indeterminato nel Regno Unito. Austria - Mano leggera su bonus e tredicesima Il concetto di residenza fiscale in Austria è equiparabile a quello adottato in Italia, ossia si basa sul domicilio e non sulla cittadinanza. I non residenti sono invece tassati in Austria solo a fronte del conseguimento di talune categorie di reddito di fonte austriaca. L imposta sulle persone fisiche è progressiva, l aliquota massima è pari al 5O% dl reddito, come in Italia,è determinato quale somma delle diverse tipologie di reddito (da lavoro dipendente, da lavoro autonomo, eccetera). E previsto un trattamento di favore per il lavoratore dipendente in relazione ai bonus conseguiti: l aliquota applicata è pari al 6% purché l importo non superi il sesto del totale dello stipendio annuale (per esempio il dipendente austriaco che percepisce 12 mensilità, assoggettate a - tassazione secondo il criterio ordinario, si vedrà applicata l aliquota del 6% sulla 13 e 14 mensilità). Sono previste,al pari che in Italia, detrazioni e deduzioni fiscali. Le prime si riferiscono solitamente a figli e coniuge a carico e ad oneri per assicurazioni sulla vita mentre le deduzioni fiscali prevalentemente in misura fissa riguardano per esempio i costi sostenuti dai pendolari per il trasporto,o per alcune categorie di persone quali artisti, giornalisti o agenti sono previste delle deduzioni forfetarie in misura percentuale In Austria non hanno rilevanza fiscale le spese mediche se non quando diventano straordinarie superando l importo di euro. Spagna Non c è scampo per chi sceglie l offshore In Spagna,come del resto in tutta l UE, l imposta sul reddito delle persone fisiche si applica nei confronti dei residenti per i redditi ovunque prodotti ( worldwide income taxation ), mentre non residenti sono tassati limitatamente ai redditi di fonte spagnola, Una persona fisica si considera residente se soggiorna in Spagna per almeno 183 giorni in un anno o se ivi mantiene il proprio centro di interessi vitali (economici e/o professionali). Inoltre, una persona coniugata si presume residente in Spagna se il coniuge e i figli minori a carico vi hanno la propria dimora abituale, Nessuna possibilità di sfuggire al fisco per coloro che solo fittiziamente trasferiscono la residenza in un paradiso fiscale, restando assoggettati a tassazione sul reddito ovunque prodotto nell anno di emigrazione e nei quattro successivi. Un aspetto peculiare concerne le modalità di calcolo del carico fiscale sui residenti: per questi ultimi, i capital gain (al netto delle perdite) derivanti dai trasferimenti di beni o diritti di prelazione azionari posseduti da più di un anno, vengono tassati a parte al 15%. Mentre i redditi diversi (come i redditi da lavoro) rientrano nella base imponibile ordinaria. Quest ultima è diminuita degli oneri deducibili ed è assoggettata ad aliquote progressive per scaglioni che, per il vanno da un minimo del 15% per redditi fino a a un massimo del 45% per redditi superiori a Per il 2007 [ aliquota marginale è stata ridotta al 43%. Peri non residenti l imposta si applica nella misura fissa del 25%. Immobili in dichiarazione L ICI moltiplica gli adempimenti Arturo Bianco Dalle norme della Finanziaria in tema di lei potranno derivare tensioni tra Comuni e contribuenti. Sono infatti previsti nuovi adempimenti in dichiarazione dei redditi e per molte categorie di immobili c è il rischio di dover pagare un ICI maggiore, anche se i Comuni non aumentano le aliquote. Il rischio diventa certezza nei municipi che per la realizzazione di opere pubbliche istituiranno la tassa di scopo, costruita come un addizionale sull Ici. Sono questi i principali effetti determinati dal combinato disposto, cioè dal sommarsi, di Finanziaria e collegato fiscale (legge 258/2006). La Finanziaria prevede inoltre la attribuzione ai consigli comunali del potere di fissare le aliquote e fornisce chiarimenti sulla nozione di abitazione principale. Nella dichiarazione dei redditi dovranno essere inseriti i dati catastali sugli immobili posseduti e sull lci versata nell anno precedente. Già per la dichiarazione da presentare nel2007 dovranno essere inseriti i dati sull Ici versata nell anno L agenzia delle Entrate comunicherà ai comuni l esito dei propri controlli. Gli uffici comunali dovranno inoltre trasmettere annualmente all agenzia del Territorio gli esiti delle proprie attività di controllo sull Ici se esse forniscono dati diversi rispetto a quelli catastali. Attraverso queste informazioni si mira a costituire un sistema unitario di banche dati tra Entrate Territorio e Comuni da impiegare nella lotta all evasione. Ma, rileva Mauro Cammarata direttore del settore Entrate e acquisti del Comune di Bologna,«di fatto, si ripeterà l esperienza già fatta con l istituzione dell lci e con il 740 lunare del tale norma è infatti contraria alle esigenze di semplificazione e di buona amministrazione, anche perché quelle informazioni dovrebbero già essere disponibili nelle banche dati, se queste fossero state gestite adeguatamente». Viene 3

4 trasferita ai consigli comunali la competenza. Prima assegnata alle Giunte, a deliberare le aliquote dell Ici, che si aggiunge quindi a quella già attribuita all assemblea per tutti gli aspetti regolamentari. Viene inoltre chiarito che per abitazione principale si deve di regola intendere la residenza anagrafica. Tra le numerose altre disposizioni si devono infine ricordare soprattutto l abrogazione delle norme sulla rendita presunta, attribuita in assenza di una rendita catastale; la riduzione a 60 giorni dei termini per il versamento dell Ici accertata e l obbligo per i Comuni di presentare entro il 30giugno dell anno successivo, la dichiarazione sui minori introiti derivanti dalle variazioni di accatastamento degli immobili compresi nel gruppo D, ai fini della quantificazione del trasferimento erariale compensativo. Ar.Bi. ooooooooo ADDIO AL LAVORO L ITALIA ANTICIPA TUTTI Italia - 57 anni Attualmente (e fino alla fine del 2007) in Italia è possibile, attraverso la riforma Dini, il pensionamento di anzianità con 57 anni di età anagrafica e 35 di contribuzione. L uscita dal Lavoro garantita anche con 39 anni di contributi peri lavoratori dipendenti e 40 anni per gli autonomi a prescindere dall età, I limiti per il pensionamento di vecchiaia sono fissati a 65anni per gli uomini e 60 per le donne. Dal 1 gennaio2008, per effetto della legge Maroni, la soglia minima per i pensionamento di anzianità salirà a 60 anni di età in aggiunta ai 35 di contribuzione, e poi lieviterà a nel 2010 e nel Sarà garantita l uscita con 40 anni di contributi per lavoratori dipendenti e autonomi. Resteranno invariati i, requisiti per il pensionamento di vecchiaia Francia 65 anni Una rendita minima di vecchiaia viene garantita a tutte le persone con oltre 65 anni (60 in caso di invalidità). Si raggiunge con Il cumulo di tre fonti: la pensione di base, quella complementare e uno stanziamento supplementare di solidarietà per le persone anziane, Nel settore pubblico,è stato stabilito di portare a 40anni nel 2008 la durata di servizio richiesta per ottenere il massimo della pensione, contro il 37,5 di oggi; come nel settore privato, questa durata sarà portata a 41 anni nel 2012, e se necessario a 41,75 anni di servizio nel È stata inoltre decisa una decurtazione commisurata al 5% per ogni anno mancante a partire dal 2015 per i pensionamenti prima del raggiungimento della durata di servizio che offre diritto alta pensione intera. Germania - 65 Anni Il primo pilastro previdenziale è a ripartizione e retributivo e copre circa l 80% dei lavoratori dipendenti (33 milioni). Nel 2001 si è avviata La graduale riduzione dei livelli delle pensioni di primo pilastro e la creazione di un secondo e terzo momento si attende la finalizzazione delle misure che determineranno,come previsto dall accordo di coalizione, l aumento progressivo dal 2012 al 2035 dell età pensionabile a 67 anni, rispetto ai 65 di adesso. Quest ultimo requisito resta per coloro che possono far valere 45 annidi assicurazione. Si prevede inoltre l incremento contributivo dello 0,5 percento. Le riforme del 2003/2004 hanno promosso lo sviluppo degli schemi complementari. Spagna - 65 Anni Lo schema generale è obbligatorio per tutti i dipendenti e autonomi e prevede il diritto alla pensione dopo un periodo contributivo minimo di 15 anni. Una pensione piena al 100% della pensione di base si ottiene dopo 35 annidi contributi o all età standard di pensionamento che è di 65 anni. le pensioni, in linea di principio, sono sottoposte a un adeguamento annuo in rapporto all indice dei prezzi al consumo, ma in pratica sono cresciute in termini reali negli ultimi anni, soprattutto le minime. Per quanto riguarda i sistemi complementari del secondo e terzo pilastro, si stima che siano stati utilizzati da circa 7,3 milioni di persone nel Grazie allo sviluppo delle pensioni complementari nel settore pubblico,il numero degli iscritti è cresciuto ancora di 500mila unità nel

5 Da La Stampa Pensioni, ridurre i coefficienti? I sindacati: gratuita malvagità No alla nuova proposta del ministro Damiano e all idea di modifiche marginali allo «scalone» LUIGI GRASSIA Il ministro del Lavoro Damiano prova a proporre la revisione dei coefficienti pensionistici (in parole povere, della quota di stipendio che il pensionato si troverà in busta dopo aver lasciato il lavoro, e la sforbiciata che si ipotizza è fra il 6 e l 8% per chi andrà via dopo il 2011) ma i sindacati gli sbattono subito la porta in faccia: «È un atto di malvagità gratuita» secondo la reazione più dura quella del segretario generale della Uil, Luigi Angeletti. Inutilmente Damiano ricorda che «la revisione non equivale a una nuova riforma delle pensioni, perché era già prevista dalla Dini». Chiusura totale dei sindacati anche sul l questione dello «scalone» ideato da Maroni: non ne chiedono la modifica (come vorrebbe Damiano) ma l eliminazione, e anche l UgI, vicina al centro destra sostiene questa posizione. La questione posta da Damiano dipende dal fatto che nel decennio trascorso dalla Dini la vita si è allungata di due anni e mezzo e l apposito Nucleo di valutazione calcola che per far tornare i conti il coefficiente va ridotto del 6-8% dopo il 2011, quando cominceranno ad andare in pensione i primi lavoratori con il sistema misto (retributivo e contributivo) Il ministro non ne fa, comunque, una questione soltanto matematica e spiega che «ogni modifica andrà negoziata con le parti sociali». Aggiunge che non ci si metterà a tagliare le pensioni e basta ma si provvederà in parallelo a migliorare il welfare e a modificare le leggi sul lavoro (precarietà e part-time) nel senso richiesto dai sindacati. Damiano sollecita l apertura del tavolo di confronto. Ma i sindacati non ci sentono. Per esempio Morena Piccinini (Cgil) dice «la Dini sta funzionando fin troppo bene». Bordate su Damiano anche quando dice che lo scalone (il passaggio nel 2008 da 57 a 60 anni per la pensione di anzianità) «va rivisto, però compatibilmente con le risorse disponibili, perché questo superamento costa 9 miliardi». TI numero uno della Cisl, Raffaele Bonanni, ribatte che «il governo ha nel suo programma l eliminazione dello scalone» e non la sua semplice modifica. Quanto alla scarsità di soldi Bonanni pensa che «I opèrazione vada fatta con risorse generali», cioè attingendo a quelle del fisco se le previdenziali non bastano. Damiano tiene comunque ad affermare che «la sintesi la farà Prodi, dopodichè nel governo non è che ognuno potrà continuare a dire la sua sulle pensioni come niente fosse». ooooooooo da Il Sole 24 Ore Corte dei conti: subito la riforma o salta il bilancio Riforme: «Obbligatoria la revisione dei coefficienti: doveva essere già attuata Le leggi Dini e Maroni non bastano più» Roberto Turno ROMA Aumentare anche gradualmente l età pensionabile oltre i 6o anni, rivedere i coefficienti di rivalutazione O tutto crolla. Perché senza riforma «il sistema pensionistico rischia di non essere più sostenibile»: la Corte dei conti lancia un nuovo affondo sulle pensioni. Un alto là in piena regola, che il ministro del Lavoro frena, i sindacati contestano aspramente («i magistrati contabili percepiscono il 100% dello stipendio», ribatte Bonanni) e l ex ministro Roberto Maroni apprezza. Le mine per i conti pubblici sono quelle di sempre: spesa per previdenza e sanità, anzitutto. Poi gli sprechi, dalle consulenze ai ministeri spendaccioni. E i 5 contratti pubblici siglati con benevolenza nel 2006 (sanità, enti pubblici non economici, agenzie fiscali, Regioni ed enti locali) ma con coperture finanziarie incerte. Ma anche la riforma della riscossione dei tributi, che dopo aver mandato in soffitta il fallimentare (per lo Stato) sistema dei concessionari-esattori, rischia di rifare antichi errori. E quei tagli del decreto Bersani di luglio sulle spese intermedie che rischia di affossare la Corte dei conti, da gennaio in esercizio provvisorio. E un quadro tutt altro che tranquillizzante quello tracciato 5

6 ieri dalla magistratura contabile in apertura dell anno giudiziario. Giornata delle grandi occasioni ieri a viale Mazzini, alla presenza del capo dello Stato, Giorgio Napolitano. L ultima uscita pubblica del presidente della Corte, Francesco Staderini, che va in pensione a 75 anni e che dal 6 febbraio sarà sostituito da Tullio Lazzaro. L attuale Pg, Claudio De Rose, scade invece 27agosto prossimo. L allarme sulle pensioni Staderini lo lancia in conferenza stampa. Senza una revisione, afferma, «il sistema rischia di non essere più sostenibile». La spesa è superiore alla media Ue, l età pensionabile è la più bassa; e questo mentre cresce la speranza di vita. Le riforme Dini e Maroni non bastano più, afferma Staderini. Nel 2038 «la spesa aumenterebbe di circa il 2% sul Pil»: dunque, l età pensionabile va aumentata, gradualmente, certo, evitando lo scalone. «È un passaggio essenziale», sottolinea. E la stessa revisione dei coefficienti, aggiunge, «è un obbligo di legge, perché previsto dalla riforma Dini e, anzi, si sarebbe già dovuta attuare». Senza escludere l individuazione dei lavori usuranti e, possibilmente, aumentando allo stesso tempo la spesa per il welfare. «Terremo conto di tutte le opinioni e consigli», risponde a distanza il ministro del Lavoro, Cesare Damiano, rinviando però al confronto con le parti sociali. E Raffaele Bonanni (Cisl) frena: sì all innalzamento dell età pensionabile, dice, ma solo con gli incentivi e salvando i diritti acquisiti. E quanto alla Corte dei conti, il leader Cisl rimanda la palla sull altro campo: i coefficienti vanno rialzati, proprio pensando ai giovani che altrimenti avrebbero una pensione sotto il 50% dello stipendio, «ben lontani dal 100% dei magistrati contabili». Le correzioni Sistema al collasso - Il sistema pensionistico, dice il presidente della Corte dei Conti Francesco Staderini, rischia di non essere più sostenibile Spesa in aumento --In assenza di interventi, nel 2038 la spesa in rapporto al PIL potrebbe aumentare del 2 per cento L età pensionabile - Va modificata la Legge Dini, va aumentata l età pensionabile magari anche dopo i6oanni arrivandoci in modo gradual Coefficienti - Se l età non verrà innalzata, bisognerà rivedere i coefficienti in base ai quali vengono calcolati gli importi delle pensioni La media europea - Questo perché La spesa pensionistica in Italia ha spiegato La Corte dei conti è superiore a quella media europea e l età pensionabile è tra le più basse ooooooooo Articolo che conferma i timori espressi nella nostro invio del 26 gennaio scorso Welfare. Un piano sui maxi-assegni Pensioni, stretta in vista su Bankitalia e parlamentari ROMA Il Governo prepara la stretta sulle pensioni privilegiate. Nel mirino parlamentari, dipendenti della Banca d Italia e fondi speciali Inps: dal fondo volo agli elettrici ai telefonici e ai dazieri. Ma non solo. I tecnici del Governo stanno valutando la possibilità di costruire una sorta di nuovo testo unico previdenziale per accorpare attorno alla filosofia contributiva tutte le regole pensionistiche delle varie gestioni. Del resto lo stesso memorandum siglato con i sindacati prevede espressamente «il completamento del processo di armonizzazione» di tutte le categorie e il «superamento dei privilegi ancora esistenti nel sistema previdenziale.. L esecutivo, insomma, punta a una sorta di micro-riforma. Resta da vedere come saranno disegnate le misure e, soprattutto, se il Parlamento cercherà qualche escamotage. Ieri da Camera e Senato non si è levato alcun commento ai dati diffusi dal settimanale 6

7 l Espresso sui vitalizi dei parlamentari. I tecnici del Governo già da tempo stanno preparando una sorta di atto di indirizzo, anche perché sulla definizione delle regole di pensionamento dl deputati e senatori rimangono sovrani i due rami del Parlamento. La questione sarà comunque affrontata anche nel corso del confronto tra Governo e parti sociali. Per il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, non si può più chiedere a 15 milioni di lavoratori di «lavorare per coprire il buco della previdenza dei parlamentari». Angeletti poi torna a chiedere la separazione delle voci previdenziali da quélle assistenziali e ribadisce il no alla revisione dei coefficienti di trasformazione, ma apre sull innalzamento dell età pensionabile. A definire scandalosi e irritanti i privilegi della politica è la Fiom-Cgil mentre la Uil pensionati chiede di colpire tutte le situazioni privilegiate. Su questo fronte il Governo sembra intenzionate a presentarsi al tavolo con le parti sociali con una sorta di dossier sulle Situazioni anomale rispetto alla traccia contributiva» della. riforma Dini, prime fra tutte le gestioni caratterizzate da un rendimento che sarebbe dello 0,5% e in alcuni casi anche dell 1% superiore a quello dei lavoratori dipendenti. Ad esempio quelle del personale della Banca d Italia e il fondo Inps degli elettrici ed ex Inpdai Già nell ultimo rapporto del Nucleo di valutazione della spesa previdenziale (l organismo tecnico del ministero del Lavoro) si ricorda che i lavoratori deil ex fondo trasporti (ora confluito nel Fondo lavoratori dipendenti Inps) possono usufruire di un abbassamento dei limiti di vecchiaia (da 65 a 60 per gli uomini e dal 55 a 50 perle donne). Anche i lavoratori del Fondo Volo (i piloti possono uscire con soglie pensionabili più basse e beneficiano pure di assegni molto più ricchi con pensioni che si avvicinano agli importi degli stipendi. Più alto rispetto alla massa dei lavoratori dipendenti anche il rendimento delle pensioni degli elettrici. E cospicua resta la componente retributiva dei telefonici. M,Rog. IL GIRO DI VITE Il Governo prepara un dossier su tutte le gestioni caratterizzate da un rendimento dello 0,5-1% superiore ai dipendenti Super vitalizi Ecco i vitalizi riscossi dai membri dell attuale Governo (importi mensili lordi) SOTTOSEGRETARI Famiano Crucianelli Giovanni Mongiello Lorenzo Forcieri Lorenzo Meduri Mauro Agostini Nando DallaChiesa Elidio DePaoli Alfonso Gianni Fausto Marchetti Alberto Maritati Giampaolo Vittorio D Andrea Maria Chiara Acciarini Mario Lettieri Luigi Manconi Enrico Luigi Micheli Antonio Michele Montagnino Giancarlo Piatti Emidio Casula I VICEMINISTRI Roberto Pinza Ugo Intini L elenco completo dei politici si ha a pagina 30 del n. 5 8 febbraio del settimanale L Espresso ooooooooo 7

8 I VECCHI FONDI PENSIONE I due volti dei preesistenti - La vicenda dell ammanco nella Cassa IBI mostra la criticità di strutture a volte opache. I fondi che vedete citati nella tabella qui in alto sono l élite dei preesistenti, i fondi pensione cioè nati prima del 93 che rappresentano i tre quarti degli iscritti e del patrimonio della previdenza complementare in Italia: sono quelli dal patrimonio più importante, operativi da decenni, che si sono spesso già adeguati ai moderni criteri di gestione, di governance e di trasparenza, analoghi se non talvolta superiori a quelli negoziali. Ma purtroppo questi rappresentano un eccezione nel panorama dei 348 fondi preesistenti registrati ad oggi presso la Covip, l autorità di vigilanza sulla previdenza complementare: una pletora di casse destinate (soprattutto quelle a prestazione definita, cioè un quarto circa del totale) ad autoescludersi dalla riforma Maroni (non adeguandosi ai criteri imposti dalla 252/2005). Esclusi questi ultimi ed esclusa l élite, restano centinaia di fondi che coglieranno l occasione della riforma del Tfr per passare da una fase arcaica della previdenza ad una fase moderna. Tra questi c è il rischio concreto che si ripeta la vicenda della Cassa IBI, il fondo pensione dell istituto bancario italiano, inglobato in Cariplo nel 91, che al momento dell adeguamento ha scoperto un ammanco inizialmente stimato a 40 milioni di euro su 80 totali. Una strada in salita, quella della trasparenza, soprattutto per queste strutture che negli anni non hanno certo brillato per innovazione E che ora affronta no un processo di adeguamento che ha ancora molti punti da chiarire: dopo l ok del Ministero del Lavoro tocca a quello dell Economia licenziare il decreto che regola la governance (vigilanza unica della Covip), la trasparenza (patrimonio separato, obbligo di banca depositaria), i- limiti agli investimenti (non oltre il 20% del patrimonio in patrimonio immobiliari) e la gestione finanziaria (obbligo di affidarsi a gestori professionali). Quindi la parola passerà poi ai Consiglio di Stato e alla Covip. C è un altro punto su cui questi fondi non hanno mai brillato ed è la comunicazione: anche tra i più importanti, non è facile trovare un sito Internet che pubblichi le informazioni patrimoniali e quelle sugli ultimi rendimenti. È il caso, ad esempio, del fondo pensione del Banco di Napoli, di quello del personale di Biverbanca o del Credito Emiliano, solo per citarne alcuni. E anche laddove vi sono siti web, non sempre questi indicano i dati aggiornati, come per il Fondo pensione Mario Negri (oltre 3OrniIa iscritti ira dirigenti delle aziende di spedizione e trasporto) dove i dati sono fermi al Altri sono più attivi I- nel campo della trasparenza, mostrando una gestione efficiente. Per esempio il Fondo dei dirigenti industriali Previndai (il primo con un attivo superiore ai 3,3 miliardi di euro) che pubblica i dati aggiornati al 2007 e il fondo dei dipendenti IBM. sui cui siti Internet è possibile consultare le performance aggiornate a fine performance che, sia nel primo che nel secondo caso, hanno battuto 11 4% medio offerto nel 2006 dai fondi negoziali. Marco Io Conte - Vito Lops -. Il caso. Indagine a Intesa Sanpaolo - Per la Cassa Ibi buco di 40 milioni Marco Io Conte Si dovrà ringraziare la riforma del Tfr e il tempestivo processo di adeguamento al Dlgs 252/2005 che ha permesso di scoperchiare un ammanco di bilancio per oltre 40 milioni di euro nella Cassa IBI, il fondo pensione degli ex dipendenti dell Istituto Bancario Italiano, incorporato in Cariplo nel 91, ora nel gruppo Intesa SanPaolo. Nelle scorse settimane infatti erano state avviate le procedure per allineare il fondo pensione preesistente, nato cioè prima della riforma del 93, alle norme previste dalla riforma del Tfr. Al passaggio degli attivi al gestore professionale, Intesa Previdenza Sim, gli amministratori del fondo si sono accorti dell ammanco, superiore alla metà dell intero patrimonio del fondo (circa So milioni di euro), Subito è stato attivato l auditing interno di Banca Intesa, che ha cercato di scoprire la causa di questo ammanco. L esito dell indagine non è ancora noto, anche se le prime indicazioni porterebbero nella direzione di operazioni in strumenti derivati. Cassa lbi è uno dei fondi pensione cui è iscritto oggi circa un migliaio di dipendenti del gruppo. La vicenda ripropone l arretratezza dei fondi preesistenti, che non hanno gli obblighi previsti invece per i fondi di recente costituzione in termini di trasparenza, gestione professionale, patrimonio separato e obbligo di banca depositaria. Il decreto che armonizza i vecchi fondi ai nuovi doveva essere emanato entro dieci anni dalla Dini, entro cioè la fine del 2005; ma solo nel novembre scorso il ministero dell Economia lo ha messo in consultazione sul proprio sito, in attesa di riscontri per l approvazione finale cui dovrà seguire il via libera del Consiglio di Stato e della Covip. In questa carenza di vincoli, altri fondi 8

9 pensione si sono resi protagonisti di episodi di mala gestio come quello della Banca Popolare di Intra, che era arrivato a investire i tre quarti del proprio patrimonio in obbligazioni e azioni della banca stessa. La stessa Cassa lbi era stata protagonista anni fa anche nella vicenda Parmalat: a default conclamato i suoi amministratori acquistarono azioni del gruppo di Collecchio per 14 milioni di euro, rivendendole pochi giorni dopo a un prezzo ridotto dei tre quarti, ricavandone solo 363mila euro. LA RAPPRESENTANZA - PARLA SERGIO CORBELLO (ASSOPREVIDENZA) Le aggregazioni saranno inevitabili - «Alcune casse sono destinate a scomparire» Dottor Corbello, c è da attendersi altre vicende come quella dl Cassa Ibi tra i preesistenti Spero non ve ne siano affatto, il mondo dei preesistenti nella mia ottica si divide due quelli che si sono largamente adeguati alla nuova disciplina, sono vivi, vivaci con continuità di iscrizione; usano modalità di gestione del patrimonio che sono quelle previste per la nuova Previdenza Poi ci sono vecchi fondi che probabilmente non si adegueranino neppure, alla nuova disciplina, che sono a prestazione definita, E anzi dalla nuova disciplina avranno una spinta in più per anticipare la chiusura fisiologica. E tra questi due estremi? C è da attendersi sorprese? Assoprevidenza come centro tecnico, ha perseguito una politica dalla Dini in avanti: guardare sempre verso il nuovo cogliere ogni nuova occasione. Crediamo che i grandi fondi preesistenti siano strutture assolutamente valide, competitive con altre esperienze nazionali e internazionali e che si differenzino ancora rispetto ai nuovi fondi negoziai semplicemente perchè utilizzano qualche vincolo burocratico in meno di quelli. il prototipo del vecchio fondo è quello che opera con banca depositaria con una buona gestione amministrativa e che si avvale per gli investimenti di operatori specializzati alla stregua dei nuovi fondi Hanno però criteri di gestione meno rigorosi Chi si è avvicinato verso il profilo ora citato si è già adeguato al rispetto dei nuovi criteri digestione delle risorse. Ma è sempre gestito bene, per esempio Il patrimonio immobiliare? Quando è stato analizzato ha sempre dato buoni frutti; In futuro è naturale che anche i negoziali vadano sull immobiliare con la crescita del patrimonio e la necessità di diversificare Magari con fondi immobiliari dedicati I due mondi, vecchi e nuovi fondi, devono compie passi di avvicinamento. prossimamente avremo un patrimonio comune di previdenza con caratteristiche moto più omogenee, Con patrimoni strutturati in modo simile. Cosa accadrà con la riforma ai preesistenti? Nel medio periodo i fondi più piccoli tenderanno a scomparire Sarà necessario un processo di aggregazione razionalizzazione dei fondi pensione. fisiologico e auspicabile Certi fenomeni di aggregazione saranno indigesti per i lavoratori? Le problematiche dei singoli fondi saranno gestiti in sede di contrattazione collettiva; d altronde sono nati così. Sono problematiche da vedere caso per caso, in un contesto generale di rapporti di lavoro e di relazioni industriali E di per sé neutra, nell ottica previdenziale Ma. I.C. 9

10 ATTUALITÀ Le casse col patrimonio più ingente SoIe-24 Ore Sabato 3 Febbraio 2007 Fondo Categoria Attivo2006 Aderenti Rendimento Previndai Dirig.industriali Ass.4,57;Bil4,08;Svil.6,21 Fondo Cariplo Dip. Cariplo ,15 Fondo Unicredit Pers.Gruppo Univcredit ,2 (al netto imp. 11%) Fondo pens. B.diRoma Dip. B. di Roma Fondo Pens. San Palo Dip. San Paolo Difens.1,95;Prud.7,71;Equil.12,84;Aggr.17,44 Cassa Prev. MPS Dip. MPS ,48 Previbank Settore credito ,40 Fondo Pens. BNL Dip. BNL Fondo Pens. B.Cred.Coop. Pers. B.Cred.Coop ,92 (al netto imp. 11%) Fondo Mario Negri Dirig, Az,Sped. Trasp ,73 Fondo Pens. Agenti Ag. Profess.Assic (al netto imp. 11%) Previp Settori vari promosso da RAS Ass.5,04;obbl.2.45;bil.4,14;azion.6,17 Fondo Previgen ,02 Fondo Pens.Dip IBM Dip. IBM ,72 Fondo Dirig. Fiat Dirig.Gruppo Fiat ,74 Fondo Pens.Dirig.IBM Dirig.IBM ,72 Fondo Prev.CR Firenze Dip. CR Firenze Fondo Pens. Giornalisti Giorn.contr.lav.subord Cons.1,26;Prud.3,06;Mix.2,57 Fondo Prev.Montedison Dip.Az.Montedison ,81 (al netto imp. 11%) B.Lombarda Piemontese Dip. B. Lomb. Piem: \Linea 1/ 1,40;2/ 0,97;3/ 4;Etica sost. 2,93 Fondo Pens. Medici Medici dipendenti Linea Ass. 4,83 Fondo Cred. Valtellinese Dip.Gruppo Valtellinese Mon.2,09;Obl.2.05;Bil.obl.6,93;Bil.az.10,81 Fondo BPA Dip.B.Pop:Ancona e controll Linea 1/ 1,43;2/ 2,68; 3/ 4,29;4/ 6,45 Fonte: Elaborazione Sole 24 Ore su dati forniti dai Fondi 10

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema 10 cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema /1 2 previbooks/1 3 Previboooks Previbooks è una collana di ebook creata dall Associazione Previnforma per aggiungere

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito PREMESSA Dal 1992 in poi i vari Governi che si sono succeduti hanno messo mano al sistema previdenziale obbligatorio per renderlo compatibile con le ridotte risorse economiche a disposizione. Pertanto

Dettagli

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Premessa La previdenza obbligatoria 2 Nel tempo numerosi sono stati i traguardi raggiunti nella direzione del miglioramento

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? La possibilità, per i lavoratori dipendenti ed autonomi, di riscattare, ai fini pensionistici, il periodo di studi universitari necessario al conseguimento

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 1 Riscattare la laurea: conviene o non conviene Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 2 Riscattare la laurea: conviene o non conviene RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

Dettagli

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L Irpef L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L imposta sul reddito delle persone fisiche 360 Dopo la legge 289/2002 e la legge 311/2004,

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia Confronto degli oneri contributivi e fiscali e delle prestazioni sociali in Austria ed Italia di K. Schönach, G. Innerhofer, G. Auer SINTESI (a cura di Klaus Schönach e Andrea Zeppa) Bolzano / Innsbruck,

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Prevedi: lo stato dell arte Adesioni al 31/01/2005: 15.000 Valore quota 01/01/2004: 10,00 Valore quota

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE 1. MONETA ELETTRONICA PER LE PENSIONI 2. LIBRETTI DI DEPOSITO AL PORTATORE BANCARI O POSTALI 3. I.S.E.E. 4. DETRAZIONI RISTRUTTURAZIONI ED INTERVENTI PER RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze.

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO Fisco semplice per i piccoli imprenditori Addio libri contabili, Iva e Irap. Per le piccole imprese solo un forfait. Un milione di imprenditori minimi e marginali,

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Per saperne di più su alcune parole della previdenza

Per saperne di più su alcune parole della previdenza Adesione individuale: Forma di adesione al fondo pensione aperto, che si perfeziona mediante un contratto stipulato direttamente tra il singolo aderente ed il fondo. Adesione Volontaria: Forma di adesione

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

IL METODO DI CALCOLO introdotto dalla riforma DINI

IL METODO DI CALCOLO introdotto dalla riforma DINI IL METODO DI CALCOLO introdotto dalla riforma DINI RETRIBUTIVO (riguarda chi al 31.12.1995 aveva almeno 18 anni di contributi) La pensione viene calcolata in base all ultimo stipendio, per gli anni di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Fondi pensione La vigilanza. Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015

Fondi pensione La vigilanza. Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015 Fondi pensione La vigilanza Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015 CHI È MEFOP Chi è Mefop Società per lo sviluppo del mercato dei fondi pensione costituita dal Ministero dell

Dettagli

IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007. a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it

IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007. a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007 a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it Entro il 30 giugno 2007 dovremo fare una scelta importante, che si ripercuoterà sul futuro

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda 1. Il quadro macroeconomico alla base della Finanziaria 2002: da rivedere le stime sulla crescita 2. Mancanza di

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXIX N. 2

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXIX N. 2 Camera dei Deputati - 8 1 - Senato della Repubblica Fondi pensione negoziali. Oneri di gestione.1'* (importi in milioni di euro; valori percentuali sul patrimonio a fine esercizio) Tav. 3.9 Ammontare 2012

Dettagli

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione)

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione) INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RESA AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252 (fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

GLOSSARIO FONDOPOSTE

GLOSSARIO FONDOPOSTE GLOSSARIO FONDOPOSTE A Aliquota IRPEF È la percentuale che viene applicata al reddito imponibile e che serve a determinare l'imposta. Il reddito ai fini IRPEF è diviso in scaglioni e ogni scaglione è assoggettato

Dettagli

Gruppo di lavoro PREVIDENZA

Gruppo di lavoro PREVIDENZA Gruppo di lavoro PREVIDENZA OLTRE LA CLINICA. LA PROFESSIONE MEDICA OGGI Discussant: Dr. Giorgio Cavallero (Vice Segretario Nazionale ANAAO, Segretario generale CosMed) Dr.ssa Claudia Pozzi (Resp AG Regione

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 Esercizio 1 Si consideri un imposta sul reddito personale con aliquota marginale t costante del 20% e detrazione, f, pari a 1.000 dall imposta dovuta. Nel

Dettagli

10. L'irpef: aliquote e detrazioni

10. L'irpef: aliquote e detrazioni 1 di 7 21/05/2010 16.56 10. L'irpef: aliquote e detrazioni Dal 1 gennaio 2007 è in vigore un nuovo sistema di determinazione dell'irpef che, rispetto al precedente, è caratterizzato da: nuovi scaglioni

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4 GUIDA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Premessa: perché la previdenza complementare? 2 La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2 I fondi pensione 4 Il funzionamento dei fondi pensione 5 Come si finanziano

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa SILENZIO/ASSENSO E TFR ALL INPS Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa di Giovanni Maggiorano Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Introduzione...3 Tre le ipotesi percorribili...4

Dettagli

Conoscere. Previmoda. Da mettere a disposizione del lavoratore neo assunto o non iscritto.

Conoscere. Previmoda. Da mettere a disposizione del lavoratore neo assunto o non iscritto. Conoscere Previmoda Da mettere a disposizione del lavoratore neo assunto o non iscritto. Aderisci a Previmoda Aderire è semplice: compila il modulo di adesione e consegnalo all ufficio del personale dell

Dettagli

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012

La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 La previdenza pubblica e privata: cosa ne pensano i lavoratori? Indagine Mefop-Ipsos 2012 Agenda 1 Aspetti generali 2 Descrizione del campione 3 Previdenza pubblica e privata. Gli effetti del decreto Salva

Dettagli

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio LA PREVIDENZA PUBBLICA Docente: Andrea Milesio Il contesto Il contesto Il contesto Per quanto tempo ancora sarà sostenibile questa situazione? La Previdenza Pubblica ante riforma Fornero 6 Il sistema

Dettagli

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 IL LAVORO E L IMPRESA LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B illustrazione di Gianni Chiostri Comitato Assise Italo

Dettagli

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014 PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil Torino, 8 luglio 2014 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. I numeri della previdenza complementare; la pensione pubblica INPS 2. Caratteristiche

Dettagli

LUGLIO 2003. Applicazione al SanPaoloImi. e Sanpaolo Banco di Napoli FISAC

LUGLIO 2003. Applicazione al SanPaoloImi. e Sanpaolo Banco di Napoli FISAC CENTRO INFORMATIVO LUGLIO 2003 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione al SanPaoloImi e Sanpaolo Banco di Napoli Internet :http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail: fisac.sanpaolo@arpnet.it

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI 30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepito, nel corso del 2008, i seguenti redditi: - Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione LE PENSIONI COMPLEMENTARI a cura di Marco Perelli Ercolini Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione La riforma

Dettagli

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Maria Cecilia Guerra Modena, 3 novembre 21 OBIETTIVI DELLE POLTICHE PER LE FAMIGLIE Sostegno alle responsabilità familiari natalità partecipazione femminile

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE L AGENZIA INFORMA no tax area aliquote deduzioni riforma IRPEF clausola di salvaguardia calcolo deduzioni scaglioni detrazioni reddito imponibile tassazione no tax gui area deduzioni aliquote deduzioni

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 Esercizio 1 Il sig. A, senza figli e sposato con la signora B la quale non percepisce alcun tipo

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare 26 gennaio 2015 Quali cambiamenti sono disciplinati dalla Legge di Stabilità 1 1. Da marzo 2015

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Schema dell IRPEF T=t(Y-d)-f Reddito complessivo

Dettagli

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Perché un fondo pensione e come funziona I lavoratori che sono andati in pensione in questi ultimi anni hanno visto via via ridursi

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Il regime fiscale della previdenza integrativa risente del sistema in base al quale è strutturato. Al compimento dell età pensionabile il sottoscrittore percepirà

Dettagli

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP Fondo Pensione ESPERO La pensione pubblica 1 - Perché i Fondi Pensione 2 - Come funzionano i Fondi Pensione 3 - Il Fondo Pensione ESPERO 4 - I destinatari 5 - Gli organi 6 - Adesione ad Espero ed effetti

Dettagli

conoscere per comprendere, comprendere per scegliere

conoscere per comprendere, comprendere per scegliere conoscere per comprendere, comprendere per scegliere IL SISTEMA R E T R I B U Z I O N E Contribu3 Datore di Lavoro Contribu3 a carico del Dipendente PENSIONE Rendita vitalizia LIQUIDAZIONE Rendita una

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo..

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo.. Il fondo Espero ESPERO è il Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori della scuola. Il Fondo Pensione è nato a seguito dell accordo istitutivo del 14/03/2001 fra le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

T.F.R. E PREVIDENZA COMPLEMENTARE. STUDIO rag. STEFANO ZOFFOLI - rag. LUCA PASINI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

T.F.R. E PREVIDENZA COMPLEMENTARE. STUDIO rag. STEFANO ZOFFOLI - rag. LUCA PASINI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE T.F.R. E PREVIDENZA COMPLEMENTARE P.I.P. PIANO INDIVIDUALE PREVIDENZIALE (F.P.A. o contratti di assicurazione) FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE STUDIO rag. STEFANO ZOFFOLI - rag. LUCA PASINI L EVOLUZIONE NORMATIVA

Dettagli

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Il sistema previdenziale italiano SISTEMA PREVIDENZIALE I PILASTRO II PILASTRO III

Dettagli

SPECIALE PREVIDENZA PENSIONI T.F.R. FONDO PENSIONI ESPERO. Associazione Federativa Nazionale COBAS - Comitati di Base della Scuola

SPECIALE PREVIDENZA PENSIONI T.F.R. FONDO PENSIONI ESPERO. Associazione Federativa Nazionale COBAS - Comitati di Base della Scuola INFOCOBAS SPECIALE PREVIDENZA PENSIONI T.F.R. FONDO PENSIONI ESPERO Associazione Federativa Nazionale COBAS - Comitati di Base della Scuola Sede Nazionale: viale Manzoni, 55-00185 - Roma Tel. 06/70.452.452

Dettagli

Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale. M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno

Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale. M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno 7/04 Maggio 2004 Gennaio 2004 7/04 SINTETICA DESCRIZIONE DEL DISEGNO DI LEGGE DELEGA

Dettagli