Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piramide società. Rapporto attivi/non attivi"

Transcript

1 C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti.

2 I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi

3 L invecchiamento della popolazione e il calo dei tassi di fecondità hanno alterato il rapporto tra le varie classi di età! 1. La speranza di vita ha incrementi che vanno dagli 81,4 anni del 2007 agli 87 anni del 2050 (+ 5 / 6 anni ) nel medio periodo, mentre nel lungo periodo si prevede un incremento fra i 3.3 anni o i 7,8 anni. 2. Nel 2010 la speranza di vita degli uomini alla nascita è stata di 79,1 anni, per le donne di 84,3 anni. Ultima rilevazione Anno Vita media: Uomini 77,4 81,0 83,6 Donne 83,3 86,6 88,8 Fecondità: Numero medio figli per donna 1,34 1,48 1,60

4 Quale sistema previdenziale e assistenziale sostenibile in un Paese che vedrà più che raddoppiare il rapporto tra anziani e attivi : dal 29% al 63% da oggi al 2050? Nel lungo periodo, le mutate condizioni demografiche potranno dare luogo ad una popolazione che nel 2050 sarà composta per il 33,6% di over 65enni e soltanto per il 12,7% da giovani fino a 14 anni di età. (Dati stimati suscettibili di variazioni) Nel 2050 il tasso di fecondità si attesterà gradualmente a 1,6 figli per donna. Tra il 2030 ed il 2050, la popolazione in età attiva si ridurrà fino a 30 milioni di individui, poco meno del 54% totale. (Dato stimato) L indice di vecchiaia, (il rapporto numerico tra anziani e giovani) cresce costantemente, passando da 138 anziani per 100 giovani nel 2005, a 222 nel 2030 e ad un numero di 264 nel In Italia, c è chi prevede un anziano ogni tre persone nel 2050, ciò deve portare a predisporre da subito riforme e strutture di welfare, adatte ad assorbire, positivamente ma con equità, l'impatto della nuova situazione.

5 La dinamica della spesa sociale in Europa. Spesa sociale in Europa* Germania Francia Italia Gran Bretagna Media UE Pensioni di vecchiaia e superstiti 12,1 12,7 15,4 10,8 11,9 Sanità 8,0 7,7 5,4 5,1 6,5 Pensioni invalidità, infortuni, 3,5 2,2 2,2 3,1 2,4 Aiuti alla disoccupazione 2,0 2,0 0,5 1,6 1,9 Formazione e orientamento 0,8 0,4 0,0 0,3 0,3 Politiche della casa 0,2 0,9 0,0 1,8 0,5 Famiglia 2,2 2,4 0,8 2,6 1,8 Maternità 0,2 0,4 0,1 0,3 0,3 Altro 0,0 0,4 0,0 0,4 1,1 Spesa d'amministrazione 1,3 1,7 1,3 1,1 1,3 Totale 30,3 30,9 25,8 27,3 28,5 *Valori in % del PIL (dati 2007)

6 Età pensione Germania Francia U.K. Spagna Italia Anni m M D. 62 Spesa sociale per le pensioni in Europa* Spesa pensioni /Pil Età Germania Francia Italia U.K. Media UE ,4 13,3 14,0 6,6 11, ,5 13, ,9 12, ,5 14, ,6 12, ,1 14, ,0 12, ,3 14, , *Valori in % del PIL (Dati 2009 U.E.)

7 Pensioni: riforme per tutti Le riforme del sistema pensionistico marciano spedite a partire dal 1992, di pari passo con il rapporto percentuale del debito/pil [nel 1990 era a quota 94,7 e nel 2010 a quota 119 ]. Introduzione dell euro il 1 gennaio 2002 Si cimentano tutti: da Amato, a Dini a Prodi, a Maroni, poi ancora Prodi, per arrivare fino a Monti.

8 La riforma Amato (D.L. 30/12/1992 n.503) introduce le prime novità: 1. Si alza la soglia di età della pensione di vecchiaia da 55 a 60 anni per le donne e da 60 a 65 per gli uomini (occorreranno 20 anni di contribuzione anziché 15 anni) 2. Si stabiliscono nuove regole per il calcolo dell assegno pensionistico utilizzando la media delle retribuzioni in un dato periodo ( (es. la media delle retribuzione degli ultimi 10 anni lavorativi e non più dei 5 anni prima esistenti); nascono le pensioni complementari* 3. Le pensioni vengono sganciate dai salari ed agganciate, anziché alla scala mobile, alle variazioni dell indice Istat nei prezzi al consumo, tenendo conto degli indicatori economici del paese rispetto al PIL perequazione automatica * è con il Decreto Lgs.vo 124 /1993 che nascono le pensioni complementari.

9 Nel 1994 naufraga un tentativo di rimettere mano al sistema delle pensioni, cade il Governo Berlusconi Sul tema PENSIONI ogni Governo applica la sua ricetta. Ma nel conteggio delle risorse spese per le pensioni si bara perché nella spesa totale dell INPS sono inserite tutte le sue voci di gestione e non solamente quella utilizzata per pagare le pensioni, che altrimenti chiuderebbero con un bilancio attivo. e gli succede il Governo Dini che attua la nuova riforma delle pensioni con la Legge 335/1995.

10 Gli attacchi al sistema previdenziale. Legge 8 agosto 1995, n.335), la riforma Dini. Fra le principali novità: 1. I nuovi sistemi di calcolo ( retributivo retributivo e contributivo ) 2. Il Il sistema delle quote per la pensione di anzianità 3. I fondi di previdenza integrativa 4. I coefficienti di trasformazione

11 IL SISTEMA RETRIBUTIVO La riforma del sistema pensionistico attuata con la Legge 335 del 1995 (c.d Legge Dini ), attua il passaggio graduale dal metodo Retributivo (calcolo della pensione sulla base delle ultime retribuzioni percepite) al metodo Contributivo (calcolo sui contributi versati durante l intera attività lavorativa prestata), Ciò ha comportato una consistente diminuzione dell'entità della pensione erogata dal sistema pubblico.

12 IL SISTEMA CONTRIBUTIVO Si applica ai lavoratori privi di anzianità contributiva al 1 gennaio Con tale sistema si calcola la pensione sulla base di tutti i contributi versati durante l intera vita lavorativa/assicurativa, rivalutati sulla base dell andamento del prodotto interno lordo (Pil).

13 IL SISTEMA MISTO Si applica ai lavoratori con meno di 18 anni di contribuzione assicurativa previdenziale al 31 dicembre La pensione viene calcolata applicando il sistema retributivo(per tutte le anzianità maturate fino al 31 dicembre 1995) ) ed in parte applicando il sistema contributivo (per le anzianità maturate dal 1 gennaio 1996). Se, però, si possiede un anzianità contributiva pari o superiore a 15 anni (di cui almeno 5 successivi al 1995) è possibile esercitare l opzione del passaggio alla contabilizzazione piena della pensione calcolata esclusivamente con il sistema contributivo.

14 Retributivo e contributivo a confronto: Il Rubicone : 1 gennaio La riforma Dini" comporta l apertura piena alla previdenza integrativa o complementare (2 Pilastro) di cui detta le regole, che si affianca a quella Pubblica (1 Pilastro). 2. Dai Fondi Pensione chiusi, a quelli aperti ai P.I.P. (Piani Individuali Pensionistici). Inoltre si gettano le basi per l individuazione dei lavori usuranti.

15 Calcolo pensione contributiva Il calcolo della pensione contributiva somma i contributi annui, cioè il 33% circa della retribuzione, rivalutati in base a coefficienti comunicati annualmente dall Istat e relativi al tasso di crescita dell economia. Al risultato, detto Montante Individuale, si applicano i seguenti coefficienti di trasformazione correlati all età: Età Coefficiente fino al ,720 % 58 4,860 % 59 5,006 % 60 5,163 % 61 5,334 % 62 5,514 % 63 5,706 % 64 5,911 % 65 6,136 % Coefficiente dal ,419 % 4,538 % 4,664 % 4,798. % 4,940 % 5,093 % 5,257 % 5,432% 5,620% È previsto l adeguamento dei coefficienti ogni tre anni e dal 2019 ogni due anni. Il prodotto del montante per il coefficiente costituisce la pensione annua lorda. L opzione per il calcolo contributivo è consentita a quanti al 31/12/95 avevano meno di 18 anni di contributi, a condizione che abbiano almeno 15 anni di contribuzione, di cui 5 dall 1/1/96. Per quanti possono esercitare l opzione è previsto che gli enti previdenziali predispongano a richiesta due schemi di calcolo per consentire all interessato una scelta consapevole.

16 La legge Maroni Berlusconi (Legge n 243 del 2004) Si alza gradualmente l età pensionabile e si attuano misure di sostegno della previdenza complementare, mettendo mano al riordino degli enti previdenziali.

17 Le varie forme pensionistiche: Pensione di vecchiaia Pensione anticipata (ex anzianità) Pensione d invalidità Pensione d inabilità Pensione ai superstiti

18 Come dicevamo nel 2007: Basterà? - C è bisogno di un patto generazionale - Bisogna dare speranza ai giovani - Bisogna evitare la guerra delle farine LA SCELTA - Incidere sugli indici di conversione - Allungare l uscita dal mondo del lavoro

19 Requisiti, come erano nel Accordo Governo Parti sociali del 20 luglio 2007 Anno Età e contribuzione Contribuzione e qualsiasi età anni anni e quota anni e quota anni e quota Requisiti minimi previsti per i lavoratori dipendenti con almeno 35 anni di contribuzione.

20 LA PENSIONE PRIMA DI MONTI. LE REGOLE IN VIGORE FINO AL 2011 I requisiti di pensionamento nel settore Privato erano: Pensione di vecchiaia con 40 anni di contribuzione, oppure (uomini) 65 anni di età anagrafica e donne 61 anni Pensione di anzianità quota 96 con almeno 60 anni di età (somma dell età anagrafica e del servizio prestato). Decorrenza della pensione dopo 12 mesi dal raggiungimento dei requisiti. Mantenimento della soglia dei 60 anni per le Donne che abbiano maturato tale età entro il i sistemi di calcolo della pensione previgenti. Lavoratori con almeno 18 anni di contribuzione al si applicava il sistema retributivo. Lavoratori con meno di 18 anni di contribuzione al si applicava il sistema retributivo fino a tale data e successivamente quello contributivo (ex sistema misto). Lavoratori che avevano iniziato l attività lavorativa dopo il si applicava il sistema contributivo.

21 Dalle pensioni di anzianita alla pensione anticipata del Governo Monti. Come erano e come saranno, dal 2012 in poi Districarsi nel complesso di novità della riforma è complicato.

22 La Pensione con la controriforma Monti-Fornero. Se hai 52 anni, sei uno sfigato! 1. abolite le pensioni di anzianità 2. innalzata gradualmente l età di pensione 3. applicata la speranza di vita che allunga i periodi di attesa 4. Le donne, come gli uomini 5. Si va verso il lavoro fino ai.70 anni, ma per lavorare tanto e ricevere poco, solo pensioni con il calcolo contributivo.

23 LA RIFORMA Monti-Fornero. La pensione anticipata Chi ha maturato il diritto alla pensione con il sistema vigente entro il , anche se in attesa della prossima finestra di uscita, manterrà i diritti acquisiti e la decorrenza prevista, ma i periodi eventualmente lavorati dal 2012, ai fini della pensione, saranno conteggiati con il sistema contributivo pro-rata. Nel 2011 per le pensioni di anzianità vigeva Quota 96, cioè la somma dell età anagrafica (minimo 60 anni + l anzianità di servizio). A decorrere dall la pensione anticipata sostituirà le pensioni di anzianità prescindendo dall età anagrafica, ma si dovranno raggiungere le nuove soglie di servizio minimo prestato, indispensabili per ricevere la pensione. Su tutte le nuove mensilità dall si applicherà il sistema del calcolo contributivo Le nuove soglie saranno incrementate dalla speranza di vita secondo la sua progressiva evoluzione (segue tabella) Chi è entrato al lavoro versando contributi dall potrà andare in pensione a 63 anni, con il requisito minimo dell anzianità contributiva di 20 anni

24 Disincentivi e salvaguardie per CHI vorrà la pensione anticipata. Chi andrà in pensione con meno di 62 anni di età con il sistema misto avrà una riduzione della pensione pari all 1% sulla parte contributiva maturata prima dell , per ciascun anno di anticipo dalla soglia per i due anni precedenti, mentre la penalizzazione crescerà oltre tali soglie a causa della penalizzazione del 2% per ogni anno di anticipo oltre i primi due) Le donne dipendenti del settore privato con anzianità contributiva minima di 35 anni e l età minima di 57 anni, mantengono l opzione del calcolo integralmente contributivo della pensione, rinunciando a quello retributivo, fino al 2015 (qualora possedessero meno di 18 anni di contributi alla data del ); pertanto entro la fine dell anno 2015 esse potranno optare per il calcolo integralmente contributivo della loro pensione I lavoratori (uomini e donne) del settore privato che maturano la vecchia quota 96 (minimo 60 anni di età e 35 anni di contribuzione) entro il 2012 potranno ottenere la pensione al raggiungimento dei 64 anni di età anagrafica A tutte le pensioni future, ad iniziare dal 2013 e successivamente ogni 3 anni saranno applicati gli adeguamenti alla speranza di vita, (incremento della soglia minima da 1 a 3 mesi per ciascuna sessione).

25 La pensione di vecchiaia dal 2012 al 2021 * Anno Età Donne (anni) Età Uomini (anni) e 3 mesi 66 e 3 mesi e 9 mesi 66 e 3 mesi e 9 mesi 66 e 3 mesi e 7 mesi 66 e 7 mesi e 7 mesi 66 e 7 mesi e 7 mesi 66 e 7 mesi e 11 mesi 66 e 11 mesi e 11 mesi 66 e 11 mesi e 2 mesi 67 e 2 mesi * Vale per tutti i lavoratori dipendenti con requisito minimo pari a 20 anni di contribuzione, mentre per gli assunti dall ( sistema contributivo integrale) c è la condizione aggiuntiva per cui l importo minimo dell assegno spettante sia pari a 1,5 volte l assegno sociale, rivalutato in base al Pil. È stata inclusa la speranza di vita, salvo l effettivo accertamento da parte dell Istat.

26 La pensione anticipata dal 2012 al 2021 * LAVORATORI DIPENDENTI (Pubblici, Privati o Autonomi) Anno Anzianità contributiva Uomini Anzianità contributiva Donne anni e 1 mese 41 anni e 1 mese anni e 5 mesi 41 anni e 5 mesi anni e 6 mesi 41 anni e 6 mesi anni e 6 mesi 41 anni e 6 mesi anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi anni e 2 mesi 42 anni e 2 mesi anni e 2 mesi 42 anni e 2 mesi anni e 5 mesi 42 anni e 5 mesi Il dato mensile della speranza di vita potrà essere variato nel corso dei prossimi anni.

27 La pensione anticipata dal 2012 al 2021 * LAVORATORI DIPENDENTI (Pubblici, Privati o Autonomi assunti dall ). Anno anni Età Uomini anni e 3 mesi anni e 3 mesi anni e 3 mesi anni e 7 mesi anni e 7 mesi anni e 7 mesi anni e 11 mesi anni e 11 mesi anni e 2 mesi La possibilità dell anticipo è riservata ai lavoratori assunti a partire dal 1 gennaio 2006 qualora essi possiedano l anzianità di servizio minima di 20 anni e purché l assegno loro spettante sia pari ad almeno 2,8 volte l assegno sociale. Nel 2011 l assegno sociale era pari a 417,30 euro mensili.

Evoluzione della previdenza pubblica

Evoluzione della previdenza pubblica Evoluzione della previdenza pubblica INCA Variabile demografica (invecchiamento popolazione) Variabile economica (calo crescita produttiva) Crescita esponenziale spesa pensionistica INCA Riforma pensioni

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011 Il presente lavoro mette a confronto i requisiti di accesso alla pensione di Vecchiaia e alla pensione di Anzianità/Anticipata con le

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

Vademecum sulle pensioni

Vademecum sulle pensioni Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185 Roma tel.: 0670452452; fax: 0677206060. e-mail: mail@cobas-scuola.org

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Premessa La previdenza obbligatoria 2 Nel tempo numerosi sono stati i traguardi raggiunti nella direzione del miglioramento

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza X Congresso Nazionale Attuari L Attuario: una professione in evoluzione al servizio della società Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza 5-7 giugno 2013 Roma -

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo; il Dott.ssa Paola Celli ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo;

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio LA PREVIDENZA PUBBLICA Docente: Andrea Milesio Il contesto Il contesto Il contesto Per quanto tempo ancora sarà sostenibile questa situazione? La Previdenza Pubblica ante riforma Fornero 6 Il sistema

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima Sistema retributivo = anzianità pari o superiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema misto = anzianità inferiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema contributivo = chi inizia per la prima volta a lavorare dal

Dettagli

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335 RIFORMA DINI Legge 08 agosto 1995 n. 335 La legge 335/95 ha previsto tre distinti sistemi per la determinazione delle pensioni: Sistema contributivo per neoassunti dall 1 gennaio 1996 e per coloro che

Dettagli

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 Ordine Nazionale Attuari Seminario LA PREVIDENZA PUBBLICA NEI 150 ANNI DELL UNITA D ITALIA Cinzia Ferrara* Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 (*) La relazione è svolta a titolo personale 150 D ITALIA

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA A cura dello SPI CGIL di INDICE 1. CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 2. CONTRIBUZIONE 3. PEREQUAZIONE CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 Introduzione del pro-rata

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO 1 Il nuovo sistema pensionistico Pensplan Come cambia la previdenza LA RIFORMA IN SINTESI DUE TIPI DI TRATTAMENTO: PENSIONE DI VECCHIAIA E PENSIONE ANTICIPATA ESTENSIONE

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema 10 cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema /1 2 previbooks/1 3 Previboooks Previbooks è una collana di ebook creata dall Associazione Previnforma per aggiungere

Dettagli

TABELLE DEI REQUISITI (dipendenti pubblici e privati) e TABELLE DI IMMEDIATA LETTURA (dipendenti pubblici)

TABELLE DEI REQUISITI (dipendenti pubblici e privati) e TABELLE DI IMMEDIATA LETTURA (dipendenti pubblici) TABELLE DEI REQUISITI (dipendenti pubblici e privati) e TABELLE DI IMMEDIATA LETTURA (dipendenti pubblici) Febbraio 2012 Pensioni, si cambia!!!!!! Dal 1991, anno di blocco delle pensioni, poco prima della

Dettagli

La Previdenza: conoscerla è un diritto di tutti

La Previdenza: conoscerla è un diritto di tutti Nascita della previdenza La Previdenza: conoscerla è un diritto di tutti Dott. Cristiano Fiumara Milano, 15 aprile 2013 Definizione: la previdenza sociale La previdenza sociale consiste in quel complesso

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico LA MANOVRA SALVA ITALIA Legge 214 del 22 dicembre 2011 (G.U. n. 300 del 27-12-2011 supplemento ordinario n. 276) Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico Gennaio 2012 A cura di Vanna Giantin

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

Il sistema pensionistico

Il sistema pensionistico Il sistema pensionistico Integrazione al libro di testo Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi:

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

13 lezione il sistema della previdenza

13 lezione il sistema della previdenza 13 lezione il sistema della previdenza Legislazione sociale del lavoro Legislazione sociale preventiva PREVIDENZA assistenza Statuto dei lavoratori Privacy Sicurezza 1 La previdenza sociale è una branca

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

INDICE. PAG. 4 Presentazione. PAG. 9 Riforma Pensioni 2011. PAG. 14 Tabelle sulle pensioni. PAG. 18 Riferimenti online.

INDICE. PAG. 4 Presentazione. PAG. 9 Riforma Pensioni 2011. PAG. 14 Tabelle sulle pensioni. PAG. 18 Riferimenti online. PAG. 4 Presentazione INDICE Sottotitolo PAG. 9 Riforma Pensioni 2011 PAG. 14 Tabelle sulle pensioni PAG. 18 Riferimenti online PAG. 5 RIFORMA PENSIONI 2011 Presentazione della Segreteria Nazionale La recente

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA )

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) L attuale Governo Monti ha iniziato il suo operato indicando tre parole d ordine: rigore, crescita ed equità. Ad oggi però è stato applicato ampiamente

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI

RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI Agosto 2004 C on la riforma delle pensioni elaborata dal ministro del Welfare Maroni e più volte rivista e corretta,

Dettagli

Il sistema pensionistico

Il sistema pensionistico Università Bocconi a.a. 2008-09 6061 Scienza delle Finanze - CLEAM Il sistema pensionistico Alberto Zanardi 1 Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 CONTENUTO DELLA LEZIONE Riforma Dini: cenni ad aspetti di lungo periodo e alla disciplina

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058)

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058) Fino al 3//007 Riforma delle pensioni (3/5/004 - A.S. 058) Rimangono fermi i requisiti contributivi e di età per la pensione d anzianità L attuale norma prevede 35 anni di contributi e 57 di età oppure

Dettagli

Appendice 1 Aspetti normativo istituzionali

Appendice 1 Aspetti normativo istituzionali Appendice 1 Aspetti normativo istituzionali L appendice descrive i principali istituti afferenti alla spesa pensionistica (sezioni A E), alle indennità di accompagnamento (sezione F) e alla normativa fiscale

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Cenni sulle pensioni.

Cenni sulle pensioni. Cenni sulle pensioni. Di seguito una sintesi della normativa in vigore dal 1 gennaio 2012 e dei requisiti dal 1 gennaio 2014. assistenza.previdenza@fisac.it 1 Pensioni dal 1 gennaio 2012 A partire dal

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

BREVE GUIDA ALLE PENSIONI per il personale della scuola. a cura di Rosario Cutrupia

BREVE GUIDA ALLE PENSIONI per il personale della scuola. a cura di Rosario Cutrupia BREVE GUIDA ALLE PENSIONI per il personale della scuola a cura di Rosario Cutrupia 1 Cari colleghi, la riforma Fornero del sistema previdenziale (DL 201/2011, art. 24, convertito nella Legge 214/2011),

Dettagli

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 ANCORA SUGLI GLI AUMENTI PER IL 2015 Si tratta di un aumento davvero irrisorio quello che a gennaio i pensionati ricevono della cosiddetta perequazione automatica l ex scala

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI Si sintetizzano, nelle schede che seguono, gli effetti che, in materia di pensionamento e di trattamento pensionistico, si avranno qualora dovessero essere approvate

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

PENSIONI ORIZZONTI LONTANI

PENSIONI ORIZZONTI LONTANI Giuseppe Franzè GildaGenova 01/02/2012 PENSIONI ORIZZONTI LONTANI Con il seguente schema illustriamo, per tipologie di lavoratori, le nuove regole per calcolare le pensioni: Assicurati con almeno 18 anni

Dettagli

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. PREG.MI COLLEGHI DELLA SCUOLA, Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. Questa segreteria provinciale, ritenendo di fare

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

Studio di un progetto di welfare integrativo

Studio di un progetto di welfare integrativo Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare PREVIDENZA E ASSISTENZA: PROPOSTE PER UN APPROCCIO INTEGRATO Studio di un progetto di welfare integrativo Attuario Attuario Indice Di

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

Ci sono dati significativi del sistema previdenziale pubblico italiano che è bene conoscere e valutare nella loro crudezza. Tanti governi (Berlusconi

Ci sono dati significativi del sistema previdenziale pubblico italiano che è bene conoscere e valutare nella loro crudezza. Tanti governi (Berlusconi Ci sono dati significativi del sistema previdenziale pubblico italiano che è bene conoscere e valutare nella loro crudezza. Tanti governi (Berlusconi e Monti) si sono esercitati nel demolire via via la

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

Dottor Domenico Comegna. Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP

Dottor Domenico Comegna. Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP Dottor Domenico Comegna Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP La previdenza in Italia: fattori di crisi del sistema I fattori che hanno determinato l intervento normativo, attuatosi

Dettagli

VADEMECUM SULLE PENSIONI

VADEMECUM SULLE PENSIONI VADEMECUM SULLE PENSIONI Si è cercato, con questo vademecum, di fornire alcune fondamentali informazioni ai lavoratori in merito alla materia pensionistica. Ovviamente non si sono potute affrontare tecnicamente

Dettagli

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 La riforma del sistema pensionistico: una lunga storia Riforma Amato (1993) Riforma Dini (1995) Sistema

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

Corso di aggiornamento nuova modulistica dinamica INPDAP e pensioni. Liceo Artistico Mattia Preti Reggio Calabria

Corso di aggiornamento nuova modulistica dinamica INPDAP e pensioni. Liceo Artistico Mattia Preti Reggio Calabria Corso di aggiornamento nuova modulistica dinamica INPDAP e pensioni Liceo Artistico Mattia Preti Reggio Calabria 23/06/2010 1 Indice presentazione 0.1 Le Riforme del Sistema Pensionistico 0.2 Sistema di

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

Come si va in pensione nel 2014...?

Come si va in pensione nel 2014...? Gennaio 2014 Come si va in pensione nel 2014...? A cura di G. Marcante Trattamenti di pensione di vecchiaia e di pensione anticipata Per i soggetti che matureranno i requisiti per il diritto a pensione

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli

aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL

aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL LA PREVIDENZA dopo la RIFORMA MONTI in pillole I SISTEMI PENSIONISTICI VIGENTI Il sistema contributivo Soggetti assicurati dall 1.1.96. Il sistema misto Soggetti con

Dettagli

Dal calcolo col sistema retributivo a quello col sistema contributivo passando per il misto del 1995 e il nuovo misto del 2012.

Dal calcolo col sistema retributivo a quello col sistema contributivo passando per il misto del 1995 e il nuovo misto del 2012. Dal calcolo col sistema retributivo a quello col sistema contributivo passando per il misto del 1995 e il nuovo misto del 2012 (a cura di Michele Napoli) agosto 2012 Premessa La legge 214/11 (riforma Fornero)

Dettagli

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 5 Previdenza (1 a parte)

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 5 Previdenza (1 a parte) Corso di Educazione Finanziaria Lezione 5 Previdenza (1 a parte) Indice (1/2) Argomenti trattati in queste lezioni sulla previdenza: 1 a parte (Lezione 5) Introduzione al sistema pensionistico Classificazione

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC GUIDA FISAC PrevidenzaGenerale 2014 CGIL FISAC FISAC CGIL - Dipartimento Comunicazione - www.fisac-cgil.it - Guida alla Previdenza 2014 Guida alla Previdenza Generale 2014 A cura di Giampiero Reccagni

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli