2014 II Edizione giugno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2014 www.fabiomorici.it II Edizione giugno 2015"

Transcript

1

2 2014 II Edizione giugno 2015 Il progetto di questo ebook nasce da alcune precedenti pubblicazioni dell'autore su lecosecambiano.org/blog Pubblicazione non a scopo di lucro. In copertina: foto di proprietà dell'autore.

3 Ringraziamenti: Ringrazio tutte le persone, le associazioni e le testate che hanno supportato #RightsAddict. Alcune di loro sono citate più avanti nel libro. Ringrazio il progetto Le Cose Cambiano che mi ha dato modo di misurarmi con queste importanti tematiche, sia attraverso il blog, sia attraverso gli incontri nelle scuole per Da questi testi, grazie al sostegno dell' Assessorato alla Scuola, Infanzia, Giovani, e Pari Opportunità del Comune di Roma e alla collaborazione con l'associazione I Mondi Diversi è nato lo spettacolo #RightsAddict Show Libertà di essere. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del progetto.

4 Non fare agli altri quello che vorresti fosse fatto a te. I loro gusti potrebbero essere diversi. George Bernard Shaw

5 Indice I diritti sono troppo belli per non condividerli Munch Hetero initiative for equal rights [1/5] Ricomincio dal tre Dalla parte dei diritti Non esistono vie di mezzo Due chiacchiere con Lez Pop Magazine Hetero initiative for equal rights [2/5] Un sogno di mondo Più torte per tutti! Cake Pride Famiglia e basta Due chiacchiere con Queerblog Hetero initiative for equal rights [3/5] Diventa chi sei Degas Rimani chi sei Monet Per ogni santo diritto Due chiacchiere con I Mondi Diversi Hetero initiative for equal rights [4/5] Supereroi Per cosa lottare Il mondo si ricorderà Anticorpi Due chiacchiere con Di'Gay Project Hetero initiative for equal rights [5/5] Fobia Gradienti Unidiverso Multiverso Renoir Quarta di copertina

6 I diritti sono troppo belli per non condividerli I diritti fondamentali appartengono alle persone, tutte, non a dei sottoinsiemi, per quanto grandi possano essere. Uomini e donne sono sottoinsiemi. Bianchi, neri, gialli sono sottoinsiemi. Etero, gay, lesbiche, transessuali: sottoinsiemi. Nessuno di questi sottoinsiemi può avere più diritti degli altri. I diritti o sono di tutti o non sono diritti. Se mancano a qualcuno, di fatto non ce li ha nessuno. Perché chi li ha, in realtà ha dei privilegi. I diritti sono la cosa più bella che gli esseri umani abbiano inventato e conquistato. Ma se sono negati a qualcuno perdono la loro essenza, e diventano qualcosa di arido, sterile. Se volete avere la soddisfazione di chiamarli diritti, se volete godere della loro forza e della loro bellezza, dovete essere disposti a condividerli. ^

7

8

9 Ricomincio dal tre Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. [Costituzione della Repubblica Italiana, Articolo 3, 1947] Pieno sviluppo della persona umana : è un concetto di un'ampiezza disarmante. Poetico. Persona umana: significa che nessuno è tagliato fuori. Significa che non c'è alcuna scusa lecita per negare un diritto a un altro essere umano. Anche perché, se oggi accetti un motivo qualunque per escludere qualcuno da un diritto della persona, accetti anche che domani l'escluso potresti essere tu. ^

10 Dalla parte dei diritti I diritti, se non sono di tutti, sono privilegi. Finché ci saranno persone alle quali vengono negati diritti a me concessi, perché sono uomo, eterosessuale, bianco, comunitario, io sarò ingiustamente un privilegiato. Qui non si tratta di essere dalla parte di una categoria o l altra. Ma di essere dalla parte dei diritti. Sempre. Volerne sempre di più, per tutti. Non saziarsi mai. Essere drogati di diritti. Andare in overdose. Anche perché questi diritti non sono a edizione limitata, non sono contati. Si possono moltiplicare all'infinito. Ed estenderli non li toglie a chi già li ha. Possiamo farlo, nessuno ce lo può impedire. Li abbiamo inventati noi i diritti! Il matrimonio, per esempio, è un istituto inventato dall'uomo. Non è qualcosa di dato che esiste da sempre. Non è una legge fisica. Non cresce sugli alberi, non esce dall'acqua. E così come lo abbiamo creato, possiamo modificarlo. Se domani due donne si sposassero, non ve ne accorgereste nemmeno. A meno che non vi invitino al matrimonio, certo. ^

11 Non esistono vie di mezzo Se è vero che non possiamo cambiare le leggi degli altri Paesi, abbiamo almeno il dovere di aumentare sempre di più la distanza tra noi e certe visioni del mondo. Non si può reagire con le mezze misure, con i compromessi. Bisogna andare in direzione diametralmente opposta. Perché se accetti un compromesso in materia di diritti, finisci sulla stessa scala di chi i diritti li nega ferocemente. Non possiamo stare sulla stessa scala di un Paese dove se ami qualcuno del tuo stesso sesso finisci in carcere. Anche fossimo posizionati su un gradino lontanissimo. Dobbiamo stare proprio su un'altra scala. Se esistono luoghi dove un omosessuale rischia l'ergastolo, noi qui non possiamo più permetterci di discutere se accettare o no i matrimoni tra persone dello steso sesso, se accettare o meno le famiglie omogenitoriali. Dobbiamo farlo e basta. Quello che non si può accettare non è tanto che qualcuno abbia un ritardo culturale, quanto che ce lo abbia lo Stato e le leggi. Non si può essere moderati in materia di diritti. Bisogna andare in all in, per usare una metafora del poker. Giocarsi tutto, per vincere tutto: cioè la parità totale. Un paese che si definisce avanzato dovrebbe essere baluardo dei diritti, di tutti i diritti, dei diritti di tutti.

12 Bisogna mostrare un'alternativa netta a certe idee di mondo. Altrimenti, anche se molto lontani, finiamo sulla stessa scala di chi commette crimini contro l'umanità Faccio un esempio blando: se butti una bottiglia di plastica in spiaggia, sei sulla stessa scala di chi nasconde rifiuti tossici sottoterra. Molto lontano, d'accordo, ma la scala è la stessa. L'ambiente o lo rispetti o non lo rispetti. Non esistono vie di mezzo. Gli esseri umani, o li rispetti o non li rispetti. Non esistono vie di mezzo. ^

13 Due chiacchiere con Lez Pop Magazine - L'Italia è l'unico paese dell'europa occidentale che non ha alcun tipo di riconoscimento per le coppie omosessuali, e per le loro famiglie. Secondo te perché? Si potrebbe liquidare l'argomento dicendo che siamo un Paese culturalmente più arretrato di altri. O più ipocrita. Ma credo che la maggior parte delle persone sia molto più avanti di quello che ci vogliono far credere nei dibattiti politici. O se non altro, più menefreghista: se domani approvano i matrimoni omosessuali, non ci sarà la rivoluzione. Tutti si accorgerebbero il giorno dopo che nella loro vita non è cambiato nulla. Però alle forze politiche interessa farci sentire fortemente divisi sui temi sociali ed etici. Poi certo, i bigotti esistono davvero e sempre esisteranno. Ma non è questo il problema, non dobbiamo cambiare loro. Solo la legge! È inammissibile vivere in un paese dove un omofobo ha più diritti di un omosessuale. Devono avere quantomeno pari diritti. Poi frequentare locali diversi. - Anche se la politica italiana resta ferma, secondo te le cose stanno cambiando rispetto alla questione dei diritti LGBT? Stanno cambiando nel senso che ormai il tema è all'ordine del giorno. Se ne parla in tv, al bar, a cena.

14 Non sono più argomenti trattati come se non esistessero. Ai politici oggi è richiesto di schierarsi chiaramente: pro o contro la parità dei diritti. C'è chi parla di parità totale, chi di compromessi, chi di mantenere la disparità (sì, succede anche questo!). E quando di un tema non si può più fare a meno di parlare, prima o poi bisogna affrontarlo davvero. ^ [Le domande sono di Milena Cannavacciuolo lezpop.it]

15

16 Un sogno di mondo Nel mio sogno di mondo, due bambini che si conoscono a scuola, si fanno tranquillamente domande tipo: quanti anni hanno i tuoi genitori? da che Paese vengono? di che sesso sono?. Nel mio sogno di mondo, immagini diverse raccontano la stessa identica cosa... Un uomo e una donna passeggiano nel parco mano nella mano. Due uomini si baciano teneramente, interrompendo la camminata. Una ragazza corre incontro al suo ragazzo che scende dal treno. Due donne col velo bianco avanzano raggianti sotto una pioggia di riso. Un bambino all'uscita di scuola corre incontro ai suoi genitori. Due vecchi nonni sposati da quarant'anni, uomini entrambi, si passano il vino al pranzo di Natale, con attorno tutta la famiglia. Nel mio sogno di mondo, il matrimonio lo può celebrare anche una suora. Lesbica. Nel mio sogno di mondo, dovreste pensare che ho scritto tutta una serie di ovvietà: Le sappiamo già queste cose! Le sanno anche i bambini! Nel mio sogno di mondo, questo libro non dovrebbe esistere.^

17 Più torte per tutti! La parità totale ci sarà solo quando il matrimonio avrà lo stesso nome per tutti, indipendentemente da chi si sposi. Naturalmente non si parla di matrimonio in senso religioso. Nessuno ha la pretesa che si accetti l'omosessualità in un mondo dove non si accetta ancora nemmeno la donna. Cercando di essere un po' più realistici, mi riferisco ovviamente al matrimonio civile, perché siamo tutti uguali davanti al Sindaco e ai testimoni. La paura di molti è che il matrimonio egualitario porti poi alle adozioni: bambini cresciuti da genitori dello stesso sesso... Omosessuali che educano figli! Ma perché l'omosessualità è così determinante? Cioè, a nessuno importa nulla della mia eterosessualità, perché invece l'omosessualità diventa la variabile più importante di una persona? Ci sono madri iperprotettive, padri immaturi, genitori assenti, genitori troppo esigenti, genitori cattivi, violenti, alcolizzati, disonesti e criminali. Perché l'unica cosa dalla quale vi interessa tutelare i bambini è l'omosessualità? È una fobia! Che poi quale sarebbe il trauma specifico che solo due genitori dello stesso sesso possono generare in un figlio? Cosa lo differenzia da tutti gli altri danni che i genitori da

18 sempre fanno coi figli? Non fatevi illusioni su questo: se vostro figlio vi considera due stronzi, che siate gay o etero conta davvero poco. Se creiamo un matrimonio apposito per gli omosessuali, la discriminazione resta. Le parole sono la prima arma di discriminazione. I cambiamenti culturali perciò partono proprio dalle parole, dai simboli, dalle immagini. Si ha paura solo di ciò che non si incontra tutti i giorni. Dobbiamo rendere ovvie quelle immagini che molti oggi respingono. Devono diventare familiari, scontate. Perfino banali. È il primo passo per farle accettare. I cake topper per esempio, quei pupazzetti in cima alle torte: quando entro in un negozio di bomboniere, accanto alle coppie di sposini uomo-donna, dobbiamo trovare anche quelli donna-donna e uomo-uomo. Perché tutti hanno diritto alla torta nuziale! ^

19

20 Famiglia e basta Genitori divorziati, genitori single, genitori vedovi, genitori dello stesso sesso, ragazza madre, ragazzo padre, figli adottivi, figli illegittimi, figli nati in provetta, fecondazione assistita, fecondazione eterologa, utero in affitto, figli cresciuti coi nonni, figli nati da genitori over 50, coppie senza figli... Quante sono le famiglie non-tradizionali? Quante realtà si possono discriminare con il concetto di famiglia tradizionale? Propongo di eliminarlo e sostituirlo con un concetto rivoluzionario, più aperto, più solido e più bello: famiglia. E basta. Da sola, così, senza aggettivi in più, è una parola meravigliosa che comprende tutti i nuclei affettivi esistenti al mondo. Non discrimina nessuno. Non fa sentire inadeguato nessun genitore. Non fa sentire emarginato nessun bambino. Non porta nessun adolescente al suicidio. La famiglia è una comunità di affetti, non un'ideologia. Se la famiglia è il fondamento della società deve seguirne i cambiamenti nel tempo. Altrimenti le resta indietro, diventa inadeguato a sostenerla e sospingerla. Se la società cambia, anche la famiglia cambia. E se cambia la famiglia, cambia anche la società. Sono due realtà interconnesse, che si specchiano l'una nell'altra. Non è possibile che di fronte ai molteplici e continui

21 mutamenti sociali, si risponda mantenendo un concetto immobile di famiglia. È una storia antica, si sa... C'è sempre chi prova a opporsi al movimento. Quando si scoprì che la terra girava intorno al sole, c'era chi la voleva ancora ferma... Ma a tutti quelli che non si arrendono all'evoluzione, va spiegato un concetto importante: l'unica cosa davvero contro natura, è l'immobilità. ^

22 Due chiacchiere con Queerblog - Come nasce un tuo video per la campagna #RightsAddict? In base a cosa scegli il tema? Mi sono sorbito una quantità estenuante di discorsi di politici e di gente che conosco. Mi hanno regalato una quantità preziosa di argomentazioni da smontare. Sono partito con un caposaldo, come la natura e sono andato poi a sbobinare le registrazioni nella mia testa per cercare tutte le argomentazioni vuote che avevo memorizzato. Nei video attacco quelle che considero più illogiche. La facilità con cui riesco a smontarle è disarmante. Quando discuti con qualcuno che la pensa diversamente da te, speri almeno di trovare una controparte stimolante. Su questi temi, le argomentazioni contrarie sono solo deprimenti. - Puoi raccontarci di qualche reazione particolare ai tuoi video? Un mio amico mi ha raccontato di averli fatti vedere a sua suocera, una persona molto molto bigotta. Lei non ha riso, ovviamente. Ma neanche sapeva come obiettare. É andata via turbata. E credo che turbare un po' le rassicuranti certezze di un bigotto, sia una grande vittoria. ^ [Le domande sono di Roberto Russo queerblog.it]

23

24 Diventa chi sei L'identità è un concetto sfuggente. In evoluzione o involuzione. Può arricchirsi o impoverirsi. Occorre una quantità enorme di anni per costruirsene una. C'è chi ci mette una vita intera. Comunque, presto o tardi, arriva un momento in cui l'identità si può dire formata. Diventiamo chi siamo. Nel bene e nel male. È come se avessimo messo una bandierina, una sorta di punto di non ritorno. Volendo poi possiamo continuare a cambiare, crescere ed evolverci ancora. O di nuovo involverci. Ma una volta che sei te stesso, non puoi più tornare a non esserlo. Tutto il resto della vita lo affronterai da te. L'identità diverrà la bussola per il resto delle tue scelte, azioni, errori, successi. Tutti hanno diritto a raggiungere se stessi, a diventare chi sono, a mettere quella bandierina. Poter compiere questo cammino è un diritto della persona. Di conseguenza, impedire a qualcuno di raggiungere il proprio sé è un crimine contro la persona. Perché se ti viene impedito questo cammino, di fatto, ti viene impedito di esistere. Se non puoi essere chi sei, semplicemente non sei. E se non sei non esisti. In senso fisico sì: cammini, respiri. Ma chi sei? Immaginate di avere la testa interamente coperta da una maschera senza espressione, senza occhi, né bocca, né naso. Immaginate che la vostra voce venga

25 sostituita da un rumore atono. Alle mani avete dei guanti. Il vostro corpo è avvolto da un abito senza colori, né forme. Ora immaginate di dover andare così a fare la spesa, uscire la sera, andare in palestra, a scuola, a lavoro. Non avete volto, né sesso, né età, né voce, né nome. Nessuno sa chi siete. Nessuno vi può conoscere o riconoscere. Eppure voi dentro sapete chi c'è sotto quella maschera asettica. Sapete chi siete. Sapete come vi chiamate, quanti anni avete, cosa amate e cosa odiate. Ma non potete condividerlo con nessuno. Siete imprigionati. Dentro voi stessi. Impedire a qualcuno di poter essere chi è, equivale a ucciderlo, ogni giorno, lasciandolo in vita. Se non è un crimine questo... ^

26

27 Rimani chi sei Il problema non sei tu, non è chi sei. Ma il contesto in cui vivi. Non sei tu che ti devi adattare. É il contesto che dovrebbe rendersi pronto ad accoglierti. Un sistema che funziona è in grado di far coesistere tutti. É chiaro che questa appare come la via più difficile e molti preferiscono fare il contrario: nascondere chi sono dentro, e mostrare all'esterno una versione omologabile di sé. Ma la lotta per i diritti va fatta proprio per ribaltare questo meccanismo. La violenza che la società fa sui singoli, va fermata. E non solo per difendere alcuni dei singoli, ma proprio per difendere il sistema intero. Perché la società è formata dai singoli, esiste perché esistono coloro che la compongono. Per questo il sopruso fatto a uno, mina l'organismo intero. Il benessere del sistema coincide con il benessere di ognuno. Così come il benessere di un corpo coincide con il benessere di ognuno degli organi che lo compongono. Se ti prendono a calci sullo stomaco, ne risente tutto il corpo. Il dolore non resta circoscritto, come se non riguardasse anche gli altri punti non colpiti. Non puoi isolare il dolore allo stomaco e per il resto sentirti bene, camminare, sorridere. Non puoi più fare niente finché non passa il dolore. Quel dolore ti tiene piegato

28 a terra, senza fiato. La società è come un corpo vivente. Il male fatto a uno, mina l'organismo intero. La mancanza di un diritto anche a una sola persona, è una ferita per tutti. Noi non siamo un corpo sano: ci sono persone che soffrono, ignorate dal diritto, che subiscono abusi e ingiustizie. E il loro dolore non può essere isolato come se non riguardasse anche le persone non colpite direttamente. Certi dolori sono e devono essere collettivi. Non possiamo isolare il dolore di chi non viene integrato, di chi viene additato, di chi viene considerato un errore. Ognuno di questi dolori tiene il corpo intero piegato a terra. ^

29

30 Per ogni santo diritto «Voi scindete i diritti civili e politici dal diritto umano, ma uno solo è il diritto di ciascuno e di tutti: di essere considerato persona e di esercitarne tutte le funzioni rispondenti alle sue facoltà.» Queste parole sono estratte dall'intervento di Anna Maria Mozzoni all'assemblea della Democrazia, a Roma... per chiedere l'estensione del diritto di voto alle donne. Data: La lotta per i diritti è sempre la stessa: qualunque sia il diritto negato è un diritto negato alla persona. Ma possibile che per ogni santo diritto dobbiamo rifare lo stesso estenuante imperverso, perverso cammino? La strada per il diritto di voto alle donne è stata lunghissima ed è passata attraverso mille inutili compromessi. Concedere solo il voto amministrativo, e non quello politico; concedere di poter votare, ma non di essere votata; e così via, fino all'ottenimento totale nel Stessi problemi per l'accesso delle donne alle professioni pubbliche: prima nessun accesso, poi qualcuno. Poi tutti tranne uno: la magistratura (diritto concesso solo nel 1963). A cosa sono servite tutte le opposizioni se non a ritardare qualcosa che era comunque inevitabile e giusto? Se fossimo stati presenti ai dibattiti dell'epoca,

31 avremmo sentito persone pro voto alle donne, e persone contro. Persone contrarie all'accesso delle donne agli impieghi pubblici e persone a favore. Quelle a favore avrebbero usato concetti semplici e banali, come diritti della persona o uguaglianza di fronte al diritto. Quelle contro avrebbero messo in piedi, con maggior creatività, contorte argomentazioni allo scopo di mantenere quello che di fatto era un privilegio. Ecco un esempio di cosa sosteneva chi si opponeva all'accesso delle donne in magistratura: On. Cappi: «nella donna prevale il sentimento sul raziocinio, mentre nella funzione del giudice deve prevalere il raziocinio sul sentimento»; On. Molè: «non si intende affermare una inferiorità nella donna; però da studi specifici sulla funzione intellettuale in rapporto alle necessità fisiologiche dell'uomo e della donna risultano certe diversità, specialmente in determinati periodi della vita femminile». Oppure, sentite quali potevano essere i problemi nel far votare le donne: "Siccome la scheda deve essere incollata e non deve avere alcun segno di riconoscimento, le donne nell'umettare con le labbra il lembo da incollare potrebbero, senza volerlo, lasciarvi un po' di rossetto e in questo caso rendere nullo il loro voto. Dunque, il rossetto lo si porti con sé, per ravvivare le labbra fuori dal seggio." (dal Corriere della Sera, 1946).

32 Se fossi stato vivo all'epoca, avrei preso queste fantastiche argomentazioni e ci avrei tirato su una bella serie #RightsAddict per l'estensione dei diritti alle donne. Senza webcam, certo. Avrei usato la radio! ^

33 Due chiacchiere con I Mondi Diversi - Per definire un certo tipo di mentalità, hai coniato il neologismo veterosessuale, ci spieghi cosa significa? Vetero significa vecchio, superato. Perciò i veterosessuali sono coloro che hanno una concezione vecchia, superata, della sessualità. Ma anche dell'essere umano e delle innumerevoli variabili che, per fortuna, lo costituiscono. Variabili che sono la nostra più grande ricchezza e che sono tutte dentro la natura. La natura non è in grado di generare qualcosa contronatura. Tutto ciò che nasce, in qualunque modo nasce, è natura. La natura è un insieme infinito che si espande ogni qual volta genera qualcosa che prima non c'era. - Ultimamente si torna a parlare di "soluzioni di compromesso". Secondo te si deve provare ad andare per gradi oppure bisogna puntare da subito alla completa equiparazione dei diritti? Ecco un altro grande dilemma. Se non puoi ottenere tutto, parti da qualcosa e poi continui un passo alla volta. Questo sembra logico. Meglio qualcosa che niente, sembra logico: ovvio che chi non ha niente si può accontentare di qualcosa. Il problema è che se ad esempio noi creiamo un matrimonio beta, resterebbe il matrimonio alfa esclusivo per gli eterosessuali. La discriminazione quindi resta. Faccio

34 un esempio: immaginate una città dove, che so, gli albini non possano circolare liberamente (mi scuso con gli albini per il pessimo esempio). Si instaura il nuovo Consiglio Comunale e decide che è ora di concedere diritti anche a loro. Come soluzione si decide di creare un nuovo quartiere solo per gli albini, poco fuori città, dove finalmente possono circolare liberi. Ebbene, quel quartiere sarebbe un ghetto, e la città resterebbe una città razzista. Uno Stato che crea un'unione apposita per gli omosessuali, salva un po' le apparenze, forse, concede senz'altro dei diritti in più. Ma rimane uno Stato un po' razzista. ^ [Le domande sono di Leonardo Pace imondidiversi.org]

35

36 Supereroi Hulk è verde, Mystica è blu, Superman è un alieno, Spiderman un freak, Batman ama i pipistrelli. I supereroi sono dei diversi, e per integrarsi hanno bisogno di una doppia identità, di una versione normalizzata di sé. L'accettazione passa sempre attraverso la mimetizzazione. La paura del diverso detta regole sociali ipocrite e meschine. Amalgama e allo stesso tempo isola. Accoglie e allo stesso tempo separa. Non puoi essere diverso e pretendere di fare le cose che fanno tutti. Il prezzo da pagare per essere se stessi, spesso è l'emarginazione. I supereroi sono soli. La paura del diverso si propaga, cerca vittime, genera diffidenza, trova capri espiatori. Il vicino diventa improvvisamente sospetto. Non è più come te, non potete più fare parte della stessa cerchia. E cominci a escludere invece che includere. Il tuo mondo diventa sempre più stretto. Gli impostori invece si espandono. E allora c'è bisogno di barricarsi. Di disegnare confini immaginari. Esci dall'europa, poi esci dall'italia, dichiari l'indipendenza della regione. Ma poi? I vicini sono ancora lì. Sono una razza inestinguibile. Esci dalla regione, dichiari l'indipendenza della provincia,

37 poi del comune dalla provincia. Circondi di mura la tua città, chiudi le porte, organizzi ronde e turni di guardia. Ora ti senti sicuro, forse... Ma è un'illusione, dura un attimo: i vicini sono ancora lì, ti guardano dalle tapparelle semi abbassate. Occhi ti spiano nel buio della notte... La paura del diverso non ti abbandona mai. Ora avresti davvero bisogno di supereroi. Mantelli, maschere, tute stravaganti, bizzarri travestimenti, la pelle verde di Hulk, la pelle blu di Mystica... Ma non li puoi invocare. Non puoi ammettere che la tua salvezza sta proprio nella diversità. Rientri a casa col fiato corto, cerchi di escogitare un piano. Sbarrare porte e finestre è inutile, prima o poi dovrai uscire per procurarti del cibo. Allora raduni le tue cose in fretta e salti in macchina: l'unica soluzione rimasta è la fuga. Tra le montagne, un vecchio rifugio segreto... Lontano da tutto, lontano da tutti. Niente più vicini. Niente più paura. Finalmente. Ora quello solo sei tu. Mentre io stasera esco a cena con Catwoman: «Ti donano i baffi, lo sai?» ^

38 Per cosa lottare Se scendi in piazza perché ti negano un diritto, lo capisco. Capisco che vuoi invadere le strade e gridare. Ma scendere in piazza perché sei contrario al fatto che qualcun altro ottenga un diritto, non lo capisco. Lo trovo assurdo e inquietante. É come se degli studenti universitari scendessero in piazza perché non vogliono che altri possano laurearsi. Ve lo immaginate? Cartelli del tipo: Mai più lauree dopo la mia!. O come se, non so, delle famiglie scendessero in piazza perché non vogliono che si formino famiglie diverse dalla loro. O come se delle persone formassero un gruppo di sentinelle per difendere il Paese dal pericolo dell'estensione dei diritti. Io non lo capisco. Lo trovo assurdo. E inquietante. A me sembra un tremendo spreco di energie. Dobbiamo scegliere bene per cosa lottare. Perché quando saremo morti, la nostra battaglia potrebbe sopravviverci. Diventerà la nostra eredità. Non sarebbe quindi meglio usare le proprie risorse per qualcosa di positivo? La forza interiore, l'energia o l'anima - a seconda di cosa crediate è il dono più grande che abbiamo, dobbiamo essere sicuri di non sprecarlo. Ne sei sicuro tu che lotti per impedire l'allargamento di un diritto? O tu che scrivi insulti sui muri, che stendi striscioni avvelenati, che gridi slogan di chiusura? Tutta

39 quella rabbia, quell'odio... Sei sicuro che non sia energia sprecata? Se riesci a impedire un giorno in più che qualcun altro abbia qualcosa in meno, cosa porti a casa? Io non ti capisco. Vorrei parlarti. Vorrei ascoltarti. Vorrei conoscere il sentimento che ti muove. O la paura che ti blocca. Vorrei chiederti: cosa ottieni schierandoti contro l'apertura, la condivisione, la parità, la solidarietà, la varietà, la bellezza, i colori, la gioia? Vorrei sapere: quando la sera ti metti a letto, spegni la luce, chiudi gli occhi... cosa hai portato di più nel tuo mondo? ^

40 Il mondo si ricorderà Voglio dire una cosa a voi che scegliete di schierarvi contro l estensione dei diritti. Una cosa che mi riempie di gioia. Ma una gioia crudele. Che nasce dalla consapevolezza che la vostra battaglia, non solo è infima e disumana, ma è anche e soprattutto vana. Perché alla fine, la storia vi supererà. Prima o poi i diritti si conquistano. L unica cosa che potete fare durante la vostra piccola piccola vita, è ritardare quel momento. Non avete altro scopo, non avete altro destino. Siete come una brutta squadra di calcio senza fantasisti, incapace di costruire un gioco, che sta lì chiusa a difendere la porta, a ritardare l arrivo dell inevitabile gol. Ma è solo questione di tempo. Il gol arriverà, la partita finirà, e voi con lei. Nessuno si ricorderà del vostro passaggio. Non scriveranno libri, non gireranno film su di voi. Il mondo si ricorderà di Rosa Parks che non ha ceduto il posto sull autobus a un bianco, del sogno di Martin Luther King e della folla a Lincoln Memorial. Di Nelson Mandela, della sua elezione a presidente, della fine dell apartheid. Il mondo si ricorderà di Harvey Milk e del movimento di liberazione omosessuale, di Emmeline Pankhurst e delle suffragette, delle lotte operaie, di quelle studentesche. Nessuno si ricorderà di quella moltitudine sterile di persone che, nella lotta per

41 l estensione dei diritti, stanno sempre dalla parte sbagliata della barricata. Il mondo ricorderà solo il giorno in cui nuovi diritti sono stati conquistati. Tutto il tempo che avete sprecato a rallentare la storia, verrà dimenticato in quel giorno. ^

42 Anticorpi I pregiudizi sociali sono come un virus. Si propagano di persona in persona. Si replicano di generazione in generazione. Diventando sempre più resistenti. Il modo migliore di combatterli è isolarli, metterli in quarantena e fare in modo che non si riproducano più. E trovare un vaccino. Per farlo occorre lavorare soprattutto su chi ha ancora la possibilità di formare gli anticorpi. Qualcuno che sta ancora inseguendo e cercando modelli, simboli, punti di riferimento. Qualcuno come gli adolescenti: il target perfetto per la crescita culturale di un paese. A quell'età si è ancora mentalmente predisposti all'apertura, all'arricchimento, alla crescita. Se impediamo ai modelli culturali arretrati di chiudere le menti dei più giovani, in futuro saranno adulti aperti, pronti alla condivisione. Se li spingiamo a empatizzare con chi subisce o ha subito, si creeranno gli anticorpi contro il virus. E saranno loro la cura. ^

43 Due chiacchiere con Di'Gay Project - Nell Italia di oggi, quale pensi che sia il messaggio più importante da far arrivare agli adolescenti e di cosa, secondo te, hanno più bisogno? Hanno bisogno di fiducia. Fiducia nel prossimo, nel futuro. Il messaggio più importante è la collaborazione, la coesistenza, la condivisione. Siamo troppo soli nelle società odierne. Non c'è l'abitudine a considerarsi un insieme, un gruppo. Io sono a favore delle singolarità, dello sviluppo delle differenze, dei talenti. L'espressione dell'individuo per me è al di sopra di ogni altro concetto. Ma il singolo, da solo, non è niente. Non ha scopo, non ha senso. Ed è povero. Io cresco perché incontro gli altri. Crescere insieme, questo forse è il messaggio più importante. Solo accettando le infinite sfumature dell'umano, solo accogliendole, cercandole, si può crescere come individuo e quindi come società. - Per quale motivo hai scelto di specificare che si tratta di un iniziativa "etero" per i diritti gay? Perché mi premeva far capire subito che non stessi lottando per qualcosa di mio. Qualcosa che manca a me. Se non avessi detto nulla, probabilmente la maggior parte degli etero avrebbe pensato che fossi omosessuale, e che stessi lottando per i miei diritti. Il

44 che sarebbe sembrato lecito, magari anche giusto, ma troppo ovvio. Lo scatto, nella mente di chi guarda i video, arriva proprio perché mi sto interessando di argomenti che non mi riguardano. Ma la verità è che invece mi riguardano, anche se in un senso più ampio. Io sono per la parità dei diritti. E deve essere chiaro che se sei contrario ad esempio ai matrimoni gay, sei contrario alla parità di diritti. La battaglia è per una società migliore. Sento una mancanza nello spazio nel quale vivo. E colmando questa mancanza, migliora lo spazio, la vita di tutti e quindi anche la mia. Perciò, ci sono anche io, in ultimo passaggio, tra i beneficiari di questa campagna. Ci siamo tutti. ^ [Le domande sono di Barbara Ballerio digayproject.org]

45

46 Fobia La fobia è una paura o repulsione irrazionale, illogica per qualcosa che non rappresenta realmente un pericolo. Il claustrofobico ha paura di entrare in ascensore. Chi soffre di agorafobia ha il terrore dei concerti negli stadi. L'acrofobico ha paura del vuoto. Poi ci sono fobie stranissime come la belonefobia, la paura degli aghi e degli spilli. L'elenco delle fobie è in continua evoluzione. Teoricamente si può essere fobici di qualsiasi cosa. Di solito il fobico, che si rende conto dell'irrazionalità della sua repulsione, si limita a evitare l'oggetto della sua fobia. Un fobico non pretende che si facciano leggi contro ciò per cui è fobico. Nessuno pretende che si costruiscano ascensori grandi come una salotto, che si vietino i concerti con più di dieci persone, che si puntino i fucili contro il vuoto. O che si smetta di produrre aghi e spilli! Poi c'è il soggetto omofobico. A differenza di altri fobici lui cerca di eliminare l'oggetto della sua fobia. E così l'omofobia non è più solo un disagio per la persona che la vive, ma è un pericolo per gli altri e per la società. L'omofobia sfocia in comportamenti violenti di vario genere e livello. Un omofobo non vuole che gli omosessuali si mostrino in pubblico, non

47 vuole che si integrino nella società, che abbiano i suoi stessi diritti. Non vuole che possano realizzarsi come le altre persone, amarsi, sposarsi, mettere su famiglia. Non vuole che si faccia informazione contro l'omofobia o che si leggano libri con storie d'amore tra persone dello stesso sesso. Si unisce con altri che hanno la sua stessa fobia, manifesta, crea organizzazioni e associazioni. L'unione fa la forza e insieme arrivano ad assalire, bullizzare, picchiare. Picchiare a sangue. Stuprare. Uccidere. Avete mai visto tutta questa violenza contro gli aghi e gli spilli? ^

48 Gradienti Il problema non è che ci sono diverse identità sessuali o diverse colorazioni di pelle. Il problema è che ce ne sono poche! Se ognuno di noi potesse nascere di un colore diverso, come fosse pescato dalla tabella dei 16 milioni di colori di photoshop, il razzismo non esisterebbe più. Il problema nasce quando le categorie sono poche e le distinzioni facili. Però, sono poche e facili anche per colpa di chi guarda e non solo della povera realtà. Perché anche se purtroppo siamo lontani dal meraviglioso mondo di Guerre Stellari, dove si va da Harrison Ford a Jabba the Hutt, se guardiamo bene, la natura ci offre una varietà sufficiente per essere un po' meno stronzi. Per esempio, i bianchi e i neri non esistono: io sono una specie di beige e Will Smith un qualche marrone. E siamo sullo stesso gradiente di colori: se ci mettiamo tutti in fila, i beige e i marroni, seguendo la gradazione di colore, dal più chiaro al più scuro, non è possibile trovare il punto preciso nel quale si passa dai bianchi ai neri. Perciò la chiusura mentale e culturale si combatte offrendo ancora più diversità, ancora più varianti: di etnia, di sesso, di sangue, di credo... Rendendo sempre più difficile capire in quale punto si passa da una categoria all'altra.^

49 Unidiverso Ci sono persone che hanno un valore chiamato normalità. E si sentono protette dentro quel valore, dentro quel recinto. In quel recinto ci possono stare solo le persone normali. Normali dal punto di vista di chi si sente normale, ovviamente. Se in quel recinto facciamo entrare la diversità, quella cioè che gli abitanti del recinto considerano anormalità, il loro valore della normalità viene intaccato. Il recinto perde i confini. Gli occupanti perdono le loro sicurezze. Sentono di perdere addirittura l'identità: Perché se la normalità comprende qualunque variabile pensano, cosa ci rende normali, allora? Se non è il colore della pelle, se non è il sangue, se non è l'orientamento religioso, né l'identità sessuale, cos'è che ci rende normali? Quel valore, quella parola, perderebbe di senso. E gli inquilini del recinto andrebbero nel panico. Perché hanno bisogno di sapersi normali. Di sapere di aver avuto la fortuna, se non addirittura la capacità, di essere normali. Gli abitanti del recinto credono che ci sia gente all'esterno che vuole occupare la loro terra. Rubargli il sudato raccolto. Lo spazio è poco, le risorse scarseggiano... Quello che dobbiamo far capire loro è che, in realtà,

50 non si sta cercando di far entrare gli altri dentro il recinto. No, al contrario: vogliamo liberare loro. Aprire i cancelli. Farli vivere liberi in uno spazio più grande. Aperto. Dove c'è più terra, più raccolto, più ricchezza. Dove è la diversità a essere un valore, perché la diversità è senza confini, non ha recinti, comprende tutti. Perché ciò che ci rende davvero uguali è che siamo tutti diversi. Diversi allo stesso modo: unidiversi. ^

51 Multiverso Dentro ognuno di noi c'è un universo. Per certi aspetti più complicato dell'universo intero. Sappiamo molto di più di cosa è accaduto da poco dopo il Big Bang in poi, miliardi e miliardi di anni, di quello che accade nella mente di un singolo individuo nell'arco della sua breve vita. O a volte perfino nell'arco di un giorno solo. Quel giorno in cui la tua migliore amica di colpo ti bacia e ribalta tutto. Quel giorno in cui tuo marito, con cui stai da vent'anni, ti molla per un altro. Quel giorno in cui il tuo compagno ti chiede finalmente di sposarlo. Quel giorno in cui la persona di cui ti fidavi di più ti volta le spalle per opportunismo. Quel giorno in cui tuo padre ti telefona dopo anni di silenzi. Quel giorno in cui tuo figlio adolescente sente che il mondo non lo accoglie più, e decide di togliersi la vita... Quel che accade nella mente di una persona in un istante, può essere più complesso di quello che nello stesso istante accade nel resto dell'universo. Come si fa a ignorare tutto questo? E allora: a tutti quelli che credono nello standard, che combattono la varietà; a tutti quelli che chiedono omologazione, che dividono tutto per categorie e

52 stereotipi; a tutti quelli che non accettano l'altro, che si raggruppano per colori, forme e gusti; a tutti quelli che chiudono i confini, che chiudono le porte, che chiudono la mente; a tutti voi, io dico: «NON SAPETE COSA VI STATE PERDENDO!» ^

53

54

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro di Cittadella Il manifesto degli studenti sul dialogo interculturale: scriviamolo insieme! INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ Il diverso che provoca il pregiudizio:

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli