BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012"

Transcript

1 FONDAPI - FONDO PENSIONE NAZIONALE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 Piazza Cola Di Rienzo, 80A Roma 1

2 Organi del Fondo: Consiglio di Amministrazione Presidente: Alessandro Cocirio Vice Presidente: Giovanni Battista Quaglia Consiglieri: Ambrogio Cason Alberto Castelli Luciano Falchi Gianni Ferrante Giuseppe Francesco Alberto Granata (*) Carlo Magani Giorgio Martini Bruno Rivetta Luciano Scapolo Walter Simonetti Carlo Testa Collegio sindacale Presidente: Vito Rosati Sindaci effettivi: Edoardo Cintolesi Franco Grieco Maurizio Monteforte (*) dimissionario dal 26 settembre 2012 per sopravvenuta incompatibilità con altro incarico assunto 2

3 Fondapi - Fondo Pensione Piazza Cola Di Rienzo, 80 A Roma c.f Iscritto al n.116 dell'albo istituito ai sensi dell'art.4, D.Lgs. n. 252/05 Indice RELAZIONE SULLA GESTIONE 1 - STATO PATRIMONIALE 2 - CONTO ECONOMICO 3 - NOTA INTEGRATIVA 3.0 RENDICONTO COMPLESSIVO Stato Patrimoniale Conto Economico I COMPARTI RENDICONTO COMPARTO PRUDENTE Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa Informazioni sullo Stato Patrimoniale Informazioni sul Conto Economico RENDICONTO COMPARTO GARANZIA Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa Informazioni sullo Stato Patrimoniale Informazioni sul Conto Economico RENDICONTO COMPARTO CRESCITA Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa Informazioni sullo Stato Patrimoniale Informazioni sul Conto Economico 3

4 Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione dell anno

5 Gentili delegate e egregi delegati, Sottoponiamo al Vostro esame e alla Vostra approvazione il bilancio del Il bilancio è stato redatto secondo i criteri definiti dalla Covip con deliberazioni del e del Tutti i proventi e gli oneri sono stati registrati per competenza, le contribuzioni sono state registrate secondo il criterio di cassa Nel corso del 2012 sono state assunte importanti decisioni in materia finanziaria : Nel luglio è stata ridefinita e rinnovata la convenzione con Unipol/JP Morgan relativamente alla gestione del comparto garantito mantenendo invariate le % di allocazione delle risorse pari a 92% obbligazionario e 8% azionario. Il rinnovo del mandato di gestione a UGF J.P.Morgan ha previsto alcune variazioni significative che vanno nella direzione di una maggiore diversificazione complessiva degli attivi in un ottica di prudenza : 1. l allargamento condiviso di gradi di libertà in termini di liquidità e esposizione valutaria; 2. l aumento corrispondente della TEV (la tracking error volatility), il canale di rischio che può essere assunto in misura superiore al rischio espresso dal benchmark di riferimento; 3. la modifica del Benchmark obbligazionario con l introduzione della componente Usa 4. accettazione di obbligazioni di grado investment grade fino al 37% delle obbligazioni detenute ; Sono state definite alcune variazioni dei mandati di gestione a seguito della notevole variabilità dei mercati finanziari : 1. Per quanto riguarda il mandato di gestione azionari dei comparti Prudente e Crescita è stata eliminata la copertura sistematica del rischio di cambio sulle gestioni finanziarie al fine di ottimizzare l efficienza gestionale delle stesse; 2. In relazione alla gestione obbligazionaria di BNP Paribas è stata prevista l estensione del limite di liquidità oltre il 20% per un periodo di sei mesi a far data dal 1^ luglio e l ampliamento dei limiti di SEMITEV per entrambi i comparti al 3,5% annualizzato. Il 16 marzo del 2012 la Covip ha emesso la delibera Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento che interessa tutti i soggetti, come il nostro, iscritti all Albo tenuto dalla Covip ai sensi dell art. 19, comma 1, del decreto n. 252/2005 che hanno un numero di addetti non inferiore a 100. Nella delibera la Covip impegna gli organi amministrativi delle forme pensionistiche alla redazione e delibera di un documento sulla politica di investimento che individui: a) Gli obiettivi da realizzare nella gestione finanziaria; b) I criteri da seguire nella sua attuazione; c) I compiti e le responsabilità dei soggetti coinvolti nel processo; d) Il sistema di controllo e valutazione dei risultati conseguiti. Tale documento dovrà essere sottoposto ad una revisione periodica almeno ogni tre anni. Il Fondo ha, con la consulenza dello studio attuariale Orrù analizzato le caratteristiche socio-demografiche della popolazione degli iscritti; inoltre con la consulenza dell Advisor finanziario Prometeia ha analizzato l arco temporale dei singoli comparti coerenti con l età anagrafica e contributiva degli iscritti confrontando le combinazioni rischio-rendimento degli stessi, verificato l asset allocation strategica ed approvati i tassi di sostituzione obiettivo : Comparto Garanzia 77,30% con probab. Shortfall Risk -0.3% Comparto Prudente 80,80% con probab. Shortfall Risk +0.6% Comparto Crescita 87.30% con probab. Shortfall Risk +0.2% Tali tassi sono stati stimati con modello stocastico e l ottimizzazione dell asset allocation strategica dei comparti che aveva come obiettivo la massimizzazione del tasso di sostituzione e il miglioramento del profilo di rischio con alcune ipotesi rettificative: a. revisione prudenziale della stima del tasso di crescita del PIL (-0.50%); 5

6 b. rettifica del flusso contributivo annuo per tenere conto delle discontinuità lavorative : inserita una previsione di richieste di anticipazione pari al 14% circa dei flussi contributivi in entrata. Il Consiglio di amministrazione nelle riunioni di Settembre, ottobre e Novembre ha definito ed approvato il piano strategico finanziario di gestione delle risorse del fondo e nella riunione del 19 dicembre ha deliberato il documento sulla politica di investimento e le relative procedure di gestione e controllo. Gli elementi cardine delle decisioni in materia finanziaria vengono qui sinteticamente richiamati : Il mantenimento dell attuale impostazione di gestori specializzati la ricerca di gestioni attive che sappiano cogliere le nuove dinamiche gestionali e sappiano opportunamente valorizzare anche fasi di gestione efficiente delle liquidità. Il mantenimento dei criteri attivi attuali di definizione di rating ESG i criteri di sostenibilità sociale che non consentono di investire nella classe più bassa di attivi secondo il rating di sostenibilità assegnato da una società specializzata ECPI. In materia di rischio di cambio : lasciare al gestore azionario la facoltà di investire senza copertura del rischio valuta. la esclusione di uno specifico indice azionario per Italia l ampliamento del comparto corporate globale indicando un indice globale CLASSE DI ATTIVO UNIVERSO INVESTIBILE BENCHMARK SOSTENIBILE COPERTURA VALUTA AZIONI UNIVERSO INVESTIBILE ECPI con esclusione ultima classe di rating ECPI GLOBAL DEVELOPED ESG BEST-IN-CLASS EQUITY NON COPERTO OBBLIGAZIONI CORPORATE UNIVERSO INVESTIBILE ECPI con esclusione ultima classe di rating ECPI GLOBAL DEVELOPED ESG CORPORATE EX FINANCIALS BOND ECPI GLOBAL DEVELOPED ESG CORPORATE ALL SECTORS BOND COPERTO COPERTO OBBLIGAZIONI LIMITI DELLA 703 ECPI GLOBAL DEVEL. ESG GOVERNANCE GOVT. BOND COPERTO ECPI EURO DEVEL. ESG GOVERNANCE GOVT. BOND INFL. GOVERNATIVE LINKED COPERTO corporate anche per il profilo prudente. quanto alla durata dei mandati di gestione finanziaria non garantita si assume di procedere a selezione per mandati di durata quinquennale Nel corso del 2012 il Fondo ha implementato il controllo degli investimenti finanziari con l obiettivo di assicurare una migliore qualità di controllo del rischio finanziario 6

7 complessivo del portafoglio di investimento e una maggiore flessibilità della gestione in scenari con un grado crescente di incertezza determinata anche dalla scomparsa di investimenti Risk Free e da un possibile mutamento normativo (limiti di investimento). E stato nominato PROMETEIA quale advisor finanziario del Fondo pensione (luglio 2012) sia per l attività di monitoraggio sia per l attività di predisposizione della fase di selezione dei gestori per i nuovi mandati di gestione e per il supporto alla valutazione e monitoraggio della gestione finanziaria. Il sistema di monitoraggio diretto dei titoli oggetto delle gestioni finanziarie, tramite accesso riservato della banca depositaria, che consente una conoscenza diretta dei titoli oggetto dell investimento da parte di Fondapi. Il progetto che è stato completato nel corso del 2012 consente la lettura degli indici di rischio, l analisi diretta del portafoglio titoli, l esame delle transazioni effettuate dai gestori in lettura diretta; tale sistema di controllo ed informazione è in via di ulteriore implementazione nel corso del presente anno. Per quanto riguarda l ambito amministrativo, il progetto di gestione documentale il cui mandato è stato assegnato a Previnet nel 2011 ha subito una serie di ritardi per la necessità del Service Amministrativo di implementare i programmi informatici relativi al progetto e la delocalizzazione del Service nella nuova sede sempre in provincia di Treviso; alla fine del 2012 è stato ridefinito il cronoprogramma che deve essere completato nel corso del 2013, tale progetto che consiste in una completa riorganizzazione della strumentazione operativa comporta un significativo investimento delle risorse a tutto vantaggio di un miglioramento qualitativo del livello di servizio verso i soci : lavoratori e aziende. Nella riorganizzazione complessiva il Consiglio di Amministrazione ha assegnato con decorrenza dal 1 gennaio 2013 la responsabilità della Funzione Finanza prevista dalla delibera della Covip al Direttore generale del Fondo essendo lo stesso in possesso di tutte le caratteristiche professionali previste per tale responsabilità. Nel mese di ottobre il fondo si è dotato, con delibera del Consiglio di Amministrazione, di un proprio Codice Etico che rivolgendosi a tutti i componenti degli organi del fondo, ai dipendenti, consulenti, collaboratori e quant altri operano per conto del fondo, impone loro la conoscenza e l osservanza dei principi del Codice Etico che costituiscono parte integrante e essenziale delle obbligazioni contrattuali. Nel quarto trimestre sono state prorogate le convenzioni con i gestori Credit Suisse e Anima di fatto fino al 31 marzo 2013 e con il supporto dell Advisor finanziario Prometeia, sono state definite le caratteristiche del bando per la ricerca e selezione dei gestori che gestiranno le risorse del fondo per il quinquennio da aprile 2013 a marzo 2018 Nel corso del 2013 è stata assunta una persona in stage per supportare l intensa attività amministrativa e per coadiuvare lo staff attuale nella fase di avvio procedurale legato all archiviazione documentale. E stato inoltre previsto nell anno l attivazione di un call center che sia in grado di dare maggiore qualità al servizio di interlocuzione con i soci iscritti e conseguentemente migliorare il sevizio in house con le aziende associate. E stata poi intensificata l azione di promozione attraverso il sito di Fondapi: - maggiori approfondimenti tematici diffusi mediante newsletter inviate ai soci con riflessioni che riguardano il mondo previdenziale nel complesso. - l avviato processo di comunicazione agli interessati anche attraverso il profilo Facebook che conta circa interessati collegati. - Nel terzo trimestre è stato raggiunto e firmato un accordo con il patronato ACLI per la promozione delle iscrizioni al nostro fondo e per dare ai nostri iscritti basi di supporto provinciali; nel mese di dicembre tra Assofondipensione ed il Cepa (Associazione a cui aderiscono i patronati di CGIL, CISL, UIL e delle Acli ) è stato firmato un protocollo di intesa ed una convenzione per promuovere la crescita dei fondi negoziali e fare interfaccia attiva tra lavoratori e fondi; tale accordo, oneroso per i fondi, sarà oggetto di informativa e start-up nei primi mesi del Gestione previdenziale La situazione degli associati a Fondapi al 31 dicembre 2012 è la seguente: 7

8 Aziende Associate Lavoratori Associati Nel corso del 2012 gli effetti della crisi industriale ed economica hanno determinato cali importanti di iscrizioni alla previdenza complementare, l arretramento del numero di iscritti ben superiore alla media di mercato registra una riduzione dei lavoratori del 3.50 % circa del totale (la numerosità delle aziende è in aumento perché alla riduzione di aziende di medie dimensioni si sostituiscono aziende con un numero esiguo di iscritti). La diminuzione delle adesioni nette nell anno è il risultato della somma di entrate per nuove adesioni (esplicite e silenti), trasferimenti in ingresso e riattivazioni per un totale di 874 a cui vanno sottratte uscite (trasferimenti in uscita, riscatti e annulli). La differenza è ovviamente pari alla variazione del numero di iscritti tra l anno 2012 e l anno 2011 (-1.428). Si riportano di tabelle indicative della distribuzione delle iscrizioni per sesso, per età e per contratto di lavoro. Tabella e grafico: Distribuzione degli iscritti per sesso e classi di età età F % M % TOTALE <20 0,00% 8 0,02% 8 > ,16% 81 0,21% ,11% 308 0,79% ,12% ,85% ,78% ,98% ,03% ,96% ,94% ,53% ,64% ,09% ,31% ,21% ,47% ,25% ,51% 411 1,05% 609 TOTALE ,06% ,94%

9 classe di età Totale % <20 8 0,02% > ,36% ,90% ,97% ,77% ,99% ,46% ,73% ,52% ,72% ,56% Totale complessivo ,00% La distribuzione vede il massimo di concentrazione nella classe anni, mostrando un valore simile alla media del settore dei Fondi pensione contrattuali. DISTRIBUZIONE ISCRITTI PER CONTRATTO DI LAVORO (CCNL) CCNL iscritti 2012 % iscritti 2011 % ALIMENTARE 747 1,91% 765 1,89% CHIMICO ,60% ,58% EDILE 542 1,38% 575 1,42% GOMMA PLASTICA 4 0,01% 95 0,23% GRAFICO (*) 0 0,00% ,82% INFORMATICO (*) ,89% 9 0,02% LAPIDEI 31 0,08% 32 0,08% LATERIZI 54 0,14% 55 0,14% MECCANICI ,27% ,00% SERVIZI ,30% ,26% TESSILE ,19% ,38% (fed.sind.) 1 0,00% 1 0,00% (non identificato) ,22% ,18% TOTALE ,00% ,00% (*) A far data dal 2012 il CCNL grafico e informatico sono unificati DISTRIBUZIONE ISCRITTI PER CONTRATTO DI LAVORO (CCNL)

10 10

11 Gestione amministrativa L importo complessivo dei contributi incassati nell anno, al netto delle quote associative, è pari a Gli importi delle contribuzioni dovute da lavoratori ed aziende sono differenziati in relazione al contratto nazionale di lavoro applicato, sempre nel rispetto della normativa di riferimento che prevede per i lavoratori di prima occupazione successiva al 28/4/1993, ai sensi del d.lgs. 124/93, l obbligo di versamento del 100% del Tfr. Considerata la maggiore complessità di Fondapi, quale Fondo multi-categoriale, pare utile rammentare le aliquote minime di contribuzione attualmente previste dai vigenti contratti collettivi di categoria, in percentuale della retribuzione presa a base per il calcolo del Tfr (salvo specifiche modifiche riportate nella Nota informativa sul sito del Fondo pensione): Settore metalmeccanico (su retribuzione convenzionale Fondapi) Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda * Lavoratore * TFR 1,20 %/1.60% 1,20 %/1.60% 40 % * Per gli apprendisti è prevista una contribuzione minima pari all 1.50% dal Settore carta, cartone e cartotecnici, grafico-editoriale ed affini Lavoratori on 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,20 % 1,20 % 28,94 % Settore chimico, gomma - plastica Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,06 %/1.30% 1,06 %/1.30% 33 % Settore abrasivi Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,65 % 1,20 % 33 % Settore ceramica Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,70 % 1,70 % 33 % 11

12 Settore vetro Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,40 % 1,40 % 33 % Settore alimentare Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,20 % 1,00 % 27,06 % Settore tessile abbigliamento, calzature, pelli, cuoio e succedanei, occhiali, giocattoli, penne e spazzole (su elemento retributivo nazionale) Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,50 % 1,50 % 27,00 % Settore pulizia e servizi integrati multiservizi Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,00 % 1,00 % 14,47 % Settore edile Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,10 % 1,10 % 18,00 % Settore cemento calce e gesso Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,40 % 1,40 % 40,00 % Settore lapidei Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,40 % 1,40 % 40,00 % Settore laterizi e manufatti cemento Lavoratori con 1^occupazione antecedente al

13 Azienda Lavoratore TFR 1,30 % 1,30 % 40,00 % Settore informatica, telematica e affine Lavoratori con 1^occupazione antecedente al Azienda Lavoratore TFR 1,20 % 1,20 % 28,94 % N.B.: Nei casi non specificati il versamento del Tfr corrisponde al 100%. I dati di dettaglio sono riportati nella circolare operativa per la aziende presente sul sito del Fondo Pensione e sulla Nota informativa In relazione alle differenti fonti contributive il dettaglio dei contributi versati a FONDAPI e investiti al netto della quota associativa nell anno 2012, è così composto: Fonte contributiva Anno 2012 Contributi azienda Contributi lavoratori TFR Totale contributi L andamento dei flussi di contribuzione ha risentito nel corso dell esercizio di per trasferimenti in ingresso di iscritti (n. 253) provenienti da altri Fondi; di per richieste di riscatto di posizioni individuali a favore di dipendenti che hanno perso i requisiti di partecipazione al Fondo (n ); di (n. 553) per richieste di anticipazione di posizioni individuali, di posizioni individuali trasferite in uscita ad altri Fondi pensione pari a (n. 436) e per pensionamenti per (n. 307). L effetto algebrico complessivo è stato un importo totale in entrata pari a I contributi sospesi in attesa di riconciliazione e attribuzione alle singole posizioni individuali, in misura pari a alla chiusura dell esercizio 2012, si sono ridotti a alla data di stesura della presente, pari allo 0,18% circa dell attivo netto destinato alle prestazioni. Si riportano di seguito i costi di gestione amministrativa e l incidenza relativa rispetto all attivo netto destinato alle prestazioni. Incidenza costi gestione amministrativa Oneri di gestione 2012 % 2011 % 2010 % amministrativa Spese generali e amministrative , , ,13 Servizi amministrativi acquistati. da terzi , , ,08 Altri oneri amministrativi , , ,09 TOTALE , , ,30 Nel 2012 il valore complessivo degli oneri di gestione amministrativa rappresenta circa l 1,78% del totale dei contributi versati al Fondo e investiti al netto della quota 13

14 associativa. Nel corso del 2012 la forte crisi internazionale con i conseguenti problemi che stanno vivendo le imprese ha prodotto un rallentamento del livello di abbinamento delle contribuzioni dell anno. Il Fondo ha operato intensificando l azione mirata su alcune fattispecie di non abbinato legato alla prosecuzione della contribuzione e a bonifici sospesi per i quali non era riconoscibile l ordinante. Oltre a mantenere l impianto automatico dei solleciti alle aziende per correggere le anomalie (circa solleciti inviati complessivamente nell anno) è stato migliorato il servizio di accertamento delle situazioni di difficoltà aziendali (fallimenti, procedure concorsuali) per consentire un più efficiente e tempestivo invio ai lavoratori degli estratti fallimentari per l insinuazione al passivo. Scenario macroeconomico Il 2012 è stato caratterizzato da un indebolimento del ciclo economico mondiale che, sul finire dell anno, dovrebbe aver raggiunto il punto di minimo. L indebolimento è stato dovuto, in particolare, a una più bassa crescita dei Paesi industrializzati ma si è registrata una contrazione dell attività economica anche nei paesi emergenti indeboliti dalla contrazione del commercio internazionale. Tuttavia proprio le economie emergenti hanno costituito ancora la componente trainante dell economia internazionale grazie anche agli effetti delle misure espansive di politica economica messe in atto; in particolare, nell economia cinese, il tasso di crescita annuale è sceso solo di poco sotto l 8 per cento e ha smesso di ridursi a fine anno. Il Pil mondiale nella media del 2012 dovrebbe essere cresciuto intorno al 3 per cento rispetto al 4 per cento dell anno precedente. In questo contesto sono rimasti contenuti i prezzi delle materie prime, anche se nella seconda metà dell anno l atteggiamento più espansivo dei policy makers si è riflesso in un rialzo dei prezzi, dopo l arretramento forte e generalizzato dei mesi precedenti. Gli effetti dei rincari registrati nella seconda metà del 2012 non si sono ancora interamente trasferiti sui prezzi al consumo; ciò nonostante, altri fattori, tra i quali la maggiore tassazione indiretta e il deprezzamento dell euro, hanno contribuito a mantenere su livelli relativamente elevati (in relazione al ciclo) i tassi di inflazione nell area Uem. Analizzando nel dettaglio le principali aree geografiche, negli Usa, il Pil reale per l intero 2012 dovrebbe essere cresciuto del 2.2 per cento, in lieve accelerazione dall 1.8 per cento dell anno precedente. Durante l anno si è osservato un miglioramento del mercato immobiliare, mentre hanno costituito un freno all attività di investimento delle imprese, alla domanda di lavoro e quindi ai consumi alcuni fattori di incertezza, tra cui quello legato alla futura intonazione della politica di bilancio e ai suoi effetti restrittivi, incertezza ridotta ma non annullata dopo l accordo raggiunto in extremis per evitare il baratro fiscale ( fiscal cliff ). Nell Uem, la maggior debolezza della domanda interna finale è in larga misura responsabile della contrazione dell attività economica, che dovrebbe essere di circa 0.5 per cento nella media del 2012 rispetto alla crescita dell 1.5 per cento conseguita nel L indebolimento dei consumi è stato alimentato dalle politiche di bilancio restrittive e dal deterioramento del mercato del lavoro; l eccesso di capacità produttiva, il clima di incertezza e, in alcuni Paesi, gli elevati costi di finanziamento hanno influenzato negativamente gli investimenti delle imprese. Le esportazioni nette hanno invece continuato a sostenere l attività economica, compensando l indebolimento della componente interna. All interno dell area euro, i Paesi core non sono stati risparmiati dalla debolezza dei periferici ma nel corso dell anno si è comunque accentuata la divaricazione tra il ciclo economico dei due gruppi di Paesi osservata a partire dal 2010, con l inizio della crisi del debito sovrano. 14

15 L Italia e la Spagna, più esposte alle tensioni sui mercati finanziari e impegnate in programmi di riequilibrio dei conti pubblici, nel 2012 hanno visto proseguire la fase recessiva iniziata nel 2011 (con tassi di variazione del Pil rispettivamente di -2.2 e -1.4 per cento in media d anno) a fronte di tassi ancora positivi, sebbene in riduzione, per quasi tutti i Paesi core. Per quanto riguarda l Italia, il Pil ha registrato nel 2012 una sensibile contrazione portando il livello della ricchezza nazionale sotto il livello minimo toccato durante la fase più acuta della recessione, nel secondo trimestre del 2009, annullando completamente il modesto recupero del biennio La forte caduta del Pil italiano nel 2012 è stata aggravata dal timore di eventi imponderabili per la nostra economia, che ha determinato una caduta degli investimenti (superiore all 11 per cento) non pienamente spiegabile con la dimensione quantitativa degli interventi della politica di bilancio e dei loro effetti sui consumi delle famiglie. Per quanto riguarda gli altri paesi industrializzati, il Giappone ha dovuto fare i conti con una forte contrazione delle esportazioni, dovuta all indebolimento della domanda proveniente dai mercati esteri e all apprezzamento dello yen oltre a risentire della disputa territoriale con la Cina. Da qui la necessità di indebolire la valuta che il nuovo governo e la Banca centrale stanno perseguendo in modo determinato. Nel quarto trimestre l intensità della fase recessiva si è comunque attenuata: il rafforzamento della domanda interna, dovuto anche al superamento degli effetti del venir meno delle agevolazioni fiscali all acquisto di autovetture, ha mitigato gli effetti dell ulteriore contrazione delle esportazioni. In media d anno il Pil giapponese é aumentato dell 1.9% (-0.5% nel 2011) grazie alle revisioni al rialzo per i primi due trimestri dello scorso anno. In chiave prospettica, sebbene la dinamica dell attività economica inter-nazionale sia rimasta debole anche nei mesi finali dello scorso anno, da diversi indicatori emergono segnali di stabilizzazione sia nei mercati emergenti che nelle economie mature. La crescita in molti Paesi continuerà a essere condizionata dai processi di aggiustamento degli squilibri; la lieve accelerazione della crescita in Cina e negli altri Paesi emergenti dovrebbe comunque compensare il rallentamento nei Paesi avanzati determinando un tasso di crescita del Pil mondiale superiore al 3 per cento. Per il biennio successivo dovrebbe tornare a migliorare anche il ciclo nelle economie mature. Nella tabella seguente sono mostrati i tassi di crescita annuale delle principali variabili macroeconomiche internazionali (in alcuni casi per il 2012 si tratta di previsioni Prometeia). 15

16 le principali variabili internazionali (var.% media annuale) Pil reale mondiale commercio internazionale prezzo in dollari dei manufatti prezzo brent: $ per barile - livello medio tasso di cambio $/ - livello medio Pil reale (1) Usa Giappone Uem (17 paesi) Germania It alia Francia Spagna Uk inflazione (2) Usa Giappone Uem (17 paesi) Germania It alia Francia Spagna Uk (1) Per i Paesi Uem, dat i corret t i per il diverso numero di giorni lavorat i. (2) Per i Paese europei, indice armonizzat o dei prezzi al consumo. Font e: Thomson Reut ers, elaborazioni e dat i previsionali Promet eia, Rapport o di Previsione gen-13. I MERCATI FINANZIARI La dinamica dei mercati finanziari ha visto nella prima parte del 2012 il momento di maggior tensione sui mercati europei per l intensificarsi dei timori di una rottura dell euro; in particolare le incertezze sulla sostenibilità del debito pubblico in Spagna e il clima di instabilità politica maturato in Grecia che ha messo a rischio l erogazione dei programmati aiuti internazionali (senza i quali il Paese ha rischiato un default) hanno riproposto il tema della sostenibilità dell Unione Europea e della moneta unica. Questi eventi, associati al deterioramento delle aspettative di crescita internazionale hanno alimentato un incremento degli spread, rispetto al Bund, dei titoli pubblici dei Paesi ritenuti più rischiosi, riproponendo il tema della sostenibilità degli elevati debiti pubblici dei paesi più esposti. I riflessi di questa situazione si sono propagati anche ai mercati azionari dell Uem e in particolare dell Italia; in particolare gli effetti si sono riflessi maggiormente sul settore bancario data la maggiore esposizione alla crisi del debito, che ha registrato flessioni particolarmente sensibili. A partire ai mesi estivi del 2012 si sono succeduti una serie di interventi che hanno via via diradato le incertezze sulla sostenibilità dei debiti dell area Uem e attenuato le tensioni sui mercati finanziari; le decisioni assunte nel Consiglio Europeo di fine giugno 16

17 prima, le dichiarazioni del Presidente della Bce di fine luglio, seguito dall annuncio formale di un piano di interventi di mercato aperto tali da riassorbire le distorsioni sui mercati obbligazionari dell Uem, con l obiettivo di spezzare in modo strutturale il contagio tra crisi del debito e crisi bancarie, hanno invertito la tendenza di percezione del rischio sui mercati finanziari dell Uem, dando nuova linfa alle quotazioni dei mercati finanziari, sia governativi che azionari, riassorbendo in parte gli eccessi di pessimismo che avevano caratterizzato la prima parte del I programmi di intervento della Bce si sono concretizzati a settembre mediante un piano di acquisti di titoli sovrani (Outright Monetary Transactions Program, OMT) che prevede acquisti di titoli sul mercato secondario per importi illimitati ma subordinati a una richiesta di assistenza all Efsf/Esm di un piano concordato di aggiustamenti macroeconomici. Il progetto della Bce prevede anche di centralizzare la vigilanza bancaria europea, mediante un meccanismo di Unione bancaria europea, le cui coordinate sono tutt ora in fase di definizione. L evoluzione positiva della situazione finanziaria europea, associata alla riduzione delle incertezze sulle prospettive di ripresa economica internazionale hanno fornito una ulteriore spinta alla fase di rialzo dei corsi azionari nell ultima parte dell anno, trainati soprattutto dal settore bancario. La ripresa di fine anno è stata comunque più contenuta per il mercato americano, penalizzato dal clima di incertezze inerente le elezioni presidenziali e le modalità di risoluzione del fiscal cliff. L attenuazione delle dinamiche di flight-to-quality e il contestuale ritorno dell appetito per il rischio da parte degli investitori, hanno via via favorito la domanda di strumenti finanziari che offrono un rendimento più elevato ( search for yield ). I titoli corporate hanno beneficiato in modo particolare di questo processo, con un rialzo dei prezzi generalizzato. Nella tabella seguente sono elencate le variazioni delle principali classi di attività per il biennio e le prime settimane del

18 variazioni % in valuta locale (indici total return, fine periodo) classi di attività 13-feb liquidità e strumenti a breve Uem indici obbligazionari governativi Uem Italia Usa Giappone Uk Paesi emergenti (in u$) indici obbligazionari corporate I.G. euro dollari indici obbligazionari corporate H.Y. euro dollari indice inflation linked Uem indici obbligazionari convertibili Uem globale (in u$) indici azionari Italia Uem Usa Giappone Uk Paesi emergenti (in u$) commodity (S&P GSCI Commodity Index in U$) cambi (*) dollaro yen sterlina (*) source: WM/ Reuters; i segni negativi indicano un deprezzamento della valuta Font e: Thomson Reut ers, elaborazioni Promet eia. Andamento della gestione finanziaria FONDAPI è strutturato secondo una gestione multicomparto basata su tre comparti differenziati di investimento, ciascuno dei quali caratterizzato da una propria combinazione di rendimento-rischio. I tre comparti, che consentono all aderente una adeguata e opportuna possibilità di scelta, a partire dal 2008, sono così caratterizzati: - il Comparto Garantito denominato GARANZIA (con garanzia di restituzione del capitale nei casi previsti da regolamento, si veda la sezione notiziario, - 92% obbligazioni e 8% azioni; - il Comparto Bilanciato denominato PRUDENTE 75% obbligazioni e 25% azioni; - il Comparto Bilanciato denominato CRESCITA 50% obbligazioni e 50% azioni. 18

19 Le scomposizioni dei benchmark di riferimento che riflettono l attività di investimento sono rappresentati di seguito: COMPARTO PRUDENTE OBBLIGAZIONI AZIONI 75% 25% ECPI ETH EURO ECPI ETH EURO ECPI GLOBAL ALPHA GOV BOND CORPORATE EQUITY 45% 30% 25% COMPARTO CRESCITA COMPARTO GARANZIA OBBLIGAZIONI AZIONI 50% 50% ECPI ETH EURO ECPI ETH EURO ECPI GLOBAL ECPI ITALY GOV BOND CORPORATE ALPHA EQUITY Smes EQUITY 35% 15% 40% 10% OBBLIGAZIONI AZIONI 92% 8% JPM GVB EMU 1-5 Msci USA Net Msci Europe Net YEARS IG 92% 5% 3% I mercati di riferimento hanno registrato i seguenti profili di rischiosità complessiva, identificati tramite la volatilità dei rendimenti: OBBLIGAZIONI AZIONI PRUDENTE ECPI ETH EURO ECPI ETH EURO ECPI GLOBAL ALPHA GOV BOND CORPORATE EQUITY VOLATILITA 3.86% 2.31% 10.56% OBBLIGAZIONI AZIONI CRESCITA ECPI ETH EURO ECPI ETH EURO ECPI GLOBAL ECPI ITALY GOV BOND CORPORATE ALPHA EQUITY Smes EQUITY VOLATILITA 3.86% 2.31% 10.56% 20.28% OBBLIGAZIONI AZIONI GARANZIA JPM GVB EMU 1-5 Msci USA Net Msci Europe Net YEARS IG VOLATILITA 2.21% 12.38% 14.79% Si presentano di seguito i risultati degli anni 2012, 2011, 2010, 2009 e 2008 (avvio del multi-comparto): 2008 PRUDENTE RENDIMENTO (2) ; (3) BMK (1) PRUDENTE CRESCITA BMK CRESCITA GARANZIA BMK GARANZIA -6.56% -7.20% % % +0.35% +2.28% VOLATILITA (4) 7.61% 6.74% 14.53% 12.87% 3.94% 2.59% 19

20 2009 RENDIMENTO (2) ; (3) VOLATILITA (4) comparto PRUDENTE BMK (1) PRUDENTE comparto CRESCITA BMK CRESCITA comparto GARANZIA BMK GARANZIA 12.47% 11.75% 15.88% 15.16% 7.21% 5.95% 5.83% 5.42% 11.27% 10.51% 1.98% 2.26% 2010 RENDIMENTO (2) ; (3) VOLATILITA (4) comparto PRUDENTE BMK (1) PRUDENTE comparto CRESCITA BMK CRESCITA comparto GARANZIA BMK GARANZIA 2.49% 2.49% 1.50% 1.76% 1.55% 1.24% 4.18% 4.33% 7.99% 7.58% 2.51% 3.09% 2011 RENDIMENTO (2) ; (3) VOLATILITA (4) comparto PRUDENTE BMK (1) PRUDENTE comparto CRESCITA BMK CRESCITA comparto GARANZIA BMK GARANZIA 0.50% 0.16% -2.80% -4.47% 0.21% 0.60% 5.18% 4.97% 10.32% 9.76% 3.31% 3.25% 2012 RENDIMENTO (2) ; (3) VOLATILITA (4) comparto PRUDENTE BMK (1) PRUDENTE comparto CRESCITA BMK CRESCITA comparto GARANZIA BMK GARANZIA 8.46% 9.06% 7.67% 8.86% 4.46% 5.41% 3.70% 3.82% 6.84% 6.78% 2.23% 2.84% Note: (1) BMK = Benchmark: indica un parametro di riferimento oggettivo che rappresenti il mercato di riferimento nel quale opera il gestore. E un paniere di titoli che viene valorizzato giornalmente quale elemento di confronto per comprendere se il gestore ha catturato migliori rendimenti del mercato e/o se ha assunto maggiori o minori rischi finanziari. (2) Il rendimento è calcolato come variazione del valore di quota. (3) Il rendimento del Benchmark è reso comparabile con il rendimento di Fondapi (al netto della tassazione degli investimenti). (4) La volatilità esprime la variabilità attorno alla media di prezzo degli investimenti in essere e viene comunemente utilizzata quale indicatore di rischio finanziario. Si presenta di seguito la relativa politica di gestione seguita per ciascun comparto: COMPARTO: GARANZIA Finalità: Tale comparto offre la garanzia di restituzione del capitale alla data di scadenza della convenzione e nei casi seguenti : 1. esercizio del diritto alla pensione, 2. decesso, 3. richiesta di trasferimento a seguito della cessazione del rapporto di lavoro, 4. invalidità che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di un terzo, 5. cessazione dell attività lavorativa che comporti inoccupazione per 48 mesi. L obiettivo della gestione finanziaria è la rivalutazione del capitale investito ad un rendimento superiore ai tassi di mercato monetario. Orizzonte temporale consigliato: breve (da 1 a 3 anni) Grado di rischio: molto basso 20

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli