Le complicazioni mediche non ipertensive della madre nella. multipla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le complicazioni mediche non ipertensive della madre nella. multipla"

Transcript

1 Le complicazioni mediche non ipertensive della madre nella gravidanza multipla Andrea L. Tranquilli, Paola Vitali Istituto di Scienze Materne e Infantili Scuola di Specializzazione in Ginecologia ed Ostetricia Università Politecnica Marche - Ancona (Direttore: Prof. A.L.Tranquilli)

2 Sommario Gemellarità: fattore di rischio? Anemia Edema polmonare TEV GDM Colestasi Adattamenti ormonali e metabolici Altre: papule, varici, lombalgia, Infezioni urinarie, psicologiche

3 La gemellarità: fattore di rischio ostetrico? Le gestazioni multiple sono gravate da un aumentato rischio di morbidità materna legata a una maggiore incidenza di complicanze cardiache, tromboemboliche, preeclampsia, diabete gestazionale, colestasi e dermatologiche. Mortalità materna aumentata di tre volte La necessità di ricorrere a terapia intensiva è doppia rispetto a quella delle gravidanze singole. Rischi fetali Rischi materni placentazione IUGR Adattamenti fisiolgici dell organismo materno Ipervolemia emodiluizione stasi del circolo venoso Patologie ostetriche classiche GDM anemia embolia varici ipertensione TTTS

4 La gemellarità: rischio di mortalità Of 4,992 pregnancy-related deaths in , 4.2% (209 deaths) were among women with multifetal pregnancies. The risk of pregnancy death among women with twin and higher-order pregnancies was 3.6 times that of women with singleton pregnancies (20.8 compared with 5.8). Women with multifetal pregnancies have a significantly higher risk of pregnancy-related death than their counterparts with singleton pregnancies; this holds true for all women regardless of age, race, marital status, and level of education. The leading causes of death were similar for women with singleton pregnancies and women with multifetal pregnancies: embolism, hypertensive complications of pregnancy, hemorrhage, and infection. LEVEL OF EVIDENCE: II-2 Pregnancy-Related Mortality Among Women With Multifetal Pregnancies MacKay AP, et al. Obstet Gynecol 2006;107:563 8

5 La gemellarità: rischio di mortalità Plurality-Specific Pregnancy-Based Mortality Ratios and Relative Risk Ratios for Cause of Death: United States, Cause of death Singleton MR Multifetal MR Risk Ratio* (95% CI) All causes ( ) Embolism ( ) Hemorrhage ( ) Hypertensive disorders of pregnancy ( ) Infection ( ) Cardiomyopathy ( ) Other medical conditions ( ) MR, mortality ratio: deaths per 100,000 pregnancies with a live birth. * Relative risk: multifetal mortality ratio/singleton mortality ratio. P.01. Pregnancy-Related Mortality Among Women With Multifetal Pregnancies MacKay AP. et al; Obstet Gynecol 2006;107:563 8

6 La gemellarità: rischio di complicanze materne ed ostetriche Adverse Maternal Outcomes in Multiple Compared With Singleton Gestations Outcome Singleton* gestation Multiple gestation (n = 869,854) (n = 15,484) Crude RR Adjusted RR n % n % (95% CI) (95% CI) Preeclampsia 38, , (2.2, 2.4) 2.2 (1.9, 2.5) Eclampsia 1, (2.4, 3.6) 3.0 (2.9, 3.3) Preterm labor 106, , (3.4, 3.6) 3.8 (3.6, 4.0) Anemia 58, , (1.6, 1.8) 1.8 (1.6, 2.1) Urinary tract infection 32, (1.2, 1.3) 1.3 (1.2, 1.3) Postpartum hemorrhage 40, , (1.8, 2.0) 2.0 (1.9, 2.0) Puerperal endometritis 42, , (1.8, 2.0) 1.8 (1.7, 1.9) Premature rupture of membranes 61, , (1.3, 1.4) 1.1 (1.0, 1.3) Third-trimester bleeding 11, (1.1, 1.4) 1.0 (0.8, 1.3) Cesarean delivery 154, , (2.7, 2.8) 2.5 (2.5, 2.6) Gestational diabetes mellitus 11, (1.6, 2.0) 1.3 (0.9, 1.7) Maternal death (1.0, 3.2) 1.7 (0.9, 3.5) * Reference group. Conde-Agudelo et al Maternal Morbidity and Mortality Associated With Multiple Gestations Obstetrics & Gynecology VOL. 95, NO. 6, PART 1, JUNE 2000

7 La gemellarità: rischio di complicanze materne ed ostetriche Patologie della gravidanza nella gravidanza gemellare vs. la gravidanza monofetale Patologie della gravidanza Gravidanza monofetale Gravidanza gemellare Diabete gestazionale (3-6%)* Preeclampsia (2,6 volte in più)** Metrorragia ante-partum Emorragia post-partum (ipo-atonia uterina) Vasa previa (1%)* Distacco di placenta (2%)* PROM (28,3%)* Polidramnios (4,4%)* Endometrite postpartum Papule e placche orticarioidi pruriginose (3%)* Disturbi psicologici (depressione post-partum) * = Incidenza nelle gravidanze gemellari; ** = Incidenza nelle gravidanze gemellari vs. le monofetali. AGGIORNAMENTO PERMANENTE IN GINECOLOGIA, OSTETRICIA E MEDICINA DELLA RIPRODUZIONE 2004

8 Adattamenti materni alla gravidanza multipla Un doppio lavoro?! Nel corso della gestazione il feto modula, attraverso segnali ormonali mediati dalla placenta, i meccanismi omeostatici della madre al fine di creare un ambiente interno ottimale per il proprio sviluppo. la presenza di più feti e la maggiore superficie placentare comportano modificazioni più importanti per l organismo materno mettendo in stato di stress molti organi e apparati. i meccanismi coinvolti nelle gravidanze multiple rappresentano una circostanza del tutto unica della gravidanza e non solo l accentuazione dei meccanismi fisiologici

9 Volume plasmatico e composizione del sangue Aumento del volume plasmatico 51% quindi di ~ 2 l nella gravidanza multipla vs 48% di ~1600 ml nella gravidanza singola Incremento della massa eritrocitaria materna : più tardivo e meno pronunciato rispetto a quello della componente plasmatica. Più importante nelle gestanti con più feti Fisiologica emodiluizione L ematocrito e la concentrazione emoglobinemica tendono a diminuire 10-10,5 g/100 ml verso le settimane. > volume plasmatico > Maggiori Incremento richieste massa di eritrocitaria ferro e acido folico Fabbisogno complessivo di ferro in gravidanza è di 1040 mg: 240 mg per il fabbisogno basale 450 numero mg per l'aumento dei feti della massa emoglobinica 350 mg per il feto e la placenta > tessuto placentare

10 ANEMIA I nelle gravidanze multiple è significativamente maggiore rispetto a quelle con singolo feto dall 8.8% al 21,5% nelle gravidanze gemellari Chittacharoen A. 2006, Ghazawi AH Hruby E 2007, Wen SW ,7% nelle gravidanze trigemine Anemia materna e rischio di di parto emorragia pretermine: nel postpartum Although not statistically significant, we detected an elevated risk è for maggiore stillbirth among sia nel anaemic parto women vaginale (20-30%) che nel cesareo e correlato alla più frequente incidenza di atonia uterina e di distocia Shumpert et al. Impact of maternal anaemia on birth outcomes of teen twin pregnancies: a comparative analysis with mature young mothers. J Obstet Gynaecol Jan;24(1):16-21 Of 171 twin vaginal deliveries, 41 (24%) were complicated by postpartum hemmorage (Suzuky et al. 2007)

11 Gestione clinica: ANEMIA Quando iniziare il trattamento? Qual è la migliore terapia? Non è necessaria una sorveglianza ematologica più assidua rispetto alle gravidanze singole E consigliabile aumentare l apporto di ferro con la dieta sin dal primo trimestre di gravidanza. Accanto ad una dieta equilibrata è necessaria una supplementazione profilattica di ferro (30 mg/die) e acido folico (1,0 mg per feto) Clin Obstet Gynecol Sep;41(3):564-83Ambulatory management of multiple gestation.gall SA..

12 EDEMA POLMONARE ACUTO Le gravidenze multifetali hanno un maggior rischio di sviluppare edema polmonare acuto Nelle gravidanze trigemine l incidenza di edema polmonare acuto risulta essere del 22% Poggi SH, Risk factors for pulmonary edema in triplet pregnancies. J Perinatol Sep;23(6): the late onset to the postpartum period mobilization of fluids combined with a 30% decrease in colloid osmotic La frequenza di questa complicanza può risiedere nell iponchia conseguente alla pressure. incremento del volume plasmatico a large portion of pulmonary edema was secondary to volume The diagnosis overload of from pulmonary vigorous edema intravenous was made hydration during the commonly antepartum associated period in with 47% tocolytic patients, use. the intrapartum period in 14% and the postpartum period in 39%. Anthony C. Acute Pulmonary Edema in Pregnancy OBSTETRICS & GYNECOLOGY; MARCH 2003

13 EDEMA POLMONARE ACUTO Maggior rischio nelle gravide bigemine trattate con ß simpatico mimetici Findik S, Acute pulmonary edema secondary to long-term use of oral ritodrine in a woman with a triplet pregnancy. Int J Gynaecol Obstet Chapuis Acute pulmonary edema during nicardipine and salbutamol therapy for preterm labor in twin pregnancy ;J Gynecol Obstet Biol Reprod (Paris) La minaccia di parto pretermine complica fino al 16,7% delle gravidanze multiple Although the lack of data prevents us from judging selezionare accuratamente la donne da sottoporre the efficacy of tocolytics such as calcium channel a trattamento (far bene diagnosi di MPP!!) blockers or oxytocin antagonists, it seems logical evitare to use them tocolisi as first-line con beta drugs, mimetici especially because of the increased risk of pulmonary edema in attenzione al secondamento ed al postpartum (moderazione multiple pregnancies nei liquidi with ed Bmimetics eventuale diuretico) Vayssière C.; Special management for threatened preterm delivery in multiple pregnancies. J Gynecol Obstet Biol Reprod 2002 Nov

14 TROMBOEMBOLISMO VENOSO ed EMBOLIA POLMONARE Una tra le principali cause di mortalità materna nel mondo occidentale La gravidanza comporta uno stato di ipercoagulabilità del sangue Fattori di rischio per tromboembolismo in gravidanza: Gravidanze gemellari taglio cesareo parto prima della 36ª sg BMI> 25 caratteristiche frequenti delle gravidanze multiple Un efficace prevenzione primaria ed un corretto management dell evento acuto costituiscono l obiettivo principale da realizzare nell ottica di limitare al massimo le sequele materne e feto-neonatali maggiore volume di distribuzione rispetto alle gravidanze singole difficoltà nel raggiungere i livelli terapeutici degli anticoagulanti!

15 IL GDM E PIU FREQUENTE NELLE GRAVIDANZE MULTIPLE? Sì Il GDM complica fino al 22% delle gravidanze trigemine Sivan E,et al. Impact of fetal reduction on the incidence of gestational diabetes. Obstet Gynecol 2002 JJournal of Maternal-Fetal Investigation 1997 August (3), : Incidence of Gestational Diabetes in Multifetal Gestations Saltzman 3, George Farmakides 1, Dev Maulik 1 Am J Obstet Gynecol Oct;181(4): Gestational diabetes mellitus: metabolic and blood glucose parameters in singleton versus twin pregnancies. Schwartz DB, Daoud Y, Zazula P, Goyert G, Bronsteen R, Wright D, Copes J. Aust N Z J Obstet Gynaecol Feb;38(1):56-7 The incidence of gestational diabetes in multiple pregnancy. Roach VJ, Lau TK, Wilson D, Rogers MS. Using American Diabetes Association criteria, this study showed an 8.6% (12/140) incidence of gestational diabetes in multifetal pregnancy compared with 2.8% (4/140) in singletons. The difference was statistically significant (P < 0.05). Gestational diabetes mellitus was increased in twins (7.7% vs 4.1%; P <0.05). Ogni feto addizionale aumenta il rischio di diabete di un fattore 1,8

16 IL GDM E PIU FREQUENTE NELLE GRAVIDANZE MULTIPLE? No l aumentata incidenza del diabete gestazionale nelle gravidanza gemellari non è stato confermato in tutti gli studi Obstet Gynecol Feb;75(2): A case-control study of 1253 twin pregnancies from a perinatal data base. Spellacy WN, Handler A, Ferre CD. J Natl Med Assoc Oct;87(10): Assessing the risk of gestational diabetes in twin gestation. Henderson CE, Scarpelli S, LaRosa D, Divon MY. There was no increased risk diabetes mellitus in mothers with twins. The incidence of gestational diabetes is similar for singleton and twin gestations. Arh Gynecol Obstet 2003 Risk for gestational diabetes and hypertension for women with twin pregnancy compared to singleton pregnancy. Buhling KJ, Henrich W, Starr E, Lubke M, Bertram S, Siebert G, Dudenhausen JW. Patient with TP did not have a higher rate of GDM but of PIH

17 GRAVIDANZE MULTIPLE E GDM le donne tra i 30 e 34 anni hanno il doppio di probabilità di avere una gravidanza dizigote rispetto alle donne di età inferiore ai 20 anni Età materna avanzata adult- onset disease: diabete, ipertensione, parto pretermine e il taglio cesareo maggiore è il gruppo di donne che si sottopone con successo alle tecniche di procreazione assistita Sindrome dell ovaio policistico

18 GRAVIDANZE MULTIPLE E GDM GDM: anomalie nella secrezione e nella resistenza insulinica Ormoni diabetogeni Maggior superficie placentare = maggior livelli di ormoni materni I del GDM 22% delle gravidanze trigemine 6% in quelle bigemine in cui era stata eseguita la riduzione fetale hpl cortisolo progesterone Mechanism for the insulin antagonism by HPL Increases lipolysis in the fasting state Promotes mobilization of lipids as free fatty acids Provides free fatty acids as a source of energy for maternal metabolism; thus glucose and amino acids are available to the fetus HPL has a similar structure to human growth factor and, as such, may reduce insulin binding to specific high-affinity receptors It is also possible that the increase in maternal free fatty acid levels caused by HPL action interferes with insulin action and the uptake of glucose by the cell. Sivan E, Impact of fetal reduction on the incidence of gestational diabetes. Obstet Gynecol 2002 significativo contributo che la massa placentare e il numero di feti comportano nell insorgenza del diabete mellito.

19 GRAVIDANZE MULTIPLE E GDM il rischio di complicanze perinatali già elevato nelle gravidanza multiple viene esacerbato dalla associazione tra gravidanze gemellari e diabete gestazionale comportando un aumento sia della morbilità che della mortalità sia fetale che neonatale. Twins of mother Twins of mother without GDM with GDM (n=66) (n=132) p value Mean birth weight (g) ± ±397.7 NS Apgar score <7 1 min 3 (4.8%)* 11 (8.5%) NS 5 min 0* 0 NS RDS 15 (22.7%) 20 (15.2%) NS MAP 1 (1.5%) 1 (0.8%) NS TTN 2 (3.0%) 7 (5.3%) NS Hyperbilirubinemia 12 (18.2%) 29 (22.0%) NS Hypoglycemia 1 (1.5%) 1 (0.8%) NS Hypocalcemia 14 (21.2%) 20 (15.2%) NS Congenital anomaly 3 (4.5%) 3 (2.3%) NS IUFD 3 (4.5%) 2 (1.5%) NS 50 g-screening (mg/dl) 163.3± ± Distress Se si ottiene un respiratorio buon controllo Ipoglicemia delle glicemie materne, tramite Iperbilirubinemia un equilibrata Ipocalcemia dieta o terapia insulinica, questi Macrosomia rischi si azzerano. Policitemia H JCho, Perinatal Outcome in Twin Pregnancies Complicated by Gestational Diabetes Mellitus: A Comparative Study J Korean Med Sci 2006;

20 GRAVIDANZE MULTIPLE E GDM Molti aspetti legati alla diagnosi e alla gestione del GDM nelle gravidanze multiple non sono ancora stati presi in esame in maniera approfondita e mancando linee guida di riferimento. La gestione di queste gravidanze dovrebbe essere affidata a centri con elevata esperienza in questo campo. Screening? In tutte le gravidanze multiple con gli stessi tempi e le modalità delle gravidanze singole. Alcuni autori propongono un ulteriore valutazione in un epoca più avanzata della gravidanza per le donne risultate negative ai test di screening. David Simmons, Association Between Twin Pregnancy and Hyperglycemia in a Multiethnic Community in New Zealand 2002

21 COLESTASI INTRAEPATICA GRAVIDICA Complicanza gravidica che insorge più frequentemente nel terzo trimestre con ampio spettro di definizioni in mancanza di criteri diagnostici accertati e condivisi. Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, Guideline no.43, gennaio 2006 : (raccomandazioni di grado C ) Requires evidence obtained from expert committee reports or opinions and/or clinical experiences of respected authorities. Indicates an absence of directly applicable clinical studies of good quality. LIVELLO di EVIDENZA IV. Multifactorial condition of pregnancy characterised by intense pruritus in the absence of a skin rash, with abnormal liver function tests (LFTs), neither of which have an alternative cause and both of which remit following delivery. For transaminases, gamma glutamyl transferase and bilirubin, the upper limit of normal throughout pregnancy is 20% lower than the nonpregnant range

22 COLESTASI INTRAEPATICA GRAVIDICA La prevalenza della ICP è significativamente maggiore nelle gravidanze gemellari rispetto a quelle singole (20,9% vs 4,7%) Estrogeni vs. predisposizione genetica In multiparous patients with a proband twin pregnancy affected by ICP, the disease recurred only in further single pregnancy, emphasizing the important role that estrogens seem to play in the pathogenesis of ICP. In contrast, in multiparous patients with a proband single pregnancy affected by ICP, the disease occurred in 70.5% of their other single pregnancies, suggesting the presence of a metabolic predisposition in these cases. Gonzalez MC. Et al. J Hepatolo Jul: 84-90

23 COLESTASI INTRAEPATICA GRAVIDICA Problemi materni Problemi fetali Rischi materni minimi prurito a volte molto intenso, debilitante, che peggiora nelle ore notturne frequentemente può ripresentarsi nelle gravidanze successive o se la donna assume contraccettivi complicanze legate a TC emorragia post partum Rischio di parte pretermine: iatrogeno e spontaneo Liquido amniotico tinto di meconio Ipossia fetale Morte intrauterina Oltre 40 µmol/l i rischi fetali aumentano dell 1-2% per ogni incremento di 1 µmol/l Glantz A. e al. Hepatology 2004; Aug:

24 AFLP: acute fatty liver of pregnancy Def: rara ma importante complicanza della gestazione caratterizzata da: grave coagulopatia, ipoglicemia e iperammoniemia e che può condurre anche fino alla morte materna Il 14% dei casi riportati in letteratura di AFLP sono avvenuti in gravidanze multiple (anche se queste rappresentano solo il 2 % di tutte le gravidanze) Viene riportata addirittura un incidenza del 7% nelle gravidanze trigemine Davidson KM,. Acute fatty liver of pregnancy in triplet gestation. Obstet Gynecol 1998 (Level III) L AFLP è reversibile dopo il parto, ma è necessaria una diagnosi precoce basata su criteri laboratoristici e segni clinici spesso vaghi e non specifici: un corretto timing del parto è essenziale per migliorare l outcome sia materno che fetale.

25 PAPULE E PLACCHE ORTICARIODI è la più comune dermatosi associata alle gravidanze multiple INCIDENZA 0.55% delle gravidanze singole 2,9% delle bigemine Elling S: % delle trigemine generalmente compaiono nelle strie Compare nel III trimestre e nelle prime gravide. La presentazione clinica è molto variabile, in genere confinata alle strie addominali. L eruzione è autolimitante con una durata complessiva di 1-6 settimane. addominali e sono associate frequentemente con l aumento di peso, numero di feti, peso fetale alla nascita e presenza di polidramnios Vaughan-Jones et al. sottolineano nel loro studio condotto su gestazioni trigemine come il rash si manifesti attorno alle 24 settimane di gestazione, precocemente rispetto a quelle con un unico feto ed epoca in cui la distensione dell addome materno è paragonabile a quella di 38 settimane.

26 PAPULE E PLACCHE ORTICARIODI Ipotesi fisiopatologica: la distensione addominale provocherebbe l esposizione di antigeni del collagene scatenando una risposta istiocitaria contro di essi. Uwe Wollina ;2004 Il reperto istologico non mostra caratteristiche specifiche e la sierologia non subisce alterazioni Prognosi favorevole sia per la madre che per i feti e il trattamento sintomatico è generalmente sufficiente E importante distinguere questa dermatosi dal Gestational pemphigoid dato che le manifestazioni cliniche sono simili ma, quest ultima è correlata ad un aumentato rischio di prematurità e di neonati small-for-gestational age. Diagnosi differenziale : l immunofluorescenza diretta

27 VARICI Modificazione dell utero: Vascolari : A partire dalle 18 settimane l utero di una gravidanza gemellare è circa il doppio rispetto a quelle singole. Il letto vascolare venoso per tutta la gravidanza aumenta progressivamente la sua compliance per l effetto rilasciante del progesterone. A 25 settimane il suo volume è paragonabile a quello a termine della gravidanza monofetale, 5000 ml A termine raggiunge circa ml. Nelle gravidanze multiple questi meccanismi comportano una frequenza notevolmente maggiore di vene varicose agli arti inferiori ed alla vulva e di emorroidi, con ricorrenza del 9,7% nelle gravidanze gemellari F Colla, E Alba, R Grio Maternal morbidity in multiple pregnancies Minerva Ginecol Feb ;53 (1):35-40 complicanza rara, ma riscontrata più frequentemente nelle gravidanze multiple, è quella delle varici a livello del collo dell utero, causa a volte di importanti emorragie vaginali Yoshimura K; Cervical varix accompained by placenta previa in twin pregnancy. J Obstet Gynaecol Res 2004;30:323-5

28 Tratto genito urinario compressione meccanica dell uretere intrapelvico da parte dell utero ridotta peristalsi della muscolatura liscia dei collettori indotta dal progesterone fisiologica dilatazione ureterale gravidica La stasi conseguente a queste modificazioni aumenta il rischio di infezioni del tratto urinario superiore. INFEZIONI URINARIE La gravidanza gemellare sembra essere associata 2% di casi a stasi e infezioni del tratto urinario RR nelle grav. Gemellari è di 1.3 F Colla et al Maternal morbidity in multiple pregnancies Minerva Ginecol nel Conde-Agudelo et al Maternal Morbidity and Mortality Associated With Multiple Gestations Obstetrics & Gynecology VOL. 95, NO. 6, PART 1, JUNE 2000 l incidenza delle pielonefriti nelle gravidanze multiple non sembra essere significativamente aumentata

29 Apparato osteoarticolare L aumento di volume dell utero materno assieme alle modificazioni apportate dal cambiamento dell assetto ormonale e dalla ritenzione di liquidi, altera il centro di gravità corporeo, stressando il sistema meccanico assiale e pelvico. LOMBALGIA L incidenza di lombalgia e dolori agli arti inferiori di origine non venosa durante la gravidanza è di circa il 50%, e ancor maggiore in quelle multiple In alcuni casi il dolore può persistere anche dopo l espletamento del parto probabilmente in seguito alla perdita dell elasticità osteoarticolare acquisita durante la gravidanza e nelle donne con gemelli questo fattore si va a sommare al fatto di dover spesso prendere in braccio i gemelli. Educare correttamente sulla postura e sui rischi dovuti a scorretti movimenti Adeguato pattern di esercizi fisici in particolar modo nella prima parte della gestazione. Martins RF, Silva JL. Back pain is a major problem for many pregnant women. Rev Assoc Med Bras 2005 Berg, Hammar, 1988; Melzack & Belanger, 1989; Orvomaa,, 1997

30 IMPLICAZIONI PSICOLOGICHE L accettazione di una gravidanza multipla varia da donna a donna e dipende da molti fattori: supporto del partner e della famiglia,lo stato economico,l età, la parità,la storia relativa alla sua fertilità. Rischi medici per se stessa e per i bambini L ospedalizzazione prolungata La separazione dalla famiglia La paura di un parto prematuro. importante pressione e vulnerabilità psicologica durante la gravidanza

31 IMPLICAZIONI PSICOLOGICHE Lo sviluppo dell individuale relazione della mamma con ogni bambino è reso difficile Stress accumulato in gravidanza & Stanchezza fisica per la gestione dei neonati al ritorno a casa Un ospedalizzazione in terapia neonatale a volte prolungata La morte neonatale di un feto (non infrequente nelle gravidanze multiple) Possono così insorgere a carico della neomamma disturbi psicologici, il più frequente tra i quali è la depressione post-partum. I sintomi caratteristici di questo disturbo quali la stanchezza, un emotività piuttosto accentuata, disturbi del sonno e cambiamenti dell appetito sono a volte difficilmente distinguibili da quella che è il fisiologico stato di adattamento

32 IMPLICAZIONI PSICOLOGICHE In particolar modo l allattamento al seno dei neonati richiede una gran quantità di tempo e di energie e altera in maniera molto importante il ritmo sonno veglia della donna. D altra parte anche se in passato si tendeva a scoraggiare l allattamento al seno nelle gravidanze gemellari e multifetali, oggi la tendenza è quella di enfatizzare i vantaggi di questo, legati ad aspetti sia fisiologici che emozionali, in particolar modo nei feti con complicanze mediche e basso peso alla nascita E IMPLICAZIONI ECONOMICHE Ci si rende conto del valore dell'allattamento al seno anche considerando quanto costa sostituirlo!!!!

33 CONCLUSIONI Gravidanza multipla = fattore di rischio per morbilità e mortalità materna E opportuno delineare specifici percorsi multidisciplinari per riuscire a gestire in maniera corretta queste gravidanze e intervenire tempestivamente nel caso di bisogno. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008 Issue 1 Copyright 2008 The Cochrane Collaboration. Published by John Wiley & Sons, Ltd. Evitare una prolungata e a volte inutile ospedalizzazione sia per non creare ulteriori stress alla gestante sia per alleviare i costi sociali legati a queste gravidanze

34 CONCLUSIONI Un adeguata informazione sui possibili rischi dovrebbe essere fornita alle donne che affrontano una gravidanza gemellare in particolar modo a quelle donne che hanno intenzione di sottoporsi a trattamenti di procreazione assistita data l elevata incidenza di gemellarità in questi casi.

35 CONCLUSIONI costo sociale morbilità e mortalità sia materna che fetale utilizzo a volte indiscriminato della stimolazione ovarica e sulle tecniche di I livello di procreazione assistita che giocano un ruolo di primo piano sul numero delle gravidanze multiple

36 Grazie per l attenzione...

37 e arrivederci ad Ancona per la echo marathon!

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione LA GRAVIDANZA GEMELLARE. N.

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione LA GRAVIDANZA GEMELLARE. N. Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione LA GRAVIDANZA GEMELLARE N. Colacurci EPIDEMIOLOGIA Coll. Of Obstet and Gyn., ACOG, 1998 Norwitz

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

Boll Soc Med Chir Pavia 2009; 122: 149-162 Comunicazione all adunanza del 27 marzo 2009

Boll Soc Med Chir Pavia 2009; 122: 149-162 Comunicazione all adunanza del 27 marzo 2009 Boll Soc Med Chir Pavia 2009; 122: 149-162 Comunicazione all adunanza del 27 marzo 2009 L'influenza del controllo glicemico sull'outcome neonatale e sulla modalità del parto in pazienti diabetiche rispettivamente

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

ECCESSIVO INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA: RISCHI MATERNO-FETALI

ECCESSIVO INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA: RISCHI MATERNO-FETALI Ferrara, 21 Marzo 2014 ECCESSIVO INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA: RISCHI MATERNO-FETALI Dott.ssa Elena Mossuto Nel 1990 INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA Nel 2009 kg 12.5-18 11.5-16 7-11.5 5-9 Weight

Dettagli

Esami a pioggia o mirati

Esami a pioggia o mirati Rimini, 23 marzo 2011 Esami a pioggia o mirati Daniela Spettoli WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive health Criteri di valutazione di uno screening 22

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

Diabete gestazionale

Diabete gestazionale Diabete gestazionale Obiettivi terapeutici Raffaele Volpe U.O.Endocrinologia A.O.R.N. A.Cardarelli Napoli International Association of Diabetes and Pregnancy Study Groups Recommendations on the Diagnosis

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI DIABETE E GRAVIDANZA SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI ALESSANDRO VOLTA Alessandro.Volta@ausl.re.it ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara La plurifecondazione umana con lo sviluppo di più feti e la fecondazione unica con sdoppiamento e sviluppo dei due feti costituiscono

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Nicoletta Telleri Da: La sorveglianza del benessere fetale in travaglio di parto. Linea

Dettagli

Diabete gestazionale Modalità e timing del parto. Prof. Roberto Marci

Diabete gestazionale Modalità e timing del parto. Prof. Roberto Marci Diabete gestazionale Modalità e timing del parto Prof. Roberto Marci Gestational diabetes and impaired glucose tolerance (IGT) in pregnancy affects between 2-3% of all pregnancies and both have been associated

Dettagli

Sabato 1 ottobre 2011

Sabato 1 ottobre 2011 Gli esami nella contraccezione e in gravidanza: per un punto di vista della medicina generale Sabato 1 ottobre 2011 L'indicazione ad eseguire una periodica e vasta gamma di esami di laboratorio alle donne

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

La gravidanza a rischio e la nascita prematura

La gravidanza a rischio e la nascita prematura La gravidanza a rischio e la nascita prematura Pier Luigi Montironi Direttore S.C. Ostetricia Ginecologia Ospedale S. Croce Moncalieri Il parto pretermine costituisce uno dei maggiori problemi sanitari,

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

Si definisce gravidanza multipla quella in cui si sviluppano contemporaneamente due embrioni e, poi, feti.

Si definisce gravidanza multipla quella in cui si sviluppano contemporaneamente due embrioni e, poi, feti. Si definisce gravidanza multipla quella in cui si sviluppano contemporaneamente due embrioni e, poi, feti. Quando gli embrioni sono due gravidanza gemellare; Se sono tre gravidanza trigemina ( quadrigemina,

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM)

IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM) IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM) Dr.ssa Donatella Zavaroni Il diabete gestazionale ( GDM ) è un alterazione del metabolismo glucidico che compare in gravidanza.e tra le

Dettagli

può l attività fisica essere considerata un valido strumento sulla via per raggiungere questo obbiettivo?

può l attività fisica essere considerata un valido strumento sulla via per raggiungere questo obbiettivo? Nel 1989 la dichiarazione di Saint Vincent indicava come obiettivo quello di portare la mortalità e morbilità perinatale dei bambini nati da madre con diabete allo stesso livello di quelli nati da mamme

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELLA GRAVIDANZA NELLA DONNA DIABETICA: LE RACCOMANDAZIONI SI SCONTRANO CON UNA REALTÀ DIVERSA Matteo Bonomo

LA PROGRAMMAZIONE DELLA GRAVIDANZA NELLA DONNA DIABETICA: LE RACCOMANDAZIONI SI SCONTRANO CON UNA REALTÀ DIVERSA Matteo Bonomo LA PROGRAMMAZIONE DELLA GRAVIDANZA NELLA DONNA DIABETICA: LE RACCOMANDAZIONI SI SCONTRANO CON UNA REALTÀ DIVERSA Matteo Bonomo GRUPPO INTERSOCIETARIO «DIABETE E GRAVIDANZA» POSSIBILI COMPLICAZIONI DI

Dettagli

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia DEFINIZIONE PROM Per premature rupture of membranes (PROM) si intende

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF.

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF. Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF. NICOLA COLACURCI Il puerperio PUERPERIO Tempo che intercorre tra la fine del

Dettagli

Diabete gestazionale. Università degli Studi di Ferrara. Prof. Pantaleo Greco

Diabete gestazionale. Università degli Studi di Ferrara. Prof. Pantaleo Greco Diabete gestazionale Università degli Studi di Ferrara Prof. Pantaleo Greco DIABETE GESTAZIONALE DIABETE PRE-GESTAZIONALE DM tipo I DM tipo II DIABETE GESTAZIONALE Definizione "intolleranza ai carboidrati,

Dettagli

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto Clinica Ostetrico Ginecologica Direttore Prof. A. Patella Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto vaginale dopo cesareo Liliana Pittini Per una scelta informata Cosa dire Come dirlo Quando

Dettagli

TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO

TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO Un taglio cesareo (TC) è detto elettivo quando è stato deciso a priori ed è effettuato in situazioni non di urgenza. Elettivo è sinonimo di scelto

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Dr.ssa IVANA ALGERI IL LIQUIDO AMNIOTICO

Dr.ssa IVANA ALGERI IL LIQUIDO AMNIOTICO Dr.ssa IVANA ALGERI IL LIQUIDO AMNIOTICO CONGRESSO REGIONALE AOGOI 25/26/27 MARZO 2010 OLIGOIDRAMNIOS OLIGOIDRAMNIOS Liquido amniotico Compartimento/Distretto dinamico in continua e stretta correlazione

Dettagli

ASSISTERE IL NEONATO DI MADRE CON DIABETE GESTAZIONALE

ASSISTERE IL NEONATO DI MADRE CON DIABETE GESTAZIONALE ASSISTERE IL NEONATO DI MADRE CON DIABETE GESTAZIONALE Paola Barbieri Pediatria Ospedale San Giacomo Novi Ligure Assistere il neonato: Organizzazione e qualità. Tortona, 6 Ottobre 2012 Il Diabete Mellito

Dettagli

Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli "Federico II"

Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli Federico II C. DI CARLO, A. DI SPIEZIO SARDO, C. NAPPI Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli "Federico II" - Testo articolo - Bibliografia

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Trasfusioni fetali Anemia Alloimmunizzazione Rh Anemia da parvovirus B19 Anemia da

Dettagli

Gestione metabolica del parto e postparto

Gestione metabolica del parto e postparto Gestione metabolica del parto e postparto a cura di Raffaella Fresa Membro coordinamento GdS interassociativo SID-AMD «diabete e gravidanza» U.O Endocrinologia e Diabetologia ASL Salerno parto Parto Sentimenti

Dettagli

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA PROF. ALESSANDRO CARUSO Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA Una nutrizione corretta determina condizioni ottimali di salute materne,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA SU. Chiara Pacchioni Servizio di Diabetologia Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo

DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA SU. Chiara Pacchioni Servizio di Diabetologia Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA SU DIABETE E GRAVIDANZA Chiara Pacchioni Servizio di Diabetologia Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo Screening e diagnosi di Diabete Gestazionale Raccomandazioni per lo screening

Dettagli

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS Fase del compenso 1 Il dotto venoso, nel proseguo della gravidanza fisiologica tende a ridurre la sua portata, passando dal 70% fino

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Dr. Marisa Conte MODIFICHE METABOLICHE DURANTE LA GRAVIDANZA Lattogeno placentare Compenso

Dettagli

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo IL TAGLIO CESAREO ELETTIVO: INDICAZIONI Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo Marcella Falcieri 2011 TAGLIO CESAREO ELETTIVO INDICAZIONI DA EBM/EBO LG ISS 2011 RCOG 2011 REALTA ASSISTENZIALE Tasso

Dettagli

Gravidanza fisiologica e a rischio

Gravidanza fisiologica e a rischio WOMAN IN CHANGE Donne che cambiano Modena, 25 / 26 / 27 marzo 2010 Gravidanza fisiologica e a rischio Dr.ssa Rossana Bellucci Direttore Laboratorio Test Modena Durante la gravidanza tutte le donne si sottopongono

Dettagli

La gravidanza nella nefropatia diabetica

La gravidanza nella nefropatia diabetica Rene e gravidanza Gestione multidisciplinare, recenti acquisizioni e future strategie Taormina, 15-16 aprile 2011 La gravidanza nella nefropatia diabetica Lucia Del Vecchio Divisione di Nefrologia, Dialisi

Dettagli

Update diabete in gravidanza Rischi ostetrici e fetali della gravidanza diabetica. U.O. Ostetricia Ginecologia

Update diabete in gravidanza Rischi ostetrici e fetali della gravidanza diabetica. U.O. Ostetricia Ginecologia Update diabete in gravidanza Rischi ostetrici e fetali della gravidanza diabetica Marinella Lenzi Giovanna Todarello U.O. Ostetricia Ginecologia Cesena 10 aprile 2010 Diabete e gravidanza Diabete 1 Diabete

Dettagli

PARLIAMO DI ALTERAZIONI DELLA GLICEMIA IN GRAVIDANZA: IL DIABETE GESTAZIONALE.

PARLIAMO DI ALTERAZIONI DELLA GLICEMIA IN GRAVIDANZA: IL DIABETE GESTAZIONALE. UNITI per il DIABETE PARLIAMO DI ALTERAZIONI DELLA GLICEMIA IN GRAVIDANZA: IL DIABETE GESTAZIONALE. Impariamo a conoscerli Potremo ridurre gli eventi avversi In sintesi: Le alterazione delle glicemia in

Dettagli

Screening e diagnosi del diabete gestazionale: documento di consenso ed appropriatezza. Annunziata Lapolla DPT di Medicina Università di Padova

Screening e diagnosi del diabete gestazionale: documento di consenso ed appropriatezza. Annunziata Lapolla DPT di Medicina Università di Padova Screening e diagnosi del diabete gestazionale: documento di consenso ed appropriatezza Annunziata Lapolla DPT di Medicina Università di Padova Il passato.. Fino al 2010 in Italia per lo screening e la

Dettagli

PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL DIABETE GESTAZIONALE

PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL DIABETE GESTAZIONALE PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL DIABETE GESTAZIONALE Il Percorso per l assistenza alle donne affette da diabete gestazionale è stato elaborato in ambito interdisciplinare, con il coinvolgimento della SSD

Dettagli

Allegato A PERCORSO ASSISTENZIALE MONITORAGGIO OSTETRICO-METABOLICO DEL DIABETE GESTAZIONALE

Allegato A PERCORSO ASSISTENZIALE MONITORAGGIO OSTETRICO-METABOLICO DEL DIABETE GESTAZIONALE Allegato A PERCORSO ASSISTENZIALE MONITORAGGIO OSTETRICO-METABOLICO DEL DIABETE GESTAZIONALE 1 1- PREMESSA Il diabete gestazionale, definito come intolleranza ai carboidrati di gravità variabile ad insorgenza

Dettagli

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri Dr. V. Agnello, Dr. P. Di Gaetano, Dr. V. Guaiana, Dr. V. Sparacino Taormina, 15 aprile 2011 CONTATTI SCHEDA DATI 10 anni (1977-1987)

Dettagli

Sezione Ticino. Gravidanza

Sezione Ticino. Gravidanza Sezione Ticino Gravidanza Una gravidanza normale dura circa 40 settimane ovvero 280 giorni dal primo giorno dell ultima mestruazione. Si considera a termine un bambino nato tra 37+0 e 41+6 e viene considerato

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati Aumentata degradazione del insulina Biosintesi di ormoni dotati di azione contro-insulinica Aumentata produzione di Leptina e

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE TAKE HOME MESSAGES Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE Ridotta tolleranza al glucosio insorta o diagnosticata in

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA

DIABETE E GRAVIDANZA GINECOLOGIA 16-04-2003 Dott.P.Vergani DIABETE E GRAVIDANZA Oggi paleremo soprattutto del diabete che riguarda la gravidanza facendo degli accenni anche alle donne già diabetiche che sono anche gravide.

Dettagli

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base.

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Frusca, T., Soregaroli, M., Lojacono A., Enterri, L., Platto, C., Bianchi U.A.

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

IL diabete gestazionalee la gravida diabetica. Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011

IL diabete gestazionalee la gravida diabetica. Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011 IL diabete gestazionalee la gravida diabetica Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011 Diabete pre-esistente esistente EFFETTI del DIABETE sulla GRAVIDANZA Anomalie

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Diagnosi prenatale invasiva: presente e futuro

Diagnosi prenatale invasiva: presente e futuro Diagnosi prenatale invasiva: presente e futuro Gianluigi Pilu GynePro Medical Group Bologna, Italy www.gynepro.it Sintesi Frequenza delle anomalie cromosomiche I rischi delle diagnosi invasive Diagnosi

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

Parto dopo taglio cesareo

Parto dopo taglio cesareo Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva UU.OO. Ostetricia e Ginecologia U.O. Aziendale di Pediatria e Neonatologia Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Familiari Parto dopo taglio cesareo

Dettagli

COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO

COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO 11 COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO (630-677) Le condizioni che influenzano l evoluzione della gravidanza, del parto e del puerperio sono classificate da 630 a 677, nell ambito

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OTTOBRE 2011 3 LU 4 MA dalle 11.30 alle 12.15 GAMETOGENESI - FECONDAZIONE PLACENTAZIONE D'ANTONA 5 ME dalle 12.30 alle 13.15 FUNZIONI PLACENTARI - MODIFICAZIONI MATERNE IN GRAVIDANZA D'ANTONA dalle 13.30

Dettagli

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale La trasfusione placentare: fisiologia Taglio precoce e tardivo: effetti nel nato a termine e pretermine Gestione del III stadio del travaglio

Dettagli

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L ovulo prima del concepimento: solo uno di questi spermatozoi

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

giuliaganco@libero.it DICHIARA SOTTO LA PROPRIA PERSONALE RESPONSABILITA, IL SEGUENTE CURRICULM VITAE:

giuliaganco@libero.it DICHIARA SOTTO LA PROPRIA PERSONALE RESPONSABILITA, IL SEGUENTE CURRICULM VITAE: La sottoscritta: Nome GANDOLFI COLLEONI GIULIA E-mail giuliaganco@libero.it Data di nascita 24 AGOSTO, 1974 DICHIARA SOTTO LA PROPRIA PERSONALE RESPONSABILITA, IL SEGUENTE CURRICULM VITAE: ISTRUZIONE Maggio

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione. L. Cobellis.

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione. L. Cobellis. Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione L. Cobellis IUGR: definizione IUGR: Un feto non in grado di raggiungere il suo potenziale

Dettagli

Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete

Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete Prof. Angelo Cagnacci Ginecologia e Ostetricia Aziend Policlinico di Modena Reggio Emilia 10 e 11 aprile 2015 Centro Internazionale Loris Malaguzzi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE UFFICIO V 15 settembre 2014 La contraccezione per la donna che allatta Tavolo Tecnico Operativo Interdisciplinare

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

ESERCIZIO FISICO IN GRAVIDANZA

ESERCIZIO FISICO IN GRAVIDANZA ESERCIZIO FISICO IN GRAVIDANZA ESERCIZIO FISICO IN GRAVIDANZA Giorgio Pasetto Dottore in Scienze Motorie Verona ESERCIZIO E GRAVIDANZA BIBLIOGRAFIA -Artal, R, O Toole M and Whire S. Guidelines of the American

Dettagli

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Gravidanza e parto, una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile ISTAT 12 aprile 2001 1 Prevalenza

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

BRUNO FERRARI CURRICULUM VITAE

BRUNO FERRARI CURRICULUM VITAE BRUNO FERRARI CURRICULUM VITAE 1 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Parma il 13/3/1974. Medico interno universitario con compiti assistenziali

Dettagli

Innovazione e ingegno

Innovazione e ingegno 10 Congresso Nazionale SEGI 26 Maggio 2015 Video Meeting SICHIG ISTERECTOMIA OGGI Innovazione e ingegno TECNICHE A CONFRONTO L. Frigerio Roma - Università Cattolica del Sacro Cuore Isterectomia Eseguita

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

TIROIDE E GRAVIDANZA

TIROIDE E GRAVIDANZA TIROIDE E GRAVIDANZA La gravidanza è un momento particolare della vita della donna caratterizzato da profondi cambiamenti fisiologici; tra questi le variazioni metaboliche e ormonali concorrono a modificare

Dettagli

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA Teresa Giusto La scelta dell anestesia loco-regionale nel taglio cesareo è influenzata da diversi fattori: poiché non esercita un azione depressiva sul nascituro rende

Dettagli

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica Dottor Roberto Cionini A cosa deve fare attenzione il Pediatra di Famiglia in un bambino nato da madre diabetica. ANOMALIE NEL FETO INDOTTE

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

12 Congresso Nazionale AME

12 Congresso Nazionale AME 12 Congresso Nazionale AME Bari, 7-10 novembre 2013 Iperplasia surrenalica congenita: Diagnosi e gestione Epoca prenatale G. Russo Centro di Endocrinologia dell Infanzia e dell Adolescenza Università Vita-Salute

Dettagli

Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI

Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI CORSO 1 SIMP SIEOG Diagnosi e counselling delle malformazioni cardiache feto-neonatali Screening ecografico in utero Di Luzio

Dettagli

Il decalogo del diabetico. La Gravidanza

Il decalogo del diabetico. La Gravidanza G La Gravidanza Il diabete e le alterazioni del metabolismo glucidico in gravidanza possono essere preesistenti alla gravidanza (diabete pregravidico: diabete tipo 1, 2, ridotta tolleranza glucidica) o

Dettagli

strumenti ottobre 2014 Il diabete gestazionale Documento di indirizzo per la gestione del diabete gestazionale

strumenti ottobre 2014 Il diabete gestazionale Documento di indirizzo per la gestione del diabete gestazionale strumenti ottobre 2014 Il diabete gestazionale Documento di indirizzo per la gestione del diabete gestazionale Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali e famiglia Documento

Dettagli

L interpretazione e la gestione del test

L interpretazione e la gestione del test LO SCREENING DEL I TRIMESTRE : TECNICHE, RUOLI E PROSPETTIVE Imola 14 Settembre 2013 L interpretazione e la gestione del test combinato del I trimestre : come e chi? A.Visentin Azienda USL di Bologna U.O.

Dettagli

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA CARTELLA DELLA GRAVIDANZA Portare tutta la documentazione ad ogni visita ed al ricovero N 20.. Cognome.Nome.... Nata a. il. età.. Residente via/piazza. Comune.. Prov tel/cel.. Professione. Tessera Sanitaria.

Dettagli

Alimentazione in. Adolescenza. Dott.ssa Elena Rafanelli

Alimentazione in. Adolescenza. Dott.ssa Elena Rafanelli Alimentazione in Gravidanza, Allattamento e Adolescenza Dott.ssa Elena Rafanelli Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2013-2014 2014 Gravidanza Un buono

Dettagli

Nascere oggi in Italia: luci e ombre

Nascere oggi in Italia: luci e ombre Nascere oggi in Italia: luci e ombre Mario De Curtis Convegno: I Gemelli in Età Pediatrica: Epigenetica, Epidemiologia e Clinica Roma, 4-5 Ottobre 2013 mario.decurtis@uniroma1.it Cambiamenti demografici

Dettagli