La Comunità Ucraina in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Comunità Ucraina in Italia"

Transcript

1 La Comunità Ucraina in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2012

2 Rapporto Comunità Ucraina in Italia 2 Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali si arricchisce con i Rapporti annuali relativi alle presenze delle principali Comunità straniere presenti in Italia. I Rapporti annuali sulle Comunità sono il frutto della collaborazione tra diversi progetti dell Area Immigrazione di Italia Lavoro S.p.A: il progetto La Mobilità Internazionale del Lavoro, il progetto Programmazione e gestione delle politiche migratorie e il progetto Attività di assistenza alla DG Immigrazione, tutti della Direzione Generale dell'immigrazione e delle Politiche di Integrazione. I dati sono stati messi a disposizione dallo Staff di Statistica Studi e Ricerche sul Mercato del Lavoro SSRMdL di Italia Lavoro S.p.A.

3 3 Premessa Sommario Premessa... 4 Abstract La comunità ucraina in Italia: presenza e caratteristiche Presenza e caratteristiche socio-demografiche Gli ingressi in Italia: visti e quote riservate Modalità e motivi della presenza in Italia Minori, seconde generazioni e accesso all istruzione L accesso alla cittadinanza Presenza irregolare La comunità ucraina nel mercato del lavoro italiano Lo scenario occupazionale di riferimento La condizione occupazionale: i dati di stock Le assunzioni e le cessazioni nel mercato del lavoro dipendente e parasubordinato Le modalità di svolgimento del lavoro Lavoro irregolare e decreto emersione La comunità ucraina nelle politiche del lavoro e nel sistema di welfare Gli ammortizzatori sociali La previdenza L assistenza sociale Pensioni assistenziali Trasferimenti monetari alle famiglie... 38

4 Rapporto Comunità Ucraina in Italia 4 Premessa All inizio del 2011, all interno dell Unione Europea, risiedevano poco meno di 50 milioni di persone nate all estero (quasi il 10% della popolazione complessiva). Sono 5 i Paesi europei che ospitano oltre i ¾ della popolazione straniera residente all interno dell Unione: Spagna, Germania, Regno Unito, Francia e Italia, che, con una percentuale del 7,5%, ha visto una crescita sostenuta nell arco di poco più di un decennio dei suoi concittadini stranieri, distribuiti per lo più nell area del Nord-Ovest (35%) e, a seguire, nel Nord-Est (26%) e nel Centro (25%). Tale incremento è registrabile anche dall osservazione delle dinamiche del mercato del lavoro, che vede l inserimento, distribuito disegualmente in diversi settori di attività per professione, genere e cittadinanza, di più di 2 milioni di lavoratori stranieri (circa il 10% del totale degli occupati), che contribuiscono al 5,5% del Pil e promuovono oltre il 7% del totale delle imprese. Negli ultimi anni si assiste, inoltre, ad una crescente tendenza all insediamento stabile dei cittadini stranieri, manifestata dalla quota elevata di soggiornanti di lungo periodo (52% dei cittadini regolarmente presenti sul territorio italiano), delle ricongiunzioni familiari (circa 100 mila persone all anno) e di quasi 1 milione di minori, dei quali circa 760mila inseriti nel sistema di istruzione. I Report sulle maggiori comunità nazionali presenti sul territorio italiano hanno come obiettivo prioritario quello di osservare e descrivere il complesso panorama migratorio che interessa il nostro Paese e, con esso, le dinamiche ed i percorsi di inserimento dei cittadini migranti in Italia, prendendo in considerazione una serie di dimensioni che attestano la presenza strutturale del fenomeno: incidenza sulla popolazione autoctona (e nel confronto con le altre comunità), trend evolutivi della popolazione, distribuzione geografica della presenza, tipologie del soggiorno, tendenza all insediamento stabile (nascite, minori, soggiorno di lungo periodo, naturalizzazioni e cittadinanze), presenza nel mercato del lavoro (occupati, dipendenti e autonomi, disoccupati), inserimento nel sistema di istruzione e formazione, accesso al sistema di welfare. Nei Report si dà pertanto conto, per ogni singola comunità nazionale descritta, di: 1. le caratteristiche socio-demografiche, in termini di presenza complessiva, per genere e classe di età, per regione di insediamento, tipologie del soggiorno, nascite, matrimoni, minori e processi di cittadinizzazione. Un focus specifico è dedicato, inoltre, alle dinamiche di ingresso in Italia, attraverso l analisi dei decreti flussi e la programmazione delle quote; 2. la condizione occupazionale (compresi elementi di scenario nella serie storica ), con particolare rilievo alla segmentazione di genere e per classi di età, ai settori di attività economica,

5 5 Premessa ai profili professionali e reddituali, alle tipologie contrattuali. Viene approfondito, inoltre, il dato sul lavoro irregolare, anche attraverso l analisi delle domande pervenute per il recente decreto emersione (D. Lgs. 109/2012). Chiude il capitolo l analisi delle assunzioni e cessazioni nel mercato del lavoro dipendente; 3. le politiche del lavoro e gli interventi di welfare, in relazione, in particolare, al sistema previdenziale, assistenziale e alle misure di sostegno e tutela al reddito dei lavoratori (sistema degli ammortizzatori sociali). Si fa presente, infine, che, per agevolare la lettura del documento, i valori decimali presenti nelle tabelle e nei grafici nel corpo del testo sono stati, spesso, arrotondati all unità.

6 Rapporto Comunità Ucraina in Italia 6 Abstract La crescita della presenza ucraina in Italia nel corso degli ultimi 10 anni ha conosciuto una accelerazione significativa: dal 2001 al 2009 il numero dei cittadini ucraini è aumentato di 20 volte. La comunità ucraina, con presenze, è la seconda per consistenza numerica tra quelle degli immigrati non comunitari di origine europea - dopo quella albanese ( ) - e la quarta se riferita al complesso dei cittadini non comunitari. La netta prevalenza della componente femminile (81%) costituisce un elemento distintivo della comunità ucraina in Italia. Il lavoro rappresenta largamente la principale motivazione del soggiorno in Italia, interessando un alto numero di cittadine ucraine, giunte prive di legami familiari nel Paese ed occupate nel settore dei servizi e della cura alla persona. Le principali caratteristiche socio-demografiche della comunità ucraina in Italia sono di seguito evidenziate: Gli Ucraini rappresentano la quarta comunità per numero di presenze tra i cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti nel nostro Paese. I migranti di origine ucraina in Italia al 1 gennaio 2011, risultano pari al 6,2 % del totale dei cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia. Con l 81% di presenza femminile rispetto al 19% di uomini, la comunità ucraina in Italia è fortemente caratterizzata dalla componente di genere: l incidenza delle donne all interno della comunità è significativamente superiore sia rispetto agli altri Paesi dell Europa centro orientale (in tal caso le donne sono il 50% del totale), sia nel confronto con la popolazione regolarmente soggiornante in Italia, che vede prevalere la componente maschile (uomini: 52%; donne: 48%). Considerando ancora la componente di genere: il 27% delle donne straniere in Italia originarie dell Europa centro orientale proviene dall Ucraina. L area di maggiore concentrazione della comunità ucraina è il Nord Italia, dove risiedono due ucraini su quattro, con un incidenza significativamente inferiore (53%) rispetto a quella registrata per il complesso della popolazione immigrata regolarmente soggiornante (66,2%). Significativa la presenza nel Sud Italia, in cui risiede un cittadino ucraino su quattro, dove spicca la Campania (con il 18,5%). Dal punto di vista anagrafico, l età media degli appartenenti alla comunità ucraina moldava è di 42,2 anni e risulta più elevata rispetto a quella riferita alla popolazione straniera non comunitaria complessiva (pari a 31,7 anni). Il lavoro rappresenta la principale motivazione della presenza in Italia: il 76% dei cittadini ucraini regolarmente soggiornanti è titolare di un permesso per lavoro subordinato o autonomo. I permessi di soggiorno per motivi familiari incidono per il 23% del totale. La quota di cittadini ucraini in possesso di un permesso di soggiorno di lungo periodo è contenuta (37%) rispetto al totale dei cittadini non comunitari (46%), ad indicare una dinamica degli insediamenti relativamente recente. Nel corso del 2012, su un totale di concessioni della cittadinanza, i procedimenti a favore di migranti di origine ucraina sono stati 1.033, pari al 2,5% del totale. Per quanto concerne la condizione occupazionale:

7 7 Abstract La comunità ucraina si colloca al 3 posto per numero di occupati tra i cittadini non comunitari. Il 75% della popolazione ucraina (di 15 anni e oltre) risulta occupata, un valore significativamente più elevato rispetto a quello registrato per il complesso dei cittadini non comunitari presenti nel Paese (59%). Il tasso di disoccupazione è pari al 7%, un valore dimezzato rispetto a quello relativo al totale dei non comunitari (12,3%). Il principale settore occupazionale per i lavoratori di origine ucraina è quello dei Servizi alle persone, che assorbe circa il 64% degli occupati: in particolare il 33% è impiegato come personale qualificato nei servizi alle persone ed il 31% come personale addetto ai servizi domestici. Nel 2011 gli occupati nel settore domestico di origine ucraina risultano oltre : si tratta per oltre il 96% di donne. Complessivamente, quasi il 25% dei lavoratori domestici di origine non comunitaria proviene dall Ucraina. Gli altri settori occupazionali impiegano quasi 50mila lavoratori ucraini: circa 33mila di essi sono titolari di un contratto a tempo indeterminato. Nel corso del 2011, sono stati attivati circa 60mila rapporti di lavoro per cittadini di origine ucraina; mentre i rapporti di lavoro cessati sono stati circa 55mila, con un saldo positivo di circa 5mila unità. Oltre il 70% dei lavoratori ucraini in Italia ha un livello di istruzione secondario di secondo grado, una percentuale sensibilmente superiore a quella relativa al complesso dei lavoratori non comunitari (48%). Circa il 75% dei lavoratori ucraini percepisce un reddito mensile non superiore ai euro: per il totale dei cittadini non comunitari tale percentuale scende al 55%. Per quanto riguarda, invece, il sistema di welfare: Nel corso del 2010, il numero di beneficiari di trattamenti di integrazione salariale ordinaria con cittadinanza ucraina è (il 27% del totale dei beneficiari di origine non comunitaria), mentre i percettori della straordinaria sono (il 22% del totale dei beneficiari di origine non comunitaria). I beneficiari dell indennità di mobilità con cittadinanza ucraina nel 2011 sono 1.750, con una netta prevalenza di uomini (1.285 unità). L incidenza sul totale dei beneficiari non comunitari è del 14,5%. Per l anno 2011, il numero dei beneficiari di disoccupazione ordinaria non agricola con cittadinanza ucraina è pari a unità, il 14% dei beneficiari provenienti dai Paesi non comunitari. Per l anno 2010, i beneficiari di indennità di disoccupazione agricola con cittadinanza ucraina sono , dei quali di genere femminile, pari al 29% del totale delle beneficiarie non comunitarie. Per l anno 2010, i beneficiari di indennità di disoccupazione a requisiti ridotti con cittadinanza ucraina sono

8 Rapporto Comunità Ucraina in Italia 8 1 La comunità ucraina in Italia: presenza e caratteristiche Il presente capitolo descrive la comunità ucraina regolarmente soggiornante in Italia 1 (al 1 gennaio 2011), sia dal punto di vista della sua struttura demografica che delle modalità di ingresso e permanenza nel territorio italiano, proponendo un confronto con i flussi migratori provenienti dagli altri Paesi dell Europa centro orientale ed il complesso degli immigrati di nazionalità non comunitaria soggiornanti nel Paese. Viene offerto, inoltre, un approfondimento sulla consistenza (stimata nel 2010) delle seconde generazioni e del loro accesso al sistema di istruzione e formazione. L analisi relativa ai processi di insediamento e stabilizzazione della comunità ucraina in Italia si conclude con le statistiche relative all acquisizione della cittadinanza all interno della comunità e con i numeri della presenza irregolare Presenza e caratteristiche socio-demografiche Al primo gennaio 2011, i migranti di origine ucraina regolarmente soggiornanti in Italia risultano , pari al 6,2% del totale. Gli Ucraini rappresentano la quarta comunità per numero di presenze, tra i cittadini non comunitari. La tabella fornisce il dettaglio della presenza numerica della comunità, specificando la componente di genere: risulta prevalente l incidenza della presenza femminile (le donne di origine ucraina sono circa 177mila, pari all 81% del totale). Tabella Cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti per singolo Paese di cittadinanza (primi 20 Paesi) e genere (v.a. e val. %). Dati al 1 gennaio 2011 PAESI DI CITTADINANZA Uomini Donne Totale % Paese su totale Marocco ,2 Albania ,7 Cina, Repubblica Popolare ,8 Ucraina ,2 Moldova ,0 India ,0 Filippine ,9 Tunisia ,3 Egitto ,1 Bangladesh ,9 Peru' ,9 Serbia/ Kosovo/ Montenegro (a) ,8 Senegal ,6 1 Le statistiche relative ai cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti includono tutti gli stranieri di Stati terzi rispetto all Unione europea che risultano in possesso di un valido documento di soggiorno (permesso di soggiorno o permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo) nonché i minori di età inferiore ai 14 anni che risultano iscritti sul permesso di un adulto. Non tutti i cittadini stranieri regolarmente soggiornanti rientrano nel conteggio dei residenti in Italia. La fonte statistica prescelta comprende pertanto anche i cittadini stranieri che per qualunque motivo non abbiano ancora ottenuto la residenza in Italia.

9 9 La comunità ucraina in Italia: presenza e caratteristiche

10 Rapporto Comunità Ucraina in Italia 10 Tabella Cittadini non comunitari regolarmente presenti per singolo Paese di cittadinanza (primi 20 Paesi) e genere (v.a. e val. %). Dati al 1 gennaio 2011 (segue) PAESI DI CITTADINANZA Uomini Donne Totale % Paese su totale Pakistan ,6 Sri Lanka ,5 Ecuador ,4 Macedonia, ex Rep.Jugoslava ,2 Nigeria ,7 Ghana ,5 Brasile ,3 Altri paesi non comunitari ,6 TOTALE ,0 (a) L'informazione sulla cittadinanza riportata sul documento di soggiorno al momento dell'elaborazione non consente un'esatta distinzione tra i cittadini dei tre Stati Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo ISTAT Su 3,5 milioni di immigrati non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia al 1 gennaio 2011, oltre 1 milione proviene dal continente europeo, in grande prevalenza dalla regione dell Europa centro orientale. La comunità ucraina, con presenze, è la seconda per consistenza numerica tra quelle degli immigrati non comunitari di origine europea, dopo quella albanese ( ). La presenza della comunità ucraina in Italia si è andata consolidando a partire dal grande flusso della prima metà degli anni Novanta, passando da presenze nel 2001 ad oltre nel 2009 (grafico ) per arrivare alle 218mila del Grafico Andamento della presenza di cittadini di origine ucraina residenti in Italia, cittadini non comunitari di origine europea e cittadini stranieri non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia (a) - Anni 1991/ (a) per l Ucraina i dati sono del 1991 (censuari) mentre per l'europa centro-orientale partono del Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati ISTAT In Italia un immigrato su tre proviene dall Europa non comunitaria. L incidenza dei cittadini dell Ucraina rispetto ai cittadini provenienti dalla sola Europa centro-orientale è del 5% (grafico 1.1.2). 2 La presente elaborazione è stata realizzata esclusivamente per l'osservazione dei trend ed ha un carattere puramente indicativo, in quanto gli aggregati proposti non sono omogenei: i cittadini regolarmente soggiornanti sono quelli titolari di un permesso di soggiorno valido, mentre i residenti devono anche essere iscritti all'anagrafe del Comune in cui risiedono. Il secondo indicatore è sottoposto ad una condizione più restrittiva e, pertanto, dovrebbe essere inferiore all'altro; tuttavia, c'è da considerare che non sempre il cittadino, in caso di allontanamento stabile dall'italia, provvede alla cancellazione dall'anagrafe: ciò comporta un ritardo nella registrazione di tale informazione e, quindi, una sovrastima della grandezza. E', dunque, difficile dire se la seconda grandezza si discosti dalla prima per eccesso o per difetto. Si consideri che nel 2007 alcuni Paesi dell Europa, precedentemente non comunitari, sono entrati nell UE. Si tratta di Romania e Bulgaria (la Romania, in particolare, ha sempre avuto un peso rilevante nel processo migratorio verso l Italia).

11 11 La comunità ucraina in Italia: presenza e caratteristiche Grafico Composizione percentuale del numero di cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti per area di provenienza. Dati al 1 Gennaio 2011 Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo ISTAT Considerando la componente di genere, le donne hanno un peso molto significativo nella comunità in analisi: il 27% delle donne originarie dell Europa centro orientale proviene dall Ucraina. (tabella 1.1.2) Tabella Cittadini ucraini regolarmente presenti per genere ( percentuale rispetto all'area geografica di riferimento). Dati al 1 Gennaio 2011 % uomini ucraini su totale uomini provenienti dall Europa centro orientale % donne ucraine su totale donne provenienti dall'europa centro orientale % ucraini su totale provenienti dall'europa centro orientale Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo ISTAT La comunità ucraina in Italia, composta per l 81% da donne rispetto al 19% di uomini, rileva una polarizzazione di genere estremamente accentuata, sia nel confronto con gli immigrati provenienti dagli altri Paesi dell Europa centro orientale (in tal caso le donne risultano il 50% del totale), sia rispetto al complesso degli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, per i quali prevale, invece, la componente maschile (uomini: 52%; donne: 48%). La prevalenza della componente femminile rappresenta un elemento distintivo della comunità ucraina in Italia, connotata per l ampia presenza di donne occupate soprattutto nel settore terziario e della cura alla persona.

12 Rapporto Comunità Ucraina in Italia 12 Grafico Composizione percentuale del numero di cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti per area di provenienza e genere. Dati al 1 Gennaio 2011 Altri Europa centro orientale Femmine 50% Maschi 50% Fonte: Elaborazione Italia Lavoro su dati Demo ISTAT La distribuzione per classe d età è altrettanto significativa: su dieci cittadini ucraini soggiornanti in Italia, sette hanno un età compresa tra i 35 ed i 64 anni, un incidenza superiore a quella registrata per il complesso dei cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti, che è invece pari al 44%. Sia la classe d età anni, sia quella anni, raccolgono il 35% dei regolarmente presenti di origine ucraina, mentre è decisamente più contenuta la presenza di cittadini di origine ucraina nella fascia d età anni, che è invece la predominante sia per gli immigrati provenienti dagli altri Paesi europei che per il complesso dei cittadini di origine non comunitaria (grafico 1.1.3). I minori di origine ucraina regolarmente soggiornanti al 1 gennaio 2011 ammontano a , pari al 7% delle presenze complessive: una percentuale nettamente inferiore rispetto a quella riferita al totale degli stranieri non comunitari, pari al 21,4%.

13 13 La comunità ucraina in Italia: presenza e caratteristiche Grafico Distribuzione percentuale di cittadini ucraini, altri provenienti dall'europa centro orientale, totale provenienti dall Europa non comunitaria e totale stranieri non comunitari regolarmente soggiornanti per classe d'età. Dati al 1 gennaio 2011 Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo ISTAT Il confronto tra generi della distribuzione per classe d età mostra che la maturità della struttura per età è sensibilmente maggiore tra le donne di origine ucraina (il 40% ha un età compresa tra il 50 ed i 64 anni), seguita dalla fascia di età tra 35 e 49 anni (con il 37%). Il 55% degli immigrati ucraini di genere maschile ha meno di 34 anni; tale incidenza, tra le donne, scende al 21% (grafico 1.1.4). Grafico Distribuzione percentuale di cittadini ucraini regolarmente soggiornanti per genere e classe d'età. Dati al 1 gennaio 2011 Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo ISTAT La distribuzione percentuale per stato civile indica la prevalenza dei cittadini ucraini celibi (pari , il 51% del totale) rispetto ai coniugati (pari a ). Tale composizione segna un elemento di omogeneità sia rispetto alle altre comunità provenienti dall Europa centro orientale, sia rispetto al totale degli stranieri non comunitari. All interno della comunità ucraina, il rapporto di genere tra coniugati e celibi è omogeneo. La presenza di divorziati o vedovi è invece più alta tra le donne rispetto agli uomini (grafico 1.1.5).

14 Rapporto Comunità Ucraina in Italia 14 Grafico Distribuzione percentuale di cittadini ucraini, altri provenienti dall'europa centro orientale, totale provenienti dall Europa non comunitaria e totale stranieri non comunitari regolarmente soggiornanti per stato civile e per genere. Dati al 1 gennaio 2011 Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo ISTAT In riferimento alla distribuzione territoriale, il Nord Italia con il 53% delle presenze rappresenta la prima meta della comunità ucraina in Italia, sia pur con un incidenza di tredici punti percentuali inferiore rispetto a quella riscontrata per il complesso della popolazione immigrata regolarmente soggiornante, pari al 66% (tabella 1.1.3). La Lombardia raccoglie, con unità, più del 21% delle presenze complessive e rappresenta la prima regione italiana per numero di insediamenti dei cittadini di origine ucraina, seguita dall Emilia Romagna, con unità. Significativa la presenza nel Sud Italia, in cui risiede un immigrato ucraino su quattro, dove spicca la Campania con unità. Quest ultima regione, con il 18,5%, rappresenta un bacino di attrazione significativo per la comunità ucraina, sia rispetto al totale dei regolarmente soggiornanti provenienti dall Europa (con l 1,5% dell area centro orientale e il 5% dell area continentale non comunitaria), sia al complesso dei cittadini non comunitari (3,7%). Al terzo posto, il Centro Italia, con il 20% di regolarmente soggiornanti, dove spicca il Lazio, con il 10%. Tabella Cittadini non comunitari regolarmente presenti per regione di insediamento e area geografica di provenienza (val. %). Dati al 1 Gennaio 2011 Ripartizione geografica Ucraina Altri Europa centro orientale Europa Piemonte 4,3 7,9 7,3 7,3 Valle d'aosta 0,1 0,2 0,1 0,2 TOTALE Lombardia 21,4 18,2 18,8 26,6 Trentino Alto-Adige 1,8 3,8 3,4 2,1 Veneto 7,5 16,2 14,4 12,1 Friuli Venezia Giulia 2,3 4,6 4,1 2,5 Liguria 1,8 3,0 2,8 2,9 Emilia Romagna 14,1 13,2 13,3 12,6

15 15 La comunità ucraina in Italia: presenza e caratteristiche Nord 53,2 67,0 64,4 66,2 Toscana 5,3 10,6 9,6 8,4 Umbria 2,3 2,9 2,8 1,9 Marche 2,6 4,9 4,4 3,5 Lazio 10,1 5,7 6,5 8,5 Centro 20,3 24,0 23,3 22,3 Abruzzo 1,8 2,6 2,4 1,5 Molise 0,2 0,1 0,2 0,1 Campania 18,5 1,5 4,7 3,7 Puglia 1,2 2,8 2,5 1,9 Basilicata 0,4 0,2 0,2 0,2 Calabria 2,7 0,6 1,0 1,2 Sicilia 0,8 0,9 0,9 2,5 Sardegna 0,9 0,2 0,3 0,6 Sud 26,5 9,0 12,3 11,6 ITALIA 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo Istat Napoli, con circa il 10% delle presenze, è la prima provincia italiana per incidenza della popolazione ucraina, seguita da Milano e Roma. Tra le prime cinque città per numero di immigrati di origine ucraina, due sono del Sud, due del Nord ed una del Centro Italia (tabella 1.1.4). Tabella Prime cinque province di insediamento di cittadini ucraini regolarmente soggiornanti (v.a. e val. %). Dati al 1 gennaio 2011 Provincia v.a. val. % Napoli (Campania) ,8 Milano (Lombardia) ,9 Roma (Lazio) ,0 Brescia (Lombardia) ,7 Salerno (Campania) ,6 ITALIA ,0 Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo Istat 1.2. Gli ingressi in Italia: visti e quote riservate Nel corso dell anno 2010 sono stati rilasciati complessivamente visti di ingresso in Italia, circa il 10% in più rispetto all anno precedente ed oltre il 63% in più rispetto al Dal 2008 è in vigore l Accordo tra l Unione europea e l Ucraina di facilitazione del rilascio dei visti, finalizzati a favorire gli accordi di riammissione ed un corrispondente regime agevolato per l ottenimento del visto di ingresso. Il numero dei visti nazionali 3, rilasciati per un periodo superiore a 90 giorni, è stato nel 2010 pari a : circa il 3% di essi è rilasciato a cittadini di nazionalità ucraina. La serie storica 4 riferita al periodo Il Visto Nazionale è rilasciato dalla rappresentanza diplomatico consolare italiana. Consente l ingresso in Italia per un periodo superiore ai 90 giorni e non oltre i 365 giorni (tipo D), a differenza dei Visti Schengen Uniformi (VSU) che possono essere rilasciati da ciascuno dei paesi che fanno parte dello Spazio Schengen e consentono il transito o il soggiorno di breve durata (tipo A-B-C) all interno di tale area.

16 Rapporto Comunità Ucraina in Italia , segna una flessione del numero di visti rilasciati a cittadini di nazionalità ucraina, che scendono da a Tabella Visti nazionali rilasciati a cittadini ucraini (valori assoluti e %) Anni Numero di visti Studio Lavoro Famiglia Altri motivi (a) Valori assoluti Incidenza sul totale degli stranieri non comunitari , , ,0 Valori percentuali di riga ,0 1,0 71,5 22,2 5, ,0 1,1 63,0 28,9 7, ,0 3,5 27,5 57,6 11,5 (a) comprende la protezione umanitaria/internazionale e la residenza elettiva Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati EMN Italy (elaborazione su dati Council of Europe / MAE ) Significativa è anche la ripartizione delle motivazioni di rilascio dei visti, che si è venuta a modificare nel corso degli anni, anche in considerazione della contrazione della domanda di manodopera straniera. Nel 2008 il 71,5% dei visti per cittadini ucraini è stato rilasciato per motivi di lavoro, contro un 22% per motivi familiari; nel 2010 il numero di visti per famiglia, pari a circa il 58% del totale, supera quelli per lavoro (27,5%). In termini assoluti la contrazione del numero di visti non riguarda gli ingressi per studio ed interessa limitatamente gli ingressi per motivi familiari. La mancata adozione del 2009 di un decreto flussi per gli ingressi di lavoratori subordinati non stagionali, ha determinato la riduzione dei visti per lavoro registrata nel corso del Il sistema degli ingressi in Italia per motivi di lavoro si basa sulla definizione annuale di quote di ingresso di lavoratori stranieri da ammettere sul territorio nazionale (quota system), costruita sull analisi delle esigenze occupazionali del mercato interno. I criteri per l adozione dei decreti flussi ed i principi sulle politiche migratorie sono definiti da un documento programmatico triennale, adottato con apposito Decreto del Presidente delle Repubblica. I decreti flussi che fissano le quote di ingresso, sono adottati, entro il 30 novembre dell anno precedente a quello di riferimento, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Specifici decreti flussi vengono adottati in corrispondenza alle diverse tipologie di rapporto di lavoro (ingressi per lavoro subordinato non stagionale, ingressi per lavoro stagionale, ingressi per lavoro autonomo, ingressi per formazione professionale). I decreti prevedono quote specifiche riferite alla tipologia professionale e alle nazionalità di provenienza dei cittadini di paesi che hanno sottoscritto con l Italia accordi di gestione dei flussi. L Ucraina, in virtù degli accordi assunti con il Governo italiano per la regolamentazione e gestione dei flussi migratori per motivo di lavoro, gode insieme ad altri Stati esteri di un regime preferenziale nell ambito del processo di programmazione dei flussi di ingresso. Nel 2010 (anno in cui è stato adottato l ultimo decreto flussi per motivi di lavoro subordinato non stagionale), le quote di ingresso assegnate ai cittadini di nazionalità ucraina sono state 1.800, pari allo 0,9% del complesso delle quote riservate. 4 Nel report viene riportato il dato di flusso relativo al numero dei visti rilasciato dalle autorità diplomatiche e consolari per i nuovi ingressi di cittadini ucraini nell'anno di riferimento. 5 Va precisato che nel 2010 si registrano significativi cambiamenti nella politica comunitaria in materia di rilascio di visti, con l entrata in vigore del Regolamento CE n. 810/2009 (codice dei visti).

17 17 La comunità ucraina in Italia: presenza e caratteristiche 1.3. Modalità e motivi della presenza in Italia Nella tabella vengono riportati i dati relativi alle tipologie di permessi di soggiorno 6 di cui sono titolari i cittadini ucraini soggiornanti in Italia nel triennio Complessivamente, la presenza ucraina sale di circa unità, passando da a presenze, mantenendo costante, nel triennio, l incidenza percentuale rispetto al totale dei cittadini non comunitari (dal 5,8% del 2010 al 6,2% del 2011). Il lavoro si consolida nel tempo come la principale motivazione di soggiorno: nel 2010, il 76% dei permessi di soggiorno dei cittadini ucraini sono per motivi di lavoro. Poco meno di un quarto dei permessi è per motivi di famiglia. La rilevanza percentuale delle altre tipologie di permesso (studio, residenza elettiva, etc.) si è venuta a ridurre ed interessa nel complesso appena l 1% dei permessi rilasciati nel 2010 a cittadini ucraini. Tabella Permessi di soggiorno a beneficio di cittadini ucraini (valori assoluti e valori %). Anni Numero di permessi di soggiorno Studio Lavoro Famiglia Altri motivi (a) Incidenza su stranieri non comunitari v.a % v.a % v.a % v.a % v.a % % , , , ,3 5, , , , ,8 6, , , , ,5 6,2 (a) permessi rilasciati ad ogni altro titolo, tra cui, ad es. residenza elettiva, attesa occupazione, protezione internazionale, cure mediche, motivi religiosi, affari, etc. Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati EMN Italy (elaborazione su dati EUROSTAT) Nella tabella 1.3.2, per i cittadini regolarmente soggiornanti provenienti dell Ucraina, viene analizzata la tipologia del permesso di soggiorno di cui sono titolari alla data del primo gennaio 2011, distinguendo tra permessi per soggiornanti di lungo periodo 7 (rilasciati a tempo indeterminato) oppure soggetti ad essere rinnovati, previa verifica delle corrispondenti motivazioni (lavoro, studio, motivi familiari, etc.), ed è proposto un confronto rispetto ai dati relativi ai permessi del totale dei cittadini non comunitari. Complessivamente il numero di permessi di soggiorno di cittadini ucraini in corso di validità al primo gennaio 2011, ammonta a : il 62,5% di tali permessi è soggetto ad essere rinnovato, mentre il 37,5% è un permesso per soggiornanti di lungo periodo. La prevalenza dei permessi di breve durata risulta più accentuata nella comunità ucraina, rispetto all incidenza riscontrata nel complesso dei cittadini non comunitari, che risulta inferiore di nove punti percentuali (54%). Nell analisi per genere, la quota maggiore di permessi di soggiorno, sia di lungo periodo che con scadenza, appartiene alle donne, che risultano titolari dell 81% dei permessi di soggiorno rilasciati all interno della 6 Nel report viene riportato il dato di stock relativo al numero delle presenze complessive dei cittadini di Paesi Terzi autorizzati a permanere sul territorio italiano nell'anno di riferimento. 7 Il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo può essere rilasciato al cittadino straniero in possesso, da almeno 5 anni di un permesso di soggiorno in corso di validità, a condizione che dimostri la disponibilità di un reddito minimo non inferiore all assegno sociale calcolato annualmente.

18 Rapporto Comunità Ucraina in Italia 18 comunità ucraina, un valore superiore di 33 punti percentuali rispetto alla quota di permessi rilasciati al complesso delle donne straniere regolarmente soggiornanti in Italia. La quota di minori sul totale dei cittadini ucraini regolarmente soggiornanti in Italia è del 7%, un valore di 14 punti percentuali inferiore rispetto a quello riferito al totale della popolazione straniera non comunitaria, pari al 21,5%. I cittadini ucraini con più di 60 anni sono il 9% della popolazione ucraina complessiva, un incidenza doppia rispetto a quella registrata per il totale dei cittadini non comunitari. Dal punto di vista anagrafico l età media dei cittadini ucraini titolari di permesso di soggiorno è di 42,2 anni, più elevata rispetto a quella riferita alla popolazione non comunitaria complessiva, pari a 31,7 anni. Inversa la dinamica tra i cittadini di origine ucraina e il totale dei cittadini non comunitari: per gli ucraini l età media dei lungo soggiornanti è superiore a quella dei possessori di permessi di soggiorno con scadenza, di 3 punti percentuali, mentre per il complesso degli stranieri non comunitari l età media è leggermente inferiore tra quanti dispongono di un permesso di soggiorno di lungo periodo. L incidenza dei cittadini ucraini coniugati, tra i possessori di permesso di soggiorno di lungo periodo, è superiore a quella registrata tra i possessori di permesso di soggiorno con scadenza. Tabella Cittadini dell'ucraina e non comunitari regolarmente soggiornanti. Indicatori delle tipologie di soggiorno (v. a e %). Dati al 1 Gennaio 2011 Totale Donne Minori Anziani (a) Coniugati Età media v.a. % % % % % Totale dei soggiornanti Ucraina ,0 81,1 7,0 9,1 42,0 42,2 Totale ,0 48,4 21,5 4,4 44,0 31,7 Soggiornanti di lungo periodo Ucraina ,5 82,9 7,0 11,0 45,9 44,0 Totale ,3 49,0 26,9 4,6 48,7 31,6 Permessi di soggiorno con scadenza Ucraina ,5 80,1 6,9 8,0 39,6 41,1 Totale ,7 47,8 16,8 4,2 40,0 32,0 (a) Il dato si riferisce a cittadini non comunitari di età superiore ai 60 anni (b) Sono compresi, oltre ai documenti di soggiorno individuali rilasciati per ragioni familiari, i minori al seguito di un adulto anche se presente per motivo di lavoro. Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo ISTAT La quota di permessi per soggiornanti di breve durata è prevalente sia all interno della comunità ucraina, sia tra i cittadini di origine europea (53%), sia per il complesso dei cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia (54%) (grafico 1.3.1). Grafico Distribuzione percentuale di cittadini ucraini, altri dell Europa centro orientale, totale Europa non comunitaria e totale stranieri non comunitari regolarmente soggiornanti per durata del permesso di soggiorno. Dati al 1 gennaio 2011

19 19 La comunità ucraina in Italia: presenza e caratteristiche Analizzando i permessi di soggiorno soggetti a rinnovo, al primo gennaio 2011 (nel caso dei cittadini di origine ucraina l analisi riguarda circa permessi) la distinzione secondo la motivazione di rilascio del permesso vede il deciso prevalere delle concessioni per motivi di lavoro rispetto alle altre motivazioni (tabella ). Ogni cinque permessi di soggiorno rilasciati ai cittadini ucraini, quattro sono per motivi di lavoro subordinato o autonomo: si tratta del 78,5% del totale dei permessi, ben 23 punti percentuali in più rispetto all incidenza relativa ai permessi per lavoro rilasciati al totale dei cittadini non comunitari (55,6%). Tabella Ucraini e cittadini non comunitari con permessi di soggiorno con scadenza per motivo del permesso (valori assoluti e valori percentuali). Dati al 1 gennaio 2011 Motivo del permesso di soggiorno Lavoro Famiglia (a) Altro motivo Totale v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % Ucraina , , ,0 Totale , , , ,0 (a)sono compresi, oltre ai documenti di soggiorno individuali rilasciati per ragioni familiari, i minori al seguito di un adulto anche se presente per motivo di lavoro. Elaborazione di Italia Lavoro su dati DemoISTAT I permessi di soggiorno per motivi familiari rappresentano il 20% dei permessi di soggiorno di breve periodo rilasciati a cittadini ucraini, rispetto al 36,4% riscontrabile sul totale dei cittadini non comunitari. Risulta marginale il numero di permessi di soggiorno rilasciati per altri motivi (studio, formazione professionale, residenza elettiva, etc.), che interessano l 1,5% dei cittadini ucraini, un valore inferiore rispetto quello registrato per il complesso dei cittadini non comunitari (8%). (grafico 1.3.2) Grafico Distribuzione percentuale di cittadini ucraini e totale non comunitari con permessi di soggiorno con scadenza per motivo del permesso. Dati al 1 gennaio 2011 Elaborazione di Italia Lavoro su dati DemoISTAT

20 Rapporto Comunità Ucraina in Italia Minori, seconde generazioni e accesso all istruzione I minori non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia sono , il 21,5% del totale dei cittadini regolarmente soggiornanti. Per quanto riguarda la comunità ucraina, i minori regolarmente soggiornanti al 1 gennaio 2011 ammontano a , pari al 7% del totale delle presenze degli ucraini nel nostro Paese. I nuovi nati da genitori ucraini, nel corso del 2010, ammontano a 986, pari al 6% dei nuovi nati da genitori provenienti dai Paesi dell Europa centro-orientale e al 2% del totale dei nuovi nati da genitori non comunitari (tabella 1.4.1). Tabella Stima dei nati stranieri per cittadinanza, area geografica di riferimento e per totale dei non comunitari (v.a. e v.%). Dati distinti per anno di iscrizione: 2010 (a) Cittadinanza valori assoluti valori % Ucraina 986 Europa centro orientale Ucraina su Europa centro orientale 6,3 Totale stranieri non comunitari Ucraina su totale stranieri non comunitari 1,6 (a) Le stime dei nati stranieri per regione e cittadinanza sono ottenute applicando la corrispondente struttura desunta dal mod. ISTAT P4 all'ammontare dei nati vivi stranieri da mod. ISTAT P3. Fonte: elaborazione Italia Lavoro su dati Demo ISTAT Complessivamente i minori di origine ucraina iscritti all anno scolastico si attestano al 9 posto nella graduatoria delle comunità straniere per numero di studenti del circuito scolastico. In termine percentuali è di origine ucraina circa il 3% degli studenti non comunitari, una percentuale pari alla metà dell incidenza dell intera comunità ucraina sul totale dei cittadini regolarmente soggiornati, che è del 6%. Il numero di studenti di nazionalità ucraina iscritti nelle scuole primarie e secondarie italiane è aumentato del 5,5 % nel corso dell ultimo anno (+957 unità, rispetto ai iscritti nell anno scolastico 2010/2011) (tabella 1.4.2). Gli ultimi dati disaggregati disponibili, riferiti all ordine di scuola di iscrizione (anno scolastico 2010/2011), indicano che circa il 40% degli studenti ucraini è iscritto alla scuola secondaria di 2 grado. Fanno seguito gli iscritti alla scuola secondaria di 1 grado (pari al 26% del totale) e alla scuola primaria (pari al 22,5% del totale), che invece raccoglie la quota maggiore del totale degli studenti non comunitari (35,6%). Tabella Alunni con cittadinanza ucraina, dell Europa non comunitaria e del totale dei Paesi non comunitari (v.a. e val. %). A.S e A.S A.S Infanzia Primaria Secondaria di I grado Secondaria di II grado Totale Totale Variazione percentuale su Valori assoluti Ucraina ,5 Europa non comunitaria ,0 Totale Paesi non Comunitari ,2 Percentuali di riga Ucraina 11,7 22,5 26,2 39,6 100,0 Europa non comunitaria 18,6 33,5 22,5 25,4 100,0 Totale Paesi non Comunitari Ucraina 20,5 35,6 22,2 21,7 100,0 Percentuali di colonna 1,8 2,0 3,7 5,7 3,2

La Comunità Filippina in Italia

La Comunità Filippina in Italia La Comunità Filippina in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2012 2012 -Rapporto Comunità Filippina in Italia 2 Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso dal

Dettagli

Terzo Rapporto annuale Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia

Terzo Rapporto annuale Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia 2013 Terzo Rapporto annuale Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Sintesi dei risultati La presenza degli stranieri

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA

IL MATRIMONIO IN ITALIA IL MATRIMONIO IN ITALIA Anno 2012 Fonte: rapporto ISTAT del 13 novembre 2013 (htttp://www.istat.it) Nel 2012 sono stati celebrati in Italia 207.138 matrimoni (3,5 ogni 1.000 abitanti), 2.308 in più rispetto

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Leggere le migrazioni: analisi delle fonti statistiche

Leggere le migrazioni: analisi delle fonti statistiche Leggere le migrazioni: analisi delle fonti statistiche Deborah Erminio Synesis Ricerca sociale, monitoraggio e valutazione E-mail: synesis@fastwebnet.it I migranti: chi dovremmo contare? Come conteggiamo

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

Le adozioni internazionali nel 2013

Le adozioni internazionali nel 2013 Le adozioni internazionali nel 2013 Nel corso del 2013 la Commissione ha rilasciato l autorizzazione all ingresso in Italia per 2.825 bambini provenienti da 56 Paesi, adottati da 2.291 famiglie residenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori %

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani: sono 223.729 i giovani che si sono registrati, 69.347 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 49.577 hanno già ricevuto

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

11. Mercato del lavoro

11. Mercato del lavoro 11. Mercato del lavoro Sembrano lontanissimi i tempi in cui i veneti erano costretti ad emigrare per trovare lavoro. Oggi il Veneto ha raggiunto livelli di quasi piena occupazione. Già nel 199 il tasso

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani, i nuovi dati: sono 169.076 i giovani che si sono registrati, 36.566 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 23.469 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza 6. un aggiornamento sui dati del prestito della speranza Dal Censimento delle opere ecclesiali 1. Il Prestito della Speranza nel contesto nazionale del microcredito Il Prestito della Speranza è un progetto

Dettagli

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Tante diversità. Uguali diritti INTEGRAZIONE Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale MIUR MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE 7ISTRUZIONE E FORMAZIONE Nell anno scolastico 2012/2013 gli studenti iscritti nelle scuole di diverso grado e ordine sono quasi nove milioni, circa 17.500 in meno rispetto al precedente anno. Gli alunni

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

ANALISI DELLE PENSIONI EROGATE DALL E.N.P.A.L.S PER GENERE

ANALISI DELLE PENSIONI EROGATE DALL E.N.P.A.L.S PER GENERE ANALISI DELLE PENSIONI EROGATE DALL E.N.P.A.L.S PER GENERE ANNO 2002 Premessa L Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo (E.N.P.A.L.S.) è stato istituito con D.L.P.C.S.

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009 n 4 - ottobre/dicembre 2009 Sposarsi a Roma Sempre più tardi e sempre di meno. Introduzione Il matrimonio è sempre stato considerato fin dall antichità il pilastro per la creazione di una famiglia e per

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA

IL MATRIMONIO IN ITALIA 13 Novembre 2013 Anno 2012 IL MATRIMONIO IN ITALIA Nel 2012 sono stati celebrati in Italia 207.138 matrimoni (3,5 ogni 1.000 abitanti), 2.308 in più rispetto al 2011. Questo lieve aumento si inserisce

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana Approfondimenti e analisi

Alunni con cittadinanza non italiana Approfondimenti e analisi Alunni con cittadinanza non italiana Approfondimenti e analisi Quaderni Ismu 1/2013 FONDAZIONE ISMU INIZIATIVE E STUDI SULLA MULTIETNICIT Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

Monitoraggio Nazionale dell offerta formativa per Adulti Rapporto di Sintesi per l annualità 2010/11

Monitoraggio Nazionale dell offerta formativa per Adulti Rapporto di Sintesi per l annualità 2010/11 1 Hanno collaborato alla ricerca: Area Tematica 4 Sviluppo e trasformazione del sistema e del curricolo Progetto: Istruzione degli Adulti (IdA): Gruppo di lavoro: Coordinamento: Antonella Zuccaro Risorse:

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2010/2011 Immatricolati Anno Accademico 2011/2012 (febbraio 2012) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale.

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. INCLUSIONE SOCIALE Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. Lo stabilisca l indagine Reddito e condizioni di vita (EU SILC), condotta dall Istat nel 2013. Nel 2013, il 19,1%

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012)

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012) Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese (Dati al 2012) Febbraio 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura

Dettagli

Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9

Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9 Capitolo 9 Aalborg Commitment 9 Ci impegniamo a costruire comunità solidali e aperte a tutti. Lavoreremo quindi per: adottare le misure necessarie per alleviare la povertà assicurare un equo accesso ai

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

La Città e i suoi Quartieri al 2014

La Città e i suoi Quartieri al 2014 La Città e i suoi Quartieri al 2014 Un quadro demografico del Quartiere Don Bosco Popolazione residente nel Quartiere per grandi classi di età e sesso FEMMINE MASCHI 65 e più 45-64 30-44 15-29 0-14 0 200

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI 5 dicembre 2014 Anno 2013 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Nel 2013 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 272.746 1 milioni di euro, è aumentata dello 0,7 rispetto all anno

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 Nel 2011 sono stati celebrati in Italia 204.830 matrimoni (3,4 ogni 1.000 abitanti), 12.870 in meno rispetto al 2010. La tendenza alla diminuzione,

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Art. 18 D.lgs 286/98 (Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero)

Art. 18 D.lgs 286/98 (Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero) Art. 18 D.lgs 286/98 (Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero) Dati e riflessioni sui progetti di protezione sociale ex art.

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI

LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI Roma, 23 Gennaio 2015 Nel pieno della seconda 1 fase dell iniziativa Garanzia Giovani, le Regioni intensificano la programmazione attuativa raccogliendo ancora consensi ed adesioni. Al 22 gennaio 2015

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche Sezione 1 Infortuni: analisi e statistiche 1.1 Analisi del fenomeno infortunistico in Regione Nel 2012 l andamento infortunistico in Molise evidenzia una significativa flessione del -6,2% rispetto all

Dettagli

Scuola Secondaria I grado

Scuola Secondaria I grado Scuola Secondaria I grado Definizione della disponibilità per TFA e corsi di laurea magistrali per il prossimo anno accademico La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio per i prossimi

Dettagli

Luglio 2012. Secondo Rapporto annuale sul mercato del lavoro degli immigrati

Luglio 2012. Secondo Rapporto annuale sul mercato del lavoro degli immigrati Luglio 2012 Secondo Rapporto annuale sul mercato del lavoro degli immigrati Il Rapporto, promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, è il frutto della collaborazione tra la Direzione

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO XI RAPPORTO

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO XI RAPPORTO MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO XI RAPPORTO Il presente rapporto è stato realizzato dai ricercatori dell Unità Operativa Apprendistato dell Isfol, con il coordinamento di Sandra D Agostino. Autori del

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Relazione sullo stato di attuazione del programma di governo e sull amministrazione regionale

Relazione sullo stato di attuazione del programma di governo e sull amministrazione regionale Giunta Regionale Area della Programmazione regionale Servizio Controllo strategico e valutazione politiche Relazione sullo stato di attuazione del programma di governo e sull amministrazione regionale

Dettagli

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Marzo 2010 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 I prestiti personali Le prestazioni in caso di infortunio

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL DECRETO DIRETTORIALE N. 1709\Segr D.G.\2014

VERSIONE CONSOLIDATA DEL DECRETO DIRETTORIALE N. 1709\Segr D.G.\2014 Direzione Generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione VERSIONE CONSOLIDATA DEL DECRETO DIRETTORIALE N. 1709\Segr D.G.\2014 (Il Decreto Direttoriale n. 1709\Segr D.G.\2014

Dettagli

Immigrazione, welfare e finanza pubblica. a cura di Lunaria

Immigrazione, welfare e finanza pubblica. a cura di Lunaria Immigrazione, welfare e finanza pubblica a cura di Lunaria Nota redazionale Hanno collaborato alla stesura del presente rapporto Grazia Naletto (coordinamento), Agnese Ambrosi, Stefano Cristofari, Maria

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA VITA DELLE COLLETTIVITÀ STRANIERE: UNA RIFLESSIONE METODOLOGICA

LA QUALITÀ DELLA VITA DELLE COLLETTIVITÀ STRANIERE: UNA RIFLESSIONE METODOLOGICA LA QUALITÀ DELLA VITA DELLE COLLETTIVITÀ STRANIERE: UNA RIFLESSIONE METODOLOGICA Ivana Acocella Università di Firenze Definizione del termine livello di qualità della vita anche se procedimento induttivo

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio La popolazione 1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio In poco meno di 60 anni, la componente della

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi 19 luglio 2002, divorzi e provvedimenti emessi Anno 2000 Il presente lavoro, che delinea un quadro dell instabilità coniugale in Italia, si propone di soddisfare la crescente domanda di informazione su

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Alcuni dati sugli studenti stranieri iscritti nelle università piemontesi

Alcuni dati sugli studenti stranieri iscritti nelle università piemontesi Alcuni dati sugli studenti stranieri iscritti nelle università piemontesi di Federica Laudisa e Alberto Stanchi - Settembre 2003 - Premessa Alcuni paesi Ocse stanno guardando con crescente attenzione ai

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

Le fonti statistiche per l analisi di povertà

Le fonti statistiche per l analisi di povertà LA POVERTA IN EMILIA-ROMAGNA Conoscenza del fenomeno e sviluppo delle politiche sociali Le fonti statistiche per l analisi di povertà Giuseppina Felice Regione Emilia-Romagna Bologna, 1 luglio 2011 Sommario

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO XIII Rapporto SINTESI Dicembre 2012 1 Premessa Il XIII Rapporto di monitoraggio sull apprendistato dedica ampio spazio alla novità rappresentata dal decreto legislativo

Dettagli

Dinamica delle aperture nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo DATAGIOVANI

Dinamica delle aperture nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo DATAGIOVANI LE PARTITE IVA UNDER 35 Dinamica delle nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo settembre P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli