Protezione sociale. Prestazioni per i cittadini e le cittadine di Monaco in situazioni d emergenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protezione sociale. Prestazioni per i cittadini e le cittadine di Monaco in situazioni d emergenza"

Transcript

1 Protezione sociale Prestazioni per i cittadini e le cittadine di Monaco in situazioni d emergenza Leistungen für Münchnerinnen und Münchner in Notlagen Italienisch Aggiornato a gennaio 20145

2 Colophon Landeshauptstadt München Unità per gli affari sociali (Sozialreferat) Ufficio per la protezione sociale (Amt für Soziale Sicherung) Orleansplatz München Fotografie: fotolia.com: Karl Naundorf (Titel), Peter Maszlen (S. 21), Alexander Raths (Titel, S. 26), britta60 (S. 35), PhotoSG (S. 40) Thinkstock: Kollektion istock: Melpomenem (S. 3), furtaev (S. 12), Sarah Garner (S. 15), diego_cervo (S. 24), Choreograph (S. 32), nataliaspb (S. 29), curtis_creative (S. 9), JackF (S. 37); Kollektion Blend Images: John Lund (S. 43) Impostazione grafica: Uta Börger Stampa: Stadtkanzlei München Stampato su carta riciclata al 100 %. Aggiornato: 2 edizione gennaio 2015

3 Cari cittadini e cittadine di Monaco, l Ufficio per la protezione sociale ha il compito di tutelare l esistenza economica e sociale delle persone che vivono a Monaco. Le basi giuridiche per raggiungere questo obiettivo si trovano fra l altro nel Codice della previdenza sociale tedesco, libro XII (SGB XII). Sociale significa che ogni persona bisognosa di aiuto o cura deve essere assistita in modo adeguato. Nessuno deve essere emarginato o discriminato perché vive in povertà o perché necessita dell aiuto di altre persone. Assistenza sociale significa diritto a un supporto in diverse situazioni d emergenza e in particolari circostanze della vita. Con questa brochure vi offriamo una panoramica sulle possibilità di assistenza stabilite per legge e su quelle di tipo volontario, sui presupposti necessari per la fruizione e sui centri a cui rivolgersi. Scoprirete quali prestazioni vengono offerte e dove si devono inoltrare le richieste. Se avete bisogno d aiuto non esitate a contattarci. Gertraud von Gaessler Responsabile dell Ufficio per la protezione sociale 1

4 Sommario A. Spiegazione di termini importanti pagina 3 B. Chi è uscita/o definitivamente dalla vita professionale pagina 9 C. Chi è uscita/o temporaneamente dalla vita professionale pagina 12 D. Chi ha bisogno di assistenza pagina 15 E. Abitare in una casa di riposo per anziani pagina 20 F. Assistenza per persone anziane pagina 24 G. Chi non ha un assicurazione sanitaria o non può pagare i premi assicurativi pagina 26 H. Pasti a domicilio pagina 29 I. Aiuto nelle faccende domestiche pagina 32 J. Ripristino di condizioni abitative dignitose pagina 35 K. Supporto in caso di debiti e insolvenza privata pagina 37 L. Tutela legale/curatela pagina 40 M. Il libretto di Monaco (München-Pass) una prestazione volontaria della città di Monaco pagina 43 N. Indirizzi pagina 46 2

5 A. Spiegazione di termini importanti Questa brochure offre una panoramica degli aiuti stabiliti per legge o di tipo volontario di cui ci si può avvalere in caso ad esempio non si abbia abbastanza denaro per vivere o si abbia necessità di assistenza o di cura. Innanzi tutto desideriamo spiegare alcuni principi importanti e termini fondamentali dell assistenza sociale.

6 1. Cos è l assistenza sociale? È una prestazione stabilita per legge che ha lo scopo di assicurare una vita dignitosa. Chi non riesce a sostentarsi con i propri mezzi o non riceve il supporto necessario da altri ha, in presenza di particolari presupposti, diritto a varie prestazioni. Chi si trova in una condizione d emergenza riceve aiuto, tenendo conto della situazione personale ed economica. 2. Quando si riceve l assistenza sociale? Si riceve assistenza sociale solo quando non si è (più) in grado di provvedere a se stessi (ad esempio con le proprie entrate finanziarie) oppure quando non si riceve l aiuto necessario da altri (pensione, cassa malattia per la non autosufficienza ecc., ma anche dai famigliari). Prima di poter ricorrere all assistenza sociale si devono percorrere tutte le altre strade e far valere tutti i diritti relativi ad altre prestazioni. Questo principio viene definito subordinazione dell assistenza sociale. 3. Chi non riceve prestazioni per il proprio sostentamento secondo il Codice della previdenza sociale tedesco (SGB XII)? Le persone abili al lavoro che non trovano un impiego o che guadagnano troppo poco per far fronte alle proprie esigenze ( si veda n. 4) possono far richiesta di prestazioni per il sostentamento in forma di Arbeitslosengeld II (indennità di disoccupazione) presso i Jobcenter (centri per l impiego). Ricevono supporto nell ambito del Codice della previdenza sociale tedesco, libro II (SGB II). Per domande su possibili prestazioni e diritti ci si può rivolgere ai Jobcenter presenti 4

7 in ogni Sozialbürgerhaus (centro civico sociale). Le persone senza dimora si possono rivolgere all infoteca del dipartimento Zentrale Wohnungslosenhilfe (assistenza alle persone senza dimora). Per gli indirizzi si veda pagina Che cosa si intende per fabbisogno (Bedarf) e fabbisogno addizionale (Mehrbedarf) Il fabbisogno è l importo che una persona può richiedere per condurre una vita dignitosa individuale. Comprende fra l altro il fabbisogno di base (ad esempio le spese per l alimentazione, l abbigliamento, mobilio e casalinghi, oggetti per l economia domestica, corrente elettrica, acqua, riparazioni, spese per il tempo libero) spese adeguate per alloggio e riscaldamento Il fabbisogno di base può essere di entità diversa. Dipende dall età e dalle condizioni di vita. Ad esempio i bambini ricevono un importo minore per il fabbisogno di base rispetto agli adulti. Si parla di fabbisogno di base determinante. Attualmente per un adulto che vive da solo a Monaco comprende 420 euro. Nel caso di persone con necessità di cura che non possono sostenerne le spese, in alcuni casi il fabbisogno contempla anche l importo necessario per l assistenza. Alcune persone hanno, oltre a questo fabbisogno, un cosiddetto fabbisogno addizionale, cioè maggiori spese rispetto agli altri (ad es. le donne in gravidanza). Anche coloro che per motivi di salute necessitano di un alimentazione costosa posso ricevere il fabbisogno addizionale. Questo viene som- 5

8 mato al fabbisogno di base determinante e quindi si ha una maggiorazione dell importo che le persone interessate possono ricevere. 5. Che cosa si intende per reddito e patrimonio? In linea di principio ci si riferisce al reddito e al patrimonio personali, ma ad esempio anche a quello della/del coniuge o della/del compagna/o da cui non si viva separati. Nel reddito rientrano in particolare salario e stipendio, pensione, assegno alimentare, redditi derivanti da affitto e locazione, ma anche interessi. Per patrimonio si intende ad esempio denaro contante, depositi a risparmio, titoli di credito, contratti di risparmio edilizio, assicurazioni sulla vita, veicoli, patrimonio immobiliare o fondiario, appartamenti di proprietà (esclusi gli immobili abitati dalla persona stessa che abbiano una grandezza adeguata). 6. Controllo dello stato patrimoniale e del reddito Al fine di stabilire se una persona ha diritto all assistenza sociale si procede inizialmente al controllo del reddito. Si calcola se e in quale ordine di grandezza sussista il diritto a ricevere un sussidio. A questo scopo si confronta il fabbisogno della persona (ciò di cui ha bisogno) con il suo reddito (ciò che ha a disposizione). Vengono considerati anche i valori relativi al patrimonio, tuttavia in questo caso vi sono le cosiddette parti non computabili. A seconda del tipo di aiuto di cui si ha bisogno sono stabilite diverse parti non computabili, le quali rimangono a propria disposizione anche se si percepisce l assistenza sociale. 6

9 Esempio se si considera la protezione sociale di base nella vecchiaia (Grundsicherung im Alter) e la parziale inabilità al lavoro, la parte non computabile per una persona che vive da sola è, al momento, di euro. Per chi vive con la/il partner l importo viene maggiorato di 614 euro. Dopo il controllo dell idoneità a ricevere un sostegno finanziario, si riceve una comunicazione scritta indicante l entità dell importo che si può ricevere e come è stato calcolato. 7. I famigliari devono pagare il mantenimento? In linea di principio i famigliari con obbligo di mantenimento (ad esempio genitori, figli, coniugi separati o divorziati) ricevono una comunicazione scritta da parte dall autorità che si occupa dell assistenza sociale (in questo caso la città di Monaco) non appena questa effettua i pagamenti. Se si debba effettivamente pagare il mantenimento dipende dal reddito e dalle condizioni personali dei famigliari, e dal tipo di aiuto necessario. 8. Dove e come si può inoltrare richiesta di sussidio? Si prega di rivolgersi all infoteca della Sozialbürgerhaus. La Sozialbürgerhaus di competenza dipende dall indirizzo dell interessato. Gli indirizzi delle Sozialbürgerhaus si trovano a pagina 46 o sul sito internet: 7

10 Nell infoteca si riceve il nome e il numero di telefono dell impiegata/o responsabile in modo da poter fissare un appuntamento per fare la richiesta. Chi non può presentarsi di persona negli uffici ha la possibilità di fare la richiesta ad esempio durante una visita domiciliare. 9. Cosa è necessario per fare la richiesta? Documenti da portare al primo incontro: un documento di riconoscimento, eventualmente la tessera d invalidità il contratto d affitto e l ultima comunicazione di aumento del prezzo d affitto i documenti relativi al reddito (ad es. busta paga, notifica di riconoscimento della pensione) la documentazione relativa al patrimonio (ad es. depositi a risparmio, titoli di credito, contratti di risparmio edilizio, assicurazioni sulla vita, veicoli, patrimonio immobiliare o fondiario ecc.) saldi bancari degli ultimi tre mesi Per informazioni consultare anche il sito internet 8

11 B. Chi è uscita/o definitivamente dalla vita professionale Chi a causa dell età o di una permanente inabilità al lavoro è uscito definitivamente dalla vita lavorativa e non è in grado di provvedere al proprio sostentamento con mezzi propri, può fare richiesta di protezione sociale di base (Grundsicherung) in vecchiaia o per inabilità al lavoro ( 41 segg. SGB XII).

12 1. Chi ha diritto al sussidio? Alla protezione sociale di base hanno diritto le persone che hanno raggiunto l età pensionabile oppure che hanno compiuto il 18 anno d età e che, indipendentemente dalla situazione del mercato del lavoro, sono permanentemente e totalmente inabili al lavoro ai sensi del regime legale di assicurazione pensionistica e i cui mezzi non sono sufficienti. Le persone abili al lavoro e in cerca di occupazione e i loro famigliari possono fare richiesta di Arbeitslosengeld II (indennità di disoccupazione) nei Jobcenter di Monaco, che sono integrati nelle Sozialbürgerhaus. 2. Quali prestazioni si possono ricevere? il fabbisogno di base determinante spese adeguate per alloggio e riscaldamento eventuali aggiunte per il fabbisogno addizionale contributi per l assicurazione sanitaria e quella per la non autosufficienza (se non si è in presenza di assicurazione obbligatoria) spese per altre circostanze previste dalla legge (ad es. prestazioni per l istruzione e la partecipazione dei bambini, dotazione iniziale per l alloggio inclusi gli elettrodomestici, dotazione iniziale abbigliamento) 10

13 Attenzione Per ricevere la protezione sociale di base (Grundsicherung) è necessario presentare domanda scritta. Per la presentazione della domanda si deve prendere un appuntamento con l impiegata/o responsabile nella Sozialbürgerhaus. Il sussidio può essere concesso a partire dal primo giorno del mese in cui si fa domanda all autorità competente per l assistenza sociale. (Ad esempio: se la richiesta viene fatta il 17 maggio, il pagamento inizia il 1 maggio.) 3. Importante In caso non si abbia diritto a un sussidio mensile continuato, è eventualmente possibile ricevere singole prestazioni in denaro (ad esempio per la dotazione iniziale dell alloggio). È anche possibile che sussista il diritto a un indennità per l alloggio (Wohngeld). Anche l indennità per l alloggio può essere richiesta di persona in una Sozialbürgerhaus o per posta. 11

14 C. Chi è uscita/o temporaneamente dalla vita professionale Chi per un certo periodo non lavora a causa di una temporanea inabilità al lavoro e non è quindi in grado di provvedere al proprio mantenimento con mezzi propri ha la possibilità di fare domanda di sussidio ( 27 segg. SGB XII).

15 1. Chi ha diritto al sussidio? Persone che vivono in Germania se non riescono, in parte o totalmente, a provvedere al proprio mantenimento con i propri mezzi e i propri sforzi, e possono lavorare meno di 3 ore al giorno, per più di sei mesi ma non in modo permanente. Chi è abile al lavoro e bisognoso di aiuto può inoltrare richiesta di Arbeitslosengeld II in un Jobcenter di Monaco. I Jobcenter si trovano all interno delle Sozialbürgerhaus. 2. Quali prestazioni si possono ricevere? il fabbisogno di base determinante spese adeguate per alloggio e riscaldamento eventuali aggiunte per il fabbisogno addizionale contributi per l assicurazione sanitaria e l assicurazione per la non autosufficienza (se non si è in presenza di assicurazione obbligatoria) sussidi una tantum previsti dalla legge (ad es. prestazioni per l istruzione e la partecipazione dei bambini, dotazione iniziale per l alloggio inclusi gli elettrodomestici, dotazione iniziale abbigliamento) 13

16 Attenzione Il sussidio per il mantenimento viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza della necessità di aiuto. Non sono consentiti pagamenti per il periodo precedente, quindi non si possono saldare i debiti. (Ad esempio a chi ha preso in prestito del denaro per superare un certo periodo, questo importo non verrà pagato.) Un eccezione è rappresentata dai debiti per l affitto di un abitazione ( capitolo K, pagina 39). 3. Importante In caso non si abbia diritto a un sussidio mensile continuato per il proprio mantenimento, è eventualmente possibile ricevere singole prestazioni in denaro (ad esempio per la dotazione iniziale dell alloggio). È anche possibile che sussista il diritto a un indennità per l alloggio (Wohngeld). Anche l indennità per l alloggio può essere richiesta di persona in una Sozialbürgerhaus o per posta. 14

17 D. Chi ha bisogno di assistenza Chi ha bisogno di cure a causa di malattia o disabilità fisica, mentale o psichica, deve rivolgersi alla propria assicurazione per la non autosufficienza. Coloro che non hanno un assicurazione per la non autosufficienza o per i quali le prestazioni dell assicurazione e i propri mezzi non sono sufficienti possono fare richiesta di un sussidio per la cura ( 61 segg. SGB XII) presso la Sozialbürgerhaus.

18 Si differenzia fra coloro che hanno bisogno di assistenza a domicilio, ad esempio se vivono ancora a casa propria, e coloro che necessitano di cure stazionarie poiché vivono in una casa di cura o desiderano trasferirvisi. In linea generale la città di Monaco si occupa dell assistenza a domicilio, la circoscrizione Oberbayern dell assistenza in istituto ( capitolo E, pagina 23). 1. Chi può ricevere aiuto? Le persone che non riescono più a occuparsi autonomamente della cura di base della persona (ad esempio lavarsi, vestirsi) e delle faccende domestiche (spesa, pulizia dell abitazione ecc.) ricevono i mezzi necessari. Presupposto indispensabile è che il Servizio medico dell assicurazione sanitaria (MDK) abbia provveduto all inserimento in uno dei livelli di necessità di assistenza (Pflegestufen). Chi non ha un assicurazione sanitaria viene visitato dal personale del Referat für Gesundheit und Umwelt (Unità per la salute e l ambiente), su richiesta della Sozialbürgerhaus di competenza ( pagina 46). A seconda del tipo di non autosufficienza si viene inseriti in un livello di necessità di assistenza: livello di necessità di assistenza I (notevole necessità di assistenza) livello di necessità di assistenza II (acuta necessità di assistenza) livello di necessità di assistenza III (estrema necessità di assistenza). 16

19 2. Quali prestazioni sono possibili? Prestazioni in denaro: si riceve un contributo in denaro per pagare le spese dell assistenza. Prestazioni materiali: in questo caso l importo viene versato a un azienda che offre servizi di assistenza a domicilio e che si occupa del paziente. Prestazioni combinate: i due tipi di prestazioni possono essere combinati ad esempio se l assistenza viene prestata in parte dai familiari e in parte da un servizio di assistenza a domicilio. 3. Che importo si può ricevere? L importo dipende dal livello di necessità di assistenza. Attualmente in vigore: Prestazioni in denaro Prestazioni materiali Livello di necessità di 244,00 468,00 assistenza I Livello di necessità di 458, ,00 assistenza II Livello di necessità di 728, ,00 assistenza III 17

20 4. Assistenza in caso di limitazione delle competenze di base (ad es. demenza senile) Le persone con disturbi delle proprie capacità dovuti alla demenza senile, con disabilità mentali o malattie psichiche possono avere grandi difficoltà nello svolgimento delle attività quotidiane di base. Per queste persone il legislatore ha fissato alcune regole. Quindi anche coloro che non rientrano in uno dei livelli di necessità di assistenza possono ricevere prestazioni in denaro o materiali. In questi casi si parla di livello di necessità di assistenza 0. Anche in questo caso le prestazioni dipendono dal livello di necessità di assistenza. Prestazioni in denaro Prestazioni materiali Livello di necessità di 123,00 231,00 assistenza 0 Livello di necessità di 316,00 689,00 assistenza I Livello di necessità di 545, ,00 assistenza II Livello di necessità di 728, ,00 assistenza III 18

21 5. Chi paga? Tutti coloro che hanno un assicurazione per la non autosufficienza devono rivolgersi alla propria cassa per la non autosufficienza. I pagamenti da parte di dette casse raggiungono al massimo gli importi indicati ai punti 3 e 4. Coloro che non hanno un assicurazione per la non autosufficienza o le cui spese di assistenza superano gli importi fissati possono fare richiesta di un sussidio presso la Sozialbürgerhaus di competenza. ( pagina 46) Rispetto ai pagamenti da parte delle casse per la non autosufficienza vi sono le seguenti differenze: le prestazioni dell assistenza sociale dipendono dal reddito e dal patrimonio (inizialmente si calcola se e in quale misura l interessato sia in grado di pagare le spese per l assistenza) è possibile che vengano sostenute tutte le spese necessarie per garantire un adeguata assistenza individuale (ad es. le spese rimanenti nel caso in cui l importo corrisposto della cassa per la non autosufficienza non basti a pagare il servizio di assistenza a domicilio). Anche per le spese che si sostengono quando non si è raggiunto un livello di necessità di assistenza è possibile fare richiesta di aiuto (ad esempio per i lavori domestici ( capitolo I, pagina 32), per il telefono, sussidio per l assistenza). Attenzione In linea generale il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. 19

22 6. Importante Le persone autosufficienti con più di 65 anni possono eventualmente ricevere assistenza per anziani ( capitolo F, pagina 24). Sul tema dell assistenza si trovano ulteriori informazioni su internet alla pagina A chi desidera approfondire il tema dell assicurazione per la non autosufficienza consigliamo la guida del Ministero federale per la Salute Ratgeber zur Pflege Alles, was Sie zur Pflege wissen müssen (Guida all assistenza tutto ciò che si deve sapere sull assistenza). Alla pagina / Publikationen si può scaricare o ordinare la guida. Chi ha bisogno di aiuto a causa di una disabilità (ad esempio accompagnamento a manifestazioni sociali, servizio di trasporto per disabili) può rivolgersi al distretto Oberbayern. Bezirk Oberbayern Bezirksverwaltung Prinzregentenstraße München telefono: 089 / fax: 089 /

23 E. Abitare in una casa di riposo per anziani Chi è autosufficiente ma per motivi di salute vuole o deve trasferirsi in un istituto per anziani (nel reparto per persone autosufficienti di una casa di riposo o in un complesso residenziale assistito per anziani) può fare un apposita richiesta di sussidio ( 27 b SGB XII).

24 1. Chi può ricevere aiuto? Persone che sono autosufficienti (cioè per le quali la necessità di assistenza di base calcolata dal Servizio medico dell assicurazione sanitaria è inferiore a 15 minuti al giorno) e non riescono o riescono solo in parte a pagare le spese con mezzi propri e la cui vita prima del trasferimento nell istituto per anziani si svolgeva prevalentemente a Monaco. 2. Cosa viene pagato? Se la pensione, gli altri redditi e il patrimonio non sono sufficienti a coprire le spese per l istituto per anziani, l Amt für Soziale Sicherung (Ufficio per la protezione sociale) si fa carico della cifra mancante, pagando di solito direttamente l istituto per anziani. L interessato deve investire tutto il reddito mensile per coprire le spese dell istituto, ma riceve una somma mensile in contanti, che rimane a sua completa disposizione. 3. Chi paga? Per domande relative al trasferimento in un istituto per anziani ci si può rivolgere prima del trasferimento a 22 Ufficio per la protezione sociale (Amt für Soziale Sicherung) Dipartimento aiuto economico in un istituto (Abt. Wirtschaftliche Hilfen in Einrichtungen) Schwanthalerstraße München telefono: 089 / oder

25 Per le persone a cui è già stata riconosciuta la necessità di assistenza o che hanno una necessità di assistenza per le cure di base maggiore di 15 minuti al giorno non è più responsabile la città di Monaco, bensì il distretto Oberbayern. In questo caso ci si può rivolgere a Centro servizi del distretto Oberbayern (Servicestelle des Bezirks Oberbayern) Prinzregentenstraße München telefono: 089 / fax: 089 / internet: Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. 4. Come si fa a ottenere un posto? La piattaforma per l assistenza attivata a Monaco (Münchner Pflegebörse) promulga informazioni sull offerta. Fornisce un quadro generale delle istituzioni presenti a Monaco e nel suo distretto rurale. Si occupa anche di consulenza su altre offerte informative e su questioni relative all assicurazione per la non autosufficienza. In internet si trovano informazioni sul sito 23

26 F. Assistenza per persone anziane L assistenza agli anziani offre numerose possibilità affinché le persone anziane prendano parte alla vita sociale e per minimizzare i rischi legati all età ( 71 SGB XII).

27 1. Chi può usufruire dell assistenza agli anziani? Ne possono fare richiesta coloro che hanno compiuto il 65 anno di età e i cui mezzi non sono sufficienti. 2. Quali prestazioni sono possibili? Sovvenzione per spese di trasporto: ad esempio aiuto economico per l acquisto di un biglietto per anziani per i mezzi di trasporto, nel caso in cui non sia possibile ricevere altre prestazioni a questo scopo. Sovvenzione per il telefono: ha lo scopo di assicurare il mantenimento dei contatti con famigliari e amici nel caso di persone che sono in grado di lasciare l abitazione in modo limitato. Sistema domiciliare per chiamate d emergenza: nel caso in cui si possa presentare una situazione d emergenza tale da mettere in pericolo la vita e nella quale un normale telefono non basti per chiedere aiuto, è possibile che vengano coperte alcune spese (costi per l allacciamento ecc.). Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. Per l assistenza agli anziani i famigliari con obbligo di mantenimento non devono pagare alcun mantenimento. 25

28 G. Chi non può pagare i contributi per l assicurazione sanitaria e per l assicurazione per la non autosufficienza o non ha un assicurazione di questo tipo Chi non può ricevere cure mediche perché non paga i contributi delle assicurazioni sanitaria e per la non autosufficienza o perché non è assicurato ha la possibilità di fare richiesta per il pagamento dei contributi assicurativi presso la Sozialbürgerhaus. ( 32 SGB XII).

29 1. Quali prestazioni possono ricevere coloro che usufruiscono già della protezione sociale di base o dell aiuto per il mantenimento? A chi usufruisce della protezione sociale di base ( capitolo B, pagina 9) o dell aiuto per il mantenimento ( capitolo C, pagina 12) e non rientra già in un assicurazione sanitaria pubblica (ad esempio tramite la pensione) vengono pagati i contributi per l assicurazione sanitaria pubblica di tipo volontario. Per gli assicurati presso una cassa malattia privata il contributo può essere pagato fino alla metà dell importo della tariffa base della compagnia assicurativa. Vengono pagati anche i contributi dell assicurazione per la non autosufficienza. Chi usufruisce della protezione sociale di base o dell aiuto per il mantenimento, ma non può essere assicurato viene registrato presso una cassa malattia pubblica. Riceve le stesse prestazioni delle persone assicurate presso la stessa cassa e una tessera sanitaria da poter presentare alle visite mediche. 2. Quali prestazioni possono ricevere coloro che non usufruiscono della protezione sociale di base o dell aiuto per il mantenimento? Coloro che non ricevono né protezione sociale di base né assistenza sociale devono assicurarsi a proprie spese tramite una cassa malattia pubblica o privata a seconda che siano stati lavoratori dipendenti o indipendenti. In Germania c è l obbligo di assicurazione sanitaria. Nel caso in cui in precedenza il reddito e il patrimonio siano stati sufficienti a garantire il mantenimento, ma non a pagare i contributi per 27

30 l assicurazione sanitaria, è possibile informarsi presso la Sozialbürgerhaus ( pagina 46) competente sulle possibilità esistenti per un assicurazione sanitaria e per la non autosufficienza. In casi eccezionali è anche possibile ricevere un sussidio per la salute (Hilfe zur Gesundheit 47 segg. SGB XII). Si tratta in modo particolare del pagamento delle spese per cure mediche. Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. 28

31 H. Pasti a domicilio Le persone che, a causa dell età o di una malattia, non sono in grado di cucinare possono ricevere un aiuto finanziario per pagare i pasti a domicilio ( 27 a e 42 SGB XII).

32 1. Chi può fare richiesta di pasti a domicilio? Le persone anziane o malate che ricevono la protezione sociale di base ( capitolo B, pagina 9) o l aiuto per il mantenimento ( capitolo C, pagina 12) possono ricevere i pasti a domicilio senza un ulteriore controllo del reddito. Le persone anziane o malate che hanno bisogno di pasti a domicilio ma non ricevono la protezione sociale di base o l aiuto per il mantenimento possono fare richiesta alla Sozialbürgerhaus di competenza ( pagina 46). 2. Quali prestazioni sono possibili? Per le spese dei pasti a domicilio è possibile ricevere una sovvenzione giornaliera, che è indipendente dall effettivo prezzo del pasto e copre solo una parte delle spese. I costi per un alimentazione speciale non vengono coperti. Tuttavia, se per motivi di salute vi è necessità di un alimentazione particolare che causa maggiori costi, è possibile fare richiesta di fabbisogno addizionale a causa di alimentazione costosa presso la Sozialbürgerhaus ( pagina 46). 3. Dove si ricevono i pasti a domicilio? A Monaco le associazioni della libera solidarietà sociale offrono questo servizio su tutto il territorio. Oltre ai pasti a domicilio alcune associazioni e in particolare alcuni Centri per il servizio e gli anziani (Alten- und Service-Zentren ASZ) offrono il cosiddetto servizio Mittagstisch (pranzo). 30

33 Per informazioni sugli ASZ: Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. Per i pasti a domicilio i famigliari con obbligo di mantenimento non devono pagare. 31

34 I. Aiuto nelle faccende domestiche Chi è ancora autosufficiente ma ha difficoltà a svolgere le faccende domestiche può fare richiesta alla Sozialbürgerhaus per l assunzione delle spese per la collaborazione domestica ( 61 SGB XII).

35 1. Chi può ricevere aiuto? Il sostegno può essere concesso a persone che sono ancora autosufficienti (meno di 45 minuti di fabbisogno di assistenza per le cure di base) hanno bisogno d aiuto nelle faccende domestiche (ad esempio per pulizia dell abitazione, bucato, spesa, preparazione dei pasti) e non possono pagare un collaboratore domestico o una collaboratrice domestica con mezzi propri. 2. Dove si può fare richiesta per la collaborazione domestica? Chi desideri fare richiesta per la collaborazione domestica si può rivolgere all ufficio di gestione delle pratiche (SGB XII) della Sozialbürgerhaus di competenza ( pagina 46). L effettiva necessità di aiuto nelle faccende domestiche viene poi controllata dal personale dell assistenza sociale del distretto durante una visita a domicilio. 3. Chi esercita la collaborazione domestica? Dopo che si è stabilito in quale misura sia necessario un aiuto domestico (ad esempio tre ore a settimana) l interessato può scegliere se far eseguire i lavori domestici da personale di un azienda riconosciuta per il servizio di collaborazione domestica e assistenza oppure da un privato. 33

36 4. Quanto denaro si ha a disposizione per la collaborazione domestica? Dipende dall entità dell aiuto necessario e da chi svolge il lavoro. Per l assistenza da parte di un servizio riconosciuto di collaborazione domestica o assistenza vi sono tariffe forfettarie prefissate in base alle quali si calcola l importo. Per la collaborazione domestica da parte di privati è stata fissata una tariffa oraria che attualmente è di 13 euro e che comprende anche i contributi per la protezione sociale e le tasse. Il pagamento non è previsto per persone vicine all interessato (ad esempio famigliari). 5. Come si riceve il denaro? È consuetudine che l agenzia per servizio di collaborazione domestica e assistenza faccia i conti direttamente con la Sozialbürgerhaus. Nel caso il servizio venga svolto da privati, l interessata/o riceve il denaro per pagare la collaborazione domestica. Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. 34

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Vivere e lavorare in Europa

Vivere e lavorare in Europa Italienische Fassung Vivere e lavorare in Europa > Il diritto dell Unione europea > Lavorare in diversi Stati membri > Pagamento delle pensioni Größe: 100 % (bei A5 > 71%) Lavoro senza confini L Europa

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Questa pubblicazione presenta

Questa pubblicazione presenta Un Quadro Un Quadro Questa pubblicazione presenta un quadro delle più importanti caratteristiche dei programmi Social Security, Supplemental Security Income (SSI) e Medicare. Potrete trovare informazioni

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate 1.02 Stato al 1 luglio 2008 Splitting in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate devono essere calcolate tenendo conto di una divisione

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Rimborso delle spese di viaggio nell AI

Rimborso delle spese di viaggio nell AI 4.05 Stato al 1 gennaio 2008 Rimborso delle spese di viaggio nell AI In generale 1 L assicurazione invalidità (AI) rimborsa le spese di viaggio giudicate appropriate e necessarie all attuazione dei provvedimenti

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato

Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Nella maggior parte dei casi, chi legge quest opuscolo ha da poco ricevuto una

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli