Comunità dell Isolotto - Firenze, domenica 24 novembre 2013 Una famiglia, tante famiglie riflessioni del gruppo genitori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunità dell Isolotto - Firenze, domenica 24 novembre 2013 Una famiglia, tante famiglie riflessioni del gruppo genitori"

Transcript

1 Comunità dell Isolotto - Firenze, domenica 24 novembre 2013 Una famiglia, tante famiglie riflessioni del gruppo genitori 1a. Letture dai Vangeli Gesù tornò nella sua patria [a Nazaret], accompagnato dai suoi discepoli. Venuto il sabato si mise ad insegnare nella sinagoga e molti ascoltatori si stupivano per le cose che diceva, e dicevano: Donde ha costui tali cose? E che sapienza è mai quella che gli è stata data? E questi prodigi compiuti dalle sue mani? Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Joses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non vivono qui?. E si scandalizzavano di lui. dal Vangelo di Marco 6, 1-4 Si recò a Nazaret dove era stato allevato ed entro come il suo solito di sabato nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo di Isaia; apertolo trovò il passo dove era scritto: Lo Spirito del Signore è su di me e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto annuncio per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista per rimettere in libertà gli oppressi e predicare l anno di grazia del Signore Poi arrotolò il volume, lo consegnò all inserviente e sedette. Gli occhi di tutti erano su di lui. Allora disse: Oggi si è adempiuta questa scrittura che avete udita con i vostri orecchi. Tutti erano meravigliati delle sue parole e dicevano: Ma costui non è il figlio di Giuseppe? 1b. La famiglia di Gesù 1 dal Vangelo di Luca 4, In alcuni passi del Vangelo e in un ampia parte della tradizione cristiana si è posto l accento sulla divinità di Gesù mitizzandone ogni aspetto, compresa la nascita e la famiglia. Ma in altri passi dei Vangeli e in un altra parte del pensiero cristiano si è posta l attenzione non tanto sulla divinità e straordinarietà di Gesù ma sulla sua umanità e sulla sua normalità di bambino e uomo del popolo, nella Palestina del suo tempo. Uno di questi passi del Vangelo è proprio quello di Marco che descrive Gesù come falegname, figlio di Maria, fratello di Giacomo, Joses, Giuda e Simone e di alcune sorelle. Su queste espressioni è interessante fare alcune sottolineature: Gesù dunque aveva un mestiere ed era falegname; e questo è coerente con le usanze del tempo in cui un ragazzo imparava e poi svolgeva il mestiere del padre. Gesù poi è indicato come figlio di Maria : questo invece è inspiegabile alla luce della tradizione giudaica patriarcale, seconda la quale legalmente i figli facevano riferimento al padre e non alla madre, per cui Gesù doveva chiamarsi figlio di Giuseppe e non figlio di Maria. Le ragioni di questa espressione sono incerte, forse l autore ha voluto fare qualche concessione a quella corrente che stava andando affermandosi al tempo della stesura del vangelo e che appoggiava l idea della concezione verginale di Gesù. Questo potrebbe spiegare il non citare Giuseppe. In altri passi comunque, come quello di Luca, Gesù è indicato come figlio di Giuseppe. 1 Per queste riflessioni sono state prese notizie e spunti da Ortensio da Spinetoli, Gesù di Nazaret, Ed La Meridiana, Ortensio da Spinetoli è frate cappuccino dal 1949 e noto biblista; ha espresso le sue interpretazioni bibliche mantenendo sempre un punto di vista libero e critico; ciò gli è valso un ampio consenso di pubblico e molte critiche da parte della Gerarchia vaticana. 1

2 Gesù comunque aveva una famiglia numerosa, con genitori, fratelli (elencati per nome) e sorelle (delle sorelle si è detto che esistevano, ma non se ne è ricordato il numero né il nome, e questo riflette la mentalità del tempo che assegnava pochissimo valore alle donne). Successivamente, volendo presentare Gesù come figlio unigenito, c è stato chi ha sostenuto che il termine fratelli/sorelle indicasse genericamente dei cugini/parenti ma questo non è né verosimile (in Palestina era socialmente desiderabile avere una famiglia numerosa) né corretto poiché nei testi in greco (che era una lingua molto più ricca di termini e precisa rispetto all aramaico) quando si usava il termine fratello o sorella si voleva proprio intendere quella specifica relazione di parentela. Un altro passo è quello che si trova nella lettera di Paolo ai Galati dove si descrive Gesù con le parole nato da donna, proprio per indicarne l umanità, l appartenenza alla famiglia umana. Su queste parole Ortensio da Spinetoli scrive: Se pertanto Gesù è nato da donna vuol dire che è un vero uomo, non un essere calato dal cielo. Fa riferimento a dei genitori, a una famiglia, ed è subordinato alle leggi biologiche di tutti. E un fiore anch egli sbocciato dall amore di due nazaretani di cui porta nel sangue le connotazioni fisiche e spirituali E un galileo di Nazaret non solo anagraficamente, ma anche geneticamente. 2. Le famiglie italiane nei dati Istat Negli ultimi decenni si sono avute profonde trasformazioni demografiche e sociali, che ora si stanno anche intersecando con gli effetti del perdurare della crisi economica e che hanno determinato profondi cambiamenti delle organizzazioni familiari. I principali fenomeni sociodemografici che hanno determinato i cambiamenti delle organizzazioni familiari sono: 1) il forte calo delle nascite e lo spostamento sempre più in avanti da parte delle giovani coppie della decisione di concepire il primo figlio; 2) la riduzione dei numero di matrimoni, controbilanciata dalla formazione di unioni di fatto ; 3) l aumento di separazioni e divorzi, 4) l allungamento della vita media; 5) la sempre maggiore difficoltà dei giovani ad entrare nel mondo del lavoro e nella vita autonoma; Questi e altri fenomeni hanno determinato, negli ultimi decenni, un grande aumento del numero delle famiglie, e un conseguente calo del numero dei suoi componenti. Inoltre si è verificata una semplificazione delle strutture familiari intesa come minore presenza di più generazioni all interno della famiglia (sono diminuite le famiglie nelle quali vivono più generazioni) e l affermazione di una gamma di nuove strutture familiari che non esistevano (nelle ultime indagini l Istat ne ha codificate ben 41 tipi diversi). Segue una presentazione video di alcuni grafici. Tabella 1 Popolazione residente, numero di famiglie e numero medio di componenti per famiglia. Toscana e Italia 2011 numero medio di componenti per famiglia Regioni popolazione residente numero di famiglie Toscana ,3 Italia ,4 Fonte: Istat, Censimento della popolazione, 2011, dati provvisori La tipologia familiare più diffusa in Toscana e in Italia è quella costituita dalle coppie coniugate/conviventi con figli (Toscana: 33,4%; Italia: 35,8%): il loro numero si 2

3 mantiene su circa un terzo del totale, nonostante vi siano sempre meno giovani coppie con figli minori; ciò accade poiché aumentano le coppie adulte con figli adulti anni celibi/nubili che per ragioni connesse all allungamento dei percorsi formativi, alla difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro e alle difficoltà abitative, tardano ad uscire dalla famiglia di origine. All interno di questa categoria ricadono anche le cosiddette famiglie ricostituite, ossia famiglie in cui gli adulti della coppia provengono da precedenti matrimoni/convivenze conclusi e i figli possono provenire dalle unioni precedenti e/o da quella attuale. Queste famiglie, in ragione dell incremento delle separazione e divorzi, sono in netta crescita. La seconda tipologia familiare più diffusa è quella costituita dalle persone sole (Toscana: 30,3%; Italia: 30,2%): si tratta in prevalenza di persone sole anziane specialmente donne. Il fenomeno della loro crescita è connesso al generale allungamento della vita media e alla tendenza da parte delle persone anziane rimaste vedove a continuare una vita indipendente e a non inserirsi nella famiglia dei figli. A Firenze, la cui popolazione ha una struttura per età molto anziana, questa tipologia di famiglia ha superato quella delle coppie con figli. In questa categoria poi ricadono anche i single, giovani celibi/nubili o più spesso adulti separati/divorziati senza figli (o i cui figli sono rimasti con l altro genitore). La famiglia formata da coppie senza figli un tempo minoritaria ha registrato un importante crescita arrivando a quota 20% (Toscana: 21,7%%; Italia: 20,4%). Questa tipologia di famiglie è formata da giovani coppie e da coppie di anziani : infatti l incremento del numero di coppie senza figli è legato a due fenomeni: il più rilevante è dato dal calo delle nascite e quindi dalla scelta sempre più diffusa delle giovani coppie di non fare figli o di spostare in avanti la decisione di concepire il primo figlio; il secondo è dato dall allungamento della vita media che porta anche alla crescita del numero di coppie anziane i cui figli sono usciti dalla famiglia (i cosiddetti nidi vuoti ). Le famiglie mono-genitoriali, un tempo minoritarie hanno registrato un forte incremento (Toscana: 10,4%; Italia: 10,1%), in ragione dell incremento delle separazioni e dei divorzi. La maggior parte di esse hanno come genitore una donna che è nubile, o separata/divorziata; la minoranza costituita da famiglie in cui il genitore è un uomo. Le famiglie pluri-nucleo sono le famiglie in cui vivono più generazioni (nonni, genitori, figli..) o più coppie (es. coppie di fratelli/sorelle con i loro partner e figli). Tipiche del mondo contadino, un tempo molto diffuse in Toscana, sono oggi in forte calo (Toscana: 2%; Italia: 1,4%) E lo stesso Parlamento che delinea le tendenze in atto e le trasformazioni della famiglia con il Documento finale relativo all Indagine conoscitiva sulla condizione sociale delle famiglie in Italia, approvato dalla Commissione Affari sociali (aprile 2007). 3. Abbiamo visto un film insieme - Diverso da chi? di Umberto Carteni e ve lo raccontiamo 4. Famiglia e Costituzione Sono numerose le disposizioni della Carta Costituzionale che coinvolgono l argomento della famiglia. In primo luogo l art. 29 riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul 3

4 matrimonio. La terminologia utilizzata richiama l art. 2, il quale riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, ed è affermazione comunemente accettata quella che proprio la famiglia sia la più tipica delle formazioni sociali. Si parla ancora di famiglia nell art. 31 dove la Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia, protegge la maternità, l infanzia e la gioventù. E ancora nell art. 36 il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un esistenza libera e dignitosa. Mentre nell art.37 si dice che le condizioni di lavoro devono consentire alla donna lavoratrice l adempimento della sua essenziale funzione familiare. E importante osservare poi come nell art. 30 viene considerato il tema dei figli: E dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori dal matrimonio. Il contenuto di questa disposizione costituzionale ci interessa in quanto opera una netta distinzione fra filiazione, famiglia e matrimonio: i rapporti tra genitori e figli vengono finalmente liberati dalla menzione del vincolo matrimoniale. Vale la pena mettere in evidenza: - La radicale affermazione, contenuta nell art. 29 dell eguaglianza morale e giuridica dei coniugi (da notare l espressione coniugi e non moglie e marito) ridefinisce in profondità la nozione stessa di matrimonio, storicamente fondato, anche nella tradizione giuridica, sulla subordinazione femminile. - L interpretazione da assegnare all espressione società naturale con la quale la famiglia viene designata. Tale definizione infatti è stata giustamente considerata un ossimoro concettuale: come può una società naturale (cioè spontanea, pre-statuale) fondarsi su un istituzione giuridica come il matrimonio? La contraddizione può essere sciolta solo ritenendo che il matrimonio sia una delle forme che la famiglia può assumere, una forma storicamente determinata, ma non la sola possibile. L art.29 non esprime, neppure implicitamente, un giudizio di disvalore per altre tipologie familiari, come quella di fatto, che pure costituiscono a loro volta formazioni sociali pienamente adeguate allo sviluppo della personalità individuale. E la stessa Corte Costituzionale ad affermare che l art.29 non nega dignità a forme naturali del rapporto di coppia diverse dalla struttura giuridica del matrimonio (sentenza n. 310 del 1989). Non esiste dunque un concetto statico e immutabile di matrimonio, (la stessa introduzione, nel 1970, dell istituto del divorzio ne è una prova evidente); non esiste proprio grazie al richiamo alla naturalità. Ed è proprio qui che si apre il discorso sulla famiglia di fatto, ancora priva nel nostro paese di un intervento legislativo che ne individui le forme di garanzia e di riconoscimento. In Italia infatti esistono solo tracce normative dell esistenza delle unioni di fatto alle quali viene attribuita una limitata rilevanza per il diritto. E il caso ad esempio delle disposizioni contenute in alcuni Statuti Regionali, come quello della Toscana, che pone tra le finalità prioritarie della Regione, accanto alla tutela e alla valorizzazione della famiglia fondata sul matrimonio, il riconoscimento delle altre forme di convivenza. Per la Corte Costituzionale però a tali affermazioni non può essere riconosciuta alcuna efficacia giuridica. Vi sono poi i registri delle unioni civili istituiti in diversi comuni, che hanno però una rilevanza sostanzialmente politica (i comuni non possono introdurre nuovi diritti trattandosi di materia riservata al legislatore statale). - La questione irrisolta del matrimonio omosessuale. C è poi una categoria di soggetti che subisce una grave discriminazione, non potendo aspirare né a un unione civile registrata (per la mancanza di un istituto nel nostro ordinamento), né al matrimonio, come ha ribadito di recente la Corte Costituzionale con la sentenza n. 138 del 2010: le coppie omosessuali. L intervento della Corte era stato sollecitato a seguito del ricorso al giudice civile da parte di cittadini dello stesso sesso ai quali era stato rifiutato dall ufficiale di Stato civile di procedere alla pubblicazione di matrimonio. I ricorrenti avevano chiesto al Tribunale di ordinare all ufficiale di procedere alla pubblicazione di matrimonio (e quindi di riconoscere il diritto alle coppie omosessuali di contrarre matrimonio con persone del proprio sesso) e di conseguenza di sollevare la questione di legittimità davanti alla Corte Costituzionale delle disposizioni del codice civile che non consentono il matrimonio omosessuale. La risposta della Corte è stata nella sostanza negativa, pur non mancando nella motivazione alcune aperture da non sottovalutare (si afferma che anche l unione omosessuale, intesa come stabile convivenza tra due persone dello stesso sesso, è da annoverare tra le formazioni sociali di cui all art.2 della Costituzione e che le persone omosessuali sono titolari del diritto fondamentale di 4

5 vivere liberamente una condizione di coppia, ottenendone il riconoscimento giuridico con i connessi diritti e doveri ). Ad avviso della Corte però l interpretazione evolutiva dei concetti di famiglia e di matrimonio di cui all art.29 non potrebbe spingersi fino al punto di incidere sul nucleo della norma, modificandola inserendo problematiche non considerate in alcun modo quando fu emanata. Infatti la questione delle unioni omosessuali rimase del tutto estranea al dibattito svoltosi in sede di Assemblea costituente. I Costituenti elaborando l art.29 tennero presente la nozione di matrimonio definita dal codice civile entrato in vigore nel 1942 che stabiliva e tuttora stabilisce che i coniugi dovessero essere persone di sesso diverso. I Costituenti dunque intesero riferirsi al significato tradizionale di matrimonio del quale la Corte sottolinea la potenziale finalità procreativa, che vale a differenziarlo dall unione omosessuale. La sola via per un chiarimento definitivo riguardo alle possibili interpretazioni, sarebbe quella dell intervento legislativo, ma non possiamo ignorare che nel nostro paese l organo legislativo è fortemente influenzato dalle gerarchie cattoliche, dichiaratamente ostili al riconoscimento delle convivenze di fatto, soprattutto se di carattere omosessuale. Non a caso, l unica forma di riconoscimento delle unioni omosessuali oggi presente nell ordinamento italiano deriva da una (obbligata) attuazione della direttiva europea, che agevola l ingresso e il soggiorno in Italia del/della partner con cui il cittadino dell Unione sia legato da matrimonio o abbia una relazione stabile e documentata. Il che significa che oggi nel nostro paese, si riconoscono tali diritti dei coniugi e dei conviventi omosessuali stranieri, senza che i gay italiani possano invece formalizzare la loro unione. 5. Le famiglie arcobaleno Difficile orientarsi nelle problematiche proposte al concetto di famiglia dalle unioni gay e soprattutto dal desiderio legittimo di queste coppie di avere dei figli. Una complessità spesso risolta con nuove sperimentazioni in campo giuridico che si rendono necessarie anche per compensare situazioni di fatto mai viste prima e che lascerebbero in difficoltà dei minori. Le adozioni da parte di coppie omosessuali è legale in alcuni paesi europei come Regno Unito, Spagna, Svezia, Danimarca, Belgio, Norvegia, Paesi Bassi, Islanda, Francia. Ci sono paesi come la Germania, la Finlandia e la Groenlandia che non consentono adozione da parte di coppie omosessuali ma riconoscono a chi è in convivenza registrata con persona dello stesso sesso l adozione di figli naturali o adottivi del partner. In Irlanda i single possono adottare, sia che siano etero che omosessuali. In Itala la situazione è rigidissima: La Legge n. 184 del 4/3/1983 afferma che la dichiarazione di disponibilità all adozione può essere presentata solo da coppie sposate da almeno 3 anni o conviventi more uxorio sempre da almeno 3 anni, ma al momento della presentazione della dichiarazione la coppia deve risultare regolarmente coniugata. Ci sono poche deroghe al non matrimonio: quando gli adottandi hanno vincolo di parentela con minori orfani, quando il minore è orfano e portatore di handicap, quando non è possibile l affidamento. Quindi l adozione non è possibile da parte di coppie omosessuali per il semplice motivo che queste non possono sposarsi e quindi non possono dichiararsi disponibili all adozione. Da segnalare che la Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo a febbraio 2013 ha accolto il ricorso di una donna austriaca che si era vista rifiutare la richiesta di adottare il figlio della compagna. Si è riconosciuta la discriminazione per l orientamento sessuale della donna, in quanto in questi casi l adozione è normalmente possibile. Il ricorso all utero in affitto è quindi un fenomeno in forte crescita un po in ogni parte del mondo, perché risponde a quelle lacune legislative che regolano materie molto delicate, come l infertilità o il desiderio di maternità in situazioni particolari. Il Parlamento Europeo si è recentemente espresso contro la surrogazione della maternità perché costituisce sfruttamento del corpo e degli organi riproduttivi femminili e le donne ed i bambini convolti potrebbero essere considerati merci sul mercato della riproduzione, andando ad incrementare le tratte di persone. Inoltre le donne che si prestano a questa pratica sono spesso donne indigenti e bisognose, che accettano di mettere al mondo un figlio che lasceranno subito perché spesso costrette da condizioni di vita molto misere. 5

6 I numeri del fenomeno non si conoscono realmente a livello mondiale, perché le leggi e le regolamentazioni nei vari paesi sono davvero molto diverse fra di loro, sa nella gestione del periodo di gravidanza della madre surrogata sia nello stabilire la cittadinanza del bambino che nasce. Infatti, in molti casi è accaduto che ci sia stata grande confusione nel dichiarare quali fossero i genitori legali e la cittadinanza del bambino che nasce in un certo paese da genitori committenti provenienti da altri paesi; in alcuni casi il nuovo nato viene considerato apolide, cioè senza cittadinanza. Ci sono vari tipi di atteggiamenti fra gli stati: - Stati che proibiscono la pratica dell utero in affitto, come la Francia, la Germania il Messico, la Svezia, la Svizzera, nei quali la madre legale è sempre colei che partorisce. - Stati dove non c è regolamentazione ma non c è nemmeno divieto esplicito, come l Olanda, il Brasile, l Argentina, il Belgio, l Irlanda e il Giappone, ne quali è proibito il pagamento della pratica. - Stati in cui è permesso e regolamentato, che si dividono a loro volta in - paesi in cui si fa contratto preventivo di surrogazione, è vietato il pagamento della pratica ma è ammesso il rimborso spese dolore e sofferenza, la madre in alcuni di questi paesi ha il diritto di ripensarci e rifiutare di consegnare il bimbo ai committenti (Australi Ovest, Grecia, Israele, Sud Africa) - paesi dove solo dopo il parto si fa un contratto e la madre può non essere obbligata a cedere il bimbo, come la Cina, la Gran Bretagna, e parte del Canada. Poi ci sono paesi che hanno un approccio molto permissivo, e consentono il pagamento esplicito della prestazione; a seconda dei paesi vengono richiesti ai committenti requisiti diversi, e in alcuni stati la madre ha il diritto di recedere dall obbligo, in altri paesi no (India, Russia, Tahilandia, Uganda, Ukraina, vari stati dell ex U.R.S.S.) In molti di questi paesi sono sorti agenzie e centri specializzati che accolgono le donne che si prestano alla surrogazione della maternità e le coppie che arrivano dall estero per questo motivo. Nei paesi dove il fenomeno si sta allargando in misura allarmante ci si comincia ad organizzare: in India, ad esempio, è nata Instar, società indiana per la fecondazione assistita, che raccoglie esperti di infertilità, embriologi e giuristi che intendono darsi regole condivise per il rispetto ed il benessere delle madri surrogate, preso atto che quella delle mamme a noleggio è ormai un industria nazionale. E stato da loro recentemente stabilito un salario minimo per le donne ed un rimborso per le famiglie di quelle che dovessero morire per complicazioni legate al parto, ma indennizzi sono previsti anche per coloro che dovessero essere sottoposte ad asportazione delle tube o isterectomia. In Europa: in Spagna, le coppie gay possono sposarsi dal 2005 ed adottare, già dalla fine degli anni 80 la fecondazione assistita è possibile anche per single. La Spagna è una delle mete più gettonate per le coppie italiane che vogliono avere figli, e molte coppie lesbiche italiane negli ultimi 20 anni hanno avuto figli grazie alla fecondazione in vitro fatta in Spagna. La presidentessa dell Associazione Famiglie Arcobaleno spiega che molte coppie lesbiche vanno in Spagna dove una delle due donne si sottopone a fecondazione, poi, incinta, torna in Itala come madre single. All altra madre, la cosiddetta madre sociale, sono negati diritti/doveri di genitore: affidamento in caso di decesso della madre biologica, possibilità di prendere decisioni su eventuali cure del figlio. Per finire un caso: il governatore della California ha di recente firmato una legge che permette di riconoscere la potestà di tre o più genitori su un bambino. La norma trae origine dal caso di una coppia di donne lesbiche con un figlio nato da fecondazione assistita, la cui relazione era finita in modo drammatico. Una delle due donne era finita in carcere, l altra in ospedale, quindi si era posto il problema della persona a cui affidare il bambino; si era fatto avanti il padre biologico, cioè il donatore di sperma, ma poiché la legge non gli riconosceva alcun diritto, il piccolo era stato affidato ad una nuova famiglia 6. I figli sono di chi li ama e li cresce non di chi li fa Il libro Sei come sei, edito da Einaudi nel 2013, della scrittrice italiana Stefania Mazzucco, parla di una famiglia un po particolare, formata da Eva e dai suoi due genitori, che non sono un padre e una madre, ma due padri. 6

7 Sono due genitori: sono due madri, due padri. che importanza ha? Sono due adulti che si amano, che vivono insieme e che hanno scelto di dedicarsi alla cura e all educazione di un bambino. Questo è quanto. Potrebbero anche essere due nonni, o due zii, o due vicini di casa. Quella che chiamano figlia potrebbe anche non essere davvero figlia loro. Perché i figli sono di chi li ama e li cresce, non di chi li fa Eva, quindi, è una bambina con due genitori che hanno la peculiarità di essere entrambi maschi. La qual cosa, tra l altro - dice lei - è di gran lunga preferibile ad averne uno di un sesso e uno dell altro ma separati, con un papà che vedi a ore, o ogni quindici giorni, come i carcerati Ad un certo punto, nel libro si parla di un quadro di un pittore spagnolo del 1600, Francisco de Herrera il vecchio, maestro del più noto Velasquez. Figura 1 - Francisco de Herrera il vecchio, San Giuseppe con Gesù (1645), Museo delle Belle Arti di Budapest Nella storia questo quadro, esposto nel Museo di Belle Arti di Budapest, è particolarmente importante perché la sua visione appassiona e coinvolge in modo particolare uno dei protagonisti, Giose (uno dei due padri di Eva), che da quel momento si convince sempre più del suo desiderio di paternità, tanto che dichiara alla figlia Eva che lei stessa sarebbe stata concepita al Museo di Budapest Cosa colpisce in particolare Giose nella visione di questo quadro, intitolato San Giuseppe con Gesù? In fondo sono state fatte innumerevoli versioni della Sacra Famiglia Riportiamo un pezzo del racconto: Giose si voltò, e si vide. Il quadro si intitolava San Giuseppe con Gesù, ma l uomo raffigurato, in camicia azzurro indaco, avvolto in un morbido mantello giallo, non aveva niente che facesse pensare a San Giuseppe. E neanche il bambinoritratto con naturalezza- aveva nulla di divino, e se non avesse tenuto tra le piccole mani una corona di spine Giose non avrebbe mai indovinato che fosse Gesù. Anzi, inizialmente lo aveva addirittura scambiato per una bambina, poiché indossava una camiciola rosa. Nessuno dei due aveva l aureola. Per lui erano solo un padre, ancora giovane, nemmeno quarantenne, con i capelli lunghi e la barba scura, insieme a suo figlio riccioluto e biondo. Non si somigliavano. Non avevano lo stesso sangue. Se ne stavano seduti su un sasso, al limitare del bosco, fra gli alberi. Il padre teneva il figlio in braccio con dolcezza. L amore che provava per il bambino emanava una specie di luce, un alone dorato che illuminava entrambi. Quel sentimento era visibile ( ) Giose non aveva mai visto un quadro simile. Né l avrebbe visto fuori dallo Szépmuvészeti Mùzeum. I pittori italiani non hanno trovato colori e sentimento per la paternità degli uomini. Solo per quello di Dio. Il loro Giuseppe è spesso un vecchio casto e canuto; e con il bambino in braccio c è sempre la Madonna. È la maternità che celebrano e che li commuove. ( ) Giose lacrimava senza ritegno nella sala spagnola del Museo delle Belle Arti di Budapest, guardando la felicità inattesa di Giuseppe e del bambino ( ) niente gli sembrava più sconvolgente e desiderabile che tenere. 7

8 un giorno anche lui, fra le braccia, così, suo figlio. Un figlio che magari non sarebbe stato suo - come Gesù non era di Giuseppe. Anche lui avrebbe amato suo figlio, chiunque fosse, di un amore visibile come la firma di Francisco de Herrera, capace di illuminare l oscurità del bosco». Una descrizione del dipinto: La raffigurazione di padre e figlio è tenera e allo stesso tempo forte perché i due protagonisti sono in stretto contatto e al contempo evidenziano una grande autonomia individuale. San Giuseppe tiene il Bambino sulle ginocchia e lo trattiene con una mano; il suo sguardo è rivolto verso il basso, ma non sul Figlio, come a indicare che il legame con i figli è prendersene cura, ma senza atteggiamenti possessivi atti a creare dipendenza. La storia narra che a Giuseppe fu affidata la giovane Maria, e proprio per simboleggiare la sua unione verginale con lei, nel quadro Giuseppe stringe in mano dei fiori di mirto bianco. Anche il Bambino tiene nella piccola mano una corona, ma di spine, ad indicare la sua futura passione. Con gli occhi guarda in alto, ma non San Giuseppe, bensì il Padre celeste, al quale sembra presentare quelle spine, pegno della salvezza del mondo; la mano sinistra aperta verso il basso pare proprio alludere all'umanità intera. Storicamente, la rappresentazione nei quadri religiosi, del padre terreno di Gesù si diffonde soprattutto dopo la Controriforma e diventa piuttosto popolare in Spagna. Testimonianza ne è il fatto che vennero prodotte altre opere simili al quadro esposto a Budapest, come quella dello stesso autore esistente nel Museo di Madrid. Nel libro si parla anche di un altra tela sullo stesso tema, esposta nella stessa sala della precedente, di un pittore vissuto nello stesso periodo di Herrera. L artista è un certo Antonio de Pereda, e il quadro raffigura Gesù bambino insieme non a San Giuseppe, ma a Sant Antonio da Padova. Anche questo dipinto colpisce Giose come quello di Herrera perché mostra un legame molto forte fra l adulto ed il bambino, fatto di tenerezza e bisogno di protezione. ( ) i due erano su una balaustrata aperta, su un paesaggio mediterraneo di verdi cipressi e di montagne azzurre ( ) circondati da un asilo di angeli bambini, il santo e Gesù si comportavano come se fossero soli. Antonio lo avvolgeva con tenerezza in un panno ( ) mentre il bimbo che sembrava avere poco più di un anno, gli tastava il viso come volesse accertarsi che non lo avrebbe mai lasciato. Figura 2 - Antonio de Pereda di Valladolid, Sant Antonio da Padova con Gesù (1600), Museo delle Belle Arti di Budapest. Un particolare evidente è che anche in questa rappresentazione i due non hanno l aureola, come a sottolineare la loro umanità. 8

9 7. Tratto dal libro Il profeta di Gibran Kahlil In uno dei ventisei sermoni su aspetti specifici del rapporto dell uomo con il suo simile il profeta Almustafa parla dei figli dicendo: I vostri figli non sono i vostri figli. Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di sé. Essi non provengono da voi, ma per tramite vostro, e benché stiano con voi non vi appartengono. Potete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri, perché essi hanno i propri pensieri. Potete alloggiare i loro corpi ma non le loro anime, perché le loro anime abitano nella casa del domani, che voi non potete visitare, neppure in sogno. Potete sforzarvi d essere simili a loro, ma non cercate di renderli simili a voi. Perché la vita non procede a ritroso e non perde tempo con ieri. Voi siete gli archi dai quali i vostri figli sono lanciati come frecce viventi. L arciere vede il bersaglio sul sentiero dell infinito, e con la sua forza vi tende affinché le sue frecce vadano rapide e lontane. Fatevi tendere con gioia dalla mano dell arciere; perché se egli ama la freccia che vola, ama ugualmente l arco che sta saldo. 8. Sul Questionario sulla famiglia promosso da papa Bergoglio Città del Vaticano, 5 novembre 2013 La sala stampa della Santa Sede pubblica oggi - in appendice al documento preparatorio del Sinodo sulla Famiglia convocato per il prossimo ottobre da Papa Francesco - il questionario sui temi più problematici della pastorale familiare, nel quale si chiede ai fedeli di esprimersi su temi come la contraccezione, le coppie di fatto, etero e gay, e la comunione ai divorziati risposati. Una svolta epocale per la Chiesa, voluta da Papa Francesco in vista del Sinodo sulla Famiglia convocato per ottobre I fedeli, se vogliono, potranno anche inviare direttamente le loro risposte in Vaticano. Il questionario, che finora era stato diffuso solo dai vescovi inglesi e da alcune diocesi statunitensi, è da oggi ufficialmente consultabile sul sito della Santa Sede ( ) che ha deciso quindi di rompere gli indugi e non aspettare che a renderlo pubblico siano le chiese locali, cui comunque è destinato il questionario con la raccomandazione di diffonderlo capillarmente. Il Papa vuole consultare le Chiese locali per affrontare le «sfide pastorali sulla famiglia». Nelle prime righe è messo nero su bianco il nuovo modo di procedere con i lavori, per rendere più efficace e partecipato il Sinodo stesso. La prima tappa sarà l'assemblea straordinaria dell'ottobre 2014, che dovrà «precisare la situazione e raccogliere testimonianze e proposte dei vescovi». La seconda tappa sarà il Sinodo ordinario del 2015, «per cercare le linee operative per la pastorale della persona umana nella famiglia». Il documento, arrivato in questi giorni ai vescovi di tutto il mondo, si apre descrivendo le «problematiche inedite» che si sono presentate negli ultimi anni: la diffusione delle coppie di fatto, «che non accedono al matrimonio e a volte ne escludono l'idea», le unioni tra persone dello stesso sesso, «cui non di rado è consentita l'adozione di figli»; i matrimoni misti o interreligiosi, la famiglia monoparentale, «forme di femminismo ostile alla Chiesa», il diffondersi del fenomeno delle madri surrogate (utero in affitto). Ma soprattutto, «in ambito più strettamente ecclesiale, indebolimento o abbandono della fede» nel sacramento del matrimonio e nel «potere terapeutico» della confessione. 9

10 Diventa perciò «urgente» che l'episcopato mondiale rivolga la sua attenzione a questi problemi. «Se ad esempio si pensa al solo fatto - recita un significativo paragrafo - che nell'attuale contesto molti ragazzi e giovani, nati da matrimoni irregolari, potranno non vedere mai i loro genitori accostarsi ai sacramenti, si comprende quanto urgenti siano le sfide poste all'evangelizzazione dalla situazione attuale. Questa realtà ha una singolare rispondenza nella vasta accoglienza che sta avendo ai nostri giorni l'insegnamento sulla misericordia divina e sulla tenerezza nei confronti delle persone ferite: le attese che ne conseguono circa le scelte pastorali riguardo alla famiglia sono amplissime». Insomma, il documento, che risente dell'impronta del Papa, parla di grandi attese per una pastorale rinnovata verso le «persone ferite». Non chiude le porte né riduce tutto al semplice elenco delle già note posizioni dottrinali. La seconda parte del documento elenca in tre pagine i fondamenti biblici e il magistero della Chiesa sul tema del matrimonio e della famiglia. Infine, sono elencate 38 domande. LA FAMIGLIA E LA DIFFUSIONE DELLA SACRA SCRITTURA Ecco i quesiti relativi alla diffusione della Sacra Scrittura e del Magistero della Chiesa riguardante la famiglia. 1 - Qual è la reale conoscenza degli insegnamenti della Bibbia, della Gaudium et spes, della Familiaris consortio e di altri documenti del Magistero postconcilare sul valore della famiglia secondo la Chiesa Cattolica? Come i nostri fedeli vengono formati alla vita familiare secondo l insegnamento della Chiesa? 2 - Dove l insegnamento della Chiesa è conosciuto, è integralmente accettato? Si verificano difficoltà nel metterlo in pratica? Quali? 3 - Come l insegnamento della Chiesa viene diffuso nel contesto dei programmi pastorali a livello nazionale, diocesano e parrocchiale? Quale catechesi si fa sulla famiglia? 4 - In quale misura - e in particolari su quali aspetti - tale insegnamento è realmente conosciuto, accettato, rifiutato e/o criticato in ambienti extra ecclesiali? Quali sono i fattori culturali che ostacolano la piena ricezione dell insegnamento della Chiesa sulla famiglia? IL MATRIMONIO SECONDO LA LEGGE NATURALE 5 - Quale posto occupa il concetto di legge naturale nella cultura civile, sia a livello istituzionale, educativo e accademico, sia a livello popolare? Quali visioni dell antropologia sono sottese a questo dibattito sul fondamento naturale della famiglia? 6 - Il concetto di legge naturale in relazione all unione tra l uomo e la donna è comunemente accettato in quanto tale da parte dei battezzati in generale? 7 - Come viene contestata nella prassi e nella teoria la legge naturale sull unione tra l uomo e la donna in vista della formazione di una famiglia? Come viene proposta e approfondita negli organismi civili ed ecclesiali? 8 - Se richiedono la celebrazione del matrimonio battezzati non praticanti o che si dichiarino non credenti, come affrontare le sfide pastorali che ne conseguono? LA PASTORALE DELLA FAMIGLIA 9 - Quali sono le esperienze nate negli ultimi decenni in ordine alla preparazione al matrimonio? Come si è cercato di stimolare il compito di evangelizzazione degli sposi e della famiglia? Come promuovere la coscienza della famiglia come Chiesa domestica? 10 - Si è riusciti a proporre stili di preghiera in famiglia che riescano a resistere alla complessità della vita e della cultura attuale? 11 - Nell attuale situazione di crisi tra le generazioni, come le famiglie cristiane hanno saputo realizzare la propria vocazione di trasmissione della fede? 10

11 12 - In che modo le Chiese locali e i movimenti di spiritualità familiare hanno saputo creare percorsi esemplari? 13 - Qual è l apporto specifico che coppie e famiglie sono riuscite a dare in ordine alla diffusione di una visione integrale della coppia e della famiglia cristiana credibile oggi? 14 - Quale attenzione pastorale la Chiesa ha mostrato per sostenere il cammino delle coppie in formazione e delle coppie in crisi? SITUAZIONI MATRIMONIALI DIFFICILI 15 - (La domanda riguarda la cosiddetta convivenza ad experimentum, cioè una unione prematrimoniale per verificare la compatibilità dei fidanzati). E' una realtà pastorale rilevante nella Chiesa particolare? E in quale percentuale si potrebbe stimare numericamente? 16 - Esistono unioni libere di fatto, senza riconoscimento né religioso né civile? Vi sono dati statistici affidabili? 17 - I separati e i divorziati risposati sono una realtà pastorale rilevante nella Chiesa particolare? In quale percentuale si potrebbe stimare numericamente? 18 - Come si fa fronte a questa realtà attraverso programmi pastorali adatti? 19 - In tutti questi casi come vivono i battezzati la loro irregolarità? Ne sono consapevoli? Manifestano semplicemente indifferenza? Si sentono emarginati e vivono con sofferenza l impossibilità di ricevere i sacramenti? 20 - Quali sono le richieste che le persone divorziate e risposate rivolgono alla Chiesa a proposito dei sacramenti dell Eucaristia e della Riconciliazione? Tra le persone che si trovano in queste situazioni, quante chiedono questi sacramenti? ANNULLAMENTI (Molti non conoscendo questa possibilità o non avendo i mezzi per seguirla si sentono in peccato mentre potrebbero non esservi) Lo snellimento della prassi canonica in ordine al riconoscimento della dichiarazione di nullità del vincolo matrimoniale potrebbe offrire un reale contributo positivo alla soluzione delle problematiche delle persone coinvolte? Se sì, in quali forme? 22 - Esiste una pastorale per venire incontro a questi casi? Come si svolge tale attività pastorale? Esistono programmi al riguardo a livello nazionale e diocesano? Come viene annunciata a separati e divorziati risposati la misericordia di Dio e come viene messo in atto il sostegno della Chiesa al loro cammino di fede? UNIONI OMOSESSUALI 23 - Esiste nel vostro paese una legge civile di riconoscimento delle unioni di persone dello stesso sesso equiparate in qualche modo al matrimonio? 24 - Quale è l atteggiamento delle Chiese particolari e locali sia di fronte allo Stato civile promotore di unioni civili tra persone dello stesso sesso, sia di fronte alle persone coinvolte in questo tipo di unione? 25 - Quale attenzione pastorale è possibile avere nei confronti delle persone che hanno scelto di vivere secondo questo tipo di unioni? 26 - Nel caso di unioni di persone dello stesso sesso che abbiano adottato bambini come comportarsi pastoralmente in vista della trasmissione della fede? EDUCAZIONE DEI FIGLI (Il gruppo di domande è "sull educazione dei figli in seno alle situazioni di matrimoni irregolari"). 11

12 27 - Qual è in questi casi la proporzione stimata di bambini e adolescenti in relazione ai bambini nati e cresciuti in famiglie regolarmente costituite? 28 - Con quale atteggiamento i genitori si rivolgono alla Chiesa? Che cosa chiedono? Solo i sacramenti o anche la catechesi e l insegnamento in generale della religione? 29 - Come le Chiese particolari vanno incontro alla necessità dei genitori di questi bambini di offrire un educazione cristiana ai propri figli? 30 - Come si svolge la pratica sacramentale in questi casi: la preparazione, l amministrazione del sacramento e l accompagnamento? SPOSI E CONTRACCEZIONE 31 - Qual è la reale conoscenza che i cristiani hanno della dottrina della Humanae vitae sulla paternità responsabile? Quale coscienza si ha della valutazione morale dei differenti metodi di regolazione delle nascite? Quali approfondimenti potrebbero essere suggeriti in materia dal punto di vista pastorale? 32 - E' accettata tale dottrina morale? Quali sono gli aspetti più problematici che rendono difficoltosa l accettazione nella grande maggioranza delle coppie? 33 - Quali metodi naturali vengono promossi da parte delle Chiese particolari per aiutare i coniugi a mettere in pratica la dottrina dell Humanae vitae? 34 - Qual è l esperienza riguardo a questo tema nella prassi del sacramento della penitenza e nella partecipazione all eucaristia? 35 - Quali contrasti si evidenziano tra la dottrina della Chiesa e l educazione civile al riguardo? 36 - Come promuovere una mentalità maggiormente aperta alla natalità? Come favorire la crescita delle nascite? IL RAPPORTO FAMIGLIA-PERSONA 37 - Gesù Cristo rivela il mistero e la vocazione dell uomo: la famiglia è un luogo privilegiato perché questo avvenga? Quali situazioni critiche della famiglia nel mondo odierno possono diventare un ostacolo all incontro della persona con Cristo? 38 - In quale misura le crisi di fede che le persone possono attraversare incidono nella vita familiare? Ci sono altre sfide e proposte riguardo ai temi trattati in questo questionario, avvertite come urgenti o utili da parte dei destinatari? Da Il Fatto Quotidiano, 6 novembre 2013 *** Trentotto domande su famiglia, unioni di fatto, contraccezione, legami omosessuali rivolte al basso, alle famiglie, al popolo dei credenti. La rivoluzione di papa Francesco compie un altro passo in avanti. Semplice come l uovo di Colombo, audace come il passaggio dalla monarchia assolutista a un governo in cui il capo ascolta il suo popolo. Da 50 anni, da quando Paolo VI tolse al Concilio la facoltà di occuparsi della contraccezione e volle risolverlo con l enciclica Humanae Vitae (persino contro il parere della maggioranza delle commissione da lui creata, che riteneva possibile l uso dei contraccettivi in certi casi), la Chiesa gerarchica dei celibi ha sempre spiegato dall alto qual è la verità, quali sono i dettami della natura, qual è il giusto modo di rapportarsi sul piano sessuale senza mai attingere all esperienza delle centinaia di milioni di uomini e donne che vivono questi legami. Per secoli il popolo dei credenti è stato trattato da gregge specialmente in questo campo, ora Francesco gli restituisce la parola. Lo fa senza mettere in discussione la dottrina, ma ponendosi come un prete che vuole confrontarsi con l esistenza dei suoi fedeli, i loro problemi, i loro interrogativi e bisogni. Il tenore delle domande che il Vaticano ha pubblicato ieri è di una disarmante concretezza e rende visibile l approccio strategico così ben descritto da Francesco nella sua intervistamanifesto alla rivista dei gesuiti Civiltà Cattolica: Chi oggi cerca sempre soluzioni disciplinari, chi tende in maniera esagerata alla sicurezza dottrinale, chi cerca ostinatamente di recuperare 12

13 il passato perduto, ha una visione statica e involutiva. E in questo modo la fede diventa una ideologia tra le tante. Ed ecco che le domande sono una sincera richiesta ai vescovi e al popolo credente di esprimere la realtà così com è. Perché non ha senso decidere in base a schemi e dettami astratti. Ad esempio, come si pongono le Chiese locali nei confronti della gente coinvolta in unioni dello stesso sesso? Qual è l attenzione pastorale rivolta a queste persone?. E ancora più importante nel caso che una coppia gay abbia adottato figli, cosa è possibile fare pastoralmente alla luce della trasmissione della fede?. E ancora i genitori (delle coppie omosessuali) come si rapportano alla Chiesa?. Di colpo intere categorie trattate in passato come lebbrosi e in tempi recenti come i samaritani al tempo di Gesù (quelli condannati per un modo di vivere sbagliato, non come i giusti farisei!) diventano persone a cui rivolgersi con attenzione umana inscindibile da quella pastorale. Alla Chiesa wojtyliana e ratzingeriana che già sapeva cosa dire ai divorziati risposati un no secco alla richiesta di poter fare la comunione Francesco contrappone la semplicità del questionario: Che domande pongono i divorziati risposati alla Chiesa riguardo ai sacramenti dell eucaristia e della riconciliazione? Tra quelle persone, che si trovano in questa situazione, quanti chiedono questi sacramenti? Una semplificazione dei procedimenti canonici nel riconoscere la dichiarazione di nullità del legame matrimoniale potrebbe favorire un contributo positivo alla soluzione dei problemi delle persone coinvolte?. La prima lezione che si trae da questo evento è che per la prima volta un papa vuole ascoltare ciò che le Chiese locali dicono dal basso, in ogni parte del mondo. Ma c è un secondo aspetto significativo che riguarda le difficoltà che la rivoluzione di Bergoglio incontra e incontrerà. Il questionario è stato mandato alle conferenze episcopali tempo addietro. Soltanto i vescovi d Inghilterra e del Galles hanno colto lo spirito della svolta di Francesco e hanno messo immediatamente in Internet il questionario, chiedendo esplicitamente ai fedeli di rispondere. Con una trasparenza totale, stimolando gli interlocutori nella loro precisa esperienza di vita. A uno a uno: laici, genitori, catechisti, membri di associazioni, preti, cappellani ecc. La maggioranza degli episcopati, dall Italia agli Stati Uniti, si è tenuta invece per sé il questionario: nell ottica tradizionale di elaborare dall alto o con prudenti consultazioni ben guidate le risposte da mandare al papa (formalmente alla segreteria del Sinodo dei vescovi), che le chiede entro tre mesi. È stato per questo che Francesco ha dato l ordine di rendere pubblico al mondo l intero il contenuto del questionario. E in questa linea il segretario del Sinodo, mons. Lorenzo Baldisseri, ha comunicato alla stampa che ciascun fedele può mandare direttamente le sue risposte in Vaticano. Francesco può pure incontrarsi regolarmente con il pontefice emerito Benedetto e intrattenere con lui rapporti cordiali di stima e di affetto sincero. Ma niente come l iniziativa del questionario caratterizza meglio il rovesciamento di prospettiva e di azione del governo di Bergoglio rispetto ai metodi del pontificato di Wojtyla e di Ratzinger. La Chiesa sta vivendo una rivoluzione. Purtroppo, pensano molti prelati. 13

14 Preghiera eucaristica Vogliamo coltivare le relazioni positive e tutti gli aspetti - dentro e fuori dalle famiglie e dalle comunità nelle quali viviamo - che producono serenità, benessere, creatività, consapevolezza e libertà. Vogliamo coltivare l intreccio tra le generazioni perché è fonte di sapienza, di equilibrio, di felicità. Vogliamo coltivare la consapevolezza che i figli e le figlie non ci appartengono, non sono fatti per rispondere alle nostre aspettative, ma sono frecce che vanno verso la vita che è loro davanti. Vogliamo affermare che siamo responsabili di tutti i piccoli, di tutti i figli, e non solo dei nostri, perché pensiamo di essere legati da una umanità e fratellanza universale. Vogliamo credere nell umanità e nelle possibilità creative e positive dei ragazzi e delle ragazze e di tutti i giovani. Vogliamo mostrare a noi stessi e ai nostri figli e nipoti che è possibile intrecciare mani e piedi, intelligenze ed emozioni, per sconfiggere i disegni di chi ci vuole imporre il dominio della paura, del consumismo, del denaro, della competizione. Vogliamo affrontare la vita in un modo alternativo a quello presente in cui conta solo il denaro e il possesso di beni; e mostrare che è possibile vivere e essere felici con poco. Ci sembra che questo sia anche il messaggio contenuto nei Vangeli e nella testimonianza del cammino di Gesù il quale la sera prima di essere ucciso dai sacerdoti e dai potenti del tempo, mentre sedeva a tavola con i suoi apostoli, i suoi amici e le sue amiche, prese del pane, lo spezzò, lo distribuì loro dicendo: prendete e mangiatene tutti questo è il mio corpo. Poi preso un bicchiere, rese grazie, lo diede loro e tutti ne bevvero, e disse loro: questo è il mio sangue che viene sparso per tutti i popoli. Questo pane, questo vino, queste riflessioni e queste emozioni, questa comunità che li offre e li fa propri divengano segni di vita, di resurrezione, di liberazione dalle paure, dalle intolleranze, da ogni chiusura ed emarginazione e divengano segni della nascita di una cultura nuova nel segno del rispetto, della amicizia, delle relazioni positive tra tutti gli uomini, tra tutti i popoli. 14

CONVOCAZIONE STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO PASTORALE 12 dicembre 2013

CONVOCAZIONE STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO PASTORALE 12 dicembre 2013 Nei giorni 5 e 12 dicembre 2013 è stato convocato il Consiglio Pastorale della Comunità per riflettere sul questionario proposto quale strumento di lavoro per il Sinodo Straordinario sulla Famiglia indetto

Dettagli

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE III - Questionario Le seguenti domande permettono alle Chiese particolari

Dettagli

Piazza Matteotti, 22-50013 Campi Bisenzio Parrocchia info@pievedicampi.it - 055.892868

Piazza Matteotti, 22-50013 Campi Bisenzio Parrocchia info@pievedicampi.it - 055.892868 Contributo al documento preparatorio per il Sinodo straordinario dei Vescovi Parrocchia S. Stefano a Campi SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL

Dettagli

Ai parroci chiediamo di non pubblicare questa bozza di risposta. Grazie del vostro contributo.

Ai parroci chiediamo di non pubblicare questa bozza di risposta. Grazie del vostro contributo. BOZZA DI RISPOSTE AL QUESTIONARIO SULLA FAMIGLIA PER IL CONFRONTO NELLE PARROCCHIE IN VISTA DELLA STESURA DEFINITIVA DEL CONTRIBUTO DELLA DIOCESI DI REGGIO EMILIA Anche la Chiesa di Reggio Emilia-Guastalla

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

DECANATO ROMANA VITTORIA MILANO SINTESI ORGANICA

DECANATO ROMANA VITTORIA MILANO SINTESI ORGANICA DECANATO ROMANA VITTORIA MILANO SINTESI ORGANICA Premessa Le pagine seguenti, scritte a più mani, offrono una sintesi ragionata e condivisa dalla Commissione decanale di pastorale familiare che ha cercato

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE CLAUDIO CON FLAVIA AMERINI CENTRO DIOCESANO DI PASTORALE DELLA FAMIGLIA Il Sinodo: famiglia ed evangelizzazione Una "idea ingegnosa"

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Questionario per la preparazione del Sinodo ordinario sulla famiglia

Questionario per la preparazione del Sinodo ordinario sulla famiglia Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Questionario per la preparazione del Sinodo ordinario sulla famiglia Premessa Dal 4 al 25 Ottobre 2015 avrà luogo la XIV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi

Dettagli

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE Documento preparatorio Città del Vaticano 2013 I Il Sinodo: famiglia ed evangelizzazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

LA PAROLA DI DIO NELLA MISSIONE DELLA CHIESA

LA PAROLA DI DIO NELLA MISSIONE DELLA CHIESA Scuola Teologica di Base Seminario Maggio 2009: La Parola di Dio nella Missione della Chiesa. 15 maggio 2009 - Cottolengo Relatore: Roma Cristiana Terzo incontro: Come la pioggia e la neve Scrittura ed

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Il sacramento del Matrimonio

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Il sacramento del Matrimonio ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Il sacramento del Matrimonio 4 IL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO "Vivere il matrimonio come sacramento richiede alcuni impegni che voglio mantenere: la fedeltà,

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA FAMIGLIA

QUESTIONARIO SULLA FAMIGLIA ARCIDIOCESI DI FERMO QUESTIONARIO SULLA FAMIGLIA 1. Sulla diffusione della Sacra Scrittura e del Magistero della Chiesa riguardante la famiglia. a) Qual è la reale conoscenza degli insegnamenti della Bibbia,

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA?

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? Oggi la scienza può interferire coi processi riproduttivi, e modificarli in vitro al di fuori delle loro modalità naturali. Preliminarmente dobbiamo allora

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

Il Santo Viaggio AMORE! Illusione o Verità? (XVIII incontro) CONOSCERSI PER CAPIRE - CAPIRE PER AMARE. Valore della sessualità umana:

Il Santo Viaggio AMORE! Illusione o Verità? (XVIII incontro) CONOSCERSI PER CAPIRE - CAPIRE PER AMARE. Valore della sessualità umana: Il Santo Viaggio AMORE! Illusione o Verità? (XVIII incontro) CONOSCERSI PER CAPIRE - CAPIRE PER AMARE Valore della sessualità umana: E lecita la fecondazione extracorporea? Quando una coppia non riesce

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE S I N O D O D E I V E S C O V I III A S S E M B L E A G E N E R A L E S T R A O R D I N A R I A LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE DOCUMENTO PREPARATORIO CITTA DEL VATICANO

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2.

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2. PRESENTAZIONE È urgente dovere della Chiesa accompagnare la famiglia nelle diverse tappe della sua formazione e del suo sviluppo 1. Questo lavoro del dottor don Omar Larios Valencia, nato dall esperienza

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Diocesi di Aosta - 7 gennaio 2014 QUESTIONARIO DEL DOCUMENTO PREPARATORIO DELLA III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA DEL SINODO DEI VESCOVI

Diocesi di Aosta - 7 gennaio 2014 QUESTIONARIO DEL DOCUMENTO PREPARATORIO DELLA III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA DEL SINODO DEI VESCOVI Diocesi di Aosta - 7 gennaio 2014 QUESTIONARIO DEL DOCUMENTO PREPARATORIO DELLA III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA DEL SINODO DEI VESCOVI 1 - Sulla diffusione della Sacra Scrittura e del Magistero della

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Educare in spirito di famiglia

Educare in spirito di famiglia FESTA DELLA FAMIGLIA 26 GENNAIO 2014 Educare in spirito di famiglia È bello fare festa, dire sì con entusiasmo alla vita, ringraziare e lodare Colui che ne è l autore, godere per le cose belle che ci sono

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

M.C. Bartolomei Venezia, 27.09.2014 Convegno La riflessione di don Germano Pattaro sul matrimonio 1

M.C. Bartolomei Venezia, 27.09.2014 Convegno La riflessione di don Germano Pattaro sul matrimonio 1 1 Molto opportuna è questa iniziativa intesa a riprendere il pensiero di Germano Pattaro sul Matrimonio insieme all ecumenismo, uno dei nuclei caratterizzanti la sua eredità teologica, anche se non il

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

"Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale

Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale "Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale Uno dei catechismi più invidiati nel mondo redatto da una delle

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

1 - Sulla diffusione della Sacra Scrittura e del Magistero della Chiesa riguardante la famiglia

1 - Sulla diffusione della Sacra Scrittura e del Magistero della Chiesa riguardante la famiglia Montanaso Lombardo,6 Gennaio 2014 Alla cortese attenzione di Mons. Lorenzo BALDISSERI segretario generale del sinodo dei vescovi c/o Segreteria del sinodo dei vescovi via della conciliazione 34-00120 Città

Dettagli

Prima catechesi: PERCHÉ BATTEZZARE IL NOSTRO BAMBINO per il catechista accompagnatore dei genitori

Prima catechesi: PERCHÉ BATTEZZARE IL NOSTRO BAMBINO per il catechista accompagnatore dei genitori Prima catechesi: PERCHÉ BATTEZZARE IL NOSTRO BAMBINO per il catechista accompagnatore dei genitori Annotazioni preliminari Questo è il primo incontro di preparazione dei genitori al battesimo del figlio.

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Il sogno si fa vita: 30/40

Il sogno si fa vita: 30/40 Il sogno si fa vita: 30/40 Gianpiero Dalla Zuanna Dipartimento di Scienze Statistiche Università di Padova Azione Cattolica Italiana San Felice al Circeo Settembre 2012 Cosa dirò oggi Alcuni rumori di

Dettagli

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI 1. LE QUATTRO COSTITUZIONI CONCILIARI La Costituzione dogmatica sulla Chiesa Questo documento, il più solenne di tutto il Concilio, comincia con le parole «Lumen gentium»

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Per recepire in Diocesi la Amoris Laetitia

Per recepire in Diocesi la Amoris Laetitia Per recepire in Diocesi la Amoris Laetitia Le indicazioni del Vicario generale sull Esortazione apostolica del Papa, frutto di un ampia e articolata consultazione che ha coinvolto il Consiglio episcopale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Parrocchia di san Romolo a Bivigliano (diocesi di Firenze) Risposte al questionario sul Sinodo straordinario sulla famiglia

Parrocchia di san Romolo a Bivigliano (diocesi di Firenze) Risposte al questionario sul Sinodo straordinario sulla famiglia Parrocchia di san Romolo a Bivigliano (diocesi di Firenze) Risposte al questionario sul Sinodo straordinario sulla famiglia Queste risposte al questionario preparatorio per il Sinodo straordinario sulla

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

PRESUPPOSTI DOTTRINALI

PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità ecclesiale celebra le proprie Liturgie, ma nello stesso tempo non si dà pace, finché ci saranno fratelli e sorelle nella sofferenza spirituale e materiale" PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire.

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire. Diicembre 2013 Ill Verbo sii è fatto Carne Pio X era rimasto particolarmente colpito da una lettera scritta da Teresa di Lisieux alla cugina Maria Guérin il 30 maggio 1889. In essa voleva aiutare la cugina

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Media (Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione cattolica

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA Art 1 Il Dicastero è competente in quelle materie che sono di pertinenza della Sede Apostolica per la promozione della

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI QUESTIONARIO. in preparazione al SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA

ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI QUESTIONARIO. in preparazione al SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI QUESTIONARIO in preparazione al SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell evangelizzazione (Vaticano,

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli