Giovanna Sini(1), Carmine Ciocca(2), Maria Flora Salvatori(3), Claudio Capocchi(4) per Love Out Law(5) 13/03/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovanna Sini(1), Carmine Ciocca(2), Maria Flora Salvatori(3), Claudio Capocchi(4) per Love Out Law(5) 13/03/2015"

Transcript

1 STIMA DELL IMPATTO ECONOMICO IN CASO DI ESTENSIONE DEL DIRITTO ALLA PENSIONE DI REVERSIBILITA AI SUPERSTITI PER LE COPPIE DELLO STESSO SESSO UNITE CIVILMENTE Giovanna Sini(1), Carmine Ciocca(2), Maria Flora Salvatori(3), Claudio Capocchi(4) per Love Out Law(5) 13/03/2015 Indice 1. Introduzione Metodi..2 Fonti...2 Metodologia Risultati Commenti Bibliografia Team di lavoro Committente..11 1

2 1. Introduzione È attualmente in discussione presso la seconda Commissione permanente Giustizia del Senato un disegno di legge (Atto Senato n.14) che propone di disciplinare le coppie di fatto e le unioni civili tra persone dello stesso sesso, di cui è firmataria e relatrice la senatrice Monica Cirinnà. Il disegno di legge si avvia nel mese di marzo 2015 alla fase emendativa e di discussione e successiva votazione presso l aula del Senato. Il disegno di legge prevede, tra gli altri, il diritto alla pensione di reversibilità da estendere alla parte contraente l unione civile, equiparandola al coniuge superstite e facendo venire meno questo aspetto di discriminazione. Obiettivo di questo studio è stimare l impegno economico che dovrebbe sopportare l ente previdenziale INPS in caso di istituzione della pensione di reversibilità per coppie dello stesso sesso, conseguente all eventuale creazione di un istituto giuridico che preveda per le coppie dello stesso sesso gli stessi diritti delle coppie eterosessuali regolarmente sposate. 2. Metodi Fonti Le basi informative a supporto dell analisi risultano non ricche, in quanto l esperienza storica sul tema è breve. Inoltre, tuttora, gli istituti statistici nazionali non sempre rilevano, o sono in grado di rilevare, dati adeguati e completi sulle tematiche LGBTI. Questa analisi si basa principalmente sulle seguenti fonti: a) Rapporto Annuale 2013 INPS L INPS al servizio del Paese ; b) Censimento ISTAT del 2011 Numero delle coppie dello stesso sesso e numero di abitanti; c) Censimento Istituto di Statistica Francese Numero delle coppie dello stesso sesso e numero di abitanti; d) Censimento Istituto di Statistica del Regno Unito Numero delle coppie dello stesso sesso e numero di abitanti; e) Censimento Istituto di Statistica Tedesco Numero delle coppie dello stesso sesso e numero di abitanti; f) Censimento Istituto di Statistica Spagnolo Numero delle coppie dello stesso sesso e numero di abitanti; 2

3 Metodologia Dal Rapporto Annuale 2013 dell INPS sono state considerate le pensioni previdenziali in essere al , corrispondenti a 17,3 milioni nel totale, suddivise per comparto privato, pubblico ed ex Enpals (Lavoratori dello Spettacolo e Sportivi Professionisti): Per ognuno dei tre comparti sono stati utilizzati i dati di pensione ai superstiti, sia come numero, sia come importo medio mensile, come riportato nelle seguenti tre tabelle: 3

4 I risultati INPS 2013 afferenti alle prestazioni pensionistiche ai superstiti consistono in una spesa complessiva pari a 38 miliardi di Euro, come sintetizzato dalla seguente tabella, in una coorte di 17,3 milioni di pensioni complessive erogate, di cui 4,5 milioni relative alle pensioni ai superstiti: Oltre ai dati di spesa previdenziale per prestazioni ai superstiti in Italia, sono stati considerati il numero di coppie dello stesso sesso nei Paesi di Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Italia, rilevate localmente negli ultimi censimenti dai rispettivi Istituti di Statistica. 4

5 Sono considerati i Paesi Francia, Spagna, Germania, Inghilterra, in quanto i paesi UE culturalmente più simili all Italia e in cui già esiste un esperienza, più o meno matura, di istituzione giuridica dei legami fra coppie dello stesso sesso. Il numero di coppie dello stesso sesso rilevato nel censimento italiano sottostima in maniera sicuramente significativa la reale numerosità del fenomeno, come già riportato in molta letteratura ISTAT. Le motivazioni sono molto probabilmente riconducibili a cause culturali, sociali e normative. Infatti, negli altri Paesi considerati, il numero rappresenta, quasi sempre, il numero di coppie same sex che hanno già proceduto con un matrimonio o unione civile o partnership normata dal legislatore locale, quindi non esiste, per queste coppie, la resistenza nel dichiarare il proprio stato civile, tantomeno affettivo. Questo fenomeno può essere considerato agli antipodi in Italia, dove non c è alcuna legge e/o tutela, sia per i singoli, sia per le coppie, che faciliti per ogni cittadino e cittadina omosessuale la possibilità di dichiarare in maniera serena e trasparente il proprio stato affettivo. Pertanto, il dato di 7500 coppie dello stesso sesso rilevato da ISTAT nel Censimento 2011, è stato trascurato e sostituito con quella che possiamo considerare una miglior stima, basandosi sui tassi osservati negli altri Paesi UE considerati. In seguito a un condiviso steering tra gli autori e al fine di non trascurare la diversa struttura per età delle popolazioni, l analisi si posiziona prendendo come riferimento l esperienza della Francia e della Germania, i quali possono essere considerati, in prima istanza, lo scenario peggiore (worst case) e lo scenario migliore (best case) che ci si può attendere dall eventuale esperienza italiana. Sulla base di queste due ipotesi, si stima il numero di coppie dello stesso sesso in Italia (che procederebbero con un unione civile) applicando i ratio, rispettivamente di Francia e Germania, al numero di abitanti in Italia, ottenendo le due stime pari a 83,5 mila coppie nel primo caso e 22 mila nel secondo. Ottenuto questo numero, è stato considerato il fenomeno di timing con cui queste quantità potrebbero verificarsi, ossia, nell ipotesi in cui il DDL di cui in 5

6 oggetto dovesse essere approvato ed entrare in vigore da gennaio 2016, in quanto tempo si raggiungerebbero 83,5 mila (riferimento Francia) o 22 mila (riferimento Germania) coppie dello stesso sesso unite civilmente? L analisi risponde a questa domanda assumendo che la progressione in Italia potrà avere uno sviluppo analogo all esperienza francese. Viene considerato come benchmark la Francia, in quanto ha un esperienza radicata per quanto riguarda la creazione di un istituto giuridico per i legami di coppia tra persone dello stesso, dato che i primi PACS sono del 1999 e in quanto è un paese demograficamente simile (seppure con delle differenze) all Italia. Osservando la Francia, si rileva che le 84mila coppie raggiunte nel 2011 sono un numero che si è sviluppato in progressione abbastanza lineare a partire dal 1999; ossia in 12 anni. Pertanto si suppone che in Italia la velocità di raggiungimento delle 83,5 mila coppie stimate possa essere la stessa. Inoltre viene considerata l ipotesi che la condizione di reversibilità per coppie dello stesso unite civilmente sia la stessa, in termini di peso, di quella che si rileva attualmente dal Censimento 2011 Francese tra i superstiti (4,5 milioni) e le coppie sposate (etero e omosessuali, pari a circa 15 milioni): tale percentuale si attesta al 23,4%. I due scenari, worst case e best case, sono stati proiettati in due differenti situazioni ciascuno, definiti A e B come riportato di seguito: - Caso A: il 23,4%, di cui sopra, delle coppie dello stesso sesso unite civilmente, dal momento dell unione risultano irrealisticamente in stato di reversibilità, ossia dall istante zero dell unione uno dei due individui decede e l altro individuo rimane in stato di superstite. Tale situazione è ovviamente non plausbile e viene presentata solo come caso limite di studio. - Caso B: Ipotizzare il tasso di reversibilità pari al 23,4% comporta il limite evidente del caso A, che è quello di attribuire all esperienza delle coppie dello stesso sesso unite civilmente, lo stesso bagaglio di esperienza maturata nelle coppie eterosessuali sposate su un periodo di osservazione maggiore. Ossia possiamo considerare come base dell esperienza delle coppie eterosessuali un periodo temporale di 3 generazioni, che convenzionalmente sono pari a 75 anni. Quindi, partendo dal caso A e ipotizzando che la differente composizione anagrafica, l evoluzione demografica e di esperienza delle coppie dello stesso sesso unite civilmente, possa essere analoga, nello sviluppo, a quella rilevata per le coppie eterosessuali, il caso B calibra e distribuisce i risultati dello scenario A, su un orizzonte temporale maggiore, pari alle tre generazioni precedentemente menzionate (75 anni). 6

7 3. Risultati I risultati sono stati quindi prodotti per i 4 scenari di seguito riepilogati: Dalla tabella emerge che qualora l INPS dovesse pagare, alle medesime condizioni medie pro- capite tra coppie dello stesso sesso unite civilmente e coppie eterosessuali regolarmente sposate, la pensione di reversibilità ai superstiti di coppie dello stesso sesso unite civilmente pari a riceventi pensione (worst case A) l impatto sarebbe pari a 14,2 milioni di euro, mentre nel caso maggiormente realistico di 124 superstiti riceventi pensione (best case B) l esborso sarebbe pari a 1,1 milioni di euro, nel Tali risultati poggiano sul fatto che la numerosità di coppie same sex unite civilmente e ipotizzata a regime si dovrebbe verificare mediamente tra 12 anni, e ipotizzando una distribuzione lineare nel periodo, sono stati stimati i flussi di cassa attesi fino al 2027 nei quattro scenari considerati. Le due tabelle seguenti mostrano lo sviluppo lineare degli esborsi attesi nei prossimi 12 anni nei quattro casi. Nei due casi A, in cui la durata è 12 anni l attualizzazione è stata ottenuta adottando come tasso di sconto il tasso euro swap 10yrs del 12/03/2015; mentre nei due casi B, il cui il durata è 75 anni l attualizzazione è stata ottenuta adottando il tasso euro swap 30yrs del 12/03/2015. Per comodità di lettura e per permettere una leggibile comparazione tra i casi, entrambi gli sviluppi sono riportati fino al

8 A margine di questa valutazione è stato considerato il fenomeno universalmente riconosciuto dei matrimoni tra eterosessuali in diminuzione nei paesi occidentali, inclusa l Italia. L eventuale introduzione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso andrebbe minimamente a compensare questo trend. Dato che è difficile catturare in termini quantitativi questi due fenomeni e la correlazione tra essi, in questa analisi è stato poi semplicemente calcolato qual è il tasso di diminuzione dei matrimoni eterosessuali necessario a compensare l add on economico per sopportare le spese per la previdenza di reversibilità nei quattro scenari. Questi tassi di decremento sono da intendersi come una sorta di tassi di parità, ossia rappresentano che è sufficiente che la popolazione sposata diminuisca, nei 12 anni considerati, della quota riportata perché sia nullo il costo dell esborso per la reversibilità per coppie dello stesso sesso unite civilmente. 8

9 4. Commenti In questa analisi è utile far emergere i seguenti aspetti: a) E difficile, se non impossibile, la stima dell impatto economico in maniera puntuale, vista la scarsità di informazioni; per questo il risultato dell analisi sottintende un range rappresentato dal best case come limite inferiore e dal worst case come limite superiore. Tuttavia si vuole sottolineare che secondo il giudizio degli autori lo scenario best case B è quello che potrebbe essere più affine all eventuale fenomeno in Italia, visto che per motivi culturali, sociali e ambientali la propensione all unione civile per coppie dello stesso sesso, sarà meno veloce di quanto è stato in Francia. I due casi worst case sono considerati irrealistici e sono stati valutati solo come casi di studio. b) Non sono stati considerati alcuni aspetti legati ai fenomeni evolutivi delle famiglie, tradizionali e non, in quanto di difficile stima, per scarsità dei dati. Di seguito un elenco degli aspetti trascurati: i. Non è stato considerato il diverso gap di età anagrafica tra i coniugi eterosessuali, rispetto a quello di persone dello stesso sesso unite civilmente. L aspettativa è che questo sia pressoché annullato in una coppia dello stesso sesso l ipotesi sottostante è ovviamente che la distribuzione delle età degli individui in coppia sia la stessa tra coppie eterosessuali sposate e coppie dello stesso sesso unite civilmente. ii. La quota pro capite della pensione di reversibilità per coppie eterosessuali regolarmente sposate, tende ad essere superiore in quanto spesso c è la presenza di figli minori. Tale fenomeno è pressoché inesistente per le coppie dello stesso sesso unite civilmente (nel Censimento 2011 solo 529 coppie dello stesso sesso dichiarano di avere figli), pertanto la quota pro capite sarà sicuramente inferiore rispetto alla media. iii. E stata considerata alla stessa stregua la capacità economica, e quindi contributiva, delle coppie eterosessuali e delle coppie dello stesso sesso. Tuttavia, secondo uno studio della Fondazione Rodolfo De Benedetti del 2012, mediamente gli stipendi e i salari delle persone LGBTI sono inferiori rispetto alla media. Pertanto l aspettativa è che la quota parte di pensione di reversibilità per superstiti di coppie dello stesso sesso sarà mediamente inferiore rispetto al resto. I tre aspetti menzionati sopra, per quanto di difficile stima e non stimati, lasciano presupporre che l impatto economico dovrebbe essere ulteriormente rivisto al ribasso. Costituiscono uno spunto di approfondimento i tassi di parità menzionati nel paragrafo precedente, in quanto se corredati dalla 9

10 informazione di movimentazione della popolazione degli sposati che si alimenta con i nuovi matrimoni (che sappiamo essere in diminuzione) e si smonta per i decessi in altri termini se i decessi superano i nuovi matrimoni di una quota almeno pari al tasso di parità, il costo per l esborso della reversibilità per coppie dello stesso sesso sarebbe nullo. Inoltre gli autori considerano come punto di approfondimento l analisi congiunta dei seguenti due elementi: 1) Trend delle pensioni pagate in base alle serie storiche pregresse in Italia 2) Strutture per età dei matrimoni e/o quozienti di nuzialità per età, sia per i matrimoni eterosessuali, sia per le unioni civili, da raccogliere tramite gli Istituti di Statistica dei Paesi UE considerati nell analisi Gli autori si riservano di proseguire lo studio approfondendo con la raccolta dati e l analisi di questi due aspetti. 10

11 5. Bibliografia a) pdf b) grale.pdf c) ec.europa.eu/eurostat d) e) f) g) h) i) j) quando- il- lavoro- viene- negato- ai- gay_acafe4e0- a951-11e1- a673-99a9606f0957.shtml 6. Team di lavoro (1) GIOVANNA SINI, dottoressa in Scienze Statistiche ed Attuariali. Lavora dal 2006 nel campo socio - sanitario con attività rivolte allo studio, alla costruzione e all analisi di indicatori di esito e di processo a supporto delle politiche, calcolati a partire da fonti amministrative. Collabora con il gruppo InCHIANTI Study (Firenze) a progetti internazionali sull invecchiamento della popolazione (2) CARMINE CIOCCA, dottore in Scienze Statistiche ed Attuariali, Lavora dal 2002 presso il gruppo assicurativo UnipolSai. Principali attività negli ultimi 15 anni: analisi di rischio e solvibilità in ottica Solvency II, con particolare riferimento alle analisi sul rischio longevità della popolazione italiana, valutazioni tecnico attuariali del business assicurativo Vita e Fondi Pensione (Market Consistent Embedded Value), calcolo e determinazione delle riserve tecniche di portafogli Vita e Pensione (Piani individuali di Previdenza e Fondi Pensione Aperti). (3) MARIA FLORA SALVATORI, dottoressa in Scienze Statistiche ed Economiche. Attualmente lavora all Ufficio del Programma di Governo della Presidenza del Consiglio dei Ministri in qualità di esperta in progettazione di sistemi informativi, monitoraggio e controllo e in definizioni di tassonomie e concetti utilizzati nei sistemi e successiva elaborazione di indicatori e infografiche. Dal 2012 ottiene assegni di ricerca (Università degli Stranieri di Perugia e Università degli Studi di Firenze - Dipartimento di statistica, informatica, applicazioni ) per lo studio delle analisi semantiche e testuali e per l omogeneizzazione dei diversi linguaggi costruendo un glossario specialistico dei termini e delle codifiche utilizzati nei sistemi informativi. (4) CLAUDIO CAPOCCHI, Attuario Dottore in Scienze Statistiche ed Attuariali. Vanta una lunga esperienza in campo attuariale e statistico, sia presso imprese di assicurazione private, sia come consulente strategico presso Deloitte Consulting. Le principali competenze vertono sulle valutazioni quantitative di prodotti assicurativi e fondi Pensione. 7. Committente (5) Love Out Law è un gruppo di cittadini e cittadine omosessuali sposati regolarmente all estero e che promuove l istituzione del matrimonio egualitario in Italia. 11

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era Mondo Alternative Workshop Le sfide dell assetallocationin una nuova era Giovedì11 ottobre 2012 L impatto dell'analisi delle attivitàe passivitàdi un ente previdenziale sull'assetallocation Attuario Indice

Dettagli

Moving into the Future La professione dell Attuario

Moving into the Future La professione dell Attuario Moving into the Future La professione dell Attuario dott. Gian Paolo Clemente Milano, 9 Febbraio 2009 1 L attuario: chi è? L attuario è il matematico o lo statistico delle assicurazioni che studia le probabilità

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare LA SOLVIBILITÀ DEI FONDI PENSIONE: NORMATIVA ITALIANA E SITUAZIONE IN AMBITO UE L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative

Dettagli

Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali. G. Gambino

Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali. G. Gambino Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali G. Gambino Consiglio d Europa Diritto al rispetto della vita privata e familiare (art. 8 CEDU, 1950): tutela antidiscriminatoria dell orientamento

Dettagli

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza X Congresso Nazionale Attuari L Attuario: una professione in evoluzione al servizio della società Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza 5-7 giugno 2013 Roma -

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012)

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012) Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese (Dati al 2012) Febbraio 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

LA QUESTIONE DEI COSTI NEL PROFIT TEST DEI PRODOTTI VITA. Fabrizio Tocci

LA QUESTIONE DEI COSTI NEL PROFIT TEST DEI PRODOTTI VITA. Fabrizio Tocci LA QUESTIONE DEI COSTI NEL PROFIT TEST DEI PRODOTTI VITA Fabrizio Tocci Questo libro viene pubblicato su Amazon ed è disponibile in forma gratuita. Edizione febbraio 2013 Se chiedi a dieci attuari un tasso

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE

DOCUMENTO SULLE RENDITE DOCUMENTO SULLE RENDITE Data aggiornamento aprile 2015 1 PRESTAZIONE IN RENDITA Queste note hanno lo scopo di fornire elementi idonei a facilitare l orientamento in materia di prestazione in rendita che

Dettagli

Dal 1990 l'esperienza e la competenza di un team di professionisti in materia assicurativa, previdenziale e statistica

Dal 1990 l'esperienza e la competenza di un team di professionisti in materia assicurativa, previdenziale e statistica Dal 1990 l'esperienza e la competenza di un team di professionisti in materia assicurativa, previdenziale e statistica LO STUDIO Lo Studio Attuariale Orrù & Associati opera in ambito attuariale, con una

Dettagli

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2013)

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2013) Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese (Dati al 2013) Luglio 2015 Capo Area Programmazione, Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente dell U.I. Ufficio Comunale di Statistica:

Dettagli

"La rendita nella previdenza complementare Mercoledì 24 ottobre 2012. Gender Directive: impatti sui fondi pensione (l anomalia del caso italiano)

La rendita nella previdenza complementare Mercoledì 24 ottobre 2012. Gender Directive: impatti sui fondi pensione (l anomalia del caso italiano) CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI "La rendita nella previdenza complementare Mercoledì 24 ottobre 2012 Gender Directive: impatti sui fondi pensione (l anomalia del caso italiano) Ordine degli Attuari Indice

Dettagli

UBI Pramerica Bridge Solution

UBI Pramerica Bridge Solution UBI Pramerica Bridge Solution Dopo il lavoro e prima della pensione. Adesso c è la soluzione. Il primo piano di accumulo per la Grey Zone tra il lavoro e la pensione. Grey Zone: una nuova realtà. LA GREY

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Previdenza privata ed investimento immobiliare: tendenze e potenzialità

Previdenza privata ed investimento immobiliare: tendenze e potenzialità Previdenza privata ed investimento immobiliare: tendenze e potenzialità di Daniela Percoco Pubblicato ne Il Settimanale n. 41 09/11/2013 127 miliardi di Euro, oltre l 8% del PIL italiano: questa la stima

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010)

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) 20 ottobre 2010 Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla quattordicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

Stima della pensione complementare

Stima della pensione complementare Stima della pensione complementare Progetto Esemplificativo Standardizzato Modello ISPP-IMPPES - Ed. 10/2014 Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 14 Istituito da Intesa Sanpaolo Previdenza Sim

Dettagli

Documento sulle rendite

Documento sulle rendite Documento sulle rendite La Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige S.p.A. si assume la responsabilità della completezza e veridicità dei dati e delle notizie contenuti nel presente documento. Seite 1

Dettagli

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE Stefano Visintin Studio Attuariale Visintin & Associati SAVA S.r.l. INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PIANO DELLA PERFORMANCE

LA VALUTAZIONE DEL PIANO DELLA PERFORMANCE Settembre 2011 LA VALUTAZIONE DEL PIANO DELLA PERFORMANCE ENTE PARCO NAZIONALE - Il presente documento mostra un quadro sintetico relativo alla analisi dei Piani della performance di tutte le Amministrazioni

Dettagli

TABELLE DEI REQUISITI (dipendenti pubblici e privati) e TABELLE DI IMMEDIATA LETTURA (dipendenti pubblici)

TABELLE DEI REQUISITI (dipendenti pubblici e privati) e TABELLE DI IMMEDIATA LETTURA (dipendenti pubblici) TABELLE DEI REQUISITI (dipendenti pubblici e privati) e TABELLE DI IMMEDIATA LETTURA (dipendenti pubblici) Febbraio 2012 Pensioni, si cambia!!!!!! Dal 1991, anno di blocco delle pensioni, poco prima della

Dettagli

Stima della pensione complementare

Stima della pensione complementare Stima della pensione complementare Progetto Esemplificativo Standardizzato Modello ISPP-PSPES - Ed. 10/2014 Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 10 Istituito da Intesa Sanpaolo Previdenza Sim

Dettagli

I sistemi pensionistici, pubblici o privati, sono o a prestazioni definite o a contributi definiti.

I sistemi pensionistici, pubblici o privati, sono o a prestazioni definite o a contributi definiti. PREMESSA La pensione è una somma erogata mensilmente da un ente di previdenza sociale a chi ne ha maturato il diritto alla fine della propria vita attiva nella forza lavoro di una nazione. Tale rendita

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE. Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE. Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011 On.le Ministero delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV 00187 ROMA Oggetto:

Dettagli

2 INTERVENTI ECONOMICI ED EFFETTI SOCIALI 2.3 LE PENSIONI: SPESA, IMPORTI E NUMERO 2.3.1 LA SPESA PENSIONISTICA

2 INTERVENTI ECONOMICI ED EFFETTI SOCIALI 2.3 LE PENSIONI: SPESA, IMPORTI E NUMERO 2.3.1 LA SPESA PENSIONISTICA 2 INTERVENTI ECONOMICI ED EFFETTI SOCIALI 2.3 LE PENSIONI: SPESA, IMPORTI E NUMERO 2.3.1 LA SPESA PENSIONISTICA Le pensioni 22 erogate dall Istituto a favore dei cittadini in possesso di specifici requisiti

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

FONDO PENSIONE PER GLI AGENTI PROFESSIONISTI DI ASSICURAZIONE (IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA)

FONDO PENSIONE PER GLI AGENTI PROFESSIONISTI DI ASSICURAZIONE (IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA) FONDO PENSIONE PER GLI AGENTI PROFESSIONISTI DI ASSICURAZIONE (IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA) PROPOSTA DEFINITIVA DEL PIANO DI EQUILIBRIO DEL FONDO PENSIONE 10 settembre 2015 In continuità con le considerazioni

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 Si rinnova anche per il 2014 il tradizionale appuntamento con le nuove tabelle per il calcolo dei trattamenti previdenziali

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 20 I forward rate agreement Maggio 2003 I FORWARD RATE AGREEMENT DOCUMENTO ARISTEIA N. 20 I FORWARD RATE AGREEMENT SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Aspetti generali sui Forward

Dettagli

I consulenti del lavoro e la pianificazione previdenziale. In collaborazione con:

I consulenti del lavoro e la pianificazione previdenziale. In collaborazione con: I consulenti del lavoro e la pianificazione previdenziale In collaborazione con: I servizi offerti dalla fondazione lavoro I servizi 1 - Formazione per l erogazione di consulenza previdenziale e utilizzo

Dettagli

8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale

8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale 8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale 8.1. La composizione del Fondo Gli iscritti attivi al Fondo sono coloro che hanno un rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri

Dettagli

NEWSLETTER 35 23.04.2012

NEWSLETTER 35 23.04.2012 Anno-Jahr 5 Nr. 35/2012 Beilage zu Dimension Arbeit Allegato a Dimensione Lavoro Registriert Landesgericht Bozen Registrato presso il Tribunale di Bolzano Nr. 23/1996 st. NEWSLETTER 35 23.04.2012 ARBEITSFÖRDERUNGSINSTITUT

Dettagli

Sistema Pensionistico

Sistema Pensionistico Sistema Pensionistico Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: ha cessato l'attività lavorativa per

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 31 gennaio 2008 Istruzioni per la redazione del Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare LA COVIP Visto il decreto

Dettagli

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014 PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil Torino, 8 luglio 2014 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. I numeri della previdenza complementare; la pensione pubblica INPS 2. Caratteristiche

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Diritto privato e del lavoro italiano e comparato

Università degli Studi di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Diritto privato e del lavoro italiano e comparato Università degli Studi di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Diritto privato e del lavoro italiano e comparato W.P. Libertà, lavoro e sicurezza sociale 9/11 ISSN 2239-5083 Università degli

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI Disposizioni e delega al Governo in materia

Dettagli

* * * LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E IL SILENZIO ASSENSO

* * * LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E IL SILENZIO ASSENSO LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SECONDO L ULTIMA RIFORMA PREVIDENZIALE Lo scorso 28 luglio il Parlamento italiano ha dato il via libera alla riforma delle pensioni approvando, col voto di fiducia, la legge

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 1. Descrizione delle caratteristiche delle rendite da erogare stabilite dal Fondo a. Tipologia di Rendita:

Dettagli

Trattamento di fine rapporto: «questione» italiana, principi internazionali. di Roberto Moro Visconti (*)

Trattamento di fine rapporto: «questione» italiana, principi internazionali. di Roberto Moro Visconti (*) Bilancio TFR Trattamento di fine rapporto: «questione» italiana, principi internazionali di Roberto Moro Visconti (*) Se il TFR può considerarsi una prerogativa italiana e in tal senso disciplinata dall

Dettagli

COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007

COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 i Autore Antonio Rinaldi Responsabile progetto Dirigente Settore Affari Generali - Monica Vavassori Avvertenze: I dati fanno riferimento all anno 2006 salvo diversa indicazione.

Dettagli

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere Riscatto di laurea Requisiti e calcolo dell onere Il riscatto Si definisce riscatto l operazione che consente la copertura contributiva di alcuni periodi privi di assicurazione La facoltà di riscatto può

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare

Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare Fondo Pensione Aperto Aureo a contribuzione Definita - iscrizione albo covip n 53 S.G.R.p.A. Stima della Pensione Complementare PROGETTO ESEMPLIFICATIVO

Dettagli

Quale Ruolo per gli Attuari in un Progetto di Welfare Allargato

Quale Ruolo per gli Attuari in un Progetto di Welfare Allargato Quale Ruolo per gli Attuari in un Progetto di Welfare Allargato Roberta D Ascenzi, Chief Actuary RGA International Reinsurance Company Limited Rappresentanza Generale per l Italia X Congresso Nazionale

Dettagli

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Chi è Assidai Assidai è un fondo no-profit che fornisce servizi sanitari integrativi, dal carattere innovativo,

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA VITA DELLE COLLETTIVITÀ STRANIERE: UNA RIFLESSIONE METODOLOGICA

LA QUALITÀ DELLA VITA DELLE COLLETTIVITÀ STRANIERE: UNA RIFLESSIONE METODOLOGICA LA QUALITÀ DELLA VITA DELLE COLLETTIVITÀ STRANIERE: UNA RIFLESSIONE METODOLOGICA Ivana Acocella Università di Firenze Definizione del termine livello di qualità della vita anche se procedimento induttivo

Dettagli

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Tavola rotonda CNPR Roma, Hotel Nazionale - Piazza Montecitorio - 18 giugno 2015, ore 10,00 Antonietta Mundo Attuario, ex coordinatore generale

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Le logiche di Benchmark and Style nell attività di advisory alla clientela istituzionale

Le logiche di Benchmark and Style nell attività di advisory alla clientela istituzionale Le logiche di Benchmark and Style nell attività di advisory alla clientela istituzionale Il processo di Gestione Finanziaria di un Ente come un Fondo Pensione o una Cassa di Previdenza prevede una pluralità

Dettagli

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE (PROGETTO ESEMPLIFICATIVO STANDARDIZZATO)

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE (PROGETTO ESEMPLIFICATIVO STANDARDIZZATO) FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1070 STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE (PROGETTO ESEMPLIFICATIVO STANDARDIZZATO) (AGGIORNAMENTO DEL 19 DICEMBRE 2014)

Dettagli

La Gestione Separata INPS e l iniquità intergenerazionale di Silvestro De Falco

La Gestione Separata INPS e l iniquità intergenerazionale di Silvestro De Falco La Gestione Separata INPS e l iniquità intergenerazionale di Silvestro De Falco EXECUTIVE SUMMARY Un sistema a contributi definiti è equo perché l importo della pensione è una funzione dei contributi previdenziali

Dettagli

Consulenza Attuariale e di Risk Management

Consulenza Attuariale e di Risk Management Consulenza Attuariale e di Risk Management Dall esperienza maturata, a partire dal 1991, dal Prof. Giampaolo Crenca nel mercato assicurativo, previdenziale, bancario, finanziario ed aziendale, nasce lo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

Stima della pensione complementare

Stima della pensione complementare Stima della pensione complementare Progetto Esemplificativo Standardizzato Modello ISPP-IMDPES - Ed. 10/2014 Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 84 Istituito da Intesa Sanpaolo Previdenza Sim

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

Sistema previdenziale. Generalità sul sistema italiano. Corso di Scienza delle Finanze

Sistema previdenziale. Generalità sul sistema italiano. Corso di Scienza delle Finanze Corso di Scienza delle Finanze Sistema previdenziale 1 Generalità sul sistema italiano Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente prodotte dalla popolazione

Dettagli

Rapporto di lavoro a tempo parziale: è discriminazione l imposizione di una durata di contribuzione superiore (CGE C 385/2011) Rinaldi Manuela

Rapporto di lavoro a tempo parziale: è discriminazione l imposizione di una durata di contribuzione superiore (CGE C 385/2011) Rinaldi Manuela Rapporto di lavoro a tempo parziale: è discriminazione l imposizione di una durata di contribuzione superiore (CGE C 385/2011) Rinaldi Manuela Diritto.it Massima E discriminatoria la normativa spagnola

Dettagli

Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione

Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5008 (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) FATA FUTURO ATTIVO DOCUMENTO

Dettagli

Competenze connesse. Regolamento di previdenza

Competenze connesse. Regolamento di previdenza Regolamento di previdenza Versione abbreviata Indice Qual è lo scopo del presente opuscolo? 3 Primo, secondo, terzo pilastro: Cosa significa per voi personalmente? 3 Il primo pilastro: l AVS / AI Il secondo

Dettagli

ORDINE NAZIONALE ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI

ORDINE NAZIONALE ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI ORDINE NAZIONALE ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI CONGRUITA DELLE RISERVE TECNICHE (LIABILITY ADEQUACY TEST) DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE VITA IN BASE AI PRINCIPI

Dettagli

IL FUTURO DELLE PENSIONI:

IL FUTURO DELLE PENSIONI: IL FUTURO DELLE PENSIONI: PIÙ EQUITÀ, PIÙ SOLIDARIETÀ, PIÙ SOSTENIBILITÀ SOCIALE. Analisi e proposte della CGIL Dicembre 2009 A cura del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti - Cgil Nazionale 1 GLI EFFETTI

Dettagli

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE (ALLEGATO ALLA NOTA INFORMATIVA) Il presente documento disciplina, nei confronti dell aderente, l erogazione delle prestazioni pensionistiche in forma di rendita del Fondo

Dettagli

Nelle tabelle sottostanti si riportano i redditi ed i volumi di affari medi degli iscritti Inarcassa dal 2008 al 2011.

Nelle tabelle sottostanti si riportano i redditi ed i volumi di affari medi degli iscritti Inarcassa dal 2008 al 2011. Inarsind, Sindacato Ingegneri ed Architetti liberi professionisti Italiani, alla luce del trend - purtroppo assolutamente negativo dei redditi professionali di Architetti ed Ingegneri negli ultimi quattro

Dettagli

Helvetia Pensione Sicura CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

Helvetia Pensione Sicura CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Helvetia Pensione Sicura PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE (ART.13 del Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, N.252) Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n 5062 CONDIZIONI

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, autonomi e dei professionisti ELEMENTI CHE DETERMINANO L IMPORTO DI UNA PENSIONE CONTRIBUTIVA

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, autonomi e dei professionisti ELEMENTI CHE DETERMINANO L IMPORTO DI UNA PENSIONE CONTRIBUTIVA ELEMENTI CHE DETERMINANO L IMPORTO DI UNA PENSIONE CONTRIBUTIVA Contributi (numero e importo) Tasso di rivalutazione dei contributi Coefficiente di trasformazione del capitale in rendita (età al pensionamento)

Dettagli

Oltre la crisi finanziaria: il contributo dell assicurazione italiana a uno sviluppo economico sostenibile

Oltre la crisi finanziaria: il contributo dell assicurazione italiana a uno sviluppo economico sostenibile Association of Mutual Insurers and Insurance Cooperatives in Europe e Venture Capital (AMICE) Congresso Mutuality today: sustainable values Genova 25 maggio 2010 * * * Oltre la crisi finanziaria: il contributo

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli SISTEMI FINANZIARI DI GESTIONE DEI FONDI DI PREVIDENZA E METODI DI CALCOLO DELLE PRESTAZIONI Studio n. 7 Documento n. 22 del 14 novembre 2003 Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.:

Dettagli

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro)

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro) -1.888-1.986-2.084 17/7/2015 In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori gestioni pensionistiche amministrate

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli

pensionline Documento sull erogazione delle rendite Allegato alle Condizioni Generali di contratto di pensionline

pensionline Documento sull erogazione delle rendite Allegato alle Condizioni Generali di contratto di pensionline pensionline Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5077 (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) Documento

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO 1 Il nuovo sistema pensionistico Pensplan Come cambia la previdenza LA RIFORMA IN SINTESI DUE TIPI DI TRATTAMENTO: PENSIONE DI VECCHIAIA E PENSIONE ANTICIPATA ESTENSIONE

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sull erogazione delle rendite - Allegato alle Condizioni Generali di contratto - Documento sull erogazione delle rendite Allegato

Dettagli

ANAGRAFI A.P.R. ED A.I.R.E.

ANAGRAFI A.P.R. ED A.I.R.E. ANAGRAFI A.P.R. ED A.I.R.E. La procedura consente all ufficio Anagrafe la gestione della popolazione residente (A.P.R.) e dei cittadini residenti all estero (A.I.R.E.), nel rispetto del DPR 30/05/1989

Dettagli

I N S I E M E. Fondo Pensione Aperto iscritto all'albo COVIP al n. 118. pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

I N S I E M E. Fondo Pensione Aperto iscritto all'albo COVIP al n. 118. pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Stima della d pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione

Dettagli

Norme in materia. favore dei lavoratori che assistono familiari gravemente disabili. Previdenza Previdenza Previdenza

Norme in materia. favore dei lavoratori che assistono familiari gravemente disabili. Previdenza Previdenza Previdenza Prepensionamento genitori con figli garvi Lavori della commissione parlamentare XI Commissione Lavoro luglio n. 21/0 Norme favore dei lavoratori che assistono AA.C. 82, 322, 331, 380, 527, 870 Elementi

Dettagli

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato italiano I prodotti Variable Annuity sono nati negli Stati Uniti

Dettagli

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 La nostra Confederazione, quale Organizzazione maggiormente rappresentativa della Dirigenza dello Stato, dei Ministeri, degli

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli