Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica"

Transcript

1 FORUM EUROPEO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE, CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica ANNO SPORTIVO CODICE DEI PUNTEGGI LISTA DELLE DIFFICOLTÀ Sede Nazionale Via dell Imbrecciato, ROMA Telef Fax

2 INDICE Parte Generale 1.CONCORSI E PROGRAMMI Programmi delle competizioni p. 04 Cronometraggio p GIURIE Composizione della Giuria p. 04 Suddivisione e calcolo dei punteggi p PEDANA p ATTREZZI Attrezzi di riserva p. 05 Perdite e ripresa dell'attrezzo p. 05 Attrezzo rotto o che resta appeso alle travi del soffitto p. 06 Contatto dell'attrezzo con il soffitto p ABBIGLIAMENTO DELLE GINNASTE Norme per gli attrezzi e il costume delle ginnaste p DISCIPLINA Disciplina delle ginnaste, delle allenatrici e del pubblico p. 07 Disciplina delle ginnaste p. 08 Disciplina delle allenatrici p PENALITÀ DEL GIUDICE COORDINATORE p. 08 CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

3 1. 2. ESERCIZI INDIVIDUALI DIFFICOLTA' CORPOREE (D1) Valore delle difficoltà p. 09 Gruppi di elementi corporei p. 10 SUDDIVISIONE DIFFICOLTA' CORPOREE p. 10 Salti p. 10 Equilibri p. 11 Pivots p. 11 Souplesse e onde p. 12 DIFFICOLTA' D'ATTREZZO (D2) Descrizione delle basi p. 13 Fune p. 15 Cerchio p. 18 Palla p. 23 Clavette p. 29 Nastro p. 29 Rischi p. 31 Elementi preacrobatici p ARTISTICO Composizione di base p. 32 Musica generalità p. 32 Coreografia generalità p. 32 Scelta degli elementi con l'attrezzo p. 33 Scelta degli elementi corporei p ESECUZIONE p. 34 CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

4 1. ESERCIZI SQUADRA/COPPIA DIFFICOLTA' CORPOREE (D1) Valore delle difficoltà p DIFFICOLTA' D'ATTREZZO (D2) 2.1 Maestria con e senza lancio p Rischi p Elementi pre-acrobatici p Collaborazioni tra ginnaste (Esercizio con gli attrezzi) p Collaborazioni tra ginnaste (Esercizio a corpo libero) p ARTISTICO (A) 3.1 Composizione di base p Musica p Coreografia p Formazioni p Scelta degli elementi attrezzo p Scelta degli elementi corporei p ESECUZIONE (E) p FICHES 5.1 Fiches individuali p Fiches squadra p Fiche di giuria Artistico p LISTA DIFFICOLTA 6.1 Salti p Equilibri p Pivots p Souplesse p.66 7.SPECIFICHE p.71 CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

5 1. CONCORSI E PROGRAMMI GENERALITÀ 1.1 PROGRAMMI DELLE COMPETIZIONI I programmi delle competizioni sono descritti in dettaglio nel Regolamento Tecnico. 1.2 CRONOMETRAGGIO Il cronometro è attivato dalla messa in movimento della ginnasta o della prima ginnasta della squadra ed è arrestato all'immobilizzazione completa della ginnasta o dell'ultima ginnasta della squadra. Penalità: 0,05 p. per ogni secondo in più o in meno (Giudice coordinatore). 2. GIURIE 2.1 COMPOSIZIONE DELLA GIURIA Ogni giuria, individuale o di squadra, è composta da 3 gruppi di giudici: DIFFICOLTA' (D) Difficoltà corporee (D1) : valuta il valore tecnico della composizione (numero e livello delle difficoltà del gruppo obbligatorio dell'attrezzo in e degli eventuali altri gruppi). Difficoltà d'attrezzo (D2) : valuta il valore degli elementi con l'attrezzo (maestria d'attrezzo, con e senza lancio, con rischio). ARTISTICO (A) : valuta il valore artistico della Composizione di Base: accompagnamento musicale e coreografia (scelta degli elementi attrezzo, scelta degli elementi corporei, unità e varietà) ESECUZIONE (E) : valuta l'esecuzione (falli tecnici). Il giudice n.1 della Giuria D1 è il giudice Coordinatore che applica le penalità relative all'uscita di pedana, alla durata dell'esercizio e tutte le altre penalità relative alla disciplina (attrezzo, costume, entrata in pedana, ecc.). 2.2 SUDDIVISIONE E CALCOLO DEI PUNTEGGI Prima di ogni Campionato e competizione, sarà organizzata dal Comitato organizzatore una riunione per informare i giudici partecipanti del giudizio. Ciascun giudice dà un punteggio come segue: Giudice Difficoltà corporee (D1): da 0,00 al suo max (per addizione) punteggio di media Giudice Difficoltà d'attrezzo (D2): da 0,00 al suo max (per addizione) punteggio media Giudice Artistico (A): da 0,00 a 5,00 punti (i giudici mandano solo il totale delle penalità) Giudice Esecuzione (E): da 0,00 a 10,00 punti (i giudici mandano solo il totale delle penalità). CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

6 3. PEDANA 3.1 PEDANA USCITE DI PEDANA (GINNASTA O ATTREZZO) Esercizi individuali e di squadra: sarà penalizzato ogni superamento della pedana di uno o due piedi o di una parte qualsiasi del corpo in appoggio al di là dei limiti regolamentari. Penalità: punti 0.20 ogni volta per la ginnasta individualista o per ciascuna ginnasta della squadra in fallo (Giudice Coordinatore) punti 0,20 ogni volta che l'attrezzo tocca il suolo al di fuori dei limiti regolamentari o che esce dalla pedana e ritorna. Nessuna penalità sarà applicata se l'attrezzo supera i limiti regolamentari della pedana senza toccare il suolo. Punti 0,50 se la ginnasta cambia pedana o termina al di fuori della pedana stessa (Giudice Coordinatore). 4. ATTREZZI 4.1. ATTREZZI DI RISERVA La sistemazione degli attrezzi di riserva intorno alla pedana è così autorizzata: 1 per le ginnaste individualiste e 2, al massimo, per le squadre. Penalità: 0,50 p. per ogni attrezzo supplementare (Giudice coordinatore). Se l'attrezzo cadendo esce dalla pedana, l'utilizzazione dell'attrezzo di riserva è tollerata. Penalità: 0,50 p. per la perdita dell'attrezzo indipendentemente dalla distanza tra la ginnasta e l'attrezzo di riserva (Giudice Esecuzione) 0,20 p. per l'uscita dell'attrezzo (Giudice Coordinatore). Se l'attrezzo cadendo non esce dalla pedana, l'utilizzazione dell'attrezzo di riserva non è autorizzata. Penalità: 0,50 p. per la perdita dell'attrezzo (Giudice Esecuzione). 0,50 p. per utilizzazione dell'attrezzo di riserva (Giudice coordinatore). 4.2 PERDITE E RIPRESE DELL'ATTREZZO Ogni caduta involontaria dell'attrezzo sarà penalizzata come segue dai Giudice Esecuzione: 0,30 p. se l'attrezzo è ripreso immediatamente 0,50 se l'attrezzo è ripreso dopo uno spostamento (1-3 passi) 0,70 p. se l'attrezzo è ripreso dopo un grande spostamento (4 passi o più) Nota: in caso di perdita di 2 clavette, bisogna aggiungere 0,10 p. ad ogni penalità. Se l'attrezzo è perso alla fine dell'esercizio (ultimo movimento), i Giudici Esecuzione attribuiscono le seguenti penalità: 0,70 per la perdita dell'attrezzo, indipendente dalla distanza CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

7 0,30 in aggiunta se la ginnasta, per riprendere il suo attrezzo non termina in accordo con la musica Nessuna penalità per l'eventuale uscita dell'attrezzo dopo la fine dell'esercizio e della musica. 4.3 ATTREZZO ROTTO O ATTREZZO CHE RESTA APPESO ALLE TRAVI DEL SOFFITTO Se durante l'esecuzione l'attrezzo si rompe o resta appeso alle travi del soffitto, la ginnasta o la squadra non è autorizzata a ricominciare il proprio esercizio. Tuttavia la ginnasta o la squadra non viene penalizzata per l'attrezzo o appeso alle travi, ma solamente per le conseguenze. In questo caso la ginnasta può: sia interrompere l'esercizio sia continuare l'esercizio dopo aver preso un attrezzo di riserva. Nota: nessuna ginnasta o squadra è autorizzata a continuare l'esercizio con un attrezzo rotto, in caso contrario il valore è 0,00. Se l'attrezzo si rompe alla fine dell'esercizio (ultimo movimento) e la ginnasta o la squadra termina l'esercizio con l'attrezzo rotto, la penalità è uguale alla perdita dell'attrezzo alla fine dell'esercizio: 0,70 attribuita dai Giudici Esecuzione. Se una ginnasta della squadra rompe una delle due clavette, bisogna applicare le stesse norme stabilite sopra scritte. Se una ginnasta continua il suo esercizio con l attrezzo rotto, bisogna applicare le penalità stabilite come sopra descritte. 4.4 CONTATTO DELL ATTREZZO CON IL SOFFITTO Il contatto dell attrezzo con il soffitto non sarà penalizzato. Tuttavia la ginnasta sarà penalizzata per i diversi falli tecnici che possono risultare da questo contatto, come alterazione del disegno formato dall attrezzo (fune e nastro), alterazione della sua traiettoria, alterazione del suo movimento (vibrazioni del cerchio), ripresa scorretta dell attrezzo, perdita di ritmo. 5. ABBIGLIAMENTO DELLE GINNASTE 5.1 Norme per gli attrezzi ed il costume delle ginnaste Si possono utilizzare attrezzi di qualsiasi colore compreso oro, argento e bronzo. Costume da ginnasta corretto e non trasparente, di conseguenza, i costumi che dovessero avere una parte in pizzo dovranno essere doppi (zona del tronco fino al petto). La scollatura sul davanti e sul dorso del costume non deve essere oltre la metà dello sterno e non oltre la base delle scapole. I costumi possono essere con o senza maniche; i costumi di danza con fini bretelle non sono autorizzati. La sgambatura del costume all altezza della gamba non deve superare la piega dell anca. Colore del costume a scelta. E tollerato portare: - un collant sopra il costume, lungo fino alle caviglie e ricoprente entrambe le gambe; - un costume intero lungo, a condizione che sia aderente al corpo ed alle gambe; CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

8 - sul costume: un gonnellino aderente alle anche che non cada più in basso del bacino; - sul collant o sul costume lungo intero: un gonnellino aderente alle anche che non cada più in basso sul bacino. Gli attrezzi utilizzati dalla squadra devono essere tutti identici (peso, dimensione e forma): solo il loro colore può essere diverso. Per ogni utilizzazione di attrezzo non regolamentare: Penalità: - 0,30 p. per gli esercizi individuali e di squadra (Giudice Coordinatore). 6. DISCIPLINA 6.1 DISCIPLINA DELLE GINNASTE, DELLE ALLENATRICI E DEL PUBBLICO Tutte le ginnaste, una volta entrate nella sede di gara (palestra, spogliatoi, bagni), dovranno tenere un contegno civile; Le ginnaste che hanno terminato la propria gara, dovranno mantenere un comportamento rispettoso nei confronti di tutte le ginnaste che devono terminare la gara, quindi non dovranno ad esempio cimentarsi in prove con attrezzi o altri giochi che disturbano l andamento della gara; Alle ginnaste è vietato avvicinarsi al tavolo della giuria se non autorizzate dalla giuria stessa; Alle ginnaste è vietato consultare i punteggi finali di gara; Le allenatrici dovranno avere un contegno civile sia durante tutto lo svolgimento della gara che alla fine della stessa. Questo non solo per dare un esempio, in qualità di educatrici, alle proprie ginnaste, ma anche per una propria dignità di insegnanti; Soltanto le allenatrici potranno consultare le classifiche finali e chiederne eventualmente chiarificazioni tecniche solo ed esclusivamente al PRESIDENTE DI GIURIA, non al di fuori della sede di gara. Le suddette chiarificazioni che servono per migliorare, dovranno essere richieste tenendo sempre presenti quelle che sono le norme del buon vivere, del rispetto e dell educazione; Le allenatrici non possono avvicinarsi al tavolo della GIURIA e comunicare con i giudici durante lo svolgimento della gara; Il pubblico, poiché costituito da genitori, che si presume siano anche educatori dei propri figli, dovrà mantenere un contegno esemplare sia durante che dopo la manifestazione. Ciò al fine di consentire uno svolgimento più sereno dell intera competizione; Tutti i parenti delle ginnaste non sono autorizzati ad avvicinarsi al tavolo della GIURIA né alle giudici; non possono altresì chiedere alcuna spiegazione né consultare le classifiche alla fine della gara; Tutti gli spettatori (bambini compresi) non sono autorizzati ad accedere nel parterre durante lo svolgimento della gara e la premiazione. Provvedimenti Disciplinari - Ginnaste: L infrazione di una delle norme su menzionate comporterà l allontanamento della/e ginnasta/e dalla sede di gara e la squalifica dal Campionato. - Allenatrici e pubblico: L infrazione di una delle norme su menzionate comporterà la squalifica della società dal Campionato. CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

9 6.2 DISCIPLINA DELLE GINNASTE Le ginnaste individualiste e quelle di squadra devono presentarsi in campo gara dopo essere state chiamate, sia attraverso il microfono, che dal Giudice coordinatore o quando la luce verde è accesa. Penalità in caso contrario: 0,50 p. dal Giudice coordinatore. Durante un esercizio di squadra, le ginnaste non sono autorizzate a comunicare verbalmente tra loro. Penalità: 0,50 p. dal giudice coordinatore. 6.3 DISCIPLINA DEGLI ALLENATORI Durante un esercizio, l'allenatore o qualsiasi altro membro della delegazione- non può comunicare con la propria ginnasta individualista, con la squadra, in nessun modo. Penalità attribuita dal Giudice Coordinatore: 0,50 p. 7. PENALITÀ DEL GIUDICE COORDINATORE Durata dell'esercizio non regolamentare: 0,05 p. per ogni secondo in più o in meno Attrezzo non conforme alle norme ufficiali: 0,50 p. Abbigliamento della ginnasta individualista non regolamentare: 0,20 p. Abbigliamento della ginnasta di squadra non regolamentare: 0,20 o 0,50 p. secondo il fallo Superamento o uscita dalla pedana della ginnasta o dell'attrezzo: 0,20 p. Ginnasta che termina l'esercizio al di fuori della pedana o che utilizza una pedana di riserva: 0,50 p. Ginnasta di squadra che abbandona il proprio gruppo durante l'esercizio: 0,50 p. Utilizzazione della ginnasta di riserva: 0,50 p. Ginnaste di squadra che comunicano verbalmente tra di loro durante l'esecuzione dell'esercizio: 0,50 p. Attrezzo di riserva in più del numero autorizzato: 0,50 p. per ogni attrezzo supplementare Utilizzazione dell'attrezzo di riserva quando l'attrezzo caduto resta in pedana: 0,50 p. Allenatore che comunica con le ginnaste o le giudici in un modo o nell'altro, durante l'esercizio: 0,50 p. Il totale di queste penalità sarà dedotto dalla nota finale (D+A+E). CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

10 1. DIFFICOLTÀ CORPOREE (D1) ESERCIZI INDIVIDUALI Ogni esercizio individuale può avere al massimo il numero di difficoltà richiesto dal programma. Nell'esercizio NON possono essere utilizzate delle difficoltà corporee supplementari di livello A (0,10) o superiore, ma solo elementi corporei (elementi non riconosciuti nella lista delle difficoltà e che non hanno nessun valore). Il valore totale delle difficoltà corporee è dato dalla somma di: Valore delle difficoltà appartenenti al gruppo obbligatorio (GCO) Più il valore delle difficoltà dei gruppi corporei non obbligatori (GCNO) a scelta. FUNE CERCHIO PALLA CLAVETTE NASTRO Salti / Pivot Salti Equilibri Salti Equilibri Pivot Salti Pivot Pivot Souplesse/Onde Souplesse/Onde Penalità delle Giudici D1: Penalità di punti 0,50: Se l'esercizio contiene più difficoltà del numero richiesto (verranno conteggiate solo le difficoltà che rientrano nel numero richiesto e che rispettino il tipo di richiesta inteso come GCO e GCNO). Difficoltà in esubero sia per GCO che per GCNO non saranno prese in considerazione sul punteggio della ginnasta. Cerchio: Devono essere rappresentati tutti i gruppi corporei 1.1 VALORE DELLE DIFFICOLTÀ Una difficoltà corporea è valida se è eseguita: Con un elemento di maestria, con o senza lancio Senza i seguenti falli tecnici: Grave alterazione delle caratteristiche di base specifiche di ciascun attrezzo perdita dell'attrezzo durante la difficoltà. Nota: 2 clavette se c'è la perdita di una sola clavetta, la difficoltà è valida, ma ci sarà la penalità di esecuzione. Perdita di equilibrio durante la difficoltà, con appoggio di una o 2 mani al suolo o sull'attrezzo, o caduta CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

11 Staticità dell'attrezzo Una difficoltà è in collegamento con un lancio d'attrezzo: Se l'attrezzo è lanciato all'inizio, durante, o verso la fine della difficoltà Se l'attrezzo è ripreso all'inizio, durante o verso la fine della difficoltà. 1.2 GRUPPI DI ELEMENTI CORPOREI Gruppi fondamentali validi per le difficoltà: Salti Equilibri Pivot Souplesse Altri gruppi validi per i collegamenti: Spostamenti Saltelli Oscillazioni e circonduzioni Giri a passi Passi ritmici 1.3 SUDDIVISIONE DIFFICOLTÀ CORPOREE 1.4 SALTI Caratteristiche di base: Una forma fissata e ben definita durante il volo Una buona altezza (elevazione) del salto (una buona altezza si riferisce ad un'elevazione sufficiente a realizzare il salto con forma definita e fissata). La serie di salti è possibile. La serie di salti è composta da massimo 3 salti identici successivi, eseguiti con o senza passaggio intermedio. Ciascun salto della serie è considerato come difficoltà. La rotazione di tutto il corpo durante il volo è valutata dopo che il/i piede/i di stacco ha/hanno lasciato il suolo e prima che il/i piede/i ritorni/ritornino al suolo. I salti possono essere eseguiti con stacco su due piedi anche quando non è specificato. Tuttavia sono considerati come salti differenti e la ginnasta potrà eseguirli nello stesso esercizio. Il saut plongè (enjambèe con il tronco flesso in avanti che termina direttamente in capovolta) non conta come difficoltà, ma è considerato come elemento preacrobatico. CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

12 1.5 EQUILIBRI Caratteristiche di base: Devono essere eseguiti sull'avampiede o su un ginocchio ed avere una forma ben definita e fissata (senza movimenti della gamba libera o della gamba d'appoggio, durante la difficoltà). In un esercizio è possibile eseguire un equilibrio con tour lent. Un tour lent deve essere eseguito solo dopo che la posizione di partenza della difficoltà è stata fissata, e con non più di ¼ di rotazione per ciascun impulso. Durante le difficoltà con tour lent, il corpo non deve avere dei sobbalzi. Questa tecnica scorretta annulla il valore del tour lent. Le difficoltà d'equilibrio con cambio di forma- movimento della gamba in sospensione e/o difficoltà con cambio di forma (movimento libero e continuo della gamba libera in varie direzioni e/o dell'asse del corpo della ginnasta)- rappresentano una categoria specifica delle difficoltà multiple. Il valore della difficoltà è calcolato: dall'addizione del primo equilibrio più il valore del secondo equilibrio più il collegamento (+ 0,10) più eventualmente il valore della rotazione del corpo (+ 0,10). 1.6 PIVOTS Caratteristiche di base: Essere eseguiti sull'avampiede, con il tallone ben sollevato Avere una forma ben definita e fissata fino alla fine della rotazione. La base di tutte le difficoltà di pivot è sempre una rotazione di 360. Ogni ulteriore rotazione di 360 (senza ripresa d'appoggio) aumenta il valore della difficoltà del valore di base del pivot (sia per i pivot isolati e che per quelli con cambio di forma). Piccoli saltelli o l'appoggio del tallone della gamba di appoggio durante la rotazione interrompono la difficoltà. E' permessa una serie di pivot identici (massimo 3), se eseguiti uno dopo l'altro senza interruzione e solamente con ripresa d'appoggio. Ciascun pivot della serie conta come un a difficoltà separata. I pivot con cambio di forma rappresentano una categoria separata, dove il passaggio da una forma all'altra è eseguito senza ripresa d'appoggio. Se la ginnasta appoggia a terra il tallone, la difficoltà non è valida. Ciascuna forma del pivot deve avere, di regola, una rotazione di 360 minimo. Il movimento della gamba libera da una forma all'altra è libera, ma deve essere eseguita nel modo più diretto possibile. Il valore dei pivot con cambio di forma è calcolato nella seguente maniera: CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

13 Pivot con 2 forme: il valore della 1^ forma (base 360 ) + il valore della 2^ forma (base 360 ) + 0,10 per il collegamento fra i 2 pivot senza ripresa d'appoggio. Pivot con piegamento progressivo della gamba d'appoggio: il passaggio dalla forma di gamba d'appoggio tesa a gamba di appoggio piegata deve essere lento e chiaramente progressivo. Pivot cosacco: l'impulso di partenza con l'aiuto della/e mano/i al suolo è permessa. Il grado della rotazione conta dal momento in cui la/le mano/i lascia il suolo. La posizione è considerata corretta anche se la ginnasta è seduta sul tallone della gamba d'appoggio tallone ben sollevato dal suolo. 1.7 SOUPLESSE E ONDE Caratteristiche di base: Essere eseguite in appoggio su uno o ambedue i piedi (piede piatto) o su un'altra parte del corpo; avere una forma ben definita e fissata e una buona ampiezza dei movimenti eseguiti in modo scorrevole e senza interruzione (senza fermarsi in posizione). Tutte le difficoltà previste su piede piatto ed eseguite aull'avampiede non cambiano il livello delle difficoltà né il gruppo corporeo di appartenenza Ciascuna fase delle difficoltà di souplesse non deve necessariamente essere fissata; il movimento della gamba libera e/o con rotazione intorno all'asse del corpo devono essere continui ed eseguiti con la massima ampiezza possibile. 2. DIFFICOLTÀ D'ATTREZZO (D2) Ogni esercizio individuale o a squadra può avere un numero illimitato di elementi di maestria d'attrezzo, per un valore massimo come richiesto dal programma: con o senza lancio e con prese di rischio. Per essere validi tutti gli elementi devono essere eseguiti senza falli tecnici nel maneggio dell'attrezzo. Durante la stessa difficoltà corporea è possibile eseguire più di una base. In questo caso, lo stesso criterio di Maestria può convalidare le due basi (+0,10 per ogni base aggiuntiva). Ogni elemento di Maestria conta una sola volta, di conseguenza una ripetizione identica - movimento corporeo identico e maneggio d attrezzo identico - non sarà considerata. Eccezione:2 o 3 passaggi identici nella fune/cerchio/nastro con salti o saltelli. L esercizio di ginnastica ritmica può contenere al massimo 3 Rischi. Penalità D2: - 0,20 per ogni ripetizione di elementi preacrobatici autorizzati, sia isolati che in combinazione; - 0,20 per assenza di coordinazione con l attrezzo. CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

14 2.1 Descrizione delle Basi =Passaggio nell'attrezzo che gira per avanti (fune, cerchio) = Passaggio con saltelli nell'attrezzo che gira per avanti (fune, cerchio) =Rotazioni dell'attrezzo serie, minimo 3 (fune piegata; cerchio intorno alla mano) = - lungo rotolamento sul corpo (minimo 2 segmenti) con impulso della mano (cerchio, palla) (per i rotolamenti sulle braccia aperte lateralmente, il lungo rotolamento deve essere eseguito sulle 2 braccia) - Criterio senza aiuto delle mani può essere aggiunto alla Base quando l'impulso è dato da una parte differente del corpo = Maneggio dell'attrezzo 1. Ampio movimento a otto, ampia circonduzione, anche al suolo (solo con movimento di grande ampiezza del tronco) 2. Trasmissione dell attrezzo sotto la/le gamba/e 3. Trasmissione dell attrezzo senza l aiuto delle mani FUNE: 1. 3 o più rotazioni di un capo della fune PALLA: (NO su SALTO) 1. Rovesci con o senza movimenti circolari delle braccia (con palla in equilibrio su una mano) 2. Rotazioni della mano intorno alla palla 3. Serie(3) di rotolamenti accompagnati 4. Serie di rotolamenti accompagnati CLAVETTE: 1. Battute (solo con gli elementi corporei dinamici e le difficoltà dinamiche o con rotazione, non con i tour lent ) 2. Respinte del corpo ( ) 3. Rotazioni libere delle clavette sul corpo 4. Rotolamenti sul corpo o al suolo (la ripresa delle clavette che rotolano al suolo deve avvenire prima o immediatamente all arresto delle clavette) NASTRO: 1. Rotolamento della bacchetta su una parte del corpo 2. Rotazioni della bacchetta intorno alla mano 3. Respinta della bacchetta con il corpo ( ) = L'attrezzo è considerato in equilibrio instabile nelle seguenti condizioni: l'attrezzo è tenuto senza l'aiuto delle mani su una superficie ridotta (nuca, piede, dorso della mano)o con un difficile rapporto corpo-attrezzo con CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

15 rischio di perdita dell'attrezzo (inclusa la palla sulla mano aperta durante una difficoltà di pivot). l'attrezzo è tenuto senza l'aiuto delle mani durante una rotazione dell'asse orizzontale o verticale del corpo ( incluso l'attrezzo semplicemente appeso al collo o su un'altra parte del corpo con rischio di perdita dell'attrezzo stesso durante la rotazione). L'attrezzo appeso su una superficie ampia del corpo non è considerato in equilibrio instabile( anche la clavetta non può essere bloccata da una parte del corpo : es. collo, ginocchio). = Grande lancio dell'attrezzo: quasi il doppio dell'altezza della ginnasta. Solamente l'altezza del lancio a boomerang del nastro e della fune completamente tesa o delle clavette con rotazioni sul piano orizzontale può essere più bassa. = Ripresa di un grande lancio = Echappè con ripresa (fune, nastro) = Piccoli lanci + ripresa (devono essere presenti 2 criteri per ottenere 0,10) Ps. Per gli esercizi con la PALLA: la ripresa facilitata della palla a 2 mani diminuisce il D2 di 0,10. CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

16 FUNE GRUPPI TECNICI 0,10 0,20 0,30 Passaggio nell'attrezzo Su salto su salto fune girante per dietro fune girante per avanti su salto con doppio giro della fune salto con doppio giro della fune girante per dietro su salto con fune doppia salto con fune doppia girante per dietro Passaggio nell'attrezzo con Serie di saltelli Serie di saltelli fune girante per dietro saltelli fune girante per avanti Serie di saltelli con incrocio Serie di saltelli incrocio fune per dietro Serie di saltelli con doppio giro Serie di saltelli doppio giro per dietro Echappè con ripresa Echappè con doppio giro del capo Echappè doppio giro del capo su E.C. su E.C Echappè su E.C Echappè su passi ritmici Echappè passi ritmici con doppio giro CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

17 FUNE GRUPPI TECNICI 0,10 0,20 0,30 + passi ritmici Echappè con ripresa Echappè al suolo Echappè al suolo con doppio giro + passi ritmici Echappè con cambio di piano E.C. Echappè con cambio di piano Echappè al suolo con cambio di piano E.C. Echappè suolo con cambio piano Rotazioni fune aperta tenuta + passi ritmici Rot. fune aperta estr/cent. all'estremità/centro Rot.fune aperta estr/centr. passi ritmici + passi ritmici Rot. fune aperta estr/centr. al suolo E.C. Rot. fune aperta estr/centr. al suolo E.C. Serie rotazioni attrezzo (min.3) Rotazioni Rotazioni su pasi ritmici Maneggio dell'attrezzo Maneggio Maneggio al suolo Maneggio al suolo CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

18 FUNE GRUPPI TECNICI 0,10 0,20 0,30 Maneggio senza mani Maneggio senza mani Maneggio su passi ritmici Trasmissione della fune sotto salto Trasmissione della fune senza mani Equilibrio instabile Equilibrio instabile su pivot Equilibrio instabile su pivot fuori campo visivo Lanci e ripresa Fuori campo visivo/senza mani piano trasverso./suolo/attrav./fune lunga Su salto/equilibrio/pivot souplesse I criteri di lancio si possono sommare tra di loro CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

19 CERCHIO GRUPPI TECNICI 0,10 0,20 0,30 Lungo rotolamento sul corpo (minimo 2 segmenti corporei) Su elemento corporeo Su passi ritmici Senza mani Senza mani Al suolo su E.C Al suolo Fuori campo visivo Fuori campo visivo Fuori campo visivo al suolo Rotolamento al suolo Rotolamento ritornato o in curva Rotolamento ritornato/curva su E.C. Rotolamento ritornato o in curva Fuori campo visivo Rotolamento ritornato o in curva Fuori campo visivo CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

20 CERCHIO GRUPPI TECNICI 0,10 0,20 0,30 Rotazioni dell'attrezzo Serie di rotazioni Serie minimo 3 Rotazioni senza mani Rotazioni senza mani Rotazioni su passi rimici Rotazioni su passi ritmici senza mani Trasmissione senza mani Trasmissione senza mani al suolo Giri al suolo Giri al suolo Giri al suolo senza mani Rotazioni attorno all'asse in Su Elemento corporeo + passi ritmici appoggio sul palmo della mano o rotazione libera sul corpo Prillo fuori campo visivo Su Elemento corporeo Senza mani Senza mani Al suolo Al suolo CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

21 CERCHIO GRUPPI TECNICI 0,10 0,20 0,30 Attraversamento completo Su Elemento corporeo o parziale Senza mani Senza mani Attraversamento su passi ritmici Attraversamento con doppio giro Attravers. girante indietro Attraversamento al suolo Attravers. al suolo senza mani Attr. suolo senza mani fuori campo visivo E.C. Attravers. al suolo senza mani Attraveramento su saltelli Serie di saltelli Serie di saltelli indietro Serie di saltelli girati Serie di saltelli girati per dietro CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

22 CERCHIO GRUPPI TECNICI 0,10 0,20 0,30 Maneggio dell'attrezzo Maneggio Maneggio senza mani Maneggio senza mani Maneg. senza mani fuori campo visivo Maneg.senza mani fuori campo visivo E.C. Maneggio al suolo Maneggio al suolo Maneggio al suolo fuori campo visivo Maneggio al suolo fuori campo visivosu E.C. Maneggio su passi ritmici Trasmissione sotto salto Trasmissione senza mani Trasmissioni senza mani Equilibrio instabile Equilibrio instabile Equil. Inst. Fuori campo visivo CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

23 CERCHIO GRUPPI TECNICI 0,10 0,20 0,30 (Min.2) Piccoli lanci e piccola ripresa +2 criteri Piccolo lancio o ripresa (min.2) Lanci e ripresa Fuoricampovisivo/senza mani/suolo obliquo/ribaltato/rilancio/attrav. I CRITERI DI LANCIO SI POSSONO Su salto/equilibrio/pivot/souplesse-onda SOMMARE TRA DI LORO COSì COME PER I PICCOLI LANCI (min.2) CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

24 PALLA GRUPPI TECNICI 0,10 0,20 0,30 Palleggi al suolo Palleggio su Elemento corporeo Palleggio senza mani su E.C Palleggio senza mani Palleggi in serie Palleggi in serie (1senza mani) Palleggi in serie (1 senza mani) su elemento corporeo Serie di palleggi su passi ritmici Serie su passi ritmici senza mani Lungo rotolamento sul corpo Rotolamento (minimo 2 segmenti) Rotolamento al suolo Rotolamento al suolo Rotolam. al suolo senza mani Rotlam.suolo fuori campo visivo E.C. Rot.suolo fuori campo visivo senza mani E.C. Rotolamento fuori campo visivo Rotolam.fuori campo visivo Rot.fuori campo visivo al suolo CONFSPORT ITALIA Codice dei Punteggi Ginnastica Ritmica

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Aggiornamento Novembre 2012 PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Il Regolamento Sportivo Ufficiale Special Olympics deve essere applicato In tutte le competizioni di Ginnastica Special Olympics. Quale

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO. DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP

REGOLAMENTO TECNICO. DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP REGOLAMENTO TECNICO DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP 1 SEZIONE 1 1. ANNO DI ATTIVITA 1.1 L anno di attività è il periodo in cui vengono svolte tutte le attività di carattere Propedeutico, Formativo,

Dettagli

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria Classi in movimento Il progetto "Classi...in movimento è un progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria" che mira a:

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014)

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) REGOLE DI TENNIS Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) INDICE Prefazione pag. 2 Regola 1 Il campo pag. 3 Regola 2 - Arredi permanenti

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

DODICI POLLICI ITALIAN CUP CAMPIONATO NAZIONALE A.S.C.

DODICI POLLICI ITALIAN CUP CAMPIONATO NAZIONALE A.S.C. DODICI POLLICI ITALIAN CUP CAMPIONATO NAZIONALE A.S.C. REGOLAMENTO INDICE 1 ORGANIZZAZIONE 2 SCOPO 3 NORME COMPORTAMENTALI 4 NORME DI CIRCOLAZIONE NEL PADDOCK 5 PRINCIPIO DI AMMONIZIONE 6 ABBIGLIAMENTO

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation (1) (1) NOTA. Eccetto quando è diversamente stabilito, ogni riferimento di queste Regole ai giocatori include anche le giocatrici. ... schema

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

Facoltà di Scienze Motorie

Facoltà di Scienze Motorie UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Motorie Corso di Laurea in Scienze Motorie, Sport e Salute Organizzazione e gestione del settore giovanile (dai 6 ai 15 anni) nell atletica leggera Relatore:

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO CESENATICO Anno Scolastico 2011/ 2012 APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI Ideato e realizzato da CI.nzia Giorgetti

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli