Protezione sociale. Prestazioni per i cittadini e le cittadine di Monaco in situazioni d emergenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protezione sociale. Prestazioni per i cittadini e le cittadine di Monaco in situazioni d emergenza"

Transcript

1 Protezione sociale Prestazioni per i cittadini e le cittadine di Monaco in situazioni d emergenza Leistungen für Münchnerinnen und Münchner in Notlagen Italienisch Aggiornato a gennaio 20145

2 Colophon Landeshauptstadt München Unità per gli affari sociali (Sozialreferat) Ufficio per la protezione sociale (Amt für Soziale Sicherung) Orleansplatz München Fotografie: fotolia.com: Karl Naundorf (Titel), Peter Maszlen (S. 21), Alexander Raths (Titel, S. 26), britta60 (S. 35), PhotoSG (S. 40) Thinkstock: Kollektion istock: Melpomenem (S. 3), furtaev (S. 12), Sarah Garner (S. 15), diego_cervo (S. 24), Choreograph (S. 32), nataliaspb (S. 29), curtis_creative (S. 9), JackF (S. 37); Kollektion Blend Images: John Lund (S. 43) Impostazione grafica: Uta Börger Stampa: Stadtkanzlei München Stampato su carta riciclata al 100 %. Aggiornato: 2 edizione gennaio 2015

3 Cari cittadini e cittadine di Monaco, l Ufficio per la protezione sociale ha il compito di tutelare l esistenza economica e sociale delle persone che vivono a Monaco. Le basi giuridiche per raggiungere questo obiettivo si trovano fra l altro nel Codice della previdenza sociale tedesco, libro XII (SGB XII). Sociale significa che ogni persona bisognosa di aiuto o cura deve essere assistita in modo adeguato. Nessuno deve essere emarginato o discriminato perché vive in povertà o perché necessita dell aiuto di altre persone. Assistenza sociale significa diritto a un supporto in diverse situazioni d emergenza e in particolari circostanze della vita. Con questa brochure vi offriamo una panoramica sulle possibilità di assistenza stabilite per legge e su quelle di tipo volontario, sui presupposti necessari per la fruizione e sui centri a cui rivolgersi. Scoprirete quali prestazioni vengono offerte e dove si devono inoltrare le richieste. Se avete bisogno d aiuto non esitate a contattarci. Gertraud von Gaessler Responsabile dell Ufficio per la protezione sociale 1

4 Sommario A. Spiegazione di termini importanti pagina 3 B. Chi è uscita/o definitivamente dalla vita professionale pagina 9 C. Chi è uscita/o temporaneamente dalla vita professionale pagina 12 D. Chi ha bisogno di assistenza pagina 15 E. Abitare in una casa di riposo per anziani pagina 20 F. Assistenza per persone anziane pagina 24 G. Chi non ha un assicurazione sanitaria o non può pagare i premi assicurativi pagina 26 H. Pasti a domicilio pagina 29 I. Aiuto nelle faccende domestiche pagina 32 J. Ripristino di condizioni abitative dignitose pagina 35 K. Supporto in caso di debiti e insolvenza privata pagina 37 L. Tutela legale/curatela pagina 40 M. Il libretto di Monaco (München-Pass) una prestazione volontaria della città di Monaco pagina 43 N. Indirizzi pagina 46 2

5 A. Spiegazione di termini importanti Questa brochure offre una panoramica degli aiuti stabiliti per legge o di tipo volontario di cui ci si può avvalere in caso ad esempio non si abbia abbastanza denaro per vivere o si abbia necessità di assistenza o di cura. Innanzi tutto desideriamo spiegare alcuni principi importanti e termini fondamentali dell assistenza sociale.

6 1. Cos è l assistenza sociale? È una prestazione stabilita per legge che ha lo scopo di assicurare una vita dignitosa. Chi non riesce a sostentarsi con i propri mezzi o non riceve il supporto necessario da altri ha, in presenza di particolari presupposti, diritto a varie prestazioni. Chi si trova in una condizione d emergenza riceve aiuto, tenendo conto della situazione personale ed economica. 2. Quando si riceve l assistenza sociale? Si riceve assistenza sociale solo quando non si è (più) in grado di provvedere a se stessi (ad esempio con le proprie entrate finanziarie) oppure quando non si riceve l aiuto necessario da altri (pensione, cassa malattia per la non autosufficienza ecc., ma anche dai famigliari). Prima di poter ricorrere all assistenza sociale si devono percorrere tutte le altre strade e far valere tutti i diritti relativi ad altre prestazioni. Questo principio viene definito subordinazione dell assistenza sociale. 3. Chi non riceve prestazioni per il proprio sostentamento secondo il Codice della previdenza sociale tedesco (SGB XII)? Le persone abili al lavoro che non trovano un impiego o che guadagnano troppo poco per far fronte alle proprie esigenze ( si veda n. 4) possono far richiesta di prestazioni per il sostentamento in forma di Arbeitslosengeld II (indennità di disoccupazione) presso i Jobcenter (centri per l impiego). Ricevono supporto nell ambito del Codice della previdenza sociale tedesco, libro II (SGB II). Per domande su possibili prestazioni e diritti ci si può rivolgere ai Jobcenter presenti 4

7 in ogni Sozialbürgerhaus (centro civico sociale). Le persone senza dimora si possono rivolgere all infoteca del dipartimento Zentrale Wohnungslosenhilfe (assistenza alle persone senza dimora). Per gli indirizzi si veda pagina Che cosa si intende per fabbisogno (Bedarf) e fabbisogno addizionale (Mehrbedarf) Il fabbisogno è l importo che una persona può richiedere per condurre una vita dignitosa individuale. Comprende fra l altro il fabbisogno di base (ad esempio le spese per l alimentazione, l abbigliamento, mobilio e casalinghi, oggetti per l economia domestica, corrente elettrica, acqua, riparazioni, spese per il tempo libero) spese adeguate per alloggio e riscaldamento Il fabbisogno di base può essere di entità diversa. Dipende dall età e dalle condizioni di vita. Ad esempio i bambini ricevono un importo minore per il fabbisogno di base rispetto agli adulti. Si parla di fabbisogno di base determinante. Attualmente per un adulto che vive da solo a Monaco comprende 420 euro. Nel caso di persone con necessità di cura che non possono sostenerne le spese, in alcuni casi il fabbisogno contempla anche l importo necessario per l assistenza. Alcune persone hanno, oltre a questo fabbisogno, un cosiddetto fabbisogno addizionale, cioè maggiori spese rispetto agli altri (ad es. le donne in gravidanza). Anche coloro che per motivi di salute necessitano di un alimentazione costosa posso ricevere il fabbisogno addizionale. Questo viene som- 5

8 mato al fabbisogno di base determinante e quindi si ha una maggiorazione dell importo che le persone interessate possono ricevere. 5. Che cosa si intende per reddito e patrimonio? In linea di principio ci si riferisce al reddito e al patrimonio personali, ma ad esempio anche a quello della/del coniuge o della/del compagna/o da cui non si viva separati. Nel reddito rientrano in particolare salario e stipendio, pensione, assegno alimentare, redditi derivanti da affitto e locazione, ma anche interessi. Per patrimonio si intende ad esempio denaro contante, depositi a risparmio, titoli di credito, contratti di risparmio edilizio, assicurazioni sulla vita, veicoli, patrimonio immobiliare o fondiario, appartamenti di proprietà (esclusi gli immobili abitati dalla persona stessa che abbiano una grandezza adeguata). 6. Controllo dello stato patrimoniale e del reddito Al fine di stabilire se una persona ha diritto all assistenza sociale si procede inizialmente al controllo del reddito. Si calcola se e in quale ordine di grandezza sussista il diritto a ricevere un sussidio. A questo scopo si confronta il fabbisogno della persona (ciò di cui ha bisogno) con il suo reddito (ciò che ha a disposizione). Vengono considerati anche i valori relativi al patrimonio, tuttavia in questo caso vi sono le cosiddette parti non computabili. A seconda del tipo di aiuto di cui si ha bisogno sono stabilite diverse parti non computabili, le quali rimangono a propria disposizione anche se si percepisce l assistenza sociale. 6

9 Esempio se si considera la protezione sociale di base nella vecchiaia (Grundsicherung im Alter) e la parziale inabilità al lavoro, la parte non computabile per una persona che vive da sola è, al momento, di euro. Per chi vive con la/il partner l importo viene maggiorato di 614 euro. Dopo il controllo dell idoneità a ricevere un sostegno finanziario, si riceve una comunicazione scritta indicante l entità dell importo che si può ricevere e come è stato calcolato. 7. I famigliari devono pagare il mantenimento? In linea di principio i famigliari con obbligo di mantenimento (ad esempio genitori, figli, coniugi separati o divorziati) ricevono una comunicazione scritta da parte dall autorità che si occupa dell assistenza sociale (in questo caso la città di Monaco) non appena questa effettua i pagamenti. Se si debba effettivamente pagare il mantenimento dipende dal reddito e dalle condizioni personali dei famigliari, e dal tipo di aiuto necessario. 8. Dove e come si può inoltrare richiesta di sussidio? Si prega di rivolgersi all infoteca della Sozialbürgerhaus. La Sozialbürgerhaus di competenza dipende dall indirizzo dell interessato. Gli indirizzi delle Sozialbürgerhaus si trovano a pagina 46 o sul sito internet: 7

10 Nell infoteca si riceve il nome e il numero di telefono dell impiegata/o responsabile in modo da poter fissare un appuntamento per fare la richiesta. Chi non può presentarsi di persona negli uffici ha la possibilità di fare la richiesta ad esempio durante una visita domiciliare. 9. Cosa è necessario per fare la richiesta? Documenti da portare al primo incontro: un documento di riconoscimento, eventualmente la tessera d invalidità il contratto d affitto e l ultima comunicazione di aumento del prezzo d affitto i documenti relativi al reddito (ad es. busta paga, notifica di riconoscimento della pensione) la documentazione relativa al patrimonio (ad es. depositi a risparmio, titoli di credito, contratti di risparmio edilizio, assicurazioni sulla vita, veicoli, patrimonio immobiliare o fondiario ecc.) saldi bancari degli ultimi tre mesi Per informazioni consultare anche il sito internet 8

11 B. Chi è uscita/o definitivamente dalla vita professionale Chi a causa dell età o di una permanente inabilità al lavoro è uscito definitivamente dalla vita lavorativa e non è in grado di provvedere al proprio sostentamento con mezzi propri, può fare richiesta di protezione sociale di base (Grundsicherung) in vecchiaia o per inabilità al lavoro ( 41 segg. SGB XII).

12 1. Chi ha diritto al sussidio? Alla protezione sociale di base hanno diritto le persone che hanno raggiunto l età pensionabile oppure che hanno compiuto il 18 anno d età e che, indipendentemente dalla situazione del mercato del lavoro, sono permanentemente e totalmente inabili al lavoro ai sensi del regime legale di assicurazione pensionistica e i cui mezzi non sono sufficienti. Le persone abili al lavoro e in cerca di occupazione e i loro famigliari possono fare richiesta di Arbeitslosengeld II (indennità di disoccupazione) nei Jobcenter di Monaco, che sono integrati nelle Sozialbürgerhaus. 2. Quali prestazioni si possono ricevere? il fabbisogno di base determinante spese adeguate per alloggio e riscaldamento eventuali aggiunte per il fabbisogno addizionale contributi per l assicurazione sanitaria e quella per la non autosufficienza (se non si è in presenza di assicurazione obbligatoria) spese per altre circostanze previste dalla legge (ad es. prestazioni per l istruzione e la partecipazione dei bambini, dotazione iniziale per l alloggio inclusi gli elettrodomestici, dotazione iniziale abbigliamento) 10

13 Attenzione Per ricevere la protezione sociale di base (Grundsicherung) è necessario presentare domanda scritta. Per la presentazione della domanda si deve prendere un appuntamento con l impiegata/o responsabile nella Sozialbürgerhaus. Il sussidio può essere concesso a partire dal primo giorno del mese in cui si fa domanda all autorità competente per l assistenza sociale. (Ad esempio: se la richiesta viene fatta il 17 maggio, il pagamento inizia il 1 maggio.) 3. Importante In caso non si abbia diritto a un sussidio mensile continuato, è eventualmente possibile ricevere singole prestazioni in denaro (ad esempio per la dotazione iniziale dell alloggio). È anche possibile che sussista il diritto a un indennità per l alloggio (Wohngeld). Anche l indennità per l alloggio può essere richiesta di persona in una Sozialbürgerhaus o per posta. 11

14 C. Chi è uscita/o temporaneamente dalla vita professionale Chi per un certo periodo non lavora a causa di una temporanea inabilità al lavoro e non è quindi in grado di provvedere al proprio mantenimento con mezzi propri ha la possibilità di fare domanda di sussidio ( 27 segg. SGB XII).

15 1. Chi ha diritto al sussidio? Persone che vivono in Germania se non riescono, in parte o totalmente, a provvedere al proprio mantenimento con i propri mezzi e i propri sforzi, e possono lavorare meno di 3 ore al giorno, per più di sei mesi ma non in modo permanente. Chi è abile al lavoro e bisognoso di aiuto può inoltrare richiesta di Arbeitslosengeld II in un Jobcenter di Monaco. I Jobcenter si trovano all interno delle Sozialbürgerhaus. 2. Quali prestazioni si possono ricevere? il fabbisogno di base determinante spese adeguate per alloggio e riscaldamento eventuali aggiunte per il fabbisogno addizionale contributi per l assicurazione sanitaria e l assicurazione per la non autosufficienza (se non si è in presenza di assicurazione obbligatoria) sussidi una tantum previsti dalla legge (ad es. prestazioni per l istruzione e la partecipazione dei bambini, dotazione iniziale per l alloggio inclusi gli elettrodomestici, dotazione iniziale abbigliamento) 13

16 Attenzione Il sussidio per il mantenimento viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza della necessità di aiuto. Non sono consentiti pagamenti per il periodo precedente, quindi non si possono saldare i debiti. (Ad esempio a chi ha preso in prestito del denaro per superare un certo periodo, questo importo non verrà pagato.) Un eccezione è rappresentata dai debiti per l affitto di un abitazione ( capitolo K, pagina 39). 3. Importante In caso non si abbia diritto a un sussidio mensile continuato per il proprio mantenimento, è eventualmente possibile ricevere singole prestazioni in denaro (ad esempio per la dotazione iniziale dell alloggio). È anche possibile che sussista il diritto a un indennità per l alloggio (Wohngeld). Anche l indennità per l alloggio può essere richiesta di persona in una Sozialbürgerhaus o per posta. 14

17 D. Chi ha bisogno di assistenza Chi ha bisogno di cure a causa di malattia o disabilità fisica, mentale o psichica, deve rivolgersi alla propria assicurazione per la non autosufficienza. Coloro che non hanno un assicurazione per la non autosufficienza o per i quali le prestazioni dell assicurazione e i propri mezzi non sono sufficienti possono fare richiesta di un sussidio per la cura ( 61 segg. SGB XII) presso la Sozialbürgerhaus.

18 Si differenzia fra coloro che hanno bisogno di assistenza a domicilio, ad esempio se vivono ancora a casa propria, e coloro che necessitano di cure stazionarie poiché vivono in una casa di cura o desiderano trasferirvisi. In linea generale la città di Monaco si occupa dell assistenza a domicilio, la circoscrizione Oberbayern dell assistenza in istituto ( capitolo E, pagina 23). 1. Chi può ricevere aiuto? Le persone che non riescono più a occuparsi autonomamente della cura di base della persona (ad esempio lavarsi, vestirsi) e delle faccende domestiche (spesa, pulizia dell abitazione ecc.) ricevono i mezzi necessari. Presupposto indispensabile è che il Servizio medico dell assicurazione sanitaria (MDK) abbia provveduto all inserimento in uno dei livelli di necessità di assistenza (Pflegestufen). Chi non ha un assicurazione sanitaria viene visitato dal personale del Referat für Gesundheit und Umwelt (Unità per la salute e l ambiente), su richiesta della Sozialbürgerhaus di competenza ( pagina 46). A seconda del tipo di non autosufficienza si viene inseriti in un livello di necessità di assistenza: livello di necessità di assistenza I (notevole necessità di assistenza) livello di necessità di assistenza II (acuta necessità di assistenza) livello di necessità di assistenza III (estrema necessità di assistenza). 16

19 2. Quali prestazioni sono possibili? Prestazioni in denaro: si riceve un contributo in denaro per pagare le spese dell assistenza. Prestazioni materiali: in questo caso l importo viene versato a un azienda che offre servizi di assistenza a domicilio e che si occupa del paziente. Prestazioni combinate: i due tipi di prestazioni possono essere combinati ad esempio se l assistenza viene prestata in parte dai familiari e in parte da un servizio di assistenza a domicilio. 3. Che importo si può ricevere? L importo dipende dal livello di necessità di assistenza. Attualmente in vigore: Prestazioni in denaro Prestazioni materiali Livello di necessità di 244,00 468,00 assistenza I Livello di necessità di 458, ,00 assistenza II Livello di necessità di 728, ,00 assistenza III 17

20 4. Assistenza in caso di limitazione delle competenze di base (ad es. demenza senile) Le persone con disturbi delle proprie capacità dovuti alla demenza senile, con disabilità mentali o malattie psichiche possono avere grandi difficoltà nello svolgimento delle attività quotidiane di base. Per queste persone il legislatore ha fissato alcune regole. Quindi anche coloro che non rientrano in uno dei livelli di necessità di assistenza possono ricevere prestazioni in denaro o materiali. In questi casi si parla di livello di necessità di assistenza 0. Anche in questo caso le prestazioni dipendono dal livello di necessità di assistenza. Prestazioni in denaro Prestazioni materiali Livello di necessità di 123,00 231,00 assistenza 0 Livello di necessità di 316,00 689,00 assistenza I Livello di necessità di 545, ,00 assistenza II Livello di necessità di 728, ,00 assistenza III 18

21 5. Chi paga? Tutti coloro che hanno un assicurazione per la non autosufficienza devono rivolgersi alla propria cassa per la non autosufficienza. I pagamenti da parte di dette casse raggiungono al massimo gli importi indicati ai punti 3 e 4. Coloro che non hanno un assicurazione per la non autosufficienza o le cui spese di assistenza superano gli importi fissati possono fare richiesta di un sussidio presso la Sozialbürgerhaus di competenza. ( pagina 46) Rispetto ai pagamenti da parte delle casse per la non autosufficienza vi sono le seguenti differenze: le prestazioni dell assistenza sociale dipendono dal reddito e dal patrimonio (inizialmente si calcola se e in quale misura l interessato sia in grado di pagare le spese per l assistenza) è possibile che vengano sostenute tutte le spese necessarie per garantire un adeguata assistenza individuale (ad es. le spese rimanenti nel caso in cui l importo corrisposto della cassa per la non autosufficienza non basti a pagare il servizio di assistenza a domicilio). Anche per le spese che si sostengono quando non si è raggiunto un livello di necessità di assistenza è possibile fare richiesta di aiuto (ad esempio per i lavori domestici ( capitolo I, pagina 32), per il telefono, sussidio per l assistenza). Attenzione In linea generale il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. 19

22 6. Importante Le persone autosufficienti con più di 65 anni possono eventualmente ricevere assistenza per anziani ( capitolo F, pagina 24). Sul tema dell assistenza si trovano ulteriori informazioni su internet alla pagina A chi desidera approfondire il tema dell assicurazione per la non autosufficienza consigliamo la guida del Ministero federale per la Salute Ratgeber zur Pflege Alles, was Sie zur Pflege wissen müssen (Guida all assistenza tutto ciò che si deve sapere sull assistenza). Alla pagina / Publikationen si può scaricare o ordinare la guida. Chi ha bisogno di aiuto a causa di una disabilità (ad esempio accompagnamento a manifestazioni sociali, servizio di trasporto per disabili) può rivolgersi al distretto Oberbayern. Bezirk Oberbayern Bezirksverwaltung Prinzregentenstraße München telefono: 089 / fax: 089 /

23 E. Abitare in una casa di riposo per anziani Chi è autosufficiente ma per motivi di salute vuole o deve trasferirsi in un istituto per anziani (nel reparto per persone autosufficienti di una casa di riposo o in un complesso residenziale assistito per anziani) può fare un apposita richiesta di sussidio ( 27 b SGB XII).

24 1. Chi può ricevere aiuto? Persone che sono autosufficienti (cioè per le quali la necessità di assistenza di base calcolata dal Servizio medico dell assicurazione sanitaria è inferiore a 15 minuti al giorno) e non riescono o riescono solo in parte a pagare le spese con mezzi propri e la cui vita prima del trasferimento nell istituto per anziani si svolgeva prevalentemente a Monaco. 2. Cosa viene pagato? Se la pensione, gli altri redditi e il patrimonio non sono sufficienti a coprire le spese per l istituto per anziani, l Amt für Soziale Sicherung (Ufficio per la protezione sociale) si fa carico della cifra mancante, pagando di solito direttamente l istituto per anziani. L interessato deve investire tutto il reddito mensile per coprire le spese dell istituto, ma riceve una somma mensile in contanti, che rimane a sua completa disposizione. 3. Chi paga? Per domande relative al trasferimento in un istituto per anziani ci si può rivolgere prima del trasferimento a 22 Ufficio per la protezione sociale (Amt für Soziale Sicherung) Dipartimento aiuto economico in un istituto (Abt. Wirtschaftliche Hilfen in Einrichtungen) Schwanthalerstraße München telefono: 089 / oder

25 Per le persone a cui è già stata riconosciuta la necessità di assistenza o che hanno una necessità di assistenza per le cure di base maggiore di 15 minuti al giorno non è più responsabile la città di Monaco, bensì il distretto Oberbayern. In questo caso ci si può rivolgere a Centro servizi del distretto Oberbayern (Servicestelle des Bezirks Oberbayern) Prinzregentenstraße München telefono: 089 / fax: 089 / internet: Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. 4. Come si fa a ottenere un posto? La piattaforma per l assistenza attivata a Monaco (Münchner Pflegebörse) promulga informazioni sull offerta. Fornisce un quadro generale delle istituzioni presenti a Monaco e nel suo distretto rurale. Si occupa anche di consulenza su altre offerte informative e su questioni relative all assicurazione per la non autosufficienza. In internet si trovano informazioni sul sito 23

26 F. Assistenza per persone anziane L assistenza agli anziani offre numerose possibilità affinché le persone anziane prendano parte alla vita sociale e per minimizzare i rischi legati all età ( 71 SGB XII).

27 1. Chi può usufruire dell assistenza agli anziani? Ne possono fare richiesta coloro che hanno compiuto il 65 anno di età e i cui mezzi non sono sufficienti. 2. Quali prestazioni sono possibili? Sovvenzione per spese di trasporto: ad esempio aiuto economico per l acquisto di un biglietto per anziani per i mezzi di trasporto, nel caso in cui non sia possibile ricevere altre prestazioni a questo scopo. Sovvenzione per il telefono: ha lo scopo di assicurare il mantenimento dei contatti con famigliari e amici nel caso di persone che sono in grado di lasciare l abitazione in modo limitato. Sistema domiciliare per chiamate d emergenza: nel caso in cui si possa presentare una situazione d emergenza tale da mettere in pericolo la vita e nella quale un normale telefono non basti per chiedere aiuto, è possibile che vengano coperte alcune spese (costi per l allacciamento ecc.). Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. Per l assistenza agli anziani i famigliari con obbligo di mantenimento non devono pagare alcun mantenimento. 25

28 G. Chi non può pagare i contributi per l assicurazione sanitaria e per l assicurazione per la non autosufficienza o non ha un assicurazione di questo tipo Chi non può ricevere cure mediche perché non paga i contributi delle assicurazioni sanitaria e per la non autosufficienza o perché non è assicurato ha la possibilità di fare richiesta per il pagamento dei contributi assicurativi presso la Sozialbürgerhaus. ( 32 SGB XII).

29 1. Quali prestazioni possono ricevere coloro che usufruiscono già della protezione sociale di base o dell aiuto per il mantenimento? A chi usufruisce della protezione sociale di base ( capitolo B, pagina 9) o dell aiuto per il mantenimento ( capitolo C, pagina 12) e non rientra già in un assicurazione sanitaria pubblica (ad esempio tramite la pensione) vengono pagati i contributi per l assicurazione sanitaria pubblica di tipo volontario. Per gli assicurati presso una cassa malattia privata il contributo può essere pagato fino alla metà dell importo della tariffa base della compagnia assicurativa. Vengono pagati anche i contributi dell assicurazione per la non autosufficienza. Chi usufruisce della protezione sociale di base o dell aiuto per il mantenimento, ma non può essere assicurato viene registrato presso una cassa malattia pubblica. Riceve le stesse prestazioni delle persone assicurate presso la stessa cassa e una tessera sanitaria da poter presentare alle visite mediche. 2. Quali prestazioni possono ricevere coloro che non usufruiscono della protezione sociale di base o dell aiuto per il mantenimento? Coloro che non ricevono né protezione sociale di base né assistenza sociale devono assicurarsi a proprie spese tramite una cassa malattia pubblica o privata a seconda che siano stati lavoratori dipendenti o indipendenti. In Germania c è l obbligo di assicurazione sanitaria. Nel caso in cui in precedenza il reddito e il patrimonio siano stati sufficienti a garantire il mantenimento, ma non a pagare i contributi per 27

30 l assicurazione sanitaria, è possibile informarsi presso la Sozialbürgerhaus ( pagina 46) competente sulle possibilità esistenti per un assicurazione sanitaria e per la non autosufficienza. In casi eccezionali è anche possibile ricevere un sussidio per la salute (Hilfe zur Gesundheit 47 segg. SGB XII). Si tratta in modo particolare del pagamento delle spese per cure mediche. Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. 28

31 H. Pasti a domicilio Le persone che, a causa dell età o di una malattia, non sono in grado di cucinare possono ricevere un aiuto finanziario per pagare i pasti a domicilio ( 27 a e 42 SGB XII).

32 1. Chi può fare richiesta di pasti a domicilio? Le persone anziane o malate che ricevono la protezione sociale di base ( capitolo B, pagina 9) o l aiuto per il mantenimento ( capitolo C, pagina 12) possono ricevere i pasti a domicilio senza un ulteriore controllo del reddito. Le persone anziane o malate che hanno bisogno di pasti a domicilio ma non ricevono la protezione sociale di base o l aiuto per il mantenimento possono fare richiesta alla Sozialbürgerhaus di competenza ( pagina 46). 2. Quali prestazioni sono possibili? Per le spese dei pasti a domicilio è possibile ricevere una sovvenzione giornaliera, che è indipendente dall effettivo prezzo del pasto e copre solo una parte delle spese. I costi per un alimentazione speciale non vengono coperti. Tuttavia, se per motivi di salute vi è necessità di un alimentazione particolare che causa maggiori costi, è possibile fare richiesta di fabbisogno addizionale a causa di alimentazione costosa presso la Sozialbürgerhaus ( pagina 46). 3. Dove si ricevono i pasti a domicilio? A Monaco le associazioni della libera solidarietà sociale offrono questo servizio su tutto il territorio. Oltre ai pasti a domicilio alcune associazioni e in particolare alcuni Centri per il servizio e gli anziani (Alten- und Service-Zentren ASZ) offrono il cosiddetto servizio Mittagstisch (pranzo). 30

33 Per informazioni sugli ASZ: Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. Per i pasti a domicilio i famigliari con obbligo di mantenimento non devono pagare. 31

34 I. Aiuto nelle faccende domestiche Chi è ancora autosufficiente ma ha difficoltà a svolgere le faccende domestiche può fare richiesta alla Sozialbürgerhaus per l assunzione delle spese per la collaborazione domestica ( 61 SGB XII).

35 1. Chi può ricevere aiuto? Il sostegno può essere concesso a persone che sono ancora autosufficienti (meno di 45 minuti di fabbisogno di assistenza per le cure di base) hanno bisogno d aiuto nelle faccende domestiche (ad esempio per pulizia dell abitazione, bucato, spesa, preparazione dei pasti) e non possono pagare un collaboratore domestico o una collaboratrice domestica con mezzi propri. 2. Dove si può fare richiesta per la collaborazione domestica? Chi desideri fare richiesta per la collaborazione domestica si può rivolgere all ufficio di gestione delle pratiche (SGB XII) della Sozialbürgerhaus di competenza ( pagina 46). L effettiva necessità di aiuto nelle faccende domestiche viene poi controllata dal personale dell assistenza sociale del distretto durante una visita a domicilio. 3. Chi esercita la collaborazione domestica? Dopo che si è stabilito in quale misura sia necessario un aiuto domestico (ad esempio tre ore a settimana) l interessato può scegliere se far eseguire i lavori domestici da personale di un azienda riconosciuta per il servizio di collaborazione domestica e assistenza oppure da un privato. 33

36 4. Quanto denaro si ha a disposizione per la collaborazione domestica? Dipende dall entità dell aiuto necessario e da chi svolge il lavoro. Per l assistenza da parte di un servizio riconosciuto di collaborazione domestica o assistenza vi sono tariffe forfettarie prefissate in base alle quali si calcola l importo. Per la collaborazione domestica da parte di privati è stata fissata una tariffa oraria che attualmente è di 13 euro e che comprende anche i contributi per la protezione sociale e le tasse. Il pagamento non è previsto per persone vicine all interessato (ad esempio famigliari). 5. Come si riceve il denaro? È consuetudine che l agenzia per servizio di collaborazione domestica e assistenza faccia i conti direttamente con la Sozialbürgerhaus. Nel caso il servizio venga svolto da privati, l interessata/o riceve il denaro per pagare la collaborazione domestica. Attenzione Il sussidio viene pagato a partire dal giorno in cui l autorità competente per l assistenza sociale viene a conoscenza del bisogno di aiuto. 34

Assistenza domiciliare

Assistenza domiciliare Verein für Internationale Freundschaften e V. Comitato degli Italiani all Estero Circoscrizione Consolare di Monaco di Baviera Assistenza domiciliare Indice Pag Premessa 1 Cosa significa "assistenza domiciliare"?

Dettagli

Il diritto al minimo vitale: "Grundsicherung

Il diritto al minimo vitale: Grundsicherung Verein für Internationale Freundschaften e V. Comitato degli Italiani all Estero Circoscrizione Consolare di Monaco di Baviera Il diritto al minimo vitale: "Grundsicherung Indice Pag Prefazione 1 La Grundsicherung

Dettagli

Cassa pensione e proprietà abitativa/

Cassa pensione e proprietà abitativa/ Promozione della proprietà abitativa (PPA) Cassa pensione e proprietà abitativa/ Prelievo anticipato e costituzione in pegno di fondi del 2 pilastro Sommario Reperimento di capitale per l acquisto di un

Dettagli

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOGGETTI PRIVATI (approvato con delibera C.C. n 49 del 24/06/2000)

Dettagli

COMUNE DI CAMERI PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI CAMERI PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI CAMERI PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, INTERVENTI ECONOMICI ED ASSISTENZIALI, A SOGGETTI IN CASO DI BISOGNO. (Approvato con delibera

Dettagli

la terza età Tutela sociale per Premessa Indice

la terza età Tutela sociale per Premessa Indice Verein für Internationale Freundschaften e V. Comitato degli Italiani all Estero Circoscrizione Consolare di Monaco di Baviera Tutela sociale per la terza età Indice Pag Premessa 1 Chi ha diritto all Arbeitslosengeld

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

Informazione aggiornata La previdenza sociale in Svizzera

Informazione aggiornata La previdenza sociale in Svizzera Informazione aggiornata La previdenza sociale in Svizzera Prestazioni Assicurati/Aventi diritto Basi per calcolare l ammontare delle prestazioni per cura, assistenza, guarigione AVS/AI Sono assicurate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO FAMIGLIE - APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42

Dettagli

Cognome * Indirizzo / N. * Telefono. Nome * Casella postale Cellulare. Data di nascita (gg.mm.aaaa) NPA * / Luogo * Indirizzo elettronico

Cognome * Indirizzo / N. * Telefono. Nome * Casella postale Cellulare. Data di nascita (gg.mm.aaaa) NPA * / Luogo * Indirizzo elettronico Rekurskommission EDK/GDK Commission de recours CDIP/CDS Commissione di ricorso CDPE/CDS Istanza di gratuito patrocinio 1 Parte richiedente Cognome * Indirizzo / N. * Telefono me * Casella postale Cellulare

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 30 Marzo

Dettagli

COMUNE DI NOVI DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUZIONI DA PARTE DEL COMUNE A SOGGETTI BISOGNOSI.

COMUNE DI NOVI DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUZIONI DA PARTE DEL COMUNE A SOGGETTI BISOGNOSI. COMUNE DI NOVI DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUZIONI DA PARTE DEL COMUNE A SOGGETTI BISOGNOSI. Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 del 09.03.1995, divenuta

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO TUTELE CURATELE RENDICONTO ANNUALE (da presentare entro 90 giorni dalla data della chiusura periodo)

TRIBUNALE DI BOLOGNA AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO TUTELE CURATELE RENDICONTO ANNUALE (da presentare entro 90 giorni dalla data della chiusura periodo) TRIBUNALE DI BOLOGNA AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO TUTELE CURATELE RENDICONTO ANNUALE (da presentare entro 90 giorni dalla data della chiusura periodo) Procedura Numero: Rendiconto anno: (Periodo: dal...

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

Istanza di gratuito patrocinio in virtù dell articolo 119 CPC

Istanza di gratuito patrocinio in virtù dell articolo 119 CPC Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle istituzioni Divisione della Giustizia Istanza di gratuito patrocinio in virtù dell articolo 119 CPC Incarto (se la causa è già pendente) Numero Autorità di

Dettagli

Comune di Vernate Regolamento comunale per l erogazione di contributi economici alle famiglie. Comune di Vernate

Comune di Vernate Regolamento comunale per l erogazione di contributi economici alle famiglie. Comune di Vernate Comune di Vernate REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE FAMIGLIE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 28/11/2013 1 PREMESSA Con questo Regolamento si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA:

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: Unità Spinale Unità Gravi Cerebrolesioni A.ULSS n.6 Vicenza AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: GUIDA AI DIRITTI ALL ASSISTENZA E AI SERVIZI TERRITORIALI L obiettivo di questa guida è aiutare le

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

Comune capofila: Oristano Piazza Eleonora d Arborea tel. 0783 7911. Prot. n. 121/PLUS Oristano, 20/03/2014

Comune capofila: Oristano Piazza Eleonora d Arborea tel. 0783 7911. Prot. n. 121/PLUS Oristano, 20/03/2014 PLUS Ambito Distretto di Oristano Comprendente i Comuni di: Allai-Baratili S.Pietro-Bauladu-Cabras-Milis-Narbolia-Nurachi-Ollastra-Oristano- Palmas Arborea-Riola Sardo-Samugheo-S.Vero MIlis-Santa Giusta-Siamaggiore-

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI.

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 28 aprile 1997

Dettagli

Strutture di riferimento per persone anziane

Strutture di riferimento per persone anziane Strutture di riferimento per persone anziane Dipartimento della socialità I vecchiaia e assistenza Spitex città di Winterthur Spitex Winterthur è un servizio della città di Winterthur. Si occupa dell assistenza

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 17.02.2014 Regolamento di accesso alle prestazioni economiche erogate

Dettagli

Prestazioni complementari cantonali (PC) alle rendite AVS e AI. 1. Diritto alle prestazioni

Prestazioni complementari cantonali (PC) alle rendite AVS e AI. 1. Diritto alle prestazioni Prestazioni complementari cantonali (PC) alle rendite AVS e AI 1. Diritto alle prestazioni Le prestazioni complementari sono delle prestazioni subordinate alla situazione economica del richiedente o dei

Dettagli

CAPO 1 PRINCIPI GENERALI

CAPO 1 PRINCIPI GENERALI CITTÀ DI RAGUSA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Approvato con deliberazione consiliare n. 4 del 15 febbraio 2007) CAPO 1 PRINCIPI GENERALI Art. 1

Dettagli

Delibera CdA n. 19 del 04/09/03 delibera Consiglio Comunale n. 45 del 29/09/03

Delibera CdA n. 19 del 04/09/03 delibera Consiglio Comunale n. 45 del 29/09/03 Delibera CdA n. 19 del 04/09/03 delibera Consiglio Comunale n. 45 del 29/09/03 REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI ASSISTENZA ECONOMICA E SOCIALE - NUOVO TESTO MODIFICATO TITOLO I - FINALITA art. 1 Il

Dettagli

Casa di riposo San Genesio Atesino Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige. A l t e r s h e i m J e n e s i e n Autonome Provinz Bozen - Südtirol

Casa di riposo San Genesio Atesino Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige. A l t e r s h e i m J e n e s i e n Autonome Provinz Bozen - Südtirol A l t e r s h e i m J e n e s i e n Autonome Provinz Bozen - Südtirol Casa di riposo San Genesio Atesino Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige Steuern./Cod. Fisc. 80009000219 Tel. 0471/354124 - Fax

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Finanziamento anno 2011 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Assicurazioni sociali. Informazioni utili sulla sicurezza sociale/

Assicurazioni sociali. Informazioni utili sulla sicurezza sociale/ ssicurazioni sociali Informazioni utili sulla sicurezza sociale/ Sistema previdenziale in Svizzera Stato gennaio 2015 Cerchia delle persone assicurate Prestazioni Basi per il calcolo dell importo delle

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI E SOGGETTI PRIVATI Approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza)

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 84 del 28/11/2013)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONI DI PAGAMENTO APPLICABILI AI DEBITI PER IMPOSTE, TRIBUTI COMUNALI ED ALTRE ENTRATE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONI DI PAGAMENTO APPLICABILI AI DEBITI PER IMPOSTE, TRIBUTI COMUNALI ED ALTRE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONI DI PAGAMENTO APPLICABILI AI DEBITI PER IMPOSTE, TRIBUTI COMUNALI ED ALTRE ENTRATE COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO SOMMARIO ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART.

Dettagli

Assicurazione facoltativa d indennità giornaliera Secondo la Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal)

Assicurazione facoltativa d indennità giornaliera Secondo la Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) Assicurazione facoltativa d indennità giornaliera Secondo la Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) Condizioni generali d assicurazione (CGA) Edizione gennaio 2009 (versione 2013) Ente assicurativo:

Dettagli

Promozione della proprietà d abitazioni

Promozione della proprietà d abitazioni Promozione della proprietà d abitazioni Chi vuole realizzare il sogno di una casa propria, può utilizzare per il relativo finanziamento anche i fondi risparmiati con la previdenza professionale. Di seguito

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO SULLA COMPARTECIPAZIONE DA PARTE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI D ASSISTENZA DOMICILIARE, PASTI A DOMICILIO E RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI approvato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI CAP. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune interviene con

Dettagli

Promemoria sulla promozione della proprietà di abitazioni mediante i fondi della previdenza professionale

Promemoria sulla promozione della proprietà di abitazioni mediante i fondi della previdenza professionale Promemoria sulla promozione della proprietà di abitazioni mediante i fondi della previdenza professionale La legge federale sulla promozione della proprietà di abitazioni (LPPA) consente agli assicurati

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 70 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI NEL CAMPO DEI SERVIZI SOCIALI Premessa

Dettagli

MUNICIPIO DI MOLFETTA 5 SETTORE SOCIO EDUCATIVO

MUNICIPIO DI MOLFETTA 5 SETTORE SOCIO EDUCATIVO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina le modalità ed i criteri per l erogazione di prestazioni

Dettagli

21.4.2015 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I BENEFICIARI DI UNA RENDITA PEAN

21.4.2015 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I BENEFICIARI DI UNA RENDITA PEAN 21.4.2015 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I BENEFICIARI DI UNA RENDITA PEAN Inhalt Decisione sulle prestazioni 1 Domanda definitiva 1 Verifica della decisione sulle prestazioni 2 Contributo di risparmio LPP

Dettagli

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale 1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale La previdenza statale, nell ambito dell AVS/ AI, garantisce il minimo di sussistenza a tutta la popolazione. 1. Contesto In Svizzera la previdenza

Dettagli

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Fondazione SEF Konsumstrasse 22A 3000 Berna 14 www.eev.ch Promozione della proprietà dell abitazione mediante i fondi della previdenza professionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA ECONOMICA E DI ACCESSO AI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA ECONOMICA E DI ACCESSO AI SERVIZI Art. 1 - Contenuto REGOLAMENTO DI ASSISTENZA ECONOMICA E DI ACCESSO AI SERVIZI Il presente regolamento disciplina l erogazione delle prestazioni di assistenza economica e di accesso ai Servizi dei Comuni

Dettagli

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia Confronto degli oneri contributivi e fiscali e delle prestazioni sociali in Austria ed Italia di K. Schönach, G. Innerhofer, G. Auer SINTESI (a cura di Klaus Schönach e Andrea Zeppa) Bolzano / Innsbruck,

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del 05.11.2010 Modificato con atto deliberativo

Dettagli

6.01 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità di perdita di guadagno

6.01 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità di perdita di guadagno 6.01 Prestazioni dell'ipg ( e maternità) perdita di guadagno Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le persone che prestano nell esercito svizzero, nel di protezione civile, nel civile, nel della Croce Rossa

Dettagli

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità I presenti criteri disciplinano l accesso, la gestione e l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale

Dettagli

Entusiasmo? «Vivere sicuri in Svizzera.» Soluzioni assicurative e previdenziali Helvetia. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco.

Entusiasmo? «Vivere sicuri in Svizzera.» Soluzioni assicurative e previdenziali Helvetia. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. Entusiasmo? «Vivere sicuri in Svizzera.» Soluzioni assicurative e previdenziali Helvetia. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. La Sua Assicurazione svizzera. 1/7 Immigrante Cartella

Dettagli

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 Sistema di qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n. 9159.SOVZ SCS 7.5.50 Rev 05 del 19/12/2012 INTERVENTI ECONOMICI

Dettagli

Pronti per il futuro. In ogni fase della vita. La previdenza ideale. Per voi che vivete in famiglia, in coppia o da single.

Pronti per il futuro. In ogni fase della vita. La previdenza ideale. Per voi che vivete in famiglia, in coppia o da single. Pronti per il futuro. In ogni fase della vita. La previdenza ideale. Per voi che vivete in famiglia, in coppia o da single. La vostra famiglia ha un futuro. La nostra società è cambiata, e con essa anche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA. Art. 1 AVENTI DIRITTO

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA. Art. 1 AVENTI DIRITTO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA Art. 1 AVENTI DIRITTO Hanno diritto all assistenza economica i cittadini residenti nel Comune da oltre un anno ( D.P. 28.05. 87 Regolamento tipo L.R.

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DI CAGLIARI Allegato A REGOLAMENTO RECANTE MODALITA D INSERIMENTO IN STRUTTURA DI ADULTI, ANZIANI E DISABILI INDICE Art. 1 Oggetto Art 2 Destinatari Art. 3 Requisiti Art. 4 Valutazione del bisogno

Dettagli

Assistenza comunitaria (Community Care)

Assistenza comunitaria (Community Care) Options in Aged Care Italian Scelte nell Assistenza agli anziani Esistono molti tipi di servizi d assistenza agli anziani, ma scoprire quali scelte siano messe a disposizione vostra o di un membro della

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 83 del 30.09.1997 1/6 SOMMARIO : ARTICOLO 1 - FINALITA DEL

Dettagli

com Plan Informazione Promozione della proprietà d abitazione 1.1 Limiti temporali / periodi di blocco

com Plan Informazione Promozione della proprietà d abitazione 1.1 Limiti temporali / periodi di blocco Informazione Promozione della proprietà d abitazione com Plan La Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPP) vi consente di utilizzare il vostro denaro

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

q casa/appartamento in affitto q alloggio ATER

q casa/appartamento in affitto q alloggio ATER Al Signor Sindaco del Comune di 31058 Susegana (TV) RICHIESTA ASSISTENZA ECONOMICA Cognome e nome coniugata nato/a a Data nascita Codice Fiscale CAP residente a Via/Piazza N cittadinanza stato civile professione

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

Premessa del Sindaco

Premessa del Sindaco Premessa del Sindaco Cari concittadini, La mansione principale dell amministrazione locale concerne l espletamento delle attività volte al servizio dei cittadini. Partendo da questa prerogativa la municipalità

Dettagli

Tabella per il calcolo del minimo di esistenza agli effetti del diritto esecutivo

Tabella per il calcolo del minimo di esistenza agli effetti del diritto esecutivo Tabella per il calcolo del minimo di esistenza agli effetti del diritto esecutivo (art. 93 LEF), estratto dal Foglio ufficiale 68/2009 La Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello, quale

Dettagli

Convenzione sulle conseguenze del divorzio 1

Convenzione sulle conseguenze del divorzio 1 Convenzione sulle conseguenze del divorzio 1 tra (Nome, cognome, data di nascita, via, NAP, luogo) rappresentata/o da (Nome, cognome, via, NAP, luogo) e (Nome, cognome, data di nascita, via, NAP, luogo)

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Settore Servizi scolastici e Socio assistenziali

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Settore Servizi scolastici e Socio assistenziali PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Settore Servizi scolastici e Socio assistenziali OGGETTO : APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI ECONOMICI DA

Dettagli

Helsana non vi abbandona.

Helsana non vi abbandona. Helsana non vi abbandona. Affidabile competente impegnata. Copertura assicurativa su misura grazie a soluzioni modulari. Assicuriamo le aziende e i loro collaboratori contro le conseguenze di malattia

Dettagli

Previdenza per la vecchiaia. Dossier per altre scuole

Previdenza per la vecchiaia. Dossier per altre scuole Previdenza per la vecchiaia Dossier per altre scuole Indice Fondamenti... 3 Obiettivi didattici... 3 Introduzione... 3 Dal salario lordo al netto... 4 Il modello a tre pilastri della previdenza per la

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DEL NUCLEO FAMILIARE RICHIEDENTE GLI INTERVENTI ASSISTENZIALI

DICHIARAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DEL NUCLEO FAMILIARE RICHIEDENTE GLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DICHIARAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DEL NUCLEO FAMILIARE RICHIEDENTE GLI INTERVENTI ASSISTENZIALI SI DEVONO COMPILARE CON PRECISIONE TUTTE LE PAGINE IN TUTTE LE PARTI - METTERE NO NELLE PARTI CHE

Dettagli

SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi

SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi Numero... Cognome...Nome... SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi Fo -AFFITTO ONEROSO- MODULO PER RICHIESTA CONTRIBUTO Cognome Nome Numero - SPORTELLO COMUNALE AFFITTO - (Art. 11, Comma 3 della

Dettagli

La vostra consulenza personale. Il futuro comincia qui.

La vostra consulenza personale. Il futuro comincia qui. La vostra consulenza personale Il futuro comincia qui. Qualunque sia la fase della vita in cui vi trovate, noi vi diamo sicurezza finanziaria. La vostra consulenza personale 3 La vostra consulenza personale

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) 1 COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI INDIGENZA Approvato

Dettagli

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 Sistema di qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n. 9159.SOVZ SCS 7.5.46 Rev 05 del 19/12/2012 ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 Lavoro domestico Quali attività sono considerate lavori domestici? 1 Si intendono, ad esempio, le attività delle seguenti persone: addetta/addetto alle pulizie, bambinaia

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

2.06 Contributi. Lavoro domestico. Stato al 1 gennaio 2015

2.06 Contributi. Lavoro domestico. Stato al 1 gennaio 2015 2.06 Contributi Lavoro domestico Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Chi occupa lavoratori domestici è tenuto a versare contributi alle assicurazioni sociali, anche se il salario in denaro o in natura è

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI COMUNE DI PONTI SUL MINCIO PROVINCIA DI MANTOVA Ufficio Segreteria REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART.

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

Centro per l'assistenza Sociale. Richiedente/beneficiario: nome e cognome I. DATI DEL BENEFICIARIO: Cittadinanza: Residenza:

Centro per l'assistenza Sociale. Richiedente/beneficiario: nome e cognome I. DATI DEL BENEFICIARIO: Cittadinanza: Residenza: MINISTERO DEL LAVORO, FAMIGLIA ED AFFARI SOCIALI Scrivere in stampatello. Leggere le istruzioni prima di procedere alla compilazione. Centro per l'assistenza Sociale Ricevuto il: RISERVATO AL CENTRO PER

Dettagli

Lavoro e gravidanza. I Suoi diritti sul posto di lavoro. Per ulteriori informazioni: Infoline: 0900 55 55 61 Fr. 3. /min.

Lavoro e gravidanza. I Suoi diritti sul posto di lavoro. Per ulteriori informazioni: Infoline: 0900 55 55 61 Fr. 3. /min. L offerta di Questo opuscolo nelle seguenti lingue: albanese bosniaco croato francese inglese italiano portoghese serbo spagnolo tamil tedesco turco Fr. 3. al pezzo; sconti per grandi quantitativi La Infoline

Dettagli

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità 14 e 15 aprile 2014 La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità Avv. Gaetano De Luca Servizio Legale Ledha Di cosa vi parlerò Alcune premesse campo di applicazione

Dettagli

La salute ha tante sfaccettature

La salute ha tante sfaccettature La salute ha tante sfaccettature La nostra offerta assicurativa: protezione ottimale per ogni azienda. Helsana Business Salary Oggetto Indennità giornaliera di malattia secondo la LCA Malattia Parto (solo

Dettagli

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PREMESSA Il Comune di CARVICO istituisce il SAD Servizio di Assistenza Domiciliare a favore di anziani

Dettagli

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI PRESENTAZIONE La Carta dei Servizi Sociali del Comune di Ospedaletto Lodigiano nasce come strumento di cittadinanza attiva,

Dettagli

Documenti necessari per la corretta compilazione della Dichiarazione dei Redditi Modelli 730/2011e Unico/2011

Documenti necessari per la corretta compilazione della Dichiarazione dei Redditi Modelli 730/2011e Unico/2011 Documenti necessari per la corretta compilazione della Dichiarazione dei Redditi Modelli 730/2011e Unico/2011 PER LA GENERALITÀ DEI LAVORATORI DIPENDENTI E/O PENSIONATI Eventuale tessera d iscrizione al

Dettagli

SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO

SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO 9 SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO Assegno di maternità 9 È un contributo economico per affrontare le spese legate alla nascita ed ai primi mesi di vita del neonato. Può essere richiesto per nascite, adozioni

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari

COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari ************************** REGOLAMENTO ASSISTENZA ECONOMICA Approvato con atto C.C. N 13 del 08.05.2008. 1 Capo I OGGETTO Il presente regolamento disciplina le

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

Come compilare la dichiarazione del reddito e della sostanza

Come compilare la dichiarazione del reddito e della sostanza Dipartimento federale delle finanze DFF Centrale di compensazione CdC Cassa svizzera di compensazione CSC Assicurazione facoltativa Contributi Come compilare la dichiarazione del reddito e della sostanza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 25 del 9 giugno 2003, modificato con deliberazione del

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli